.

.

sabato 15 febbraio 2014

Firenze

Uno dei grandi vantaggi di vivere in questa città è senza dubbio la possibilità di vedere la Fiorentina dal vivo, e quindi a partire da questo sabato mattina presto, anche trascorrerci un’intera giornata con la speranza, arrivati a stasera, di fare fuori Mazzarri. Di vederlo lì a pochi metri rosso di rabbia, perché no anche grazie a un gol del subentrato Mario Gomez. Ci sarebbe poi il lampredotto con la salsa verde che ti apre un mondo, un po' come quando si aprono le porte del Corridoio Vasariano. E poi le continue mostre d’arte che si susseguono insieme alle emozioni, arricchendo il calendario dei grandi eventi con date alcune significative e altre meno. Ma anche là dove certe mostre d’arte lasciano più che perplessi torna in aiuto ancora una volta il fatto di vivere proprio qua. A Firenze. Mi raccontava il Bambi che per fare il ganzo con la sua nuova fiamma oggi non più sfiammata dal crack come un tempo, è voluto andare a vedere una mostra al Forte Belvedere di uno scultore contemporaneo di quelli molto concettuali, uno che realizza le sue opere saldando insieme reti da letto, cerchioni di biciclette e vecchi rottami di ferro. Mi ha voluto rendere partecipe della sua emozione per aver visto cose meravigliose da lassù, appunto. Come se fosse stata ancora la prima volta. Poi però di essere dovuto entrare a vedere la mostra. Firenze del resto è panorama e scorcio, dove ti giri ti giri, rimani impanato nelle sue vedute e la tua anima immagazzina emozioni con il grandangolo. Renzi Premier, Nardella reggente, e per un nuovo reggente c’è sempre un autoreggente in città che fa bella mostra di se da qualche taglio di gonna, ed è subito marmo, rinascimentale e non. Alzi il naso in direzione della Loggia dei Lanzi e ti viene da chiederti “A che ora è la fine del mondo?” No, perché così mi regolo e non perché vorrei fare chissà che cosa. Andrei a prendere la Rita e Tommaso, un gelato da Grom e un caffè da Robilio, senza dire tante parole. Mi guarderei tutto intorno e assaporerei la bellezza, anche quella di passare del tempo insieme alle persone che amo. Farei una bella passeggiata, senza l’ombrello se piove, un tuffo nell’Arno se potessi. Guarderei il gol di Gomez a Mazzarri o guarderei giù dal Campanile di Giotto, per vedere le nuvole e galleggiarci un po’, prima di vedere il tramonto dietro al Ponte Vecchio. Mangerei un pan di ramerino senza bere e senza nemmeno strozzarmi, userei le pagine di Stadio per farci delle barchette da mettere nella fontana del Nettuno, Tommaso potrebbe addirittura mangiare la frutta senza lavarla. E invece del naso al Porcellino toccherei ancora una volta il culo alla Rita. E poi, dipende da che ora si è fatta e quanto tempo c’è rimasto ancora. Forse un succo di pomodoro e un panino tartufato dal Procacci ci rientra, e se poi non dovesse finire, avrò passato una bellissima giornata.


145 commenti:

  1. La possibilità di vedere la Viola allo stadio è una cosa che vi invidio almeno quanto il fatto di avere Firenze come casa o a pochi chilometri. Vedere la Fiorentina dal vivo non è che sarebbe impossibile per me, in fondo sono a un paio d'ore abbondanti dallo stadio, ma comporterebbe una pianificazione di una giornata intera, e io sono troppo pigro pure per decidere ora cosa mangerò a pranzo. Ho Sky, cosa che che comporta una spesa non indifferente, ma alla quale non rinuncerei mai solo per non privarmi della possibilità di godermi la mia Fiorentina. Fiorentina della quale adesso ho una percezione completa, mentre, invece, fino ad una decina di anni fa potevo solo immaginarmela , aiutato dalla radio e dai cinque minuti scarsi di servizio sulla partita trasmesso alle sei e mezza. Era un amore a distanza, come quelli che vanno tanto di moda ora. E come in un amore a distanza, sapevi poco della dell'oggetto del tuo sentimento, quel poco che potevi assorbire nel breve tempo che ti veniva concesso. Adesso ho la possibilità di sapere e vedere tutto della Viola, anche se in parte rimpiango quella lontananza, perché ,grazie a lei, gente come Bati, Baggio, Antognoni per me ha assunto una connotazione quasi mitica.
    Ed è anche grazie ai miti che la fede mantiene la sua forza.

    RispondiElimina
  2. Quanto a Renzi sono certo che avrà dormito il sonno del giusto.

    Anche se non sono di Firenze mi è venuto un groppo alla gola nel vederlo ieri per l'ultima volta con la fascia tricolore gigliata.

    RispondiElimina
  3. Avendo studiato a Villa ai Tatti e all'Istituto europeo (dove con sorpresa del Chiari mi hanno accettato) credo di aver respirato l'aria di alcuni dei più bei luoghi di Firenze, con qualche incursione allo stadio, anche se, purtroppo, non erano anni buoni e non si poteva vedere una grande Fiorentina: la prima volta era l'anno di Laudrup e della retrocessione in B, la seconda in B c'eravamo perchè si stava risalendo dopo il fallimento. Ma l'avvento di Sky anche per me ha significato visione costante e ravvicinata di ogni partita, dunque vero strumento di conoscenza del calcio. E c'è da chiedersi come si faceva prima, quando c'era solo Tutto il calcio minuto per minuto e la trasmissione di Valenti. Le mie lezioni di tattica le ho prese da Prandelli, ed ecco il perchè di una ammirazione che non mi è passata. Poi Montella mi ha offerto uno spettacolo nuovo, diverso e altrettanto apprezzabile. Un paio di giorni fa avevo scritto che la formazione per stasera l'avrebbero fatta i preparatori atletici e sembra che sia così, con in campo diversi degli assenti di martedì, da Vargas ad Ilicic a, speriamo, Wolski. Fuori il mio nuovo mito, Joaquin, credo, per ragioni puramente fisiche.

    RispondiElimina
  4. Lud, ma se di Joaquin dicevi peste e corna?! Se le lezioni di tattica hai dovuto aspettare Prandelli per averle, allora sei come il sarto dei «Promessi Sposi», un homo unius libri, e Prandelli sta in effetti alla grammatica del calcio come «I reali di Francia» stanno alla letteratura.

    RispondiElimina
  5. A dire la verità la prima volta che l'ho visto mi è sembrato un grande acquisto e l'ho scritto, per come giocava la palla, poi è scomparso per ragioni fisiche e di adattabilità al calcio italiano. Infine lo si è visto ricomparire con prestazioni sempre più convicenti. Certo ha trentadue anni e gioca in un ruolo che richiede fresche energie giovanili. Ho naturalmente visto tanti altri tecnici, ed avuto altre passioni, in viola e non, da Eriksson a Malesani a Terim, a Bearzot, oggi mi pare un po' sottovalutato, ma, ripeto, con Prandelli sono passato dalla visione di insieme alla visione e costante nel tempo nel dettaglio delle partite.

    RispondiElimina
  6. Lud io posso solo augurarmi che tu, non solo nei tuoi studi e nel tuo lavoro ma nella tua vita, sia molto diverso da come ti presenti qui.

    RispondiElimina
  7. Con qual nick si firmeranno adesso Deep-Purple e Quartagenerazioneviola? E Roger Federer? E Brugnolo? Ah, ricordi!

    RispondiElimina
  8. No, Colonnello, mio padre è originario di Castiglion Fiorentino e venne in Umbria da bambino con la famiglia a causa della povertà. I miei nonni paterni avevano radici radicate nell'aretino. Però vi svelo un segreto indicibile: sono nipote di Gianni Agnelli. Non scherzo.

    RispondiElimina
  9. CHIARI, immagina che storico può mai essere uno che altera la storia a suo piacimento, ah ah ah.

    RispondiElimina
  10. E che dimostra in generale tale approssimazione, quando non mistificazione, nell'analizzarla.

    RispondiElimina
  11. Quando capii di che pasta era fatto il troll, scrissi che mi auguravo, per la comunità, che non fosse un PM. Questo sarebbe capace di alterare le prove e sbattere dentro innocenti...

    RispondiElimina
  12. Foco, sopporteremo anche il gobbo, che vuoi che ti dica: una volta che sulla zattera di Medusa teniamo Lud si può anche tenere te come infiltrato.

    RispondiElimina
  13. Ahahahahaha, no,no, niente gobbi. È il cognome di mia nonna e due zii di mio padre si chiamano Gianni e Umberto. Uno aveva una concessionaria.

    RispondiElimina
  14. Come per mesi screditava Joaquin e Neto, per poi salire sulla barca dell`avevo detto. Più falso di lui ne esiste uno sul globo? Come falsa la sua fede viola.

    RispondiElimina
  15. Bona, POLLOCK...bona. Io sino a 10 fa ho smazzato km (600 e più- anadata e ritorno) dal paese per vedere la viola (5 o 6 volte l'anno) al Franchi; da 10 anni sono a Padova e sino a tre anni fa (riducendo da oltre 6000 a 400 i km) ho frequentato più assiduamente il Franchi ma la famiglia è cresciuta, siamo in 5 e occorrono fondi delle Cayman ogni partita (i miei tre figli vogliono vedere la villa dal vivo, mortacci!!); per assurdo ho fatto più trasferte, grazie alle distanze ridotte (Brescia, Bergamo,Verona, Treviso, Udine, Bologna, tutte ad un'oretta o poco più). Quel che scrivi stamane, POLLOCK, provoca nostalgia, quella della partenza alle 8 (perché volevo stare davanti allo stadio prestissimo per-non-si-sa-cosa), la nostalgia per Perugia in Coppa Uefa, la nostalgia per il mi' babbo (odia l'estero) che mi disse "Troviamo biglietti per Barcellona?", la nostalgia della sciarpa del Gruppo Chiava, per le foto di Federico De Luca, per l'amicizia con i leader del 7Bello, per chi veniva ad attenderti a Firenze Sud per portarti ogni volta in un bar diverso (anche a Bagno a Ripoli!)...nostalgia per essere andato all'Arechi la sera della bomba carta senza averci capito nulla...nostalgia del tratto Palazzo Pitti (per accontentare la donna)-Santo Spirito (pe' magna'!)...nostalgia di una finale che ha avuto un bell'annuncio per la mia famiglia: il mi' babbo è andato da Orbis (zona Esquilino-Roma) e ha giá prenotato i biglietti per la finale di Roma- Monte Mario per tutti, anche i miei piccoli nazisti, che intoneranno un "Fiorentina Über alles"! 'sti semi-editoriali, POLLOCK, sono colpi bassi!!

    RispondiElimina
  16. 3o rigo è "da oltre 600..." e non 6000....

    RispondiElimina
  17. Non `teniamo` un bel nulla. Tu hai fatto salire Alien nella navicella spaziale, a te ora liberarci. Usa il lanciafiamme, ma liberarlo nello spazio infinito.

    RispondiElimina
  18. A Perugia c'ero anch'io, ancora mi dolgono le orecchie per i fischi al momento del rigore di Futre.

    RispondiElimina
  19. E ridaje! Comunque «teniamo» è corretto, fin tanto che un raptus omicida non prenda su di te il sopravvento in quel di Pietrasanta. Ma, come ho già scritto, in quel caso Derrick (cui gobbesimo infetto, ragano e antisemita dice che siamo condannati il mercoledì, mentre il Gozzo se lo perde per via di Campions per dieci anni... ahahahahahahahahahah!) viene a bomba da te e AntoineRouge potrà far poco, perchè in questo caso l'infermo mentale è la vittima, non l'assassino... ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  20. Lo sospettavo.

    RispondiElimina
  21. Stasera m'aspetto la solita Inter con una punta e imbottita di centrocampisti. Prevedo Hernanes e Guarin a ridosso del loro attaccante e tre fabbri ferrai in mezzo a randellare i tre nostri. Penso che non lasceranno il solo Nagatomo su Cuadrado, ma lo raddoppierà spesso il loro interno con Jesus a rasare gli spazi che rimarranno. Tutto sta nella velocità che sapremo dare al nostro palleggio, se sarà lento allora possono diventare pericolosi, se sapremo tenere il ritmo alto, a fine primo tempo saranno già in dieci e butto lì il nome di Kuzmanovic come possibile espulso.

    RispondiElimina
  22. Purtroppo c'è Hernanes.

    RispondiElimina
  23. Il profeta è stato in dubbio fino all'ultimo, di sicuro sarà a mezzo servizio, mi preoccupa di più il solito Palacio, soprattutto se ci sarà Milito al fianco. Kovacic non pare abbia recuperato, parte dalla panchina, ma non può essere questa Inter un avversario che incute timore, non quest'anno.

    RispondiElimina
  24. Il 12 agosto 2013 mi sono espresso su Joaquin, era la sua prima partita:
    ludwigzaller • 6 mesi fa −
    Vedo che nessuno si è accorto o ha scritto che ieri sera ha fatto il suo esordio in maglia viola un grande giocatore, Joaquin, perfetto interprete del gioco di Vincenzo: tiene benissimo la palla e la "nasconde" agli avversari. ci farà molto comodo anche a centrocampo. Mi pare fra l'altro abbastanza duttile da coprire vari ruoli.
    Lo stesso giorno, a proposito di Neto:
    Ludwigzaller • 6 mesi fa −
    La tesi secondo cui doveva valutarlo (Neto) in 15 giorni era ridicola e Montella finalmente l'ha smentita dicendo che lo conosce credo a menadito cioè ne sa pregi e difetti.
    Ricordate il periodo in cui di Neto si diceva che fosse sotto esame?

    RispondiElimina
  25. Momento "cronologia" mai cancellata. LUD, attui tassidermia dei post.

    RispondiElimina
  26. Su Joaquin ha scritto "giocatore decotto e di difficile collocazione tattica", poi fino a ieri, proprio ieri, ha scritto che è giunto al posto di Ljajic. Ce li ha crettati i coglioni e si diverte a testare la nostra soglia del dolore.

    RispondiElimina
  27. Sopra, per farmi perdonare ti dedico due delle mie sciarpe. Versione estiva e invernale.

    RispondiElimina
  28. Leo mette le virgolette come gli pare. La collocazione tattica di Jiaquin è chiarissima, se mai è stato necessario spostare talvolta Cuadrado a sinistra per utilizzarli insieme. Per lunghi tratti del girone di andata è apparso a disagio anche fisicamente. Ha una età non verde rispetto al ruolo.

    RispondiElimina
  29. Spero che Hernanes sia a scartamento ridotto perchè a noi ci ha sempre fatto male, anche di Milito mi fido poco e di Palacio meno ancora. Non li piglierei sotto gamba anche perchè da noi il rischio di appagamento dopo il raggiungimento dell'obiettivo finale di Coppa c'è.

    RispondiElimina
  30. Chi non ci vuole male non gli risponde.

    RispondiElimina
  31. Volevo rispondere al post qui sotto, ovviamente, dove c'è la peste non scrivo, se non per derattizzazione

    RispondiElimina
  32. ludwigzaller Anto • 23 giorni fa -

    Per il portiere: Anto sappiamo tutti che io non sono mai stato un sostenitore di Neto.

    Ludwigzaller Deyna • 23 giorni fa -

    A questo punto Deyna questo argomento mi pare fuori tempo massimo, perchè Neto ha avuto le occasioni che si chiedevano e le ha fallite. Si tratta di un tassello di quella operazione di indebolimento della rosa che è stata portata avanti in estate, con l'acquisto di un solo costoso elemento, di altri giocatori inutili, decotti o di misterioso utilizzo, e nessun serio tentativo di rafforzare la rosa o anche soltanto di tamponare le perdite.



    Critichi Gomez, dai di inutile e decotto a Joaquin (uno dei pochi arrivati che per età lo puoi, tu, non noi, definire decotto) e di misterioso utilizzo.
    Vediamo se ancora chiedi le virgolette ad altri per fare la solita figura del cretino.

    RispondiElimina
  33. Ludwigzaller • 5 mesi fa -

    Joaquin non arriva in cambio di altri giocatori. Il prezzo sembra alto e non va a guadagnare poco.



    Ma non era arrivato in cambio di Ljajic ?! O ridicolo.......Il prezzo alto 1,2 ML, e un guadagno di 1M l'anno. Cambia sport, non fa per te, ne scrivi talmente tante che manco le ricordi.

    RispondiElimina
  34. Comunque è l'ultima volta che faccio il topo d'archivio per te. Cerchi sempre di rimanere col piede su due staffe scrivendo una cosa ed il suo contrario tanto per crearti l'alibi di averne scritto elogi e peste e corna e poi riporti quello che serve per il classico "l'avevo detto", questo lo fanno i bipolari, quelli che non scindono dal logico e dall'illogico, dal razionale all'irrazionale, tu come storico sei un disastro, come erudito te la cavi perché passi giornate ad attingere da fonti sparse, da uomo di cultura penso sarebbe gara dura fra te e Francis (non il nostro stimato) il mulo parlante. Sul calcio calo un pietoso sipario perché cosa hai scritto, scrivi e scriverai e risaputo, un prontuario di cazzate megalomani, inutili, non vere, inventate, sbagliate e scorrette che riguarderanno la sfera tecnica ed umana di tutto ciò che ruota intorno alla Fiorentina.

    RispondiElimina
  35. Leo io resto del parere che aver ceduto Ljajic prendendo come esterno Joaquin non sia stata una operazione condivisibile. Hai dato via un ventiduenne con 11 segnature in A all'attivo e decine di presenze in A ed hai preso un trentaduenne con i limiti fisici che l'età comporta. Se poi il trentaduenne dimostra di poter fare ancora bene, lo si valuta sul campo. Infatti quello che riporti si riferisce al periodo dell'acquisto di Joaquin, quello che ho riportato io al giudizio sul giocatore visto in campo. Peraltro solo nelle ultime partite l'apporto di Joaquin si è fatto sentire in modo tangibile.

    RispondiElimina
  36. POLLOCK, d'antan e straordinarie, le sciarpe. Avevo la stessa ma con fondo bianco. Tutte nel reliquiario che mia madre vorrebbe bruciare! Conservo, avvolta nel velluto come i gioielli, la sciarpa degli Ultras, l'unica fatta pre-scioglimento. E quella del Gruppo Stressato con un simil-Bati che tende una sciarpa? La Bomber Group, molto ricercata...Quella del decennale C.A.V.!! Ecco, a fine mese torno giù con la voglia di tirarle tutte fuori, con la maglia "La Nazione" data da Celeste Pin, con quella Sammontana bizzarra, con la "SevenUp" discreta....Basta!!

    RispondiElimina
  37. Leo ma che ci vai a fanculo anche te! Non gli rispondere, non ti sccorgi che fai il suo gioco? Ignoralo qualunque cazzata dica, le dice sempre più grosse, sempre le solite per provocare reazione. Siccome non si può passare allo scontro dìfisico che unico risolverebbe la situazione se si fosse faccia a faccia, e siccome lo scontro verbale è quello che cerca, non ci resta che farsi gonfiare i coglioni fino a scoppiare ma non cagarlo nemmen di striscio per vedere se si stanca da solo.

    RispondiElimina
  38. Jordan e tu lo sai, a volte resisto, altre e un mi riesce.......non ho mai capito come la stupidità possa toccare simili vertici.

    RispondiElimina
  39. Questa è per il Chiari.

    RispondiElimina
  40. E' vecchia.

    RispondiElimina
  41. Solo un idiota al cubo può dire che per sostituire Ljajic la Fiorentina ha comprato Joaquin.

    RispondiElimina
  42. E' inutile che cerchi di riportarla sul tecnico, hai scritto una cazzata, hai chiesto una prova e te l'ho dimostrata. E' arrivato a 31 non a 32 e non certo per sostituire Ljajic, altra cazzata sparsa in codesta scatola cranica inutilmente spaziosa. Tu hai fatto valutazioni su Neto e Joaquin cretine e preventive ed oggi hai avuto il coraggio di riportare un tuo scritto dove ne incensavi le doti solo dopo averli visti giocare. Sei scorretto, e stupido fino al midollo, pensi di essere furbo e fai figure imbecilli perché le persone sanno bene cosa pensi e cosa hai scritto. Smetti di tentare di rifarti una verginità, il calcio non fa per te, occupati di altro, non è materia che dischiuderà un singolo argomento a te comprensibile. Oltretutto sei scorretto e provocatore per sugo di nulla, sei maleducato, offensivo nelle tesi, come le pensi e come le sottoponi, e delle tue provocazioni, qui, nessuno ne sente il bisogno. Nessuno ti ha chiesto di tornare, nessuno, neanche il colonnello che l'aveva buttata li come provocazione e che già si pente amaramente d'averla lanciata anche perché tu non solo non hai presentato scuse, sentendoti in ragione evidentemente, quindi giuste le tue descrizioni e i tuoi pensieri riguardo ai frequentatori, ma continui con atteggiamenti che un miliardo di volte ti è stato scritto (ma non capisci e non leggi!) che non vogliamo assistere. Tu non sei in grado di cambiare, noi non abbiamo nessun obbligo di doverti sopportare, stai sul cazzo a tutti. TUTTI! Levati dalle palle e vai a raccogliere infamate da altre parti, stai tranquillo che come le attiri e le guadagni tu non c'è nessuno al mondo.

    RispondiElimina
  43. Chiari ma non vedi che è quello che vuole il farsi dare di idiota, perchè quello che vuole è farci incazzare? Se no come la spiegheresti uno che si ostina a venir qui a farsi sommergere di offese e vaffanculo? Lo fa apposta, il suo scopo è farti, farci sclerare. perciò cerchiamo di soffrire in silenzio sperando che gli venga a noia non vedendo reazioni. Accidenti a lui e a chi ce l'ha (ri)portato.

    RispondiElimina
  44. Io sulla questione dell'invito ci andrei cauto, se si vuole il capro espiatorio va bene ma chi mi dice che lui, con o senza invito, avrebbe ricominciato a scrivere qui quando gli sarebbe parso ?! E chi glielo avrebbe impedito ?! Saremmo alle solite, lui di cretino se lo vuol far dare da questo ristretto circolo di tifosi, sul sitone, quando gli danno ragione o apprezzano un suo scritto gli giunge il prurito, è nota di demerito, lui vuole vaffanculo in ogni dove, non aspira al consenso, alla stima, vuole epiteti ed improperi solenni, e si sente un ganzo. E dorme pure meglio la notte.

    RispondiElimina
  45. Se sarebbe tornato lo stesso non lo so, certo è che è stato invitato a farlo e a più rirpese e per niente per ischerzo, anche se da uno solo. Da solo gli sarebbe stato almeno più difficile dopo tutte le puttanate dette e fatte.

    RispondiElimina
  46. Giampi, una siffatta faccia di deretano come la sua non aspetta inviti, lui è uno che prende a calci la porta se smarrisce le chiavi ed entra in casa altrui ruttando e scoreggiando prima di mettersi a tavola senza lavarsi le mani, pugno sul tavolo, posate inutili e dopo il pasto chiede pure il servizietto alla padrona di casa. Pagando s'intende!

    RispondiElimina
  47. Patriarca, se continui a mandarmi accidenti mi sarà facile e ovvio rinviarteli e visto lo stato di mente in cui ti trovi facilissimo che vadano a segno. Che una persona della tua età, e che sempre mi era sembrata posata, arrivi fino alla minaccia fisica esplicita (come leggo qua sotto) contro uno che ha il torto di capire di calcio quanto io di idraulica e di giocare sulla provocazione appunto perché perché c'è un vecchio pazzo che ci sclera sopra, è quanto mai deludente. Quindi accidenti a te, Jordan, e che vadano presto a segno, pazzo d'un coglione in tilt. Circa il «a più riprese» ti ho già risposto, vecchio demente. E ora ti venga pure un cancro al culo. che non se ne può più. A proposito, vieni a dirlo a me di vederci a quattr'occhi e ti rovescio quella faccia di cazzo di cui natura matrigna ti ha dotato.

    RispondiElimina
  48. A parte il fatto che aveva usato un condizionale e non un'aspettativa e che dubito che qualcuno alzerebbe le mani per simili questioni mi pare vi stiate spingendo troppo oltre per risolvere questioni vostre prendendo spunto da un ridicolo oggetto del contendere. Che lui se la rida leggendo quello che scrivete, in questi toni, è davvero la soddisfazione più grande che potete regalargli. E non se la merita.

    RispondiElimina
  49. Delusione. Questo è quello che provo nel leggere come riuscite ad andare oltre l'inimmaginabile. Minacce, accidenti. Fatela finita.

    RispondiElimina
  50. Io vado a farmi una corsetta al Parco. Voi due smettetela cazzo!!!
    Alle tre ci sono i giovani viola a Viareggio con tanto di diretta rai.
    La vita è bella!

    RispondiElimina
  51. Sono d'accordo, Pollock, ma non è che uno può restare a leggere di accidenti e di minacce fisiche senza replicare. Tutto ciò è poi sommamente sproporzionato all'oggetto che, è vero (ma lo scrivevo già ieri), di questo putiferio gode. Ad ogni modo se non si mette calmo ti farà fare altro lavoro o ci dovrai bannare. Posso capire tutto, ma gli accidenti se li mandi alla sua famiglia e se si formalizza Lud su quel che ha scritto sotto in termini di minaccia fisica altro che belati di capra!

    RispondiElimina
  52. Minacce? quali minacce? ma sai leggere? Ho detto solo quel che succederebbe se fossimo in altro consesso. Se uno viene al circolo a prendere di continuo per il culo un consesso di persone come credi che andrebbe a finire? Solo questo ho detto. Qui può solo prendersi dei vaffanculo e se ne prende a cesti, ma, siccome i vaffanculo non lasciano il segno, anzi gli fanno piacere, lui si diverte a provocarseli. Ho detto solo di non cagarlo, quindi, se questa è una minaccia...

    RispondiElimina
  53. "...i miei piccoli nazisti", ahahahahah! Fantastico Sopra!

    RispondiElimina
  54. Rileggiti quel che hai scritto. Inoltre nessuno qui aveva mai indirizzato accidenti ad altri utenti. Di sicuro non io e non a te. Che lui provochi è evidente, si tratta di reagire proporzionatamente. Tanto, è una presenza, se nemmeno confutazioni e vaffanculo lo dissuadono. Questo è uno spazio pubblico e non lo violi se dici cazzate sul 4-3-3 e su Ljajic.

    RispondiElimina
  55. Rileggilo tu quello che ho scritto. Invito a non cagarlo, questa è l'azione che auspico, non certo una cazzottatura che sarebbe oltretutto impossibile, mi vuoi far cazzottare un "nick"? e proprio tu me lo dici con la tua versione che siamo tutti ectoplasmi staccati dalle nostre vere entità? E allora chi avrei minacciato? a chi avrei mandato accidenti? a due esseri inesistenti che niente hanno a che fare col sig XY ed il signor ZX che, tra l'altro, nemmeno so, io, come si chiamano? A parte poi questa concezione filosofica di base, che è tua, io non ho minacciato proprio nessuno, nemmeno i nick.

    RispondiElimina
  56. Li conosco tutti, tranne Ron Howard e Matteo Renzi.

    RispondiElimina
  57. Tu hai fatto e detto molto di peggio degli accidenti, che è un modo di dire e non molto di più.

    RispondiElimina
  58. Allora diciamo così, visto che io per primo non scrivo certo per dare spazio a chi si manda gli accidenti, e visto che a niente serve nemmeno quando in quello che scrivo ci metto una parvenza di poesia, vi comunico che non ho più nessuna intenzione di continuare a tenere aperto uno spazio come questo per leggere quello che sto leggendo. A me basterà prendere atto che il clima rimane quello dell'offesa per comportarmi di conseguenza. Non lo ridico due volte, e chi si ricorda che così ho fatto anche quando sono andato via da Fi.it, sa che non è un modo di dire Se ci tenete a mantenere vivo questo spazio comportatevi di conseguenza, se Lud vi fa questo effetto due sono i modi, o ne prendete atto decidendo di conviverci senza per forza iscenare tutti i giorni la solita gazzarra, ignorandolo, oppure decidete di non frequentare più questo blog. Di sicuro non permetterò più che tutto questo accada, ma non bannando, perché non ho intenzione di tenere aperto uno spazio per censurare quello che viene scritto. E se non mi diverto più chiudo. Non ci sono problemi.

    RispondiElimina
  59. Io non ho versioni di ectoplasmi, mai teorizzato nulla al proposito. Dico che, se uno non capisce un tubo di football e si diverte a far saltare i nervi al prossimo facendo lo gnorri, con questo non vi è ragione per cazzottarlo (atto che «unico risolverebbe la questione»), non lo credo inevitabile, visto che chiedi pure come andrebbe a finire se lo facesse faccia a faccia. E ribadisco che non vedo cosa c'entrino gli accidenti, per lo meno a me. Ti devi mettere il cuore in pace, Lud è qui, si diverte ad esser qui, è spiacevole che sia qui in questi termini (e mi ha fortemente deluso in ciò, lo ammetto) ma se non viene bannato (come vedi però che Pollock non vuol fare) rimarrà qui, ormai verosimilmente continuando sulla falsariga. Personalmente, a volte gli rispondo (quando ritengo che la replica abbia una valenza universale, utile alla discussione generale), a volte no. Tu, fai finta di nulla se ti fa venire il sangue agli occhi. Credo che argomenti da dibattere, in mezzo a tanti altri utenti, non manchino. Pollock, hai ragione e ti chiedo scusa per mia parte se ho contribuito all'infervoramento.

    RispondiElimina
  60. Si potrebbe fare un'eccezione per un provocatore consumato che viene qui solo per avvelenare il pozzo, sacrificando sull'altare del quieto vivere il principio della democrazia ma so già che non lo farai perché non è nella tua indole e sensibilità. Ti capisco a accetto questo tipo di comportamento.

    RispondiElimina
  61. Che è uno stronzo a provocare simili discussioni e di mandarlo a fare in culo non ci rinuncio, se è troppo subirò le conseguenze e le decisioni del padrone di casa, in tal caso rimarrà il provocatore e inizierà a svuotarsi il contenitore perché uno così la vince solo con la sua scorrettezza e maleducazione congenita. Ricordo a tutti cosa ha scritto del blog e dei suoi utenti, se si deve rispettare simili individui o rassegnarsi a conviverci obtorto collo non meravigliamoci se l'Italia versa in questo stato. A me non riesce far spallucce come fate voi, o come fa lui, ogni volta che ha avuto torto su un ragionamento o una discussione, e cioè, sempre.

    RispondiElimina
  62. Leo, i principi della democrazia sono di permettere anche a Lud di scrivere qua, e se avvelena un pozzo basta non bere da quel pozzo.

    RispondiElimina
  63. Difatti Gianni, l'ho pure scritto, non puoi farlo, capisco e accetto.

    RispondiElimina
  64. Leo, io per primo ho cercato di dare esempio di tolleranza permettendo a Lud di scrivere in questo spazio che aveva pubblicamente disprezzato. L'occasione è ghiotta per dimostrarsi superiori.

    RispondiElimina
  65. Io accoratamente ti chiedo, Lud: perché fai così? Io non so se è un «tanto peggio!» da donna (ad esempio) che, poiché ormai compromessa, pensi che a far la battona non ci rimette più niente. Io credo sinceramente che, a parte qualcuno troppo esacerbato, gli i più apprezzerebbero una tua ammissione di colpa passata e una nuova volontà costruttiva di dialogo. Altrimenti, Lud, sei nei meandri di una patologia e in quel caso capisco che ci sia poco da fare.

    RispondiElimina
  66. «i più», qua sotto: «gli» è di troppo.

    RispondiElimina
  67. Gianni, non mi ripeto fino alla noia per rompere le palle a te o a qualcun'altro. Stai facendo bene tu, ed è giusto il tuo comportamento, direi ovvio. Corretto. Mica posso violentarmi per accettare simili cose però, ho avuto scazzi col Chiari, col Colonnello, con Antoine (su questioni culinarie, più che altro fu un'incomprensione fra pescetariani e altro...) e con loro non dico di aver ricomposto o che ci sia stima nei miei confronti o mia nei confronti loro ma si è deciso di eluderci mantenendo delle giuste distanze, rispettandoci (ed a me, rispettarli, per un motivo o per un altro, non costa nessuna fatica farlo, anzi, direi il contrario) e scegliendo un approccio, quando sale di tono, di riportarlo subito sui giusti binari, lasciando cadere li la discussione e non affondando quando si capisce che quell'argomento o quella discussione è giunta ad un binario morto. Facile, facilissimo, quando fra persone, che pure non si amano, si conosce quali sono i limiti e qual'è il grado di educazione che meritano, difficile farlo con uno che con questi principi ci si pulisce le suole sullo zerbino prima di entrare in casa. A voi pare educato, urbano, corretto il suo modo di scrivere e reiterare le sue cazzate, io lo trovo insopportabile, maleducato, da stronzo nell'animo uno che ha avuto torto su tutta la linea, numeri, dati e fatti alla mano e che come se nulla fosse lo ripropone contro la logica, il buon gusto e l'intelligenza. Capisco che sono doti di cui è sprovvisto ma continuare a dire che piove quando il sole spacca le pietre è da internamento immediato, perché dovrei condividere uno spazio frequentato da un pazzo la cui soddisfazione è solo quella di farsi mandare al diavolo ?! Perché deve averla vinta lui quando tutti i frequentatori gli dicono di levarsi dai tre passi ?! In nome di quale principio devo ingoiare uno che ha descritto blog e utenti come animali, non l'ha mai visto uscire con ragione su nessun argomento pallonaro e non ha mai tentato, scrivo tentato, di capire cosa gli veniva scritto per cercare, almeno, un approccio differente con i frequentatori presenti ?! Possibile che questo singolo, porti tutti quanti a parlare di lui arrivando persino a scrivere quello che è stato scritto ?! Avesse scritto, una volta da quando lo leggo, un qualcosa d'intelligente che si avvicinasse al calcio, avesse almeno mostrato (nella sua più totale ignoranza e impreparazione verso il pallone) una simpatia di fondo, prendendosi meno sul serio, accettando l'errore (e che Orrore!!!) ed ammettendolo come tutti. Nega i suoi scritti, glieli riporti e afferma tutto e il suo contrario, anche oggi come un demente gli è stato schiaffato sotto il muso l'ennesima scorrettezza, sempre pane duro e rancio acido, ma roba scritta si suo pungo e smentita a distanze di settimane da lui stesso! Sono questi gli individui che si devono sopportare ?! Finché ne avrò la forza e la voglia lo farò, quando mi sarà passata sarà un "problema" soltanto vostro.

    RispondiElimina
  68. Leo, lui non l'ha avuta vinta proprio per niente. Lui scrive in uno spazio pubblico. Voi invece potete averla vinta. Ignorandolo. E' sufficiente non leggere quello che scrive. E se è vero che il suo scopo è quello di provocare, basta non rispondergli per disinnescarlo.

    RispondiElimina
  69. Il post precedente mi era apparso con altro nome, credvo scrivesse pollock, per questo ho parlato di concezione filosofics del nick. Gli accidenti a te? a chi ce l'ha riportato. Allora sei tu? Quanto al cazzottarlo ridico per la terza volta quel che ho scritto e che cioè, in altro consesso, se si fosse davvero ad un circolo, seduti a dei tavolini tra appassionati che parlano di calcio ed uno si comportasse come l'erudito andrebbe a finire senz'altro a cazzotti, perchè nessuno accetta di essere preso per il culo ad infinitum. Non è questo il caso, qui non si può fare (quindi non vedo dove sia la minaccia) qui si può solo reagire a parole, ma quelle gli fanno un baffo, anzi, essere offeso sembra essere il suo fine. Ergo invitavo gli amici a non cagarlo nemmen di striscio. Punto. Che è quello che mi consigliate anche voi, e allora? Non so che farò, a me essere provocato di continuo da questo cretino non mi va. Se ci sarà spazio per parlare senz intromissioni con gli altri amici parlerò, se no mi asterrò. Pollock tu puoi fare quello che ti pare, il blog è tuo, ma chi non sa tener pulito il giardino, può cambiar casa, può al limite decidere di andsre a vivere sotto i ponti, ma non la vedo la scelta più intelligente, per me è meglio imparare a togliere le erbacce.

    RispondiElimina
  70. Gondo ha sbaglio un gol alla Pazzini.

    RispondiElimina
  71. CDD, gol sbagliato gol subito.

    RispondiElimina
  72. No Jordan, la situazione semmai è quella di essersi accorti di aver fatto una cazzata a voler comprare una casa con il giardino. Di non avere cioè nessuna voglia di passare il tempo a togliere le erbacce. Non vado quindi sotto i ponti, semplicemente torno in un appartemento senza giardino.

    RispondiElimina
  73. Ma il giardino, se ben tenuto, è bello e ti dava, ti può dare un sacco di soddisfazioni, basta stare attenti alla gramigna, non è poi un gran lavoro

    RispondiElimina
  74. Due azioni due gol. Anche questo è il calcio.

    RispondiElimina
  75. Riproduco il post che ho scritto stamattina per chiedere se vi sembra provocatorio: "Avendo studiato a Villa ai Tatti e all'Istituto europeo (dove con sorpresa del Chiari mi hanno accettato) credo di aver respirato l'aria di alcuni dei più bei luoghi di Firenze, con qualche incursione allo stadio, anche se, purtroppo, non erano anni buoni e non si poteva vedere una grande Fiorentina: la prima volta era l'anno di Laudrup e della retrocessione in B, la seconda in B c'eravamo perchè si stava risalendo dopo il fallimento. Ma l'avvento di Sky anche per me ha significato visione costante e ravvicinata di ogni partita, dunque vero strumento di conoscenza del calcio. E c'è da chiedersi come si faceva prima, quando c'era solo Tutto il calcio minuto per minuto e la trasmissione di Valenti. Le mie lezioni di tattica le ho prese da Prandelli, ed ecco il perchè di una ammirazione che non mi è passata. Poi Montella mi ha offerto uno spettacolo nuovo, diverso e altrettanto apprezzabile. Un paio di giorni fa avevo scritto che la formazione per stasera l'avrebbero fatta i preparatori atletici e sembra che sia così, con in campo diversi degli assenti di martedì, da Vargas ad Ilicic a, speriamo, Wolski. Fuori il mio nuovo mito, Joaquin, credo, per ragioni puramente fisiche".
    Subito dopo ne ho scritto un altro in cui facevo presente che Joaquin mi piacque sin dalla prima partita e che non avevo mai infierito su Neto. Tutto qui, cosa ci sia di provocatorio in queste parole non lo capisco.

    RispondiElimina
  76. Pollock, se tu decidessi di chiudere sull'onda di una lite originata dalla presenza Lud confermeresti le funeree previsioni di Lud stesso, sponsorizzate dal sitone.
    Non vale assolutamente la pena incazzarsi per le provocazioni e le ossessive cazzate di Lud, che gli causano solo la disistima da parte di quasi tutti noi. L'unico a disagio dovrebbe essere lui, se non si sente a disagio alla disistima si aggiunge anche la pena.
    In ogni caso a me non costa alcuna fatica e neppure un euro ( eh eh eh) smerdare le cazzate che scrive in modo più o meno provocatorio.
    Quindi continuerò a farlo divertendomi.

    RispondiElimina
  77. Pollock, se chiudi posso portare via il contatore delle visite?

    RispondiElimina
  78. Chiari credimi, Lud non mi fa ne caldo e ne freddo, e mi sembra di averlo dimostrato ignorando le sue parole nei confronti del blog. Tutto ha un senso però fino a quando questo rimane un divertimento. Il contatore è tuo Foco.

    RispondiElimina
  79. Grazie, lo userò per darmi un tono.

    RispondiElimina
  80. Lo è un divertimento, Pollock, e te ne siamo grati.
    Jordan e il Colonnello si divertono a tirare la corda, uno nei confronti dell'altro.
    Sono come i ladri di Pisa.

    RispondiElimina
  81. Gondo ha riaperto la partita.

    RispondiElimina
  82. Fazzi, 2 a 2.

    RispondiElimina
  83. 3 a 2 per loro, se finisce così è l'ultima volta della mia vita in cui faccio il cronista.

    RispondiElimina
  84. 4 a 2, con le mie dimissioni irrevocabili.

    RispondiElimina
  85. Quest'allenatore mi sembra coglione completo dietro siamo una buca, tutti avanti a far casino protezione alla difesa inesistente, mi leva il centrocampista migliore, Capezzi, spero fosse rotto.

    RispondiElimina
  86. Oggi sembrate i blog di Yahoo!! Quel benedetto libero arbitrio, che sembra affondare l'esistenza in quella Eva maledetta, quel libero arbitrio che aveva come movente una mela (doveva essere intatta rispetto alle mire della Monsanto!), quel libero arbitrio tolto agli arbitri da Moggi&Co....Usatelo anche qui nel blog. POLLOCK, non puoi certamente chiudere, lo sai anche te; Sicuramente non va toccata la costituzione del blog, non sei come Napolitano, ma neanche si può essere cerchiobottisti. Gli svizzeri han fatto un referendum, noi non faremo referendum per lo svizzero. Boicottare il cioccolato d'oltralpe e divorare il Novi? Bruciare tutti gli orologi a cucù di legno? Ubi-banca svizzera, ubi maior all'italiana? Basta!!

    RispondiElimina
  87. DDV ha appena seguito i consigli del Gat: "John Elkann è un imbecille".
    Il minimo che potesse dire dopo le deliranti affermazioni dello stupido sui giovani ed il lavoro.

    RispondiElimina
  88. Su Repubblica un plebiscito, a favore di DDV, di migliaia di presunti ungulati:

    https://www.facebook.com/Repubblica/posts/10152202804324158

    RispondiElimina
  89. Bel gol di una nostra conoscenza, ma non dico chi e dove perché non è il mio mestiere.

    RispondiElimina
  90. Bernardeschi....................Bernarda.........Bonarda.........altro che Pigato!

    RispondiElimina
  91. Ottimo che Jo Jo abbia segnato e giocato bene, così la rube continua a sognarselo.

    RispondiElimina
  92. Ilicic-Joaquin davanti è una cosa che fatico a capire.

    RispondiElimina
  93. E poi dicono che uno si dà all'alcool!

    RispondiElimina
  94. Montella, mi auguro per noi tutti, la deve aver pensata molto e bene, questa coppia con un paio di falsi-nueve. Forse non vuole dare punti di riferimento a Rolando e Jesus, abituati a marcature "fisse". Il nostro centrocampo- così schierato- mi soddisfa ma forse si rischia intasamento. Joaquin mi sembra al momento un olivo. In spremitura. CHIARI, Jovetic con colpo da biliardo e in crescendo ma Bernardeschi inizia ad essere straordinario, a quell'età, in quel ruolo e con tutti questi gol. Se continui a conservare il Pigato il prodotto diventa "invecchiato". Troppo.

    RispondiElimina
  95. Certo che Montella più intrigante di così non potrebbe essere. Ci ha spiazzati tutti!

    RispondiElimina
  96. Non vedo Gomez in tribuna.......................eheheheheh eheheheh ehehehe.....

    RispondiElimina
  97. Su Bernadeschi sono pienamente d'accordo. Lui e Bangu i due più promettenti.

    RispondiElimina
  98. Che culo, o la fortuna-come l'ha definita il COLONNELLO martedì- solo 0-1.

    RispondiElimina
  99. Io sto rivedendo la stessa partita di martedì

    RispondiElimina
  100. Stiamo giocando veramente malissimo, non so se è per stanchezza o scarsa condizione fisica o altro. A centrocampo nessuno si smarca, i giocatori sono lontani tra loro, in attacco dei due falsissimi nove, uno cerca di venire a prendersi la palla più indietro e l'altro non è pervenuto.
    Spero che Montella nell'intervallo dia una bella strigliata e che tolga Joaquin per inserire Matri o Matos (Gomez un tempo intero nelle gambe non ce l'ha).

    RispondiElimina
  101. Infatti, è la stessa partita di martedì e il motivo è evidente come lo era martedì. Purtroppo, non ci sono troppe alternative, a parte Matri che ovviamente entrerà (spero non faccia la cazzata di togliere Ilicic).

    RispondiElimina
  102. Si rinuncia al centravanti (immagino che Matri non ne abbia ma dato che è convocato meglio all'inizio che dopo) e davanti non si hanno riferimenti decenti, per chi si alza il pallone, chi fa sponda, chi......nel mezzo, sarà stanchezza pure quella, è stanchezza senza dubbio, si dura fatica a impostare un'azione e sono più quelli che si perdono di palloni che quelli che si recuperano. Dietro si è preso un goal da dilettanti, Gonzalo e Diakhitè non salgono e lasciano Palacio in gioco, se al francese trovo attenuanti, alla sua 5a partita, dal capitano no, quella è una sciocchezza che un centrale (proprio per vie centrali ha una prateria Palacio) non può commettere, è lui che la comanda, e lui che detta il tempo e un passaggio così molle su un uomo solo nel mezzo ce l'ha lui tutto sul gobbo!

    RispondiElimina
  103. Molto, molto peggio ahimé.

    RispondiElimina
  104. Io sto vedendo qualcosa di inguardabile. Per certi aspetti inspiegabile, Non esiste formazione sbagliata che possa giustificare uno squallore del genere. Neppure la presunta stanchezza. Non si può essere stanchi già al primo minuto. L' Inter non è assolutamente irresistibile.

    RispondiElimina
  105. Deludenti in blocco Pizarro, Mati e Aquilani, stanchi quanto si vuole ma giocano da cani (con tutto il rispetto Antoine, è sottinteso).

    RispondiElimina
  106. Siamo stanchi, Anto ed atleticamente giù (da un mese). Se a ciò aggiungi le assenze di Rossi, Gomez, Borja e Savic, il risultato non può che essere questo. Ma non disperiamo: di fronte c'è l'Inter, che in difesa ha Rolando e Juan Jesus.

    RispondiElimina
  107. Per me è una questione mentale.

    RispondiElimina
  108. Leo, se giocano male tutti e tre il motivo non può che essere atletico. Sono poco lucidi, non riescono a tenere il pallone, non sono reattivi. Oltretutto, non hanno punti di riferimento in avanti, il che complica oltremodo le cose.

    RispondiElimina
  109. Concordo Antoine, analisi spietata ma corretta.

    RispondiElimina
  110. Questa volta la formazione non credo sia sbagliata (Matri non sta giocando perché è stanco), a parte l'opzione Matos, che comunque non avrebbe cambiato molto. Chiari, anche se non si può essere stanchi dal primo minuto, si può faticare dal primo minuto a reggere il ritmo degli avversari, se questi ultimi stanno atleticamente meglio. Credo che il problema sia tutto lì. Nel secondo tempo, forse, con il calo dell'Inter e con il parziale smaltimento delle tossine di martedì (accade spesso a chi è stanco), avremo modo di giocarcela. Ma non sono molto fiducioso.

    RispondiElimina
  111. Quando, una punta, un 9 con tre di numero in panchina (Matos, Gomez, Matri)...?

    RispondiElimina
  112. Entra ora, Gomez, il dino.

    RispondiElimina
  113. Ma 'unnera forigioco?

    RispondiElimina
  114. Sì, nettamente.

    RispondiElimina
  115. E allora gliè inutile ogni discorso, a questo punto. Speriamo almeno di pareggiare.

    RispondiElimina
  116. Diglielo a Montella, che sembra non capirlo. E gli è stato anche ripetuto.

    RispondiElimina
  117. Dice che sono stanchi, faccia del turn over, visto che a centrocampo abbiamo ricambi di altissima qualità. Invece insiste a schierare, e per 90 minuti, Mati, Aquilani, Ilicic, uno spompato Joaquin ( dopo il partitone di martedì) e lascia in panca Anderson a Wolski per tutta la partita. Non capisco.

    RispondiElimina
  118. Anderson, in questo momento, ha pure meno fiato di quelli che hanno giocato, deve bruciarsi un cambio dopo nemmeno un'ora perché di più non regge, senz'altro a Wolski, dopo i segnali importanti lanciati, l'avrei inserito prima vista la penuria di palle decenti per le punte. Ha garantito che godrà di maggiore spazio, che glielo conceda.

    RispondiElimina
  119. MAMMA HO PERSO LA VIOLA!!! (O AMATO KILLERAGGIO....?)
    I segnali deboli sono stati in realtà fortissimi: due falsinueve, due difensori in perenne difficoltà, ossigeno carente. Molti a chiedersi "Ma perché la Fiorentina con divisa neroazzurra?", poiché la viola per 46 minuti la palla l'ha potuta solo sognare; mancava spunto, mancava furore, mancava ardore e la giustificazione può essere solo la stanchezza, null'altro se non...la scelta tattica di Montella, che non da riferimenti all'Inter (davanti) ma neanche alla sua stessa squadra! Nessuno applicazione di schemi, difesa il balia dei movimenti di due volponi come Milito (ci ha graziato) e Palacio (snervante per i nostri difensori).  Primo tempo che poteva finire 0-3. 
    Ripresa ardore ritrovato, solo quello, che permette di chiudere nei suoi 25 metri l'Inter ma latita incisività ed il gol di Cuadrado è- per assurdo- un'autorete con papera incorporata. Ogni ripartenza Inter è un Freddy Kruger a pararsi davanti gli scudieri viola, il ritardo nell'immissione di una punta (punta-punta) ritarda e ciò rinfrancal'Inter. Sperminator-Icardi segna in fuorigioco ma tanto era lo stesso, prima o poi l'Inter avrebbe raccontato. La viola fa gioco ma nessun rumore di Maquina, solo scricchiolii del Congegno; più nervi che tecnica, più frustrazione che furore ed il risultato palesa quel che aleggiava: stanchezza fisica che ha demolito uno ad uno i calciatori. Troppo brutta questa Fiorentina che amplifica un'Inter che ha fatto sempre il suo gioco. Annotazione a parte per Amato, incompetente estremo: quel gol di Icardi era un fuorigioco netto ed enorme, come quello di Tevez contro il Verona. Li convalidano solo a quelli con maglia a strisce. Chissà Mazzarri cosa dirà...."Non parlo degli arbitri...."?. Inter molto tutelata, dopo i pianti di domenica scorsa. Pagellorrende: (rimpiangendo Savic)
    NETO 5,5: poco lucido e approssimativo ma nessun compagno lo aiuta, anzi...
    DIAKITE 5,5: ne prende poche ma dalla sua parte affondano come se lui fosse burro...
    VARGAS 5: Jonathan lo sovrasta sempre e gli concede poco o nulla...
    RODRIGUEZ 5: in calando da un po', come se la difesa dovesse essere di nuovo registrata; non riesce a dare ordine al reparto...
    COMPPER 5: serata da incubo.
    CUADRADO 6: non la spunta mai contro il Jap! Va meglio per vie centrali.
    AQUILANI 5,5: sfiancato, più mediano che costruttore. Nessuno spunto.
    MATI F. 5,5: l'unico a tentare dare il fritto ma senza sostanza.
    PIZARRO 5: compitino disastroso, con due palloni bruttissimi consegnati al Biscione.
    ILICIC 5: si nota per problemi tricologici e per aver subito una scarpata da rigore netto!
    JOAQUIN 5: si nota per problemi di fiato e per aver subito un abbraccio da rigore netto!
    TOMOVIC 6: il migliore nei pochi minuti. Bentornato.
    MATRI 5,5: prova senza esito ad incidere.
    GOMEZ 5,5: uno solo faceva miracoli.

    AMATO 4: i viola al solito picchiati ma lui nega due rigori che se hai maglia a strisce li fischiano. Gol di Icardi in fuorigioco notato anche da Stewie Wonder.

    MONTELLA 5: disorienta tutti, ad iniziare dalla sua stessa squadra. Senza profondità non riesce ad attuare nessuno schema, avendo- la squadra-  campo d'azione ristretto. Tarda molto ad immettere una vera punta ma riesce a convincere Joaquin (alle 20...20,30) che è una punta; non dimostra fiducia in Matos tanto da "finire" Joaquin per i prossimi 15 giorni, mentre le scelte sembravano più logiche se avessero visto in campo- in casa - un 9 in campo; il blackout odierno lo attribuiamo alla stanchezza? Alla sorte o...a scelte tecniche "strambe", all'apparenza bizzarre?

    RispondiElimina
  120. Io darei 3 a Montella e al suo modo di interpretare queste partite. Ogni tanto bisogna saper cambiare registro, ma non sembra nelle sue corde, purtroppo. Che ce ne facciamo di 24 giocatori se giocano sempre i soliti? E poi si parla di stanchezza! Ha paura di non raggiungere certe obiettivi e sbaglia, ha paura di rischiare, cosa poi non capisco se mette gente logora?

    RispondiElimina
  121. Invece per me , nonostante gli errori l'unico che ha meritato la sufficienza è Pizarro. Gli altri tutti bocciati.

    RispondiElimina
  122. Anderson non avrà i novanta minuti, ma se non gioca mai non li avrà mai, e poi anche così almeno per un tempo è il miglior sostituto di Valero.

    RispondiElimina
  123. Neto s.v. , incolpevole sui gol , nessun intervento degno di nota.

    RispondiElimina
  124. Giusto Chiari, magari se glieli mettono nelle gambe con gli allenamenti sarebbe pure meglio, con lui che avresti tolto al 60', con Gonzalo che si fa male e Cuadrado che si azzoppa rischiava di non metterne nemmeno una di punte in campo. Siamo davvero sui ginocchi, è un problema quando il calo riguarda più di mezza squadra, siamo tanti in rosa ma a pieno regime pochissimi.

    RispondiElimina
  125. Modulo iniziale poco comprensibile con falso nueve e poca forza nella testa e nelle gambe. Partita ripresa, gestita e poi solito infortunio di questi tempi duri e primo cambio forzato. Gol in fuorigioco che ci riporta sotto. Ci proviamo ma mancano i colpi dal cilindro. Momento davvero no,ormaiè palese. Ora capisco la sconfitta di Cagliari e il pareggio con il Genoa. Niente da fare, ora si pensa alle coppe. Se la mente si rischiara e le punte si affilano nuovamente si potrà ripensare ai piani alti, ma abbiamo gettato tante occasioni in queste ultime settimane

    RispondiElimina
  126. Gonfia è problema diffuso a tutte le latitudini, vogliono ricambi e doppioni di pari valore in ogni ruolo e poi giocano i soliti 14-15, oltretutto tarpando le ali a quei giovani che qualche segnale lo mandano di quando in quando, penso a Wolski principalmente.

    RispondiElimina
  127. E io continuo a non capire il perché, anche se ce ne fosse qualcuno plausibile che continuerei comunque a non capire. Ma son discorsi da tifoso, delusissimo in questo caso, sia chiaro.

    RispondiElimina
  128. La sufficienza, oltre a Pizarro, a darei a Neto, a Cuadrado, a Tomovic e a Matri.

    RispondiElimina
  129. Ora che Gomez sta tornando e che abbiamo anche Matri, spero di non vedere più formazioni senza centravanti, a cominciare dalla partita in EL, per continuare a Parma e a seguire.

    RispondiElimina
  130. Ha fatto una parata su Milito. Incolpevole sui gol.

    RispondiElimina
  131. A parte il gol in fuorigioco, Montella stasera si merita tutte le critiche che gli pioveranno addosso, per un verso o per un altro. E, purtroppo, nessuna sarà fuori luogo.

    RispondiElimina
  132. Regalare un tempo all'Inter con due punte a Firenze, mentre noi non ne schieriamo una... questo è piuttosto grave.

    RispondiElimina
  133. Dovevano essere gli altri a non capirci, ma ci siamo sbagliati nel confonderci!

    RispondiElimina
  134. Non c'è verve agonistica in questa squadra, forse ce n'ho troppa io stasera, buonanotte a tutti!

    RispondiElimina
  135. Sconfitta in emergenza. Il secondo Tempo Fa Ben Sperre. Montella sbaglia o meglio va avanti imperterrito sulla sua strada. Lo rispetto, eppure oggi si poteva partire senza i tre tenori, ma inutile pure parlarne. Tempo perso.

    RispondiElimina
  136. Sì, forse è più giusto dire prestazione sufficiente.

    RispondiElimina
  137. Su Neto sono d'accordo,sugli altri no. Non disastrosi ma non sufficienti.

    RispondiElimina
  138. Io devo aver visto un'altra partita, eppure ero allo stadio. dei tre centrocampisti di gran lunga il migliore è Aquilani che è in cielo, in terra e in ogni luogo, Mati e Pizarro pesticciano sempre troppo e, soprattutto il secondo perdono palle assurde. Mati ha migliorato nel secondo tempo ma il primo non ha giocati nemmeno da cinque. Non volete capire che è una squadra nel punto basso della sinusoide e che deve arrangiarsi molto. La scelta di Ilicic e Joaquim credo sia dovuta al fatto che erano gli unici a tenersi in piedi, se hai due punte per motivi diversi sfiatate non le puoi far giocare.

    RispondiElimina
  139. Gonfia, non capisco l'invocazione proprio di quel proverbio, a meno che tu non intenda che Vincè sia frastornato (come a suo tempo il Pranda) dal rosone messo a sua disposizione. In effetti la stanchezza dipende anche dall'usura dei sempre-i-soliti, dei Santana-fino-alla-morte (pazzesco proporre in formazione titolare un Joaquin che era alle pompe in fine di partita di Coppa, pur ben disputata da lui) e dall'allergia per l'apporto dinamico e di imprevedibilità dei giovani (Wolski). Ovvio che il 3-5-2-0, poi, fosse quanto di più luddianamente suicida e imbecille si potesse immaginare e il Matri pimpante del finale basterebbe a lasciar rimpianti, in tal senso (Gomez è attualmente in grado di far l'ariete in un arrembaggio e non più): l'aggressione ai nostri portatori da parte degli interisti e la facilità di discesa di questi sulle fasce dipendevano in gran parte dalla nostra innocuità offensiva che non dava punti di riferimento in profondità ai portatori medesimi e quindi li rallentava e impacciava, rendendo prevedibili gli scambi e difficili gli smarcamenti ravvicinati. Anch'io penso che Anderson dovesse giocare per uno fra Pek e Mati all'inizio: entrambi sono cresciuti nella ripresa, ma perché l'Inter aveva fisiologicamente calato il pressing asfissiante e la corsa pazza del primo tempo (Aquilani come una pallina di flipper, distonico al possibile). Con tutto ciò l'avevamo rappezzata e l'ha decisa l'arbitro (anche molto corrivo sui fali tattici interisti nel primo quarto d'ora di gioco, a dettare la gara): gli interisti avevano subìto molti torti quest'anno, occorre dire, e si erano recentemente molto lamentati, puntuale è arrivato il risarcimento. Neto 6- (rabbrividente, nei primi minuti, di piede), Diakitè 6- (sufficientino, ma la sua prova meno brillante finora: bisogna dire però che dalla sua parte erano aperte le cateratte da dietro), Rodri 5,5 (su gol di Palacio cazzi suoi), Compper (5,5 nell'occasione del palo di Palacio fatto a fette sullo scatto, indi sofferenze talora nell'uno contro uno), Tom n.g., Cuadrado 7, Pek 6-, Aquilani 5+, Mati 6-, Vargas 6- (per via del secondo tempo), Joaquin 5, Ilicic 5, Matri 6+, Gomez n.g., Montella 4.

    RispondiElimina
  140. Si può stiracchiare il voto di questo o di quello in alto o in basso, ma si è trattato di mediocrità generale. Ripeto, tanto più dopo la partita di martedì e dopo aver detto che sono stanchi, qualche ricambio di qualità in grado di garantire un po' di verve, un cambio di marcia, si doveva mandare in campo. .

    RispondiElimina
  141. Che dire Jordan, io l'ho vista in questa maniera, a me non è piaciuto per nulla, non è un problema mezzo voto in più o in meno ma alla sufficienza non ci arriva neanche a raccomandazioni. Per me. Idem Pizarro che con questo apporto è inutile pure lui. Nel secondo tempo Mati mi è sembrato il meno spompato, il più dinamico e quello che ha smistato più palloni e tentato più giocate. Ci corre un punto fra il migliore e il peggiore del centrocampo, non si può parlare di buona prestazione nel complesso, tutt'altro, eravamo di burro in mezzo, in preda alle onde dietro e leggerini davanti. L'Inter pareva quella degli anni buoni mentre quest'anno con Mazzarri fa più piangere che ridere.

    RispondiElimina
  142. Eravamo di burro nel mezzo ma non certo per colpa di Aquilani che era un po' ovunque a tappare i buchi che gli lasciavano gli altri due. Nel secondo tempo tutto è andato meglio, fino al goal, irregolare, dell'Inter, e anche Pizarro e Mati son cresciuti. Restano centrocampisti che tendono a toccare troppo la palla quindi completamente inadatti a partite come questa impostata invece bassa. Ora che tutta lasquadra è giù e si muove meno senza palla pesticciano anche loro ancora di più.

    RispondiElimina
  143. Neto 6: non fa errori nè, questa volta, miracoli. il pasticcio di piede iniziale è più una pecionata di Pizarro che gli passa un pallone forte dalla trequarti con Palacio già partito in pressing, Diakitè 6- grezzo come un tronco di quercia, ma solido e spesso efficace, Gonzalo 5+, non è lui, infatti si è riinfortunato, sul pirmo goal ha le sue colpe, Compper 5+ Palacio è un clientaccio e lo soffreparecchio, soprattutto nel primo tempo; Cuadrado 7 stava tornando lui, speriamo che l'infortunio sia da poco, Aquilani 6,5 canta e porta la croce, per capire quanto è prezioso bisogna seguirlo, Pizarro 5,5 un primo tempo quasi disastroso,, recupera col tempo ma perde aplloni assurdi e teoricamente letali, Mati 5,5 anche lui malissimo nella prima metà, si rirpende nel secondo tempo ma il suo calcio appare troppo arrotolato per essere efficace, Vargas 5,5 stesso discorso, un primo tempo da non pervenuto, un secondo invece positivo; Ilicic 5,5 non si sa bene cosa debba fare o in che ruolo giocare, ma sembra non lo sappia nemmeno lui, Joaquim 5+ non può giocare tre partite la settimana, tanta volontà ma lo scatto latita. Tomovic 5+ sul goal di Icardi latita, fa qualche errore di troppo ma forse nemmeno doveva entrare ancora in campo, Matri e Gomez n.g.

    RispondiElimina