.

.

domenica 16 marzo 2014

Codice fiscale della partita: Wolski

L’Inter ci ha sorpassato ma rimango ottimista sul controsorpasso di stasera, anche se sono già con la testa a quel giovedì che un tempo era invece solo quello di Mike Buongiorno. Si, sono ottimista. Anche se è passato tanto termpo da quel Rischiatutto, e oggi il rischio sarebbe quello di pensare troppo in bianco e nero, quando invece è una bellissima giornata a colori.  E il presente è tinto di Viola. Si, sono ottimista. Sarà perché ho appena finito un libro molto eccitante, forse solo un po’ troppo descrittivo, un libro dove non c’è solo un punto di vista ma le posizioni diverse sono tante, così ognuno può scegliere la sua. E il bello è che alla fine del Kamasutra i due rimangono amici. Dopo che Renzi è andato al Governo anche il Bambi è più fiducioso per il suo futuro, lui sostiene infatti che se Matteo, senza essere eletto e senza titolo, è diventato da un giorno all'altro presidente del consiglio, lui da domani potrebbe fare il ginecologo. “E’ solo questione di fiducia”, gli risponde la sua compagna, che poi "è come la passera e non bisognerebbe darla a tutti". E poi per non dare ragione a John Elkann bisogna darsi da fare, i giovani non possono rimanere ad aspettare, il figliolo del Salucci che sta in via Santa Maria, dopo che si è laureato in Scienza della Formazione è diventato uno dei migliori al Fantacalcio, anche Montolivo quindi potrebbe essere apprezzato a Milano non più solo per l’impegno. Stasera la vetrina toccherà a Wolski, mi auguro che il ragazzo ci faccia lustrare gli occhi, anche se il reparto grandi ustionati è pieno di quelli che "ci metterei la mano sul fuoco". Così come per certi calciatori per i quali stravediamo anche se non giocano mai, con certe persone di tutte i giorni tendiamo a giustificare i loro comportamenti sbagliati, l’esempio di Montolivo è forse il più clamoroso, "va via perché qua non c’è più un progetto", la compagna del Bambi fa uguale, non vuole vedere la realtà che si è messa in casa, ultimamente quando mi incontra, per giustificare il fatto che lui è quasi sempre ubriaco, mi dice che è malato del morbo di Zonin. Si, stasera ci riprendiamo il quarto posto, del resto come disse Noè non è che può piovere per sempre, e poi Wolski o non Wolski mi ritorna in mente il giovedì anche se è un pensiero che scaccio via subito, e spero che per una volta i Della Valle ragionino come Vitton, in modo che così saremo sicuri che venderemo cara la pelle. No, via, bisogna fare una cosa per volta, prima c’è la partita di stasera, sennò alla fine predico bene e razzolo male, e come dice Steve Jobs prima di comprare l'iPhone 5 finite di pagare le rate dell'iPhone 4. Intanto, visto che l’ultimo libro che ho letto è un libro d’amore come vi dicevo, e sono molto influenzabile, oggi voglio chiudere con una frase d’amore tipica che ci apre alla speranza. Alla bellezza della vita. Una frase di chi ha l’animo buono come me, devo dire per onestà che l’ho sentita dall’ortolano di via Sant’Agostino, da una coppia di sposini alla loro prima spesa dopo essere tornati dal viaggio di nozze e dopo aver trombato come micchi. “Te sei il sole, io la luna”. Due palle.

43 commenti:

  1. Ancora nessun commento? Sveglia!!!!
    Stasera si deve tornare a vincere, mettiamo in campo determinazione e sbrighiamo la pratica nel primo tempo, avanti col 3-5-2, Wolski e Anderson in campo, Bakic nel secondo, staffetta Matri-Gomez e si batte il Chievo.

    RispondiElimina
  2. Pollock in forma smagliante, pezzo molto divertente.
    La giornata di oggi è molto importante, si rischia di perdere il 10% residuo di qualifica Champions e successivo sbraco in campionato. Inoltre vedersi davanti l'Inter di quest'anno è un insulto al gioco del calcio da azzerare subito. Speriamo che la febbre non ci porti via Wolski e la possibilità di apprezzarne la tecnica. Mati fuori ci costringe ad una staffetta tra i mediani rimasti, ma potrebbe permetterci di scoprire una volta per tutte Andow, giocatore di altra categoria quando il culo non supera di troppo l'asse delle spalle. Il brasiliano è un giocatore dinamico, oltre che tecnico, anche se non l'ha ancora fatto vedere. A mio avviso è un tipo di calciatore che ha bisogno di toccare molti palloni e che risente delle pause in cui questo non gli arriva. Ha fatto sempre in centrale di centrocampo e può essere che il ruolo di interno, che presuppone anche molta corsa senza palla, gli rimanga ancora un po' sconosciuto. Io lo vedo molto meglio sul centro-destra, dove col piede sinistro può allargare di prima o calciare più comodamente. Il fatto che oggi giochi Pasqual è positivo in proiezione di giovedì. Dietro, giocando a tre, preferisco Fac oggi e Tom giovedì.

    RispondiElimina
  3. Concordo con Anto, e questa sarebbe la mia formazione:
    Neto-Diakitè (o Facundo)-Tomovic-Compper-Cuadrado-Andow-Pizarro-Wolsky-Pasqual-Ilicic-Matri

    RispondiElimina
  4. colonel.blimp16 marzo 2014 12:51

    La giornata di oggi non conta, Foco, sarà una sgambata che non eviterà il sorpasso (definitivo) dell'Inter al prossimo turno (e attenzione anche al grande Parma). Il campionato è stato compromesso dagli errori gravi e ripetuti di Montella durante la stagione. Abbiamo però da giocarci le due Coppe, che renderebbero, se vinte, eccellente l'annata, ma se perse riconsegnerebbero la palla a LUCIANO. Stasera vado allo stadio per godermi Wolski e per vedere se Andow è cresciuto in condizione: il risultato è segnato a nostro favore e delle prove degli altri me ne frego, in vista di giovedì, giorno in cui l'assenza di Mati peserà duramente se si abbinerà alla ricomparsa di Pasqual in formazione titolare.

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore16 marzo 2014 12:57

    Io non sono neppure d'accordo che metta Pasqual oggi. La partita di oggi è importante e va vinta a tutti i costi per giocarci le residue speranze di CL. Pasqual, al posto sia di Tomovic che di Vargas, limita queste nostre possibilità di vittoria.

    RispondiElimina
  6. colonel.blimp16 marzo 2014 13:02

    Chiari, non siamo patetici, siamo a dieci punti dal Napoli e domenica prossima gli andremo nella tana dopo aver speso giovedì energie immense per il ritorno con la Juve: ma dove sono le «residue speranze»? Ma non vedi che l'Inter ha già messo la freccia per il quarto posto? Pasqual oggi andrebbe benissimo, toglierebbe infatti a Vincè tentazioni infernali per giovedì.

    RispondiElimina
  7. colonel.blimp16 marzo 2014 13:03

    Stasera un 3 a 1: Wolski, Andow, Matri per noi.

    RispondiElimina
  8. colonel.blimp16 marzo 2014 13:08

    Per giovedì prossimo il mio annuncio è molto anticipato: infatti sarò allo stadio quando verranno comunicate le formazioni ufficiali. E allora il mio pronostico variabile è: eliminazione se con Pasqual terzino e con Ambrogio nella formazione di partenza, 50% di chance se solo una delle due cazzahe disumane fosse perpetrata, passaggio del turno sicuro come l'ovo se ambedue le zecche sono evitate. E anche questo è scalpo buono per Stallone Rovente, l'invincibile.

    RispondiElimina
  9. colonel.blimp16 marzo 2014 13:12

    Certo che starei più tranquillo, giovedì, con LUCIANO. Ma Supermario, l'INCULAPIETRASANTINI, bilancia le mie ansie.

    RispondiElimina
  10. colonel.blimp16 marzo 2014 13:15

    Lud, Supermario ti ha aperto dietro una camionabile, il raddoppio della Firenze-mare!

    RispondiElimina
  11. colonel.blimp16 marzo 2014 13:16

    Lud, Supermario ha aperto il rubinetto a tutta farfalla e tu bevi il suo latte fresco come da mammella di vacca!

    RispondiElimina
  12. colonel.blimp16 marzo 2014 13:19

    Lud, se hai uno spiacevole prurito alle tonsille non prendere tachipirina, è solo Supermario che da sotto ti è arrivato fin là!

    RispondiElimina
  13. Chiarificatore16 marzo 2014 13:22

    Non sono d'accordo con te Colonnello. Saremmo patetici e perdenti se ci chiamassimo già ora fuori dalla lotta per un posto in CL.

    RispondiElimina
  14. Chiarificatore16 marzo 2014 13:26

    Sulla formazione di giovedì sono d'accordo con te Colonnello. Ma io Pasqual e Ambrosini dalla formazione di partenza li terrei fuori anche oggi, perché siamo una grande squadra, perché oggi dobbiamo vincere assolutamente, perché abbiamo un'ottima rosa, perché loro per me sono in questa rosa la terza scelta.

    RispondiElimina
  15. Chiarificatore16 marzo 2014 13:33

    Roba da matti, Cecchi scrive un pezzo che lo fa a fettine e lui scrive che lo copia.

    RispondiElimina
  16. Certo, Colonnello, che per equiparare i danni di cui Pasqual è portatore certo a quelli solo ipotetici di Ambro, ce ne vole...

    RispondiElimina
  17. Chiarificatore16 marzo 2014 16:01

    Strepitoso il telecronista del Milan di sky : "Oggi il Milan sta giocando in condizioni ambientali terribili."
    Sta giocando a S. Siro. Ah ah ah ah ah ah ah ah ah!!!!!

    RispondiElimina
  18. colonel.blimp16 marzo 2014 16:39

    Il quarto posto sta svanendo ma anche il quinto è sul punto di, con un Parma come questo! Una squadra che fin dall'inizio della stagione avevo pronosticato come protagonista: allenatore scafato e attentissimo agli equilibri, valorizzatore del patrimonio tecnico affidatogli, senza fisime snaturanti i ruoli naturali, Parolo centrocampista da favola, che vale tre Tontolivi inculati l'uno sull'altro, Cassano evergreen, Felipe a Firenze incompreso e a Parma rinato, Acquah prospetto impressionante.... Vincè Vincè, che fava sei stato! Que reste-t-il de nos amours?

    RispondiElimina
  19. colonel.blimp16 marzo 2014 16:42

    Andare ai Mondiali senza Cassano sarebbe (come fu) andarci senza Baggio: ma Giubba Iscariota è abbastanza coglione per farlo.

    RispondiElimina
  20. Chiarificatore16 marzo 2014 17:09

    Novanta minuti di insulti ininterrotti rivolti alla propria squadra, tifare rumorosamente per un quarto gol dell'avversario, esultare quando lo segna:questa è idiozia allo stato puro.

    RispondiElimina
  21. colonel.blimp16 marzo 2014 17:09

    Prestazione di Tontolivo da provolaccia avariata condita con caponata di Giorgio botulinica. E per questo cesso immane MerdAldo parlò di 40 milioni perduti dal Magno! Il più gran centrocampista d'Europa! E Jordan scrisse che andando via lui non ne sarebbe arrivato uno migliore e di colpo ne arrivarono quattro in una botta! Anni e anni di discussioni per un povero brocchetto, per una controfigura del centrocampo, per un taroccatore di tutto ciò che non sia un cornutazzo. Chiari, così continuando arriviamo sesti.

    RispondiElimina
  22. Chiarificatore16 marzo 2014 17:10

    Quarto o sesti non cambia, Colonnello. è solo un fatto statistico.

    RispondiElimina
  23. colonel.blimp16 marzo 2014 17:12

    Beh, no, Chiari, sesti può voler dire fuori dalla EL, in certe congiunzioni, credo. E comunque è un valore: per arrivar sesto devi sfavare altre partite come hai fatto finora e quindi dimostrare che la ricetta è LUCIANO. Se non te lo soffia il MIlan. Procuri adunque Vincè di farsi onore con le Coppe, altrimenti prenda la porta.

    RispondiElimina
  24. Chiarificatore16 marzo 2014 17:13

    A me risulta che in EL ci siamo già e senza preliminari. O sbaglio?

    RispondiElimina
  25. colonel.blimp16 marzo 2014 17:14

    Non mi è chiaro. Quand'anche, il sesto posto con la seconda rosa del campionato sarebbe un'ignominia. Da lavare con LUCIANO, se le Coppe non ci dicono bene.

    RispondiElimina
  26. Chiarificatore16 marzo 2014 17:16

    Io non ho la tua adorazione per Spalletti, Colonnello, e conto ragionevolmente sul fatto che Montella faccia tesoro degli errori commessi nello stesso tempo consolidando quanto di buono ha fatto finora a Firenze, che non è poco.

    RispondiElimina
  27. Chiarificatore16 marzo 2014 17:18

    ... con tutto il rispetto dovuto a Spalletti, ovviamente.

    RispondiElimina
  28. Chiarificatore16 marzo 2014 17:22

    Ripeto Colonnello, sesti o quarti a questo punto conta nulla, se non arriva il terzo posto conta comunque come si gioca, conta cosa viene fuori per noi in CI ed in EL.
    Tra quarto posto con prestazioni opache e sesto posto giocando bene, preferisco la seconda.

    RispondiElimina
  29. Chiarificatore16 marzo 2014 17:25

    C'è la remota possibilità che l'Inter arrivi terza, solo in questo caso, se non sbaglio, rischieremmo di star fuori anche dalla EL.

    RispondiElimina
  30. Chiarificatore16 marzo 2014 17:28

    Dico remota, perché secondo me l'Inter non ha la squadra per puntare al terzo posto.

    RispondiElimina
  31. colonel.blimp16 marzo 2014 17:32

    Anch'io spero che faccia tesoro degli errori, Chiari, ma è stato troppo a lungo zuccone e questo dispera.

    RispondiElimina
  32. Chiarificatore16 marzo 2014 17:33

    Certo un pareggio oggi a S. Siro forse sarebbe stato il risultato migliore, ma stato più forte di me, non riuscivo a non godere. Ah ah ah ah ah ah ah!!!!

    RispondiElimina
  33. Chiarificatore16 marzo 2014 17:35

    Le scelte tecnico-tattiche che ha fatto a Torino indicano la volontà di tornare ai bei tempi.

    RispondiElimina
  34. La rosa sarebbe da secondo posto se avessimo contato su Rossi-Gomez un tempo ragionevole per puntarlo, o almeno il terzo, togliere 4 mesi un giocatore come Pirlo e per 5 mesi uno come Pogba ai gobbi non so cosa voglia significare, a naso tanti danni e piani che saltano, e lo stesso discorso lo si può applicare alla Roma e al Napoli. Rosa forte si ma al pieno degli arruolati. In questo caso, al netto dei torti delle giacchette, quarti o quinti cambia il giusto dato che l'EL l'abbiamo già guadagnata con mesi di anticipo.

    RispondiElimina
  35. Per adesso Gomez non si era rivelato mai risolutivo........ma a scrivere tante cazzate tutte insieme è mai possibile ?! Ma dare segni di possedere uno sprazzo di cervello........?!

    RispondiElimina
  36. Donadoni grande allenatore, il mio preferito se non ci ridanno il Montella dello scorso anno.

    RispondiElimina
  37. Andow ha una autonomia da scapoli-ammogliati. Wolski prende palla e anche da solo non si gira e non punta mai l'area. Dietro però siamo imbarazzanti. Gonzalo da un po' a dar ragione a voi sapete chi. Diakité che sbaglia regolarmente il fuorigioco e Compper davvero leggero. Se la portiamo a casa è ottima, inevitabile che giovedì non incida su stasera...

    RispondiElimina
  38. Ilicic e Gomez risparmiati per Giovedì. Sicuramente sono il meglio là davanti che possiamo proporre ora. Ora sotto con Borja e Aquilani, Tomovic e Savic dietro e Vargas a sinistra. Nella speranza che non si regali facile facile uno-due gol. Dovremo saper dosare le forze e rintuzzare gli attacchi gobbi, fiducia a questo gruppo di grandi ragazzi! Oggi continuiamo a dire la nostra in campionato, soffrendo ma la vittoria meritata.

    RispondiElimina
  39. Chiarificatore16 marzo 2014 22:41

    Ed ora forza Cerci.

    RispondiElimina
  40. Meiner Meinung nach la c'è andata di lusso! Massimo risultato con il minimo sforzo, e un po' di fortuna, con una formazione raffazzonata che non ha espresso nulla di che. Tre lampi nel buio. Tutto riservato per giovedì. Sarà quel giorno lo spartiacque di questa stagione.

    RispondiElimina
  41. Primo tempo giocato bene, nel secondo dovevamo addormentare la partita e invece abbiamo fatto venier fuori il Chievo che ha rischiato di pareggiare. L'accoppiata Ilicic-Gomez ha colpito ancora, bello che Marione abbia segnato proprio contro Agazzi che gli aveva segato le gambe. Cuadrado è in ripresa, anche se nel secondo tempo è calato. Andow fantastico nel primo tempo, il secondo gol è per gran parte merito suo, ma oltre un certo minutaggio non riesce ad andare, non si capisce il motivo.

    RispondiElimina
  42. Anche quando parrebbe essere serata di non apprensione si finisce in apnea manco avessimo di fronte il Real. Sia nel primo che nel secondo tempo il Chievo ha creato le stesse occasioni da goal nostre, fortuna che il penultimo attacco della serie A riesce a non mortificarci e presentarci il giusto conto ma quando si parla di rosa da secondo c'è da chiedersi se questa sia comprensiva anche della difesa, davvero imbarazzante a tratti. Neto 6,5, sul goal nulla può, il resto fa il suo, solito e bene, magari ancora più coraggio nelle uscite, su un cross alto e, teoricamente, innocuo, esita e si trasforma nell'ennesima palla goal clivense. Compper 5, deludente, lo consideravo un pezzo buono della difesa ma nelle ultime uscite si è appiccicato, per me, il bollino di riserva, e nemmeno di lusso. Pasqual 5, come esterno (ahahahahahah esterno ahahahahahah) fa un solo cross sul secondo palo nel secondo tempo, uno radente sulle zolle a misurarne la pendenza nel primo dopodiché non ho contato nessuna palla in avanti ma 3 alla 124a indietro. Una sola diagonale,e ci voleva, nel secondo tempo e nessun altro intervento (ahahahahahahah intervento ahahhahahahahahah) a dar mano al reparto che soffriva come pochi. Gonzalo 5,5, svagato assente, colpevolmente in ritardo su tutte le chiusure, e quello del Chievo non è un signore attacco, l'aggravante è che dovrebbe comandarla lui questa difesa ma non fa niente per farcene accorgercene, male. Diakhitè 6, almeno lui in difesa si vede e le migliori chiusure nel primo tempo la fa tutte lui, comprese un paio di diagonali tempestive al centro, che pure........prova a partire sulla fascia nel secondo tempo, la progressione c'è, la precisione, da rivedere (eufemismo). Ambrosini 6,5, s'invocano Wolski e Anderson perché giocano poco e s'infamano quelli che giocano meglio. Solita copertura a centrocampo, aiuta molto i compagni a ripartire e si fa sentire e vedere anche in avanti. Cuadrado 7+, un primo tempo da 8 ma nella ripresa cala moltissimo, vuoi perché è fisiologico, vuoi perché la squadra si era sbracata, vuoi anche perché rimbalza da una fascia all'altra, in ogni caso, di nuovo lui. Pizarro 6+, per l'assist, nel primo tempo perde un'infinità di palloni, nel secondo torna su uno standard decente ma è uno sbiadito fantasma del tenore che era, quest'anno lo ha fatto rimpiangere spesso. Anderson 5,5, capitalizza al massimo l'autonomia che ha, scarsa, prova ad entrare nel vivo ma ancora, come condizione e come amalgama, è ben distante dagli standard che è lecito aspettarsi da un giocatore pagato 31 milioni dal MU pochi anni fa. Wolski 5,5, si invoca un maggior utilizzo ma deve sfruttare meglio le occasioni che gli vengono concesse, un primo tempo con molte ombre ed un paio di luci, una ripresa in crescendo (almeno tenta di pressare e cercare maggiore profondità coi compagni) ma ben lontano, anche lui, dalle enormi possibilità che possiede. Rimandato. Matri 6,5, goal con movimenti da centravanti, si danna come sempre e fa sponde utili per far salire la squadra, non viene servito come vorrebbe ma qualche movimento lo sbaglia pure lui, indugia, taglia sul lato sbagliato e si trova ingolfato sempre ben coperto. Difficile riceverle così. Ilicic 6, impatto così così, s'intristisce a partire dalla panca e non sempre da la svolta che gli si chiede. Gomez 6,5, goal in fuorigioco ma è li e fa il movimento giusto che a Matri viene con maggiore difficoltà. Altro peso, altra esperienza, ci credo, è un fossile. Vargas 5,5, si pianta in basso ma è un cambio per far numero. Montella 6,5, gli allenatori bravi sono come lui, quelli bravissimi tengono alta la tensione anche in questi turni d'intermezzo dove comunque i 3 punti pesano sempre alla stessa maniera. Sta studiando, rimane un alunno brillante, intelligente e capacissimo.

    RispondiElimina
  43. colonel.blimp16 marzo 2014 23:19

    STALLONE ROVENTE troppo sapere e stanco suo troppo sapere: lui avere detto stamattina 3 a 1, sgambata, e così essere andata e così sempre, sempre, sempre… Vita perso gusto per vecchio capo indiano, lui vedere cose prima, come nella mente di Manitù, facilmente come succedersi stagioni... Solo che io chiedere: perché esistere uomo così stupido come viso pallido Lucid Willer? Perché volersi così male? Perché cercare figure di merda con tenacia con cui giovane guerriero apache invece cercare fica? Da dove venire questo pistolero imbranato che sempre spararsi sui piedi? Anche bambini apache ridere quando vedere lui e gettargli sassi e escrementi di procione e lui ridere sciocco e dire «Vedete bambini, io avere ragione e voi torto, io provare con link che voi non gettare me sassi e pezzi di cacca!». Lui dire, dopo partita con la Juve: adesso Cuadrado inutile, ceduto in estate, non compatibile con Gomez e Ilicic. Poi entrare Gomez e Ilicic secondo tempo e con Cuadrado andare a nozze e Gomez segnare. Se mie squaw avere buco di culo di Lucid Zaller dopo che Gomez e Ilicic e Cuadrado averlo allargato bene bene ogni volta per punirlo, allora Stallone Rovente felice, molto felice anche se vecchio! Però anche io in mia tribù avere guerrieri un po’ coglioni come Vincè: andare bene con 3-5-2 e lui smerdare tutto portando in ripresa difesa a quattro, così Chievo fare di Pasqual quello che volere, ché già Diakitè da sua parte aprire buchi come bisonti in prateria quando indiani inseguire mattine di primavera, ed ecco che rischiare pareggio. Wolski bisogno ancora di andare a caccia con fratello più grande, Andow somigliare noi indiani di faccia ma noi indiani dopo 45 minuti correre ancora e poi correre ancora lui invece come avesse fatto sette seghe di seguito prima partita. Capelli Gialli vecchio combattente ma meglio restare sotto tenda sua età, lui ogni volta che dare calcio pallone Manitù voltarsi dalla parte delle montagne per non vedere. Neto bravo su uscita Paloschi primo tempo, rimanere in piedi, ma su gol non capire sua posizione. Detto di tutti? Oh, memoria Stallone Rovente ormai debole… Rodri, lui saggio, lui vorrei in consiglio mia tribù quando troppi discorsi di vento. Avere letto che viso pallido con ciuffo ridicolo, ricchione idiota che scrivere strani segni su carta che noi apache usare per pulire culo e titolarsi «Il Resto del Cretino», chiamare Rodri «cappone»: ma se lui finire per caso in territorio apache lui capire presto cosa essere cappone perché noi cucinare lui imbecille sfigato come quello animale. Lui povero scemo che chiamare bufala incaica guerriero grande e forte anche se matto, lui omuncolo che si sfoga a dire male di grandi uomini perché piccolo uomo senza niente che tutti stimare così. Ma Manitù tutto vede e tempo essere suo libro e STALLONE ROVENTE suo messaggero fedele.

    RispondiElimina