.

.

domenica 22 giugno 2014

La bacchetta magica di Prandelli

Il secondo tempo di Ghana-Germania riconcilia con il calcio, Bacconi invece con il sonno, raccontando ovvietà con la bacchetta del professore, quella che dovrebbe aver rubato a Prandelli, che senza, non riesce nemmeno a indicare con esattezza il capocannoniere del campionato, e al suo posto entra invece Insigne, solo perché è lì al suo fianco, e perché con il dito non si ha la stessa precisione che con la bacchetta. Il calcio senza la bacchetta magica di Prandelli, si sa, non è propriamente pervaso da equilibrio, per questo motivo emerge quello inaspettato che c'è nel triangolo Buffon, D'Amico, Seredova. C'è pacatezza nella vicenda, altro che la mano sulla bocca di Cassano, o la proposta di nozze di Balotelli. La Seredova porta i bambini in Brasile con la maglia azzurra del babbo, mentre Prandelli non porta Giuseppe Rossi in Brasile con la maglia azzurra del meglio. Lei non si leva la fede, mentre Cesare esclude Giuseppe, perché proprio grazie alla fede ha visto Insigne in sogno con le stimmate del goleador. Grande civiltà quindi nella vicenda privata di Buffon, quella che manca in una qualsiasi intervista di Varriale. La D'Amico continua a fare il suo programma pronunciando il nome del fidanzato senza tradire nessuna emozione, chiede informazioni sulle sue condizioni all'inviato, mentre l'inviato vorrebbe chiederle a lei. Insomma, ex famiglie perfette che ribaltano tutti i cliché, non più guerre tra ex moglie ed ex mariti dove il napalm la fa da padrone, non siamo abituati, noi che ingolfiamo i tribunali per molto meno, sono convinto che i tribunali si scomodano per cose serie, lo dobbiamo a chi per anni aspetta che sia fatta giustizia per questioni davvero importanti, mentre i tribunali sono al collasso per cause di fuffa o antipatia. L'esempio della D'Amico è lì per farci riflettere sul concetto di tolleranza, lei non va in escandescenze solo perché l'ex moglie va a trovare il suo nuovo fidanzato, forse anche perché aiutata molto dal fatto di essere abituata a subire vessazioni maggiori, visto che sono anni che tollera Massimo Mauro.

115 commenti:

  1. Siccome sto ancora dormendo, sto sognando una finale Ghana- Colombia. Mi spiace per il Cile e allora sogno una finalina per il terzo posto Cile - Nigeria. Se poi ci azzecco mi compro una roulotte e una palla di vetro.

    RispondiElimina
  2. ...sono ancora in fase onirica e sogno che Tony Kroos lasci il Bayern per creare un'asse teutonico con Gomez a Firenze. Ha lo stesso modello di contagiri di Pirlo innestato nel piede

    RispondiElimina
  3. Ghana mia seconda Nazionale. Per una decina di anni ci ho passato lunghi periodi, etnia africana tra le più piacevoli, educate e rispettose. Malati veri per il football hanno non so quante stazioni locali che parlano di calcio 24 al giorno, soprattutto a Kumasi, capitale Ashanti. Hanno un pò la sindrome da leader, nel senso che si sentono il Brasile del Continente. In campo se imbrigliati in temi tattici troppo complessi, fanno figurette e perdono la loro identità, se lasciati liberi di sfogarsi con il loro istinto, ecco che vengono spettacoli di calcio degnissimi per un mondiale, far penare i tedeschi è tanta roba! Durante l'era Dossena CT ghanese, ho partecipato a diversi allenamenti, e partite tra loro, con Beppe ed io unici stranieri, ah ah. Bei ricordi calciare in campo con Appiah, Johnson, Essien, Addoo, Kuffour, Ofory...

    RispondiElimina
  4. Zeman al Cagliari: sarebbe buona cosa prestare Babacra ai rossoblù

    RispondiElimina
  5. LELE, fondamentale tua presenza per sviluppo calcistico del Ghana...abbiamo capito!!

    RispondiElimina
  6. Brasile: ancora sangue per le strade; Balotelli "Quanti centimetri?".

    RispondiElimina
  7. Quello che volevano dire realmente

    1. Prandelli : "Vogliamo arbitri esperti."
    2. Prandelli : "Vogliamo Calvarese o al limite Paparesta".

    RispondiElimina
  8. Comunque là era nato per davvero, un altro Maradona, o molto vicino:
    Odartey Lamptey.

    RispondiElimina
  9. Nii.....Telento precoce, bruciato velocemente. Potrebbe essere definito l'archetipo dei calciatori che poi sono riusciti ad emergere.

    RispondiElimina
  10. "Lo si è visto ieri, Prandelli è un allenatore senza coraggio e non vincerà mai nulla": il Buk ha posto i presupposti per una figura barbina in stile giornalisti italiani '82...Dopo la vittoria finale ai Mondiali, non gli faranno più scrivere nemmeno "le grandi inchieste di Topolino".

    RispondiElimina
  11. Lele, hai visto giocare Alonso nel Sunderland? E' migliorato?

    RispondiElimina
  12. Altro spillone nella bambola, ahahahah!

    RispondiElimina
  13. A me hanno impressionato, anche al di là del gioco, perché sono musicisti nell'anima: il loro coro, nel corridoio degli spogliatoi prima del match é veramente roba da cantanti professionisti, con controcanti, intonazione e ritmica perfette. Questo ti dà la dimensione del pensare collettivo. Ci dev'essere una cultura musicale impressionante in Ghana! Altro che il karaoke stonato e cacofonico di tanti altri!

    RispondiElimina
  14. Babacar e Bernardeschi al Cagliari di Zeman, senza perdere il controllo di Vecino, in cui credo tanto...Rebic invece lo terrei a fare l'alternativa in attacco [anche se a Zeman non credo dispiacerebbe un 4-3-3 con Bernardeschi-Babacar-Rebic, anche se credo si voglia affidare all'esperienza di almeno uno tra Sau e Pinilla], considerato che né Gomez né tantomeno Pepito li potremo spremere come limoni. Pur giocando pochi minuti, il croato mi sta facendo una grande impressione ai Mondiali. Del resto quando arrivò mi ero spenzolato parecchio, lo vedevo come un diamante da sgrezzare.

    RispondiElimina
  15. Vocalelli può/deve stare sulle palle, ma cosa opporre a questa puntigliosa disamina? Sembra fatta da un sitollockiano, per profondità di competenza:

    «1) Prandelli ha sbagliato, innanzitutto, a pensare di poter
    replicare la partita con l'Inghiterra, malgrado un cambio quasi
    obbligato. Fuori Verratti, non poteva e non può essere Thiago Motta il
    suo sostituto. Come se i difensori fossero tutti uguali, gli attaccanti
    tutti uguali e i centrocampisti tutti uguali. Ma tra un palleggiatore
    tecnico e un incontrista di sostanza c'è una grande, ma grande,
    differenza.
    2) Fuori Verratti, sarebbe stato molto più logico, sin dall'inizio, riportare Marchisio nel ruolo di intermedio, con un esterno capace di aprire il gioco, mettendo qualità e non semplicemente corsa.
    3)
    Dopo l'ottimo debutto contro l'Inghilterra, perché spostare Darmian
    sulla fascia opposta? Tutti sanno ed evidentemente anche Prandelli, che
    Darmian offre il meglio a destra e diventa un giocatore quasi normale
    dalla parte opposta. Se tiri la coperta da una parte e ti scopri
    dall'altra, finisci solo per farti male. Tanto più che la fascia destra,
    con Candreva, era andata benissimo. Stavolta non solo Darmian non è
    stato lo stesso, ma Candreva è stato l'ombra di se stesso. Perché ama un
    giocatore che gli sfili sulla fascia.
    4) Si diceva che Chiellini
    non andava bene a sinistra ed è vero, per mancanza di gamba. Per
    evitargli questo ruolo, è stato spostato Darmian. Ma a destra è stato
    messo Abate, che solo tre volte - pure in una squadra costretta ad
    attaccare - avrà superato la metà campo.
    5) All'inizio del
    secondo tempo è entrato Cassano, che però si è sistemato sulla
    trequarti, finendo per affogare Pirlo. Sarà un caso che Pirlo ha dato
    tre palle splendide nel primo tempo e nemmeno una nel secondo tempo?
    6)
    Per pochi minuti, è vero, ma per pochi minuti, con l'ingresso di
    Insigne, è stato spostato Marchisio sulla fascia destra. Comunque in una
    posizione, l'ennesima posizione, a lui non congeniale.
    7)
    Prandelli ha parlato di stanchezza e problemi fisici. Ma non avevano,
    non potevano, avere problemi fisici i tre nuovi entrati: Cassano,
    Insigne e Cerci. Che sono stati messi su una ipotetica linea a tre, alle
    spalle di Balotelli. Il problema è che Cassano, Insigne e Cerci hanno
    sbagliato quasi tutti i tempi di gioco, perché tutti e tre amano partire
    larghi per poi rientrare. Sono seconde punte più che trequartisti. E
    invece Prandelli, con quel sistema, ha tolto spazio a tutti.
    8)
    E' paradossale che, nel momento di recuperare, alla fine abbiano giocato
    quattro dei cinque attaccanti a disposizione, meno Immobile, che è
    quello maggiormente con il gol tra i piedi. Non ci sarà mai la
    controprova: ma con lui, su quell'azione di Balotelli che ha sbagliato
    lo stop e il tiro, come sarebbe andata?
    9) Prandelli con i tre
    cambi ha messo tanti giocatori d'attacco, pensando così di mettere alle
    corde il Costarica. Lo abbiamo visto fare ad atri allenatori, nel
    momento più critico e più difficile. Ma bisognava piuttosto alzare la
    linea difensiva, rischiando come ha fatto la Costa Rica nel primo tempo,
    ma portandola a ridosso della metà campo. Chiellini e Barzagli erano
    invece fermi a dieci metri dall'area di rigore. Con il risultato che tra
    De Rossi- Pirlo e i tre della linea c'erano quaranta metri.
    10)
    Il campionato italiano ha detto pochissime cose. La forma di Immobile e
    una, indiscutibile, certezza: la Juve ha costruito i suoi successi sulla
    tanto discussa, ma imperforabile, difesa a tre. E' normale che
    Prandelli abbia battuto tante soluzioni, girando i giocatori, mettendoli
    a volte fuori ruolo e non abbia mai "provato" la cosa più semplice? Lì
    in mezzo Barzagli, Chiellini e Bonucci. Abbiamo preso due gol, con il
    difensore esterno preso sul lato lungo. Alla Juve capita raramente. Ma
    molto raramente».

    Per il resto, onore al calcio africano, cui Balo porta disonore.

    RispondiElimina
  16. Secondo alcune fonti giornalistiche, il valore di Cuadrado, dopo le due partite giocate al Mondiale, sarebbe già salito a 45-50 milioni. Posto sia vero e che ci sia qualche grande squadra disposta a spenderceli, che fareste?

    RispondiElimina
  17. Mi convincono poco i punti 9 e 10: se tieni Barzagli [specie quello in precarie condizioni fisiche di oggi] e Chiellini molto alti, in campo aperto vai incontro a un massacro; il terzetto Barzagli-Chiellini-Bonucci non è forte tanto di per sé, quanto a causa della perfetta protezione che Conte gli ha assicurato con Vidal e i due esterni.

    RispondiElimina
  18. La cosa più semplice (e più sensata), al momento. Aspetterei la fine del mondiale, magari il valore sale ancora. A bocce ferme se ne può parlare, tenendo ben presente, però, che chi decide è sempre e comunque il calciatore. Tenendo anche presente che i procuratori hanno una bella "provvigione" su cessioni, acquisti e su nuovi contratti. Al momento la Fiorentina ha fatto l'unica cosa assolutamente necessaria: togliersi di torno l'Udinese e , con l'Udinese, possibili acquirenti poco corretti e senza soldi (cfr. squadre italiane neroqualcosa). Tutto il resto si può discutere, con calma. E attendendo che l'impasto lieviti il più possibile.

    RispondiElimina
  19. Concordo, claro. Dipende soprattutto da chi hanno in testa di prendere con i soldi che entrano, poi...

    RispondiElimina
  20. Se aspetti gli avversari è peggio, si è visto. E la protezione la deve assicurare Knorr.

    RispondiElimina
  21. Si vocifera, a partire dalla «Gazzetta», di un 3-5-2 e piuttosto 5-3-2: Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Darmian, Verratti, Pirlo, Parolo, De Sciglio, Immobile, Balotelli. Non sarebbe la peggiore delle idee.

    RispondiElimina
  22. Antoinerouge, puoi scegliere anche di partecipare saltuariamente... Oggi, ad esempio, di alimentazione non è questione. E ci manca molto un tuo commento a quanto fatto vedere dall'Italia finora...

    RispondiElimina
  23. Giuste le obiezioni di Deyna, sui punti 9,10. Però è vero che Prandelli è arrivato al mondiale con idee, tutte, ben confuse. A partire dalla difesa, che è sempre stata nostro salvagente.
    Sulla seconda parte del punto 8, qualche perplessità: Immobile tanto tecnico non è. Certo che a sbagliare, in serie, due "gesti tecnici" su due (cfr. stop e pallonetto) era capace anche lui. Sull'inizio del discorso, invece, concordo.
    Punti 1, 2, 3,4 giusti, anche se un po' ovvi.
    Degno di nota il punto 5, anche se Pirlo e Cassano hanno già giocato assieme, in nazionale. Entrambi con ben altra mobilità: muovendosi di più, non si sarebbero affogati a vicenda.
    Il punto 6 rientra nel fuori ruolo, classica fissa degli allenatori presuntuosi, soprattutto se non sono più che "discreti". Marchisio è afflitto dal problema dai tempi di Lippi (se non convince, lasciarlo a casa no?).
    il punto 7 mi trova d'accordo (lo legherei, tra l'altro, al tema "affogamento", punto 5): tutte seconde punte messe a fare i trequartisti. Solo Cassano dei tempi d'oro ne sarebbe stato capace. Di Insigne non voglio parlare (ancora mi salgono i nervi per la CI), mentre Cerci andava, semmai, inserito con Immobile. Se non ha qualcuno che gli porta via un paio di uomini (a quel punto Balotelli era già in formato "peluche" e gli altri, picchetti nullafacenti, complicavano, anziché aiutare), il buon Alessio tira addosso ai difensori e quindi serve a poco.

    RispondiElimina
  24. Avrebbe un senso, ma mi convincono poco Pirlo e Verratti insieme.

    RispondiElimina
  25. Pare che siamo vicini all'uruguaiano Gaston Silva, sarebbe un gran colpo. Difensore di soli 20 anni, ma gioca già come un veterano: freddezza, garra, roccioso nei contrasti, gran lettura del gioco, fortissimo negli anticipi, non lento, salta bene, ed ha un bel mancino per rilanciare l'azione. Sicuramente tra i 2-3 centrali giovani più forti del Sudamerica, e non solo.

    RispondiElimina
  26. Brasile, casa Italia. Si cerca un accordo fra esigenza di passare Il turno e il turnover:"Vino rosso o bianco?" .

    RispondiElimina
  27. Brasile, casa Italia; Prandelli "Sento il peso di decisioni non facili".
    Per rilassarmi, mare o montagna?

    RispondiElimina
  28. Brasile, Casa Italia; giornata di studio delle due partite sinora disputate, i tecnici italiani stanno cercando di capire cosa ha funzionato nella prima gara.

    RispondiElimina
  29. Il problema è che le prende e chi gli da l'incarico di farlo,

    RispondiElimina
  30. Brasile, Casa Italia; decisa già la strategia per eventuali calci di rigore (pur se ipotesi non plausibile): Pin in tribuna con laser contro Muslera.

    RispondiElimina
  31. 'Studio' mi sembra un parolone.

    RispondiElimina
  32. Brasile. Durissima reprimenda sulla situazione locale da parte di Mario Balotelli: "E questi voi li chiamate pompini?".

    RispondiElimina
  33. Ma il 'pin' gli serve per accedere alla panchina?

    RispondiElimina
  34. Non l'ho capita. Sei oltre, ahahah!

    RispondiElimina
  35. Polemiche per la foto di Prandelli assieme ad una signora con la maglia "Pepito Rossi a casa!". "Farò più attenzione alle persone con cui mi fotografo" ha commentato la signora.

    RispondiElimina
  36. Mario Balotelli ha tenuto la prima conferenza davanti ad un nutrito pubblico. All'inizio è parso un po' nervoso, poi è riuscito a ordinare.

    RispondiElimina
  37. Brasile: Messi guadagna circa 100.000 euro al giorno. Balotelli " Immaginate quanto spenderà in portafogli".

    RispondiElimina
  38. Non é vero che Cassano é grasso....Peró che le navi di Costa Crociere gli fanno l'inchino é un po' strano....

    RispondiElimina
  39. Ma se era 'nutrito', cosa avrebbero potuto lasciargli?

    RispondiElimina
  40. Mondo. Inizia a scarseggiare l'elio, e soprattutto il gas esilarante. A rischio Fisica e Medicina. La causa? Utilizzo per le partite dell'Italia.

    RispondiElimina
  41. Capitan Sfraceli!

    RispondiElimina
  42. Ci rimangono 'le storie tese'!

    RispondiElimina
  43. Brasile, casa Italia. Arrestato un uomo mentre si avvicinava al ct Prandelli con una pistola scacciacani a salve, due pugnali da sub e uno sfollagente telescopico. Restano ancora da chiarire, tuttavia, i motivi dell'arresto.

    RispondiElimina
  44. Brasile. 5000 tifosi napoletani allo stadio per la storica impresa: rispettare le regole in uno stadio.

    RispondiElimina
  45. Ne bastava uno: Jenny 'a carogna. Solito sperpero di soldi pubblici.

    RispondiElimina
  46. Italia. Vendolai: "Renzii si occupi dei drammi sociali: povertà, disoccupazione, Prandelli".

    RispondiElimina
  47. GRANDE TE, SOPRA! La Ferrari? Rifatta, sicuramente!

    RispondiElimina
  48. Vergognoso post con foto allegata da parte del Colonnello a Le Monde, a caldo, dopo la derrota italiana col Costarica

    RispondiElimina
  49. Fosse stata 'la' Costarica. E' rimasto Immobile, insomma, come Insigne!

    RispondiElimina
  50. E' evidente che sta cercando di scappare, per gettarsi fra le braccia di Salv...ini! E' o non è Lumbard?

    RispondiElimina
  51. Tolgo l'ultima battuta, intendevo dire 'dalla padella nella brace', di questa Lega e leghisti del cazzo. L'ho detto, finalmente. W l'integrazione, W le persone per bene, indipendentemente dal colore della pelle e dalla provenienza. Ne abbiamo 'troppo' bisogno.

    RispondiElimina
  52. Deyna, l'ho visto solo qualche volta, Poyet non lo utilizzava titolare, ma credo avesse problemi fisici, visto che ne richiede la conferma. Se non viene uno bravo davvero, va ripreso, vale tre Pasqual e due Vargas. Solo basterebbe trovasse un tecnico paziente che capisce di fase difensiva...a buon intenditor...
    Prenderei , ad un prezzo giusto, Giac.

    RispondiElimina
  53. E poi...sarei io il diversamente filantropo....

    RispondiElimina
  54. Tu, Sopra, ti situi appena a sinistra di Himmler ma decisamente a destra di Rosenberg. Sei comunque un pericolosissimo aperturista agli occhi del duo petroniano-ducale.

    RispondiElimina
  55. La Germania dei falsi nueve perdeva;per recuperare ha avuto bisogno del vero nove.Perché a questo giochino é importante buttarla dentro.Motivo per il quale Montella ha voluto a tutti i costi Gomez

    RispondiElimina
  56. Leghisti del cazzo...può essere Gonfia, intanto Salvini è l'unico che ha denunciato pubblicamente l'evasione di 98 miliardi di € accertata, ad opera delle società video poker, evasione che il governo ha abbonato a soli 2. Il PD?

    RispondiElimina
  57. Brasile. Balotelli ha tentato di stabilire il record di cento palleggi fatti da seduto fermandosi però a 74. Ha comunque battuto il record personale di numeri contati.

    RispondiElimina
  58. Italia. In concomitanza di Mondiali é uscita la biografia di Cesare Prandelli. Non solo vi permetterà di uccidere gli insetti ma anche di umiliarli.

    RispondiElimina
  59. Brasile. Un calciatore del Giappone fugge dal ritiro. É giallo.

    RispondiElimina
  60. Già, ma qui si apre un mondo tutto nuovo. Per certi versi, sarei davvero curioso di sapere chi andrebbero a pescare, i due diversamente e furbescamente abili, con un cinquantino (o più) circa.

    RispondiElimina
  61. Brasile. La Farnesina già pensa al modo migliore per far tornare a casa gli azzurri; il ministero pensa ad una corsia preferenziale: "Allora, voi andate affanculo da questa parte".

    RispondiElimina
  62. Tanti anni fa iniziava l'incarico di Prandelli come ct; lo ricordo bene, ruppi uno specchio quel giorno.

    RispondiElimina
  63. Brasile, casa Italia. Deciso da Prandelli uno schema a Piramide. Imbarazzo della scelta per le mummie. Alla frase di Prandelli "Ribaltamenti veloci, come il Nilo che sommerge...", Balotelli ha esclamato "Ah, si conosco, Nilo Manara...".

    RispondiElimina
  64. Capìto...Sì, il problema grosso era la fase difensiva, era a malapena all'ABC, oltre ad essere un po' goffo nello stretto. Però aveva fiato, corsa, un piede non male, andava via di potenza sulla fascia, di testa le prendeva abbastanza, crossava, e aveva una bella lecca da fuori. Giaccherini no, perdio! Al massimo come riserva e se abbassano di vari milioni le pretese!

    RispondiElimina
  65. Ovvio come riserva che credevi? Uno come lui, più o meno ce l'avevamo , Romulo. Jolly di centrocampo e fascia, corsa, stanno in panca, e a volte risolvono. A prezzo giusto, da prendere immediatamente.

    RispondiElimina
  66. Avvistato un Ufo in Brasilei. Parla il testimone, il calciatore Lorenzo Insigne “Era una strana sfera luminosa di colore giallo”. Fanno tenerezza i napoletani quando scoprono i semafori.

    RispondiElimina
  67. Scommesse sul calcio.Giochi online, a Maggio o spesi 78 milioni. Buffon "comunque sono sicuro che recupero".

    RispondiElimina
  68. Prandelli: 'Gioca solo chi ci crede'.

    RispondiElimina
  69. per l'anniversario.

    RispondiElimina
  70. Io uso 'Il calcio fa bene'. Funziona!

    RispondiElimina
  71. Sette...quattro...come al Lotto.

    RispondiElimina
  72. Mertens incontenibile nel primo tempo, si appanna nella ripresa e viene sùbito sostituito mentre Hazard, opaco fino ad allora, viene invertito di fascia ed esplode nella sua grandezza: questo è un allenatore! Che però ha un centrocampo lento in Witsel (vecchio pallino del Raven: dopo tutto, meglio che non sia venuto a Firenze) e soprattutto nel segaiolesco Troisi/Fellaini. Lukaku con Fred spaventosa delusione, finora, fra i veri nove del Mondiale. Botta di culo per i belgi che si è fatto male Vermaelen, Kanunni lo stava scherzando. E dire che i russi sembravano, attorno all'ottantesimo, averne ben più dei belgi e poterne approfittare, scarponi come sono (salvo Faizuli: bei movimenti di Kokorin ma il ragazzo deve inossarsi, così Kompany se lo pappa)!

    RispondiElimina
  73. E tenete la destra, ahahahah!

    RispondiElimina
  74. Lite in diretta Mandorlini-Agroppi. Ma il Bar Marisa non è chiuso a quest'ora?

    RispondiElimina
  75. Poi io sono il razzista! "Kompany se lo pappa".....É comunista o antropofago, Kompany? Ah ah ah ah ah COLONNELLO, non sto ne a destra di quelli citati da te, tantomeno a favore delle ideologie Dotta/Ducale, sarò in coda al drappello sitollockiano, sempre. Come in un normale rastrellamento, con schieramento a cuneo.

    RispondiElimina
  76. In caso di cessione di Cuadrado ( che io prevedo tra un anno, però) io vorrei vedere in viola Konoplyanka, uno dei pochi grandi giocatori ancora non in mano ad una squadra più ricca di noi.

    RispondiElimina
  77. 'Dovessimo uscire sarebbe un fallimento'. Buffon svela in diretta il terzo segreto di Ilaria.

    RispondiElimina
  78. Belgio veramente Thiagomottesco in mediana, ottimo nei centrali su palle alte, in sofferenza quando infilato dalle discese Darmianesche dei laterali sovietici (sovietici?!?). Hazard non giustifica stipendio. Con il portiere russo in modalità Vivianesca (vedere le mani a saponetta nella partita precedente!) perché non tirare da fuori? Se Witsel é costato 40 milioni allo Zenit, mi sorge una domanda ma non voglio formularla. Per ora. Se Fellaini é costato altre 30 cocuzze al Machester Utd mi sorge un'altra domanda ma stavolta la formulo: Quanto é bravo il procuratore di 'sti due multitricotici? Li vendono in proporzione ai capelli? Allora Cuellar (Messico) quanto varrebbe oggi? Ah ah ah ah ah ah.... COLONNELLO, visto alla maturità? Uscita versione di Luciano...ah ah ah ah aha ha ha h ah...il personaggio del momento! Ah ah ah ah ah ah ah...

    RispondiElimina
  79. L'importante è che tu fornisca liquori e chimica a Foco, al momento buono. Per il resto, credo di ricordarmi come si dirige un servizio d'ordine. E anche tu... ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  80. Se esce lui con la D'Amico (fallimento matrimonio con Alena)? o se esce l'Italia? ah ah ah ah aha h ah.ah ah ah ah....Per me lui (Gigi) s'é giocato l'Italia perdente con l'Uruguay.

    RispondiElimina
  81. Prandelli medita sulle sue scelte, sui convocati. "Avessi portato Donadel...".

    RispondiElimina
  82. Severo con Hazard: quando gli ha preso il ghiribizzo ha intascato il match.

    RispondiElimina
  83. Ma è sul passaporto a Santana che c'è stata la spaccatura con la Federazione.

    RispondiElimina
  84. Bisognerebbe chiedere al Tabaccaio di Parma.

    RispondiElimina
  85. Prandelli: “Ci salviamo solo se torniamo alle origini”. Balotelli: "Più indietro di così e mi ricresceranno le branchie".

    RispondiElimina
  86. Prima gli ortodossi contro i protestanti....ora i mezzi scintoisti contro i musulmani......Bello il mondiale. Mancano solo gli atei. Assenti perché non credono si facciali mondiale.

    RispondiElimina
  87. Mandorlini dice che 'gli aspetteremo', come Godot! Ma lui, è mai arrivato?

    RispondiElimina
  88. Sembra che Buffon (sempre lui!) sia arrivato con la D'Amico, mentre Balotelli con Fanny era indolente. Thiago Motta come Sting, lentissimo....ah ah ah ah ah ah...In carcere attendono sempre Buffon, Mauri e Pepe, per poter fare il 4-3-3.... Ah ah ah ah ah ah...

    RispondiElimina
  89. La palla rimane li per Lee....mah....Buffon sta bestemmiando! Non aveva giocato l'over...

    RispondiElimina
  90. Va be', tempo di mondial... Vediamo un po' le nazionalità di oggi. Cominciamo con la guida turistica russa: Andrej Dovemetrovo.

    RispondiElimina
  91. Il grande mezzofondista americano: Paul Moon.

    RispondiElimina
  92. Il milite ignoto coreano: Kika Tze.

    RispondiElimina
  93. Il miglior investigatore portoghese: Vasco Tesgama.

    RispondiElimina
  94. Capello:'Abbiamo pagato lo Scotto!' Per la sua collezione privata. Furbo, eh!

    RispondiElimina
  95. Di belgi non so nulla. Nemmeno degli algerini ma conosco il nome del pentito











    tra gli
    estremisti islamici: Ahmed Ispiash.

    RispondiElimina
  96. Una statunitense sempre triste: Judy Chord.

    RispondiElimina
  97. Blimp, alcune precisazioni.
    Colgo l'occasione per non essere d'accordo con te (non del tutto, almeno), una volta tanto. Wilmots è partito maluccio, sacrificando Hazard sulla sinistra, a fare il "similesterno". Pessima idea. In questo schieramento, era sicuramente avvantaggiato Mertens, sulla destra. Ed ovviamente ha fatto la sua figura.
    Lo scambio di fascia si è visto già nel primo tempo (verso la fine), rendendosi
    conto, Marchino, che senza un Hazard almeno decente, la partita era pareggiata, se non persa.
    Che la situazione non sia allegra, per i miei secondi favoriti, si nota subito, nella ripresa. Il "brindellone" Lukaku non ne indovina una, complice
    una condizione fisica quasi preoccupante, Fellaini conferma tutto il
    "maluccio" che penso di lui, Witsel, invece, mi delude molto. Di
    fenomeno non si tratta, ma qualcosa di buono, a parte passaggiucci alla
    Montolivo, dovrebbe essere in grado di fare. Invece niente. La mancanza di
    esterni bassi "a modo" fa il resto: le fasce sono in mano ai bolscevici (non che ci facciano granché, ma ce le hanno).
    Poi succedono un po' di cosette:
    1) Finalmente Wilmots toglie Lukaku ed inserisce Mirallas, che a me non piace, però almeno dà segni di vita.
    2) La vera svolta si ha quando Mertens, fritto sotto il sole brasileiro, chiede spiga; fino a quel momento, la Russia sembrava potesse anche vincere.
    Wilmots, finalmente, si ravvede ed inserisce il mio amico "Bacogigi" (Origi,
    per i più formali). Trattasi di giocatorino interessante (Lille), sufficientemente veloce e tecnico, più che bastevole, soprattutto in caso di "scarponi russi".
    3) Lo schieramento diventa più ovvio ed Hazard si piazza, ancora finalmente, a fare il trequartista dietro le due quasipunte: Mirallas a destra e Bacogigi a sinistra. Tempo qualche minuto di assestamento, ed il Belgio rifiorisce. E, usufruendo di dieci minuti di Hazard, riesce anche a vincere.
    4) Morale: a volte, "uan gust è megl' che two". Ovvero, Mertens ed Hazard, caro Marchino, tocca a studiarli di più e meglio, se li si vuol fare giocare assieme.

    RispondiElimina
  98. Ma no, siamo d'accordo, il problema è che quei due sono i migliori di quella nazionale e tenerli insieme non è facile, Ljuka. Io lo scambio di fascia in fine di primo tempo non l'avevo visto, ma i cambi e il riassetto sono stati geniali. Aggiungo che se hai un centrale offensivo in palla i movimenti e le posizioni dietro si trovano più agevolmente. Baugigi è più luddiano di Lukaku, ad ogni modo, e favoriva di per sé meglio gli inserimenti da dietro.

    RispondiElimina
  99. A proposito, Vermaelen si è fatto male nel riscaldamento. Ha provato, senza successo. Un altra decisione discutibile di Wilmots?

    RispondiElimina
  100. L'Algeria salva la Russia! Adesso se Capello batte i magrebini è qualificato! A meno che i belgi non si facciano travolgere dai coreani (molto, molto improbabile).

    RispondiElimina
  101. Se è così, senz'altro!

    RispondiElimina
  102. Se è così, senz'altro!

    RispondiElimina
  103. Gli scambisti (di fascia) hanno reso poco (Hazard-rimango della mia idea) uno e tanto l'altro (Maertens) ma il centrocampo belga non ha avuto ne verve ne fantasia per supportare i due assi. Trattare Maertens come un Darmian qualsiasi, cambiando fascia....opinabile.

    RispondiElimina
  104. Algeria e Nigeria (e Ghana) si dimostrano molto atletiche, molto reattive, forse favorite dal clima; giocano in Europa, però, gli interpreti! A me son piaciute sia per il piglio garibaldino (!) sia per la propensione a non fare barricate. In sintesi: gli africani esprimono un calcio avulso da tatticismi esasperati (ed esasperanti) preferendo un football da Abc del calcio. Belli da vedere.

    RispondiElimina
  105. Feghouli, in evidenza già a Valencia, sembra un ottimo calciatore.

    RispondiElimina
  106. Parallele nere:
    1. Balotelli: "Nella mia testa c'è solo la Nazionale".
    2. Balotelli: "Speriamo di venire eliminati subito. In ritiro senza chiavare divento pazzo".

    RispondiElimina
  107. Comandare per fare affari......
    1. Balotelli: "Nella mia testa c'è solo la Nazionale"
    2. L'agente di Balotelli: "Cosa devi rispondere a qualsiasi domanda ti facciano?".

    RispondiElimina
  108. Prandelli "Ci sono partite dove non vinciamo, che è diverso dal dire che perdiamo". Certo, ci sono donne che non la danno, che è diverso dal dire che quando uno torna a casa il sabato sera devo sempre spararsi una decina di seghe.

    RispondiElimina
  109. Parallele anacronistiche...
    1. Coppa Italia, inno di Mameli fischiato dalla curva del Napoli. (Repubblica.it);
    2. Coppa Italia, tifoso accoltellato da napoletani. (tuttosport);
    3. De Laurentiis: "L'Italia deve ringraziare Napoli". (gazzetta.it)

    RispondiElimina
  110. Ai Mondiali di calcio Balotelli potrebbe far emergere l'Italia migliore, l'Italia senza pregiudizi, l'Italia a cui non importa il colore della pelle, se fai due gol all'Uruguay e sei ricco sfondato.

    RispondiElimina
  111. commentatore di calcio (?) su sky dopo una parata miracolo del portiere Americano " beh, si, la palla gli capita nel raggio d'azione del movimento del braccio...." Sembra un rapporto dei carabinieri, esilarante e preciso

    RispondiElimina
  112. Il Portogallo si salva, alla disperata e senza merito. Bradley da uccidere sul posto. Per il gol mancato e per la gigantesca castroneria finale. L'uomo ucciso due volte. Prossimamente, nei migliori cinema.

    RispondiElimina