.

.

lunedì 10 giugno 2013

La maglia e la voglia

L’intervista a Jovetic oltre che a cercare di forzare la mano ci dice soprattutto che il mondo è proprio cambiato, e a questo proposito la Bice che è sempre sul pezzo ci fa subito uno schizzo, una sintesi gra-fica, e nello specifico lo fa denunciando trenta anni di attività di disboscamento che riguarda bene o male tutte le principali foreste del pianeta, anche parti del pianeta più intime dove fortunatamente lo schizzo trova sempre rifugio, la Bice con questo vuole però anche sottolineare che nel calcio la parte boschiva che più è cambiata è quella sulla testa, zona sempre più capace di schizzare e meno di pensare, di produrre cioè comportamenti a spasso col tempo. Anche il mondo del calcio è cambiato quindi, e non poteva essere che così, non solo per le creste, per i naturalizzati in Nazionale, per i bresciani di colore che fanno sempre più colore, e per l’estinzione del libero e dei terzini, è cambiato soprattutto dopo la sentenza Bosman che ha messo nell’angolo le società e dato grandissimo potere ai procuratori. L’intervista di JoJo contiene tutta questa arroganza, diciamo pure un triplo concentrato, di chi nel calcio di oggi può assicurarsi contratti importanti che intanto sono l’assicurazione nel caso d’infortuni o di rendimento scarso, ma che però non valgono più niente se c’è qualcun’altro che ti offre di più. Quello che non è cambiato evidentemente è un certo modo di agire scorretto come quello della Juve che si accorda con un giocatore sotto contratto appunto, e come quello della Lega che non interviene sanzionando chi non rispetta le regole. Certo, il ritornello è sempre lo stesso, e su quello si punta per far saltare i contratti in essere, non conviene tenere i giocatori scontenti, non conviene fare entrare i mal di pancia dentro allo spogliatoio, e tutti i metodi sono buoni quindi, i ricatti soprattutto da parte di chi ha anche altre procure e magari non ti agevola un rinnovo di contratto in scadenza, o società che ti ostacolano nel mercato con operazioni di disturbo. Insomma un quadro che a differenza dello schizzo della Bice sembra meno gradevole, e che i Della Valle per fortuna non sembrano però  voler appendere alla parete del loro modo di fare calcio e impresa. No ai ricatti, no alle forzature e no alle scorrettezze, sembra che la parola d’ordine sia intransigenza su questi punti, e a noi basta, perché è già una bella garanzia a protezione di certi valori, uno scudo all’arroganza di chi è abituato alle maniere forti e sporche. Non importa se Jovetic se ne andrà, anzi, probabilmente grazie alla sua cessione la Fiorentina sarà ancora più forte, perché a differenza di Montolivo lui almeno ha rinnovato, ma se ne vada però nel rispetto delle regole e delle promesse, del resto i giocatori passano e la maglia rimane, passano come passerà anche questa moda della passera, mentre la voglia per la passera come la maglia rimane.

155 commenti:

  1. Montolivo fu tenuto ma non in tribuna, là fu lo sbaglio.

    RispondiElimina
  2. La rassegna mattutina dei giornali, «Gazzetta» compresa (evidentemente richiamata all'ordine da Diegone dopo lo sgarbo inaudito), fornisce una sola interpretazione: Ramadani non ha capito un cazzo né dei DV né di Firenze, autogol clamoroso.

    RispondiElimina
  3. Montolivo si rifiutò di rinnovare per andare a scadenza. JoJo invece ha un contratto ancora lungo, semmai il problema ptrebbe essere Ljajic, ma Ramadani non è Pallavicino e infatti Jovetic ha rinnovato.

    RispondiElimina
  4. E' altresì evidente che, in attesa di notizie dall'estero che sembra nemmeno vengano messe in conto, uno sporgersi tale da parte di Ram (il gozzuto è un semplice esecutore, è lo stupido ilota) dimostra soltanto un utile personale, in caso di trasferimento, che va oltre il dichiarato e dichiarabile, che le big straniere non verserebbero mai a Ram, che è un classico degli intrallazzi gobbiani da sempre.

    RispondiElimina
  5. Un'altra apendice: siccome la Squallida i giocatori rotti non li compra, essa ha rassicurazioni ottime forse anche dirette (esami medici clandestini, come già fatto in passato) sull'integrità fisica del Gozzuto, che dunque, se non l'aveva capito qualcuno, ha passato l'anno a far flanella.

    RispondiElimina
  6. LZ la tua ansia di rivogare Jo-Jo alla Juve anche alle condizioni capestro indicate dal guercio non ti fa capire che, a questo punto, il fatto che jovetic rimanga alla Fiorentina non è una scelta societaria, ma una possibilità che gli eventi impediscono di escludere apriori. Una eventualità che, con un contratto di tre anni davanti, dovrebbe essere un incubo per il giocatore a questo punto, un incubo che lo dovrebbe portare a non snobbare le proposte che venissero da altre parti come sembra aver fatto finora, anche a costo di litigare col procuratore, probabilmente interessato a prebende a latere come insinua il Colonnello. Su Ljajic ci sarà da far battaglia comunque e la situazione può essere solo complicata dalle difficoltà della faccenda Jovetic, ma è difficile già di suo, per gli altri due vedo meno problemi, Seferovic non ha ancora un mercato tale da suggerire bracci di forza al procuratore e Savic non è in scadenza e, comunque, è un buon difensore ma non un indispensabile.

    RispondiElimina
  7. Ciò che accomuna i casi di Jovetic e Montolivo non è la durata del contratto, ma i dubbi circa il rendimento che si declinano in due modi. Da un lato sul piano oggettivo il rendimento di un giocatore tenuto controvoglia cade. Dall'altro sul piano soggettivo si tende ad interpretare ogni diminuzione del rendimento come voluta e consapevole. Già quest'anno ci si è spesso chiesti se Jovetic aveva qualche malanno reale o stava fingendo o ritirava la gamba per paura di mandare a monte un lucroso contratto futuro. L'unico ad essersi comportato in modo ineccepibile anche se doveva andar via è stato Luca Toni. E non è un caso se in seguito gli è stato possibile tornare a Firenze.

    RispondiElimina
  8. Mai detto che lo voglio dare alla Juve, anzi ho insistito e sperato che lo prendesse qualche club inglese. Ora si apprende anche di interessi spagnoli. Rispetto ai quali il giocatore non chiude. Il discorso sui cambi va approfondito: se i cambi sono validi e congrui mi spiegate perché no?

    RispondiElimina
  9. E tu seguiti a non leggere e ad andare per la tua strada. Nessuno ti dice che sarebbe un bene che rimanesse a questo punto, ma è un'eventualità che deve esser lasciata viva, per fargli venire strizza al culo e che, comunque, se dovesse verificarsi, con tutti i problemi, ovvi, che enumeri,sarebbe sempre meno peggio che cedere ai ricatti, ai raggiri, alle procedure mafiose del guercio e del persiano che aprirebbero un'autostrada a chiunque altro ne avesse poi la voglia.

    RispondiElimina
  10. Perchè no te l'ho già detto cento volte, vuoi che te lo scriva in musica? perchè non si tratta con chi si comporta da bandito, ed il guercio si è comportato da bandito. Se il PSG mi propone uno cambio con Verratti più conguaglio (faccio un esempio) o il Bayern uno scambio con Mario Gomez più conguaglio ne posso parlare sì, ma non con chi si è prima messo d'accordo col procuratore e col giocatore e poi mi vuol prendere per il culo.

    RispondiElimina
  11. Il giocatore non chiude sul piano teorico, ma tutta la sua intervista dice: Juve! Perché lo dice Ram, che vuole l'innaffiata. I cambi finora proposti non sono validi, vogliamo quattrini dalla Juve, a meno che non proponga Progba, come ha ribadito McGuire, ma stai tranquillo che quello non te lo propone. I tre del Ram (Savic può anche andare, per l'affare Gomez) partono in tribuna e vedrai se non si schiariscono loro le idee. Mercato lungo, fretta maledetta solo ai gobbi, noi stiamo scialli e chi ha acceso il cerino se lo ritrova in mano

    RispondiElimina
  12. «Pogba», qua sotto.

    RispondiElimina
  13. Una tribuna del valore di 60 milioni di euro. Buonanotte Blimp.

    RispondiElimina
  14. Lud, giocatori validi da scambiare la Juve non ne ha, a meno che non volgia mettere sul piatto Vidal o Pogba (ma non credo proprio). Non sono validi né Matri, né Quagliarella, né Giovinco, né, tantomeno, Marrone e Gabbiadini. Quindi non c'è assolutamente niente da approfondire. Dalla Juve dunque 30 in contanti, maledetti e subito, sennò nisba: non ci sediamo neppure al tavolo.
    La sortita di Jovetic è stata demenziale perché si prima c'erano scarse probabilità che finisse alla Juve, adesso queste possibilità si sono azzerate.
    Il fatto è che il Guercio e gli altri mafiosi zebrati debbano piantarla di andare avanti con questi metodi, che da una parte sono arrroganti e dall'altra mostrano quanto poveracci siano. Finché il sistema li protegge, qui in Italia possono anche primeggiare, ma appena mettono fuori il capo in Europa sono mazzate e sono ridotti a fare il club di seconda fila.

    RispondiElimina
  15. Caro Lud, augurerai la buonanotte anche a Diegone, quindi, che sa quel che fa e non è una testa di cazzo presuntuosa e incompetente come tu sei. Peraltro, i tre non fanno attualmente 60, ma sicuramente li farebbero se non si trovassero in tribuna per un anno, cosa che non vogliono né vuole il loro procuratore. La minaccia è più forte della sua esecuzione, diceva Tartakover.

    RispondiElimina
  16. Solito post da incorniciare di McGuire.

    RispondiElimina
  17. stefano vienna10 giugno 2013 09:50

    Chi ne esce peggio da questa vicenda è la giornalista che si è prestata al giochetto squallido inscenato dall'Agnellino e da sguardo divergente, ma non era fiorentina doc? Ramadani a questo punto faccia rinnovare Ljajic e Seferovic e poi magari si dà il via libera a Jovetic. In che razza di casino si è messo Jovetic, ma penso che non se ne rende conto nemmeno lui.

    RispondiElimina
  18. Caro Stefano, provenienza cloacale, come scrivevo ieri... A confermare, ancora una volta, che a Firenze la stampa lavora per il Re di Prussia. Per il resto noi non faremo quel che dici perché è quello che vuole la Juve di concerto con l'innaffiato.

    RispondiElimina
  19. Stefano, ma fammi il nome di un giornalista sportivo italiano degno di questo nome. Mura, Clerici (che sono ormai avanti con gli anni) e poi? Il nulla, di cui la Gozzini è la tipica esponente.

    RispondiElimina
  20. stefano vienna10 giugno 2013 10:00

    no, colonel, non mi fraintendere, il via a libera a Jovetic è inteso in senso lato non certo ai gobbi. Senza i rinnovi immediati di Ljajic e Seferovic, Jovetic fa le ragnatele a Firenze...
    McGuire, immaginati se a Roma due romani si fossero comportati come Pallavicino e la Gozzini, ecco, questi due signori ringrazino di vivere a Firenze, ovvero in un paese civile.

    RispondiElimina
  21. A Roma, come minimo, li avebbero rincorsi. Ma si sa, a Firenze i giornalisti, specie quelli sportivi, si sentono tutti originali e ganzini. Peccato che di calcio ne capiscano in maniera inversamente proporzionale alla loro conoscenza della lingua italiana parlata e scritta.

    RispondiElimina
  22. Proporzionale e non inversamente proporzionale, altrimenti li sopravvaluterei in manira clamorosa.

    RispondiElimina
  23. Il male non è l'intervista in sé, è il modo in cui è indirizzata dall'intervistatrice. D'altra parte, McGuire e Stefano, voi vedete che sul sito di provenienza della rapida scalatrice di rosea si offendono la Fiorentina e i DV ogni santo giorno, con licenza di multinickismo. Questo è il panorama locale, onde quel che fanno i DV per noi VTV sono autentici miracoli.

    RispondiElimina
  24. stefano vienna10 giugno 2013 10:13

    L'intervista in sè era organizzata fino al minimo dettaglio, la Gozzini in pratica ha solo eseguito l'ordine. Definire questo giornalismo è il vero scandalo. Io lo chiamerei, come arrivare a fine mese con un bel conto in banca. In questo senso tutto (o quasi) è lecito.

    RispondiElimina
  25. stefano vienna10 giugno 2013 10:17

    Sul sito a cui alludi fanno i complimenti alla Gozzini, figurati.

    RispondiElimina
  26. Diegone me lo mangio a colazione Blimp. Con tutta la stima che ho per lui ritengo sbagliato creare le condizioni di un nuovo caso Montolivo. Ormai Jovetic a Firenze si è bruciato. E forse era proprio quello lo scopo dell'intervista, renderlo indigeribile. La maglia viola non può più vestirla, ma mi auguro che un interesse all'estero lo susciti ancora. Jovetic non potrebbe certo opporsi a una cessione al City o al Barcellona. Va aggiunto che le quotazioni sono sicuramente in ribasso in generale. E che la sua stagione non è stata meravigliosa. L'ipotesi più drammatica sarebbe la mancanza di acquirenti o la sottovalutazione che sicuramente l'intervista e le reazioni che ne sono seguite hanno favorito.

    RispondiElimina
  27. Intanto Decrescitello, agente di mercato milanista e juventino, comunica che a Nocerino non dispiacerebbe la Fiorentina. Peccato, a noi dispiace lui. Lud, ti rimarrebbe indigesto e ripeto che non si produrrebbe comunque un nuovo caso Montolivo (te l'ha detto anche Pollock) perché Montolivo aveva solo un anno e non tre e perché è stato commesso l'errore di non mandarlo in tribuna. Che ci saranno offerte dall'estero è sicuro, come anche che la Fiorentina là (ma non alla Juve) farà sconti: il problema è che Ram ha promesse torinesi di essere innaffiato d'oro e all'estero queste cose non le fanno.

    RispondiElimina
  28. Si ma credo che Jovetic a Firenze sia visto come e peggio di Montolivo. Non sono sicuro neppure che possa permettersi un gelato da Gilli. Sicuramente la soluzione della vendita all'estero salva capra e cavoli e il giocatore non si oppone. E comunque se si opponesse sarebbe in torto. Attenzione perchè anche noi siamo soliti piombare sui giocatori in conflitto con le società strappando prezzi fuori mercato come nel caso di El Ham.

    RispondiElimina
  29. Che non si opponga è una tua idea, l'intervista spinge verso Torino a tutta birra. Ma chi decide è il persiano, che è già in accordo in nero. E' poi diverso, Lud, circuire giocatori che vanno in scadenza e farlo invece con chi ha tre anni di contratto senza contattare la Società e organizzando vergognosa campagna mediatica per forzare la mano, per giunta volendo fissare il prezzo di cartellino attraverso il calciatore. Davvero del tutto diverso.

    RispondiElimina
  30. stefano vienna10 giugno 2013 10:47

    El Hamdaoui -ma nemmeno Montolivo- non rappresenta un patrimonio di 30 milioni e comunque la tattica dello zio Fester, arrivare a fine contratto, è stata più elegante. Non si tratta di tifo calcistico, ma di stigmatizzare un atto volto a depaurare un'azienda rivale attraverso ricatti a mezzo stampa. Patetico che un Agnelli debba ricorrere a questi metodi, ma sembra il segno della decadenza, a questo punto probabilmente genetica, di una famiglia che un tempo sceglieva governi e ministri.

    RispondiElimina
  31. stefano vienna10 giugno 2013 10:48

    Patetico anche che qualche tifoso viola non lo capisca.

    RispondiElimina
  32. A domanda precisa ha risposto che è interessato sia all'ipotesi inglese che spagnola. E per me è un fatto importante. Ora però credo sia meglio trovare una linea saggia altrimenti il prezzo potrebbe precipitare. El Ham dopo due anni di tribuna valeva zero.

    RispondiElimina
  33. Bene, se è interessato vada: nessuno lo trattiene. Ma siccome è sotto contratto, non è lui né Ramadani a decidere, ma la società. E' l'ora che i contratti, liberamente sottoscritti, debbano essere rispettati.

    RispondiElimina
  34. stefano vienna10 giugno 2013 10:57

    Appunto che cavolo c'entra El Ham con Jovetic... Non cominciamo a sparare esempi che non c'azzeccano nulla solo per difendere una posizione, rilassiamoci.

    RispondiElimina
  35. Secondo me è fondamentale evitare il conflitto aperto, che avvantaggia solo Ramadami, bisogna ricucire e puntare con pazienza al mercato estero, destiato a sbloccarsi in tempi non brevi perchè ci sono diversi top player che debbono cambiare squadra.

    RispondiElimina
  36. C'entra perchè uno Jovetic ai ferri corti con la società vale già meno, uno Jovetic fermo per un anno vale zero.

    RispondiElimina
  37. Lud, Pepito Rossi fermo da due è costato 10

    RispondiElimina
  38. stefano vienna10 giugno 2013 11:05

    Non esageriamo, lo possiamo sempre far giocare in qualche trasferta di Europa League, quelle con la neve, e qualche scampolo in Coppa Italia. Alla peggio in Primavera come fuoriquota...

    RispondiElimina
  39. Infatti ne valeva 25 Pollock prima di fermarsi. Questo è il momento della calma, del ragionamento, del lavoro sotterraneo degli uomini mercato viola che non debbono accettare provocazioni e trovare soluzioni condivise senza calare le braghe ma senza emotività.

    RispondiElimina
  40. Un anno a far flanella anche, come emerge limpidamente dalle sue parole, per non far lievitare il suo valore e chiedere così lo sconto sui trenta milioni che i gobbi non possono spendere solo per il suo cartellino: che gentaglia! Peccato che la Juventus per lui non sia più una pista percorribile, perché sarebbe il suo ambiente ideale.

    RispondiElimina
  41. stefano vienna10 giugno 2013 11:14

    Jovetic alla fine è il problema minore, qualcuno che tira fuori 20 milioni lo trovi da qui a fine agosto, l'ipotesi tribuna è una minaccia realistica visti i tre anni di contratto, ovvero alla fine funzionerà. Ma ogni giorno che Ljajic non rinnova diventa un problema più grande, e s'aggiunto pure Seferovic... Tra Ljajic e Seferovic, Ramadani potrebbe far perdere ai Della Valle almeno una ventina di milioni in prospettiva futura. Anzi, io dico che fra due anni Ljajic vale tranquillamente 40 milioni (mia opinione strettamente personale), essere costretti a venderlo adesso sarebbe una perdita economica notevole.

    RispondiElimina
  42. Si Lud, ma 10 è un numero sostanzialmente diverso da quello che tu indicavi in zero, e poi Jovetic non ha nessuna problematica legata a un doppio infortuno così grave.

    RispondiElimina
  43. stefano vienna10 giugno 2013 11:15

    Lud, Pradè mi sembra tranquillo, anzi non parla proprio che mi sembra la tattica migliore, ma anche ipotizzare una calata di braghe mi sembra fantascienza.

    RispondiElimina
  44. stefano vienna10 giugno 2013 11:17

    In situazioni come queste una velata minaccia gettata lì con gentilezza e senza doverla poi mantenere può spostare molti equilibri...

    RispondiElimina
  45. Era una iperbole ma il valore potrebbe scendere molto significativamente.

    RispondiElimina
  46. E' una iperbole anche la tribuna, al massimo uno spauraccio, Jovetic vuole giocare e in una dimensione più grande della nostra.

    RispondiElimina
  47. stefano vienna10 giugno 2013 11:25

    L'uscita di Jovetic agevola altre squadre più che i gobbi, adesso con 20 milioni una squadra inglese o spagnola si porta a casa Jovetic impacchettato a festa (questo intendevo per dare il via libera). E non ditemi che Jovetic non vale 20 milioni perchè altrimenti lascio il blog come il Chari. Che non sia questa la tattica di Ramadani? Onestamente ce li vedi proprio bene Agnellino e Marottino che si fanno infinocchiare per benino da uno scaltro persiano.

    RispondiElimina
  48. Sull'intervista di Jovetic avete già detto tutto voi, io non posso che ribadire che è essenziale non calarsi le braghe davanti ai gobbi e che l'intervista è stata decisamente un autogol per lui, per Ramadani e soprattutto per i gobbi: io ero già convinto che i DV non l'avrebbero mai dato alla juve, adesso lo sono ancora di più: per indossare una maglia bianconera Jovetic è meglio che si accontenti o di prendere dall'armadio la sua vecchia maglia del Partizan o di andare al Newcastle.
    Vorrei però aggiungere che mi sembra che la diatriba su Jovetic e con la juve vada al di là della rivalità sportiva o dello sgarbo per Berbatov: ricordiamo che da tempo DDV ha dissidi molto forti con il gruppo Fiat per il patto di sindacato di RCS, per cui penso che l'intervista della Gazzetta (gruppo RCS) di ieri sia stata anche una prova di forza degli Agnelli all'interno della testata. Immagino che l'incazzatura di Diegone non sia dovuta solo a Jovetic, ma soprattutto sia da ricondursi ai giochi di potere all'interno del gruppo Corriere - Gazzetta. In questo contesto il pensare che Jovetic possa andare alla juve è pura fantascienza.

    RispondiElimina
  49. Stefano, ci ho pensato anch'io e l'apertura di Jovetic nell'intervista per la Premier e la Liga possono anche essere letti anche in questa ottica.

    RispondiElimina
  50. stefano vienna10 giugno 2013 11:38

    Anto, sulla guerra in atto tra Agnelli e DVD siamo d'accordo, ma quello che veramente faccio fatica a capire è che interesse abbiano Jovetic-Ramadani a mettersi in mezzo a un gioco che sembra più grande di loro. A parte una cospiracy theory degna di un romanziere (interessi FIAT in Serbia?) non vedo il nesso. L'unica cosa ormai certa è che Jovetic non andrà alla Juve, quindi a che pro?

    RispondiElimina
  51. Jovetic ha espresso una preferenza indubbia, ma rifiutare il Manchester o la misteriosa squadra spagnola (Barcellona o Real immagino) sarebbe da grulli. E sicuramente questa ipotesi incontra anche il favore dei Della Valle. Bisogna lavorare con calma e in silenzio su questa via.

    RispondiElimina
  52. Lud, è sicuramente la via che sta segendo Pradé.

    Ripeto qui quello che ho scritto sotto l'interessante ipotesi di Stefano. Può anche essere che con quest'intervista Ramadani voglia liberarsi della juve senza che Marotta possa imputargli niente: se Jove finisce a una squadra estera anziché alla juve come promesso, lui può dire: "vedete? Io e Jovetic abbiamo fatto il possibile, abbiamo reso pubblica la nostra volontà, se la Fiorentina nonostante questo non tratta con voi, io non ci posso fare niente".

    RispondiElimina
  53. stefano vienna10 giugno 2013 11:50

    Infondo siamo tutto d'accordo, ma la rottura con Ramadani preoccupa per le ripercussioni sui rinnovi di Ljajic e Seferovic. Le possibilità di vedere Ljajic a Firenze l'anno prossimo sono scese ai minimi.

    RispondiElimina
  54. Ma al Monaco non interessa Jovetic? Se son disposti a pagare 30 milioni un Marchisio, a noi ne danno 60!

    RispondiElimina
  55. stefano vienna10 giugno 2013 11:53

    Ranieri è furbo, non metterà mai i bastoni tra le ruote agli Agnelli. La furbizia è la sua unica dote e ne è stato dotato in abbondanza da madre natura.

    RispondiElimina
  56. Celia a parte, non mi appassiona molto passare l'estate a parlare del destino di Jojo, come poco mi ha entusiasmato parlare del suo rendimento in campo quest'anno. Spero solo che non parta Ljajic, poi da vendere Jovetic all'estero per me si trova, se non a 30 a 27/28. L'importante è non darlo alla juve, a questo punto: sarebbe anche una rivalsa notevole per il caso-Berbatov. Ma tanto i soldi per prenderlo non ce li hanno, e paccottiglia in cambio non ne accettiamo. Del resto, son convinto che non prenderanno nemmeno Higuain...

    RispondiElimina
  57. Intanto Negredo non è passato all'Atletico, pare non essere nell'occhio delle big continentali, più il tempo passa, più potrebbe riconsiderare la Fiorentina...

    RispondiElimina
  58. Deyna, certo che non prenderanno nemmeno Higuain, a meno di raccogliere soldi vendendo Marchisio o Vidal, ma a questo punto non penso che gli convenga. Tieni conto che da anni la dirigenza gobba è nel mirino dei suoi tifosi per aver preso tutta una serie di bidoni a carissimo prezzo; i tifosi gobbi sono talmente abituati a rubare che degli scudetti vinti se ne fregano, quello che interessa a loro è solo la vittoria in Champions, visto che in quello hanno un complesso di inferiorità verso le grandi squadre europee e specialmente il Milan. Sono anni che la juve promette l'acquisto del top-player in attacco e non ci riesce, per loro sarebbe fondamentale prendere Jovetic, visto che non possono permettersi nessun altro (e non possono permettersi manco lui). Insomma, Marotta è nella merda.

    RispondiElimina
  59. Bene. Almeno sul blog vedo regnare una certa concordia. Vendita all'estero, in silenzio, ignorando e bypassando la stolida, o astutissima, uscita di Jo.

    RispondiElimina
  60. Stefano Vienna10 giugno 2013 12:12

    Deyna, la Vicenda mi appassiona solo in ottica Ljajic e, in misura minore, Seferovic.

    RispondiElimina
  61. Squarci di ottimismo e tifo viola dal sitone:

    09/06/2013 14:50:21
    NuvolaViola, Parma
    Dopo Pizarro, Jovetic. E meno male che il nostro Gioco con la g maiuscola doveva attirare i campioni. Vediamo chi sarà il terzo.

    10/06/2013 01:46:03
    Gian Aldo Traversi, Vignola Jazz In'It

    Nessuno, c’ha fatto i conti con Pradè, fino a questo momento, per l’inoppugnabile ragione che da Pradè non si scuce una virgola, tranne che qualche “anche”, “forse” (se va grassa). E vorrei vedere che fosse il contrario. D’accordo con il punto di vista espresso da Ceccarelli, dico in generale, un po’ meno con quello di Matteini. Il cui articolo pieno di cuore e di passione, vergato con un certo garbo, di grande impatto per il coté più sanguigno del tifo è (parere strettamente personale) un tantino fragile nell’impalcatura logica. Seppure non quanto i muscoli di GUBBETIC (geniale, favolosa, la definizione dei deliranti per tifo, a volte). Ne apprezzo, però, alcune inoppugnabili verità (come la rozza mise en scene dell'agente/padrone del giocatore) e qualche passaggio, in particolare quello che fa riferimento all’animo zingaresco/moresco del sultanello Ramadani: quanti danni ha fatto l’Islam nello scontro con l’Occidente, e quanto perniciose e incalcolabili ne sono le conseguenze. Chissà se il vecchio Don condivide i miei distinguo (ha una mente un po’ contorta, il grande intellettuale, ma troppo sofisticata per accettare in toto lo scritto del buon Matteini)? Lo sostengo perché parto da una considerazione di cui non trovo riscontro presso alcuno. Giornalisti esperti o apprendisti che siano: Jojo non vale 30 milioni, nemmeno per idea. Se l’odiata Juve (tale per voi, per me è assolutamente indifferente, sentimento condiviso dalla stragrande maggioranza dei miei concittadini, e anzi, in una finale con un qualsiasi club straniero, parteggerei per l’italiana, come chiunque disponga di un briciolo di buon senso) offre MARRONE e 12 milioni Jojo gli va portato in spalla. Perché ne varrà, a largheggiare, sì e no 25. Il che vuol dire che Marrone viene valutato per 7. Quotazione giustissima. Visto che si tratta di un prospetto di qualità ed affidabilità assolute. Torno sull’argomento punte: al relativamente poco mobile e poco tecnico Gomez preferisco talenti esplosivi quali Benteke e Aubameyang, più giovani (dunque suscettibili di ulteriore miglioramento), mobilissimi e tecnicissimi. E tra i trequartisti di spessore, adattabili e plasmabili a più ruoli, almeno uno tra Ilicic e Ramirez sarebbe auspicabile che non ci sfuggisse. Se poi per Ljajic la situazione volgesse al peggio e ci offrissero la luna, sarebbe un gran colpo portare entrambi a Firenze. Qualcuno poi dovrebbe spiegarmi perché dovremmo rinunciare all’utilissimo Migliaccio o preferire Agazzi a Viviano. Intanto m’accontento del fatto che i filistei che han fatto guerra preventiva al fiesolano in favore di Neto siano rimasti con un palmo di naso. Gat

    RispondiElimina
  62. Gat ha sbagliato i conti. Jovetic: 25, Marrone: 7. Se è così il conguaglio dovrebbe ammontare a 25-7, 18 e non dodici come ipotizzato nel contributo dell'ostinato bolognese. Amen

    RispondiElimina
  63. http://www.corrieredellosport.it/video/calcio/calcio_estero/2013/06/10-66092/Magie+da+calcio+d%27angolo%2C+c%27%C3%A8+anche+Recoba



    Ma l'avete visto il gol da calcio d'angolo del Chino Recoba? Fantastico.

    RispondiElimina
  64. Per l'esattezza 19, come gli ho replicato su sito. Una miseria pro-juve, quindi

    RispondiElimina
  65. Lud, e lo diciamo tutti da mesi...

    RispondiElimina
  66. Sulla questione Viviano - Agazzi il Gat non ha tutti i torti. Sul resto lasciamo perdere.

    RispondiElimina
  67. Mi ero perso, Deyna, l'ennesima professione di odio per i nostri colori: ad ogni modo la Provola Viola è davvero passata allo juventinismo più sfrenato e starei per dire che ciò è agghiacciante se non l'avesse detto prima qualcun altro... ahahahahahahahahahahahahah! Ha passato l'anno girando al largo dal sito, ogni tanto comunicando che non aveva visto la partita perché aveva la lebbra o perché era al lavoro o perché aveva un Caponata Party, intervenendo puntualmente col nick di base e con altri d'accatto per difendere a insulti il fidanzato della ciucciabonghi o lo sciocco Segnamai, esaltando le gesta di Lamela, dileggiando Rodri per arruffianarsi il 20-53, festeggiando le sconfitte con aria di dolersi, lasciando vuota la casella delle feste a fine anno per lo straordinario campionato, e adesso getta concio sul miglior gioco d'Europa e prenota sventure... Beh, prut prut e dismission impossible!!!!!

    RispondiElimina
  68. Il procuratore di Pizarro sembra un po' meno categorico

    http://www.fiorentina.it/notizia.asp?IDNotizia=132819

    RispondiElimina
  69. A me Nuvola non pare così sciocca Blimp. E non c'è dubbio che siamo sotto attacco da parte dell'Impero come in Star Wars. Pizarro al City, Jovetic per fatti suoi, Ljajic appetito dal Milan per sostituire El Sharawi, mentre con Cuadrado c'è tregua. L'anno prossimo resta, poi è tutto da vedere. Troppo bella la Fiorentina di quest'anno perchè in tanti non ci mettessero gli occhi addosso. Gli unici che sono rimasti fedeli alla causa sono stati il grandissimo Valero, il migliore in campo e fuori, visto che non ha dato luogo a trattative, e Aquilani e Gonzalo, gli ultimi due perchè campioni affermati ma con qualche punto debole. E poi c'è Montella che non ha rinnovato. Insomma aprire un ciclo con questa rosa e questo tecnico appare al momento difficile. Con abili mosse di mercato e la giusta freddezza possiamo comunque, forse con uomini diversi, mantenere una posizione di prestigio ed incrementarla, ma non sarà facile perchè il budget è 1/5 di quello di altre società. Lo scrissi subito dopo la fine del campionato e non certo per calarmi nella parte del profeta di sventura.

    RispondiElimina
  70. La mia impressione è che dei nostri campioni - Rodriguez, Pizarro, Valero, Cuadrado, Ljajic, Jovetic - alla fine se ne andrà solo Jojo. E mi starebbe benissimo.

    RispondiElimina
  71. Ho letto, Anto: hai visto se non frutta fare il muso duro? Inoltre, come scrivevo due giorni fa, finire in panca in nazionale (vittoriosa senza lui in partita decisiva, laddove lui posava da salvatore della patria) deve avergli raffreddato i bollenti spiriti.

    RispondiElimina
  72. Nessuno di questi è perso in assoluto tranne Jovetic. Nemmeno Pizarro. Ma bisogna stringere con loro accordi importanti con incrementi dell'ingaggio, sia pure entro i nostri parametri. La Fiorentina non è il Chievo e un giocatore se vuole lo tiene a lungo. Ma proprio per questo, in caso di vendita di Jovetic, io non impiegherei tutto il ricavato nell'acquisto di un Gomez, ma distriburei in modo più omogeneo il tesoretto: un ottimo portiere, il riscatto del cartellino di Cuadrado per intero, e sul piano dei rinnovi un ingaggio molto più generoso per Lajic ed eventualmente Pizarro. Sul centravanti investirei non più di otto-dieci milioni puntando su un giocatore con ingaggio lontano da quello di Gomez. Ljajic lo individuerei come uomo squadra da resoonsabilizzare come sostituto di Jovetic anche come ruolo. Se poi del centravanti potessi acquistarne la metà o averlo in prestito ancor meglio. E senza scomodare Gabbiadini, che vuol dire Juve, penserei ad un prestito o a una comproprietà col City per John Guidetti.

    RispondiElimina
  73. Il post del Gat riportato da Deyna conferma, una volta di più, come il cazzone bolognese capisca di calcio meno del cane del mio vicino, che passa le giornate a leccarsi il culo. Il bello è che ulula alla luna credendosi Caruso, grazie all'Io ipertrofico fornitogli dai suoi sventurati genitori. Ci manca solo che dica che Gabbiadini vale Gomez e che Marrone, in prospettiva, può diventare Xavi. Dopodiché è pronto per la neurodeliri.

    RispondiElimina
  74. Il non poter valutare serenamente i cambi offerti dalla Juve è un tributo che si paga al tifo e agli odiosi sgarbi che la Juve ci ha fatto. Quando sentii parlare di cambi mi sono subito opposto all'arrivo di Quagliarella, Matri e persino Giovinco. Sui giovani sono sempre stato più possibilista. Ma si possono fare ottime operazioni di mercato sia in uscita che in entrata senza chiamare in causa la Juve. L'operazione Melo, che molti mitizzano, fu meno valida di quanto poesse apparire perchè prendemmo due giocatori non giovanissimi, anzi, con ingaggi molto onerosi. Ma se prendi dei giovani di prospettiva che guadagnano poco, beh è tutta un'altra cosa.

    RispondiElimina
  75. Mi sembra di averlo già detto, ma comunque voglio ripeterlo ancora una volta: l'unico giovane interessante che ha la Juve è Pogba, che hanno dichiarato incedibile. Quanto agli altri, Marrone è un normalissimo centrocampista, che non sposta né ora né domani il valore complessivo della squadra e Gabbiadini (peraltro in comproprietà con l'Atalanta) non ci serve (non è una punta centrale) e non vale neppure Seferovic.

    RispondiElimina
  76. Un'ora fa McGuire ha fatto segnare uno dei momenti più alti del sitollock... ahahahahahahahahahahahahah! Non posso rileggerlo o mi piglia male... ahahahahahahahahahahahahah! Pollock, taglialo o se mi ci ricapita l'occhio mi prendono le convulsioni dalle risahe... ahahahahahahahahahahah! Ci rimango secco... ahahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  77. Conferme da Brovarone circa la commissione enorme per Ram: noi ci vogliono pagare con le frattaglie, al giocatore e al manutengolo far la doccia d'oro. A cagher! Grande Diegone! Per una più grande Fiorentina! Contro le quinte colonne! Contro i menagrami del cazzo!

    RispondiElimina
  78. Lud, i due giocatori furono dati a rincicciare 20 milioni liquidi, scusa se è poco, e poi entrambi piacevano al Gran Coglion del Giubba.

    RispondiElimina
  79. ahahahahahahah monumentale McGuire, scrivi più spesso per favore!

    RispondiElimina
  80. Intanto va premesso che sono marchiati a fuoco dalla origine juventina e dunque il giudizio non sarà oggettivo. Ciò detto l'idea che mi sono fatto io è la seguente: Marrone è un centrocampista centrale che ha giocato anche da difensore, con un buon rapporto qualità/quantità utile al ruolo. Gli si rimprovera di aver giocato poco ad alto livello perchè a Torino ha fatto tanta panchina. Ha una valutazione troppo alta rispetto non tanto al suo valore quanto al momento della carriera in cui si trova, non avendo ancora svelato le sue eventuali carte. Gabbiadini è sicuramente una punta centrale, che si è dovuta piegare ad altri ruoli perchè chiuso prima da Denis e poi da Gilardino. Ha un'ottima tecnica per un giocatore così alto ed è da tutti considerato uno dei più interessanti attaccanti dell'ultima generazione assieme a Destro. Manca anche lui di esperienza. E' stato detto che ha bisogno di un allenatore che gli dia fiducia. Ma dargli fiducia implica dei rischi che va deciso se correre o meno. Il prezzo è alto ma essendo stato versato l'anno scorso per metà appare meno fantasioso. A questo punto ritengo piuttosto improbabile che arrivino a Firenze e non mi straccio le vesti. Solo i prossimi due o tre anni diranno se le loro potenzialità si sono realizzate. Faccio presente tuttavia che questa è una regola generale di tutti i cambi.

    RispondiElimina
  81. «Indubbiamente» per te, Lud, per la gran maggioranza degli addetti ai lavori e per chi l'ha fatto giocare non è così, anche qui sul sitollock sei l'unico a sostenere la tesi. Prezzo assurdo, cazzi di Marotta se è stato infinocchiato, l'unica squadra interessata la Samp, Conte non lo vuole alla base. Marrone è un prospetto di poco prospetto, la Juve cerca di disfarsene parimenti. La regola generale di tutti i cambi sarebbe che solo i prossimi due o tre anni diranno se le loro potenzialità saranno realizzate? O icche tu dici?

    RispondiElimina
  82. Lud se tu pensi di avere a che fare con persone stupide accecate d'ira juventina e incapaci di fare valutazioni serene inizia a fare liste specificando a chi ti rivolgi perché se mi metti in mezzo al buglione m'incazzo e non ne ho voglia. Dalla juve uno come Pogba, Vidal o Marchisio li prenderei subito, chiaramente non valgono tutti la stessa moneta, ma se i conguagli fossero questi voglio vedere chi, sano di mente, rinuncerebbe da un punto di vista tecnico a simili operazioni. Rimane da capire se l'ostacolo a questo punto, di un rapporto deteriorato anche extra-calcisticamente, sia solo di natura tecnico economica, appunto. Sembra che la direzione presa non siano più i 30 milioni sul tavolo ma anche altro e sarebbe l'inizio di un braccio di ferro di cui il calcio sarebbe solo un angolino sommerso.

    RispondiElimina
  83. Eppoi paragonare, oggi, Destro a Gabbiadini significa avere una visione del calcio abbastanza semplicistica. Ci corre come farlo e stare a guardare, decidi tu cosa.

    RispondiElimina
  84. Molte imprecisioni nella lettura di quello che ho scritto. Il paragone tra Destro e Gabbiadini non è avanzato, poichè si dice solo che Gabbiadini e Destro sono considerati "interessanti" dalla critica e dagli addetti ai lavori, ma senza giudizi di valore ne' sull'uno ne' sull'altro. L'origine juventina pesa sicuramente sul giudizio che si da' a Firenze di questi come di altri giocatori. Se prendi un giocatore giovane, infine, Blimp, non potrai verificare immediatamente la congruità del cambio perchè è sottinteso che debba maturare.

    RispondiElimina
  85. A me paiono molte imprecisioni sulla scrittura e senza utilizzare paraocchi campanilistici: "ed è da tutti considerato uno dei più interessanti attaccanti dell'ultima generazione assieme a Destro" se non vi è una comparazione tecnica sul ruolo non può esistere, neanche alla lontana, una su quella del rendimento dei due, e quindi del valore complessivo, molto differente al momento. Destro costa il doppio di Manolo e accomunarli, sullo stesso piano, come giovani interessanti mi sembra un voler mettere in un minestrone di verdura della carne da bollito che poco c'incastra.

    RispondiElimina
  86. No, solo imprecisione da parte tua nell'esprimerti: se oltre a non saper leggere (ci siamo abituati) non riesci più a comunicare in italiano è davvero una tragedia. Copio e incollo:

    «Solo i prossimi due o tre anni diranno se le loro potenzialità si sono realizzate. Faccio presente tuttavia che questa è una regola generale di tutti i cambi».

    Ciò significherebbe, secondo le tue nuovo tendenze dislessiche, o Lud:

    «Se prendi un giocatore giovane non potrai verificare immediatamente la congruità del cambio perché è sottinteso che debba maturare».

    Tutti i cambi concernono quindi i giocatori giovani. Ai sitollockiani il giudizio di conformità di senso.... Invece di dire: mi sono espresso male, scusate, accusi gli altri di non non aver letto bene. Sei un pazzo paranoico col complesso di infallibilità e un puro e semplice coglione, siamo sempre lì. La tua pretesa di monopolio del sitollock, a colpi di qui pro quo e di incoerenze, di contraddizioni in serie e di sfondoni, fa di te la testa di cazzo più risibile del web.

    RispondiElimina
  87. http://www.firenzeviola.it/?action=read&idnotizia=136273

    RispondiElimina
  88. Stefano Vienna10 giugno 2013 17:19

    Marchiati a fuoco perche' juventini? Guarda che i fiorentini vivono la rivalita' con i gobbi con ironia, sono loro che sono frustrati e invidiosi come questa vicenda testimonia. Onestamente non comprendo.

    RispondiElimina
  89. A vent'anni Leo due giovani talenti debbono ancora dimostrare molto, sono da vedersi in prospettiva e nel giro anche di pochi mesi uno sfonda mentre l'altro fa passi indietro. Il caso di Ljajic dovrebbe aver insegnato pur qualcosa. Se resto ai goal segnati in stagione, Gabbiadini ne ha fatti di più. Ed anche in nazionale under se la giocano. Ma non voglio naturalmente sostenere che Destro non farà un'ottima carriera. La tua prosa ti qualifica Blimp e direi che ancora una volta stai sbroccando per mancanza di argomenti sensati. Credo che il senso del mio discorso fosse molto chiaro: per comprendere se Jovetic è stato un affare ci vorranno almeno un paio di stagioni, chiunque arrivi in cambio ed anche se lo vendi in contanti. Dubbi fisici e psicologici su questo giocatore ci sono. Quindi credo che le somme si tireranno tra un paio di stagioni e dovranno concretizzarsi in un rendimento molto elevato della squadra che lo acquista, nei campionati nazionali e in Champions. Qualunque squadra sia. Spero di aver soddisfatto la tua sete di chiarezza.

    RispondiElimina
  90. LELE

    Caro MC GUIRE, ti leggo volentieri, come leggo volentirei chi mastica
    calcio. E leggendoti rivedo mie opinioni qui dichiarate, collimanti alle
    tue:

    dalla rube solo Pogba, prossimo centrocampista top 5 in Europa, Seferovic non inferiore a Gabbiadini, di conseguenza che serve?

    Su Jovetic non aggiungo nulla a quello che avete detto, se non che mi pareva piu' furbo.

    Sono stato assente da internet, ho frequentato poco il blog sia per un
    rientro in Italia poco confortevole, sia perche' commentare le ipotesi
    di trattative su voci dei giornalai, mi pare inutile. Ieri avendo un
    poco di tempo libero, tra un giorno in centro e l'altro, tra una
    telefonata col padrone di casa e l'altra, mi son letto le vostre
    corrispondenze e devo confermare che, seppur con pochi argomenti reali
    da commentare, il livello di competenza e' molto alto, quindi ancora un
    plauso a tutti voi, amici miei.

    Ma proprio per questo assunto, mi chiedo perche' tu, LUD, rifiuti a priori
    di trarne vantaggio, non cogli le occasioni, inosmma mi viene strano da
    comprendere come uno come te, veramente imbarazzante a livello tecnico,
    con una presunzione insita nel tuo DNA (DDV che ti mangi a colazione e'
    da circoletto rosso...) non sappia approfittare di tutte quelle perle
    si saggezza calcistica che ti vengano offerte gratis
    quotidianamente. Boh! Come diceva Manzi, non e' mai troppo tardi...e
    magari tra qualche decennio, ma solo se leggessi.

    In Italia ho appreso da qualche giornalista (vero) quale sia nella loro
    area la reputazione di un certo Aldo Traversi, cosi' e' chiamato, e mi
    han risposto che addirittura oltrepassa i parametri di ricovero in
    pianta stabile nel vecchio S.Salvi, qualora aperto, luogo dove secondo
    loro dovrebbe soggiornare.



    Lele

    RispondiElimina
  91. Lud, io personalmente trovo Gabbiadini un ottimo prospetto. Credo che col tempo diventerà un grande attaccante. Il fatto è che però questa Fiorentina ha deciso di allargare i suoi orizzonti, provando ad inserirsi a spallate in una gerarchia delle grandi un po' in declino. Gomez per Jovetic rappresenta un rilancio. Gabbiadini rappresenterebbe l'ennesima scommessa di un squadra che si accontenta di sporadiche annate ai margini del paradiso calcistico. Questa è la grande differenza: quest'anno dobbiamo crescere. L'hanno capito pure i nostri nemici che da un anno usano tutte le armi a loro disposizione per tenerci con la testa sotto. Sia sul campo che con i nostri giocatori. Questa è paura. Paura di un progetto tecnico ben impostato, paura di una proprietà economicamente straripante e con principi che rappresentano tutto l'opposto dei loro, paura di un sistema che gli permetteva di fare il cazzo di comodo loro. Vittorio fu affossato nella sua ,anche folle, rincorsa. Fu neutralizzato da poteri sportivo - politici che però adesso sono consci che davanti hanno nemici più tosti e del tutto indipendenti. La società ci sta dando dei segnali forti, che a non recepirli siano i tifosi è un peccato mortale.

    RispondiElimina
  92. Mah Lele io non ho letto ad esempio su Ljajic queste perle di competenza, posto che l'anno passato era visto come spazzatura da molti frequentatori che tu giudichi molto competenti, finchè non ha preso a segnare, ed ecco il miracolo, piaceva a tutti. Grazie al cavolo, sono tutti bravi a scoprire un giocatore che fa una decina di goal in sei mesi. Ma andava scoperto prima. Mi pare che lo stesso valga per Seferovic. Disprezzato per tecnica scadente e giudicato da B prende a segnare ed ecco il miracolo, è il migliore attaccante del campionato italiano. Io modesto appassionato su questi due, visto che non me ne intendo, ho incominciato a scrivere un anno fa. E se quelli che dici tu mi avessero letto e avessero recepito, forse potrebbero dire anche loro di non aver preso un granchio. Quanto a Diegone, non vorrai togliermi il gusto di criticarlo, spero. Chiunque può essere criticato. Ma ciò non toglie che io abbia sempre scritto fior di post a favore della dirigenza, e cito volentieri quello che è apparso sul sitone a fine campionato.

    RispondiElimina
  93. "Paura di un crollo del sistema" sopra.

    RispondiElimina
  94. Ma infatti Foco io non ho mai negato che possano esserci strategie sociali diverse da quelle che sostengo io che alla fine possano essere vincenti. Due anni sia io che Deyna eravamo convinti che il miglior progetto fosse quello della Roma, tanti giovani di classe pagati a peso d'oro ed un tecnico giovane e pieno di idee, Enrique. Invece per adesso la Roma arranca, mentre la Fiorentina con giocatori più maturi ed esperti ha offerto un gioco super. Per la prossima stagione io esprimo un mio giudizio ma se la società punta ancora su atleti già affermati e non sui giovani e prende un Gomez sarò felice di poterlo ammirare allo stadio. Ho già più volte detto che mi fido degli esperti di mercato viola, mi fido di Montella, mi fido dei giudizi di Mondonico. Questi sono quelli da cui credo di poter imparare qualcosa.

    RispondiElimina
  95. Mica ho detto di averli scoperti, Jordan. Con Ljajc sono evidenti i meriti di Montella che l'ha fatto giocare, gli ha dato fiducia e gli ha trovato la posizione giusta. Seferovic è un caso ancora diverso, un giocatore su cui c'era uno scetticismo enorme, anche da parte della società. Quel che ho detto su di loro è stato detto solo al termine delle partite della Fiorentina in cui aveva giocato e che io avevo visto, dal momento che di rado ne salto una.

    RispondiElimina
  96. Bell'articoli di Simone Bargellini, riassuntivo della situazione:

    http://www.violanews.com/news-viola/pugno-di-ferro-20130610/

    RispondiElimina
  97. http://www.violanews.com/calciomercato/fiorentina-sul-giovane-avenatti-per-lattacco-20130610/

    E questo chi è?
    Deynaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  98. Lud, tu che scopri Nutella è la catastrofe comica. Vedi, Lud, mi pento di aver scritto una volta che doveva esserti reso merito per aver tu insistito nell'apprezzamento di Ljajic e di Sefe all'inizio di quest'anno. Mi pento perché a darti la mano tu prendi tutto il braccio. Vuoi disprezzare chi ha portato in Italia Ljajic e Jovetic, Nastasic e Seferovic, Vucinic e Bojinov, e cioè il più grande scout italiano di calcio slavo di tutti i tempi, risultati cantanti, e poi ti arroghi il vanto di aver scoperto Nutella anni dopo che era giunto a Firenze! Vedi, Lud, io, per mere contingenze di lavoro, Nutella l'ho visto in patria sua e lo segnalai su cloaca, esattamente come Jojo, come credo che Deyna tra molti possa dirti, ma mai oserei dire che l'ho «scoperto» e non solo perché, dopo aver tenuto a lungo duro nella stima per lui anche bestemmiando contro quel Coglion del Giubba che lo mortificava, persi ogni speranza in lui l'anno scorso e mi chiesi se la Società non dovesse prendere una decisione tranciante, ma anche per rispetto verso colui che l'ha portato in Italia e che magari lo conosceva da quando Nutella aveva quindici anni, come tanti che aveva e ha nei suoi prestigiosi quadernoni, e nella piena coscienza che, chiotti chiotti, molti altri esperti italiani di calcio internazionale avevano segnato il nome di Nutella nel taccuino quando sgambettava ancora in Serbia, gente che scarpina per le stradacce dell'est professionalmente e non va, come me, a vedere una partita a Belgrado invitato da colleghi una volta ogni quattro o cinque mesi o accende, stanco e annebbiato, la tele in albergo dopo una giornata di incontri. Ma no, arrivi tu, dopo anni di permanenza fiorentina hai la giusta valutazione di vedere, come altri (pochi, è vero), un sommerso aureo nelle prestazioni senza gol del Nutella del girone d'andata e tu avresti scoperto Nutella! Il fatto che tu ci confermi la diagnosi di follia paranoica non toglie il giudizio morale: il tuo orgoglio è luciferino, uno studioso è prima di tutto un ignorante consapevole di esserlo e di questa ignoranza fa la sua forza, tu tradisci te stesso scrivendo quel che sotto hai scritto.

    RispondiElimina
  99. Via Dupré, Centro Coordinamento, I Gigli...la gente é in fila per gli abbonamenti. Questo conta, ora. Stamane ero in Regione con Aldo Morelli (ex sindaco di Lamporecchio, ora si dedica ad appalti e costruzioni...ammanicato..eh eh eh eh). Per lui lo stadio si fa, questione solo di piccoli bilanciamenti tra Comune e proprietá....

    RispondiElimina
  100. Regione? Sopra lobbista sei il primo della lista!

    RispondiElimina
  101. Ma dove hai letto che l'ho scoperto!!?

    RispondiElimina
  102. Vedi che hai il cervello in poltiglia? Tu l'hai scritto, di averlo scoperto! Rileggiti:

    «Grazie al cavolo, sono tutti bravi a scoprire un giocatore che fa una decina di goal in sei mesi. Ma andava scoperto prima»

    Sei matto come un cavallo, credimi. E adesso attorcìgliati a inventare qualcosa a giustificazione, fava, per accrescere la figura di merda che hai fatto. E leggiamo un altro coglione, già che si siamo:

    «10/06/2013 19:06:10 SfiammaRamadani, La risposta è dentro di Voi, peccato che è SBAGLIATA. Lijaic e Seferovic sono due pippe clamorose. Occorre disfarsi al più presto di loro».

    RispondiElimina
  103. BLIMP, lavoravo anche per te...si dice così, o no? Ascoltavo le varie radio, che spasso con Jovetic! Non ho seguito The King Of Net La Riblogghita ma appena aperta la pagina ho visto scritto Gabbiadini e sono corso a firmare un contratto di esclusiva con la Gillette, pagheranno oro per vedere mentre mi taglieró le vene in verticale pur di farla finita con Manolo Gabbiadini, uno che ha il nome da re dell'onanismo. (N.B.: ero in Regione per affari leciti, cose serie e importanti, non intrallazzi, mica sono il Marotta del blog! Sono tutto d'un pezzo, come dissi a alla donzella mostrando la verga).

    RispondiElimina
  104. Ahahahahahahahahahahahah... Sopra!

    RispondiElimina
  105. Mille abbonamenti in un giorno! La piazza risponde alla grandissima! Ed è un solo grido: Juve Juve vaffanculo!!!!

    RispondiElimina
  106. Un fascio simpatico in quarant'anni di vita mi mancava. Allora Littoria non sforna solo grande fica!

    RispondiElimina
  107. Sì, Foco, però il Gran Giorno bisognerà spacciarlo lo stesso, anche perché sennò spacceranno noi... ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  108. Primi tre abbonamenti venduti: Mambo scacchista senese, Beberri, Provola Viola. Sì, ma allo Juventus Stadium... ahahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  109. E Vuturo, che fine ha fatto Vuturo? Ahahahahahahahahahah! E i pagliacci di Moena, dove sono i pagliacci? Ahahahahahahahahahahah! Dismissione, pontellizzazione... in culo 'sto cazzone! Ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  110. Ma certo che ti rispondo Blimp. Tu confondi due significati distinti di "scoprire". Il primo allude all'attività dell'esploratore, che scopre una nuova terra, dello scienziato e del talent scout. Ma si dice anche: ho scoperto Bach, ho scoperto Manzoni in senso metaforico, in quanto erano già abbondantemente noti. Quando ho scritto che Ljajic andava scoperto prima mi riferivo a quest'ultimo significato. Andava scoperto vuol dire "bisognava rendersi conto delle sue qualità". Se a 21 anni giocava nella Fiorentina da tre è chiaro che era già stato scoperto in senso stretto da parte di un talent-scout.

    RispondiElimina
  111. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  112. «su due tavoli», qua sopra.

    RispondiElimina
  113. N'azzeccassi una Lud....eh eh eh eh anche quest'anno Destro ha marcato di più fra club e nazionale. Non solo, dagli esordi ad oggi Gabbiadini ha una media realizzativa del 22% fra club e nazionale con 107 presenze, Destro una del 42% con 10 presenze in più (che invece di abbassare....) insomma, neanche la matematica ti supporta Lud. Doppia realizzazione, maggiore presenze, difatti costa il doppio di Gabbiadini non la metà. Come storico dovresti attingere da fonti sicure e fare questi semplici calcoli eh eh eh eh

    RispondiElimina
  114. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  115. Insomma, solo sotto i colori viola si possono trovare fasci e tovarich simpatici: restano fuori solo i malagodiani (ahahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  116. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  117. Moggi ovazionato al matrimonio di Conte: l'FBI, fuori al parcheggio, prendeva intanto le targhe, è uscito fuori James Caan incazzatissimo (ahahahahahahahahahahah!). E sarà sempre così, Juve merda, tibbiccì!!!!!

    RispondiElimina
  118. Già ma quel Ljajic scoperto e pagato caro molti l'anno scorso lo volevano far fuori e lo consideravano uno smidollato. O sbaglio?

    RispondiElimina
  119. Siete troppo sopra le righe. Evitiamo le offese.

    RispondiElimina
  120. Vero, ma tu dov'eri quando fu portato in Italia? E del Pugile chi tessè gli elogi per mera contrapposizione a Miha? Pagato caro? Vale il triplo oggi e senza tre allenatori che su di lui hanno scazzato il possibile arrivava ben prima. Insomma, non hai scoperto un cazzo, hai cominciato a parlar bene di lui da un anno e hai fatto bene, per carità, ma da qui a arrogarsi meriti pionieristici c'è tutto Freud.

    RispondiElimina
  121. Bene, capo: la Juve mi dà alla testa, come il profumo della Deneuve.

    RispondiElimina
  122. Va beh. Buonanotte Blimp.

    RispondiElimina
  123. Divagando. Scusi Colonnello, ho notato che Lei è l'unico che usa scrivere con vocali accentate nel caso di doppio significato di un termine. E' da tempo che penso che sarebbe necessario questo sistema di scrittura. Coloro con i quali ne ho parlato mi hanno sempre risposto che sarebbe troppo difficile, specialmente per gli stranieri. Il Francese, tra l'altro molto più comune dell'italiano, lo prevede. La ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
  124. Cartellino giallo, così tu impari a fa' le battute su Malagodi!

    RispondiElimina
  125. O Gonfia fori che nelle parole tronche in italiano gli accenti e un ci si mettano, o che ne vo' 'nventare un'antra? Se dico che vo a pésca o che ha' paura che voglia mangia' una pèsca?

    RispondiElimina
  126. In effetti, sarebbe obbligo di creanza per il lettore quando l'ambiguità è possibile, ma gli italiani sono impigriti dalla relativa rarità di accenti rispetto ad altre lingue romanze (non parlo poi dei segni diacritici di tante lingue non romanze). Adesso un ottimo articolo da Violanews, che è organo lento e rado nell'informazione ma eccellente nell'approfondimento, sempre meditato:

    «Niente di definito ancora per Mario Gomez Uli Ferber, che in Germania parla a Stuttgarter-Zeitung della situazione dell’attaccante tedesco, che piace molto alla Fiorentina, ma anche a Juventus, Napoli e Chelsea. Il nome della nuova squadra dell’ex centravanti dello Stoccarda è ancora un mistero, ma intanto il giocatore del Bayern aspetta in vacanza di sapere il suo destino: “Quel che è certo -dice l’agente- è che andrà in una squadra dove sarà l’attaccante numero uno“. Scontato quindi che un passaggio al Napoli sarebbe subordinato all’addio di Cavani (anche per motivi economici), ma queste parole paiono anche poco compatibili con l’idea di una Juventus che in queste ore sta andando con forza su Higuain e Jovetic, e che vorrebbe portare a Torino due attaccanti di valore. La Fiorentina è un’idea che piace, si legge nell’articolo, anche per lo spirito offensivo del gioco, che
    ricorda a Gomez il Borussia Dortmund».

    RispondiElimina
  127. Jordan, ogni tanto fammi di' una ca..aha anche a me, ahahahah! Grazie Colonnello.

    RispondiElimina
  128. Colonnello, la Juventus sta andando con forza su Higuain e Jovetic? o se l'ha un n'ha uno pe' fa' due! e poi e la vorrebbe anche Gomez? Se vanno su Gomez gli è sortanto pe' rompere e coglioni a noi. Pe' Higuain i' Real e vole sordi, mica discorsi. Se si provano a digni di Marrone, Gabbiadini e Quagliarella e li pigliano a carci 'n culo.

    RispondiElimina
  129. Jordan, temo che stiamo esportando Gabbiadini, roba che nemmeno il suo procuratore, per un tormentone ormai coast to coast (ahahahahahahahahah!):

    «10/06/2013 19:54:42 Ludwigzaller, Ginevra Mi sono speso da tempo per una soluzione che trovo intelligente e funzionale. Essa consiste nello schierare un tridente formato da Ljajic, Rossi e Cuadrado, integrato appunto da un centravanti come Gabbiadini, che potrebbe entrare a partita iniziata o anche dall'inizio ogni volta che il quadro tattico imponga una punta di un certo peso. In questa visione Ljajic e' valorizzato e responsabilizzato, mentre il ruolo di
    attaccante centrale ? affidato non gia' ad giocatore da venti milioni di
    euro ma ad un giovane che guadagna mezzo milione di euro. I soldi della
    cessione di Jovetic possono essere impiegati per l'acquisto di un
    portiere, di un centrocampista centrale, per il rinnovo di Ljajic e per
    mettere le mani sull'intero cartellino di Cuadrado».

    RispondiElimina
  130. e questo che è il post originale, come il peccato di Adamo ed Eva, che ci è costato tre giorni di scassamento di coglioni, dove l'avrebbe ripostato?

    RispondiElimina
  131. N'azzeccassi una Lud....eh eh eh eh anche quest'anno Destro ha marcato di più fra club e nazionale. Non solo, dagli esordi ad oggi Gabbiadini ha una media realizzativa del 22% fra club e nazionale con 107 presenze, Destro una del 42% con 10 presenze in più (che invece di abbassare....) insomma, neanche la matematica ti supporta Lud. Doppia realizzazione, maggiore presenze, difatti costa il doppio di Gabbiadini non la metà. Come storico dovresti attingere da fonti sicure e fare questi semplici calcoli eh eh eh eh

    RispondiElimina
  132. «La Juve è impegnata su due fronti per cercare di piazzare il colpo in attacco e ha come obiettivi principali da un lato Stevan Jovetic della Fiorentina e dall'altro Gonzalo Higuain del Real Madrid. Secondo l'ultimo sondaggio della redazione di TuttoMercatoWeb.com
    il gioiellino viola non sarebbe un giocatore che scalderebbe gli animi
    della piazza bianconera. Higuain al contrario sarebbe il grande colpo,
    l'arma in più per tentare di vincere il terzo scudetto di fila e anche
    la Champions. Infatti secondo i nostri lettori il miglior rinforzo per l'attacco della Juve sarebbe proprio l'argentino con il 23,58 % dei voti,
    mentre il secondo nome è quello di Ibrahimovic (19,18 % delle
    preferenze), anche lui voglioso di lasciare il Psg e tornare in Italia. Solo al quarto posto troviamo Jovetic con l'11,83% dietro anche a Suarez del Liverpool con il 17,23 %»



    Da Firenzeviola. E capisco bene i tifosi gobbi, Jojo sarebbe l'ennesimo attaccante a metà del guado, mentre loro hanno bisogno del bomberone, come noi. L'insistenza sembra di Conte ma credo che ormai, proprio come per noi, sia adesso per la Juve questione di puntiglio.

    RispondiElimina
  133. Il loro problema è che per Higuain e Suarez ci vogliono i soldi, cash e tanti. Per Jovetic, se gli andave bene il colpo, se la cavavano con molto meno e magari si levavan di torno anche un paio di croste.L'han preso in tasca e si ciucciano il dito. Quasi di sicuro verranno a rompere i coglioni con Gomez che, però, se viene a Firenze non lo fa certo per i soldi.

    RispondiElimina
  134. A ventuno anni i giocatori debbono ancora maturare. Queste statistiche hanno poco senso. Io avevo soltanto scritto d'altronde che Destro e Gabbiadini sono due tra i più interessanti giovani attaccanti italiani. E non vedo come tu lo possa contestare. In campionato Gabbiadini giocando in una squadra che lottava per non retrocedere ha fatto gli stessi goal di Destro alla Roma.

    RispondiElimina
  135. Io non contesto che siano interessanti, contesto il fatto che si possano mettere sullo stesso livello, difatti uno costa il doppio dell'altro e la valutazione non sono io a farla. Destro ha più mercato di Gabbiadini, non bastano 10 milioni per portarselo a casa, parlando di prospetti uno ha fatto vedere qualcosa, l'altro meno, d'incontestabile ci vedo solo questo. Chiaro che possono maturare entrambi e migliorare ulteriormente, non sono arrivati, ci mancherebbe, solo che uno lo vogliono piazzare in squadre di centro classifica o rifilarlo come contropartita valutandolo un botto, l'altro gioca già per una squadra di livello superiore e non so quanto vogliano disfarsene.

    RispondiElimina
  136. Buana, fossi Marmotta mi libererei del Quaglia (Matri me lo terrei, per la panca) pagando un po' di stipendio di primo anno all'acquirente e accettando 6 milioni (a queste condizioni un amatore lo trovi) e cercherei di capitalizzare con Marchisio, giocatore sopravvalutato (ridendo e scherzando ha raggiunto le 27 primavere...), molto funzionale in campionato ma che, senza acuti com'è, sparisce in campo internazionale. Le cifre che corrono su Marchisio sono irreali, gonfiate dalla stampa asservita e che agli operatori fanno il solletico all'ascella, ma per una dozzina di milioni in Premier (dove si gioca il calcio a lui più consentaneo) lo vendi. Fanno 18 milioni. Per me Isla è buono ma se Conte non lo vede va ceduto: ci fai un 6/7 milioni: e siamo a 25. Con questo pacco vanno in Brasile e prendono Damiao e gli resta forse di che prendere un esterno snobbato ma buono (avendo l'occhio di Macia e di Corvino: ma Marmotta ce l'ha guercio): vogliono dare 4,5 d'ingaggio a Jojo, non possono dare 4 a lui? Il problema, per la Juve, sono i pesi morti finanziari di un Giovinco, pagato l'ira di Dio per una resa formichesca come la statura, il Gabbia, pagato 5,5 la comproprietà e ancora di là da venire se mai verrà, Lichtsteiner, pagato 10 milioni e che gli costa un botto d'ingaggio e oggi se lo rivoghi a 5 ti stimi fortunato. Sono messi male, avrebbero bisogno di capitale fresco, ma questo dalla Fiat non arriva più e le magie alcaponesche di Moggi sono finite. Grossi quattrini verrebbero loro solo da Vidal, che forse vendi a 25 ma che è stato mezza squadra, quest'anno. Insomma, nelle loro condizioni Jojo mi sembra un lusso, o un puntiglio donrodrighesco o una pura e semplice manifestazione di incompetenza, o tutte e tre le cose.

    RispondiElimina
  137. Leandro Damiao alla juve no, eh!

    RispondiElimina
  138. Deyna, faccio l'advocatus diaboli. E posso farlo tanto marmotta capisce una sega e non farà le cose sagge, che peraltro con poca liquidità e una squadra di vecchi o di invendibili non basterebbero nemmeno a farli arrivare oltre i quarti di Champions.

    RispondiElimina
  139. In effetti la juve cerca da tre anni un grande centravanti, perchè si siano fissati con Jovetic non lo si capisce proprio.

    RispondiElimina
  140. Allora, lo dico chiaramente: Agazzi non mi convince per niente. Meno peggio del Viviano di quest'anno lo può fare, per carità, ma non mi sembra un grande passo avanti, io spero in qualcosa di meglio.

    RispondiElimina
  141. Il periodo berlinese di Montolivo, Sopra:

    http://www.youtube.com/watch?NR=1&v=MW9tBmccAAg&feature=endscreen

    RispondiElimina
  142. Onestamente non vedo grosse differenze rispetto a Sommer, siamo li.

    RispondiElimina
  143. Leo, per quel poco che ho visto, Sommer ha un grande stile e reattività, ma non ho capito se esce dai pali, ed è un po' troppo piccolo [se lo danno a 1.83, sarà 1.81...]. Courtois copre la porta in maniera impressionante, oltre ad avere i tempi di reazione di un portiere più "contenuto"...

    RispondiElimina
  144. http://www.youtube.com/watch?v=d5S57ggxmPw

    RispondiElimina
  145. Deyna non dico sia meglio Sommer, li vedo più o meno alla pari per quanto dei video su you tube possano darci un'esatta stima sul valore di entrambi. Di certo a favore del belga gioca un'età giovanissima e l'aver militato in un campionato molto più competitivo di quello svizzero. Hanno entrambi esperienza internazionale ben maggiore di Agazzi e paiono, al pari, capaci di parare il parabile, cosa questa che ci avrebbe garantito quei punti per arrivare davanti al Milan. A cifre ragionevoli sono strade percorribili, basta non svenarsi sul portiere visto la piega presa sul centravanti.

    RispondiElimina
  146. A Courtois ho visto fare grandissime parate, seguo abbastanza spesso l'Atletico...Ha una presenza in porta mostruosa, e dà una sicurezza incredibile alla difesa, per l'età. Sommer l'ho visto solo su youtube, quindi non mi spenzolo, lo stile mi piace molto, ma l'altezza e il fatto che non si veda mai uscire mi dan da pensare su questo fondamentale, e a noi un portiere che esce alto serve come il pane.

    RispondiElimina
  147. Per chiudere su Destro/Gabbiadini uno puoi prenderlo l'altro è della Roma. La mia opzione è per un centravanti giovane e se fossero entrambi disponibili sarei incerto. Comunque la polemica è pretestuosa. La Fiorentina investì tanto su Monelli ma poi la carriera ha detto che Mancini suo coetaneo era molto migliore.

    RispondiElimina
  148. Ma chi sta facendo polemica Lud, mi pare tu, non io. Destro è della Roma, Gabbiadini in comproprietà e allora ?! Più che prenderlo per scelta ce l'hanno proposto come contropartita che è ben diverso, non siamo dietro a nessuno dei due, o meglio, quello che volevano infilare come conguaglio non è stato valutato nemmeno striscio nell'ambito dell'operazione Jovetic e non so se hanno intenzione di prenderlo, dopo. Se fossero entrambi disponibili penso che l'incertezza l'avresti solo tu, al momento, proprio per i numeri che ti ho portato, la scelta cadrebbe su Destro 9 volte su 10, peccato che costi il doppio. Particolare conosciuto a tutti gli operatori.

    RispondiElimina
  149. Però la scelta non si pose per la Fiorentina di Pontello, perché quando il giovanissimo Monelli si metteva in evidenza in B e veniva acquistato, l'ancor più giovane Mancini ancora doveva debuttare in serie A. Ricordo comunque un servizio sul Guerino, mi sembra di fine '83, in cui Vladimiro Caminiti metteva a confronto i due giovani centravanti rivelazione...In garage da qualche parte ce l'ho ancora.

    RispondiElimina
  150. Ci sarebbe poi da capire cosa diavolo c'entra quel riferimento storico fra Monelli e Mancini per spiegare i valori e le differenze esistenti fra Destro e Gabbiadini oggi! Quando arranca sfoggia l'amarcord e si mette al riparo dal dover esprimere giudizi tecnici. Quella su Gabbiadini è una fissa in stile Traversi.

    RispondiElimina
  151. LELE



    Quindi, caro LUD, guarda se riesci ad abbandonare le provocazioni e i
    saggi di cultura calcistica, d'altra parte sei persona dotata di
    indubbie qualita', tra le quali l'educazione in primis.

    RispondiElimina
  152. Colonnello ma tu se' amico nostro ou amigo da onça? Che cazzo gli vai a suggerire a i' guercio? Guarda che Damiao si contenta di molto meno, non è in un buon momento, si è ristrappato nel raduno della nazionale e sarà tagliato dalla Confederations Cup, così non si può mettere in vista. Cominciano a girare le storielle che, siccome non ha fatto praticamente la lega giovanile (giocava negli amatori a 18 anni) non ha una muscolatura convenientemente allenata per il calcio professionistico. In realtà credo solo che affrettino troppo i recuperi appunto per tenerlo in vista. Insomma sarebbe il momento buono, non lo dire al guercio!

    RispondiElimina
  153. Deyna, Courtois è del Chelsea, in prestito all'Atletico e se lo coltivano per il dopo Cech, è completamente fuori portata, al massimo lo potresti avere in prestito per un anno (ma credo abbiano già rinnovato il prestito con l'Atletico). Di quelli nominati Diego Alves prima di tutti, poi Sommer, sul quale la penso esattamente come te, ma non è male, il lungagnone del City non lo conosco, Agazzi mi riempie di dubbi, Storari è roba da barzelletta, tra lui Munua e Lupatelli facciamo i tornei di terziglio?

    RispondiElimina
  154. Con Gabbiadini poi tutto nasce da quel famoso post originale, ripostato non so dove ieri, in cui dice una corbelleria sul ruolo che gli vorrebbe far ricoprire. Un giovane che ha giocato poco in serie A tenuto per le emergenze a ricoprire un ruolo, la punta di sfondamento, che non ha mai ricoperto prima. Da lì è nata una lunga diatriba sul ruolo, referenze di questo o di quello, paragoni con questo e con quello fino ad arrivare a Monelli-Mancini! Per quanto mi riguarda se mi vuoi far dire che Gabbiadini è una pippa mi dissocio subito. E' un giovane attaccante molto promettente che non avrei certo valutato dodici milioni l'anno scorso (ma il guercio quando non si tratta di fare i dispetti alla Fiorentina è generoso) e che potrà avere anche successo nel calcio italiano. Non mi spenzolo mai in giudizi assoluti ed in previsioni certe sul futuro perchè non sono bravo come te. Perchè un giovane si affermi bisogna che si realizzino anche tante condizioni al contorno che son fuori da ogni possibilità di previsione, a meno che non si tratti di Maradona, ma Gabbiadini di sicuro non è Maradona. E' un buon prospetto che a noi non può interessare visto chi ne possiedie metà del cartellino e vista la valutazione che ne dà, e punto, possiamo parlare anche d'altro d'ora in avanti?

    RispondiElimina
  155. La seconda parte del filmato è molto più naturale della prima

    RispondiElimina