.

.

sabato 1 febbraio 2014

Le discese ardite e le risalite

Oggi per fortuna il biondo centrocampista non ci sarà a increspare la serenità del nostro vivere, a Cagliari possiamo ritrovare la giusta intimità che avevamo perso, visto che il matrimonio tra la Fiorentina e Ambrosini non è vissuto bene da tutti, anzi, nella partita interna con il Genoa si è avuta come la percezione che quello fosse stato per alcuni il momento di massima difficoltà nel rapporto tra le parti. E lo dico con cognizione di causa perché ci sono già passato, anche io ho vissuto male una esperienza simile con la Rita, ritendendo un certo momento della nostra storia come il culmine di una crisi, per accorgermi, invece, che quello era stato il momento più alto. Racconto questo episodio della mia vita privata per stemperare la tensione e aspettare, divagando, la partita che ci dovrà riconsegnare la gioia della vittoria smarrita in una mischia del cazzo a seguito di un calcio d’angolo risultato peggiore anche dell’utilizzo di Ambrosini. Conobbi la Rita in un modo curioso, mi tamponò con la macchina mandandomi a sbattere contro un albero del viale dei Colli. Mi ruppi il naso, il femore e una vertebra. La macchina dovetti buttarla, iniziò in questo modo così strano il nostro amore. E ripensandoci, oggi a distanza di anni, quello è stato il momento più bello della nostra storia. Mentre ieri c’è stato qualche malinteso tra di noi, del resto può succedere anche in famiglia, e so che dopo la mia autocertificazione del titolo di fava, titolo vacante e ambito anche in uno dei quattro cantoni della Svizzera, il fatto di avervi considerati parte della famiglia potrà destarvi un certo disagio di natura ereditaria. Ma in famiglia alla fine ci si spiega, e tutto bene o male si risolve, certo, delle volte anche in famiglia ci sono elementi di difficile gestione e con i quali si fa fatica ad entrare in sintonia. Delle volte si uccide. Anche in questo caso, e in attesa di vincere a Cagliari e poi di vincere a Udine, vi racconto come ho vinto certe anomalie di famiglia senza bisogno di uccidere e senza eredità di mezzo. Con la barba sempre incolta e un sigaro toscano incollato su un lato della bocca, a volte mezzo, aveva modi bruschi con tutti. E se c’era una rissa in un locale non esitava a frequentarla menando cazzotti e bestemmiando. Sì, d’accordo, elementi così ce ne sono sempre stati, ma a me dispiaceva averne uno nel tratto che andava da via di Serumido a piazza della Calza, forse perché dava discredito a un quartiere stranamente quieto in quel periodo, o forse perché in fondo era pur sempre mia sorella. Malintesi, niente di male se poi ci si spiega, certe volte possono addirittura diventare aneddoti divertenti come quando il fornaio di via Santa Monaca alle sei di mattina vociava “oh donne ce l'ho con l'olio” e una vocina gli rispondeva, “e io ce l'ho con la maiala di tomà che ti fa uscire a quest'ora” E a proposito di “Ambro” voglio dire che siamo una grande squadra a prescindere da chi gioca, perché siamo anche una grande società, perché ci allena un grande Mister, perché abbiamo grandi ambizioni, e perché da Manchester come da Monaco di Baviera, i giocatori vengono a Firenze attirati da progetto e gioco, abbiamo cioè lavato il recente passato, fatto prima di fallimento, poi di risalite, o meglio, come diceva Battisti, come può Franco Scoglio arginare il mare, anche se non voglio torno già a volare. Le distese azzurre e le verdi terre. E appunto le discese ardite di Cecchi Gori e le risalite dei Della Valle. E così anche io alla fine mi sono arreso e dopo tempo immemorabile ho lavato la macchina. Ora è bianca e splendente. E dire che per anni ho sempre pensato che fosse marrone. Ma ve lo ricordate Marrone in cambio di Jovetic? E non pensiate che faccia discorsi a bischero solo perché non voglio affrontare il problema Ambrosini. Non sono Ponzio Pilato. E per dimostravi che non me ne voglio lavare le mani, ma incentivare l’uomo che è sempre così restio a farlo dopo aver pisciato, ho fatto installare i nuovi lavandini nei bagni del blog.

144 commenti:

  1. Berisha alla Roma, il che mi irrita. L'ho seguito al mondiale under 17 e speravo proprio vestisse il viola, peccato.

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore1 febbraio 2014 09:42

    Io non ce l'ho assolutamente con Ambrosini, caro Pollock.
    Ho sempre detto che rispetto a Migliaccio Ambrosini è di un altro pianeta, peccato che contro il Genoa abbia giocato al posto di Mati, non al posto di Migliaccio.
    Ambrosini non è il mio ideale di calciatore ma nella rosa della Fiorentina ci può stare benissimo.
    L'importante e chi gli si faccia fare SOLO quello che può fare e SOLO quando è necessario che lo faccia.
    Se gli si chiede di fare, al posto di altri, quello che altri sanno fare molto bene, e che lui fa male, come ad esempio il playmaker, si danneggia la Fiorentina e Ambrosini stesso.
    La Fiorentina di Ambrosini non è una Fiorentina vincente.
    Quindi per me quando Montella fa queste cazzate diventa il maggior nemico di Ambrosini e non fa il bene della Fiorentina.
    Se io assumo uno steward ma poi , senza alcuna necessità, lo metto a fare il pilota, o anche il co-pilota, lo danneggio e metto a repentaglio l'aereo.

    RispondiElimina
  3. Chiarificatore1 febbraio 2014 09:57

    Quando Montella giustifica l'impiego di Ambrosini con la (presunta) stanchezza degli altri che ha sostituito, in qualche modo rivela il suo errore. Una sorta di excusatio non petita.

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore1 febbraio 2014 09:59

    Quanto al fatto che le discussioni più accese rivelino le vere amicizie, Pollock, sono d'accordo.

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore1 febbraio 2014 10:05

    ...e smentisce quelli che hanno dato una giustificazione tecnica all'impiego di Ambrosini.

    RispondiElimina
  6. Una squadra che ha come obiettivo lo scudetto (quasi vinto) e l'EL ha da oggi nella rosa i seguenti attaccanti: Vucinic, Tevez, Llorente, Quagliarella, Osvaldo, Giovinco. Quasi assurdo. Osvaldo prestito gratuito (!!!!) con eventuale riscatto a 18 milioni (non credo la Juve spenderà quei soldi). La Juve punta a vincere tutto ciò che c'è nel piatto; anche se si infortunassero tre attaccanti avrebbe comunque potenziale...Comunque un po' strana la situazione gobba, che ancora non ha il dopo Pirlo e Marchisio-Pogba a rischio espatrio. Il Napoli ha puntato gli esterni di mezzo mondo per prendere un francese milite ignoto, dimostrando- purtroppo per Tonga-Armero- che fuori dal sistema-Udinese o sei Cuadrado o sei MisterX (Cuadrado reietto dall'Undinese è l'unico non-sola...vedi Isla, Handanovic, Armero, D'Agostino, tutti con la maledizione di Montezuma) e Jorginho (ottimo ma mette Hamsik in partenza-li il Napoli farà cassa, molta). La Roma prende due o tre ragazzini ma soprattutto Naingollan. La viola Matri (funzionale), Diakitè (funzionale), Andow (potenziale "Il ritorno di Superman") ma viene ritenuta quella meno rafforzata del lotto. Non capisco. E Gomez non sarà il miglior acquisto? Il Milan neanche riesce a prendere Biabiany (Zaccardo, mezzo Saponara, una fetta di culo di Barbare...niente da fare...), prende un venditore di tappeti e il solito svincolato (Essien) e ne prenderà un altro-Agazzi- sempre svincolato...Termineranno 'sti svincolati 'a Gallia'!! Devi fare monumanto a Bosman, caro Galliani-oggi. Boh...ha ragione Brovarone, bisognerà avere maglia a strisce un bel dì per avere considerazione. Siamo un po' come i geni italiani, più apprezzati all'estero che in Italia. Oggi una o due punte? Cosa si prevede nella sala slot-Sitollock?

    RispondiElimina
  7. Chiarificatore1 febbraio 2014 10:23

    Ci sarà un albero di Natale, di fatto, viola a Cagliari. Quindi una punta.

    RispondiElimina
  8. Chiarificatore1 febbraio 2014 10:24

    Campagna, acquisti e cessioni, di gennaio viola perfetta.

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore1 febbraio 2014 10:29

    I media in campo calcistico, Sky incluso, sono un vero scandalo nazionale.
    Ormai l'asservimento totale alla logica dell'audience uccide la completezza e la correttezza dell'informazione.
    La maggior parte del tempo a parlare di Milan e Inter (persino a contare i peli che ha nel culo ogni loro calciatore ed ogni rutto che tira), due squadre insignificanti in questo campionato.

    RispondiElimina
  10. Stefano Armandi1 febbraio 2014 10:37

    Quando puoi permetterti di spendere 12 milioni per un ragazzino la vita ti sorride...

    RispondiElimina
  11. Handanovic non mi pare sòla nemmeno all'Inter a dire il vero, sprecato, quello si. Sicuramente la Fiorentina ha fatto una sessione di riparazione da prima della classe e onestamente non ce ne può fregare di meno di ricevere applausi da televisioni e giornali che spingono, ovvio, sempre dalla parte dei maggiori bacini di utenza (devono vendere un prodotto, sarà più facile venderlo a molti o a pochi ?!) ed è quindi utopistico aspettarsi obbiettività e oggettività. Basti pensare al 3° posto dell'anno passato, in molti hanno scritto di miracolo milan, in pochi di furto subìto dalla Viola, dopo erano in tanti, ma il malloppo già in cassaforte.

    RispondiElimina
  12. Teoricamente il Napoli potrebbe pure rallentare a Bergamo, un pareggio ci sta, ma è un risultato possibile anche per noi a Cagliari. Quando s'insegue l'è sempre maiala!!!!!

    RispondiElimina
  13. POLLOCK, come Manzotin- mi da la possibilità di parlare/comunicare e siccome so che ci leggono volevo fare gli auguri di buon compleanno a tre grandi viola: Batistuta, Pepito Rossi, mio figlio Federico. Auguri, assi!!

    RispondiElimina
  14. Chiari col Genoa Ambrosini non ha fatto il playmaker, ma la mezzala a sinistra, il play l'ha fatto Pizarro, e, ripeto, meno male che ce l'ha messo visto che è stato determinante, in positivo, sul risultato.

    RispondiElimina
  15. L'ho detto appena ieri: "Comunque io non ce l'ho con Mati che sta attraversando, finalmente, un ottimo periodo, solo che non dò in escandescenze se, in una partita temuta, credo per le condizioni non ottimali di tanti e per l'assenza di due pedine fodnamentali come Gonzalo e Borja si pensa di affidarci all'esperienza ed alla grinta di Ambrosini." La decisione tecnica è sempre legata alle condizioni fisiche, se so di correre meno mi copro di più, non ci vedo nessun smentita.

    RispondiElimina
  16. Chiarificatore1 febbraio 2014 12:14

    Mettiamola così. Comunque erano state date certe giustificazioni tecniche in relazione alle caratteristiche dell'avversario, che Montella ha indirettamente escluso.

    RispondiElimina
  17. Chiarificatore1 febbraio 2014 12:16

    Ha fatto, o per meglio dire tentato di fare, in qualità di mezzala, perlomeno il co-playmaker.
    E poi mi riferivo anche ad altre circostanze, come ad esempio a Roma, quando fu chiamato a sostituire proprio Pizarro.

    RispondiElimina
  18. stefano vienna1 febbraio 2014 12:32

    Sopra, ma allora vedi che sei proprio un radical-chic...

    RispondiElimina
  19. Sopra, tanti Auguri al tuo grande Federico!!!! A chi interessasse, tra poco su Raisport2 inizia il 2° tempo di Fiorentina-Roma Primavera.

    RispondiElimina
  20. Su Ambrogio non ho da aggiungere alla probatoria del Chiari. Vorrei sapere, Jordan, cosa significa secondo te «andare in escandescenze» se non essere in disaccordo con te: se inoltre sarebbe flemmatico uno che per marcare disaccordo col prossimo dice che l'altro «sputa merda» sul suo medianaccio del cuore, oppure che «sproloquia» perché commette, riconoscendolo, un errore di minutaggio, allora tutto è chiaro, soprattutto del tuo stato attuale e della tua capacità di rendere il pensato col detto oppure, e peggio, di avere un pensato non caotico. Poi, se si tratta di autocitarsi, potrei andare avanti ad libitum come tu fai, ma non ho vocazione patriarcale veteroslava da romanzo russo solgenitsiano né da minestre riscaldate svizzere. Sopra, Roma e Napoli hanno oggettivamente fatto un mercato di gennaio superiore al nostro, considerando la completezza clinica degli apporti (noi in difesa, dove necessitavamo, abbiamo preso Diakitè) e la natura non effimera (cioè non di prestito) di essi. Che ciò sia dovuto a disponibilità finanziarie superiori è un altro fatto.

    RispondiElimina
  21. Infatti, SEFANO, io ne facevo un concetto puramente tecnico, Berisha non è bravo, ma molto bravo e se ha la testa giusta farà parlare di sé, poi, se è vera la sua valutazione, è fuori dal mondo. Allora che prezzo può avere Boschilia, JORDAN?

    RispondiElimina
  22. Ho letto pure io i voti di quel giornalaccio roseo e ridevo di come il mondo del calcio è putrido anche nelle innocenti valutazioni dei giornalai. Essien lo conosco personalmente da quando ragazzino si prendeva con 200.000 USD, invecchiando non ha la solita potenza, comunque farà sempre meglio di quelli scarsoni che ci sono. Osvaldo è operazione strana, prestito gratuito...vero che in Inghilterra ha fatto male. Passa sotto traccia Andow, tra l'altro sul sitone tanti bischeri gli preferiscono Giorgino.... Il nostro mercato è stato buono davanti, ottimo nel mezzo (abbiamo senza dubbio il miglior centrocampo) e scarsino dietro, il solo e discreto Diakite` è poca roba, i DS potevano far di meglio.

    RispondiElimina
  23. Per inciso, e lo dico da ammiratore di Naingollan, ad Andow può solo portare le borse.

    RispondiElimina
  24. stefano vienna1 febbraio 2014 13:53

    Ciao Lele, non mi riferivo a lui (non so quanto è costato), ma al fatto che la Roma al momento si può permettere di investire come una top squadra europea. Poi sarà pure legittimo e sicuramente Sabatini è beavo, ma il gap finanziario tra noi e loro sta diventando pesante.

    RispondiElimina
  25. Al miglior Andow.

    RispondiElimina
  26. Chiarificatore1 febbraio 2014 14:07

    Dietro però non c'era tutta questa emergenza.
    Diakitè non suscita certo entusiasmo ma tutto sommato è forse la riserva che ci voleva.

    RispondiElimina
  27. Chiari, se è tanto per avere uno qualunque sì.

    RispondiElimina
  28. Chiarificatore1 febbraio 2014 14:15

    Qualcosa di più di uno qualunque, ed a quanto pare duttile nei ruoli della difesa.

    RispondiElimina
  29. Diakité è un rattoppo dell'ultimo minuto, preso dopo l'infortunio a Tomovic. Rimarrà solo sei mesi, per giugno dovrebbe arrivare qualcuno di forte, tipo Musacchio, Vidic o simili. D'altronde, ho idea che dovremo sostituire Savic, che presumibilmente verrà ceduto per far cassa.

    RispondiElimina
  30. Auguri a tuo figlio, Sopra! E complimenti per il nome scelto (anche il mio piccolo si chiama come il tuo).

    RispondiElimina
  31. A Franco Causio, Dio solo sa perché, hanno chiesto un parere sul nostro nuovo acquisto in difesa: “Diakité? I viola con l’infortunio di Tomovic dietro erano un po’ contatti… La società gigliata ha fatto bene a puntare su un giocatore che già conosce il campionato italiano. Sarà una valida alternativa”

    RispondiElimina
  32. Non lo so Lele, ma è del S.Paolo, non è un negozio da prezzi bassi.

    RispondiElimina
  33. Auguri a tuo figlio Sopra! Augurissimi!!!!

    RispondiElimina
  34. Bah, io ho visto un mercato che non ha spostato nulla nei rapporti di forze. La Juve ha preso Osvaldo, ma tra lui e Vucinic non vedo tutta questa differenza e i problemi eventualmente non risiedevano nell'attacco, per me è più un dispetto all'Inter e per giunta senza esborsi.
    Il Napoli alla fine non ha comprato il medianone, ha preso Jorginho, è vero, ma trattasi di giocatore che con Inler e Behrami ha poco a che spartire. Hernrique non lo conosco, ma con i soldi che avevano potevano fare di più. Sulla sinistra Gholulam a posto di Armero è una scommessa. Il Francese difende poco come il colombiano e non credo che sistemerà la permeabilità della difesa.
    La Roma ha fatto l'acquistone Naingollan, buono per dare turn over al centrocampo e Toloi. Il brasiliano me lo ricordo tecnico, con buon fisico e anche tanto lento, Jordan magari potrà confermare o smentire.
    Hanno comprato un sacco di giovani promesse tra cui Paredes, veramente ottimo e una fraccata di punte. Logico che cerchino di avere sempre ricambio per i pezzi grossi che consentiranno loro l'autofinanziamento.
    L'Inter è ridicola sul campo e fuori. Avevano bisogno di punte e difensori e hanno preso Hernanes, che tra l'altro toglierà ancora più spazio a Kovacic, pagato un monte di piccioli. Non hanno nessun progetto e nevigano a vista e a cazzo.
    Noi abbiamo messo una pezza all'attacco e acquistato il prossimo crac del campionato. Andow qui diventa fuoriclasse. Tutto a zero euro per tenerci tutte le scorte per il prossimo mercato, quello dell'attacco allo scudo.

    RispondiElimina
  35. Essere in disaccordo non ha niente a che vedere con l'andare in escandescenze. Uno riguarda le opinioni che possono benissimo differire, l'altro il modo di esprimerle. Anche qui sopra "medianaccio del cuore" il "pensato caotico" "vocazioni patriarcali veteroslave (?) o minestrine riscaldate svizzere (?)" sono espressioni che indicano un modo di porsi sempre aggressivo. Io sono calmo e tranquillo, non mi rivolgo mai aggressivamente se non mi provocano, ma, quando lo fanno, lascio il fioretto e prendo il bastone e rispondo pan per focaccia. Per inciso poi io medianacci del cuore non ne ho, a me è sempre piaciuta la cicala.

    RispondiElimina
  36. Ed ecco cosa dice Albertosi del 3-3 del Genoa e di Neto: "All’inizio della stagione erano in molti a dire che Neto andava sostituito, la Fiorentina invece non ha mai cambiato idea, anche nei momenti difficili. E adesso si godono la crescita, soprattutto psicologica, di questo portiere che può ancora migliorare molto. Nelle uscite deve lavorare, però non sempre è colpa sua: ad esempio il 3-3 col Genoa è frutto di un errore di posizionamento da parte della difesa”. Mi sembra di averlo gi sentito dire da un altro su questi schermi.

    RispondiElimina
  37. Rafael Toloi sembrava un fenomeno ai tempi del Goias, quando, giovanissimo (è un '90, e si parla del 2011-12) si impose all'attenzione di tutti nel brasileirao. Passato al S.Paolo non ha fatto il salto che ci si aspettava. Alla Roma è in prestito con diritto di riscatto fissato sui 5 milioni. Ha un buon fisico, è tecnicamente molto buono per essere un difensore, è bravo nell'anticipo, ma è un po' lento nei movimenti laterali e quindi perde ogni tanto la marcatura. Sarebbe stato un bel libero, ma il ruolo non esiste più. Comunque è giovane, chissà?

    RispondiElimina
  38. Come me lo ricordavo, dunque. Lo vidi più che altro nelle nazionali giovanili, avanzava a testa alta palla al piede, alto e preciso negli appoggi ma in difficoltà se attaccato in dribbling e in recupero. Magari in una difesa a cinque potrebbe andar bene.

    RispondiElimina
  39. JORDAN, miglior attore non protagonista in "L'avvocato del diavolo"...ahahahahah....Mittticcco, JORDAN-ONE.

    RispondiElimina
  40. Se giochiamo con l'albero di natale con Aquilani, Pizarro, Andow, Mati e Ilicic e non facciamo almeno sei, sette tiri da fuori non so quando ci convinceremo a farli. Se dovesse essere questa la formazione, con Vargas dietro, penso che non ci dovrebbe essere il rischio di poco possesso palla. Una formazione simile obbliga Matri ad essere molto veloce nei tagli e ad un gioco di sponda costante. Formazione stuzzicante, tutto gioco palla a terra.

    RispondiElimina
  41. http://www.firenzeviola.it/copertina/formazioni-ufficiali-4-3-2-1-per-i-viola-gioca-anderson-15050

    RispondiElimina
  42. Stessa caratura tecnica tra centrocampisti di ieri e di oggi

    RispondiElimina
  43. Va osservato che quasi matematicamente Montella opta per il 4-4-2 quando la squadra è priva di Cuadrado.

    RispondiElimina
  44. La mia formazione e il mio modulo (3-5-2, vaneggiamento elvetico qua sotto su un 4-4-2)!!!!!! Se non vinciamo non ho scusanti, dovrò presentare le dimissioni ai DV stasera stessa dopo il match. E ora ultimi biscottini con le amiche di mia moglie (du' scorfani, una invece appoggiabile) e amabili convenevoli finali per togliersele da' coglioni e rimanere solo con la Viola.

    RispondiElimina
  45. Valencia in vantaggio 3-2 a 10' dal termine in casa del Barça, e gioca pure bene.

    RispondiElimina
  46. Sì, in effetti un 3-4-2-1 natalizio, che è 3-5-2 come sarebbe 4-3-3 il modulo col Genoa.

    RispondiElimina
  47. Tolto Pasqual (quindi Vincenzo ci legge...con il nick di chissà chi...eh eheheh...mica sarà Insipiente....ahah ahahah). Letta formazione: molto spregiudicata, molto! BLIMP, le comari di Windsor, a casa tua, cercavano Andow/Anderson, saputo che non ha la tv?

    RispondiElimina
  48. LUD, 4-4-2? Non hai la Tv? Vivi con Andow?

    RispondiElimina
  49. Fino ad ora cacca secca.

    RispondiElimina
  50. Chiarificatore1 febbraio 2014 18:54

    Questo non è un albero di Natale, è un 4-4-1-1.

    Io pensavo che al posto di Cuadrado avrebbe messo Joaquin, non il quarto centrocampista.
    Ilicic oltretutto è nullo.
    Difficile così far gol e creare occasioni.
    Spero che rimedi nel secondo tempo mettendo Joaquin.

    RispondiElimina
  51. Primo tempo con un bel possesso palla, tiri in porta zero e vincan loro. Meno male che un c'è Ambrosini.

    RispondiElimina
  52. E invece ecco qua il peggior primo tempo mai fatto quest'anno. Nessun pericolo creato, tanta lentezza e tanti passaggi fini a se stessi. Ilicic è nella sua posizione preferita ma non punta mai la porta, Roncaglia dimostra per l'ennesima volta che tra lui e il ruolo di terzino c'è un'idiosincrasia insanabile, Vargas sulla fascia è solo come una merda di cane nel Sahara se nessuno si propone per poi lanciarlo. Andow spaesato anche per il movimento desincronizzato degli altri centrocampisti che spesso occupano i suoi spazi. Più che Borja io farei entrare Joaquin perché non troviamo spazio sulle fasce e disinneschiamo Matri.

    RispondiElimina
  53. 45 minuti orrendi, atroci, brutti, inguardabili della Fiorentina. Anderson- salvo una percussione solitaria-ha sbagliato 4 passaggi consecutivi (2 sanguinosi); a destra il deserto, a sinistra tre persone con zero cross...boh.....Viola sottotono, lenti, sterili. Urge scossone.

    RispondiElimina
  54. Roncaglia dimostra di essere un pericolo pubblico in area di rigore. Non spinge quindi non è un terzino di fascia, in area è un pericolo quindi non è un centrale, ma allora che cazzo è?

    RispondiElimina
  55. Marcatore old school. Tatticamente un giocatore di hokey.

    RispondiElimina
  56. E' un 3-6-1, con Vargas che arretra a quarto di difesa in non possesso e con Matri solo come un cane e neanche in vena. Purtroppo stasera rischio forte l'esonero: la mia formazione è silurata dalle prove pessime di Vargas (smortissimo), di Andow (uno spunto, meraviglioso, il nulla prima e dopo e la totale incertezza di posizione: evidentemente non è ancora pronto e ciò spiega tante cose del suo acquisto in prestito e del perché chi la grana si prende Nainggolan), di Ilicic (che merletta il vuoto e tiene la mano al fianco dopo una corsetta, alla Mariolino Corso). Pek occiduo, ma si sapeva (due abatinate che potevano costar care, peraltro), Aquila sbuccioncello, Savic novello Dainelli con lancioni in bocca ai sardi, Fac tornato all'impulsività beota (il fallo c'è), Neto ennesima cappella in uscita ma rimedia prontamente, almeno. Se Cuadrado e Borja non stanno bene c'è solo da tentare Matos per Ilicic e Wolski per Vargas o viceversa. Ci fosse stato disponibile Sant'Ambrogio lo si buttava dentro e schiodava la partita con una giocata epica delle sue, invece nemmeno.

    RispondiElimina
  57. «chi ha la grana», qua sotto.

    RispondiElimina
  58. Pinilla ancora nostro castigatore. Era meglio se il Magno l'avesse comprato, dopo avergli fatto la corte per due anni, già dai tempi del Grosseto.

    RispondiElimina
  59. Matri «milanese», Andow alla Sissoko.

    RispondiElimina
  60. Ilicic fervidamente impegnato al culto del dio Onan.

    RispondiElimina
  61. Entra Borja?

    RispondiElimina
  62. Eh sì, Andow sostituito: voto 4,5.

    RispondiElimina
  63. Occorre togliere anche Ilicic e Vargas, le altre due grandi sorprese in negativo.

    RispondiElimina
  64. Terza abatinata devastante del Pek.

    RispondiElimina
  65. Ilicic indicibile, indicibile...

    RispondiElimina
  66. Entra Vecino, ora manca solo che ci marchi un gol...

    RispondiElimina
  67. Matri 5 a esser longanimi.

    RispondiElimina
  68. Fuori Mati? San Salvi!

    RispondiElimina
  69. Comunque, la peggior partita dell'anno. Zero occasioni da gol.

    RispondiElimina
  70. Duetto Ilicic-Savic col pallone da rugby.

    RispondiElimina
  71. Gomez, pena poco per favore!

    RispondiElimina
  72. Culo, Culo, Culo, assistici!

    RispondiElimina
  73. Lentezza spossante. Scazzate due sostituzioni su tre: né Aquila né Mati erano da togliersi. invece restano Vargas (5) e Ilicic (4, tanto per dare un voto).

    RispondiElimina
  74. Borja splendido, in mezzo al naufragio.

    RispondiElimina
  75. Servirebbe una grossa ingiustizia, per pareggiare.

    RispondiElimina
  76. Neto 6, Rodri 6, Pek 6--, Mati 6+, Borja 7: le sufficienze.

    RispondiElimina
  77. No, la perdiamo. Nulla nulla nulla.

    RispondiElimina
  78. Il risultato equo sarebbe 2 a 0 per il Cagliari, in verità.

    RispondiElimina
  79. Ahahahahahahahah... Savic! Che piedi! Che mentale! Ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  80. No, anche Pek insufficiente, 5,5.

    RispondiElimina
  81. Giovacchin male, 4,5.

    RispondiElimina
  82. Un inno all'inconcludenza.

    RispondiElimina
  83. Beh, lo meritavano, il secondo.

    RispondiElimina
  84. Chiarificatore1 febbraio 2014 19:58

    Sconfitta meritata.
    La maquina s'è inceppata.
    Attacco inesistente.
    Matri ci ha illuso all'esordio.
    4-4-1-1 con Rossi terminale offensivo è una cosa, con Matri è un'altra, da solo non regge,.
    Se non è pronto ancora Gomez, dentro Rebic in coppia con Matri.

    RispondiElimina
  85. Altro da dir non ho, se non che Matri rischia di aver esaurito la sua quota gol del girone di ritorno alla prima partita, che il Manchester sa cosa fa e la frutta bacata è spesso bella, che quando Montella azzeccherà la gente da sostituire suoneranno insieme le campane cattoliche e greco-ortodosse, che il Pek è ufficialmente da non rinnovare, che Giovacchin non deve essere usurato, che Ilicic ha avuto l'ennesima chance e l'ha suicidata, che Rebic dev'essere uno davvero antipatico al gusto dei nati sotto Vesuvio. E su Cuadrado stiamo un po' zitti, per cortesia: quando non c'è si vede! Gomez in campo con le infiltrazioni!

    RispondiElimina
  86. Coppa Italia e Uefa, altro non v'è.

    RispondiElimina
  87. Contrasti vinti zero, palle prese di testa zero, cattiveria zero. Pressati alti si perdono testa e posizioni e ... finito vino! Borja unico, insostituibile, classe! Tutto Il resto, oggi, è noia! E una grande, grandissima, IMMENSA INCAZZATUTA!

    RispondiElimina
  88. INCAZZATURA, per dindirindina!

    RispondiElimina
  89. Sì, Gonfia, una squadra di ambizioni non va così flaccida in trasferta.

    RispondiElimina
  90. Il Fac ha sfavato sul rigore e in genere non è andato bene, Foco, ma dire con balda sicurezza che è stato il peggiore oggi con tutto quel che si è visto è dura... Magari ci fosse uno da crocifiggere, magari!

    RispondiElimina
  91. Chiarificatore1 febbraio 2014 20:30

    Troppo brutta la Fiorentina oggi per essere vera.
    Sono andati in tilt.
    Forse, e sottolineo forse, con Joaquin subito al posto di uno dei quattro tenori che si pestavano i piedi, la manovra sarebbe stata più fluida.
    Resta comunque il problema di un attacco, che se non rientra alla svelta Gomez è da reinventare.

    RispondiElimina
  92. Il peggiore perché ha indirizzato la partita con un fallo da scapoli vs ammogliati. Partita poi infiocchettata da orrori al cross, qualche lancio a cazzo di cane e la sicurezza dietro di un cane da guardia morto. Fac è così, quando trova il tempo dell'intervento è da urlo, quando non lo trova è da biglietto aereo per fanculandia.

    RispondiElimina
  93. Ma non c'è dubbio che è andato male ma hai visto Savic Andow Ilicic Vargas Matri? Come fai a eleggere il Fac senza esitazioni? E già prima del rigore si giocava da schifo, se prendevi gol sulla sfavata di Neto era la stessa, non la rimediavi più uguale.

    RispondiElimina
  94. Ma può essere solo dolore, per Gomez? Perché da che calcio è calcio con le punture si va in campo, se è solo dolore e se occorre solo giocarci su un poco. Cento contro uno risorge Beberri, fasciato di bianco e di nero, prima delle 24. E nella notte si scatenerà lo Schreber, auspicando sterminio degli indios dopo raccolta nelle riserve e accusando la dirigenza di non aver comprato Ranocchia e Hübner. Domani, il Senese ci parlerà di Prandelli su un registro di tenue, delicata elegia. Caponata a sfare dalle finestre, per festeggiare. Giannelli più inarrestabile di Cuadrado nelle giornate di grazia, California Viola che ci parla dell'Incisa quale madre di tutte le sconfitte, Locke-Canterbury-ConteMascetti a complimentare il loro quattrocentosettantaseiesimo nick in una settimana.

    RispondiElimina
  95. Dichiarazioni di Vincenzino, nel dopo-partita, dedicate quasi esclusivamente a Mazzoleni. Ora, il Maz è l'infame che è, ma stasera non ha responsabilità alcuna e Montella fa male a fare il Piagnolin, il Mazzarri, il Mou dei poeri. la ricerca di alibi arbitrali produce prestazioni come quelle col Cagliari.

    RispondiElimina
  96. Due partite, quella col genoa e quella di oggi, che ci hanno riportato coi piedi per terra, se non per le ambizioni di classifica, per le aspettative che riponevamo in alcuni giocatori, primo fra tutti matri, mentre Ilicic non so proprio cosa abbia. Sapevamo della sua incostanza, ma per ora è stato mediocremente costantissimo. Dio non voglia che, come paventa blimp, gomez abbia dei problemi strutturali. Un doppio azzardo, insieme all'acquisto di rossi (su cui non sono ottimista, e appena rientrerà starò col fiato sospeso a ogni caduta), che per l'entità delle risorse impiegate ci tarperebbe a lungo le ali, col pericolo che il ciclo appena iniziato sia già finito. I giocatori sacrificabili senza grossi rimpianti (behrami nastasic jovetic, non so ancora quanto ljajic) sono finiti, l'unico su cui potremmo realizzare è cuadrado, ancora giovane, il resto della squadra sta invecchiando, mentre dispero di riprendere qualcosa da ilicic, e temo che una clausola rescissoria per rossi sia ormai pleonastica

    RispondiElimina
  97. COLONNELLO, su Valero sono stato avaro? Sbaglia Montella le valutazioni, vuoi non le sbagli io??!?? Però mi sembra che 13 su 14 li ho azzeccati, ma oggi era troppo facile. Gli scritti di LUD ogni tanto, impercettibilmente, riecheggiano. Avesse ragione lui, alla fine? Proviamo ad immaginare cosa occorrerebbe per vedere Rebíc in campo: infortuni di Gomez, Rossi, Ilicic, Matos, Matri, Joaquin, Cuadrado?

    RispondiElimina
  98. Ilicic è un giocatore che con le folosofie di gioco montelliane c'entra come i cavoli a merenda. E' giocatore che ha bisogno di spazi e di scambi rapidi per trovare posto per il suo sinistro. Se lo affoghi in un'area intasata e lo metti spalle alla porta è un bradipo ridicolo. E' giocatore da squadra veloce che riparte e la Fiorentina (purtroppo dico io) non lo fa mai, quindi perchè l'han preso è per me un mistero.

    RispondiElimina
  99. dice si poteva pareggiare, era una partita da zero a zero. Appunto, zero, come le occasioni che abbiamo avuto

    RispondiElimina
  100. Forse un'epidemia di vaiolo. però non esageriamo anche con Rebic, è un giovane ventenne che deve imparare un sacco, ma che, almeno, corre finchè non more.

    RispondiElimina
  101. l'unica cosa che non è un mistero è perchè sia stato preso :) hanno preferito tentare l'azzardo su di lui che perdere sicuro su viviano

    RispondiElimina
  102. Ma quando vedi che ti pressano costantemente sino all'area di rigore che sei costretto a far rinviare lungo Neto (una quindicina di volte solo nel primo tempo) e te da centrocampo, per la legge del possesso palla, la passi sempre indietro che senso ha, quando di testa hai visto che non ne prendi una che è una? Lanci in avanti e lo fai te il pressing e alzi il baricentro, o sbaglio? No, non sbaglio! E se sbaglio non ditemelo, la prenderei male, ahahah! (sembra una risata ma è un ghigno)

    RispondiElimina
  103. Potevan pigliare Abel Hernandez, o, meglio, Dybala.

    RispondiElimina
  104. magari l'alternativa era solo ilicic o viviano. Zamparini p pazzo, ma non scemo

    RispondiElimina
  105. Sopra, per fare quello che dici te bisogna correre, più di loro, aggredire, più di loro, buttarsi negli spazi. Noi si fa titicche-titocche e si crede di giocar bene.

    RispondiElimina
  106. Ha fatto bene i' mi' Ante a non andare in B! Ora telefono alla Sciarelli e le dico che è stato sequestrato! E' da mesi che è rinchiuso in uno scantinato dove non si fa neanche circolare l'aria! Dannazione!

    RispondiElimina
  107. Scemi son quelli che si sono incasinati con Viviano, ma non diranno che non gliel'ho detto, e in tempo!

    RispondiElimina
  108. Mi consolo col Toro, per ora.

    RispondiElimina
  109. stefano vienna1 febbraio 2014 21:13

    Troppi esperimenti nelle ultime due partite, e con una squadra decimata. Dopo Catania, bisognava ripresentare la stessa formazione o almeno lo stesso modulo. Non capisco, i giocatori non sono marionette.

    RispondiElimina
  110. Vorrei morire. Provvisoriamente (per ora).

    RispondiElimina
  111. stefano vienna1 febbraio 2014 21:29

    Boia chi molla!

    RispondiElimina
  112. Dant vulnera formam.

    RispondiElimina
  113. Ci mancaa stasera! Tanto pe' dire che 'un ci s'è capiho una mazza oggi, come me in codesta formula magiha?

    RispondiElimina
  114. Ringrazia Iddio di averla persa e spera che non te la ripropongano!

    RispondiElimina
  115. Diciamo un 4-3-1-2 di partenza almeno, con Mati dietro ad Ilicic e Matri, poi ci sono state variazioni sul tema, con Anderson che si è scambiato con Mati, nei tre davanti per finire a qualcosa che somigliava davvero ad un 4-3-3, però il casino era tale che parlare di schemi mi fa scappar da ridere.

    RispondiElimina
  116. Il solito raccomandato, ahahah!

    RispondiElimina
  117. stefano vienna1 febbraio 2014 22:33

    Non sono d'accordo, Leo. Ammetto che scrivo col senno di poi. E col senno di poi, si può tranquillamente affermare che un 4-4-2 del genere non ha senso. Due terzini che non sono terzini e quattro centrocampisti centrali. Ora, l'esperienza dice che il 4-4-2 non si fa in questo modo o almeno nessuno l'ha mai proposto in questo modo.


    Ripeto, quello detto prima di getto. Questi sono esperimenti velleitari.
    Poi magari ti dice bene e funzionano. Oggi ha chiaramente non funzionato, ma era un esperimento di gioco che stravolgeva alcuni regolarità base del gioco del calcio. Desiderio di innovazione che, in linea di massima, apprezzo.


    La cosa positiva è che, fatto l'esperimento, fallito l'esperimento, mettiamoci una pietra sopra e guardiamo avanti.

    RispondiElimina
  118. O Gonfia ma chi tu volei che mettesse Diakitè? Ante e l'avea lasciato a casa. Comunque pe' fa botte in area la palla bisogna buttaccela, nemmen quello ci riusciva.

    RispondiElimina
  119. stefano vienna1 febbraio 2014 22:42

    Il 4-4-2, almeno quello classico, sarebbe stato con un centrocampo tipo: Joaquin-due tenori-Vargas. Con Matri e Ilicic (o Wolski) davanti.


    Insomma due centrocampisti devono essere esterni, o almeno avere il passo degli esterni, con due terzini che fanno le sovrapposizioni. Quello di oggi era un 4-4-2 solo se contiamo quanti difensori, quanti centrocampisti e quanti attaccanti prendendo i ruoli dal sito del fantacalcio della gazzetta (con l'eccezione di Vargas costretto però a fare il terzino).


    Poi, nel calcio tutto può succedere, ma certo non era un 4-4-2 come sistema di gioco.


    Amen, pensiamo a mercoledì, l'astinenza da Maquina stavolta dura qualche giorno in più (oggi non pervenuta).

    RispondiElimina
  120. stefano vienna1 febbraio 2014 22:43

    Anto, ti ho risposto sopra, ma curioso di sapere che ne pensa Foco.

    RispondiElimina
  121. COLONNELLO, come da previsioni: California viola arrivato, citando "Incisa".

    RispondiElimina
  122. stefano vienna1 febbraio 2014 22:46

    L'unica volta che Montella aveva provato una specie di 4-4-2 è stato a Milano col Milan, ma appunto c'era Pasqual terzino e Vargas a centrocampo, Matos Rossi davanti. ma a sinistra non c'era Cuadrado e Joaquin entrò alla fine (se non sbaglio), quindi non si può neanche dire che fosse proprio un 4-4-2. Ma, lo era di più rispetto ad oggi.

    RispondiElimina
  123. Diceva i' mi' nonno: "Quando ho voglia di ragiona' co' un bischero e vo a pisciare" o che lo leggi?

    RispondiElimina
  124. T'ha ragione, Ante 'un c'era e lo sapeo anche. Ma sono partiho per la tangente stasera, scusa

    RispondiElimina
  125. e meno male che Yako gli è a Malaga!

    RispondiElimina
  126. Aldilà di Sacchi, Eriksson e compagnia bella io dico che al momento abbiamo una batteria di uomini che non ci permette di essere maquina senza evidenziare grosse lacune.
    Senza Cuadrado credo sia pacifico affermare che non vedremo mai una difesa a tre ed un centrocampo a cinque con due esterni.
    Senza Tomovic ( e a volte anche con lui) giocare a quattro dietro presuppone Fac terzino destro, ergo mancanza di sovrapposizioni, meno cross, meno spinta.
    Giocando a quattro dietro e a tre a centrocampo, ci esponiamo a ripartenze che i nostri mediani faticano a contenere. Inoltre Pizarro soffre la pressione spalle alla porta avversaria e se perde palla si crea l'uno contro uno coi centrali. Giocare a quattro aumenta la possibilità che a cominciare l'azione sia Savic, giocatore senza i requisiti tecnici per farlo.
    Tra i giocatori rimasti abbiamo un'ala pura come Joaquin ed un esterno come Vargas, giocatori che in qualunque modulo sono stati impegati, hanno dovuto snaturare buona parte delle loro caratteristiche a parte una o due volte che Vargas a fatto il quinto di sinistra.
    Matri è l'unica vera punta disponibile, va cercato il modo più facile di servirlo, almeno finché sarà il solo davanti. Rinunciare al cross veloce significa togliergli un cinquanta per cento della sua pericolosità.
    In sostanza io credo che:
    Quando c'è Cuadrado si deve giocare a tre dietro e a cinque a centrocampo.
    Giocando a quattro con Roncaglia esterno destro presuppone un uomo davanti a lui.
    Giocando a quattro non possiamo rischiare di aprire un buco centrale lasciando in mezzo il solo Pizarro.
    Matri va sfruttato in velocità, non è una boa, oggi ha perso tutti i contrasti.
    Ilicic sia sfruttabile solo dietro la punta e con due esterni ai lati.
    Se non sei al massimo delle potenzialità da Maquina, certe volte poi anche far far gioco agli altri e sfruttare le ripartenze.

    RispondiElimina
  127. Chiarificatore1 febbraio 2014 23:08

    Era un 4-4-1-1, con un'ammucchiata di centrocampisti puri a centrocampo che ha appesantito la manovra rendendola lenta e sterile, davanti una mezza punta che in quegli spazi stretti è scomparsa senza mai riuscire a dialogare con la punta. Matri ha bisogno di una spalla.

    RispondiElimina
  128. A me sembra una squadra che ha perso smalto e che cerca di addormentare le partite presupponendo prima o poi di trovare il goal per grazia ricevuta, senza capire che, così facendo, è più alto il rischio di pigliarlo che la probabilità di farlo. Si è giocato da cani, speriamo sia solo un episodio.

    RispondiElimina
  129. stefano vienna1 febbraio 2014 23:22

    "Giocando a quattro dietro e a tre a centrocampo, ci esponiamo a ripartenze che i nostri mediani faticano a contenere"



    Diciamo che, con Tomovic terzino destro, e con Vargas e Cuadrado esterni (il 4-5-1) abbiamo convinto a Catania, con tre gol dalle fasce e senza soffrire quasi nulla. Al momento mi sembra l'unica soluzione: il problema è che, dopo Catania, Montella ha voluto fare esperimenti che, viste le assenze e forse un calo di concentrazione generale, si sono rivelati velleitari.


    Ora, so che, come s'è giocato a Catania, non è il modulo migliore in assoluto, ma ha un vantaggio: si mettono i giocatori nel ruolo a loro più naturale.

    RispondiElimina
  130. stefano vienna1 febbraio 2014 23:23

    Concordo, in più con due terzini fuori ruolo.

    RispondiElimina
  131. stefano vienna1 febbraio 2014 23:31

    Quello che non capisco è perchè fare esperimenti del genere. In un momento del genere poi, con quattro titolari (più Gomez) fuori e addirittura con Anderson appena arrivato.

    RispondiElimina
  132. Sono precipitati, in una volta, problemi e difetti latenti o anche già denunciati ma non mai aggressivi in simultanea come stasera. Roncaglia ha ceduto di nuovo all'impulsività, Savic ha perso presto il bandolo degli spazi e coi piedi ha fatto ridere come sa, Vargas faceva il quarto in non possesso ma già così fragilizzava e non poteva/riusciva a pungere davanti, il Pek sta tramontando, Andow non era pronto, Matri dopo l'abbaglio iniziale sta tornando ad essere quel che dimenticavamo che fosse, Ilicic è indubbiamente un contropiedista ma nulla può giustificare la prestazione odierna (come di altre volte) e il fatto che sia rimasto in posizione così arretrata, Montella non sa leggere le partite durante (Aquila e Mati erano dei meno peggiori, soprattutto il cileno, Ilicic andava cambiato già all'intervallo, la difesa portata a tre e se Vargas non decollava neanche così far uscire lui, Wolski salta l'uomo e poteva dare più di un Matos che in corsie intasate non poteva offrire il suo slancio). Togliete poi Borja, Cuadrado, Rossi e Gomez, e cioè 4 titolari e tra i migliori nel ruolo al mondo, e avrete il fritto alla temperatura giusta. Davanti, in attesa (frustrante) di Gomez, visto che le abbiamo provate tutte, una volta con Rebic vicino a Matri la vogliamo provare? Oh, ma una! E a provare un tempo almeno con Wolski ci si perde così tanto? Si andrebbe peggio che stasera? Piuttosto preoccupa che Andow, che avevamo tutti sospirato, dimostri di aver bisogno di un bel po' di lavoro per mettersi a livello. E intanto un Pek così, pur per me che sono allergico alla medianeria trinariciuta, non offre più il surplus di creatività efficiente che compensi con gli interessi la sua mediocrità agonistica. Dietro, non ripeterò mai abbastanza che la ricetta che meglio ci conviene è la difesa a tre. Le nostre lacune dalla difesa a quattro sono sovraesposte. Il mercato di gennaio non vale quello della Roma e del Napoli, è inutile far del vittimismo coi mezzi d'informazione ce laureerebbero ingiustamente le altre, è la verità e basta. E un Hernanes noi a Firenze non l'abbiamo portato. E Osvaldo in prestito secco è arrivato alla Juve: uno potrebbe dire, perché non da noi dopo tanto che se ne parlava?

    RispondiElimina
  133. «che laureerebbero», qua sotto.

    RispondiElimina
  134. Gli utenti di Fiorentina.it concedono sufficienza solo a Borja (6,20); tra il 5 e il 6, nell'ordine, Neto, Rodri, Pek e Mati. Sotto il 5,5 tutti gli altri, con punte di particolare infamia per Roncaglia, Ilicic e Montella. Era per dare il polso della tifoseria, che mi sembra, dopo tutto, vox Dei.

    RispondiElimina
  135. Aggiungo che, pur considerando il Pek non dei peggiori (personalmente gli darei un 5,5, come gli utenti cloacali, e solo per il quarto d'ora finale, di disparizione completa, sennò l'avrei tentuto a sufficienza strettissima), come scrivevo sotto lo ritengo sistemicamente un handicap quando non attinge il 6,5, perché fa mancare alla squadra troppo in fase di non possesso, foss'anche di deterrenza fisica, mentre la rischiosità del suo gioco diventa per noi micidiale se non (più) assistita dalla rapidità (stasera tre cappelle abatinesche, con ripartenze sarde per fortuna non letali). Insomma, il sostituto del Pek manca crudelmente e ciò sciupa le prospettive del tikitaka.

    RispondiElimina
  136. Certe volte bisogna fare i conti con quello che hai. Non dico che si debba fare una rivoluzione copernicana, ma solo che i moduli ed il modo di giocare non possono prescindere dai giocatori che hai a disposizione. Quando potevamo fare il 3-5-2 cambiando solo un uomo non l'abbiamo fatto cercando soluzioni alternative che spesso hanno reso più di quello che potevano, oggi credo che i problemi superino le potenzialità. È una situazione transitoria, certo, ma i punti persi pesano sempre uguale. È una questione di complementarietà tra gli uomini a disposizione ed il nostro modo di giocare standard, se questa viene a mancare, non potendo cambiare le risorse umane, bisogna per forza modificare qualcosa tatticamente. Giocare a tre senza un uomo che copra tutta la fascia destra è impossibile, Colonnello. Come è impossibile aspettarsi che Fac tiri fuori la tecnica per i cross o i tempi e lo spunto per sovrapporsi. Oppure che Savic trovi la morbidezza di piede per cominciare bene l'azione. O che Ilicic comprenda il modo di incrociarsi delle punte. La filosofia di gioco è una cosa importante, è quella che ci ha portato ad essere quello che siamo, ma non può prescindere dai giocatori che la debbono attuare. Altrimenti basterebbero davvero i numerini.

    RispondiElimina
  137. Cuadrado copre tutta la fascia destra sopra la difesa, Foco. Oggi (oggi, però, non ieri e non domani) non c'era, ma ti arrangi con un falso destro quinto di centrocampo piuttosto che fragilizzare il sistema. Una pezza da una parte la puoi mettere, Foco, ma non puoi rappezzare tutto il vestito se trascuri una scucitura. Quindi Fac, Rodri, Savic sempre in difesa, Cuadrado e Vargas sempre esterni, e a centrocampo valutare di volta in volta, con la coscienza però che il Pek deve scendere in campo solo se visto poter rendere a un livello, come ho scritto, non inferiore al 6,5, sennò ci perdi troppo su altro piano. Davanti sempre due, perché se non assisti il centrale (che poi è Matri, cioè non un fenomeno, anche se buon giocatore, tuttavia di facile riflesso conigliesco se le cose non vanno a puntino) imbottigli e rallenti.

    RispondiElimina
  138. Senza Cuadrado cinque a centrocampo e tre dietro sarà difficile vederli, perché di uomini che possano tenere la fascia non ne abbiamo ( Mati?Aquilani? ).
    In queste situazioni credo non sia un'eresia rinunciare ai tre tenori per un esterno in più, a patto che ognuno faccia quello che sa fare. Pek per me è stato il meno peggio a centrocampo, le difficoltà le ha avute per il non movimento degli altri ed è stato uno dei pochi a correre dal primo al 90'. È penalizzato certamente dal modulo che lo costringe a tornare viso alla porta nostra, ma non è questione di scarsa forma sua. Speriamo sia stato solo una partita storta, ma io qualche variante tattica in più la terrei in considerazione.

    RispondiElimina
  139. Ribadisco, Foco, che un contingente arrangiamento è preferibile a una soluzione tattica che per noi, coi quattro in difesa e coi tre (di cui due fasulli) davanti, è deleteria su più vasta scala. E comunque, l'abbandono del modulo per noi migliore è avvenuto anche con Cuadrado disponibile. Credo ad ogni modo che molti dei problemi emersi e che sotto ho descritto esulino dal modulo o ad esso si aggiungano.

    RispondiElimina