.

.

lunedì 2 giugno 2014

La vita é fatta a scale

Sfogli l'ultima pagina della favola e "borda" il lupo cattivo Prandelli si mangia Cappuccetto Rossi. E poi fa anche un bel rutto. Una favola rovinata, con il lupo cattivo che ci regala una Nazionale dove la squadra più rappresentata é il Pescara di Zeman. Insigne, Immobile e Verratti, con il primo che ha segnato la bellezza di 3 gol. Aveva ragione Don Diego quando a proposito di Cesare diceva "È un tipo lucido e con questa scusa cerca di farti le scarpe". Oggi tutti gli imputano quel suo discutibile codice etico, quel suo modo di porsi che fa tanto "prete", io no, voglio cogliere in lui tutto il buono che ha dentro e pensare che mi possa dare la forza per andare avanti, si, vorrei dirgli "Cesare non fermarti, continua a spingere". E a questo proposito Prandelli mi ricorda un amore della mia giovinezza, un'assatanata che non ne aveva mai abbastanza, erano le tre e mi pregava di spingere, alle quattro di spingere spingere fino all'alba quando pretendeva sempre di più e mi esortava ancora a spingere spingere spingere, fino a quando, stremato, la imploravo che non ce la facevo più e gli dicevo che tre ore di altalena erano una gran rottura di coglioni. Oggi sono molto deluso, mentre ieri sera non mi capacitavo della scelta di Prandelli, non portare ai mondiali il vice cannoniere mi era sembrato così innaturale che ho cominciato a vagare nel quartiere, senza meta, così, solo, di notte per la strada, poi un anziano mi ha consigliato di andare a casa, una donna é passata cercando di farmi forza, e addirittura un bambino mi ha preso per mano e mi ha accompagnato dentro a un bar. Certo, quando ho capito che in San Frediano nessuno si fa i cazzi suoi mi sono fatto consolare in altro modo, si, la mia passione vera sono sempre state le donne, e anche ieri sera solo una donna avrebbe potuto consolarmi. Giuseppe Rossi fuori dal mondiale poteva essere superato solo con l'aiuto di una donna. E così ho cercato di fare, l'ho invocata ripetutamente mentre il desiderio cresceva. "Donna ho bisogno di te, donna di qua, donna di là, donna di sopra, donna di sotto, le solite frasi opportunistiche di chi in quel momento non vorrebbe altro che fare "quello", l'unica insomma che mi avrebbe fatto superare lo shock per l'esclusione di Giuseppe. Ho ricominciato "Donna ti aspetto a mani aperte, donna fammi realizzare il mio sogno, donna ho quasi tutto adesso manchi solo tu. È stata un'altra cocente delusione, perché alla fine lei non é arrivata e io non ho fatto nemmeno Scala Reale.

92 commenti:

  1. Che Perdelli non ne azzeccasse una ce l'aveva già mostrato nei 5 osannati anni passati da noi dove con una rosa da secondo-terzo posto, juve in serie b e in disfacimento, ci allietava con quarti posti e veniva accolto come un naufrago ritornato a casa dopo 10 anni.
    Non portare Pepito c'ha disturbato; c'ha dato l'impressione del dispetto premeditato: lo porto nei 30, creo speranza ed attesa, lascio presagire che faccia il mondiale, e te lo infilo delicatamente nel posteriore. Tutto bene.
    La storia dei contrasti, poi, è qualcosa di ridicolo e che fomenta ancor di più l'idea della presa dei fondelli: pepito ha giocato le ultime 3 partite di campionato (segnando due gol e facendo un assist decisivo) contro sassuolo e torino indiavolate per la posizione di classifica e contro un livorno già condannato ma assolutamente risoluto a farcela pagare cara. I contrasti, li ha fatti tutti. Erano partite vere.
    Che poi abbia giocato male con l'itaglia è indubbio, ma le possibili riserve erano sulla condizione fisica e non la qualità, credo; o almeno, così si diceva.
    E casomai, avrebbe dovuto portarsi dietro destro, che è l'unico che in area di rigore può far valere il suo fiuto del gol. mah, va be'.
    ad ogni modo, pensavo di tifare quest'anno Colombia, ma non ne sono ancora certo. Voi che dite?

    Calciomercato: partendo dal presupposto che riscatterei cuadrado e lo terrei ancora un anno, in caso alternativo la cosa migliore sarebbe:
    - riscattarlo (13-15 mnl);
    - rivenderlo (a 35 mln ci riesci già adesso, i giornali possono scrivere quel che vogliono, ma se il barcellona vuole un giocatore copre la cifra richiesta e festa finita);
    - Menez a zero;
    - Bonaventura (mi piace, ma 10 mln mi sembrano tantini davvero: credo che a 7 più Wolski in prestito possa arrivare);
    - Cagnaccio di centrocampo;
    - Terzini dx e sx;
    - Centrale di difesa (mi accontento anche di un equipollente di savic ma più rapido, per alternarli);
    - Rinnovi pizarro, aquilani, neto.
    - Prestiti Bernardeschi, Rebic, Babacar (crede sul serio che vogliano privarsene subito senza dargli prima una possibilità in A? quest'ipotesi mi spaventa).
    - varie cessioni (commper, tomovic, esuberi vari, romulo, de silvestri, cassani, alonso).

    RispondiElimina
  2. colonel.blimp2 giugno 2014 09:41

    Bene Pendelluft, vedo che aumenta il numero dei cedenti Cuadrado (campione indubbiamente, lo sostengo dal primo giorno, da quando Beberri l'Anormale e la budellona lo pigliavano per il culo con giudizi affini a quelli che avevano riservayo a Cerci: ma la cazzata durò poco, in quel caso)! Su Giubboia, che aggiungere? Godo come un riccio del suo discredito, io che da solo, tra due siti, sfondai negli anni il podice a una banda di mentecatti che in nome suo credevano di demolire la Sacra Viola. Pizarro può non esser rinnovato, cedere sia Bernardeschi sia Babà sia Rebic in prestito lo fai con altre casse che quelle della Fiorentina, che non ha di che comprarsi attaccanti il prossimo anno, visto che ha un nazionale croato, un fenomenino di rientro e un Balo bis: se Montella non li vede, largo a LUCIANO. Menez è un fumista, lenticchio peraltro, di cagnacci abbiamo fatto il pieno a centrocampo, qua sul sitollock c'è qualcuno che ci sbrodola sopra, poi quelli scahano per sei mesi e più di lor non si ragiona e si passa al prossimo. Non dimentichiamo il grande Hegazy, quando si vuol far tabula rasa della difesa! E Tom e Com me li tengo, in riserva. Insomma, Pendelluft, su Giubboia (e Cuadrado) qua la mano, per il resto sei un «compagno che sbaglia».

    RispondiElimina
  3. Bisogna far chiarezza: io parlo di cosa fare per vincere subito. O meglio, provare, perché comunque la juve è più avanti e la roma è tanta roba.
    ricapitolando: rebic, babacar e bernardeschi: tenerne solo uno, se si vuol andare lontano; prendere semmai un vecchio bucaniere di riserva che gli faccia da chioccia o menez, appunto - per il quale non stravedo neppure io, ma viene a zero sapendo di fare panchina; certo, dipende tutto dall'ingaggio che chiede, ma non si può pretendere di non spendere né per il cartellino né per il salario. Io stravedo per tutti e 3 i ragazzini, ma la squadra non la faccio io e ad oggi l'idea spalletti mi pare irrealizzabile. dunque concretamente: rebic non può passare un altro anno del genere e, a meno che non esploda al mondiale, va dato in prestito; babacar sembra non essere visto - leggo molti scettici, forse perché la sua andatura dinoccolata ed una certa lentezza nello stretto possono abbacinare: stiamo parlando invece di uno che fa gol, fa assist ed in grado di decidere le partite; Bernardeschi: sembra quello con più chances di restare prender polvere, e difatti terrei lui (a quel punto però invece che menez devi prendere un centravanti di riserva, ma a basso costo non ne vedo);
    il cagnaccio, colonnello, ci serve eccome; con piedi educati, certo, ma va preso; le squadre con garra ci sotterrano, e lì in mezzo serve qualcuno che tracci quella linea invisibile sul selciato e guai chi la passa.
    Su hegazy non so, io mi ricordo invece tanti svarioni, anche in amichevole, anche se invece leggo che è molto apprezzato qui (l'ultima col torino, in effetti, buona prova): ad ogni modo, ha 23 anni ed ha giocato in serie A 2 partite: lui sì, prestito! e fra un anno ragionare se avessi torto o ragione. Terrei piuttosto camporese.
    Compare Turiddu e Tomovic non li cederei perché inabili, ma perché comunque se vuoi un terzino dx ed uno sx devi pur far cassa: in particolare per tomovic dispiace, nella difesa a 3 è davvero bravo, ma tant'è.
    meglio? chi tiferai al mondialito?

    RispondiElimina
  4. Qualcuno la pensa diversamente:
    http://www.violanews.com/stampa/gazzetta-prandelli-scelta-dolorosa-ma-giusta-20140602/

    RispondiElimina
  5. E poi tweet di Giuseppe:
    http://www.firenzeviola.it/copertina/rossi-io-fuori-forma-leggete-i-test-paura-dei-contrasti-che-ridere-157785

    RispondiElimina
  6. perdelli: anni 60; tituli zero

    RispondiElimina
  7. Quello che twitta Pepito è relativo Gianni, Prandelli ha fatto bene, ce lo lascia sano e caricato a molla per il prossimo campionato. Mi pare siamo diventate tante adolescenti in piena tempesta ormonale, si prende per sgarbo e affronte delle cazzate che non hanno ragione di essere commentate, io dico grazie al ct, ma un grazie grosso come una casa, immaginando il carattere di Giuseppe il prossimo anno il campo se lo mangia e qui sono due giorni che ce la prendiamo col pranda, suvvia, facciamo i bravi.

    RispondiElimina
  8. al riguardo, siamo tutti felici. credo anch'io che l'anno prossimo pepito e marione faranno le buche sul serio, e giù pianti e pentimenti da parte di perdelli e lowe; però portarlo sarebbe stata la cosa giusta, anche perché insigne sarà il quinto attaccante, e non so quanti minuti giocherà alla fin fine; dunque il rischio che avrebbe corso portando pepito sarebbe stato minimo.
    le pernacchie nascono solo dal fatto che il citì, quantomeno a noialtri, non ha lasciato un buon ricordo, e comunque nel tempo si è spesso contraddistinto per comportamenti in contraddizione.
    ad ogni modo, obiettivamente, se tifassi italia questa scelta mi lascerebbe perplesso.

    RispondiElimina
  9. Di Rossi, e del Ct, ho già scritto ieri. Un appuntino sui molti che sostengono (Garlando? Poveri noi...) teorie strampalate sull'inabilita' fisica di Beppino. Stupidaggini ( e qui mi sostiene lo stesso Rossi), la scelta è stata tecnica. E molto poco coraggiosa, aggiungerei.
    Sul mercato: Menez non mi dispiacerebbe e non lo trovo neanche tanto lento. Discontinuo, invece sì. Sui giovani, si torna sempre a bomba: basta non aspettarsi troppo. E farli giocare. Piuttosto, quanti trequartisti volete? Argomento difesa: non saprei, basta non cambiare tanto per cambiare. Tomovic, però, lasciatemelo. E se non è troppo fragile, vorrei anche Camporese. Ne gioverebbe pure la lista Uefa. Come diceva il saggio: facciamoli in casa, i difensori. Tempo, pazienza e uno bravo, a insegnare. Non serve altro. Quando si comincia?

    RispondiElimina
  10. Il ct ha lasciato un buon ricordo ad altri, e tanto basta, e la storia parla di tre anni e mezzo di livello contro 4 mesi di disastro di cui non fu l'unico artefice. Il podice se lo sono scassato quelli che hanno dovuto riciclarsi con mille mila nick dalle sorbole che prendevano nel retto senza guanti e antidolorifico, ma questa è un'altra storia, sostenere il contrario non muta lo svolgimento dei fatti.

    RispondiElimina
  11. No Ljuka, se la scelta fosse di natura tecnica si risparmiava questo teatrino, l'assist l'aveva bello sodo, uno spezzone di gara col Napoli e un'oretta nell'ultima di campionato, bastava dire che i minuti erano pochi e non c'era modo di aver recuperato. Prandelli stima e ama Rossi, se si hanno questi dubbi si ascolta con il prosciutto sugli orecchi, fino in fondo ci ha provato, non ha voluto rischiare né lui né rischiare per il giocatore, tutte le chiacchiere che girano intorno, anche degli stessi protagonisti, sono di contorno, ognuno dice la sua ma rimane una scelta ponderata bene e che apprezzo moltissimo.
    Menez lo prenderei ma pare tanto il preludio alla cessione del colombiano. Non è bollito come il cretino definisce tutti quelli che non gli piacciono ed ha tanta qualità e la stessa età. Ha caratteristiche differenti, più che altro fisiche, ma sa marcare di più e servire anche più assist con precisione.
    Su Tom sono d'accordo, sa coprire entrambe le fasce e quando spinge è il miglior difensore che abbiamo con questa caratteristica, non è lui che meriterebbe un taglio, no di certo.

    RispondiElimina
  12. difatti ho specificato che il buon ricordo non lo ha lasciato a noialtri - che personalmente vediamo il suo operato come 4 anni con risultati raggiunti lievemente sotto le possibilità, un anno disastroso, uno spogliatoio spaccato, un tentativo di fuga furbastra alla juve.. - so bene dell'altra fazione; ad ogni modo, ad oggi, di perdelli e della nazionale poi, frega il giusto, è solo un commento riguardo le news del giorno. possiamo riparlare di viola.

    RispondiElimina
  13. Tutto é relativo, quindi anche le considerazioni di Sconcerto
    http://www.violanews.com/stampa/sconcerti-pepito-escluso-per-il-ko-di-montolivo-20140602/?utm_medium=facebook&utm_source=twitterfeed

    RispondiElimina
  14. E' una chiave di lettura, per me l'infortunio di Montolivo con l'esclusione di Rossi non c'incastra nulla, se Rossi stava bene non gli pareva vero di portarlo al mondiale. E' la ricerca ossessiva della non-notizia che sconvolge 'sto paese gossipparo, in tutto si deve seminare il dubbio, la polemica, un motivo differente o scomodo per giustificare scelte che paiono, sul momento, impopolari o che mortificano una parte della tifoseria. Malanimo, e le reazioni scomposte nel vedere Rossi assente al mondiale la dicono lunga su quanto l'obbiettivo sia stato centrato. Sono uno dei pochi che gioisce.

    RispondiElimina
  15. A me sembra invece che tecnicamente lo avesse già bocciato precedentemente. Europei?

    RispondiElimina
  16. mi sa che era rotto lì

    RispondiElimina
  17. E allora dopo questa bischerata mi dedicherò ai peperoni.

    RispondiElimina
  18. eho per forza

    RispondiElimina
  19. POLLOCK, senz'altro lo sapevi e ci sei già stato, a San Casciano finisce oggi lo Streetfood Tour. Faranno da corollario cibi di strada come: i siciliani pane ca’ meusa, pane e panelle, arancine, cannoli, la pasta piemontese cotta e servita da un’apecar, piada romagnola, pesce fritto nel cono, dolci del nord europa, Porchetta di Monte San Savino (Ar), Olive ascolane, lampredotto e trippa di Firenze, bombette di Alberobello (Ba), Arrosticini abruzzesi, Cocktail bar su rimorchio a forma di lime, il pastin bellunese con carne e formaggio delle dolomiti, dolci serviti da un’altra apecar, patata tornado tagliata a spirale da cruda poi fritta e servita al momento, il panuozzo e taralli su roulotte anni ’70. Il tutto sarà accompagnato anche da genuina birra artigianale presso lo stand informativo Streetfood. Tra gli ospiti stranieri: Griglia argentina, paella spagnola e tacos mexicani. Gli stand apriranno venerdì 30 maggio dalle ore 12 alle 24. Sabato 31 e domenica 1 giugno dalle ore 10 alle ore 24 e lunedì 2 giugno dalle ore 10 alle ore 22.

    RispondiElimina
  20. Anche oggi Gonfia...passavo per San Casciano..per caso.

    RispondiElimina
  21. Come i' Giusti in Sant'Ambrogio di Milano, ahahah! Affinità tra Poeti, ahahah!

    RispondiElimina
  22. Seconda dritta POLLOCK (oggi ho deciso di farti il piano-giornata, ahahahah!).
    A partire da stasera su Rai3, alle 20,10, viene riproposta la Serie "Ai confini della realtà" che venne trasmessa 52 anni or sono. Sono episodi di 25 min. di durata, me li ricordo ganzissimi e ve li consiglio, anche a Tommaso beninteso, nel caso a quell'ora 'un c'avete di meglio da fare. Se non sbaglio nascevi proprio quell'anno ed io avevo più o meno l'età di tuo figlio. Ecco l'ho voluto ricordare in tuo onore. D'ora in poi ritorno a fare gli affari miei! Ahahah!

    RispondiElimina
  23. Grazie Gonfia. Sempre meglio di una querela.

    RispondiElimina
  24. http://www.violanews.com/altre-news/clamoroso-romulo-ero-tra-i-23-ma-20140602/

    RispondiElimina
  25. colonel.blimp2 giugno 2014 12:28

    Pepito sta trattando a pesci in faccia un coglione che possono incensare solo pochi risibili derelitti cui ho sfondato il culo in letizia su Giubboia e su tutto-quanto-è-calcio per anni (e anni ancora seguiranno, fra dismissioni, Cerci pippa, quarti posti buoni e quarti posti cattivi, fatturati sì e fatturati no, record di sconfitte e undecisimi posti, sfiammaquestoesfiammaquello di Beberri l'anormale e caponate seguendo ... ahahahahahahahahahahahah!). Ormai non ho più da muovere un dito, assisto trionfante, una città intera insorge giustamente contro il lercio vedovo allegro, contro il guano umano che esercita basse vendette da bassa corte contro i Divvù, e il sitollock è gloriosa avanguardia del Movimento, come il Sopra ieri ha sùbito rilevato. La crescita di cui si prendeva gioco maestosamente Auxology è crescita di figure di merda, fra Orzinuovi e Bordighera, Parma e Siena, Enoteca e nell'ano Manteca. La mediocrità è appannaggio dell'Afasico da sempre: userà l'infortunio, tutto da godere, del mediocre per eccellenza e giuda per gusto, cui aveva consegnato le chiavi di cera del centrocampo, come alibi al tonfo. Peccato, lo dico da tifoso della Nazionale. Ma ciò che è reale, è anche razionale. E adesso facciamoci un po' di mare, a completare la Vittoria. Delego Jordan, Ljuka, Gonfia, Sopra, insomma tutti a continuare a dire, come hanno fatto, del prevosto falsone e incompetente tutto quel che c'è da dire. Che è poco, come poco vale l'uomo, prima ancora che i' tenniho di queste mandorle.

    RispondiElimina
  26. Sopravvissuto2 giugno 2014 12:35

    A Luigi Garlando (chicazzé??) risponderei che se scrive e argomenta di condizione fisica, allora guardasse dietro l'angolo di casa sua-Milano; Prandelli porta Abate che ha terminato la peggiore stagione della sua carriera, Di Sciglio che già nell'amichevole con il Brasile ha mostrato lacune che non ne faranno mai uno da Real (la boutade di Galliani, 6 mesi fa "Lo ha chiesto il Real"...ah ah ah ah ah....altro che Vernacoliere!), Balotelli: sulla sua indolenza, sul suo carattere dovremmo costruire questa nazionale? Girone di ritorno con il Milan dove sembrava Bolatti. Insigne : più riserva che titolare a Napoli (Martens l'ha surclassato), Cassano (giusto) per il quale vale il detto "Se é in giornata...", quindi speriamo si svegli bene in Brasile. Lippi, in avanscoperta una settimana fa lo disse "Lo avrei portato sempre con me, sarebbe titolare con me, non possiamo non portarlo in questo Mondiale"....mi sta sul menga ma credo abbia competenze per dire la sua. Lo stile di Prandelli non si discute, é questo e proprio questi accadimenti fanno riaffiorare la merda che aveva nascosto, giubilando calciatori poi rivelatisi ottimi (quando era a Firenze), rifiutando calciatori per proteggere i suoi "piccoli frati devoti del campo".
    Menez: indiscutibile! Molte volte titolare (sino a che Lavezzi é esploso), il 12o del Psg, uomo oltre che calciatore, esperienza in Italia, esperienza in Europa. Non scherziamo, se verrà sará un grande acquisto!
    Su Tomovic concordo per tenerlo, eclettico in tutti i ruoli, non eccelle in nessuno specificatamente ma sa essere jolly. Tenere.

    RispondiElimina
  27. Sopravvissuto2 giugno 2014 12:36

    Lippi riferito a Giuseppe Rossi.

    RispondiElimina
  28. Sopravvissuto2 giugno 2014 12:41

    Ardire (non l'ha mai fatto!) e sperare non basterà a Cesare. Prima partita giocherà (scrivi, segna COLONNELLO) con 4 difensori, 4 centrocampisti (tre di copertura: De Rossi-Motta- Marchisio), una punta finta (Cassano?) e una punta incazzoso (Balo). Il nero non lo toglierà mai, Cerci solo se dissanguati in attacco, Aquilani in tribuna. Mi attendo difensivismo strategico. Per sconfitta.

    RispondiElimina
  29. Devo dire che quando ho saputo della mancata convocazione di Rossi ci sono rimasto malissimo, mi dispiace molto per questo ragazzo che si sarebbe meritato di andare in Brasile. Chiaro che per noi - inteso come Fiorentina - va invece benissimo che non si stanchi e non rischi altri infortuni.
    Io non credo che Prandelli l'abbia giubilato con malanimo, semplicemente viene fuori la sua mancanza di coraggio, che è la caratteristica che sempre l'ha penalizzato in carriera. Risulta poi evidente che Pepito evidentemente non rientra nella cerchia dei fedelissimi prandelliani.

    RispondiElimina
  30. Aggiungo che abbiamo una Nazionale che dipenderà quasi completamente da quel che combineranno i due matti. Assolutamente imprevedibile, quindi.

    RispondiElimina
  31. Scusa Anto, non per volerti contraddire, ma riterrei più giusto dire 'che la sua mancanza di coraggio ha sempre penalizzato le sue squadre, ed i suoi tifosi, in carriera' visto che comunque quasi sempre (escluso Zamparini a Venezia) ha riscosso un credito, spropositato a parer mio, rispetto ai risultati raggiunti. E' il perdente più di successo della Storia del Calcio. Ricordo che ha vinto solo un Torneo di Carnevale a Viareggio. Sarà solo un caso?

    RispondiElimina
  32. Giuseppe Rossi, delusissimo per l'esclusione e con il morale sotto i tacchi, è già partito per gli USA. Non sono contento di questo suo stato d'animo, anche in chiave futura. Chi ha paura non va alla guerra, e lui paura non ne aveva, e se deve succedere succederà nonostante ogni precauzione, cosa che chiaramente non gli e mi auguro, intendiamoci. Ognuno ha il proprio destino. Ma la vita non insegna nulla? Mah!

    RispondiElimina
  33. CHI IHC 1+ 1+ 1+ 1+ (3-3-2-5-3-3-2-5-6-2-2-3-5). O risolvetelo, ahahah! Buona Festa della Repubblica!

    RispondiElimina
  34. Mi sbagliavo con Lippi nel 2010:
    http://www.violanews.com/news-viola/pepito-che-amarezza-ma-tifero-per-i-miei-compagni-20140602/

    RispondiElimina
  35. Quindi i matti sono gli altri, quelli che convocano i Falcao, i Diego Costa, i Vidal e non quelli che evitano di convocare i Gomez ed i Rossi. E' un'ipotesi, ma non mi trova d'accordo. I "matti", semplicemente, ci provano. Da questo punto di vista Prandelli, purtroppo, matto non è. Tanto più che il quinto attaccante giocherà, al massimo, qualche scampoletto di partita, cosa che alle perse avrebbe potuto fare benissimo anche Beppino. Scegliere di rischiare, per provare a vincere, anche a costo di perdere, per me è scelta tecnica, così come lo è non rischiare per paura di perdere e, conseguentemente, condannarsi ad un "mediomondiale". Per te, non so.

    RispondiElimina
  36. La stampa è divisa, ma è stata una scelta coraggiosa come sostiene la Gazzetta, o figlia proprio di una mancanza di coraggio?
    http://www.violanews.com/stampa/bucchioni-su-prandelli-scelta-senza-coraggio-20140602/

    RispondiElimina
  37. Sopravvissuto2 giugno 2014 15:27

    Prandelli, il cagnolino coraggioso: va in giro, abbaia, tenta di mettere paura-facendo abbaio da grosso- ai cani legati, non vuole guinzaglio (ma c'é, invisibile ma c'é). Va in giro: Torino (2 sponde), Milano (2 sponde), Napoli, addirittura lo si ricorda in un Livorno-Sassuolo (o qualcosa del genere), si chiama Territorial Pissing. Marca il suo territorio...ah ah ah ah ah ah ah. Poi però, alle prime avvisaglie, quando i veri cani, quelli con pedigree, quelli che sanno riportare la preda, quelli che "sanno fare" gli arrivano addosso con il loro pedigree, Lui cosa fa? Si rintana nella sua cuccia, nella sua No-fly zone. Finge il nulla. Lui, Cesare, colui che abboccó con la Juve, salvo fare marcia indietro- come nulla fosse successo...Colui che voleva lasciare la Nazionale, lui che vagliava proposte, salvo poi rinnovare, come nulla fosse successo. La sua carriera: nulla, di successo.

    RispondiElimina
  38. Sopravvissuto2 giugno 2014 15:59

    GONFIA, 'sto paese nacque con brogli (ricordo, a chi ha l'Alzhaimer, che vinse la Monarchia), ha continuato e perpetra brogli. Cosa vuoi festeggiare, la diaria che tutti i politici hanno preso oggi per "presenziare" dei luoghi? W V.E.R.D.I !!

    RispondiElimina
  39. Sopravvissuto2 giugno 2014 16:05

    GONFIA, tie' va....leggi 'st'epitaffio...eh eh eh eh eh
    « Io che conosco bene l'idee tue
    so' certo che quer pollo che te magni,
    se vengo giù, sarà diviso in due:
    mezzo a te, mezzo a me...Semo compagni
    No, no - rispose er Gatto senza core -io non divido gnente co' nessuno:
    fo er socialista quanno sto a diggiuno,
    ma quanno magno so' conservatore ».
    Ah ah ah ah ah ah ah ah.....ah ah ah ah ah ah ah ah...ahaha ahah ah ah...

    RispondiElimina
  40. SOPRA, la soluzione del rebus svela le nostre differenze, ahahah!

    RispondiElimina
  41. Il fine giustifica i mezzi.

    RispondiElimina
  42. Comunque, l'esclusione di Gomez può essere comprensibile, visto che nelle ultime partite ha collezionato solo una panchina, per cui di fatto dall'infortunio non è ancora tornato (ma in Germania montano lo stesso polemiche sulla sua esclusione, chechhé ne dica lo Zaller). L'esclusione di Rossi invece non è per niente comprensibile: ha giocato uno spezzone di finale di Coppa Italia, tre partite in campionato (un gol su azione, un gol su rigore, un assist) e 70 minuti di amichevole con la Nazionale. Dall'infortunio ha, di fatto, recuperato.

    RispondiElimina
  43. http://www.firenzeviola.it/primo-piano/di-gennaro-rossi-se-fosse-di-juve-o-milan-157806

    RispondiElimina
  44. Ahahahahahahahahahah! Meno male che Bearzot vinse il mondiale, altrimenti sai che critiche per aver lasciato a casa Savoldi!
    GENIO! GEEEEENIO!! Mi prostro e adoro ad libitum.

    RispondiElimina
  45. Qualcuno mi spiega cosa c'entra Savoldi con i Mondiali 1982?

    RispondiElimina
  46. Visto che parlate dei Mondiali '82, su La7 sta per cominciare il secondo tempo della Finale.

    RispondiElimina
  47. Per me vinciamo noi. Me lo sento.

    RispondiElimina
  48. Ahahaha, abbiamo scritto quasi insieme... comunque anche tu ti ricorderai le polemiche contro Arrigo Sacchi per aver lasciato fuori Bruno Giordano nel 1994...

    RispondiElimina
  49. colonel.blimp2 giugno 2014 18:51

    Un vero tifoso viola si schiera contro Prandelli, a prescindere. Ma l'esclusione di Pepito inguaia vieppiù Ludde, con la sua teoria dell'esclusione tecnica di Gomez, fisicamente ben più accidentato quest'anno e in condizioni fisiche ben più precarie. Succede quando si vuol ménager le chèvre et le choux. La logica di Ludde è un groviera tutto buchi e niente formaggio.

    RispondiElimina
  50. Sarà dura senza Antonio. Io sono al Palazzetto dell Sport di Torino, con il solo audio dal rigore sbagliato di Cabrini. Nel pomeriggio mi sono sorbito i Rolling Stones al Comunale.

    RispondiElimina
  51. È un cazzo di genio, punto. Avesse detto, che so, Pulici, non avrebbe avuto lo stesso effetto comico. È all'avanguardia come lo era Woody Allen all'epoca .

    RispondiElimina
  52. Impara che Ludde, da vero genio universale, ne esce sempre, sempre! Basta leggere il suo articolo odierno sul suo fantastico blog.
    In questo caso ha risolto tutto grazie a Beppe Savoldi.

    RispondiElimina
  53. Sbagliavo, ci hanno dato ora ora un rigore. Siamo al 25' del primo tempo. Da allora non ho visto più nulla.

    RispondiElimina
  54. Riposto dopo ieri sera un post che voleva essere ironico ma che, alla luce di recenti scritti, si rivela drammaticamente realistico.

    L'Italia di Prandelli, coerentemente con la scelta di giocare "alla spagnola", secondo i dettami del calcio del futuro di Guardiola, Montella e Fulvio Bernardini, lascia a casa il suo falso nove. Scelta dettata dalla società, in aperto ( ma chiuso) contrasto con il tecnico. Che l'ha avallata solamente perché la calibro nove di Pradè gli faceva freddo alla tempia. Che ci sia Cognigni dietro lo dimostra anche la mancata convocazione di Ljajic e Bettega.
    Vedremo che media gol avrà ai mondiali Gomez. Giaccherini intanto vedrà il mondiale con Domenghini. Speriamo che lo smantellamento dell'attacco non ci si ritorca contro come la decisione di far giocare Cuadrado con la Colombia. Già lo scorso anno feci notare come Cuadrado rendesse di più con la maglia azzurra che con quella del suo paese. I fatti hanno detto che ci ho azzeccato ancora una volta come potete leggere sui seguenti link:

    In sostanza, come ho già detto già a settembre del 1987, Prandelli avrebbe voluto giocare col suo classico 433, con Conti e Causio esterni e Meazza falso nueve, invece si è scelto di demolire il vecchio e vincente impianto di gioco a favore di un attacco con un attaccante statico come Immobile.
    Con i quarantacinque milioni di Jovetic avremmo potuto comperare Baresi, un forte centrocampista come De Rossi, che io indicai come probabilmente italiano e un giovane attaccante come Banchelli da far maturare al sole di luglio. E ci sarebbero rimasti i soldi per andare a puttane fino allo sfaldamento della fava.

    RispondiElimina
  55. Hai ragione, l'effetto surrealista, poi, è amplificato dal fatto che Savoldi allora era squalificato per il calcioscommesse. La battuta che ho fatto qui sopra su Giordano nel 1994 è una cacchetta, il suo Savoldi non convicato nel 1982 è un colpo di genio purissimo.

    RispondiElimina
  56. Si vabbé, ha corretto dopo due minuti, ha scritto "1974" anziché "1982", privando l'umanità di uno dei suoi colpi di genio migliori...

    RispondiElimina
  57. Aggiungo che io mi aspettavo una correzione diversa, lascinado l'anno e sostituendo Savoldi con Pruzzo.

    RispondiElimina
  58. Rinnega il proprio genio come Galileo. E senza neanche uno straccio di inquisizione. Ci vuole coraggio per alimentare il progresso.

    RispondiElimina
  59. colonel.blimp2 giugno 2014 19:13

    La correzione però dà ragione a Savoldi! E dunque a Pepito! Ludde come Andreuccio: ma nel caccone è caduto senza nemmen bisogno di una bella ciciliana come esca.

    RispondiElimina
  60. colonel.blimp2 giugno 2014 19:15

    Domanda per un gastronomo come Pollock: cosa ci fa Ludde in un campo di cicorie?

    RispondiElimina
  61. Cerca di dimostrare che Voeller era un falso nueve?

    RispondiElimina
  62. colonel.blimp2 giugno 2014 19:21

    Anto, debole in cucina extra-rivierasca... Su, rispondete!

    RispondiElimina
  63. Ricordo comunque che quando Deyna volle spiegare a Ludde che Gomez non è un centravanti-ariete vecchio stampo, bensì un centravanti moderno, gli disse "non è mica Savoldi".
    E il cerchio si chiude.

    RispondiElimina
  64. colonel.blimp2 giugno 2014 19:29

    Savoldi non era un centrvanti-ariete, era un opportunista d'area abile nel gioco di testa. Per movenze e per tecnica, pensare a Gila, se veramente vogliamo trovare paragoni. Ma a differenza di Gila, temibile nelle conclusioni dal limite: non grandissima botta, ma secca e angolata, imprevedibile per alzo.

    RispondiElimina
  65. colonel.blimp2 giugno 2014 19:30

    Esaaaaaaattoooooo! Gonfia vince un'intervista esclusiva con Traversi, da pubblicare sull'inserto degli affitti del «Carlino»!

    RispondiElimina
  66. Dal titolo: "Le mie pigioni", ahahahah!

    RispondiElimina
  67. Ok, Savoldi non me lo ricordo molto perché ero troppo piccolo, era per dire che veniva usato come esempio di centravanti d'antan.

    RispondiElimina
  68. colonel.blimp2 giugno 2014 19:38

    Ahahahahahahahahahahah! Soprattutto considerato che il Travy al Carlino ci sta a pigione... ahahahahahahah!

    RispondiElimina
  69. Savoldi, per la delusione, smise di giocare l'anno dopo. Ad appena 36 anni.

    RispondiElimina
  70. Dopo il terzo gol di Altobelli, un Grandissimo Italiano esclamò, oscillando l'indice della mano destra: "Non ci riprendono più, non ci riprendono più!".

    RispondiElimina
  71. SOPRA, hai la possibilità di prenderti la rivincita sulla Democrazia. Ma ti toccherebbe votare Felipe, mah, fai te! Ahahahahahahah!

    RispondiElimina
  72. colonel.blimp2 giugno 2014 21:40

    Ma basta scassare con la politica, oggi che un maiale brillantinato ci offre l'occasione di vomitare sulla sua eticità delle tre carte (ahahahahahahahahah!) e su quei cretini che si affannano, ridicolizzati e presi a pallate di sterco, a difenderne l'abominio della defenestrazione dell'unico, dico unico campione, nella cesta di frutta andata a male! Che il vostro Tutunci ve lo dia a slurpare come Giubboia da sempre con voi fa, gobbi covercianisti, indegni del tifo viola!

    RispondiElimina
  73. Sopravvissuto2 giugno 2014 21:40

    Almeno Juan Carlos ha avuto coraggio ad abdicare. Cesare lo farà?

    RispondiElimina
  74. Sopravvissuto2 giugno 2014 22:00

    78 commenti il 2 giugno...hu hu hu hu hu...il blog che doveva morire!! Se Lud scrive che l'Italia perderà la finale, Cesare finirà in trionfo!! Speriamo dica nulla!!!

    RispondiElimina
  75. colonel.blimp2 giugno 2014 22:01

    Ma l'IMPORTANTE ricordi quel che cantava Mina: «L'importante è finire»! E lui ha sempre finito presto, esilarante impotente della vittoria, eiaculatore precoce di ogni torneo... ahahahahahahah! Torna al Viareggio, al carnevale, che dura poco e perciò lo vincesti... ahahahahahahahah! E la tibia, perforiamola e usiamola come flauto, è il meglio che ci si possa fare... ahahahahahahahahah! Oppure facciamoci un'asticella, ad altezza di retrocessione... ahahahahahahahahah! Godere godere godere!!!!!! E' lo scicquonamento dello sdaiolismo, è il trionfo del Viola in ogni cuore! Ahahahahahahahahah! Sabba viola!!!!!!!!

    RispondiElimina
  76. colonel.blimp2 giugno 2014 22:06

    Pepito a settembre con Gomez, per pisciare in faccia al Pietrasanta! In due, cinquanta gol! Ahahahahahahahahah! Rosicate, o strisciati tramanti nell'ombra, sfibratevi nel vostro Mondiale perdente per ritrovarci fra qualche mese alti come la Torre di Maratona! Come i nostri glandi che sventolano sulle vostre casalinghe interpreti del peripatetismo e che tante impalcature già vi hanno procacciato! Ahahahahahahahahah! Solo Viola!!!!!!!! Solo il Viola!!!!!!!!! Affoga nel codice etilico, vigliacco!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  77. Ma qualcuno non diceva, quando si perse in amichevole contro la Russia ad un mese dall'inizio degli Europei, che l'essere in forma a quell'ora sarebbe stato prematuro e controproducente? Ora giustifica la sua Icona sull'esclusione di Rossi per opposti motivi, anche se non comprovati, addirittura smentiti dall'interessato? Ma la colpa è del Colonnello che ci costringe a pensarlo, anche solo per un secondo al giorno. Che si penta in ginocchio in un campo di cicorie! Ahahahahah!

    RispondiElimina
  78. colonel.blimp2 giugno 2014 22:28

    Ludde Ludde Ludde, la tua logica va a carburo! Le tue contraddizioni sono puerili, da mandorlaro, da gelataio à la sauvette! Ludde Ludde Ludde, come puoi tenere insieme tutte le cazzate che spari anche solo in un giorno, se ti manca persino lo sputo e non sai far uso di quello che gli altri ti riservano regolarmente? Ludde Ludde Ludde, un buon bugiardo deve avere buona memoria e tu sembri invece un colabrodo, o tenerissimo enuretico di cloaca!

    RispondiElimina
  79. Ora e Sempre Resistenza! (Colonnello 'un t'incazzare, la ci stava a pennello)

    RispondiElimina
  80. Vi leggo in ritardo, dato il fuso, ma mi chiedo:
    o che siete tutti rimbescheriti? Vu continuate a commentare i commenti dell`iperincompetente Ma vu c'avete tempo da perdere, eh?Mah!

    RispondiElimina
  81. Diogene cercava l'uomo, con una lanterna in pieno giorno. Prandelli con una lampadina a risparmio energetico: e fu sùbito Lud! (Lele t'ha ragione, 'un siamo normali)

    RispondiElimina
  82. Se lo convocava giù infamate, non ha recuperato, se ce lo rompe il prossimo anno sono guai, è una merda che se ne sbatte della Viola e li chiama al 50%, e via discorrendo........non lo chiama, è una merda lo stesso, il meglio fico del bigoncio, er più, senza addio mondiale; questa si chiama prevenzione e poca lucidità, il pregiudizio c'è alla radice, qualunque cosa avesse fatto vi era largo motivo per infamarlo. Io continuo a ringraziarlo, si riposa il nostro gioiello, il prossimo anno spaccherà il mondo per dargli torto (tanto manca la riprova, che Rossi fosse al top oggi è chiara bugia, idem che lo fosse fra 14 giorni, avrebbe forzato i tempi con grosso rischio di ricaduta) e a goderne saremo noi. L'Italia rimane comunque forte in attacco e con un Rossi al top lo sarebbe stata ancora di più, la scelta l'ha fatta e se sbaglia, come al solito, il conto più salato lo paga sempre l'allenatore, ma che fosse al top non lo sapremo mai se non dai tweet di Pepito, un po' poco per spergiurare sulla sua condizione. Quanto visto nello scorcio finale di campionato fa propendere sul fatto che sia stata fatta la scelta più giusta. Anche se non serve lo si può infamare per mille altri motivi.

    RispondiElimina
  83. Leo, rispetto le tue opinioni in merito anche se, come sai, non le condivido. Ma non ti sembra un tantino esagerato parlare di 'conto più salato lo paga sempre l'allenatore' in un mondo in cui tutti i protagonisti, positivi o negativi, 'il conto salato lo presentano e lo riscuotono?

    RispondiElimina
  84. Gonfia, non son certo io che devo indirizzare la linea di discussione, ma avere come baricentro le cazzate disumane di colui che di calcio un ci capisce una sega nulla, mi pare fori dai mondo. Posso capire una tantum, magari quando alza il livello della cazzata ( in verità la sua vetta rimane incalcolabile) ma dimmi a cosa serve commentare per giornate intere le sue idiozie. Scusami ma meglio pochi interventi che mettere uno come lui al centro delle discussioni del blog, che sembra vivere di questo. Eppure di argomenti ce ne sono, tipo come fa uno qualificato CT a lasciare a casa, oltre Rossi, uno come Diamanti? Credo che CT italiano più mediocre non ci sia mai stato.

    RispondiElimina
  85. Da che mondo è mondo non ho mai visto pagare un giocatore per un risultato o una stagione negativa, i primi a saltare sono sempre stati i tecnici. Lui ha rinnovato fino all'europeo ma se farà un mondiale pessimo può essere messo in discussione. Con questo mica son parente di Prandelli ma non capisco tutto l'astio che accompagna alcuni personaggi del passato, ridere per un tibia rotta di Montolivo non lo capisco, né infamare un allenatore che ha fatto bene per anni e che ancora paga per un finale di campionato, i due anni successivi, di merda, che la Fiorentina ha fatto non sono certo per le "macerie" e "l'ambiente" lasciato dal suo passaggio, che non sono stati capaci di ricostruire non lo scrive nessuno eppure una società seria e capace come la si ritiene doveva far, non dico bene da subito, ma nemmeno quei due anni ridicoli con bilanci in passivo e risultati molto scadenti, meglio dar la colpa al mister, crearsi l'alibi per giustificare l'incapacità di riannodare il filo della matassa e dar dimostrazione che non era lui l'artefice di quegli anni positivi ed invece gli si da dell'incapace e del pavido. Se così fosse stato non avrebbe lasciato quel disastro che qualcuno continua, buffamente, ad imputargli, insomma, in parole povere, quel qualcuno ha un bel casino in testa, vede un nemico in una figura che non lo è certo stata per un periodo molto lungo e che qualche soddisfazione l'ha data.

    RispondiElimina
  86. Lele, l'ho scritto prima, la colpa è del Colonnello (ahahahah). Di politica, per suo diktat, non si può parlare se non en passant, di calcio è la Nazionale che tiene tutto il campo (per Diamanti dovresti chiedere a Leo, che è attualmente in linea), la campagna acquisti al momento è solo da giornalai, e un contributo al sitollock dobbiamo pur darlo. Perdonaci, anche se sappiamo quello che scriviamo.

    RispondiElimina
  87. Gonfia mica t'impedisco di esprimerla.......sulla moneta, ovvio, non ho mai visto pene pecuniarie né per chi non vince e nemmeno per chi retrocede, perché erano in dubbio i soldi ?! Parlo di conto salato riguardo alla carriera, un'esonero o un fallimento di un obbiettivo minimo non migliorano palmares. Prandelli è alla fine del suo percorso, dopo l'Italia dubito accetti una panchina, magari qualche malalingua scriverà che nessuno gliela offre.

    RispondiElimina
  88. Leggo ora di Diamanti, che se ne sia andato con un mondiale alle porte per giocare mezzo campionato in Cina è un problema suo, si è messo da se fuori dal giro della nazionale, mi pare ci sia poco da commentare.

    RispondiElimina
  89. Veramente penso, ma è sensazione comune, che abbia esitato a rinnovare in attesa di chiamata, visto il grande viavai di panchine che si annuncia quest'anno. Ha sempre espresso il desiderio di allenare in Campionato, di essere tutti i giorni sul pezzo, e le sue esternazioni, anche ridicole, permettimelo, stanno a dimostrare la sua smania di protagonismo. Per ora rimane alla Nazionale, poi vedremo, ma dubito che voglia stare a lungo fuori dai giochi.

    RispondiElimina
  90. stefano vienna3 giugno 2014 00:18

    Prandelli è umanamente della peggiore razza. Leo, fattene una ragione o almeno apri gli occhi.

    RispondiElimina
  91. Si, concordo pienamente. A parte il fatto che a me della nazionale frega niente, ma meglio che Pepito stia a casa. Pronto per la viola da subito, incazzato e grintoso.

    RispondiElimina