.

.

venerdì 28 febbraio 2014

La torbida provincia

L’ottavo di finale contro la squadra del leccaculo degli arbitri è servito, ma nell’ambiente si dice che lecca il padrone solo perché è sempre senza voce, e vista la sindrome da accerchiamento che ci ha colpiti dopo Parma, speriamo che adesso non si materializzi la figura massiccia e sgraziata di lui. Si il ritorno di Ovrebo. A Castiglione delle Stiviere dove è nato Gervasoni tutti sanno e non sanno che sua madre aveva avuto una storia con il fratello di Ovrebo, si sospetta e non si sospetta che l’arbitro italiano sia in realtà il nipote preferito del norvegese, e che da lui abbia ripreso la passione per la direzione arbitrale, che è differente dalla passione che invece aveva la madre per lo zio. E a differenza del sangue freddo tipico dello svedese, anche perché in Svezia fa molto più freddo che a Castiglione delle Stiviere, Gervasoni odia le spinte violente di giocatori focosi come Borja Valero, perché gli ricordano tanto certe altre spinte focose che si esercitavano in quella relazione segreta alla quale lui aveva dovuto assistere suo malgrado quella volta che si era nascosto sotto il letto per giocare ad ”arbitro falso”, un gioco che andava per la maggiore all’epoca e che andava giocato di nascosto e al buio per far preparare meglio i giocatori all’atmosfera tipica delle macchinazioni che oggi sono quelle messe in pratica da Nicchi e Braschi che di quel gioco sono stati dei veri campioni. La partita, un allenamento che ha confermato la chirurgica precisione del sinistro di Ilicic, la frgilità preoccupante sull’uno contro uno di Compper, il tedesco mi è sembrato più tenero del tonno che si taglia con un grissino, mentre Pizarro dimostra di stare molto bene anche fisicamente. In poche parole un pareggio regalato, ma che almeno ci ha permesso di portare a casa la qualificazione, di fare rodaggio alla macchina tedesca del cazzo, e di rivedere anche un Bakic dalla buona prsonalità. Quando ho visto Rosati ho subito cambiato streaming e l’ho fatto per altre dodici volte pensando di aver sbagliato partita, poi quando ho realizzato che era Rosati nostro ho pensato che Gervasoni avesse scritto sul referto che Neto aveva la tubercolosi, e in quanto infettivo non poteva scendere in campo in Europa per via dei rigidi parametri di Maastricht. Braschi del resto ha Gervasoni come medico curante, e si dice che la moglie di Braschi si vada a fare ripetutamente visitare dal nipote di Ovrebo. Furio intanto mi ha invitato domenica a cena, e quindi soprattutto a vedere una delle ultime partite prima della disdetta a Sky, anche lui caduto sotto i colpi della gestione Nicchi e Braschi, però mi ha anticipato una cena un po' particolare, tutta a base di carne di cavallo, ma la cosa più strana è che ha comprato un cavallo intero, e così ho voluto precisare che di solito non ho tutta quella fame prima delle partite, ma lui mi ha tranquillizzato dicendo che era stata un’occasione e che gli serviva una testa da spedire a Castiglione delle Stiviere. Se è vero che dalla partita di Parma mi sono salvato perché ero in Sicilia, lo strascico delle polemiche mi hanno invece investito e di fatto annientato l’interesse per la partita di ieri, per la quale infatti ho lottato strenuamente contro il sonno. Mi sono salvato solo mangiando le frittelline e i cenci del forno Sartoni in via dei Cerchi. Che dire, bene comunque, andiamo avanti. Finale di coppa Italia con il Napoli, ottavi di Europa League con la Juve e terzo posto ancora vivo. E tutto questo malgrado le storie di corna tipiche della provincia italiana e norvegese. Una concomitanza di eventi che mi ha fatto ritornare in mente un’espressione poco gentile, ma tipica, che usavamo da piccoli quando giocavamo per dieci ore consecutive a pallone utiizzando i tronchi degli alberi come pali da una parte e i giubbotti dall’altra. Un’ espressione un po’ in disuso anche per via dell’età che ci impedisce di essere così scurrili, anche se poi in realtà lo siamo comunque, o almeno lo sono visto che proprio per questo motivo mi hanno querelato. Insomma, volevo rispolverare quella frase per dedicarla a qualcuno della provincia italiana, che poi è la madre di tutte le colpe per quanto successo alla Fiorentina a Parma e a Monaco, “Tu c’hai la mamma maiala”.

124 commenti:

  1. Per poter cogliere bene, benissimo cos'é la giustizia in Italia (rispetto all'estero), quali sono i parametri che si riflettono anche nel calcio nostrano basterà leggere quale é stata la multa, la sanzione (e tutto l'apparato che ne consegue) per Anelka ed il suo gesto dopo il gol (10 gg fa) e poi andare a leggere quale é stata, ieri, la multa, la sanzione per Miccoli e le sue frasi su Falcone. Ecco, anche in questo caso il calcio diventa paradigma di un paese, il calcio diventa "ingiustizia" per antonomasia. Oltre al fatto che in Inghilterra hanno deciso dopo neanche due settimane, in Italia dopo quasi un anno. Vomitevole e offensivo per la memoria di uomo tutto d'un pezzo, offeso da un uomo che é mezzo (uomo).

    RispondiElimina
  2. CHIARI, il Cor-Sport Stadio prosegue la sua battaglia contro Nicchi, anche oggi due pagine e mezza. In particolare si sofferma sull'assurditá delle designazioni "pericolose" di domenica, dove due internazionali faranno da assistenza in partite di centroclassica o comunque di seconda fascia!! Atteggiamento che viene bollato "d'arroganza", che riporta alla Juve. POLLOCK, dopo lo sperticato elogio di Conte alla categoria arbitrale, hai scritto proprio bene, tra l'altro il nuovo soprannome di Conte sará Rintintin, che non sa scopare ma lecca da paura.

    RispondiElimina
  3. Se Pizarro mantiene forma così e viene dosato, alternato, può fare ancora un'altra stagione alla grande (e magari giocare sino a 35 o 36 anni come Totti, Zanetti). Italia-Europa: i siti di calcio ufficiali del board del calcio dedicano sempre qualcosa alla viola, i siti nostri zero. (Prandelli supervisore delle nazionali!! Ahaha ahahah ah.....mica avrà paura di andare ad allenare un club normale? Mica avrà paura di dimostrare che non vince mai? Io fossi in lui andrei al Milan così potrà assistere ogni giorno agli show dei suoi due figli adottivi, Montolivo e Balotelli, ogni giorno un "marocchino"!)

    RispondiElimina
  4. Sto facendo il CHIARI, oggi, riposate pure....

    RispondiElimina
  5. Ieri ho portato Giordano allo stadio, era il suo compleanno, ma non gli ho fatto un gran regalo. Non è stata certo una partita di quelle che conquista al gioco del calcio e c'era da immaginarselo, ma se il 27 febbraio c'è Fiorentina.Elsberg, o lo faccio rinascere un altro giorno, o cambio il calendario o si deve contentare. Quando al 91' hanno anche pareggiaro: "O babbo ma un si vince nemmen con questi?" Hai voglia di spiegargli che ce ne importava poco, che si passava noi comunque che domenica si deve rigiocare, i ragazzi voglion vede' vincere mica discorsi. Della partita c'è da dir poco, una sgambatella del giovedì, con due poponate enormi in difesa di Compper che hanno dato a loro le due occasioni da rete, uniche, della partita e un possesso palla continuo, asfissiante, ma abbastanza poco produttivo. Un goal di Gomez forse buono avrebbe chiuso la partita su un più giusto 2-0, ma chi se ne frega, teniamolo da parte per domenica sperando che facciano rigiocare Marchetti e che giochi come in Bulgaria.

    RispondiElimina
  6. Anche Marchetti ha perso la "verginità" delle papere o simili...

    RispondiElimina
  7. Non posso ascoltare l'audio di Montella, di conseguenza posso solo commentare quando risponde: tiriamo poco in porta? A far possesso palla è così...
    Mah!

    RispondiElimina
  8. http://www.violanews.com/altre-news/la-fiorentina-prepara-lempeachement-di-braschi-20140228/

    RispondiElimina
  9. Beh, ormai siamo allo scontro frontale, è inevitabile. Questa è una battaglia da combattere e da vincere.

    RispondiElimina
  10. Mah! forse viene dal pugilato e pensa che contino le vittorie ai punti. Io credevo che per vincere si dovesse fare un goal di più di quelli che si prendevano e se non tiri in porta i gol li fanno quegli altri

    RispondiElimina
  11. Braschi a giugno andava via comunque, non deve essere quello il solo obiettivo. C'è da andare molto più a fondo.

    RispondiElimina
  12. Pollock, ma del Colonnello si sa nulla? Il GAT aveva parlato di un incarico accademico in Puglia (???). O era una boutade oppure ne sa più di noi, possibile?

    RispondiElimina
  13. Non so cosa dirti Gonfia. Il Colonnello si assenta spesso. Sarà con il Conte Martelloni a trombare da qualche parte. Oppure impegnato a preparare la strategia difensiva per rispondere alle citazioni in giudizio che piovono su questo blog come i cartellini rossi di Gervasoni.

    RispondiElimina
  14. Addirittura a questo punto? Mah! Grazie.

    RispondiElimina
  15. Gonfia non ti preoccupare. Quando sarò lì, prima di sprofondare nelle maglie della giustizia vi tiro giù tutti con me. Muoia Gervasone con tutti quei filistei di Calvarese e Damato.

    RispondiElimina
  16. Certamente, Gonfia, ho avuto un incarico da usciere a Trani domenica e ho dovuto firmare lunedì una declaratoria di rinunzia al sitollock per incompatibilità. Poi, però, quel bastardo e ruffiano del Gestore mi ha circuito e vittoriosamente spinto alle dimissioni (ho la stessa definitività di Luddemente nell'astenersi dal pensare a noi, Pollockone), stamani avvenute. Resto quindi autotrasportatore di Campi Bisenzio, come il borracho paranoico e ciuffoso di Bologna meglio adesso m'immagina, e quindi sotto-adeguato a un sito di geometri, di macellari, di golfisti. Siccome vi vedo un po' sfiatati su argomenti irresolubili (Braschi, Renzi) in quanto alla merda non è mai stata trovata soluzione rapida di smaltimento convincente, propongo a AntoineRouge la mia classifica delle Fatali del Decennio. Anni '10: Mary. Anni '20: Louise. Anni '30: Marlene. Anni '40: Gene. Anni '50: Brigitte. Anni '60: Faye. Anni '70: Catherine. Anni '80: Isabelle. Anni '90: Michelle. Anni 2000: Uma. Martelloni è marchese, Pollock, non togliergli nulla perché pur essendo egli marxista-leninista a tavolino (fra un Negroni e l'altro) e autoironico come mai alcuno conobbi, ha però tutta la boria degli antenati su certi argomenti. Al gallerista Danilo (comasco caricaturale, accento da tagliare con la scure, compagno di una cicciona altrettanto caricaturale che mi chiama sempre «spléndido»), a cui aveva deriso qualche quadro e che gli replicava che tanto gli sghei per comprarli non li aveva, il Marchese rispose: «Pezzente, io li ho di famiglia» (bugia: gli sono rimasti due o tre cosette ragguardevoli, fra le quali un Lega che Pollock apprezzerebbe, il resto è stato magnato nell'arco di tre generazioni). Da Gola Profonda di Cloaca: Pixel è Beberri (ma s'era capito, gli insulti a Zemanviola che lo prende regalmente per il culo erano la cartina al tornasole. Beberri è anche lo SfiammaMontella e Sfiammafiorentina e tutta la serie). L'ho informato che ha il papà becco e Gola Profonda: «Ma anche la mamma maiala!». Non l'avrei mai creduto!

    RispondiElimina
  17. Cazzo, ma basta assentarsi qualche giorno e ne succedono, di cose! Adesso il sito di Foco si è internazionalizzato! Con grosse presenze! Pollock, aspetta un po' e chiuderai i battenti, Foco ti fa i' culo a colpi di guest stars! Terni capitale!

    RispondiElimina
  18. Domenica: Neto, Fac, Rodri, Tom, Juan, Aquila, Mati, Andow, Loco, Wolski, Gomez. Tre cinque due, per noi il meglio, come sempre.

    RispondiElimina
  19. Mi deve perdonare il Marchese, sarà perché mia madre mi ha sempre definito un Conte senza palazzo, che per me son tutti Conti. Un po' come gli arbitri son tutte merde come ha già accennato l'usciere di Trani. Nella classifica però mi manca una Nastassja. Poi Gonfia sarà contento che ha scatenato il pugliese e per me saranno ancora cazzi legali.

    RispondiElimina
  20. Venti commenti soltanto: un sito in declino, Luddemente aveva ragione. E ho postato stavolta soltanto per superare di un'unità il sito di Foco, intendiamoci. Insomma, ho barato. C'è da aspettarsi la risposta di Foco, adesso.

    RispondiElimina
  21. Gli utenti sono terrorizzati, hanno tutti paura delle ripercussioni giudiziarie.

    RispondiElimina
  22. Beh, Pollock, il Gonfia almeno non dovrebbe temere! Con tre rapine a mano armata, sfruttamento della prostituzione, truffa aggravata e lesioni volontarie a disabile (povero Lud!) nel suo casellario giudiziario, non gli cambierebbe la vita! A Sollicciano si fidano tanto che gli danno la chiave, ogni volta che viene dimesso: così può rientrare quando vuole senza aspettare la volante.

    RispondiElimina
  23. Gonfia uno di noi.

    RispondiElimina
  24. Bah, proviamo con Jordan buho: funziona sempre! In alternativa: Neto pippone! Sennò: Chiari destrone del cazzo! Oppure: ci piace di più Almirante a testa in giù, per il ciociaro. Altrimenti: mondiale del '78 truccato (questa sapete per chi è, hélas!)! Ma infallibile è: torna Lud, abbiamo bisogno di te! Senza di te non c'è vita, è come Verona senza Giulietta! Hai ragione sul 4-3-3 e su Ljajic. E Gomez è un dinosauro! Qui sono tutti bifolchi! Torna, Leggenda!

    RispondiElimina
  25. Allora tu aizzi il can che dorme, e lascialo dormire perdiana, non lo vedi che i commenti sono concentrati di sapienza e nettare calcistico ?! Lui, in questo, che c'incastra......

    RispondiElimina
  26. Io direi anche che il culo della cameriera di Foco era flaccido.

    RispondiElimina
  27. No, eh.... Di nuovo? Ma sei recidivo e reiterato

    RispondiElimina
  28. Luddemente, il tuo contributo alla discussione è sempre stimolante, sempre innovativo, vieni a concimarci! Come vedi il calcio tu, solo con l'oblò della lavatrice, e di una Miele per giunta! Dacci un link, Lud! E noi partiamo con la musica! Lud, una battutina delle tue, di quelle finissime che nessuno ci ride sopra tanto sono sottili e se anzi la gente va a cahare dopo averle udite è per liberarsi del sovrappiù e gustarle meglio! Lud, solo tu! Come nel finale di «Pale Rider»: «Tu tu tu tu tu tu tu!», e ci lascerai stecchiti, come Clint sulla main road!

    RispondiElimina
  29. Certo proprio adesso che Gomez è fuori forma. Anche se intanto un golletto l'avrebbe fatto, così almeno ho letto, ieri sera sono stato al Rosenball, capitato miracolosamente proprio per la partita meno interessante della stagione.

    RispondiElimina
  30. Posso mandarti a fare in culo o mi quereli?

    RispondiElimina
  31. Da un usciere di Trani non possono che uscire cose inenarrabili. Lud non tornare altrimenti ti trascino in tribunale.

    RispondiElimina
  32. L'esposto come minimo. Se ti esponi troppo, però, ti pomicio. Liguria merda, Pigato piscio! Migliorismo del PCI = Socialfascismo! Pizarro vecchio e finito!

    RispondiElimina
  33. Lud, vaffanculo ma con garbo, con le giuste maniere, con signorilità.

    RispondiElimina
  34. E ora un po' di psicoanalisi dei fumetti, quella che piace tanto a Jordan. La butto là, anche se è frutto di meditazioni non brevi: Luddemente è Daffy Duck! Jordan è Josemite Sam! Vitalogy è Bugs Bunny! Provola è la Nonna! Louis è Titti! Chiari è Yoghi! Beberri è Taz! AntoineRouge è la Pantera Rosa!

    RispondiElimina
  35. e te tu sei alla revolverata

    RispondiElimina
  36. Ok, allora ti mando a Castiglione delle Stiviere.

    RispondiElimina
  37. Mandarlo a fa 'n culo non è mica un'offesa, è un cosiglio

    RispondiElimina
  38. Mmmmmmmm... che buona la caponata di Giorgio! Un cucchiaio per papà, uno per la mamma, uno per Lud e uno per... il mio bambinone!!!!! Il Pollocckone! Ma dove scappi, Pollock, l'è bona, la caponata di Giorgio, l'ho preparata con le mie mani!

    RispondiElimina
  39. Io so che intanto è stata querelata anche "La parolaccia" a Trastevere e non perché si mangia male.

    RispondiElimina
  40. Eh, no, lì ci è già andata la Setta degli Adoratori per adorare, appunto!

    RispondiElimina
  41. Pizarro: che dio ce lo conservi cosi' ancora un po', finché non troviamo un clone.(difficilissimo, pero', vediamo con Bakic)
    Gomez: flemmatico forse, ma ancora i suoi compagni non hanno preso le sue misure in altezza e in larghezza, eppure sono su Wikipedia.

    RispondiElimina
  42. Io lo vedevo più come un ordine irrevocabile

    RispondiElimina
  43. Luddino, Luddino mio, qui ti si vo' bene! Torna! Anche Pollock è d'accordo, Lele sta affilando un coltello da cucina ma è per il prosciutto, non ti preoccupare, e Jordan ha spolverato dalla soffitta i guantoni da pugile con cui mi raccontò che da giovane stese Rocky Marciano ma è solo per far versi allos pecchio! Torna Lud, ti assicuro che non è una celia. Qui sei apprezzato! Siamo rimasti senza link, soprattutto linkazzosi!

    RispondiElimina
  44. Anto? Bubu! Stefano da Vienna? Il commissario Basettoni! Foco? Lo Struzzo! Tocca l'Albicocca? Lothar! Deyna? Mandrake!

    RispondiElimina
  45. Banno Lud, questa volta banno. Non tornare.

    RispondiElimina
  46. Esci da questo blog usciere!!!!!

    RispondiElimina
  47. Bannare Lud o non bannarlo? Questo è il dilemma! Se sia più nobile nella mente soffrire i colpi di fionda rotta e i dardi spuntati dell’oltraggioso Erudito
    o prendere le armi contro un mare di cazzate da lui sfornate e, contrastandole, porre loro fine? Morire, dormire… nient’altro, e con un banno dire che poniamo fine al dolore del cuore e ai mille tumulti naturali

    di cui è erede la mente quando legge le boiate di Lud: è una conclusione

    da desiderarsi devotamente. Morire, dormire. Dormire, forse bannare. Sì, qui è l’ostacolo, perché dopo quel banno quali altre fonti di divertimento possono venire, dopo che ci siamo cavati di dosso questo groviglio mortale, ciò deve farci esitare. È questo lo scrupolo che dà alla sventura una vita così lunga. Perché chi sopporterebbe le menate sul 4-3-3 e gli scherni della verità, il torto del blateratore svizzero, la contumelia del pietrasantino ignorante e superbo, gli spasimi del tifo disprezzato, il ritardo della legge a incarcerare Pollock, l’insolenza dei multinick, e il disprezzo

    che il merito paziente riceve dagli indegni, quando egli stesso potrebbe dar quietanza a Lud con un semplice stiletto? Chi porterebbe fardelli,

    grugnendo e sudando sotto il peso di una vita di blog faticosa, se non fosse che il terrore di qualcosa dopo la morte, il paese inesplorato dalla cui frontiera nessun viaggiatore fa ritorno come quello cui mentalmente ogni giorno inviamo Lud, sconcerta la volontà e ci fa sopportare i mali che abbiamo piuttosto che accorrere verso altri che ci sono ignoti?

    Così la coscienza ci rende tutti codardi, e così il colore naturale della risolutezza è reso malsano dalla pallida cera del pensiero, e imprese di grande altezza e momento per questa ragione deviano dal loro corso

    e perdono il nome di azione.

    RispondiElimina
  48. E' tornato il Colonnello e con lui la gazzarra. Ah ah ah ah ah ah ah ah!!!!!

    RispondiElimina
  49. E vai, sennò restavate tutti intorpiditi. Ora continuate da voi, buoni a nulla!

    RispondiElimina
  50. Di Braschi o non Braschi non me ne frega un cazzo.
    Voglio il sorteggio integrale, autorità terza giudicante le prestazioni arbitrali, e moviola.
    Se non si chiedono queste cose, non si cambia nulla.

    RispondiElimina
  51. E ricordatevi, che Zazà in fondo in fondo HA RAGIONE! Siete dei bifolchi e di calcio non capite un cazzo! E lascio stare poi l'erudizione! Zazà, quanto tardi l'ho capito! O quanto quanto quanto tardi! Tongo l'aveva capito prima e il tuo sfintere ne sa qualcosa!

    RispondiElimina
  52. Quattrotretrequattrotretrequattrotretrequattrotretquatrotre.. ciuf ciuf ciuf! In caroooooootztztztztztztzaaaaaaa!

    RispondiElimina
  53. Prandelli è il miglior allenatore nella storia della Fiorentina.

    RispondiElimina
  54. Colonnello non evocare, neanche per scherzo, l'Erudito, perché, se torna a manifestarsi qui,ti arriveranno maledizioni che ti spediranno tra le fiamme dell'Inferno per l'eternità! Ahahahahahaha!!!

    RispondiElimina
  55. Della Valle braccini. Meglio Tutunci, l'operazione saltò per u nulla, chiedetelo a Scacco. Disimissione, pontellizzazione... DINOSAURIZZAZIONE! Ma questo, dei geometri non lo capiranno mai! MAI!

    RispondiElimina
  56. Cerci pippa fantasmagorica.

    RispondiElimina
  57. Montolivo in Champions per dieci anni consecutivi. Montolivo vale 50 milioni, Ilicic 30, Cigarini 15, ho una cugina che la dà per 7 (prendete lei, sono solo biglietti da dieci).

    RispondiElimina
  58. ADV torna a fare il Presidente benissimo, ma sulla giustizia sportiva e sugli arbitraggi deve cambiare il metodo, l'approccio, non basta cambiare le persone ed avere con esse buoni rapporti. Bisogna puntare a modifiche strutturali del sistema. Se non si cambia il sistema puoi cambiare tutte le persone che vuoi , ma te lo metteranno sempre in quel posto. I DV sbagliano strategia, se pensano che basti rimettere piede in Lega.

    RispondiElimina
  59. Che goduria il gol di Osvaldo! La prova del capponismo di Rodri! Ahahahahahahahahah, che caponata di Giorgio mi sono fatto quando ho visto insaccarsi il pallone in rete! E voi, sempre addosso agli arbitri! Perdenti, piangina! Insomma, gente di laghetto.

    RispondiElimina
  60. Non mi interessano le polemiche personali contro Gervasoni e contro Braschi. Queste polemiche personali , queste lamentele per decisioni sbagliate, le fanno tutti. Sono parole al vento che durano lo spazio di un mattino.

    RispondiElimina
  61. Buon appetito a tutti. A più tardi.

    RispondiElimina
  62. Uff, se non lo tiravo su io, questo blog, fra l'andropausa ormai più pausa che andro di Jordan, Pollock in manette, Foco a trombare la fornace, Chiari a digiunare per ingrassar gli eredi, Anto fisso al festival di Sanremo, qui si chiudeva bottega e i' Dorf veniva a mettere i sigilli!

    RispondiElimina
  63. Colonnelo, hai visto che bel duetto hanno messo su Pixel ed Osservatorio? Una vera chicca, piena di fiele e di livore che percola inarrestabile dai loro simpatici (si fa per dire) siparietti.

    RispondiElimina
  64. Non ho seguìto gli sviluppi, McGuire, ma ho già scritto sotto che Gola Profonda di Cloaca mi avverte trattarsi di Beberri l'Anormale.

    RispondiElimina
  65. Mi pare evidente che anche Osservatorio altri non è che una reincarnazione, l'ennesima, dell'Anormale. Prima scrive uno, immediatamente risponde l'altro. Stesso stile, stesso periodare. Almeno riuscisse a dare l'impressione di due persone diverse. Invece è talmente scemo che lo noterebbe anche un bambino che lui canta e si fa pure il controcanto.

    RispondiElimina
  66. Ma quel che colpisce, di questo povero cretino (è anche lo Sfiammamontella, Sfiammafiorentina ecc.), caro McGuire, è che passa tutto il suo tempo a diffamare una squadra che odia perché non ha più Prandelli come guida! Uno così ha problemi psichici enormi e, soprattutto, una storia di traumi edipici nella quale Freud avrebbe avuto difficoltà a raccapezzarsi! Come quell'altroo che rintocca sempre a morto in post illeggibili e pallosi come la novena e sostiene che l'anno scorso il quarto posto ce lo siamo meritato o come chi invitava a fischiare Cerci, ebbe un orgasmo al gol di Osvaldo l'anno scorso e scherniva il tifo viola dicendo che per dieci anni Montolivo il mercoledì avrebbe fatto la Champions e noi guardato Derrick. Ma che capitale di odio scentrato deve avere in corpo gente così? Ma un gobbo di nascita odia la Viola meno di loro! Ma il Giubba glielo poteva mettere in culo una buona volta e si sarebbero così un po' messi tranquilli? Invece è rimasta loro la voglia insoddisfatta. E scrivono impunemente su un sito presuntamente viola. McGuire, tagliamola qui, perché più se ne parla più uno si incazza ma soprattutto con se stesso, per l'incapacità di capire derelitti del genere.

    RispondiElimina
  67. L'amore insoddisfatto è una brutta bestia! Mandagli Tongo.

    RispondiElimina
  68. Gonfia hai scatenato l'inferno!!!

    RispondiElimina
  69. Pienamente d'accordo. Il clone va acquistato, è l'unica pecca di questa rosa fantastica.

    RispondiElimina
  70. Qua Chiari, qua. Stavamo morendo come aveva saggiamente previsto l'erudito. Poi è arrivato il Gonfia a risvegliare l'usciere di Trani, e così è finita quella che ormai era comunque una tranquilla agonia.

    RispondiElimina
  71. Azzo! Son di ritorno da solita gustosa sgranaha del venerdì e mi rendo conto di quello che ho scatenato. Altro che ammazzacaffè, che tra l'altro ho trangugiato, aver riletto il Colonnello mi ha fatto digerire tutto d'un colpo, ahahah. Venerdì prossimo aspettatevi solita provocazione, ne va della mia digestione, ahahah! P.s.: Pollock, sono pronto a subirne tutte le conseguenze!

    RispondiElimina
  72. M'ero perso la causa prima dell'inqualificabile gazzarra. Il Gonfia.

    RispondiElimina
  73. cosa difficile. hanno buttato via gli stampini. Pero' é anche soprattutto l'esperienza che conta, vedi anche Pirlo, e quella non si puo' clonare. Verratti viene su bene, ma lo vogliono tutti, ormai

    RispondiElimina
  74. Tu ti sbagli ni' confonditi, molto più andro che pausa invece per stare a perde' tempo con queste cazzate, io trombo (i'vino)

    RispondiElimina
  75. O Gonfia o che se' di' clebbe della settimina enigmatica anche te? Selvaggia? Rai 3? o icche tu dici? Comunque andando a i' giurassiho la Lollo bersagliera con qui' vestitino strappatino a strizzapoppe l'è sempre stata i' primo oggetto di' desiderio dell'adolescenza segantina. Alida Valli e la Bosè invece e le son roba da Colonnello che l'è più vecchio di me, ma, anche viste dopo, lìeran troppo "algide" le m'alluzzavan parecchio meno.

    RispondiElimina
  76. come squalificare il contenuto di un sito per pochi eletti, ma se vu' comniciate a tira' le bucce di comomero anch'io e rispondo a torsolate.

    RispondiElimina
  77. Clasie. Verratti è fuori portata.

    RispondiElimina
  78. La pietra dello scandalo è il Colonnello.

    RispondiElimina
  79. Oh Jordan e faceo pe' alluzza' i' Vita, visto che tempo fa gli aveo indovinaho la preferita: Selvaggia Lucarelli. Se poi si parla di attrici dico che per me Brigitte Bardot rimane insuperabile, ma solo per il numero degli effetti collaterali che mi provocò quando ancora la pratica manuale era l'unica che potevo praticare, ahahahah!

    RispondiElimina
  80. Insomma poi t'è toccato a anda' dall'oculista! da ragazzini ei ci diceano che faceva male alla vista!

    RispondiElimina
  81. Difatti, dopo aver interessato la miopia sono passato all'astigmatismo, con successo direi, ahahah!

    RispondiElimina
  82. Buhacci, Alida aveva un personalino che faceva rizzare anche lo Schreber: e sto parlando di dotazione maschile nana.

    RispondiElimina
  83. Chiari, l'hai visto il centrale dello Swansea ieri? Non ne ricordo il nome, ma ha dato dimostrazione di lucidità e velocità di pensiero nel servire in profondità. Sarà che i compagni si smarcavano velocemente e in varie direzioni, ma non si perdeva in inutili girigogoli e il tocco era raffinato.

    RispondiElimina
  84. Centrale di centrocampo.

    RispondiElimina
  85. Non l'ho visto bene, ma ciò che dici tu dimostra che cercando bene si può trovare qualcuno da far crescere per un anno alla scuola del Pek.

    RispondiElimina
  86. Quella delle italiane che mi eccitava di più era Claudia Cardinale.

    RispondiElimina
  87. Colonnello! E 'un si potea miha sta' a i' gabinetto più di mezz'ora! E dientaa stoppa anc'allora! O una o un'antra! Io quando m'ero fissaho co' una l'era quella, fedele son sempre staho! Ahahah!

    RispondiElimina
  88. Delle straniere, due inglesi. Julie Christie e Vanessa Redgrave.

    RispondiElimina
  89. Più di Alida mi piaceva Silvana.

    RispondiElimina
  90. Margaret Lee, che un mio amico, che era solito leggere a voce alta i nomi dei protagonisti, pronunciava come si scrive. Fantastico lui, ma lei di più. Anni '60 per i più giovani.

    RispondiElimina
  91. Colonnello, sono sostanzialmente d'accordo (anche se manca Barbara).

    RispondiElimina
  92. La Mangano non fa il par con quelle altre. La Cardinale sì e lì diventa questione di gusti per la terza piazza fra lei e la Bosè. Ma la Bosè era la Classe. Tipo «ficoso», altezzosetto, ma ci sono sempre morto dietro a quelle che se la tiravano. Insomma, sono uno che abbocca all'amo. Ma ci dev'esser esca.

    RispondiElimina
  93. http://www.youtube.com/watch?v=WfGMYdalClU

    RispondiElimina
  94. Ora che s'è finio di fa' l'elezioni di Miss Giurassico che si ricomncia a parla' di carcio? tra du' giorni e si gioha con quelle pippe biancazzurre e bisogna fa' tre punti, poche seghe!

    RispondiElimina
  95. Come tu la vedi la protesta della Curva Fiesole? Per me l'è una gran bischeraha! Non è la prima volta che viene fatta negli stadi ed i risultati son sotto gli occhi di tutti. Meglio far finta di nulla, secondo me.

    RispondiElimina
  96. Dieci minuti senza curva così e ci fanno go' e si fa come quello che se lo tagliava pe' fa' dispetto alla moglie. Secondo me tutto uno stadio con le mani legate come fece Pizarro, all'inizio, sarebbe ripreso e farebbe più scalpore.

    RispondiElimina
  97. Zoff conferma oggi, anche alla luce di quello che sta ancora accadendo, di averci visto bene quando parlò di "cattivi pensieri". Venne poi fuori, infatti, ufficialmente, che la Fiorentina era "sotto schiaffo". Rimane secondo me la cosa più scandalosa di tutta quella vicenda il fatto che sulla Fiorentina ufficialmente "sotto schiaffo non si indagò a fondo, e non si presero provvedimenti a carico di chi ce la teneva ed a risarcimento della Fiorentina.

    RispondiElimina
  98. Pe' parla' di carcio dico che Matos non mi fa né cardo e né freddo. E' veloce sì ma non ha tiro, non ha potenza fisica né personalità. Icché ci veda Montella lo sa solo lui. Capisco in EL per i parametri della rosa ma in Campionato no. Il mistero Rebic non mi appassiona più, mi sorprende dal punto di vista sportivo anche se non credo sia solo un problema di impegno negli allenamenti, perché l'esempio di Seferovic, che aveva avuto già un precedente in Svizzera, fa pensare che a quell'età, in questo mondo, può succedere di tutto a livello comportamentale, soprattutto fuori dal campo perché dentro 'un s'è mai visto.

    RispondiElimina
  99. Matos non è solo dotato tecnicamente, è molto veloce ed è esuberante al punto tale che riesce a coprire una zona di campo molto ampia in attacco, quando ha giocato ha sempre fatto la sua parte. E' giovane, quindi può ancora crescere. Rebic mi ha impressionato, in quel poco che si è visto a Firenze ed in quello che si è potuto vedere di quanto ha fatto prima di venire a Firenze, ancora di più. Le ragioni del suo mancato utilizzo in parte si possono spiegare in relazione a scelte tattiche di Montella, in parte da fuori, non si possono capire.

    RispondiElimina
  100. Che dire, Chiari, la si vede in modo diverso. Spero di sbagliarmi fin tanto rimarrà a Firenze.

    RispondiElimina
  101. 1) Marilyn; 2) Greta; 3) Marlene ; 4) Claudia ; 5) Julie ; 6) Vanessa ; 7) Gina ;
    8) Rita ; 9) Catherine ; 10) Brigitte.

    RispondiElimina
  102. E ora vedrai con la ricetta di Renzi contro la disoccupazione! Il lavoro te lo tireranno dietro per strada! Quell'omo e' c'ha delle idee, e' va lasciaho stare!

    RispondiElimina
  103. Beh, Chiari, io interrogavo sulle dieci già citate, regine decennio per decennio. Allora devi prima riassegnare il titolo decennio per decennio e poi fare la classifica generale. L'unica che non metterei mai in classifica è la tua prima, comunque: una sopravvalutata che tromberei giusto quando le altre avrebbero l'agenda piena, come tappabuchi (io a lei, alla J.F.K.).

    RispondiElimina
  104. Io invece Marilyn la tengo in testa a tutte, e con distacco. Per me è la perfezione fatta femmina.

    RispondiElimina
  105. Ho da lavorare una decina di ore al giorno, da chiavare, da preoccuparmi della salute dei miei, da vedere ogni tanto qualche amico, da guardare la Fiorentina, da scrivere sul sitollock, da ascoltare musica, da vedere qualche film, da leggere qualche libro, da fare un po' di attività fisica... chi ce l'ha il tempo di perdersi in analisi di costrutti femminili astratti se non esoterici o diabolici, tipo il fascino o altri sofismi da du'seghe (sì, ma mentali)? Io guardo direttamente le poppe, sennò addio chiavare... e W le poppe italiane.

    RispondiElimina
  106. Credo che dimenticarsi la Candice Bergen de Il vento e il Leone sia da pazzi.
    Come in Soldato Blu e Vivere per vivere.
    Sarà che mi garban bionde...eh eh.

    RispondiElimina
  107. Bionde? Che significa? Qual è il contrario di "bionde"? In che parte del corpo devo guardare per capire se una è bionda o non bionda?

    RispondiElimina
  108. Candice un si tingeva. Mi sa che tu sei troppo giovane, beato, per sapere che razza di donna era.

    RispondiElimina
  109. Io la ricordo benissimo, soprattutto in Soldato Blu, stupenda.

    RispondiElimina
  110. Intanto Foco sul suo sito, nonostante sia stanco in questo periodo, ha da arginare le intemperanze di qualche infiltrato. Che lo lasci benaere, chiunque sia! Foco torna al più presto tra noi, gnamo, vabbè che la partita di ieri sera non era significativa ma almeno per un saluto!

    RispondiElimina
  111. Eh si, era il mio sogno da ragazzino. Soldato blu e Il vento e il Leone, se non erro di John Milius senza chiedere a Google, rimangono sculture della mia giovinezza.

    RispondiElimina
  112. Norma Rangeri contro Cucciari e Crepet, Tsipras contro Renzi. Chi vivrà vedrà! Solo per il contatore dei post, nessuna polemica.

    RispondiElimina
  113. COLONNELLO, stavamo andando a tre cilindri, sai...se la farfalla non si apre bene l'alimentazione di carburante ne soffre; mancava uno che sistemasse la farfalla, che sul Sitollock non c'è. Andavamo, senza te, per inerzia. L'inerzia è pigrizia organizzata, come questa Legion d'onore viola. Oggi sei stato come Andreotti 50 anni fa...quando arrivava nei paesini ciociari e pontini "Chi non muore si risiede" la gente saliva sui pali, si arrampicava per ascoltarlo. Bene! Ti leggo in forma, uptodate alla grande contro il sitone, anzi stai al sitone come Voltaire stava ai Gesuiti (se Voltaire non avesse studiato dai Gesuiti e non li avesse conosciuti così bene, non li avrebbe combattuti con grande efficacia!). Proprio i più zelanti utenti del sitone hanno contribuito a screditarlo, gente che ha fatto dell'ipocrisia il loro principale ingrediente del galateo, gente paurosa come un bigotto che teme di non credere abbastanza in Dio. Come è impossibile immaginare Hitler bebè con la tettarella in bocca e il pannolino, così per molti utenti è tabù immaginare una Fiorentina vincente. La proprietà è sacra, soprattutto quando è tua e allora se loro non hanno una visione sacrale della Fiorentina vuol dire che, in fondo in fondo, non è così importante come lo è per noi. Tifano per sport...eheheheheh... Penso che la differenza tra prostituta e "signora per bene" sia solo la modalitá di pagamento, quindi...parlando del tifo viola, bisognerebbe capire in quale modo alcuni nick riscuotono l'importo per prostituirsi contro la Fiorentina. (Sei in Puglia? Fugg' da Fôgg' non per Fogg' ma p'j fuggian' !!).

    RispondiElimina
  114. Sopra, la cosa più curiosa del sitone, che secondo me nel suo complesso è migliorato, è che la pagina delle pagelle che per anni è stata suo il fiore all'occhiello, ora ne è la parte più triste, più squallida , più deprimente ed in definitiva più povera.

    RispondiElimina
  115. .....in pratica è diventata, la pagina delle pagelle, prevalentemente il luogo dei regolamenti di conti.

    RispondiElimina
  116. E l'anno prossimo Fiorentina-Latina 1-1 andata e ritorno te li concedo volentieri, Sopra. Siamo o no Compagni? (Toccàti pure se vuoi)

    RispondiElimina
  117. Nonostante l'accento sbagliato!!!!

    RispondiElimina
  118. Sopra, io sono usciere a Trani nell'immaginario dello Schreber, che faceva bancario Deyna e identificava te con me, tanto per dire. Ah sì, mi faceva anche obeso e bisunto! E adesso mi vede in Jingle e in Francobollo. Quando mi vedrà in Marco da Siena potrò cacciarmi una palla in testa, perché sarò ridotto malissimo. In effetti, da sempre, sono alle pendici di Fiesole, gelatando d'estate dal sommo Badiani di cui un micco voleva una volta insegnarmi gli orari di apertura proprio su cloaca. Giornalaio in viale dei Mille o in Piazza Nobili o in piazza Edison, come mi tira, caffè da Stefania, Poste in via Carnesecchi, Chiesa dei Sette Santi, gommista sempre in via Carnesecchi, evito Guido Sacchi per vestirmi però, ho fatto la materna alla suore Mazzarello in via Marconi solo pochi anni fa (ahahahahahahahahahah!), la mia catechista era la figlia di un presidente del consiglio democristiano che abitava in una villetta d'angolo davanti al sagrato di San Gervasio, barbiere in via Cento Stelle. Ho abitato in via Saffi in bello e grande appartamento all'ultimo piano con torretta. O che dire di più per un agguato sdaiolo? Tragitto stadio-casa, quattrocento metri in linea d'aria. Chiari, quattro pagine di post per le pagelle di ieri sera, di cui la metà multiniccose. Sono d'accordo che il meglio di cloaca sia altrove.

    RispondiElimina
  119. Insomma, esiste un solo spazio per la discussione calcistica viola ad alto livello e questo è qui, è il sitollock. Fuori di qui, favità, brutalità, maniacalità. Qui: sapere. Qui: sfottimento delle quinte colonne o dei dementi annessi alla causa viola e quindi ad essa nocivi. Qui: vita moderna ma senza il logorio Cynar. Qui: bernarde e zinne. Qui: un vuoto immenso lasciato da Deyna, che incarnava lo spirito sitollockiano con ineguagliabile nobiltà.

    RispondiElimina
  120. Di Candice Bergen mi ci sono innamorato anch'io, Soldato Blu l'ho visto quattro o cinque volte!

    RispondiElimina
  121. Si, pero' Gene Gnocchi al primo posto, via....

    RispondiElimina