.

.

sabato 21 giugno 2014

Il codice etnico

La sconfitta dell'Italia contro il Costarica riempie finalmente quel vuoto pieno di riscontri presenti nella bacheca di Cesare Prandelli. Dopo la partita infatti, gli è stata consegnata una bella Coppa Rica. Amarena per lui amarezza per chi ama il calcio. La sconfitta contro la Costarica sarà un'insegna sempre accesa sulla sua carriera. Anzi un Insigne. La mano sulla bocca per non vomitare, invece, abbiamo scelto quella di Cassano, e un grazie doveroso ci sentiamo di rivolgerlo anche per il codice etnico relativo all'etnia dei perdenti. Davanti all'Italia di Prandelli ieri sono morti due cinesi nella hall dell'Hotel Baglioni, ben lontani dai capannoni a fuoco di Prato, e già l'ambasciatore ha avanzato richiesta formale al nostro Paese per annullare almeno la cittadinanza onoraria di Cesare, per rispetto delle vittime. Prandelli ha suggerito se non fosse stato meglio annullare il risultato della partita. "Bel giocatore davvero Thiago Motta',  questo ha detto l'ambasciatore davanti alla Camera ardente di Careggi. Si. Anche se dall'autopsia dei due sfortunati cinesi sembra emergere un'intolleranza all'uso di Darmian sulla sinistra e di Chiellini al centro. Non voglio più parlare dello scempio di una partita che ci resterà addosso come un marchio, io che non avevo nemmeno un tatuaggio, stasera ho gente a cena e non voglio rovinarmi la giornata. Voglio invece salutare Antoine, come si conviene ad un amico garbato che se ne va, perché so di avergli procurato contrasti interni, dicendogli che non sono poi così tutto da buttare via come Prandelli, che le mie abitudini alimentari non sono tutte sbagliate come le scelte di Prandelli. Insomma, io non ho lasciato a casa Giuseppe Rossi, anzi, sono addirittura un vero esperto di biologia marina, e quindi checché ne dica lui, sto molto attento che la mia quotidianità non abbia un impatto negativo sugli equilibri della vita nel mare. Dove invece sembra essersi cacciato Cesare, anche se quelli sono più un mare di Uruguay. Comunque quando compro del tonno in scatola, ad esempio, lo scelgo tra quelle marche che non sfruttano troppo le piantagioni di tonni. Antoine mi ha aiutato riflettere su certi temi, così ho cambiato le mie abitudini alimentari perché per vivere bene bisogna curare l'alimentazione. Ho capito che il pasto più importante della giornata è la prima colazione, che deve essere molto abbondante e non limitarsi a un caffè e a una semplice brioche. Io per colazione da quando ho preso coscienza dell'importanza dell'alimentazione mi mangio sempre un bel piatto di spaghetti alla carbonara, al ragù o all' amatriciana, solitamente pesce perché fa bene, e verdure a km zero. E ora che mi sono abituato a questo nuovo regime alimentare non ho più problemi. Forse per il fatto che per sopportare meglio questo mio cambiamento, ho dovuto modificare anche altre abitudini, adesso la prima colazione la faccio sempre verso mezzogiorno.

54 commenti:

  1. stefano vienna21 giugno 2014 09:09

    Peccato. Peccato che Prandelli sia rimasto così a lungo a Firenze e proprio quando i Della Valle investivano più soldi. Chissà quante soddisfazioni ci saremmo potuto togliere!

    RispondiElimina
  2. stefano vienna21 giugno 2014 09:15

    Un commento di Lele esprime benissimo tutto quello che c'è da dire sulla partita di ieri: "Niente di nuovo. Allenatore mediocre, selezionatore nullo, uomo lo sappiamo tutti". Invece vorrei ricordare il mio pronostico dei giorni scorsi: scoppola col Costarica e poi le vinciamo tutte fino alla finale di Euro 2016. Ahahahahahahah!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Il Giubba preso a giubbahe... Dello scoppiettio del Pollock di oggi trascelgo, dopo lunga esitazione, «un mare di Uruguay». Sfogata l'ira, ieri sera, una grande mestizia. Io tifo Italia. E' vero che l'Italia non se la merita nessuno, ma nemmeno quel che leggo stamani su «L'Equipe» ce lo siamo meritato. Ma cosa replicare? Ditemi voi.

    RispondiElimina
  4. stefano vienna21 giugno 2014 09:28

    No, Colonel, non c'entra l'Italia, Prandelli si merita anche di peggio.

    RispondiElimina
  5. stefano vienna21 giugno 2014 09:31

    Calcisticamente s'intende. Quando finirà ad allenare l'Orzinuovi Footbal Club potremmo finalmente risotterrare l'ascia di guerra.


    A propos: quando torna il capo indiano, come si chiamava?

    RispondiElimina
  6. Quello che mi fa strano è che il capocannoniere delle serie A è in panca perenne,il miglior giocatore italiano a casa.Nel frattempo sono passati altri 20 giorni dall'amichevole che ha decretato il niet a Pepito.Probabilmente in questo lasso di tempo(lasciando perdere l'enorme spessore umano di Rossi,che solo per quello andava convocato invece di quelle mezze seghe di Insigne e Cassano) sarebbe stato quasi in forma.E nel deserto dei Tartari là davanti non avrebbe fatto comodo?

    RispondiElimina
  7. la nazionale italiana è la regina del CAS (complicazioni affari semplici).Bastava giocare col 3-5-2(anche se non abbiamo controprova,magari si perdeva pure con gli inglesi).E se proprio la fase difensiva deve essere prioritaria,i due esterni di centrocampo,invece che Cerci o Insigne,bastava fossero Darmian-DeSciglio-Abbate.Speriamo che si ravveda per tempo.Visto che ci basta il pareggio potremmo giocare col sistema italico per eccellenza;chiusi e contropiede.Con una punta sola e centrocampisti che non si inseriscono è un suicidio...Speriamo che la teoria Luddiana abbia senso e che da martedì si cominci a correre

    RispondiElimina
  8. Confusione, tanta confusione. Il 4-1-4-1 ( che già è un modulo difensivo e attendista di suo) senza esterni di ruolo diventa un obbrobrio tattico. In teoria dovevamo essere in superiorità sulle fasce, invece è lì che ci hanno massacrato. Che Marchisio e Candreva non siano uomini di fascia, l'hanno capito anche gli indios della foresta amazzonica. Così come il fatto che cinque centrocampisti centrali, oltre che lasciare la punta sola come uno spermatozoo tra le papille gustative, abbassano la squadra di venti metri. Per il semplice motivo che se non c'è nessuno davanti, si ricomincia all'infinito, permettendo all'avversario di salire e trovando sbocco solo all'indietro. Il rimedio, poi, è stato peggio del male. Mettendo quattro attaccanti, togli di mezzo il centrocampo e ti regali ad una tattica del fuorigioco che farebbe fare bella figura anche ad una squadra di dilettanti.
    Un ammasso complicato di gente perlopiù fuori ruolo, contro la semplicità fatta squadra. È come provare a farsi una sega coi piedi, indossando le scarpe e pure messe al contrario. Al massimo rimedi un'elogazione dei legamenti del ginocchio.
    Non la vedo bene con l'Uruguay. No.

    RispondiElimina
  9. Già schierare Thiago Motta dall'inizio è un nonsense raccapricciante, dai l'impressione sbagliata inserendo un giocatore che subito sai che non ti darà niente davanti ma solo contenimento a risultato acquisito. Prima va acquisito però e non getto la croce addosso al Balo lasciato isolato a far sportellate con una difesa quantomeno ridicola; spompato anche nell'animo, senza una spalla, un partner a cui dare riferimento, squadra infarcita di mezz'ali, illogico presentarsi così in una partita dove i tre punti mettevano in cassaforte la qualificazione. Illogico correre ai ripari infarcendola dopo di 2 ali e una seconda punta creando confusione, nel secondo tempo non si è tirato in porta a differenza del primo in cui, col solo Balotelli qualche pericolo si era creato. Questa mancanza di reazione, di attributi mi ha lasciato sconcertato, errori in serie del mister ma pure giocatori imbarazzanti senza nerbo. Ai francesi auguro sempre il peggio ma dopo queste figure è chiaro che la stampa estera ci ricama all'infinito, e fanno bene........... Argentina lanciatissima, l'Iran è poco più che un allenamento, 6 punti facili, primi nel girone e corridoio diretto fino alla finale dove la pulce sfracellerà qualsiasi cosa gli si pari davanti.

    RispondiElimina
  10. Mentre voi disquisite di quisquilie, altrove è in corso una rivoluzione tattica, roba che Michels in confronto passa alla storia come un conservatore...Il 4-3-3 onirico di Lud adesso si declina così: "L'Italia fa tiki-taka come numero di passaggi, ma con una punta unica, mentre il tiki taka prevede una manovra di attacco avvolgente con due esterni alti e un centravanti". Morte al falso nueve!

    RispondiElimina
  11. Lele si è così inglesizzato che Santon è diventato Stanton [cfr. sitone].

    RispondiElimina
  12. Probabile collaborazione futura col River Plate - che mi risultava in rampa di lancio anche anni fa, da fonti molto vicine alla società argentina, poi ci furono problemi - e forte interesse per Balanta. Speriamo, è un difensore davvero molto, molto forte.

    RispondiElimina
  13. COME SALVARE LA NAVE (BUTTATO A MARE CESARE SCHETTINO):


    Sirigu, Darmian, Barzagli, Bonucci, De Sciglio, Aquilani, De Rossi, Parolo, Marchisio, Cerci, Immobile.


    Soluzione disperata, in ragione delle convocazioni cappellate da Knorr, dei soffoconi della D'Amico, della bambola di Chiellini, della bollitura di Pirlo in partita che sarà rovente e fisicissima, dello svaporamento cerebrale di acerebrato falso bove (che sarebbe provocato e bastonato fino a suo rosso, se lasciato solo davanti tra quelle carogne dei difensori uruguagi), della provata pochezza internazionale di Verratti, del pensionamento di Cassano, della comicità naturale di Insigne. Attacco affiatato, del Toro, in disposizione torinista e cioè contropiedista, come partita richiede (basta un pareggio). Candreva troppo incostante e non garante in copertura onde preferibile, visto che Knorr non ha saputo portare veri esterni di centrocampo, un 4-4-2 con Aquilani e Marchisio presidianti fasce (falsi esterni, per parafrasare Guglielmo Tell) dove occorreranno interscambi efficienti con Darmian e De Sciglio da dietro (rinuncia all'esito frequente di cross, ovviamente, ma con sta merdata di Nazionale il lenzuolo è sempre troppo corto). Al centro, De Rossi più indietro, Parolo a collegare l'attacco.

    RispondiElimina
  14. La migliore é di Bergomi : "Costarica bravo nel palleggio...anche perché sono vicini, qui al Sudamerica...". Come dire "Armenia gioca bene, merito di vicinanza con l'Europa...". Mah....

    RispondiElimina
  15. Grazie Stefano. Questo post diventerà la versione ufficiale del mio pensiero su quegli anni.

    RispondiElimina
  16. Dall'illusione di essere grandi, alla paura di scoprirsi piccoli...
    La città del prossimo match é foriera di cose belle, di doni, visto che giocheremo a Natal (per chi ci crede!); il nostro ct pur ammettendo, alla vigilia, di aver ben studiato gli avversari centroamericani, non é stato in grado ne di dare un senso al suo lavoro ne di giustificare lo stipendio; sbagliate le prime scelte, sbagliate le seconde. Figuraccia che ha numeri e nomi: 1) Diversi giocatori usurati, per primi il blocco-Juve, con Buffon e sua caviglia gonfia e Barzagli con tendinopatia (oltre a Chiellini e le sue lacune da scuola calcio), 2) la difesa rivoluzionata contro avversari veloci e tecnici, utilizzando Abate che il Milan a tenuto a lungo in panchina e spostando Darmian-dopo bella prova precedente- a destra, 3) approccio timido in partenza, ritmi troppo bassi, possesso palla sterile, 4) calciatori spompati in mezz'ora, nonostante la grande attenzione dedicata alla preparazione in ritiro a Coverciano, con test medici e apparati tecnologici (e finta convocazione di Rossi per tenere tranquilli i tifosi viola...ah ah ah ah ah), 5) inutili sostituzioni nella ripresa, con tre quasi-debuttanti, Cassano subito con mani sui fianchi (ah, il mio mister Raimondi 30 anni fa "Ah France' stamo a fa' le ballerine o i giocatori? Levete 'ste cazzo de mani da li fianchi!"), Insigne acerbo, lo stesso Insegne e Cerci buttati in campo come possibili salvatori della patria-quando mai Prandelli ha valorizzato o scoperto talenti?, 6) esagerati i tre diversi moduli (dal 4-1-4-1 all'inizio, al 4-2-3-1 finale, passando per il 4-4-1-1) con giocatori andati in tilt mentale. Invece di semplificare, Casare Vostro ha complicato; 7) interpreti di seconda scelta tra i convocati (non c'é ne uno-forse Darmian- appetito da grandi club!) e tutta la rsponsabilitá scaricata (soprattutto da Cesare Vostro) sulle spalle di Balotelli.
    Non é pensabile che l'Italia abbia sottovalutato il Costarica ma gli "olé" finali sono umilianti ma allo stesso tempo devono essere lo sprone per la partita contro l'Uruguay; i Celesti dopo il match contro il Costarica furono bollati come bolliti, ora? Bollenti?
    Due uscite a vuoto di Buffon, due gol mangiati da Balotelli, due erroracci di Chiellini (rigore moooolto plausibile). Due, come le palle piene che abbiamo di Prandelli.
    De Rossi dixit "Siamo da semifinale" (e qui siamo nel campo del "pensiero corto", molto scaramantico), Balotelli "Sogno la coppa"....unico dettaglio trascurato da quasi tutti, atleti e tifosi: una buona partita- con l'Inghilterra- che l'unico tiro in porta del secondo tempo aveva trasformato in un capolavoro, rivelatori falso. Un falso d'autore, come la carriera di Cesare Prandelli. Buon pranzo, i somali dediti alla cucina mi chiamano.....

    RispondiElimina
  17. Rinnega se stesso, è in confusione dal giorno in cui ha deciso di tifare.

    RispondiElimina
  18. Natal è davvero un paradiso, tratti di spiaggia dove si vede piantato un solo ombrellone, il nostro.

    RispondiElimina
  19. Bel post, Sopra. E adesso mare. Di più, non si può.

    RispondiElimina
  20. Agli ordini, somali-sherpa ai bagagli e via...

    RispondiElimina
  21. STEFANO, ieri alla lettura delle formazioni mi son detto: cazzo siamo troppo sbilanciati, perché no Paletta falso nueve???
    DEYNA, il correttore mi inserisce Stanton, ogni volta devo cancellare la t e mi son scordato.
    Domani parto per una spedizione, quindi mi perdo fino a15 gg di match, il che mi fa girare le palle perché il livello mi sembra piu' che buono e le partite divertenti.Vedro' di farmi registrare le piu' importanti, inclusa la battaglia di Anghiari Italia Uruguay

    Per quello visto finora, un plauso a Deschamps, che in barba alle mode, gioca semplice, 442 con due centravanti ( ieri pure Pogba in panca) corsa, schemi, pressing e attacchi equilibrati. Cile, Colombia ottimi, Germania favorita per me

    anche se spero sia buttata fuori al piu' presto. Argentina interrogativo. Brasile scarsino.

    Ciao a tutti a presto.

    RispondiElimina
  22. Secondo me vai a vedere l'Italia, magari a pranzo con Prandelli, ma non vuoi dirlo.....eh eh eh eh ....

    RispondiElimina
  23. Prandelli: "Ora dobbiamo solo recuperare le energie". Cioè, durante la partita non si sono riposati abbastanza?

    RispondiElimina
  24. L'unica speranza della nazionale ai mondiali è che una pornostar italiana prometta roba in caso di passaggio del turno.....

    RispondiElimina
  25. Ilaria D'Amic avrebbe una storia con Buffon...Ma per essere competitiva a gennaio prenderà anche un difensore centrale.

    RispondiElimina
  26. Buongiorno, ne ho vista poca, solo gli ultimi venti minuti, penosi, quindi poco ho detto e poco ho da dire. Certo che se si pensa di giocare ai mondiali ai ritmi degli ultimi venti minuti essendo anche in svantaggio si ha il mal di capo. Che con Costarica era più facile perdere che vincere l'avevo comunque detto alla vigilia. Siamo poco e con un allenatore mediocre che poco aggiunge. Con l'Uruguay non c'è che sperare in San Culo perchè faremo la solita partita che ce ne vorrebbe tanto.

    RispondiElimina
  27. Brasile: Ai mondiali di calcio Mario Balotellii ha sfoggiato un inedito ciuffo rosa. Poi si è rimesso i calzoncini.

    RispondiElimina
  28. Non avesse già vinto l'italia, a questo punto darei anch'io la Germania favorita [magari poi oggi ti perde col Ghana...]

    RispondiElimina
  29. 1. Berlusconi: "Ho ridato prestigio all'italia in sede internazionale".
    2. Time, copertina su Berlusconi "Ha messo a repentaglio l'Italia". Il Time dedica la copertina della sua edizione europea, che sarà in edicola il 21 novembre prossimo, a Silvio Berlusconi con il titolo: "L'uomo che sta dietro l'economia più pericolosa al mondo".
    3. El Pais: «Berlusconi? Un giocatore scorretto che ha portato l'Italia alla rovina”.
    4. L'Economist: «Berlusconi: l'ultima cosa di cui l'Italia ha bisogno» .
    5. Spiegel: Berlusconi tra i "dieci politici più pericolosi d'Europa".
    6. Süddeutsche Zeitung, il volto di Berlusconi nella tazza del water. Titolo “ritorno a galla”.
    7. “Il ritorno della Mummia”: la prima pagina di Libération su Berlusconi.

    Questa era cronaca giornalistica di circa un anno fa. Bene, sostituite la parola Berlusconi con la parola "Prandelli".

    RispondiElimina
  30. Considero il Giubba un ommemerd e un allenatore mediocre, però credo anche che tirar fuori qualcosa di buono dal panormana calcistico attuale italiano sarebbe impresa ciclopica anche per quelli buoni. Siamo poco.

    RispondiElimina
  31. L'altro giorno avevo forse paura di apparire troppo severo e prevenuto verso Prandelli e l'ho giudicato buono come allenatore. In realtà propendo più verso il discreto, e la partita di ieri, vista l'IMPORTANZA, fa molto testo e futuro precedente. Detto questo, la derrota della difesa attuale contro Suarez e Cavani è così annunciata, quasi scontata, da impedirne la realizzazione nel reame del vero. Uruguay malinconicamente eliminato, quindi, e italia avanti nel mondiale, fino alla fine.

    RispondiElimina
  32. Concordo, allora perché non dire - tempo fa- "Porteremo una nazionale più giovane, preparatoria per i prossimi 4 o 6 anni ..." E dentro la marmaglia giovane, facendo restare a casa Buffon, Barzagli, Pirlo, Motta (ne italiano ne brasiliano. Un mistero), Aquilani, Cassano. L'Inghilterra (eccetto Gerrard e Rooney) l'ha dichiarato e l'ha fatto ed é il motivo per il quale molto probabilmente Hodgson rimarrà.

    RispondiElimina
  33. https://www.youtube.com/watch?v=O-bZ9utRF1k

    RispondiElimina
  34. Brasile. Fa così caldo che Ilaria D'Amico vuole stare sopra...

    RispondiElimina
  35. Scienza: un gruppo di scienziati americani è riuscito a rendere invisibile un uomo. Gli hanno dato il nome Thiago Motta.

    RispondiElimina
  36. Brasile: due calciatori, uno nero (Balotelli) e uno bianco (Cassano) hanno giocato insieme in nazionale. L'esperimento dimostra come l'integrazione fra diverse culture possa essere del tutto inutile.

    RispondiElimina
  37. Italia: La Costa Concordia si sposta di 7 mm l'ora: come Thiago Mottai quando punta verso la porta.

    RispondiElimina
  38. "scusa Mario, tu preferisci Vasco o Ligabue?" ...."Ma ghe gazzo di domanda é? Un cantante con un piddore?".

    RispondiElimina
  39. Mondo: Standard & Poor's declassa Brasile e Italia, distribuendo equamente le colpe per l'ultima partita di Thiago Motta.

    RispondiElimina
  40. Prandelli supera Belen nei motori di ricerca. Capita, se cerchi "bella inculata".

    RispondiElimina
  41. Scusate l'invadenza dei post, volevo stimolare una discussione...ah ah ah ah aha...Cesare mi aveva stimolato la digestione....ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
  42. Perchè da un quaraquaqua mediocre non puoi pretendere questo e chi ce lo tiene non lo pretende. Mettici un simil-Zeman e forse tra quattro anni almeno tre attaccanti e un centrocampista buoni ce li abbiamo, però pigliamo qualche giubbata e nessuno le vuole. Meglio un monte di partite scialbe, di vittoriucce, pareggiucci e sconfittucce.

    RispondiElimina
  43. Monumento a Romero, poi a Messi. Il diversamente-alto del Barca é la dimostrazione pratica di cosa sia il concetto di "campione", "risolutore", "uno che si carica la squadra selle spalle".
    Rojo dimostra che ogni squadra ha una pippa, Gago sopravvalutato, Lavezzi carico, Higuain con testa a Barcellona, Palacio formato-Inter-cioè nulla.
    Qualsiasi parere che vorrà paragonare il match dell'Albiceleste a quello d'Italia verrà bollato con una sola risposta: "Almeno loro hanno vinto e hanno giocato un po' più offensivi".
    (P.S.: mai ascoltate tante ovvietà da uno come Ciro Ferrara; pareri inutili, affermazioni bislacche, ovvietà che neanche mio figlio direbbe. Ha inciso sul commento come ha inciso nelle squadra a lui affidate: zero).

    RispondiElimina
  44. POLLOCK, percentuale di miei post oggi? Possesso-post mio! Attendiamo Deyna..eh eh eh eh eh...mortacci, polacco, vieni a scrivere che tutto quello che é successo a Belo Horizonte é...tattica. Ah ah ah ah ah ah.....

    RispondiElimina
  45. Liquidato dalla Nazionale, tornerà a scenari parmensi. Il grandissimo allenatore. Il miglior allenatore della storia viola. Beberri a lutto stretto, sconnette attacchi confusi e (= anche perché) presumibilmente tagliati da censura a Zemanviola. Sigla Pixel.

    RispondiElimina
  46. La mia scommessa è già in cassaforte, avevo previsto la pulce e pulce è stata. Argentina campeon!!!!

    RispondiElimina
  47. Zero post di Pippuccio, quello che nella vita ha un solo cruccio (ahahahahahahahah!): straaaaaaaaano! Lui scrive solo quando vince la Nazionale o perde la Fiorentina (in quei casi, 427 post di 59 righe di media in 24 ore), e cioè in rare occasioni. Peccato, il mio magico archivio non si aggiornerà con sue boiate fresche.

    RispondiElimina
  48. A me risulta che i neri mangiano i bianchi....Il re del popolo antropofago vedendo una nave al largo disse alla figlia "Cara, questa sera ceniamo coi piselli...." ah ah ah ah ah ah ah....Un sol boccone!

    RispondiElimina
  49. Germania deludente in questo primo tempo. Non riesce a distendersi in velocità e trova fisicamente pane per i suoi denti.
    L'Argentina mi ricorda la nostra nazionale per lentezza, confusione tattica, approssimazione e totale inadeguatezza di una buona parte degli uomini in campo. Messi decisivo, ma autore di una partita orrenda per i suoi standard, anche più di quella con la Bosnia. Sabella e Prandelli devono aver frequentato le stesse fumerie d'oppio prima del mondiale.
    De Rossi fuori, cosa che mi fa temere l'ingresso di Bonucci per un 3-5-1-1 con Candreva falsa punta. Ho un brivido anche mentre lo scrivo.
    Personalmente io propenderei per due punte larghe, tipo Balo- Cerci per aprire il loro pacchetto centrale e,magari, provare anche a tirare da fuori convergendo da sinistra con Balotelli e da destra con Cerci. Serve gente che possa fare il movimento che serve per farsi servire da Pirlo, che al momento mi pare l'unica speranza di uno straccio di gioco.

    RispondiElimina
  50. "Che serve per farsi servire" è bello. Veramente bello.

    RispondiElimina
  51. Bellissimi i Ghanesi!

    RispondiElimina
  52. Bella squadra! Sia i ghanesi sia i tedeschi correvano, altro che caldo che limita...

    RispondiElimina
  53. Orrenda partita dell'Argentina, priva di schemi che liberino i campioni in attacco, lenta a centrocampo, distratta in difesa. Davanti, un Messi inincisivo, sempre fermato nello spunto, che produce a velocità molto più basse del solito. Poi, al 90', il capolavoro, che ricorda molto un suo gol in amichevole contro il Brasile, quando fece se non erro tripletta. Spero che il suo [relativo] disagio sia luddianamente frutto di una preparazione mirata a farlo arrivare al massimo alla fase finale, come il Maradona dell'86. Higuain in condizioni pietose, impacciato, goffo, lento, non si è più ripreso dal finale di campionato. Aguero parrebbe anche abbastanza in palla, ma non funzionano i meccanismi per servirlo. Tevez, anche solo per sbloccare certe partite, serviva come il pane. Di Maria potrebbe essere decisivo, uno spaccapartite, ma i [non] movimenti dei compagni non gli aprono davanti gli spazi necessari.

    RispondiElimina
  54. Nigeria molto offensiva, ha verticalizzazione molto efficaci e sembra più squadra. Bosnia appesa ai tiri di Dzeko. Dzeko d'amore.

    RispondiElimina