.

.

giovedì 6 giugno 2013

Biblioteche imbottite

Ci sono cose della stagione passata che rimangono ancora vive nella mente, brucia nelle mele e duole tra il costato, la coltellata alla schiena di Pizarro e l’inculata di Bergonzi, rigori dell’inverno del cacio, mentre del vecchio ciclo rimangono assorbenti alcolici, qualche relitto come Vargas insomma, diciamo pure qualche bel gonzo, eredità pignorate, delusioni diverse ma comunque ferite ancora aperte, magari quelle inferte dal nano cileno si possono ancora suturare con qualche adeguamento di contratto, o forse ha ragione De Andrè quando dice che Pizarro ha il cuore troppo vicino al buco del culo, certo è che la carcassa del peruviano va invece rimossa al più presto prima che deturpi di nuovo le rive dell’ Arno. Prima che l’agente di Gomez sbarchi in Italia e si ritrovi il relitto a ostruire la navigazione di una trattativa che porterebbe la Fiorentina nel porto dove i sogni del terzo scudetto sono al riparo, e prima che Ilicic trovi nella bellezza del gioco Viola non solo quel meraviglioso sbocco della manovra che fa gonfiare il sacco, ma anche lo sgradevole eccesso di gradazione saccaromterica che non fa bene ai sogni tricolori e che lascia tracce di vomito nello spogliatoio  Ai margini del cantiere per il terzo scudetto ci sono ancora storie di parentele tristi, tra cugini che si ribaltano senza avere la patente e zii che hanno evidentemente la patente del cretino, ci sono trattative importanti da portare a termine, peruviani da smaltire, cileni che lo potrebbero prendere negli ani di tutta la famiglia, e per questo trascorrere gli ultimi ani della carriera in una tribuna all'inglese nuova di pacca. Intanto si è già deciso che Viviano non sarà più il portiere del terzo scudetto, e se lo si è fatto vuol dire che il duo delle meraviglie ha già il nome del prossimo scudettato, e il problema per i giornalai di Firenze adesso è stargli dietro a quei due, capire dove vanno a parare, capire soprattutto chi hanno scelto per parare, in un mondo sconfinato come quello del calciomercato che loro non conoscono all’infuori di Agazzi, del resto son ragazzi e gli altri ivece professionisti. Sono tranquilli i nostri, mentre arrivano Joaquin e Minua, tranquilli anche sul rinnovo di Ljajic, e alla fine Jovetic se ne andrà alla cifra esatta che ci permetterà di andare a vincere il terzo scudetto. Una grande squadra che sarà anche quella di chi tra i tifosi non credeva più perché sapeva, e non solo della pontellizzazione e della cessione a Tutunci, sapeva, dentro di se sapeva, e per risolvere tutto questo sapere si sforzava di raccontarlo anche ad altri in camice bianco, che a loro volta sapevano ma che non potevano rivelare perché segreto professionale. Un sapere che oggi è custodito tra pareti imbottite, come in una biblioteca sedata, dove si muovono lenti e senza fare rumore, praticamente spariti dentro a biblioteche imbottite, ma noi che non sapevamo faremo comunque in modo di farglielo sapere quando vinceremo il terzo scudetto. Lo sapranno glielo promettiamo, lo sapranno tra una terapia e l’altra.

96 commenti:

  1. Giro proposta per formazione nazionale Prandelli simil-Fiorentina. Secondo me dovrebbe giocare (4-3-3) con Buffon in porta, De Rossi e Bonucci centrali in difesa, De sciglio a destra e Chiellini a sinistra (per motivi di copertura), centrocampo a tre con Pirlo nelle vesti di Pizarro, Montolivo alla Borja Valero, Aquilani nella parte di se stesso. Attacco a tre Cerci a destra, Balotelli al centro, El Sharawi a sinistra. Con qualche modifica (Aquilani è forse ottimistico, De Rossi potrebbe stare a centrocampo e non centrale di difesa) questa squadra credo che la vedremo alla Confederation e non soltanto in partite facili.

    RispondiElimina
  2. De Rossi alla Gonzalo Rodriguez, centrale di difesa col compito di far ripartire il gioco con giocate e appoggi mirati e licenza di spingersi in avanti e partecipare alla manovra di centrocampo.

    RispondiElimina
  3. De Rossi centrale se mancano parecchi difensori, altrimenti non si sposterà di un millimetro dalla mediana per interdire e supportare il regista. Che Prandelli giochi con quel centrocampo non rientra nelle sue corde a meno di illuminazioni sulla via di Damasco.

    RispondiElimina
  4. Immaginavo i commenti, ma De Rossi centrale con Prandelli ha già giocato, nella partita, importantissima, che apriva gli Europei con la Spagna. E' una proposta ardita, ma rientra nel gioco di una nazionale modello Fiorentina. Infatti anche noi abbiamo al centro della difesa un giocatore dai piedi buoni, non proprio un difensore e basta.

    RispondiElimina
  5. Si è visto anche Giaccherini terzino, appunto, nelle emergenze o quando si teme oltremisura gli avversari, ma se vedi bene anche li è stata una scelta dettata dagli uomini a disposizione. Adesso non c'è questa necessità e non credo vedremo questa soluzione molte volte, anzi.

    RispondiElimina
  6. Un centrale dai piedi buoni è un conto, un centrocampista che fa il centrale un altro. La prima è una dote, la seconda uno stravolgimento di ruolo. Che De Rossi sia duttile si sa, che quello non sia il suo ruolo pure ma Prandelli ha sempre avuto questo vizio, a volte rivelatosi scelta sensata, altre no.

    RispondiElimina
  7. Io mi ricordo un ottimo De Rossi che nella partita iniziale degli Europei ha tenuto botta benissimo con la Spagna. Viceversa, in altre condizioni, ma con difensori "puri" e aspettando gli spagnoli le abbiamo beccate di brutto.

    RispondiElimina
  8. colonel.blimp6 giugno 2013 09:11

    Montolivo nelle vesti di Borja è come Lando Buzzanca che recita «Amleto». Grandioso editoriale di Pollock, l'uomo che NON SAPEVA troppo... ahahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  9. colonel.blimp6 giugno 2013 09:13

    Ruttosport definisce una follia la richiesta di 30 milioni per Jojo: basta non darli, allora, e fare senza.

    RispondiElimina
  10. colonel.blimp6 giugno 2013 09:56

    Praticamente ufficiale, dalle parole di Miccichè, l'addio di Viviano, come da indiscrezioni dei giorni scorsi: erano secoli che non avevamo avuto un portiere così scarsone (e se fosse il Nipote, quello cui l'uruguagio dovrebbe far da chioccia?). Probabile anche il non riscatto di Migliaccio, uno dei pochi acquisti del cazzo della passata estate. Da decidere cosa fare di Romizi. Riscatteremo Tom per 2,5 (che non è poco), per ciò versando nel porto di Genova le scorie Cassani e Olivera. Contratto fatto per Ilicic, ora si tratta di prender per fame e per sete lo Zampazzo. Manovre di disturbo dei gobbi per Gomez: inutili, abbiamo solo l'imbarazzo della scelta, siamo forti, belli e ammirati, vogliono tutti venire da noi. Impressioni alla rinfusa (per gli «esteri» Deyna e Lele in primis ma anche per gli altri sitollockiani eminentissimi, ovviamente, per i quali ho fatto il guardone) da Uruguay-Francia, mediocre partita: Forlan per l'ospizio, Lodeiro indisponente, Cavani esiliato all'ala, bene Pereira che merita meglio che l'Inter (ma con Mazzarri si imporrà), Suarez entra e segna, Muslera grande grande grande per autorevolezza, piazzamento, tempismo nelle uscite (e quelle fave dei laziali stanno ancora a prenderlo per il sellino! Fece qualche cappella da giovane portierino, da loro, ma la stoffa si vedeva!); Francia solo Valbuena e Payet (strepitoso quest'ultimo, da grandi palcoscenici, altro che Lilla!, lo ammirai e segnalai che era ragazzo sull'Atlantico), per il resto caccone, ma Mangala, pur uccellato sul gol, promette di diventare un crac mondiale in difesa. Ieri pomeriggio (vedo) apparizione fugace dello Schreber, per dirci che le sue solite fonti inquinate interne alla Fiorentina preannunciano smantellamento della nostra difesa da retrocessione (ahahahahahahahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  11. colonel.blimp6 giugno 2013 10:23

    La «rosea» di oggi ci invita al «buon senso» per cedere Jojo alla Juve: ahahahahahahahahahahahahah! Sono alla canna del gas... ahahahahahahahahahahahahah! Poveri schiavi inculati, poveri falliti, e falliti innanzitutto perché giornalisti sportivi... ahahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  12. colonel.blimp6 giugno 2013 10:25

    Metà De Silvestri per 2,5 alla Samp: incredibile ma vero, per questa schiappa (celebrata non per nulla dal favone di Bulegn) che vale attorno allo zero assoluto. Altro colpaccio di Madè!

    RispondiElimina
  13. Una valutazione di 5 milioni dell'intero cartellino di Lollo il Troll - il giocatore i cui piedi, alla domenica, diventano di pietra sotto la luce del sole - è un capolavoro assoluto, che mi fa accettare con serenità anche l'ipervalutazione di Tomovic. Non che parlare dell'italia di Prandelli di secondo mattino mi ecciti così tanto, ma non trarrei conclusioni dalla prima partita degli Europei, Lud. Come sempre sottolinei, le grandi partono col freno a mano tirato, per arrivare al massimo in finale. La Spagna era indietro con la preparazione, e teneva atteggiamento prudente e disinteressato alla vittoria, la vera Spagna la si vide il 1 luglio. In quella prima partita, comunque, bastarono due accelerate per metter sotto De Rossi e l'italietta una volta in svantaggio, subito recuperato. Grazie dell'excursus su Uruguay-Francia, Colonnello, in effetti Tabarez si deve decidere a far fuori Forlan, così non valorizza né Cavani né Suarez. Non l'ho vista, dietro giocava qualcuno tra Lugano, Godin e Coates? L'Uomo che non sapeva troppo è da podio pollockiano, senza se e senza ma.

    RispondiElimina
  14. De Silvestri, inadatto sommamente al nostro gioco, aveva invece un senso nel 4-4-2 di Prandelli dove agli esterni erano richiesti corsa e polmoni anche senza grande tecnica. Il suo modello era Rocchi. Quanto alla nazionale io credo che Prandelli con il 4-3-3 faccia sul serio. L'obiettivo è mettere tre uomini davanti di cui uno è Balotelli, centravanti fisico ma con un alto livello tecnico e gli altri sono due giocatori capaci di scardinare le difese avversarie col dribbling, El Sharawi e Cerci. Scommetto che alla Confederation questa sarà la formazione, le altre ipotesi, come De Rossi centrale di difesa e Aquilani mezzala sono da verificare ma più soggettive.

    RispondiElimina
  15. Rocca dai credo tu abbia capito! Purtroppo ormai è invalsa la pratica di esaminare con inusitata acribia quello che scrivo con la man destra trattandosi di blog. Guai se mi sfugge una grafia sbagliata o una definizione fuori posto.t

    RispondiElimina
  16. stefano vienna6 giugno 2013 11:13

    Juve alza il contratto per Jovetic a 10 milioni l'anno (lordi) per convincerlo a fare la guerra alla Fiorentina. Pensano forse che Ramadani abbia l'anello al naso. Manovra disperata. A questo punto solo i Della Valle possono evitare la figura barbina a sguardo divergente e ai pargoli di famiglia. P.S.: Gomez va via dal Bayern, ma non per 15 milioni, a meno che il Bayern non voglia sdebitarsi per il prezzo di favore su Toni e per la vicenda Ovrebo.

    RispondiElimina
  17. De Silvestri, Lud, fu comprato perchè vecchio pallino del Branda, che lo chiamò pure in nazionale appena ne aveva assunto la guida, prima di arrendersi anch'egli conto che, quando nasci con un piede in Arno e uno in Bisenzio, i piedi insieme non li rimetti.

    RispondiElimina
  18. Odiosa la pressione mediatica della Gazzetta e del Corriere dello sport, la cui tesi è che il prezzo di Jovetic è troppo alto. È sicuramente vero, ma la famiglia Della Valle può permettersi anche di confermarlo o di venderlo altrove.

    RispondiElimina
  19. Troppo alto per il mercato italiano ormai impoverito naturalmente...

    RispondiElimina
  20. sopravvissuto6 giugno 2013 11:35

    Anche questa mattina Marotta avrà lavato il viso nel bidet, prima di tentare di specchiarsi, di sguincio, allo specchio di legno della sua casa; grandi affari per lui, alla ricerca di qualcuno che stampi un buon contratto per la Fiorentina ma il tipografo chiamato è uno vecchio stampo (ah ah ah ah) alla Della Valle, quindi vuole prima il denaro...occorre un ingegnere per capire cosa stia architettando ma quello interrogato neanche sapeva progettare un week-end...Criscitiello afferma "...tanto alla fine la Fiorentina sarà costretta a cedere Jovetic alla Juve.." e questo denota ancor più non servilismo bensì capacità di lubrificazione del glande altrui onde evitare dolori allo sfintere proprio quando l'evento non si compirà. Per i giornalisti è tutta una scommessa, un po' come Gesù e Giovanni Battista che giocavano sempre a testa o croce, poi arrivò quello con trenta milion...ooops...denari e il destino si compì, non con Commper ma con Stefanino il montenegrino, mai vituperato come il Montenegrone (animale a due teste-di cazzo) milanista, che ha cervello di Balo e piedi di Riccardo quindi due ciofeghe. Criscitiello è come Ciccio Graziani, dimostra intelligenza titanica in un mondo pieno di iceberg, come quando affermò "La juve vince scudetto per onorare memoria di Agnelli" e allora che lo stesso avvenga prima possibile per il Milan, onorerà magari il vice, ma sempre dopo il terzo scudetto viola! Criscitiello...Criscitiello....l'abuso dell'uso del buso è il pazzo sollazzo del cazzo, dai....menalo meno, servo! Abbiam visto che tale padrone tale servo, cioè Muntari multato dal giudice poichè non si presenta in tribunale per la faccenda razzismo nell'amichevole di Busto...la riflessione vera, che nessun giornalista, ne Galliani, ne Blatter, ne Petrucci ne Abete hanno fatto è: se la questione razzismo è così impellente, importante perchè un diretto interessato non si presenta??? Tu Milan, che hai fondato il tuo terzo posto ANCHE su questa faccenda (con appelli, pietismo, provocazioni) perchè non hai mandato un tuo tesserato (parte in causa in quanto nero!) a presenziare? Perchè è come sempre! Tutta una sceneggiata di Galliani, che fa rivoltare nella tomba Eduardo De Filippo, almeno il napoletano metteva sentimento e passione, Galliani mette denaro e mafia, forse(come suggerisce ANTOINE,per evitare querele...eh eh eh eh). Ed ora, lungi da me usurpare il magnifico cantore Cecco BLIMP Angiolieri, ecco un componimento per le nostalgiche anti-viola-pro-monto che tanto ci han fatto sorridere e mai sollazzare: "30 giorni sul tuo membro...del tuo palo mi rimembro....di 28 ce l'ha uno...tutti gli altri ce l'han trentuno.....! (questa è da premio Ignobel...). Balotelli con Muntari nel deserto, Muntari "Ho danda sete!", Balotelli "Oddandotto!".

    RispondiElimina
  21. No pensavo al Rocchi della Lazie, rasato pure lui, e mi chiedevo che "c'azzeccasse", a Rocca non ero risalito, non pensando a un modello...romanista. Rocca e Briegel li vedevo anch'io ai tempi come punto di riferimento per De Silvestri, comunque.

    RispondiElimina
  22. stefano vienna6 giugno 2013 11:43

    Per descrivere il panorama giornalistico italiano, mi viene in mente una canzone di Bob Dylan: Desolation Row.

    RispondiElimina
  23. Saranno contenti Jojo e Savic...Casaleggio: "No a razzismo. Rinominare Montenegro in Montenero".

    RispondiElimina
  24. stefano vienna6 giugno 2013 11:53

    Più aumentano l'ingaggio a Jovetic più riducono l'offerta per il cartellino. Fra due settimane ci offriranno cinque milioni per il cartellino e un contratto di 18 milioni all'anno per il giocatore. E i giornalisti diranno che cinque milioni sono pure troppi. Arriverà il momento in cui Ramadani li manda a quel paese.

    RispondiElimina
  25. stefano vienna6 giugno 2013 11:59

    Anzi, secondo me Ramadani sta usando la Juve per alzare l'ingaggio quando arriveranno le offerte serie dall'inghilterra.

    RispondiElimina
  26. Infatti, se ritengono congruo al valore di Jovetic il quadriennale da 4.5mln+bonus a stagione che gli offrono, allora devono ritenere coerente anche la nostra richiesta di 30 milioni, considerato che si sta parlando di un 23enne e non di un 32enne. Giusto non cedere neanche di un millimetro contro questi sudici.

    RispondiElimina
  27. Pienamente d'accordo. Sono curioso di vedere come finirà la cessione di Jovetic, DDV sapeva dall'anno scorso che razza di controparte l'aspettava e anche se non valesse 30 son contento che non mollino di un euro. Credo che alla fine andrà al Chelsea, Mou lo stima come giocatore e da quelle parti cifre come queste per un 23enne di questo livello sono la normalità.

    RispondiElimina
  28. Ci sono in giro molte punte importanti, da quelli appetiti dalla Juve come Tevez o Higuain, a Cavani, a Ronaldo, persino Pastore, per non parlare di Gomez, Soldado ecc. I club che hanno mezzi debbono decidere su chi orientarsi. Jovetic non è il pezzo in assoluto più ambito. A mano a mano che le caselle si riempiranno tutto sarà più chiaro. Ma mi pare di aver già capito ad esempio che il City, con cui forse erano corse promesse, non sia più interessato. Restano Arsenal, Chelsea, forse United, mentre in Spagna Jovetic non sembra avere mercato. Insomma non è così semplice.

    RispondiElimina
  29. ahah Lud perchè dici "molte punte importanti" anzichè buone, forti, di alto livello, ecc.?

    RispondiElimina
  30. stefano vienna6 giugno 2013 13:46

    L'offerta per Jovetic arriverà, il dubbio è se conviene aspettare per comprare il centravanti. In teoria se si prende uno veramente forte ed esperto non serve averlo con molto anticipo. Diverso il discorso se arrivasse un giovane magari dall'estero che deve prima ambientarsi dentro e fuori dal campo.

    RispondiElimina
  31. Lud, il City era interessato fio a che allenatore era Mancini, adesso evidentemente a Manuel Pellegrini non interessa Jovetic.
    Strana la vita, potrebbe essere che paghiamo noi le conseguenze della vittoria del Wigan in FA Cup.

    RispondiElimina
  32. E che ne so, Vita, quando scrivo sul blog il controllo della scrittura è relativo, ma le mie parole sembrano pesate come se avessi scritto un contratto o un saggio.

    RispondiElimina
  33. Comunque per aspettare che le caselle si riempiano, occorre aspettare e vedere chi sarà il prossimo allenatore del Real, chi del PSG se Ancelotti va via, se Ranieri rimane a Monaco.

    RispondiElimina
  34. L'ottimismo di Bucchioni fa ben sperare, in fondo l'anno scorso ci ha azzeccato

    http://www.violanews.com/altre-news/bucchioni-gomez-e-gia-daccordo-con-la-fiorentina-20130606/

    RispondiElimina
  35. stefano vienna6 giugno 2013 14:49

    L'ottimismo di Bucchioni è giustificato a prescindere se, come credo, arriverà l'offerta giusta per Jovetic che rimane un top player nonostante il piccolo calo (temporaneo) e nonostante i sicari mediatici scatenati da sguardo divergente. Poche squadre in Italia avrebbero così tanti soldi da investire. E non dimentichiamo Cerci che rimane comunque una miniera d'oro di questi tempi. Poi, visto da fuori, ho dei dubbi che Gomez spinga per venire a Firenze, ma, come scrive Ludwig, con 15 milioni, di centravanti che fanno al caso nostro ce ne sono tanti. E se riuscissero ad inserire Vargas come contropartita per arrivare a Yilmaz sarebbe un colpo da maestro. Chi può essere quello più forte di Pizarro rimane un mistero per chi come me non vede più di 38 partite l'anno, ovvero quelle della Fiorentina. Ma il mondo è grande e abbiamo due grandi dirigenti (senza MAI dimenticare le basi gettate dal Corvo che daranno frutti anche in futuro: Seferovic e Matos gli ultimi due).

    RispondiElimina
  36. Jovetic è un gran nome per il campionato italiano. A livello internazionale, squadre come Real, PSG, le tre grandi inglesi, sono orientate principalmente su nomi più attraenti. Stevan potrebbe essere una soluzione di complemento nel mercato di questi colossi. In Inghilterra potrebbe essere un colpo per Arsenal, Liverpool, forse Tottenham. In Spagna per club dall'Atletico in giù. È una questione di visibilità, che Jovetic non ha avuto perchè non gioca stabilmente in Champions e perché il Montenegro non è certo il Brasile. Sarà una vendita difficile, ma sarà un affare alle condizioni della Fiorentina. Se c'è una cosa che questa proprietà ha dimostrato, è il fatto che i ricatti e le pressioni non li impressionano. Anche a costo di perdere denaro.

    RispondiElimina
  37. "So che la Fiorentina ha già individuato il giocatore da prendere al posto di Pizarro. Il club viola si è già mossa e ha in mano un giocatore ancora più forte del Pek a quanto mi hanno detto, ma non so chi sia", dice il buon Buck [non il cane del Chiari!]. Impossibile, a meno che non abbiamo strappato Xavi al Barca, comunque in grosso calo. Pizarro è attualmente, e di gran lunga, il regista più forte in circolazione. Se invece si tratta di un centrocampista di altre caratteristiche, tutto è possibile...Personalmente, riterrei Extebarria un ottimo acquisto in regia, ed anche Banega mi pare abbia ripreso ottimamente dall'infortunio, negli ultimi tempi.

    RispondiElimina
  38. stefano vienna6 giugno 2013 14:59

    Verratti in prospettiva può arrivare ai livelli di Pizarro, ma strapparlo agli arabi è un sogno ad occhi aperti. Magari, Bucchioni intende un centrocampista con altre caratteristiche, magari meno bravo come regista basso, ma più forte di Pizarro per dinamismo e doti balistiche (un limite, l'unico di Pizarro che lo pone sotto Pirlo). Comunque per giocare con l'autorità di Pizarro servono anche anni d'esperienza, un giovane difficilmente potrebbe avere la stessa sicurezza, costanza e intensità.

    RispondiElimina
  39. stefano vienna6 giugno 2013 15:05

    Foco, Jovetic ha poca visibilità e viene da una stagione sufficiente, ma non esaltante per chi, come noi, si aspettava l'esplosione definitiva. Ma ha sempre 23 anni e io ci scommetterei sopra ad occhi chiusi. Mi dirai che girano pochi soldi in generale, anche fuori dall'Italia.

    RispondiElimina
  40. Pirlo ha altre cose in meno rispetto al Pek, nel complesso sta/stava un po' sotto, secondo me...Sì, un regista per guidare una squadra come la Maquina attuale deve avere una certa esperienza e autorevolezza. Io ero per prendere un giovane [Canteros, Gomaa, Clasie...] da far crescere un anno o due dietro a Pizarro, con un buon numero di presenze, ma se si tratta di sostituire il cileno, andrei su gente più matura come Extebarria o Banega, comunque ancora abbastanza giovani.

    RispondiElimina
  41. Bucchioni è informato e in passato ne abbiamo avuto la prova. Quindi va preso sul serio. Non dico ci azzecchi sempre, ma certo ha canali aperti con la società e scoop spesso in canna.

    RispondiElimina
  42. colonel.blimp6 giugno 2013 15:12

    Pirlo è migliore nel tiro e nel lancio lungo, meglio individuando peraltro le verticali. In tutto il resto, veramente tutto, preferisco il Pek, ma le due cose che ho citato non sono poco.

    RispondiElimina
  43. Sul sitone parlano di Thiago Alcantara in prestito, a me sinceramente pare una bufala.

    RispondiElimina
  44. stefano vienna6 giugno 2013 15:19

    Sono due grandi registi, la differenza più grande è che Pirlo parte come (quasi)attaccante-trequartista e si è adattato al ruolo di regista basso senza averne alcune caratteristiche base. Pizarro forse è più completo nel ruolo, ma è meno polivalente. Pirlo a volte si ricorda di quando era trequartista e si estranea dalla partita (tipico dei trequartisti) ed è anche più facile da neutralizzare. Poi però ti può risolvere la partita da solo.

    RispondiElimina
  45. No Stefano, ti dico che Jovetic al Chelsea/Real/Man Utd/ecc. non sarebbe un acquisto che, per queste squadre, potrebbe rivaleggiare con Neymar al Barca o Falcao al Monaco, aldilà delle qualità del ragazzo. Cosa che rende difficile venderlo a cifre da top player.

    RispondiElimina
  46. stefano vienna6 giugno 2013 15:32

    Non dico di venderlo per 60 milioni, ma lo Jovetic del prima infortunio ci stava portando da solo ai quarti di Champions League, e aveva nemmeno 20 anni. E' calato da allora come preventivabile, ma molto dipende dalle circostanze. Prenderlo per 30 milioni adesso? Non sono soldi buttati e il valore potrebbe salire fra due o tre anni. Un flop di Jovetic non lo considero un evento molto probabile, non lo vedo colpito dalla sindrome Pato. Poi se io fossi in lui andrei all'estero dove gli attaccanti hanno più libertà.

    RispondiElimina
  47. Il discorso eventualmente potrebbe essere che mancano grandi fuoriclasse del livello dei sotto citati. Allora i top club potrebbero acquistare più giocatori del calibro di Stevan. Ci sono Rooney, Cavani e Cristiano Ronaldo che con i loro movimenti potrebbero sparigliare il mercato. Vedremo.

    RispondiElimina
  48. Facciamo allora che rimane. Si impegna per giustificare il suo valore anche in Europa, segna caterve di goal e si mette in mostra.

    RispondiElimina
  49. Per quanto riguarda Pizarro vi sono due letture possibili: o il nostro gioco lo ha esaltato o è suo il merito della nostra stagione. Io credo di più alla prima ipotesi, anche se Pizarro è forte ed era uomo chiave di Spalletti alla Roma. In sostanza lo ritengo sostituibile senza grossi danni.

    RispondiElimina
  50. A me Jovetic ancora in viola sembra un lusso che non ci possiamo permettere. Ljajic è esploso e deve giustamente giocare tanto, su Rossi abbiamo puntato molto e anche lui le sue 25 partite le deve fare, il centravanti è indispensabile. L'unica sarebbe giocare con Cuadrado che parte da lontano sulla destra, magari in un 3-4-1-2 che muta spesso in 3-4-2-1, con Jovetic, Rossi e Ljajic che si alternano per due posti, dietro o a fianco del centravanti.

    RispondiElimina
  51. colonel.blimp6 giugno 2013 15:51

    Io, se fossi una delle 10 big d'Europa, a 30 milioni non lo comprerei mai, oltre tutto perché la mia lista della spesa sarebbe così lunga prima che quando fossi arrivato a lui avrei finito il denaro. Jovetic può essere molto appetibile per le squadre europee di solida seconda fascia, come la Juve, ma la Juve non ha nemmeno 20 milioni e allora di che si parla? Perché almeno un 23 milioni Jojo li vale, per l'età, per la speranza che rirtorni quel che fu.

    RispondiElimina
  52. Il piano era venderlo, Deyna, ma se rimane potrebbe anche fare una grande stagione. Ma certo gli osservatori lo avranno visto e può darsi che qualche relazione negativa sul suo conto ci sia.

    RispondiElimina
  53. Il PSG due anni fa ha pagato Pastore 43 milioni. Non vedo perché Jovetic non possa essere venduto a 30 milioni, è un prezzo relativamente basso per quanto vale il giocatore, chi lo prende approfitterebbe della stagione non eccelsa che ha disputato quest'anno.

    RispondiElimina
  54. Sembrerebbe che certi club molto ricchi e potenti preferiscano spendere dieci milioni in più,o magari anche venti, su di un giocatore che non lascia dubbi come Cavani, piuttosto che spendere 30 milioni per Jovetic che non ha sicuramente gli stessi numeri. Siccome si parla dei cinque o sei club più importanti del mondo, dotati di mezzi inimmaginabili, la cosa ha un senso.

    RispondiElimina
  55. colonel.blimp6 giugno 2013 16:26

    Anto, anche la Juve comprò Melo a 25: i paragoni non si fanno con le bidonate rifilate, oppure bisogna mettersi pazientemente e vanamente all'angolo di strada per attendere il gonzo, come fece il Magic con Vargas, quotato 25 mentre cominciava già a declinare (come Jojo). Ma il gonzo non passa mai due volte, a differenza del postino di James Cain.

    RispondiElimina
  56. Quando le squadre passano in mano a proprietà nuove e ricchissime, i padroni ci tengono a spendere per avere subito appeal e per rimpolpare organici carenti. Lo ha fatto Abramovich, lo hanno fatto gli sceicchi, lo sta facendo il russo del Monaco. Poi il loro mercato, per quanto ricco, diventa più mirato. Si cercano i giocatori funzionali più che i manzi da esposizione. A meno che qualcuno non inneschi una gara a chi ce l'ha più grosso, cosa che porta diversi spostamenti di fantastiliardi. Jovetic, per quello che ha dimostrato, potrebbe valere 30 milioni, per adesso non è la sua valutazione reale. I trenta milioni chiesti, sono il prezzo del suo contratto ancora lungo e delle sue potenzialità da grande giocatore. In sostanza il discorso fatto è quello che si fa in Spagna: se vuoi un mio giocatore importante sotto contratto, paghi una cifra che tiene conto anche della mia volontà di non privarmene e del fatto che è vincolato. Discorso che ritengo legittimo.

    RispondiElimina
  57. Pastore però è tutto fuorché un bidone.

    RispondiElimina
  58. Non so a cosa siano dovute certe opache prestazioni di Jovetic di quest'anno. Ma certo l'osservatore in tribuna del City potrebbe avere annotato nel suo ipad che il giocatore ha dei vuoti e può scomparire dalla gara. Anche sul piano delle segnature Jo poteva fare di più. Non facciamoci sentire sennò non lo comprano più.

    RispondiElimina
  59. Non mi far arrapare con codesti discorsi sul nipote. Lo sai che ogni tanto ci penso? ma farebbero un nuovo errore, se così fosse lo dovrebbero sbandierare ai quattro venti come decisione di base, dalle voci continue che si fanno uscire invece, di questo e di quello, se dovesse succedere sarebbe presa come l'ultimo dei ripieghi. Un'altra partenza col piede sbagliato. Con Muslera la Lazio si è comportata esattamente come noi con Neto, e Neto è più forte di Muslera.

    RispondiElimina
  60. Quanto costa Benteke? Più di Gomez e Negredo? Leggo che il suo prezzo sarebbe oltre i limiti fissati dalla società.

    RispondiElimina
  61. colonel.blimp6 giugno 2013 17:59

    E ora basta con l'uggiosa, pedestre prosa! Abbeveriamoci alle fonti di Parnaso...

    Quando vidi Criscitiello
    al Guercion leccar l'uccello
    io mi dissi: «E' proprio quello,
    lo schiavetto dell'Agnello,
    della Juve il menestrello
    con la faccia da bidello
    e la mamma che è un budello,
    tre centimetri il pisello,
    con il bucio di un cammello,
    concepito in un bordello,
    mezzo grammo di cervello?
    Dalle risa mi smascello
    se in poltrona lo zimbello
    (dei gobbacci il portaombrello)
    verso il tardi vedo nello
    sciocco suo volgar tinello
    con due racchie farsi bello
    sorridendo scioccherello.
    Al buon cielo io mi appello:
    quanto è ver son colonnello,
    fa quattrini ma è un fardello
    slinguazzar l'altrui fringuello
    e alle troie esser modello!»

    RispondiElimina
  62. Io stravedo per le qualità tecniche di Jovetic, non fraintendetemi. Però non sono solo quelle che fanno un fuoriclasse o, perlomeno, un giocatore da trenta cucuzze. Il ragazzo è tatticamente acerbo e in campo si muove come si muoveva tre anni fa, cioè solo secondo il suo estro. Questo lo porta o alla grande giocata o ad essere estraneo al gioco d'insieme. Questo limite lo ha , secondo me, più svantaggiato che esaltato. Se avesse assimilato i movimenti della punta quest'anno avrebbe fatto molto di più e forse avrebbe giustificato la sua valutazione anche sotto il piano tecnico. Ljajic, forse perché non schiacciato dalle responsabilità di Stevan, dal punto di vista tattico ha fatto miglioramenti enormi. Ha imparato a tagliare in area, a ricorrere il suo diretto avversario e soprattutto a correre senza palla, qualità basilare per suggerire il passaggio e lo sviluppo di un'azione. Higuain, ad esempio, vale i 25 milioni della sua valutazione, perché chi lo compra ha ben chiaro che il suo ruolo sia il centravanti e che è uno che ti assicura 20 gol l'anno. Jovetic, invece, è ancora un progetto di campione.

    RispondiElimina
  63. colonel.blimp6 giugno 2013 18:12

    Ancora una volta debbo sottoscrivere l'analisi di Foco, almeno fino a Higuain, che sarebbe il numero dodici o tredici, all'incirca, della mia lista della spesa fra i centravanti, se io fossi una delle 10 big (anzi delle 9, perché il Real, appunto, se ne disfa).

    RispondiElimina
  64. colonel.blimp6 giugno 2013 18:14

    Dimenticavo di dire: grande post mattutino del Sopra, stimolato al solito dalla performance pollcokiana. Il ragazzo sente positivamente la competizione e risponde da par suo ma Pollock, vecchio marpione alle corde, studia il colpo d'incontro alla penultima ripresa.

    RispondiElimina
  65. Condivido solo in parte l'analisi di Foco per due ragioni: Ljajic ha sempre dimostrato un'ottima capacità di muoversi in campo, sin da quando è arrivato, tanto che ha dimostrato una notevole adattabilità a diversi ruoli. Il suo limite era caratteriale e di maturità. Jovetic non mi sembra afflitto da inquietudini tattiche. I suoi problemi sono fisici e psicologici. Sul piano fisico da' l'impressione di non aver recuperato completamente dall'infortunio. Sul piano psicologico sembra mancargli quella fame che metteva in mostra nelle partite giocate al tempo di Prandelli. Non è hungry come direbbe Jobs. E qui l'ipotesi malevola vuole che tornerà a mostrare rabbia e voglia di competere il giorno in cui lo cederanno. Un fatto è certo, senza quella rabbia agonistica ad alti livelli non si compete.

    RispondiElimina
  66. colonel.blimp6 giugno 2013 18:20

    No, Lud, Nutella a lungo, negli anni scorsi, si è mosso a vuoto, incaponendosi in soluzioni morte, non trovando collocazione armonica. Che poi questo dipendesse anche da immaturità personale lo accetto, ma la sua incompiutezza era da campo.

    RispondiElimina
  67. Ljajic ha imparato ad aggredire gli spazi quest'anno, proponendosi in quei famosi "tagli" che sono basilari per un attaccante. Prima partiva da sinistra per andare ad infognarsi al limite dell'area o puntava prevedibilmente a testa bassa. Adesso è un attaccante esterno che, oltre a cercare il limite per il tiro, sa farsi trovare in the box. Poche cose ma estremamente determinanti. Su Jovetic invece non credo che mancasse di nerbo, ma per certi versi l'opposto. Secondo me sentiva troppo la responsabilità di mettersi la squadra sulle spalle come nell'anno passato. Quando poi ha visto che attorno la squadra gli girava come un orologio, ha saputo inserirsi a tratti.

    RispondiElimina
  68. colonel.blimp6 giugno 2013 18:32

    Foco toglie voglia di scrivere.

    RispondiElimina
  69. Il problema di Jovetic è che si è messo in capo che il centravanti lui non lo vuole fare e quindi non ci si prova neanche.
    Durante il girone di andata, quando si giocava più spesso con Toni e Jovetic giostrava da seconda punta, ha giocato molto bene, mentre ha deluso nel girone di ritorno, quando nel suo ruolo si è esaltato Ljajic e lui ha dovuto agire da prima punta.
    Quello che mi fa embestialire è che lui, se volesse, potrebbe benissimo fare il centravanti di movimento, ne ha il fisico, la capacità realizzativa e quando vuole anche la capacità di inserimento, invece non so perché, se perché non vuole stare a prendersi botte o per altri motivi, dà l'idea di non volercisi impegnare.

    RispondiElimina
  70. Foco hai descritto il Ljajic nel 4-3-3, quello su cui ho provato tante volte ad attirare l'attenzione anch'io, senza successo, visto che Jordan ancora adesso non lo vede attaccante. Il problema è che fino all'anno passato il nostro modulo di gioco non era lo stesso. Ma a mio parere Ljajic non ha mai vagato a caso per il campo, perchè è dotato naturalmente di disciplina tattica. A parte alcune partite ben giocate a inizio stagione, Jovetic invece si è spesso assentato. Si discute sul fatto che il 4-3-3 possa non essergli tagliato addosso, visto che in questo modulo è chiamato ad un lavoro sporco di cui sembrano avvantaggiarsi gli esterni di attacco.

    RispondiElimina
  71. colonel.blimp6 giugno 2013 18:42

    Intanto, su un sito ispanico di sport, l'utente Yanti Donés Fernández definisce la prospettiva di un attacco Pepito+Gomez pajas de sangre. Vedo da facebook che la Fiorentina è, dopo l'inevitabile Barça, la sua squadra del cuore. Purtroppo ammira Del Piero e la su' donna è a livello della bordigotta. E' un catalano che tifa nazionale spagnola, comunque. Interessi culturali molto limitati. Ma per quel che hai scritto e per la tua simpatia viola ti consideriamo, caro Yanti, oggettivamente compagno, come del resto il Sopra (ahahahahahahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  72. Dài, dài, facciamo un bel 3-4-1-2:
    PORTIERONE; RONCAGLIA, RODRIGUEZ, SAVIC; CUADRADO, AQUILANI, VALERO, ALONSO; LJAJIC; GOMEZ, ROSSI


    E chi ci ferma?

    RispondiElimina
  73. colonel.blimp6 giugno 2013 18:57

    In porta Alves. No Savic, ma Compper. Molto sbilanciata ma se pò fà, con sborrata in faccia agli avversari, mista del sangre di cui parla Yanti. Solo, Anto, non farla vedere al Patriarca o comincia a strillare peggio che se gli avessi toccato i' Mala.

    RispondiElimina
  74. Ti perdi sempre dietro le parole e allora bisogna sempre girare col vocabolario con te. Ho detto che non vedo Ljajic giocare di punta perchè per me è un trequartista, uno che ama partire a dietro, appunto con quei tagli che prima non sapeva fare che ora ha, sembra, imparato, come dice Foco. La punta invece è uno che in area ci sta e gli spazi li apre anche per quei tagli appunto. In the box lui ci deve arrivare di corsa e a tempo a dettare il passaggio, non starci perchè non è animale da area di rigore. Ti è chiaro il concetto adesso? Lo stesso vale per Jovetic, che avrebbe anche il fisico per fare la punta, ma non lo vuol fare, gli viene più difficile e anche a lui verrebbe meglio il partire da dietro, ma a tutti e due gli ci vorrebbe chi in area ci sta, e non è Pepito Rossi, altro che giuoca uguale anche se ha una maggior dimestichezza alla rapidità ed all'intuizione della conclusione in area. A tutti e tre, che non potrebbero giocare più di due alla volta, ci vuole quello in area che fa posto e che è stato Toni finchè ha retto e che tanto avete vituperato. Però con lui Jovetic era un altro. Se è un Toni con i piedi buoni e tanta reattività in più siamo a scopa, ma a troallo!

    RispondiElimina
  75. Già trovato, Jordan, si chiama Mario Gomez, dal nome sembra spagnolo ma è un crucco, ehehehehe

    RispondiElimina
  76. Magari ma tra il dire e il fare c'è di mezzo ancora il mare

    RispondiElimina
  77. Non è mica tanto diversa, a parte quaklche interprete, da quella che avevo fatto per le partite di attacco, solo che pensavo anche quella per le partite più sagge che diventava un 3-5-2 con uscita di uno dei due trequartisti a vantaggio del mediano-regista.

    RispondiElimina
  78. Spanish bombs, direbbe Deyna

    RispondiElimina
  79. Spanish bombs, yot' quierro y finito
    Yo te querda oh ma corazón ehehhe

    RispondiElimina
  80. colonel.blimp6 giugno 2013 20:30

    Cri-cri ha appena ribadito alla tele: Jojo non partirà in ritiro con a Fiorentina, va alla Juve agli inizi di luglio per una stima di 20 milioni e nemmeno cash ma con dentro Marrone e metà Gabbiadini; tutta una banale e resistibile tattica dell'intransigenza, quella viola, che si scontrerà con la potenza del Rama, il quale ha in mano il contratto del Nutella in scadenza. Non ho mai capito se Cri-cri è (allitterativamente) più cretino o più corrotto: è una bella partita. Comunque, le sue pseudobattute del minchia da asilo d'infanzia, la sua permalosità da paranoico forsennato ed ex-enuretico grave, la sua invidia da sfigato di sub-provincia di merda, la sua sintassi da bocciato anche con Alberto Manzi, la sua logica da wallaby con sindrome di Turner, traumatizzato al cranio da pauroso scontro stradale con una suv Cayenne di milionario australiano e affetto da tumore terminale al cervello, la sua pura e semplice faccia a culo ne fanno il soggetto neccoide-bubboide più spassoso della televisione sportiva italiana dalle origini ai oggi.

    RispondiElimina
  81. Scusa ma non guardo da eoni la tv, o chi è Cri-Cri?

    RispondiElimina
  82. colonel.blimp6 giugno 2013 20:36

    In ragione di cosa noi siamo quotati, oggidì, a 40 per lo scudetto 2013-2014 mentre la Lazio è a 33 e la Roma a 20, lo sa Iddio.

    RispondiElimina
  83. colonel.blimp6 giugno 2013 20:40

    Il Brova parla di Savic da inserire nell'affare Gomez, perché la Fiorentina non vuol farsi strozzare, nella ricerca del centravantone, dalla pendenza della questione Jojo.

    RispondiElimina
  84. Chi è Cri Cri? Scusate l'ignoranza

    RispondiElimina
  85. colonel.blimp6 giugno 2013 20:50

    Intanto De Laurentiis fa lo smargiasso: compro questo, compro quello... Ma se non vende Cavani lui compra una sega. E per 63 milioni li trova col kaiser gli acquirenti.

    RispondiElimina
  86. colonel.blimp6 giugno 2013 20:56

    E credono pure d innervosirci e/o di umiliarci parlando di interesse per Ambrosini. Ce fate ride, scagnozzi, ce fate ride... Una squadra che dice oggi, per bocca, anzi per ano del suo AD, di non ritenersi inferiore a nessuna e che ieri dichiarava di cambiar modulo per via di Saponara... ahahahahahahahahah! Di un ragazzo che viene dalla B... ahahahahahahahahahahahah! Lavorateveli bene, gli arbitri, care biche, perché l'anno prossimo vi servirà il doppio di rigori per entrare in Champions... ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  87. Io in realtà sono molto scetti sulla possibilità di avere contemporanemente in campo il Centravantone, Ljajic, Rossi e Cuadrado, ma visto che siamo nel periodo in cui ci si esalta sognando l'acquisto del campione, nella formazione che ho proposto sotto sostituisco Alonso con Joaquin.
    A quel punto non ci ferma veramente nessuno, vinciamo tutte le partite 7-5 o 6-3 tipo tennis e hai voglia il Gat a dire che la difesa è debole e che quello è un cappone, se ne va affanculo e noi vinciamo lo scudetto.

    RispondiElimina
  88. Gli manca solo di aggiungere che Montella ha telefonato a Ranieri per chiedere consigli su come rifare la squadra

    RispondiElimina
  89. colonel.blimp6 giugno 2013 21:18

    Il peggio è che dei due fasci che avevamo sul sito uno è andato via e l'altro è una persona trascendentale a metà fra Diderot e Adorno, un fascio tutto di testa, un fascio platonico, un fascio per vezzo: manco una compagniuzza di arditi in missione su camionetta, bercianti «Bombe a man e colpi di pugnal», possiamo mandare, da quelle merde! Che servano a qualcosa, i fasci! Sennò è galera!

    RispondiElimina
  90. colonel.blimp6 giugno 2013 21:39

    «Se qui temo episodi di razzismo? Speriamo di no. L’eventuale abbraccio
    collettivo dei compagni? Sarebbe originale come forma di solidarietà, ma
    io so che quando mi arrabbio… il primo che mi viene vicino rischierebbe…».

    Also sprach ein Schwachkopf. Ma un modello per le nuove generazioni, Zallers Meinung nach.

    RispondiElimina
  91. colonel.blimp6 giugno 2013 21:43

    Nessun arbitro italiano per la Confederations Cup: dopo la figura di merda di Rizzoli in finale Champions siamo stati messi alla porta anche in quell'ambito.

    RispondiElimina
  92. Hai leto cosa ne ha detto il grande Bolt?

    RispondiElimina
  93. colonel.blimp6 giugno 2013 21:53

    Razzista anche lui, evidentemente...

    RispondiElimina
  94. http://www.firenzeviola.it/?action=read&idnotizia=136089



    Benissimo!

    RispondiElimina