.

.

sabato 14 gennaio 2012

Eser-citazioni

Riparto finalmente sereno, da quella volta che dopo avermi confessato ancora il piacere che provava nel leggere il mio modo di “raccontare”, mi disse “ Oggi Gianni ho provato a scrivere un post come te, più volte, ma non ci sono riuscito”. Non ti preoccupare basto io a fare la fava. E mentre la tristezza è sfumata sulle luci improvvisamente accese, è già vigilia di un'altra partita. Guardare Firenze dal Piazzale, proprio come un turista, insieme agli amici di un “pomeriggio da cani” e cogliere l'attimo preciso di quando si accendono le luci sulla città, è segno della vita che continua, è un segno e voglio sperare il tuo, che sei arrivato, un segno che tutto continua come quando si ritorna a casa la sera, e io continuerò a raccontarti quella tua passione, come piaceva a te, iniziando da subito. Domani ho proprio voglia di rivedere quella squadra di ragazzi, ho voglia di rivedere la faccia di Delio, che spero dopo Roma abbia fatto lavoro defaticante alle mascelle, ho voglia di vedere Jo Jo, ed era tanto tempo che non avevo più tutta questa voglia. C'è profumo di talento in questa vigilia, c'è voglia di rimangiare il “riso e il Buontalenti” dal Badiani, mentre come bambini ci raccontiamo le giocate più belle, in viale dei Mille dove mille volte ci siamo incrociati la passione. Maglia Viola e giglio, i gol, Vargas che sembra sempre più quadrato, quasi un “cubo di Rubik” con le gambe e ormai un solo colore sbiadito, e Cerci così divertente che la gente non compra più neanche il “Vernacoliere”, lui che per caricarsi prima di ogni partita ascolta il rap serbo del suo idolo Boskov, con la hit “ testa di calciatore buona solo per portare cappello”, un pezzo che Fantozzi definirebbe “una cagata pazzesca”, mentre invece è diventato il ripieno appetitoso della sua avventura fiorentina, con il quale lo “Scheggi” ci riempie le schiacciatine al posto della mitica “sveglia appetito”. Kharja che s'è addormentato in treno come un pendolare che si rispetti, e che bucata la fermata è arrivato dritto in Coppa d' Africa, ora confidiamo sugli scioperi che ce lo lascino lì. Voglio rivedere Salifu, Nastasic, il nuovo spirito incarnato dal vero capitano che sempre più spesso la butta dentro, per il nostro spasso, sperando nel sorpasso di tutte le squadre là davanti, nel viaggio lungo la risalita della classifica, con i gol che non siano sempre i suoi, senza Pasqual che ricorda tanto Dario Argento, per quel metallo di chi arriva sempre secondo sulla palla, e per quel nostro terrore misto all'ansia come in “Suspiria”, che ci procura quella fascia sinistra quando gioca lui, e non basta nemmeno “Gibaud” con la sua di fascia, quella elastica per contenere i nostri dolori, i nostri sospiri, lunghi come il muso di Gilardino. Vorrei rivedere anche il fratellino di Jovetic, mandarci in delirio non solo per quell' accrocchio di vocali, ma finalmente per un talento andato a buon fine, perché “solo con una sana e inconsapevole libidine così, si salva Delio dallo stress e dall'azione cervellotica” del talentino, che si allarga invece di stringere al centro, come la pancia di Vargas, che si allarga quando va in centro il 27 di ogni mese dopo aver riscosso, a mangiare tutti e 27 i panini de “I fratellini” in via de' Cimatori. Domani incrociamo la squadra della Firenze del sud, dalla quale è stato ispirato giustappunto il film “ benvenuti al sud” della classifica, e noi per rispetto della sceneggiatura che è stata già scritta, faremo in modo di inchiodarli definitivamente laggiù in fondo a quella classifica, dopo averli battuti. Ti voglio bene.

7 commenti:

  1. La foresta qui dietro sulla serra che porta dal mare all'altipiano dove è S.Paolo, è piena di maracà, che è un fiore bianco e viola di un albero di alto fusto. Quelle macchie bianche e soprattutto viola nel verde cupo della vegetazione sembrano di buon auspicio, o, almeno, io le vedo così. Forza Fiorentina

    RispondiElimina
  2. Mi piace il tuo modo di frequentare la cucina, perché per farlo ti sei messo in gioco, e questo ti ha arricchito di sfumature che il sito "istituzionale" teneva ingessate in abiti un po' troppo formali.  Oggi a Firenze è una magnifica giornata, tanto da sembrare quasi primavera, e pensavo di non poter desiderare altro, ma la cartolina che ci hai spedito un po' mi ha fatto ricredere. E domani vinceremo. 

    RispondiElimina
  3. Chiarificatore14 gennaio 2012 17:32

    E’ una bella giornata anche qui nei dintorni di Roma, ci sono bei  prati e anche qui sembra primavera, ma, francamente, di questo non mi importa un piffero, se non vinciamo domani. Anzi dirò di più, se non vinciamo domani mi mangio un ciuffo d’erba, crudo, di quei prati,così imparano.

    RispondiElimina
  4. Se te le fossi perse Chiarificatore, ti invito ad andare a leggere le parole che ti ha dedicato Don Diego sul sito dei siti nel post delle 13:12:19. Perché con quel ricordo di tua moglie, profondo come il senso di una vita intera, hai scritto una pagina 
    inarrivabile del mio blog, e per il quale mi ero limitato a ringraziarti in maniera asciutta, così stordito da un altro dolore. Oggi che Andrea è finalmente partito voglio aggiungere, quanto quella generosità con la quale ci hai donato un' intimità così profonda, mi sia arrivata fino in fondo al cuore. E potrei chiudere questo blog adesso, come quei campioni capaci di ritirarsi da vincitori, ma non ho queste qualità e allora andrò incontro al declino.

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore14 gennaio 2012 18:22

    Ti ringrazio Pollock, sei troppo buono anche tu, ed anche tu mi confondi. Mi avete guidato tu, con le tue bellissime  parole dedicate ad Andrea, ed il mio cuore, prima ancora della mia mente, in quel bel clima che hai saputo creare in questo blog nella triste circostanza. p.s. ho inviato più volte un ringraziamento anche a Don Diego, ma non lo vedo pubblicato.

    RispondiElimina
  6. Caro Pollock,
    anch'io oggi ho rivissuto tante volte, chiudendo gli occhi, quell'attimo meraviglioso in cui si sono accese le luci sui lungarni. Resterà per sempre nella mia memoria. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Quello delle luci è un vecchio trucco di una città abituata a conquistare. Vecchio come il suo ponte più famoso, ma che funziona sempre.

    RispondiElimina