.

.

giovedì 12 gennaio 2012

Ciao Andrea

Andrea stanotte ha finito di soffrire, molti lo hanno conosciuto come l’Etruskolo, io l'ho potuto apprezzare anche come uomo, che mi ha dimostrato una grande forza lottando contro quella malattia che se l'è portato via terribilmente troppo giovane. Ho ricevuto la notizia dopo che avevo già pubblicato il post, ma questo adesso non mi dispiace, perché Andrea, con il quale avevo parlato fino a pochi giorni fa, ha sempre dimostrato come la passione per la Fiorentina lo tenesse attaccato alla vita, e quella sua forza straordinaria oggi voglio onorarla continuando ad essere quello che lui apprezzava, e con il mio solito sorriso voglio perciò che niente si fermi come purtroppo invece ha dovuto fare lui. Ciao Andrea.

11 commenti:

  1. Ciao, fratello di passione. Anzi, ciaoccaro.

    RispondiElimina
  2. Addio Andrea, mi mancherai.

    RispondiElimina
  3. Chiarificatore12 gennaio 2012 10:28

    Io invece non ho avuto il privilegio che hai avete avuto voi, cari Pollock, Nuvola, Franco, di conoscerlo di persona, il nostro caro Andrea (anche io oggi voglio permettermi di chiamarlo  suo nome), e me ne dispiace molto. Ma anche solo per come l'ho conosciuto virtualmente mi dovete consentire una considerazione che lo riguarda, che può apparire di circostanza ma non lo è nella maniera più assoluta: se ne vanno sempre i migliori e mai come in questo caso è vero. Ho potuto apprezzarlo non solo nella sua passione che ci accomunava,  ma nella sua intelligenza,nel suo equilibrio nel suo garbo. Avevo notato nei suoi ultimi rari post una certa fatica, pur sempre accompagnata a lucidità di giudizio,  ora capisco che era il segno della grave malattia e nello stesso tempo della sua forza e della sua voglia di combatterla  aggrappandosi anche alla Fiorentina. Ciao anche da parte di un sincero amico virtuale,carissimo Andrea.

    RispondiElimina
  4. In questa triste mattina.. vive sempre il piacere e l'onore di averti conosciuto..
    Ciao Andrea.
    Italo

    RispondiElimina
  5. Venetoviola
    Ciaoccaro, ti sia lieve il viaggio. salutami tutti i tifosi viola lassù e continuate a fare il tifo. Ci mancherai tanto.  Denis

    RispondiElimina
  6. Light_at_Two_Lights12 gennaio 2012 12:26

    E ora, Andrea, con chi mi vanto delle scommesse? Anche se, lo sappiamo bene, mi hai sempre stracciato su questo piano, eri un vero cultore della materia, con studio, applicazione e metodo riuscivi immancabilmente a stupirmi con quei tagliandi vincenti. Ma sappiamo bene anche che avresti barattato almeno la metà delle vincite con il primo posto al Fantacalcio, invece lì sei arrivato secondo, dopo un campionato entusiasmante! E ora con chi starò ore ed ore a ragionare dell'audace legnaia o dello scandicci o di tutti i moduli delle giovanili e, se avanzava tempo, di tutti i virgulti scoperti da corvino? E come farò a non mettermi a piangere come una fontana la prima volta che ci ritroveremo a cena senza di te e ti dedicheremo il primo brindisi? Non me lo dovevi fare, non si fa così, ciaoccaro dei miei stivali! Ehi, fammi un fischio quando arriverò, spero che avremo tante buone cose viola di cui tornare a parlare. Ciaoccarissimo amico.

    RispondiElimina
  7. Addio Andrea, mi mancherai.

    RispondiElimina
  8. Andrea Mentrasti12 gennaio 2012 16:38

    Bon voyage,ciaoccaro

    RispondiElimina
  9. Una preghiera per Andrea, un pensiero affettuoso ai familiari

    RispondiElimina
  10. Che dire? nulla, ogni parola mi sembra banale. Ciaoccaro, ci ritroveremo tutti prima o poi e continueremo i nostri discorsi, però qui ci mancherai.

    RispondiElimina