.

.

venerdì 25 ottobre 2013

Il gol fallo, l'italiano sallo

Dalla prodezza di Joaquin in poi è stato un primo tempo senza più storia, mentre i primi 20 minuti sono stati utilzzati dalla squadra per ruttare calcio e smaltire così la  fermentazione dei festeggiamenti. Il giovane Matos dimostra di avere confidenza con il gol che guarda sempre dritto negli occhi, con una familiarità che ricorda quella della prostituta con il preservativo, mentre il primo tempo di Mati è tutto un caracollare dromedario che porta a spasso per il campo insieme alle nostre perplessità. Neto conferma sulle palle laterali  basse la sua migliore qualità. Montella malgrado il doppio vantaggio ripresenta la stessa squadra all’inizio della ripresa, poi Cuadrado smantella la difesa del Panduri come un campo nomadi, in un secondo tempo dove gestiamo e sprechiamo gol almeno quanto sono stati i soldi gettati sulla Salerno - Reggio Calabria. Insomma, promosse anche le seconde linee, Compper è puntuale come Equitalia e asettico negli interventi come un chirurgo, Bakic cresce e lascia buona traccia di se. La terza vittoria consecutiva in coppa mostra forse la miglior squadra italiana in Europa fino a questo  a momento, la sensazione è che dopo la vittoria con la Juve la squadra abbia fatto il salto, anche Della Valle è cresciuto e così si è messo la cravatta come se dovesse andare alla comunione del figlio. Devo dire che anche se il Pandurii non è il Barca bisogna essere comunque soddisfatti, del resto la vera felicità sta nelle piccole cose, come appunto una vittoria con una piccola del calcio europeo, o una piccola villa, un piccolo yacht, o una piccola fortuna. Si, stiamo ricominciando a giocare bene, adesso ci vuole continuità a cominciare dalla vittoria a Verona, le perplessità per un paio di risultati fasulli, e per lo sciopero del gioco a singhiozzo sembrano essere cancellate. Che bella squadra, anche senza Gomez siamo fertili come una donna dalla prima mestruazione alla menopausa, siamo appagati, andiamo a letto sereni e non come chi invece dopo averne presi 4 + 2 a Madrid in tre giorni va a dormire con problemi sessuali e si risveglia con la soluzione in mano, oppure va a dormire con il prurito al culo e si sveglia con un dito puzzolente. Noi no, non abbiamo il loro patè d’animo, adesso riposiamoci e diamoci una bella rifucilata per affrontare con la determinazione feroce di voler vincere domenica. Magari uniamo l’utero al dilettevole e portiamo a casa i tre punti da Verona. Conte ha detto che di fronte alla clamorosa rimonta Viola è rimasto putrefatto, molti juventini hanno sodomizzato la sconfitta, altri hanno avvertito un forte dolore in mezzo allo sterco, noi Viola no, noi siamo proprio agli antilopi. Siamo felici e fiduciosi, e in un momento così bello voglio spezzare un’arancia a favore della Beatrice che ha si un gran bel culo ma ha anche problemi seri con la vista che non gli permettono di vedere la sua squadra del cuore dalla curva Fiesole, mi dice sempre “te che scrivi su un blog cerca di speronare la causa dello stadio nuovo”, e ha ragione da vendere perché come io ho il piacere di vedere nitidamente il suo curvino a mandolino lei ha il diritto di vedere la sua bella Fiorentina da una distanza ragionevole, è molto tenera a differenza di quel suo marmo posteriore, quando strizza gli occhi come una talpa e guarda la baguette che compro dal Materassi scambiandola per il mio uccello, si, è vero che è una vogliosa e pecca così tanto da dirmi che quando muore vuole essere cromata, ma vorrei aiutarla quando mi dice che da vicino ci vede bene ma che da lontano è lesbica.

137 commenti:

  1. Chiarificatore25 ottobre 2013 08:32

    Mi piacerebbe che altri avessero l'onestà intellettuale dell'ottimo McGuire e magari dicessero che forse su Neto avevano sbagliato giudizio. E non sto pensando solo al Colonnello che è un estremista del pensiero, eh eh eh.




    Joaquin, la classica ala destra che non tramonta mai e rinverdisce la grande tradizione viola nel ruolo.


    Ora prevedo che gli infamatori di professione, a corto di obiettivi, concentreranno i loro sforzi sul povero Jakovenko. Vorrà dire che un bel giorno farà bene anche lui, ah ah ah ah ah ah.

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore25 ottobre 2013 08:34

    Se ci siamo, Lud, potresti premettere che forse ti stavi sbagliando, o no?


    Quella mia qui sotto su Neto è rivolta anche a te, se non te ne fossi accorto.

    RispondiElimina
  3. Ho scritto molte volte che Neto non era il problema della Fiorentina, Chiari e se vai a riguardare mi sono sempre astenuto dai dibattiti sulla sua posizione in caso di goal incassati che ho sempre trovato molto accademici. I problemi erano e sono in attacco, dove bisognava ritrovare identità e gioco. Per fortuna è riuscita la rischiosa operazione di spostare Cuadrado a sinistra, Joaquin è a sua volta, come Cuadrado, un "winger". Perciò i due winger ora li abbiamo. Il centre forward è Rossi. Sia Cuadrado che Joaquin, come Montella ha spiegato, possono giocare in vari ruoli, e particolarmente nel 3-5-2, Joaquin come seconda punta, Cuadrado col compito di coprire tutta la fascia. Possono ma non rendono certo come dovuto. Cuadrado nella fase difensiva è un disastro, Joaquin come seconda punta spaesato. Dunque Montella, nel quale ho sempre avuto fiducia, ha trovato la "cuadratura" del cerchio. E in 45+90 minuti abbiamo fatto sette goal e dato uno spettacolo indimenticabile.

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore25 ottobre 2013 08:52

    La foto l'ho vista dopo, Lud, peccato, perché mi era sembrato che una volta tanto tu ne avessi scritto una giusta riferendoti alla qualità del gioco, eh eh eh.
    Quanto al 4-3-3, da parte mia e da parte dell'ovvio e del risaputo, ti posso solo confermare che esiste, è in ottima salute, ma che non è la panacea di tutti i mali, è solo uno dei tanti modi in cui si possono disporre i calciatori in campo, quando si hanno quelli adatti ed in questo modo si esaltano i loro ruoli, e che non garantisce nella maniera più assoluta la qualità del gioco che, come sanno anche i sassi, dipende da come ci si sta in quel contenitore.
    Ma so già che di queste considerazioni, come è tuo costume, tu non terrai minimamente conto.

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore25 ottobre 2013 08:56

    Lud, mi sembrava di ricordare qualche tua battutina velenosa su Neto, quando non era molto popolare, così tanto per provocare i sostenitori di Neto, qui e nel sitone. Ma può darsi che la memoria mi inganni. In ogni caso non guasterebbe qualche tua parola di elogio rivolta a Neto.

    RispondiElimina
  6. Per me la questione portiere è sempre stata poco rilevante nel bene e nel male, non sono andato oltre qualche battutina velenosa nel contesto del mio dibattito con Jordan. Ad esaltarci aspettiamo però di valutarlo in una stagione. Sul 4-3-3, di cui ho riproposto una immagine standard, dico soltanto che a Firenze e con Montella è il modulo che permette il gioco migliore e valorizza certi nostri interpreti come Cuadrado. Che quest'ultimo sia il vero grande top viola lo sapeva Conte ad esempio, che ha fatto la partita su di lui raddoppiandolo, triplicandolo e quadruplicandolo finchè ha potuto ed anche contro ragione.

    RispondiElimina
  7. Vorrei spendere due parole sul Pandurii: è una squadra di scarsissima tradizione calcistica e ha un nome molto buffo per noi italiani, ma è comunque una squadra che l'anno scorso è arrivata seconda nel campionato rumeno e che attualmente è quarta nello stesso campionato. Se si chiamasse Dinamo Bucarest o Cluj o Uiversitatea Craiova sarebbe probabilmente trattata con minore ironia e sufficienza.
    Tutto questo per dire che la vittoria e la bella prestazione di ieri non era affatto scontata: guardate la Lazio che ha pareggiato con l'Apollon Limassol (squadra a cui abbiamo rifilato 7 gol in amichevole quest'estate, se non ricordo male) e ricordiamoci delle figure baribine delle squadre italiane in Europa League negli anni passati.
    Ieri abbiamo avuto una lieve sbandatura per i primi 15 minuti, quando abbiamo giocato con suffocienza e loro si sono resi pericolosi (hanno qualche buona individualità in attacco, tra cui Dos Santos, che non ho capito perché il loro allenatore ha tolto a inizio ripresa), poi pian piano siamo venuti fuori, abbiamo segnato due gol in pochi minuti grazie a un'invenzione di una grandissimo Joaquin e a un errore di un loro difensore (comunque molto bravo Matos) e da lì la partita è andata in discesa, per cui nel secondo tempo tutti si aspettava solo il gol che sbloccasse Iakovenko. che purtroppo non è arrivato.
    Ho visto bene Bakic, dopo un inizio di partita così così ha preso coraggio e ha ben diretto il nostro centrocampo insieme a Borja: ha caratteristiche diverse da Pizarro, sicuramente (ma è più veloce), ma promette molto bene.
    Cuadrado e Aquilani hanno fatto una buona sgambata a fine gara, in particolare il colombiano è stato devastante, sembra essersi ripreso totalmente dopo l'infortunio.
    E quando torneranno a pieno regime Gomez, Ilicic e Rebic.... mamma mia!

    RispondiElimina
  8. Buona squadra il Panduri, ieri sera poteva metterci in difficoltà se certe traverse fossero stati goal. Alla lunga è stata distrutta come logico.

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore25 ottobre 2013 09:26

    Lud, portiere poco rilevante?! Battutine velenose da parte tua su di lui, perché? E perché ora non sottolineare che sta facendo bene?

    RispondiElimina
  10. Chiarificatore25 ottobre 2013 09:28

    Confermo il 4-3-3 non garantisce di per sé il gioco migliore, dipende da chi hai e da come ci sta dentro.

    RispondiElimina
  11. Non ho scritto che il ruolo del portiere è irrilevante, ma che la questione di Neto è stata troppo gonfiata e che non rappresentava il problema numero uno della Fiorentina. Non oggi ma mesi fa. Per dare un giudizio definitivo su Neto però aspetterei la fine della stagione.

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore25 ottobre 2013 09:48

    Sì Lud, ma le battutine velenose e provocatorie su Neto non te le sei fatte mancare, ed ora non sottolinei che sta facendo bene.

    RispondiElimina
  13. Ex multis dal velenoso: "le immagini già viste ieri da altre angolazioni di Neto in occasione del
    raddoppio del Parma mostrano un ballerino di tarantella, un Pinocchio,
    tutto meno che un portiere di A nell'esercizio delle sue funzioni".

    RispondiElimina
  14. A Firenze con Montella e Cuadrado, con Ljajic e ora Joaquin per me resta il modulo più affascinante. Chi pensava che fossi un nostalgico di Adem spero capirà (anche se dispiace perdere un ventiduenne così, l'importante è che il ruolo sia coperto, e con Cuadrado a sinistra e Joaquin a destra siamo a posto).

    RispondiElimina
  15. Confermo ma era vero, infatti secondo me Chiari ha troppa fretta a chiudere la questione che sarà archiviata solo a fine stagione.

    RispondiElimina
  16. http://www.youtube.com/watch?v=v1NIqFwm6cc

    RispondiElimina
  17. Per Chiari e per tutti (a parte Jordan, forse) la questione resta aperta, peraltro con fiduciosa aspettativa. La tua era invece una sentenza inappellabile ("tutto meno che un portiere di A nell'esercizio delle sue funzioni"); quindi tu e solo tu avevi chiuso la questione (come con Cerci, come con Joaquin, come con Gomez e le risorse male allocate), ma come al solito non ammetti l'errore.

    RispondiElimina
  18. In ogni caso: fanculo a Joaquin e a tutti i bastardi ammazzaTori.

    RispondiElimina
  19. Lud, ma non potevi pescare lo schemino da un sito italiano? Tutto va bene nella discussione, ma un anno a base di left winger, centre forward e full back non lo reggo, bada! Venendo a ieri, avrai notato che la partita l'abbiamo vinta con Yakovenko [scarso purtroppo, e lo dicevo da quando è venuto] e Matos [bravo ma come dici tu senza esperienza di serie A] - dopo il 2-0 i rumeni hanno smesso di giocare, la gara era in discesa - dimmi te se si possono tirare conclusioni dopo una partita col Pandurii...Inoltre, ti sembra che Matos e Cuadrado abbiano fatto la stessa cosa su quella fascia? Matos giocava di punta ed arretrava a pressare e a cercare di riconquistare palloni, Cuadrado, come con la juve, partiva da lontano, facendo al solito l'esterno a tutto campo [come del resto lo vede Montella, e l'ha detto nell'ultima intervista]. Ieri c'era una difesa a quattro, possiamo dire, così Cuadrado aveva le spalle più coperte da Alonso, ma non lo vedremo mai fare l'attaccante in un 4-3-3, perché attaccante non è. Restando sull'elementare, le nostre due diverse maniere di giocare in avanti, con Matos e con Cuadrado, ti avrebbero quanto meno dovuto mostrare che si può dare un'interpretazione completamente diversa a un modulo che per convenzione chiameremo 4-3-3...

    RispondiElimina
  20. No, a dire il vero anche l'umorale Colonnello aveva chiuso la questione dopo la gara con il Parma, dicendo che Neto non era più il suo portiere, e andava cambiato a gennaio...

    RispondiElimina
  21. Cuadrado e Ljajic già lo scorso anno giocavano in posizioni diverse. Ljajic più avanzato, Cuadrado col compito di partire più da lontano. Matos a sua volta interpreta il ruolo di esterno in modo diverso. Ma l'importante è non chiedere a Cuadrado di fare anche il difensore, perchè non ne è capace, e a Joaquin di fare la seconda punta. Entrambi rendono benissimo in questo schema. Le parole inglesi servono ad evitare gli sfinenti dibattiti su ala, esterno, attaccante ecc. Gli inglesi usano winger e la chiudono lì. Ma siccome sta scritto sui manuali spero non sarà oggetto di contestazione. Adesso si discuterà su quale sia il raggio di azione del winger per essere definito tale, io non credo che Cuadrado sia meno winger perchè ha un raggio di azione ampio. L'importante è tenerlo lontano dalla nostra linea di fondo e non chiedergli di fare il full-back.

    RispondiElimina
  22. La solita presunzione e protervia, le parole che hai riprodotto descrivono e giudicano solo quella azione infelice. Su Gomez non voglio tornare ma altri ben più di me avevano distrutto il giocatore salvo cambiare idea all'ultimo tuffo.

    RispondiElimina
  23. Il preseuntuoso sei tu, povero testina. Cerca di ammettere gli errori se sei una persona onesta intellettualmente!

    RispondiElimina
  24. Il famoso pentimento in articulo mortis.

    RispondiElimina
  25. Gli inglesi la chiudono lì perché considerano, appunto, un 4-3-3 da manuale, con due attaccanti esterni. E come tale sta solo sui manuali, o in qualche determinata messa in campo. Ma le interpretazioni possono essere mille, se proprio vogliamo parlare di moduli, quindi se dobbiamo discuterne dovremo analizzare ciò che sto "winger" fa. Non è che con un termine chiudi una discussione, come non la chiudevi con dei numeri. Quindi evitiamo sti inglesismi, che per i miei gusti già "top player" è urticante, ci manca che proliferiamo...Cuadrado comunque in ripiegamento non è il disastro visto domenica, ha fatto qualche altro errore in questo anno e mezzo, ma nella media di altri esterni. Del resto, quando faceva l'esterno a tutto campo nel 3-5-2 l'anno scorso, non mi pare tu ti sia lamentato di gravi carenze difensive di Cuadrado. E facevi bene, perché non dava molto di che lamentarsi...

    RispondiElimina
  26. Tu non sbagli mai perché quando ti va bene affermi che avevi previsto, quanto ti va male assumi che avevi meramente descritto. Invero la tua era una sentenza di morte, ma non avendo tu alcuna onestà intellettuale non puoi ammettere l'errore.

    RispondiElimina
  27. Invece ho sistematicamente rilevato che ci faceva incassare dei goal. Ricordo per esempio una tipica situazione: Cuadrado in ripiegamento sulla nostra linea di fondo, prova a fermare l'attaccante avversario ma perde palla ed è costretto al fallo. Punizione degli avversari palla che spiove in area, goal. Come difensore è insicuro, via. Mi pare sia il Catania.

    RispondiElimina
  28. Parallele fiorentine: 

    - 24/10/2013 Sopravvissuto "Bakic 7,5"

    - 25/10/2013 Montella "Bakic strepitoso"

    RispondiElimina
  29. Novellino su Babacar: "Babacar come Balotelli? Secondo me ha più qualità e non sto scherzando. So benissimo quanto Balotelli sia forte ma Babacar lo conosco e lo alleno tutti i giorni, per me ha più qualità del rossonero".

    RispondiElimina
  30. Una persona equilibrata che non ricorda i suoi scritti e non è capace di spiegarli a distanza di neanche un mese.
    Ludwigzaller
    "perchè Neto ha avuto le occasioni che si chiedevano e le ha fallite. Si tratta di un tassello di quella operazione di indebolimento della rosa che è stata portata avanti in estate"
    Una banderuola. Una frase un uomo. Oggi:
    "Ho scritto molte volte che Neto non era il problema della Fiorentina,"
    Non è un problema un tassello di un'operazione di indebolimento della rosa ?!
    Lud, guardati allo specchio ma non metterti a ridere.
    Ma che dire di:
    ", con l'acquisto di un solo costoso elemento, di altri giocatori inutili, decotti o di misterioso utilizzo, e nessun serio tentativo di rafforzare la rosa o anche soltanto di tamponare le perdite."
    Inutili, decotti o di misterioso utilizzo. Questa è la persone equilibrata che strilla come un eunuco quando legge bietolone e troncone. Questa è la fiducia nella società, in chi sceglie, di chi si confida e prende una direzione da seguire, poi, si può non essere d'accordo su ogni cosa ma qui si boccia in toto tutto e poi ci spaccia per riflessivo che fonda le sue critiche.....su cosa, sul garbuglio che ha in testa perché non capisce un cazzo di calcio!!!!!
    "Per il portiere: Anto sappiamo tutti che io non sono mai stato un sostenitore di Neto." Questa è l'ultima perla di chi considera Neto un falso problema ah ah ah ah ah ah ah Non è mai stato.......ma che problema è ?! ah ah ah ah ah ah
    Ma quella che considero una (delle tante) perla del suo incespicare su ogni argomento tecnico, quel suo navigare a vista in un mare di concio che solo nel suo oblio ci s'infila, la madre di tutte (ne ha a centinaia ma questa è carina) le sue conclusioni sconclusionate, la cazzata che eleva la statura di conoscitore di calcio ad altezze tipo centro della terra:
    "Per quanto riguarda De Rossi lo preferivo a Gomez perchè non avrebbe faticato ad entrare nei nostri schemi e non ci avrebbe imposto complicati cambiamenti tattici. Cioè sarebbe stato un utile rinforzo."


    Nel nostro centrocampo era più utile un De Rossi che un Gomez in attacco!!! Rapporto spesa/età migliore con il romanista. E poi parla di non buttare via i soldi in giocatori inutili, decotti o dal misterioso utilizzo (che non è De Rossi). Una tragedia, un cataclisma ovunque si affacci a parlare di calcio, un burattino senza fili, un mistero della psicologia equina che non riguarda i cavalli ma gli asini i muli e i bardotti.

    RispondiElimina
  31. Si, anche quando si è involato uno contro uno.....bravo!

    RispondiElimina
  32. Lud demolire i tuoi scritti, che scrivi ma rinneghi, che non spieghi e non sai spiegare, che volevi dire ma invece era, che hai sempre sostenuto ed era tutto il contrario, che hai sempre detto ma no, ma no, volevi dire altro mica l'hai scritto tu ?! Basta andare indietro di un mese. Chiedi conto su Gomez ed eri un suo estimatore, da quanto postato qui sotto dovresti vergognarti a definirti tale. Dovresti tu chiedere scusa o rendere conto ad altri, guarda quanto materiale ti si rivolta contro e chiedi conto ad altri ?! Impara a pensare ma il calcio lascialo dov'è, sta meglio senza di te.

    RispondiElimina
  33. E' successo un paio di volte anche l'anno scorso quello che descrivi, più mi pare un fallo in area in ripiegamento su contropiede avversario [ma lì giocava già in quello che chiamavi un 4-3-3], ma paragonalo a quel che fanno gli altri esterni da 3-5-2 [Nagatomo, Jonathan, Zuniga, Maggio, Asamoah, ecc ecc], e vedrai che è perfettamente nella norma, a fronte di tutti i palloni che recuperava, gli spazi che copriva, e soprattutto le sgroppate e la superiorità numerica che garantiva. Non a caso anche nelle due ultime partite il Cuadrado "winger" che esalti lo abbiamo visto esprimersi al meglio in situazioni di contropiede, cioè partendo da lontano...Mettilo esterno alto in partite con avversari chiusi - cioè quel che più spesso ci capita - e vedi quanto è depotenziato!

    RispondiElimina
  34. Nel frattempo, anche Calamai sciupa votoni per il mio nuovo fidanzato. Alla larga!

    RispondiElimina
  35. Del giudizio di Novellino mi fido, ma forse per qualità intende quelle tecniche (in tal caso sono d'accordo).

    RispondiElimina
  36. Speriamo sia davvero maturato di testa, comunque Novellino è uno molto attendibile. Tecnicamente son d'accordo anch'io, l'unica cosa che Balotelli ha di [molto] migliore è il tiro da fuori.

    RispondiElimina
  37. Dopo il bello e dannato Adem, hai puntato il buon Norberto, per la gioia del Patriarca...Fortunatamente Matos e Rebic non sono degli adoni, altrimenti ci sarebbe da temere l'opera del corruttore di giovani da Monza, eheh

    RispondiElimina
  38. Parallele rossonere non Babacarrizzate, DEYNA:

    - Prof. Scuole serali "Gli articoli sono importanti!"

    - Balotelli "Io ho sempre avuto broblemi con le ardicolazioni, digono al Milan Lab...."

    RispondiElimina
  39. Winger vuol dire "ala" ma che cazzo d'invenzione han fatto questi inglesi!

    RispondiElimina
  40. Il futuro che si apre è roseo direi perchè con la soluzione individuata da Montella il 4-3-3 diventa di nuovo possibile. E si può davvero dire che la Fiorentina dispone di più moduli effettivamente praticabili: il 4-4-2 con Rossi e Gomez (ma senza Cuadrado), il 3-5-2 sempre con Rossi e Gomez, e Cuadrado sulla fascia. Infine il 4-4-3 con Cuadrado a sinistra, Joaquin a destra, in mezzo Rossi e (da verificare) Gomez. Se queste possibilità si aprono dobbiamo ringraziare le capacità del tecnico e la duttilità di Cuadrado che spostandosi a sinistra non perde le sue caratteristiche. Se tutti compresi Gomez e Rossi accettano il turn-over la squadra è a posto. Chi ha seguito in modo intelligente i miei ragionamenti di questi mesi credo chi vi abbia letto una linea di pensiero coerente e nessun intento distruttivo. La verifica empirica è venuta e verrà, ne sono certo anche nelle prossime partite.

    RispondiElimina
  41. Ma se Gomez nella tua visione è inabile al 4-3-3, giocheremo sempre con Rossi "centravanti", lasciando il maggior investimento del nostro mercato in panchina? PS: nello schemino inglese del 4-3-3- non vedo però il False Centre Forward...

    RispondiElimina
  42. L'importante è avere molte alternative, serviranno tutte. Il mio vero motivo di preoccupazione consisteva nella impossibilità di fare il 4-3-3 dopo la cessione di Ljajic. Devo dire che in sede di campagna acquisti questa possibilità era stata davvero sfiorata. Per fortuna si è consolidata la soluzione Cuadrado a sinistra che ripeto si deve alla capacità del tecnico e alla duttilità del giocatore. Oso sperare che la squadra possa essere cambiata di volta in volta. Si parte magari con il 4-3-3 e poi entra Gomez ed esce Joaquin, o viceversa si vira sul 4-3-3 quando a gara in corso il risultato è sbloccato e servono esterni veloci e gioco sulle ali. Ottima anche la soluzione del 4-4-2 ma solo se Cuadrado sta male. Il resto lo faranno gli infortuni e le squalifiche. Quanto a Gomez nel 4-3-3 non so fare previsioni se non lo vedo in gara. Vedremo se Montella lo prova in questo ruolo con Rossi naturalmente fuori e non sarebbe scandalo.

    RispondiElimina
  43. Counterfait nine.

    RispondiElimina
  44. Chiarificatore25 ottobre 2013 13:27

    Ludwig, se ti lasci attrarre da un modulo piuttosto che da una filosofia di gioco ( che si può applicare a qualsiasi modulo), vuol dire che di calcio non hai proprio capito un emerito cazzo. Lasciatelo dire da un appassionato.

    RispondiElimina
  45. Chiarificatore25 ottobre 2013 13:29

    Caro Ludwig, se ti lasci attrarre da un modulo piuttosto che da una filosofia di gioco ( che si può applicare a qualsiasi modulo), vuol dire che di calcio non hai proprio capito un emerito cazzo. Lasciatelo dire da un appassionato.

    RispondiElimina
  46. Chiarificatore25 ottobre 2013 13:34

    Qui stai dimostrando di essere un incallito bugiardo e spregevole calunniatore, Ludwig, io su Neto non voglio assolutamente chiudere la questione, dico solo che sta facendo bene e che le tue battute velenose e provocatorie su di lui fanno vomitare, e che fa ancora più vomitare il fatto che non spendi una sola parola per sottolineare che sta facendo bene.

    RispondiElimina
  47. Cuadrado e Joaquim sulle fasce (perchè loro sono uomini di fascia, davvero) presuppongono il sacrificio di Gomez o Rossi in formazione tipo, il resto son chiacchere. Quindi suppongo che, quando tutti saranno disponibili, sarà difficile vederli entrambi in una formazione base, perchè per me difficilmente Montella prescinderà dalla coppi di attaccanti che ha.

    RispondiElimina
  48. Non rispondo più a domande sulle mie capacità di leggere il calcio perchè le trovo stucchevoli e fasulle. Sono classici tentativi di demolire gli avversari in una disputa, proprio come le accuse di sacrificio umano agli ebrei. Se una persona è intelligente, del resto, gli basta magari aver visto una partita soltanto per capire tutto, se un'altra è ottusa vedrà centinaia di gare senza capire nulla. Immaginiamo un Einstein che si avvicina al calcio: in una settimana costui ne capirà di più di Mauro e Bistocchi messi insieme.

    RispondiElimina
  49. Chiarificatore25 ottobre 2013 13:37

    Come al solito non replichi a quanto ti viene obiettato puntualmente, e divaghi vigliaccamente, Ludwigzaller.

    RispondiElimina
  50. stefano vienna25 ottobre 2013 13:38

    Bè, jordan, se Montella si decidesse a schierare quattro difensori (Roncaglia a destra e Tomovic a sinistra), si potrebbe tranquillamente giocare con Cuadraro e Joaquin esterni, Valero e Mati Fernandez centrali, e Rossi-Gomez davanti. Ma non lo dite a Ludwig. P.S. Hai saputo qualcosa su Prizio?

    RispondiElimina
  51. Chiarificatore25 ottobre 2013 13:40

    Ludwig, stai dimostrando di essere un incallito bugiardo e spregevole calunniatore, io su Neto non voglio assolutamente chiudere la questione, dico solo che sta facendo bene e che le tue battute velenose e provocatorie su di lui oltre che essere spregevoli hanno sbattuto al testa contro il muro della realtà, e che fa vomitare il fatto che non sei capace di spendere una sola parola per sottolineare che sta facendo bene. Fai veramente pena.

    RispondiElimina
  52. stefano vienna25 ottobre 2013 13:41

    Ma lasciatelo perdere. Siamo più forti dell'anno scorso, ci manca solo un grande difensore per lottare per lo scudetto, magari arriva a gennaio. O alternativamente bisogna convincere Montella che la fase difensiva è importante quanto quella offensiva e che, soprattutto negli ultimi venti minuti, quando si è in vantaggio non é un dramma mettere un altro difensore.

    RispondiElimina
  53. Chiarificatore25 ottobre 2013 13:43

    Non sai contestare obiezioni pertinenti, puntuali e nel merito, Ludwig. E calunni. Qui non ce'è una sola persona che pensi di aver capito tutto dopo una sola partita. Confermo, fai pena.

    RispondiElimina
  54. stefano vienna25 ottobre 2013 13:44

    Ma non eri tu il portasfiga che che diceva che era iniziata la fase di indebolimento? Siamo più forti dell'anno scorso, ti dò una dritta, ci manca solo un difensore forte di testa.

    RispondiElimina
  55. stefano vienna25 ottobre 2013 13:48

    Ripeto, se proprio vogliamo farne una questione di moduli, con un difensore centrale di alto livello, si può passare al 4-4-2. Da intendere con Roncaglia e Tomovic terzini, ovvero terzini che pensano prima a difendere. Certo bisogna mettere in naftalina sia Pasqual sia Pizarro. Il migliore in campo ieri e nel secondo tempo della remuntada: Mati Fernandez.

    RispondiElimina
  56. Non ritiriamo dentro gli ebrei, o il GAT mi manda qui Wiesenthal.

    RispondiElimina
  57. Chiarificatore25 ottobre 2013 13:49

    Si, Deyna, ma il Colonnello ha l'attenuante del tifoso viola che dopo una partita andata male perde la testa e di esser un volontario estremista del pensiero, come a volte sei anche, tu, eh eh eh.

    RispondiElimina
  58. Chiarificatore25 ottobre 2013 13:50

    Si sta per sì.

    RispondiElimina
  59. Ma infatti mica lo attacco il Colonnello, anzi da umorale ed estremista lo capisco benissimo!

    RispondiElimina
  60. Non vedo perchè non si possa parlare di moduli. Dopotutto non è proibito da nessuna legge. Lo fanno tutti, è normalità, e imporre una censura sul termine 4-3-3 è odioso. Deyna apprezza molto una coppia di commentatori sud-americani molto competenti che si ascoltano su Roja directa e che seguo anch'io volentieri. Ieri sera non si sono affatto vergognati di dire che la Fiorentina era in campo con il 4-3-3. Per quanto riguarda la tua ipotesi, Stefano, se Montella la prende in considerazione la osserverò volentieri e poi dirò se funziona. Direi che assomiglia come una goccia d'acqua al 4-4-2 di Prandelli.

    RispondiElimina
  61. stefano vienna25 ottobre 2013 13:54

    Ma sotterrati, anzi cercati un altro sito.

    RispondiElimina
  62. Chiarificatore25 ottobre 2013 13:55

    Deyna, il Colonnello su Neto, e non solo su Neto, ha l'attenuante del tifoso viola che dopo una partita andata male, o dopo un errore, perde la testa, e quella di esser un volontario estremista del pensiero, come a volte sei anche tu, eh eh eh.

    RispondiElimina
  63. Ma infatti mica lo attacco il Colonnello, era solo una precisazione sul caso specifico...anzi da umorale ed estremista lo capisco benissimo!

    RispondiElimina
  64. Non ho fatto caso alla loro precisazione sul 4-3-3, ma chi nega che ieri si giocasse così, specie fino alla sostituzione di Matos? E' sugli effetti taumaturgici di tale modulo che c'è scetticismo, trarre conclusioni dopo una partita che avremmo vinto per 3-0 anche con un 2-4-4 mi sembra molto azzardato. PS: confermo che per me l'anno scorso, nel ritorno, non giocavamo con un 4-3-3...

    RispondiElimina
  65. stefano vienna25 ottobre 2013 14:00

    E non dimentichiamoci che in un 4-4-2 ci sarebbe anche Vargas che tornerebbe in gioco come alternativa a Joaquin e Cuadraro.

    RispondiElimina
  66. Sono state riempite pagine intere per giudicare il piazzamento di Neto su di una singola azione. Il portiere è importante, intendiamoci, e certe volte Neto è stato impossibile da guardare, come a Parma e Blimp, come me, si è giustamente irritato. E non eravamo i soli. Al momento secondo me non ha ancora superato l'esame definitivo. Se e quando diventerà un grande portiere non ho nessuna difficoltà a scriverlo. Per quanto riguarda i limiti della campagna acquisti, continuo a credere che non aver previsto il 4-3-3 tra le alternative sia stata follia. Ci siamo salvati per il rotto della cuffia, perchè la soluzione Cuadrado a sinistra e Joaquin a destra è stata davvero una trovata magica di Vincenzo Montella. Spero poi che cesseranno gli insulti perchè davvero sono imbarazzanti e squalificano chi li inserisce nei propri post perdendo un po' il lume della ragione.

    RispondiElimina
  67. Chiarificatore25 ottobre 2013 14:03

    Appunto, Deyna, eh eh eh.

    RispondiElimina
  68. Chiarificatore25 ottobre 2013 14:08

    Ludwig stai rispondendo evasivamente , divagando, e soprattutto calunniando, a precise critiche che ti vengono mosse nel merito di quello che dici. In questa sede sei una pena, e mi dispiace che tu non te ne renda conto.

    RispondiElimina
  69. stefano vienna25 ottobre 2013 14:09

    Il nostro punto debole è, e rimane, la fase difensiva. I punti persi con Cagliari, Parma e Inter lo dimostrano. Eravamo in vantaggio, ma non riusciamo a reggere cinque minuti di pressione anche solo accennata. Ancora devo vedere un commento su questo sito su come migliorare la fase difensiva. Andando appresso alle provocazioni su Gomez, Ljajic e il 4-3-3, avete perso un pò tutti il lume della ragione.

    RispondiElimina
  70. Dopo la papera di Neto a Parma io, Blimp e tantissimi amici tifosi che conosco di persona eravamo furiosi con Neto e l'abbiamo trovato davvero inadeguato. Ora tu pretendi che si faccia autocritica. Niente affatto. Non è il momento. Il portiere va valutato nell'arco di una stagione e d'altronde quell'errore resta.

    RispondiElimina
  71. Chiarificatore25 ottobre 2013 14:14

    Ancora una bugia ed una calunnia, da parte tua, Ludwig, ho solo stigmatizzato le tue battute velenose, cattive e provocatorie su Neto, che richiederebbero ora da parte tua almeno il riconoscimento che sta facendo bene. Ma per questo ci vuole dignità ed onestà intellettuale.

    RispondiElimina
  72. Il confronto con Pistocchi dice nulla sulla competenza, dato che il termine di paragone è un giornalista e non un uomo di calcio. Il caso di Mauro è un po' differente, le minchiate che spara sono dovute in gran parte al gobbismo e al servilismo di tal viscido figuro, quindi è più malafede che incompetenza.

    Non ho capito poi l'esempio di Einstein: da quando in qua essere un grande scienziato significa avere le carte in regola per capire anche di calcio? Mah!!!

    RispondiElimina
  73. Si può tranquillamente estendere ad altri campi lo stesso principio. La testa ossia la capacità di ragionare, analizzare e progettare è la prima qualità. Esistono persone competenti ed esperte alle quali manca la capacità di sintesi e la fantasia e che dunque continuano a svolgere il loro lavoro in modo anonimo e grigio anche se, ripeto, sono impegnati in un certo campo da anni. Sono certo che ne avrai incontrati Vita.

    RispondiElimina
  74. Mi devi trovare un tifoso che dopo la papera di Parma non si sia infuriato e poi se ne riparla.

    RispondiElimina
  75. Chiarificatore25 ottobre 2013 14:43

    Che cazzo c'entra? Mi sono infuriato anche io.
    Tu invece continui a cambiare discorso, Ludwig, ed a sfuggire vigliaccamente a quanto ti viene obiettato.

    RispondiElimina
  76. Stimo molto Montella, ma pensare a una soluzione con Joaquin e Cuadrado esterni, col colombiano a sinistra [molte ottime azioni le fece anche l'anno scorso, partendo da quella parte, un gol compreso], non è una fatica degna di un genio. Ne parlavamo anche qui sul blog, quest'estate, per particolari situazioni. Errore sarebbe volerla proporre come panacea di tutti i mali, come grimaldello universale per aprire in due le difese, perché con Rossi al centro può funzionare quasi solo in contropiede. Ora proponi un turn over che alterni Gomez e Rossi, quando d'estate dicevi che i due necessariamente o forzatamente, dovevano essere titolari inamovibili [con tua gioia, nel caso dell'americoitaliano, con tuo disappunto nel caso dello spagnolotedesco], come Cuadrado, per cui si era creata una situazione insostenibile per Ljajic. Io credo che Cuadrado e Joaquin esterni con una sola delle due punte nel mezzo li vedremo a partita in corso, magari a gestire un vantaggio puntando sul contropiede, raramente dall'inizio, con tutti sani. Non che non sia fattibile - anzi permette di far riposare a turno Rossi e anche Gomez, risparmiando loro minutaggio - ma come impostazione base non la vedo, e non è la migliore maniera di sfruttare la nostra coppia di punte, tra le migliori in Europa.

    RispondiElimina
  77. Se io ho preso tante volte da 27 a 30 senza sbattermi troppo (e altrettante volte da 21 a 24 facendomi il culo), se per un mio compagno di studi era lo stesso ma a materie invertite, se per un altro erano invece tutti 30, e per un altro ancora tutti 21, e se nel lavoro quello con tutti 21 si mostra più bravo di quello con tutti 30, penso si possa dire che per ogni soggetto ci sono cose più assimilabili e altre più indigeste. Quando i Premio Nobel inizieranno a fare gli allenatori di sport e otterranno successo, prenderò per buono ciò che affermi.

    RispondiElimina
  78. La cosiddetta papera comunque è di Firenze.

    RispondiElimina
  79. Chiarificatore25 ottobre 2013 14:45

    Continui a cambiare discorso, Ludwig, ed a sfuggire vigliaccamente a quanto ti viene obiettato.

    RispondiElimina
  80. A Parma non ci siamo ancora andati quindi questo legge anche il futuro. Se poi si riferisce al pareggio al 92' col Parma a Firenze, quella non era una papera ma per capirlo bisogna prestare attenzione e vedere i filmati cosa difficile anche per chi di calcio se ne intende se non disponibile a capire, figuriamoci per chi non sa nemmeno se il pallone è tondo o quadro e non è mai stato tra i pali di una porta.

    RispondiElimina
  81. Dopo la presunta papera di Firenze col Parma ce n'erano diversi che erano del mio parere allo stadio, dove io ero, anche per questo non sbaglio città.

    RispondiElimina
  82. Stefano mi sembra che si sarebbe debolini forte in fase di recupero palla, si farebbero fuori in un solo colpo Pizarro ed Aquilani, si rinuncerebbe ad uno dei must di Montella che è il centrocampo a tre. Non lo vedo probabile. L'unica cosa che è vera è che, con l'acquisto di due punte centrali forti e praticamente titolari indiscussi se in condizioni di scendere in campo, è difficile spostarsi da un modulo a due punte.

    RispondiElimina
  83. Si renderebbe indispensabile Ambrosini, in questo caso [centrocampo a due], e tenere fuori due tenori su tre sarebbe un non senso...

    RispondiElimina
  84. Stefano è una vita che lo dico che siamo deboli,soprattutto nel gioco aereo, quindi poco dotati a star bassi ed a difendere se pressati. Nelle ultime partite qualcosa sembra un po' migliorato, soprattutto nel campo dell'attenzione, però credo che ci siano lacuna endemiche. Grossi marcatori nel gioco aereo, a parte forse Compper (ma con Gilardino anche lui...) non ne abbiamo, potranno migliorare un po' gli schemi difensivi, ma quello che uno non ha non glielo dai certo a trent'anni. Come migliorare? prendendo gente che non abbia quelle lacune, almeno uno forte. Siccome conosco soprattutto i brasiliani ho indicato Dedè, Deyna ha indicato Orban, mi sembra, ma Macìa ne conosce certo più di noi. Lì a gennaio interverrei.

    RispondiElimina
  85. Parallele dedicate al titolo di Pollock:

    - Resp. Milan Lab "Mario, la botta era forte e c'é un versamento..."

    - Balotelli "Che mi frega, pago con un bonifico!"

    RispondiElimina
  86. stefano vienna25 ottobre 2013 15:24

    Io una toppa la metterei con Roncaglia e Tomovic terzini, ma la speranza è chiaramente che arrivi un grande difensore a gennaio. Detto questo, quando mancano quindici minuti alla fine e gli avversari cercano l'arrembaggio, Montella non si deve vergognare a mettere un difensore in più. Finora l'ha fatto solo con la Lazio e infatti non ci hanno beffato all'ultimo. Con Cagliari e Parma ad onor del vero aveva finito le sostituzioni. Con l'Inter poteva farlo e non l'ha fatto.

    RispondiElimina
  87. Ho infatti detto che questa soluzione implica il turn-over. Se chiunque in squadra chiede il posto fisso, non si potrà accedere a tutte le alternative tattiche disponibili. Per quanto riguarda la capacità di aprire le difese, va verificato se Cuadrado e Joaquin ne sono capaci. Contro i rumeni la partita è stata appunto risolta da Joaquin con una azione personale. Contro difensori più forti lo spagnolo potrebbe essere meno efficace. Minori i dubbi su Cuadrado. Intanto però va preso atto che esiste la possibilità di virare verso il 4-3-3, mentre fino a una settimana sembrava esserci preclusa questa soluzione. La campagna acquisti ci aveva infatti privati di esterni sinistri, a parte Matos e Rebic, entrambi giovanissimi. Incidentalmente, Deyna, prima di Fiorentina-Juventus ne avevamo parlato. Io l'avevo proposta ricordando un esperimento estivo. Tu mi rispondesti che era impossibile per motivi di "piede". Montella l'ha invece imposta non senza sorpresa mia, perchè sembra davvero una extrema ratio. Ma cavolo funziona. E arricchisce le nostre possibilità tattiche in modo davvero importante.

    RispondiElimina
  88. stefano vienna25 ottobre 2013 15:43

    Sui tre tenori, al momento i due centrocampisti più in forma sono Valero e Mati Fernandez ( a proposito, ottimo Bakic vista l'età). Ripeto, il 4-4-2 si può fare, non è una panacea, ma si può fare. Deyna, se hai due terzini difensivi come Roncaglia e Tomovic, un centrocampo con due a scelta tra Mati, Valero, Pizarro e Aquilani va benissimo. E magari Ambrosini (quello più forte di testa in rosa) accanto a Gonzalo. Sarebbe un esperimento interessante:


    Neto
    Roncaglia(Savic)-Gonzalo-Ambrosini-Tomovic
    Joaquin-Pizarro(Mati)-Valero(Aquilani)-Cuadraro
    Gomez-Rossi


    Non metto il copyright, ma forse prenderemmo meno gol (soprattutto sulle palle alte), e tecnicamente non c'è grande differenza, invece di tre tenori, ci sono due tenori e un un torero (tenerlo fuori se gioca così non è possibile). L'unico vero sacrificato sarebbe il capitano.


    P.S. e ci sarebbe anche la carta Vargas per dare il cambio a Joaquin gli ultimi venti minuti rimettendo Cuadraro a destra.

    RispondiElimina
  89. Chiarificatore25 ottobre 2013 15:44

    Che con questa rosa si potesse giocare tranquillamente anche il 4-3-3 lo sanno anche i muri da tempo.




    Che Gomez non sia adatto al 4-3-3 è un delirio allo stato puro.




    Persino Rossi e Gomez insieme potrebbero giocare in un 4-3-3, anche se per le loro caratteristiche sono in grado di coprire da soli tutto il fronte d'attacco, ma questo non è un "problema", è una clamorosa carta offensiva che terrorizza i nostri avversari.

    RispondiElimina
  90. Oltre tutto Joaquim lo vedo soprattutto come attaccante di fascia, ma come esterno in un 4-4-2 mica tanto, non credo abbia mai avuto la dispsizione al lavoro di raccordo ed ora credo gliene manchi anche il fondo atletico. Per me con tutti in forma il modulo di base, con tutte le variazioni sul tema che ci possono essere anche a partita in corso, è il 3-5-2 con i tre centrocampisti centrali, Cuadrado e (magari Vargas!) Alonso o Pasqual dall'altra parte, o mgari la famosa inversione di lati Cuadrado, Joaquim, ma per periodi limitati alle capacità atletiche di Joaquim e Gomez e Pepito di punta. L'idea di Ambrosini a fare il difensore centrale in una difesa a quattro non è ipotesi peregrina, appunto per la sua abilità nel gioco aereo, Però è tutta da vedere e magari basta solo registrare dei movimenti in corso partita.

    RispondiElimina
  91. stefano vienna25 ottobre 2013 15:57

    Ludwig, tu di calcio ci capisci come tutti noi, ovvero pochino.
    E' che, a differenza di noi altri, non sei in buona fede.


    Insisti a dire che il mercato è stato pensato male, il tuo mantra anti-viola.


    Non ti sei nemmeno accorto che l'esplosione di Joaquin, mette una pietra trombale sulla tua posizione che diventa insostenibile.


    Il nostro problema è la difesa, l'attacco è più forte dell'anno scorso e Montella può tranquillamente decidere come impostare la fase offensiva perché ha almeno quattro alternative di base, anche quella senza Gomez se Montella lo vorrà (ma non ci spererei molto fossi in te).


    Puoi solo sperare che la Fiorentina, per sfiga o per altri fattori imprevedibili, crolli. Ti è andata bene con l'infortunio di Gomez.


    Se arriva un grande difensore o se Montella diventa meno ossessionato con la fase offensiva e si mette a trovare soluzioni per quella difensiva (almeno fino a gennaio), qui si può scrivere la storia.

    RispondiElimina
  92. stefano vienna25 ottobre 2013 16:10

    Però ammettilo che un tentativo si potrebbe anche fare.


    Il problema del 3-5-2 con i tre tenori (due sono però in crisi) e con Pasqual o Alonso è che la fase difensiva si è dimostrata molto, ma molto lacunosa.


    Per me, adesso bisogna registrare la difesa, non si può continuare così. Davanti come li metti, li metti, abbiamo l'attacco più forte della serie A: Gomez, Rossi, Cuadraro, Joaquin, Ilicic, Vargas, Matos, Rebic e Yakovenko. Dopo di noi, staccate, Roma e Napoli.


    Tralasciando pure l'esplosione di Joaquin, è un mese che mi sto convincendo che serve un difensore in più. Per me la soluzione è la rinuncia alla difesa a tre, ovvero quattro difensori in linea con o senza l'idea Ambrosini. Ovvero Roncaglia a destra, Tomovic a sinistra e due centrali.


    In attesa di gennaio.

    RispondiElimina
  93. Stefano, ti dico la verità, a me Tomovic terzino sinistro non convince molto, nel tuo schema di 4-4-2 classico (o 4-2-3-1, se preferisci) inserirei in quel ruolo il buon Compper (o Alonso, se migliora la fase difensiva).
    Dubito però che Montella rinunci ai tre centrocampisti di qualità in mezzo. La nostra squadra mi sembra simile al blues, musicalmente parlando: il blues si basa sulle 12 battute e poi fa infinite variazioni sul tema; la nostra squadra si basa sul centrocampo con tre tenori, con infinite variazioni sul tema a seconda delle caratteristiche dei giocatori a disposizione.

    RispondiElimina
  94. I moduli possibili fino a ieri erano il 3-5-2, il più probabile, con Rossi e Gomez o il 4-4-2 dove però non trova posto Cuadrado (nel rombo almeno). Ora disponiamo di un terzo modulo. E questo mi rende più tranquillo visto che per passare dall'uno all'altro basta cambiare un giocatore (Joaquin per Gomez e dal 3-5-2 si passa al 4-3-3, e viceversa). Montella può farlo anche a partita in corso se si mette male. Vedo solo vantaggi. Perciò secondo me le partite di domenica e di ieri segnano una svolta positiva della stagione.

    RispondiElimina
  95. Non ricordo di cosa abbiamo parlato, piede in che senso, tecnica o piede prevalente? E si parlava di Joaquin e Cuadrado, o di Rossi esterno? Comunque d'estate dicevi che Rossi era impossibile da lasciar fuori - da qui il Ljajic tappabuchi - perché era un investimento forte e voleva giocare sempre, ora hai virato al turn over...La cosa che non capisco è perché, con Gomez "titolare fisso", Rossi non avrebbe potuto esser parte della rotazione, mentre con Gabbiadini o simili sì. Sempre per inciso, non è che osteggi un 4-3-3 con Cuadrado e Joaquin [se lo spagnolo sta bene], è che non vedo un attacco con loro e Rossi centravanti...Con Gomez si può benissimo fare, ma lasciare fuori Rossi sarebbe da folli. Quindi in emergenza ok, si può provare, ma quando avremo a disposizione entrambe le punte è soluzione da partite già incanalate...Comunque voglio proprio vederla una fascia sinistra con Cuadrado e Pasqual dietro a difendere...A quel punto bisognerebbe mettere un difensore più serio, tipo Tomovic, peraltro non una cima.

    RispondiElimina
  96. stefano vienna25 ottobre 2013 16:35

    Non sarei tanto sicuro, con Joaquin in queste condizioni di forma, Montella ci sta pensando a rinunciare a un tenore.


    Tomovic sarebbe il tappa-buchi. Non mi esalta, ma non mi esalta nemmeno continuare a prendere gol dopo aver dominato per ottanta minuti.


    Vedremo, tanto Gomez lo rivedremo in forma a gennaio quando magari arriva un grande difensore.


    Cercavo solo di sviare l'attenzione dalla fase offensiva dove si è già detto tutto e il contrario di tutto (e dove siamo fortissimi) a quella difensiva.

    RispondiElimina
  97. steafno vienna25 ottobre 2013 16:38

    Ecco, bravo, in avanti siamo nettamente più forti dell'anno scorso e possiamo tranquillamente fare tutti i moduli possibili e immaginabili.
    Rilassati, e passa a parlare della fase difensiva da qui fino alla fine del campionato.


    Magari diventi pure un interlocutore utile alla causa.

    RispondiElimina
  98. E' che Compper mi sembra migliore di Tomovic; inoltre è mancino.

    RispondiElimina
  99. Compper è migliore di Tomovic, ma come terzino puro non ce lo vedo molto...

    RispondiElimina
  100. Quoto tutto e non cambio una virgola. Solo a Massacciuccoli non le sanno certe cose.

    RispondiElimina
  101. La finiamo di fare scuola a Lud ?! O marina le lezioni o dipinge quando gli si spiega, poi lo accusiamo di non saper rispondere......Vorrei vedere voi.

    RispondiElimina
  102. Il Colmo:

    Piovono critiche dal direttore generale bianconero Marotta che dopo la sconfitta contro il Real in conferenza stampa ha voluto sottolineare: "Sul campo non fanno sempre la differenza i soldi. Al Bernabeu abbiamo perso solo ed esclusivamente per decisioni arbitrali che ci hanno penalizzato. Il condizionamento arbitrale in ambito internazionale c'è: la prestazione dell'arbitro di Madrid è negativa". Chiudendo infine con un un appello al designatore Uefa, Pierluigi Collina: "Collina valuti con attenzione, perché in Champions League l'eliminazione può costare parecchi soldi".

    RispondiElimina
  103. Chiarificatore25 ottobre 2013 17:55

    Il condizionamento arbitrale in Italia (paese, come tutto il mondo sa, assolutamente integerrimo e completamente estraneo ai condizionamenti dei potenti ed al fenomeno della corruzione) no?
    L'argomento degli interessi in gioco poi, non solo è ricattatorio ma è usato in Italia persino nei corsi e nei raduni arbitrali, dove si insegna, nei casi dubbi, a tener conto in particolare della squadra che ha più interessi in gioco.
    in Inghilterra all'opposto nei casi dubbi si insegna a tutelare in primo luogo il più debole.

    RispondiElimina
  104. Questa non la sapevo, è molto molto indicativa, e da far conoscere.

    RispondiElimina
  105. Dedè, Jordan, sarebbe un bel colpo per la difesa, di testa poi è una bestia. Io parlavo di Orban e Mario Fernandes come centrali-terzini in una difesa a tre, da affiancare a Rodriguez, se si pensa a un centrale puro in una difesa a quattro preferisco però Dedè. Da discutere però come si può amalgamare con Gonzalo

    RispondiElimina
  106. Chiarificatore25 ottobre 2013 18:11

    Uscì un libro di un ex arbitro, di cui non ricordo il nome, a testimoniarlo.

    RispondiElimina
  107. stefano vienna25 ottobre 2013 18:29

    Come terzino sinistro puro abbiamo solo Tomovic.

    RispondiElimina
  108. stefano vienna25 ottobre 2013 18:30

    Ma vattelapesca.

    RispondiElimina
  109. stefano vienna25 ottobre 2013 19:36

    Di seguito vi proponiamo la classifica di Serie A con i risultati ricalcolati nel caso in cui le partite fossero finite all’80° minuto:

    Roma24

    FIORENTINA20
    Napoli19
    Juventus19
    Inter17
    Verona14
    Torino13



    Magari l'idea di mettere un difensore gli ultimi cinque minuti non è così peregrina.

    RispondiElimina
  110. Dedè è una bestiaccia, forte nel gioco aereo, sia in difesa sia negli inserimenti offensivi, ma di sicuro non è uno che imposta gioco anche se non ha piedacci infami. Si amalgamerebbe bene con Gonzalo secondo il vecchio schema stopper libero con le variazioni che i tempi moderni impongono.

    RispondiElimina
  111. Sos africano



    APPELLO AI NAVIGANTI

    Nonostante l'evidenza portata in risalto centinaia di volte , continuate!

    Ve lo chiedo per cortesia, a nessuno escluso tranne Francis che ha capito da
    mo', volete far tornare questo sito ossigenato come una volta o
    perseverate ad alimentare la perfusione di gas nervino? Per far cessare
    le fuga sapete come fare, ed é l'unica soluzione, cercare di
    disinfestare l'ambiente con la ragione é impossibile.

    Grazie anticipatamente.



    LELE

    RispondiElimina
  112. Magari tra due partite la classifica sarà simile.....ehehehe eh...:

    Roma 25
    Juventus 22/3
    Fiorentina-Napoli 21
    ....seguono altre squadrette....

    RispondiElimina
  113. Lele hai ragione e l'ho appena detto un paio di giorni fa ricevendo il consenso del solo McGuire però.

    RispondiElimina
  114. Nevrotico: 2+2=5.....Nevrastenico: 2+2=4 ma gli da molto fastidio. (garantito 100% Sopravvissuto).

    RispondiElimina
  115. Confermo il mio giacobinismo, Chiari: a votar per la Palude si governa appena un po' di più, non si cambia nulla e si perde l'anima. Invece, quando governo io le cose cambiano davvero. Io mi faccio tagliar la testa al Termidoro, ma prima ho fatto un pochinin di repulisti. Capitolo Neto: io l'ho giudicato di volta in volta e l'opinione che citi non era mica basata su una sola prestazione (mi fai torto ad affermarlo), quindi se avrò scazzato l'avrò fatto di brutto, mica per umorale superficialità, cosa che non ho mai ravvisato neppure in Deyna, che giudica obiettivamente e sagacemente salvo per qualche delenda Carthago profonda, molto poco superficiale e così stranota che gliela abboni in partenza. Io invece verso Neto non avevo e non ho avversioni a giustificarmi, come Deyna ha per Pepito, quindi se Neto sfonda mi sfonda e ad maiorem Florentinae gloriam accetterò anche questo (in fondo è ciò che la Juve mi fa da quando ero piccino e già abusò pedofilamente di me con gli arbitri).

    RispondiElimina
  116. Dialogare con Zazà è fino a un certo punto piacevole, uno che si prende il torto così a gratisse e ti fa sentire ogni volta un toganzopotta non lo trovi ad ogni angolo di strada... Effettivamente, superata la soglia del piacere devi andare dall'andrologo, però, perché ti ha stroncato il cazzo. Con una donna ti fermi prima, con lui uno continua fino a esaurimento. Forse è di Bordighera più che di Pietrasanta.

    RispondiElimina
  117. Intanto a Basilea un Federer apparentemente ritrovato. Se non fossi contrario alle scommesse lo giocherei vincente al Masters.

    RispondiElimina
  118. E capisco ormai, da collega alimentare, lo sdegno di AntoineRouge per l'esultanza di colui che quella testa di cazzo mastodontica di Beberri dileggiò da sùbito con la brillante trouvaille di «Giovacchin» (del resto, l'anno scorso salutò l'arrivo del divino Borja con l'analogo colpo di genio di «Porca Valero»: non capisco allora perché esima Alonso da «Avanso di stronso», non è giusto e non è gentile che ci risparmi la terza mongolata contro uno spagnolo che faccia grande la Viola): tuttavia, se astrai dal toro, caro AntoineRouge, vedrai che l'azione di Giovacchin (tra le più spettacolose della storia viola, ancorché effettuata in mezzo al pollame) è del Juan Belmonte allo stato puro. Come volevi che esultasse, quindi?

    RispondiElimina
  119. Chiarificatore25 ottobre 2013 22:33

    Perfetto Colonnello, mai come di questi tempi sono portato a sottoscrivere le tue considerazioni sul (tuo) giacobinismo anche perché sembrano scritte da Matteo Renzi, eh eh eh.
    Su Neto non ho voluto dire che ti sei basato su una sola partita, ma che tu lo hai quasi sempre giudicato a caldo subito dopo la partita il che ti ha portato, secondo me, a dare su di lui un giudizio "sanguigno" , arrabbiato e soprattutto affrettato, e sono certo che quando ne ravviserai le condizioni non avrai remore nel ricrederti.
    Quanto a Deyna anche io ho circoscritto i momenti in cui si dedica all'estremismo in certe sue valutazioni. calcistiche, rispetto alle quali, è vero, non demorde mai.

    RispondiElimina
  120. Chiarificatore25 ottobre 2013 22:34

    RF: il tennis fatto uomo. Il più grande di sempre.

    RispondiElimina
  121. Non so, caro Colonnello, ma è stato brutto da vedere.

    RispondiElimina
  122. Non so, caro Chiari, forse il miglior Pete (che peraltro non sopportavo) batterebbe il miglior Roger.

    RispondiElimina
  123. Ma neanche questo, Chiari, io ho sempre giudicato Neto un portiere di eccellenti qualità atletiche e specifiche per un portiere, ma di cattiva scuola e, da quando è stato impegnato con continuità e lo si è potuto valutare quindi con miglior cognizione nel campionato italiano, con un mentale da squacquerone. Nel giudizio sulle sue singole performance non rivedo un bel niente, al pari di Jordan che persiste a stimare imparabile la minchiata contro il Parma all'ultimo secondo, mentre il mio giudizio pessimistico sulle sue capacità di sormontare i difetti suesposti a farmelo rivedere sarebbe lui soltanto e io non ci potrei nulla. Il modo migliore per non sbagliare una valutazione è non farne mai nessuna e aspettare la fine del campionato per fare dell'Erdmann & Gabler in copertina deluxe.

    RispondiElimina
  124. Sarei quasi portato a scrivere che per LUD vale quel che abbiam detto molte volte a varie donne (eheheheeh...), applicato ai post di risposta alle sue "fisse" : "Questo non ti farà male....".

    RispondiElimina
  125. Sulla cattiva scuola posso concordare, Colonnello, ma perché mentalmente frullato? Con il plotone schierato in ogni partita e con la disattitudine derivante dai due anni passati in panchina, se cazzate ha fatto restano comunque cazzate numericamente esigue.

    RispondiElimina
  126. Chiarificatore25 ottobre 2013 23:10

    Meglio così allora Colonnello, e vale anche per me quanto ha osservato Antoine.

    RispondiElimina
  127. Se invece di parlare di minchiate tu obiettassi alla mia ricostruzione dell'episodio guardandolo forse capiresti. Certo da uno che dice "quindi se Neto sfonda mi sfonda e ad maiorem Florentinae gloriam accetterò anche questo" non c'è d aspettarsi grande obiettività. Che ci vuoi fare, se proprio sarà bravo lo accetterai obtorto collo come se si trattasse di un giocatore della Juventus. Quanto allo squacquerone ti dice bene Antoine Rouge, ma l'aveva già detto Eduardo Macìa, con parole quasi di fuoco, un decina di giorni fa. Come vedi io entro in campo di fronte alle critiche ingiustificate (c'è un cretino sul sitone che dice che ci ha fatto perder punti anche col Cagliari) quando va tutto bene sto invece zitto. Spero di non dover aprir più bocca sull'argomento.

    RispondiElimina
  128. Chiarificatore25 ottobre 2013 23:14

    Quanto al mio giudizio su Neto, Colonnello, l'ho sempre giudicato tecnicamente molto dotato, sino a paragonarlo, già un anno fa qui, a Toldo. Ciò detto l'errore contro il Parma l'ho rimarcato anche io, ma circoscrivendolo.

    RispondiElimina
  129. Chiarificatore25 ottobre 2013 23:22

    Io non credo, Antoine, anche se questi confronti, a questi livelli e su tempi diversi, sono improbabili. Certo Sampras al suo massimo sembrava imbattibile, un po' come Borg, ma la mia valutazione su RF è anche qualitativa.

    RispondiElimina
  130. Spero allora che al rientro Gomez non rispolveri l'esultanza da Matador...

    RispondiElimina
  131. Credo che Sampras fosse superiore mentalmente, ma inferiore fisicamente. Tecnicamente per me si equivalgono. Ad ogni modo, finché dura, teniamocelo stretto il buon Roger.

    RispondiElimina
  132. Ah no, altrimenti starei con Zaller.

    RispondiElimina
  133. Obiettai, obiettai ma non conta, nulla conta di quel che da Sarti a me si può dire su qualsiasi intervento di Neto e l'obiettività non può vantarla certo l'unico tifoso viola sulla terra che ritenga «imparabile» il gol beccato a minchia col Parma e che, a mio credere, non abbia frequentato San Patrignano. Il plotone non ce l'aveva contro il Parma e comunque il plotone ce l'ha avuto qualsiasi giocatore a 'sto mondo e Viviano non c'è più a far alibi: cose dette e ridette mille volte, mica solo da me, anzi da me dopo molti altri nel tempo. Su Neto dai il peggio di te, Jordan, in monomaniacalità (ci avrei scommesso che saresti sortito fuori, non lasci un solo commento inevaso su Neto, uno potrebbe divertirsi), in faziosità e in presunzione e il tuo commento alla mia frase scherzosa finale mostra come, in questo caso, non capisci davvero un cazzo di quello che altri scrive (già detto). Nel caso tu continuassi, mi vedrei costretto ad applicarti la dottrina McGuire, ad ogni modo, e a mandarti affanculo. Però mi prendo l'anticipo fin da adesso e consìderati mandato, così per scrupolo.

    RispondiElimina
  134. Avviati, va avanti tu che mi scappa da ridere. Saresti un interlocutore anche intelligente e piacevole quando non vai in crisi violente e maleducate come queste il che non ti succede purtroppo di rado. Quanto alla faziosità è presunzione nei tuoi eccessi d'ira ne sei maestro irraggiungibile, nemmeno mi metto in gara e se tu decidessi d'avviarti per quel posto dove mi hai mandato portati una pila perchè mi dicono che c'è buio.

    RispondiElimina
  135. Circa lo "squacquerone" lascio la parola a chi ha più voce in capitolo di me, e, di sicuro, anche di te. Dice Eduardo Macìa: "“(Neto) Ci ha dato una lezione. A tutti quanti, compresi noi dirigenti. Non avevo mai visto una situazione così difficile da sopportare. Lui è riuscito ad andare avanti, lavorando. Non dobbiamo dimenticare quello che ha sofferto. Per me è diventato un punto di riferimento per la forza psicologica che ha dimostrato. È stato bello vedere tutta la squadra abbracciarlo a Genova, dimostra quanto è unito il gruppo. Tecnicamente non avevamo dubbi su di lui, è da grande squadra. I giovani, tutti, hanno diritto di sbagliare." e Montella solo ieri, dopo Fiorentina-Juventus: " Neto e l’intesa coi compagni? Ha saputo reagire da giocatore di grande personalità, in silenzio. Cuadrado sul gol di Pogba è stato anche sfortunato, ma Neto aveva chiamato la palla e l’avrebbe presa sicuramente, peccato." Ed ora puoi andare a cercare la pila.

    RispondiElimina