.

.

giovedì 24 ottobre 2013

I segnali del destino

Oggi c’è la partita e dovrei scrivere di quella, ma neanche sotto tortura, nemmeno se mi proponete in cambio l’antidoto ai post di Marco Siena. No, non voglio. Rimango abbarbicato ancora un po’ alle emozioni di domenica. Poi domani volto pagina, riaggiorno il calendario delle emozioni e commento la partita di Europa League. Non scrivere proprio niente però non sarebbe nemmeno funzionale al blog, oltretutto una scortesia nei confronti dei nativi di Matera che ci rimarrebbero di sasso, dalla tasca di Paloscia ho recuperato il primo referto arbitrale della prima partita della storia del calcio, in riferimento alla prima ammonizione per gioco falloso nei confronti del primo difensore che sgambettava per la prima volta la prima punta lanciata verso il primo gol, l’arbitro annotava oltre al numero del giocatore anche il primo scontro verbale della storia del calcio. La punta infatti si rivolgeva al suo marcatore con la seguente frase “Parmi tu preferisca lo pesante gioco”. Questo è un mio personale cadeau per chi come voi ama il calcio e i suoi dinosauri. Poi vi racconto una storia di San Frediano, una storia di sesso nata per strada e finita a San Giovanni di Dio. E dire che i segnali c’erano stati tutti.

106 commenti:

  1. Meglio dei segnali di fumo dell'Apache, tutto fumo e niente arrosto......Juve Juve Gelatasarsy®!

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore24 ottobre 2013 08:45

    Buongiorno con qualche foto allegra e bene-augurante.


    p.s. gli arbitri in Italia, quando vogliono,sono come quelli europei, peccato che lo vogliano sempre con tutte meno che con le strisciate : l'espulsione di Tomovic che ci lasciò in 10 contro il Milan è simile all'espulsione di Chiellini che ieri ha lasciato in dieci la rubentus.

    RispondiElimina
  3. Era Gelatasaray®

    RispondiElimina
  4. Primo post, ace del CHIARI. 15-0.

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore24 ottobre 2013 09:07

    Per tenere la memoria sempre bella fresca:

    https://www.facebook.com/photo.php?v=620862454632845&set=o.56688072428&type=2&theater



    Contiene due chicche del telecronista: 1) "Buffon che fa il tergicristallo";
    2) "Contropiede da leggenda".
    Strepitose.

    RispondiElimina
  6. Penso che la partita di stasera sia importantissima, perchè 3 punti ci metterebbero al secondo turno con un piede e 3/4, di cui un piede e mezzo già al 1'posto in classifica. Così nelle successive tre gare potremmo permetterci anche un turnover integrale (almeno 1 punto se non 3 salterebbero fuori anche per sbaglio), ripensando a questa coppa dal 20 febbraio, giorno dei sedicesimi, mentre Milan, Juve e Napoli dovranno pensare ai loro ben più temibili avversari di Coppa fino al termine dei rispettivi gironi.

    RispondiElimina
  7. Sarebbe invece quasi bene che il turno lo passassero, così si levano dai coglioni. La possibilità di una finale con loro allo Juventus Stadium mi fa venire gli incubi!

    RispondiElimina
  8. Chiarificatore24 ottobre 2013 09:31

    Non c'è dubbio che la ragione dice che sarebbe meglio che i gobbi passassero il turno, ma è più forte di me, quando li vedo perdere godo come un riccio. Anche in questo caso vale la favola della rana e lo scorpione.

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore24 ottobre 2013 09:34

    Inoltre, mi viene da vomitare nel dirlo, ma bisogna riconoscere che ieri hanno offerto una grande prestazione.
    Mentre mi ha fatto pena quella del Milan contro il Barcellona.

    RispondiElimina
  10. Secondo me i gobbi il turno lo passano. Ieri sera non hanno giocato male e se non rimanevano in 10 avrebbero potuto anche pareggiare e nessuno avrebbe gridato alla scandalo. Il Real Madrid mi ha deluso, così come poco mi aveva convinto in quest'avvio di stagione. Sabato c'è il Clasico, ma anche il Barça non ci arriva in gran spolvero, purtroppo. Bene CR7, Di Maria (il migliore) e Morata, molto deludenti tutti gli altri. Mi aspettavo più personalità da Illarramendi e qualche cosina in più da Isco. Benzema, inviso al pubblico madrileno che lo ha fischiato senza pietà, si è mangiato un gol colossale. La Juve molto bene per la garra e per come è riuscita a tenere il campo, ma molto poco pungente in attacco. L'arbitro ha risentio della "magia" del Bernabeu, ma il rigore c'era tutto. Non certo l'espulsione di quel bietolone (lo posso chiamare così?) di Chiellini. CR7 ha fatto una scena non degna del fuoriclasse che è. Anch'io mi sono chiesto perché, avendo Morata, si siano spesi 100 testoni per un giocatore bravo ma monocorde come Bale. E meno ancora ho compreso la cessione di Ozil, che nel Real di Mourinho era il maggior creatore gi gioco.

    RispondiElimina
  11. purtroppo con queste regole del cazzo delle liste non si può fare un grande turn-over. Anche per stasera ne ha convocati venti con tre portieri e due del '93. Gente come Vargas, Wolski, Vecino, Rebic, lo stesso Olivera, non può giocare. Se volessi far riposare Rossi, Aquilani e Cuadrado sei con la gente contata.

    RispondiElimina
  12. Stefano Vienna24 ottobre 2013 09:52

    Qualcuno sa cos'ha avuto Prizio? Ho sentito che sta male, e' vero?

    RispondiElimina
  13. Il passaggio se lo giocano in Turchia. Ho già detto che levarseli di torno dall'UEFA non mi dispiacerebbe visto che la finale è a casa loro. Il rigore di Chiellini c'era, che ne faccia uno o più per domenica in Italia e non glieli fischino non vuol dire che si possano fare quei falli. L'espulsione è un po' esagerata e provocata anche dalla sceneggiata di Ronaldo, comunque l'ammonizione ci stava e siccome gliel'aveva risparmiata in occasione dei rigore, non è che nemmeno lì si possa lamentare troppo. Anche a me il Real ha deluso non poco. E' pieno di grossi nomi ma non ha un gioco di squadra e Ancelotti non mi è mai sembrato tutto quel fenomeno, deve avere un buon procuratore. Dietro poi mi sembrano debolucci forte per il livello di squadra che hanno.

    RispondiElimina
  14. Non so niente ma in TS è un po' che non lo vedo. Mi informo

    RispondiElimina
  15. Analisi corretta in tutti i punti però si deve essere onesti, la juve ha fatto quel che poteva e Chiellini non sarebbe stato espulso da nessun altro arbitro ma essendo merde qualche ingiustizia se la devono sorbire anche loro. Ozil nell'Arsenal sta facendo sfracelli, sempre uno dei migliori, far posto a Bale doveva costare qualche testa, Higuain, Ozil sono solo due delle cessioni eccellenti ma non valeva la pena svenarsi per Gareth, fortissimo quanto si vuole ma a quelle cifre.....

    RispondiElimina
  16. Per me Ancelotti è un grande allenatore, è stato un grandissimo, forse oggi non è più quello di un tempo.

    RispondiElimina
  17. Bale è fortissimo, ma lo devi mettere in condizione di rendere e di essere devastante come lo era al Tottenham. Se me lo metti in una squadra che punta molto sulle accelerazioni di Di Maria e C. Ronaldo, che non ha solitamente grande campo davanti, ad essere uno dei tanti, è un acquisto completamente inutile, a quei prezzi. Chiellini, già graziato in precedenza di altri gialli, che doveva fare d'altro per essere espulso? A diversi metri dal pallone, va direttamente su C. Ronaldo, stampandogli il gomito in faccia, non mascherando nemmeno il gesto come supporto delle braccia alla corsa. Idem sul rigore, è netto. E non vuol dire niente che a noi non ci fischiano falli del genere su Gonzalo...

    RispondiElimina
  18. La gomitata da espulsione non c'è stata Deyna.

    RispondiElimina
  19. Non ho visto replay, vuoi dire che non l'ha toccato?

    RispondiElimina
  20. In pratica gli ha solo messo un braccio davanti al viso, ma senza colpirlo. CR7 invece si è lasciato cadere a terra, rotolando come colpito da una folgore..

    RispondiElimina
  21. Neanche 237 arbitraggi come quello di ieri risarcirebbero il calcio italiano per le malefatte, le vessazioni, i torti perpetrati dalla Juve nei confronti del campionato italiano. Se domenica la Juve pareggia (o perde!?) non guardo, di nuovo, la Domenica Sportiva con Moira Orfei-Ferrari.

    RispondiElimina
  22. Rilievi africani



    Concordo con diversi rilievi di MC, ma affermare che Bale sia monocorde... forse non hai seguito gli strepitosi progressi degli ultimi anni, quando ha
    dimostrato di poter giostrare in tutti i ruoli di attacco ed esterno ma
    senza particolari imbrigliature Da suo grande estimatore, riconosco
    pero'esatta la disamina di Deyna, Bale é un giocatore che fa squadra
    quasi da solo, incastonato in un mosaico di primo livello, dove dovrà
    attenersi a compiti tattici piu' rigidi, farà fatica ad emergere come in
    Inghilterra. Il che rende difficilmente capibile l'enorme esborso e la
    cessione di Ozil ( per me un grande) per far cassa. Ma ora c'e' dunque
    mentre osservavo la partita mi chiedevo dove lo avrei posizionato e
    azzarderei esterno alto a destra in un 343 già visto negli Spurs con Di
    Maria appena dietro, ma Ancelotti non lo farà mai. Sono felicissimo per
    il metro usato contro Chiellini, che usa le braccia almeno quanto le
    gambe, in area abbraccia chiunque e sempre. La buona prestazione dei
    gobbi avvalora ancora piu' la nostra, ma hanno due problemini, Buffon e
    Pirlo, due mostri sacri che sono alla fine della carriera e che
    risultano denti del giudizio ormai usurati, ma difficili da estrarre.
    Piuttosto mi é garbato meno il Barca, che assimila il Mardid acqusitando
    Neymar per estremizzarlo a sinistra nel ruolo che fu di Hristo, lontano
    dalla manovra che risulta lenta, noiosa e senza intensità. A tenerlo là
    lo disinneschi. Messi che, al contrario di CR7 che lotta su tutti i
    palloni pure rientrando in difesa, mi sembra svogliato, ho notato un
    rientro da fuorigioco nel 2° tempo in area Milan fatto camminando (!) e
    poi mi pare sempre piu' un automa...ma é vivo? parla? Boh!



    LELE

    RispondiElimina
  23. L'ho rivista ora, al primo tentativo non lo prende, al secondo sì, poi che Ronaldo accentui [ma era anche in velocità] fa parte del gioco. Chiellini si disinteressa completamente del pallone, e ferma l'azione di Ronaldo lanciato a rete, per me è espulsione netta. Conta molto anche l'intenzione, mica solo l'impatto: se un giocatore tira un pugno e sfiora l'altro soltanto alla tempia, è comunque da espulsione. Comunque sia il nappone era stato autore già in precedenza di interventi da cartellino, è stato in campo anche troppo. Adottassero questo metro anche in italia, si vedrebbe una classifica più rispondente alla realtà, per le strisciate [cfr. ad esempio Mexes].

    RispondiElimina
  24. Possibile che Lapo Elkann sia così non per droga o abusi ma perché é della Juve?

    RispondiElimina
  25. Messi viene fatto giocare in cattive condizioni fisiche, avrebbe bisogno di un periodo di riposo, ma the show must go on...Spero non me lo rovinino per il Mondiale.

    RispondiElimina
  26. Parallele rossonegre :
    - Giudice Sportivo "I cori non devono ripetersi,altrimenti sanzione!"

    - Balotelli "Tutti fuori area!"

    RispondiElimina
  27. Lascialo fare che domenica ha dato il suo bel contributo alla nostra vittoria. Dov'era sul terzo goal di Joaquim lo sa solo lui ed è stato quello che ha perso di più il capo ed i riferimenti nello sconquasso difensivo juventino degli ultimi venti minuti.

    RispondiElimina
  28. per me ha avuto un bel culo o un bel procuratore che lo ha fatto restare nel giro alto. Ha allenato dieci anni in Italia squadre di vertice (Juventus 2 anni e Milan 8) ed ha vinto un campionato. E' vero che ha vinto due Champions col Milan e quello è stato il suo colpo di culo che l'ha fatto salire di quotazione nel mercato europeo. Al Chelsea non mi sembra abbia fatto miracoli, al PSG ha vinto un campionato francese che avrei vinto anch'io, al Real vediamo ma per ora la mano dell'allenatore bravo non la vedo proprio. E' un buon mestierante, come Prandelli ma, per ora, con molto più culo. Ti piacciono i medioman?

    RispondiElimina
  29. stefano vienna24 ottobre 2013 11:29

    Grazie Jordan, ho sentito qualcosa su violagol, spero che non sia niente di irrecuperabile.

    RispondiElimina
  30. Una domanda difficile: indovinate cosa ha appena fatto quest'uomo...

    RispondiElimina
  31. Anche questa è difficile: Cosa hanno combinato questi due?

    RispondiElimina
  32. Beh, questi due...

    RispondiElimina
  33. E quest'uomo cosa ha subito?

    RispondiElimina
  34. Beh, io invece di vedere le merde in champions, ierisera mi son rivisto la viola nella partita (quale partita potrebbe chiedere Zazà, quella: LA partita). E ho rigoduto abbestia. Mi sa che me la tengo lì nel disco e ogni tanto me la rivedo. Non credo che mi verrà a noia. CHE GIOIA.

    RispondiElimina
  35. Messi non è in perfette condizioni fisiche e concordo con Deyna sul fatto che dovrebbe riposare un po' di più. Ma il Barça difficilmente ne può fare a meno o prescindere da lui, che, comunque, anche in queste condizioni vale molto di più di qualsiasi sostituto. Anch'io sono perplesso circa l'utlizzo di Neymar, che, confinato a far l'ala sinistra, secondo me perde molto della sua imprevediblità. Quanto a Bale, secondo il mio parere, è un giocatore devastnte come esterno alto in squadre che giocano soprattuto con le ripartenze, dove può trovare praterie per scatenare tutti i suoi cavalli. Nel Real Madrid sembra una Ferrari stretta nel traffico: capisci subito che può andar forte, ma non ha lo spazio per farlo e dunque risulta praticamente inutile.

    RispondiElimina
  36. Io ne farei copie, le inserirei in contenitore e - infiocchettate- ne farei dono di complenni o a Natale per tutti gli juventini che conosci.

    RispondiElimina
  37. Io c’ero quando ci rubarono lo scudetto, tra Catanzaro e Cagliari.
    Io c’ero quando ci presero Baggio (sì la bellezza e la merda, come si fa a metterle insieme).
    Io c’ero quando ci rubarono la finale di coppa UEFA.
    Io c’ero quando ci fecero cinque reti, in casa, l’anno disgraziato.
    Io c’ero anche domenica scorsa a urlare, gioire, abbracciare le mi’ figliole, saltare come un grullo per il salotto. E la gioia non se ne è ancora andata. È rimasta lì. E forse è rimasta lì non solo perché è stata un bell’atto di ribellione all’ingiustizia, la soddisfazione di un desiderio alto che va oltre il calcio, di vedersi riconosciuti per quello che si è, e per i diritti che si hanno, al di là dello status quo, del potere costituito, della banalità del mediocre (se non del male) che impera. Ma anche perché alle merde gli s’è fatto male davvero, secondo me. Secondo me non si ripigliano: non è stato solo un episodio. No: falliranno in campionato e usciranno dalla Coppa già al primo turno. È iniziato il disastro, per loro. I punti forti (il portiere, il regista, per esempio) diventeranno crepe e poi voragini dentro cui crolleranno. E noi siamo stati la Nemesi. Noi siamo stati l’Eroe che ha fermato il Male. E nei decenni a venire questa storia sarà raccontata ancora e ancora: ti ricordi quando le merde dovevan vincere ogni cosa e poi presero quattro pere da noi e s’afflosciarono come sacchi vuoti e… Via, lasciatemelo sperare

    RispondiElimina
  38. Beh allora anche Prandelli è un grandissimo eh eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  39. Si può sperare anche il contrario ?!

    RispondiElimina
  40. Chiarificatore24 ottobre 2013 12:36

    Grande Francis.

    RispondiElimina
  41. Francis Fiat Scoppola.

    RispondiElimina
  42. Chiarificatore24 ottobre 2013 12:45

    Chi dice che la nostra vittoria contro la Juventus è dovuta in primo luogo alla sorte, ma che, se nello stesso modo avesse vinto la Juventus, non sa se ciò sarebbe stato dovuto alla sorte, è in uno stato di totale sudditanza psicologica nei confronti della Juventus. Se costui è anche un tifoso viola, il caso è molto, molto, molto, grave.

    RispondiElimina
  43. Bal(l)e africane



    Lo scorso anno Bale si é arricchito tatticamente, abbandonando per quasi
    tutti i match giocati la posizione di esterno che lo ha reso famoso.

    Infatti ha giostrato da centravanti arretrato, solo talvolta e in partite da
    sbloccare é stato messo esterno a destra come prima accennato. Queste
    nuove posizioni unite ai notevoli progressi tecnici gli han permesso di
    segnare per 9 giornate di fila, rendendolo un giocatore completo di
    enormi potenzialità. Ma come giustamente dici, il suo motore h bisogno
    di spazi e col Real trova sempre difese schierate. Collocazione ardua,
    la mia l'ho indentificata a destra, dove rientrando potrebbe essere
    devastante col sinistro che possiede.

    Piu' facile posizionare Neymar, certamente non sulla linea del fallo laterale!



    Lele

    RispondiElimina
  44. Ahahahahahahahahahah! Commovente Francis, ad ogni modo, inarrivabile interprete dell'idem sentire viola.

    RispondiElimina
  45. Vorrei dire qualcosa, catulliani non bona dicta, su Anecelotti: un chiotto aziendalista ruffiano, un compositore del già fatto, un parassita di campioni, un falegname di spogliatoi. Come allenatore ha anche meno idee ed espressioni di gioco del Trap, cavernicolo sì ma con principi. Il culo in carriera che ha avuto questo saprofita di miliardari nel calcio, ce l'ha a vuto soltanto Mancini, un altro che non capirete mai come faccia giocare le sue squadre perché non le fa giocare, esse giocano per lui (cfr. Lamartine a un amico che lo vedeva pensieroso per strada e che non era stato da lui salutato: "Ma tu sei sempre distratto! Pensi sempre!", "No, non penso mai, sono le mie idee che pensano per me!").

    RispondiElimina
  46. Colonnello, tu sottovaluti il potere dei procuratori. Chi li ha buoni allena squadre importanti, gli altri o dimostrano d'essere bravissimi oppure si accontentano di quel che resta.

    RispondiElimina
  47. Appunto infatti ho detto che per me Ancelotti deve avere dei procuratori molto bravi.

    RispondiElimina
  48. Certo, io personalmente spero che l'italia arrivi al Mondiale con Rossi e Balotelli, voglio che esca con i migliori, non giocando con le riserve.

    RispondiElimina
  49. http://www.violanews.com/images/2013/10/Vidal-tuffo-Daily-Mail.jpg?b9a29e

    RispondiElimina
  50. Chiarificatore24 ottobre 2013 13:25

    In tutto il mondo la Juventus è giustamente disprezzata, Anto, anche dai media, nonostante il fatto che in giro per il mondo abbia potuto rubare poco, perché tutto il mondo sa quanto ha rubato in Italia. Gli oltre trenta scudetti vinti in Italia a fronte del poco vinto all'estero si giustificano solo con i furti.

    RispondiElimina
  51. Chiarificatore24 ottobre 2013 13:40

    Una variante, interessante, all'argomento", la offre BVB su fb:
    "No questa e' clamorosa....appena sentita adesso in autostrada alla radio...da una ricerca risulta che fra le prime dieci città del mondo più inquinate sette sono cinesi, una messicana , una indiana, e una italiana.....la quale chiaramente e' la più inquinata d'Europa....ed e' incredibilmente TORINO....a voi le conclusioni ....chiaramente lo dico con il sorriso sulla bocca....ma in questi giorni così movimentati....."



    L'unica osservazione che gli faccio, al buon BVB, è che c'è poco da ridere.

    RispondiElimina
  52. Dobbiamo ritenerci fortunati ad avere un allenatore che occupa la panchina per merito proprio. E che ha già proposto diversi interessanti progetti di gioco. Il suo perfezionismo e lo spirito utopico che caratterizzano le sue squadre me lo rendono molto simpatico. Il rischio che corre è di essere accusato di far giocare troppo bene le proprie squadre, senza essere abbastanza produttivo sul piano dei risultati. Sarà questo che diranno i suoi detrattori nel momento in cui dovesse essere al vaglio di un grande club (più tardi possibile): "Si le sue squadre giocano bene ma...". Personalmente lo incoraggio a tener duro, a non snaturarsi per accontentare i prudenti i mestieranti e i pedanti, che essendo privi di fantasia odiano con tutte le proprie forze gli innovatori. Lui è uno Steve Jobs, non deve ridursi ad essere un Gates qualunque, un Ancelotti, appunto, o un Mancini.

    RispondiElimina
  53. Io ho ascoltato solamente pseudo-professionisti del tubo catodico, anzi dei pixel, e dell'etere difendere la juve; necessitâ di difendere poltrona, come i politici. "La juve ha perso giocando Bene...", dicono. Pensa te se giocavano male!!!. Poi i conati hanno preso il sopravvento sulle scuregge indirizzate loro.....Il maiale ha l'orgasmo piú lungo tra tutti i mammiferi. Sino a domenica scorsa h. 16,50.

    RispondiElimina
  54. LUD, ci sono allenatori che escono il successo alla fortuna, poi ci sono quelli che devono il successo allaw volontá, intelligenza, intuizione. I primi sono in balia di eventi, casualitâ, del destino. I secondi lo tengoni in pugno, lo dirigono secondo i loro disegni e i loro sogni; i secondi forgiano, i primi no. Montella é uno dei secondi...adamantino, caparbio, spirito pervicace che imprime un segno indelebile a quel che fa. Umile da non montarsi la testa, altrimenti la perde...orgoglio dell'animo desto. Montella: viso aperto, pugni serrati(ma nascosti, denti stretti...mai flagellato il nemico, solamente dominato.

    RispondiElimina
  55. Chiarificatore24 ottobre 2013 14:10

    Sono pseudo-professionisti ed esperti che si prostituiscono nei confronti degli alti indici di ascolto e di chi più li garantisce.

    RispondiElimina
  56. Chiarificatore24 ottobre 2013 14:16

    Montella appare tecnico serio, sincero, bravo, scrupoloso professionista ed al passo con i tempi, ed anche dotato di molto senso pratico.

    RispondiElimina
  57. Buio fitto per la Juve, già nel pomeriggio ho ascoltato per radio critiche molto forti alla campagna acquisti, a Conte e non ultimo a Gigi Buffon. Tra ieri e domenica la credibilità del progetto juventino si è molto indebolita.

    RispondiElimina
  58. Allenatori dello stesso livello medio. Buoni professionisti ma niente di più. Uno col culo o il procuratore bravo che gli ha fatto girare sempre top-club. L'altro non ha ancora trovato la strada anche se la sta cercando. Restano comunque quello che sono: due discreti professionisti, niente di più. Tra i due quasi preferisco Prandelli, guarda cosa mi fai dire!

    RispondiElimina
  59. "Shamelessly" "sem vergonha" in realtà il salto a capretto dopo la zappata in terra e le richiesta del penalty ha avuto del ridicolo. Lui dice che il fallo l'han fatto prima. A parte che si tratta di contatto che ci vogliono tre moviole per vederlo, ma poi che fai, ti butti tre passi dopo facendoci anche il saltino, dopo che hai zappato in terra con l'avversario più prossimo a tre metri? Se ti pigliano per il culo "worldwide" te lo meriti. E quei coglioni a canale 5 che gli davan ragione!

    RispondiElimina
  60. A volte sembra che legga ciò che scrive/critica BLIMP......eheheheh...

    RispondiElimina
  61. Il Mambo senese rimpiange su cloaca i tempi in cui a giocare la Champions era soltanto la vincitrice del campionato... Trovare un gobbo più fanatico di questo sarebbe difficile anche sul blog speciale dei drughi.

    RispondiElimina
  62. Ottimo Deyna, ritiro l'augurio.

    RispondiElimina
  63. Non ho letto il post [dove?], ma su questo gli do ragione: la Coppa dei Campioni era giustamente solo per chi era campione, cioè vinceva il campionato. La Coppa delle Coppe per chi vinceva la coppa nazionale, e la Coppa Uefa per chi faceva certi piazzamenti. Ora si ha l'assurdo che può vincere la CL una squadra arrivata quarta in campionato, o ripescata nel girone iniziale. Altro discorso è constatare che erano juve, milan e Inter a vincere quasi tutti i campionati, e soprattutto il COME, specie se riferito ai bianconeri...

    RispondiElimina
  64. Io sui procuratori andrei più cauto, per lo stesso principio si potrebbe dire che uno scarsone può giocare in un top club, ma ci gioca un anno, capito l'inganno riscende di categoria, di club, di livello di campionato, possibile che il procuratore di Ancelotti sia così bravo da imporlo a top club per anni che investono centinaia di milioni senza rendersi conto che sia un'allenatore medio o nella media ?! Ci credo poco.

    RispondiElimina
  65. Non per fare filosofia spicciola, ma perché contribuire ad aumentare la forbice fra chi vince un campionato e tutte le altre ?! Con incassi del genere si fossilizzerebbe quelle due squadre per campionato libere di fare il bello e il cattivo tempo sempre, o quasi, nel campionato di appartenenza. L'unica cazzata è il coefficiente uefa che ti manda in CL l'Anderlecht o il Viktoria Pilzen o l'Austria Vienna (quelle che mi vengono in mente) come agnelli sacrificali lasciando al palo formazioni molto più competitive che renderebbero la coppa molto più interessante. Ci sono gironi materasso e gironi di ferro, se uno vuole la champions i gironi dovrebbero essere tutti duri, al momento del sorteggio, su 8 gironi, sappiamo in quali, almeno 6, chi saranno le prime due.

    RispondiElimina
  66. L'argomento a dire il vero è molto dibattuto. Personalmente preferivo le Coppe di una volta con l'eliminazione diretta ad ogni turno e non coi gironi che sono fatti solo per raccattare incassi. Visto però che tornare indietro è praticamente impossibile, l'unica modifica che mi piacerebbe sarebbe quella di eliminare i gironi e ricorrere sempre al doppio confronto con eliminazione diretta, con un meccanismo che ritradi l'entrata in gara delle squadre rappresentanti i pesi meglio piazzati nella classifica Uefa. Credo che il torneo ne guadagnerebbe in snellezza e spettacolarità.

    RispondiElimina
  67. "24/10/2013 16:52:49 i'giannelli COME MI PARE..come hai ragione....c'è chi gioca alla pari con il Real al Bernabeu e c'è chi prepara Natale con il panduri".



    E questo dopo la storica vittoria, in barba alla sua previsione disfattistica di mascalzone rotto in culo... Un camion che esce di carreggiata in autostrada oppure un aneurisma tra i boschi oppure un vaso di gerani dal sesto piano oppure il primo morto italiano di influenza aviaria...

    RispondiElimina
  68. Colonnello, io credo che i'giannelli sia un genuino prodotto della redazione e non un rotto in culo qualunque.

    RispondiElimina
  69. http://www.fiorentinanews.com/2013/10/la-prima-volta-di-borja-capitano/

    A me sembra una gestione pericolosa del nostro tenore, per un motivo o per un altro non ne salta una. Occhio perché se si esaurisce lui siamo in un bel mare di ...... Capisco che stasera ne mancano parecchi ma farlo rifiatare un po' non sarebbe una cattiva idea.

    RispondiElimina
  70. Io penso che sia solo un provocatore, di certo non un tifoso Viola. Certi commenti non li leggo neppure.

    RispondiElimina
  71. Ma se è un provocatore perché non lo bannano, come sarebbe logico e giusto?

    RispondiElimina
  72. sono dell'idea di McGuire. Certi personaggi sono troppo stronzi per essere veri però provocano incazzature e quindi post e per chi vive dei messaggi ricevuti può avere una valenza.

    RispondiElimina
  73. Quello che move il sole e le altre stelle son sempre i quattrini. Le decisione vengon sempre prese in modo da massimizzare i profitti ed una Champions con 6 partite per 32 squadre, più due per altre sedici, pù due per altre otto, più due per altre quattro più una finale miliardaria porta più grana, penso, che se partecipassero solo i campioni come una volta. Limiteresti le partite che contano, sarebbe come arrivare quasi subito alla fase eliminatoria. Molti meno sghei e per meno entità. Infatti De Laurentiis mica vorrebbe far partecipare solo il campions (se non lui quando ci gioca?) ma allargare il campo eliminando praticamente l'EL che ha un rapporto entrate/rompimento di palle nettamente deficitario.

    RispondiElimina
  74. Io ribattezzerei la cloaca in juventina.it.

    RispondiElimina
  75. Torno su Montella per spiegare meglio il mio punto di vista. il mio desiderio, qualunque sia l'attività che svolgo, è produrre qualcosa che si avvicini alla perfezione e all'utopia. Mi piacciono gli imprenditori, gli studiosi e gli artisti che mettono l'innovazione al centro della loro opera e la perseguono con perfezionismo. Riconoscendo in Montella queste doti credo che Vincenzo possa offrire alla piazza molto di più di altri tecnici. Non dico che il risultato non mi interessi, tutt'altro, ma credo che la bellezza e armonia del gioco sia un obiettivo da tenere ben presente, anche considerando che nessuno assicura le vittorie a chi gioca male. Questo è il mio personale parere, e non pretendo che altri, diversi per formazione, cultura e approccio alla vita la debbano pensare allo stesso modo. Del resto si sa che i fruitori di computer si dividevano tra fanatici di Gates e di jobs. il primo era un Trapattoni del software, uno che badava al sodo. il secondo un Guardiola dell'hardware, innamorato della bellezza dei suoi oggetti, anche se più costosi (ma estremamente facili da usare, in compenso). Di qui la mia definizione della Fiorentina montelliana come "squadra utopica", caratteristica che mi auguro sia accuratamente preservata e che non si perda mai.

    RispondiElimina
  76. Parallele rossonegre :

    - Balotelli "Io parlo come i ragazzi di oggi..."

    - Allegri "Balotelli ragiona come un ragazzino..."

    RispondiElimina
  77. LUD, ti piacciono quelli come me.

    RispondiElimina
  78. Di solito si incontrano molti ostacoli su questa via e ne sa qualcosa Jobs, licenziato dalla sua stessa ditta a causa di un presidente, da lui stesso nominato, che veniva dalla Pepsi Cola ed era abituato a far ciccia con le bottigliette di sciroppo gassato.

    RispondiElimina
  79. L'inesistente 4-3-3 intanto viene scelto dal 35% dei tifosi, la maggioranza, come modulo per la partita di stasera. Urge un intervento sul sito madre dei super-competenti ma non credo ne avranno il coraggio.

    RispondiElimina
  80. Lud Non ci trovo nulla di male nel buttar giù una formazione col 4-3-3. Come non c'è nulla di male nel buttarne giù una col 3-5-2 o coi numeri che ti pare. L'importante è mettere gli uomini giusti al posto giusto.
    Per quanto riguarda ciò che è stato scelto da quel 35%, prendendo per vero ciò che riporti (non leggo nè i sondaggi tecnici dei tifosi come non leggo le pagelle dei giornalisti, trovandole due tra le cose meno interessanti, e più fuffose e ridondanti che ruotano attorno al calcio), distinzione tra maggioranza relativa e assoluta a parte, non so cosa tu voglia dimostrare. Forse che quel 35% vuole affermare che domenica abbiamo vinto grazie al 4-3-3? Forse che tale affermazione è vera? E inoltre, chi ti assicura che quel 35% sia costituito dal gruppo di lettori più competenti di calcio, anzichè magari da quelli più incompetenti?
    Se credi che la formazione migliore possibile sia una formazione eletta democraticamente dalla maggioranza dei tifosi, anzichè una scelta dalla testa di un bravo allenatore di calcio, ti suggerisco il televoto per scegliere la formazione del Cervia di Ciccio Graziani.

    RispondiElimina
  81. Io mi ritengo convinto dalla tua argomentazione. A questo punto invito te o altri a riprodurre su Fiorentina.it queste osservazioni che provo a riassumere: i tifosi si sbagliano in quanto la Fiorentina mai ha utilizzato il 4-3-3 e dunque è molto probabile che non lo utilizzerà neanche stasera. Più in generale il 4-3-3 non esiste, è una invenzione per gli incompetenti. E' il momento di far conoscere questi pensieri, non possono rimanere circoscritti a questo blog. Sarò davvero curioso di leggere gli altri commenti.

    RispondiElimina
  82. Ciao a tutti, sapere se la danno in chiaro su qualche TV o se dobbiamo seguirla in streaming? Nel caso, qualche suggerimento sui siti di streaming?

    RispondiElimina
  83. Streaming su Roja? In chiaro solo su Sky.

    RispondiElimina
  84. Le mie osservazioni non corrispondono affatto a ciò che hai riassunto, basta leggere meglio... o forse basta leggere.

    RispondiElimina
  85. Ho capito male io ma ancora non mi sono chiare le posizioni di ognuno.

    RispondiElimina
  86. Se non ti sono chiare a me è chiaro invece quel che ho sempre detto e cioè che o sei completamente deficiente o ci prendi per il culo. In nessuno dei due casi vale più la pena di perdere tempo con te.

    RispondiElimina
  87. Sopravvissuuto24 ottobre 2013 20:58

    In chiaro su Mediaset Premium

    RispondiElimina
  88. Grazie ragazzi, allora mi guardo Roja. A dopo.

    RispondiElimina
  89. http://www.rojadirecta.me/goto/vspb5.blogspot.com/

    http://www.rojadirecta.me/goto/maxdeportv-canal---13.blogspot.com/

    RispondiElimina
  90. Sono curioso Jordan magari ne riparliamo perchè vorrei davvero sapere se per te e altri esistono i moduli e quali applica la Fiorentina.

    RispondiElimina
  91. Matos ha il miglior pregio che possa avere un attaccante: corre e guarda sempre la porta avversaria.

    RispondiElimina
  92. Sbornia post Juve + sottovalutazione dell'avversario = inizio alla "W il parroco"; ci salva Neto al 7' su un macroscopico errore di sufficienza di Borja, con una parata strepitosa per reattività, coordinazione, estensione e potenza.
    Altra perla di Joaquin, bella bella, sebbene gli avversari siano quel che sono e, temendo che non l'avessimo capito, ce lo vogliono ribadire sull'azione di Matos.
    Poi tentativo di addormentare la gara, che condivido pienamente: c'è da preservare forze e integrità fisica per il campionato, mentre io ho molto sonno (ieri ho fatto le ore piccole, stamani inizio di giornata con un'ora di imbottogliamento nel traffico, sotto una bomba d'acqua che non mi faceva vedere una sega e mi costringeva a guidare l'auto come se fosse una nave), perciò serve un secondo tempo soporifero, con risveglio sul 90' e 3-0 finale, in scioltezza. Oggi il Panduri rumeni, domenica i pandori di Verona,

    RispondiElimina
  93. Primo tempo:
    Ottimo Joaquin che quando punta l'uomo mostra di aver trovato la gamba che mancava fino a prima della Juve. La classe non era mai stata in dubbio, adesso che ha pure la forma può diventare un bel grimaldello.
    Ottimo Matos, intelligente e verticale in ogni sua giocata. Non è un centravanti ma è molto più avanti di quanto non fosse Ljajic alla sua età per impegno e intelligenza calcistica.
    Bakic si riprende dopo dieci minuti orribili, filtra il giusto e si rinfranca anche provando il dribbling.
    Buono Alonso, veloce, fisico e presente.
    Ottimo Compper, deciso, pulito e concentrato.
    Mati un po' fiacco nello spunto e timoroso nel puntare i monoliti difensivi rumeni. Potrebbe spaccare la difesa invece preferisce appoggiare indietro.
    Neto è sulla strada buona per diventare il portiere della Viola per anni.

    RispondiElimina
  94. Si comincia maluccio lasciandoli tirare due volte con pericolo in 5 minuti, poi si va avanti a titicche-titocche fino al goal di Joaquim, gran goal, ma loro dormono non poco e fanno il bis su Matos. Poi sembrano mollare i pappafichi. Speriamo. Per scaramanzia ricordo la Juventus e non vorrei fare come loro, mi sembra si giochi un po' troppo da ganzini, anche se davanti, ora, c'è nessuno. Però all'attacco non son male.

    RispondiElimina
  95. Nota importante: da casa pare che ci sia fica in tribuna. E di livello.

    RispondiElimina
  96. per questo la mi' moglie la un mi ci ha mandato!

    RispondiElimina
  97. Yakovenko............?

    RispondiElimina
  98. Sistemato anche i' panduro, domattina brioches e domenica i' Pandoro!

    RispondiElimina
  99. Secondo tempo:

    Mati prende in mano il centrocampo, anche di rabbia.
    Cuadrado è tornato, sono avvisati tutti.
    Joaquin è sempre un cesellatore di calcio.
    I rumeni saranno anche scarsi, ma la sensazione è di vento cambiato. Non mollano niente, neanche con la partita nel taschino. Comportamenti da grande squadra e spogliatoio di granito ( vedi tentativi reiterati di far segnare Yako).

    RispondiElimina
  100. Le novità positive per Montella sono che Joaquin ha preso maggiore sicurezza, anche se non mi pare abbia i novanta minuti nelle gambe, mentre Cuadrado a sinistra viaggia come un treno. Con Rossi al centro formano un bel tridente che peraltro va visto alla prova contro squadre più forti e in una situazione di partita da sbloccare. Mi pare confermata la verità elementare che Cuadrado è tanto più devastante quanto più è libero da obblighi di marcatura di carattere prettamente difensivo. Si sono visti anche molti inserimenti interessanti in attacco di Tomovic. Iakovenko ancora misterioso anche come identità tattica. Bakic autorevole, ha toccato molti palloni. Matos fa una gara di sostanza, ma se Montella lo vede essenzialmente come esterno sinistro, difficile che possa giocare. Se va così Joaquin conquista il posto di titolare e il modulo diventa il 4-3-3 fino al ritorno di Gomez.

    RispondiElimina
  101. Bell'allenamento accademico per le seconde(?!?) linee viola contro un Panduri troppo morbido. Impostazione come contro i gobbi: gatto col topo, con collezione di giocate, virtuosismi all'apparenza leziosi in realtà vere lezioni di football bailado. Un paio di aggiustamenti di Vincenzino, dopo 20 minuti, e facciamo a fette i rumeni scampati all'attività di muratori o imbianchini. Marvin Compper non lascia margini agli avversari, Gonzalo troneggia, Neto concentrato in surplace, centrocampo con un Bakic che piazzato nel cerchio di centrocampo mi ha personalmente colpito. Attacco spumeggiante, a tratti devastante sul 2-0. Nota: condizione fisica ottimale. Pagelle U.E.F.A.:

    NETO 7 : essenziale, pronto, nessuna sbavatura. Il Panduri non gli crea mal di pancia, anzi. Sempre meglio.

    TOMOVIC 6,5: compitino svolto. Una fetta si Panduri anche per lui.

    COMPPER 7 : pulito, preciso, non glinscappa neanche una briciola di Panduri.

    G.RODRIGUEZ 7,5 : neanche in tre lo battevano stasera. Imperiale, preciso, tattico, dribblatore, conduttore. Sereno e con Panduri digerito.

    ALONSO 6,5 : gli manca sempre quello sprazzo in piû, quel quid decisivo per affettare il suo avversario Panduriano.

    BAKIC 7,5 : timoroso e falloso per 20 minuti, poi messo davanti alla difesa non sbaglia nulla; euclideo, pronto, tosto, grintoso, incisivo, metronomo. Vice Pek trovato? Probabile.

    V.VALERO 7 : dinamicità fatta uomo. Leader a tutto campo.

    MATI 7 : puntuale sia in proposizione sia in contenimento, ondeggia meno del solito; mostra garra, voglia e...quel quid che spesso manca.

    JOAQUIN 8 : come una donna al volante...pericolo costante. Palla al piede non fa prigionieri, scarta tutti come quando si giocava in strada da piccoli. Avversari con borsa del ghiaccio in testa, noi che perdiamo la testa. Più che matador, mattatore.

    MATOS 7,5 : il mio Piccolo Careca è sempre più inserito nella Maquina; movimento nei 30 metri avversari, mai statico, con calamita verso la porta. Un danno per gli avversari. Lucido sempre, nonostante le continue corse.

    IAKOVENKO 6,5 : lavoro oscuro ma apre varchi, porta via l'uomo per Joaquin o Matos (e per Cuadrado); tenta sempre l'inserimento, il taglio. Sfigatissimo sulla traversa. Occorrerà nella lunga stagione.

    RONCAGLIA 6: ha l'invito, partecipa al party.

    AQUILANI 6,5 : terzo capitano di giornata, entra subito nel vivo del gioco.

    CUADRADO 7,5 : invasato, in trance, spirito libero, briglie sciolte, gambe Boltiane. Gol, traversa, assist, dribbling. In 15 minuti è stato Napalm.

    MONTELLA 7 : cattedra europea sua, nonostante il pensiero era a quando affronterà la Juve in EL più avanti.....ehehehe ehehehe....!

    RispondiElimina
  102. Malgrado i baci di Cacopalla del secondo tempo con i vari legni, centriamo lo score auspicato (ma mai scontato in questa strana coppa, vedi il pari dell'Alazzio a Cipro) e siamo ad 1 punto dalla qualificazione matematica, per il primo posto invece ci sarà da pazientare fino alla fine.
    Stiamo tornando a vedere grande calcio (i risultati erano già buoni, nonostante un paio di scivoloni) seppur a sprazzi, il prossimo obiettivo deve essere proporlo con continuità.

    RispondiElimina
  103. Neto 7.5; Tomovic 6+, Rodriguez 7+, Compper 7, Alonso 6.5; Bakic 6+, Borja Valero 6.5, Mati Fernandez 6.5; Joaquin 7.5, Yakovenko 5.5, Matos 7+[Cuadrado 7+, Roncaglia 6, Aquilani 6]. In questo allenamento deluxe, si ha la conferma di aver [ri]trovato Joaquin: non sarà mai più l'ala inafferrabile degli anni verdi, ma se in buona condizione anche oggi sa essere devastante, con la sua tecnica ed estro. Il gol è un capolavoro di conduzione del pallone, anche se dopo Chiellini, Barzagli, Bonucci e quelli del Pandurii, va verificato contro difensori veri [ahah]. Sempre più sicuro Neto, che esce bene un paio di volte, e salva un gol con un volo a terra repentino, una prodezza per tecnica, agilità, reattività, spinta sulle gambe. Rodriguez chiude al millesimo di secondo, e guida da par suo tutto il gioco nella nostra metà campo. Preciso Compper. Bakic mostra una buona personalità, visione del gioco, senso dei tempi e buona tecnica, anche se cerca troppo la giocata facile, in una serata che permetteva qualche ardire in più. Molto bravo Matos, sempre concentrato nel pressing e nel dare punti di riferimento ai compagni, caparbio e astuto nell'azione del gol. Imprendibile Cuadrado, entrato in una partita ormai in discesa. Poco altro d dire, se non che a Verona occorrerà fare tre punti a tutti i costi, per rilanciare il nostro sogno in campionato. In attesa di Gomez.

    RispondiElimina
  104. Da competente, ti rimando per l'ennesima volta affanculo.

    RispondiElimina
  105. Vincenzo Montella: "Joaquin con me ha sempre giocato alto a destra, ed evidente che quello è il suo ruolo, e quando la squadra ha campo e giochi in attacco lui può anche giocare nel 3-5-2 sempre che il suo opposto sia un giocatore con caratteristiche difensive." Di sicuro non fa parte di quel 35% di sapientoni che votano per il 4-3-3, non credo sia in pessima compagnia.

    RispondiElimina