.

.

domenica 20 ottobre 2013

Questione di fica o di morte

Ci sono tre modi sani di morire, uno è quello dell’infarto dopo il gol della vittoria al 93° contro la Juve per la vittoria dello scudetto. Il secondo è un classico per eccellenza, trombando. Il terzo è il più rilassante, come ha fatto il mio povero nonno, quello di morire nel sonno, e non gridando come le persone che erano in macchina con lui. Ora non è che vi auguro di morire, era solo un modo di farvi cominciare a pensare, tra l’altro c’è un vantaggio concreto, direi che se la guardi bene la morte è addirittura un piacere perché è un viaggio senza la rottura di coglioni delle valige. E allora speriamo di divertirci oggi pomeriggio, guardiamo al gol della Fiorentina con la speranza di gioire senza ritegno, oppure andiamo in macchina con gli amici a sentire la telecronaca del Guetta, e per stemperare la tensione diamo pure un tranquillante a quello che guida per farlo rilassare. Oppure che so, consigliamo a “Foco” di affondare il colpo con la cameriera perché ogni lasciata è persa. Non siate egoisti, l’importante non è vivere oggi ma che vinca la Fiorentina. Vi invito quindi a godervela come fosse l’ultima, non fermate le vostre emozioni, non gestitele per vivere di più, non rallentate come quando si vede una macchina della polizia, ci vuole un atteggiamento più coraggioso oggi, in campo e fuori, coraggioso come chi riesce a fermarsi dopo aver mangiato una nocciolina. Diamo il buon esempio perché in campo si avvertirà, e così anche loro daranno tutto. Alla fine il mio non è altro che un invito a vivere, si, tutte quelle belle emozioni che ci regala la sfida con la Juve, noi siamo il bene e loro il male, noi il bello e loro il brutto, noi cantiamo a cappella e loro alla cazzo. Io mi sono fatto un film, si vince bene e poi si tromba meglio, del resto al cinema il sesso c’è sempre stato, solo che adesso è anche sullo schermo. Poi non si sa come finirà, vinceremo, moriremo, boh, comunque ci sono sempre un paio di buoni motivi per reicarnarsi, il sesso appunto, ma anche essere tifosi Viola, la coreografia, la vittoria di oggi pomeriggio, la rabbia di Conte che sale mentre la voce diminuisce, una buona classifica, l’entusiamo, la fica. Vi esorto a vincere e a trombare di più quindi, perché la bacheca va riempita e bisogna evitare che le donne si diano sempre di più alla filatelia, molte infatti oggi sono costrette a collezionare francobolli all’interno della passera, con la Fernanda ho potuto verificare personalmente che loro li chiamano francobolli ma in realtà sono invece i bollini delle banane Chiquita. Poi ci sono troppe voci infondate su Ilicic ma anche altre che tendono a screditare la mia generazione, si sostiene cioè che i giovani di oggi fanno più spesso l’amore di quarant’anni fa, per forza quarant’anni fa non erano neanche nati. Abbiamo parlato di vivere e di morire oggi, di reincarnazione per ritornare a trombare e per essere ancora tifosi Viola, c’è però anche da prendere in considerazione l’altrnativa di vendere l’anima al diavolo in cambio di un filotto di vittorie consecutive a cominciare da oggi pomeriggio fino alla matematica vittoria dello scudetto, alla faccia della Roma, spero che qualcuno di voi lo voglia fare così poi se la vedrà lui con il diavolo e noi tutti potremo godere dei vantaggi di questa transazione commerciale. Un argomento questo che mi serve per chiudere facendo una considerazione sulle troppe attività che chiudono, sulle tasse, sui commercianti, si perché loro sono gente che pur di non pagare le tasse, non fanno onestamente come forse Jordan che oggi si sacrificherà per noi vendendo l’anima al diavolo ma tutto regolarmente registrato su un contratto davanti a quel diavolo di un notaio, loro no, loro venderebbero l’anima al diavolo senza rilasciare lo scontrino fiscale.

180 commenti:

  1. Chiarificatore20 ottobre 2013 08:08

    Chiunque scenda in campo, voglio undici leoni in maglia viola.

    RispondiElimina
  2. Credo che Matos non giocherà, a meno che il risultato non lo imponga durante l'incontro. Ha invece qualche possibilità Joaquin, che a Milano fece una gran partita. Non vedremo neppure Compper, a meno che Savic non venga spostato a destra. Giocherà certamente Pasqual.

    RispondiElimina
  3. Previsioni realistiche, purtroppo.

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore20 ottobre 2013 09:45

    La mia formazione l'ho sparata nei commenti di ieri. Ora penso solo a chi scenderà in campo dei nostri e lo voglio aggressivo e vincente, chiunque sia. Oggi si può e si deve vincere, con qualsiasi formazione.

    RispondiElimina
  5. Che abbiano inizio i complessi rituali scaramantici.

    https://www.facebook.com/video/video.php?v=113490802041222

    RispondiElimina
  6. http://www.youtube.com/watch?v=h-CKNC8KV_U



    Mamma mia il Bati ed Edi.

    RispondiElimina
  7. Chiarificatore20 ottobre 2013 10:42

    E se scenderanno in campo Ambrosini e Pasqual che facciano come Sacchetti e Tendi.

    RispondiElimina
  8. e questa allora? http://www.youtube.com/watch?v=9AkJErqShFA

    RispondiElimina
  9. http://www.youtube.com/watch?v=p0K0AOxpwgU



    Passarella era Dio.

    RispondiElimina
  10. Cazzarola, questa me l'ero quasi dimenticata! Strano il Bati sul terzo gol di Robbiati, manco esulta, ma da due secondi non si può capire...

    RispondiElimina
  11. http://www.youtube.com/watch?v=ATRiHZNUbig



    Ancora Batigol

    RispondiElimina
  12. Scaramanzia delle scaramanzie: vittorie, sconfitta, e controsconfitta: MAI PIU'.

    http://www.youtube.com/watch?v=yv2v12XPCL4

    RispondiElimina
  13. Non c'è nemmeno la scusa della fatica, per schierare la formazione catenacciara di merda che ci è minacciata. Se così sarà, considerando che la Juve ha assolutamente bisogno di non approfondire il distacco dalla Roma lanciatissima (cosa di cui il team arbitrale è stato avvisato a lettere di fuoco), non vedo scampo. Speriamo soltanto che Mati e Matos non entrino a risultato compromesso. Dietro, la disposizione a quattro, per di più con Pasqual e dall'altra parte senza il Fac, invita al trancio del burro. Confidare nella prova di carattere è assurdo: questa squadra, questi giocatori non sono dei guerrieri, sono dei fiorettisti e l'unico pestatore, di merde sul marciapiede e di stinchi degli avversari, è biondo, groggy ed inchiodato a una zolla di terreno.

    RispondiElimina
  14. Ambrosini, COLONNELLO, oggi ti mostrerà come si affronterà la Juve. Per pestare le merde hai bisogno del pestature di merde. Inconfutabile come la durezza del passo della Futa.

    RispondiElimina
  15. La questione della cosiddetta "cacarella" di Montella mi sembra molto complessa. Secondo me nasce anche e soprattutto dagli infortuni e da certi limiti di cui ho parlato anche ieri della rosa attuale. In diversi infatti hanno reso meno del previsto, mentre i giovani ventenni non possono risolvere il problema di una squadra che aspira allo scudetto. In generale non spiego come mai un allenatore che andava a imporre il gioco a S. Siro sia diventato tanto prudente. Credo che Montella debba decidere cosa fare da grande: per essere un grande innovatore occorre prendersi rischi. Ma la sua prudenza a mio parere emerge sin dalle scelte della campagna acquisti. Ciò che potrebbe accadere oggi è la conseguenza.

    RispondiElimina
  16. Al Patriarca chiedo di pescare dall'album dei ricordi Toros, riserva di Sarti nel 55/56, se non erro, visto che è citato oggi riguardo Neto...Giuliano Sarti: «Mi ricorda il vecchio Toros, che in allenamento era imbattibile e in partita si faceva tradire dal nervosismo. Neto deve vincere la tensione».

    RispondiElimina
  17. Non siamo una squadra di guerrieri, non siamo una squadra attendista che si sa chiudere in difesa e tappare tutti i buchi. L'unica maniera che avremmo per difenderci e puntare al pareggione è mettere su un possesso palla insistito ed esasperante, rinunciando ad offendere, per tornare indietro e ripartire ad libitum dalla difesa, per poi ritornare indietro, e così via. Rischiosissimo, impensabile da farsi per 90'. In quel caso dentro tutti i palleggiatori, Mati compreso, e Rossi a morire nel Deserto del Gob[b]i. Se invece ce la vogliamo giocare, dentro Matos [visto che Rebic non è disponibile], a pressare sui difensori e dare profondità. Ambrosini oggi mi sta bene, anche perché Aquilani lo vedo spento. Spero molto nel colpo estemporaneo, tipo un colpo di testa di Gonzalo in mischia, perché bucarli su azione manovrata oggi la vedo dura, con la formazione annunciata.

    RispondiElimina
  18. Neto deve solo trovar tranquillità e non è certo facile se continuano a rompergli i coglioni anche dopo due partite andate bene. Toros a Sarti gli faceva la riserva come prima l'aveva fatta a Buffon nel Milan (due scudetti consecutivi vinti in panca con due squadre diverse, almeno bene portava!). Gli anni migliori li perse in panca dietro a dei mostri sacri (o che sarebbero diventati tali). Poi ebbe una carriera solo normale tra Spal, Palermo e Triestina. Non ricordo che fosse particolarmente forte anche se da giovanissimo era ritenuto una promessa tanto che lo comprò il Milan, ma ero troppo giovane per aver ricordi "de visu", ricordo solo una partita a S.Siro con l'Inter. Fidiamoci di Sarti che, però, "cacchina" com'era, se il suo secondo aveva problemi "psicologici" di sicuro avrà fatto il possibile per aggravarglieli.

    RispondiElimina
  19. La più bella:

    http://m.youtube.com/watch?v=3YDg1fQzSRs&desktop_uri=%2Fwatch%3Fv%3D3YDg1fQzSRs

    RispondiElimina
  20. L'Unico Capitano, Passarella, Bertoni...Che squadra.

    RispondiElimina
  21. A dopo, Fiore Alè!

    RispondiElimina
  22. Inutile parlare di moduli, si parte con un 3-1-5-1 per passare ad un 3-6-1 ed il problema è che quell'1 davanti non è neppure al top di forma. Quando lo storico parla di tridente fa sorridere i più, che Cuadrado sia attaccante è una fissa tutta sua e con una sola punta (a metà servizio) una difesa come quella bianconera non la buchi neanche in mille anni. Contingenza si, paura no. Un uno-due che non raddrizzi con il palleggio, Pizarro abulico, ha toccato 1/3 dei palloni di Borja e senza incidere, Aquilani prende un giallo che neanche in seconda categoria; la juve ha già messo la partita in discesa, con questo vantaggio ha solo da aspettarci, polli noi sul secondo goal, normale, ne prendiamo a balle così. Il rigore si può fischiare come no, a parti invertite lo avrei voluto non attacchiamoci a quello.

    RispondiElimina
  23. Annata partita malissimo e per una serie di circostanze indipendenti dalla campagna acquisti o dai moduli, si può solo migliorare, pensiamo alle coppe che è meglio, i punti diventano troppi da recuperare, è da illusi credere che ne potremo rosicchiare così tanti da chi ci precede.

    RispondiElimina
  24. Svantaggio immeritato, specie il 2-0. Facciamo quel che possiamo, davanti siamo mostruosamente spuntati, Rossi solo davanti non ce la fa. Ennesimo cambio nel primo tempo per infortunio. Ci gira male, abbiamo buchi davanti, siamo comunque fragili dietro e contro questa Juve fatico a vedere come potremo riprendere la partita. Vediamo come affrontiamo il secondo tempo, almeno vorrei vedere qualche tiro in porta in più... ma meglio non prendere altri gol...

    RispondiElimina
  25. Il rigore non c'era perché Tevez appena sente un contatto che fa vento si lascia cadere come una pera, ma si può anche fischiare, non mi meraviglia, se è a favore della juve. Cuadrado, oggi [e spesso ultimamente] ridicolo saltimbanco, regala il gol a Pogba, con palla già di Neto. Squadra inoffensiva, tre tenori a scartamento ridotto, c'è solo da sperare in un inserimento di Gonzalo, Roncaglia o Savic su palla inattiva, o in una prodezza balistica di Rossi. Due volte. Mi pare difficile...

    RispondiElimina
  26. Grinta zero, tiri in porta zero, spaventi per la juve zero, possibilitâ di vittoria zero. Tutto zero. Ah no! Vi sono due punizioni di Pasqual tirate sulle ginocchia avversarie. (Altezza tiro 56 cm). Per immettere grinta occorre Vargas. Per tirare in porta occorre Matos. Fatte queste due sostituzioni, si alzano i moltiplicatori. E giocheremo finalmente in indici(11).

    RispondiElimina
  27. Chiarificatore20 ottobre 2013 16:04

    Tevez sul rigore ha fatto il Balotelli.
    Non si può affrontare la rube a Firenze con una punta, e non al massimo, e che non è neppure una prima punta. Questi errori si pagano al di là degli episodi, perché quando noi andiamo avanti siamo spuntati, loro no.

    RispondiElimina
  28. Raddrizzare questa partita, per come stiamo messi, sarebbe un miracolo sportivo. Speriamo...

    RispondiElimina
  29. Bene la difesa, malissimo il centrocampo. Troppe assenze, troppi giocatori fuori condizione (Pizarro, Cuadrado, Aquilani, Rossi). Occorreva una partita d'attacco, ma questi non ce la fanno.

    RispondiElimina
  30. Che Pizarro sia in calo ci sta per l'età, che Borja Valero sia meno brillante è accettabile dato il minutaggio, ma Aquilani che ha? Forse ha iniziato a bere il brodo funereo di Deyna?

    RispondiElimina
  31. CHIARI ascoltato in cielo.

    RispondiElimina
  32. Deyna, credi ai miracoli!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  33. Avessi la faccia di Conte mediterei il suicidio.

    RispondiElimina
  34. Mi ricorda un Fiorentina-Udinese con il Giubba.

    RispondiElimina
  35. Grazie Neto (e grazie Buffon). Grazie Rossi. Grazie Joaquin. Ma questa non può essere la norma, quindi occorre ridare alla squadra la voglia di giocare.

    RispondiElimina
  36. Chiarificatore20 ottobre 2013 17:01

    Dice Buffon che non vuole più fare il portiere, ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah!!!!!

    RispondiElimina
  37. Il calcio è quanto di più lontano dall'essere una scienza. Difficile riordinare le idee dopo un risultato simile. Il biglietto della lotteria si è già strappato, vincente, ma non si può pescare sempre i jolly.

    RispondiElimina
  38. Chiarificatore20 ottobre 2013 17:02

    Netooooooooooooooooooooooooooooooooooo!!!

    RispondiElimina
  39. Neto 7,5; Roncaglia 7; Gonzalo 6,5; Savic 6,5; Cuadrado 6,5; Aquilani 5; Joaquin 7; Pizarro 5; Borja Valero 5,5; Ambrosini 6; Mati 7; Pasqual 6; Rossi 8; Matos 6. Neto ci giene a galla, Mati trova il rigore, la gobba arretra, noi ci crediamo e cresciamo, Cuadrado si sveglia, Joaquin furoreggia, Rossi fa il Bati, il miracolo si compie.

    RispondiElimina
  40. Chiarificatore20 ottobre 2013 17:02

    Pepitoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!

    RispondiElimina
  41. Chiarificatore20 ottobre 2013 17:03

    Joaquiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiin!!!!!

    RispondiElimina
  42. Chiarificatore20 ottobre 2013 17:04

    Violaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!

    RispondiElimina
  43. Chiarificatore20 ottobre 2013 17:04

    Juvemerdaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!

    RispondiElimina
  44. Chiarificatore20 ottobre 2013 17:06

    aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  45. Tevez e Pogba la mitraglia se la caccino nel ....

    RispondiElimina
  46. Commenti impossibili!!!!!!!!!!!!!! GRANDI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  47. Chiarificatore20 ottobre 2013 17:16

    Pare che la rube non riesca più a trovare la strada di casa, ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah!!!

    RispondiElimina
  48. Scusate, mi devo riprendere, a dopo per i commenti. Spero di ritrovarvi tutti stasera, temo per i più maturi.

    RispondiElimina
  49. Chiarificatore20 ottobre 2013 17:30

    Così queste merde imparano a venire al Franchi a smitragliare.


    C'è un solo smitragliatore.

    RispondiElimina
  50. Neto 7,5. Esce su Marchisio e ci mette il corpo. Abbranca a terra un colpo di testa di Chiellini a sei metri. Su due punizioni è sempre presente, entrambe in sicurezza mettendo in angolo comodo. Ci tiene a galla a lui altro che anello debole della difesa.
    Gonzalo 5,5. Provoca il rigore e concede una punizione pericolosa al limite a Pirlo per un fallo ingenuo da chi dovrebbe dirigere la difesa; una chiusura delle sue ma non certo il migliore oggi.
    Roncaglia 6,5. Veloce, arcigno, puntuale e preciso nelle chiusure, poco falloso (ed è una novità) tenta pure qualche sortita e qualche appoggio, svolazzano pochi palloni in aria e non sfigura neppure messo a tre nella difesa.
    Savic 6+. Pochi straordinari, un erroraccio in uscita su Pogba, per il resto nessuna sbavatura.
    Aquilani 5. La vispa Teresa avea tra l'erbetta trullallero trullallà........
    Pizarro 6-. Sotto tono, si vede e si sente poco, detta poco i ritmi, entra in poche azioni degne di nota, da ordine al centro campo, prandelliano.
    Borja Valero 6,5. Almeno corre, si fa trovare, l'unico che prova a giocarla nel primo tempo, s'inserisce, rischia, dialoga e ne gioca parecchie, nel secondo tempo sale la squadra e tira il fiato apparendo normale nell'apporto. L'unico tenore oggi.
    Pasqual 6,5. Di crossare decentemente non se ne parla ma aiuta parecchio Savic in ripiegamento, si soffre per vie centrali, non sulle fasce, il merito è anche suo, una di quelle partite in cui l'aggettivo difensore non è sprecato.
    Mati Fernandez 6,5. Ectoplasmatico fino al rigore procurato (Rizzoli dimostra stesso metro di giudizio su entrambi, forse il miglior arbitro oggi) ma quello è IL rigore che riapre la partita, mica cotiche!
    Ambrosini 6+. Finché in campo utilissimo, perso lui, con i centrocampisti in giornata no si è perso il filtro davanti alla difesa e sono venuti i goal delle merde.
    Cuadrado 4,5. Il peggiore, non salta un uomo, non crossa, compie una cretinata pazzesca regalando a Pogba la palla del 2-0 per un intervento scomposto e ridicolo in area con Neto pronto a prenderla comoda. Mezzo voto in più per l'assist del quarto goal.
    Joaquin 6,5. Vale il discorso fatto per Mati, pareva la "sua" solita partita, ha il merito d'infilzare Buffon come faceva Rocco con Moana. Spietato.
    Matos s.v. Con lui in campo avremmo assistito ad altra partita, è cresciuto, merita fiducia, in quei 10 minuti ha fatto quasi quanto tutto il comparto d'attacco.
    Rossi 8,5. Non è in forma, ne fa tre, uno su rigore e il secondo su un'invenzione che solo quelli bravi riescono a provare, complice anche un Buffon in vacanza (lui lo sa, la sua faccia era tutto un programma anche dopo il terzo e il quarto). Che Deyna faccia il mea culpa su di lui visto che riteneva i suoi score ed il suo rendimento frutto di chissà quali santi in cielo. E' una seconda punta di statura internazionale nonostante l'altezza. Non è in f-o-r-m-a, dato non trascurabile.
    Montella 6. Di stima, mi spiace ma non accetto lezioni dalle merde che vengono a Firenze schierando un centravanti (poco bono quanto si vuole) e una seconda punta (buona come poche!) e noi si risponde con una seconda punta, un esterno e un centrocampo intasato di giocatori non al top della condizione fisica e mentale. Il culo non ti tiene a galla sempre, questo 4-2 è maturato in maniera rocambolesca, al bando i tatticismi, l'avesse persa la Viola a Torino in questa maniera al posto delle pagelle postavo una sfilza di moccoli.

    RispondiElimina
  51. Jorginho fantastico e non per i rigori, il Verona è lassù, lui vale mezza classifica attuale, bando alle ciance, andare a Verona e comprare!

    RispondiElimina
  52. Le tue pagelle erano riferite al primo tempo (eccetto Rossi), immagino. Vincere con la Juve giocando male è da sogno, LEO. Troppo caustico. Conta il risultato. Brutti ma belli e 3 punti. Il Verona tdomenuca sarà dietro.

    RispondiElimina
  53. Una analisi spassionata di questa partita non è facile. Dopo aver esultato ho sentito l'esigenza di rivedere il secondo tempo per capire meglio. Mi sembra però che la vittoria della Fiorentina si debba a vari fattori, oltre alla sorte e ai capricci di Eupalla, la dea che secondo Brera presiedeva al calcio. Prima di tutto, ci sono state le prodezze individuali di alcuni giocatori da tempo attesi a prove importanti. Rossi, che si conferma e dimostra di essere decisivo, ma anche Cuadrado, Valero nell'azione del terzo goal e persino Joaquin.Talvolta accade che nei contropiedi si sbagli qualcosa o che certi tiri finiscano fuori di un soffio. Non è successo, ma al di la' di questo abbiamo segnato tre goal oltre al rigore tutti di ottima fattura e frutto della classe dei nostri giocatori. Secondo fattore che vorrei mettere in evidenza: la Juve ha sofferto una sindrome simile a quella che talvolta affligge la Fiorentina. Sul pareggio si è sentita punta nel vivo non ha puntato a mantenerlo ma ha provato a tornare in vantaggio e a vincere. E' stato a quel punto che i nostri contropiede sono diventati micidiali. In ultimo vorrei ricordare l'assetto tattico. Nell'ultima mezzora con l'ingresso di Joaquin abbiamo rivisto un 4-3-3 con l'inevitabile inversione di fasce per Cuadrado, che si è posizionato a destra e non a sinistra. Non a caso, mi pare, gli esterni sono stati decisivi nel segnare e nel far segnare. La grande iniezione di fiducia potrà servire spero a mettere a punto i meccanismi di una squadra che non ha ancora una identità precisa, ma ha dimostrato di possedere tre doti molto importanti: il carattere, la capacità di controllare la partita e una grande personalità da parte dei singoli.

    RispondiElimina
  54. a sinistra e non a destra

    RispondiElimina
  55. No carissimo Leo, non ci siamo. Questa non era una partita come un'altra e non ha avuto uno svolgimento di una partita normale. Ci siamo trasferiti nell'epica e dunque, adesso, un 10 a tutti quanti. Per le considerazioni tecniche rimandiamo ad altri giorni. Adesso è solo il momento di GODEREEEEEE!!!!!

    RispondiElimina
  56. Sopra se si vuol guardare solo al risultato diamo un bel 6,5 politico a tutti come ha fatto il Ceccarelli fatto salvo alcuni davvero sopra la media e amen ma se si prova una analisi meno di pancia sottoscrivo quanto sotto senza cambiare una virgola, il primo tempo è stato inguardabile per dinamismo, convinzione e fiducia nei propri mezzi, errori accumulati che solo una juve smarrita non ha saputo sfruttare. Nel secondo tempo è salita tutta la squadra difatti i voti sono una media di una partita, o di due tempi se preferisci, e non sono certo negativi salvo un paio di casi. Quello ho visto e quello ho scritto, ovviamente posso sbagliarmi come tutti.

    RispondiElimina
  57. Mc ho risposto pure al Sopra, qui sopra eh eh eh eh, non posso cancellare quel primo tempo e quelle scelte, non significa non saper godere, al contrario, proprio perché s'è vinto preferisco analizzare quello che non mi è piaciuto, nonostante questo non fioccano insufficienze per molti, giusto un paio che hanno giocato davvero male.

    RispondiElimina
  58. Commento alla partita :

    RispondiElimina
  59. A 4 non ci siamo mai messi, a tre quando la palla l'avevamo noi, a 5 quando l'aveva la juve con i centrocampisti nostri schiacciati sopra la difesa. Tu proprio non le capisci le partite.

    RispondiElimina
  60. Leo, quando si gioca contro la Rube, scusa, ma non riesco ad essere oggettivo. Lo so, è un difetto, ma nessuno è perfetto e tantomeno lo sono io.

    RispondiElimina
  61. Godere più di così è impossibile. Al terzo gol ho aperto le finestre e mi son messo a urlare, finché avevo voce. In un cortile vicino (sono in esilio a Prato), un gruppone di merde aveva organizzato una grigliata propiziatoria. La rosticciana gli sarà andata di traverso, a que' gobbacci. Tre gol in dieci minuti, dopo aver giocato male e non aver mai tirato in porta è meraviglioso. Secondo me 'un si ripiglian più dallo sciocche. Hanno mitragliato anche, i coglioni... hanno mitragliato. Ma andate affanculo! Secondo me la loro stagione è finita, e gli s'è annichilita noi. CHE GIOIA IMMENSA!!!
    PS Oh Jordan, Neto ha tenuto a galla il risultato: è come se avesse fatto un paio di gol anche lui, dopo un primo tempo incerto. Grande anche lui

    RispondiElimina
  62. Guarda che sto godendo come un riccio Mc ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
  63. Lud, in quei fantasmagorici 10 minuti in cui ho seriamente temuto per la tenuta delle mie coronarie, non ho visto particolari schemi, ma la belluina voglia di ribaltare una partita. Sono emozioni che solo e soltanto il calcio sa dare. Per altre valutazioni, come ho già detto, devo smaltire l'adrenalina che ho in circolo e che non mi lascia spazio a valutazioni minimamnete oggettive.

    RispondiElimina
  64. Mi pare incontestabile che fossimo schierati con il tridente in avanti. E già che ci sono aggiungo che nei giorni scorsi alcuni super esperti del sito mi hanno redarguito perchè avevo sostenuto che Cuadrado poteva giocare a sinistra con Joaquin a destra. Per carità non voglio sostenere che io l'avevo capito, ma mi sono ricordato che Montella l'aveva proposto con Joaquin a destra in estate ed ho pensato che potesse una soluzione valida, come poi è stato, in funzione dei giocatori disponibili al momento e del tipo di partita.

    RispondiElimina
  65. Neto 7.5; Roncaglia 7.5, Rodriguez 6+, Savic 6.5, Pasqual 6-; Cuadrado 5, Ambrosini 6+, Pizarro 6+, Borja Valero 6.5, Aquilani 4.5; Rossi 8.5 [Mati Fernandez 6+, Joaquin 7+, Matos 6.5]. Partita che entra di diritto nella leggenda, nell'epica viola. E fortuna che - come la squadra - a fine primo tempo non mi sono arreso, perché ero sul punto di andare a fare una mesta passeggiata, prevedendo un'umiliazione simile allo 0-5 dell'era Delio. Parliamoci chiaro, il primo tempo e l'inizio del secondo sono stati orribili, sconfortanti, la Fiorentina non c'era e non creava alcun pericolo. Molto generoso il rigore su Tevez che ci porta in svantaggio - Gonzalo lo tocca, ma Carlito l'Apache si butta, come abbattuto da un pugno di Monzon - ma lo 0-2 è tutto "merito" nostro, con lo sciagurato Cuadrado che anticipa Neto ormai "con la palla tra le mani", e alza una palombella che Pogba ribadisce comodamente in rete. A centrocampo i tre tenori sono afoni, con la punta negativa di un Aquilani spaesato, che come sempre non ha misura nelle entrate difensive, rischiando presto l'espulsione. Davanti, Cuadrado si incarta in improbabili dribbling, ridicolo saltimbanco, e fa ripartire la juve, commettendo in aggiunta errori in chiusura fino all'orrore che determina il secondo gol. Un voto in più solo per l'azione che manda in gol Rossi nel secondo tempo. Rossi è innocuo, perde i tentativi di dribbling, non tira mai in porta. E' Neto a tenerci in partita, con parate decisive su Marchisio, Asamoah e Pirlo su punizione. Non si avvera il suo sogno di parare un rigore contro la juve, ma la sua prestazione è ugualmente ottima. Savic è piuttosto sicuro in marcatura, Gonzalo meno scintillante del solito. Il migliore della difesa è Facundo Roncaglia, subito sugli scudi con una chiusura scivolata in area su Tevez, e costantemente applicato e aggressivo su chiunque, con buone sortite anche in avanti [due tiri da fuori, e il passaggio filtrante per Mati che causa il rigore]. Ambrosini lottava bene, pur essendo sempre costretto ad appoggiare la palla al compagno più vicino per insipienza tecnica, purtroppo è costretto a uscire presto. Il Pek, ancora con problemi alla schiena, si limita all'essenziale, facendolo poco e maluccio nel primo tempo, per poi crescere ed uscire fuori nel secondo. Anche Borja si accende tardi, ma trova il modo di mandare in gol Joaquin, e di ricamare calcio in maniera deliziosa e intelligente. Inguardabile Aquilani. La partita, si è detto, si riaccende col rigore [abbastanza generoso anche questo, ma più rigore di quello su Tevez], poi Pepito Rossi tira fuori una prodezza balistica - facilitata dal goffo Buffon di fine carriera - e la freddezza del cecchino a terminare da par suo un contropiede micidiale. Nel mezzo, Joaquin pareggia il conto con la sfiga, e fredda Buffon con un gelido tocco della muerte. Buoni anche i minuti finali di Matos, che pressa, si guadagna un fallo importante che fa ammonire Bonucci, e sfiora il gol con un dribbling secco in area e un tiro parato dal vecchio portiere dei gobbi. Che dire? I nostri meriti stanno nell'orgoglio, nel crederci, nel volare sul campo sulle ali dell'entusiasmo ad ogni gol della remuntada. Ma è difficile elogiare oggi la squadra per altro, certo non per il gioco - Montella si merita critiche per atteggiamento di partenza e formazione. Un elogio particolare a Rossi, che riscatta 65' di niente con due tiri da grande attaccante, un giocatore che non ha ancora ritrovato lo spunto vincente in dribbling e sullo scatto ma, come il Ronaldo del rientro al calcio, ha ottimizzato la letalità di fronte alla porta. Se si mantiene questo, basta e avanza, in attesa del rientro di Gomez. Da risolvere però diversi problemi di equilibri e nel gioco, ché la Maquina pare ancora non essere uscita dal parcheggio, in questo inizio di stagione.

    RispondiElimina
  66. Non ho indicato questo elemento tattico come quello fondamentale, ma mi pare incontestabile che l'ingresso di Joaquin e il diverso utilizzo di Cuadrado siano stati significativi.

    RispondiElimina
  67. Torno dallo stadio, a piedi, per sbollire l'euforia e bearmi dell'eco dei cori che ancora, un'ora dopo, si sentono in giro. Sono con McGuire, stasera magari dopo cena, si parla di più e di meno di perchè e di percome, ora è solo il tempo delle seghe, a due mani! A quello stronzo che in TS faceva la radiocronaca per i gobbi alle mie spalle (il Guetta dei gobbi) alla fine ho detto con un sorriso di circostanza che dicesse ai suoi di mitragliarsi le gonadi perchè ride sempre chi ride ultimo e se ridi prima Eupalla s'incazza. Prima o poi mi mostrano il cartellino rosso.

    RispondiElimina
  68. Squadra con i coglioni a spigoli, senza se e senza ma. Un uno-due come quello del primo tempo in altre situazioni, con altra gente in campo, avrebbe fatto da prologo alla sicura goleada. Primo tempo sostanzialmente giocato alla pari, con la differenza che la Juve giocava in maniera verticale, avendo l'attacco, mentre noi tenevamo palla girandola orizzontalmente visto che ci veniva a mancare, al solito, il vertice offensivo della squadra. Due gol, quelli bianconeri, nati, secondo me, da eccessivo timore che si trasformava in interventi frettolosi e, dunque, sbagliati. Quando tutto sembrava sul punto di crollare, ognuno ha provato a metterci qualcosa in più, anche senza guardar troppo alle posizioni e ai compiti. Cosa questa che ti premia o finisce di affossarti. Comunque nessuno ha alzato bandiera bianca e questo è il motivo principale per cui stiamo parlando di una vittoria storica. Neto ci ha tenuto a galla sul due a zero, l'errore sul secondo gol bianconero è tutto di Cuadrado e della sua foga. Il pallone di testa di Chiellini, inchiodato a terra, è la sua cosa più importante. Facundo è tornato, lo si è visto per tutta la partita, con gioiello su chiusura in takle sullo sfregiato che già stava tirando in porta. Centrocampo in difficoltà per venti minuti centrali della partita, quando Pogba sembrava molto più fuoriclasse di quello che già è, ma poi anima della rimonta, come se Borja e il Pek avessero ritrovato ossigeno e vigore dal nulla. Cuadrado sente troppo la partita e cerca di vincerla da solo, incappando in errori di precipitazione e di troppa sicurezza. Però il contropiede del quarto gol è qualcosa che solo lui poteva fare. Rossi, murato nel primo tempo fa quello che noi non facciamo mai, tira da fuori e raddrizza così una partita già perduta. Mi perdonerete se insisto, ma una squadra come la nostra, quando non trova sbocchi in attacco deve tirare più degli altri,perché ne abbiamo modo e possibilità. La Juve sul 2 a 2 è scomparsa con la stessa velocità con cui i nostri si sono rinvigoriti, in contropiede il signor Rossi diventa devastante. In velocità siamo un'altra squadra e la tecnica dei nostri diventa inarrestabile. Vittoria che darà i suoi frutti anche a lungo termine.

    RispondiElimina
  69. Diverso utilizzo di Cuadrado ?! Lud è un massacro......

    RispondiElimina
  70. Incontestabile c'è la tua visionaria concezione di Cuadrado attaccante, Mati non era certo schierato sulla linea degli attaccanti, Joaquin è si un'esterno con caratteristiche offensive ma a quattro non si è mai giocato durante la partita e le tre punte le hai viste nei tuoi sogni.

    RispondiElimina
  71. Oh bischero, è Cuadrado che ha cambiato fascia. Guarda che per fare il professore e bocciare io ho passato il concorso non ho passato le giornate a masturbarmi davanti a sky.

    RispondiElimina
  72. Poero Lud, come non detto, manco capisci cosa ti viene scritto. L'inversione della fascia quando la fai ?! O devo spiegarti pure questo ?! Bocciato!
    P.S.: Non ti chiedo cosa insegni, mi vien da ridere.......

    RispondiElimina
  73. Io non sono ne scaramantico ne superstizioso. Quindi oggi, in taverna, era così...

    RispondiElimina
  74. Meglio poi che prima, continua a farli incazzare eh eh eh eh

    RispondiElimina
  75. Oggi non si commenta, si gode solamente
    http://it.violachannel.tv/dettaglio-pagina-video/items/highlights.html

    RispondiElimina
  76. Chi vuol leggere i motivi di questa vittoria in chiave tattica di calcio proprio non capisce una sega. Era saltato tutto, fortunatamente soprattutto in campo gobbo e si giocava di polmoni e di nervi e di "palle". Al calcio succede ed è il suo bello se no sarebbe il Subbuteo!

    RispondiElimina
  77. Chiarificatore20 ottobre 2013 19:35

    Io viaggio ancora sulle ali dell'entusiasmo quindi condivido le pagelle di Sopra, anzi con un voto in più a tutti e la lode per Pepito e per i tifosi allo stadio,perché mi va.
    Continuo a chiamarla smitragliata e non cambio perché così la chiamavamo da bambini.
    Qualche foto ricordo.

    RispondiElimina
  78. Mi ero riproposto di limitarmi a bollare le provocazioni come tali. E questa è una provocazione. Violanews ad esempio scrive: CUADRADO 6,5: Abbattuto sistematicamente dagli avversari, fa fatica a saltare l’uomo e si intestardisce troppo in azioni personali. Macchia la sua prova giá opaca con l’assist (imvolontario) per il 2-0 di Pogba. Va un po’ meglio quando si sposta a sinistra nella ripresa, ha il merito di offrire a Pepito l’assist del 4-2 in contropiede.
    Non ci vuole molto a capire che Cuadrado aveva cambiato fascia e da sinistra infatti serve Rossi nell'azione del goal. Joaquin è solo a destra nella sua segnatura. Adesso spero che qualche asino non mi impegni in discussioni inutili che servono solo a rompere le scatole e a provocare.

    RispondiElimina
  79. Condivido il giudizio di Sopra su Cuadrado, irritante per settanta minuti con annessa cagata difensiva, ma grandissimo, supersonico, nel contropiede che ha portato al quarto gol. Basta quella giocata per l'ampia sufficienza. Rossi ha solo segnato, cioè ha fatto ciò che deve fare un attaccante. Partita assurda e irripetibile, il cui risultato ci permetterà di tornare ad essere una squadra che osa giocare a calcio.

    RispondiElimina
  80. I voti a Rossi e a Cuadrado mi sorprendono anche considerando che da parte di molti erano emersi dubbi su di un assetto tattico, quello iniziale, troppo prudente. Rossi, in particolare, isolato non può stare, mentre Cuadrado libera tutta la sua forza offensiva solo se utilizzato come esterno alto. Cuadrado difensore è un equivoco. Cuadrado terzino, che pure Montella ipotizzò, delirio. E si è visto. E dunque i vituperati schemi mi pare siano serviti a far rendere due tra i nostri migliori giocatori. E dunque a Cuadrado non darei mai l'insufficienza ed oggi è da sette quando può giocare nel suo ruolo. E per Rossi vale la stessa cosa. Segna tre goal in mezz'ora ma in un diverso contesto tattico. Mi sembra un po' triste dare la colpa a Buffon sul goal di Pepito. Rossi ci ha abituato ad accelerazioni e tiri da fuori di quel tipo. il portiere non sbaglia: è sorpreso per la velocità dell'azione e per l'effetto che prende la palla. Tutto è voluto e poco casuale in questo goal di Rossi.

    RispondiElimina
  81. Io ricordo, una trentina di anni fà, ai tempi di Platini-Rossi, un derby che i ladri vincevano 2-0 a metà secondo tempo, vinto 3-2 dal Toro...con tre gol in 5 minuti circa, mi sembra fra il 30° e il 35°.

    RispondiElimina
  82. Per Blimpe: la juve che becca tre gol in sei minuti:

    http://m.youtube.com/watch?v=33YalhOVMy8&desktop_uri=%2Fwatch%3Fv%3D33YalhOVMy8

    RispondiElimina
  83. Non significa una beata mazza caro il mio prof. di bassa lega, Cuadrado non ha giocato certo bene, è stato uno dei peggiori, il cambio di fascia non gli ha cambiato ruolo ma solo la posizione e non è che un assist trasformi la sua prestazione da insufficiente e sufficiente, solo un beota come te immagina questo. Il 4-2 non è figlio di un cambio di schema ma di una prestazione in cui i singoli, Rossi su tutti hanno dato un qualcosa in più (vedi Mati nel procurarsi il rigore, Joaquin preciso sull'unico tiro in porta.....). Asino è che vuol spiegare il risultato con schemini e ruoli, ruoli in cui nessuno ha fatto un qualcosa che non aveva fatto anche altre volte. Ri-bocciato!

    RispondiElimina
  84. Sul secondo goal un'altra volta butti giù di getto quel che ti sembra senza rivedere quel che succede. Neto esce su Tevez lanciato a rete da Pogba in tempo e si prepara al tuffo sul pallone perchè è in netto anticipo quando Cuadrado scapato come gli capita di essere nei recuperi difensivi, se ne frega del suo portiere ed interviene maldestramente sul pallone levandoglielo praticamente di mano e deviandolo orrore degli orrori verso l'area con la porta incustodita. Uno può anche aver paura che il portiere non ci arrivi (ma ci arrivava) ma a quel punto butta la palla in calcio d'angolo non verso la sua porta. Neto è incolpevole, Cuadrado ce l'ha tutta, al 100% sull'anima lui. E' vero invece che ci ha tenuto in partita in almeno due occasioni sul 2-0, se si pigliava il terzo si era adesso a piangere.

    RispondiElimina
  85. Non capire quell'azione è rivedere la partita per highlights e vederci poco chiaro pure li. Neto sul secondo goal ha colpe che oscillano dallo 0,0000001% al ribasso.

    RispondiElimina
  86. Non toglie nulla ai meriti di Rossi, ma sul gol la responsabilità del crepuscolare Buffon attuale è lampante. Avesse preso un gol del genere Neto da Tevez, sarebbe stato crocifisso in sala stampa.

    RispondiElimina
  87. Lo accetterei fosse il primo goal che Rossi segna in questo modo, ma ne ha fatti altri quest'anno molto simili, quindi è nel suo stile. Sono tiri da fuori area o dal limite, scagliati al termine di accelerazioni improvvise e molto liftati, fatti apposta per sorprendere i portieri.

    RispondiElimina
  88. Da un punto di vista del gioco io non ho mai visto la viola inferiore. Sul due a zero, per forza di cose, la Juve ha avuto più spazio, ma per il resto non è che ci abbiano imposto nulla. I loro gol, come i nostri, sono frutto di azioni individuali ed errori difensivi ( sul gol di Joaquin lo spagnolo è stato lasciato solo da una difesa schierata). Una partita "strana" è quando una squadra domina per gioco e risultato e poi perde per casualità, oggi le reti nostre e loro sono venute dai medesimi fattori e in una situazione di sostanziale equilibrio di gioco.Dire che la juve dominava significa dire che noi lo abbiamo fatto sul tre a due. Insisto ai limiti dello svizzerismo affermando che quando non c'è uno sbocco in profondità, il possesso palla deve essere propedeutico al tiro da fuori, cosa che tentiamo sempre troppo poco pur avendo stoccatori discreti. Che lo debba fare Facundo è un paradosso.

    RispondiElimina
  89. Chiarificatore20 ottobre 2013 21:08

    Promemoria




    https://www.facebook.com/photo.php?v=10201504154279002&set=vb.1630770933&type=2&theater

    RispondiElimina
  90. Chiarificatore20 ottobre 2013 21:12

    Ottimo Foco qui sotto, secondo me ha centrato il punto.

    RispondiElimina
  91. Neto 7,5 Cuadrado gli leva la palla dalle mani e gli fa far figuraccia completamente immeritata nel secondo goal, però prima aveva già parato bene su un maligno rasoterra di Marchisio. Ci tiene in partita nella ripresa quando si sembrava sull'orlo del precipizio con due interventi notevoli. Sicuro nel finale. Sta crescendo ogni giorno.
    Roncaglia 6,5 vigoroso, anche troppo (la gomitata a Llorente lungi da essere una prodezza è una cazzata che ci poteva far finire in dieci), quando la partita s'infiamma lui c'è.
    Gonzalo 6+ Tevez è brutto cliente e la sua partita non è facile, però alla fine se la cava.
    Savic 6 non ha l'avversario peggiore perchè Padoin non è certo Maradona, eppure più che vigorosi controlli non mette in mostra.
    Cuadrado 5,5: difficile dargli il voto, commette oscenità come sul secondo goal e azioni pregevolissime come in occasione del quarto goal nostro. Dribla bene ma poi si incasina in dribbling inutili e pericolosi in mezzo al campo. Non lo spostate dalla fascia e ditegli di giocare semplice!
    Aquilani 5,5 non mi è sembrato così male come dite. Ha corso tanto e nella quantità perde qualità.
    Ambrosini 6,5 altro sul quale proprio non siamo d'accordo. Appena è uscito, per infortunio, abbiam preso due gol e sarà un caso. Avesse cinque anni meno sarebbe imprescindibile.
    B.Valero 6,5 qualche errore gli si può concedere se poi fa anche tante cose belle. E' senza dubbio un'altra volta il più positivo là nel mezzo.
    Pizarro 6+ meglio nel finale, quando le opzioni di verticalizzare venivano fuori facili. Primo tempo un po' involuto, come tutta la squadra.
    Pasqual 6- fa poco davanti e non molto nemmeno dietro. Non è la sua partita anche se la gioca tutta
    Rossi 6,5: nel primo tempo gli avrei dato "4" non ne indovinava una pur con la scusante della scarsa collaborazione degli altri e dell'assoluta mancanza di gioco in verticale. Poi fa tre gol e gira la partita.
    Mati Fernandez 6+. suo il merito del rigore che riapre la gara e sua una gara almeno vigorosa ed impegnata.
    Joaquim 6+ si svergina e fa almeno un paio di belle cose, prestazione positiva
    Matos 6+ in spazi larghi potendosi distendere in velocità è il suo pane, ed infatti, nonostante il poco tempo, va vicino al goal un paio di volte, una obbligando Buffon alla deviazione di piede.

    RispondiElimina
  92. E che c'entra? Quando un portiere sbaglia, sbaglia, ogni singolo episodio è a se'. Buffon si è buttato con la reattività di un sacco di patate, pareva il Viviano dell'anno scorso...

    RispondiElimina
  93. Intanto l'Inter fa cagare al suo solito. Che Montella torni presto in sé, visto che quest'anno non ci sono imbattibili (neppure la Roma).

    RispondiElimina
  94. Foco una partita come questa non puoi spiegarla tatticamente, la vittoria non è figlia di nessun cambio modulo né utilizzo differente dei giocatori, lo svizzerismo è il credere di spiegare una metamorfosi che c'è stata ma non di natura tattica. Si può solo analizzare cosa non è andato per quasi 60', dallo schieramento iniziale passando per l'atteggiamento di alcuni giocatori fino alle solite giocate sbagliate nel posto sbagliato. Il rigore ha riaperto la partita, l'invenzione di Rossi ha suonato la carica, quello che è scaturito dopo non è da juve né da Fiorentina, ci è andato tutto bene complice anche una signora che più baldracca di così non è mai stata.

    RispondiElimina
  95. Chiarificatore20 ottobre 2013 21:17

    Volevo dire quello più sotto ancora, ma anche quest'ultimo, di Foco, lo condivido in pieno.

    RispondiElimina
  96. Io la faccio più facile e senza scomodare il fato: sono due squadre che si sono equivalse sotto il profilo del gioco. Hanno fatto entrambe degli errori, la juve più della Fiorentina. Il fatto positivo è che l'attuale Fiorentina vale l'attuale Juve pretendente allo scudetto al netto degli errori.

    RispondiElimina
  97. Jordan su Ambrosini si sono ricreduti quasi tutti, è un dei migliori da inizio anno ed anche oggi sono venuti i goal appena si è perso il filtro a centrocampo, e lui gioca dietro Pizarro, non davanti, proprio a raccordare alleggerendo il cileno da quei compiti che odia fare. Per partito preso si possono dare anche insufficienze a oltranza ma alla lunga si rimane da soli su posizioni incondivisibili che il campo ha sinora smentito partita dopo partita. Per me, in alcune partite, è imprescindibile anche oggi, a questa età.

    RispondiElimina
  98. Opinione che oggi non può che essere condivisa, in toto. Peccato che di leggerezze noi ne commettiamo più di loro e la nostra difesa, purtroppo, non vale la loro.

    RispondiElimina
  99. Oggi Pollock è stato addirittura poco ottimista, visto che ci ha mostrato due pere, mentre noi ne abbiamo fatto quattro, ahahahaha
    Rimontare dallo 0-2 al 4-2 alla juve in un quarto d'ora è un'impresa pazzesca, penso che questa sia la più bella vittoria contro le merde, una partita che ricorderemo per decenni.
    Rossi eroe, me ne sbatto che Buffon sul secondo gol si è addormentato, Pepito ha fatto tre gol contro la juve ed è un Grande Eroe.
    Lasciamo perdere le analisi, in una partita così si gode e basta, tra l'altro son contento che Tevez e Pogba le loro mitragliate se le mettono nel c..o.
    Joaquin ha cambiato la partita, l'ha evocato AntoineRouge stamattina e aveva ragione... non prendiamocela con aquilani, è sempre un gran giocatore, è in un periodo di scarsa forma, tutto qui.
    Ah, ancora una cosa: juve merda

    RispondiElimina
  100. Concordo, ANTOINEROUGE, probabile che entro 3, massimo 4 partite i valori si riescano a delineare. (Ricorda la dea bendata, la quale tifa Mazzarri! Vedi il gol "fattosi" dal Torino con Guarin....Osceno).

    RispondiElimina
  101. Il secondo gol è al 95% colpa di Cuadrado e al 5% colpa di chi ha lasciato solo Pogba. Neto non c'entra niente.

    RispondiElimina
  102. O Jorda, Pepito fa tripletta contro i gobbi e tu gli dai solo 6,5? Nemmeno Deyna arriverebbe a tanto...

    RispondiElimina
  103. Ho scritto che secondo me questo risultato dipende da diversi fattori, come la Fortuna o Eupalla, le giocate individuali di alcuni giocatori, il fatto che la Juve non accontentandosi del pareggio dopo essere stata raggiunta si è scoperta. Tra i vari elementi dobbiamo però considerare anche quelli tattici. Cuadrado prende un voto basso nel primo tempo anche perchè gli vengono affidati compiti di difensore che non gli competono. Joaquin cambia la partita perchè entra in un tridente con Rossi e Cuadrado. Rossi stesso si trova meno isolato e incomincia a macinare il suo gioco. Insomma, la tattica un peso ce l'ha.

    RispondiElimina
  104. Sulla volee di Panatta o sul rovescio di Laver puoi sbagliare, ma sono colpi tipici, voluti. E questo tiro di Rossi era insidioso e voluto.

    RispondiElimina
  105. Non sono d'accordo col 6.5 di Jordan a Rossi, e nemmeno sul 7 del Colonnello. E' vero che fino al rigore è da 4 netto, ma da lì in poi è da 9, per implacabile cecchinaggio. La media sarebbe intorno al 6.5, anche meno considerato che si sveglia attorno al 65', ma quando uno segna una doppietta [più rigore] in una partita epica che finisce con una nostra vittoria, non ci si può limitare a fare una semplice media...

    RispondiElimina
  106. Dopo la partita di oggi mi va bene tutto: 4-3-3, falso nueve, Cuadrado attaccante, tridente Cuadrado-Rossi-Joaquin, Gomez dinosauro e cariatide in tribuna, Gabbiadini è vivo e lotta insieme a noi, Sissoko novello Socrates, Ljajic ingiustamente cacciato via. Sfogati pure, va bene tutto.
    Comunque juve merda.

    RispondiElimina
  107. E chi ha detto che è casuale? Dico che se il portiere non si impapera, il tiro non entra mai.

    RispondiElimina
  108. I 3 punti fanno salire automaticamente almeno di un 1,5 i voti.....(CHE VINCA O CHE PERDA JUVE MERDA).

    RispondiElimina
  109. Grazie Anto ed è partita che avrei dovuto ricordare! Evidentemente, ai gobbi riescono questi exploit soltanto contro i grandi nemici. Jordan, certo che scrivo di getto tornato dallo stadio, senza riguardare le immagini! Dietro stipendio del Chiari posso però fare qualche sforzo in più in termini di tempo dedicato al sitollock e dietro stipendio tuo scrivere che Neto cammina sulle acque, che poi è tutto ciò che sembra interessarti dopo una partita come quella di oggi (e al solito fai ridicolmente la ronda dei siti per sorvegliare, con la clava in mano). Ad ogni modo scrivere che il gol di Pogba ce l'ha sull'anima Cuadrado al 100% (dico al 100%) o che senza intervento la palla arrivava lemme lemme a Neto significa aver avuto un tipo di due metri e dieci davanti a sé, allo stadio: io, sono più fortunato coi vicini davanti.

    RispondiElimina
  110. Uno che segna una tripletta, che significa doppietta più rigore, vale meno ?! Siamo mica nel basket.

    RispondiElimina
  111. Per QUESTA Partita, per COME Rimarrà nei nostri ricordi e per COSA Rappresenterà sempre nella NOSTRA STORIA VIOLA (e per gli intempestivi perculeggiamenti restituiti con dovuto interesse usurai interesse ai diversi mittenti, ma questo è il meno) Voto 10 e LODE a TUTTA LA SQUADRA.

    RispondiElimina
  112. Sono concetti comunemente usati anche nei commenti alla partita di stasera, Anto. Dietro i numeri stanno fatti precisi: ad esempio Cuadrado difensore non ha senso, Rossi attaccante isolato ne ha ancor meno ecc.

    RispondiElimina
  113. Deyna, quella che sollevi è una questione filosoficamente interessante e che concerne il peso specifico dei singoli momenti di una prestazione e quello invece delle porzioni interne di essa. E' certo che gli episodi chiave di un match portano crediti maggiori ed è regola che ho applicato: dopo un primo tempo da 4, se realizzi un rigore e poi sei bravo a esserci sul vassoio d'argento di Cuadrado e sul vuoto che la difesa gobba in bambola ti concede, senza far per il resto altro di particolarmente probo, alla sufficienza non arrivi: invece fai un gesto che ho qualificato da campionissimo (pur con la complicità di Buffon), un gesto che escogita il pareggio, e prendi sette. Certo, il voto alla nostra gioia è quello che Sopra assegna nel post sottostante.

    RispondiElimina
  114. Anch'io ho voluto fare un po' di casino, nello scrivere. E da domani comincia il bello in terra di stramaledetti gobbi.

    RispondiElimina
  115. Cuadrado giocherà sempre male se gli si chiede di giocare in difesa perchè non è il suo ruolo e quest'anno Cuadrado difensore ci è già costato almeno un paio di goal per quel che ricordo. Cuadrado è un esterno alto, che gioca a destra e come si vede anche a sinistra.

    RispondiElimina
  116. Mi pare non abbia troppo senso decidere il voto al giocatore facendo una media del voto dei due tempi presi separatamente. Mettiamo il caso di un Maradona che quel giorno non tocca palla per ottanta minuti e poi segna una trippletta negli ultimi cinque minuti. Prende tre nella prima parte, dieci nella seconda, sei di media. Ha senso? Per me assolutamente no.

    RispondiElimina
  117. Aggiungo che se si vuole enfatizzare l'errore di Buffon si può anche dare 6,5, come fa Jordan, mentre se si vuole enfatizzare la freddezza nel battere il rigore e il fatto che insomma davanti al portiere, in occasione del quarto gol, lui dopo tutto «c'era», gli si dà 7,5. Arrivare all'otto o oltre è commendevole effetto dell'entusiasmo ma sul piano della filologia di un match non significa nulla.

    RispondiElimina
  118. Sono d'accordo, Sopra, la media fra primo e secondo tempo di solito non è corretta, a meno che non si tratti di prestazione senza acuti.

    RispondiElimina
  119. No significa riguardarla in un filmatino disponibile praticamente ovunque. Senza l'intervento di Cuadrado la palla non arrivava lemme lemme ma Neto ci sarebbe arrivato prima di Tevez. Comunque quello doveva fare, uscire e l'aveva fatto, in tempo. Il che non vuol dire camminare sulle acque ma fare il proprio mestiere. Uno che interviene togliendo la palla al proprio portiere che sta intervenendo per sparacchiarla nel mezzo all'area davanti alla porta sguarnita ha senza dubbio il 100% della responsabilità del goal.

    RispondiElimina
  120. I voti che ho dato son voti forse un po' bassi ma causati da ciò che han fatto in campo, certo il fattore emotivo dell'impresa quasi storica non è aggiunto, se no si dà dieci a tutti e pochi discorsi.

    RispondiElimina
  121. I rigori - merito a chi sa trasformarli, comunque - non li ho mai contati molto nel giudicare una prestazione, come non li considero nel valutare il potenziale realizzativo di un attaccante...Vale per tutti, non solo per Rossi.

    RispondiElimina
  122. Infatti oggi non è facile dare voti. Per non cadere nel trionfalismo magari sono stato un po' severo, ma fino al 65' abbiam rischiato una debacle non molto lontana da quella di due anni fa e se poi tutto è girato in una giornata trionfale, cosa si giudica il prima o il dopo? sarebbe meglio non giudicare niente ed imbriacarsi come il nonno Pilade, infatti le pagelle non le volevo nemmeno fare. Abbiam battuto la Juve 4-2, rendiamo grazie ad Eupalla ed alziamo il nappo

    RispondiElimina
  123. Si è messo Mati al posto di Ambrosini e quello sarebbe stato un bel cambiamento tattico ma nessuno se n'è accorto fino al secondo tempo inoltrato. Joaquin è entrato al posto di Aquilani ed anche questo sarebbe stato un cambiamento tattico ma fino al rigore nessuno si è accorto nemmeno di questo, la partita cambia appena Mati si procura il rigore, quello che deriva dopo non ha niente a che fare con i moduli ed i ruoli, che tu lo capisca sarà sempre troppo tardi e so già che non lo capirai mai.

    RispondiElimina
  124. Si ma fanno parte di una statistica che conta in fondo all'anno e che incide sul rendimento di un giocatore. Quando si contano i goal in carriera, che sia ancora o meno in attività il calciatore, non si fanno distinzioni così come nessuno commenta tre goal con un due+rigore.

    RispondiElimina
  125. Ma il filmatino, che ho appena guardato visto che sennò arrivano le manganellate e l'olio di ricino, conferma la mia analisi (al mio vedere, intendiamoci! E fatta salva la tua infallibilità, Jordan) né vedo perché avrei dovuto visionarlo prima di scrivere, Jordan. L'errore di Cuadrado non è così totalitario, non può essere del 100% se lui è in affannoso e indebito recupero (già scritto) e al centro su Pogba non c'è nessuno (già scritto). Non avrei assegnato 7 a Neto se l'avessi ritenuto seriamente responsabile ma trovo che o stai più avanti o più indietro, che se Cuadrado non interveniva le cose non erano così tranquille, che Cuadrado non si è fidato e c'era qualche ragione per questo. Le mie quote sono 40 a Cuadrado, 45 ai difensori latitanti, 15 a Neto.

    RispondiElimina
  126. Cuadrado ha svolto sempre gli stessi compiti nell'arco dell'intera partita, che gioca sia a destra che a sinistra non si è visto da oggi. Chiaro che non te l'abbiano raccontato prima, magari eri distratto.

    RispondiElimina
  127. http://www.violanews.com/news-viola/audio-la-sintesi-in-6-incredibili-minuti-20131020/

    RispondiElimina
  128. Sono d'accordo, Lud: Disqus attribuiva il tuo post a Sopra.

    RispondiElimina
  129. La partita vive di momenti psicologici più che di numerini. La juve sul 2-0 e con la fiorentina quasi sullo sbraco (anche ad inizio ripresa si è rischiato il 3-0 almeno 3 volte) aveva già inconsciamente chiuso la pratica. Quando si è trovata, in tre minuti, sul 2-2 ha perso letteralmente la testa, e non è riuscita a rientrare in partita. Ha perso il concetto degli spazi in difesa, si è ammucchiata davanti, è scomparsa come squadra dal campo. In quello sbrago la Fiorentina, più lucida ed entusiasta e con uno stadio esploso nell'entusiasmo, ha affondato il coltello come lama nel burro e son venuti due contropiedi classici, tremendi e poi altri con Matos. Non c'entra un cazzo il tridente, c'entra che avevi davanti un avversario in completa confusione mentale, con lucidità ed armi per colpirlo. Se Joaquim fosse stato schierato dall'inizio sarebbe cambiato poco, A squadre schierate non siamo riusciti a fare una verticalizzazione nè un tiro in porta in 65'!

    RispondiElimina
  130. A sentirla mi sono venute le lacrime agli occhi a ogni nostro gol

    RispondiElimina
  131. Neto è in uscita, sta correndo, non deve stare nè avanti nè indietro, deve solo arrivare sul pallone prima di Tevez e ci arrverebbe se quel pirlotto di Cuadrado non se ne fregasse del suo portiere e non si buttasse in un intervento scoordinato che devia il pallone verso l'area di porta a porta sguarnita perchè il portiere è, giustamente, uscito. Che poi nel mezzo non ci siano difensori non la vedo così grave, un intervento così a bischero spiazza tutti ed ha culo quello che il pallone se lo trova addosso, cioè Pogba. Se proprio voleva intervenire il pallone lo doveva buttare in calcio d'angolo, non verso la porta.

    RispondiElimina
  132. Oggi abbiamo fatto, comunque, il 57% di possesso palla.
    Sempre a livello di statistiche, siamo il quarto miglior attacco e la quinta miglior difesa.

    RispondiElimina
  133. Su questo sono d'accordo

    RispondiElimina
  134. Rossi ha fatto tre gol e ci ha fatto vincere la partita, il voto non può prescindere da questo, altrimenti senza il gol avrebbe fatto cacare anche Tevez. Sul gol di Rossi da fuori, io sono per la mozione "palloni moderni". Visto il gol decine di volte e da ogni posizione si nota che la palla parte tesa per poi abbassarsi in prossimità delle mani di Buffon che parte per parare un tiro a mezz'altezza e si ritrova inculato dal pallone che scende improvviso. Effetto, secondo me, dato dal pallone e dal fatto che Rossi batte senza rincorsa, girandosi e tirando. Rossi, a mio avviso, come caratteristica principale la meccanica di tiro quasi perfetta, cosa che prima di lui ha mostrato a Firenze Mutu.

    RispondiElimina
  135. Lo juventino non sarebbe mai arrivato su quella palla, nemmeno con un razzo sotto al culo, né la palla sarebbe mai giunta a Pogba senza l'improvvido e cieco intervento di Cuadrado. La responsabilità è al 90% del colombiano e al 10% dei difensori latitanti [ma che si vanno a immaginare che quello sventato toglie la palla al portiere, e alza per giunta una palombella in piena area?], Neto ne ha 0%, forse poteva urlare come Gabriel Pontello al culmine del climax in un porno anni '80 per farsi lasciare la palla, ma Cuadrado lo vedeva, non era girato, era una situazione autoevidente.

    RispondiElimina
  136. Io l'ho già detto sotto, la colpa la dò al 95% a Cuadrado e al 5% ai difensori latitanti. Ma poi, che ce frega, gli abbiamo rifilato quattro pere.

    RispondiElimina
  137. Mah, per estremizzare ricordo che nell'anno della stella del milan il povero Chiodi segnò 7 reti, di cui 6 su rigore, io qualche distinzione la farei...Rossi stesso in Spagna segnava molti gol su rigore, che alzavano medie ancor meno trascendentali, nel valutare il potenziale realizzativo di un attaccante queste cose van messe nel conto.

    RispondiElimina
  138. Quanti anni erano che non rifilavamo quattro per ai gobbi? Dal 4-1 del 1975?

    RispondiElimina
  139. Si può discutere se dare dall'80% fino al 95% di responsabilità a Cuadrado e il restante ai difensori, straniti e fermi dalla solita palombella in mezzo all'area (ma Pogba la segue e ci arriva!!!!!) e dare a Neto, giusto per partito preso lo 0,0000000000001% perché quelle palle sono sue.

    RispondiElimina
  140. ...e prima ancora, con stile e traiettorie diverse, Chiesa.

    RispondiElimina
  141. Deyna anche tu quanto ad obbiettività tocchi minimi storici quando parli di Rossi, siccome è un fenomeno e tu non ci hai preso ecco che saltano fuori paragoni irriverenti col passato. Ci sono giocatori che hanno vinto la classifica cannonieri marcando più di una decina di rigori ma nessuno ha mai messo in dubbio o fatto distinzioni sulla sostanza o sulle qualità dei giocatori che li hanno realizzati. Hai preso una cantonata su Rossi, si l'hai presa, ammetterlo non costa niente.

    RispondiElimina
  142. Siccome con Deyna ci si chiedeva se Rossi fosse decisivo, ebbene oggi è stato decisivo, direi. Possiamo dire che la vittoria della Fiorentina è stata determinata dalla presenza di Rossi che ha segnato un rigore, si è mosso benissimo ed ha tirato velenosamente in occasione del secondo goal, e infine è stato perfetto nel seguire Cuadrado e segnare il terzo goal. Non so quanti attaccanti avrebbero dato un simile contributo in circostanze analoghe.

    RispondiElimina
  143. Deyna, lasciatelo dire, ma su Rosai non sei molto obiettivo. Roba da Chiodi ahahahaha

    RispondiElimina
  144. No, Foco, se togli il gol del pareggio la prestazione di Rossi non è paragonabile a quella di Tevez, non so come fai a dire che l'argentino abbia fatto «cacare». Sono d'accordo che le responsabilità di Buffon ci siano ma non gravissime: se le ritieni tali dai un po' meno di sette. Certo che Rossi è un attaccante fuori dal comune, Lud! Possiamo dunque assegnargli 9 di stima per qualsiasi prestazione e astenerci dai distinguo.

    RispondiElimina
  145. La semplicità con cui mette il quarto all'angolino è da grande giocatore. Quando avrà una stabilità fisica ottimale tenterà molto di più il tiro da fuori.

    RispondiElimina
  146. Rossi è un attaccante e quando ha la palla tende a tirare in porta, da ogni posizione, l'anno scorso giocavamo bene ma tiravamo poco in porta, anche con gli attaccanti.

    RispondiElimina
  147. E i rigori li sabgliavamo

    RispondiElimina
  148. Per essere un top-player devi determinare la partita. In altre parole devi dimostrare che la tua presenza è stata decisiva e che senza di te la squadra non avrebbe risolto la gara o almeno non con la stessa facilità. Per me Rossi oggi è stato decisivo, come anche altre volte del resto, ma stavolta ancora di più.

    RispondiElimina
  149. Colonnello, senza il rigore Tevez ha fatto gli stessi tiri di Rossi: 0. Occasioni procurate senza il rigore: 0. Murato anche lui, ecco come faccio. Se calcoli che poi lui aveva Llorente a fianco a dividersi i difensori avversari, allora ecco un'altra aggravante.

    RispondiElimina
  150. Rossi e Neto sono stati decisivi, sicuramente.

    RispondiElimina
  151. Foco il tuo ragionamento non fa una grinza.....in linea teorica. Poi guardo Llorrente e quello che ha fatto da quando è arrivato.....Llorrente, una marottata coi fiocchi direi!

    RispondiElimina
  152. Servono simili prestazioni per strappargli un'ovvietà da uno scritto. Quello gli riesce.

    RispondiElimina
  153. Nonostante sia palese che DEYNONE nostro sia socio occulto della Neto s.r.l. (Società Responsabilità Limitata...sui gol...ah ah ah ah ah ah....) stavolta non posso dargli torto, Cuadrado ha sulla coscienza il gol di "Fetta di pandoro in testa". Neto incolpevole, da qualsiasi angolazione. (Ahò, guardavo l'Inter : e Rocco gli fa una sega a Mazzarri! Tutti rintanati e contropiede a go-go, neanche il Sassuolo gioca così indecentemente!).

    RispondiElimina
  154. se i suoi difensori gliele lasciano

    RispondiElimina
  155. Appunto, si ragiona di percentuali al di sotto del micron, già dargli l'1% vorrebbe dire avercela con lui.

    RispondiElimina
  156. Era una discussione con Deyna che sta andando avanti da tempo sulla qualità di Rossi, se top assoluto o soltanto buon giocatore. La questione parte da lontano, dai risultati in Spagna di Rossi, ma anche dal suo possibile e poi sfumato passaggio al Barcellona. Oggi ha fatto una grande prestazione e gli osservatori sicuramente lo tengono d'occhio. In nazionale gli manca un partner generoso perchè balottelli è di un egoismo assurdo e fagocita ogni partner.

    RispondiElimina
  157. Vero LUD, contro la granitica difesa bianconera nonnera facile andare al tiro; sia lui sia Joaquin erano liberi, vuol dire capacità di scardinare le barriere umane. Gli ultimi due gol sembrano rubati dagli schemi del dio jugoslavo del basket, Asa Nikolic: fare volume, massa su un lato e poi dare la palla alla guardia sul lato "debole", dove lui è solo, ha tempo di mirare e colpire (in genere da tre punti).

    RispondiElimina
  158. Sky, canale 204, danno una partita di oggi pomeriggio, quasi quasi la riguardo.

    RispondiElimina
  159. Rossi è stato senz'altro decisivo, Lud, e ha riscattato un primo tempo da sacchetto per il vomito: non è facile passare dal 4 al 7, battendo un rigore, segnando un gol che segno anch'io oggi come sono e compiendo però un'autentica prodezza con l'ausilio, variamente quantificabile (sennò fai come Jordan, che gli assegna 6,5), di Buffon. Cosa pensate del terzo gol del Toro, piuttosto? Difetto di scuola, come Galli anche ieri opina per gli errori di Neto (se mai quest'ultimo ne ha fatti in carriera, sia chiaro)? O conclusione imparabile? Foco, la qualità della partecipazione al gioco di Tevez è stata incomparabile con quella di Rossi: la nostra difesa non gli ha concesso quel che ha concesso a Pogba e che la sua ha concesso ai nostri e però non ha compiuto in effetti la prodezza che ha compiuto Rossi per il pareggio e Neto non gli ha dato una mano come Buffon l'ha data invece a Rossi. Il mio voto a Tevez è 6,5.

    RispondiElimina
  160. Mi permetto di affermare che tu non avresti segnato il goal di Rossi, Blimp, non è la classica palla da spingere in rete, c'è uno scatto e un anticipo prima di tutto, una accelerazione alla Rossi, poi c'è un tiro improvviso e molto tagliato che rimbalza davanti al portiere.

    RispondiElimina
  161. Ma il Toro il suo portiere dove l'ha preso? Nelle sorprese degli ovetti Kinder?

    RispondiElimina
  162. Llorente non è attaccante da ripartenze, come ha fatto oggi la juve. È un centravanti che non può prescindere dai cross, se lo lanci in velocità è inutile. Il problema (loro) è che la juve non è più squadra che impone il gioco.

    RispondiElimina
  163. Permettiti, Lud, permettiti, tu hai il senso dell'iperbole come quello del gioco del pallone.

    RispondiElimina
  164. Quasi Prandelli, Foco... ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  165. Ho capito che si trattava di una iperbole ma di solito si applica a goal molto facili, quello non era un goal facile.

    RispondiElimina
  166. Sì, Lud, lo era perché se in una prateria in superiorità, con Cuadrado che gli fa tutto il lavoro, un Rossi non lo fa c'è di che preoccuparsi.

    RispondiElimina
  167. Diciamo che fa un gol facile con molta classe

    RispondiElimina
  168. E' vero, Foco, con molta classe e l'uomo di classe si vede anche quando si aggiusta il cappello.

    RispondiElimina
  169. Esatto, li ricordo benissimo quei tre gol uno dietro l'altro in quel derby di tanti anni fa. Credo che da allora la Juve non abbia più subito una cosa simile... sino ad oggi!!!

    RispondiElimina
  170. Chiarificatore20 ottobre 2013 23:43

    Buonanotte.

    RispondiElimina
  171. Facile forse, ma se si parla del terzo goal segue benissimo l'azione e segna con freddezza, oggi tutti bravi a sfruttare le occasioni capitate, anche Joaquin segna facile, ma segna e non si mangia l'occasione.

    RispondiElimina
  172. Bacconi: «Neto sbaglia i tempi dell'uscita e mette in difficoltà Cuadrado». Uuuuuuuuhhhhhhhhmmmmmmmmm, temo che il 7 che gli ho assegnato non lo prenderà mica da tutti, il Nipote, fuor da Firenze... Temo che il 100% di responsabilità per Cuadrado fuori dalla caverna platonica non faccia l'unanimità... Temo che il mio 15% di responsabilità per Neto a qualcuno risulti un'enormità per difetto... ahahahahahahahahahahahahahahah! Altrimenti trovo interessante la sintonia, ancora una volta, fra Lud e Mondo: la Juve si è gettata scriteriatamente in avanti sul 2 a 2. Da considerare, da considerare. E splendida analisi tecnica del Mondo sul gesto di Cuadrado, da me più volte sottolineato, in occasione del quarto gol: il colombiano velluta d'esterno per far avere il pallone a Pepito sul suo piede, il mancino, opera di rara lucidità in un'azione in corsa forsennata. Forse, col mio 5,5, sono stato un pizzico ingeneroso, accentuando l'errore in occasione del gol di Pogba e non premiando a sufficienza la grandiosa azione con assist nel quarto gol. A proposito di azioni-chiave...

    RispondiElimina
  173. Sicuramente ha ragione Mondo: uno dei fattori della nostra vittoria è stata la reazione di orgoglio della Juve che raggiunta dal 2-0 non c'è stata e ha pensato di riprendere in mano la partita come certe volte fa anche la Fiorentina di Montella. La squadra bianconera ha perso equilibrio e si è esposta a micidiali ripartenze nostre. Noi siamo stati bravi a non mangiarci nemmeno una delle occasioni capitate. Sembra facile ma non lo è, nessuna palla fuori di poco o sbucciata, tutti i palloni dentro.

    RispondiElimina
  174. Tra le cose migliori della partita secondo me:

    Neto. Giudicato fragile psicologicamente, tiene aperto lo spiraglio da cui passa la vittoria grazie alla tranquillità e alla concentrazione. È l'anticorpo che impedisce alla ferita di infettarsi.

    Roncaglia. Non so se ci avete fatto caso ma oggi non ha mai sorriso ad arbitro e avversari. Ritrova la faccia da Charles Bronson in tempo per la partita giusta, l'Apache sente puzza di antichi conflitti tribali e gira a largo. Pulito anche negli appoggi oltre che negli anticipi. Ritrovare il Facundo della prima fase dello scorso campionato sarebbe come riavere Gomez.

    Rossi. C'è una qualità che lo rende un campione, ed è una qualità morale, non tecnica. Giuseppe Rossi è un campione perché possiede la calma dei campioni. Dopo un'ora senza un pallone giocabile, con la squadra sotto e gli avversari sempre soverchianti, altri si sarebbero fatti prendere dallo sconforto, dai nervi. Altri avrebbero litigato, accusato i compagni, si sarebbero prodotti in isterismi. Altri non avrebbero segnato perché avrebbero già smesso di crederci e quindi di giocare. Peppe no, Peppe è un campione.

    Pizarro/ Borja. Il Pek ricomincia a piroettare quando la partita sembra andata. Con la sua solita finta non perde mai un pallone e ricomincia il suo fraseggiare come se si fosse sullo 0 a 0. Borja dal canto suo ricomincia a tessere calcio e a rincorrere. Intendiamoci, non sono cose che portano ai gol, ma sono cose importanti che impediscono alla squadra di perdere del tutto la testa, che evitano il ricorso al lancione sistematico dalla difesa e , quindi, andare incontro ad una sconfitta sicura.

    RispondiElimina
  175. Anche dare l'insufficienza fissa ad Ambrosini rappresenta un'unanimità del singolo eppure non serve la moviola per rendersene conto. Ragionare per partiti presi è giochino che porta da poche parti, anche a voler essere originali sortisce l'effetto contrario, uno qui dentro c'è già cascato, speriamo che non proliferino certe spigolature, uno basta e avanza.

    RispondiElimina
  176. Sul Pek e su Borja pure hai ragione, Foco: entrambi insufficienti nel primo tempo, entrambi senza lo smalto dei giorni migliori, attingono dalla loro classe e dal loro acume per assecondare verso la vittoria impossibile il match che non loro, certo, hanno schiodato direttamente. Anche in giornata non strepitosa, insomma, la classe alfine paga. Siamo sempre lì, la qualità la qualità la qualità: il resto è roba per Prandelli.

    RispondiElimina