.

.

venerdì 21 marzo 2014

Delusione Diladdarno

Due episodi negativi sulla strada di quella che il prossimo anno ci auguriamo possa diventare definitivamente una grande squadra, l’infortunio di Pizarro e quello ancora più grave di Gonzalo al limite dell’area. Pirlo impallina Neto mentre in un’analoga situazione Borja Valero si piscia sulle scarpe, e questo risulterà alla fine il nostro limite, per il resto la Fiorentina aveva mostrato un centrocampo solido, non aveva concesso praticamente niente, una partita giocata alla pari, nella quale era mancata solo la capacità di sorprendere la Juve con Gomez e Ilicic all’inizio. Non ho rimpianti perché la squadra ha fatto la partita che doveva fare rischiando seriamente di eliminare una squadra onestamente più forte, mi sono piaciute tutte le soluzioni tattiche di Montella, con Cuadrado basso, Aquilani su Pogba, e anche Vargas che dava fisicità in quella zona del campo. Gonzalo purtroppo molto ingenuo, Neto che al contrario dava invece sicurezza alla squadra anche se non ho capito bene il piazzamento della barriera sulla punizione di Pirlo. Bene anche Gomez fino a quando ha avuto gamba. Corretta l’espulsione di Gonzalo mentre manca quella di Tevez per un gesto molto brutto e che francamente riconosco solo in quanto tipico juventino, un gesto che una terna arbitrale di questo livello avrebbe dovuto sanzionare con l’espulsione, tanto così per non parlare sempre male solo della banda di Braschi e Nicchi, anche se è vero che probabilmente Gervasoni avrebbe espulso Neto. Insomma, gli ingredienti c’erano davvero proprio tutti, anche la grande passione di Firenze accompagnata da una giovanissima primavera, e poi, improvviso, il colpo di coda dell’inverno barbuto, e così fu subito precipitazione copiosa delle speranze, una grandinata improvvisa sull’umore, tanto che gli uccelli presi alla sprovvista non si rizzeranno, in volo, almeno per un po’. Depressione. In San Frediano è calato il silenzio della delusione lasciando spazio solo al rumore della movida, le mie speranze avevano coperto anche i soliti eccessi dei miei vicini che sono sempre molto rumorosi, urlano, sbattono le porte, fanno un casino d’inferno. E questo è niente. Non che siano juventini e quindi dopo il passaggio del turno, peggio perché hanno festeggiato, macché, dovreste sentirli solo quando sono svegli. E così adesso perderò anche l’ultimo cugino che mi è rimasto, in famiglia già lo sappiamo, ieri infatti ho telefonato subito alla zia dopo la partita, per rincuorarla. L’altro cugino lo avevamo perso dopo la finale di Avellino, dalla parte del babbo del resto sono tutti molto sensibili e malati di Fiorentina, e dopo le grandi delusioni contro la Juve, scappano via perché non resistono. Loro reagiscono così alle grandi delusioni Viola. Domani toccherà a Dimitri, la zia mi ha detto piangendo, che già stava preparando lo zaino, mentre Duccio quando scappò via l’altra volta fece naufragio e si trovò su un’isola deserta, non bastavano i gol sbagliati da Baggio, il fallo di Casiraghi su Pin o la cazzata di Landucci sul tiro di De Agostini. E lì c’è rimasto venti lunghi anni, arrangiandosi a sopravvivere come poteva fare uno cresciuto in via del Campuccio, insomma, con un temperino e una pietra focaia. Per fortuna la Liliana che è sempre così apprensiva gli aveva messo nello zaino la carta di credito e il cellulare, in modo che ogni sabato sera si faceva venire a prendere con un motoscafo per andare sulla costa a fare la spesa. A Dimitri, mi diceva iera sera la Liliana singhiozzando, gli avrebbe messo invece il tablet perché è miope e così anche se dovesse perdere gli occhiali, in qualche modo potrà continuare a vederlo uno schermo così grande, e poi con Sky Go domenica potrà vedere anche la partita contro il Napoli.

195 commenti:

  1. Chiarificatore21 marzo 2014 07:59

    Amarezza sì ed anche molta, ma depressione no, nella maniera più assoluta, anzi fatti incoraggianti si sono visti e confermati ieri sera, fatti purtroppo vanificati da episodi che ancora una volta ci puniscono ingiustamente.

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore21 marzo 2014 08:01

    La Fiorentina nella sua formazione tipo è la squadra più forte del campionato, oltre ad essere quella che gioca il più bel calcio.

    RispondiElimina
  3. colonel.blimp21 marzo 2014 08:03

    Se è così, Chiari, non è ieri sera che l'abbiamo visto. Mi sveglio, e dentro il cuor mi suona una parola: LUCIANO!

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore21 marzo 2014 08:03

    Ieri la Fiorentina con 10/11 di formazione tipo ha dominato la Juve nel gioco e nelle occasioni, una Juve che era chiamata a fare la partita.

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore21 marzo 2014 08:06

    Non l'hai visto solo dopo che è uscito il direttore per infortunio, Colonnello, quel direttore che a detta di alcuni non reggerebbe la pressione dell'avversario ma, uscito lui, è stata la Fiorentina a non reggere più la pressione della Juventus. Che strano!

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore21 marzo 2014 08:09

    Ancora una volta ieri si è confermato che Ambrosini, giocatore rispettabilissimo e certamente utile in altre squadre che giochino un altro calcio, è un danno per questa Fiorentina. Ogni volta che entra lui la Viola smette di giocare il suo gioco, e perde o pareggia.

    RispondiElimina
  7. Chiarificatore21 marzo 2014 08:12

    Con tutti gli effettivi a disposizione, il modulo ideale è il 3-5-2, non ci sono discussioni, quello che garantisce la valorizzazione massima di essi , la maggior solidità, il maggior equilibrio, la maggior pericolosità alla squadra.

    RispondiElimina
  8. colonel.blimp21 marzo 2014 08:26

    Caro Chiari, togliere Gomez, che solo inquietava i gobbi, e lasciare il disastroso Ilicic (da ieri sera lo sappiamo definitivamente: può giocare qualche bella partita, contro squadre deboli, ma è improponibile come titolare di squadra di grosse ambizioni e siccome la panca non vuol farla e in panca, del resto, s'ingronchia più di quel che è, ho detto tutto). Su Ambrogio mi espressi fin dal tempo dell'acquisto, che mi lasciò incredulo. E ad ogni modo il Dubbio del Cazzo ha ragione su Valero: quest'annata lo ha ridimensionato e giustifica l'esclusione dal Mondiale, col parco giocatori che si ritrova la Spagna.

    RispondiElimina
  9. colonel.blimp21 marzo 2014 08:28

    Voglia di LUCIANO! Prenderlo una settimana prima della finale di Coppa Italia, per giocarci il tutto per tutto. Il cammino è segnato, sennò. Sprofondiamo al sesto posto, ma lo difenderemo dal Verona vittoriosamente, ne sono sicuro.

    RispondiElimina
  10. Chiarificatore21 marzo 2014 08:45

    Colonnello, sulle sostituzioni non voglio infierire perché in gran parte condizionate dall'infortunio di Pizarro ( e dall'indisponibilità di Mati) e dall'espulsione di Rodriguez.
    Io, ad esempio, a quel punto avrei messo Bakic e non Ambrosini, con Aquilani play al posto del Pek infortunato, avremmo così avuto più possibilità di non perdere il filo del gioco. Ma capisco che è chiedere troppo.
    Detto ciò, Ambrosini play è una bestemmia! Mettici almeno Aquilani e sposta Ambrosini più avanti.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore21 marzo 2014 08:49

    Io, Pizarro, Valero ed Aquilani, non li discuto nella maniera più assoluta, anche quest'anno quanto di buono abbiamo fatto lo dobbiamo soprattutto a loro ed a Pepito Rossi. I problemi sono venuti dagli infortuni gravi degli attaccanti e quando i tre tenori non hanno giovato insieme.

    RispondiElimina
  12. colonel.blimp21 marzo 2014 08:51

    Chiari, Matri per Gomez con Ilicic in campo non c'entra nulla con Pizarro né tanto meno con l'espulsione di Rodri.

    RispondiElimina
  13. Chiarificatore21 marzo 2014 08:51

    Sono d'accordo, ma c'è da considerare lo stato di forma di Gomez.

    RispondiElimina
  14. Anch'io quando ho visto scaldarsi Matri ritenevo più logico far uscire Ilicic, oppure Vargas facendo arretrare lo sloveno, l'uscita di Gomez l'ho trovata non dico insensata, ma quantomeno prematura. Per il resto la vedo più come il Chiari che come il Colonnello, anche se partita dominata non direi, direi semmai che abbiamo fatto la partita e giocato bene (finchè c'era Pizarro), e tenuto testa preoccupando (fino al gol e all'espulsione) i più forti, pur senza Pepito.

    RispondiElimina
  15. colonel.blimp21 marzo 2014 08:55

    Non importa, Gomez teneva su la squadra e faceva paura ai gobbi e solo un minuto prima della sostituzione aveva mancato di un soffio di liberarsi in area. E' stata l'ennesima miopia di Montella dalla panchina. Non si è allenatori solo sei giorni della settimana, c'è anche il settimo e il più importante, quello del match.

    RispondiElimina
  16. Chiarificatore21 marzo 2014 08:55

    Non certo stra-dominata, ma sicuramente dominata, perché abbiamo giocato meglio, abbiamo tenuto noi di più il filo del gioco ed abbiamo creato più occasioni di loro, finché c'è stato il direttore in campo.

    RispondiElimina
  17. Chiarificatore21 marzo 2014 08:56

    Non lo escludo, ma non sappiamo quali fossero le condizioni di Gomez.

    RispondiElimina
  18. Ragazzi, per prima cosa lasciamo perdere Spalletti. Prima o poi verrà ad allenare la Fiorentina, ma quel tempo è ancora abbastanza lontano. Ve lo dice uno che lo conosce bene. Strologare su una sua venuta è dunque solo un esercizio retorico, che, tutto sommato, lascia il tempo che trova. Ieri sera la squadra mo è piaciuta sino all'espulsione di Gonzalo ed al gol di Pirlo. Purtroppo gli era mancata solo la precisione nelle conclusioni, come del resto alla stessa Juve. Come temevo, la partita è stata decisa da un solo episodio, purtroppo esiziale per noi. A quel punto la partita era persa. Ma la squadra credo abbia dato tutto quello che poteva dare. Del resto che la Juve fosse squadra più forte e più completa lo testimoniano i punti di vantaggio che ha su di noi in campionato.
    Ieri sera Montella ha schierato la squadra esattamente come era stato auspicato da questo sito. L'uscita di Pizarro all'inizio della ripresa e l'indisponibilità di Mati l'ha inevitabilmente danneggiata. Purtroppo al posto di Ambrosini sarebbe occorso un altro tipo di mediano, uno sul tipo di Bousquets, bravo in rottura, ma capace anche di impostare decentemente. Se Montella avesse messo Bakic che cosa sarebbe cambiato? Il fatto è che abbiamo una squadra bella, ma incompleta e un allenaore giovane bravo, ma inesperto. Sinceramente non mi aspettavo un esito molto diverso da questa partita. L'importante è capire bene la lezione che ci ha insegnato, anche se abbiamo giocato alla pari con la squadra più forte d'Italia per tutte e quattro le aprtite che ci abbiamo giocato contro.

    RispondiElimina
  19. Chiarificatore21 marzo 2014 09:04

    Non so se sarebbe cambiato qualcosa con Bakic, certo è alle prime armi quindi si sarebbe trattato di un rischio, però il suo mestiere è costruire il gioco, quindi, forse sarebbe stato più utile di Ambrosini. Detto ciò mettere Ambrosini a quel punto poteva starci, ma non come play, cazzo!

    RispondiElimina
  20. colonel.blimp21 marzo 2014 09:06

    Se volete leggere un cazzatone meritevole di cazziatone, leggete il blog fresco fresco di culo di Lud. Il Pek si è infortunato praticamente allo stesso modo, da solo, e nello stesso luogo del campo di Mati. Tutti e due logorati da un impiego dissennato, da un'incapacità di alternare gli uomini e di considerare il capitale-giovani (le partenze di Alonso e di Vecino già gridano vendetta, quella di Romulo è scolpita sulla colonna infame; e Wolski e Rebic e lo stesso Bakic, che mezz'ora qua e mezz'ora là poteva giocarla, e Matos stesso...). Dice: sculo! No, se fai giocare 14 partite su 15 a un giocatore sempre stato delicato muscolarmente come Mati e se non sai rinunciare al giovanissimo Pizarro nemmeno per metà tempo, te lo sei cercato lo sculo. Poi, al momento topico, ti ritrovi a giocartela con Ambro: ganzo! Illuminato! Filosofia di sciuscià, che non sa guardare oltre il suo naso, miopia di gestione sul lungo termine (ma direi anche sul medio). Io grido forte il nome dell'Uomo: LUCIANO!

    RispondiElimina
  21. Dai Chiari, siamo seri. Bakic è un ragazzo che si e no ha giocato tre partite in stagione e l'avresti scelto al posto di un giocatore esperto e scafato come Ambrosini? Il convento ha passato quello e purtroppo non è bastato, Certamente però non abbiamo perso per colpa di Ambrosini.

    RispondiElimina
  22. Ilicic ha deluso, MA su di lui non ho perso le speranze. Gonzalo e Borja Valero hanno giocato una partita di gran livello, MA il primo si è addormentato su Llorente ed il secondo sul pallone nel tirare la punizione. Pizarro è stato certamente migliore di Ambrosini, MA sono entrambi a fine corsa: tenerli l'anno prossimo significa farsi del male. L'unico errore che imputo a Montella per la gara di ieri è la posizione di Cuadrado, non la sostituzione di Gomez, dato che il tedesco non ne aveva più. Certo, Matri si è dimostrato quel che è (non lo volevo cazzo! Io volevo Mutu). La Fiorentina non è la squadra più forte del campionato.

    RispondiElimina
  23. Chiarificatore21 marzo 2014 09:09

    Io sì, avrei scelto Bakic, perché avremmo avuto più possibilità di continuare a giocare il nostro gioco. In ogni caso, ripeto, ciò che grida vendetta è Ambrosini playmaker!

    RispondiElimina
  24. colonel.blimp21 marzo 2014 09:09

    E Vecino, Vecino!

    RispondiElimina
  25. Chiarificatore21 marzo 2014 09:15

    Antoine, sono d'accordo con te, Pizarro e Ambrosini sono più o meno nelle stesse condizioni fisiche ed allo stesso punto della loro carriera, ma è la qualità dei due molto diversa, così come la loro funzionalità rispetto al gioco di questa Fiorentina.
    Ieri Pizarro pur senza giocare una grande partita ti ha garantito ed ha diretto un centrocampo che ha tenuto testa ed a lunghi tratti dominato quello della Juventus, con Ambrosini al contrario abbiamo consegnato il centrocampo alla Juventus.

    RispondiElimina
  26. Chiarificatore21 marzo 2014 09:20

    Neto;




    Tomovic, Rodriguez, Savic;




    Cuadrado, Aquilani, Pizarro, Valero, Vargas;




    Gomez, Rossi.


    Questa è la squadra in assoluto più forte del campionato.


    Datemela disponibile, datemi arbitri neutrali e punto allo scudetto senza il minimo dubbio.

    RispondiElimina
  27. E avresti perso la partita esattamente come con Ambrosini, che, ripeto, non è stata la causa scatenante di una sconfitta arrivata in seguito ad un singolo episodio.

    RispondiElimina
  28. Chiari, sono d'accordo (l'ho scritto anche ieri "a caldo"), ma soprattutto perché Ambrosini è giocatore di forza, che invecchiando ha perso la sua dote principale, mentre Pizarro, soprattutto quando non è pressato, può ancora mostrare lampi di classe. Anch'io avrei inserito Ambrosini a destra a protezione di Cuadrado (avanzando quest'ultimo) ed avrei spostato Aquilani al centro. Invece Montella ha avanzato Aquilani e piazzato Ambrosini a protezione della difesa. L'allenatore è lui.

    RispondiElimina
  29. Non lo è Chiari. I gobbi ci sono superiori in difesa e a centrocampo.

    RispondiElimina
  30. Chiarificatore21 marzo 2014 09:24

    Solo in difesa.

    RispondiElimina
  31. Chiarificatore21 marzo 2014 09:29

    La causa scatenante è stata averlo messo playmaker, gli altri episodi sono stati una conseguenza.

    RispondiElimina
  32. Abbiamo giocato alla pari con la squadra più forte,che segna da 50 partite consecutive e che quest'anno ha perso una volta sola(e personalmente quella loro sconfitta me la ricordo di molto bene!).Siamo usciti per un colpo singolo,di un campione.Campione,che se fosse stato assente così come magari Tevez,oggi saremmo a parlare di impresa storica.D'altra parte,continuando sulla falsariga della sfiga sino qui avuta,si fa male Pizarro.Lì cambia la partita.Pensate se invece di Pizarro si fosse fatto male Pirlo.Questo per dire che è inutile cercare colpe ed invocare Luciano.

    RispondiElimina
  33. A centrocampo prevaliamo solo con Cuadrado. Vidal è migliore di Borja Valero, se non altro perché è molto più prolifico. Pirlo ha più colpi in canna di Pizarro (da sempre e ancora oggi). Pogba ha una freschezza ed una forza che Aquilani si sogna. Vargas è ormai un giocatore anestetizzato.

    RispondiElimina
  34. Luciano che prima o poi verrà..ma non possiamo imputare a Montella l'uscita dalla coppa.Noi siamo la Fiorentina e dobbiamo convivere con una sfiga assurda.L'uscita è stata determinata nel sorteggio.Tra tutte le squadre che potevamo trovare,abbiamo trovato l'unica che oggettivamente ci era superiore.Così come quando passammo per primi in CL e trovammo l'unica seconda in grado di batterci(Bayern,al netto dei semiinvalidi arbitro-assistente)

    RispondiElimina
  35. Chiarificatore21 marzo 2014 09:33

    Per me, McGuire, la causa prima della nostra sconfitta è stata aver messo Ambrosini playmaker davanti alla difesa, gli altri episodi che ci hanno punito ne sono stati una diretta e per certi aspetti logica conseguenza.
    Quindi su questa scelta tattica , le responsabilità di Montella sono totali e grandi.

    RispondiElimina
  36. Chiarificatore21 marzo 2014 09:36

    Io mi tengo i tre tenori, per la qualità, la fantasia che mi garantiscono.

    RispondiElimina
  37. Io sono orgoglioso dei ragazzi;mi girano le palle,ma a mente fredda non posso che applaudire.Il rimpianto è non averla potuta giocare alla pari;giocarla con Gomez-Rossi in forma ci avrebbe dato sicuramente più chances.D'altra parte nella Juve giocano campioni in essere ed in divenire.Gente come Pogba,Vidal e Pirlo,Tevez e Lorente fanno la differenza.Montella può aver sbagliato qualcosa,ma invocare Luciano mi pare leggermente perculeggiante(in perfetto stile colonnelesco).il vero banco di prova sarà l'anno prossimo venturo(sempre che non si facciano male i nostri campioni).

    RispondiElimina
  38. stefano vienna21 marzo 2014 09:41

    E' stato un pò come togliersi un dente. Tra l'altro, ho azzeccato la formazione iniziale, con Cuadrado terzino basso. Con l'uscita di Pizarro, la formazione pensata all'inizio ha perso la sua ragione d'essere, ma c'era poco da inventarsi, eventualmente era da stravolgere tutto, spostando Tomovic a destro e facendo entrare Pasqual oppure Roncaglia ed avanzare Cuadrado, insomma bisogna tornare al 3-5-2 (facile col senno di poi). A me non è piaciuto Valero che dimostra dei limiti caratteriali che noi tifosi tendiamo a sottovalutare un pò per affetto un pò perché aspettarsi che venga un Pirlo o un Iniesta a Firenze è utopia pura. Valero mi ricorda un pò Rui Costa, giocatore che ho peraltro amato. Il più grande centrocampista arrivato a Firenze (dopo Antognoni) rimane per me Carlos Dunga, una categoria sopra Rui e Valero.


    A me quello che fa incazzare non è tanto l'assenza di Rossi, ma che lo scippo del terzo posto l'anno passato -con relativi mancati introiti- non ci ha permesso di avvicinarsi alla Juve. Pradè e Macia hanno fatto il massimo, se avessero però avuto 20 milioni extra, sarebbe stata un'altra storia. Purtroppo, e qui divento pessimista cronico, la storia è sempre la stessa: di riffa o di raffa la Fiorentina viene sempre ostacolata quando è in ascesa verso la vetta del calcio italiano.

    RispondiElimina
  39. Chiarificatore21 marzo 2014 09:42

    Dkne, posso essere d'accordo con te , ma l'anno prossimo non vorrei più vedere Pasqual ed Ambrosini, e vorrei un co-titolare-riserva di Pizarro, che sia un vero specialista del ruolo e di livello. Altrimenti siamo punto e a capo.

    RispondiElimina
  40. stefano vienna21 marzo 2014 09:45

    Chiari, che avresti fatto quando Pizarro s'è infortunato? Immaginati che Montella ha dovuto scegliere in un paio di secondi, che si era comunque sullo 0-0 e la Juve era in crescita. A posteriori è relativamente facile, forse Roncaglia spostando Cuadrado davanti, ma siamo qui a ragionare a mente fredda.

    RispondiElimina
  41. Io avrei inserito Ambrosini a destra a protezione di Cuadrado, spostando Aquilani in regia.

    RispondiElimina
  42. Chiarificatore21 marzo 2014 09:48

    Almeno questo.

    RispondiElimina
  43. stefano vienna21 marzo 2014 09:50

    Cambiava poco dai, errore, se c'è, veniale.

    RispondiElimina
  44. Chiarificatore21 marzo 2014 09:51

    Stefano io il giudizio sull'incompatibilità di Ambrosini con questa Fiorentina l'ho dato da sempre, non a posteriori, ti ripeto io, anche ieri, gli avrei preferito Bakic, visto che non stavamo difendendoci ma facendo il nostro gioco. Detto ciò posso capire la scelta ma almeno fai quello che dice Antoine qui sotto.

    RispondiElimina
  45. colonel.blimp21 marzo 2014 09:51

    Eppure, DKNE, avevo spiegato sotto perché l'infortunio del Pek non è sfiga.

    RispondiElimina
  46. Chiarificatore21 marzo 2014 09:51

    Errore mortale, non veniale.

    RispondiElimina
  47. Non so neanche se sia stato un errore.

    RispondiElimina
  48. Bisogna poi riconoscere che l'arrivo di Matri è stata una cazzata. Quando si è fatto male Rossi io ho sperato arrivasse Mutu (che tra l'altro avrebbe calciato la punizione "leggermente" meglio di come ha fatto Borja Valero).

    RispondiElimina
  49. Si Colonnello,ho letto..facevo un ragionamento più ampio;in generale io mi sento di non imputare responsabilità a nessuno.La squadra più forte è passata per un colpo di un suo campione.Com'è nell'ordine naturale delle cose.Se fossimo passati noi avremmo compiuto un'impresa straordinaria

    RispondiElimina
  50. stefano vienna21 marzo 2014 09:56

    Trovo dura imputare qualcosa a Montella, forse poteva inserire Roncaglia e avanzare Cuadrado, cosa che sicuramente avrebbe fatto se Pizarro non si fosse infortunato.

    RispondiElimina
  51. Chiarificatore21 marzo 2014 09:57

    Quello che gli imputo l'ho detto chiaramente e motivato.

    RispondiElimina
  52. Ma non esiste, Chiari. Poi mi dici che volevi mettere Bakic, che quando ha giocato ha dimostrato veramente pochino. Dare la colpa di una sconfitta come quella di ieri ad Ambrosini, e di converso a Montella che lo ha scelto, mi sa di scelta di capri espiatori. La verità è che la Juve ha vinto perché in una partita molto equilibrata ha saputo sfruttare meglio una delle poche opportunità che le si sono presentate. Cosa che non abbiamo saputo fare noi. Poi possiamo pure ragionare di tutto e di più, anche del sesso degli angeli.

    RispondiElimina
  53. stefano vienna21 marzo 2014 10:00

    Valero non doveva batterla, punto. Anzi, non capisco chi gliel'ha permesso. Cuadrado o Ilicic dovevano prendersi la responsabilità. E Valero doveva essere il primo a farsi da parte.

    RispondiElimina
  54. Ritengo Montella sopravvalutato in generale, ma per quanto riguarda la partita di ieri la penso come te, stefano. Errori, forse, ma probabilmente non incidenti sul risultato.

    RispondiElimina
  55. colonel.blimp21 marzo 2014 10:03

    Erano almeno in tre a dover battere quella punizione, e nessuno dei tre era Valero. Stessa posizione di quella di Pirlo. Borja è stato troppo esaltato, non gli ha fatto bene, annata inferiore alla precedente e non di poco.

    RispondiElimina
  56. Anche Gonzalo è stato troppo esaltato.

    RispondiElimina
  57. D'accordo con Pollock, penso che la parità ieri sia stata violata dal fatto che loro hanno uno che sa calciare le punizioni, noi no.
    Penso che l'arbitro non abbia avuto un metro uniforme nel sanzionare coi cartellini i falli tattici già dal primo tempo.
    Alla vigilia la staffetta Matri-Gomez era preventivabile (al punto che qualcuno ipotizzava che a subentrare sarebbe stato il tedesco), ma al momento in cui Mario è stato chiamato fuori ho sbottato con l'amico che era con me "ma non mi pare ancora con la lingua a terra", dato che anch'io avevo notato lo stesso dettaglio citato più sotto dal Colonnello. Al quale però obietterei che con certi infortuni ci fai poco, io fin dall'età di 15 anni ero un potente 183x75 (poi ho perso 2kg da quando ho smesso) soggetto agli stiramenti, che mi capitavano più volte a stagione in partita come in allenamento, anche nei miei momenti migliori di forma, erano dei piccoli crack alla coscia (ma in un punto diverso, ogni volta) che mi inculavano senza preavviso.

    RispondiElimina
  58. stefano vienna21 marzo 2014 10:05

    Sono d'accordo anche sul giudizio generale, l'ho sempre detto. Valero pure. Ma mi chiedo se sia possibile che a Firenze arrivino fuoriclasse assoluti quando, oltre al budget basso, le poche volte che compiamo delle imprese, come l'anno scorso, ci tagliano le gambe in altro modo.

    RispondiElimina
  59. Vedo che continuate a cercare i colpevoli della sconfitta di ieri sera: chi dice Ambrosini, chi Montella, chi Valero: Ma non ho ancora sentito nessuno dire che abbiamo perso perché abbiamo giocato con una squadra più forte che ha avuto la capacità di colpirci nel momento giusto, grazie ad un colpo bello e fortunato di un loro grande campione.

    RispondiElimina
  60. Mc, io non cerco i colpevoli. Cerco di capire se si potesse far meglio. Che i gobbi ci siano superiori è fuori discussione.

    RispondiElimina
  61. Non credo sinceramente si potesse fare meglio nelle condizioni date.

    RispondiElimina
  62. stefano vienna21 marzo 2014 10:10

    No, Gonzalo è forte in assoluto, secondo me. La Juve ci stava schiacciando e Gonzalo era già la terza volta che si trovava da solo con Llorente. Ormai la Juve stava sfondando centralmente, prima o poi ci bucavano. Magari Montella doveva correre ai ripari qualche minuto prima inserendo Roncaglia. Sul fallo in sè, Gonzalo prova a prendere palla e gamba, ma prende per pochi centimetri solo la palla. Giallo forse pure eccessivo, ma che ci può stare.

    RispondiElimina
  63. stefano vienna21 marzo 2014 10:12

    Io ho detto che Valero non ha giocato bene ieri sera, non che sia colpevole di nulla. Per me ci ha detto proprio male.

    RispondiElimina
  64. colonel.blimp21 marzo 2014 10:12

    E ridaje, Vita! Ma Vargas, Ilicic e Aquilani non le sanno calciare le punizioni? Se la fai calciare da Borja, che si crede ormai Suarez (glielo hanno fatto credere) è altro conto. Questo non succederebbe con LUCIANO!

    RispondiElimina
  65. Anche Borja è forte, ma come Gonzalo ha dei difetti evidenti. Infatti giocano nella Fiorentina.

    RispondiElimina
  66. Chiarificatore21 marzo 2014 10:13

    La causa prima della nostra sconfitta non è stata la forza della Juventus, ma l'infortunio di Pizarro, la seconda aver messo al suo posto, e sottolineo al suo posto, Ambrosini.

    RispondiElimina
  67. La Juve non stava sfondando da nessuna parte. Cercava di venire avanti perché non aveva altra scelta che tentare di far gol, cosa alla quale fino a quel momento non era andata molto vicino. L'espulsione di Gonzalo ed il successivo gol su punizione, in quel preciso momento della partita, è stato assolutamente determinante.

    RispondiElimina
  68. Chiari, tu sottovaluti la Juve e sopravvaluti Ambrosini.

    RispondiElimina
  69. Chiarificatore21 marzo 2014 10:18

    La Juve è la causa terza. Il danno di Ambrosini playmaker è stato mortale.

    RispondiElimina
  70. stefano vienna21 marzo 2014 10:20

    Che fine ha fatto Stallone Ruggente?

    RispondiElimina
  71. stefano vienna21 marzo 2014 10:23

    Ho capito, ma se ci scippano tre Champions League con relativi introiti -che quindi potevano essere anche cinque- non si può nemmeno sperare di colmare un gap finanziario già di per sè enorme.

    RispondiElimina
  72. Quelle che dici Chiari per me ha molto poco senso. Sette giorni prima a Torino abbiamo preso a dominare a centrocampo dopo l'entrata di Ambrosini. Se mi dici che a te Ambrosini non piace, ok te lo concedo volentieri. Ma quando lo ritieni il colpevole principale di tutte le sconfitte, non sono affatto d'accordo. Nel calcio la causa di una sconfitta, normalmente, è la maggior forza della squadra avversaria. Pensaci bene: abbiamo avuto tutti e due il medesimo calcio di punizione a favore, dalla stessa posizione. Prima, noi e poi loro. Guarda caso (ma non è un caso), ha vinto la squadra che ha avuto la capacità di sfruttre meglio quell'episodio.

    RispondiElimina
  73. Chiarificatore21 marzo 2014 10:25

    Ti rispondo sopra.

    RispondiElimina
  74. Non si è perso certo per l'uscita di Pizarro che ha fatto si alcune giocate buone ma altre da fucilazione immediata come sovente gli capita. La formazione era corretta negli undici iniziali e giuste sono state le sostituzioni, se si pensa che il la Fiorentina dipenda dal cileno, o un simil cileno, per imporre il suo gioco qualcuno dovrebbe redimersi e fare altre valutazioni sulla rosa da secondo posto. I primi 20' minuti palla a noi e basta, gli altri 25' gara equilibrata, nel secondo tempo si è retto 10' minuti poi siamo spariti dal campo, ma non sarebbe solo quello il problema, il problema è che dopo il goal non ho visto quello che era lecito e minimo aspettarsi, una reazione di orgoglio, di carattere e di cuore. Sin dall'inizio del secondo tempo siamo apparsi rinunciatari, quasi felici di difendere lo 0-0, dopo lo schiaffo, gambe o non gambe, testa o non testa, devi buttare tutto in campo, prendine 5 ma corri e fai vedere che le palle le abbiamo, non importava il bel gioco o passare il turno a tutti i costi, serviva solo far vedere che dalla juve siamo distanti anni luce ma non sul piano del carattere e dell'orgoglio. Questa è l'unica grossa pecca di Montella. Conte anche quando allena li insegue negli spogliatoi berciandogli negli orecchi, Montella pare ad una serata di gala alla Scala di Milano con abbigliamento sportivo, hai voglia a dispensare serenità e bon ton, certe partite, senza che nessuno ti scorga, lo noti, devi trasmettere ferocia e determinazione, magari poi un Porto al turno successivo ti sbatte fuori ma la volontà e la determinazione nello spendere tutto non deve mai venir meno in queste partite. La punizione, più o meno sulla stessa mattonella, l'abbiamo avuta pure noi ma si è presentato il nostro uomo peggiore, o di potenza Vargas o di precisione Ilicic, uno dei due, mai Borja, non certo uno specialista, ne è venuta fuori una cosa inguardabile. La differenza sugli episodi la fanno gli specialisti, Pirlo lo è, e si è visto. Non la migliore juve, non la più irresistibile o la più in forma, eppure è bastata e avanzata. Quando si parla di rose da secondo terzo posto li fermiamoci, per lo scudo serve altro e non sempre lo si trova a buon mercato.

    RispondiElimina
  75. Chiarificatore21 marzo 2014 10:32

    McGuire, non divagare, a Torino c'è stata un altra storia ed una Juventus che nel secondo tempo è crollata.
    Quello che dico ha senso e si evince da un'attenta visione della partita.
    Nel calcio non c'è nulla di certo, ma, visto l'andamento della partita ed il comportamento delle squadre, ieri se Pizarro non si fosse fatto male avremmo avuto più probabilità noi di passare il turno, se Ambrosini fosse stato messo per Aquilani ed Aquilani per Pizarro ce la saremmo giocata al 50%, mettendo Ambrosini playmaker abbiamo consegnato il centrocampo alla Juve e quindi la vittoria. Questo non è un parere, il campo lo ha detto in modo lampante.

    RispondiElimina
  76. Chiari, io non divago. Dico solo quello che ho visto ed interpretato della partita. Ha vinto la squadra più forte che ha saputo sfruttare meglio l'episodio determinante della partita. Tutto qui. Il resto sinceramente non m'appassiona, perché non pretendo di avere ragione a tutti i costi.

    RispondiElimina
  77. Chiarificatore21 marzo 2014 10:38

    Anche a me non importa aver ragione a tutti i costi.
    Secondo me non ha vinto la squadra più forte.
    Che, uscito Pizarro e messo al suo posto Ambrosini, abbiamo smesso di giocare, lo hanno visto anche le pietre.

    RispondiElimina
  78. stefano vienna21 marzo 2014 10:39

    Nel giorno più triste -relativamente s'intende- non dimentichiamoci chi siamo e come ci trattano. Essere arrivati vicini a buttare fuori la Juve con 150 milioni di fatturato in meno di cui 30 derubati dal Milan col resto d'Italia a guardare con celato compiacimento -conosco di persona tifosi non gobbi e non rossoneri che hanno tirato un sospiro di sollievo quando l'anno scorso siamo arrivati quarti. E all'infortunio di Rossi idem.


    Montella, Valero, Gonzalo si possono anche criticare, ma umanamente sono strafelice di averli a Firenze. E proviamoci a fare lo sgambetto al Napoli, sia in coppa sia in campionato.

    RispondiElimina
  79. Chiarificatore21 marzo 2014 10:39

    Hai divagato parlando della partita di Torino che non c'entra un piffero e quando stavamo parlando di quella di ieri.

    RispondiElimina
  80. È vero che sarebbe stato meglio lasciarle calciare a tanti altri prima che a Borja, o almeno: lui da lì non lo abbiamo mai visto segnare, mentre Ilicic ce ne ha fatte vedere un paio, e Aquilani se non ricordo male una l'anno scorso in una vittoria 4-1 contro l'Atalanta (quelle di Vargas invece le ricordo tutte da distanze più lontane, negli anni scorsi). Che con Luciano però non sarebbe successo è tutto da dimostrare, forse hanno lasciato tentare Borja perchè in allenamento ne ha mostrata qualcuna, vai a sapere. I gobbi hanno il miglior specialista in circolazione, tuttavia, mentre noi ci aggrappiamo random a 3-4 bravini ma lontanissimi dal regista bianconero.

    RispondiElimina
  81. Non è vero neppure questo, che abbiamo smesso di giocare quando è usscito Pizarro. La partita ha continuato ad essere equilibrata. Semmai è cambiata con l'uscita di Gomez, questo sì. Ma il problema è un altro. la Juve è squadra più completa ed agonisticamente migliore della Fiorentina e, aggiungerei, anche meglio diretta ed allenata. In campionato sta dominando, ha stracciato senza troppa fatica Roma e Napoli. Noi per quattro aprtite gli siamo stati alla pari e le partite che abbiamo perso sono state decise da episodi. Da qui dobbiamo ripartire. Montella deve fare tesoro degli errori commessi, la società rinforzare la squadra laddove se ne è manifestata la necessità, difesa in primis. Solo così possiamo crescere: facendo tesoro delle sconfitte come delle vittorie.

    RispondiElimina
  82. Chiarificatore21 marzo 2014 10:45

    Vista la Fiorentina titolare (meno Rossi) di ieri, e come gioca contro la prima della classe, Montella me lo tengo stretto.
    Ciò detto non vedere gli errori che fa significa commettere lo stesso errore di santificazione che alcuni commisero con Prandelli.

    RispondiElimina
  83. Chiarificatore21 marzo 2014 10:47

    Che la Fiorentina abbia smesso di giocare uscito Pizarro è voce di popolo ( ed in questo caso anche di Dio) , Mc.

    RispondiElimina
  84. Certo che dobbiamo tenerci stretto Montella, che è giovne e quando sbaglia lo fa per inesperienza. Ed hai mille volte ragione Chiari quando dici di evitare come la peste la santificazione del tecnico. Giubba Iscariota docet.

    RispondiElimina
  85. Il popolo è bue, Chiari. Eh eh eh eh!

    RispondiElimina
  86. Chiarificatore21 marzo 2014 10:49

    A volte sì, Mc, ma questa volta vale il detto vox populi vox dei. Eh eh eh eh eh!

    RispondiElimina
  87. Vorrei ribadire che io non santifico Montella, visto che neppure mi piace. Tuttavia, non ritengo abbia commesso errori gravi ieri sera. Gli errori gli hanno commessi i singoli: Ilicic che ha sparato alle stelle, Borja Valero e Gonzalo che si sono addormentati, uno sul pallone, l'altro sull'avversario.

    RispondiElimina
  88. Riguardo agli errori, sono totalmente d'accordo con te, Antoine

    RispondiElimina
  89. Chiarificatore21 marzo 2014 10:50

    Per me uno grave lo ha commesso, non aver messo Aquilani per Pizarro.

    RispondiElimina
  90. Magari lo fosse.

    RispondiElimina
  91. MCGUIRE io l'ho detto e ridetto che siamo usciti perchè la Juve è più forte.Forse,da buoni fiorentini,siamo sempre sicuri di essere i migliori ed i più forti.Questo ci porta a dover trovare dei responsabili per la sconfitta.Responsabili per me non ce ne sono.La squadra più forte è passata,punto e basta.Al limite si può dire che con gli undici titolari teorici ed in buono stato di forma avremmo avuto più possibilità;e che viceversa,la juve avesse avuto indisponibili Pirlo,Vidal e Tevez probabilmente saremmo passati noi.Perchè alla fine,allenatori o neo allenatori,capaci od incapaci,le grandi squadre e le grandi vittorie le portano i campioni.

    RispondiElimina
  92. Cambiando per un attimo discorso, ho visto Lud sul sifone sparare le solite cazzate ad alzo zero. ma noion aveva detto che sarebbe stato a New York per una conferenza? Ovviamente ha detto una balla perché, visto il fiuo orario, quell'uomo sta passando tutta la notte a scrivere scemenze su cloaca.

    RispondiElimina
  93. Chiarificatore21 marzo 2014 10:58

    Caro Dkne io, da tifoso viola, non sono sempre sicuro di essere il più forte, anzi so bene che la Viola lo è stata raramente. Questo però per me è uno dei casi in cui , senza infortuni e con arbitri giusti, saremmo i più forti.
    Quanto alle cause della nostra sconfitta di ieri ne ho indicato tre precise ed argomentate con molta ragionevolezza.

    RispondiElimina
  94. Sono assolutamente d'accordo con te. Ieri sera potevamo vincere se Eupalla fosse stata generosa con noi. Ma così, ahimé, non fu.

    RispondiElimina
  95. Chiarificatore21 marzo 2014 11:03

    Io ho visto ieri una partita dove finché Pizarro è stato in campo la squadra più forte che giocava meglio e che ha creato più occasioni era quella con la maglia viola.
    Ma può darsi che io abbia visto la partita sbagliata.

    RispondiElimina
  96. Chiarificatore21 marzo 2014 11:09

    Per me alla Fiorentina di quest'anno mancano una trentina di punti, a spanna, 12 dovuti agli infortuni, 10 agli errori arbitrali, 8 agli errori di Montella.

    RispondiElimina
  97. Boh, vicino Bibbona c'è La California, ma la Versilia l'ho bazzicata meno, non è che vicino al Cinquale c'è Il New York?

    RispondiElimina
  98. La sanità mentale di quell'uomo è veramente ridotta al lumicino. Ma che bisogno c'è dire cose non vere per vantarsi?

    RispondiElimina
  99. Ragazzi, la Fiorentina attuale al 100% è quella che abbiamo visto ieri sera. Una squadra che avrebbe macinato almeno 16/17 squadre del nostro campionato e che se l'è giocata alla pari per 70 minuti con la Juve. La differenza l'ha fatta il tasso tecnico, non certo la tattica, e nello specifico, il tasso tecnico di Tevez e Pirlo. L'uscita di Pizarro è stata importante, non tanto per la costruzione , quanto per la capacità del cileno di sporcare i passaggi avversari che è venuta meno. La partita di ieri è stata un lancio di monetina ed è uscita la Juve. Gonzalo ha fatto una cazzata, ma è stata una cazzata in mezzo a tanti interventi coraggiosi e risolutivi che hanno bloccato la Juve prima che diventasse pericolosa in area. Contro Llorente e Tevez devi giocare d'anticipo e d'aggressività, cosa che aumenta esponenzialmente il coefficiente d'errore.
    Dopo il gol abbiamo sentito nelle gambe l'effetto del pressing fatto nel primo tempo e anche un certo scoramento del tutto naturale.
    Io di quest'anno mi tengo tutto, anche in caso di sconfitta in coppa Italia, perché è un anno che ci regala alcune certezze dopo l'inaspettato exploit dello scorso anno. Ripartiamo dalla sicurezza di avere un attacco titolare di valore internazionale, un centrocampo con almeno due grandi realtà tecniche e tattiche, una difesa migliorabile ma non certo da rifondare e un portiere con due palle come la cupola del Brunelleschi.
    La Juve può essere la cartina di Tornasole di quanto siamo cresciuti, lo scorso anno abbiamo giocato con coraggio in casa e siamo stati inermi e massacrati a Torino, quest'anno, con loro, nel loro anno dei record, in quattro partite ce la siamo sempre giocata, rischiando di portare a casa il bottino grosso quasi sempre. La loro famosa mentalità non ci fa più paura e crescendo un po' tecnicamente, potremo veramente dirci al loro livello.
    Ed essere al loro livello significa giocare per vincere tutto.

    RispondiElimina
  100. I miei complimenti Foco, perché, al solito, condivido il tuo commento in maniera totale.

    RispondiElimina
  101. Per quanto riguarda Neto, preferirei controllare personalmente.

    RispondiElimina
  102. Sopravvissuto21 marzo 2014 12:13

    Ieri per i tifosi era La Partita, mentre nella realtà erano Ottavi di Finale, manco i Quarti o la semifinale. Per la Juve era "una partita", tanto la Signora omicidi l'affrontano tutte le squadre col cazzo dritto e puntato verso il culo, salvo trovarselo già il gola, il cazzo gobbo. La nostra esaltazione contro la normalità juventina. This is. Analizziamo a bocce ferme, fredde (mica tanto. Girano!)
    1) Mettere Ambrosini al posto di Pizarro significa, geometricamente e tridimensionalmente, arretrare di almeno 15 metri, e infatti la Juve ha subito occupato più porzione di campo rispetto a prima dell'infortunio del cileno.
    2) Togliere Gomez, che aveva costretto Bonucci e Chiellini a rinvii veloci e alla "come va va..." (o comunque in apprensione), togliere il teutonico, che da solo era Mangiafuoco al cospetto dei burattini...ha permesso alla Juve in un solo momento di avere un uomo in più in fase di organizzazione gioco dalle retrovie, di avere meno pressione psicologica (i dinosauri pur estinti fanno paura, comunque), e-soprattutto- ha inviato un messaggio chiaro a Conte: tolgo il bisonte, inserisco il coniglio. Ecco dove sta il sottile confine psicologico nella artista a scacchi tra allenatori: l'atteggiamento, che all'atto pratico può essere smentito o annientato con un cambio.
    3) Riguardatevi la prima punizione pro-viola al 2o minuto a 20 metri dalla porta, come é stata battuta. Orribile, senza finalità, senza costrutto, con palla mandata nel cerchio di centrocampo, mentre in area c'erano Gomez, Rodriguez, Savic...mah!
    4) Da quando Valero tira le punizioni? Giusto McGuire, un paio di episodi potevano decidere la partita, ma noi siamo sempre dalla parte sbagliata. Montella ha schierato quelli che volevamo, avendo fuori Pasqual e Ambrosini. Ritengo, io, che con Pizarro ancora in campo non finiva così. Montella non l'ha considerata "fondamentale" come noi, altrimenti non metteva Roncaglia, dovendo fare non uno, ma due (2) gol per qualificarti. Un dettaglio? Un episodio? Si, un po' trapattoniano perché a quel punto "sciolgo le trecce ai cavalli" e butto dentro Matos, tanto o 0-1 o 0-3 cambia nulla. Ma forse faccio 1-1. Forse.

    RispondiElimina
  103. Sopravvissuto21 marzo 2014 12:14

    Cambia nick in San Tommaso. Ehehe ehehe ehehe....!

    RispondiElimina
  104. La tua analisi Sopra è convincente. Solo che la Juve, fino a prova contraria, è una grande squadra e noi invece stiamo studiando per diventarlo.

    RispondiElimina
  105. Alcuni commenti sono veramente ingenerosi. Sento il bisogno di ribadire il mio pensiero, e per paura di essere frainteso non lo farò parlando dei miei due cugini scomparsi. La Juve è più forte. La partita è stata persa per due singoli episodi, l'infortunio di Pizarro e la punizione di Pirlo. Agli amanti del capro espiatorio estremo, suggerisco di cavalcare l'errore di Gomez ed Ilicic sotto porta. Montella perfetto. Squadra gigantesca in rapporto alla forza dell'avversario e quindi al fatturato. In tutte e quattro le sfide.

    RispondiElimina
  106. Chiarificatore21 marzo 2014 13:26

    Montella perfetto parla per te, Poeta, che a me le santificazioni, al contrario che a te, non sono mia piaciute.

    RispondiElimina
  107. colonel.blimp21 marzo 2014 13:27

    L'errore di Ilicic può essere cavalcato, quello di Gomez non è un errore, Pollock. La perfezione di Montella ci fa uscire agli ottavi di Uefa, ci porterà sesti in campionato e ci farà perdere la finale di Coppa Italia. Allora sono i Della Valle ad aver bisogno di forte perfezionamento.

    RispondiElimina
  108. Chiarificatore21 marzo 2014 13:30

    Non è il caso di Pollock, ma la maggioranza dei santificatori, come capitò con Prandelli, vogliono arrivare proprio lì, ai DV ed al passo decisivo che non farebbero mai. .

    RispondiElimina
  109. Chiarificatore21 marzo 2014 13:32

    Quanto alla Juve che sarebbe più forte, altra giaculatoria da adoratori, buona per tutte le stagioni. Io ho visto una partita dove fino a che c'era Pizarro in campo la più forte era la Viola. Ma forse, ripeto. ho visto un'altra partita.

    RispondiElimina
  110. Chiarificatore21 marzo 2014 13:35

    Mettere Ambrosini al posto di Pizarro avendo a disposizione Aquilani è da arresto. Con l'aggravante della recidiva perché lo ha fatto altre volte andando sempre a sbattere contro il muro.

    RispondiElimina
  111. Chiarificatore21 marzo 2014 13:38

    Questa è la rosa più forte della storia della Fiorentina.

    RispondiElimina
  112. Alla faccia di chi dice che sul sitollock vige un pensiero unico...

    RispondiElimina
  113. Chiarificatore21 marzo 2014 13:46

    Esatto. Eh eh eh eh!!!

    RispondiElimina
  114. Chiarificatore21 marzo 2014 13:49

    Le nostre occasioni mancate non vanno cavalcate, dimostrano solo che con Pizarro in campo meritavamo di vincere e che stavamo controllando attivamente il pareggio, contro una squadra che doveva assolutamente vincere.

    RispondiElimina
  115. Io la penso pari pari come il poeta e MC;Chiari,senza polemica ovviamente,ti chiedo:se la partita persa con la Juve deriva dai cambi e dall'atteggiamento tattico di Vincenzo,che comportandosi in modo diverso avrebbe portato la vittoria a casa,non perderemmo mai.Mi spiego meglio:tutte le volte che abbiamo perso punti(tolto quelli contro le dirette concorrenti Napoli e Inter che ce li hanno sottratti gli arbitri) ho sempre letto che grandi responsabilità le aveva il mister.Il che mi fa dedurre che se Montella avesse "seguito" i vostri consigli le avremmo vinte.Quindi saremmo quasi a punteggio pieno.Mi pare un pò pretestuoso.

    RispondiElimina
  116. Insomma..alla fine si potrà dire che abbiamo fatto il possibile e che la squadra ha giocato al massimo ma che siamo usciti contro i maledetti perchè sono più forti e perchè hanno campioni col colpo risolutivo?Io la vedo così e mi fa piacere che ieri allo stadio si sia percepito questo chiamando a gran voce sotto la curva la squadra per tributargli il giusto applauso.

    RispondiElimina
  117. Chiarificatore21 marzo 2014 13:54

    Leggimi bene, Dkne, la causa prima è stata l'infortunio di Pizarro, la causa seconda è stata la sciagurata scelta di mettere al suo posto Ambrosini, scelta che ha sciolto il gioco della Viola come neve al sole e che è stata alla base di tutto, e sottolineo tutto, quello che è successo dopo.
    Questo non è un parere è di una evidenza lampante nella partita che ho visto io.
    Altre volte ho fatto critiche a Montella sempre ben specificate ed argomentate , se hai qualcosa in contrario contestamele nel merito, tutto il resto è fumo.

    RispondiElimina
  118. Chiarificatore21 marzo 2014 13:56

    Anch'io applaudo la squadra la sua prestazione ed anche Montella per il gioco che le ha dato. Detto ciò Montella che non è un Santo, ha fatto un errore madornale.

    RispondiElimina
  119. Sull'infortunio di Pizarro concordo al 100%;sulla scelta di mettere Ambrosini meno in quanto:1-non erano disponibili Mati,Andersonn e Wolsky.Solo Bakic.
    2-qualsiasi altra scelta avesse fatto Montella non ritengo sia chiaro e certificato che le cose sarebbero andate meglio.Potevano,certo;ma non essendoci controprova non ne ho la certezza.In ogni caso il cambio era "obbligato"(dal mio punta di vista si intende,perchè avrebbe potuto pure mettere Rosati),quindi personalmente non ho critiche da muovere a Montella per la sostituzione.

    RispondiElimina
  120. Chiarificatore21 marzo 2014 14:10

    C'era Aquilani disponibile.
    Che mettendo Aquilani le cose sarebbero andate meglio non è certo, è però certo che Aquilani sa fare il playmaker, Ambrosini no.

    RispondiElimina
  121. Nessuno di noi ha la verità in tasca. C'è chi pensa che mettendo Bakic al posto di Pizarro, invece di Ambrosini avremmo continuato a dominare a centrocampo e chi, come me ed altri, la pensano in maniera differente. A mio parere l'unico cambio su cui si può discutere, soprattutto sulla sua tempistica, è quello di Matri per Gomez. Mi pare che non ci sia dubbio sul fatto che da quel momnto la Juve ha cominciato ad avere meno paura ed a vincere la partita.

    RispondiElimina
  122. colonel.blimp21 marzo 2014 14:13

    Io dico: LUCIANO! io grido: LUCIANO! Io imploro: LUCIANO!

    RispondiElimina
  123. Chiarificatore21 marzo 2014 14:13

    Mc qui sotto ho detto altro, e cioè che non avere messo Ambrosini e non Aquilani play è stata una cazzata sesquipedale.

    RispondiElimina
  124. Non sono d'accordo ed ho già speigato il perché.

    RispondiElimina
  125. colonel.blimp21 marzo 2014 14:15

    Con Ambrogio, gioco mogio!

    RispondiElimina
  126. Non risolveresti niente, Colonnello. Almeno al momento attuale.

    RispondiElimina
  127. colonel.blimp21 marzo 2014 14:16

    Sì, McGuire, mi giocherei la finale di Coppa Italia con qualche chance di vincerla mentre oggi l'ho persa in partenza.

    RispondiElimina
  128. colonel.blimp21 marzo 2014 14:16

    Quindi io urlo: LUCIANO! Io mugolo: LUCIANO! Io abbaio: LUCIANO!

    RispondiElimina
  129. Chiarificatore21 marzo 2014 14:17

    Quanto a Bakic io lo avrei preferito ad Ambrosini per non perdere il filo del gioco, ma non considero il non averlo messo un errore, perché a qual punto era ragionevole pensare ad Ambrosini, MA NON COME PLAYMAKER.

    RispondiElimina
  130. Avresti le stesse possibilità, credimi. Tante o poche che siano. E poi il Napoli è sicuramente più alla nostra portata della Juve.

    RispondiElimina
  131. Chiarificatore21 marzo 2014 14:18

    Non ho letto la tua spiegazione. Per te va bene Ambrosini playmaker, meglio di Aquilani?

    RispondiElimina
  132. Sinceramente Chiari io non ho visto Ambrosini giocare da playmaker.

    RispondiElimina
  133. Chiarificatore21 marzo 2014 14:19

    Allora abbiamo visto una partita diversa. Oppure non lo hai visto perché non ne è stato capace, ma il Monty lo ha messo in quella posizione e gli ha affidato quell'incarico.

    RispondiElimina
  134. colonel.blimp21 marzo 2014 14:19

    No, in materia non ti credo perché ho toccato con mano i limiti del montellismo.

    RispondiElimina
  135. Direi di no, Chiari. Lo ha schierato a protezione della difesa, che poi è l'unica cosa che sa fare, non a dettare i tempi di gioco.

    RispondiElimina
  136. colonel.blimp21 marzo 2014 14:21

    McGuire, è ovvio che non hai visto Ambrogio giocare da playmaker, Ambrogio non è un playmaker. Il problema è appunto che è stato schierato da playmaker. Anche per questo io strillo il mio: LUCIANO!

    RispondiElimina
  137. Montella è un allenatore inesperto. Non si può ancora sapere quali siano i suoi limiti allo stato dell'arte.

    RispondiElimina
  138. Vabbè Colonnello strilla pure, ma sappi che non sarai esaufdito. Eh eh eh!

    RispondiElimina
  139. Chiarificatore21 marzo 2014 14:23

    Questa è peggio delle convergenze parallele! Eh eh eh!
    Lo ha messo davanti alla difesa esattamente dove era Pizarro, solo che Pizarro ha fatto il playmaker ed Ambrosini non ne è capace. Proteggere solo, nella Fiorentina di Montella vuol dire perdere, esattamente come è successo.

    RispondiElimina
  140. Chiarificatore21 marzo 2014 14:24

    E' esattamente quello che sto sostenendo anch'io qui sotto.

    RispondiElimina
  141. OK. ma non abbiamo perso per colpa di Ambrosini e questo mi pare indiscutibile. Semmai le cose sono peggiorate con l'uscita troppo anticipata di Gomez. E' stato quello il segnale di debolezza che Conte aspettava.

    RispondiElimina
  142. Chiarificatore21 marzo 2014 14:26

    Per me Ambrosini play, e sottolineo play, è stata la seconda causa, la prima è stata l'infortunio del Pek.
    Su Gomez mi manca l'informazione sulle sue condizioni.

    RispondiElimina
  143. colonel.blimp21 marzo 2014 14:29

    Ma io non voglio conoscere i limiti futuri di Montella, McGuire, mi bastano i suoi presenti. E nel presente, voglio vincere! Ascolta dunque il mio bramito: LUCIANO! Il mio ruggito: LUCIANO! Il mio ululato: LUCIANO!

    RispondiElimina
  144. colonel.blimp21 marzo 2014 14:32

    E insomma, in soldoni: LUCIANO! Poi ditemi che ne è di Lele: io temo che stia risalendo l'Africa con un pugno di mercenari armati di machete, furibondo. Direzione: casa Montella.

    RispondiElimina
  145. Io non santifico proprio nessuno. Se ritengo che uno non abbia colpe specifiche esprimo semplicemente un pensiero diverso da chi pensa il contrario. Mi sembra di capire, per riassumere il pensiero dei più critici, che a Montella è ascrivibile anche la capacità realizzativa di Pirlo su punizione. Che è concetto anche retroattivo, Ovvero, delle 42 realizzazioni in carriera, Montella ne è colpevole anche quando non era ancora allenatore. Oltre naturalmente all'alluvione del '66, in questo caso il concetto è pre-nascita.

    RispondiElimina
  146. Chiarificatore21 marzo 2014 15:00

    Ti è sembrato di capire male, Pollock. Subire un calcio di punizione dal limite è stata semplicemente una delle tante logiche possibilità rese più probabili dalla sciagurata scelta di Montella di piazzare Ambrosini play, quindi arretrando il nostro gioco. Che poi da una punizione dal limite Pirlo possa fare gol è un'altra cosa ragionevolmente possibile per non dire probabile, conoscendo il soggetto. Mi sembra chiaro.

    RispondiElimina
  147. Sticazzi Chiari però...che si pretenda che alla Juve non si conceda,non solo occasioni da gol,ma neppure calci piazzati(perchè la colpa è di Montella che mettendo Amrosini ha portato la squadra più vicina all'area nostra) mi pare veramente troppo ottimistico.Magari con Luciano la Juve non avrebbe superato la metà campo,non avrebbe tirato in porta e probabilmente si sarebbe vinto 8-0.

    RispondiElimina
  148. Chiarificatore21 marzo 2014 15:07

    Non ho detto quello, Dkne, ho detto semplicemente che se arretri il gioco è più facile che tu conceda calci di punizione dal limite. Tutto lì. Quanto Luciano, rivolgiti al Colonnello.

    RispondiElimina
  149. Allora Chiari possiamo dire che la bravura di Conte sta tutta nel riuscire a mandare Borja Valero.a calciare la punizione dal limite.

    RispondiElimina
  150. Chiarificatore21 marzo 2014 15:11

    Io non invoco Luciano, a me, visto il gioco che ha dato alla Fiorentina, va bene Montella. Però fa anche cazzate, a volte gravi. E' un uomo.

    RispondiElimina
  151. Chiarificatore21 marzo 2014 15:15

    No, è stato un errore della difesa avversaria. Errore che sarebbe stato più grave se fosse stato reso più probabile da un scelta tattica.

    RispondiElimina
  152. Chiarificatore21 marzo 2014 15:18

    Poeta, quando il centrocampo viola è al completo di punizioni dal limite di quella pericolosità ne subiamo poche, perché teniamo il gioco alto.

    RispondiElimina
  153. Chiarificatore21 marzo 2014 15:18

    A più tardi e lunga vita a Pizarro.

    RispondiElimina
  154. Quindi se non è al completo è colpa di Montella.

    RispondiElimina
  155. Chiarificatore21 marzo 2014 16:10

    Eccomi, ho fatto un salto a New York e sono tornato.
    C'era Aquilani, la colpa di Montella sta nell'aver messo Ambrosini e non Aquiliani al posto di Pizarro. Aquilani avrebbe tenuto il gioco più alto ed avrebbe continuato a far gioco.

    RispondiElimina
  156. Chiarificatore21 marzo 2014 16:18

    Per distrarci un po' ecco qualche splendida foto del mio paese natale che illustra come arrivava molti anni fa il vino "navigato" dell'Isola d'Elba, quello che offro magnanimamente ai nuovi arrivati.
    Quel tipo di barca si chiama Leudo ed è stata creata nel mio paese.

    RispondiElimina
  157. "Aquilani avrebbe..." mentre tu scrivi sul senno del poi, come possiamo fare a verificare i tuoi condizionali?

    RispondiElimina
  158. Chiarificatore21 marzo 2014 16:23

    Non è assolutamente senno di poi, si tratta di valutazione delle caratteristiche di un calciatore rispetto ad un altro, e di cose dette prima e più volte.

    RispondiElimina
  159. No, il fatto che la punizione di Pirlo viene generata da un errore tattico di Montella, è un fatto che può essere criticato solo dopo il suo accadimento. Quello che tu sostiene come mossa tattica che non lo avrebbe generato è invece assolutamente non verificabile. Quindi tu così hai sempre ragione e Montella torto.

    RispondiElimina
  160. Chiarificatore21 marzo 2014 16:37

    Non è vero , Pollock, se io gioco più basso e metto a fare il play uno che non lo sa fare offro più possibilità all'avversario di offendere quindi di segnare, con punizioni o in altro modo. Non mi sembra così complicato il ragionamento.

    RispondiElimina
  161. Chiarificatore21 marzo 2014 16:42

    Poeta, qualche volta, per fortuna rara, Montella e la Fiorentina hanno perso giocando bene , tenendo il pallino gioco, e lontano dall'area, ed io non l'ho assolutamente criticato, anzi l'ho difeso.

    RispondiElimina
  162. Quindi se il ragionamento è così lineare e di facile comprensione, l'ultima considerazione che mi rimane da fare è che Montella sia un imbecille.

    RispondiElimina
  163. Chiarificatore21 marzo 2014 16:45

    Non è assolutamente un imbecille, è un bravo allenatore che in generale fa bene le cose, che ha dato alla Fiorentina un calcio che mi piace, ma che qualche volta sbaglia, non essendo un Santo. Semplice.

    RispondiElimina
  164. Chiarificatore21 marzo 2014 16:46

    Pollock, secondo te Montella non può sbagliare, anche in modo madornale, qualche volta?

    RispondiElimina
  165. Se uno fa l'allenatore di professione e come da tue testuali parole "mette a fare il play uno che non lo sa fare" non è affatto un bravo allenatore come invece sostieni nel commento successivo. Se non è un imbecille è almeno un incapace.

    RispondiElimina
  166. Montella lo ha fatto e lo farà come succede a tutti in generale, il punto non è questo, è che tu prescrivi soluzioni non verificabili, ovvero che potrebbero essere assolutamente efficaci ma anche no. Quello che voglio dire è che possiamo benissimo dire che ha sbagliato, è il sale del calcio e in questo caso anchedel blog, è sul come avrebbe dovuto fare che personalmente userei toni meno perentori.

    RispondiElimina
  167. Chiarificatore21 marzo 2014 16:53

    Perché in quel momento si è cagato addosso, ed ha pensato soprattutto a non prenderle, come ha fatto altre volte, per fortuna non prevalenti. Infatti in generale lo considero coraggioso.

    RispondiElimina
  168. Uno che si caga addosso è appunto una persona che non può ricoprire quel ruolo.

    RispondiElimina
  169. Chiarificatore21 marzo 2014 16:56

    Io propongo soluzioni che mi sembrano ragionevoli sulla base delle caratteristiche dei calciatori e del gioco che vuole proporre Montella. Di sicuro e verificato c'è che con Pizarro giocavamo e con Ambrosini abbiamo smesso di giocare, che Aquilani sa fare il play ed Ambrosini no. Semplice.

    RispondiElimina
  170. Chiarificatore21 marzo 2014 16:59

    Leggimi bene Pollock. Non ho detto che si caga addosso in generale. Anzi ho detto che in generale è coraggioso. In certi momenti può capitare a tutti di cagarsi addosso.

    RispondiElimina
  171. Ambrosini non si è messo a fare il play, mi pare un po' una forzatura, ha svolto più il solito compito di mediano a protezione dalla difesa ed era un cambio obbligato. Aquilani non ha certo disputato una buona partita da interno e non si ha riprova che sarebbe stata scelta più logica vista la serata, anche alla luce della prova di Pizarro che non è che avesse fatto chissà cosa fino a quel momento. Sulla punizione c'è poco da dire, che ci fosse Pizarro, Ambrosini o Aquilani una punizione del genere la juve se la può guadagnare senza troppi patemi, il risultato sarebbe stato lo stesso. Non si può giustificare né in parte né in toto la sconfitta con quel cambio, a posteriori andrebbero meglio altre scelte visto che si è perso ma in campo è andata la formazione migliore, nessuno ne avrebbe schierata una differente, se poi si verticalizza ogni morte di papa e si fanno titicche titocche fino alla noia è un altro discorso, di sicuro non è scelta tattica, davanti avevamo una squadra nettamente superiore, più abituata a questo tipo di incontri e più scafata nell'affrontarli. Nonostante l'età media della rosa Viola sia di 27 anni, ergo, l'esperienza non dovrebbe mancare visto l'internazionalità di molti componenti, i gobbi coprivano meglio il campo, rinculavano più velocemente e avevano, nell'ultima mezz'ora, dominio completo delle fasce, ed anche questo, di sicuro, non era stato studiato a tavolino. Sono più forti, e si sapeva, hanno vinto per un episodio, lo stesso che abbiamo avuto noi prima di loro ed alla fine potevano anche arrotondare. Abbiamo avuto tre limpide occasioni, quella di Ilicic clamorosa (peccato il piede sbagliato) se non la butti dentro e loro si è giusto che proseguano il cammino. Non ne farei un dramma, siamo distanti da loro che pure non erano al top, noi non ne parliamo. Mi ha deluso più l'atteggiamento che la sfida tattica, atteggiamento che ha fatto risaltare differenze di natura tecnica che non sono così evidenti se ci metti l'anima. In questo Montella deve migliorare, non in come ha schierato la squadra o i cambi effettuati, non si può vedere un Vargas con l'elastico così corto o un Cuadrado che si disinnesca da solo perché non sa a chi appoggiare, due esterni così sono un fortuna per ogni squadra, finché ha retto Gomez ce la siamo giocata alla pari, quando è stato inserito Matri la squadra aveva già smesso di crederci e non gli è arrivato un pallone a garbo facendo la fine del solito, estenuante, torello con la difesa avversaria. Quando non sfondi con il gioco o con il tasso tecnico, ed anche se sei sui ginocchi, vorrei vedere un cipiglio differente, anche a costo di rimediare figurucce, dai tutto e non entrare con uno spirito di rassegnazione a difendere il golletto in trasferta come si è visto appena l'arbitro ha fischiato l'inizio del secondo tempo. Non siamo squadra che sa speculare sul risultato ed in questo momento anche se tenti una ripartenza non hai banane per verticalizzare velocemente, i goal più belli, quest'anno, sono venuti quando la dai in avanti, ieri sera era tutto un dare all'indietro ed un ripartire con spazi intasati. Adesso mantenere il quarto posto o vincere la CI altrimenti il preliminare in EL non ce lo toglie nessuno, per evitarlo si devono verificare una delle due eventualità qui sopra, rovinare il ritiro con una preparazione anticipata per essere in forma per il preliminare non è proprio il caso, già si è visto quanto costa cannarlo figuriamoci se dobbiamo inventarne uno nuovo o dividerlo in due tronconi.

    RispondiElimina
  172. Chiarificatore21 marzo 2014 17:07

    A voi va bene che, infortunato Pizarro, abbia messo Ambrosini e non Aquilani davanti alla difesa? Benissimo per voi, tenetevelo. A me non va bene ed ogni volta che lo farà, in quella specifica scelta secondo me Montella sarà un grandissimo coglione.
    Come tutti noi lo siamo stati in certe specifiche scelte.

    RispondiElimina
  173. Chiari, il gioco, soprattutto quest'anno, non è mai passato per i soli piedi di Pizarro, si è visto quanto è stato determinante Borja da interno e Mati, pure, quando sono stati schierati. Idem Aquilani, il gioco puoi costruirlo anche da mezz'ala ma la serata storta è capitata a tutto il reparto. Aquilani non ha fatto molto in costruzione, idem Borja, idem Pizarro, hai voglia a mettere Ambrosini davanti, dietro o di fianco alla difesa, visto il rendimento dell'intero reparto non si può ascrivere ad errore di Montella l'aver fatto il cambio in quella zona di campo. Ha messo un cagnaccio a protezione della difesa, le mezz'ali erano in campo, così gli esterni, ho visto una squadra troppo rinunciataria, troppo bloccata indietro e la sensazione che non fossimo baciati dalla dea del calcio si è avuta dopo il goal subito, per larghi tratti si è visto una squadra che non voleva prenderle più prima ancora di rovesciare il risultato e questo è indipendente dallo schierare o meno Ambrosini.

    RispondiElimina
  174. Chiarificatore21 marzo 2014 17:10

    Sulle prime tue quattro righe sono d'accordo, sul resto ti-vi ho risposto sopra.

    RispondiElimina
  175. Chiari la sensazione è che se anche avesse messo Aquilani nella mediana e Ambrosini interno avresti comunque degli appunti da muovere, non è pensabile però che quella punizione non sarebbe esistita se anche li avesse schierati come volevi, li si entra nel campo dell'imponderabile, dell'onirico, la juve può conquistarle simili punizioni in quella zona del campo, al pari nostro che l'abbiamo battuta prima. Non esiste non concedere alla juve punizioni pericolose, il problema è che li ti sei giocato capra e cavoli, uomo in meno e un mezzo rigore visto che la batteva Pirlo.

    RispondiElimina
  176. Chiarificatore21 marzo 2014 17:12

    ...e fino a che è stato in campo Pizarro non era una serata storta, anzi era una bella serata.

    RispondiElimina
  177. Chiarificatore21 marzo 2014 17:15

    Sbagli sensazione, perché che mettere Ambrosini per me era una cagata l'ho detto prima e quando Montella ha perso essendo coerente col suo gioco sempre propositivo l'ho sempre difeso anche nella sconfitta.

    RispondiElimina
  178. Chiarificatore21 marzo 2014 17:15

    ...non ho detto che la punizione non sarebbe esistita, ma che sarebbe stata meno probabile.

    RispondiElimina
  179. Chiari, ormai lo abbiamo capito che per te è stato un delitto schierare Ambrosini al posto di Pizarro, mentre per altri non lo è stato. Chi ha ragione o torto non so, dipende dai rispettivi punti di vista che tali sono e tali restano. Talebanizzarsi su certi convincimenti in uno sport aleatorio come il calcio non è producente. Per me ha vinto ieri sera la squadra più forte che ha fatta sua la partita sfruttando l'occasione per vincerla che gli si è presentata. Cosa che noi non abbiamo saputo fare.

    RispondiElimina
  180. E chi avrebbe dovuto inserire, pensi che l'avresti vinta, pareggiata ?! Siamo nel campo delle ipotesi non di una prova provata, non aveva molti giocatori da mettere al posto del cileno, e quelli in campo non rilucevano di luce propria, quante sufficienze hai contato in quel reparto, sono tutti sotto il 6, ad essere generosi una sufficienza di stima stiracchiata, ma proprio a tirarla per i capelli, sia il regista, sia gli interni, sia gli esterni, meglio di tutti Cuadrado in quel reparto, che attaccante non è eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  181. Chiarificatore21 marzo 2014 17:20

    Leo tu dici legittimamente e pensando di avere ragione che mettere Pasqual è assurdo e sono d'accordo, io nello stesso modo lo dico di Ambrosini. Perché quindi non posso legittimamente dirlo e pensare di aver ragione?

    RispondiElimina
  182. Nessuno te lo nega Chiari, sono le cause che il cambio ha provocato che non condivido, tutto qui.

    RispondiElimina
  183. Chiarificatore21 marzo 2014 17:22

    Mc, intanto non sono solo io a criticare Ambrosini play,anche qui, poi siete voi che ci ritornate a turno sulla questione, non io. Per me ieri con Pizarro eravamo più forti noi, e se, fuori lui, avesse messo Aquilani al suo posto, ce la saremmo giocata alla pari.

    RispondiElimina
  184. Chiarificatore21 marzo 2014 17:23

    Per me ne sono state la conseguenza, non necessaria ma probabile.

    RispondiElimina
  185. Ma sempre di punto di vista si tratta, non della verità che né io né tu possediamo. Dal tuo punto di vista le cose sono andate in un certo modo, per me in un altro. Non mi interessa sapere chi ha ragoione o chia ha torto. probabilmente ambedue abbiamo in parte ragione e in parte torto. L'errore più grosso è invece pensare di avere in tasca la verità assoluta, che nel calcio (e in cose molto più serie) non esiste.

    RispondiElimina
  186. Chiarificatore21 marzo 2014 17:27

    Non penso di avere la verità, penso che la partita che ho visto io ed il suo evolversi abbiano parlato chiaro confermando la mia opinione.

    RispondiElimina
  187. Chiarificatore21 marzo 2014 17:31

    Ambrosini a quel punto è ragionevole averlo messo, ma mai play, play doveva farlo Aquilani, così, secondo me , ce la saremmo giocata alla pari.

    RispondiElimina
  188. Chiarificatore21 marzo 2014 17:33

    ..inoltre lo stesso Ambrosini più avanti per me sarebbe stato più efficace.

    RispondiElimina
  189. per me non é questione di scelte dell'allenatore, anche perché le scelte erano quasi obbligate: Aquilani serviva a arginare Pogba o Vidal, sarebbe stato ottimista pensare che Ambro ci riuscisse meglio di Aquilani. L'uscita di Pizarro é stata la mazzata, perché non abbiamo nessuno che sappia fare il suo gioco,Montella ne chiede un sostituto da piu'di un anno, e a quel punto si é capito che si poteva anche giocare per lo 0 a 0. Sinceramente fin dalle primissime battute del secondo tempo, si é visto arrivare un po' di fiacca in casa viola.Comunque per me era la tattica giusta quella di Montella, cioé di puntare tutto sull'aggressività a inizio partita per segnare e destabilizzare il loro gioco, cioé costringerli a prendere l'iniziativa e puntare sui contropiedi di Cuadrado, per quello posizionato un po' piu' indietro. Purtroppo non siamo riusciti a inquadrare la porta (questa non puo' essere la colpa dell'allenatore) e abbiamo pagato pegno fisicamente nel secondo tempo. Montella era cosciente della superiorità della Juve e ha cercato di soprenderla, avendo come piano di riserva quello della difesa del risultato d'andata. Niente di scandaloso in questo, é andata cosi' fino all'errore di Gonzalo. Anche a me piace veder giocare sempre a viso aperto, ma non sputo su soluzioni tattiche che sono suscettibili di farci passare un turno in Europa.

    RispondiElimina
  190. Ambiguità delle statistiche: in queste quattro sfide abbiamo segnato cinque goal, esattamente come loro,e preso 3 punti di meno...

    RispondiElimina
  191. colonel.blimp21 marzo 2014 20:36

    Dimenticavo: LUCIANO!

    RispondiElimina
  192. Concordo totalmente su tutto, e a proposito dei punti 3 e 4 mi domando: ma non avevamo il preparatore apposito per i calci piazzati? O quest'anno si è licenziato?

    RispondiElimina