.

.

martedì 11 febbraio 2014

Ecco le tariffe

C’è tensione in città, la semifinale di ritorno ci regala adrenalina a secchiate, e a proposito di secchiate non ci regala solo l’adrenalina, me ne sono accorto subito stamani, prima perché ero senza l’ombrello e poi perché fermo al semaforo di Porta Romana ho lanciato un’occhiata di sfida al mio vicino, che come me attendeva il verde con l’atteggiamento tipico di chi ti vuole bruciare sulla ripresa. Ho pensato di fregarlo allo sprint mentre con il cuore a mille fissavo il semaforo. E quando è scattato il verde siamo schizzati nello stesso istante, ma grazie alle mie leve più lunghe sono arrivato primo sul marciapiede del viale Petrarca. Si, c’è tanta tensione anche nell’attraversare la strada, alta come su certi tralicci, si contano le ore, uno stillicidio di emozioni come se fossero i fascicoli settimanali dell’enciclopedia che sta facendo il Bambi adesso che è ritornato a vivere e vuole recuperare il tempo perduto. No, non è la solita enciclopedia sugli animali, sull’arte o sulla storia, questa prende in esame i numeri e il loro affascinante mondo. Nel primo fascicolo è stato trattato il numero 1; nel secondo, il numero 2; nel terzo, il numero 3. E via così. Per ora è arrivato al numero 8.340, ma l’edicolante non ha saputo dirgli ancora con quale numero l’enciclopedia sarà finalmente completa. Vista la specificità dell’argomento trattato, a proposito di numeri ho provato a chiedergli se Montella stasera secondo lui opterà per il 3 5 2 oppure se tornerà al 4 3 3 inserendo Pasqual e Joaquin, mi ha risposto che sa una sega lui sui moduli anche se sostiene di saperne sempre più di qualcuno della Buoncostume che scrive sul blog. E visto che io faccio sempre il bischero ci ha tenuto a precisare che quell’enciclopedia ha deciso di  farla dopo che l’hanno offeso pesantemente in San Lorenzo dandogli dell’ignorante proprio perché difendeva il blog dall’accusa di essere un bordello, e che grazie all’insegnamento dei monaci tibetani, oggi prima di reagire cerca sempre di contare fino a 10. Peccato però che si era dovuto fermare a 5 perché fino a 10 non aveva mai imparato a contare. Devo dire che stasera conta soltanto il passaggio in finale, come e grazie a chi, farà parte solo della felice cronaca del giorno dopo. Mentre per quanto riguarda certe offese dirette al blog gli ho detto di aver apprezzato molto il fatto che ne avesse preso le difese, e visto come viene ritenuto, da oggi ho applicato le tariffe a chi ci scrive. Tornando a stasera invece, ci vorrà cuore, cattiveria, fame, lucidità, quella che il Bambi non ha ancora pienamente riconquistato. E lo dimostrano le parole che ha scelto per cercare di stemperare la tensione che mi porto dietro già dalle prime ore della mattina quando ho cercato di scaricarla facendo a gara per attraversare la strada. Perché dopo avergli detto che quella di stasera è una di quelle partite da dentro o fuori proprio per fargli capire l’importanza del match, ha cominciato con le premesse, e quando il Bambi premette è tutto un programma. Infatti, te ne esce fuori con un “Se la Fiorentina è così in emergenza per una volta vi potete accontentare anche di un bel pareggio”. Del resto era capitato anche lui, come mi avrebbe raccontato di lì a poco dopo aver premesso di non avere una grande passione per il gioco proprio perché non riesce mai a vincere, neanche per sbaglio. E così mi sarei dovuto accontentare come lui quella volta che aveva giocato a testa o croce con un compagno di cella raggiungendo il massimo del risultato. Il pareggio appunto.

138 commenti:

  1. E c'è chi per ammazzare il tempo scherza col fuoco e se la prende coi tre tenori.

    RispondiElimina
  2. I tre tenori sono l'anima della Fiorentina di Montella.

    RispondiElimina
  3. I tre tenori non garantiscono un generico possesso palla, garantiscono un ben preciso possesso palla.

    RispondiElimina
  4. Il possesso palla dei tre tenori è uno dei più belli, il più essenziali, efficaci, aggressivi, concreti, che si siano mai visti in un campo di calcio. Chi dice il contrario non so che cazzo di partite abbia visto.

    RispondiElimina
  5. Quando lo splendido e concreto ed essenziale possesso palla dei tre tenori non è andato a buon fine è stato per limiti di altri reparti.

    RispondiElimina
  6. Boh, io sono indeciso se andare all'opera o vedere la partita stasera.

    RispondiElimina
  7. Vai alla partita, quella giusta però, ed apri gli occhi.

    RispondiElimina
  8. Chiari, se stasera Montella rigioca con lo stesso schema dell'andata e gli stessi protagonisti, a parte Diakité e il rientro di Gonzalo in difesa (Pasqual noooooooo!), nel mio piccolo un pochino m'incazzo, anche se ci sono i tre tenori. Poi l'importante è andare in finale, anche di hulo!

    RispondiElimina
  9. E' capitato anche a me me di incazzarmi, ma prendersela con la formula tre tenori vuol dire farsi del male.

    RispondiElimina
  10. Un pò d'ironia non fa mai male, dai che mancano meno di 12 ore. Anzi, per allentare la tensione, prima della partita me ne vado alla sauna, almeno spero di vede' un pò di topa

    RispondiElimina
  11. Non è la formula tre tenori, che sono indispensabili, è il resto!

    RispondiElimina
  12. Guarda che sono stato ironico anch'io. So bene che vedi la partita giusta. Ti piace scherzare col fuoco, tutto lì.

    RispondiElimina
  13. Qualcosa del resto.

    RispondiElimina
  14. Io mi incazzo se sulla fascia sinistra mette Pasqual, mi incazzo se in attacco mette una sola punta, mi incazzo se al posto di uno dei tre tenori mette il medianaccio perché ha paura di perdere.

    RispondiElimina
  15. Sì, ma non mi dire che sono contro i tre tenori, sono contro all'idea che siano imprenscindibili a prescindere dai giocatori a disposizione. Ho pure detto che partirei dall'inizio con Mati-Pizarro-Aquilani. Che vuoi di più, che mi faccio il tatuaggio di Pavarotti sulla natica destra...

    RispondiElimina
  16. L'era quello che volevo dire!

    RispondiElimina
  17. di Pavarotti su quella destra e dei tre tenori su quella sinistra, e sottolineo sinistra, cioè la parte vincente.

    RispondiElimina
  18. Allora, ufficialmente annuncio che, in caso di uno qualsiasi dei seguenti risultati:
    - Vittoria Coppa Italia
    - Vittoria Europa League
    - Preliminari CL
    offriro` cena ludicoviola a tutti i partecipanti del blog.
    Il ristorante sarà una scelta esclusiva del grande Pollock.

    In fede,
    Lele

    P.S. Non sarà prevista alcuna limitazione alcolica.
    P.P.S. Ovviamente saranno banditi gli pseudoviola
    :-)

    RispondiElimina
  19. Io se si va in finale non m'incazzo nemmeno se mette tre portieri

    RispondiElimina
  20. Va da sé che se stasera Pasqual segna ed andiamo in finale godo come un riccio e metto via due bottiglie di Pigato per la cena ludicoviola di Lele.

    RispondiElimina
  21. Ho detto un'altra cosa, con Joaquin non puoi fare il 3-5-2 a meno che non ti immagini Joaquin trequartista come facemmo con il Genoa e che non ha senso perché allora metti Ilicic o Wolski che sono più adatti a giocare tra le linee (un altro adatto è Valero), Joaquin è giocatore di fascia, punto. Quindi restano due possibilità, o passi al falso tridente (Cuadrado e Joaquin) oppure rinunci a uno dei tre tenori. Montella non rinuncia ai tre tenori, quindi opta per il falso tridente.


    Essendo contrario per principio al falso tridente perchè penso che nel calcio moderno devi giocare con due punte che hanno il gol nel DNA (Wolski e Ilicic per me sono due punte, atipiche, ma attaccanti), se devo rinunciare alla seconda punta/trequartista avanzato, allora meglio il 4-4-2.


    Sono per l'alternanza 3-5-2 (tre tenori) e 4-4-2 (due centrali), con il primo da preferire. Trovo altresì un azzardo in una partita dove dobbiamo giocare all'attacco, rinunciare contemporaneamente ai tre giocatori che hanno più propensione al gol, ovvero Ilicic, Vargas e anche Wolski.


    P.S.: l'opzione Vitalogy, magari a partita in corso è da prendere in considerazione.

    RispondiElimina
  22. Intanto il mio blog è diventato un posto per incontri clandestini. Tipo le piazzole di sosta sull'autostrada di notte...

    Zemanviola11 febbraio 2014 11:53
    Alla fine ho seguito il consiglio di Jordan lui che aveva capito TUTTO di chi sta in porta, perché sta in porta, chi c'è dietro la porta, questo lo chiedeva Maurizio Costanzo anzi no lui chiedeva cosa c'è dietro l'angolo, ecco quello invece crea qualche difficoltà a Neto, l'angolo dico, ma non voglio cadere nei vecchi vizi ora che sono redento e quel brutto fiorentino (brutto perché fiorentino è ovvio) all'Arsenal l'ho quasi dimenticato. Tranquillo JORDAN, sono tutto tuo! E mi sto avvicinando a piccoli passi al mio IDOLO, all'immenso DON, al mio LICIO bis, al mio SILVIONE rigenerato! Pollock arrivo! Pollock pochi giorni, forse poche ore! Intanto salutatemi quel signore svizzero fronte al lago che quando gioca ai dadi gli escono sempre tre numeri, sempre gli stessi ma è possibile un culo così dico io? Nemmeno Vittorio, che col culo ci ha vinto i trofei, si sa solo col culo perché questi altri di adesso non sarebbero mai così volgari da vincere col culo e infatti non vincono affatto ma via basta così per ora e forza Roma, nella loro tana voglio trionfare daje Pupone!

    RispondiElimina
  23. Vita, penso che la tua ipotesi almeno in partenza abbia un difetto, lascerebbe vuote le fasce. Se proprio si deve rinunciare ai tre tenori (probabilità zero, come spiegato sotto), allora due punte (Matri e Ilicic/Wolski), due esterni (Vargas/Joaquin e Cuadrado), il problema si avrebbe dietro a destra perché manca Tomovic.


    E comunque Montella pare abbia deciso: falso tridente con Joaquin e Cuadrado. Appunto per occupare le fasce. A me non piace, perchè due punte sono imprescindibili, ma almeno da un pò di equilibrio o almeno questo è quello che spera Montella e, a questo punto, tutti noi.

    RispondiElimina
  24. Infatti Gonfia, la buttano solo in caciara. Eh eh eh eh.

    RispondiElimina
  25. Aveva già le valigie in macchina, lo hanno fatto tornare indietro a viva forza ed ora gli rimproverano di averlo fatto.

    RispondiElimina
  26. Errori ne avrà pure fatti, ma chi è causa del suo mal pianga se stesso, mi riferisco a noi italiani tutti, dal primo all'ultimo.

    RispondiElimina
  27. Sul sitone c'è un francobollo che tira randellate devastanti al gat.

    RispondiElimina
  28. Il punto è che ha sette vite, proprio come un gat.

    RispondiElimina
  29. Oh oh, mi sa che stavolta Diego s'incazza sul serio.


    John Elkann: "Non posso pensare che Della Valle abbia preoccupazioni su Rcs, penso che la
    Tod's lo preoccupi. La Tod's va male, è giù del 20% rispetto ai suoi
    concorrenti da inizio anno. Rispetto a Prada, Armani, Lvmh e Kering è un
    nano. Un'azienda di dimensioni piccole e non sta andando bene"

    RispondiElimina
  30. Da inizio anno? Siamo ai primi di febbraio!

    RispondiElimina
  31. E questo sarebbe uno che tesse le trame di un'industria? Ma per piacere, è nato con la camicia, ma vada a rompere le palle da un'altra parte, sa una sega lui .......! Il peggio è che gli si porta anche rispetto, a una mezza sega rassegata come questo!

    RispondiElimina
  32. Affermare che Grillo è cialtrone e che la butta in caciara senza un minimo di stile, sono d'accordo, ma è stato l'unico ad alzare la voce sull`emendamento che fionda una saccata di nostri soldi alla Banca d'Italia, ( ignobilmente sottratta al pubblico e data in pasto ai privati dal grande..Prodi) ennesimo furto spacciato come evita IMU. Se ancora credete che Napolitano sia fuori dai giochi sulla connessione stato mafia e similgolpe per insediare un traditore della patria come Monti, meglio parlare di calcio.

    RispondiElimina
  33. Vita, lo sai anche te. Con il contributo di noi poveri, e sottolineo poveri, contribuenti onesti.

    RispondiElimina
  34. Su raisport1 i giovani viola a Viareggio.

    RispondiElimina
  35. Ahahahahahaha, tutto questo è degno di un film con Bill Murray, devvero. Allora, su Fiorentina.it Zemanviola si dissocia da chi ha usato impropriamente il suo nick per commentate sul mio blog ( cosa che sarebbe gradita per me, non è che scriva cose per pochi, sono solo cazzatucole...) e subito interviene un simil-delfino a dire la sua, onde rimediare sonora sculacciata dello ZV. Devo dire che ci vado poco sul sitone ,ma ogni volta è sempre divertente.

    RispondiElimina
  36. Atterro sul sitollock dopo tre giorni e annuncio che: 1) siete tutti delle fave; 2) se Montella torna al luddismo tattico (e snaturamento conseguente di ruoli) qualche probabilità di non passare il turno ce l'abbiamo; 3) l'agente di Tatarusanu è a Firenze, Violanews s'infoia e definisce il rumeno un giovane promettente (28 appena compiuti... ahahahahahahahah!); 4) a Napoli, dove sono stato mentre non leggevo le cazzahe che sparavahe su i' sito, danno per scontato che se battono la Roma la Coppa Italia sarà loro, mentre che il loro terzo posto in campionato sia insidiato manco passa loro per l'anticamera del cervello (livello del loro giornalismo televisivo locale ancor più basso di quello fiorentino quantunque non lo credessi possibile: mi ha colpito un tal Fedele, vecchio barbogio mononeuronale che al cospetto Paloscia è Isacco Newton); 5) seguìta l'indicazione di Foco verso il suo sito e verso cloaca e trovo che un depistaggio con giochetto al quadrato da parte di Zemanviola non sarebbe da escludersi, comunque è tutta da godersi col Dorf che non ci capisce un cazzo al suo solito; 6) interessantissimo rincaro razzista del Grand Armagnac, adesso addirittura rivolto contro i balbuzienti, peggio che peggio se ebrei (e vai col Taigeto!), il Francobolo Egiziano lo francobolla e lui non riesce a divincolarsi dalla marcatura alla Burgnich; 7) se stasera Neto ci butta fuori di Coppa come fece l'anno scorso con Destro, divorzio ufficialmente dal mio compagno di merende e diffido ufficialmente Beberri l'Anormale, adesso camuffatto da Sfiammatore plagiante l'originale su cloaca, nonché il Cretino dei Neretti, attualmente sifonaho, dall'accomunarmi ancora a siffatto traditore del paccianismo.

    RispondiElimina
  37. La giovane Viola comincia con supponenza e viene sorpresa da un Livorno aggressivo che segna e rischia di farne almeno altri due. Poi un lancio illuminante di Capezzi mette Gondo davanti alla porta e obbliga il difensore amaranto al fallo e all'espulsione. La partita si mette in discesa con l'entrata di Bangu, giocatore eccezionale per intelligenza e tecnica che, oltre a segnare, crea molte azioni pericolose. Capezzi, Bangu sembrano giocatori con un futuro certo, di sicuro hanno mezzi e testa per essere almeno una categoria sopra a tutti. Dabro anche oggi fuori, nonostante la possibilità di fare cinque cambi.

    RispondiElimina
  38. Quella sul decreto salva-banche è forse il punto più basso raggiunto dal qualunquismo di Grillo e Casaleggio, e non era facile, dalla diretta streaming in poi. Chi ha scovato quell'escamotage -rivalutazione nominale- è stato un genio, altro che boiate. Non avendo più controllo della base monetaria dall'introduzione dell'euro, la rivalutazione è quanto di più simile ad una espansione monetaria. La cosa che dovrebbe far pensare è che siamo ridotti ad inventarci cose del genere per uscire dalla trappola della cessione di sovranità monetaria. Lele, sulla natura privata o pubblica della BdI, non cambia una sega, non abbiamo più una banca centrale e quella che ne fa le veci l'abbiamo regalata ai tedeschi, come tutti i paesi dell'euro già col trattato di Maastricht, che non dovevamo firmare a quelle condizioni e conoscendo la storia del nazionalismo economico (non politico) tedesco.

    RispondiElimina
  39. Come previdi alla nascita del governo Letta e, prima ancora, dopo l'assurda, esilarante rielezione di Umberto di Savoia, tutto finisce col far brodo a Grillo, cuneo tattico leninista della situazione attuale. Vai con la spallata finale, Beppe! Il verminaio è lì lì per sgretolarsi! Renzi ci servirà le elezioni su un piatto d'argento! Ah ça ira ça ira ça ira!

    RispondiElimina
  40. Io invece prevedo che chi questa sera otterrà la qualificazione alla finale poi vincerà la Coppa Italia.

    RispondiElimina
  41. Invece, a parte gli adepti della setta che, anche a babbo morto, credono ancora alle profezie del guru dopo che questo è scappato con i soldi, il fu-Movimento-ora-partito-padronale ormai sarà a contendersi i voti della destra con Berlusconi. E' pur vero che la maggioranza degli italiani disprezza la democrazia, ma nel pollaio ora sono in due.

    RispondiElimina
  42. Stefano, Grillo razzolerà anche e soprattutto nella sinistra disertata da Renzi: un grande movimento casinista e disorientante, un galoppo di elefanti barrenti, catalizzatore del malcontento, da cui sprizzerà il vero cambiamento, l'Ermeneutica Fatale! In culo all'Italicum e ai coglioni suicidi che l'hanno ponzato... ahahahahahahahah! E caccole per Alfano, e Lega soffritta... ahahahahahahahahah! Vai Beppe, sei tutti noi.. ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  43. En attendant Maximilien... ahahahahahahah!

    RispondiElimina
  44. E dire che l'Alan s'era lamentato (minacciando di buttar tutto all'aria) con l'Alessia perché nell'editing lei gli aveva tagliato parti troppo compromettenti... ahahahahahahah! Figurarsi icche succedea allora, se tanto mi dà tanto, se lei gnene lasciaa... ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  45. E che figura coi marò, che figura... ahahahahahahahahah! Ma dei due, qual è il paese del terzo mondo? Ahahahahahahahahahah! Un giorno ve la racconterò giusta, quella dei marò... ahahahahahahahah! Sarà quando vi dirò chillè i' Dorf... ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  46. Ah ça ira ça ira ça ira... ahahahahahahah!

    RispondiElimina
  47. Colonnello tu la vedi facile. Gli italiani non hanno mai fatto una rivoluzione, ma hanno avuto molti Masaniello, ai quali alla fine hanno tagliato la testa.

    RispondiElimina
  48. Certo, McGuire, certo, ma lasciami sperare e godere almeno di una jacquerie.

    RispondiElimina
  49. Questo succede quando si legge troppo e male, scambiare il nuovo con il vecchio. Ed è anche la parabola finale della filosofia occidentale, la decostruzione radicale non è critica del dominio, è la sua apoteosi. Ovvero la solita variazione sul tema dello gnosticismo. Un giorno ci scriverò su un libro "Quando il Colonel leggeva Agamben".

    RispondiElimina
  50. Stefano, magari avessi saputo leggere poco e bene come sai tu! Fin dove non sarei salito!

    RispondiElimina
  51. E raccomando poi la solfa che il Capitale Travestito recita, ferula sbriciolata in mano, ai molestatori dell'autista (= il radicalismo effettivo conservatorismo): una melassa insipida, una menciata della cattiva coscienza servita paro paro uguale da Ronnie ai democratici americani, da Maggie ai laburisti, da Bokassa a Berlinguer, dal Berlusca al PD, adesso dal renzismo al non-lui. A caghèr, dico io, a caghèr!!!!!! Carlino aggiornato da Rosa basta anche per voi, per liquidarvi... ahahahahahahahah! Ah ça ira ça ira ça ira... ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  52. COLONNELLO, in questo governo multicolore (merda, vomito), variegato (trasformisti ovunque), dove rientra da una feritoia (sanguinante, quindi) anche Casini (!!!!), dove Letta neanche più lo zerbino(fango) sa fare- prossimo incarico scovolino per bottiglie di champagne (verde chiaro) mi sembra che Umberto di Savoia(grigiastro, tinto male) sia stato preso col formaggio(giallo) in bocca, come 'er sorcio (grigio)...quindi sarà pronto il nuovo libro di Vespa: "I maestri del dolore"....ahaha ahaha ahah ahahah ahaha....Senti/leggi qua: 8 Premi Nobel sparsi in giro per il mondo, dato a loro un tempo massimo per esprimere le loro soluzioni alla crisi dei paesi europei. Risultato: tutti e 8 hanno auspicato l'uscita dall'euro, dalla moneta unica!! Ahaha ahaha ahaha tutti di destra, 'sti Premi Nobel! Come disse Nobel "Uno sparo, questa situazione!"...ahah ahahaha ahahah...Umberto di Savoia sottoschiaffo di Passera, e chi lo avrebbe mai detto! La passera fa brutti effetti, lo dovrebbe sapere!! Sembra una barzelletta: c'erano un napoletano (Napo), un milanese (Monti) ed un anglosassone (Friedmann)...ahahah ahaha ahha ....sapete chi l'ha fatta più grossa?? Napolitano da vero statista dovrebbe dire-come una bella figa- "La Costituzione è mia, guai a chi non me la tocca!" ahahaahah ahahah e tutti ad abboccare......Zucconi da 20 ora non parla più, lui che vive negli Stati Uniti è venuto a spiegarci come andare oltre questo momento...ahah ahaha ahaha Vieni vieni qui, figlio del grande Zucconi, tu sarai sempre "Il figlio di Zucconi, con strada intitolata a Modena...."......Zucconi "Armiamoci e partiamo, voi per la guerra contro Berlusca, io per gli States, sapete...ho da curare il ranch...!".....Vai COLONNELLO, candidiamoci....Quel Grillo, oggi, ha ancor più ragione di essere li, in Parlamento.....altro che Renudista! Presidentenudista!

    RispondiElimina
  53. “Leggo che oggi Yaki, al ritorno da un lungo weekend, ha fatto dichiarazioni trattando un argomento che notoriamente non conosce, quello del mondo del lavoro e delle imprese che vanno bene, dicendo alcune fesserie”, è il preambolo di Diego Della Valle in una nota di risposta alle parole di Elkann pubblicata da Tuttosport.com. “Qualora avesse voglia di visitare un’azienda che realizza prodotti ottimi con dipendenti molto preparati, con una situazione finanziaria solidissima che non ha mai fatto cassa integrazione e con clienti ed azionisti soddisfatti e fedeli negli anni, me lo faccia sapere ed io lo inviterò a visitare il Gruppo Tod’s. Potrebbe anche rimanere per uno stage, visto che ha molto tempo libero, così potrà imparare cosa vuol dire lavorare per davvero.”
    “Mi dispiace dovermi ultimamente contrapporre a Yaki, che conosco fin da bambino e che non è in grado di capire che non c’è nulla di personale nelle mie prese di posizione sulla Fiat e sugli Agnelli. Le mie sono critiche rivolte ad una famiglia che ha avuto e preso tutto quello che ha voluto dall’Italia e dagli Italiani negli ultimi decenni e nel momento del bisogno, con un Paese che vive una situazione drammatica, invece di essere pronta a dare il massimo appoggio, è scappata nella penombra per sistemare al meglio i propri affari personali. Chi si comporta in questo modo non merita nessun rispetto”.

    RispondiElimina
  54. Bangu e Capezzi li consocevo (anche se il congolese mi sembra avere di più oltre a tre anni di meno), però quello che non consocevo e mi è piaciuto un sacco è Venuti. Bell'elemento di fascia, veramente bravo.

    RispondiElimina
  55. Se Grillo vince le elezioni scappo definitivamente in Brasile. Che l'Italia affondi senza di me.

    RispondiElimina
  56. Ci vuole tanto per capire che, Fiorentina o non Fiorentina, questo c'ha tutte le ragioni del mondo?

    RispondiElimina
  57. Sì, ma dicendo così poi rischia che non ci danno Marrone o Giovinco, eh

    RispondiElimina
  58. Qualche sacrificio nel nome della verità dobbiamo pur farlo...

    RispondiElimina
  59. Su Dabro non so che dire. Va in panchina quindi dovrebbe star bene, ma non lo mette mai nemmeno per sbaglio, dopo avergli fatto fare alcune partite a fine anno scorso. Va bene che è un '97, ma doveva essere un fenomeno!

    RispondiElimina
  60. ma un ci lascian nemmen comprare Baselli e Berardi! (perchè se li voglian loro, intanto, ce li farebbero comunque prendere a noi!)

    RispondiElimina
  61. Però pe' taglialla all'ultimo c'è voluto vent'anni e perdere una guerra.

    RispondiElimina
  62. Infatti, non capisco neanche io. Sembra un po' la situazione di Seferovic, anni fa, all'inizio dei suoi anni in viola. Tatticamente non mi sembra che il centravanti faccia chissà quali movimenti strani da capire...

    RispondiElimina
  63. Allora Agnelli merde anche per questo ahahahahahaha

    RispondiElimina
  64. Tanto non imparano. I peggio poi sono i qualunquisti di sinistra. Almeno Sopra è coerente con se stesso.

    RispondiElimina
  65. se ci levano anche la soddisfazione di dagli di merde o icche ci rimane?

    RispondiElimina
  66. Guarda Sopra, fossi dalla tua parte, sarei anche io grillino convinto. Altro che Fini! Altro che fotocopia sbiadita del Duce! Magari un giorno mi converto anche io.

    RispondiElimina
  67. E Gondo non mi sembra poi la fine del mondo, anche lui la porta non è che la veda da centravanti. Ma Semplici a me non è che mi abbia mai convinto. Credo che abbia diversi ottimi elementi per la categoria, ma la mano dell'allenatore nella primavera non l'ho mai vista, e son tre anni che c'è.

    RispondiElimina
  68. Non c'é nulla di radicale, è odio per la democrazia rappresentativa, perché la massa va bene solo se preda ai suoi istinti più bassi, così l'intellettuale dall'alto li governa e dirige come marionette. Marx meets Heidegger equals Plato.

    RispondiElimina
  69. Non ci vuole tanto.

    RispondiElimina
  70. No Stefano, il trattato di Maastricht era ben fatto, è stato poi cambiato con un trucco usato come ricatto all'atto della firma. In pratica è un golpe legalizzato dai vari Prodi e compari, se siamo in queste penose condizioni lo dobbiamo soprattutto a lui.
    Idem per la privatizzazione della BdI, altra tragedia che ha portato alla sparizione della banca centrale che emetteva Lira (bei tempi...)A me Grillo sta sul culo, ma quando dice il vero va detto e Napolitano è un complice della miseria italiana. € è moneta straniera in Italia, e quando la massa lo capirà saremo a contare i centesimi.

    RispondiElimina
  71. Formazioni ufficiali:

    FIORENTINA: Neto, Diakite, Rodriguez, Savic, Pasqual, Pizarro, Aquilani, Fernandez, Cuadrado, Joaquin, Matri. A disp. Rosati, Lupatelli, Roncaglia, Compper, Bakic, Vargas, Anderson, Matos, Wolski, Ilicic, Gomez. ALL. Montella

    UDINESE: Scuffet, Heurtaux, Danilo, Domizzi, Widmer, Pinzi, Allan, Pereyra, Gabriel Silva, Fernandes, Di Natale. A disp. Kelava, Naldo, Bubnjic, Basta, Jadson, Yebda, Badu, Lazzari, Nico Lopez, Zielinski, Maicosuel, Muriel. ALL. Guidolin

    RispondiElimina
  72. Insomma, 4-5-1 con Ilicic e Vargas in panchina.

    RispondiElimina
  73. In pratica consegnamo terra tra centrocampo e difesa, dove si stabiliranno Di Natale e Fernandes ( azzeccati tutti e due ieri, ehehehhe) a cacare il cazzo e ad incrociare. Widmer contro Pasqual non mi lascia tranquillo. Bah, comunque forza ragazzi!

    RispondiElimina
  74. Assurda formazione che lascia il centrocampo a Guidolin! Cazzo, porcamaialatroia ma che ancora un lo capisce???????????

    RispondiElimina
  75. Siamo in affanno abbestia!

    RispondiElimina
  76. Di buono solo il risultato, per altro del tutto casuale per dinamica e marcatore. Gli abbiamo messo in mano il pallino del gioco a cui contrapponiamo rinculi e rinvii alla viva il parroco. Indietreggiamo fino alla nostra trequarti permettendo loro di attaccare con tutti gli effettivi. Eppure lo spazio ci sarebbe per far male. Di Natale e Fernandes ci scherzano manco fossero Maradona. Tutti sbagliato,da quello che si è visto anche il risultato.

    RispondiElimina
  77. E c'è da patire pe' artri 45'. Che Eupalla ce la amndi bona e senza vento

    RispondiElimina
  78. Non esageriamo, il goal è stato un gran goal, l'avesse fatto Gomez sarebbe cascato lo stadio. Cerchiamo di accorciare gli spazi ma lo facciamo anche troppo e siamo come sempre scarsi nelle ripartenze. In queste partite è facile, anzi fondamentale fare il secondo, ma bisogna volerlo fare.

    RispondiElimina
  79. Dentro Anderson o Ambro e Vargas, via Joaquin o Cuadrado e Pasqual.
    Toc toc c'è qualcuno in panchina?

    RispondiElimina
  80. Ambrosini non è in panchina che io sappia. Dentro Anderson son d'accordo per vedere se si riparte meglio e dentro Ilicic al posto di Joaquim. Si deve fare il secondo se no si ha nel baugigi

    RispondiElimina
  81. Siamo in campo con il 3-5-2, con Joaquin di punta accanto a Matri. Rispetto alla formazione da noi sperata ci sono Joaquin al posto di Ilicic e Pasqual al posto di Vargas... Joaquin e Pasqual sono proprio quelli che hanno confezionato il gol.
    Qualcosa comunque va cambiato, forse non a livello di giocatori, ma di approccio alla partita, perché stiamo soffrendo troppo e l'Udinese, se continua così, ci pareggia.

    RispondiElimina
  82. Si ma è stato casuale per gli interpreti infatti e per l'azione non certo "normale" come svolgimento.

    RispondiElimina
  83. L'azione è stata da manuale, lancio di Pizarro ed assist di Joaquim sono da cineteca ed ancor più il tiro di Pasqual, se non l'avesse fatto Pasqual

    RispondiElimina
  84. Nessuno pressa dai 16 metri loro sino alla trequarti nostra. Sei o sette uomini loro liberi di impostare o lanciare. Bagonghi-Di Natale solo a saltare di testa mi fa pensare ad approssimazione, molta, in fase difensiva...come se le marcature fossero casuali. I leziosismi di Gonzalo e di Pizarro sono lavoro per cardiologi alle prime armi, troppo facile il lavoro. Per ora il migliore in campo è Neto, e questo è paradigmatico dello svolgimento del match. Possesso palla scarso, di conseguenza pallino a loro. E ORA ANCHE BRUTTI SE SERVE, scriveva POLLOCK tre giorni fa...Ok. Ci leggono.

    RispondiElimina
  85. Fino ad adesso non mi sono piaciuti né Mati Fernandez né Cuadrado,

    RispondiElimina
  86. No, Anto, giochiamo a quattro dietro e ,con Cuadrado così basso, quasi a cinque. Siamo troppo preoccupati e ci schiacciamo troppo.

    RispondiElimina
  87. Io ho visto una difesa a 3 in fase di possesso e, sì, una difesa a 5 in fase di non possesso.

    RispondiElimina
  88. Sono d'accordo con Anto. E' una questione di approccio più che di uomini a questo punto. Succede in queste partite ad eliminazione diretta dove l'adrenalina, tua o dell'avversario prodotta dal risultato in corso, decide chi ha il pallino del gioco. Ci vuole il secondo gol.

    RispondiElimina
  89. In attacco non ci siamo, a centrocampo la 'un si vede, in difesa ringraziamo Neto. Per ora s'ha un culo grosso come una hasa!

    RispondiElimina
  90. Appunto dal 25' circa il 3-5-2 è diventato un 5-3-2 e può andare anche bene se si sapesse fare le ripartenze come loro. Invece quando si riconquista palla ci si titilla il cazzo

    RispondiElimina
  91. Ohi ohi, Savic out! L'era i' meglio stasera in difesa!

    RispondiElimina
  92. Se si fa questi gol!

    RispondiElimina
  93. Ma che approccio, questo ha perso il cervello. E ora toglie Matri...

    RispondiElimina
  94. La prima ripartenza fatta bene, due passaggi e tiro, e che tiro!

    RispondiElimina
  95. L'è tutta la partita che si gioca alla viva i' parroco!

    RispondiElimina
  96. Oh fare l'allenatore cosi, a sperare nelle giocate, e basta dagli i`pallone e salire in tribuna.

    RispondiElimina
  97. Ma du' palle l'è 'un ci sono a giro pe' i' campo?

    RispondiElimina
  98. Ovviamente a parte Neto,certo.

    RispondiElimina
  99. Il gol di Pasqual l'ho chiamato io! Porterò due bottiglie del mio preziosissimo Pigato alla cena ludicoviola. Evvvvvvaaaaaaaiiiiiiiiii!!!!

    RispondiElimina
  100. Vista a spizzichi e bocconi dato che l'anima buona di mia moglie mi fissa cene quando gioca la Fiorentina. Da quel poco che posso ricomporre dagli higlights si è sofferto come pochi per lunghi tratti ma due goal fantastici ci regalano la finale e soprattutto un Neto pazzesco (mi sono visto l'intervento nel primo tempo e due degli ultimi nel secondo) chiude a quadrupla mandata la porta. Bene così, finalmente una finale nell'era DV, e dopo un'anno e mezzo di Montella (già per questo merita un posto fra i migliori in galleria Viola) ma scordiamoci di avere possibilità di vittoria se la si gioca in sofferenza come stasera.

    RispondiElimina
  101. Foco, oggi è stata la prima volta, penso, da quando abbiamo Montella, in cui abbiamo avuto meno possesso palla dell'avversario in una partita in casa. mi viene da pensare quasi che sia stato voluto, che Montella abbia voluto combattere Guidolin con le sue stesse armi: lasciare il pallino del gioco all'Udinese e chiudersi in difesa. Di fatto avevamo giocato meglio all'andata, ma allora avevamo perso e oggi abbiamo vinto. Abbiamo avuto anche culo (soprattutto nel primo tempo), ma va bene così.

    RispondiElimina
  102. Io invece son contento, più di così era difficile fare, visto chi siamo e come siamo e Eupalla una volta tanto ci ha aiutato con du' go' troppo belli per esse' veri. Ragazzi ma ci manca Rossi, Gomez, Borja Valero, Tomovic, Ambrosini e ci s'ha mezzi e mezzi Aquilani, Cuadrado, Gonzalo e ora anche Savic. O che voleet, e miracoli? L'Udinese oggi è una bella squadra e alla Coppa ci teneva parecchio, quando dissi che l'era meglio incontrare il Milan vu credevi scherzassi. Comunque siamo in finale, ein Europa ci siamo di già e senza preliminari, facciamo i' tifo pe' i'Napoli, perchè la Roma a casa sua la sarebbe peggio. L'unica fregtuta l'è qui' giallo a bischero (e a merda) dato a Cuadrado alla fine, sarà un'assenza grave.

    RispondiElimina
  103. Anch'io avrei preferito il Milan all'Udinese e anch'io preferirei il Napoli in finale. Cuadrado lo ammazzerei per l'ammonizione che si è preso, nel dopo partita ha dichiarato "sono triste perché mi hanno detto che ero diffidato e salterò la finale", ma cazzo, non lo sapeva di essere diffidato?

    RispondiElimina
  104. O Anto ma siamo andati in vantaggio, e qualificati, dopo un quarto d'ora o che volevi avere anche il possesso palla? Che attaccassero loro era quasi ovvio. Il nostro problema è che si riparte male, non ci s'ha il DNA del contropiede rapido. L'unica volta che s'è fatto s'è fatto goal!

    RispondiElimina
  105. Jordan, altre volte, anche contro l'Udinese l'anno scorso, dopo essere passati in vantaggio continuavamo ad attaccare fino a farci infilare come polli e perdere la partita. Ci siamo fatti furbi.

    RispondiElimina
  106. Due gol fantastici e un grandissimo Neto. Per il resto una grande sofferenza e basta!

    RispondiElimina
  107. La posta in gioco era troppo alta, c'era il terrore nei nostri di prendere un gol di quelli pesanti che valgono il doppio che avrebbe cambiato tutto, per contrappunto l'Udinese giocava il tutto per tutto, con quel vantaggio psicologico.
    In queste situazioni prevalentemente adrenaliniche gli schemi saltano.
    Io sono contento.
    In finale vedremo un'altra Fiorentina.

    RispondiElimina
  108. Lo so ma questa volta era noi o loro. In campionato lo spirito è diverso, non c'è il clima ultima spiaggia

    RispondiElimina
  109. La parata su (mi pare) Silva nel primo tempo, quella sul diagonale basso a incrociare da dentro l'area, è stata una delle più belle che abbia mai visto.

    RispondiElimina
  110. Grazie Gonfia, allora ho ricomposto bene l'andamento.

    RispondiElimina
  111. A maggior ragione abbiamo fatto bene a farci furbi.
    Insomma, profetico il Poeta: "e ora anche brutti se serve"

    RispondiElimina
  112. In finale (anche se mancherà Cuadrado) ritroveremo Borja Valero, fondamentale per il nostro gioco.

    RispondiElimina
  113. S'era dimenticato di dire acculati, perché questi siamo stati stasera. Una prestazione, nel complesso, meno che sufficiente. Ma tant'è

    RispondiElimina
  114. Eh sì, perché l'Aquilani di stasera non gli lega nemmen le scarpe.

    RispondiElimina
  115. Quella l'ho vista e vale quanto un goal, difficile da vedere, reattività pazzesca, l'ha deviata a terra, se la sognano tanti portieri una capacità di reazione simile, inizio a pensare che quando scazza lo fa perché anticipa troppo, sa già traiettoria e direzione di molti tiri, gli avanza tempo per complicarsi la vita quelle rare volte che le combina. In Italia non lo cambierei con nessuno.

    RispondiElimina
  116. Per codesto ritroveremo Gomez e, forse, anche Pepito (così pago il Brunello al Chiari col maggior piacere). Insomma potrebbe essere la vera Fiorentina.

    RispondiElimina
  117. Dai voti che vedo in giro vedo che sono l'unico, ma Aquilani stasera mi è piaciuto.
    Certo, con Borja è un'altra cosa.

    RispondiElimina
  118. Ragazzi succede sempre così nelle partite da mors tua vita mea.
    Se malauguratamente l'Udinese avesse pareggiato avremmo giocato il resto della partita nell'area dell'Udinese.

    RispondiElimina
  119. Io intanto devo portare le due di Pigato che avevo promesso in caso di gol di Pasqual.

    RispondiElimina
  120. ... e saremmo andati in finale ugualmente.

    RispondiElimina
  121. Io 'un l'ho visto.

    RispondiElimina
  122. Meglio che sia andata così.

    RispondiElimina
  123. Aquilani non ha giocato male, ma a me piace sempre. Mi è piaciuto meno Mati invece anche se nel secondo tempo ha migliorato. Non mi è piaciuto molto nemmeno Gonzalo e Pasqual, a parte il goal straordinario è stato penoso su Widmer. Così è il terzo di seguiro, gli esterni dalla sua parte sembran tutti fenomeni.

    RispondiElimina
  124. Sono invecchiato dieci anni tutto d'un botto ma esulto, perchè di sfiga ne abbiamo vista tanta ma una nostra vittoria così di culo non la ricordo dal 2009 (Fiorentina-Lazio 1-0, gol di Gilardino al '90 al nostro primo tiro in porta, dopo che i biancocelesti erano stati fermati da pali, contropali e colpi di reni di Frey).
    Abbiamo giocato una partita oscena, sbagliando tutti i passaggi possibili immaginabili e arrivando sempre secondi sul pallone in qualsiasi zona del campo. Fase difensiva dilettantesca, tra marcature inesistenti, svirgolate e qualcuno come Pizarro e Cuadrado che tentavano l'uno contro uno in mezzo al pressing friulano al limire dell'area nostra. Davanti non si reggeva una palla che fosse una.
    Mitico Neto, per il resto salvo solo le due singole giocate dei due gol. Oltre al dio del Culo, ringraziamo pure la rancorosa checca che allena l'Udinese, perchè noi si fa le pulci a tutte le scelte del nostro e qualcuno gli dà anche del pauroso, ma il genio incompreso del Nord-Est parte con Muriel e Nico Lopez in panchina, mettendo il primo quando lo svantaggio è già netto e il secondo a 10 minuti dalla fine, togliendo però Di Natale.
    P.S. Cuadrado, se è vero che era ignaro della diffida, è veramente doddo.

    RispondiElimina
  125. Io non sono contento perché a conti fatti, dopo il gol, siamo diventati un colabrodo dove passava chiunque. Dietro la prestazione ci vedo una tattica completamente sballata e una situazione fisica che mi preoccupa già da tre partite. Sicuramente per la finale c'è tempo ed è meglio farla che non farla, però la partita di stasera, per la prima volta, mi va a minare alcune certezze. Ho visto una squadra stremata e messa in campo a cazzo di cane, in una partita dove dovevamo fare noi il match e invece l'ha fatto l'avversario, anche prima del gol. Spero di sbagliarmi.

    RispondiElimina
  126. L'unica cosa che non ho capito di Montella è il cambio di Matri con Matos. Ma era rotto anche l'ex-cagliaritano?

    RispondiElimina
  127. Una delle peggiori partite della Fiorentina in casa, dall'inizio alla fine. Il CULO ha avuto la sua parte, FONDAMENTALE!

    RispondiElimina
  128. Squadra un po' stanca sì, messa a cazzo di cane non direi, perchè se dici che è stanca non potevi metterla che così. Poi tutta questa tragedia non l'ho vista. I pericoli più grossi sono stati negli ultimi dieci minuti più per un cedimento nervoso che altro, credo. Se ti trovi qualificato dpo un quarto d'ora e non ne hai tante da spendere, accorci gli spazi e giochi di rimessa, il fatto è che a noi non ci riesce. Poi ci sono anche gli avversari e questi non son così dolci, han buttato fuori Inter e Milan in fondo.

    RispondiElimina
  129. A me è sembrato che uscisse con la lingua a terra, ma il cambio con Matos mi ha fatto preoccupare il giusto, perchè tanto Matri non reggeva un pallone (e non solo per colpa sua, ma anche di chi lo lasciava solo in mezzo a tre difensori friulani).

    RispondiElimina
  130. Vero ma pondera le pagelle pensando che - come ha spiegato il munifico Andrà Della Valle- andare in finale in Italia, in mezzo a 6 squadre che prendono milioni e milioni e milioni di euro più di te dalla PayTv non è facile. Oggi la viola ha scoperto un a,tr lato: sa soffrire. Primo gol di Pasqual, ultimo entrato Vargas: gli anelli di congiunzione con la viola bella e sfortunata contro il Bayern, oggi in campo in una viola brutta e fortunata! Piacevoli le parole di avulso in sul pubblico viola e sulla Fiorentina.

    RispondiElimina
  131. Oltre alla possibilità di giocare la finale, provo a ipotizzare un effetto benefico anche in campionato: essendoci garantiti quantomeno la qualificazione alla prossima Europa League non ci cambia più nulla arrivare quarti o settimi, quindi possiamo rincorrere il Napoli senza rischiare (almeno fino a quando non li avremo superati) che ci venga il braccino. Anche vedere un Gomez così coinvolto è benaugurante; certo il protagonista lo deve fare col pallone e non con le chiacchiere, ma ritrovarsi un campione così entusiasta può trasmettere una bella spinta al resto della squadra (e speriamo possa aggiungersi anche Pepito, almeno per l'ultimo mese...). Ora testa all'Inter, che dopo aver mandato in culo Merdolin vorrei replicare anche col genio incompreso che allena i nerazzurri.

    RispondiElimina
  132. Più anima che culo. Merito a Montella, ai ragazzi, al pubblico, alla proprietà.

    Senza Gomez, Rossi e Valero, se volete ancora i tre tenori, compratevi questo cd, costa solo venti euro!

    http://www.amazon.ca/Tre-Tenori-Natale-Domingo/dp/B000YAQIZ2

    RispondiElimina
  133. Un post sul sitone:
    Caro Montella, se vogliamo crescere , non si può avere una squadra con 3
    centrocampisti come quelli che avevamo stasera. Non si può vedere. L'Udinese ha fatto quello che voleva.

    RispondiElimina
  134. Poi lo dico adesso e lo ripeto domani. Il Trattato di Maastricht è stato ratificato nel 1993, caro Lele, piantiamola di dire minchiate. Prodi è andato al governo nel 1996 e c'è stato un anno. Mi spiace dirtelo, ma questo è il tipico difetto degli italiani. Parlano a vanvera. Vi meritate i Grillo, i Berlusconi, e pure di peggio.

    RispondiElimina
  135. Stefano disinformatissimo! Il primo governo Prodi dura DUE ANNI E MEZZO, altro che un anno! Tu non sarai italiano, ma «a vanvera» parli quanto lo svizzero. Lasciatemi cantare con la chitarra in mano, lasciatemi cantare, sono un italiano. E voterò Grillo, contro OGNI DESTRA DEL CAZZO.

    RispondiElimina