.

.

sabato 12 ottobre 2013

Vicoli

I figli servono a capire anche i propri errori, nel confronto a volte spigoloso con Tommaso sulle metodologie di studio, mentre cercavo di insegnargli quali fossero le migliori ho capito che qualcosa di sostanziale invece sbagliavo. Quello che volevo far passare per un metodo di studio addirittura da tramandare, in realtà grazie allo spirito di osservazione di Tommaso si è dimostrato uno tra i peggiori, sicuramente uno dei meno efficaci, un po’ come l’ultimo periodo di Prandelli a Firenze, insomma, alla fine mi sono accorto di non poter insegnare niente riguardo a questo, e ho capito anche del perché di quei miei voti così bassi, è stato Tommaso che si è accorto del mio errore, altroché. Per i passaggi importanti usavo l’evidenziatore nero. Mentre per finire il discorso di ieri sul periodo di crisi che si abbatté su San Frediano quando le donne cominciarono a guardare alla futura sicurezza economica invece che a pensare ad un presente nel quale era sicuro solo che avrebbero perso la verginità, alla fine pensai di andare su quelle più brutte, diciamo come il secondo tempo della partita della Nazionale di ieri, pensando ingenuamente che avendo meno chance avrebbero accolto con gioia le attenzioni dei maschi rifiutati, e allora provai con la Gina, una ricciolina racchia dalle sopracciglia unite come quelle di Bergomi e dai capelli crespi come la stoppa, una ragazza che prima dell’avvento degli statali nell’immaginario collettivo femminile di San Frediano, da quanto era brutta anche le sue Polaroid non volevano uscire dalla macchina, insomma, per dire che anche una brutta come lei si prese gioco di me perché puntava tutto su un bidello ancora zitello dell’Istituto d’Arte, mi disse vieni a casa mia che non c’è nessuno, andai e non c’era veramente nessuno. Fu un periodo brutto, ci fu la carestia sessuale per le strade del quartiere, si sfiorò l’accattonaggio quando il Salucci chiese a una suora un po’ di comprensione e lei per tutta risposta gli diede una labbrata, mi ricordo che dalla disperazione feci l’abbonamento all’Ataf in modo da prendere l’11 che era sempre così affollato che non solo anche l’autista stava in piedi, ma potevo strusciarmi e fare la mano morta. Presi molte più labbrate del Salucci. Per tornare alla Fiorentina, invece, devo chiedere scusa a tutti coloro che ho preso ingiustamente in giro non capendo perché ce l’avessero tanto con i Della Valle, oggi grazie a un mio cugino di Sant’Elpidio a Mare ho capito la vera natura dei fratelli marchigiani, quella sua terribile esperienza vissuta in una delle loro fabbriche mi ha aperto finalmente gli occhi. Mi ha raccontato che i Della Valle non appena hanno la sensazione che in fabbrica ci sia un po’ di disordine, quando vedono che si profila uno sciopero, prendono i loro yacht e se ne vanno in crociera, uno alle Bahamas e l’altro alle Mauritius, questi sono i loro tanti impegni, quelli per intendersi che poi non gli consentono di assistere agli allenamenti o a portarci in serie B come ha fatto Zamparini che invece è sempre sul pezzo. I Della Valle in questi viaggi non vanno da soli, no, si portano con loro anche un po’ di operai, uno di questi è stato appunto mio cugino, ma mentre io sapevo che erano viaggi premio, lui mi ha assicurato che erano lì come ostaggi. Oggi vorrei chiudere con una considerazione di carattere geneticometropolitano, vorrei sottolineare cioè quella capacità tipica Diladdarno di trovare sempre una soluzione a tutto, in poche parole di cavarsela comunque pur avendo un’intelligenza poco al di sotto del livello dell’Arno. Un’affermazione che potrebbe sembrare anche una contraddizione, ma che invece è una reale dote sviluppata proprio grazie alla particolare genetica urbana che ci contraddistingue, ovvero un’ estensione mentale della capacità di riuscire a posteggiare la macchina in strade e vicoli molto stretti. Lo so che sembrerà strano a chi è cresciuto sui viali, ma la necessità di doversi confrontare con il disagio dovuto a una conformazione stradale svantaggiata ha di fatto aiutato noi abitanti di San Frediano a supplire ad una sostanziale mancanza d’intelligenza presente invece in altri quartieri della città. Non esiste nella storia di San Frediano che ci sia stato un solo nativo ad aver frequentato il liceo classico se non per andare a cambiare un vetro, comunque alla fine pur avendo un cervello molto piccolo, quando due nostri pensieri si incontrano riusciamo con quella capacità di fare manovra nello stretto a farli defluire senza ingorghi. Anche quando partono dal cuore.

170 commenti:

  1. Chiarificatore12 ottobre 2013 08:44

    Non me ne frega un cazzo di quello che dicono i giornali e persino il troppo umile Aquilani, per me il gol di Aquilani non è fortuito, e lo dico analizzando i fatti.
    Intanto confermo a Deyna che il gol è di Aquilani non tanto semplicemente perché Aquilani fosse al posto giusto, ma perché la sua deviazione è decisiva in quanto il tiro-cross di Osvaldo andava abbondantemente fuori.
    Detto ciò io non considero il gol fortunoso perché è frutto della logica, e della precisa volontà dei protagonisti:


    A) Perché sta nella logica del tiro-cross e nella volontà di chi lo effettua cercare o il gol o deviazioni;


    B) Perché che Aquilani fosse lì non è casuale anzi nella norma del suo gioco;


    C) Perché Aquilani non solo nello svolgimento dell'azione ma anche nel gol non è soggetto passivo, anzi fa un movimento istintivo teso a non ostacolare ma al contrario condizionare, direttamente o indirettamente, in qualche modo la traiettoria del pallone, cosa che avviene efficacemente.


    Tutte cose, ai punti A B C, che se il gol lo avesse segnato, che so, Balotelli, sarebbero state ampiamente riconosciute.

    p.s. svegliatevi, da tutti i punti di vista, e fate la cosa giusta, da oggi parte la campagna del primo cittadino di Firenze prossimo primo cittadino del PD e poi anche d'Italia.
    Votate Renzi, l'Italia.......#cambiaverso

    RispondiElimina
  2. Buona giornata a tutti... si parla insistentemente di Criscito, un giocatore che a me è sempre piaciuto. Lo so che non è certo un Maldini, ma come terzino sinistro in una difesa schierata a 4 è comunque buono, volendo può agire anche come esterno si centrocampo con la difesa schierata a 3. In fase di spinta, anche se non eccezionale, fa il suo ed è capace a crossare, in fase difensiva è decisamente meglio di Pasqual ed Alonso.

    RispondiElimina
  3. Denota la fiducia che hanno in Alonso e Vargas.

    RispondiElimina
  4. Mah, rotto e mai stato granché. Difensivamente...si difende, ma in dase di spinta è piuttosto elementare e non mi pare crossi bene. Costa inoltre uno stonfo, anche se abbassano un po' il prezzo.

    RispondiElimina
  5. Non ho più rivisto, se il tiro di Osvaldo finiva fuori certo, il gol è di Aquilani. Ma:


    (A) Quello di Osvaldo, da lì, non è un tiro cross, ma mirava palesemente a tirare all'angolo, e quella era l'unica volontà dell'argentino, altrimenti tutti i tiri dal limite sono tiri cross


    (B) Che Aquilani abbia o no l'abitudine di entrare in area cambia nulla, conta la singola azione, e in quella lui si voleva scansare e lasciar passare il pallone che riteneva diretto in porta, non deviarlo lui in rete


    (C) Non c'è giocatore al mondo che voglia volontariamente ostacolare un tiro di un compagno...Aquilani non vuole condizionare la traiettoria del pallone, vuole togliersi da essa, è evidente dal movimento con cui cerca di tirarsi indietro.


    PS: Renzi il sindaco fantasma? Per l'italia, non dico dalla padella nella brace, ma non certo un passo avanti.

    RispondiElimina
  6. Sopra, la Colombia ha fatto una pessima partita. Inesistente nel primo tempo, il secondo seguiva la stessa falsariga - a parte una ovvia, maggiore pressione - è stato l'arbitro ad indirizzarla. Prima ha evitato di espellere Cuadrado [stranamente nervoso] per doppia ammonizione, poi Yepes per rosso diretto [calcione all'avversario a palla già passata]; poi espelle Carmona per una fiscalissima doppia ammonizione; poi dà un rigore inesistente [il secondo c'era, invece] alla Colombia. Che, vista bene, ha rivelato dei limiti che mi fanno rivalutare il suo futuro nel Mondiale. Soprattutto nella fase difensiva, non è molto all'altezza, mentre per centrocampisti e attaccanti penso sia stata solo una giornata storta. In scioltezza l'Argentina [rimaneggiata] sul Perù, Vargas non malaccio, ma per ora non ha più lo spunto che gli faceva saltare gli avversari. Non concordo con Leo, non la vedo una squadra in declino, ma ha giocatori nel pieno della carriera. Dal centrocampo in su è senza dubbio la più forte squadra del mondo [Messi, Aguero e Higuain, con Tevez possibile co-titolare, e Di Maria a partire da dietro e lanciarsi negli spazi, protetti da Mascherano e Banega/Gago], è la difesa che è appena normale ad alti livelli.

    RispondiElimina
  7. Non mi riesce mai di vederlo per bene, ha giocato forte?

    RispondiElimina
  8. Lo posto, a qualcuno potrebbe interessare per rivedere Highlights dei gol o partite intere: livefootballvideo.com

    RispondiElimina
  9. Per me Aquilani si scansa e poi ci ripensa e fa bene. Encomio per l'infiltrazione in sé, naturalmente.

    RispondiElimina
  10. Sull'1-1 mi ero addormentato e mi sono risvegliato che intervistavano Aquilani, quindi non mi sono espresso finchè non ho visto (e rivisto) il replay su gentile indicazione del Gonfia. Mi sembra di poter dire 1) il tiro di Osvaldo (era indubbiamente un tiro non un cross) sarebbe finito fuori, quindi benedetta la deviazione di Aquilani ed il goal è indubbiamente suo. 2) Non mi sembra che cerchi di scansarsi e poi ci ripensi, ma che rallenti perchè rischiava di essere sopra palla e di respingere invece di deviare. La deviazione finale finale poi mi sembra volontaria e non casuale. 3) son d'accordo che, se l'avesse fatto Balotelli, nessuno dei media nazionali avrebbe nemmeno adombrato il dubbio della casualità fortuita e fortunata. A Montolivo non poteva capitare perchè quei tagli in verticale in area non sono nei suoi neuroni. 4) l'articolo di fiorentinanews in proposito è da cartellino rosso.

    RispondiElimina
  11. Altra nota per i gol subiti. Credevo che quelle marcature aeree riuscissero solo ai nostri, invece anche i difensori azzurri son messi bene. A non saltare sull'unico di loro che salta c'è sempre quello che salta peggio, Balzaretti, che di testa riesce a dimostrare di valere forse anche meno di Pasqual (che è quasi un'impossible mission). Pasqual che ha avuto un bel culo a non giocare, se l'avesse fatto e si fosse trovato nelle stesse circostanze avrebbe probabilmente fatto la stessa figura, solo che lui l'avrebbero massacrato e sarebbe stata la pietra tombale sulla sua esperienza azzurra.

    RispondiElimina
  12. Sì, Jordan, mi sono male espresso, concordo con la 2) del tuo post: è un movimento composito, non sono due movimenti in successione, è un pensiero unico istintivo, ma di un istinto di chi possieda coordinazione, capacità di torsione e bilanciamento sulle gambe da segmento A Mercedes Cartier.

    RispondiElimina
  13. Grazie Gonfia, lo avevo usato in passato, ma avevo perso l'indirizzo

    RispondiElimina
  14. Proprio così, sarei più per la prodezza che per la fortuna.

    RispondiElimina
  15. Ho rivisto il gol col link del Gonfia, ci sono due inquadrature diverse che non avevo visto con la sintesi di ieri. Il dubbio ce l'ho solo sull'ultimissima intenzione, cioè se smetta di farsi da parte perché non ne ha più tempo e spazio, o se perché si è accorto in un millesimo di frazione di secondo che il tiro sarebbe finito fuori, e si lascia rimbalzare il pallone addosso per metterlo in rete. Anche volendo però a quel punto e in quei tempi [cfr. i tempi di reazione dei portieri nelle capillari disquisizioni di Jordan] non sarebbe stato più possibile scansarsi oltre. Qualunque fosse l'intenzione finale, insomma, non trovo certo uno scandalo parlare di gol fortuito, perché quando un tiro ti sbatte addosso senza che tu prenda parte attiva a deviarlo in rete, lo è...Del resto, lo ha ammesso Aquilani stesso, e come bisogna dar credito a Montella quando dice qualcosa, lo stesso vale per il romano, che non si vede che interesse abbia a sminuirsi.

    RispondiElimina
  16. Oggi faccio l'archivista: http://www.legaseriea.it/it/serie-a-tim/campionato-classifica/criteri-assegnazione-gol

    RispondiElimina
  17. Piuttosto, intuisco dalla sintesi una grande prestazione di Ranocchia: il più forte nel gioco aereo, non sta su Bendter sul primo gol, e sul secondo se ne esce fuori area a contrastare un avversario, che se lo beve di netto e da il la al secondo gol...

    RispondiElimina
  18. Il caso di Aquilani rientra nella voce 2-A

    RispondiElimina
  19. Deyna, se avessi segnato un gol così anch'io avrei parlato nei termini di Aquilani, chiunque avrebbe parlato in quei termini: non ci si vanta di gol in quella maniera, perché lo stesso attore non ha piena coscienza di quel che ha fatto e perché ciò che è fatto per istinto tendiamo a deprezzarlo. Ma per portare a esecuzione ciò che l'istinto comanda, spesso ci vogliono mezzi che non tutti hanno.

    RispondiElimina
  20. Io mi ricordo ancora nitidamente di tutti i gol che ho segnato da ragazzo, 3/4 del genere me ne son capitati, e sai benissimo se in quel momento hai avuto l'intenzione di buttarla dentro, anche facendoti sbattere la palla sul petto o altrove, o se ti volevi scansare, o se dormivi e ti ha colpito ed è entrata...Ora non facciamo passare il gol di Aquilani per una prodezza, suvvia, o si scade nel ridicolo. Che lo faccia Aquilani, Osvaldo, Aguero o Messi, sempre botta di culo è, che sia o no volontaria.

    RispondiElimina
  21. Chiarificatore12 ottobre 2013 11:12

    Per me è un tiro cross quello di Osvaldo, anche se non cambia nulla, perché nei fatti si è rivelato un cross..
    Che Aquilani fosse in area, e non casualmente, cambia molto a qualificare la episodicità-casualità o meno dell'azione.
    Aquilani fa il movimento, e questo conta a determinare indiscutibilmente il suo ruolo non passivo.
    p.s. Che tipo di Sindaco sia Renzi lascialo dire ai fiorentini, quanto al resto cosa vuoi che ti dica, tieniti Bersani, ma tienitelo lì.

    RispondiElimina
  22. Accetto di scadere nel ridicolo, Deyna, poiché non muto opinione dal mio ultimo post sulle radici della dichiarazione di Aquilani e ritengo altresì che i mezzi straordinari illuminino sovente l'istinto.

    RispondiElimina
  23. Chiarificatore12 ottobre 2013 11:22

    Sbaglierò ma per me è un tiro cross quello di Osvaldo, in ogni caso non cambia nulla, perché nei fatti, anche se fosse stato solo un tiro, si è rivelato un cross.
    Che Aquilani fosse in area, e non casualmente, cambia molto a qualificare la episodicità-casualità o meno dell'azione e i suoi meriti sul gol.
    Aquilani, vista la palla in arrivo, fa il movimento, in modo evidente,e questo conta a determinare indiscutibilmente il suo ruolo non passivo nella deviazione decisiva.
    Aquilani non vuole mentire è solo troppo umile, fino a giudicar male il suo ruolo decisivo e non passivo nel gol.
    p.s. Che tipo di Sindaco sia Renzi lascialo dire ai fiorentini, caro Deyna, quanto al resto cosa vuoi che ti dica, tieniti Bersani, ma tienitelo lì, eh eh eh.

    RispondiElimina
  24. A mio modesto parere, sono tutt'altro che dirimenti i punti A e B. E' anche difficile capire se il tiro di Osvaldo fosse indirizzato fuori e non ho mai visto una soluzione tecnologica in questi casi (non ho Sky). Per la 'partecipazione attiva al gioco' ... mah! Certo che l'hanno complicata abbono quelli dell'UCAS, ed il risultato è, come anche nel caso De Silvestri-Gabbiadini, che ci sono spesso pareri divergenti!

    RispondiElimina
  25. E' indubbio che lo facciano, ma per me non in questo caso.

    RispondiElimina
  26. Sul gol di Aquilani lascio, perché non avrei altro da aggiungere.
    Su Renzi sento sempre più fiorentini delusi, che criticano la sua ormai lunga sparizione dalla gestione e risoluzione dei problemi della città, com'era naturale che fosse per uno che parte in campagna carrieristica nazionale anni prima di aver terminato il mandato da sindaco. Fosse solo per questo, non è persona seria e affidabile.

    RispondiElimina
  27. Chiarificatore12 ottobre 2013 11:35

    Fiorentini che criticano il loro Sindaco con argomentazioni le più diverse, più o meno credibili, più o meno strumentali, ed anche in contrasto tra loro, ne troverai certo, Deyna, il punto è che la popolarità di Renzi, la sua credibilità, la sua affidabilità, il suo prestigio di Sindaco, a Firenze già grandi, come dimostrarono le elezioni, sono non solo intatte, ma risultano in ascesa sia a Firenze che in Italia.

    RispondiElimina
  28. La popolarità di Renzi è sicuramente forte, ma grazie a un furbo [e non c'è nulla di male, qui] marketing mediatico e allo sfruttamento della sua tribuna di sindaco di Firenze, non certo perché abbia svolto meglio di altri quel ruolo. Politicamente, sarà il colpo finale a quel poco che resta di sinistra nella "sinistra", purtroppo non c'è alternativa credibile, quindi Renzi sarà.

    RispondiElimina
  29. O Deyna ma a uno che viene in corsa in quel modo che il tiro finisca dentro o fuori gli può interessare poco. Dalla seconda inquadratura di Gonfia mi appare abbastanza probabile che sarebbe finito fuori. Uno entra e vuole sbatterla dentro, solo che si trova "sopra-palla" come ho detto e rischia di respingerla invece che deviarla (rischia che gli batta nel culo, in altre parole) ed il gesto, istintivo, è di rallentare e di girarsi per poterla deviare in porta, il che succede. Se aveva tirato Aquilani e deviato Osvaldo magari eri qui a dirci il contrario (eh, eh, eh).

    RispondiElimina
  30. No, per questo tipo di gol parlo sempre di culo [certo bisogna esserci, la fortuna aiuta chi osa, ecc ecc] per chiunque, ho un certo pudore residuo, ahaha

    RispondiElimina
  31. Mi augurerei un Landini per raggruppare la "sinistra". Nel frattempo speriamo che Renzi ce la faccia, è l'unica freccia credibile a disposizione, dato l'"entusiasmo" che lo circonda anche se Letta cresce in popolarità ma non credo sia candidato alla guida del partito. Se non cambia la legge elettorale la vedo comunque dura, perché sono pessimista sulle volontà segrete ma non troppo dei nostri compatrioti (!).

    RispondiElimina
  32. jordan, lo dico sottovoce, l'ho rivisto un paio di volte or ora al TG3. Aquilani ha fatto un estensione all'indietro con gambe quindi diritte per non interferire sulla traiettoria del pallone, che lo colpisce sul ginocchio. L'intenzione dell'inserimento è quella di far gol e nell'occasione lo ha trovato fortunosamente. E ora buon appetito a tutti.

    RispondiElimina
  33. Non ero più stato dietro al mercato, mi era sfuggito che Orban se l'è preso il Bordeaux. Al Colonnello, che segue il calcio francese, il compito di relazionare.

    RispondiElimina
  34. Chiarificatore12 ottobre 2013 13:00

    Renzi è la nuova sinistra che cambia veramente le cose che vanno cambiate, poi c'è la vecchia sinistra conservatrice perdente cronica. Questo lo hanno capito soprattutto gli elettori di sinistra, e non solo loro, sia a Firenze che in Italia. Il buon marketing è solo una conseguenza, uno strumento. Se non hai contenuti convincenti il marketing non serve ad un cazzo.

    RispondiElimina
  35. Chiarificatore12 ottobre 2013 13:02

    Letta ha legato il suo ruolo alle larghe intese, gestite solo per durare, con troppo equilibrismo e timidezza, e timore di Renzi.

    RispondiElimina
  36. Chiarificatore12 ottobre 2013 13:06

    Quanto alla sinistra dura e pura, caro Gonfia, Vendola ha capito, al contrario degli ineffabili bolliti del PD che non vogliono togliere il disturbo, che Renzi è quello che fa vincere la sinistra e col quale può dialogare costruttivamente.

    RispondiElimina
  37. Chiarificatore12 ottobre 2013 13:08

    Sulla legge elettorale sono pienamente d'accordo con te,Gonfia, ed aggiungo che chi oggi non dice "prima cosa abolire il Porcellum" prende in giro gli italiani.

    RispondiElimina
  38. Non discuto Chiari, mi ero limitato a riportare i risultati di un recente sondaggio. Un anno fa ammisi di aver sbagliato a puntare su Bersani. Non penso più, d'ora in poi andrò nella direzione del vento (in attesa di Landini, eheh), come una banderuola.

    RispondiElimina
  39. Chiarificatore12 ottobre 2013 13:27

    Segui l'istinto ed il tuo buon senso Gonfia.

    RispondiElimina
  40. Buon marketing per contenuti - quelli che ci sono - non di sinistra. Può essere vincente, probabilmente lo sarà, ma non vincerà la sinistra. A che pro?

    RispondiElimina
  41. Chiarificatore12 ottobre 2013 14:05

    Ti ripeto Deyna è la sinistra del terzo millennio che vincerà con Renzi, quella dei bolliti che dirigono ora il PD è vecchia, conservatrice e perdente, e gli elettori italiani di sinistra, sostenendo a stragrande maggioranza Renzi, lo hanno capito benissimo.

    RispondiElimina
  42. Il gol di Aquilani per me è una prodezza di cui neppure lui è consapevole. Ma non me ne frega un cazzo perché dell'Italia pallonara non mi curo. Quant'è invecchiato il Giubba!

    RispondiElimina
  43. Chairificatore12 ottobre 2013 14:09

    I contenuti del programma di Renzi corrispondono ad una sinistra moderna ed effettivamente riformatrice, che evidentemente ti sfugge. .

    RispondiElimina
  44. Chiarificatore12 ottobre 2013 14:12

    Il suo gioco sta invecchiando ancora di più.

    RispondiElimina
  45. Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré Quattrotrettré

    RispondiElimina
  46. Forse dovevo segnare a terra un pentacolo fatto con sangue di centravanti tedesco...uhmm...

    RispondiElimina
  47. Temo che sfuggirà ai più, una volta all'opera

    RispondiElimina
  48. Di questi tempi, per disperazione, probabilmente voterebbero anche Craxi, ciò non è necessariamente un bene.

    RispondiElimina
  49. Clamoroso sul sito, non abbiamo ancora, in questo topic, un post dell'epigono del 4-3-3! Che si sia spenzolato troppo e sia caduto nel lago di Massaciuccoli?

    RispondiElimina
  50. Pare che il Mostro di Massaciuccoli sia emerso all'improvviso dal lago, spaventando a morte una famigliola che si stava facendo un giretto in canotto, gridando come un ossesso: "Gabbia! Gabbia! 4-3-3!"

    RispondiElimina
  51. Ma chi è Landini, Gonfia? E' Spartaco, quello di Terranova Bracciolini? o è il suocero di Chiarugi, quello che fa l'olio a Borgo S.Lorenzo?

    RispondiElimina
  52. Chiarificatore12 ottobre 2013 14:35

    Hai una brutta opinione degli elettori di sinistra Deyna, prima li vedi abbindolati dal marketing di Renzi, ora li vedi disperati. Ci sono altre offerte di sinistra in Italia, nel PD e fuori dal PD, non c'è solo Renzi. La maggioranza degli elettori di sinistra ha scelto e sta scegliendo Renzi con saggezza ed a ragion veduta.

    RispondiElimina
  53. Chiarificatore12 ottobre 2013 14:38

    Siete dei provocatori. Poi se scrive sul 4-3-3 lamentatevi.

    RispondiElimina
  54. Siamo in crisi d'astinenza da 4-3-3

    RispondiElimina
  55. Ahahah, dei Landini di Terranova conoscevo Fausto. Ci ho giocato contro da ragazzo, ha la mia età, a San Giovanni Valdarno. Era fortissimo, fisico alla Altobelli ma con i piedi ci sapeva fare, eccome. L'olio dei Landini non lo comprerò mai, ho altre fonti molto più attendibili. E' il Segretario Generale della FIOM, l'avrai visto qualche volta alla tv: prestante, voce stentorea ma, più che altro, dice cose "troppo" giuste in difesa, soprattutto, dei lavoratori.

    RispondiElimina
  56. Chiarificatore12 ottobre 2013 14:43

    Il sitone in sintonia con ruttosport ha sparato una bufala su Ilicic preso solo in prestito.

    RispondiElimina
  57. Non regge, Jordan, lui è un Ironman, nel vero senso sportivo della parola.

    RispondiElimina
  58. Due giorni senza leggere di boe, di moduli innovativi, di rombi e di palombi, vuoi vedere che è la volta buona che torna a scrivere Lele ?! Ieri ho avuto il piacere di conoscerlo personalmente, definirla persona squisita non rende merito, è di più, molto di più.

    RispondiElimina
  59. È affetto Chiari, è come un amico di quelli che non sopporti ma in fondo gli si vuol bene.
    E ora ricomincio:

    Ljajic Ljajic Ljajic LjajicLjajic Ljajic Ljajic LjajicLjajic Ljajic Ljajic LjajicLjajic Ljajic Ljajic LjajicLjajic Ljajic Ljajic LjajicLjajic Ljajic Ljajic LjajicLjajic Ljajic Ljajic LjajicLjajic Ljajic Ljajic LjajicLjajic Ljajic Ljajic LjajicLjajic Ljajic Ljajic Ljajic

    RispondiElimina
  60. Jordan, tu mi prendevi in giro. Non vale. Non sono malizioso, e me ne accorgo sempre dopo, ahahah.

    RispondiElimina
  61. Chiarificatore12 ottobre 2013 14:51

    Ai più non sta sfuggendo e non sfuggirà, perché lo sta annunciando da tempo in modo chiaro e forte il suo programma, sta sfuggendo a te.

    RispondiElimina
  62. Niente, provo con non plus ultra dell'evocazione satanico - zalleriana, quelli troppo anziani e deboli di cuore si astengano dal frequentare il blog un'oretta.

    RispondiElimina
  63. A proposito di Ljajic, in un'intervista ha detto che a Firenze ha giocato spesso centravanti. Ma Lud non se n'era accorto? Strano....

    RispondiElimina
  64. Chiarificatore12 ottobre 2013 14:53

    Sono anziano, purtroppo non ancora in pensione, ma il cuore è forte. Per me hai carta bianca.

    RispondiElimina
  65. Amore,
    ritorna,
    le colline sono in fiore
    ed io,
    amore,
    sto morendo di dolore.
    Amore,
    ritorna,
    non importa, non fa niente
    se tu
    non sei
    diventato più importante...
    Perché sei
    importante per me.

    RispondiElimina
  66. Foco, è allergico ai pollini! Lo vedi cos'hai combinato?

    RispondiElimina
  67. Tristezza e mestizia

    RispondiElimina
  68. Ordinate, però.

    RispondiElimina
  69. Però su Romy ci acchiappava uhuuuuuuuu

    RispondiElimina
  70. È che Jordan gli ha detto di tirare lo sciacquone e sparire. Non vorrei l'abbia preso alla lettera...

    RispondiElimina
  71. Ufficiale (fonte National Geografic): Lud ha iniziato il letargo.

    RispondiElimina
  72. Paccottiglia vegana: cuscus di kamut con cipolle, sedano, carote, zucchine, finocchi, fagiolini, melanzane, peperoni, ceci, piselli, prezzemolo. Aromi: peperoncino, cumino, coriandolo. Previsione per cena: linguine con alghe, gulash di seitan.

    RispondiElimina
  73. Mancano i carciofi, Antoine, che saranno la mia cena. Per rafforzare l'ego, ahahah!

    RispondiElimina
  74. Amici mi fa piacere avere più citazioni di Scarlett Johansson in un sito frequentato prevalentemente da uomini senza essere una bella fja. (Peccato che nessuna fanciulla intervenga nelle discussioni, pur essendo alcune presenti nella lista degli utenti). Giusto per rientrare nel personaggio dirò che in questi giorni si è consumata l'esclusione di Sinisa dai mondiali. E' un uomo distinto e dalla battuta pronta, il posto di commentare a Sky secondo me l'attende e sarà bravissimo nei duetti con Massimo Mauro. Il mestiere di allenatore non fa per lui e lo si vede anche dal fatto che in nazionale sono approdati Cerci e persino De silvestri, due giocatori che a Firenze sotto Mihajlovic apparivano assolutamente spaesati e rendevano meno del loro autentico valore. Prandelli non ha perso una volta in gare ufficiali esclusa la finale degli Europei. Dire che abbia fatto male sarebbe temerario. Purtroppo l'Italia ha abbondanza di talenti dalla metà campo in su, ottimi anche Candreva e Cerci contro la Danimarca, ma dalla cintola in giù è una squadra vecchia e in disarmo. Mancano gli esterni e i centrali di difesa e questa ipoteca pesa sul nostro Mondiale. Probabilmente influisce il fatto che tutti i maggiori club italiani hanno difese formate da stranieri, a cominciare dalla Fiorentina, che pure aveva una buona tradizione di difensori di scuola italiana, ma penso anche a Milan e Inter. Avrei voluto vedere Giuseppe Rossi in campo a Copenaghen e mi è dispiaciuto apprendere che non era neanche in panchina. Ragioni però di ranking Uefa in chiave Mondiale impedivano ancora una volta gli esperimenti, anche se siamo già qualificati. Spero che la coppia Rossi-Balotelli si possa vedere nella prossima partita, eventualmente nel famoso 4-3-3 con Candreva o Cerci a destra, o anche in 4-4-2 simile a quello viola con Gomez.

    RispondiElimina
  75. E ora, chi sarà il primo che si pente? Io disdico subito National Geografic, è attendibile quanto Fede, ahahahahah! Devo dire, per onestà, che stava piovendo e all'apparizione del post è uscita una spera di sole.....

    RispondiElimina
  76. Mi sento come Faust

    RispondiElimina
  77. Orrore onnivoro [suona bene] del giorno: zuppa di cipolle, pecorino di fossa con crauti, polenta e funghi dall'Ecuador [commestibili, non lisergici]. Yerba mate digestiva, a completamento.

    RispondiElimina
  78. Io spero invece che Rossi lo lasci stare, è già al limite, ci manca che si rompa seriamente lui e siamo a posto.

    RispondiElimina
  79. Chiarificatore12 ottobre 2013 15:44

    Sono d'accordo.

    RispondiElimina
  80. E quando appare dopo assenza prolungata è ancora più carico a pallettoni, non si limita a una minchiata ma a una stuola. Bravo Foco! eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  81. Magari una mezz'ora, credo lo meriti. Purtroppo il mondiale Rossi ce lo può anche far vincere ma la difesa italiana è forse la più debole che ricordi.

    RispondiElimina
  82. I funghi dell'Ecuador mi piacerebbe sapere specie e provenienza certificata. Occhio, dalla Cina arrivano certe sconcezze, ma certe sconcezze, morire non si muore ma porca miseria......da micologi amici ho saputo cose.......che ce ne sarebbe da raccontare. Alcuni sugli scaffali, secchi, sono al principio della scala allucinogena, molto leggeri nell'effetto ma proibiti da noi, per loro son come champignons. Ve li descrivo perché dal cinese non so tradurre e manco m'interessa. Si trovano in quei negozi etnici dove prodotti afro-orientali spopolano. Busta trasparente di plastica semi-dura, quella che fa tanto rumore ma si piega bene, non rigida, un adesivo tipo figurina in cui ti spiegano tutto e non ci si capisce un cazzo, cappello che va dal nero al violaceo scuro virando fino al verde scuro, lamelle gialle come il gambo che diventa bianco alla base. Sono funghi che in un ristorante di un centro commerciale o di un multisala non puoi cucinare, l'Asl ti spellerebbe vivo e il verbale lo farebbero dandoti pacche sulla nuca e frustate sulla schiena mentre se la ridono, ma che nei ristoranti trovi mischiati a carne e pesce (la famosa anatra nera, mai capito se deriva dalla conservazione o dalla razza) e che vendono a mani basse. Diffidate dalle imitazioni, se cinese vi va che sia in luogo dove i controlli non tengono conto della discriminazione razziale e territoriale, dove un tampone viene fatto senza curarsi del taglio degli occhi del proprietario o del colore della pelle; per strada potete, a vostro rischio e pericolo, io ho ripulito alcuni elettrodomestici provenienti da cucine cinesi, le blatte avevano eretto condomini nei meandri più disparati, hanno un concetto della pulizia come Lud del calcio.

    RispondiElimina
  83. Ora comprendo meglio i post di Leo. Sono scritti dopo scorpacciate di quei funghi.

    RispondiElimina
  84. Lud io sarò sotto effetto dei funghi ma quello che prendi tu non è sotto controllo Asl, su quegli scaffali non viene venduto.

    RispondiElimina
  85. Bellissima e non è un montaggio.

    RispondiElimina
  86. Deyna, mi sembra un pasto poi asfissiante.

    RispondiElimina
  87. www.youtube.com/watch?v=X0CoSXIMmTw

    RispondiElimina
  88. E' tornato, è tornato, divertimento assicurato. Vuole Rossi all'ala, 4-3-3 con Balotelli che ha la bua alla gambina e (dice) l'influenza. Se ieri che non c'era Balotelli il Pranda non l'ha messo nemmeno in panca, dubito giochi martedì, e meno male! Si riposi e si carichi per la Juve chi cazzo se ne frega dell'Armenia! I'Pranda imbattuto, se gli regge il culo arriva a Francoforte anche lui come quella che non aveva il biglietto in treno.

    RispondiElimina
  89. Foco, sono sempre o due o tre set a zero, mica lo sa lui.

    RispondiElimina
  90. Tu nella tua cameretta ogni sera vinci Wimbledon Leo. Capitava anche al ragionier Fantozzi.

    RispondiElimina
  91. Il cinese per fortuna non mi piace, e comunque non mi fido, come mi fido pochissimo dei negozi etnici improvvisati. I funghi che mangio sono questi, credo proprio sicuri, e sicuramente per me buoni:

    http://www.altromercato.it/flex/FixedPages/Common/cat.php/L/IT/art/art-00000116

    RispondiElimina
  92. Se ho una cosa buona, è che digerisco anche i sassi. Comunque mi modero sempre con le quantità...

    RispondiElimina
  93. Articolo di Stefano Borgi sotto dettatura, pistola alla tempia, sequestrato da Lud:

    http://www.firenzeviola.it/violazzurro/un-rimpianto-di-nome-osvaldo-143733

    RispondiElimina
  94. Chiarificatore12 ottobre 2013 18:53

    Osvaldo e Maggio, sono stati, secondo me, i due più gravi ed imperdonabili errori di sottovalutazione di Prandelli a Firenze. Li ha solo lui sulla coscienza. Due ragazzi, tra l'altro, che sarebbero rimasti molto volentieri anche senza giocare subito da titolari. Con Osvaldo ci fu un problema di insofferenza caratteriale ( peccato che ora in nazionale Prandelli accetti tutto) con Maggio si trattò solo di gravissima ed ingiustificata sottovalutazione.

    RispondiElimina
  95. Credo che le mie teorie non siano così campate in aria in effetti. Resta da capire chi ne fossero gli interpreti ideali. Considerando che i due esterni dovevano essere sicuramente Ljajic e Cuadrado, restava da assegnare il posto di centravanti. La prima mossa è stata l'acquisto di Rossi, straordinario giocatore ma forse non ideale come falso nove, pur essendo molto duttile. Poi è arrivato Gomez. A questo punto capisco come mai la Fiorentina abbia fatto molti sondaggi per Ramirez del Bologna. Forse al centro ci poteva stare un giocatore come lui. Sono discorsi, ipotesi che, chiarisco, non debbono essere viste in alternativa.

    RispondiElimina
  96. Questo è un altro della banda di quelli che di calcio ne capiscono per sentito dire. Tra l'altro è un prandellomane ed ora ha i rimpianti per Osvaldo? Ma chi l'ha fatto andar via Osvaldo? Sinisa forse? Perchè non si è ripreso a giugno? Perchè non era facile farselo dare, perchè costava, anche d'ingaggio, un botto (e non aveva gli sponsor di Gomez), perchè quelli come Osvaldo, un po' irrequieti, a Montella non è che sfagiolino poi tanto, infatti se li leva piano piano di torno, perchè poi si è preso Gomez che, almeno sulla carta, dà molto più affidamento di Osvaldo nel lungo periodo. Se poi si è rotto un ginocchio dopo due partite non è colpa di nessuno se non del malefico Eupalla.

    RispondiElimina
  97. «Sicuramente» Ljajic e sicuramente «esterno». Né l'avverbio né l'aggettivo sostantivato rispondono tuttavia a una res. Circa l'avverbio, si avrebbe anzi voglia di rimandare a certe critiche di Marx ai «Lineamenti di filosofia del diritto» di Hegel, opera in cui quest'ultimo spacciava conseguenze pseudologiche appoggiate soltanto a un uso truffaldino di congiunzioni e di avverbi autoaccreditanti.

    RispondiElimina
  98. Ramirez lo cercavano per cautelarsi dalla probabile dipartita di Jovetic, prima che il momtenegrino fosse impiegato come centravanti, quando ancora Montella nemmeno c'era, ma che cazzo dici?

    RispondiElimina
  99. Osvaldo era caro come richiesta e come ingaggio ed aveva un carattere diffcile. Tutto vero ed infatti proprio per questi motivi non piaceva neanche a me, come non mi piaceva Gomez perchè altrettanto caro, meno giovane e di difficile collocazione tattica nel gioco viola. Peraltro sul piano della professionalità nessun rimprovero a Gomez. Se mai a preoccupare è la sua richiesta implicita di essere titolare.

    RispondiElimina
  100. Colonnello è fissato che Ljajic è un esterno o cosa vuoi fargli? Lo ha letto da qualche parte e ci crede. Le partite o non le vede o non le capisce, quello che capisce è che è Vangelo ciò che dice lui e deve diventare per forza verità solo perchè l'ha detto lui. Lascialo perdere. Quando non c'è se ne sente la mancanza perchè non si sa più di cosa ridere.

    RispondiElimina
  101. Questa analisi viene da un blog romanista ed è la prima che ho trovato, ne troverai a iosa, Blimp, digitando, tra virgolette: "Ljajic" "esterno sinistro" "Roma":
    Con Mattia Destro ancora fuori dai campi da gioco e con un'altra prima punta che deve ancora essere acquistata, il tecnico giallorosso potrebbe dunque optare per un tridente composto dal serbo come esterno sinistro, Francesco Totti al centro, ruolo che il capitano giallorosso ha dimostrato di poter ricoprire alla perfezione, e Gervinho sul lato destro, la posizione in cui l'attaccante ivoriano si trova maggiormente a suo agio, come testimoniano i numeri in Premier League.

    RispondiElimina
  102. Ramirez era il più simile appunto a Jovetic.

    RispondiElimina
  103. Una buona notizia: hanno squalificato Cuadrado in Nazionale, per cui non potrà giocare contro il Paraguay e tornerà subito a Firenze.

    RispondiElimina
  104. E chi se ne frega di un blog romanista? Avessi detto il vangelo secondo Giovanni! Ormai la rinuncia al cerebro non è neanche più in favore della rosea o di Ruttosport, adesso peschi surrogati di circonvoluzioni nei blog giallozozzi. E questo varrebbe, in equazione, un «sicuramente». Magari anche due.

    RispondiElimina
  105. Ramirez centravanti, io cardinale, Platinette bona.

    RispondiElimina
  106. Gomez è un centravanti di livello internazionale che ha fatto 75 gol in 115 partite negli ultimi quattro anni al Bayern, non nel Rapid Peretola, uno che ti assicura una ventina di goal a campionato. Dire che non si adatta al gioco di Montella vuol dire bestemmiare calcio, non capirci un cazzo. Definirlo centravanti boa vuol dire non averlo mai visto giocare. L'unica cosa che è vera è che, avendo lui e Pepito, bisogna giocare con due punte centrali quando tutti e due possono stare in campo, il che peraltro non è molto diverso da quel che succedeva l'anno scorso con Jovetic-Toni ed anche con Jovetic-Ljajic. Il serbetto NON è un esterno, perchè sulle fasce non ci sta nemmeno legato, è un trequartista che ha imparato di recente (prima non li aveva) i movimenti di seconda punta e con quelli ha aumentato il suo score di segnature. Chi fa paragoni tra la Fiorentina di quest'anno e quella dell'anno scorso paragona il noto con l'ignoto perchè quella di quest'anno non si è vista quasi mai, se son mancati, quasi sempre, 30 milioni di campagna acquisti! (Gomez ed Ilicic). ed anche Cuadrado, altro elemento fondamentale, ha giocato a singhiozzo.

    RispondiElimina
  107. Non sarebbe normale se fosse condiviso e così non è. Ad esempio, «sicuramente» (ma stavolta pour de bon) sul sitollock il solo a fantasticarlo esterno sei tu. Vai a capire perché.

    RispondiElimina
  108. Certo, un trequartista è qualcosa di molto simile ad una seconda punta. Tu i ruoli li peschi alla tombola, tiri su un numerino e ti ci mettono il fagiolo sulla cartella. Ramirez seconda punta!!!!
    P.S.: Il giorno che ne indovini mezza deve ancora arrivare, tu aspetta, abbi fiducia.

    RispondiElimina
  109. Beh, d'altronde aveva pensato ad un tridente con Ljajic centrale dell'attacco e Rossi esterno. Non sapendo quali sono i compiti di un esterno è logico che non considera sballata la visione. Quando capirà movimenti e ruoli, forse, un forse grande come una casa, la smetterà di farci rotolare in terra dalle risate.

    RispondiElimina
  110. Dove tu abbia letto "Ramirez seconda punta" lo sai solo te.

    RispondiElimina
  111. Sei tu che lo hai paragonato a Jovetic non io, a meno che Jovetic non lo consideri trequartista.


    O portiere.....

    RispondiElimina
  112. Quello che hai appena descritto è ciò che fa una seconda punta, quello che era Ljajic a firenze, appunto. Il 4-3-3 prevede invece due attaccanti di fascia che giocano larghi, come le vecchie ali, ma ci giocano ora non quarant'anni fa. Se un esterno gioca per linee centrali non è un esterno se no ci si piglia per il culo. Ribery è un esterno, Robben è un esterno, Di Maria è un esterno, Gervinho e Florenzi sono esterni, Candreva adesso gioca da esterno in nazionale. Ljajic da esterno ci ha giocato poco, all'inizio, con Prandelli che gli faceva i berci se si accentrava, ma non ci voleva stare e con Montella mai c'è stato sulla fascia, ha sempre fatto il trequartista-seconda punta e se questo uccide le tua manie sulla panacea del 4-3-3 a Firenze l'anno scorso non so che farci.

    RispondiElimina
  113. Il punto è che oggi questo tipo di giocatore viene definito "esterno" rispetto al 4-3-3, ogni termine è una convenzione.

    RispondiElimina
  114. Poi, di mio penserei che Boruc gioca in porta, Ramirez a centrocampo o sulla trequarti campo e Osvaldo in attacco, ma io sono antico.

    RispondiElimina
  115. Anch'io, infatti dico lo stesso che dici tu. Ma di Ramirez centravanti mica ne ho parlato io.

    RispondiElimina
  116. Vero Anto, a che servono le terminologie sui ruoli, chi cazzo se ne frega di quelli che sono i movimenti e i compiti in campo, e tralasciamo pure le giocate, quello che contano sono i moduli, fissi, alcuni vincenti e innovativi, altri problematici e privi di risoluzioni. Per non parlare degli allenatori che mentono a tantissime interviste in cui dicono di volere un centravanti, glielo comprano e gli distruggono l'impianto di gioco. Sui DS e i DG manco mi soffermo, allocano le risorse come cavolo gli pare, dando retta alla proprietà, scialacquando denari e indebolire le rose. Disastri si sommano a disastri.

    RispondiElimina
  117. Come faceva Mutu, quindi, che infatti non era un esterno.

    RispondiElimina
  118. Tu invece sei moderno infatti fai un casino che mezzo basta.

    RispondiElimina
  119. Ho già risposto, il termine oggi può designare un giocatore e un tipo di gioco diverso.

    RispondiElimina
  120. Paragona Ramirez a Jovetic e dopo questa cagata viene a parlare di vocabolari. Lo prende per il culo l'intero pianeta calcio e lui continua a discuterci per partito preso.

    RispondiElimina
  121. Io non so dove giochi Ramirez nei Saints, a Firenze era forse uno dei più adatti a giocare nel ruolo di Jovetic nel 4-3-3.

    RispondiElimina
  122. Potrebbe l'hai letto perché ti si appannano gli occhiali e vedi condizionali dove non ci sono. "Può giocare su entrambe le fasce" (scritto io). O impari a leggere o non rispondere più Lud, sei noiosetto.

    RispondiElimina
  123. il tecnico giallorosso potrebbe dunque optare per un tridente composto dal serbo come esterno sinistro, Francesco Totti al centro, ruolo che il capitano giallorosso ha dimostrato di poter ricoprire alla perfezione, e Gervinho sul lato destro, la posizione in cui l'attaccante ivoriano si trova maggiormente a suo agio, come testimoniano i numeri in Premier League.
    Così recita l'articolo che ho citato.

    RispondiElimina
  124. questo lo dici tu. Esterno è chi agisce prevalentemente sulle zone esterne del campo, qualcosa di molto vicino alla vecchia ala (esterno alto) o terzino (esterno basso), quando non debba fare entrambe le cose nel 3-5-2. Se gioca prevalentemente per linee centrali e partecipa soprattutto alla fase offensiva è una punta centrale se agisce prevalentemente davanti a contatto con gli stopperoni o seconda punta se gioca più largo in più ampia zona di campo. Chiamare esterno chi gioca nel mezzo è solo una cazzata estemporanea per non voler riconoscere di avere torto.

    RispondiElimina
  125. nel vocabolario zalleriano può esservi anche un portiere di punta ma lo capisci solo tu.

    RispondiElimina
  126. Lud, con questi accostamenti improbabilissimi tra gli esterni/trequartisti/centravanti Ljiajic, Jovetic, Ramirez, Gervinho e gli altri, ti sei perso in un labirinto logico inestricabile: spero non faccia freddo là fuori, perché potresti fare la fine di Jack Torrance.

    RispondiElimina
  127. Male, molto male, non voglio fare facile sarcasmo ma tu non sai dove gioca nessun giocatore di calcio di nessuna squadra, anche di quelle partite che guardi dove sempre hai lasciato risposte sospese e irrisolte e l'unica scappatoia è stata sempre nel ripetere stolidamente le tue allucinazioni come questo 4-3-3 che si è adottato per meno di un terzo del campionato. Jovetic con Ramirez c'incastra quanto il due di picche quando briscola è fiori.

    RispondiElimina
  128. Non ho paragonato Ramirez a Jovetic ma sottolineato che in un 4-3-3 come quello della Roma ad esempio o il nostro dello scorso anno può essere utile avere al centro un giocatore di alto tasso tecnico che possa interpretare al meglio il ruolo del falso nove.

    RispondiElimina
  129. Infatti Jovetic non voleva fare il centravanti nel tuo supposto 4-3-3, ma nemmeno nel 3-5-2 e tu ci vorresti mettere Ramirez che avrebbe gli stessi problemi. Per questo Montella ha VOLUTO Gomez.

    RispondiElimina
  130. Chiamiamolo Gaetano, invece che esterno, allora... Certo che non avrei mai creduto che il centro di una circonferenza fosse sulla circonferenza stessa... Foco, a li mortacci!!!!!! Deyna, e la Shelley Duvall chi sarebbe, la Provola?

    RispondiElimina
  131. E Montella vuole un nove VERO che gli faccia venti gol a campionato, te lo metti in quella zucca balorda? Il falso nueve è una fissazione tua. Di Totti ce n'è uno e tra poco non ci sarà più nemmeno quello.

    RispondiElimina
  132. Ma lui si perde ovunque appena sente la parola calcio. Non ha mai descritto niente di quello che è avvenuto sul campo, non ha mai saputo dare una risposta se non riportare virgolettati di altri, siano giornalisti, commentatori o ex-allenatori, un'idea sua non ce l'ha, una comprensione semplice del gioco gli sfugge peggio di un anguilla viva imburrata, non sa, non può, non è che non vuole. Senza basi non si va da nessuna parte, lui difetta su quelle ma si diverte a esser preso per i fondelli, o non se ne rende conto, cambia poco.

    RispondiElimina
  133. Ora non glielo dire se no diventa un esterno anche lui!

    RispondiElimina
  134. Ti ha risposto Jordan, Leo. Jovetic nel nostro 4-3-3 non era ne' centravanti classico ne' seconda punta. Che poi fosse la collocazione ideale per lui è da vedere. Come rendimento della squadra credo di si, ma Jovetic figurava meno e segnava meno.

    RispondiElimina
  135. No, come al solito, Jovetic il centravanti non voleva farlo, difatti finché Toni si è retto sulle gambe hanno segnato entrambi, quando è stato messo lui in quel ruolo ha smesso di vedere la porta. Da seconda punta Jojo è un mezzo fenomeno, quando non si rompe, da prima punta è una mezza pippa. S'è scritto fino alla noia, dev'essere un'analisi che ti sei perso o che non hai capito, surreale sarebbe il sorprendersi.

    RispondiElimina
  136. "Gervinho sul lato destro, la posizione in cui l'attaccante ivoriano si trova maggiormente a suo agio, come testimoniano i numeri in Premier League.!" Qui non ci sono condizionali, porti dei numeri a testimonianza di un'impiego ottimale. Sbagliato, i numeri dicono il contrario, un po' come la fascia, destra o sinistra per te cambia poco.

    RispondiElimina
  137. Foco c'è un qualcosa che annulli l'evocazione e ricacci il maligno la dove deve restare ?!

    RispondiElimina
  138. Mi sembra che si perdano gli altri. Il motivo è semplice: nella loro testa hanno in mente un altro calcio. In quel calcio, per intenderci, c'erano esterni che facevano un certo tipo di gioco, trequartisti e centravanti. Ora il calcio sta cambiando e le parole non tengono dietro al mutamento. Non è la prima volta che succede, Blimp. Ad esempio il centravanti rischia di non esistere più in certe squadre, al suo posto giocano i Totti o gli Jovetic con compiti diversissimi rispetto alla punta alla Pulici ma anche al trequartista. Probabilmente bisognerà rinnovare il vocabolario perchè "falso 9" ad esempio non è molto convincente. Se questi mutamenti si stabilizzeranno verranno introdotte anche nuove parole.

    RispondiElimina
  139. Sì, può essere, ma non ti puoi inventare te i termini prima che siano di uso comune, o cambiare il significato di esterno a tuo piacimento. Fatti procurare dal Giubba i testi su cui studiano a Coverciano gli aspiranti allenatori, e vediamo cosa c'è scritto alla voce "esterno".

    RispondiElimina
  140. Nella sua testa invece c'è un calcio che con la mente ha poco a che fare, lui l'hai preso quand'era sul seggiolone ma se trovo chi è stato giuro che faccio pulito!

    RispondiElimina
  141. Tra le parole nate e sparite ricordo libero, ad esempio, che oggi è sparita, ma anche terzino di spinta. Ed anche trequartista non credo sia antichissima. Centromediano metodista era tipico del gioco degli anni Cinquanta.

    RispondiElimina
  142. Anche stopper, terzino fluidificante, ala, resistono stringendo la vita coi denti mezzala, interno e mediano...ma che c'entra? Dicevamo che nel 2013 esterno ha un significato ben preciso, e molti dei giocatori che tu citi non fanno gli esterni. E' come definire interno un giocatore che fa l'equilibrista sulla linea laterale...

    RispondiElimina
  143. Non è sparito il termine ma il ruolo del libero, nessuno gioca più con un'ultimo uomo in difesa anche perché alzando il braccino non ti fischiano più il fuorigioco, prendi solo aria alle ascelle. Terzino di spinta è un ruolo che si pratica solo al gabinetto, non so perché terzino significhi qualcosa per te. Trequartista "non credi" ?! Ah ah ah ah ah ah Io sono sicuro che faresti meglio a trattare l'argomento con più umiltà, dovresti imparare a leggere da chi ne sa più di te, qui tutti, alquanto, e da vero appassionato inserire molti penso e credo nei tuoi ragionamenti togliendo tutti i sicuramente che avvengono solo nelle tue fantasie. Non hai probabilità di riuscire a farti una ragione su questa materia a meno che tu non inizi a scrivere le stesse identiche cose che scriviamo noi, in quel caso ci sarebbero solo emulazione e un ripetere a pappagallo quanto di sensato si scrive, d'altronde adesso riporti i virgolettati di soggetti, che anche quando sono vicini all'ambiente, non ne capisci il significato.

    RispondiElimina
  144. Insomma che alla fine è diventata solo una questione semantica, chiamiamo Noam Chomsky a dirimere la questione e finiamola lì.

    RispondiElimina
  145. Come al solito non hai capito nulla, Leo. Il vocabolario è sempre in evoluzione. Le prime lampadine si chiamavano probabilmente candele elettriche poi ad un nuovo oggetto è corrisposto un nuovo termine. Così nel calcio. Trequartista non so quando sia nato. Ai tempi di Baggio esisteva sicuramente, prima non so. Non ricordo che si parlasse di trequartisti al tempo di De Sisti ma forse sbaglio. De sisti e Merlo erano definiti mezzali. Mediano è un altro termine in crisi era usatissimo.

    RispondiElimina
  146. Semantica in che ruolo gioca ?!

    RispondiElimina
  147. No Lud, il titolo di non capire nulla, non solo di calcio, l'hai vinto tanto tempo fa, strapazzando i concorrenti benché non ci fosse nutrita schiera di partecipanti, dopo tutto è sempre un titolo di cui non vantarsi. Sono troppi gli esempi che hai portato a suffragio di questa certezza, un'enciclopedia con una quindicina di anni d'aggiornamenti, dalla A alla Z di Zaller. Sei una nonciclopedia del calcio vivente solo che fai meno ridere.

    RispondiElimina
  148. Consiglio la bellissima Storia della lingua italiana del Migliorini. Il calcio è un ambito specialistico come altri. Ha un suo vocabolario che cambia e si evolve. Bisogna però vedere se certe innovazioni si generalizzeranno o resteranno circoscritte. In quest'ultimo caso il vocabolario non si modificherà.

    RispondiElimina
  149. Con il solito arbitrio che ti contraddistingue adesso saresti tu il depositario del "nuovo" vocabolario calcistico e conoscere il nuovo significato del ruolo di esterno. Al delirio si deve porre fine. Finché non avrai l'umiltà necessaria per porti in maniera differente cotanta arroganza riceverà sempre e solo un certo tipo di risposta. Fossi ignorante e basta sulla materia non sarebbe un problema ma insipiente e saccente non è tollerabile.

    RispondiElimina
  150. La lingua non si inventa, nasce dal basso. A me ha sempre colpito il fatto che Cuadrado appena arrivato a Firenze disse: sono un esterno destro alto. Ebbene lo si è visto in tutti i ruoli ma dove eccelle è come esterno destro alto. Più recentemente ha espresso il desiderio di giocare "avanzato nel tridente". Dunque i giocatori conoscono i termini e sanno a cosa corrispondono in termini di posizione sul campo.

    RispondiElimina
  151. A chiudere la dichiarazione di Ljajic appena arrivato a Roma: "Sono un esterno sinistro e sono pronto a restare dieci anni a Roma”.

    RispondiElimina
  152. Oggi Adem Ljajic: "A Firenze ho fatto tante partite da centravanti anche se non è il mio ruolo".

    RispondiElimina
  153. Oggi Adem Ljajic: "A Firenze ho fatto tante partite da centravanti anche se non è il mio ruolo"...

    RispondiElimina
  154. Scusate...ehmm....m'è sfuggita la cosa di mano...provo

    RispondiElimina
  155. Non c'era scritto niente sul Grimorio...vado a tentativi...

    RispondiElimina
  156. Questo dovrebbe fargli effetto

    RispondiElimina
  157. questo fa effetto a me...

    RispondiElimina
  158. Certo a definire Giaccherini un esterno alto ci vuole fantasia! Un esterno tappo allora com'è?

    RispondiElimina
  159. Libero voleva dire libero da marcature ed era in auge ai tempi della marcatura ad uomo in difesa. Una volta andata in auge la marcatura a zona non è scomparso il termine di libero, ma il ruolo. Tu fai sempre casino tra la causa e l'effetto. Invece ali, terzini, esterni alti e esterni bassi se non son zuppa son pan bagnato, ci può essere qualche variazione sul tema, le ali di una volta stavano in genere molto più "alte" ed i terzini molto più bassi, adesso si interscambiano e si giocano la fascia in due, quando non ce n'è solo uno come quando si ha la difesa a 3 ed i centrali laterali ricordano di più i terzini del WM. che ora si chiamerebbe 3-4-3. In tutto questo una delle cose che non è mai cambiata è che chi gioca sulla fascia è un esterno e chi gioca nel mezzo si chiama altrimenti. Ljajic sulla fascia non ci gioca e non gli piace nemmeno di giocarci, Rossi men che meno, proprio non ne ha nemmeno le caratteristiche.

    RispondiElimina
  160. Foco ogni tanto esci dall'officina.

    RispondiElimina
  161. a me mi fa un po' schifo

    RispondiElimina
  162. Fatto, lamiera da 4 mm d'acciaio incastrata, otto dischi a tagliare e un centinaio di bestemmie...Jordy, se sei serio comincio a dare addosso a Neto pure io...

    RispondiElimina
  163. Ora icche c'entra Neto con du' lesbiche? Vu' lo volete mette' sempre ni' mezzo poero ragazzo! A me du' donne che si slinguano mi fanno schifo (un parliamo di du' omini che lì e vomito) e son serio sì.

    RispondiElimina