.

.

martedì 10 giugno 2014

La dieta giusta

Visto che questo è un blog con millantati interessi anche enogastronomici, l’idea di oggi è quella di trovare un menù giusto, bilanciato, per vivere in maniera equilibrata anche da un punto di vista alimentare questo grande avvenimento calcistico che sta per iniziare. Dopo aver censurato il comportamento sopra le righe di Genny ‘a carogna, vorrei evitare però anche gli eccessi al contrario, quelli cioè di coloro che identifico come gli ultras del benessere. Quelli che durante il mondiale vorranno a tutti i costi vivere troppo sani, e allora la forma, la dieta e niente zuccheri e niente grassi e niente vizi e niente godimenti e niente di niente. Nemmeno pop corn, patatine, pizza mangiata con le mani, tubi di Pringles, gelati. Neanche una bella birra ghiacciata con rutto al pensiero che non ci sarà Montolivo. La frase più scontata sarebbe quella di definire tale filosofia come quella di un vivere da malati per morire sani. Ma non lo dirò perché ognuno potrà festeggiare le vittorie della Nazionale come meglio crede, anche con un bel trionfo di tofu, semmai il problema è quando il salutista convinto pretende di convincere chi magari qualche stravizietto se lo vorrebbe concedere prendendo a pretesto proprio l’evento partita per eccedere con le peggio schifezze. Il rischio è quello che se gli dai un minimo di confidenza, poi sei un uomo finito. Io una volta mi sono lasciato sfuggire che per colazione prendevo solo un caffè, "Un caffè? Ma sei matto, alla mattina ti devi alzare un'ora prima e fare una bella colazione, ti devi voler bene. Proprio per questo, allora, perché mi voglio bene io la mattina mi alzo un'ora dopo. Quando ho più tempo lo faccio, prendo il pane, il burro, la marmellata, "Il burro? ma sei matto. il burro è veleno, la colazione deve essere ricca di vitamine, devi assumere oligoelementi, acidi polinsaturi, fibra, omega 3" Ma io vorrei anche qualcosa da mangiare la domenica mattina quando ho un po’ più di tempo. Anche qualcosa di dolce. "vuoi gli zuccheri? Ti do una dritta, biscotti al farro!” guarda, c'ho già l'acquolina in bocca. E se allora tu fai l’ironico lui s’incazza perché il farro è straordinario, è pieno di sali minerali, amidi, e poi è un alimento eccezionale, antichissimo, addirittura il frumento che si coltivava già nell'antico Egitto” E allora ha ragione il Bambi quando sostiene che Cleopatra non sia morta per il morso di una serpe, ma si è strozzata perché le è rimasto un biscotto di farro in gola. Io quando sono sotto Mondiale il farro non lo voglio, sono troppo eccitato e mi fa tristezza persino la parola, senti come suona male "Biscotto di Farro", senti invece come suona bene “Bombolone alla Crema”! E allora lui ti fa “bombolone alla crema? Ma sei matto, e tu tutte le mattine prendi il bombolone alla crema?” Ma no, solo quando gioca la Nazionale al Mondiale, non tutte le mattine, magari, è che il bombolone al bar è il primo ad andare via ed allora forse è proprio questo il motivo per alzarsi un'ora prima, fottersi finalmente il bombolone alla crema! E’ giusto controllarsi, ma quando a metà mattina ti prende quel languore, anche perché sei arrivato tardi e ti hanno fottuto il bombolone, sei ancora a digiuno, e allora che cosa c'è di più bello di un bel pezzo di focaccia, sempre che il Chiari non s’incazzi, esci col tuo bel cartoccio unto, stai per addentarla, e ti compare il salutista con la tuta da jogging, con la fascetta, neanche si ferma, corre sul posto “scusa sennò mi si spezza il fiato” e ti fa “ma sei matto! La focaccia? Ma devi volerti bene, vuoi i carboidrati?” no, voglio la focaccia, con la cipolla sopra, che quando la mangio piango da quanto mi voglio bene.

85 commenti:

  1. E il kamut? E quelli fissati con 'sto cazzo di kamut? E' frumento, semplicemente frumento, ma costa il doppio.

    RispondiElimina
  2. Kamut, un marchio registrato....un palliativo, più che altro.

    RispondiElimina
  3. Mondiali di Rio... Gli azzurri alloggiano in un resort da 300 euro a notte. 200 per chi si accontenta di una maggiorenne.

    RispondiElimina
  4. Bomboloni...mi viene in mente il Bombolo del sitone!

    RispondiElimina
  5. Sul sitone c'é chi non vorrebbe la cessione di Bababcar in luogo del l'affare Cuadrado....'sta gente sempre contro... Vero però che se Zamparini valuta Harnandez 15/20 meloni, quante cocuzze vale un Babà con 20 gol?!?!?!?

    RispondiElimina
  6. Hernandez un terzo dei gol di Baba.

    RispondiElimina
  7. Il riscatto di Cuadrado e la volontà di trattenerlo (adesso però conta la sua volontà) sono chiari segnali di pontellizzazione.

    RispondiElimina
  8. Pollock, il destino sarebbe Tutunci comunque: è gente gelosa e arrogante (ahahahahahahahahahah!). Per Ludde sarebbe un incubo: Cuadrado, Gomez e Pepito insieme! Contro la volontà di Montella! Ahahahahahahahahahahah! E pensa il filo spinato di un metro, a rigirarsi nel tunnel dei mersdaioli dementi per l'ennesima volta ridicolizzati! Ahahahahahahahahahah! Ma non credo e ad ogni modo via lui sarebbe sempre Fiorentina e migliore. Anto, a me il kamut piace il doppio anche se costa il doppio. Dismission: impossible!!!!!!!! Ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  9. Tutto, Pollock, dovrà però passare dalla volontà del procuratore svizzero del calciatore. Leggi, infatti:


    «Leggo di una proposta della Fiorentina di 1,5 l 'anno a salire.
    Improponibile per un giocatore che vale come Jovetic e vorrà guadagnare
    cifre simili se non identiche».



    Caro mio, se a Pietrasanta non sono d'accordo l'affare non si fa, e' tu c'ha morto da dire... ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  10. COLONNELLO, la tua affermazione sul kamut é da veteroclassista....Bravo! Oramai Lud é diventato il Criscitiello de noantri, oramai lui fa anche valutazioni di calciomercato, emolumenti, strategie. Un esperto, direbbe Lud di se stesso.

    RispondiElimina
  11. A questo punto urge una disgiuntiva....quindi....,

    RispondiElimina
  12. Si ma Gabbiadini....

    RispondiElimina
  13. Si ma l'allocazione di risorse....

    RispondiElimina
  14. Circa l'editoriale: mitemente interlocutorio, esercizio defatigante, dopo le cannonate/supposte antigiubbali e antisdaiole dei tre giorni precedenti. L'assenza di fotografie idonee al pubblico sitollockiano fissano il voto sul 5+. Domani, Pollock, ti attendiamo a livelli più consoni, per non sciuparti il 9 di media. Sopra, mi adeguo al salottino radical chic, come lo definì diabolicamente McGuire facendo fuggire a gambe levate Tocca l'Albicocca (ahahahahahahahahahahah!). Il Gabbia è un sogno proibito, allocato in quel che Padre Dante chiamerebbe il triste sacco che merda fa di quel che si trangugia.

    RispondiElimina
  15. La mia formazione la vorrei fare, con il vostro permesso, un po' "strana". Parto dal presupposto, probabilmente sbagliando, che Belgio e Colombia saranno le sorprese del mondiale, quindi:
    Curtois, Cuadrado (dx), Godin, Thiago Silva, Zuniga (sx), David Luiz, Modric, Iniesta, Mertens, Lukaku, Ronaldo.
    Zero Italia: De Rossi (?).
    Zero Germania: Sweinsteiger, Lahm, Neuer, Reus (rotto: bel problema, per Low; ho paura si pentirà, ad aver portato solo il vecchio Klose).
    Zero Argentina: Messi, Aguero, Mascherano, De Maria.
    Zero Francia: Benzema, Cabaye, Pogba.
    Zero Cile: Vidal (non sta granché, sembra).
    Zero Africa: i due Tourè (grande, tuttora, Yaya), Gervinho, Mbia (se fossi la viola con lui ci proverei, anche se è già tardi), Obi (Mikel, ovvio).
    Poco Uruguay (1): Suarez, Cavani, Lugano (vecchio quanto volete, ma a me piace).
    Poca Spagna (1): Xavi, Xabi, Fabregas, Costa (non mi fido troppo: sembra ridotto maluccio, ultimamente).
    Poco Portogallo (1): Pepe, Coentrao.
    Un po' più Brasile (2): Neymar, Fred, Fernandhino, Willian, Marcelo.
    Per le sostituzioni: pescare, a casaccio, possibilmente in vari ruoli, nella lista soprastante. Non si casca tanto male, in ogni caso.
    Il resto: Croazia (1), Belgio (3), Colombia (2: avrei messo anche Falcao, sulla fiducia, se ci fosse stato), Portogallo (1).
    David Luiz a centrocampo? Per passare, d'emblée, al 343 o al 352 (facendo scendere lui e salire i due colombiani). Mertens stona un po', è vero, ma è belga. Zuniga terzino è soltanto per non far sentire solo, nel fuoriruolo, il buon Cuadrado. Lukaku? Classico sette (anzi, nove) "a levare". Anche perché s'è fatto "malino" ad una caviglia. Niente di grave, almeno pare.

    RispondiElimina
  16. Fino ad ora, io e Deyna ci troviamo in sostanziale sintonia sull'undici ideale. La riproposta di Cuadrado in posizione tabù, da parte del Sopra dopo che già Foco aveva così azzardato, apre un serio contenzioso diplomatico con la Svizzera, che ne ha già uno con la Catalogna per il sacrilego progetto di sostituire Alves col colombiano. Pazzesco, pazzesco, signori! Ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  17. Manca l'allenatore. Prandelli, senza dubbio. Lo dovrò pur difendere, prima o poi.

    RispondiElimina
  18. http://www.violanews.com/calciomercato/e-ce-chi-da-tatarusanu-gia-in-partenza-20140610/

    RispondiElimina
  19. Anto, mi sembra una criscitiellata.

    RispondiElimina
  20. Ljuka, la Colombia ha un girone con Costa d'Avorio, Grecia e Giappone, che dovrebbe vincere tranquillamente, per cui agli ottavi incontrerebbe la seconda del nostro girone (Uruguay oppure Italia, io dò per scontata l'eliminazione degli inglesi) e poi, eventualmente, nei quarti il Brasile, per cui mi sembra moooolto difficile che arrivi in semifinale.


    Quanto al Belgio, anche questa nazionale ha un girone abbastanza facile, con Russia, Corea del Sud e Algeria. Se lo vince, incontrerà negli ottavi la seconda del gruppo di Germania e Portogallo (quindi probabilmente il Portogallo) e, se li passa, nei quarti probabilmente l'Argentina. Anche qui, la vedo dura arrivare in semifinale.

    RispondiElimina
  21. Anche a me... relata refero

    RispondiElimina
  22. Ovvio, Anto. Ma potrebbero essere sufficienti "solo" i quarti. Per quanto non mi fidi al 100% di Pekerman e Wilmots. In ogni caso, una sorpresa dovrà pur far qualcosa di buono. Altrimenti che sorpresa è? Dire che il mondiale lo vincerà una tra Brasile, Argentina, Germania e Spagna, son buoni tutti. Quattro anni fa puntai sull'Olanda e ci presi abbastanza, direi. Quest'anno dell'Olanda non ho fiducia; infatti nemmeno citati, i vari Van Persie, Robben e Sneijder ed Huntelaar. Con Belgio e Colombia il rischio di sbagliare è alto. Ma non è detto che le potenziali prime, nei gironi, arrivino davvero prime. Se così fosse le carte si rimescolerebbero non poco. Staremo a vedere.

    RispondiElimina
  23. Comunque se dovessi puntare un euro, e volessi vincere poco, punterei sul Brasile, nonostante Scolari. Vinceranno i verde-oro. Non soltanto per motivi tecnici.

    RispondiElimina
  24. 1) Courtois, 2) Dani Alves, 3) Lahm, 4) Yaya Touré, 5) Thiago Silva, 6) D.Luiz, 7) Cuadrado, 8) Modric, 9) Aguero, 10) Hazard, 11) Ronaldo.

    I decontestualizzati:

    Neymarketing: o esplode (finalmente senza Messi) o resta un fiore che non apre bene i petali....
    Balotelli: o trascinerà o rimarrà uno stronzetto...
    Hazard: o Eden o inferno...
    Di Maria: figlio santo di...
    Contreao: o vince o si ubriacherà di Cointreau
    Courtois: Cointreau o Contreau...festival di dittonghi....
    Fred: Willian! Prendi la clava!
    Lukaku: Lucacazzi de turno....(ciociaro?)
    Suarez: ancora gioca, Luisito?
    Godin: scopatin con piacerin...
    Messi: e tolti i suoi gol...bella differenza
    Higuain: Pipita per Pepito...
    Lugano: addio, cantava...
    Rebíc: re delle biro...in assenza di Biro Biro.

    RispondiElimina
  25. Dal punto di vista gastronomico, il mio mondiale è sempre stato legato, indissolubilmente, alla birra. Ben ghiacciata e a fiumi. Dolce? Al massimo il gelato. Ve li lascio, i biscotti al farro ed il kamut. Sul bombolone, nonostante il caldo, potrei anche farci un pensierino.

    RispondiElimina
  26. Hazard mi sembra un azzardo. Su Lahm, il compitinomane, non ti/vi seguo.

    RispondiElimina
  27. Colonnello, non mi sminuire gli editoriali. Come vedi anche Ljuka affronta il tema importantissimo dell'alimentazione. La tua mi sembra un'analisi dell'editoriale che risente di una pontellizzazione culturale.

    RispondiElimina
  28. Pollock, talvolta Omero sonnecchia, onde devi accettare qualche insufficienza che, nel caso di AntoineRouge, temo che oggi prenderebbe piuttosto i contorni del 4. Circa la pontellizzazione, assumerei in questo caso uno dei rarissimi lampi di ironia del torvo e suicida Beberri e parlerei piuttosto di popontellizzazione.

    RispondiElimina
  29. Alle insufficienze sono abituato Colonnello. E' alla pontellizzazione che si manifesta in maniera più o meno subdola che non riesco ad abituarmi.

    RispondiElimina
  30. La pontellizzazione, eppure, avanza e chi la nega o è cieco o è colluso. La terza possibilità, che non sia un bischero da anni ridicolizzato in vedovanza di Giubba Iscariota, chiederei fosse tolta dal verbale (ahahahahahahahahahahah!). Circa le insufficienze, potrei cercare di ripescare il Deve per fartene togliere qualcuna alla memoria. Ma dovresti ripassare alla lavagna, almeno pro forma. E, sempre pro forma, se volessi in modo assolutamente indebito e millantatorio vestire panni curiali, dovrei portene qualcuna anch'io umile relitto del Lumpenproletariat (ma potremmo metterci d'accordo prima: a.e. terzo del «Purgatorio», ottavo dei «Promessi», «A Silvia», vita dell'Ariosto, influenza culturale della «Ronda»; in cambio, qualche indirizzo non fallace, completo di cellulare, fra via del Drago d'Oro e via dell'Orto).

    RispondiElimina
  31. «Portene»: di domande, Pollock. Ho cambiato giro di frase e mi è rimasta l'enclitica pendula, come il coso al Tibia (ahahahahahahahahahah!)

    RispondiElimina
  32. Cuortois; Thiago Silva, Godin, David Luiz; Cuadrado, Vidal, Modric, Iniesta Marcelo (Bale); Ronaldo, Suarez.
    Imbattibile, e non venite fuori che ronaldo e suarez non sono compatibili.

    RispondiElimina
  33. Interessanti considerazioni di Domenico da Roma:


    «Il problema di Neto è che raramente ha
    un rendimento regolare. Passa dal 7 in pagella al 5, senza quasi mai
    inanellare una serie di partite in cui non fa il fenomeno ma para il
    parabile guadagnandosi il 6/6,5. Inoltre è poco muscolato e leggerino,
    cosa che in mischia si avverte».

    RispondiElimina
  34. Bale in Mondiale se lo vede alla tivvù con una bella birra ghiacciata, come noi.

    RispondiElimina
  35. Il Mondiale secondo me ruota iontorno a Messi: ha 27 anni,. è nel pieno della carriera, questa è la sua grande occasione per dimostrare che veramente può avvicinarsi ad essere Maradona: se è in forma DEVE vincere il Mondiale con la sua Argentina, se invece passa un mese a vomitare in un angolo è chiaro che nessuno può togliere il titolo al Brasile.

    RispondiElimina
  36. Sì. Però, visto lo stipendio, offre lui. Mi impegnerò al massimo, per metterlo in difficoltà.

    RispondiElimina
  37. ah già, facevo solo un "resto del mondo".

    RispondiElimina
  38. Pendelluft, il tuo avatar mi fa pensare al quadro nero langhiano della seduta spiritica in «Ministry of Fear» o a quello nella camera numero 7, saltata la corrente, in «The Secret beyond the Door». Robona, comunque.

    RispondiElimina
  39. Prima capire, ho cercato disperatamente. Va bene. Un giro lo faccio anch'io, di là. Sul discorso in generale, abbastanza d'accordo, così come sui problemucci in "mischia". Però sul "leggerino" e sul "poco muscolato", qualche perplessità ce l'ho. Non è un gigante, d'accordo, ma non mi sembra messo così male, fisicamente. Tra l'altro dallo scorso campionato (2012-2013) mi sembra anche abbastanza irrobustito. Secondo me, il preparatore dei portieri non è disprezzabile, a differenza di altri componenti dello staff montelliano.
    "Tata - rusanu" è un bel nottolo, in compenso. 90 chili, 194 (198?) centimetri: mica poco.

    RispondiElimina
  40. Una notazione rapida: Modric, Thiago Silva, David Luiz gettonatissimi, nelle formazioni titolari e "teoriche". Strano, più ancora dei tanto celebrati fenomeni (appena ho un po' di tempo, butto tutto su foglio di calcolo e vedo quello che ne esce fuori. Se non l'avete ancora fatto, siete pregati di esternare, grazie). Vorrà dire qualcosa, immagino. Siamo forse soltanto una banda di "difensivisti"? Trapattoni, il nostro Dio. Il troppo "offensivo" Prandelli, nel senso che attacca (non che ingiuria), non può piacervi. Dk, dove sei?

    RispondiElimina
  41. Concordo (meno sul secondo), aggiungendo gli anditi di Lost Highway.

    RispondiElimina
  42. Interessante un par de ciufoli! A Domenico da Roma risponderei: nelle partite del filotto con porta imbattuta le pagelle di Neto oscillavano tra il 6 e il 6,5. Non iniziamo a scrivere stronzate....

    RispondiElimina
  43. Prandelli nella "Smorfia" sarebbe il 61.

    RispondiElimina
  44. Ecco, devo confessare la mia ignoranza in merito alle birre gallesi. Qualcuno sa se esistono e come sono?

    RispondiElimina
  45. Non ci arrivo: il cacciatore?

    RispondiElimina
  46. Sopra, dai il buon esempio (ahahahahahahahahah!)! Ljuka, è che nei rispettivi ruoli non hanno la concorrenza che c'è, ad esempio, fra gli ataccanti. Ma guarda che Cuadrado è pure onnipresente.

    RispondiElimina
  47. Non è il buio totale, ma quello nell'appartamento dove Bob Mitchum si introduce, per scoprirvi il doppiogiochismo di Jane Greer («Out of the Past»), e che piaceva tanto a ai macmahonisti, pure sarebbe citabile, caro AntoineRouge.

    RispondiElimina
  48. Ah, certamente. Gran film quello! Mi viengono in mente anche gli intervalli in nero nella stronzata debordiana "In girum imus nocte et consumimur igni". Robaccia ghezziana.

    RispondiElimina
  49. Intanto vi faccio la formazione "seria",quella che vincerebbe il mondiale a mani basse..più tardi o domani quella scherzosa:Buffon;Chiellini-Bonucci-Ranocchia(il più forte difensore del mondo,solo voi ungulati non lo capite);Darmian-Abbate;De Rossi-Pirlo-Aquilani-candreva(inferiore solo a Garrincha dei tempi d'oro,cari zombie);Cerci-Insigne.Se avessimo avuto a disposizione Montolivo non ci quotavano nemmeno,tanto era la superiorità.Se poi l'incapace mister,avesse avuto il coraggio di convocare Giandonato e Pasquato,nonché Gasbarroni(che quest'anno nei semi dilettanti ha fatto furore) e dal Latina Morrone(che addirittura sta facendo i play-off per venire in serie A,cari amebe);senza scordarsi di Cigarini,vero unico campione del centrocampo,lasciato a casa inspiegabilmente;allora era inutile giocare questi mondiali da quanto superiori saremmo stati.

    RispondiElimina
  50. LJUKA, 61= 'ommemerd'.

    RispondiElimina
  51. Balotelli con il Costarica non riceverà un solo pallone, non passeranno mai la palla al...bresciano (eh eh eh eh eh eh eh...).

    RispondiElimina
  52. Cerci è una new-entry dell'universo calcistico gattiano, ai tempi in cui era da noi, in quanto acquisto di Corvino, ne diceva peste e corna, mentre Insigne, in quanto napoletano, non penso sia granché stimato dal simpatico Andy Warhol bolognese. Piuttosto, non ci si capacita dell'esclusione, fra i convocati di Gabbiadini e Giovinco, oltre che di Marrone (non Morrone, intendo Marrone: i pupilli gattiani hanno cognomi simili, per facilità di comprensione) e Biondini.

    RispondiElimina
  53. mi sono sempre piaciuti i voli pindarici
    paura eh?

    RispondiElimina
  54. Immagino l'italiano-medio, del nord soprattutto: Primo tempo di un match qualsiasi "Vai Balo, vai...insisti, scatta..vai Mario!"; 2o tempo, Italia che perde, lo stesso italiano "E corri, negro di merda! Corri, negher!". Variante napoletana "Curr' Pummaro'...curr'! Strunz!". Ah ah ah ah ah ah....(ascoltata in un bar di Udine).

    RispondiElimina
  55. Ho dimenticato l'ultimo match nel quale Mario Balotelli é stato decisivo....

    RispondiElimina
  56. Modric e David Luiz non mi fanno impazzire. Il primo è molto poco "decisivo", frulla tanto, è bellino, ma un Pogba, per esempio, ti lascia quella sensazione di superiorità e di poter definire una partita che il croato non ha. David Luiz , per me, è due gradini sotto Thaigo Silva. Ottimo fisico, sicuramente, buoni fondamentali, ma non ha la capacità di concentrazione di Godin e pecca di irruenza. Volendo essere cattivi, è un Mexes con la permanente. Company, per me che seguo la Premier, è superiore.
    Anto, per me nel nostro girone resta a casa L'Uruguay, perché è la stessa squadra di quattro anni fa con l'incognita della forma di Suarez e Lugano e Forlan all'ammazzacaffè. Poi l'Inghilterra ha tre giocatori come Sturridge, Sterling e Wilshere in grandissima crescita e Rooney che tra tutti quelli che non hanno brillato quest'anno, mi dà la sensazione di poter esplodere da un momento all'altro.
    Può sembrare una pazzia, ,ma occhio all'Iran. Al sub-20 meritava di arrivare alla fine, ha giovani interessantissimi e una motivazione che molti si sognano.
    Anche il Giappone può fare un altro passo verso la crescita della sua dimensione calcistica. Kagawa, Okazaki e Kakitami non sono affatto male. Lo stesso Honda non è quello visto al Milan.

    RispondiElimina
  57. Modric lo prenderei senza pensarci un secondo, tanta qualità e una quantità che non gli conoscevo. Quest'anno ha percorso migliaia di chilometri, ad averne.........

    RispondiElimina
  58. Anto,Morrone era in pupillo di Gat.Uno di quelli più in voga.Poi Marrone.Si vede che tende a scegliere colori a lui familiari!

    RispondiElimina
  59. Concordo sul sopravvalutato Luiz ( unico nella storia a battere le punizioni di piatto). Sterling miglior giocatore dell'ultima PL.

    RispondiElimina
  60. Modric non ha la giocata decisiva di Pogba, è decisivo lungo tutto il match, è seta stesa lungo metà del terreno di gioco. Sulla sopravvalutazione di Luiz posso essere invece d'accordo. Mi sorprende la sicurezza di Anto, solitamente moderato, nel dannare l'Inghilterra. Temo proprio che non sarà così, mentre trovo Foco altrettanto facilone nel liquidare l'Uruguay: delle tre, la peggiore siamo noi.

    RispondiElimina
  61. Oppure ...Curr Cioccolà!

    RispondiElimina
  62. Penso che con gli inglesi ce la giochiamo alla pari, bene con il Costarica, leggermente sotto con l'Uruguay sebbene Suarez sia convalescente. Il girone dovremmo passarlo, dall'ottavo in poi non dipende più solo da noi che rappresentiamo la sesta/settima forza delle compagini schierate, che diventa, magicamente, una delle prime tre se passiamo il quarto ma siamo nel campo dell'ipotesi e basta.

    RispondiElimina
  63. A Lang ci arrivo. Con Linch soffro un po' di più. Strade perdute, Bill Pulman e Robert Blake, mi pare. Film perso nella nebbia della memoria. Vale la pena di rivederlo?

    RispondiElimina
  64. Sì, ma siamo un po' partigiani. Appena un filo. Comunque, appena ho un podi "ciccia", vediamo che arrosto viene.

    RispondiElimina
  65. Mi arrendo. troppo, per me. Dovrei studiare, per starvi dietro. Spiga.

    RispondiElimina
  66. Ah, ecco. Ora capisco. Smorfia non classica, quindi.

    RispondiElimina
  67. Grazie per l'aiuto, DK. Aspetto, con ansia, quella scherzosa.

    RispondiElimina
  68. Dell'Inghilterra non mi fiderei neanch'io. Ha un allenatore "furbetto", giocatori migliori dei nostri in molti ruoli. L'italietta ha però il vantaggio di essere già stata nel forno brasileiro (assieme all'Uruguay), lo scorso anno. Potrebbe essere decisivo, sapere di dover cuocere a fuoco lento. Dipende con quanta presunzione hanno fatto la preparazione i leoni d'Albione. Sull'Uruguay: se Tabarez ha il coraggio di aprire il campo a Cavani e se Suarez sta almeno decentemente, la vedo male per la nostra difesa. Dato che Godin potrebbe essere bollito dal finale di stagione e che Lugano è un vecchiarello, non si mette bene neanche per il loro reparto arretrato. Partita equilibrata. I vecchi (Buffon, Barzagli, Lugano, Forlan) e i matti (Muslera, Suarez, Balotelli) decideranno.

    RispondiElimina
  69. «I vecchi (Buffon, Barzagli, Lugano, Forlan) e i matti (Muslera, Suarez, Balotelli) decideranno»: questa, in chiusa, è roba da gran giornalista. Il sitollock è onorato ad averti come firma, Ljuka. Via, manca solo Zemanviola e poi si può tirare il bandone.

    RispondiElimina
  70. Di Modric hanno scritto leo e blimp. Sono d'accordo su tutta la linea. Relativamente a Suarez, anch'io ho qualche dubbio, ma non vorrei fare gli stessi ragionamenti del CT su Rossi. Tabarez prova a vincere, a costo di perdere. Di conseguenza Suarez lo aspetta (e spera). Su David Luiz, posso essere d'accordo con voi, dal punto di vista tecnico. Solo una cosuccia, però. A breve lo vedrete accanto a Thiago Silva: mi direte, con calma, chi è il macchinista e chi il capotreno. PS: gli piacerebbe, a Mexes, di avere gli stessi capelli (e gli stessi soldi) di David Luiz (piacerebbe anche a me, ovviamente).

    RispondiElimina
  71. Quanta fiha c'avrei, co' capelli di Frey!

    RispondiElimina
  72. L'Uruguay si poggia su un buon attacco e una buona coppia di centrali difensivi. Il resto è composto da faticatori e onesti calciatori. Suarez è molto più che il loro attaccante più forte, è la loro prima fonte di pressing che impedisce ai mediocri centrocampisti di abbassarsi troppo. Lugano e Godin sono due ossacci, ma , specie il primo, soffrono lo scambio veloce. Noi siamo meno forti in assoluto riguardo le nostre stelle, ma lo siamo di più in generale, per completezza e patrimonio tecnico globale. L'Inghilterra è la meno decifrabile e, per questo, la più insidiosa del girone. Dietro non sono impermeabilissimi, ma davanti e a centrocampo sono veloci. Molto veloci. Sterling è un ragazzino che può spaccare ogni difesa e tramutare un contropiede in una grossa stretta di culo. Poi, certo, la differenza più grande la farà la risposta di ogni squadra alle condizioni climatiche. Manaus non mi sembra freschina, almeno da quello che ho letto sulle pagine di "Mister No" del mai troppo compianto Sergio Bonelli.

    RispondiElimina
  73. In questo periodo le previsioni sono quasi scommesse: io scommetto in una lotta fra Italia e Uruguay per il primato nel girone e nell'eliminazione dell'Inghilterra (non mi convince, a parte Rooney sono o vecchietti o giovanissimi).

    RispondiElimina
  74. Sì, ma Andreolli? Dove lo metti Andreolli? (No risposte volgari, svp)

    RispondiElimina
  75. Mai troppo compianto Bonelli........condivido Foco, il numero uno in Italia, poche chiacchiere.

    RispondiElimina
  76. La penso esattamente come te Anto, poi si sa, solo chi fa pronostici rischia di sbagliarli.

    RispondiElimina
  77. Eccome. Più e più volte, come tutti i capolavori.

    RispondiElimina
  78. Non conosco bene Mister No, io sono un ex dylandoghiano e un persistente martinmysteriano.

    RispondiElimina
  79. I Mondiali, poi, la competizione più importante racchiusa in un mese torrido, sono quanto di più difficile da prevedere.

    RispondiElimina
  80. Da antico lettore di Tex, mi inchino al grande duo Galep - Bonelli.

    RispondiElimina
  81. Visto che si scommette, io punto sulla Russia e su Dzagoev

    RispondiElimina
  82. Rosso un fior c’è in petto fiorito,
    una fede c’è nata in cor!

    RispondiElimina
  83. Fine serata, almeno per me. Le migliori? Tre preziosi camei:
    "Fred: Willian, dammi la clava" del Sopra, la "pontellizzazione culturale" di Pollock, e "l'enclitica pendula" del Blimp. 'Notte.

    RispondiElimina