.

.

giovedì 20 giugno 2013

Filosofia orientale

Leggo poco ma quel poco è di assoluto spessore, ieri ho abbandonato persino una raccolta di Alan Ford a metà, che di solito uso come spessore per pareggiare il piede mancante di una vecchia credenza tarlata, per andare ad approfondire la filosofia orientale su un sito cinese nel quale è stato pubblicato questo annuncio commerciale “Calza pelosa anti pervertiti”, un titolo dal taglio sociale profondo, un approccio diretto per non dire furibondo rivolto a risolvere concretamente la problematica della violenza sulle donne senza se e senza ma, un titolo accompagnato da un’immagine altrettanto dura che mostra un paio di collant pelosi da indossare in estate in modo da abbattere la libidine come fossero polveri atmosferiche e fermare così certi pervertiti da propositi di stupro. E mentre da noi ragazze incuranti indossano short inguinali che ci fanno venire la pubalgia, diventando incuranti ma allo stesso tempo anche inculanti, in Cina la donna si abbrutisce per spegnere i bollenti spiriti. E allora una domanda sorge spontanea come un passaggio laterale a un metro di Montolivo, ma se una donna disinnesca la propria femminilità per salvaguardarsi dal malintenzionato, allo stesso tempo mortifica anche tutte le possibilità che invece avrebbe con le sue belle gambette depilate che attirerebbero come mosche aitanti cinesi di buona famiglia e di buone intenzioni. Da noi invece non si fanno tante seghe mentali, le seghe le lasciano fare a chi le guarda perché una donna costretta a essere un lupo mannaro a gettone è una sconfitta per la nostra società, ancora di più di una partita della Nazionale di Prandelli alla Confederation Cup, si è vero che con il Giappone ha vinto ma per farlo ha usato la filosofia della donna cinese col pelo posticcio, in poche parole l’Italia si è fatta dominare, ha fatto finta di essere morta per cercare di distogliere il Giappone dall’intento di infierire, ma adesso che il livello tecnico degli avversari salirà sarà bene pensare a qualcosa di diverso da un semplice modulo ad albero di Natale per istigare la generosità altrui, perché la filosofia orientale fatta di così tanta generosità specie se davanti al simbolo del Natale non la ritroveremo più, non potremo più scartare tutti quei doni sotto forma di pali, troveremo invece l’indole ben più carognesca degli spagnoli e dei brasiliani che tenderanno a stuprarci bene bene. E’ anche vero che una squadra che gioca con l’Honda è una squadra difficile da arginare sia come ritmo che come velocità, ma è anche una squadra da sempre votata al harakiri dell’autogol, come invece nella nostra tradizione dopo lo spaghetto e il mandolino è entrato ormai di forza anche il rigore regalato a Balotelli a prescindere dalla presenza o meno in zona di Bergonzi. E se il migliore in campo è stato Kagawa bisogna riconoscere che è stata più l’Italia a fare Kagawa, comunque anche meriti alla nostra Nazionale che grazie alla sua esperienza e alla fortuna esce imbattuta da una partita che avrebbe invece meritato di perdere. Adesso bisognerà continuare a utilizzare lfilosofiia orientale per levarci le gambe pelose, anche se con il Brasile non basterà più stare lì immobili facendo finta di essere privi di ogni senso tattico, la Bice sostiene che per schifare gli avversari Prandelli farà scendere in campo tutti con la maschera di Montolivo.

70 commenti:

  1. Non ho visto la partita, vedendo solo il risultato sono contento della vittoria e soprattutto del fatto che Aquilani non si è fatto male (inizialmente ho tremato, vedendo che è stato sostituito al 30').
    Ma non ho capito, perché Prandelli ha sostituito Aquila? Stava giocando così male solo lui? Tra l'altro, subito dopo la sostituzione abbiamo beccato il secondo gol.

    RispondiElimina
  2. Risultato ottimo per chi si ricorda Italia Camerun del 1982, pareggiata forse rubata. Abbiamo ancora una settimana per migliorare la forma. Col Brasile in campo le riserve. Si comincia a giocare dalle semifinali. Fra l'altro siamo già tra le prime quattro. Forza Cesare!

    RispondiElimina
  3. Di buono c'è stato solo il risultato, perché come gioco il Giappone ci ha surclassato. Kagawa sono ancora lì che lo cercano, Pirlo sfiatato, De Rossi più dannoso che utile, Montolivo solo dannoso. Dietro: un pianto e tante grazie che Buffon è uno dei pochi fuoriclasse autentici che abbiamo. Davanti solo Balotelli più che sufficiente. Inguardabili i due bagonghi. Quanto al Giubba o ha sbagliato la squadra o ha sbagliato la preparazione.

    RispondiElimina
  4. VIGILE e JORDAN, due moderni samurai. (se qualcuno si azzarda a paragonare questo 4-3 con quello di Mexico 1970, ci saranno omicidi!).

    RispondiElimina
  5. Ho visto solo il primo tempo, poi ho pensato che quella messa non valesse il mio sonno. Onestamente, non ho mai, mai, mai visto una nazionale italiana presa a pallate in quel modo da una nazionale del rango della giapponese. L'allenatore è indubbiamente una testa di cazzo delle più monumentali, gioca un torneo che Lud ha per tempo abbondantemente spregiato profetizzando perciò esperimenti (che potevano albergare solo nel suo falotico cervello, conoscendo il Giubbotto), e organizza una tremebonda Maginot, squagliantesi come ogni Maginot, di centrocampisti lasciando Balo nel Kalahari a fruire dello Schema Unico, il lancione dainelliano. Non è dubbio che i difensori siano dei cazzoni, strisciati abituati in campionato alla grazia arbitrale e che in campo internazionale palesano la loro pochezza: il colpo di testa basso mancato da Maciste in occasione del raddoppio nipponico è una delle cagate più oscene che io abbia visto commettere da una difesa azzurra. De Sciglio è stato drogato dai troppi complimenti per la partita col Messico (è ancora guaglione! Va bene che è rossonero e quindi intoccabile da Servo in Giubba, ma una gestione più oculata dei giovani, da parte di chi nella Fiorentina è loro sempre stato nemico, si desidererebbe). A centrocampo Pirlo non regge le due partite in tre giorni, è scoppiato ed era prevedibile ma quell'imbecille dell'Importante schiera Aquilani in fuori zona santaniano e dopo mezz'ora di gioco lo crocefigge (tanto è un giocatore delle Fiorentina, chi se ne frega) invece di rimuovere il barbuto alle pompe o quella nullità del fidanzato della ciucciabonghi, umiliato dal pressing dei samurai e incapace di fornire un qualunque pallone potabile in avanti. Giac è Giac e non c'è allenatore al mondo (nemmeno il Trap) che, con le nostre risorse di campionato, non solo lo farebbe giocare, e in quel ruolo di rebbio fasullo d'attacco per di più, ma che lo convocherebbe. Nel paese del bel calcio stiamo facendo una figura da peracottari: lo siamo come popolo (De Gaulle: "L'Italia non è un paese povero, è un povero paese"), ma non vedo perché proporci col peggio antropologico della nazione (che è non-nazione) e cioè con un miserabile, benché ubbidientissimo, coglione quale maresciallo senza bastone. Doveroso: Balo è una fava sesquipedale, ma è un giocatore di calcio, onore a lui.

    RispondiElimina
  6. stefano vienna20 giugno 2013 09:57

    Non ho visto la partita, comunque tirare fuori Aquilani dopo mezz'ora è una bella bastardata. Era l'unico che non aveva giocato la partita precedente e l'ultimo nelle gerarchie, quindi quello che sentiva di più la partita, poteva tranquillamente togliere De Rossi o Montolivo. Mi spiace per Lud e per i fiorentini che hanno accolto Prandelli come un figlio, ma quando sei gobbo rimani gobbo. A prescindere dalla sua bravura come tecnico -indubbia anche se con limiti-, a livello umano lo trovo sempre più squallido. E' anche un colpo basso alla Fiorentina, perché fa capire ad Aquilani e ad altri giocatori che se giochi nella Fiorentina sei l'ultima ruota del carro azzurro. Per quello che conta, esprimo solidarietà ad Aquilani che rimane un grandissimo dal talento cristallino. P.S. Se Montolivo fosse ancora a Firenze e Aquilani a Milano, ieri sarebbe uscito il primo non il secondo.

    RispondiElimina
  7. stefano vienna20 giugno 2013 10:07

    Insomma, avete crocifisso Deyna perchè non tifa Italia, ma il calcio italiano è malato a tutti i ilvelli e la malattia si riflette sulla Nazionale. Le malattie si devono curare e il non-tifo è giustificato dal cercare di fare qualcosa per curare il malato. Tifare turandosi il naso è l'opzione dei perdenti, i veri patrioti lottano per cambiare.

    RispondiElimina
  8. Il ragionamento di Lud comunque non è peregrino: (dimenticandosi che perun anno ci ha detto che alla Confederations Prandelli avrebbe fatto esperimenti in vista del Mondiale, visto che la Confederations non conta niente e dimenticandosi pure che da due mesi si diceva convinto che avremmo giocato con il tridente Cerci - Balo - El Shaarawy), è vero che le grandi Nazionali nelle competizioni ufficiali partono piano per essere al massimo della forma per semifinali e finali. Può essere che l'Italia (ma anche il Brasile) abbia scelto una preparazione che porti i giocatori al massimo della forma per le ultime due partite: questo lo vedremo a partire dalla semifinale (con la Spagna, penso), per adesso direi di sospendere il giudizio.
    Resta il fatto - e qui il giudizio non lo sospendo - che la decisione di far giocare Giaccherini titolare, per di più come mezzapunta in appoggio a Balotelli, è incomprensibile. L'unica spiegazione può essere che lui è l'unico, o quasi, in forma edè l'unico che corre: magari lo si fa spompare nelle prime tre partite per poi inserire, a partire dalle semifinali, un giocatore di calcio: anche qui lo vedremo a partire dalla partita con la Spagna.

    RispondiElimina
  9. Sulla gestione di Aquilani sono perfettamente d'accordo.
    Comunque se non gioca non si infortuna, e va già bene.

    RispondiElimina
  10. E' tornato ufficialmente il Chiari, che per lungo silenzio parea fioco. Ha scelto cloaca per la sua rentrée: in dialogo, ovviamente, col prandellomane pazzo. L'analisi, come spesso col Chiari, è lucida e sinteticamente al punto. Mi sentirei di eccepire su De Rossi, che non ho mai valutato un fenomeno (per lui furono fantassticate cifre come quelle che oggi si sparano, ruttosportivamente, su Marchisio, giocatore melenso sul piano internazionale e che per 30 milioni potrebbe esser comprato soltanto da Stockhausen) ma che nel primo tempo di ieri è stato il più valido dei nostri centrocampisti (Pirlo da 4,5, il fidanzato della ciucciabonghi da 4). Comunque, ecco il post del Giamba:

    "20/06/2013 08:41:28 Giambattista, C’è anche dell’altro però, Ludwig, c'è la scelta suicida e ripetuta di giocare con una sola punta e senza altri attaccanti di ruolo e c'è qualcosa che preoccupa ancora di più, di questa Italia,
    un’involuzione rispetto al bel gioco che ha offerto agli europei, involuzione
    che non so se si possa addebitare solo ad un appesantimento fisico 'programmato'. Il punto debole ieri non era Aquilani, ma tutto il centrocampo, completamente in bambola. Fuori Aquilani (che io avrei lasciato mettendolo nel suo ruolo) le cose non sono certo migliorate. Le due colonne del centrocampo di questa nazionale sono Pirlo e De Rossi, due calciatori a fine carriera. La mia impressione è che se in vista del mondiale non si rinnoverà il centrocampo, mantenendo il suo livello tecnico, ai mondiali rischiamo di non
    rivedere la bella Italia degli Europei, ma di far la fine che facemmo nel 1974".

    RispondiElimina
  11. Se l'intento del Giubba era quello di presentare un'italia in maschera per non farla uscire allo scoperto troppo presto nella volata mondiale 2014, o Lud, c'è per ora riuscito benissimo, e la maschera è non solo brutta, è orripilante. Non si capisce però perché improvvisamente, annusata la semifinale, inizi con le lodi e gli incoraggiamenti a "Cesare": o non doveva strategicamente perdere questa coppetta priva di importanza?

    RispondiElimina
  12. Deyna, ogni blaterazione filogiubbesca, oltre a essere allucinatoria, lascia il tempo che trova: adesso du' ceffoni dal Brasile e quattro (come di prammatica... ahahahahahahahahahah!) dalla Spagna. Abbiamo indossato la mimetica, per i Mondiali del prossimo anno arriveremo in finale confusi col verde amazzonico... ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  13. Dopo il 'moccolo' in diretta televisiva al gol di De Rossi, anche Lassù hanno esposto lo striscione 'Prandelli scio!'. Colonnello, d'accordissimo con il Generale De Gaulle e la sua aggiunta: ci vorrebbe un Fascio (l'unico, il Sopra, ahahah) che ci rilegasse tutti!

    RispondiElimina
  14. Vedi, Gonfia, l'unica cosa che riconosco a quella fava di Ben, di cui Sopra ancora rifiuta di vedere limiti, crimini e ridicolo, è che avesse a cuore il nome d'Italia e che volesse riscattare (certo, per lo più col bluff) la nostra calpestata immagine all'estero. Il Giubba è un povero merdone italiano dei più tipici, umanamente, e il vetrioleggiamento della nostra Nazionale di cui si sta rendendo responsabile tra quegli arroganti dei brasiliani lo designa alla fucilazione per alto tradimento.

    RispondiElimina
  15. http://www.goal.com/it/news/1767/confederations-cup/2013/06/20/4061328/italia-giappone-fuori-dal-campo-sospetta-bestemmia-per-prandelli-


    "Non ricordo di preciso cosa ho detto - si è difeso Prando -, avrò solo esultato. Di sicuro non ho pronunciato la parola Dio, non lo faccio mai. In quei casi al massimo dico zio...".

    RispondiElimina
  16. http://youmedia.fanpage.it/video/ak/UcJKKuSwFp5NZu-a



    Però non vale come bestemmia, in tasca stringeva con la mano l'acquasantiera ereditata dal Trap.

    RispondiElimina
  17. Deyna, di lui non mi fiderei mai, non mi sono mai fidato, di conseguenza sono costretto a fidarmi di me stesso, ahah!

    RispondiElimina
  18. Ripropongo un semisommerso post del Gat, da cui si evince che - chissà poi perché - se non siamo andati in CL la colpa è tutta di Facundo, e non di Galliani:

    19/06/2013 16:00:08
    Gian Aldo Traversi, Bologna
    Nessuno di questi capponi ricorda che comunque gli azzurrini si sono conquistati sul campo il diritto a disputare la finale. Che hanno perso per mille ragioni. Comunque il post peggiore è quello del piccolo filo argentino e filo iberico, ormai totalmente sconnesso dal mondo reale. Senza sentimenti di appartenenza, senza niente (del resto uno che esalti l’innominabile del sito di Pollock, scivolato _e me ne dispiace_ nell’abisso dell’abominio, che testa può mai ritrovarsi? Una testa che non gli consente mai di riflettere. Filo argentino che finge di dimenticare il pescaggio diverso dei giocatori dai rispettivi club e pure il fatto, comunque notevole, che se da una parte agli ibericini sono serviti due rigori per prevalere dall’altra gli azzurrini nostri, li hanno pur sempre infilati due volte. Come non era riuscito ad alcuna altra rappresentativa. Tirando le somme è fin troppo facile concludere che con gli innesti dei De Sciglio, che il piccolo cappone filo argentino riterrà sicuramente inferiore al suo Roncaglia, Balo ed Al S. le cose avrebbero potuto prendere tutt’altra piega. Giusto giovanotto? Non c’entra, ma visto l’interlocutore c’entra, eccome: ricordarsi sempre, giovanotto filo argentino, che gli argentini con l’Italia nelle competizioni ufficiali, non hanno mai toccato terra, rimediando solo sconfitte o pareggi in casa loro nella migliore delle ipotesi, a parte una stiracchiatissima vittoria ai rigori con tutto il vomitevole tifo partenopeo che aveva trovato un’identità diversa da quella del Ciuccio con Maradona, a tifare per loro. Che pena, questi argentini. Soprattutto quelli di origine ispanica o con la faccia da Incas tipo lo sdozzo terzinaccio Facundo. Che con le sue gaffe vomitevoli ci ha precluso la Champions. Gat



    E tu, Colonnello, non scivolare oltre nell'abisso dell'abominio! Ahahahha

    RispondiElimina
  19. Pudore e vergogna sono emozioni e sentimenti legati alle relazioni interpersonali, e sono anche sintomo di distanza dall'altro, contrari della confidenza e complicità.Ecco cosa genera spesso la nazionale italiana o chi la allena. Quelle due emozioni si rivelano quando c'è un trauma o qualcosa di doloroso, brutto... e il corpo, senza controllo, le rivela. Ma la vergogna è ambivalente, delicata, compare anche temiamo di tradire l'immagine positiva che l'altro ha di noi. Per alcuni psichiatri la vergogna è una patologia dalla quale liberarsi ma...applicata al calcio, alla visione della nazionale che ha DEYNA? Ah ah ah ah ah ah ah ah....COLONNELLO, riconosco certamente i limiti del Nostro (eh eh eh eh) Benny ma sai anche che ci sono gli avversari, come direbbe Prandelli. Non ho visto la partita, non giudico, quindi, ma quel risultato diventa ancor più brutto, orrendo, senza senso se viene seguito dall'affermazione "Col Brasile spazio alle riserve"....riesce sempre a trovare una via d'uscita, il Pranda...comunque andrà s'è parato il culo!

    RispondiElimina
  20. Volevi rovinare la giornata, ci sei riuscit, col Gat.. Prendo break di protesta.

    RispondiElimina
  21. Parlando di calcio, invece, Neymar sta dando qualche assaggino di ciò che potrà fare nel Barça accanto a Messi, e col Brasile ai prossimi Mondiali [sperando in Leandro Damiao, e in una crescita collettiva di squadra che al momento è per me molto deludente]...

    RispondiElimina
  22. Balo, come si chiamano gli abitanti dei Caraibi?..."Carabinieri!"

    RispondiElimina
  23. http://www.firenzeviola.it/?action=read&idnotizia=136864



    Colonnello, leggo da sempre più parti, anche tra giornalisti, "almeno che"...Avevo sempre creduto fosse scorretto, ma ora mi fan venire il dubbio, vista la frequenza...

    RispondiElimina
  24. Sopra, il primo a fare il parallelo italia-germania é stato nientepopodimenoché Zaccheroni nell'immediato dopopartita e mi stupisce una tale inversione storica da parte sua, forse suggerita dall'emozione del harakiri, perché stavolta il 4-3 non é evidentemente meritato e ci é andata bene che i nipponici si sian fatti prendere dall'ebbrezza della spavalderia: noi,da terra, calpestati, distrutti, siamo riusciti a mollargli una pedata nelle palle e buonanotte.
    Comunque l'italia non é nuova a questi sgonfiamenti repentini, ricordate la finale dell'europeo? La' si disse che fu perché non ci si aspettava di arrivare cosi' avanti, e ora si dice che é perché si punta a andare avanti. O allora? O come si mette con questa preparazione?

    RispondiElimina
  25. Cazzo, Deyna, già piove, per cui non posso andare al mare in pausa pranzo e sono incaxxato nero, in più posti uno dei deliri del Bolognese, vuoi proprio rovinarmi la giornata.

    RispondiElimina
  26. Quel sapone del Gat s'è dimenticato di citare la principale (se non l'unica) delle mille ragioni per le quali gli azzurrini hanno rimediato la rimbussolata in finale e cioè che la Spagna era molto, ma molto più forte. Quando si dice l'onestà intellettuale...

    RispondiElimina
  27. Mitico Spinelli, e poi ce l'abbiamo noi, i braccini corti...

    "Seferovic? Vuole troppi soldi, non mi piace".

    RispondiElimina
  28. Per chi fosse interessato a vedere, o rivedere, la partita col Giappone RaiSport1 la ripropone alle 12:30. Ambasciator non porta pena.

    RispondiElimina
  29. Con questa canicola potrebbe essermi fatale.

    RispondiElimina
  30. Mi sono addormentato dopo il 3-2, vedrò il resto. Dicono che gli acidi aiutano la digestione, ahahah!

    RispondiElimina
  31. Interessante sapere cosa farà la Fiorentina con Romizi, l'impressione è che sia abbondantemente sottovalutato. Eppure, in un mercato in cui verranno investiti molti soldi per il centravanti, riportare in rosa un ottimo centrocampista giovane a costo zero non sarebbe certo una cattiva idea...

    RispondiElimina
  32. stefano vienna20 giugno 2013 12:42

    Dopo un anno dove ce ne hanno fatte di tutti i colori, ci mancava proprio l'umiliazione di Aquilani davanti a mezzo mondo. Mi sembra anche inutile nascondere la testa sotto la sabbia: Prandelli, a torto o a ragione, non si sente più legato alla Fiorentina dopo le parole pesanti di Diego Della Valle, anzi se può rema contro come una Berti qualunque. Quindi chi lo difende a spada tratta e compulsivamente, si pone in una posizione molto scomoda in quanto tifoso viola. Qui subisce un isolamento sterile, mentre sul sitone, dove la lotta ai Della Valle continua imperterrita, si fa fatica a distinguere gli adoratori di Prandelli in buona fede da quelli che usano Prandelli come scusa per portare avanti la battaglia. Che dire, attenti, che chi va con Mamma Ebe, si ebetizza.

    RispondiElimina
  33. Dopo gli abatini, gli ebetini.

    RispondiElimina
  34. E' una foto del personaggio, falso come le monete di bronzo. Nemmeno a smoccolare è genuino! Perchè dire "zio" cosa sottintende, l'innocente fratello del padre?

    RispondiElimina
  35. C'è qualcuno che si è accorto che ieri DeRossi faceva il centrale difensivo contribuendo all'aumento del casino della nostra retroguardia, non perchè individualmente giocasse male, ma èerchè poco teneva la posizione facnedo andare nei pazzi quel brindellone asimmetrico di Chiellini? Il GAT dice qualcosa del primo goal e dell'assist di Di Sciglio al giapponese?

    RispondiElimina
  36. Così Pino Vitale: "Pizarro? E' un grande giocatore e la Fiorentina farà di tutto per tenerlo, hanno giocato bene grazie a lui e a Montella, quando non c'era si vedeva la differenza".

    RispondiElimina
  37. Stefano nessuno tifa turandosi il naso, alla nazionale ho fatto tutte le critiche possibili, però un conto è criticare un conto è fare salti di gioia perchè si perde. ieri ho visto la peggior mezzora della storia del calcio italiano (considerando anche l'avversario) eppure ho tifato perchè il culo almeno ci salvasse, visto che gambe e testa erano in ipoteca, ed il culo ci ha salvato, però resta una delle peggiori esibizioni dell'Italia a memoria d'uomo ma mentre lo dico, mi girano i coglioni, non ne sono contento. Il telefono qua, continua staccato, ma domani qualcuno viene a trovarmi.

    RispondiElimina
  38. Se lo deve far giocare in una squadra senza capo nè coda, dove non si sa bene se doveva dare appoggio sulla fascia destra a Maggio come diceva il telecronista brasiliano (se è vero Prandelli è da rinchiudere e buttar via la chiave) o fare il trequartista a tempo perso è bene che lo lasci in panca, ma, magari,.dall'inizio. Uscire dopo mezzora vuol dire dargli colpe che non sono sue e che non aveva. Aveva corso ma fatto poco, come quasi tutti, ma lui, ultimo arrivato e di squadra non protetta ha pagato per tutti.

    RispondiElimina
  39. Aquilani, uno dei pochi (unico?) centrocampisti italiani che ha giocato con sostanza, segnato 7 gol (!!), ha esperienza internazionale, duttilità nell'interpretazione dei vari ruoli (mediano, costruttore- un po' meno, mezz'ala, etc)...si ritrova a portare la borraccia a gente che gioca per rendita di posizione. Se lui è stato comprato (e ben pagato) dal Liverpool e Montolivo e andato via a parametro zero (senza acquirenti, se non quelli fantasticati dalle pin-up, mentre armeggiavano con oggetti da sexi-shop) ci sarà un motivo. Mah....

    RispondiElimina
  40. Deyna, non so se hai letto: Romizi riscattato dal Bari.

    RispondiElimina
  41. Colonnello, se non hai visto il secondo tempo, o, meglio, l'ultima mezzora, non hai visto niente. fai conto che nel primo abbiamo dominato. Un centrocampo a 4 con Aquilani e Montolivo esterni è roba da Prandelli.

    RispondiElimina
  42. Dispiace per Romizi, ma almeno ora non abbiamo veramente più nulla a che fare (almeno mi pare) col clan Branchini. Aspettiamoci nei prossimi giorni qualche patetico tentativo di frecciata da parte di Pallavicino caduto da cavallo (le solite cose tipo "lui era da Fiorentina, ma la Fiorentina evidentemente non ha mai creduto in lui"), rispondiamogli "t'hai ragione, ora però ciucciati il calzino", andiamoci a fare questo squadrone per l'anno prossimo e buonanotte al secchio.

    RispondiElimina
  43. LZ vaffanculo, sei un degno epigono di quel rintronato falso bestemmiatore in panchina. Siamo tra le prime quattro avendo eliminato per una gigantesca botta di culo nientepopodimenoche il Giappone che ci ha dominato per tutta la partita e soprattutto nei 30' finali, i più osceni della storia del calcio italiano e tu vieni a parlarmi di riserve col Brasile! perchè vuoi vincere con la Spagna in semifinale? Se giocano come con l'Uruguay ne prendiamo sei questa volta. Ci aspettano due giubbate da mettere nell'album dei ricordi, forse era meglio perdere subito col Giappone e non pensarci più.

    RispondiElimina
  44. No, non stava giocando male solo lui. Non beccavamo palla e se lo metti esterno a destra non ci sta e va a vagolare per il campo dove in quel casino non era così facile raccapezzarsi. Ma era soprattutto, evidentemente, fuori ruolo, esterno in un centrcampo a quattro lo può vedere solo il Giubba.

    RispondiElimina
  45. Letto ora...A meno che non ci siano dietro problemi fisici giudicati cronici, averlo lasciato al Bari è stata una mossa sbagliatissima. Un po' se l'è voluta però, poteva cambiare procuratore, evidentemente con Pallavicino e Branchini la società viola non vuole avere più nulla a che fare.

    RispondiElimina
  46. http://www.fiorentinanews.com/2013/06/retroscena-diego-alves-valencia-e-fiorentina-daccordo-ma-lui/



    E che cazzo...

    RispondiElimina
  47. Sono molto contento per Lucone nostro che è riuscito a diventare papà, dpo la tragedia dello scorso anno.
    Giocare con la Fiorentina porta bene!!!

    RispondiElimina
  48. Dimenticavo: il rigore per noi era inesistente, quello per loro non l'ho visto e chiedo a voi.

    RispondiElimina
  49. Vediamo non accada un altro caso Alcantara eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  50. Il primo, a mio parere, netto. E ci stava pure l'espulsione per Buffon.

    RispondiElimina
  51. Rischiamo di perdere Tomovic alle buste: non sarà un fenomeno ma è un difensore abbastanza affidabile ed è buono di testa. Io spero che rimanga.

    RispondiElimina
  52. No, per me non c'erano nessuno dei due. Buffon entra a contrasto con i piedi, ma arriva prima lui sul pallone del giapponese. Comunque il rigore è tutto di Di Sciglio che sbuccia il passaggio all'inidetro e lo fa corto sui piedi del Giap.

    RispondiElimina
  53. Questa è precedente allo "zio porco" e cosa abbian da ridere tutti quei dementi sul 2-0 per il Giappone lo Zio solo lo sa.

    RispondiElimina
  54. Interessante retroscena di mercato: il procuratore di Pizarro avrebbe proposto a Pradè un giocatore certo già presente sul taccuino di Macìa: si tratta di Lichnovsky, centrale difensivo classe '94, assieme al compagno di reparto Huerta grande protagonista del Sudamericano Sub 20, tra i più forti giovani del ruolo in Sudamerica, quindi del mondo. Straordinaria personalità, freddezza, gran posizionamento e scelta del tempo, duro nei contrasti, buona tecnica e ottimi tempi d'uscita dall'area. E' anche molto buono di testa, nonostante non sia poi un gigante per il calcio d'oggi [1.85]. Migliorabile in velocità e da correggere nell'eccessiva tendenza a salire palla al piede, un po' alla Lucio o alla Mario Fernandes, cosa da limitare in Europa.

    RispondiElimina
  55. Ah dimenticavo, è cileno.

    RispondiElimina
  56. Soprattutto pensare ad un 4-4-2 con Aquilani e Montolivo esterni, uno a destra l'altro a sinistra è roba da ricovero. I due esterni bassi erano in crisi, soprattutto Maggio, ma non era colpa di Aquilani ma di quel coglione che ce lo aveva messo. Metti Candreva sulla fascia, e manda Pirlo a cagare che faceva tre passi su un mattone! Comunque hai visto l'unico pezzo di partita decente degli azzurri, gli ultimi dieci minuti del primo tempo ed il primo quarto d'ora del secondo. La tragedia è stata l'ultiima mezzora!

    RispondiElimina
  57. Deyna, bisogna vedere se dobbiamo prenderlo per poter tenere Pizarro o se al contrario è un contentino per la partenza del Pek.

    RispondiElimina
  58. Nel primo caso mi va benissimo, nel secondo mi fa digerire un po' meglio l'amara pillola...

    RispondiElimina
  59. https://twitter.com/Lbarriales/status/347689391663247361/photo/1

    RispondiElimina
  60. Pallavicino e Branchini non si prostituiscono, se non per soldi......Comunque tutto 'sto fenomeno, che a 23 anni gioca ancora nella Serie B italiana....su....su....Romizi , se era così buono, Pradè e Montella lo portavano a Firenze, poi, se è stata "vendetta" contro i procuratori, meglio.

    RispondiElimina
  61. Cerci è del Torino, sono arrivati altri 4 milioni ed anche Bakic ora è tutto della Fiorentina. Che non tornasse a Firenze dopo l'acquisto di Joaquin era quasi scontato. Dietro al Torino di sicuro c'è qualcun'altro, o Napoli o Milan, Cairo che spende quasi 7 milioni per Cerci (tra quest'anno e l'anno scorso) non ce lo vedo proprio

    RispondiElimina
  62. LELE



    JORDAN, purtroppo l'ho vista, dal 35° del primo tempo allla fine del match.
    Quello che e' incredibile e' che non solo non ci ha capito una mazza
    dall'inizio, schierando una linea centrale lenta contro dei
    velocisti, ma ha continuato a non capire una mazza fino alla fine. Da
    quando l'ho vista, Giac era il migliore dei nostri, l'unico che correva
    con costrutto e quello lo ha tolto!!! Io ho spesso criticato la sua
    convocazione, ma va onestamente detto che e' uno che si da'un sacco da
    fare e anche coi gobbi ha fatto bene quando chiamato. Ho ascoltato Giac
    dopo e a domanda di Stramaccioni che adduceva alle fasce non rafforzate
    la nostra debolezza, ( lo vedeva pure Bocelli...come che Pirlo camminava
    ed era palla persa) il Giac gli ha dato ragione. La domanda seguente e'
    stata se il clima ha influito, il Giac che non poteva aver sentito il
    santino, ha detto che no.

    DEYNA, come anche ieri riscritto, chi non ama la viola, trama contro e non e'
    riconoscente, fuori dalle palle con targa di ignobile. Come e' valsa per
    coloro che sappiamo, vale anche per Pizarro, mi aspetto da te un
    trattamento se non uguale, almeno vicino a quello del scaravaggio.



    Lele

    RispondiElimina
  63. Almeno vediamo se si chetano quelli che "l'anno prossimo si liberava a 0!", a partire dal Berciador. Oltretutto, di quelli che non rientrano nei piani della società è bene smaltirne più possibili il prima possibile, tanto per esser più sicuri di avere una casella libera nel budget degli ingaggi. E speriamo pure che i 4 milioni siano un mattoncino utile per arrivare a Gomez senza dover attendere la cessione di Jovetic, anche se l'attesa temo sia dovuta più all'attesa della liberazione dall'ingaggio del montenegrino che alla questione del cartellino.
    P.S. Bakic è tutto nostro, anche lui è un giocatore di Ramadani, a cui penso sempre più che convenga mantenere buoni rapporti con la Fiorentina.

    RispondiElimina
  64. Ma questa chiacchierona bolognese che dice di non guardare le partite in quanto passatempo plebeo, dove cazzo l'avrà visto uno che ha passato tutto l'anno tra panchina e infermeria? Ovviamente, spero non ricordi per nulla l'Inetto.

    20/06/2013 19:34:21
    Gian Aldo Traversi, Bologna
    Bakic, ottima
    visione di gioco, tecnica perfetta, testa alta. Ricorda parecchio Montolivo.
    Dunque, per gli ungulati è una sciagura.

    RispondiElimina
  65. Lele quando uno dei meno peggio è Giaccherini (in realtà ieri dopo Buffon e Balotelli è l'unico da salvare, fatti salvi i suoi limiti) hai già detto tutto.

    RispondiElimina
  66. Beh, alla fine glielo hanno lasciato con un piccolo sconto, d'altronde JoJo ci sta bloccando tutto ed è bene iniziare a mettere un po' di fieno in cascina. Sono d'accordo Jordan dubito che Cairo possa permettersi una cifra simile per Cerci, di sicuro non rimane a Torino.

    RispondiElimina
  67. Nel Mogren giocava, a Torino non ha mai visto il campo, difficile sperticarsi in elogi. E' un '93, incrociamo le dita.

    RispondiElimina
  68. gliel'avrà detto la stagista che deve fare gli straordinari all'Ospedale

    RispondiElimina
  69. Gat ha timbrato il cartellino oggi. (almeno è Bakic, non un bacato....ooops!)

    RispondiElimina