.

.

giovedì 6 febbraio 2014

Meglio il Bambi di Guidolin

Certo che questo tempo non aiuta, piove sempre, come se non bastasse già la Fiorentina che perde sempre, il Cagliari che perde tempo, e poi tutte quelle guarnizioni, in casa, che anche loro soccombono al tempo senza nemmeno bisogno di Muriel o Pinilla. Rubinetti da stringere bene, come i denti, per vedere di superare questo periodaccio. Nel quale chi ha le gengive che sanguinano, quando il polpo è un po’ duro è costretto a ciucciarlo tutto invece di morderlo. Unica eccezione il buon periodo che sta passando il Bambi dopo l’ennesima disintossicazione, e questo tempo da lupi lo aiuta ad essere inserito meglio nell’ambiente in cui vive, meglio cioè che nel periodo estivo, visto che il suo eskimo è capo unico del suo guardaroba. Lo trovo in via Sant’Agostino e per la prima volta è stato lui a rinfrancarmi, mi ha raccontato del suo momento positivo che gli permette di vedere la vita sotto una nuova luce anche se sempre con il vecchio eskimo. Mi ha confortato sostenendo che Di Natale un altr’anno avrà smesso di giocare e probabilmente Muriel sarà stato ceduto, rimane solo una qualche incertezza sul futuro di Guidolin, ma se anche lui se ne andrà come sembra, potremo finalmente pensare a Udine non più come una palude malsana. “C’è la sfida di ritorno”, mi ha ricordato poggiando la sua manona sulla mia spalla, oltre ad augurarmi che martedì prossimo potrebbe essere un giorno fortunato come lo è stato ieri per lui. E mi ha raccontato che ultimamente riesce sempre a trovare qualcosa di valore, e che questo lo aiuta ad affrontare la quotidianità con un minimo di sicurezza economica, a maggior ragione oggi che ha smesso di farsi. L’altro giorno ha addirittura trovato un portafogli con dentro 3000 euro, che qualcuno, sull’autobus, aveva dimenticato nella tasca del suo vicino. E allora c’è speranza anche per la Fiorentina, magari di rubare una vittoria quando non se lo merita, visto che invece è capace solo di perdere quando non se lo merita. Certo il Bambi con 3000 euro in mano e senza la dipendenza dall’eroina è un uomo senza più punti di riferimento commerciali, infatti su una televendita registrata ha acquistato un materasso in lattice veramente comodo. E con il materasso gli hanno dato in omaggio una rete ortopedica, dieci parure di lenzuola e federe, due guanciali, due comodini, un armadio, un lampadario, due abat-jour e perfino le tende per la camera. Era contentissimo, perché ha avuto tutto questo al solo costo del materasso, che erano appunto i 3000 euro precisi. Sarà stata la sua infanzia difficile a segnarlo così, poi dopo essere stato segnato è stato anche segnalato dalla Polizia, subito un impronta chiara quella che avrebbe preso la sua vita, fino a lasciare alla stessa Polizia le sue impronte digitali. Da piccolo era molto vivace e per non andare all’asilo inventava ai suoi genitori la solita storiella che le maestre erano cattive. Ieri mentre passavamo proprio davanti a quel luogo in via de’ Serragli, mi ha raccontato che una volta era anche riuscito a scappare, ma le maestre lo ripresero quasi subito. Fu quella volta che per due mesi lo rinchiusero a pane e acqua in cella di sicurezza. Poi mi ha raccontato che con i suoi grandi occhi neri, l’espressione dolce e l’aspetto quasi dimesso, la sua maestra delle elementari, una donna dal fare molto materno esattamente come sua madre, quando faceva qualcosa che non andava, lo nerbava sul sedere con una cinghia di cuoio. Fino a quando non ha cominciato ad uscire la sera, e così grazie a questa prematura abitudine è riuscito a prendere la terza media proprio alle serali. La sua vita si è intervallata tra eroina, metadone, crisi di astinenza e crisi d’identità, e in quei momenti le ha provate di tutte, frequentando la comunità degli arancioni dove in deroga aveva ottenuto il permesso d'indossare l'eskimo verde, fino all’esperienza più forte che gli ha lasciato ancora oggi un grande punto interrogativo. Era stato in visita in un monastero di monaci tibetani dove lo avevano accolto molto bene e gli avevano insegnato a meditare. Sono stati momenti magici, in cui aveva ritrovato se stesso. E una volta che si era ritrovato si era chiesto che cazzo ci facesse mai in un posto come quello. Un interrogativo ancora aperto e che all’epoca risolse tornandosene in San Frediano a farsi di corsa. Prima di salutarmi, affranto com’ero dopo le solite dichiarazioni di Guidolin che quando vince fa i complimenti all’avversario mentre quando perde lo infama senza tanti complimenti, mi ha voluto rincuorare raccontandomi come avesse vissuto anche lui momenti tremendi come io dopo la sconfitta a Udine nella semifinale di Coppa Italia. Oggi, invece, quando si alza al mattino, è subito sveglio e lucido come pochi. Si prepara una colazione abbondante e si sente pronto e allegro per affrontare la giornata senza fare tante storie. E questo malgrado la sera vada sempre a dormire ben oltre la mezzanotte. Dicono che questo possa essere dovuto al suo metabolismo che è molto veloce. Secondo lui, invece, pensa che lo aiuti molto il fatto che si sveglia sempre dopo mezzogiorno.

96 commenti:

  1. Ahahahahahahahah...! Schreber notturno che si erge a difensore degli Agnelli ascrivendo loro il merito di aver dato un tozzo di pane a dei poveri terroni che coltivavano i pomodori nella vasca da bagno...ahahahahahahahahahahahahahah! Razzismo surreale da scoglionato che ha bisogno del più debole per sfogare le umiliazioni da servilismo verso i padroni merdosi che slingua... ahahahahahahahahahahah! Si prende le peggio infamate dagli utenti e allora lo rincalza in aiuto una gobbaccia rincitrullita che si prende di fava al posto suo...ahahahahahahahahah! E Pitino che si meraviglia, Candido volterriano... ahahahahahahahahahah! Chiari e Sopra sono così tramortiti che non riescono a scriverne un post, ma temo che il loro ruggito di risveglio eguaglierà il rutto valangoforo di Fantozzi... ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  2. L'unico folle, nonché imbecille incivile, sei tu, Zazà, vittimista aggressore di questo gran paio di coglioni. In quanto al tornare a quel che hai sempre detto, non so proprio chi ci torni se non la grandissima testa di cane che sei.

    RispondiElimina
  3. stefano vienna6 febbraio 2014 11:31

    Vargas, partendo da centrocampo, ha una media gol/minuti giocati assurda. Non è un caso, ha perso in velocità, ma al tiro è migliorato rispetto anche al Vargas migliore. E' una cosa che capita a tutti quelli che hanno un gran tiro. Mihailovic e Pirlo hanno segnato da fuori area più a fine carriera che all'inizio, lo stesso dicasi per Batistuta. Se hai la dote del tiro potente, è una delle poche doti che migliorano nel tempo, anche quando il fisico regge meno. Il gol con l'Udinese si vede raramente su un campo di calcio.

    RispondiElimina
  4. 3-5-2 cominciando ovviamente con Gomez e Matri, (con Ilicic, Rebic, Matos ed eventualmente Wolski pronti al subentro) con Cuadrado e Vargas esterni (Joaquim a partita in corso, come Rebic o Wolski se c'è da stare più avanti). Con i tre centrocampisti centrali in funzione delle condizioni di ognuno e del tipo di partita (ne abbiamo 6).

    RispondiElimina
  5. stefano vienna6 febbraio 2014 11:45

    Ecco, il falso 3-5-2:


    Neto
    Diakitè(Roncaglia)-Gonzalo-Savic
    Cuadrado-Valero(Mati)-Aquilani(Anderson)-Vargas-Tomovic(Pasqual)
    Gomez-Matri(Ilicic, Wolski).


    Fate caso alla media gol: Gomez, Vargas, Matri, Valero, Aquilani, Cuadrado. Sei giocatori che segnano con una certa regolarità (in ordine decrescente) e soprattutto due (Cuadrado e Vargas) nel ruolo e posizione dove segnano di più.

    RispondiElimina
  6. Ritengo le tue convinzioni totalmente erronee, per i motivi più volte citati.

    RispondiElimina
  7. Che palle! ma che ci metti i tornelli poeta!

    RispondiElimina
  8. stefano vienna6 febbraio 2014 11:55

    Non abbiamo mai giocato col tridente perchè Cuadrado non è una punta. E' vero che, senza Gomez, Montella non ha più riproposto il modulo dell'anno scorso, ma è passato ad un falso tridente con una sola punta. Finchè la punta era Rossi, abbiamo limitato i danni.


    Adesso, comunque basta, Montella deve tornare al passato anche se, l'assenza di Rossi, stravolge i piani di partenza che erano: Gomez al post di Jovetic/Toni, i due che hanno fatto i centravanti l'anno scorso, e Rossi al posto di Ljajic/Jovetic, i due che hanno fatto la seconda punta.


    Ma tra Matri, Ilicic, Wolski, una seconda punta -diversa purtroppo da Rossi- adesso c'è.


    Se proprio bisogna fare esperimenti, allora Vargas a centrocampo, Giubba-style, concordi?

    RispondiElimina
  9. Vattene troll gobbo.

    RispondiElimina
  10. stefano vienna6 febbraio 2014 12:04

    Caro Lud,

    Per puntualizzare, la differenza tra Cuadrado e una punta-ala, è la differenza abissale che corre tra Gervinho, un'ala pura e Cuadrado. La Roma gioca col tridente, noi non l'abbiamo mai fatto. Avessimo venduto Cuadrado e comprato Gervinho, l'avremmo fatto. Avessimo comprato Eto'o, anche.

    Invece Cuadrado, in una squadra di dieci anni fa, avrebbe fatto il quarto di centrocampo nel 4-4-2. Noi, invece, giocando con i tre tenori e con un possesso palla asfissiante, portiamo Cuadrado a posizionarsi dieci metri più avanti, ma questo non vuol dire che Cuadrado è un attaccante, è solo che, schiacciando gli avversari negli ultimi venti metri, quasi tutti i giocatori (Pasqual e Roncaglia pure) si trovano a giocare in uno spazio che, in squadre normali, viene normalmente occupata raramente e solo da attaccanti di ruolo.

    La tua è un'illusione ottica causata dalla difficoltà di capire come è evoluto il calcio da Capello-Ancellotti (4-4-2) a Guardiola. O meglio hai capito che c'è stata una evoluzione, ma invece di cambiare lenti, la osservi con lenti dispotiche.

    RispondiElimina
  11. stefano vienna6 febbraio 2014 12:05

    distopiche (se esiste la parola), scusa.

    RispondiElimina
  12. Cuadrado è un giocatore duttile. Dove lo metti gioca e fa il suo. In carriera ha fatto tutto e solo il tempo dirà quale ruolo sia migliore per lui. Io noto solo che in difesa commette errori ingenui e a centrocampo, le poche volte che ci ha giocato, ha deluso. Inoltre perché Vargas e Cuadrado giochino dove dici tu occorre rinunciare ad un centrocampista. E snaturare il gioco di Montella. Non credo quindi che si vada in quella direzione anche se mi rendo conto che Matri e Matos formino un reparto di attacco piuttosto debole. Ma può darsi che eccezionalmente Montella provi qualcosa di diverso. La logica comunque dice 3-5-2.

    RispondiElimina
  13. Il Bambi l'è già sveglio a quest'ora, si può incominciare anche a sfaccendare per la casa, eh! Il Chiari è giustificato, l'hanno convocato all'Ufficio del Catasto e sembra che ci pernotti! Il terzo gol della Roma è stato un capolavoro! Ah, aggiungo, non cambierei Neto né con De Sanctis né con Reina!

    RispondiElimina
  14. stefano vienna6 febbraio 2014 12:40

    Cuadrado ha 26 anni e non ha mai fatto l'attaccante in vita sua. Cosmi e Guidolin lo facevano giocare terzino, Montella esterno alto nella Maquina. Quest'anno, col falso tridente, ha provato a fare l'ala, ma non c'è riuscito, ha segnato un gol in 20 partite. Magari quando smette di giocare a calcio, giocherà attaccante con gli amici su una spiaggia in Colombia o in partite di beneficienza.


    Il gioco di Montella deve portare a risultati. Ben venga la rinuncia a un centrocampista, se Vargas segna un gol a partita. Ce ne faremo una ragione.

    RispondiElimina
  15. stefano vienna6 febbraio 2014 12:44

    Gol casuale, nato da un rimpallo. Certo è che Cuadrado non si sarebbe trovato in quella posizione e non avrebbe fatto il movimento di Gervinho.

    RispondiElimina
  16. Scusate, il Disqus non aggiornava aumaticamente (come dice la suocera di un mio amico), ero rimasto a 4 commenti.

    RispondiElimina
  17. stefano vienna6 febbraio 2014 12:47

    Il limite dei tre tenori è che nessuno tira da fuori area. Guardatevi il gol di Strootman ieri sera e guardate dov'era Vargas quando Valero ha recuperato il pallone. Fosse stato esterno alto nel 3-5-2 Vargas era già in difesa a fare la diagonale. Mettiamo Vargas tra Domingo e Carreras e poi vediamo come va a finire.

    RispondiElimina
  18. Partiamo da alcuni punti fermi: Cuadrado non è una punta, come difensore sarebbe sprecato, a centrocampo ha deluso. Può fare l'esterno alto, o partendo da lontano, quindi in un 3-5-2 o dalla metà campo nel 4-3-3. Quest'ultimo per me è l'impiego migliore. Ora il giocatore è stanco credo anche psicologicamente. Non dimentichiamo che sono in corso trattative importanti per il suo futuro che di solito sono anche fonte di stress per gli atleti.

    RispondiElimina
  19. Stefano, che sia nato da un rimpallo non lo discuto, ma la triangolazione finale a tre è stata a dir poco perfetta! Comunque Disqus, o il mio pc, ha dei problemi. non aggiorna come al solito. A voi funziona?

    RispondiElimina
  20. No, Stefano, l'uso è improprio. Al massimo, potremmo dire che distopico è il mondo che immagina Lud, pur credendolo utopico. In fondo, però, è il destino di tanti universi distopici, a partire da quello di Huxley (che si chiamava Aldous, non per nulla). E' l'incubo felice del quattrotretre.

    RispondiElimina
  21. Insomma, gli Agnelli sarebbero meglio di Dieghssimo perché quest'ultimo s'incazzò con un sifonaho taroccatore mentre gli Agnelli mai ebbero bisogno (e te credo! Tutti a slinguare!) di querelare alcun giornalista. Intresessante la striscia sulle dichiarazioni di Dieghissimo, per far venire allo scoperto i gobbi di cloaca! E Jordan è messo dietro la lavagna, insieme coi cattivacci anti-juventini (ahahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  22. Lud, il fatto che Cuadrado sia duttile più di quanto tu sei malleabile (e per esserlo più di te basta un nulla) non significa che sia attaccante quanto difensore. Se ti diciamo che lo riteniamo uomo da 3-5-2, non è perchè tali numerini sono più carini o meno carini di altri, ma perchè essendo il miglior centometrista della serie A è bene che si faccia tutta la fascia puntando gli avversarsi da lontano, com'è in grado di fare quando è in forma. Certo sa scartare anche da fermo, ma così ne salta uno e si imbatte nel pressing se non nel raddoppio di quello successivo, quando invece è lanciato in velocità ne scavalca anche due o tre con un tocco solo, ribaltando la supremazia territoriale di quel preciso momento.

    RispondiElimina
  23. stefano vienna6 febbraio 2014 14:37

    Ti ha spiegato Foco con uno schema perchè Cuadrado non è adatto al 4-3-3, è una questione di movimenti senza palla a tagliare che non sono nelle sue corde. Idem per Vargas. Purtroppo, come spesso succede, non rispondi alle critiche, ma ti incarti da solo.


    Eppure, su un sito dove c'è Foco, potresti imparare qualcosa su questioni tattiche. Manca la voglia.

    RispondiElimina
  24. stefano vienna6 febbraio 2014 14:38

    Disqus non funziona bene oggi.

    RispondiElimina
  25. stefano vienna6 febbraio 2014 14:42

    Lud, perchè non provi a ribattere a Foco sulla idiosincrasia di Cuadrado a fare l'ala. Lui te la spiegata bene, con grafico. Cerca di convincerlo -e convincerci- con un contro-argomento o con una contro-prova. Ti ricordi forse un gol di Cuadrado su taglio diagonale da passaggio filtrante? Fai una ricerca su youtube, portaci le tue prove, io sono pronto cambiare idea.

    RispondiElimina
  26. E' esattamente come la penso anch'io

    RispondiElimina
  27. Ahahahahaha, fantastico quello che la madre era di Roccabruna, ahahahaha... DDV deve star zitto perché altrimenti non possiamo pensare di arrivare a Quagliarella e Giovinco.... ahahahaha

    RispondiElimina
  28. stefano vienna6 febbraio 2014 15:04

    Colonel, adesso pure tu la butti in caciara, chiediamo a Zaller di portarci una contro-prova che confuti quello che Foco ha sufficientemente elaborato con parole e grafici.

    RispondiElimina
  29. stefano vienna6 febbraio 2014 15:05

    Quando Galileo diceva che la Terra era rotonda ha portato le prove. Poi certo, c'era chi credeva ancora ad altre teorie, ma alla lunga, mancando la falsificazione della teoria di Galileo, i suoi avversari hanno dovuto accettare di avere sbagliato.

    RispondiElimina
  30. stefano vienna6 febbraio 2014 15:06

    Non è che così facendo gli getti un'ancora di salvezza?

    RispondiElimina
  31. Meglio dietro la lavagna ma con ampio diritto di replica che a schiantarmi le palle con un provocatore che seguita a rompere i marroni col tridente e Cuadrado attaccante.

    RispondiElimina
  32. Quello descritto da Vitalogy è uno schema da contropiede, Cuadrado prende la palla ed accelera fino alla porta. Non direi che c'entra molto col 3-5-2 giocato con la squadra avversaria schierata. In questo caso gli spazi sono comunque ben più stretti. Magari Cuadrado avesse sempre campo libero davanti. Io credo che avere un uomo alle spalle lo liberi da compiti difensivi nei quali Cuadrado non è particolarmente versato e lo rende più fresco in zona goal. Mi pare che il dibattito sia aperto, ma i molti casi in cui Cuadrado è partito più vicino alla porta la dicono lunga sull'opinione di Montella (e ricorderei anche Cosmi). Io ho rispetto del parere di Foco ma critico la pretesa di infallibilità, sia del papa che di tutti gli altri.

    RispondiElimina
  33. Il Kamasutra dei musicisti, e quello dei critici?

    http://www.emergenza.net/IT/it-it/news/1647/20280/sesso-e-rock-n-roll-il-kamasutra-dei-musicisti-e-tutto-sulla-mia-pelle.aspx

    RispondiElimina
  34. I grafici di Foco con tutto il rispetto sono peggio dei disegni del mio nipotino che fa la terza elementare, via. Non vogliamo mica paragonarli al Dialogo dei massimi sistemi!?

    RispondiElimina
  35. Ricordo ancora il parere di Serse Cosmi: Anche a Firenze con Montella, però, ha giocato e gioca nel 3-5-2, oltre che nel 4-3-3…
    «Lui è in grado di poter fare tutta la fascia, ma è chiaro che nella fase offensiva del 4-3-3 diventa devastante. Ma per crescere a livello tattico gli è servito anche giocare nel 3-5-2».

    RispondiElimina
  36. Ma gli date una revolverata?

    RispondiElimina
  37. Tu credi di pigliarlo per il culo, ma fai il suo gioco, che è quello di cercare di pigliare per il culo voi (non me che non lo cago nemmen di striscio, salvo che per insultarlo) riproponendo all'infinito le sue provocazioni. Lascialo perdere porco mondo se no non ce lo leviamo più dai coglioni!

    RispondiElimina
  38. Lud, hai ragione, coi grafici non sono un granché. Nel figurativo però mi faccio capire meglio...

    RispondiElimina
  39. Davvero...!! E l'ho anche conosciuta la Nuvola io, in quel fiorentina Parma 1-0 di prandelliana memoria...Hai ragione, son talmente ingenuo che ho pure risposto. E anche a quel nazista del Gat....un ce la fo, è più forte di me, l'arroganza non la reggo...

    RispondiElimina
  40. esatto, Gomez Matri. Non credo sia in discussione

    RispondiElimina
  41. Ritengo plausibile che Diego Della Valle con la parola "ciarpame" si riferisse più ai componenti dell'Armata Brancaleone di tifosi interdetti dai pubblici-eventi viola, piuttosto che ad altri onesti scriba come alcuni di noi. La sottile, non-invasiva ma perenne, vis polemica contro la dirigenza viola (che si esprime senza misure in un Italia falsata dal perbenismo) che porta alto il vessillo tricolore sembra dare fastidio. Questa gente, anche Traversi, sono un veleno nelle vene di un'Italia anestetizzata da schemi retrogradi, da prese di posizione che hanno come obiettivo il mantenimento di un establishment, di posizioni. Mire che hanno finalità banali ma fondamentali: tenere buono il gregge, il popolo". Il declino dell'Italia ha avuto il by-passaggio della cultura che ha sdoganato gente priva di valori, gente che non conosce il guadagno etico, gente che decide- e il popolo "imbocca" senza fiatare- che "stamina" va cancellato da un albo, che il metodo di Bella non funziona, che se non vaccini i figli sei fuorilegge (quando la legge dice che non é obbligatorio). A Traversi basterebbe ricordare- anzi rendergli noto, perché secondo me non lo sa- che il primo campo di concentramento lo inventò il suo Cavour-Garibaldi, sopra Torino (8.000 italiani in condizioni disumane, tutti del sud) e che ogni anno si attua commemorazione; oppure che il nord ebbe bisogno, dopo unità- di insegnanti dal sud, perché con la storia del "lavoro lavoro lavoro" quelli del nord non andavano a prendere titoli di studio e c'era vera penuria di insegnanti. Se un bel giorno verranno tolti i finanziamenti ai giornali, Traversi diventerà un esodato...ma nessuno lo dica all'interessato, sareste incaici, lui invece...incacchiato per un mestiere che senza establishment non esisterebbe.

    RispondiElimina
  42. Sull'operazione FCA la cosa che mi fa più schifo - che forse sfugge all'Armagnac - è che lo spostamento della sede fiscale in Inghilterra permette agli azionisti di pagare solo il 10% di tassazione sui dividendi. Di fatto gli Agnelli hanno scelto di tenere per loro una parte superiore di ricchezza e non dividerla con la comunità di cui anche loro fanno parte. Marchionne ha fatto il gioco degli Agnellini ed il suo, visto che con le stock options, con cui è stato reiteratamente premiat, potrebbe diventare potenzialmente uno dei primissimi azionisti. Non hanno inventato un cazzo, hanno solo fatto un'operazione da capitalisti di vent'anni fa. Intanto contribuiscono ,sbattendosene, alla deriva del manifatturiero italiano. Diego dovrebbe sputar loro in faccia.

    RispondiElimina
  43. Portare avanti una discussione perchè non ci sono spazi: o riconosci di aver torto oppure sei matto. Non parliamo poi dell'ironia, Foco: fortissima come ironia verso gli altri, minima come autoironia. Quindi alla fine i tuoi disegnini rischiano di diventare il Vangelo o l'equivalente di quelli che Galileo inseriva nelle sue opere. Sennò ti adonti e fai le fiche.

    RispondiElimina
  44. Mai stato ironico in vita mia, faccio della serietà, oserei della solennità, il mio credo. Credo che troppa frivolezza danneggi la credibilità del giudizio.
    Ma per spiegarmi meglio farò uso di un audiovisivo:

    www.youtube.com/watch?v=5f1dELHTe3c

    RispondiElimina
  45. stefano vienna6 febbraio 2014 18:01

    Ripeto la domanda, Ludwig: "Ti ricordi forse un gol di Cuadrado su taglio diagonale da passaggio filtrante ovvero con movimento da ala pura?"



    Sei uno storico, fai pure una ricerca.

    RispondiElimina
  46. stefano vienna6 febbraio 2014 18:04

    Comunque, a parte la digressione Zaller, mi piacerebbe sapere che ne pensa Foco del 3-5-2 atipico con Vargas-Aquilani-Valero. Come soluzione alternativa fino al ritorno di Rossi.

    RispondiElimina
  47. stefano vienna6 febbraio 2014 18:06

    Mettiamo per un pò in soffitta i tre tenori? Non è meglio due tenori e uno che tira le sassate da fuori area?

    RispondiElimina
  48. Primavera devastante contro le babymerde, 10' e già 2-0.

    RispondiElimina
  49. Non l'hai ancora capito che il GAT è un protegé della redazione dello Schifone. Evidentemente pensano che pubblicare i deliri di quello scemo porti lustro a cloaca.

    RispondiElimina
  50. Può essere un'alternativa. Certo i due di mestiere in mezzo sarebbero un po' bloccati con la presenza di Vargas, dipende dagli equilibri. Ci vorrebbe un medianone centrale specializzato per quel tipo di gioco, uno alla Melo. Che tiriamo poco da fuori e spesso in ritardo, lo dico già dall'anno scorso. Mai visto Aquilani tentare così poco in carriera.

    RispondiElimina
  51. Stefano questa domanda si scontra col parere di Cosmi, che ricalca il mio e direi anche quello di Montella: se impiegato come esterno alto nel 433 Cuadrado è devastante. Unico accorgimento: mettergli accanto i giocatori adatti, un esterno sinistro altrettanto bravo ed un centravanti arretrato.

    RispondiElimina
  52. 3-0, oggi fanno il record all- time contro le cacche.

    RispondiElimina
  53. Credo si attagli al personaggio

    RispondiElimina
  54. Ma chi se ne frega di Cosmi! Ma falla finita e levati dai coglioni!

    RispondiElimina
  55. Stefano se un tu la fa' finita di cagallo e mando 'n culo anche te! Che lo lasci perdere! ma che vo' proprio esse' complice della defragrazione scrotale di qualche individuo?

    RispondiElimina
  56. La fai finita di fagli domande che quello e ci stianta e coglioni?

    RispondiElimina
  57. stefano vienna6 febbraio 2014 19:12

    Questa è una domanda a cui anche Cosmi può rispondere. Ma non risponderebbe certo come fai tu, ovvero dicendo che la domanda non si può fare. Nè vale l'accorgimento: come tu stesso credi, l'anno scorso con Ljajic e Toni/Jovetic era nelle condizioni ottimali per fare l'ala -si chiama ala, non esterno alto.


    Quindi, mi puoi ricordare un gol di Cuadrado con movimento da ala a tagliare l'anno scorso. Non voglio pensare che tu sia uno storico troppo pigro per fare lo storico.

    RispondiElimina
  58. Ne fai un dogma quindi è una domanda assurda, è chiaro che tecnici di serie A lo ritengono adatto, quindi resta adatto punto e basta. Sennò accomodatevi voi in panchina al posto di Cosmi.

    RispondiElimina
  59. stefano vienna6 febbraio 2014 19:17

    Capisco qualche remora, ma se Aquilani può stare in mezzo ai tre tenori con Valero a sinistra e Mati a destra, non vedo perchè non potrebbe farlo con Vargas a sinistra e Valero a destra. Noto solo che in fase di non possesso palla e non solo, Valero gioca quasi come un esterno.


    Ma, anche se non fosse la soluzione ottimale -non lo è se potessimo giocare con Gomez e Rossi-, il guadagno c'è tutto se Vargas continuasse con la media gol attuale. Anzi, secondo me la migliorerebbe pure.


    Poi, ripeto, il 3-5-2 a me va bene, anche se ho dei dubbi che Matri e Gomez siano una coppia adatta, certo meglio del falso tridente che spero vada in soffitta con il ritorno di Gomez.

    RispondiElimina
  60. stefano vienna6 febbraio 2014 19:21

    La famosa domanda dogmatica? Che dire, quando una domanda diventa un dogma... Ho solo chiesto se ti ricordi un gol di Cuadrado con un movimento a tagliare su passaggio filtrante?


    Devo assumere che la risposta sia no, ma non vorrei passare per dogmatico nella risposta come lo sono stato nella domanda (si chiama ossimoro, vero?).


    L'ossimoro zalleriano?

    RispondiElimina
  61. Se Cuadrado fosse attaccante o ala non avrebbe compiti di coprire l'intera fascia rinculando fino all'altezza dei terzini, questo lo fanno i tornanti o gli esterni. Punto! Se stazionasse, come Jaoquin, o Ljajic l'anno passato, dalla linea di centrocampo in su potrebbe anche rientrare nella definizione di ala con compiti di far male. Gli allenatori avuti in Italia lo hanno utilizzato come esterno, sia Cosmi (principalmente lui) che Montella gli hanno chiesto il su e giù per tutta la fascia con compiti di offesa e difesa. Quando scrivi tecnici di serie A dovresti vedere cosa gli hanno chiesto di fare in campo prima ancora di quello che rilasciano nelle interviste. Ma tu, poero zaller, incapace di comprendere cosa avviene per soli 5' minuti di partita figurati se sei capace di arrivare a capire cosa succede o cosa ha fatto un giocatore. Rimane inevasa la domanda principe di oggi, gli hai mai visto fare tagli al centro dialogando con una punta o un trequartista per battere a rete, tipico dell'ala o dell'attaccante, o intestardirsi spesso nel tentativo di saltare l'ennesimo difensore per crossare e liberarsi al tiro, tipico dell'esterno o del tornante ?! Non rispondere, sarebbe l'ennesima cazzata che si sommerebbe alle altre. E guarda che iniziano a pesare come ti renderai conto........

    RispondiElimina
  62. È una definizione aristotelica come tale un non senso. Il giocatore non viene imbeccato dal passaggio filtrante, entra in area palla al piede, ma che significa? Non è certo per verificare questa assurdità dogmatica che vado a rivedermi tutti i goal di Cuadrado.

    RispondiElimina
  63. Certo se Cosmi ha parlato così di Cuadrado è perchè lo ha visto giocare così con Montella. Come l'ho visto io. Lo riscrivo: "Lui è in grado di poter fare tutta la fascia, ma è chiaro che nella fase offensiva del 4-3-3 diventa devastante. Ma per crescere a livello tattico gli è servito anche giocare nel 3-5-2". Dunque è chiaro che per Cosmi il Cuadrado migliore è quello del 4-3-3. Si torna al discorso solito, che il geometra che chiede i suoi bravi permessi in Comune se ne vuole intendere più dell'allenatore di serie A. E allora che gli vuoi dire!?

    RispondiElimina
  64. Leo basta anche te!!! se sento un altro parkar di Cuadrado sclero! Lo mandate in culo! Non lo volete capire che è quello che vuole lui, essere insultato, contraddetto, magari anche offeso, per continuare a rompere i coglioni. Non lo cagate nemmen di striscio, è l'unico verso per levarselo dai coglioni!!!

    RispondiElimina
  65. stefano vienna6 febbraio 2014 20:04

    "E' una definizione aristotelica come tale un non senso". Bè, che la Logica di Aristotele sia un insieme di concetti e definizioni senza senso, mi sembra un po' azzardato e non al passo con i tempi visto che si è assistito, nel dopo-Wittgenstein- ad un ritorno ad Aristotele.


    Tutti i gol di Cuadrado? Non che siano così tanti, per un attaccante s'intende?

    RispondiElimina
  66. Di aristotelico in senso deteriore c'è il tuo sillogismo: non fa questo movimento ergo...

    RispondiElimina
  67. Il Chiari è sotto torchio da stamani all'Ufficio del Catasto. Dopo dieci ore ha chiesto un bicchiere d'acqua della cannella, Gli inquirenti ne vogliono in cambio uno di Pigato e tre olive taggiasche e mezzo. Il Chiari tiene duro e non molla, nonostante le bruciature di sigaretta sugli avambracci (Ansa delle 20:32).

    RispondiElimina
  68. stefano vienna6 febbraio 2014 20:44

    Quindi il movimento lo fa o non lo fa? Non lo fa, ammettilo. Per me poi lo puoi chiamare anche ala, ma quel movimento non lo fa mai. Ergo non è utile come ala. Il sillogismo sarebbe sillogismo se basato solo su una definizione. Io ti dico che un ala che non sa fare quel movimento è meglio che faccia un altro ruolo. Dammi Gervinho e Cuadrado lo metto a fare il terzino alla Maicon.


    Quindi non è la definizione in sé, ma un giudizio di valore, opinabile, sia che provenga da te, sia che provenga da Cosmi, sia che provenga da me.

    RispondiElimina
  69. I geometri non si fanno ridere dietro dal mondo intero definendo "devastante" un'attaccante che al 6 Febbraio ha marcato una rete. E questo dovrebbe chiudere qualsiasi discorso riguardo al ruolo e alla definizione di un giocatore. Chi è dotato di buonsenso e intelligenza ammette la cazzata. Tu ne sei sprovvisto.

    RispondiElimina
  70. Devastante l'ha detto Cosmi, comunque da domani Cosmi avrà diritto a presentare le "scie" in comune, visto che la competenza conta zero almeno che sia reciproco.

    RispondiElimina
  71. Devastante lo definisce lui e tu abbracci in toto la sua opinione visto che la condividi e ce la propini continuamente perché non hai idee tue, ergo ?! Sei confuso, sotto shock, cambi idea adesso. Prima attaccante devastante (una rete) adesso l'ha detto Cosmi. Ti allontani o abbracci quello che ti fa comodo a seconda di come spira il vento, sei ubiquo nei comportamenti così come nella scelta delle definizioni. Peschi nel mazzo ma non spunta mai il jolly. Invece di fare pessima ironia cerca di decidere quale argomento sei in grado di portare in fondo.
    Mi permetto una facile previsione: nessuno!

    RispondiElimina
  72. Il punto debole è Renzi. Se minacciano in quella direzione ho paura che svuoti il sacco, ma non la cantina, ahahah!

    RispondiElimina
  73. Per adesso la tua tesi è che Cosmi quando parla di calcio si fa ridere dietro dal mondo, non ha intelligenza e buonsenso. Dimmi te se si può accettare...Perchè non vai tu al suo posto, ti metti il cappellino e vai, magari passi per occhio.

    RispondiElimina
  74. Chi si fa ridere dietro dal mondo sei tu, non lui, io la differenza la capisco, tu no. Come al solito svicoli perché non capisci che la contrapposizione non è fra me e Cosmi ma fra me e te che riporti a cazzo i suoi pensieri senza saperli interpretare, difatti scrivi una corbelleria dietro l'altra. Attaccante devastante è una sua dichiarazione che tu condividi. Lui non ce l'ha mai messo in quella posizione e Montella neanche. Chi non capisce una sega di calcio, come vedi, non solo loro o i geometri ma tu, sempre e solamente tu. Ti hanno rivolto una domanda facile oggi, nemmeno da storico sei credibile. Tu le file le fai fare dal proctologo perché quanto sfracassi le palle te non c'è nessuno al mondo.

    RispondiElimina
  75. La primavera spezza la Juventus in due in venti minuti e poi controlla facilmente. Centrocampo ottimo, con Capezzi una spanna su tutti e non solo per il gran gol. Tigna e tecnica, il ragazzo potrebbe essere davvero buono. Bangu, se cresce solo un altro po', può diventare un grandissimo. Davanti giochiamo col vero 4-3-3 con Fazzi a sinistra e Gulin a destra, imprendibili. Gulin in certe cose mi ricorda Overmars, ma ha bisogno di irrobustirsi per poter affrontare un campionato professionistico. Zanon invece è stato una sorpresa, duro dietro e tecnico, mi è piaciuto veramente tanto. Ashong faceva intravedere grosse doti fisiche, ma Zanon ci aggiunge anche padronanza tattica e ottimo piede. Grandi ragazzi.

    RispondiElimina
  76. Devastante è tra virgolette e la dichiarazione è del novembre 2013. Secondo te dove giocava a novembre 2013 Cuadrado, nella Fiorentina o nella squadra dei sette nani?

    RispondiElimina
  77. Oggi mi son venute due palle Cosmiche. Non so perché, avete esperienza al riguardo? O devo telefonare a Cuadrado? Chiariiiiiiiiiiiii! Dimmi come si fa a resistere, senza spendere chiaramente. Via, datevi da fare bisogna raggiungere la tripla cifra, Cosmi o non Cosmi, malgrado Cosmi, se fossi Cosmi o se avessi il cappellino di Cosmi. Va bene tutto, ecchissenefrega di Cosmi!

    RispondiElimina
  78. Difatti Cosmi parla di un giocatore che non ha mai messo in quel ruolo ed a cui nemmeno Montella chiede quello che sogni farebbe in campo. Prova a datare questo visto che sei uno storico (eufemismo).

    RispondiElimina
  79. Allora hai ragione Cosmi è al delirio.

    RispondiElimina
  80. Pare che il Cagliari l'abbia preso l'emiro del Quatar. Se così fosse sarebbe un altra rottura di cazzo da affrontare in orbita Champions nei prossimi anni...

    RispondiElimina
  81. Foco un glielo dire, non nominare l'algoritmo maledetto, se no e ci massacra anche la primavera!

    RispondiElimina
  82. Ti farebbe bene un ripassino d'italiano e capire qualcosina di calcio prima di riportare virgolettati altrui, ne fai un'uso sconsiderato perché ti manca la proprietà minima per capirli, difatti ci sbatti il muso impietosamente e ci rimani impigliato senza saperne uscire. Riannoda la matassa, riparti dall'inizio e fra una quindicina d'anni torna a scrivere qui.

    RispondiElimina
  83. Attenti agli emiri! prima ci si divertano poi si rompano e coglioni a addio fichi, con 5000 spettatori 'ndo tu vo' che vadano anche loro!

    RispondiElimina
  84. Speriamo in un emiro squattrinato, a volte sono emiri anche quelli che vendono cammelli nelle oasi desertiche, Chissà.......

    RispondiElimina
  85. o quello che portava Padovano, qui' drogatello gobbo

    RispondiElimina
  86. Gonfia, a che numero siamo? 'nventa un'artra cazzatella e si va 'n culo a i'Dorf

    RispondiElimina
  87. 100? allora la bambolina e l'ho rivinta io, ma qui' pidocchio di' poeta e un le manda mai!

    RispondiElimina
  88. Ma difatti, vi pare che da Cellino, un pregiudicato, ci vada un emiro serio e con i soldi ?!

    RispondiElimina
  89. Gianni, perché non fai un'editoriale parallelo in cui ci scrive solo lo zaller ?! Ci scrive lui e si da ragione e riporta tutti i virgolettati delle interviste così si risparmia anche sull'acquisto dei quotidiani sportivi. Mi offro come mod di supporto per filtrare tutte le cazzate. Lavoro immane, lo so, sporco, ma qualcuno dovrà pure farlo.

    RispondiElimina
  90. Speriamo, però io penso ci sia dietro un'operazione grossa in Sardegna

    RispondiElimina
  91. T'eri lì a succhiellare, eh? Veramente la sto aspettando anch'io da tanto tempo, la bambolina. Ormai 'un ci spero più, farò in un antro modo, ahahah!

    RispondiElimina
  92. La Costa Smeralda l'hanno già comprata, compreranno l'oasi indo' và i' Sopra d'estate. Gli toccherà diventa' mussulmano e fa' l'intrattenitore, gennastica in mare e kuskus a sfare, ahahah!

    RispondiElimina
  93. Ma se l'ha detto Cosmi, perché dovrebbe esser vero? Lascio che con Cosmi Cuadrado non giocava attaccante. Ma che argomento è «l'ha detto Cosmi»? Il bello è poi che dai dell'artistotelico agli altri, mentre sei tu che opponi il più ottuso degli ipse dixit a ogni tentativo di farti ragionare.

    RispondiElimina
  94. E' come quando lo diceva Mondonico, praticamente i virgolettati delle interviste sono linee di condotta che la Pravda divulgava ai tempi di Lenin, guai a contraddirli. Fosse quello il punto, basterebbe saperli interpretare e vedere se il virgolettato si è verificato in campo prima di tacciarlo di verità da non controbattere. Dovrebbe "solo" intendere se quello che si verifica in campo ha riscontro nelle parole. E' qui che si arena, si spiaggia, da più valore alle chiacchiere che al reale impiego di un giocatore. Ovvio che non se ne verrà mai a capo, d'aristotelica c'è l'ottusità con la quale affronta ogni argomento, a volte tentando di spiegare quello che ha capito, cioè nulla, altre volte si appoggia brutalmente alle sole dichiarazioni trovando quel conforto che il ragionare di testa sua non gli da, non si pone il dubbio che quello che ha visto contrasta con il dichiarato anche da quegli stessi protagonisti che hanno sostenuto un qualcosa facendone fare un'altra al giocatore. Roba da matti!

    RispondiElimina