.

.

giovedì 26 giugno 2014

Lo sfacelo sopra Ciampino

Il titolo vuole avere assonanza con telecronache epiche di vittorie mondiali, per fare da cassa di risonanza, vuole essere un grido di dolore, un mal de panza che racconta il ritorno mesto della Nazionale che fu di Cesare Prandelli. Sfacelo che ricorda proprio quello lasciato da Cesare nello spogliatoio Viola, a Firenze mancarono all'appello le dimissioni, in Brasile Bettega. Un Mondiale che ci lascia in bocca il gusto amaro del radicchio, oltre a strascichi fibrosi come il sedano tipici delle gestioni prandelliane, un trito, quello di un calcio italiano ormai trito e ritrito. Possiamo dire che Prandelli ha bruciato il soffritto, ma la colpa è anche e soprattutto del sitsema calcio Italia privo di padelle con il manico, in grado cioè solo di esaltare idoli di cartapesta. Idoli ricchi, strapagati da società indebitate, idoli dalle fuoriserie camouflage dentro alle quali mimetizzare il cervello, per mostrare solo vestiti fashion e cuffie dove ascoltare il proprio ego. Idoli pieni di tatuaggi volgari e di veline volgari, capaci di spiccicare si e no due parole volgari, davanti a microfoni compiacenti di giornali che si occupano di loro e li chiamano con vezzeggiativi ruffiani, certificandone improbabili status da campioni, scambiando il culo per le quarantore. Allora è meglio guardare il culo delle veline, comportamento meno volgare degli atteggiamenti che ritroviamo in quel mondo del calcio italiano pieno di  furbetti del palloncino, che spendono milioni e milioni scambiandosi improbabili campioni, desertificando settori giovanili e andando a pescare giocatori all'estero che non valgono niente ma consentono transazioni economiche più agili. E poi gli stadi sotto assedio, gli scontri tra bande di tifoserie violente e i morti, come Ciro Esposito. Oppure come Suarez che muore avvelenato dopo aver morso Chiellini. No la Nazionale non è lo specchio della nazione. E' molto peggio, perché è l'espressione di un calcio vergognoso, infetto, cui non serviranno a nulla le dimissioni di Prandelli e Abete, anche se sacrosante. Da oggi almeno Prandelli non sarà più il Santo che conoscevamo, ma il sacrosanto, perché ci dicono che Costa Rica e Uruguay insieme sommano meno abitanti della Lombardia, e visto che adesso fa molto figo l'uso di percentuali per dare enfasi e quantificare meglio il disastro, non solo e non più quindi quelle più consuete del mero possesso palla, il mio personale contributo alla causa lo do sostenendo che Costa Rica e Uruguay fanno anche molto meno uso di zafferano della Lombardia. La tragedia del nostro calcio non riguarda quindi solo l’uso sproporzionato dello zafferano, riguarda un intero sistema che va rivoluzionato e bonificato alle radici, dalle curve alle scuole calcio, dai club alle istituzioni. Sono molte le cose che non vogliamo più rivedere, oltre a Balotelli e Cassano che sanciscono il fallimento di Prandelli come Commissario Tecnico. Va fatta prima di tutto opera di consolidamento, che non si può certo fare a partire da falsi maestri e falsi moralisti come Prandelli, troppo bresciano per capire il dialetto sincero che sgorga dall’anima del Costa Rica, mentre il nostro calcio frana perché ha perso di vista proprio il pallone. Prandelli potrà tornare ad allenare ad alti livelli, del resto per certe panchine potrebbe bastare anche solo l'ascensore.

153 commenti:

  1. Posto che Balotelli è un cretino integrale, adesso leggendo dei commenti qua e là sembra che l'eliminazione dell'Italia sia solo colpa sua. È vero che ha giocato male, è vero che contro il Costarica si è mangiato un gol e mezzo, ma bisogna dire che hanno giocato male (quasi) tutti e che ha giocato da solo in avanti per quasi tutte le partite. Si è trovato il capro espiatorio ed è lui, molto più dell'allenatore, e non si capisce il perché.

    RispondiElimina
  2. Interessanti i dati di quanto hanno incassato le squadre italiane per la partecipazione alle coppe europee: la juventus ha incassato 50 milioni, il Milan 36 milioni, il Napoli 40 milioni, la Lazio 9 milioni e la Fiorentina 8 milioni.

    RispondiElimina
  3. Stefano,da che mondo è mondo i senatori nello spogliatoio contano,e contano tanto.Indipendentemente dal'allenatore,che sia Prandelli o Lippi o Capello o Mou o Montella.La differenza è che questa volta è emerso nel dopo gara.Ma credimi,non esiste allenatore che non ascolti i "vecchi".Poi ci può essere chi ascolta di più chi meno.Tra l'altro,secondo la Gazzetta(quindi non la verità sia chiaro),sembra che a Prandelli sia stato rimproverato esattamente l'opposto,cioè il fatto di aver fatto di testa sua a discapito del pensiero dei "senatori".

    RispondiElimina
  4. P.S.:non penso che siamo stati eliminati per colpa di Balotelli.Davo una lettura personale e soggettiva dei motivi per i quali Balotelli è altamente antipatico nello spogliatoio.Ed anche lui la smettesse di fare la vittima per il colore della pelle quando viene criticato.Ogni volta tira fuori la storia del "negro".Quando capirà che le offese e le critiche che riceve negli stadi non sono per il colore della sua pelle ma per tutt'altri motivi non sarà mai troppo tardi

    RispondiElimina
  5. Visto che c'è sotto Anto, magister elenchorum, mi permetto di ossificare il mio pensiero indebolito in una lista di pseudo-cazzate (o, per dirla con l'analfabetico Beberri-Pixel, di pseude-cazzate... ahahahahahahahahahahah!):

    1) C'è calcio di rigore su Gerrard: farebbe pareggio, certo vai a sapere il séguito del match e del girone.
    2) C'è calcio di rigore su Campbell: ininfluente perché sùbito dopo, meritatamente, il Costarica segna.
    3) C'è calcio di rigore su Cavani: c'è uno che tiene, non ermeticamente per ingannare l'arbitro col movimento di giro ma tiene tuttavia, mentre l'altro subisce e, indubbiamente, si lascia cadere.
    4) Non c'è espulsione, perché la posizione in area è decentrata e svariante e al centro ci può essere ritorno e comunque io non ho mai visto comminare un rosso per quella tipologia e per quel contesto di fallo.
    5) Da valutare la posizione iniziale di Cavani: le immagini di cui dispongo non aiutano circa un eventuale e forse sospetto fuorigioco.
    6) Passato lordissimo del Conejo e dinamica televisiva inducono a pensare all'unica cosa che ci sia da pensare, soprattutto stante il marchio sulla spalla di Chiellini, visibile in mondovisione.
    7) Marchisio non entra di suola aperta sul ginocchio e il contatto è fugace: il fallo è da giallo. Marchisio però abbocca a una probabile provocazione di un uruguagio, lo spintona e gli vocia in faccia davanti all'arbitro: la somma dà il rosso.
    8) Le convocazioni potevano portare gente in parte migliore di quella vista. Molto migliore, in effetti, solo nel caso di Pepito, che avrebbe avuto venti giorni per salire di condizione e che, comunque, pur non avendo come preparatore il figlio del ct, stava già meglio di Fu-Fantantonio.
    9) Agli enormi errori del Branda segnalati dai sitollockiani aggiungerei quello ieri sera enunciato dal direttore del TG1: a partire dal rinnovo di contratto il Branda è andato in tilt perché non abituato a sopportare le critiche. Coccolato sia a Parma sia a Firenze, con stampa ipnotizzata dall'establishment in nazionale e sfruttando l'abbrivo del secondo posto all'Europeo, faceva molto tempo che non doveva rispondere a viso aperto delle sue cazzate. Percepire che la sua infallibilità fosse messa in revoca lo ha letteralmente disassato: in fondo, ha fatto assai peggio di quanto un allenatore di discreto, parmigiano livello come lui poteva fare.
    10) Balo non è stato il peggiore degli azzurri e comunque non si è posto in trono da solo: adesso è utilizzato come parafulmine da un vigliacco e dalla vecchia guardia che cerca di conservar la sedia sotto il culo con l'argomento che «i giovani e' un so' meglio di noi, noi alla maglia e' ci si tiene, 'io bono!».
    11) Allegri è purtroppo assai probabile: allenatore di livello non superiore al Branda e come quest'ultimo manovrabile a piacere dal nuovo soggetto che la cosca jumilantina deciderà di porre ai vertici della Federazione.
    12) L'Italia non crede al gioco e deprime i giovani (cfr. anche certe melensaggini prudenziali sull'impiego e piuttosto non impiego di questi da parte di Montella, scritte anche su sitollock): l'idolatria del marpionismo paga in un campionato tutto stress, protezioni arbitrali, minacce, ricatti e ritorsioni mafiose, ma come si gioca ad armi pari, all'estero, la merda viene fuori dal vaso.
    13) La faziosità di Deyna, persona di pura eccellenza e gran competente di calcio, quando si tocca il tema Italia mi è perfettamente inesplicabile e ad ogni modo non la trovo normale.

    RispondiElimina
  6. Balotelli ha colpe uguali agli altri ma essendo giocatore più dotato tecnicamente risalta il suo mancato apporto, sia in fase realizzativa che di copertura; da sempre sul banco degli imputati ci finiscono i pezzi migliori, se qualcuno si ricordasse che cervello ha avrebbe mille attenuanti del tipo incapace d'intendere e volere. Chi gli ha caricato la nazionale sulle spalle si è assunto responsabilità maggiori, dimettendosi, mi sembra il minimo, lui si è giocato le ultime chanches di essere compreso e accettato in un gruppo che andrà profondamente rinnovato, a fine partita c'era maretta nello spogliatoio, lui se n'è uscito un'ora prima sul pullman tanto che gli fregava ?!

    RispondiElimina
  7. E' da cassare DKne, perché prima di sentirti padrone del mondo dimostra di essere in grado di fare la differenza, lui è giocatore da 5 partite l'anno in cui mostra l'enorme talento in mezzo ad altre 30 in cui lo prenderesti a schiaffi e a calci in culo. Così non sarà mai nessuno, e non lo è.

    RispondiElimina
  8. Stefano Vienna26 giugno 2014 09:52

    Dkne, gentaccia altro che senatori. Uno doveva essere radiato per frode sportiva, il romano te lo raccomando, certo, alla Digos. Stiamo parlando di aria fritta, un allenatore serio toglieva Immobile e metteva Cerci, e spiegava alla squadra che aveva sbagliato formazione. Il Giubba passa il Tempo a cercarsi gli Alibi.

    Indifendibile. Misero. Debole. Perturbante.

    RispondiElimina
  9. Esatto, non c'è mai stato gruppo coeso come nel 2006, differenze neanche tanto sottili.

    RispondiElimina
  10. No Stefano, Balotelli con quegli atteggiamenti è venuto sulle palle a tutti, sono intervenuti quelli con maggior peso ma non l'hanno sostituito loro ma il ct. Non inventiamoci favole su chi comanda una selezione, Prandelli ha sbagliato tutto ma burattino, nello spogliatoio, non è.

    RispondiElimina
  11. Rispondo anche al Vita che parlava di aggregazione di tifo a comando, ma de che ?!?!?!?!? Ognuno tifa secondo sensibilità e cultura sua, io non mi aggrego proprio a nessuno, io tifo per l'Italia, dei giocatori che la compongono me ne sbatto, per i tifosi di altre squadre che la tifano come me pure; il tifo è un'emozione personale, intima, mi aggrego se mi va, condivido se ne ho voglia, con chi mi piace o con chi stimo, non seguo nessun ordine o messaggio lanciato dai "palazzi" o dall'ambiente corrotto e marcio che c'è a monte, gioca l'Italia, la mia nazionale e quando vedo le maglie azzurre non penso ai club, ai singoli ma al gruppo. Non possono esserci commistioni con altre situazioni, la nazionale è fuori dal campionato, dalla lega di club, dagli arbitri a comando, dalle polemiche settimanali, è altra cosa, almeno per me. P.S.: Bella quella del cocainomane eh eh eh eh eh Deyna è convinto che nel '78 non ci siano stati aiuti, non aveva il televisore a quel tempo ah ah ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
  12. Quando gli scoveranno il cervello sarà una scoperta anche per lui.

    RispondiElimina
  13. Si è dimesso subito accollandosi le maggiori responsabilità, l'odio ti fa sragionare Stefano, sei accecato dall'uomo neanche dallo sportivo. Brutta cosa il rancore.

    RispondiElimina
  14. Niente di nuovo, la gestione delle"risorse umane" del pranda lascia un pochetto a desiderare, soprattutto in fase di smobilitazione. Non è intervenuto quando avrebbe dovuto. Salvo passare con i "senatori", vista la mala parata. Ovviamente il passaggio "difesa a tre", testimonia il fatto che le uova erano già rotte prima dell'ultima partita (probabilmente erano incrinate già da Coverciano) e che il CT si era già arreso ai più forti. Quattro considerazioni scontate:
    1) la juve, in nazionale, comanda. Sorge il dubbio che il buon Cesaretto non fosse tanto gradito, già da prima del Brasile, o almeno fosse "sotto osservazione";
    2) Balotelli è un fessacchiotto presuntuoso. Ma almeno, nella sua fessacchiotteria, è stato l'unico con abbastanza attributi da mettersi di traverso. Gli altri sono troppo novellini o troppo stupidi per prendere posizione (mi figuro, per esempio, Cerci o Insigne a dire la loro, durante la resa dei conti);
    3) il Pranda, come già fatto in viola, non è riuscito a gestire lo spogliatoio. Mi sembra di vederlo, durante le sue infinite confessioni al balo, mentre gli altri friggevano di rabbia.
    4) per me, la disfatta ha meno a che vedere con il lato tenico di quanto non si pensi: parlerei molto più di preparazione fisica, mentale e di gruppo. L'italietta le sue occasioni le ha avute, ma non è stata abbastanza tosta (e squadra) da sfruttarle. E questo succede quando ci sono problemi nello spogliatoio. Prima, non dopo o durante.
    Finalino paternalistico: nello sport, e nella vita, dare la colpa agli altri serve solo a fare brutta figura. In questo campo, la spedizione azzurra aveva fior di professionisti.

    RispondiElimina
  15. 1) Quello mai, accentua la caduta in un quasi tocco, nemmeno protesta troppo lui.
    2) Quello più evidente, netto.
    3) Si può fischiare come no, ho visto di peggio in questo mondiale, è una cintura come ce ne sono migliaia su ogni angolo o punizione e ad Edinson pare gli abbiano sparato.
    4) Vero, l'espulsione è un parto di fantasia.
    5) Ci sono due italiani, in basso, vicini alla bandierina, proprio sotto gli occhi del guardalinee che lo tengono in gioco, su Sky si vedeva benissimo ma non ricordo i nomi dei due.
    6) E' il terzo che rifila, è in cura da uno psicologo per la gestione delle emozioni, rivedersi la partita con l'Inghliterra, quando messo in panchina come si dimenava il sociopatico.
    7) Vera la dinamica, assente il seguito che non provoca somma di gialli.
    8) Non sono mancati i giocatori boni ma tutto il resto.
    9) Conclusioni che non condivido ma ognuno pensa il suo.
    10) Il primo rigo perfetto, sul parafulmine è inevitabile non essere d'accordo, lui non fa mai niente per salvare la faccia.
    11) Se chi accetta l'incarico pensa di allenare o è un mostro di bravura o andrà incontro alla figura del Pranda, se invece si mette in testa di selezionare rientrerà in quella massa di allenatori che di tanto in tanto strappano il biglietto per la Luna.
    12) Qualche giovane c'era, temo che non abbiamo giovani di livello in campo internazionale, o ancora pochi o non pronti.
    13) E' una fava ma glielo scrivo col sorriso.

    RispondiElimina
  16. parlando di cose che contano: che ce ne facciamo del terzino destro croato se poi giochiamo col 3-5-2 ? oppure han già deciso di impacchettare il colombiano, ma non credo, almeno per ora..

    RispondiElimina
  17. Rispondo anche a te Ljuka:
    1) Chi fa 102 punti in campionato, per quanto mediocre e non competitivo (rifilandocene 37 di distacco) è ovvio che vanti la schiera più nutrita di giocatori. Sul sotto osservazione non ti seguo, aveva rinnovato da pochissimo.
    2) D'accordo sulla definizione, sulla descrizione caratteriale idem.
    3) Più che di gestione parlerei di smarrimento della bussola, dal 2010 a prima di questo mondiale l'Italia aveva fatto bene, un bel gioco si era pure rivisto dopo molto tempo e parlo di qualificazione all'europeo, europeo compreso e fino alla terzultima partita del girone di qualificazione mondiale nessuno aveva motivo di lamentarsi. Da Ottobre 2013 abbiamo vinto solo contro l'Inghilterra nel girone, c'è da chiedersi come e perché è stata smarrita la via, se la ricerca di soluzioni, se il voler portare avanti degli esperimenti, credo che il suo problema sia stato quello di volerla preparare come allenatore di club ma chi guida una nazionale non può permetterselo, chiami i migliori e li schieri secondo caratteristiche come nei club, se vai ad incidere su quello succede il disastro.
    4) D'accordo su tutto.

    RispondiElimina
  18. Per risolvere il grande problema dell'allontanamento dei giovani dalla chiesa, problema causato dall'ostia che si attacca al palato, io sarei per un'ostia sotto forma di supposta. Qualora dovesse funzionare si potrebbe applicare al calcio, facendo attenzione agli strumenti e all'oggetto da usare.

    RispondiElimina
  19. Mi son scordato il Fluminense nel pre-mondiale, vittoria di prestigio.......

    RispondiElimina
  20. Negli ultimi anni, a forza di dire "Non contava il risultato- oggi- bensì la prestazione...", Cesare ha ipnotizzato veramente i suoi.
    Quante bugie ha raccontato sulla coesione e lo spirito di squadra?
    Quante bugie ha dovuto inventare per convocare alcuni in luogo di altri?
    Quante bugie ha raccontato per mascherare errori di impostazione?
    Quante bugie ha addossato ai calciatori (dalla finale degli Europei-cfr. Chiellini stava male, Marchisio lesso)senza avere le palle per prendere decisioni e decidere chi giocava e chi no?
    Quante bugie ha confezionato per giustificare il fallimento delle sue tattiche sul campo?
    Quante bugie ha proclamato in maniera libertina sui calciatori, mentre man mano si coglieva che erano i senatori a fare la formazione?
    Quante bugie ha detto prima che venisse scoperta la faida intena?
    Quante bugie ha raccontato e ha fatto raccontare prima che venisse scoperto che non ha "atteggiamento e carattere" e che Buffon e De Rossi hanno avuto,il coraggio di riprendere Balotelli, invece di continuarlo a proteggere come primo esemplare di una specie in via di proliferazione?
    Quanto ci sta aprendo gli occhi, Cesare, sul suo pressapochismo?
    Quanto sta cambiando l'opinione pubblica nei suoi confronti?
    L'ho scritto ieri: via Buffon, Pirlo, De Rossi, Chiellini...tabula rasa!!!!!

    RispondiElimina
  21. stefano vienna26 giugno 2014 10:46

    Ha fatto bene a dimettersi, se si ritirasse a vita privata, sarebbe anche meglio. Quale odio, caro Leo. Ma non bisogna avere pietà per chi aveva in mano le sorti della tua/nostra nazione calcistica e ha miseramente indifendibilmente debolmente unheimlich fallito. Si tratta di patriottismo, quello vero, non quello a gettone che va tanto di moda in Italia (che in realtá è mero campanilismo).


    O sei un patriota o difendi Prandelli. O tifi viola o difendi Prandelli. Il resto è aria fritta. Anche gli attacchi a Deyna diventano pretestuosi, da prandelliano dell'ultima ora invece che da italiano incazzato nero.

    RispondiElimina
  22. stefano vienna26 giugno 2014 10:47

    Nota: unheimlich in tedesco è sia aggettivo sia avverbio. L'avverbio di perturbante non lo conosco, magari c'è un freudiano tra noi.

    RispondiElimina
  23. (1) Gerrard è tagliato fuori dall'ancata del difensore italiano, gli viene impedito di terminare l'azione di penetrazione, rigore netto. Gerrard non si lamenta troppo perché è un inglese, non un piagnina italiano, ahah
    (2) Rigore solare.

    (3) La trattenuta è nettissima, seppur furbesca, anche se Cavani accentua la caduta. Rigore da fischiare.
    (4) L'espulsione dipende dall'interpretazione dell'arbitro, e probabilmente dal suo contesto "culturale". In Bundesliga, ad ogni modo, ho visto comminare spesso espulsioni per situazioni di gioco simili, e ne ricordo diverse anche in Sudamerica. In italia e in Premier no, nella Liga solo alcune, che mi ricordi.
    (5) Era tenuto in gioco.
    (6) Che Suarez sia un po' disturbato è evidente, ma vale anche per lui la presunzione di innocenza, per condannarlo ci vogliono le prove, e il morso non si vede. Il segno sulla spalla di Chiellini prova poco, quel marica può esserselo benissimo fatto con le unghie, mentre si stringeva la spalla a terra. Non dimentichiamoci che se Suarez ha le sue turbe agonistiche, Chiellini è un simulatore di primo livello. Suarez che segue trepidando il finale di partita con l'Inghilterra a me ha commosso, meglio delle risatine di Montolivo con la squadra sotto a Udine, senz'altro.
    (7) Marchisio alza la gamba a cercare - e trovare - il ginocchio, è un fallo carognesco da espulsione diretta, il seguito c'è ma è pleonastico.
    (8) E' mancato tutto il resto per l'80%, e qualche giocatore buono in più per il 20%.
    (9) Il Giubba è andato in tilt già prima del Mondiale, il suo nervosismo e l'irritabilità quando criticato erano palesi. Se lucido, un allenatore discreto come lui non avrebbe commesso tutta la serie di errori tecnici e di gestione palesati, non sarebbe così scarso.
    (10) Balotelli è stato usato da un gruppetto di vili per scaricare su di lui le responsabilità. Che poi sia fava di complessione notevole si sa.
    (11) Allegri è esattamente quello che spero per la successione a Prandelli.
    (12) Qualche giovane discreto ci sarebbe anche in giro, ma la mentalità italiana che porta a tenerli in naftalina per anni fa sì che a giugno 2014 non ve ne fossero di pronti per un Mondiale ad alti livelli.
    (13) Nemmeno io mi trovo normale.

    RispondiElimina
  24. stefano vienna26 giugno 2014 10:50

    Grande Sopra!

    RispondiElimina
  25. Ora più che scrivere che ha sbagliato tutto, si è dimesso e gettargli addosso un po' d'infamia cos'altro possiamo fare, spellarlo, friggerlo ?! Sono un patriota ma Prandelli, tecnicamente, non è difendibile. Tifo Viola ma non sento necessità di difenderlo e non l'ho certo fatto in questo mondiale, ho scritto peste e corna su di lui. E' Deyna che attacca gli italiani non viceversa, io manco lo cerco su questo argomento ma è lui che va provocando su ogni notizia, io me ne guardo bene, e non mi sembra proprio il caso di continuare.

    RispondiElimina
  26. stefano vienna26 giugno 2014 10:52

    In difesa più spazio a Hegazy e Camporese, in attacco più spazio a Bernardeschi e Rebic. Se Montella non parte da un cambio di mentalità, non si va da nessuna parte, a tre a quattro a cinque.

    RispondiElimina
  27. Veramente io avevo festeggiato con moderazione qui [per quanto posso], sei venuto tu a cercarmi iersera citando ciò che avevo scritto su sitone, dove invece mi sfogo. Non vorrei si installasse un'altra dinamica luddiana, per cui uno scrive su sitone e gli si replica qui, e viceversa...

    RispondiElimina
  28. Guarda cosa ti hanno scritto Jordan e il Colonnello, magari capisci. Non importa dove, ma è quello che scrivi che non va, o dimentichi delle dichiarazioni riportate di Lugano nel dopo partita, o il durante nelle altre e molto altro ancora prima che iniziasse il mondiale ?! Non do seguito a piccinerie Deyna altrimenti non finiamo più.

    RispondiElimina
  29. stefano vienna26 giugno 2014 10:57

    Leo, scusami, con affetto, ma tu non provochi? Io ho scritto un post su i presunti 'senatori' (gentaccia a mio parere) e chiosato sulla debolezza di Prandelli insospettata, non pensavo fosse così alla mercè degli eventi e della gentaccia che lo circondava (sopravvalutare il nemico è errore grave, lo ammetto). E tu mi vieni a dire che l'odio acceca, il rancore. Tranquillo, se mi viene voglia di andare da uno psicologo te lo faccio sapere e ti dò pure un compenso. Ma nel frattempo, come dice il Senatore (!!!!!) Razzi, fatti li cazzi tua! (ironico)

    RispondiElimina
  30. In Inghilterra le ancate manco le prendono in considerazione. Fra Chiellini e Cavani avviene un contatto come se ne contano a decine a partita, a volte vengono puniti, altre no, niente di cui dover parlare. Non essendoci un fallo evidente parlare di espulsione è perfino grottesco. Non è un po' disturbato, è al terzo morso in campo, per non punirlo dovranno fare come te, ammettere che mancano immagini (ma ci sono, eccome se ci sono) altrimenti c'è chi spinge per una linea durissima e non sono italiani.......Il fallo di Marchisio è da giallo, se voleva piantargli i tacchetti sulla coscia glieli piantava, tout court, e di fronte all'arbitro pure. Assurdo parlare d'impunità casalinga quando nel mondo ci sono arbitri così scarsi, e non è il primo visto al mondiale. Abbiamo davvero i migliori in Italia, ed è tutto dire.....Sul resto ho già dato.

    RispondiElimina
  31. 15 ottobre, San Paolo di Napoli, Casare avrebbe dovuto già sapere tutto. Davanti a quel golfo, teatro di Rolexate ai calciatori napoletani, l'Italia si fermò prima del traguardo; qualificata al mondiale con due giornate di anticipo ma incapace di battere l'Armenia per essere testa di serie in Armenia! Senza personalità dove vai? Le comparse non bastano, i campioni,,,per vincere occorrono campioni. Niente ricambi, dunque. Giovani snobbati (meglio mezze cartucce estere tipo Laxalt, Rolando, Taraabt, Jokic,Dramé, etc...). C'erano due juventini in campo, Bonucci e Pirlo, e due in panchina, Buffon e Chiellini. I 4 in campo contro l'Uruguay. Però, strano a scriversi, proprio Balotelli- autentico bluff dei mondiali e del calcio italiano- evitò la sconfitta ai compagni (ultima rete in nazionale, prima di quella di Manaus...Che score!!). Il Ct illuso dal suo centravanti, autore di un campionato incolore (eh eh eh ehe...diciamo un po' nero...eh eh eh eh) come il suo club; il ct indeciso sugli interpreti (stage, controstage, quelli di B, i giovani, gli osservati, le riserve delle riserve...pulcinellate italiane permesse dal sistema, genuflesso davanti a chi poteva salvare il loro culo!); il ct conscio della fragilità degli interpreti nei momenti che contano (soprattutto senza i benefits dell'Aia). Bene, di quella partita di Napoli 6 calciatori non sono andati in Brasile (Marchetti, Astori,Pasqual, Florenzi,, Osvaldo, Pasqual...Sará un caso ma 3 gravitavano in orbita viola e furono silurato o quasi dal mister!). L'incertezza ha sempre caratterizzato questa gestione: 106 (centosei) calciatori chiamati, senza stage 83 calciatori per 56 partite!!!! Per uscire al primo turno, perdendo due match su tre!! 8 mesi fa Prandelli era in difficoltà, estraeva nomi dal cilindro e ne depennava altri, influendo anche sui comportamenti conseguenzali degli atleti (vedi Pepito) e sulle conseguenze fisiche; lingua a penzoloni alla Confederations Cup. Segnali colti? Zero. Infatti lingua a Penzoloni anche ai mondiali. Come Lipoi al Sestrieres (fare un favore a chi? Strutture Agnelliche?).
    A Coverciano lavoro durissimo, pagato in queste settimane: a parte a montolivo, Buffon- Barzagli-De Sciglio-De Rossi si son fermati, Candreva vomitava, molto con crampi dopo 40 minuti. Tecnologia!!
    Possesso palla come ciambella di salvataggio, meglio che correre. Guardiola o Montella godevano a vedere tanti inetti scimmiottare il loro calcio.
    3 (!!) registi, due esterni...tutti per aiutare l'unica punta, che aveva bisogno solo di un partner decente. Agli Europei due punte, in seguito due punte...ai mondiali cambia al fotofinish, come una donna alla quale fai il cunnilingus e ti "rompe" con l'orgasmo come un cavallo al trotto rompe con il galoppo sul traguardo. Vanificata goduria.
    Il Ct cerca equilibrio e organizzazione. Niente a fare. Abortito. Niente gol ultime gare, solo gol presi. Nessuna garanzia davanti, nessuna dietro. Da una punta a 4(!) senza mai calciare in porta! Giocatori in tilt.
    Sirigu, Darmian, Paletta e Verratti ai mondiali senza una sola partita di qualificazione giocata. 21 giocatori utilizzati, più per crollo fisico che per altro.
    Definire approssimativo il progetto Prandelli é poco.
    Ritorno al 3-5-2 juventino: segno di debolezza, vince lo spogliatoio.
    Ritiro in spiaggia, resort lontano dal mondo e dal mondiale, luogo isolato. L'Italia é come fosse mai stata al mondiale.
    La FIGC impose la rinascita post-Lippi imponendo Cassano e Balotelli (esclusi da Lippi); Lippi pagò per non averli portati in Africa.
    La FIGC ha invece pagato le loro vacanze sulla Costa Verde.

    RispondiElimina
  32. stefano vienna26 giugno 2014 11:07

    Pure rotto il nostro Rossi sarebbe servito a questo gruppo, effettivamente c'entrava come i cavoli a merenda.

    RispondiElimina
  33. stefano vienna26 giugno 2014 11:13

    Aggiungerei solo che, a fine primo tempo, doveva razziare Immobile non certo Balotelli, e mettere Cerci o Candreva. Si sarebbe salvato. Togliere Balotelli e mettere Parolo, sono rimasto sbigottito. Buffon e De Rossi che a fine primo tempo della partita decisiva decidono la formazione, la ciliegina sulla torta.

    RispondiElimina
  34. Essere testa di serie in Brasile. Scusate.

    RispondiElimina
  35. Chi? Il regista di "Zombie", Romero?!

    RispondiElimina
  36. stefano vienna26 giugno 2014 11:32

    Va bè, dai, almeno non è un senatore che si vende le partite :-)

    RispondiElimina
  37. stefano vienna26 giugno 2014 11:35

    ahahahahah!!!!, gli altri saranno pure peggio probabilmente. Per restare in tema, Sabella sembra uno di quei sicari dei film di serie B americani sulla malavita italo-americana. Inquietante.

    RispondiElimina
  38. Vero! Ed è anche vero che, nonostante tutto, portieri migliori di Romero attualmente l'Argentina non ne ha. Se non buttava anni mal consigliato dal procuratore c'era Carrizo, ma...

    RispondiElimina
  39. stefano vienna26 giugno 2014 12:22

    Comunque vedo un Mondiale molto equilibrato, molto dipende dagli accoppiamenti. Per esempio, la Colombia trova un Uruguay, la squadra peggiore per il gioco tutto fantasia colombiano. Senza Suarez però l'Uruguay perde molto. Messico e Cile hanno avuto una certa sfiga, ma qualche chances ce l'hanno e se passano gli ottavi hanno la strada spianata per la semifinale. Svizzera, Stati Uniti, Francia, Belgio potrebbero anche arrivare in semifinale. E poi c'è una Grecia che corre, più delle altre europee, non è così debole come si poteva pensare. Samaras è un grande. Le più deboli sono Costarica, Algeria o Russia, e un pò sopra la Nigeria (soprattutto per la difesa).


    Brasile/Cile
    Olanda/Messico
    Colombia/Uruguay (se gioca Suarez)
    Grecia
    Francia
    Argentina/Svizzera
    Usa/Belgio
    Germania


    Insomma quelle che vedo sicure ai quarti sono Grecia, Francia, Germania. Le altre partite con dei favoriti, ma favoriti che rischiano grosso.

    RispondiElimina
  40. stefano vienna26 giugno 2014 12:26

    P.S.: Stati Uniti-Germania è il biscottone del 2014.

    RispondiElimina
  41. stefano vienna26 giugno 2014 12:35

    Rossi come al solito commovente. E' più italiano lui di tutti i senatori della Repubblica e della Nazionale messi insieme.

    http://www.firenzeviola.it/primo-piano/rossi-dopo-delusione-ora-una-grande-stagione-159210

    RispondiElimina
  42. http://www.fiorentina.it/it/blog/post.64.370/ci-mancava-cuadrado.html

    "Gli unici esterni alti di ruolo erano Candreva e Cerci a destra e Insigne a sinistra. Montella li ha utilizzati poco, e alternandoli, dimostrando così di non credere nella possibilità di un autentico 4-3-3": ormai la sovrapposizione Prandelli-Montella è totale, speriamo non sia malaugurante per il nostro Don Vincenzo, che ha bisogno di avere idee ben chiare per la prossima stagione.

    RispondiElimina
  43. stefano vienna26 giugno 2014 12:47

    Alla fine verrà fuori che è colpa di Pradè se siamo usciti con l'Uruguay.

    RispondiElimina
  44. Rispondo ai punti del Colonnello:

    1) non mi sembrava tanto netto, ma si poteva dare;
    2) questo era nettissimo, sono d'accordo;
    3) anche qui sono d'accordo, anche se Cavani accentua la caduta, forse è per questo che non è stato dato;
    4) anche qui sono d'accordo;
    5) boh;
    6) Suarez e Chiellini erano da espellere entrambi: per quello che può aver visto l'arbitro, Suarez ha dato una testata a Chiellini, il quale ha risposto con una gomitata in faccia: l'arbitro non poteva vedere la morsicata, per cui su quello nulla poteva fare, per quello c'è la prova TV con cui Lo Squalo verrà comunque squalificato;
    7) l'espulsione di Marchisio è forse esagerata ma comunque non scandalosa (mi sembra peggiore l'espulsione di Valencia dell'Ecuador ieri sera, visto che l'entrata sulla gamba non era intenzionale), comunque i gobbi sono troppo abituati a fare interventi di qualsiasi tipo senza essere sanzionati che poi a livello internazionale non riescono a frenarsi;
    8) sono assolutamente d'accordo;
    9) Prandelli è in confusione da prima, caro Blimpe, non penso che c'entri il rinnovo: raggiunto il suo apice (la semifinale di due anni fa in Germania e in generale il secondo posto agli Europei che è stato un mezzo miracolo) ha cominciato a fare cazzate, a partire dalla finale con la Spagna per proseguire con gli ultimi due anni, e in particolare nell'ultimo anno, dalla Confederations Cup in poi; il cacasottismo di giocare con una punta sola e cinque mediani, poi, è un inedito anche per lui;
    10) anche qui, sono d'accordo al 100%;
    11) Allegri spero proprio di no, è allenatore mediocre, allora meglio Prandelli;
    12) mah, può essere, ma non ne sono sicuro;
    13) Deyna va preso così, quando parla di Nazionale italiana e argentina non è credibile... nessuno è perfetto.

    RispondiElimina
  45. Ahahahahahaha

    http://www.violanews.com/altre-news/wiola-komiks-il-primo-punto-del-cda-20140626/

    RispondiElimina
  46. AHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

    RispondiElimina
  47. stefano vienna26 giugno 2014 13:05

    Aeroporto qualunque? Forse Hammamet?

    RispondiElimina
  48. Una FantaFiorentina per il 2014/15:

    Neto; Mario Fernandes, Rodriguez, Orban; Cuadrado, Pizarro/Clasie, Sandro, Borja Valero, Guardado; Gomez, Rossi [formazione ombra: Tatarusanu; Tomovic, Hegazy o Camporese, Gaston Silva; x, Clasie/Pizarro,

    Krychowiak, Canteros o Mati, Vargas; Denis o simili, Rebic].


    A giocare Camporese o Hegazy, Babacar, Wolski, Bernardeschi, cedibili Bakic e Matos.


    Naturalmente è molto lontana dalla realtà, specialmente in difesa...

    RispondiElimina
  49. PS: se anche Rebic dovesse essere mandato a giocare, punterei molto su Dybala, che può diventare un'alternativa perfetta a Pepito, col tempo. Rebic è molto diverso...

    RispondiElimina
  50. Gli attacchi dell'Italia erano talmente lenti che sembrava di guardare una puntata di Holly e Benji....

    RispondiElimina
  51. Barallele gon lagrime...

    1. Italia, Balotelli suona la carica: "Voglio ridere ancora" (22-6-14, tgcom24.mediaset.it)
    2. Italia-Uruguay, le lacrime di Balotelli e Pirlo (24-6-14, soccermagazine.it)

    RispondiElimina
  52. Manco i pomodori je so' 'nnati a tira'!! Li hanno fatto uscire dove vanno incanalati i latitanti! Vero!

    RispondiElimina
  53. Ne avevano ancora due furgoni pieni, al ritorno, di ri-passata!

    RispondiElimina
  54. Stefano Vienna26 giugno 2014 16:08

    Concordo, ma il cambio Balotelli-Parolo su mandato dei Senatorelli Fa storia a parte secondo me. Sputtanamento finale con supercazzola.

    RispondiElimina
  55. Guardado l'ho seguito molto in Spagna e col Messico, è vero, a volte ha dei cali, ma per il campionato italiano basta e avanza...Ha garra, corre, copre, ed ha un bel sinistro al cross e al tiro. Con lui e Cuadrado le fasce sarebbero un ulteriore punto di forza, manna per Gomez. Clasie mi piace molto, e crescere per un anno sotto la Guida del Maestro Pizarro sarebbe il massimo. Mario Fernandes ha un potenziale incredibile...Mi piacerebbe vedere lui e Orban [mancino] ai lati della guia Gonzalo, perché sono due centrali/terzini forti fisicamente, ottimi di testa, che sanno giocare al calcio e uscire o impostare dalla difesa. Vedo difficile arrivare a Sandro, ma hai visto mai, dopo un anno in sordina? E comunque è per indicare il tipo di giocatore, intendo un interdittore catturapalloni, che sappia anche giocare a calcio. Se non si è perso nel frattempo - chiedo lumi a Jordan - mi andrebbe bene anche il vecchio Ralf, anche se è abbastanza diverso.

    RispondiElimina
  56. Suarez fatto fuori dal Mondiale, Uruguay quindi al 90% fuori anch'esso, di conseguenza. A meno che non si svegli Cavani, che con Luisito è piuttosto sacrificato, O che resusciti Forlan...

    RispondiElimina
  57. Già, l'avrei risparmiata. Qualcosina, sull'argomento ho buttato giù in mattinata.

    RispondiElimina
  58. Non si è perso, caso mai si è un po' perso ll Corinthians, ma non per colpa sua. Anzi adesso è il capitano della squadra. Vecchio non è, è del 1984, quindi trent'anni precisi. A me non ha mai entusiasmato alle cifre folli che chiedevano, ora che sembra il prezzo calato sui 4-5 milioni potrebbe anche essere da prendere. Tipo tosto, di garra, buon recuperatore di palloni e con piedi non ignoranti, mediano tipico di buon livello senza essere un fenomeno ma rispetto a Pizarro si cambia completamente tipo.

    RispondiElimina
  59. Su Mario Fernandes ti copio, Orban non lo conosco, Aquilani con Sandro non so se lo cambierei (ma io per l'aquila ci ho una fissazione dalla gioventù e adesso non si rompe più così spesso), su Clasie e Guardado ci sto invece, come su Canteros che però è difficile tenere in panca.

    RispondiElimina
  60. Ah bene...Ma infatti io vedrei un centrocampo a tre, con Pizarro/Clasie in regia, magari a partire dal centrodestra, alternandosi in quella posizione col medianone, che sia Sandro, Ralf o altri. Borja a todocampo, e due treni di fascia. A me Ralf comunque piace, ha tanta sostanza...Il "nostro" Chico invece si è definitivamente perso?

    RispondiElimina
  61. La scommessa l'ho vinta alla grande, mi ero tenuto sulle 4 giornate! Ma per te non c'erano le prove! Quel bacino sul collo di Chiellni con lo sdrucciolo gli è costato caro!

    RispondiElimina
  62. Deyna, ma 9 giornate, 4 mesi e 80.000€ per simulazione di Chiellini (che quando gioca contror l'Uruguay si porta in tasca una dentiera per autoazzannarsi) non sono una vergogna? Anto, mica ho detto che la motivazione addotta dal direttore del TG1 sia la sola, dico che finora nessuno, nemmeno qui, ne aveva parlato. Ljuka magnifico, ma non come Insigne.

    RispondiElimina
  63. Jordan, te la ricordi Estudiantes-Milan? In quella partita una cosa come quella di Suarez sarebbe stata da ammonizione al massimo (ma massimo massimo massimo), quand'anche fosse stata vista dall'arbitro: quel che io vidi fare dagli argentini in quella partita non l'ho mai più rivisto su un campo di calcio. Si sarebbero detti giocatori del Peñarol (ahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  64. Dopo qualche anno molto buono, Prandelli lascia per un disastro tecnico negli ultimi mesi, causato probabilmente da incomprensioni fra giocatori. Sprattutto lascia uno spogliatoio spaccato. Sbaglio, o è un déjà vu?

    RispondiElimina
  65. Canteros pare lo voglia il Flamengo...Aquilani pure a me piaceva molto in gioventù, ma la passione è andata mano a mano scemando...Ha classe, buon centrocampista, per carità, ma essendo un 30enne con una storia di infortuni dietro, forse sarebbe il momento giusto per cederlo, se non si abbassa lo stipendio. A me poi non convince un centrocampo senza incontrista, ma non da ora...

    RispondiElimina
  66. Anto, l'ha già spiegato Stefano: ricostruisce un ambiente e usa la riconoscenza, esagerata e prematura, come piedistallo per la sua paranoia, chiudendosi a riccio in una presunzione d'infallibilità che, curiosamente, non si esprime con avventatezze, come nella stragrande maggioranza di quei malati, ma con scorbutici cagasottismi. Finché non ha nulla da perdere lavora benino, quando ha da dimostrare di saper tenere le posizioni non accetta il debito e però s'impaurisce anche di doverlo comunque pagare. Insomma, viva i paranoici veri, quelli che credendo di volare si buttano dalle cascate del Niagara! Questo è un paranoico che scava un buca, c'infila la testa e mentre sopra passano le ruspe dice che è colpa dei Della Valle o di Balotelli.

    RispondiElimina
  67. Jaws (squalo) Suarez, in missione segreta. "Moonraker", se non sbaglio.

    RispondiElimina
  68. Molto di quello che penso è in questo pezzo:

    http://www.linkiesta.it/mario-balotelli-linciaggio-mediatico-quit

    RispondiElimina
  69. No, gioca nel Coritiba che sta facendo un bel campionato, e abbastanza bene, ma è uscito dal giro importante. Per me continuerebbe ad essere buono. Non un fuoriclasse ma uno che nell'organico ci starebbe benissimo e non costa un cazzo.

    RispondiElimina
  70. Ne aveva già prese 10 per fatto analogo in Inghilterra. Deve essere ache deficiente e duro di comprendonio. Simulazione di Chiellini un cazzo ma sei orbo o ci pigli per il culo? Io posso essere d'accordo che son punizioni esagerate (per chi entra a spezza tibia magari c'è solo 1 giornata) ma un deficiente che si diverte a seguitare a dar morsi alla gente tricidivo è indifendibile.

    RispondiElimina
  71. La terza che hai detto, Pat... Guarda di tenere il filo dei post o il ritardo ti vien fuori come quello di Marino Basso sul Bondone.

    RispondiElimina
  72. Lo Schreber ha visto una grande prova del blocco juventino contro l'Uruguay. E saluta con affetto l'improvvido ritorno di Deyna su cloaca. Pippuccio a lutto, ovviamente latitante. Beberri e lo Pseudosenese, che meditavano un rientro alla Conte di Montecristo, nascosti al séguito pomodorato di un povero cristo. Caponatomane in attesa che cloaca si sfolli, per non prendere du' zuppe su i' capo dal primo passante ignoto. Giubba Iscariota porta con sé nell'abisso i suoi ridicoli e scornati fedelissimi.

    RispondiElimina
  73. Son spuntate le prove.........

    RispondiElimina
  74. Ecco la prova che ha inchiodato Suarez alle sue responsabilità:

    RispondiElimina
  75. Me la ricordo ma lì avevano la licenza di uccidere. Io non sto a discutere se sia più grave un morso nel collo, una gomitata o un'entrata spaccagambe. Per me dovrebbe contare il rischio di danno cui si sottopone l'avversario, ma invece è tutto il contrario, contano le apparenze. Per uno sputacchio dalle 4 giornate in su per un'entrata a gamba tesa a mezza vita 1 o 2 e delle volte nemmeno quello. Siamo all'assurdo, come è assurdo che mi si venga a dire che il morso non l'ha dato e che è stata tutta una sceneggiata, bisogna essere ciechi o voler prendere per il culo. Poi io lo avrei punito con 2 o 3 giornate non di più, ma c'è da considerare che è tricidivo, quindi qualche ruzzola che non gli gira bene la deve pur avere e se lo stonfano non fanno male.

    RispondiElimina
  76. Albertini: «La Nazionale riparte da Pirlo». Da un cadavere, cioè... Una boccata di rinnovamento... E un segnale di quanto conterà il nuovo ct, per il quale sono già pronte le convocazioni cui dovrà apporre firma in calce... Albertini, il volto pulito del calcio italiano... Perdemmo il treno allora, quando dopo calciopoli ci fu la levata di scudi contro Rivera presidente: un grande uomo di calcio, che amava il calcio, antijuventino, bandito da Berlusconi, estraneo alle camarille. L'ho detto per anni ma mi ripeto: almeno Moggi di calcio capiva. Questi sono mariuoli e basta.

    RispondiElimina
  77. No, direi che 9 sono giuste. E non è che in precedenza avessero scherzato, coi turni di squaliica. Ma, evidentemente, è più forte di lui. E' come Balo, una bandiera per i giovani, come diceva Ludde.

    RispondiElimina
  78. stefano vienna26 giugno 2014 20:22

    Cercando di ragionare a mente fredda, Balotelli nel primo tempo era l'unico che correva, tra l'altro era lasciato solo accanto a un ragazzino che si stava cacando sotto e che scappava ogni volta che si avvicinava il pallone (Ciro il Grande lo chiamavano).


    Quello che è successo negli spogliatoi, la rivolta contro Balotelli è una cosa ingiustificabile. A partita in corso, in una sfida da dentro e fuori. E poi basta vedere chi si è rivoltato contro Balotelli: Buffon, lo scommettitore, e De Rossi il pregiudicato. Gentaccia, ripeto.

    RispondiElimina
  79. Blimp, cosa cerchi? Il presidente ce lo abbiamo. Non star a nominare il nome di Rivera invano. Ho affermato, in mattinata, che la federazione è in mano a milanisti. Cosa c'entra Rivera? Albertini e Allegri, questo è il radioso futuro. Al massimo, ti posso concedere Di Biaggio. Ma non ti abituar male, di grazia. E soprattutto non pensare soluzioni intelligenti, sbaglieresti.

    RispondiElimina
  80. stefano vienna26 giugno 2014 20:31

    Sottolineavo anche il suo familismo amorale, l'utilizzare la posizione e il ruolo per atti di nepotismo, per costruirsi un regno e circondarsi di beneficiari diretti o indiretti. Cassano, Paletta e Parolo che ci stanno a fare in Nazionale?


    Che però si sia fatto mettere i piedi in testa da Buffon e De Rossi in una partita decisiva rivela un'estrema debolezza. Forse abbiamo sopravvalutato il nemico.

    RispondiElimina
  81. stefano vienna26 giugno 2014 20:39

    Onestamente quando ho visto che entrava Parolo ho pensato che Balotelli si fosse infortunato. Una punizione dopo i primi 45 minuti non mi è proprio passata per la testa, è totalmente ingiustificata dal punto di vista tecnico. Mancanza di impegno? Era l'unico che si proponeva a prendere il pallone. Errori di concentrazione? Non mi sembra, non gli è arrivato nemmeno un pallone decente, a differenza di Immobile che, imitando Insigne, voleva fare metà in una partita di rugby. L'ammonizione? Niente di che.

    RispondiElimina
  82. No il fatto è che credevo tu fossi Deyna, invece lo pigliavi per il culo.

    RispondiElimina
  83. Se volessero essere seri (periodo ipotetico dell'irrealtà) prenderebbero un allenatore come Hiddinck (che ci va nel culo perchè va ad allenare l'Olanda dopo Van Gaal). Un santone bravo e fuori da tutti i giri. Ma chi lo vuole uno bravo e fuori dai giri se il nostro calcio è una giostra che deve girare come vogliono i soliti noti? E allora avanti con Allegri, loro, a noi ci girano i coglioni.

    RispondiElimina
  84. Sulla sostituzione in sé, non sono d'accordo. Balo si era già spento e sbandato nella seconda metà del primo tempo e dopo l'ammonizione (in effetti poteva essere rosso, era un intervento alla Martina) aveva rischiato un nuovo giallo (e per tutto ringraziamento, aveva voltato le spalle vaffanculeggiando): le premesse per l'espulsione c'erano tutte, soprattutto se, a un invito a calmarsi negli spogliatoi da parte di Prandelli, il cervello da Suarez aveva risposto per tre volte (ut aiunt) in malo modo. Il problema è piuttosto che doveva essere cambiato con Cerci, che avrebbe ricostituito con Ciro (di Sandra Milo) la coppia del Toro, una coppia contropiedista in partita che si attagliava, per scopo, a quel modulo.

    RispondiElimina
  85. Analisi corretta, anche nel cambio. Nello spogliatoio, pare (fonte Sky), Prandelli all'ennesimo sbuffo mentre gli chiedeva calma gli ha detto: "Adesso hai rotto i coglioni", dopo è stato aggredito anche dei senatori a male parole. Non è stato certo il peggiore del mondiale, male impiegato e male servito ma pure indolente nel tentare di dare una mano nei, tanti, momenti di sofferenza, il verdetto ha sancito, semmai servisse, che è un'immedicabile testa di cazzo, non c'è riuscito Mou, Mancini, Allegri........dimentico qualcuno, nessuno può invertire il processo di autodistruzione che ha innescato al momento che ha calcato un campo di serie A. Ingestibile.

    RispondiElimina
  86. Io sono sostanzialmente d'accordo con l'articolo citato da Foco (che spiega meglio quello che intendevo dire io stamattina in un frettoloso post di poche righe), con due eccezioni: innanzi tutto io non vedo tutto 'sto scandalo nell'espulsione di Marchisio (ripeto, forse esagerata ma non scandalosa) e quindi non sono d'accordo con chi ritiene che siamo usciti per cola dell'arbitro (ma io ho anche la convinzione che nel 2002 siamo stati eliminati per dabbenaggine nostra e non per colpa di Byron Moreno); inoltre il cambio di Balotelli tra i due tempi era ragionevole, visto che rischiava di essere espulso, il problema è stato inserire al suo posto un centrocampista invece di un altro attaccante (come abbiamo ripetuto in molti da due giorni).

    RispondiElimina
  87. Ecco, io sono da anni un grande estimatore di Pirlo, lo considero un fuoriclasse, il miglior giocatore italiano - insieme a Totti - degli ultimi 10 anni e uno dei migliori del mondo, ma le sue dichiarazioni sul fatto che si ritiene a disposizione del nuovo CT mi hanno fatto cadere le braccia.
    Ha 35 anni e nel suo ruolo c'è il 22enne Verratti che può prendere il suo posto, dovrebbe capire che è l'ora di farsi da parte. Dopo il Mondiale 1986 (definito "disastroso", e siamo usciti agli ottavi contro la Francia di Platini dopo un girone con l'Argentina di Maradona, ecco, adesso sto cominciando a rivalutare quella squadra) si ritirarono dalla nazionale quasi tutti i reduci bearzottiani, compresi Rossi (30 anni), Conti (31 anni), Cabrini (29 anni), Collovati (29 anni).
    So che non ha senso fare paragoni del genere, ma è come se Altobelli si fosse messo a disposizione della Nazionale dopo i Mondiali del 1990.

    RispondiElimina
  88. In data 26 giugno 2014 si e’ tenuta l’assemblea dei Soci di ACF Fiorentina che ha nominato il CdA per il prossimo triennio così composto:



    Andrea Della Valle Presidente Onorario
    Mario Cognigni Presidente Esecutivo e Amministratore Delegato
    Daniela Maffioletti Consigliere Delegato
    Sandro Mencucci Consigliere Delegato
    Giovanni Montagna Consigliere
    Maurizio Boscarato Consigliere
    Gianpaolo Borgomanero Consigliere
    Maria Carmela Ostillio Consigliere
    Paolo Panerai Consigliere
    Gino Salica Consigliere

    RispondiElimina
  89. Uhuuhuhuhuh....

    RispondiElimina
  90. Vergognoso il pagellone di oggi della Gazzetta, che é arrivata ad elargire dei 7 ad alcuni componenti della nazionale!!! Troppo facile immaginare chi sono i sufficienti.....la loro maglia a strisce.....il commento da libro "Cuore". Che schifo.

    RispondiElimina
  91. Già alla fine del primo tempo pensavo che Prandelli avrebbe tolto Balotelli, a rischio rosso, con quella testa. Ma mai avrei pensato che sarebbe entrato Parolo, pensavo a Cerci in luogo di Immobile [catastrofico] a cercare il contropiede contro gli uruguaiani per forza di cose sempre più avanzati. Da due punte a una, ma quella adatta...

    RispondiElimina
  92. O' ninni, il Milan ha uomini in federazione, uomini in lega e aveva uomini anche all'Aia, Cantamessa, antenato di Orsoni- sindaco di Venezia. (Cfr. "Cantamessa non é tesserato del Milan...", cfr. "Orsoni non ha tessera del Pd.."...Che bella 'st'Italia!!!!). Se mettono Allegri prevedo un bel blocco Milan (Abate-De Sciglio-Petagna- Montolivo-El Sharaawy- Pazzini- Poli)....vedremo!!

    RispondiElimina
  93. stefano vienna26 giugno 2014 22:47

    Balotelli-Cerci era la coppia che doveva partire dall'inizio. Eventualmente nella ripresa, Cerci doveva prendere il posto dell'ectoplasma che scappava sempre lontano dal pallone per non farsela passare, Ciro il Grande... Cacasotto (alla gazzetta s'erano dimenticati il sostantivo). Invece il Vecchio Cacasotto (Cesarino) s'è di colpo accorto che Balotelli è ingestibile (dopo mesi ad urlare ai quattro venti che era al centro di tutto il progetto) e lo va a provocare nell'intervallo della partita decisiva scatenando un putiferio. Un genio, non c'è che dire.


    Balotelli e Cerci erano gli unici due attaccanti con le palle da Mondiale convocati da Prandelli. Nella fossa che c'eravamo scavati non era il caso di domandarsi di quanto IQ i due fossero dotati. Prandelli ci si doveva attaccare come una sanguisuga ad un tapiro.

    RispondiElimina
  94. Negli spogliatoi, Prandelli alla fine del primo tempo è sbottato con Balotelli: 'Hai rotto i coglioni!'. Chi glielo ha suggerito?

    RispondiElimina
  95. Secondo me la responsabilita' del mancato passaggio del turno, traguardo che era ampiamente alla nostra portata anche con la deficitaria rosa a disposizione, è tutta di Prandelli, ed è quindi da respingere il tentativo di creare il capro espiatorio Balotelli. Il buon Cesare non ha saputo costruire una rosa completa in tutti i ruoli, non ha saputo fare la formazione e mettere in campo i giocatori, non ha saputo motivarli, non ha saputo leggere in corso le partite decisive ed effettuare cambi sensati. Fallimento su tutta la linea, quindi, e siccome il capitano della baracca è lui, senatori o non senatori, è giusto addossare a lui la responsabilita'. Relativamente a codesto articolo mi pare che il desiderio di contrastare la lapidazione mediatica di Balotelli (anche giustamente), che è finalizzata a deviare l'attenzione dal vero responsabile della "disfatta", porti ad affermazioni azzardate. Ci si chiede come mai Balotelli non sia considerato alla stregua di un George Best, come forse, secondo l'articolista dovrebbe essere fatto. Mi pare che i motivi possano essere questi: dal punto di vista calcistico non ha minimamente le capacita' tecniche dell'ala-fantasista britannica, dal punto di vista del "costume", forse l' eccentricita'-originalita'-anticonformismo di Best erano un qualcosa di diverso dal "tamarrismo" di oggi che per certi versi può essere anche considerato (in questi ambienti) una sorta di conformismo portato all'estremo.

    RispondiElimina
  96. stefano vienna26 giugno 2014 22:53

    Due cambi ad inizio secondo tempo non avevano senso. Doveva fare uscire l'ectoplasma.


    Una domanda: ma non è che vedendo la telecronaca della televisione italiana siete entrati tutti in un loop mediatico?


    Il telecronista austriaco continuava a lodare Balotelli -l'unico che si proponeva con costanza-, l'ammonizione la giudicava ridicola (il rosso di Marchisio invece più che giusto), Prohaska a fine primo tempo non si capacitava che giocasse quel cacasotto di Immobile e sperava che entrasse Cassano per stare più vicino a Balotelli e soprattutto farlo avanzare 10 metri e non costringerlo a fare il trequartista.


    Vista da fuori, questa vicenda Balotelli è ridicola. Era l'unico buono che c'avevamo, cretino quanto volete, ma purtroppo indispensabile prima e sicuramente durante.

    RispondiElimina
  97. L'ammonizione ridicola non mi pare, colpisce di ginocchio, a centrocampo, un'avversario alla nuca, se non danno gialli li allora a Marchisio potevano elargire una medaglietta.

    RispondiElimina
  98. stefano vienna26 giugno 2014 22:58

    Ma che cazzo aveva fatto Balotelli per dirgli 'hai rotto i coglioni', era l'unico che stava giocando a pallone, che si prendeva i calci degli uruguaiani, in pratica a fatto il trequartista mentre quello che doveva prendere il suo posto giocava a nascondino.


    L'ammonizione? Ma se l'hanno riempito di calci ogni volta che prendeva il pallone e provava a tenerlo, mentre gli altri un tocco e la passavano indietro.

    RispondiElimina
  99. Pareva sbuffasse sfavato a quello che gli diceva, volente o nolente era lui che l'aveva difeso, voluto e protetto fino a quel momento. E schierato sempre aggiungo.

    RispondiElimina
  100. stefano vienna26 giugno 2014 23:04

    Non sei lucido, Leo. Marchisio entra a gamba tesa sul ginocchio a due passi dall'arbitro. Balotelli salta (controtempo) e tocca il difensore mentre ricade a terra. Completamente fortuito, magari atteggiameto un pò irruento, segno che ci teneva più di altri.


    Questo è stato anche il commento qui in Austria. E chiaro hanno massacrato l'arbitro per non avere espluso Suarez, il vero errore eclatante e su cui possiamo certo recriminare.

    RispondiElimina
  101. Se parli di ammonizione ridicola a Balotelli lo sei ancora meno di me, Stefano.

    RispondiElimina
  102. stefano vienna26 giugno 2014 23:07

    Leo ma vai a cagare.

    RispondiElimina
  103. Se nessuno glielo ha suggerito vuol dire che, alla fine, fruga fruga, si è accorto di averli, i coglioni, quando si è accorto di essere rimasto solo sulla nave che stava affondando. Tardi morino, tardi.

    RispondiElimina
  104. Non credo che in Austria mettano veti sui commenti degli altri, lo ripeto, se di ginocchio, da dietro, mi colpisci la testa di un avversario neanche a palla contesa come minimo scatta il giallo. Magari sei acerbo o a digiuno di calcio giocato, prova a farlo anche nei campetti di periferia e vedi quante ne finisci di partite.

    RispondiElimina
  105. Allora ti hanno buttato fuori spesso....eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  106. Balotelli non è un genio, nessuno lo nega, altrimenti avrebbe compreso da un pezzo la logica del clan che qualcuno vuole spacciare per gerarchia. Lo stesso clan che non ha aspettato neanche mezz'ora per indicarlo in mondovisione come causa di un fallimento che comprende tante, troppe persone. I fatti dicono che alla fine Balotelli era in piena sintonia con una squadra che non ha corso, non ha prodotto e non ha creato. Una squadra che, per impostazione ed attitudine, ha accettato di dipendere esclusivamente da quello che poi ha elevato a capro espiatorio. Nel caso ( impossibile per tutte le ragioni tattiche e tecniche del mondo) che Mario fosse riuscito ad essere come il Messi di quest'Argentina, si sarebbero spesi fiumi di parole, da dentro la squadra e sui giornali, atte a celebrare un'Italia che si compatta nelle difficoltà, che in certe occasioni tira fuori il suo meglio, ecc. ecc.. Balotelli sarebbe stato solo il vertice di un team unito e proiettato verso il traguardo. Un po' come dopo la Germania all'europeo. Invece si sono ripetute le scene del dopo Spagna.
    Consiglio a chi avrà in mano la patata bollente della ricostruzione, una bella tabula rasa. Accettando anche di avere in mano una squadra a cui nessuno si sognerebbe di pronosticare una cazzo di vittoria. Siamo in un periodo in cui tecnicamente ci sopravanzano almeno una decina di nazionali. Accettiamolo e cominciamo a programmare, partendo dal mettere a riposo le vecchie glorie che non riescono ad accettarlo. Altrimenti di grande ci rimarrà solo l'auto considerazione, facendoci sembrare come i matti delle vignette, quelli che pensano di essere Napoleone.

    RispondiElimina
  107. stefano vienna26 giugno 2014 23:21

    Invece se entravi come Marchisio c'avevi già la lapide al cimitero.


    Ripeto, entrata irruenta, non stupida o cattiva. Un allenatore di periferia si avvicinava all'unico giocatore in campo che ci stava mettendo un pò di grinta e lo difendeva, non lo cazziava davanti a tutti.


    Ma dimmi, Leo, eri dello setta, vero?

    RispondiElimina
  108. Grande Slimani, c'ha la calamita, di testa le prende tutte lui! Ma quanti giocatori bravi che non sono nel giro delle grandi squadre e che costerebbero il giusto. E quanti allenatori fanno giocare le loro squadre a calcio, quello normale! 10 mln per Bonaventura? Ma per favore!

    RispondiElimina
  109. stefano vienna26 giugno 2014 23:26

    Parliamo solo della partita, Fuoco. Balotelli era l'unico che teneva palla più di tre secondi, appena si girava loro raddoppiavano e spesso lo buttavano a terra, ha fatto il trequartista proponendosi spesso per il passaggio in verticale dei centrocampisti. Questo povero cretino stava in pratica giocando da solo, affiancato da un ectoplasma cacasotto.


    Ha commesso un fallo per eccesso di foga e motivazione, sicuramente provocato dal primo minuto dai furbi uruguagi, maestri in questa arte.


    Tolto Balotelli, ma chi cazzo doveva segnare?

    RispondiElimina
  110. Stefano è giallo, punto. L'ho scritto a chiare lettere, magari eri distratto, non lo considero la causa del fallimento ma una delle tante, ed ho pure scritto che è stato male impiegato e male servito, leggi bene, e Prandelli lo ho cassato per come ha preparato e gestito le risorse per questo mondiale. Sulla chiosa ci deve essere un refuso, non posso scendere così in basso, perdonami.

    RispondiElimina
  111. Beh, Slimani gioca nello Sporting Lisbona, mica nel Pontedera, eh...

    RispondiElimina
  112. stefano vienna26 giugno 2014 23:36

    Infatti il portiere è uscito alla disperata, ha fatto bene, se restava in porta prendeva gol come Buffon ieri, un altro cacasotto.

    RispondiElimina
  113. A parte che la Fiorentina non è da meno dello Sporting, o almeno me lo auguro, ho indicato lui nella contingenza.

    RispondiElimina
  114. stefano vienna26 giugno 2014 23:38

    Un allenatore serio alla fine del primo tempo andava da Immobile, gli dava due schiaffi e gli diceva: se non tocchi almeno tre palloni nei primi cinque minuti, ti faccio uscire e non vedi più la Nazionale fino a settembre 2016. Non andava a rompere i coglioni a Balotelli, ovvero l'unico che gli poteva salvare il culo.

    RispondiElimina
  115. stefano vienna26 giugno 2014 23:39

    Bastava un allenatore dei campi di periferia.

    RispondiElimina
  116. Magari con un uomo in meno si gioca meglio. Peccato che Marchisio abbia sconfessato questa simpatica teoria.

    RispondiElimina
  117. Li lo avevano già espulso, siamo seri.......

    RispondiElimina
  118. La partita che ho visto io dice che in campo non sapevamo che cazzo fare per confusione nostra e per atteggiamento dell'Uruguay, messo in campo come se il pareggio bastasse a loro. Davanti non solo non abbiamo saputo servire le punte, ma neanche gli esterni di centrocampo che salivano. De Sciglio, ad esempio, è stato una decina di volte l'uomo più avanzato nostro, senza che nessuno si degnasse di dargli un pallone sulla corsa. Nel nulla totale potevamo avere davanti anche Falcao e Aguero, sarebbero morti di noia pure loro. Vecchi, tecnicamente scarsi ma convinti del contrario e messi in campo senza uno straccio di canovaccio tattico.

    RispondiElimina
  119. stefano vienna26 giugno 2014 23:43

    "Prandelli lo ha cassato per come ha preparato e gestito le risorse per questo mondiale".


    Ahahahahahahahah!!!!!!!!

    RispondiElimina
  120. Balotelli è una grandissima testa di cazzo, ma quello che mi dà un enorme fastidio - se non si è capito - è la gogna mediatica cui è sottoposto, sembra che sia colpa solo sua la nostra eliminazione.

    RispondiElimina
  121. stefano vienna26 giugno 2014 23:44

    Hai preso il posto dello Zaller, contento tu. Vai a cagare non era un refuso.

    RispondiElimina
  122. Secondo Transfermarkt il valore di mercato era di 2 mln. a febbraio di quest'anno.

    RispondiElimina
  123. stefano vienna26 giugno 2014 23:46

    D'accordo, ma non mi sembrava il caso di farglielo notare a fine primo tempo della partita decisiva. Tra l'altro quando era stato insieme a Verratti il meno peggio nei primi 45 minuti.

    RispondiElimina
  124. Lo ho, Stefano, lo ho cassato, capisco che nella fretta di rispondere ti si annebbi la vista, spero però che tu capisca almeno il significato. Comunque ero "dello" setta, vero, verissimo e mi sono divertito parecchio, bei tempi.

    RispondiElimina
  125. Dai Stefano, non t'infervorare per quisquilie, di chi ho preso il posto manco lo sai, non metterti a dare patenti anche tu, ce ne sono fin troppi.

    RispondiElimina
  126. stefano vienna26 giugno 2014 23:55

    Ma non lo voglio nemmeno sapere. Sembrate Scientology.

    RispondiElimina
  127. Ecco bravo, eccone un'altra, è più forte di te ah ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
  128. E poi si dice che gli Italiani non sono patriottici. Anche Zaccheroni e Capello sono rientrati! Ora siamo tutti dentro, anzi, fuori!

    RispondiElimina
  129. Non che allenassero Germania o Olanda, insomma, nel loro caso già un'ottavo era oro colato.

    RispondiElimina
  130. Non mi aspettavo una Russia così, forse più per il passato che il presente. Comunque sempre meglio di noi.

    RispondiElimina
  131. Portogallo-Ghana Over e Under le altre. Questi Mondiali non sono male però, ahahahah!

    RispondiElimina
  132. Anche loro buttati fuori dall'Algeria non è che abbian molto da ridere.

    RispondiElimina
  133. Erano 12 anni che non partecipavano al mondiale, se non sbaglio, e se la sono giocata fino all'ultimo, un passettino in avanti lo hanno fatto.

    RispondiElimina
  134. Andrò ad incassare quella dell'argentina campione, a me basta quella.

    RispondiElimina
  135. Questo significa che i miei ricordi sono ancorati ad un passato remoto, purtroppo.

    RispondiElimina
  136. Mi sa che a sto giro rompo il mio tabù per le scommesse, e gioco forte su Argentina-Svizzera, ché agli ottavi o ai quarti usciamo sicuro.

    RispondiElimina
  137. Non ti ci mettere anche tu Deyna, quei 10 euro li ho spesi bene, perché togliermi 'sta quota sicura ?!

    RispondiElimina
  138. http://www.gazzetta.it/Calcio/Mondiali/26-06-2014/argentina-aguero-mondiale-finito-lesione-muscolare-primo-grado-801051694928.shtml



    Ecco, lo sapevo, porta El Kun dopo una stagione tribolatissima, senza Tevez ad alternarsi. Giocherà Lavezzi, ma non è esattamente la stessa cosa...

    RispondiElimina
  139. Eeeh, dovevi giocarli prima del mio Senza Ritorno, les jeux sont faits,

    RispondiElimina
  140. Vediamo, vediamo se i giochi sono fatti, chi di sfiga colpisce..........non che ce ne fosse bisogno nel nostro caso, hai sparato sulla misericordia, ma io per abbatterla devo lavorare sodo.

    RispondiElimina
  141. Deyna, per favore, dimmi chi, secondo te, non può vincere i Mondiali. Mi ci rovino, ahahah!

    RispondiElimina
  142. 'Simmenthal', 'Illumia e 'Mangio Italiano'! Ragazzi, Sushi al lume di candela: successo assicurato!

    RispondiElimina
  143. Comunque, parte alta sinistra, Brasile-Cile, abbastanza facile, suderà qualcosa con la Colombia che dovrà battere il vampir team, ma non credo a grosse sorprese. In semifinale c'è. Parte bassa, Francia che stritolerà i volenterosi nigeriani, Germania che soffrirà qualcosa contro la sorpresa Algeria ma che farà polpette dei boriosi galletti. Brasile - Germania è la prima semifinale. Parte alta destra, Olanda-Messico, 'sti cazzi vogliamo scriverlo ?! Grecia-Costarica, colpo di reni degli ellenici poi asfalto Olanda ed ecco la prima semifinalista. Belgio-Usa, meglio il cioccolato che l'hamburger, Argentina-Svizzera ehm ehm.....cassiamo (termine non "stravolgibile" ma non alla portata di tutti) anche questo turno, poi avrà la meglio l'asado del cioccolato, seconda semifinale Olanda-Argentina che vedrà l'albiceleste fare grill anche dei tulipani (chissà......) e andrà diretta a disputarsi la finale, che sia Germania o Brasile è tutto già scritto negli astri, argentina campeon!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  144. http://serieanews.com/48392/argentina-aguero-infortunato-addio-mondiale-2-settimane-stop/



    Tevez non convocato, Aguero Mondiale finito, Higuain clamorosamente fuori forma, rimane il solo Messi, pur stratosferico, con Di Maria. A rimediare i danni di una difesa scarsuccia assai. Al massimo arriviamo ai quarti. Lo sapevo che si faceva male qualcuno, lì davanti, e avremmo rimpianto Tevez.

    RispondiElimina
  145. Vediamo se almeno il secondo mondiale lo vincono onestamente, mi metto avanti con il lavoro, argentina! argentina! argentina!

    RispondiElimina
  146. Cazzo, non avevo ancora guardato gli incroci, vien fuori la rivincita dei Mondiali '74, Olanda-Germania! Peccato vedere le due Grandi Sudamericane eliminate in semifinale, sempre che l'Albiceleste vi arrivi.

    RispondiElimina
  147. Se mi fai confusione adesso è un bel problema, Argentina-Brasile no, troppo pericolosa, Argentina-Germania che vince il suo secondo mondiale dato che quello del '78 era già assegnato, le partite un semplice contorno.

    RispondiElimina
  148. Da Pirlo come dirigente, spero.

    RispondiElimina
  149. Brasile-Cile-Colombia-Uruguay. Non la vedo così facile per il Brasile in questo girone tutto sudamericano anche se ai padroni di casa un aiutino di sicuro glielo danno. Brasile 50%, Colombia 35% Cile 20%, Uruguay 5%. Francia-Nigeria-Germania-Algeria credo venga fuori la Germania senza troppe paure, ma tra Francia e Nigeria non sarei così sicuro. Germania 75%, Nigeria e Francia 10% Algeria 5%. Olanda-Messico-Grecia-Costarica sarà Olanda a meno di amnesie improvvise che i tulipani pure hanno (vedi Australia). Soffriranno più col Messico che nei quarti chiunque ci sia. Olanda 70% Messico 20% Grecia e Costarica 5%. Belgio-USA-Argentina-Svizzera, sarà Argentina, ma al Belgio ci deve stare attenta. Argentina 60% Belgio 30% USA e Svizzera 5%. Brasile-Germania e Olanda-Argentina. Per me la finale sarà....Ora ci penso. Se si fosse in Europa direi di sicuro Germania-Olanda, però qui....

    RispondiElimina