.

.

sabato 21 gennaio 2012

Non è un “casello” se ci manca un centravanti

Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore” scriveva De Gregori, speriamo, perché noi ce l'abbiamo tutti a sfavore questi benedetti particolari. Citazione questa del Francesco cantante, che mi porta anche ad un'altra considerazione amara, come certe aranciate anni ottanta, perché solitamente i cognomi preceduti dal “De” o “Di” o meglio ancora “Della” sono garanzia di qualità, e mi viene in mente Di Natale o De Rossi tanto per citarne qualcuno, i Della Valle non li cito perché a Firenze qualcuno non li ritiene più un eccellenza, mentre io mi preoccupo di più che a noi è toccato invece De Silvestri, e qui l'amaro in bocca tocca i vertici della Schweppes Tonica. Dicevamo dei particolari che nel caso di Amauri non depongono certo a suo favore, se non ci venisse in soccorso appunto il testo di De Gregori a fare da terapia di sostegno per coppie in difficoltà, come sono oggi squadra e tifosi. Ricordo per esempio l'Amauri per Costa Crociere “sono appena tornato”, no perché a parte la faccia da scemo e la tristezza che fa tanto Gilardino, non vorremmo che affondasse anche la nostra di barca. E poi “sono appena tornato” una sega, non sei ancora mai arrivato, e il problema dei particolari è come quello dei cattivi pensieri, alla fine diventano cattivi particolari, perché il ragazzo è da tempo che è partito per venire a fare le visite mediche, purtroppo all'andata è arrivato fino a Orte, prima di accorgersi che doveva tornare indietro, e una volta uscito e rientrato per tornare in direzione Firenze, è arrivato fino a Sasso Marconi. Fermatelo!! Amauri è ormai come Tom Hanks in “The Terminal” costretto a sostare in aeroporto con un passaporto ormai privo di validità, lui invece è prigioniero in autostrada, qualcuno lo aiuti e aiuti noi che abbiamo bisogno di un centravanti, qualcuno che gli vada incontro o gli telefoni, nella prima ipotesi basta che non sia il cugino di Vargas, la colonia dell'Est che non ha più la patente e Cerci sempre più braccato dai Vigili Urbani, forse per come siamo messi sarà meglio telefonargli, basta però che non siano i Della Valle o Mencucci sennò ci levano una quarantina di punti in classifica, tanto ci se n' ha tanti. Ma neanche Corvino mi raccomando, perché tra chi non capisce di suo e chi non ha proprio il dono della chiarezza espressiva, alla fine il giocatore esce davvero a Milanello, che chiami Guerrini allora, e con la sua voce ferma gli dica di uscire al casello di Impruneta, perché se cerca quello di Certosa nel frattempo finisce il campionato. 

25 commenti:

  1. E' evidente che il Milan sta sotto, non ce la raccontino (la Juve non vorrebbe ma il giocatore sì e si comprende: la manfrina con la mogliera è una cosa da avventuriero sudamericano degli anni Sessanta, un'altafinata, un capolavoro romanzesco-picaresco con cui, quantunque ci abbia provato, anche il gran Pollock non può competere), ma le probabilità di riuscire a spuntarla, sull'orlo del cassonetto Quadrifoglio, restano molto buone. Il problema è, qualora il Milan riuscisse invece a soffiarci l'a suo tempo inutilmente naturalizzato con la nazionalità di Schettino, quale soluzione di riserva abbiamo noi e soprattutto io, a parte una palla della Sig Sauer P226 che ieri volevo altrimenti destinare ma che oggi sento così caldamente vicina alla mia tempia.

    RispondiElimina
  2. Lasciamo l'Amauri in attesa del figlio, sperando che non sia in attesa di Galliani (nel qual caso si meriterebbe un figlio che somiglia a Galliani). Intanto il Corvograsso sembra lanciato dietro a un altro calciatore ignoto (El Khadduri, icche ci ha duro?) che gioca ni' SudTirol ma l'è di'Brescia e dice che lo paga 4 milioni! Ma di che? io penso l'abbia dato di banda. Intanto dice che la rosa gli è forte e che un ci riesce a tira' fori tutte le potenzialità. Che un gli riesca a lui vista la pancia che si ritrova e puo' anch'essere, ma e ci hanno provao tre allenatori in du'anni, uno santo, uno diaolo, e uno che parea i'Messia. Nisba, se si va a più d'un punto a partita gli è grasso che cola. O siamo una massa di brodi o si fa apposta. In tutti e du' casi o tu li hai scerti male o male tu li ha' gestiti, visto che 'n questi du'anni e t'ha fatto e disfatto. E allora zitto e pedala e rimedia finchè te ne danno i'tempo che dovrebbe essere agli sgoccioli.

    RispondiElimina
  3. Sono in licenza premio e mi sto cimentando in una penna agli scampi che promette speriamo non come i marinai e in special modo quelli di Schettino. Jordan intanto mi rivoga concetti già spesi di là, dando al blog il sapore del discount. Colonnello stressato dalla battaglia che incombe, meno whisky e più sangue freddo, la pistola ben chiusa nella fondina, e pistola è invece colui che tifa contro. Nella storia dei "DI" "DE" "DELLA" manca l'anello di congiunzione tra gli eletti dal nome, le fave che sono invece l'eccezione, e la compagnia di crociera, che chiaramente non ci siamo fatti mancare...Da Costa!!!!!!

    RispondiElimina
  4. No, Jordan, su El Kaddouri ti sbagli di grosso, è un nazionale belga di 22 anni, di origini magrebine, morfologicamente zidaniano (ma dalle parti sua dicono anche di talento paragonabile al Zinédine giovane: per quel poco che l'ho visto confermo l'impressione). Il fatto è che trattasi di centrocampista offensivo: meglio che un calcio nei denti, ma non può esser certo lui il sostituto della Passata senza l'omino sotto. Il rendimento con tre allenatori diversi alla fine condannerà il Corvo, Jordan (ma che c'entra il Magic, se a qualcuno viene in mente di schierare Cassani quinto di centrocampo e Gambero e Natali insieme in difesa a tre o di confermare il serbottino che si mangia due/tre gol a partita o la Passata senza l'omino sotto me lo spiegherai con calma), secondo spietata logica aziendale, ma lui (e io) la rivoluzione l'avrebbe già fatta da due anni, sono i DV (soprattutto Gervaso) che l'hanno impedita, in ciò perfettamente consonanti col Senese, che vorrebbe in squadra ancora Jorgensen e Dainelli. Abbiamo perso tempo, quattrini e possibilità di ricambio. I DV stiano al timone e a Firenze oppure deleghino in bianco: non hanno fatto né una cosa né l'altra.

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore21 gennaio 2012 13:03

    Amauri ha di nuovo sbagliato casello, rimbalzando dalla tangenziale est di Milano è finito lì da voi, vicino a Montevarchi,  ma s’è lavato i piedi con quello della tenuta Stucchi, dove c’è l’Abbazia di Coltibuono, e non riesce a rimettersi in viaggio. Speriamo che sia andato almeno a farsi benedire, in senso buono dico io, nell’Abbazia. In trincea invece lamentano il vuoto lasciato da Gilardino e Silva. Ma quale vuoto?  dico sempre io,  il vuoto se n’è andato via con loro. Quello che han lasciato a Firenze basta un dito di Babacar, anche quando sembra che non ne ha voglia, a colmarlo.

    RispondiElimina
  6. Su El Khaddouri può darsi anche che mi sbagli, non lo conosco certo a fondo. Però è un trequartista, anche lui, di gamba lunga, che non so dove  potremmo mettere, a meno che non pensino ad un rimpiazzo di Jovetic al che mi metto a urlare. Per ora ha giocato (poco) nel Brescia ed è in prestito nel SudTirol che mi pare giochi in divisione pro. Insomma della serie "saranno (forse) famosi", il che può andare anche bene, ma come corollario ad un programma attuale di un certo peso, non come obiettivo di base se no si rischia di prenderci per le mele. Che Corvino mi venga a dire in conferenza stampa che l'organico è forte ma non si sa utilizzare mi fa incattivire un po'. Questo va ben aldilà dell'impiego di questo o di quello nella singola partita. Tante cose anche a me non mi tornano ogni domenica, però, tra Prandelli, Mihajolovic e Delio Rossi si son giocate 75 partite e fatti 89 punti dal gennaio 2010, quindi in due anni ( 19-17 per Prandelli, 48-63 Mihajlovic, e 8-9 Delio Rossi). Quello con la media più alta è proprio Sinisa, ma siamo in totale a meno di 1,2 punti a partita, con tre allenatori diversi. O siamo scarsi o c'è il baco, che non dipende dal tecnico, ma da chi la gestisce questa rosa, quindi un'altra volta da Corvino, che farebbe meglio a stare, una volta tanto, zitto. Se è in guerra con metà abbondante dei procuratori, se non capisce quando e cosa cambiare, se si crea bubboni in casa uno dietro l'altro, può anche darsi che la rosa sia teoricamente buona, ma rende nettamente aldisotto delle potenzialità. L'hanno obbligato a questo o quello? Molte son leggende metropolitane, le uniche due imposizioni verificate sono le vendita di Toni all'Inter (bloccata da Diego per calciopoli) e quella di Mutu alla Roma (bloccata da Prandelli via ADV), per il resto è tutto farina del suo sacco non raccontiamo storie.

    RispondiElimina
  7. Chiarificatore21 gennaio 2012 13:36

    Sono d'accordo col Colonnello sulle mancate cessioni, vecchie e nuove,a me risulta che sia  stata la proprietà ( quella di Mutu fu Prandelli ) a bloccarle. Detto questo, Signor Colonnello, mi permetta la confidenza apprestandomi  al dì di festa, sulla tempia ci si faccia un bel massaggio per rilassarsi. Oggi nel villaggio è sabato e noi garzoncelli dobbiamo essere scherzosi. Lo so che lei se l’è segnata quella dell’esclusione di Cercinho, ma deve capire  che se l’è voluta anche lui, io potrei segnarmi quella di Romizi, ma non voglio, tanto me la ricordo a memoria e poi  la viola viene prima.

    RispondiElimina
  8. Colonnello la truppa è troppo poco truppa, o la si promuove o per lei sarà confronto aspro. Potremo persino defenestrarla di fronte a episodi di debolezza come quelli della pistola. O vale davvero le sue mostrine o dovrà fare i conti con gente di razza. Intanto la penna agli scampi ha riempito stomaco ed ego, e l'ho accompagnato con un Orvieto classico Doc per dimostrare la mia apertura mentale anche a chi come il Chiari si incaponisce in confini di regione che ne limitano la visione di aurore boreali.

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore21 gennaio 2012 14:10

    Buttati tranquillo anche sull'Est Est Est, poeta, però non dirlo ad  Amauri, altrimenti sbaglia di nuovo strada.

    RispondiElimina
  10. Mi piace l'Est Est Est come anche a Corvino che ci razzola dalla mattina alla sera, ritroviamoci dietro la quercia per parlare del Colonnello che da segni di stanchezza.

    RispondiElimina
  11. Con Mutu furono persi 20 milioni, per Frey il Magic è stato esecrato (e la Siena carioca continua a farlo) dai polli che gli obiettarono persino Boruc (non dico poi Neto), da Genova ci hanno spiegato che se non era per ADV Gila era già loro e noi con 4 milioni in più e l'alternativa di punta (Maxi) già a Firenze da 5 mesi, D'Agostino (comunque si voglia giudicare l'affare) era lì perché con Monto il Corvo aveva subodorato e chiuso, per Vargas il Raven ha tirato un po' troppo la corda ma le follie e i malanni del peruviano nonché la psicosi indotta dall'alto di realizzare il massimo sennò nisba acquisti (situazione che si ripresenta adesso) sono buone attenuanti. Sul fatto che El Kaddouri sia centrocampista avanzato mi fai l'eco? E poi non gioca nel Tirolo, è onorato titolare al Brescia. Detto questo, Pollock, di una cosa ti prego, dinanzi all'opinione pubblica e alla mia vedova (per le mie due precedenti ci pensi il Chiari, gliele lascio volentieri, cunnilinguo inclusi): quando il mio attendente, richiamato da due spari, avrà fatta irruzione nel mio ufficio e ivi avrà trovato me reclino sulla scrivania, un foro quasi impercettibile, rosso cerchiato, alla mia tempia destra, la mano su una lettera con le disposizioni ereditarie a favore degli orfani della British Army, e riverso su uno squisito tappeto afghano (campagna del 1842), il corpo altresì esanime, massacrato a colpi di kriss (altro souvenir, stavolta della campagna del 1846) accanto scivolato, di un ingegnere d'incipiente senilità e stempiatura, tu impedisci, o Oltrarnista, che, come sempre avviene in questi casi, i giornalisti sciacalli insinuino, sul «Times», un regolamento di conti tra vecchi finocchi. Ristabilisci l'onore del vero, o sanfredianino, e sii pietoso di una lacrima.

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore21 gennaio 2012 14:45

    Lei conosce il mio punto debole , signor Colonnello, ma in questo caso non mi lascio distrarre da lei, qui in trincea siamo in emergenza. Visto che è il momento degli avvisi, io la avviso che la soluzione personale che lei sta accarezzando, peggiorata da un contestuale, congiunturale ma strategicamente immotivato regolamento di conti, solo eticamente è nobile tanto più al confronto con la  vergognosa via di fuga schettino, ma nella sostanza non cambia, vuol dire abbandonare  la nave in tempesta.

    RispondiElimina
  13. Se l'ingegnere è di incipiente senilità (io ho cominciato da tempo quella strada) non sono io, quindi tiro un sospiro di sollievo e posso replicare. L'affaire Gilardino non è sfumato affatto per intervento ADV, questa è altra leggenda metropolitana, ma per carenza di garanzie di pagamento da parte del baloccaio venute fuori all'ultimo tuffo. Vargas invece l'ha voluto tenere lui perchè gli davano poco (ora gli danno meno) e su D'Agostino stendiamo un velo pietoso, come sulla faccenda Montolivo, gestita con i piedi, nel mezzo ad una guerra di religione con i procuratori che ha fatto altre vittime (Frey, Zanetti, Masi, Romizi). El Khadduri è vero è tornato a Brescia quest'anno (nel Sud Tirol era nel 2010-2011) ed è comunque in B, un giovane promettente della B, nazionale belga Under 21 (per precisare anche qui). Ripeto, come prospetto va bene, ma se mi ci spendi 4 milioni e poi non hai più un soldo da investire in quello che mi serve subito, mi fai imbestialire. Con questo, qui siamo alle voci, quindi non vale la pena discuterci tanto su. Il resto no, non son voci, son fatti. Boruc, Neto, lo stesso Romulo, soprattutto Behrami, per me sono invece ottimi colpi (o che li deve sbagliare tutti!), ma il piatto, a differenza di altri anni, nel complesso, da due-tre anni a questa parte, piange.

    RispondiElimina
  14. Ma gli scampi 'ndo tu l'ha presi? te li ha mandati iCChiari da Albenga o son quelli coreani surgelati della COOP? Un mi fa' corvinate, se i' sugo tu lo fa' te bada alla materia prima!

    RispondiElimina
  15. Ma Elciadduri icchè ci ha duro? Non che me ne 'mporti, ma se se ne piglia un artro che un pensa a artro e siam belle sistemati!

    RispondiElimina
  16. quello sotto gli è di nevrastenix, le bischerate le scrive prevalentemente lui, ma quell'altro l'è mio, o che casino vu' combinate? o che m'avrà fregato la tuta mimetica?

    RispondiElimina
  17. Con Ljaicce e Acosty e si marca i'lunedì.

    RispondiElimina
  18. Chiarificatore21 gennaio 2012 19:47

    Sono andato dietro la quercia, Pollock, ma tardi, tu non c’eri più. C’ho trovato il Colonnello addormentato con la figurina di Cerci vicino al cuore ed in mano una pistola ad acqua che puzzava di Bushmills,  vuota, se l’è sparato tutto in bocca, c’era anche un foglietto con scritto:“tranquilli la tempia è salva”. Dormiva come un angioletto, l’ho lasciato lì. Passi tu più tardi  a dargli un occhiata?

    RispondiElimina
  19. Chiari, a me di Cercinho garrincino il giorno dopo che è venduto m'interessa il giusto, mica sono come i pazziniani e i futuri montoliviani postumi: ricorderò i bei momenti, mi compiacerò della plusvalenza (meno del fatto che i DV non vogliano reinvestirla) e avanti un altro. La vita comincia a settant'anni, Jordan, dunque tu incipisci pure, incipisci... Su Acosty non sarei così pessimista, mentre sul resto da un lato continui a farmi l'eco (o non l'ho detto io che su Vargas il Magic ha tirato troppo corda?) ma senza tenere in conto le attenuanti, dall'altro vuoi altro che prospetti o svincolati con la paghetta che a fine settimana i DV danno all'Oratore, mentre su Gila vuoi che siano accreditate le leggende metropolitane che garbano a te piuttosto che quelle degli altri. Attraverso D'Agostino il Fine Dicitore aveva tentato di smammare la Passata senza l'omino sotto, gli è andata buca ma se non hai più margini di sbagliare 6 milioni, con tutti quelli che hai fatto guadagnare, sei veramente occupato male. Su Romizi rimpiango, ma in due allenatori non l'hanno mai cagato nemmen di striscio e tu degli allenatori non vuoi sentir parlare... Su Frey, Masi e Zanetti mi straccio le vesti e mi strappo i capelli ogni giorno. E ora basta e pregustiamo la vittoria di domani, sennò l'Oltrarnista ci taglia di brutto perché gli fotocopiamo Fiorentina.it sul sito dove facciamo (o dovremmo fare) gli artisti e i cantambanchi.

    RispondiElimina
  20. E lo so ma i'lupo perde i'pelo ma non il vizio, e quando gli è stanco di
    cazzeggia' pe'ridere e ricomincia a cazzeggia' su i'serio. Comunque per
    puntualizzare io Frey e Mutu un li rimpiango e son mesi che lo dico che, a
    questo punto, più che regalalli un si potea e a tenelli l'era più i'ranno che i'
    sapone. E rimpiango di non avelli dati via prima quando e ci potean porta' sordi
    che, 'n questo regime di fai da te, e voglian dire artri giocatori, magari più
    utili. Pe' Gila ognuno crede alle sue leggende, la mia la mi sembra più
    verosimile e me l'ha raccontata gente che 'n genere le cose la le sa. Comunque
    un vedo i'probrema, anche così i' tu idolo un n'esce miha male. E l'hanno
    fermato, ma non per i motivi, un po' assurdi, che dici te, ma per pratici motivi
    economicio-finanziari. Se rischiavan di non pagallo o che dovea vendere? Su
    D'Ago, lascia perdere che l'è meglio. Anche ammesso che l'avesse preso pe' fa'
    pressione su i'"nemico" (e di sicuro l'ha preso per quello, facendoli incazzare
    ancora di più), una volta acclarato che Montolivo l'andava via, allora sì che lo
    dovea tenere. Qualcuno mi spieghi il senso del regalo all'udinese, aggravato poi
    dal fatto di prendere Kharja che mi leva anche l'unica scusante che gli avevo
    dato che l'era risparmiare uno stipendio abbastanza alto. Insomma pugnalami co'
    i kriss, (ma a settanta ancora un ci sono, un n'esageriamo da quell'artra
    parte), ma Tragic Raven l'è agli sgoccioli, falla gira' come ti pare, questa
    volta la campana la sona per lui.

    RispondiElimina
  21. Su Gila sei come la Claudia, insomma, devo credere alla tua leggenda perché c'hai le fonti al Pentagono e io sono solo un colonnello ormai della Guardia Nazionale (a dar retta a Powell e Pressuburger). Dici che Mutu andava ceduto prima? Anche il Magic lo dice e per giunta maledice chi non volle cedere Frey quando si fece avanti il Milan, onde ricattino per scroccare ingaggio assurdo (con la piazza già in tumulto: mica vorrete farci scappare Frey? «Nooooooo!» proclama ADV, anche perché fa il viso dell'arme quenn'antro che poi si permetterà pure di stizzirsi quando avrà rivisto il Buddista, dopo le vacanze, sovrappeso di una decina di chili...). Ti ho già detto che su Dago 6 milioni glieli puoi far buttare viste le benemerenze, se poi ritorci che a regime di stecchetto ci vuole l'infallibilità trova allora un Papa per sostituire il Raven, non ci vorrà di meno (ma bada che non sia della Teologia della Liberazione, perché quelli all'infallibilità non credono). I DV, all'inizio pronubo il Giubbotto, hanno impacciato Corvino sulla cessione dei bolliti o proprio non boni ma strapagati elefanti, la realtà è questa, impauriti com'erano dalla piazza dopo aver tagliato la testa del reuccio spargiveleno. Accusare il Corvo di talento puramente mercatorio, di maniacale caccia alle plusvalenze e poi attribuirgli mancate cessioni fruttuose non sembra poter quagliare nemmeno se la massaia è fuor di marchese (il quale, dicevano rimando le mie antenate, sciupa la maionese). La partenza del Corvo, sempre più probabile (e da parte sua auspicata ormai, com'è naturale: credi stavolta alle mie più modeste fonti), mi farà lo stesso effetto di quella di chiunque altro che lasci i nostri colori: bei ricordi se ci lascia bene e via col seguente, che spero dominar la piana dagli spalti di una Cittadella, altrimenti svincolati e prospetti, prospetti e svincolati e pedate in culo se non arriva Messi. E ora basta davvero, mia moglie mi dice da un paio di minuti: «Vieni a vedere il film con me!» e ancora non so cosa ci sia dietro di preciso.

    RispondiElimina
  22. La mi' moglie l'è belle 'ncazzata e la guarda Ballando con le stelle. Oltre tutto c'è il figliolo con l'influenza quindi dietro un ci può esse' nulla pe' stasera. Perciò posso continuare, io. Il paragone con la Claudia l'è un po' offensivo, più che alle fonti, affidabili, do' retta alla logica. Non ne vedo alcuna nel proibire un cambio Gilardino-Maxi Lopez (praticamente già fatto) per ragioni di piazza, la vedo invece nel fermare una vendita senza garanzie di pagamento. Ripeto, in entrambi i casi il Corvino sarebbe giustificato, quindi non capisco quale differenza faccia alle tue tesi. Tre settimane fa nessuno ha fermato la vendita dello stesso giocatore non coperta da nessun accordo d'acquisto come lo era quattro mesi fa. Perchè? 6 milioni si possono anche perdere in un acquisto che non va bene, Corvino  li ha persi per Felipe, anche di più, li ha persi per Da Costa-Savio, anche di più, ma altra cosa è il buttarli a bella posta dalla finestra come ha fatto con D'Agostino. Sinceramente non mi sembra che i DV abbiano molta voglia di entrare nelle scelte tecniche. Ripeto,.lo hanno fatto solo due volte, una per Toni, per motivi straordinari decisi da Diego stesso, l'altra per Mutu, contro voglia e perchè pesantemente sollecitati dall'allenatore. Non credo ci siano entrati altre volte per cui ho più di un motivo per ritenere che la scelta di non vendere Frey al Milan, o Vargas, o Montolivo quando cominciò a titubare sul rinnovo, sia stata tutta di Corvino, magari per paura della piazza, ma per paura sua non dei DV, o perchè non riteneva, come nel caso di Vargas, che le offerte fossero congurenti. Di Corvino non penso male come il GAT, credo che abbia fatto anche bene e tanti affari li ha conclusi con vantaggio, in certi mercati è ben presente (in altri meno), però, come già Prandelli due anni fa, credo che qui abbia fatto il suo tempo. Ci sono delle grosse crepe con Delio Rossi (che lui non voleva perchè già a Lecce ci aveva avuto a che ridire), ed è in netta disgrazia con la tifoseria e, da qualche tempo, anche con i padroni. Il prossimo che andrà sul rogo credo proprio che sarà lui. Non farò particolari festeggiamenti, nè piangerò amare lacrime se succederà.

    RispondiElimina
  23. Sembra che si sia sbagliato Romulo e ora se ne voglia prendere un altro, il vero fratello di Remo. E' il volante del Vasco de Gama che qui riporto quando, compiuti i 21 anni e convocato per la prima volta per la seleçao, è stato festeggiato con la classica "ovada" (impiastricciatura di uova e farina da parte dei compagni di squadra), un paio di mesi fa. Così se i tifosi li pigliano a ova sode nel groppone a Firenze è già allenato. E' l'ultimo dispetto di Corvino a Delio, da quando ha capito che quelli che cominciano con "Rom" gli stanno sulle palle.

    RispondiElimina
  24. Chiarificatore22 gennaio 2012 10:58

    Forse li legherà alla sua avversaria  di quando allenava nella capitale. Peccato perché il marchio sembra essere un garanzia di qualità del calciatore. Vuoi dire che Rossi non avrebbe considerato anche Romario?

    RispondiElimina
  25. Visto come tratta i casi un po' difficili e ribelli anche col "baixinho" avrebbe avuto di certo i suoi problemi. Io pensavo fosse un fatto di razza, che ce l'avesse con i "rom", la tua ipotesi della Roma è suggestiva.

    RispondiElimina