.

.

venerdì 11 ottobre 2013

La figliola del Materassi


Un tempo avevo un certo successo con le donne, non proprio datato come l’ultimo successo della Fiorentina, ma negli anni ottanta ancora mi difendevo, naturalmente a zona, in quella San Frediano che oggi è diventata zona a traffico limilitato, mentre prima era un’area urbana dove si “tarfficava” parecchio. Poi sono cominciate a circolare strane dicerie e le ragazze hanno iniziato a scansarmi, le mamme hanno trasferito alle figlie il mito del posto fisso con picchi di gradimento verso i funzionari statali, che da figure sostanzialmente pallose agli occhi di quelle toniche creature che affollavano il quartiere, sono diventati tra i mariti più desiderabili, perché a loro dire quando la sera arrivano a casa non sono mai troppo stanchi ed hanno già letto il giornale. Certo, io ci ho messo anche del mio, un po’ come Neto contro il Grasshopper a Firenze, nel senso che cercavo di raccontare alle figlie che certi atteggiamenti sessuali, solo all’apparenza così liberi, non erano affatto sbagliati anche se fatti di nascosto,  ma che potevano essere visti anche con occhi meno maliziosi. In poche parole mi ha rovinato Clinton e il suo scandalo che a quei tempi coincideva con una certa mia passione per il sesso orale fatto con la figlia del Materassi, il padre aveva un forno e io apprezzavo molto di più il filone che avevo avviato con la figlia bionda. Per me un sogno come Scarlett Johansson nuda. Il clamore di questo scandalo mi aveva rotto un po’ le uova nel paniere, perché aveva sensibilizzato l’opinione pubblica sull’argomento, faceva vedere l’atto sessuale specifico solo sotto una cattiva luce, e allora cercai di cambiare i contorni di una vicenda un po’ torbida per cercare di farla apparire sotto una luce diversa, il problema è che la Cristina andò a raccontarlo alla madre. Avevo cercato di sostenere che non facesse niente di cui vergognarsi, che la nostra attività sessuale non poteva essere comparata con quella di Clinton perché lei non stava mai sotto la scrivania, noi eravamo liberi dietro ai cespugli del Bobolino, insomma alla fine della storia le feci credere che praticasse la liposuzione senza licenza, e lei andò dalla madre entusiasta di regolarizzare la sua attività e prendere il patentino perché aveva una grande passione per la liposuzione. Ricordo che non feci più sesso orale con la figlia del Materassi, ma istigai almeno un dubbio nella coscienza di Cristina che da quel giorno in poi si rifiutò di fare la liposuzione con me, gli dissi semplicemente che se la madre gli dava tutte queste certezze, che provasse allora a chiedere garanzie anche sul fatto che quando si chiude la porta del frigorifero la luce si spegne realmente. So che litigarono ma i pantaloni non me li slacciò più comunque. C’è sempre stata tanta selezione in San Frediano, vita dura, non sempre trovavi ragazze semplici che si accontentavano di quattro stronzate, si cominciava a incontrare ragazze che studiavano e con le quale dovevi pesare le parole senza rubare sul peso come invece succedeva spesso con la frutta al mercato in piazza Santo Spirito. La Gina mi dette di analfabeta solo perché avevo letto nei suoi occhi che mi amava. Questa evoluzione femminile un po’ ci spiazzò perché all’inizio degli anni sessanta c’erano ancora tanti vantaggi per l’uomo, specie in un quartiere così povero dove almeno i bambini maschi essendo tali avevano qualcosa con cui giocare. Oggi si va addirittura oltre a quello che è il problema del razzismo, le curve si svuotano per colpa della discriminazione territoriale, i tifosi diventano solidali, la tifoseria dell'Inter chiama, quelle di Juventus e Genoa rispondono. Dopo la chiusura dello stadio del Milan per i cori di discriminazione territoriale contro i napoletani, arrivano dagli spalti di Marassi e dello Juventus Stadium le prime prese di posizione all'invito dei sostenitori nerazzurri, che nei prossimi giorni studieranno una linea comune anche con i colleghi della Lazio con cui sono gemellati. Tutto l'universo ultrà si schiera compatto contro la norma che punisce i cori di discriminazione territoriale con la chiusura degli stadi. Almeno per quanto riguarda l’integrazione e la discriminazione razziale San Frediano è all’avanguardia, ieri sono andato al bar con un amico di colore, io ho bevuto un negroni e lui un bianco secco senza nessun problema. L’unico vero problema potrebbe nascere sui viali perché se le curve si svuotano e ci sarà anche il decreto “svuotacaerceri”, tutta questa gente andrà ad intasare la viabilità sui viali. Visto che il quartiere è sempre stato terreno torbido di storie di corna, oggi vorrei chiudere raccontandovi che anche San Frediano ha conosciuto il suo Pitagora, un uomo che è riuscito a scrivere un teorema proprio su un argomento così chiacchierato come il tradimento. Lui si chiamava Gastone e vendeva le stagne di cherosene per le stufe, dopo anni di studi di settore, ovvero dalla sua bottega di via Maffia studiava il passaggio sospetto di mogli e mariti, riuscì ad avviare il primo osservatorio per l’infedeltà coniugale. Gastone anche grazie alle esalazioni del cherosene riuscì a definire in maniera matematica la figura del cornuto, e cioè l’unità la cui metà è al di sotto di un terzo.

112 commenti:

  1. Chiarificatore11 ottobre 2013 08:15

    Cazzo poeta, mi hai messo in difficoltà, non volevo così, avrei voluto in altro modo, ma, comunque sia, va bene lo stesso, hai messo la bellezza fatta donna, Venere, in vetrina.

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore11 ottobre 2013 08:17

    Poeta ti prego, a questo punto la sua gnocca mettila solo se non è depilata, per favore, altrimenti sarebbe una delusione.

    RispondiElimina
  3. Chiari, a me non piace (immagino quanto le dispiaccia). Non per il genere di appartenenza, ma per la vacuità della sua bellezza. Amo il tipo Jennifer Connelly, se vogliamo stare sulle attrici.

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore11 ottobre 2013 09:34

    De gustibus.....

    RispondiElimina
  5. Ottimo gusto quello di Antoine, icona della bellezza anti-glamour, non patinata. Ha inchiodato i miei pensieri e i miei sogni per un periodo indefinito, lunghissimo, tutt'ora è nella top 3 delle mie preferite.

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore11 ottobre 2013 09:39

    E comunque, Antoine, anche la bella e brava, ma non divina, Jennifer Connelly merita tutte le nostre attenzioni.

    RispondiElimina
  7. Chiarificatore11 ottobre 2013 09:45

    Molti negli USA considerano "C'era una volta in America" il più bel film di sempre.

    RispondiElimina
  8. Non voglio però sembrare lo Zaller della situazione e non arriverò quindi a sostenere che la bellezza di Scarlett sia reazionaria: è certamente splendida. Con Jennifer Connelly, consiglierei il sottovalutato Requiem For a Dream di Aronofsky

    RispondiElimina
  9. Forse non lo è Chiari, ma resta una delle migliori ricerche sul tempo perduto e sulla memoria assieme al Marienbad di Resnais

    RispondiElimina
  10. A dire il vero, parlando di vette, la Concita De Gregorio dei ricchi non entusiasma nemmeno me, e la trovo più sexy che bella. Senz'altro, avessi chi mi fa di questi doni, preferirei Jennifer Connelly al suo meglio.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore11 ottobre 2013 09:59

    Se si parla di bellezza io mi attesto sulle due icone della bellezza, la più naturale e genuina, che ho citato, in altre, come Jennifer, da quel punto di vista meno eclatanti, apprezzo la bellezza espressiva e la grande bravura.

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore11 ottobre 2013 10:01

    Sono pienamente d'accordo.

    RispondiElimina
  13. Una così, anche con un briciolo di trucco è capace di prendere di tacco milioni di pin-up di polistirolo.

    RispondiElimina
  14. Ma anch'io preferisco le more, anzi le morone per essere più pignoli, solo che Scarlett è Scarlett, e francamente mi pare una fascinosa bellezza semplice.

    RispondiElimina
  15. "Diversamente", se parliamo di maschi (ma in tal caso nel parlo solo io), il mio riferimento, essendo River Phoenix, è molto ordinario. Con lui e soprattutto con l'immaginario Mike di My Own Private Idaho, il quindicenne che ero avrebbe volentieri giocato nello stesso modo in cui Marcel lo aveva fatto con Gilberte e felicemente sparso, come gocce di sudore strappategli dallo sforzo, il suo piacere.

    RispondiElimina
  16. Chiarificatore11 ottobre 2013 10:40

    Io, come Vasco, mi identifico in Steve McQueen, eh eh eh.

    RispondiElimina
  17. ...e allora Liv

    RispondiElimina
  18. Anche la casa di sabbia e nebbia merita almeno una visione.

    RispondiElimina
  19. Mah, io non c'ho né una donna ideale né un'attrice preferita, è grave? Mi piacciono molto tutte quelle elencate e penso tutte in generale.

    RispondiElimina
  20. Indovino? Selvaggia Lucarelli.

    RispondiElimina
  21. Prand su Balot:

    "Esca dal personaggio, si limiti a fare il calciatore, non insegua problemi che non ha. Il personaggio pesa più dell’uomo e del calciatore. Se ci sono problemi veri deve affrontarli senza nasconderli o fuggirli. Se i giocatori pensassero solo a giocare al calcio, saremmo sulla strada giusta"

    RispondiElimina
  22. Intanto mi pare che Travo e Lele abbiano seppellito l'ascia di guerra. Peccato, un altro paio di sverniciate al portatore insano di ciuffo le avrei lette con gusto.
    Sopra, ma te sei apparso su Rai 3? Era un'ardita missione di sabotaggio in casa del nemico? Ehehehe

    RispondiElimina
  23. Lele l'ha tritato ben bene ed alla fine il Travy ha dovuto chiedere scusa con la coda tra le gambe. Comportamento classico tipico di uno tutto chiacchiere e distintivo.

    RispondiElimina
  24. Gonfia, è lei, come hai fatto ad azzeccare?

    RispondiElimina
  25. Sei un trashone Vita, è il lato oscuro. Peccato perché volevo nominarti jedi onorario.

    RispondiElimina
  26. Io la Kinski l'avrei trombata fino a farle venire gli occhi sporgenti come papà

    RispondiElimina
  27. Ahahah Guerre Stellari? Trashone perchè mi garba una mora tettona? Naaah, hai presente il mitico film che nominavi l'altro ieri sera? Ecco, io sono un nichilista.

    RispondiElimina
  28. LELE, TORNA QUI A CASA!!!

    RispondiElimina
  29. Una Dea, una Dea. Lei e Milla, il meglio degli anni '80 e '90.

    RispondiElimina
  30. Lele gobbo. E sennò vieni qui a smentirmi.

    RispondiElimina
  31. Trashone come me, comunque tiè:

    RispondiElimina
  32. Beh, trovo che il classico "Uomini? Io un me ne intendo, un son mia finocchio!" abbia poco senso, degli occhi e un minimo di gusto ce li abbiamo tutti. Ovviamente non c'è desiderio di mezzo, quindi le valutazioni saranno forse un po' diverse, non so...Nel campo, penso che su Alain Delon ci sia poco da dire, un tipo bruttoccio ma particolare potrebbe essere Vincent Gallo, altro uomo interessante Gérard Lanvin de La Belle Histoire di Lelouch, con la mia musa adolescenziale Beatrice Dalle. Ma ce ne son mille che ora non mi sovvengono, nel cinema...

    RispondiElimina
  33. Piccolissima in C'Era Una Volta Il West, peraltro...

    RispondiElimina
  34. Chissà se è vero, non ricordo se lei o lui lo scrissero in un'autobiografia, ma non so quanto fu dichiarazione esplicita, o trovata pubblicitaria per solleticare la morbosità dei lettori. Klaus se lo ricordano benissimo a Montecarlo [di Lucca], dove girò non ricordo quale film: trombò la metà delle donne del paese, tra cui un'adolescente bellissima, che quando fu bruscamente rigettata alla sua partenza di fine riprese, impazzì.

    RispondiElimina
  35. Non vorrei essere invadente, ma...

    RispondiElimina
  36. Però anche questa pischella... tettone e rock'n'roll, che altro pretendere?
    http://www.youtube.com/watch?v=j_Di2zZNYgo

    RispondiElimina
  37. E andando più sul carnale...

    RispondiElimina
  38. Già propostaci, come del resto io la Dalle, stiamo invecchiando...

    RispondiElimina
  39. ma no, l'altra volta che la proposi performava gli ACDC, ahah

    RispondiElimina
  40. Naturalmente la foto di copertina è un fotomontaggio, no?
    A proposito di Scarlett, un aneddoto. Anni fa avemmo per qualche mese in famiglia una ragazza alla pari, ungherese, che era lei sputata (con meno seno e più gambe). La prima volta che l'ho portata fuori di casa, giuro, la prima, un giovane professionista fiorentino, l'ha adocchiata, e a cominciato a tampinarla; nel giro di poche settimane ci s'è fidanzato e dopo pochi mesi l'ha sposata.

    RispondiElimina
  41. La posto anche nel candore di una canotta bianca che la avvolge mentre allarga la bocca...

    http://www.youtube.com/watch?v=q--6MIFsTFc

    RispondiElimina
  42. Si, è il sogno di cui parlavo nel post di oggi.

    RispondiElimina
  43. Vita, è la donna che mi conturba di più nel range che hai indicato. E non solo. Per me è bellissima, forse volevo dire arrapantissima. Comunque quando non c'è da vincere niente indovino spesso, eheheh!

    RispondiElimina
  44. Colonnello, Lele era a pranzo con me oggi. Non torna.

    RispondiElimina
  45. Io un paio di duetti ce li farei volentieri.

    RispondiElimina
  46. Certo che non si sarebbe mai immaginato una carriera simile. Nei film di Edgar Wallace, sempre suoi i 'gialli del martedì' al mio paese, non lo facevano mai arrivare vivo alla fine del primo tempo. Era una scommessa di quei tempi tra noi ragazzotti

    RispondiElimina
  47. E Rupert Everett? Fece impazzire tutte e tutti, non io ma mi rifaccio a Deyna qui sotto, ai suoi tempi.

    RispondiElimina
  48. Se la tira, eh se se la tira, ma ne ha ben donde! Femmina al massimo, per me e Vita, ahahah!

    RispondiElimina
  49. P.S.: "Cronaca di una morte annunciata" pessimo film di un capolavoro di Marquez, letto tutto d'un fiato, notte in bianco ma ne valse la pena.

    RispondiElimina
  50. Nooooooooo! Digli di tornare, insisti, Pollock. Almeno salutacelo.

    RispondiElimina
  51. Io l'ho già postata l'altro giorno, lo rifaccio oggi:

    http://partitodemocratico.gruppi.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/38949/Irene%20Jacob%20in%20film%20rosso.jpg

    http://images2.wikia.nocookie.net/__cb20110415191803/doblaje/es/images/6/66/IreneJacob_.jpg

    RispondiElimina
  52. 'Non me' e non 'non io' sopra, azz...

    RispondiElimina
  53. A proposito...viva la foca!

    http://www.repubblica.it/ambiente/2013/10/11/foto/lo_squalo_attacca_la_foca_si_salva_in_equilibrio_sul_naso-68368543/?fb_action_ids=10202388

    RispondiElimina
  54. Appena vista la prima fonte, temevo un Renzi nudo, non si sa mai con quell'omo

    RispondiElimina
  55. Si, FOCO, sono stato a Telekabul (1998 o 99, manco ricordo!) in una trasmissione con Sonia Raule (Milf da guerriglia suburbana), si parlava di arte, la tua materia preferita, viste le opere d'arte che ci proponi in foto...eh eh eh eh! Comunque, visto che qui in Riblonfica scrivete ancora di donne, vi aggiorno: da circa un anno è tornata la moda dei sopraccigli folti (una mia passione) e qui a Parigi (inviato del blog per Verratti) sono in sollucchero. Il ficaio major conserva tutte le varietà di patata mondiale, una riserva di caccia infinita. Vado a godermi i Fleetwood Mac, poi.......eh eh eh eh eh eh.....alla presa della Bastiglia! (non pastiglia!).

    RispondiElimina
  56. Opere d'arte mobile [cfr. Diprè]

    RispondiElimina
  57. Sopra, visto che oggi mancano le tue parallele, la faccio io con musica, milf, ecc, mentre guido ascoltando il medesimo pezzo, con a fianco persone diverse in vari momenti.


    -Il mio migliore amico: "...na na na na RE-SPECT, WALK, WHAT DID YOU SAY..."


    -la mi'sorella: "...Anselmo se si drogasse un po'meno..."


    -la mia ragazza "fino ai Guns'n'Roses ce la faccio ad ascoltare, ma questi sono troppo pesi"


    -una milf: "hai nulla di Biagio Antonacci?"


    -la mi'mamma "eppure da piccolo eri così dolce e perbenino"


    -il mi'babbo "icchè fa questo? Rutta?"

    RispondiElimina
  58. A me mi sembra che, tra tutti, se vi legan le mani e vu smettee subito di trombare. O Segantini ma che pensate un po' anche alla Juventusse e trombate di più e chiaccherate meno!

    RispondiElimina
  59. Confesso una passione moderata per il tipo efebico-lolitico-messicano-sfrontato-tuttovaben. Resto partigiano della biondona appena ammiccante, profonda, solida e maiala. Le acrobazie esibizionistiche, anche giocattolesche, astratte quanto una disamina di match da parte di Zazà, mi lasciano freddino. Mi piacciono le calme ghepardone roche di pelle non secca che se dai loro un cazzo in mano sanno cosa farci. Ma è anche probabile che le, diciamo, mie cogenti inibizioni professionali mi taglino via dall'apprezzamento della neue Geschlechtlichkeit.

    RispondiElimina
  60. Paccottiglia vegana: passato di cicerchie con miglio. Contro i gobbi vinceremo grandemente col finto tridente Ilicic-Rossi-Cuadrado. Seguirà trituramento zalleriano al grido "sempre l'azzecco" fino a farci rimpiangere l'avvenuta vittoria.

    RispondiElimina
  61. Cooking hostile!


    http://www.youtube.com/watch?v=8IdCwtIijOA

    RispondiElimina
  62. Siamo in ogni caso persuasi che la denegata sconfitta dipenderebbe comunque da Gomez, anche se in versione ectoplasma. Zaller sta quindi in una botte di ferro.

    RispondiElimina
  63. Fatto un mezz'oretta fa, Jordy, con mucho gusto. Non posto le foto dell'evento per signorilità estrema. Adesso m'invento un invito a cena da amici per un delicato arrivederci e poi prendo il mio amico/bassista Rambo e a tarda sera s'annamo a fa un goccio. Siccome domani comincio i turni di notte, tenterò un bis last minute post- bevuta con qualche giovinotta al locale. Devo ottimizzà.

    RispondiElimina
  64. ahahahahahaahahahahahahahahahahahahahaha ahahahahahahahahahahahahah

    RispondiElimina
  65. Gionfia, mi conforta sapere che non sono l'unico a pensarla così su di lei...

    RispondiElimina
  66. Che poi è come ci vede Antoine nel segreto delle nostre cucine, ahah

    RispondiElimina
  67. Jordan da qui alla Juve e c'è dieci giorni, o che vuoi fare la formazione ora? No, io aspetto il ritorno di Lud, perchè voglio fare il 4-3-3 ma non so chi mettere a sinistra. Antoine qui sotto ci suggerisce Ilicic, ma scarto l'ipotesi perchè a Montella non piace e non lo voleva nemmeno, è un dato oggettivo empirico scientifico indiscutibile inconfutabile, anche se l'allenatore non ha mai detto un cazzo di tutto ciò, però è palese e se ve lo dico io buona camicia a tutti.

    RispondiElimina
  68. "swiss cheese chicken" ahahahaha

    RispondiElimina
  69. Fu portata alla ribalta da Mirabella, grande menestrello, di mattina su Rai3. Il corpo, gli occhi (sono fari abbaglianti ed io ci sono davanti, Mal) ma soprattutto il sorriso sono, per me, il massimo della seduzione femminile, anche se a volte può sembrare aggressiva. Adesso twitta tanto, ma tanto, ahahah!

    RispondiElimina
  70. Bene Foco, a tutto foco che pietà gli è morta, e ricordatelo che ogni lasciata è persa.

    RispondiElimina
  71. Ljajic centrale......icché, s'è venduto ?! Non ditemelo, non ci credo, s'è gettato a mare un modulo innovativo e vincente. Sarà giunta la notizia alla Gazzetta Del Lago ?!

    RispondiElimina
  72. Chiarificatore11 ottobre 2013 22:11

    L'Italia di Brandelli di uomo e di Tontolivo allo sbando, la salva Aquilani.


    Il bel gioco di Brandelli di uomo è durato un paio di notti di mezza estate 2012.


    Questa è l'involuzione che dovrebbe preoccupare Ludwig.


    Ma questa involuzione Lud non la vede, l'amore per Brandelli di uomo lo acceca.

    RispondiElimina
  73. Chiarificatore11 ottobre 2013 22:20

    Quei coglioni di RaiSport, inviperiti perché ha pareggiato Aquilani, stanno sminuendo il suo gol.


    Fortuito un cazzo, razza di idioti! Intanto era lì, al posto giusto, e poi la gamba ce l'ha messa.


    Vorrei vedere cosa direbbero se lo stesso gol lo avesse segnato Barotelli.

    RispondiElimina
  74. A essere onesti la gamba Aquilani la stava togliendo...Gran gol di Osvaldo, di classe tutta argentina. Buffon promettente per i Mondiali, spero resti in queste condizioni. Montolivo...Montolivo.

    RispondiElimina
  75. E ora, gran serata di calcio sudamericano: Colombia-Cile e Argentina-Perù!

    RispondiElimina
  76. Chiarificatore11 ottobre 2013 23:00

    La gamba di Aquilani era nel posto giusto per mettere la palla dentro, così come al posto giusto era Aquilani. Gol del genere Gerd Muller ne ha fatti a decine sentendosi poi esaltare per quei gol, e stessa cosa , ripeto, avrebbero detto di Barotelli, se fosse stato lui a pareggiare nello stesso modo, e tu, Deyna, se lo avesse fatto Osvaldo forse non avresti detto che stava togliendo la gamba, ma avresti forse parlato di gran fiuto della posizione e di gol da vero centravanti. .

    RispondiElimina
  77. No, non mi spingo a tanto, ahah...Da quel che ho visto mi sembra che si tiri indietro con corpo e gambe per lasciare passare il tiro di Osvaldo, ma la palla gli picchia ugualmente addosso. E' un gol come altri, Inzaghi c'è campato, ma la gamba non mi pare ce l'abbia messa come dici tu, sentiamo gli altri...

    RispondiElimina
  78. Ho visto come Deyna. Ma a Coverciano Prandelli ha insistito molto su quel movimento, da Hula-Hop.

    RispondiElimina
  79. Chiarificatore11 ottobre 2013 23:14

    Deyna, la gamba ce l'ha messa, senza ombra di dubbio, perché era lì la gamba, ed anche in movimento come dici anche tu, e appunto come è capitato tante volte agli Inzaghi ed ai Gerd Muller, senza che alcuno andasse a sminuire , a sindacare se la stavano mettendo o togliendo la gamba, ma al contrario esaltando il loro fiuto, il loro istinto, il loro senso della posizione giusta al momento giusto, ed i loro riflessi. Stessa cosa avresti detto tu se lo avesse segnato Osvaldo, anche il secondo gol azzurro di stasera.

    RispondiElimina
  80. A me è parso si volesse scansare ma di vero c'è che lui era li, al posto giusto nel momento giusto.

    RispondiElimina
  81. Se non mi si tappano gli occhi Colombia-Cile la vedo, argentina-Perù neanche sotto tortura, l'argentina è una squadra senza futuro, troppi bolliti e poca qualità, rispetto a loro pare messa meglio l'Italia vista stasera, ed è tutto dire.

    RispondiElimina
  82. Chiarificatore11 ottobre 2013 23:28

    E non mi interessa un cazzo se in un empito di umiltà persino Aquilani parla di gol fortunoso, Aquilani non sta fermo all'arrivo della palla, istintivamente si muove, tanto da trovarsi con la gamba nella posizione per fare la deviazione decisiva. Gilardino, Barotelli, Gerd Muller non avrebbero mai detto di un loro gol identico che era fortunoso, così come non lo avrebbero mai detto i commentatori.

    RispondiElimina
  83. Si potrebbe tranquillamente testimoniare sotto giuramento, è verità inconfutabile che Aquilani fosse lì.

    RispondiElimina
  84. Chiarificatore11 ottobre 2013 23:31

    Decisivo poi a smentire la fortuità del gol di Aquilani è, come ha detto, il fatto che Aquilani non era in quella posizione fortuitamente.

    RispondiElimina
  85. Chiarificatore11 ottobre 2013 23:33

    "Come ho detto", non "come ha detto".

    RispondiElimina
  86. Chiarificatore11 ottobre 2013 23:37

    E non casualmente, caro Gonfia

    RispondiElimina
  87. Certo che non si risparmia neanche la stampa amica:

    http://www.fiorentinanews.com/2013/10/un-colpo-di-c-di-aquilani-in-pieno-recupero-salva-limbattibilita-di-prandelli/

    RispondiElimina
  88. Chiarificatore11 ottobre 2013 23:49

    Aquilani si trova spesso in quella posizione, Montolivo, ad esempio, mai, anche quando gioca o giocava più avanzato

    RispondiElimina
  89. Ma che schema di gioco s'aveva? Chiedetelo allo svizzero di Massaciuccoli che diceva che si giocava il 4-3-3 con Candreva-Balotelli-Rossi. Ora sta a vede' che pe' lui l'è un'ala anche Diamanti!

    RispondiElimina
  90. Che fosse lì è un fatto, ma se Chiari dice "ha messo la gamba" si sottintende la volontarietà, mentre invece la volontà era di toglierla. Insomma il gol è abbastanza fortuito - non c'entrano nulla istinto e riflessi, anzi è stato "leto" perché non ha fatto in tempo a toglierla del tutto, la gamba - ma non mi interessa aprire un dibattito interminabile su questo, era lì, ha deviato, ben per lui...

    RispondiElimina
  91. Grande primo tempo del Cile in Colombia: Vidal mostruoso, Sanchez doppiettista, Valdivia delizioso, Medel guerriero, Edu Vargas una freccia. Colombia per ora fuori partita, Cuadrado nullo, si è svegliato solo allo scadere con un tiro da fuori, ma è molto nervoso.

    RispondiElimina
  92. dagli amici mi guardi Iddio che a' nemici ci penso io. Da parte mia spero che ne faccia un paio uguali nella porta di Buffon domenica.

    RispondiElimina
  93. Vedo che non ci sei cascato eh eh eh eh eh meglio così.

    RispondiElimina
  94. Se gli dici 4-5-1 s'incazza, in maniera biblica temo.

    RispondiElimina
  95. Jordan se mi fa una quindicina di goal così l'anno a me va benissimo, anche più brutti vanno bene lo stesso.

    RispondiElimina
  96. Ma che vuol dire se si muove, si muove per scansarsi dalla palla, mica per deviarla in rete! Il gol è suo [anche se volendo proprio cavillare sul regolamento che stabilisce che se la palla tirata verso la porta da un compagno il giocatore devia involontariamente, il gol è di chi tira...si rischierebbero similitudini col tocco di pancia di Gabbiadini sul tiro di De Silvestri], conta quello, ma che sia fortunoso è pacifico. Sennò a voler far pensare a Aquilani il contrario di quel che dice si rischia lo zallerismo visto con l'intervista a Montella...

    RispondiElimina
  97. Anche Gabbiadini non era in quella posizione fortunosamente, ma il gol è stato assegnato a De Silvestri. A me non frega nulla di chi fa un gol dell'italia, ma perché non si può ragionare obiettivamente, a prescindere da quel che dicono i circensi della tv?

    RispondiElimina
  98. Comunque Vidal oggi - spiace dirlo - è tra i primi tre centrocampisti del mondo, fortissimo.

    RispondiElimina
  99. Chiarificatore12 ottobre 2013 00:08

    Non ti capisco, Deyna, vuoi dire che per te il gol non è di Aquilani?

    RispondiElimina
  100. Chiarificatore12 ottobre 2013 00:11

    I circensi insistono sulla presunta fortuna di Aquilani solo perché si è trattato di Aquilani. Insisto, non avrebbero detto lo stesso se si fosse trattato di Barotelli.

    RispondiElimina
  101. In filo di regolamento, se a Gabbiadini non hanno assegnato il gol perché il tocco era involontario, potrebbe anche non essere suo. Ci vorrebbero esperti interpreti del regolamento però per stabilirlo...

    RispondiElimina
  102. Probabilissimo, ma a me piace guardare ai fatti obiettivamente, senza essere influenzato da nulla, ove possibile

    RispondiElimina
  103. Chiarificatore12 ottobre 2013 00:13

    Fuori dal mondo,secondo me, quello che stai dicendo, la deviazione è stata decisiva.

    RispondiElimina
  104. Non ho riguardato ancora l'azione, se il tiro di Osvaldo finiva fuori il gol è senza dubbio di Aquilani, se finiva in rete, in punta di regolamento è di Osvaldo, anche se nessuno lo richiederà. C'entra niente se Aquilani anche in passato si è trovato in area [e che c'incastra?], e che la devizione è decisiva. Anche per Gabbiadini valevano queste considerazioni, e il gol è andato a De Silvestri.

    RispondiElimina
  105. Incredibile rimonta colombiana, favorita però dalle decisioni dell'arbitro.

    RispondiElimina
  106. Il punto comunque non era questo, ma se il gol era o no fortunoso, e lo è, come ammesso dallo stesso Aquilani.

    RispondiElimina
  107. Sarebbe da parallele....
    - DEYNA "Cile- Colombia, non c'è partita...Colombia nulla"
    - ANSA "Cile- Colombia, splendida rimonta dei gialli, sempre poderosi".

    RispondiElimina
  108. Chiarificatore12 ottobre 2013 08:24

    Mi sembra che tu mischi due ragionamenti Deyna. Appurato che il gol è di Aquilani solo perché la sua deviazione è decisiva in quanto il tiro cross di Osvaldo andava abbondantemente fuori, io non considero il gol fortunoso perché frutto nella logica, perché sta nella logica del tiro-cross cercare o il gol o deviazioni, perché che Aquilani fosse lì non è casuale anzi nella norma del suo gioco, e perché Aquilani non è soggetto passivo anzi fa un movimento teso a non ostacolare ma anzi condizionare in qualche modo la traiettoria del pallone.

    RispondiElimina