.

.

mercoledì 25 giugno 2014

Polase e rutti

Adesso non ci resta che incontrare la Spagna in aeroporto per vedere di salvare almeno la faccia. Davanti allo spettacolo vergognoso di un'Italia che ci costringe all'uso massiccio di Polase ho persino rimpianto la gara di rutti di Marzio ai tempi della scuola, Marzio contro tutti, quello si che era il vero made in Italy da esportare con orgoglio. Usciamo svuotati di sali minerali, umiliati da un dopopartita accompagnato da una fitta sassaiola di dimissioni, sassolini tolti dalle scarpe puzzolenti di una spedizione sdrucita nell'anima. Ancora più brutto il dopo come se non fosse bastato un prima fatto di scelte sbagliate, tutti contro tutti come nella gara di rutti di Marzio, con Balotelli che finisce in presidenza, e così la colpa alla fine è tutta dell'uomo nero. Dimissioni che si macchiano di ridicolo quando Prandelli dichiara di non voler rubare i soldi ai contribuenti, superando così lo spettacolo osceno del campo, il tutto servito su un letto di dichiarazioni peggiori della rucola, con i vecchi contro le figurine, a condire con finto aceto balsamico fatto solo di caramello, un finale che sa tanto di fuga ad Hammamet. E menomale che c'è Cuadrado in questo mondiale, che rimarrà per Suarez quello di pane e Chiellini, la colazione del campione. Il calcio italiano versa in uno stato pietoso, come la sanità, e alla richiesta di un'analisi tecnica della disfatta urgente, tutti scappano, il Cup dice che non potrà essere fatta fino alla prossima Cup del mondo, e allora sarà meglio portare al dottore le vecchie analisi, quelle fatte nel 2006 a Berlino, che tra l'altro erano perfette. Il mio commento tecnico invece si basa sul fatto che è stata una partita illusoria, a tratti priva di introspezione filosofica, mentre Buffon e De Rossi ci hanno detto che l'esistenza dei giovani, benché discutibile, è purtroppo inevitabile. Allora meglio, molto meglio i "fochi".

155 commenti:

  1. Da notare l'ottavo di finale Costarica - Grecia, una realtà dovuta anche grazie alla nostra dabbenaggine. Vien da pensare che l'Olanda abbia la strada spalancata verso la semifinale, anche se deve stare attenta al Messico.

    RispondiElimina
  2. Da notare che, delle otto squadre qualificate agli ottavi finora, quattro sono sudamericane, due centroamericane e solo due europee (Olanda e Grecia).

    RispondiElimina
  3. Piove. È mercoledì. Sono a Sanremo.

    RispondiElimina
  4. Allegri in pole position. Mah! Il «memento audire semper» jordaniano diventa il motivetto dell'estate. Thiago Motta l'icona.

    RispondiElimina
  5. Effettivamente, Stefano, senza Suarez (si sarà vaccinato? Il rischio di contagio è ingente...) squalificato l'Uruguay perde molte chances che gli attribuivo. Tra Caceres (vecchio pensiero del Magic, che stimo e che vorrei in viola) riserva nel suo club e i tre zozzi gobbi titolari, si è visto chi sia meglio senza sponde arbitrali.

    RispondiElimina
  6. Il Chiari si è incartato anche di là, col suo distinguo fra Branda piccolo uomo ma grande allenatore. E' Lele, che ci sospira giustamente sopra, a farne le spese. Ma gioco di merda e Thiago Motta, tanto per far due esempi, sono roba di grande allenatore? E se invece lo sono di piccolo uomo, qual è il nesso?

    RispondiElimina
  7. oh gente, a proposito di quel Jones statunitense di cui parlavate (non ricordo chi), ho visto che vanta un sacco di campionati in bundesliga, è passato anche dal bayern e dallo shalke. Inoltre, nel 2009, ha giocato 3 amichevoli con la nazionale tedesca. Non lo conoscevo. Purtroppo, ha 33 anni. e dunque bona.

    RispondiElimina
  8. Era stata ingiubbata la consacrazione di Balo, in questo Mondiale. Il Milan lo cederà e lui (che tristezza, quell'ora da solo in pullman, dopo la fine della partita!) sprofonderà nel suo fallimento nel giro di tre anni, adrianescamente. Il futuro è Berardi, con accanto Pepito. Ditemi qualcosa su Pato alla Juve.

    RispondiElimina
  9. comunque se saltassero un botto di poltrone (prandelli e soprattutto abete sono già qualcosa di importante, ma non basta) e ci fosse una rivoluzione seria nei vertici (dubito), potrei anche tornare a fare un blando tifo per l'itaglia, cosa che mi sono proibito dal 2006.

    RispondiElimina
  10. Dici davvero di Berardi? non saprei. Ha un piedino veramente chirurgico (proprio come pepito), ma lo vedo parecchio giocatore di calcetto più che di calcio. Certo, è un 94, e strada la farà.
    Però, devo dire la verità, mi piace più Zaza: mi sembra già avere la scaltrezza dei volponi abbinata ad una tecnica niente male.

    RispondiElimina
  11. Anche Varriale è riuscito a dire che vi è corto circuito fra i proclami dell'osare prima del Mondiale e prima di ciascuna delle tre partite e l'acquitrino e il pavore esibiti nelle medesime. Anche Varriale!

    RispondiElimina
  12. Gli errori che avete sottolineato sono assolutamente condivisibili;ce n'è uno che è passato sotto silenzio,ma che secondo me è stato uno tra i più gravi.Ieri l'Uruguay doveva vincere.Partendo da questo presupposto,espulsione o non espulsione,era ovvio che avrebbero fatto un arrembaggio finale.Quindi chi meglio di Cerci per provare a far male in contropiede?Chi meglio di Cerci(tra quelli a disposizione si intende,non in assoluto) per allungare la squadra?Cassano per provare a tener palla?Isolato come un novello Robinson Crosue?Questa mossa è stata la ciliegina sulla torta di un mondiale preparato e gestito da cani da parte di Prandelli.Certo è che a parte Pepito grandi giocatori non ve ne sono;la difesa è inquardabile(basta vedere la Juve al di fuori dei confini).In definitiva,anche passando il turno avremmo prolungato l'agonia

    RispondiElimina
  13. Veramente, DKNE, io sul tasto Cerci ho battuto e ribattuto: prima del match, nel mio commentone e in altri post successivi.

    RispondiElimina
  14. Di Cerci ho detto io e, mi sembra, il Colon

    RispondiElimina
  15. Detto questo non condivido le critiche "a ritroso" su Prandelli.A Firenze,in particolar modo i primi due anni,a me è piaciuto assai e la squadra ha ben giocato.Personalmente ritengo che il miglio modo di giudicare sia quello che si attiene ai fatti.Per cui,nonostante la mia stima per i primi due anni fiorentini,non posso non vedere lo scempio compiuto in nazionale.Senza se e senza ma.L'arbitro è solo un alibi.Visto quanto accaduto ieri è quasi sicuro che avremmo perso anche in 11 contro 11.

    RispondiElimina
  16. stefano vienna25 giugno 2014 09:43

    Ne parlavo ieri, è avanti con gli anni, ma sempre meglio di un Ambrosini. Gioca in Turchia dove al momento hanno più soldi che da noi e se pensa solo ai soldi vuol dire che le motivazioni post-mondiali sono basse.

    RispondiElimina
  17. Allora me li son persi...diciamo che ho sottolineato

    RispondiElimina
  18. Si,me l'ha fatto notare Anto.Me li son persi quei commenti...Come detto sotto,diciamo che ho sottolineato

    RispondiElimina
  19. Sul gol di Godin ce ne sono altri due o tre vicini che staccano indisturbati. Un grappolo per fucilarti: e staresti difendendo un risultato vitale, a nove dal termine...

    RispondiElimina
  20. Barzagli e Chiellini erano sui loro.Bonucci svenuto e svenente lascia Godin libero,che segna di spalla

    RispondiElimina
  21. stefano vienna25 giugno 2014 09:50

    I primi due anni, ovvero quando non era ancora diventato un Santo. E comunque si diceva ieri, tecnicamente non è scarso, anzi è assurdo che si sia comportato da incompetente assoluto in questo mondiale. Ma se mettiamo nella formula variabili 'psico-etiche" riassumibili nel termine 'gobbismo' e una certa forma di familismo amorale (nepotismo), forse si arriva a capire come questo scempio tecnico-tattico-fisico-morale possa essere capitato.


    In pratica, l'Italia in mano ad un pazzo.

    RispondiElimina
  22. C'erano ma quelli avrebbero colpito, per me questo è staccare indisturbati.

    RispondiElimina
  23. Comunque,lasciando stare l'Italia e alibi farlocchi che niente giustificano,una considerazione la voglio fare.Per rendere visibili le partite in Europa si fa giocare alle 13.Sarà anche inverno in Brasile,ma 27-30 gradi ci sono sempre,con umidità spropositata.Follia.Vorrei vedere le reazioni se facessero giocare qualche partita di campionato ad agosto alle 13.Reazioni non solo dei giocatori,ma della gente.Il minimo che si direbbe l'è:"ma questi son grulli".Ripeto scanso equivoci che non c'entra l'eliminazione dell'Italia ed il pessimo spettacolo offerto.Solo che le partite giocate alle 13 in Brasile sono da ricovero

    RispondiElimina
  24. Si,ma Cavani marcato da nasone ha tagliato sul primo palo,portandosi dietro il cane rabbioso.Barzagli subito dietro.In mezzo all'area c'era Godin,marcato da Bonucci(marcato..ahahahah) ed altri che non ricordo,marcati da Motta(Motta!!) e non ricordo chi.Quindi hai ragione nel concetto,solo che non dovevano essere il morsicato e Barzagli a marcarli

    RispondiElimina
  25. stefano vienna25 giugno 2014 10:26

    Quando è entrato Cassano ho bestemmiato. Cerci era il giocatore adatto, in quel momento eravamo sullo 0-0. Errore tecnico madornale, ma purtroppo uno tra i tanti.

    RispondiElimina
  26. I giudizi su Prandelli partono prima sull'uomo che sull'allenatore, per quello che ha presumibilmente fatto per alcuni, dall'anno del crollo, alle macerie, all'essersi offerto alla juve (come se non l'avessero cercato loro e non succedesse in ogni dove) fino al codice etico e via discorrendo ma raramente si leggono valutazioni obbiettive di quello che ha saputo fare, tre anni e mezzo ad alto livello a Firenze, una finale di europeo contro una squadra di dopati, un'inizio di carriera non certo scoppiettante ed ora questo mondiale con uscita disonorevole dove parlando di progetto tattico fallito fa del male a se stesso dato che in tre partite è riuscito a giocare con tre moduli differenti in cui solo uno, una volta, ha funzionato bene, con l'Inghilterra. Il mondiale lo ha gettato alle ortiche con la Costarica, con Balo solo come uno scemo a far sportellate, ieri ha ricannato tutto con una coppia di centravanti mai vista all'inizio, insomma, o passa dietro una scrivania, o si mette in poltrona a far l'opinionista o deve rimettersi in gioco in un club dando dimostrazione che la definizione discreto allenatore non è usurpata. Mai visto così in confusione, confusione da lui cercata con una preparazione davvero approssimativa (sono decenni che corrono tutti più di noi.....!) un'identità assente e tante cervellotiche scelte per dar dimostrazione di sapienza sortendo effetto contrario.

    RispondiElimina
  27. stefano vienna25 giugno 2014 11:01

    Io penso di essere obiettivo, Prandelli il primo anno a Firenze, con Jorgensen e Fiore sulle fasce, fece vedere un buon calcio. Poi sempre peggio, all'inizio pensavo si riprendesse, poi persi le speranze. Quando poi cacciò Dainelli e Jorgensen, dopo aver sbolognato Pazzini e Osvaldo, avevo capito che ormai una sorta di follia nietzchiana (?) si era impossessata della sua anima. Mi sorprese di nuovo positivamente agli Europei con la Spagna alla prima partita, poi anche lì la follia prese il sopravvento. Per me è un uomo da ricostruire con più sedute terapeutiche consecutive, per il suo bene e quello della sua famiglia. Luogo di cura: Hammamet.

    RispondiElimina
  28. stefano vienna25 giugno 2014 11:07

    Se ci pensate, sia con la Fiorentina sia con l'Italia, Prandelli parte bene quando deve ancora dimostrare qualcosa, poi dopo i primi complimenti pensa di essere Napoleone e commette errori su errori, perde contatto con la realtà, diventa vendicativo usando la reputazione conquistata all'inizio. Il nepotismo rientra anche in questa logica, una volta al potere distribuirlo ai parenti. Tra Napoleone e Kim Jong Il (o come cazzo si chiama).

    RispondiElimina
  29. Niente da fare, Balotelli non trovava la porta...quindi rimasto fuori, niente doccia. Ecco spiegata la puzza di circo sull'autobus.
    Nel frattempo tornano in Italia anche i preparatori dell'Italia, Bryan & Garrison.
    Suarez molto "incisivo" e Chiellini non creduto; l'arbitro l'aveva detto "Chi dice bugie...cresce il naso" e guardando il cacciucco avrà pensato "Boia, che bugiardo!". Sempre Suarez ha ricevuto i complimenti di Tyson e una proposta dal regista Romero.
    Ultima notizia: ridimensionate notevolmente le ambizioni del Lussemburgo.
    Ultimissima: Costarica, Honduras e Trinidad&Tobago(sacro e profano!), alla ricerca di sparring-partner, hanno chiesto la disponibilità all'Italia.

    RispondiElimina
  30. stefano vienna25 giugno 2014 11:12

    Il caldo, gli arbitri, è dura ammetterlo, ma con (questo) Prandelli avremmo perso in ogni caso. E io non ho tifato contro, anzi eravamo un gruppo di 15 italiani ad un public viewing a Vienna, bel clima e ennesima figura di merda collettiva. Personalmente ci sono rimasto male, anche se era più che prevedibile.

    RispondiElimina
  31. Cerci ha pagato le sue dichiarazioni post Costarica, dove rivendicava il suo ottimo campionato e si lamentava che gli si chiedesse di girare una partita in un quarto d'ora. In generale penso che la vittoria del 2006 sia stata fuorviante, perché ha fatto credere che, nonostante il sistema marcio, eravamo ancora un paese calcisticamente all'avanguardia. La coppa è servita per far credere che tutto andava bene e che le basi del movimento erano ancora produttive a livello di talenti.
    C'è un modo arretrato di costruire che ha come colpevoli le società e una struttura federale che crede che i giovani possano essere formati nello stesso modo di trenta, quaranta anni fa. Balotelli è stato caricato di responsabilità, nonostante una testa che non regge nemmeno lo stress di pagare il ticket del parcheggio, perché era l'unico, a parte i quattro campioni del mondo ancora in campo dopo otto anni, che aveva uno straccio minimo di credenziali internazionali. Il suo fallimento è quello di chi ha puntato tutto su di lui perché non e stato in grado di fornire strumenti e regole che utili a far crescere giovani campioni.

    RispondiElimina
  32. Ecco, quest'ultima è una sintesi perfetta su una parte dei difetti dell'uomo.

    RispondiElimina
  33. «Una testa che non regge nemmeno lo stress di pagare il ticket del parcheggio»... ahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  34. stefano vienna25 giugno 2014 11:24

    Gilardino, Diamanti, Rossi, Florenzi, Criscito. I giocatori con esperienza e con la testa a posto c'erano, non diciamo minchiate.

    RispondiElimina
  35. Gila non cambiava una seppia. Gli altri sì. E Astori sarebbe stato peggio di quel merdaio a strisce in difesa? E per Totti non conveniva mettersi a ginocchioni? E Bonaventura non se lo sarebbero portato 7 o 8 ct stranieri su 10? E Cigarini (cosa non mi tocca dire!) non vale due Thiago Motta? E Romulo e Maggio sulle corsie?

    RispondiElimina
  36. stefano vienna25 giugno 2014 11:34

    Non mi riferito a te Foco. Dicevo in generale, la scusa che mancano i giocatori in un paese di 60 milioni di abitanti, quando siamo usciti contro uno di 3 milioni è risibile. Certo se quello con più esperienza in avanti è Balotelli (non nomino Cassano perchè in confronto Balotelli è Einstein), ovvero quello che dovrebbe trasmettere fiducia ai giovani, allora si capisce che siamo nella merda.

    RispondiElimina
  37. stefano vienna25 giugno 2014 11:36

    Era per dire Colonel, ma intanto mettimi Gilardino in rosa invece di un Cassano o di un Insigne e poi ne riparliamo. Gente seria cazzo.

    RispondiElimina
  38. Realisticamente, che avrebbe potuto fare Pepito in quel contesto? Fino a 20 giorni fa in campo quasi camminava, non aveva spunto [già appannato dopo le due operazioni al ginocchio, peraltro], poco credibile pensare che potesse oggi essere anche solo al 60%. Mettiamoci anche il caldo e l'umidità, ma soprattutto il "gioco" dell'italia, non in grado di mettere gli attaccanti costantemente nei pressi della porta, unica condizione in cui Rossi sarebbe stato utile, per la sua classe superiore e il tiro rapido e secco, che può scoccare anche quasi da fermo. Lui si è risparmiato una figuraccia, noi possiamo tirare un sospiro di sollievo perché a settembre lo rivedremo recuperato, senza che abbia corso il rischio di altri infortuni in Brasile. Ipotesi che sarebbe stata molto realistica, in quelle condizioni. Perché, non scordiamocelo, se Rossi si fa di nuovo male a quel ginocchio, è molto probabilmente carriera finita, almeno ad alti livelli. E il prossimo anno avremo anche un Gomez - un tempo indistruttibile - a rischio, visto che in una stagione si è infortunato per ben due volte ai collaterali...Urgono, ad ogni modo, riserve di livello, per non farli spremere come limoni. Rebic potrebbe essere uno, ma il vice-Gomez non può essere un altro giovane, direi...

    RispondiElimina
  39. stefano vienna25 giugno 2014 11:39

    Altri paesi non si vergognano di portare delle bandiere anche in età avanzata, noi invece sì, già dai tempi di Baggio in Corea. Certi giocatori si portano a prescindere ad un mondiale. Invece chi arriva? Cassano, ovvero la bandiera al negativo.

    RispondiElimina
  40. stefano vienna25 giugno 2014 11:42

    Astori bravo, Romulo, un Maggio o un Criscito (gente che ha giocato a buoni livelli in campo internazionale.

    RispondiElimina
  41. Deyna, aveva ancora venti giorni di preparazione per salire. Con la logica del «E quello che avrebbe potuto fare? E quell'altro?», ne viene fuori un undici rimasto a casa che a quello andato in campo contro l'Uruguay avrebbe dato la paga ora e sempre.

    RispondiElimina
  42. stefano vienna25 giugno 2014 11:44

    Era un'analisi parziale, lo ammetto.

    RispondiElimina
  43. stefano vienna25 giugno 2014 11:45

    http://www.youtube.com/watch?v=D27R4k59uL4

    RispondiElimina
  44. Sento parlare di Diamanti, Florenzi, Gilardino, Criscito, Cigarini [!!], e compagnia "bella"...Siamo seri, va bene che gli assenti hanno sempre ragione, ma a livello internazionale è tutta paccottiglia, e con questo "gioco" si troverebbero a disagio perfino dei fuoriclasse. Gli unici che credo avrebbero potuto fare un minimo di differenza sono Osvaldo in palla [ma anche lì la testa...], forse Destro, forse Bonaventura per gli inserimenti. Certo, con il Simmonthal a menare le danze la vittoria finale era una formalità, ma bisogna anche accettare il fatto che pure i fuoriclasse epocali si possono infortunare, è successo a Pelè, a Cruijff, a Zico, purtroppo a sto giro è toccata a Montolivo.

    RispondiElimina
  45. No, non paccottiglia, quella l'abbiamo portata: gente da batterci l'Uruguay, gente nei ruoli in buona parte migliore di quella che mediamente hanno Uruguay e Costarica. Tu, Deyna, adesso difendi indirettamente il Branda per gettar merda su tutto il calcio italiano indistintamente. Non siamo più grandi, ma ai quarti ci saremmo arrivati, coi migliori convocati e con un allenatore. E quando arriviamo ai quarti spesso arriviamo anche alle semifinali. Il resto, Deyna, è polemica spicciola che lascia il tempo che trova. Goditi l'eliminazione dell'Italia e il gran gioco dell'Argentina ed evita rigiri che mostrano facilmente la corda.

    RispondiElimina
  46. Uno che cammina non può subire una metamorfosi in 20 giorni, suvvia...L'unica condizione in cui poteva risultare ciononostante decisivo era come punta di diamante di un'italia che schiaccia gli avversari nella loro metà campo, con la possibilità di liberarsi spesso al tiro correndo poco, ma siamo nella fantascienza. I giocatori citati li abbiamo visti e rivisti in azzurro, e han sempre fatto come gli altri, chi più, chi meno. Addirittura c'è chi arriva a rimpiangere Pasqual, dimenticando le buche che fa dalla sua parte...

    RispondiElimina
  47. E se assegni due punti esclamativi al Ciga, dimmene quanti ne assegni a Thiago Motta.

    RispondiElimina
  48. Gilardino e Diamanti sono gente di trent'anni passati. Criscito e Florenzi sono giocatori senz'altro seri, ma che tecnicamente spostano niente. Il mio discorso li comprende tutti. A livello tecnico non sforniamo campioni dalla generazione dei Totti, dei Del Piero, dei Pirlo e dei Buffon. Qualche buon giocatore, forse, ma niente campioni. A livello di formazione c'è un buco enorme che risucchia tutti i talenti e li manda a "farsi le ossa" , se va bene, in serie B. La maggior parte dei giocatori che escono dalla primavera finiscono nella vecchia serie C, composta da squadre che spesso sono alla canna del gas prima di iniziare il campionato. In gironi danteschi dove non si cresce a livello tecnico e si viene dimenticati.
    Se Toni, grande punta, ma non certo Pelè, a 37 anni è vice capocannoniere, se Totti e Pirlo sono decisivi, nonostante un'autonomia limitata, se Berardi a 20 anni, dopo un campionato come quello passato, si ritrova ancora ai margini del calcio europeo, allora c'è un problema che bisogna rassegnarsi ad accettare. E bisogna trovare il modo per impedire che continui a far danni.

    RispondiElimina
  49. Thiago Motta, pur abbastanza bollito, vale pur sempre dalle due alle tre volte Cigarini, non per nulla uno gioca nel PSG, l'altro nell'Atalanta...Non difendo Prandelli, figuriamoci, è proprio il contesto che ha creato con la sua pavidità ad aver prodotto il disastro, ma non è che con altri uomini l'italia avrebbe fatto meglio, al massimo passava agli ottavi, ma con un colpo di culo poteva farlo anche ieri, non è questo il punto.

    RispondiElimina
  50. Pepito (che tu non pregi, peraltro) stava nella condizione di Cassano di oggi venti giorni fa, non si vede perché non dovesse salire di condizione: tecnicamente il tuo discorso è irrilevante. I miracoli li fa solo Suarez, perché non è italiano. I giocatori citati sono migliori di quegli altri. La tua notte oscura in cui tutte le vacche sono nere mira solo al discredito del nostro calcio, che non vale più tanto ma non vale certo l'eliminazione dal girone. Stai tranquillo, siamo fuori, le partite non si rigiocano.

    RispondiElimina
  51. Beh, per me è il contrario. Che giochi nel PSG mi fa una sega, io sto a quel che vedo e di lui ho sempre visto. E nulla mi fa se il Travy esalta il Ciga, non m'interessa la fedeltà a vecchie polemiche, l'attenzione maniacale a non smentirsi di un ette.

    RispondiElimina
  52. Gila è finito ma Diamanti fa una sega se ha trent'anni passati, Pirlo in bollitura ne ha 35 ma a parte me non ho letto di nessuno che volesse escluderlo contro l'Uruguay, in partita che sapevamo sarebbe stata per lui un massacro. Criscito sposta e come, se infortunato De Sciglio perdi col Costarica anche perché non c'è lui. Florenzi sposta se schieri di peggio. Totti non è stato chiamato, inutile allora citarlo.

    RispondiElimina
  53. Ma l'hai vista la fase difensiva di Cigarini? E' talmente inetto che deve ricorrere a falli da espulsione eclatanti, compreso quello che gli costò il rosso a Firenze. Motta non corre più da anni, ora nemmeno si inserisce in avanti, ma se c'è da gestire una partita è senz'altro più utile di Cigarini. Con Motta Mourinho ci ha "vinto" una CL, il PSG dei campioni ci fa affidamento...Ma ti pare che Cigarini abbia la personalità per emergere dalla mediocrità di squadra, quando messo in una squadra che non sia provincia profonda [cfr. Napoli, Siviglia] affonda? A un Mondiale?

    RispondiElimina
  54. stefano vienna25 giugno 2014 12:04

    Ma perchè le altre squadre non hanno trentenni in campo? Rafa Marquez ne parlavamo ieri. Jones. Quelli che non devono andare ai mondiali sono i ventenni di belle speranze, o sono campioni segnati dalla nascita (come quello della Colombia) oppure a farsi le ossa a casa. Lasciare a casa un Gilardino -che mai ho amato, ma che si è allenato seriamente per vent'anni- per portare Immobile o addirittura Insigne è contro natura, una forma di incesto morale.

    RispondiElimina
  55. Non è che non lo pregio - sano, Rossi vale più di tutta la rosa d'attacco dell'italia messa assieme, e lo considero al 5° posto, all'incirca, tra le seconde punte giocanti in Europa - è che lo puoi anche portare in Brasile sperando che nel frattempo cresca di condizione, ma sono mosse disperate, con probabilità di riuscita sotto al 10%, se il giocatore cammina. Poi ci ha già pensato Montella a spremerlo, coi risultati prevedibili che abbiamo visto, o che volevi, si rompesse un'altra volta? Mica eran partite balneari di fine stagione, ai Mondiali son botte!

    RispondiElimina
  56. stefano vienna25 giugno 2014 12:07

    Gente seria Deyna, nel calcio contano, non mi dire che avresti portato Insigne, Immobile, Cassano, Parolo fossi stato CT della Nazionale -anzi forse sì, per far vincere l'Argentina :-) Non si tratta di assenti che hanno ragione, qui ci sarebbe da denunciare Prandelli per incompetenza e nepotismo, altro che cazzi.

    RispondiElimina
  57. stefano vienna25 giugno 2014 12:12

    Dai, Deyna, venti minuti col Costarica e pareggiavi. Rossi serviva eccome, poi meglio così, pure Aquilani non ha mai giocato, c'è andata di lusso. Cuadrado che lo rivendiamo a 60, Rebic che ha fatto capire che Montella è in stato confusionale, affetto da un attacco di prandellite acuta l'anno scorso, speriamo non diventi cronica.

    RispondiElimina
  58. Un esempio: se Prandelli avesse portato Gilardino o Toni, escludendo Immobile, oggi sarebbero tutti a criticarlo perché ha lasciato a casa un giovane capocannoniere del campionato, per portare due vecchi [criticarlo, sì, perché con ogni probabilità il risultato sarebbe stato lo stesso].

    RispondiElimina
  59. Io faccio un discorso generale e voi mi rispondete sulle convocazioni.
    Io parlo di una generazione che non ha prodotto nessun giocatore di livello internazionale e se dico una cazzata, vi invito a fare i nomi.
    Questo mondiale sta dimostrando che la differenza la stanno facendo le individualità, gente come Robben, Messi, Rodriguez, Cuadrado, Benzema, Neymar, Hazard e compagnia cantante. Ora vi chiedo: chi c'è in questo paese che possa essere messo a livello di questa gente?

    RispondiElimina
  60. E la Spagna allora? Le motivazioni sono tutto, ma ci sarebbe voluto un allenatore capace di darle, e giocatori in grado di recepirle e farle loro. Anche ammesso che gli assenti citati fossero più grintosi e concentrati, son pur sempre mediocri a livello internazionale, anche con un altro allenatore...Il calcio italiano attuale non vale forse l'eliminazione al primo turno [ma è accaduto negli ultimi due Mondiali, colpa solo degli allenatori?], ma nemmeno oltre un ottavo di finale, facciamo pure un quarto con arbitri e culo. Cambia molto? Le condizioni sono queste, inutile fare fantacalcio, e la mediocrità comprende anche gli allenatori. L'unico potrebbe essere Spalletti, anche se da vedere in un contesto non di club, con pochi allenamenti a disposizione per plasmare una squadra sul suo gioco.

    RispondiElimina
  61. Rimango convinto che anche quelli convocati, senza recriminare sui non portati, erano necessari e sufficienti per passare il girone, secondo me il problema è stato di condizione e utilizzo, non puoi cambiare tre moduli, invertire o snaturare giocatori per passare da guru, devi farli giocare secondo caratteristiche e capacità e sfruttarli al meglio quanto a condizione. E' mancato tutto questo, non cambiava niente con Rossi, Criscito, Toni, Florenzi, Totti..........ha sbagliato tutto il possibile poi i giocatori hanno fatto il resto. Normali le dimissioni, normale il ricambio che ci attende, normale prendere un ct che non vada in malora sotto pressione.

    RispondiElimina
  62. Stefano, allora, io bypasso tutto il discorso su Prandelli, perché ormai ha poco senso parlarne. Non me ne frega più un cazzo parlare di chi poteva giocare o chi non è venuto, o come potevano essere messi in campo. Io faccio una riflessione su di un periodo di povertà tecnica generale che non abbiamo MAI conosciuto. Perché anche nei mondiali più fallimentari del passato si potevano intravedere individualità con potenziale per poter giocare a certi livelli, mentre oggi stiamo parlando di Gilardino e Criscito, perdio!
    Sono discorsi da balera? E Sticazzi?
    La Grecia non ha prodotto nessun campione, come il Costarica o il Messico, ma quelle sono squadre, federazioni e tifosi coscienti di questo e che si comportano di conseguenza, non ammantandosi di una presunta superiorità tecnica che non c'è.

    RispondiElimina
  63. Il punto da cui partire è questo: non abbiamo giocatori italiani tali da poter vincere il Mondiale, ma nemmeno siamo messi così male da uscire al primo turno giocando da schifo.
    In questo Mondiale io speravo essenzialmente di evitare figure di merda, e quindi speravo di arrivare agli ottavi o anche ai quarti, in fondo non ci voleva molto, invece abbiamo disputato il peggior Mondiale della nostra storia (ha ragione l'amica di Stefano, peggio ancora di quattro anni fa).
    Comunque, le convocazioni sono state insensate:
    1) in attacco ha portato solo due attaccanti di ruolo, poi una serie di ali-trequartisti-seconde punte, peraltro non utilizzate o mal utilizzate; tra Cassano e Insigne al massimo ne si poteva portare uno (secondo me Insigne), poi ci voleva un'altra punta: lasciando perdere il discorso di Pepito Rossi, uno fra Destro, Osvaldo, Gila o chi cazzo volete voi lo si doveva portare;ancora: se porti un sacco di attaccanti esterni, poi usali, cazzo! L'idea luddesca del tridente Cerci-Balotelli-Insigne non era affatto male, con due giocatori veloci che creano superiorità, se invece giochi con una sola punta è chiaro che finisci col non tirare in porta;
    2) a centrocampo ha portato solo centrocampisti centrali e interni, salvo Candreva, per cui si è intruppato il centrocampo con interni lenti che si pestavano i piedi e non si inserivano; se torniamo al discorso del modulo con unica punta, lo puoi fare se hai centrocampisti che si inseriscono e/o che agiscono sulla fascia (la Lazio di Eriksson che vinse lo scudetto spesso usava una punta sola, ma aveva un centrocampo con Veron, Simeone, Nedved, Stankovic e Conceicao; la stessa Fiorentina di Prandelli, quando usava Toni unica punta inserendo lo scandaloso Pazienza, almeno aveva Fiore e Jorgensen), non se metti accanto a Pirlo Thiago Motta e Marchisio insieme a due terzini;
    3) in difesa è vero non è che ci fosse granché di meglio, ma comunque un Astori è meno peggio di Paletta e un Criscito è meglio di quelli che si è portato; tra l'altro ha portato tre terzini destri, al massimo ambidestri, e nessun terzino sinistro.

    RispondiElimina
  64. Sono con Foco.Se oggi l'unico pseudo fuoriclasse che abbiamo è Pirlo,c'è da stare poco allegri(o felicissimi se si pensa come Deyna)

    RispondiElimina
  65. Rimane il fatto,che oltre alle convocazioni ed agli evidenti errori di Prandelli,che noi si camminava.E non può essere solo per il clima.Qua ci sarebbe da chiedersi che cazzo di preparazione hanno fatto;perchè per merde che possano essere i giocatori,e per quanto incompetente possa essere l'allenatore,non è ammissibile vedere camminare,oltretutto con la lingua di fuori,TUTTI i giocatori.

    RispondiElimina
  66. Foco, hai ragione, ma ci vuole un CT che almeno faccia giocare la squadra come può ed eviti figure di merda come quelle che abbiamo fatto.
    Voi vi rendete conto che ieri, in tutta la partita, abbiamo fatto un solo tiro in porta, con Pirlo, da 35 metri?

    RispondiElimina
  67. I terzini sinistri - mancini, dico - in italia non esistono, pare, a meno di non chiamare Pasqual o altri minori. Santon stesso è destro, di piede

    RispondiElimina
  68. 'Il segreto della Casetta Manaus'. C'entravano e tutti nudi...un'idea me la son fatta, ahahahahah!

    RispondiElimina
  69. ahaha,questa m'ha fatto ridere

    RispondiElimina
  70. Cmq FOCO indirettamente ti stanno dando ragione.Perchè se ci si rammarica delle mancate convocazioni(anche a ragione) dei vari Gila,Toni,Cigarini,Maggio etc etc,vuol dire che l'italico calcio è alla frutta,mai stato così carente di buoni giocatori

    RispondiElimina
  71. Dopo le magre nelle coppe europee, arriva la certificazione Iso- 9000 dello stato comatoso dell'Italia. Eravamo in stato vegetativo ma a quanto pare in Federazione di numeri e statistiche frega nulla a nessuno; dal 2006 la nazionale di Prandelli non ha vinto neanche la metà delle partite disputate ( si assesta intorno al 47%). Cosa cazzo stiamo discutendo? Siamo arrivati al Mondiale con una striscia di non-vittorie fermata a 7 (o 8 se non sbaglio) contro una squadra di club brasiliana. Cambiati, negli anni, interpreti, moduli, schemi ma non é mai cambiata la sostanza. Selezionatori silurati per molto meno, in altri paesi.
    Giornali italiani che pompano giocatori normali come stelle di caratura mondiale (quando poi c'é finalmente il mondiale la stella si spegne), il Ct che ha un "passi" per qualsiasi situazione scabrosa, codice etico diventato nemesi (Chiellini picchió, Chiellini picchiato).

    RispondiElimina
  72. Comunque spero in una finale Argentina-Brasile - una fiesta del calcio - ma temo Germania e Olanda.

    RispondiElimina
  73. stefano vienna25 giugno 2014 13:17

    No, a quanto pare non se ne rendono conto.

    RispondiElimina
  74. Ieri mi è mancato solo di giocare il 'morso' di Suarez. Dopo un cavallo a 50/1 e la sconfitta dei Pavidelli-Boy avrei fatto l'en plein! Intanto stamani ho fatto il giro dei punti-Bar per riscuotere tanti, tanti 'T'avevi ragione', che giocavo inutilmente da molti anni. I rimanenti attestati iersera tramite sms. Meglio tardi che mai. Come si dice in certe, ahimè purtroppo infauste occasioni: non cerco vendetta, ma Giustizia. E ora basta con questo tipo (che si sente criticato come un Partito, ahahah, roba da Tetti Rossi), incapace, presuntuoso e chi più ne ha ne metta. E dire che ha fatto sempre di tutto, con parole, opere, sostituzioni ed estromissioni per dimostrare quello che è. Fine della storia.

    RispondiElimina
  75. Per me fa parte della categoria "altri minori", anche se un po' meglio di De Sciglio e Darmian messi a sinistra forse avrebbe potuto fare. Nelle ultime partite disputate con la maglia azzurra, però, me lo ricordo fatto a fette...

    RispondiElimina
  76. stefano vienna25 giugno 2014 13:39

    Comunque ieri con Candreva e Cerci al posto di Immobile e Marchisio si sarebbe passato il turno.

    RispondiElimina
  77. stefano vienna25 giugno 2014 13:47

    Santon, Criscito, Astori, Florenzi sono quattro che avrei portato senza nemmeno pensarci. Ci penserà Spalletti oppure Roby.

    RispondiElimina
  78. Intanto tutte le squadre che annoverano nazionali attuali e probabili in futuro tirano un sospiro di sollievo. I minacciati 'Stages Azzurri' non si terranno più. Solo Balotelli non ne è contento, ahahahah!

    RispondiElimina
  79. Santon, Criscito, Astori...li avrei portati anch'io, ma la differenza che fanno è minima. Candreva e Cerci col Costarica han fatto pena, non vedo come potessero trasformare la partita dell'italia. O meglio, se sono in giornata possono anche farlo, parzialmente, ma viste le loro lune una previsione è impossibile. Trattasi di mezzi giocatori, con qualche qualità e millanta difetti, ininfluenti a livello internazionale. Un po' meglio a quei livelli Diamanti, ma insomma, siam lì.

    RispondiElimina
  80. Mai più Manhausen!

    RispondiElimina
  81. Ma Prandelli che faceva l'agit prop del dinamico Renzi, e la stampa servile che si accodava paragonando la spinta propositiva e la voglia di cambiamento dei due? Fossi in Renzi mi toccherei i pendenti...

    RispondiElimina
  82. Quanto tempo per scoprire un bluff? 56 partite. Fidarsi dello staff allargato (molto) di Prandelli é stato scontato già in preparazione pre-Brasile a Coverciano, in Brasile poi, l'apoteosi. Alla faccia della miseria dell'Italia e del nostro calcio, in crisi di idee e di risultati.
    Cotti dal clima, sparati nello spazio da Costarica e Uruguay.
    Sensori, microchip,professori, preparatori, test medici e chi più ne ha più ne metta. Massima attenzione ai particolari, eh eh eh eh eh.....Per andare via subito dal torneo, oserei dire. Tecnologia e altro, ritiro con famiglie nel resort...Prossima volta meglio risparmiare euro e tempo.
    Tanto poi quando si perde, da noi, é sempre colpa dell'arbitro; io non ho visto Rodriguez più incisivo di Moreno. Non é così, anche se il messicano,dopo aver negato il rigore su Cavani e risparmiato un rosso a Bonucci (conseguenzale) é stato severo con Marchisio.
    La nazionale é uscita, incapace di sfruttare il vantaggio di due risultai su tre; incapace di sfruttare un prudente 3-5-2 con il blocco Juve (blocco di cosa? In campo internazionale le prendono ovunque!). Lettura della gara? Semplice: Buffon migliore in campo, peggiore il ct per aver sbagliato i convocati e le sostituzioni; a Natal due tiri in porta, di Pirlo,uno all'inizio uno alla fine. Tutto qua? Flop le due punte perché sono semplici comparse non campioni; Balotelli nevrastenico e Immobile birillo solitario. Al posto di Baltelli...Parolo! Inutile e modesto, in quel contesto. Poi Cassano,mèche cammina come al solito. Come se ci facesse un piacere a stare in campo.
    Sempre in vista e tre su tre per Motta; italobrasiliano e quindi oriundo come l'italoargentino Paletta. Quindi i nostri giovani valgono poco. Basta guardare Verratti, il più bravo dopo Buffon. Verratti: gioca all'estero (Psg, mica Valladolid o Lilla) perché nessuno lo ha voluto in Italia, nessuno ha investito su di lui. A Prandelli non é mai piaciuto molto. Dal Psg forse andrà al Real Madrid. Il Real Madris, primo club del pianeta. La storia, però, siamo noi.
    (FOCO, sono con te. In toto.
    Stay hungry, stay Suarez.

    RispondiElimina
  83. "Eppure ho recitato tutti i giorni i 20 Misteri del Rosario, cosa c'è che non ha funzionato?"

    RispondiElimina
  84. Io, da sempre, ricordo una struttura del calcio giovanile come quella odierna. Magari Jordan, o anche il Colonnello, possono spiegarmi se qualcosa è cambiato in cinquant'anni oppure no.
    Qualche settimana fa ho avuto uno screzio ( chiamiamolo così) con l'allenatore di mio nipote ( 10 anni) che pretendeva la trappola del fuorigioco dai ragazzini e li rimproverava se provavano un colpo di tacco. Poi, per non farmi mancare niente, sono quasi arrivato allo scontro con qualche genitore di tutte e due le squadre in campo che non lesinavano insulti ai loro stessi figli ad ogni gol subito, lamentandosi che non vincevano mai niente. In compenso ai ragazzini compravano scarpini all'ultima moda e permettevano creste da moicano.
    Sarò retorico, ma mi sembra che sia sia persa ,a tutti i livelli, l'essenza di questo gioco, che è puramente costituita dalla padronanza tecnica che nasce dal piacere ludico.
    Mi sfugge il momento in cui la tecnica è passata in secondo piano. Totti, Del Piero, Pirlo, Buffon, ovvero i nostri ultimi fuoriclasse, hanno tutti debuttato nel professionismo sotto i diciotto anni, è possibile che in un periodo dove la crisi economica dei nostri club dovrebbe spingere verso quella direzione, manchi il coraggio di far giocare i migliori prospetti?

    RispondiElimina
  85. Gli Uruguayani hanno rovinato le lussuose vacanze, a carico nostro, di diverse famiglie italiane: spending review inaspettata. Ma tutti sanno di chi è il merito, anche se questi fa il modesto e nega, per ora. Temo una pericolosa cazzata di Renzi in un prossimo futuro. SOPRA, nel caso, sei pronto ad accogliermi?Ahahahahah!

    RispondiElimina
  86. Foco, abito davanti al Campo Sportivo del paese, non vado alle partite, ma quando ci sono i ragazzini sento un incessante urlare dei cosiddetti allenatori. Non si chetano per tutto l'arco dell'incontro, al ché chiudo le finestre per non sentire. Proprio ieri un Dirigente mi ha chiesto se volevo entrare a far parte della Società (mi ha ascoltato mentre stavo parlando ...immaginati di chi! ahahahah): nel rifiutare gli ho appunto portato ad esempio questo particolare. Non ho giocato molto a calcio per vari motivi, ma mi fossi trovato nella situazione che ha preso purtroppo campo in questi ultimi anni, avrei smesso anche prima.

    RispondiElimina
  87. Ahahahahahah!

    RispondiElimina
  88. Troppo alte le mani, è stato recepito come il 'Ballo di Simone'!

    RispondiElimina
  89. Stefano Vienna25 giugno 2014 15:03

    Pena Cerci? Ha giocato 10 minuti In un contesto che certo non esaltava le sue caratteristiche. Candreva unico giocatore che ha fatto una giocata decente in 270 minuti. Sei prevenuto dai, un allenatore decente questo mancava.

    RispondiElimina
  90. Stefano vienna25 giugno 2014 15:06

    Io sono pessimista al quadrato, Renzi e' il meno peggio, fidati. E comunque forza Colombia!

    RispondiElimina
  91. Stefano armandi25 giugno 2014 15:07

    Figurati, non fidati,

    RispondiElimina
  92. Stefano ViennaA25 giugno 2014 15:09

    E comunque avremmo visto un altro spirito

    RispondiElimina
  93. Concordo, forse mi sono spiegato male. Vamos!

    RispondiElimina
  94. Foco io credo che manchi proprio quello, la spontaneità del gesto che è nel DNA ma che si esercita soprattutto nel calcio libero dei campini e delle palle di cencio che c'era ai nostri tempi e che, da noi, non esiste più. Ora cominciano a rompere i coglioni con le tattiche ai bambini di dieci anni. Esiste ancora qui in Brasile dove giocano sulle spiagge e nei vicoli con qualunque cosa ruzzoli, esiste in Africa, ma nei cosiddetti paesi industrializzati non c'è più. Perchè allora l'Olanda vince? Perchè loro sanno supplire a questa mancanza con un'organizzazione seria. Sarai stato ad Amsterdam ed avrai visto che strutture hanno. Ci andai a fare un torneo estivo con mio figlio una ventina d'anni fa e rimasi impressionato. Oltre al fatto che il calcio è soprattutto un business e le grosse squadre non hanno tempo nè voglia di rischiare per allevare piantine. Qui non si trascurano solo i nostri, ma anche quelli bravini che si piglian di fori e che si pagano fior di quattrini come Rebic

    RispondiElimina
  95. E' un fatto culturale, si stroncano la spontaneità e la creatività fin sul nascere, ed è [anche] per questo che preferisco l'Argentina, il Brasile, e in genere il Sudamerica tutto, pur con i loro altri difetti...

    RispondiElimina
  96. GONFIANTINI...Prandelli va su Vanity Fair e sconta la vanità sua e dei suoi giocatori! "non rubo soldi agli italiani"? L'Italia é l'unica che ha i baracconi da portare in giro, "casa-Italia", major sponsor, staff su staff ma si porta dietro l'ennesimo morto per una partita, stadi fatiscenti, settore giovanile allo sbando, club in bolletta e attaccati alla presa con la spina alla presa-Pay-tv. Lo sbandierato gruppo dov'era? Dissolto prima di iniziare. Balotelli solo davanti alle difese e oggi, scopriamo, solo nello spogliatoio. Tutte negatività trasmesse da Cesare alla squadra. "Ah, ha dato le dimissioni, dimostra di essere un uomo", ma cosa? Illude Rossi e non lo porta, convoca Cassano per fargli fare-ieri- la punta, si fa imporre(ieri) la difesa a tre. Prandelli non aveva idee, sin dalla partita con il Lussemburgo.
    Renzi? Eccone un altro. Ha chiesto 1.000 giorni. Traduco: tre anni. Prandelli 2 la vendetta!! Ancora attendiamo una riforma tangibile per il comune mortale. Per ora sblocco-Tav (denaro a chi ha già denaro), finta di non conoscere Orsoni (infingardo), posti di lavoro o facilitazione (da piccolo imprenditore) ancora non ne vedo.
    Nazionale specchio del paese, paese specchio della nazionale di calcio.
    (Il più grande errore? Ripartire da Buffon, De Rossi, Pirlo. Fuori tutto e piano quadriennale).

    RispondiElimina
  97. stefano vienna25 giugno 2014 15:40

    Sopra, non so come la vedi tu, ma scaricare la colpa su Balotelli mi sembra veramente ridicolo. Da che pulpito poi, De Rossi? Era certo il modo migliore per scaricare la colpa, e su questo Prandelli è un maestro insuperato. Un secondo dopo la fine della partita sapeva già cosa dire e fare.

    RispondiElimina
  98. stefano vienna25 giugno 2014 16:02

    Dieci metri in fuorigioco e Immobile continuava a scattare come una lepre inseguita dai lupi. Ilarità allo stato puro, vi giuro, con il computer hanno fatto il fermo immagine dei difensori nel momento in cui Ciro il Grande entra in fuorigioco e lasciato muovere Immobile. Ha corso in avanti per altri cinque secondi. Ancora più divertente della scena patetica di Insigne che inciampa tre volte sul pallone con i difensori del Costarica che lo guardano attoniti chiedendosi che cazzo sta facendo questo pazzo.

    RispondiElimina
  99. stefano vienna25 giugno 2014 16:09

    Io a Buffon e De Rossi, preferisco Balo e zio Fester. Che pena!

    RispondiElimina
  100. La Juventus, ancora una volta, è l'emblema di un movimento vecchio e incapace di rinnovarsi. Ha in mano il giovane italiano più forte, Berardi, uno che a 19 anni ha fatto 16 gol in 29 partite in serie A, salvando la sua squadra, e lo lascia in prestito ( o lo vende) , cercando sul mercato gli scarti di qualche top club, con la speranza che questi scarti le permettano di batterli, i top club. Un cortocircuito fatto di stronzaggine e incompetenza che traccia il solco che tutti seguiranno ( noi a parte, speriamo). Berardi giocherà prima all'estero con la nazionale che con un club, probabilmente le partite decisive per qualificarsi per l'europeo.

    RispondiElimina
  101. Il nostro Bernardeschi mi ricorda in qualche gesto tecnico Berardi...

    RispondiElimina
  102. Sono mancini che preferiscono partire da destra tutti e due. Berardi è più rapido e anche con qualche colpo in più, ma Bernardeschi è più intelligente e meno fumino. L'ho seguito con curiosità nel Crotone e devo dire che, oltre alla classe, mi ha sorpreso la tranquillità e la sicurezza che aveva e che infondeva ai compagni.

    RispondiElimina
  103. Esatto, sembra così anche a me...

    RispondiElimina
  104. "I brasiliani avevano paura di noi. Dopo un minuto Zizinho superò in dribbling Gambetta e andò sul fondo a crossare. Andai dal mio compagno mostrandogli i pugni. Poco più tardi lo stesso Zizinho tentò di fare il bis. Gambetta fece un'entrata da matto e il povero brasiliano finì diversi metri oltre la linea del fallo laterale ricadendo a terra con un pacco flaccido. L'arbitro fischiò il fallo e Gambetta andò verso Zizinho per aiutarlo a rimettersi in piedi. Con i gesti sembrava chiedergli scusa. Con la voce gli sussurrò all'orecchio: la prossima vez te mato... e il brasiliano da quel momento ha cominciato a liberarsi subito della palla per evitare ogni contatto. Era pauroso. Uno così non poteva diventare campione del mondo. No che non poteva". (Obdulio 'El Negro Jefe' Varela, capitano Uruguay 1950)

    RispondiElimina
  105. stefano vienna25 giugno 2014 16:25

    Che Montella allora si svegli, più spazio ai giovani e più turnover (soprattutto in Europa League). Bernardeschi potrebbe fare il vice-Cuadrado (se rimane), Rebic il vice Rossi, ma spesso, non due volte l'anno. Babacar a me non convince. A centrocampo, come detto, rinunciare qualche volta a Valero e più incisività grazie ad un acquisto mirato (Florenzi non mi entusiasma a certe cifre, ma un centrocampista con caratteristiche simili ci serve). Pizarro e Aquilani a turno playmaker.

    RispondiElimina
  106. Bernardeschi e Rebic dietro a Cuadrado e Rossi ci possono stare, se con la prospettiva di giocare parecchio. Bernardeschi però è molto meno abile in copertura di Cuadrado, bisogna vedere il modulo. Rebic stesso rende al massimo solo se parte da lontano sulla sinistra, per ora, mentre Pepito ha un raggio d'azione diverso. Babacar è meglio vada a giocare, troppi giovani sono un azzardo. Come vice Valero prenderei Canteros, e darei l'assalto a Clasie, da alternarsi col Pek. Se c'è chi lo paga, Aquilani lo darei via, per i problemi legati a stipendio [Della Valle vuole abbassarli], età, e una storia di infortuni. Poi cercherei un interdittore di qualità. Cassa la farei con Savic e Ilicic.

    RispondiElimina
  107. Obdulio!
    Hai letto - immagino - il capitolo su Obdulio Varela in "F§tbol" di Osvaldo Soriano.

    RispondiElimina
  108. Claro!
    Una rivelazione come narratore di calcio per me è stato Valdano, non me lo sarei aspettato...

    RispondiElimina
  109. stefano vienna25 giugno 2014 16:38

    La vedo così anche io suppergiù, il problema rimane farlo capire a Montella. I giovani se buoni devono giocare anche più spesso di quello che si meritano al momento -ovvero anche rischiando che ti facciano perdere qualche punto. Sul centrocampo io sono al momento molto scettico, per me bisogna ripensarlo, sui singoli non saprei, Clasie e Canteros non li conosco bene.

    RispondiElimina
  110. Non ho mai letto nulla di Valdano... cosa ha scritto?

    RispondiElimina
  111. Un altro bel libro sul calcio (sul calcio brasiliano, per essere esatti) è "Futebol" dell'inglese Alex Bellos.

    RispondiElimina
  112. Ovviamente non è assolutamente al livello di Soriano, ma è comunque ben fatto

    RispondiElimina
  113. Assolutamente d'accordo...

    RispondiElimina
  114. E' proprio il caso di dire: 'Accidenti a i' meglio!'

    RispondiElimina
  115. Un portiere Buffone, un centrocampista Pirlo, un attaccante Immobile...altro che libro...

    RispondiElimina
  116. stefano vienna25 giugno 2014 17:50

    Il vero pirla è Marchisio, ma figurati se gli fanno il processo mediatico che si meriterebbe.

    RispondiElimina
  117. stefano vienna25 giugno 2014 17:53

    Dopo tutto quello che ha passato col Giubba, Dainelli dimostra di essere un signore.

    http://www.violanews.com/altre-news/dainelli-decisione-di-prandelli-comprensibile-20140625/

    RispondiElimina
  118. Fiorentinanews.it....alle h.16.31 sono stato citato................!

    RispondiElimina
  119. StefanoVienna, il fallo di Marchisio non è molto diverso da quello di Rebíc (ugualmente espulso).

    RispondiElimina
  120. Io ho letto "Sueños de fútbol", ma credo ne abbia scritti altri, non so se editi in italia.

    RispondiElimina
  121. Messi regna. Argentina in lenta [molto lenta...] crescita, ma con un Leo così tutto è possibile. Spero che Aguero non si sia fatto nulla di serio, altrimenti Sabella finisce sùbito sotto processo per l'esclusione di Tevez, e giustamente. Dilagante Di Maria, credo abbia dieci polmoni...Soliti problemi difensivi.

    RispondiElimina
  122. Grazie, ma tu li leggi in spagnolo...

    RispondiElimina
  123. Ahah no, in questo caso in italiano, mi pare si intitoli "Il sogno di Futbolandia"

    RispondiElimina
  124. E con l'Iran completo l'en plein di figure di merda. Adesso posso confessarvelo, sono un troll che odia il calcio e che non ci capisce una mazza. Il mio sport preferito è il curling.

    RispondiElimina
  125. I non pavidi giocano col Pocho, Leo e Higuain, Di Maria........eppure basta poco a volte per non passare da fessi.

    RispondiElimina
  126. stefano vienna25 giugno 2014 19:58

    Ma Rebic non ha compromesso un bel niente, era supermotivato, voleva fare un gol. Buon segno.

    RispondiElimina
  127. È cominciata adesso a "sfide" su Rai sport1 la storia di Maradona.

    RispondiElimina
  128. Comunque l'obiettivo di evitare il Brasile ai quarti è stato raggiunto. Via, vediamoci un po' di Francia

    RispondiElimina
  129. Caressa a Bergomi: "ANDIAMO A VIAREGGIO, BEPPE, ANDIAMO A VIAREGGIO!"

    RispondiElimina
  130. Ahahah, ma...tutto lì? Non sento il dovuto entusiasmo!

    RispondiElimina
  131. Il cielo è marrone, sopra Natal!

    RispondiElimina
  132. Deyna una discreta caduta di stile quella che ho letto sul sitone. Non sei obbiettivo e questo tuo disamore, cantato ai quattro venti, verso l'italianità ti si ritorce contro. Se arrivi a scrivere bufale su rigori non concessi o "presunti" morsi fai negazionismo di bassa lena, sfiori il puerile, va bene l'argentina, va bene il sud america ma se ti estranei dalla realtà rischi di vestire panni coi quali devi fare i conti in futuro, e senza dover scrivere di calcio.

    RispondiElimina
  133. I rigori non concessi contro l'italia a me sembrano solari, perfino il tifosissimo Colonnello ne conviene. Quello per l'Iran contro l'Argentina ho scritto che c'era, anche se non così eclatante come dicono. Il morso di Suarez viene dato per certo data la storia del soggetto e il movimento della testa, ma io filmati o foto che testimonino l'affondare dei denti non ne ho visti...Chiellini fa troppo schifo anche a toccarlo con i guanti, altrimenti avrebbero già fatto la prova del DNA! Più che altro sottolineavo comunque che è inutile puntare il dito sull'arbitraggio, quando ha sorvolato sul rigore su Cavani, sulla conseguente espulsione, e sulla gomitata di Chiellini in reazione a Suarez [per tacere delle altre].

    RispondiElimina
  134. Ci sono foto e filmati che non vuoi vedere, ci sono decine di testate giornalistiche che ne confermano la recidiva, e visto il soggetto manco ci sarebbe da dubitarne. Giudicare il fallo di Marchisio da espulsione diretta può succedere solo alla tua televisione, come quello di Zola nel '94, stessa dinamica, a noi ci danno rossi diretti, agli altri "non vedono"; c'è voluta una testata a palla lontana per vedere espulso un giocatore contro di noi, ed ometto la Corea per buon gusto altrimenti non sapresti dove andare a parare. Non ami l'Italia, problema tuo che ci sei nato, cambia nazionalità o chiedi asilo politico, la "tua" argentina di mondiali onesti ne ha vinti UNO (1), nell'86, nel '78 se non lo vinceva diventava una succursale inglese altro che Falkland, solo che erano inglesi pieni di oriundi italiani e spagnoli. Negare l'evidenza non depone alla tua intelligenza, e sensibilità che pure ti è stata riconosciuta più volte, anche qui, ma a tutto ci dev'essere un limite, inventarsi situazioni che non accadono o negarne altre che sono solari ed evidenti per il mondo intero è un giochino idiota al quale non do il la ma neanche voglio esserne partecipe. L'Italia ha fatto schifo, è casa giustamente, andare a cercare favori, nettamente inferiori agli sfavori no, m'incazzo, giudico la spedizione negativamente e non assolvo nessuno ma becchi e bastonati no! Tifa chi ti pare ma evita di parlare di un paese e una selezione che ti stanno sulle balle dato che non sei oggettivo, capzioso e fin troppo provocatore.

    RispondiElimina
  135. Ooooh, finalmente ti sei incazzato, ce n'è voluta, alla buon'ora! Scherzi a parte, l'espulsione di Marchisio è sacrosanta, compagni e stampa dovrebbero avercela con lui e non con Balotelli, ma lui è signorile e veste bene, si sa. Se non è da espulsione un'entrata coi tacchetti sul ginocchio dell'avversario [in stazione eretta], non so cos'altro lo possa essere....Il rigore su Cavani era solare mi sembra, e di conseguenza l'espulsione del difensore. Mettiamo che Suarez abbia morso davvero - poi mi guarderò altri filmati, devo essere scarso nella ricerca - Chiellini era altrettanto da espulsione per fallo di reazione, poiché gli stampa un gomito in faccia [da qui Suarez che, magari enfatizzando, si tocca la bocca]. Scaricare la responsabilità della derrota italiana su arbitro e Balotelli è roba da Prandelli, De Rossi e Buffon qualsiasi, mica da te. Se l'Argentina uscirà giocando come sta giocando ora, mica andrò a cercare complotti nelle alte sfere per far vincere il Brasile, a meno di episodi clamorosi e indiscutibili!

    RispondiElimina
  136. Mi contengo nelle esternazioni perché qui siamo soli contro tutti e perché ho visto che urtano chi sente parecchio il patriottisimo, ma fidati che il godiNento è stato notevole!

    RispondiElimina
  137. Col gomito manco lo tocca, poi vorrei vedere se ti mordono l'istinto che movimento ti fa fare. Abbiamo avuto favori arbitrali in questa spedizione ?! Sei solo come il giapponese sull'isolotto. Quanto a scaricare le responsabilità su Balotelli è una logica conseguenza in chi l'ha voluto, difeso e schierato anche nell'impossibilità che rendesse al meglio. Prandelli si è dimesso in 2 nano secondi, Balotelli è un giocatore senza cervello, servito male quanto vuoi ma di rientrare e aiutare nei momenti di difficoltà non l'ha mai fatto in tre partite, ha responsabilità enormi, eccome. Che sia una TdC lo sanno anche in Cina, lui non fa niente per negarlo e le dichiarazioni di oggi lo certificano. Se l'argentina uscirà da questo mondiale sarà responsabilità solo di ella, così com'è stata quella dell'Italia, uscita con disonore. Tu però stai all'obbiettività come il codice etico a Prandelli.

    RispondiElimina
  138. Marchisio commette lo stesso fallo che già aveva portato all'espulsione di Rebíc. Stessa misura. Suarez sicuramente andava espulso, magari per giocare 10 contro 10, pareggiare e allungare l'agonia. L'ho scritto ieri: ridurre all'affaire-Suarez lo scempio della nazionale italiana di calcio significa screditarsi da soli. LEO, rischi di tenere il focus su qualcosa di vero ma che non aiuta la tua analisi, di fondo. Per caso sfioriamo la questione del peso politico che l'Italia ha perso da anni? Per osmosi andiamo a finire li. Marchisio paga (indirettamente, diciamo solo per noi...) anche l'impunitá della quale godono gli juventini.

    RispondiElimina
  139. Ma infatti Sopra, non assolvo nessuno, sono i numeri e il gioco offerto, le scelte, la condizione a pesare come macigni mica c'è bisogno di rincarare la dose......Quando si parla di fallimento su tutta la linea si da già un giudizio definitivo e demolente sull'intera spedizione, sulle aspettative, sui "sogni" che, in piccolo, questa selezione poteva confortare. Niente è andato per il verso, se possono aprircelo lo fanno e noi stavolta siamo stati passivi e senzienti, facile che gli offrissimo pure la pomata e l'antidolorifico ma si deve tirare un rigo senza polemici e inutili strascichi, è andata così. Peggio è impossibile fare, si sono dimessi tutti, si deve rifondare, a senso parlare di Marchisio o dei rigori dati o non dati ?! A me del morso importa il giusto ma non posso leggere che siamo stati sorretti da favori, che non devono esserci ma che se ci fossero stati saremmo stati noi a disputare l'ottavo.

    RispondiElimina
  140. Vita siamo italiani o no ?! Si critica se c'è da criticare ma non si deride il paese in cui viviamo, se lo si prende persino per il culo allora diamoci ad altro, mica ci costringe nessuno a viverci. Provocare apertamente può suscitare reazioni in chi, nonostante tutto, questo paese può amarlo. Se mi prende per il culo uno straniero è un conto, se lo fa uno che da italiano preferisce tifare altri colori il discorso cambia. Fallo, nessuno lo vieta, ma riporta gli accadimenti correttamente senza inventarti situazioni che alla fine dovevano pure favorirci. Il tutto per tirare merda, oltretutto, verso i meno responsabili della disfatta. Aiuti all'Italia non li ho mai visti, in nessun mondiale ma probabile sia la memoria a tradirmi.

    RispondiElimina
  141. Solo un flash: tuffo in area di Grosso contro l'Australia nel 2006, era rigore? L'italia andò avanti così, quando era dominata dagli australiani. Ma ancora non ho capito, Leo: per te ieri su Cavani non c'era fallo, e di conseguenza espulsione del difensore?

    RispondiElimina
  142. Ho visto non dare rigori peggiori. L'Australia che dominava gli italiani è altra cazzata non meritevole di risposta Deyna, te lo ripeto, ti squalifichi da solo.

    RispondiElimina
  143. Grosso non si tuffa oltretutto, stasera ci devono essere i fuochi dalle tue parti, i botti si sentono fin qui.

    RispondiElimina
  144. Leo non sono un anti-Italia in toto, nello sport ho sul gozzo solo l'anazionale di calcio al pari dei vari palazzi del calcio italiano, oltre a coloro a cui del calcio gl'importa una sega ma ogni 4 anni si svegliano per dirmi che IO DEVO tifare per l'Italia, perché "è aggregazione e bla bla bla...". Perché l'aggregazione deve esser per forza il mondiale di calcio? Solo perchè è l'evento più seguito in TV? Sticazzi, direi... e poi mi schifa abbastanza l'idea dell'aggregazione nel tifo calcistico con gente (gobbi, romanisti, milanisti, ecc.) con cui ci odiamo reciprocamente per 4 anni.
    E quando guardo eventi sportivi in cui la Fiorentina non è coinvolta, tendo sempre a simpatizzare per gli sfavoriti: stasera ad esempio ho sperato fino all'ultimo nell'Ecuador, che se fosse riuscito a trovare il golletto avrebbe scritto una bellissima pagina nella storia del calcio.

    RispondiElimina
  145. mitico ruttosport

    RispondiElimina
  146. ops non mi aveva caricato l'allegato

    RispondiElimina
  147. http://video.gazzetta.it/segna-godin-radiocronista-uruguaiano-perde-testa/926e67d0-fc76-11e3-a9d4-bbd3bb9963a7?zehtg=5&ak=199



    Bona! Ah ah ;)

    RispondiElimina
  148. Sopra nessuno dice che se avessero espulso Suarez come era sacrosanto fare non si sarebbe perso, solo che andava espulso. La gomitata di reazione di Chielliini la vede solo il filoargentino-uruguagio Deyna. Uno che viene preso a morsi sul collo che si divincoli mi sembra il meno che possa fare. Sul fallo da espulsione di Marchisio ci andrei cauto, non entra affatto a gamba tesa sul ginocchio ma caso mai ci si dà la spinta per girarsi e ripartire. Sembra indulgere un po' troppo al gesto per dare la pedatina idiota che giusitica il giallo e magari anche il rosso se si vuole essere severi, ma non è di certo fallo violento, caso mai fallo idiota. Che l'arbitro ci abbia penalizzato è indubbio e solo quelli che odiano l'Italia per motivi realmente abbastanza incomprensibili, come i cretini che hanno fatto i fochi sull'Arno, possono dire il contrario. Che poi il nostro calcio sia in una buca paurosa che abbiamo poco, mal scelto e mal messo in campo, che non abbiam fatto un goal in due partite e nemmeno un tiro in porta su azione nell'ultima è verita inconfutabile. Che quindi andar fuori nel girone essendo di sicuro peggio di almeno altre sedici squadre viste giocare, è cosa da non meravigliare, è altra cosa innegabile.

    RispondiElimina
  149. Fallo ci poteva anche essere (anche se si abbracciano tutti e due) espulsione non vedo perchè. Non era mica chiara occasione da rete a palla dominata.

    RispondiElimina
  150. No gli voleva dare un bacino sul collo ed è inciampato! Deyna ma ci pigli per il culo? Scommetti sul numero di giornate di squalifica che si piglia? Per me più di 4, poi se ne riparla.

    RispondiElimina