.

.

martedì 25 giugno 2013

Ruggine sulla trattativa

Dopo i “fochi” di San Giovanni se qualcuno trova un Bancomat che funziona i botti arriveranno dal mercato, forse proprio da sotto il Piazzale dove la Juve e Jovetic sono rimasti imprigionati tra ricatti e sogni agitati come dai “fochi” di Sant’Antonio, febbri alte da intossicazione bianconera e incubi da top player che fanno delirare nel sonno “Lei non sa chi sogno io”, tutti ingabbiati tra un Gabbiadini come fiches da spicciolare e le tante figure di merda Marrone da sciacquare in Arno, tutti si, anche Criscitello e gli altri servi della “gheba” che cercano di tirare la volata, sperando per Jovetic che non sia costretto a sciacquare il suo bucato a Moena dove a parte quattro bischeri con la parrucca e i nasi finti, il resto dei sani di mente potrebbe fargli fare la fine delle pernici prima di smistarlo alla Specola. A JoJo piace Conte ma l’ha fatto senza l’oste di Casette d’Ete, e per questo oggi vive giorni agitati come un frappè anche grazie ai consigli di un Ramadani che intanto a Firenze è visto come la rogna, mentre piove sul Calcio Storico e si allaga Santa Croce, e una volta rimandata la finale tra Bianchi e Azzurri se Jovetic non si sbrigherà a portare i soldi dovrà portare la sua croce lassù fino a Moena, condannato a fare tanti gol oppure tanto Golgota. Gli uomini di Ramadani tentati proprio come Adamo, tentati da quel diavolo di un procuratore che cerca percentuali e commissioni come un rabdomante, ma Jovetic e gli altri invece della farina del diavolo si dovranno accontentare della Specola di patate, imbalsamati ed esposti nel salotto buono della società dove sono raccolti tutti contratti che si rispettano. Sempre se non riusciranno a incassare i trenta denari da quel Giuda di Marotta, sempre se Ramadani non si decide a deporre armi spregevoli come quelle del ricatto dei rinnovi. Ramadani e la Juve usano tutte le scorrettezze del campionario, prima si accordano, poi usano il giocatore in interviste sotto dettatura, vorrebbero cambiare le cifre di un accordo economico che proprio loro hanno stipulato, minacciano la perdita di Ljajic e Seferovic, usano anche la stampa e la televisione assoldando i sicari del giornalismo, usano di tutto, anche la stessa Eva usata da Ramadani per tentare è una donna senza scrupoli, una donna che non si limita a tentare Jovetic con lusinghe bianconere, no, è una donna che gufa contro la Fiorentina e i Della Valle, mentre la Juve con strategia a tenaglia, intanto, dopo Berbatov continua a mettere i bastoni tra le ruote disturbando le operazioni di mercato Viola. E questa Eva di ultima generazione scelta per tentare gli uomini dell’est non è furba come la Kant o bella come l’Erzigova, non ha neanche più la mela che nel frattempo s’è bacata a forza di tentare, di convincere cioè un top player ad andare a Torino senza l’adeguata copertura economica, è una Eva un po' sconsolata, che non deve dare via nemmeno più le mele visto che ha a che fare con gente senza appetiti sessuali, usa gufi, fa girare i pennuti portatori di iella intorno a trattative di stampo mafioso, usa tutte le irregolarità senza che nessuno intervenga o neanche lo sottolinei. Della Valle però non è uno scaramantico, e soprattutto non tratta con chi fa macchine di merda, e proprio per fare guerra su tutta la linea ai segugi della polvere bianca, farà venire insieme a Gomez una bella tedesca da contrapporre alla merda di casa Fiat, molto meno pennuta certo, ma con certi ricciolini deliziosi solo nei punti giusti. Mentre la ruggine sta già attaccando gli sportelli della trattativa.

107 commenti:

  1. La linea di attacco del top team under 21 è formata da Schurle, valore 22 milioni di euro, passato in Inghilterra al Chelsea se non erro, Goetze del Bayern 37 milioni di euro passato al Bayern, Bentheke che ha valutazioni analoghe e lo sappiamo. Il quarto è Adem Ljajic, quanto lo vogliamo valutare? Sotto contratto ovvio, così vale la metà se va bene. Dunque la linea che si potrebbe affermare è dare al Bayern per Gomez parte dei soldi con cui il Bayern compra Goetze e liberarci di Ljajic che è il nostro Goetze. Dissento e mi incupisco a questa prospettiva, scusatemi tanto. Bisogna tenere Ljajic e farne assieme a Rossi titolare inamovibile. Gabbiadini se viene viene come alternativa.

    RispondiElimina
  2. Anto sono anch'io sicuro che cascheremo comunque in piedi. Abbiamo aperto trattative con giocatori tutti buoni anzi buonissimi. Io esprimo in questo momento una mia visione, visto che tutto è ancora aperto.

    RispondiElimina
  3. Beh, anch'io vorrei che Ljajic rimanesse e Jovetic venisse venduto, ma a differenza tua vorrei l'acquisto di Marione Gomez e non di Gabbiadini.
    E' tutto in divenire, hai ragione, l'importante è non farsi prendere per il collo da società prepotenti e da procuratori infidi.

    RispondiElimina
  4. O vediamo se tra quei procuratori c'è, come penso, chi so io...

    «I militari della Guardia di finanza del Nucleo polizia tributaria di Napoli e dei reparti territoriali stanno accedendo presso le sedi di 41 squadre di serie A, serie B e serie minori allo scopo di acquisire i contratti tra procuratori, calciatori e club. Si indaga per associazione a delinquere, evasione fiscale internazionale, fatture false e riciclaggio. Sono 12 i procuratori coinvolti nell'indagine della Guardia di finanza. Le perquisizioni vengono eseguite dal Nucleo di polizia tributaria di Napoli e dai reparti territoriali della Guardia di Finanza, con l'obiettivo di acquisire i contratti dei calciatori. L'indagine, secondo quanto si apprende, nasce un anno fa dopo che gli uomini delle Fiamme Gialle acquisirono i contratti tra calciatori e procuratori nella sede del Napoli».

    RispondiElimina
  5. Chissà, Blimp, se il caduto da cavallo...

    RispondiElimina
  6. http://www.firenzeviola.it/?action=read&idnotizia=137176

    RispondiElimina
  7. Chissà se dopodomani accade il miracolo e riusciamo a batterli, magari si sentono troppo forti...

    Da Violanews:

    Notte allegra degli spagnoli: strip poker e soldi spariti

    Pubblicato il 25 giugno 2013 09:37

    Il sesso, poi le bugie smascherate dal videotape. Ora è enorme l’imbarazzo della delegazione spagnola, la cui squadra campione di tutto è spesso circondata da un’aura di santità e di perfezione che è sempre suonata fasulla, perché non esistono santi. Anzi siamo tutti imperfetti e a volte birichini, spagnoli compresi, come si evince dalla strana vicenda del furto di 1000 euro subito dalla Spagna in un hotel di Recife, la scorsa settimana. La storia inizia con un dirigente spagnolo che sussurra la notizia di un “robo” nella camere di alcuni giocatori a un giornalista del “Mundo Deportivo”, e quello ovviamente scrive tutto. Ma subito c’è imbarazzo, perché il capo della sicurezza della Spagna e il responsabile dell’hotel smentiscono il fatto. Intanto viene strigliato il personale alla ricerca del ladro, che però proprio non si trova. Parte un’indagine della polizia locale, vengono visionati i filmati delle telecamere del circuito interno dell’albergo. E quando si nota un certoviavai di fanciulle nelle stanze dei giocatori nella notte incriminata, pian piano si ricostruisce la verità.
    Quella sera, dopo la vittoria sull’Uruguay, la Spagna festeggia in hotel: cena, bevute e una banda musicale che intrattiene. Uno della banda porta anche cinque ragazze, e quelle seguono cinque giocatori (più un dirigente) ai piani di sopra. Si gioca a strip poker, poi ognuno segue i propri istinti e si apparta. Il mattino successivo mancano dei soldi dalle stanze, 1000 euro: facile capire chi sia stato, molto più difficile denunciare la cosa, e per chiari motivi. Infatti la notizia esce sui giornali ma la Spagna ovviamente non fa denuncia. Pochi giorni dopo, mentre la delegazione è a Rio, un dirigente spagnolo viene richiamato nell’hotel di Recife: gli mostrano i filmati, e si decide che per quieto vivere è meglio stendere un velo pietoso. Ma Tv Globo scopre tutto, e i santi di colpo tornano umanissimi peccatori.



    LA REPUBBLICA

    RispondiElimina
  8. Già non si muove nulla nel calciomercato, ora l'intervento della G.d.F.....Criscitiello questo non l'aveva prevista! Sarà la scusa per giustificare l'assenteismo delle Tre Sorelle Bandiera, dal mercato. LUD, conosci il Teorema dell'identità? Tutti i giocatori proposti dalla Juve alla Fiorentina sono proprio i giocatori che la Fiorentina non vuole.

    RispondiElimina
  9. Tu non prendi in considerazione l'ipotesi di avere 30 milioni cash, Lud? Cioè quanto richiesto dalla clausola rescissoria?

    RispondiElimina
  10. Kucka? Dopo Ambrsini che si fa, la collezione degli scarponi?

    RispondiElimina
  11. Tra gli indagati il figlio di Moggi: buon sangue non mente. L'epicentro del malaffare a Napoli: un'altra sorpresona. Forse l'Inter ci libera dal pericolo Agazzi. ma la Roma è su Alves.

    RispondiElimina
  12. stefano vienna25 giugno 2013 11:00

    Guarda, Ludwig, sono stato il primo a parlare di Messizzazione di Adem, quindi puoi immaginarti quanto sarei depresso se Ljajic verrà ceduto. Ma non capisco il tuo atteggiamento. Se arriva l'offertona inglese, Ljajic parte. Punto. E con 50 milioni tra lui, Jojo e Cerci, Pradè e Macia costruiranno una grande squadra in accordo con Montella. Che poi tu ti sia convinto che Ljajic e Gabbiadini siano in qualche modo legati a filo doppio, non solo non sta nè in cielo nè in terra, ma sembra un pretesto poco credibile. O almeno non puoi pretendere che su un sito come questo, qulacuno ti segua in questa avventura dialettica.

    RispondiElimina
  13. stefano vienna25 giugno 2013 11:04

    Anto, se il Chelsea vuole Ljajic, Ljajic parte. Certo a prescindere da Gomez come pretestuosamente avanza Lud, ma a prescindere anche da tutto il resto. Se Mourinho ha capito che Ljajic è il fenomeno che io penso che sia, non possiamo resistere ad un offerta stile Nastasic firmata Abramovic. Poi se io fossi quello che sborsa i denari, rinuncerei anche a 40 milioni per Ljajic, ma io vivo a Vienna, non a Casetta D'Este.

    RispondiElimina
  14. Non si può ripartire da capo tutti gli anni, nemmeno se si prendono [ed è difficile] giocatori nuovi altrettanto forti rispetto ai partenti. Ho digerito con molta fatica la partenza di Nastasic, solo perché ho visto con quale abilità è stata assemblata la Maquina, e soprattutto perché mi ha dato fiducia il "patto dei due anni", con cui ADV, società e giocatori forti si sarebbero impegnati a far rimanere a Firenze per almeno due anni, appunto, i migliori. Per provare a vincere. Se mi partono Pizarro e Ljajic [ma io resto fiducioso, si fa per parlare tra noi dell'eventualità], se ne vanno il Cerebro e il fantasista-realizzatore della squadra, e di altrettanto validi [ma tutti da far ambientare ed istruire, daccapo] non ne trovi, almeno a certi prezzi e tra quelli disponibili.

    RispondiElimina
  15. Stefano, allora diciamo pure, però, che il Patto dei Due Anni è una cagata pazzesca.

    RispondiElimina
  16. Dopo Messi, Nutella è il più grande Messi al mondo, in questo momento. Un conoscitore di calcio come Mou lo deve saper bene. Ma col contratto in scadenza non arriveranno mai più di una quindicina di milioni.

    RispondiElimina
  17. Deyna, se tutto dipende dall'adeguamento di contratto sarei d'accordo con te, ma se Mou s'intesta per Nutella non c'è cazzi, Nutella parte e partirebbe anche se giocasse in una strisciata. Al Chelsea gli fanno un contratto da 4 milioni se vogliono.

    RispondiElimina
  18. Il Patto di Due Anni non sta scritto, Deyna, quindi va bene per i giornalisti. Ma se anche fosse scritto, ci sono otto squadre al mondo che quel foglio lo stracciano e lo buttano nel caminetto.

    RispondiElimina
  19. stefano vienna25 giugno 2013 11:18

    Ecco, Colonel, purtroppo non l'abbiamo capito solo noi. Deyna, sarà dura tenere Ljajic se arriva l'offertona. Io ci spero e continuo a sperarci fino all'ultimo, non mi fraintendere. Anzi, è l'unica notizia di calciomercato che mi appassiona al momento. Ma il Patto dei Due Anni rimarrebbe valido anche in caso di partenza di Ljajic, i Della Valle non sono i Pontello che regalarono Baggio agli Agnelli in cambio di terreni e altri investimenti. Non sono però neanche Abramovic purtroppo. Trovare la giusta via di mezzo, l'equilibrio che ci porterebbe a compiere il miracolo è impresa già di per sè miracolosa. Non a caso aspettiamo da quasi cinquant'anni.

    RispondiElimina
  20. Ad ogni modo Juju non ci serve più: se non arriva quel che deve arrivare, iaquintizzazione di questo stronzo e al 2016, finalmente libero, va a giocare in serie B serba.

    RispondiElimina
  21. Il Patto dei Due Anni prendo atto che è carta straccia in ogni caso, quindi. Perché se le eccezioni sono che arriva un top club e si porta via i nostri migliori quando e come vuole, non ha nessuna valenza. Capisco certe logiche, anche quella di vendere un pezzo pregiato ogni due anni, infatti per Jovetic certo non protesto...Ma se in una sessione di mercato, proprio quando si parla di salto di qualità, mi van via tutti insieme Ljajic, Pizarro e Jojo [e Nastasic è partito l'anno scorso], puntare a migliorarci è impossibile. Comunque vediamo, per ora non c'è nulla di certo.

    RispondiElimina
  22. Il Pek non credo che vada via, Juju non è più essenziale (quest'anno già non lo è stato), la vera, grande perdita sarebbe Nutella, ma non ci possiamo fare nulla se entra nel mirino di chi può infinitamente.

    RispondiElimina
  23. stefano vienna25 giugno 2013 11:30

    Come dice Colonel, Nastasic l'anno scorso e Nutella quest'anno. E Nutella per una ragione, purtroppo è a scadenza. Non fosse a scadenza, i Della Valle direbbero no pure ad Abramovic. L'errore fu il non rinnovo l'anno scorso, ma sfido a trovare qualcuno che lo diceva in quel di Moena. Ma non si tratta di errore strategico. Rimane un fatto: la campagna di sottoscrizione per il monumento a Corvino ancora non è iniziata.

    RispondiElimina
  24. Ilicic paravento per Abel Hernández? E' la bomba di oggi. L'uruguagio sarebbe a mio avviso più funzionale al Wunderteam, più sostitutivo del Nutella, ma anche più da inquadrare col capoccione (c'è dell'asprillismo, che potrebbe scatenare deliri cagaldeschi tra i più goebbelsiani). Grandissime risorse, grandi capacità di bruciarle.

    RispondiElimina
  25. Se però i gobbi valutano la metà di Isla 7 milioni anche quello spiraglio si chiude. L'ennesimo affanculo ruttato e petato che si prendono in faccia.

    RispondiElimina
  26. Allora non so spiegarmi. Ho scritto un post per spiegare che il giocatore su cui costruire il progetto è Ljajic, mentre l'altro elemento che ritengo fondamentale è un centavanti giovane che può anche non essere Gabbbiadini (ma che so Guidetti). L'importante è che Jovetic si collochi e che il rinnovo di Ljajic si sblocchi. Che infatti tra la vendita di Jovetic e il rinnovo di Ljajic ci sia un nesso non lo invento io ma è opionione comune.

    RispondiElimina
  27. Hernandez - che stuzzica il Colonnello anche perché in alcune giocate ricorda un po' Aubameyang - ha effettivamente mezzi fuori dalla norma, ma: è un '90, e ancora ha segnato pochissimo, in italia; ha già un crociato rotto in scheda clinica; la testa pare piuttosto matta. Lo lascerei dov'è...

    RispondiElimina
  28. E capisco la necessità di avere il prima possibile in ritiro tutti i tasselli del mosaico, ma un mercato come questo, con pochi soldi in Italia e con le big europee in assestamento per via del cambio della conduzione tecnica, domanda tempi lunghi, tempi ricattatori. Ad esempio: lo Zampazzo fa la voce grossa al suo solito, ma ha due giocatori, Ilicic e Hernández, che deve assolutamente vendere e che non possono fare la B. Si tratta di strangolarlo lentamente, come un pitone. E per lo stesso Juju, lasciamo che le big rimaste fuori dai tre colpissimi dell'estate entrino in agitazione e abbiano bisogno di mostrare una tacca alle loro tifoserie: questo non avviene a giugno.

    RispondiElimina
  29. Piuttosto dal Palermo preleverei Dybala, ottimo come alternativa a Rossi. Montella ha detto esplicitamente di rivedersi in lui, ed è davvero uno che nella sua Maquina può esplodere. Così se Rossi torna quel che era nell'estate 2014 lo vendiamo al Chelsea, e andiamo avanti con La Joya fino al 2015, quando il Barcellona...ehhehe

    RispondiElimina
  30. Su sitone, a proposito di "Ambrosini, esperienza e centimetri per Montella. E quel gol ai viola...":

    25/06/2013 11:14:04
    nathan never,
    Anche Sissoko portava esperienza e sicuramenti più centimetri.

    ahahhahahah

    RispondiElimina
  31. Ho detto che Guidetti per me potrebbe arrivare anche in prestito. E sarebbe geniale. Jovetic in contanti, Guidetti prestito con diritto di riscatto già fissato.

    RispondiElimina
  32. Ma Dybala non lo vende sùbito, lo Zampa, Dybala può fare un gran campionato di B e crescere comunque di prezzo, Deyna: nelle famiglie di un tempo si maritavano le figlie secondo ordine di età.

    RispondiElimina
  33. In quel caso sarebbe solo un dettaglio minimo dell'affare, l'importante sarebbe (com'è dall'inizio della vicenda) la saccata di soldi.

    RispondiElimina
  34. E' vero, ma Abel non è uomo d'area, non ha caratteristiche nemmeno future (così la vedo io, forse sbagliando) di centrale puro, è uno svariante, uno che ha bisogno di partire da dietro, di entrare con l'uno-due, di fantasia.

    RispondiElimina
  35. Confondono con l'ingaggio, è svincolato.

    RispondiElimina
  36. Ah ecco, mi pareva...Però mi sembrava di ricordare che l'ingaggio fosse 2.5, così non capivo

    RispondiElimina
  37. Pradè ha mandato affanculo l'appuntamento odierno con Perinetti: o comincia la fase della graticola oppure c'è qualcosa di grosso che distrae la nostra volpe. Tre è quello che dicono che vorrebbe, in quanto svincolato, Deyna, ma vada a cagher, dovrà abbassare le pretese. Ho appreso intanto che aveva rotto con Lippi.

    RispondiElimina
  38. Se aveva rotto con Lippi punti in più

    RispondiElimina
  39. Sì, ma non vorrei che fosse per questioni di cabeza loca.

    RispondiElimina
  40. Vabè dai, se è stato professionale in Germania, non credo sia impazzito tutto d'un colpo

    RispondiElimina
  41. https://www.youtube.com/watch?v=G6QYic8mwBk



    Un'indigestione per i più scettici...Questo nella Maquina [se resta Ljajic] va sopra quota 18 gol...

    RispondiElimina
  42. Per Gabbiadini questa definizione non è sbagliata ma va rovesciata: ha le caratteristiche e la vocazione della prima punta che si adatta a seconda punta.

    RispondiElimina
  43. Esaminati i vantaggi (immensi, a mio avviso) esaminiamo i pericoli: non si risparmierà per i Mondiali, che la sua nazionale non disputerà, ma anche per questo non sarà motivato sul piano dell'immagine internazionale; potrebbe voler mettersi a posto con un triennale e poi fotti-fotti, se la testa è vargassiana (cfr. Gian Cagaldo, Dell'inferiorità razziale, morale e intellettuale degli indios d'America, Cortés Editore, Montecarlo, 2013, cap. III, Bufale incaiche: le risposte della genetica, pp. 79-124); la sua precoce avventura cinese depone a favore di una mancanza d'ambizioni e della ricerca di sghei facili; la rottura con Lippi, in quel Bengodi, è inquietante, per quanto il viareggino sia spregevole a ogni cuor bennato; nell'ultimo anno al Borussia ha reagito male alla concorrenza con l'emergente Lewandowski, sbracando e impuntandosi.

    RispondiElimina
  44. Teniamoci i nostri attaccanti aggiungendo al trio Ljajic Cuadrado e Rossi un buon centravanti. Ma si dice ADV vuole un top player? Bene, prendiamo De Rossi, lui si che li vale 3 milioni di ingaggio.

    RispondiElimina
  45. Barrios non è un buono, è un gran centravanti, Lud, fatte salve le riserve di cui sotto. Costo zero di cartellino. De Rossi non vale 3 milioni d'ingaggio, comunque sia sarebbe da esperire la via romana per Juju, in quel senso (20 più Capitan Futuro).

    RispondiElimina
  46. Deyna, il Brova dice che Barrios non interessa la Fiorentina: allora è fatta!

    RispondiElimina
  47. Sopravvissutom25 giugno 2013 14:13

    Non è valido il "Patto di due anni"? Carta straccia? E il Patto Jovetic-Andrea DV? Ha stesse caratteristiche? De Rossi, panca? Con Ambro? ...........Pradè e Macia il dolce lo tireranno fuori alla fine. Saremo stupiti.

    RispondiElimina
  48. Intanto, Sopra, non sai quanto goda del loro silenzio: servi e coglioni e servi coglioni sbavano, ciangottano, si dimenano, e loro... zitti! Poi, la zampata del giaguaro!

    RispondiElimina
  49. "cfr. Gian Cagaldo, Dell'inferiorità razziale, morale e intellettuale degli indios d'America, Cortés Editore, Montecarlo, 2013, cap. III, Bufale incaiche: le risposte della genetica, pp. 79-124", ahahahahahahahahah. De Rossi per me non vale assolutamente, oggi, 3 milioni di ingaggio, né è un top player. Non lo è mai stato, del resto, sebbene avesse i mezzi per diventarlo: una testa da bufala romana [ahah], la vena che si tappa sul più bello quando meno te lo aspetti a inguaiare la squadra, la costante mancanza nei momenti topici, lo testimoniano. Un elemento del genere in uno spogliatoio sano, poi, non lo voglio, che se lo tengano a Roma a fare il reuccio de sto cazzo.

    RispondiElimina
  50. Jordan, il Borussia D. non aveva Ljajic, ma aveva Gotze, che riforniva costantemente Barrios. Con le giocate che fa Ljajic [cfr. le due magie sulla linea di fondo a mandare in gol Aquilani e Toni, mi pare], più ancora che Cuadrado, La Pantera seppellisce di gol i portieri.

    RispondiElimina
  51. Mah, su Barrios sono un po' sospettoso. dov'è l'inghippo (a parte l'ingaggio altissimo che pretende)?

    RispondiElimina
  52. A me sembra che i procuratori abbiano capito più dei giornalisti quanto siano cambiate le cose in Italia. Molti dei nomi che vengono fatti, sono nomi di giocatori che si propongono, che vedono nella Fiorentina una realtà solida e in ascesa. Gente che un anno fa non ci avrebbe cagato di striscio. All'estero siamo visti come una squadra appetibile e dopo un campionato chiuso al quarto posto, non dopo uno scudetto. Mentre in Italia, giornalisti asserviti si spendono tutti i giorni per rimarcare quanta poca forza economica avremmo o per accostarci i soliti nomi che girano da anni. Tutti a cercare di indirizzarci il mercato, tutti a ribadire che se non vendiamo di corsa Jovetic, non riusciremo a comprare le mezze tacche che ci affibbiano. Credo che dovranno ingoiarsi la cistifellea, perché per una volta siamo in grado di fare il mercato, il nostro e quello di chi pensa di poter saccheggiare le nostre file. Se fosse come dicono le cassandre, sarebbe stato facile svendere lo slavo e annunciare il giorno dopo Gomez. Sarebbe stato il modo più sbrigativo per liberarsi di un problema e annunciare il campione che avrebbe esaltato la piazza. Invece non è stato fatto. Non per una manciata di milioncini di più, ma per dare a tutti una prova di forza, da parte di una società economicamente forte che non ha né bisogno, né la debolezza di farsi farsi regolare le scelte da altri. La paura si avverte chiara nell'aria, chi non la sente ha bisogno di un buon otorino.

    RispondiElimina
  53. Sregolato. Poco incline alla disciplina. Carattere forte.

    RispondiElimina
  54. "Sregolato. Poco incline alla disciplina. Carattere forte.": ma allora è davvero un indio, cazzo! Ahahaha

    RispondiElimina
  55. Ma il vero volume di riferimento, Deyna, è: Provola Viola, Gli zingari: per un riciclaggio ecocompatibile, Rosenberg & Drumont, Treblinka, 2013. Ecco l'indice: Gian Cagaldo, Introduzione. Quanno ce vò ce vò, pp. 1-8; cap. I, Spizzichi rubati, una vita nomade, pp. 9-46; cap. II, Se loro sono così, che sarà colpa di noi atalantine?, pp. 47-98; cap. III, Via Rasella: un'occasione mancata per il popolo gitano, pp. 99-134; cap. IV, Da Bonaparte a Mutu, il declino di un'isola del Mediterraneo, pp. 135-181; Conclusioni. Ubriachi e raramente decisivi in area, occorre voltare pagina, p. 182-188.

    RispondiElimina
  56. Ahahahahha, il massimo poi sono gli editori, dei due preziosi volumi!

    RispondiElimina
  57. Se ha fatto 46 gol in due anni e Goetze ha fatto 6 assist (nemmeno tutti a lui) i gol li sa fare anche da solo. Anche con Ljajic vi invito alla calma, non ne ho voglia ma se no vado a prendere cosa dicevano tanti di lui fino a gennaio ed ora tre mesi vi bastano per farne un nuovo Messi. Calma e gesso. E' un bel giocatore, ma deve confermare ancora tanto prima di esser messo nella categoria dei top e se fosse furbo manderebbe in culo quel coglione del persiano ed a Firenze ci resterebbe e contento almeno tutto il prossimo anno.

    RispondiElimina
  58. Foco da incorniciare. Criscitiello da inculare.

    RispondiElimina
  59. Tanto, quando Juju passase al Chelsea per 30 sull'unghia, il Cretiniello direbbe che loro l'avevano annunciato fin da gennaio scorso.

    RispondiElimina
  60. A proposito di Cretiniello: la valutazione di Isla è cresciuta di mezzo milione nel giro di qualche ora, adesso la sua metà vale 7,5. A fine agosto, c'è da scommettere, la Juve col cileno ci prenderà Cavani alla pari.

    RispondiElimina
  61. Comunque hanno una squadra che è un Forte Knox: Marchisio vale 30 milioni, Matri 15, Quaglia 12, Isla 15, Gabbiadini 12, Marrone 7, Vidal 40, Lichtsteiner 8, Vucinic 20. Parlo di quelli che Cretiniello gestisce sul mercato, sul suo mercato. Ma solo con quelli i gobbi hanno un capitale spendibile («tranquillamente», come è uso dire Cretiniello) di 159 milioni, se fate i conti. Siccome c'è la fila alla porta per prenderli, Marmotta è davvero tonto a perder tutto questo tempo con Juju: due terzi di Barça ci compra!

    RispondiElimina
  62. Che il Signore ce lo restituisca:

    http://www.gazzetta.it/Calcio/Estero/Primo_Piano/2006/12_Dicembre/29/fernandez.shtml

    RispondiElimina
  63. "Il colpo a sorpresa è la finta rabona. Matias punta l'avversario, poi finge di crossare incrociando i piedi, cosa che fa spesso. All’improvviso, però, stoppa l’esecuzione, lascia scorrere il pallone e si libera così dell’avversario. Un numero speciale, difficile da spiegare, ma bellissimo da vedere come tantissimi suoi gol". Diciamo che con la Roma gli è venuta benissimo, la finta. Sarcasmo a parte, sarei il primo a gioire se finalmente esplodesse, tecnicamente è delizioso, e ne parlavo su sitone fin dai tempi del Colo Colo. Per carattere e propensione all'infortunio però non ci faccio affidamento, ma se lo tengono son contento, magari utilizzandolo con parsimonia riesce a dare continuità alle presenze e non farsi male.

    RispondiElimina
  64. Comunque a stasera, sperando di trovare in rete l'annuncio del colpo Barrios, da annunciare al GAT
    #indios #alcolizzati #narcos #bufalesudamericane #marrone #monti

    RispondiElimina
  65. Mati Fernandes è sovrastimato nelle aspettative, nella fiducia incondizionata di cui gode fra alcuni tifosi viola e che spergiurano possa essere un grandissimo. Se dovessimo analizzare oggettivamente quello che ha dato e come lo ha offerto sarebbe da rispedire al mittente con ricevuta di ritorno. Ma si prendono a campione poche partite in cui ha fatto vedere una fievole luce dimenticandoci di quante sono state un buio totale. Molto fumo e poco arrosto. Che possa tornare, va per i 27, un buon giocatore ci sta, anche perché per far meglio dell'anno passato basterebbe stare meno fermo ai box, mi parrebbe il minimo, ma l'etichetta di fenomeno se l'è già bruciata; a quanto visto anche quella di campione a mio avviso. Su Ljajic aspetterei a sparare cifre folli perché anche qui si sovrastima quanto può diventare ma che ancora non è e non ha mostrato. Si è visto da Settembre, tutti, dell'anno passato che la testa pareva messa a partito ma il girone di andata, nonostante l'impegno, ci ha segnalato un Ljajic normale, modesto, con qualche picco ma senza strafare; nel girone di ritorno è avvenuta una trasformazione incredibile, per l'enorme differenza rispetto al girone d'andata, si è espresso al top, ha fatto moltissimo, di più e bene, e per un '91 son bei segnali, qui si può aspirare ad una maturazione che lo collochi fra i top europei, ma di aspirazione si tratta. Non può bastare un girone di ritorno per collocare un giocatore in una fascia di mercato a cui non appartiene, magari ci apparterrà, ma dare per scontato che lo sia già è un sovradimensionamento che solo un tifoso può permettersi. Sicuramente è più facile costruire intorno ad un '91 che ha fatto jackpot in una mezza stagione che stare ad aspettare un '86 che sembra incapace di garantire in rendimento che elevato era "solo" in sudamerica. Jovetic non è né bollito né finito, che è fragile si sa e se lo porterà sempre dietro, ma che se sta bene sia un gran bel giocatore non si può negare cancellando tutto con un colpo di spugna. Che quest'anno non sia servito è una forzatura, 13 goal, parecchi decisivi, e non ne ha giocate moltissime, questo se sta bene è un top, non un fuoriclasse ma un top, non è che ce ne siano a manciate a giro, ed è ancora un '89.

    RispondiElimina
  66. Ivan Zazzaroni sulle offerte gobbe per Jovetic:

    "“Le contropartite non sono all’altezza, di cosa se ne fa la Fiorentina di Gabbiadini?"



    90 minuti di applausi

    RispondiElimina
  67. Gli stessi minuti ( con 2 minuti di recupero) che occorrono al canuto per sistemarsi la chioma.

    RispondiElimina
  68. Non sono d'accordo con Leo. Al Ljajic del girone di andata mancava solo il goal. Troppo semplice riconoscere che un giocatore è maturato perchè segna dei goal. Colpi e situazioni che si procurava erano già da campione. Ricordo ad esempio una incursione contro la Juve che lo mise solo davanti a Buffon, bravo poi a chiudergli lo specchio.

    RispondiElimina
  69. Condivido con te, Lud (visto che non c'è nessun PCUS?), a parte l'ultima riga, perchè Buffon non chiuse lo specchio: Ljajic si scacò quel gol prima di tutto per una sicurezza sotto porta non ancora raggiunta; nella fattispecie ebbe paura a calciare di sinistro, al cui uso preferì pertanto un improbaile tocco di destro.

    RispondiElimina
  70. Vita, è vero che ciabattò a lato solo davanti a Buffon, ma se ben ricordo, nella posizione in cui era, calciare di destro non era affatto improbabile.

    RispondiElimina
  71. Probabilmente fu concorso di colpa, ma certo per un ventunenne trovarsi di fronte al portiere più bravo, più esperto, più scafato non deve essere semplice. E possiamo perdonargli l'errore considerato che si era fatto metà in campo in solitaria entrando in area con notevole personalità e sicurezza. Quest'azione fa pensare che tra uno o due anni con maggiore esperienza e maturità di goal così ne potrà segnare diversi.

    RispondiElimina
  72. Ljajic nel girone d'andata giocava già bene, nel ritorno con i gol ha acquisito maggior sicurezza nei propri mezzi, e ha cercato giocate sempre più sfrontate e difficili, tutto qui. Lo sbaglio davanti a Buffon con la juve è paradigmatico: mancava ancora di freddezza, ed optò per il tiro sul palo lontano, sbagliandolo peraltro. A maggio probabilmente, nella stessa situazione, avrebbe fintato quel tiro, per poi bruciare il Buffone sul primo palo.

    RispondiElimina
  73. Certo un fuoriclasse già fatto e convinto nei suoi mezzi può inventarsene 1000 di giochesse, ma un potenziale fuoriclasse che doveva ancora superare timidezza e peso di non buttarla dentro da un anno potrebbe intanto provare a sbloccarsi con la giocata semplice, che per me in quel caso era cercare il secondo palo che aveva cercato lui, ma col sinistro a rientrare.

    RispondiElimina
  74. Nella rubrica «Voci del cazzo» mettiamo anche Pepe Reina: contratto da 4,16...

    RispondiElimina
  75. stefano vienna25 giugno 2013 20:51

    Ljajic è il più forte degli altri tre. L'unico vantaggio che abbiamo è che possiamo convincerlo a stare uno o due anni e poi fare il salto. Forse a Ljajic non conviene firmare un contratto lungo. Ma mi sto un pò arrampicando sugli specchi. Darlo via solo per fare un dispetto a Ramadani a me sembra una cavolata, tipo darsi una martellata sotto la cinta.

    RispondiElimina
  76. stefano vienna25 giugno 2013 21:03

    Oggi il Chelsea ha preso Schurrle, magari Mourinho adesso molla Ljajic.

    RispondiElimina
  77. Purché non molli Juju.

    RispondiElimina
  78. stefano vienna25 giugno 2013 21:21

    e se va al City come sembrava dopo Nastasic...

    RispondiElimina
  79. Tevez è della Juve, intanto. Grande acquisto, non c'è che dire. Circa Nutella: un conto è se Ram lo porta via, e giocando sull'ultimo anno di contratto può farlo (ma gli conviene di più spostare il pezzo quando, fra un anno, il serbotto varrà il doppio: si faccia inserire clausola rescissoria), altro conto è se rompiamo noi per non fornire un adeguamento di contratto normale e dovuto. La retorica dei contratti da rispettare vale per il passato prebosmaniano: adesso i contratti si ritoccano, e sempre verso l'alto, o perdi il giocatore. Voler giocare un altro gioco significa deporre ambizioni. Che poi occorra saper usare il bastone e la carota (Corvino eccedeva in tutti e due) è altro conto, ma che si lasci andar via Nutella per una differenza di un 400.000 € mentre se ne danno 800.000 a un pit-bull biondiccio è un non senso prima di tutto economico, poi tecnico.

    RispondiElimina
  80. Deyna il sito citato non ha classificato i giocatori per ruolo ma si è limitato a indicare i migliori. Ljajic è nel lotto. Nessuno vale meno di 20 milioni.

    RispondiElimina
  81. Altrimenti detto, la Fiorentina per puntare al vertice, e cioè per attirare i buoni altrui e trattenere i propri, deve aumentare di una il tetto ingaggi di un po' di milioni e questa necessità si presenterà già da quest'anno. Questo fa la differenza fra Agazzi e Alves, fra Gomez e Gabbiadini, fra Ljajic e Ilicic, fra Clasie e Ambrosini. La vendita di Juju lo permette, se non basta allora Roncaglia, ma quel che è sicuro è che non tieni grandi giocatori parlando loro della maglia.

    RispondiElimina
  82. «di una» è di troppo, qua sotto.

    RispondiElimina
  83. Tevez - mi piangerebbe comunque il cuore vederlo giocare nella juve, come per tutti gli argentini buoni - sarebbe stato un gran colpo anni fa, ora non so, mi sembra che abbia perso voglia di giocare, e a volte lo ha anche detto abbastanza chiaramente. Se gli ritorna è chiaramente un superacquisto, porta garra, gol, voglia di vincere, lotta continua su tutto il fronte dell'attacco.

    RispondiElimina
  84. Ljaic non ha fatto un brutto girone d'andata, perlomeno non è andato male per essere fuori ruolo. Quel leggero arretramento, unito a un'applicazione tattica che Jovetic se l'è sognata, hanno liberato le sue qualità. Il fatto che abbia cominciato a segnare quando non c'era richiesta ossessiva dei suoi gol, è la prova che gli serviva solo tranquillità. Mettiamoci pure che è capitato nelle peggiori fiorentine del decennio e che gli è stato chiesto troppo e troppo presto. La sua maledizione è stata l'infortunio di Jovetic a Cortina, a 19 anni gli è stato chiesto di fare la ( grande) punta, per poi venir messo subito in panca ad ogni mezza stecca. Il fatto che sia riemerso dal mare di merda in cui era stato buttato, dimostra solo che per personalità è già un grande. E uno con quelle palle difficilmente si perde.

    RispondiElimina
  85. Foco ha centrato il punto: non è stata la fantomatica adozione del 4-3-3 da parte di Montella a farlo esplodere, bensì il suo portarlo indietro, da seconda punta a ridosso dell'area di rigore, a trequartista che parte da lontano sulla fascia sinistra, libero di penetrare in area, cercare il fondo, o accentrarsi, fino a svariare sulla destra [vedi alcuni gol, le azioni in cui arriva sul fondo sulla destra, il rigore provocato col milan, ecc]. Come dicevo quando era al massimo della sua idiosincrasia con la porta "arretratelo, fatelo arrivare in area a fari spenti, e comincerà anche a segnare".

    RispondiElimina
  86. Galliani ha schierato questa sera un altro avvocato-economista, a giustificare lo stallo del mercato rossonero. Suma ha usato parole e concetti chiari per spiegare che il futuro del Milan è Cristante (!!!!). Su Tevez la penso come DEYNA, un bel suppellettile, un soprammobile da mostrare (ad alcuni piacerà) ma un ingaggio come quello del semi-butterato con capello da querela è fuori luogo. Basterebbe andarsi a guardare lo score in Europa del semi-indio, il ninho dello Jamiroquai del Sudamerica.....La Juve continua ha dato in pasto un nome, un nome, ai bulemici tifosi calabresi e siciliani. Da Ibra (ventilato), a Higuain (sventolato), a Jovetic (sputtanato).......sino a Tevez (soffiato ad una concorrenza agguerrita del Milan, come due rumeni o nordafricani che litigano per un semaforo.....Squallide, le Tre Sorelle Bandiera).

    RispondiElimina
  87. Non ho scritto che Ljajic ha fatto una cattiva annata, ma ad un girone di andata ampiamente nelle norma ha contrapposto un girone di ritorno di assoluto livello, vuoi per un impiego migliore, vuoi perché nel corso della stagione è pure maturato acquisendo convinzione e mostrando delle qualità che nessuno gli ha mai disconosciuto. Qualità che sono venute alla luce dopo tre anni, anche qui nulla di male, è giovanissimo, ma che è pure atteso a delle riconferme che potrebbero decretarne l'avvenuta consacrazione. Un anno buono e collocarlo alla pari di giocatori che, oggi, costano dai 20 mln in su mi pare prematuro, appena ottimistico, è chiaro che se ripete un'annata del genere spazza via tutti i dubbi. Ma si son visti parecchi giocatori fare uno o due anni buoni ad alto livello e perdersi un po'. Giovane com'è qualche riserva la si può ancora avere, voi non l'avete, io si, e non sarebbe un dramma se mi sbagliassi. Mi piacerebbe avere la convinzione che il suo valore fosse quello, costante, e lo esprimesse in maglia viola tant'è che 1,5mln l'anno glieli darei di corsa, di più no, perché sarebbe un malato grave da sopprimere, dopo, se tornasse al rendimento degli anni precedenti e sono consapevole che di fronte ad un'offerta con parecchi zeri non sarebbe insensato cederlo, ho talmente tanta fiducia nel duo che dopo l'anno passato sono sicuro che saprebbero porvi rimedio.

    RispondiElimina
  88. Allora non vuoi capire. Il problema non è darne o no 400000 in più a Nutella che comunque sono 800000 l'anno di costo per quattro o cinque anni), ma il dover ridiscutere i contratti di una fila di incazzati. Gli 800000 ad Ambrosini (che pure a me sembrano troppi) non fanno invece incazzare nessuno perchè sono nella media inferiore dei salari viola. 2 milioni a Nutella ne farebbero sentire una decina in diritto di chiedere ritocchi. Quindi non è affatto un non senso economico. Sul tecnico poi ci sarebbe da discutere, ed i nostri giudizi, per ora, non collimano, ma è più "questionable".

    RispondiElimina
  89. Credo che se io non voglio capire tu non puoi capire, Jordan, per lo meno l'italiano. Per l'ennesima volta ti dirò che in un gruppo ci sono gerarchie e che chi più determina più guadagna. Perdere un gran giocatore per 400.000 € è per me un non senso economico e ripeto che siccome un pit-bull biondiccio cui ne dai 800.000 non ti serve ma anzi ti fa danno, il paragone è benissimo posto. Qua sopra, poi, ho scritto, se hai la pazienza di leggere: «Altrimenti detto, la Fiorentina per puntare al vertice, e cioè per attirare i buoni altrui e trattenere i propri, deve aumentare di una il tetto ingaggi di un po' di milioni e questa necessità si presenterà già da quest'anno. Questo fa la differenza fra Agazzi e Alves, fra Gomez e Gabbiadini, fra Ljajic e Ilicic, fra Clasie e Ambrosini. La vendita di Juju lo permette, se non basta allora Roncaglia, ma quel che è sicuro è che non tieni grandi giocatori parlando loro della maglia». Tu tieni problemi con Ljajic e col tuo passato su di lui, Jordan, ma che la Fiorentina abbia a rimetterci per questo, no, grazie. Del resto, se sarà per questione di 400.000 € e non per altro, non ti ascolterà, ne sono convinto, e farà benone.

    RispondiElimina
  90. Sopra, Tevez ha in carriera uno score di 0,42 a partita eppur non è punta centrale e ha spesso giocato trequartista e morso in ripiegamento. All'ultimo Mondiale è l'unico argentino che salvò la faccia. Che voglia giocare è un conto, che sappia giocare un altro. Per me, Tevez al meglio è uno dei cinque più grandi calciatori del pianeta: se ti piace, quinto, sotto non scendo. La Juve lo paga di cartellino quanto Gabbiadini meno due milioni (ahahahahahahahahah!), gli dà un fracco di soldi d'ingaggio che però sono la metà di quanto guadagnava al City e quanto non può non valere un'immensità sua pari, che ha 29 anni e non 39. A Torino raddrizzano anche gli invertebrati, peraltro. A me frigge molto che l'abbiano preso, preferivo lo prendesse il Milan, in cui si sarebbe ben più facilmente adagiato e avrebbe comunque trovato compagni come Montolivo per spoetizzarlo. Così, la Juve si stacca: oltre a Gomez ci vuole un grande portiere e Pek e Nutella nobiscum, per tentare di starle a pari.

    RispondiElimina
  91. Io non ho nessun problema con Ljajic che di persona nemmeno conosco e che ritengo un ottimo giocatore. Da qui a ritenerlo un top player uno dei 4 migliori under 21 del mondo solo per una decina di partite giocate bene in fine di stagione mi sembra un po' prematuro. Poi per me possono fare quello che gli pare, oltre tutto nessuno di noi sa i veri termini del problema, quanto ha chiesto davvero e se davvero è disponibile a chiudere o tutto è sospeso per spingere di più nel caso Jovetic. Solo che, per quanto detto sopra, se chiede la luna non gliela darei, per i motivi che ho già detto e che mi sembrano facilmente comprensibili. Li superi solo se aumenti in maniera sensibile il monte salari, ma questo non credo proprio sia nei programmi. Comunque dei paragoni che fai alcuni non sono così scandalosi, tra Neto ed Alves ci corre solo un po' di pazienza e di fiducia, tra Ljajic ed Ilicic per me ci corre molto meno di quel che pensate, Clasie ed Ambrosini è un paragone fuori luogo, Clasie non viene non perchè viene Ambrosini, ma perchè probabilmente torna Pizarro e, se non tornasse viene Parker o altro analogo non certo il rossonero che è un rimpiazzo che rimpiazza Migliaccio. La vera differenza è Gomez-Gabbiadini, ma è appunto perchè non ci si debba contentare di un giovane facendo felice LZ che qualcosa si deve pur sacrificare. Insomma il monte salari è quello, i termini del problema sono quello, i miracoli li deve fare il duo Madè e l'anno scorso li ha fatti.

    RispondiElimina
  92. Mica lo so, colonnello. Tevez è indubbiamente un ottimo colpo, per me non uno dei primissimi. Menchester sponda rossa gli preferiva Berbatov, andato via Ronaldo,nonostante l'avessero pagato un boato. Al City ha fatto bene, ma non è stato dominante. In nazionale anche, la maglia fissa da titolare non ce l'ha mai avuta. Non per buttare merda sugli acquisti della Juve ( cosa sempre gradita), ma io avrei temuto di più Higuain in maglia bianconera. Per il semplice motivo che rappresentava il giocatore che serviva loro per completare il quadro. Tevez alla Juve libera Jovetic, secondo me. Tra i due montenegrini e lo sfregiato, ci sarebbe un surplus di seconde punte e, per quanto siano poco intelligenti, lo capirebbero anche loro. A questo punto occhio al Real e a dove si accaserà Mancini.

    RispondiElimina
  93. Se si parla di seconde punte o trequartisti logica vuole che si giudichino anche sui goal non solo sui colpi o le situazioni (???) che si procurano quando queste non producono punti o realizzazioni. Non serve fare guerre di religione se l'oggetto del contendere non è misurabile su dei numeri o su delle prestazioni che determinino punti, se si parla di attaccanti, il girone di andata, se avesse chiesto un ritocco avrebbe preso una bi-pernacchia dal duo, nel girone di ritorno ha legittimato una richiesta che tanto campata in aria non è, entro certi limiti.

    RispondiElimina
  94. Sul valore intrinseco dell'Apache concordo col Colonnello, i miei dubbi sono solo sulle motivazioni [un paio d'anni fa dichiarò addirittura di voler smettere col calcio]. I primi due anni al City ha giocato [e segnato] a livelli altissimi, poi è stato un po' messo in ombra dall'arrivo del Kun Aguero e da cervellotiche scelte in attacco, e si dev'esser sfavato [il carattere non è certo facile né accomodante]. Io sono ovviamente diviso, spero che a Torino faccia bene lui e si ritrovi, così l'Argentina lo porta al Mondiale, ma che crolli il resto della marmaglia.

    RispondiElimina
  95. Speriamo faccia cagare nella juve e che stia a casa per il mondiale, o non voleva smettere ?!

    RispondiElimina
  96. http://www.firenzeviola.it/?action=read&idnotizia=137227



    Gomis?

    RispondiElimina
  97. Vedi il Nipote dappertutto, io ho paragonato Agazzi a Alves e se Parker e non Clasie sostituisce il Pek è un problema. Il monte ingaggi non può esser «quello», non quello di quando eri in crescita e scommettevi su giovani o su rigenerandi, perché ora sei «arrivato», ora punti in alto. Sennò, fai come l'Udinese, e fai cose assai dignitose, ricostruendoti dalle fondamenta ogni anno: ma noi vogliamo di più, nevvero? E allora devi spender di più in ingaggi, perché gli esplosi giustamente batton cassa e perché da fuori sennò non attiri nessuno. Intanto hanno messo in giro una voce, secondo me fasulla per preoccupare Ramadani, su un interesse serio per Gomis.

    RispondiElimina
  98. Cazzahe ad usum Ramadani.

    RispondiElimina
  99. Quante sciocchezze s'inventano, 10 mln per un'attaccante in scadenza fra un anno e non di prima fascia..........

    RispondiElimina
  100. Disse che voleva smettere perché il City non lo faceva andar via. Diceva che gli mancava L'Argentina, i figli e blablabla. Poi si è ricordato che le fiche che si scopava costicchiavano e ha deciso che Manchester non è poi così male quando becchi 9 cucuzze ogni 365 giorni. Niente di nuovo insomma. Comunque resto dell'idea che alle merde mancasse un altro tipo di giocatore, più finalizzatore che un estemporaneo come lui. Sul fatto che si stacchino, io non la vedo così. Io credo che in due anni quella squadra abbia dato il suo massimo, considerando un livello tecnico non eccelso. Noi invece siamo relativamente giovani, sia come realtà tecnica, sia come "fame". Anzi c'avemo una fame che manco in Africa.

    RispondiElimina
  101. Hai capito Fred? Altro che rimanere in Brasile, si vede vol provà la fiha dell'est, e va allo Shakhtar Donetsk...

    RispondiElimina
  102. Ops, ho sbagliato Fred, ahahha

    RispondiElimina
  103. Stefano vienna26 giugno 2013 00:06

    Gomis o Gomez?

    RispondiElimina
  104. Stefano vienna26 giugno 2013 00:07

    Entrambi buoni.

    RispondiElimina
  105. Non vedo Neto dappertutto, Neto é una soluzione possibile, praticamente gratis e ad ingaggio molto contenuto che non ti penalizza quasi per niente tecnicamente providing that tu abbia pazienza e fiduicia all´inizio. Era un esempio di come si possono avere risultati simili spendendo poco. Tra Parker e Clasie non vedo dov´é il problema, nell´immediato é forse meglio l´inglese, ma era solo un esempio per smontare il paragone Clasie-Ambrosini che era privo di senso. Potevo dire Lodi, rischiando di piú Cirigliano. Quanto allo spendere piú per gli ingaggi é una decisione di gestione che da quattro anni la proprietá ha detto di non voler perseguire. Se ti devi autofinanziare puoi spendere solo cio´che guadagni. Se le entrate sono 60, il monte salari non puó essere piú di 40, se no alla fine qualcuno si deve frugare. Puoi dare 40 a Ljajic e prendere venti dilettanti a costo zero, o dividere al meglio la torta, ma, o la fai lievitare di piú, o é quella e hai poco da battere i piedi. Con quella torta abbiam fatto il campionato che abbiam fatto, lo possiamo ripetere o farlo ancora meglio, soprattutto perché chi ha le torte piú grosse le spreca e le butta in buona parte nella spazzatura. Il nostro mondo é quello, illudersi porta solo a delusioni e futuri vuturismi. Il nostro mondo é questo e dobbiamo esserne contenti e cercare di renderlo piú bello possibile ma senza staccare i piedi da terra. Nemo ad impossibilia tenetur

    RispondiElimina
  106. Federico Rodrigues Santos detto "Fred" mezzala dell´Internacional del ´93 non c´entra una smania con Frederico Chaves Guedes detto anche lui "Fred" che é l´attuale centravanti della seleÇao e del Fluminense. E´il primo che va allo ShaKtar Donetsk per circa 12 milioni di euro. Il Fred vero continua a scopare in casa, ora dice che é di nuovo innamorato e fa anche i cuoricini alle tribune quando segna.

    RispondiElimina
  107. Gomis non é un centravanti, me lo ricordo piú come attaccante esterno. O che si fa la collezione?

    RispondiElimina