.

.

domenica 29 gennaio 2012

Da Burgnich al brunch

E visto che non possiamo parlare di una partita, ma di una colpartita, prendo spunto per parlare del brunch, che proprio per questo è estremamente attinente. Perché il brunch è una fusione di colazione e pranzo, che italianizzata diventa colpranzo, e servito dalle 10 alle 12 è perfetto preludio alla colpartita. A tutti gli ingredienti tipici della colazione verranno aggiunte le carni fredde, i salumi, i formaggi e la frutta, che in questo caso eviterei per sbucciarci proprio la colpartita. Nasce negli Stati Uniti e la sua diffusione è dovuta alla comodità di servire un pranzo meno informale, con la possibilità di servirlo al buffet, proprio come la colpartita, talmente informale che non sembra nemmeno una partita, e servita a un buffet, che diventa comodo per chi la prepara, ma molto meno per chi se la deve servire. Va bene che il brunch è abitudine tipica della domenica, abitudine sia chiaro di quelle famiglie che non stanno affatto bene, di quando cioè uno si alza tardi e non ha voglia di aspettare il pranzo per mettere qualcosa sotto i denti, ma la colpartita è proprio quel qualcosa che ti rimane tra i denti ed è fastidioso fino a quando non riesci a togliertelo, insomma la colpartita prima finisce e meglio è in modo da rientrare subito nei normali ritmi della domenica. Il brunch per il derby potrà essere anche cool per qualcuno, ma a noi ci sta parecchio sul cool, e se ai più raffinati sembrerà addirittura à la page, per noi invece è una di quelle page, che si usa dire che ci si pulisce il cool. 

17 commenti:

  1. Il brunch mi è sempre stato sui coglioni, tipica invenzione di americano grasso, dormiglione e vagabondo che, alzandosi la domenica verso il mezzogiorno e non volendo rinunciare agli intrugli che ingurgita al breakfast, si fa un riassunto di breakfast e lunch e con fantasia tipicamente a stelle e strisce, se lo chiama brunch. La partita a mezzogiorno è ancora più oscena, o sei affamato, perchè salti, o ti sei ingurgitato di troiai prima di partire e l'acidità di stomaco ti rende ancora più insopportabile lo spettacolo pedatorio, che, in genere di questi tempi, sarebbe di suo produttore di acidi gastrici insopportabili. Per far dare i soldi delle TV ai soliti e condannarci a regger lo strascico per DNA si deve sopportare anche questa. Mi va bene tutto purchè si vinca, almeno oggi!

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore29 gennaio 2012 10:38

    Tutto questo vale per i privilegiati come voi che, da Firenze e dintorni, ve ne andrete  comodamente ( non immaginate quanto io vi invidi da sempre) allo stadio seppur ad un’ora insolita. Per chi come me se la guarderà da casa, sia chiaro, comunque sostenendo ,almeno finanziariamente, la viola, le cose non cambieranno molto. La prima colazione nei giorni festivi si fa sempre un po’ più tardi, non sarà quindi un fastidio se la partita tarderà un po’ il pranzo domenicale, anzi sarà piacevole, sia per il gusto dell’attesa, sia per quello che promettono, il pranzo e la partita. Sul pranzo non scenderò nei dettagli per non farvi morire d’invidia,  mentre sulla partita lo farò  sbilanciandomi ancor più del Colonnello: prevedo una doppietta di Amauri, incasseremo  i tre punti ed io eviterò i ceci di Jordan.

    RispondiElimina
  3. Tornato appena adesso a casa, felice come un maialino a i' trogolo. Gli imbecilli autolesionisti o a paga che hanno protestato fuor di stadio hanno completato la bellissima giornata. Chiari, se finanziariamente sostieni la Fiorentina vuol dire proprio che l'ami follemente, non credo che tu sostenga altri su quel piano... L'ultima volta che hai offerto un caffè fu nel 1965, quando incontrasti un prof al bar e pensasti di ammorbidirlo, vista la pagella del primo trimestre: senza successo, perché quello si accorse che ti eri messo d'accordo col barista per farlo mezzo.

    RispondiElimina
  4. Ah ah  sul sitone è tutto paralizzato...mettete anche voi in atto la protesta e mandateli qua i post..... 

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore29 gennaio 2012 17:18

    100 e rotte mila gocce di sangue al mese mi costa l'abbonamento a sky, ripagato dalla possibilità di vedere e rivedere a distanza, ma  a grandezza d'uomo ed in hd, le gesta dei nostri eroi. A certe cose non si può rinunciare, in fondo si vive una volta sola no? Moralmente oggi Amauri ha segnato una doppietta, spero di aver evitato i ceci di Jordan, ed ora aggiustatevela voi con lui. Eh,eh,eh. p.s. Eduardo è una forza della natura, non molla mai, sputa veleno anche oggi su Montolivo.Eh,eh,eh.

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore29 gennaio 2012 17:25

    Scusate,volevo dire cento e rotte. L'ansia mi ha fatto moltiplicare per mille l'esborso.

    RispondiElimina
  7. Ma che ansia, per te tre centesimi sono come trecento euri per un for di golfo!

    RispondiElimina
  8. ....no, no Chiari ti capiamo, perché spendere per te ha lo stesso effetto dell'alcool, è un grosso abuso, e così tutto ti si sdoppia maledettamente fino a moltiplicarsi. E per questo motivo sappiamo che quando sei obbligato a pagare da bere, anche fosse solo una gazzosa, il rischio della prova del palloncino è enorme. Mentre quando stappi il Pigato non c'è nessun pericolo perché ha meno gradi della gazzosa ah ah. 

    RispondiElimina
  9. Colonnello Don Diego, ho appena finito di vedere la registrazione di Genoa-Napoli.
    Premesso che a me il Gila è caduto sui coglioni da quando scippò quel pallone a JoJo, devo purtroppo ammettere che oggi è stato ai suoi massimi livelli: un gol, un assist al bacio e soprattutto un impegno ed una partecipazione al gioco di squadra davvero sorprendente per chi lo ricordava solo qualche settimana fa arrancare vergognosamente per il campo con la nostra maglia addosso. Quindi è un giocatore tutt'altro che bollito.
    Umanamente...lasciamo perdere.

    RispondiElimina
  10. Franco, facciamo i conti fra un po': per ora sono 3 reti su 20 giornate. Semel in anno tutti son boni.

    RispondiElimina
  11. Pollock, il sire di Monterrey mi avverte che per pubblicare il tradizionale commentone ha dovuto purgarlo di ogni riferimento diretto a Gilardino e agli odierni contestatori fuor di curva, come anche un confronto tra i due testi può provare. La versione migliore e originale, quella che i posteri conosceranno come scampata alla censura degli Austriaci, ce l'hai tu. Mentre fa il valigione, direzione Spielberg, scrive un ultimo post su altro blog, quello però rigorosamente antiviola nonostante presunzione contraria: risponde sempre un incazzereccio che lo diverte un sacco. Mandategli qualche libro, qualche bottiglia di Pigato con cui eventualmente stordire a morte i secondini e qualche forma di cacio vicchiese per i topi di mezzo metro che assedieranno il mio pagliericccio.

    RispondiElimina
  12. Il suo pagliericcio, ehm ehm...

    RispondiElimina
  13. Essendo io in esilio come lo fu Neruda, ma su un isola lontana dalle rotte di Schettino, accolgo i post di rifugiati dalla censura o anche Chiarificatori in fuga da Equitalia.

    RispondiElimina
  14. Chiarificatore29 gennaio 2012 20:01

    L’ultima volta che ho avuto a che fare con Equitalia li ho estenuati a tal punto con le mie lamentele che alla fine, basta che la smettessi, sono stati loro a chiedermi quanto volessi. Morale della favola:“Chi nu cianze nu tetta”  si dice dalle mie parti. Se non avete capito ve la posso tradurre in italiano. Quanto a Gilardino, Franco, anche io non penso che sia un calciatore finito, è certo però che era finito il suo tempo a Firenze, e neppure riesco a capire in che misura ne fosse responsabile. Stessa cosa gli capitò a Milano, poi da noi rinacque. L’Amauri visto oggi non me lo fa certo rimpiangere, anzi. Aggiungi il fatto che per come concepisce l’attacco Rossi ,ed anche per dove sta andando il calcio, forse Amauri è più adatto. Io temevo che fosse un Vieri 2 a Firenze, ma l’ho visto anche molto brillante atleticamente, quindi mi pare che per quello che gli è stato chiesto sia assolutamente all’altezza, per il prossimo campionato  chi vivrà vedrà.

    RispondiElimina
  15. Colonnello con tutti questi cambi di personalità e tu t'incasini e alla fine su' i'pagliericcio e ti si mandan te davvero. Da Vicchio ti posso mandare ottimi tarocchi e discreti salumi e formaggi se un tu fa' troppo i'sofista, però. Se tu aspetti i'Chiari pe' bere mi sa che tu ti debba attaccare alla cannella. E mercoledì tanto di cappelletto fersineo 'n brodo, l'importante gli è fagni i'tortello, perchè tre punti e son belli ma sei di seguito ancora di più. Così e si vede la California 'n lacrime, Calenzano a lutto e tutta rosiconia 'n gramaglie. e Alè Viola

    RispondiElimina
  16. Caro Jordan, del californiano ho letto un intervento rabbiosissimo, sotto le pagelle: credo che l'Amauri di oggi e i movimenti frenetici di mercato l'abbiano colpito basso basso. Comunque lui almeno ha un'attività remunerata regolare di gobb'infame: pensa invece a que' poracci che si sono persi il godio di oggi (in un derby poi!) per un pacco di pasta, alla Lauro, fuor di curva... E già ho letto Ciccimmondo sputar veleno, fuor di sé, preso in contropiede dalla risposta della bergère au berger, dal controsciopero cioè: pensasse invece dove trovare i five sacconi che gli chiedono. Il Berciadore, invece, siccome è un codardone sta facendo marcia indietro, dopo aver sparato i suoi turaccioli per mesi adesso chiede che le parti s'incontrino a metà strada: un cazzo, dico io! Io sono per la resa incondizionata, da sempre! Mi è arrivata la cavalleria dall'Argentina, l'artiglieria pesante dall'Olanda, il genio pontieri viene da Lecce e mi aspetto, domani sera, di poter contare anche su una flottiglia da Genova: li faccio a pezzi, è la volta che la Regina in persona mi decora con la Victoria Cross!

    RispondiElimina
  17. I veleni dei gufi e dei bighelloni in realtà devono essere equilibrati da iniezioni di entusiasmo come la tua o colonnello un po' troppo sensibile all'on the rocks. In realtà siam sempre ai saldi dell'outlet, dove si può anche trovare roba molto buona a prezzi giusti, speriamo. L'unico su cui avrei giurato (con l'incognità dell'età e dell'inattività) ha confermato di essere quello che pensavo, ora deve solo continuare. Sugli altri aspetterei almeno di averli indossati per vedere come mi stanno. E quegli altri saldi che tanto bene non ci tornano addosso dove li mette? Ce la fa a renderli sui barroccini del mercatino di Borgo? Perchè se no si rischia la solita banda di mezzettoni per lo più incazzati perchè non trovano posto.

    RispondiElimina