.

.

domenica 1 settembre 2013

La sterilità fa più male proprio quando una rimane incinta

Ci sono delle priorità nella vita, più in generale tre, al primo posto c’è quella di togliere la macchina il giorno della pulizia strade, al secondo di fare del sesso con una donna piacente, e al terzo di fare del sesso con una donna non piacente. Nella vita del tifoso la priorità è invece una sola, vincere. Solo per dire che stasera a Genova vorrei esercitarla, e dopo festeggiare accontentandomi di priorità da podio come il secondo o terzo posto. Il problema vero della Fiorentina di quest’anno l’ha riassunto bene Montella, sono le aspettative, perché da questa squadra si pretendono  non solo le vittorie, ma anche il bel gioco e la capacità di stupire. Si parte dalla Fiorentina dello scorso anno, seguita da un mercato che ci ha fatto sognare, con il risultato che oggi essere considerata una bella squadra ha assunto un significato diverso, se quella vittoria con il Catania fosse venuta nello passata stagione sarebbe stata una gran bella vittoria, quest’anno già meno, c’è infatti chi ha fatto boccuccia perché la percezione del bello è cambiata verso l’alto, essere una bella squadra non è più sufficiente, e questa anomalia mi ha ricordato tanto la Liliana, la più grande bucaiola di via del Campuccio negli anni settanta, sempre così preoccupata di non rimanere incinta anche se la sua situazione di coppia l’avrebbe dovuto escludere matematicamente, ma proprio in quella sicurezza scientifica si annidava il vero pericolo, così come oggi è nella bellezza della Fiorentina che non dovrebbero esserci dubbi, per la Liliana il vero problema era proprio la sterilità del marito che nel malaugurato caso fosse rimasta incinta avrebbe dimostrato in maniera inconfutabile quanto fosse stata maiala. Ci ha sempre sofferto per questo, per lei quei giorni in attesa delle mestruazioni sono sempre stati un inferno, a tal proposito ho ritrovato una vecchia foto che la ritrae proprio con quell’ansia che si riaffacciava puntuale tutti i mesi. La Liliana era la più sveglia di tutta la via, certo di più della moglie del Materassi che per avere rapporti sessuali senza figli si era inventata un sistema grezzo come il piede di De Sislvestri, e così prendeva e li mandava dai nonni in piazza Tasso. La soggettività è il problema serio di questo inizio stagione, ci siamo montolivizzati e abbiamo alzato l’asticella, ora è vero che Riccardo l’ha alzata anche troppo e da sotto è scappato via anche Boateng, ma anche noi non scherziamo, ormai abbiamo solo il Barcellona davanti agli occhi, come in tempi di umiltà estrema avevamo invece solo il bar Marisa davanti allo stadio dove ritrovarci, oggi ci ostiniamo a scambiare le Rampe per le Ramblas e la ribollita per la paella, a tal punto che anche un centravanti come Gomez sembra macchiarci la purezza della manovra, un’impurità tedesca come quella di un wurstel inzuppato dentro a un extra vergine d’oliva. Soggettività appunto, come quando un uomo dice zozzerie a una donna e viene considerata una molestia sessuale, quando invece è una donna a dire zozzerie a un uomo allora sono 2 € più IVA al minuto. Noto una certa schizofrenia in questo avvio da parte del tifo, e non solo per il fatto che qualcuno mette in dubbio le capacità realizzative di Gomez, più in generale mi sembra che ognuno lotti per fare uscire da dentro di se un marasma di personalità che provocano incoerenza, più personalità che cercano disperatamente la via di uscita e che per farlo spingono, e a volte a forza di spingere gli scappa semplicemente la cacca. Il tifo è strano a Firenze, è sempre la solita storia delle divisioni interne, dell’essere bastian contrari, i Guelfi e Ghibellini come l’Anelli e Tondini del viale Petrarca, roba trita e ritrita ma che a volte degenera nell’autolesionismo, a questo proposito ricordo Valdemaro che abitava a Marignolle, grande promessa del Porta Romana, lui come musica preferiva il jazz d’avanguardia, così come del resto qualcuno preferisce Gabbiadini a Gomez, per la verità a Valdemaro faceva cacare il jazz d’avanguardia ma comprava parecchi CD perché così era sicuro che nessuno degli amici gleli avrebbe potuti fregare. Alla fine aveva un sacco di CD e pochissimi amici, forse solo io perché a me invece piaceva. Nella sua famiglia avevano comunque tutti la musica nel sangue, mi ricordo ancora che da piccolo per la sua vaccinazione usarono la puntina del giradischi. Rintorcinamenti, eccessi, bisogno di trovare per forza la magagna ci portano a perdere di vista la realtà, che considero un uso improprio della pratica della passione, e per questo ho raccontato della famiglia di Valdemaro, perché anche loro la esercitavano in maniera così anomala, ma così tanto che il padre suonava il violino soffiandoci dentro perché gli piaceva più il sax, un po’ come sputare su Gomez perché si è venduto Ljajic, mentre il fratello di Valdemaro suonava il campanello. Era un virtuoso ma il problema era l’allenamento, non riusciva ad eseguire nemmeno gli esercizi più elementari, non dico gli accordi, spesso non riusciva nemmeno a fare le scale, scendevano loro e gli spaccavano la faccia.

152 commenti:

  1. Caro Colonnello, apprezzo il tuo neoveganismo, ma mi ha pure divertito la carneficina di ieri, con tanto di articoli del c.p. minacciosamente postati. Una meravigliosa domenica a tutti, ad alcuni in senso kurosawiano.

    RispondiElimina
  2. Per la mia domenica mi basterebbe che Neto non si facesse harakiri dandola così vinta a quella merda del Calamai, mi va bene anche uno 0-0 senza cappelle. Forza Viola, Forza Neto!

    RispondiElimina
  3. Grazie Antoinerouge, e non dimenticare «Royal Affair»! Vargas e Olivera ancora sul groppone ma Jorginho vicinissimo. Per il portiere il verdetto di stasera è decisivo: facile immaginare che tutto sia pronto per un oneroso (eh, all'ultima giornata di mercato!) rimpiazzo. Fac ancora indisponibile. Probabile riposo per Cuadrado, Savic e Borja. Occorre vincere, Jordan, le altre già volano!

    RispondiElimina
  4. Non credo sia pronto proprio nulla, se no l'avrebbero già preso. Solo un'altra tragedia potrebbe alla fine smuovere Montella, ma non credo sia così facile, è fortunatamente cocciuto. Comunque c'è stata una rassegna di cazzate dei portieri in questi giorni, e portieri famosi, che dovrebbe calmare i bollenti spiriti di tanti. Pepe Reina ha preso due gol a Chievo che se li piglia stasera Neto vince il Calamai, Sorrentino ha fatto perdere il Palermo in casa con l'Empoli (goal di Maccarone di testa sul primo palo nemmeno da troppo vicino e molto diagonale), Neuer goal sotto la panza che quasi fa perdere la Supercoppa al Bayern (pareggio al 121'!), Cech che replica Neto con un rinvio di piede per l'avversario, Buffon ne prende uno solo, ma buono anche quello. Insomma un bel campionario.

    RispondiElimina
  5. Lo so che gli altri volano, ma noi si cammina e non certo per colpa del portiere. A Genova mi contento, ma ho paura che sia dura, è la quarta partita in dieci giorni e non se ne regge nemmeno due.

    RispondiElimina
  6. Past is a foreign country è diventato poi il titolo di un libro di storia di un certo successo in terra britannica e amato dai miei professori di quelle parti. L'autore è David Lowenthal. Che poi sia vero è altro discorso, Blimp, diciamo che è una affermazione vigorosamente antistoricistica. E con questo esordio super-specialistico rispondiamo anche ai pasoliniani sostenitori dell'analfabetismo e degli analfabeti (che pure amo moltissimo). Ciò che si deve fare stasera è provare a tenere in mano in gioco e ad irretire l'avversario colpendolo poi al momento giusto. Contro il Grasshopper ci era pure riuscito, salvo che due errori madornali di Cuadrado e Joaquin, seguiti da quello di Neto, hanno messo la partita in salita. Ma restiamo un osso molto duro per chiunque. Il rientro di Giuseppe Rossi è molto importante, visto che per adesso è sicuramente, e paradossalmente, il nostro attaccante più pericoloso e forse anche, a modo suo, più vicino alla forma giusta. Su Gomez ho letto una interessante statistica: pare che anche in Germania iniziasse a segnare dal terzo turno del campionato per motivi prettamente fisici e di raggiungimento della forma. In un clima di rinnovata concordia, e se la dialettica rimane dura ma senza colpi proibiti, non solo possiamo recuperare gli ultimi che hanno mollato, ma anche recuperare un Chiari. Mi farebbe molto piacere.

    RispondiElimina
  7. Dimenticavo: per favorire il ritorno di Ljajic a Firenze non resta che tagliare i rifornimenti di Nutella alla capitale intercettando i camion della Ferrero quando arrivano dalle parti di Orte. Foco potrebbe occuparsene.

    RispondiElimina
  8. Sono d'accordo, Lud, sulla qualità non infame del nostro primo tempo contro gli svizzeri e sull'incidenza degli errori. Joaquín non offre la copertura di Cuadrado ma potrà finalmente giocare libero da ubbie. Senza il Borja attuale staremo meglio. Chiari è già stato evocato e invocato, Lud: un suo editoriale odierno sarebbe un grande evento per il sitollock, che è il luogo deputato dei VTV, fra i quali il Chiari è certamente nella top ten.

    RispondiElimina
  9. Il problema non è il primo tempo, è sempre il secondo perchè si comincia a correre sulle ginocchia.

    RispondiElimina
  10. Guarda che io sono ancora sull'uscio, mi volete proprio far andar via?
    (dopo questa son sicuro che torna, ed io vi saluto. Solo se si dà il cambio col "ginevrino", perchè io due in quel modo non li reggo, ho una certa età)

    RispondiElimina
  11. Ottimo il riferimento alla musica, POLLOCK, anche io ho suonato in Conservatorio, per 10 anni. Non mi hanno mai aperto. La scorsa notte, intorno alle 00,30 avevo lasciato un post, l'ho visto un minuto poi è sparito. Censura preventiva? Sboccato? Boccaglio? Bocchino per sigaretta? Bocchino il ministro? Bocassini revenge? Bokassa ante litteram? Sai come si chiama lo yacht del ministro Bocchino? "Bocchino For ever". JORDAN , un pareggio? Uno 0-0? Tutta 'ste paturnie da tre mesi per andare a fare 0-0 col Genoa?!?!? Una candidata alla retrocessione contro una candidata alla CL, e scrivi 0-0? Ti ha colpito di più la forza delle due capolista odierne o lo stato fisico-mentale della viola attuale.....? Secondo me il Napoli esercita terrorismo psicologico su di te.......LUD, ieri mattina "Il Tempo" riportava intervista ad Adem Liajic, che affermava "Sono uno che se non gioca si innervosisce, non ci sta.....(omissis).....le punizioni? Le lascerò a Totti, per ora, pero voglio tirarle, speriamo lo conceda....". Te capi'?? Se non gioca si innervosisce (Cerci 2 la vendetta).................!

    RispondiElimina
  12. Va chiusa molto prima. Oggi abbiamo di nuovo Giuseppe Rossi e Gomez è sempre lì pronto a metterla dentro. Il ritorno del Genoa nel secondo tempo sarà quasi inevitabile e va messo in conto. Calare nel secondo tempo fa parte delle nostre caratteristiche. Se poi si aggiungono ben tre partite da smaltire il calo è una certezza. Un'altra cosa: non so come stia Cuadrado ma ho letto interpretazioni fantasiose, Montella con il Grass non l'ha tolto perchè aveva giocato male, ma solo per ragioni fisiche. Anche con gli svizzeri aveva infatti dato un contributo notevolissimo.

    RispondiElimina
  13. Sopra, a me il Napoli per ora non mi fa nè caldo nè freddo, mi fa un po' freddo la Fiorentina invece, che ha sempre sofferto in ogni uscita di quest'anno l'ultima mezzora contro chiunque. Ho detto mi contenterei, se si vince meglio, le vie del Signore sono infinite.

    RispondiElimina
  14. L'ha tolto perchè aveva un risentimento ad un polpaccio, già prima di scendere in campo, tanto è che sulla fascia non ci andava perchè aveva paura a scattare e tanto è che oggi probabilmente non gioca (e questo è un altro motivo per esser prudenti nei pronostici visto che Cuadrado oggi è mezza squadra)

    RispondiElimina
  15. E' deciso, e coincide perfettamente con la logica di turn over della Fiorentina montelliana di quest'anno: un giorno il Chiari e un giorno Lud, e se quest'ultimo "a restare fuori si innervosisce", un enorme, morettiano barattolone di nutella per lui, con cioccolato direttamente dalla Svizzera.

    RispondiElimina
  16. Basta che lo paghi....

    RispondiElimina
  17. "Calcio le punizioni, ma le tirerò quando non ci sarà Francesco. Se c’è lui, devo stare fermo, al massimo andrò sulla ribattuta": Ljajic già scalpita, forza Adem, fa saltare tutto là, sei la nostra quinta colonna!

    RispondiElimina
  18. Tutto a spese del Colonnello che si sacrifica per la causa superiore del blog, sia il cioccolato svizzero a giorni alterni, sia l'ingaggio del Chiari, che ha scelto Ramadani come procuratore.

    RispondiElimina
  19. Mi sembra un po' strana questa cosa, comunque se ci legge chiamo Chiari a gran voce, ma poi tutti gli altri via, Salvatore Lele e/o Leo che se non sono la stessa persona mi sembrano frutto di parto gemellare, e Stefano che si è fatto prendere da sospetti stranssimi nei miei riguardi, visto che io ho incomincato a tenere per la Fiorentina nel 1967 e non ho smesso.

    RispondiElimina
  20. Far riposare un calciatore prima di una sosta (causa nazionale), quando poi ci saranno 14 giorni senza calcio ufficiale................................Comunque, cisti che ci stiamo adeguando ai cambi (Chiari/ Snappo/Leo/...).........Vorrei che Mati sfruttasse meglio alcune chance, impossibile che manchi sempre gli appuntamenti concessi, impossibile non faccia un match con performance notevole! Abbiamo ampliato la rosa ma tremiamo se un "titolare" non gioca, boh....JORDAN, le vie del signore sono infinite, le vie delle signore?...eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  21. Terzo rigo è "..visto che..." , non "cisti" (quelle sono Calamai e altri).

    RispondiElimina
  22. Ma no, Pat, hai detto recentemente che almeno è un brav'uomo e che di calcio ne capisce (ogni tuo riferimento a Lud era puramente involontario... ahahahahahahah). L'uno annullerebbe l'altro e tu resteresti il sire incontrastato del sito. Che poi, fuor di scherzo, il problema di ogni blog, anche del sitollock, al di là del trollismo infiltratore, «in missione» e delfinico, di quelli che fanno un giro, magari anche un po' lungo, di perlustrazione, esibiscono sorrisini all'inizio ma poi presto mostrano i piedi di capro e telano, è che quando c'è altissima qualità, come da noi, ci sono inevitabilmente forti e talora scorbutiche personalità, quindi inconscia competizione. Inde irae. Che tu, Jordan, vada via perché torna un competente di calcio e persona che arricchisce d'intelligenza il sito sarebbe incomprensibile: avevate trovato modus vivendi, mi sembra, e quanto a Lud stai eccependo alle sue posizioni ma in toni che mi sembrano finalmente nei ranghi. A Lud di fava posso darlo solo io, ricòrdati! Ahahahahahahahahah! Quindi, Chiari, torna, torna! Jordan in tribuna per un anno a mangiar Nutella, in attesa che la cloaca gallianica ne perfezioni l'ingaggio. E poi, fischi assordanti quando il Pat torna al Franchi con la maglia avversaria!

    RispondiElimina
  23. A proposito di Jorginho. Su Wikipedia indicano le sue misure in 1,80 per 65 kg. Dico, 65 kg!

    Eufemisticamente, non vi sembra un pò leggerino?

    Se penso alla partita di Zurigo dove Ambrosini fu uno dei migliori, con tanti interventi di testa risolutivi nella nostra area; se penso che l'anno scorso fu preso Sissoko (salvo accorgersi che era bollito...) per accrescere la fisicità del nostro centrocampo...mi sembra curioso che si vada a prendere un tipo di giocatore come il veronese. Ma magari questo ragazzo ha doti tecniche ed agonistiche che sopperiscono alla sua scarsa prestanza fisica.

    Dopo la strizza di giovedì per stasera sono fiducioso. Molto fiducioso!

    RispondiElimina
  24. Franco, io sono reso fiducioso dalla difesa grifonica, dall'improvvisato allenatore, dalla necessità di uscirsene finalmente con una prestazione degna di noi. Temo la malignità di due ex e il ripetersi dell'incubo-Perin.

    RispondiElimina
  25. Ieri un terremoto sul blog. Ho provato a trovare il filo ma mi son perso, purtroppo son tipo duro di comprendonio e allora la do su. Spiace per S.Nap, persona gentile ed equilibrata e mi spiace anche per Leo, mi mancheranno i suoi punti di vista. Però negli ultimi giorni, si faticava un po' a trovare post sulla viola, tanti erano quelli dedicati alle diatribe personali. Tornando al match odierno, sarà questa la formazione: Neto, Compper-Gonzalo-Tomovic, Alonso-Ambro-Pec-Aquilani-Joaquin, Rossi-Gomez ? Spero di vedere finalmente Joaquin libero di scorazzare a destra, mentre confido nel rientro di Ambro per puntellare un centrocampo ora in difficoltà per mancanza di autonomia.

    RispondiElimina
  26. Con tutti questi entra ed esci il sitollock continua a vantare un numero di post incomparabile a quello dell'agosto scorso e generalmente schiacciante, per quantità e qualità, il berciadorico (la cloaca ha numeri fasulli, non conta): ormai viaggia da solo, prescinde dai singoli, è esso la vera máquina!

    RispondiElimina
  27. Sopra, le vie delle signore sono due e il Ducione preferiva la tergale, almeno secondo le memorie del maggiordomo Navarra: luogo, lo strombo (omen nomen) del davanzalone di Piazza Venezia, a conferma del dannunzianesimo d'accatto del maestrino-caporale mai al fronte (femmina=folla).

    RispondiElimina
  28. divertentissimo, come sempre , il quadretto di famiglia di musicisti di Pollock, e per rimanere nel leggero e nel musicale osservo, con altri, che in queste prime partite, alla fine del pezzo suoniano un lungo diminuendo, mentre nelle ultime dell'anno scorso, logicamente, suonavamo un bel crescendo....speriamo solo che ora non diventi un blues. I riferimenti sono per i buoni conoscitori di jazz.

    RispondiElimina
  29. Allora ci vorrebbe Domenico da Roma, caro Vigile, uno che di jazz capisce tanto. Anche di calcio, ma è un altro tarantolato che ci crivellerebbe di entra-esci.

    RispondiElimina
  30. Chiari torna sùbito, vedi che il Pat sta già rompendo tutto negli spogliatoi! Sùbito, come un dio in incognito, coi pugni in tasca e fischiettando!

    RispondiElimina
  31. Nella cloaca ci gioco solo per esibizioni estemporanee. La percentuale di fave/possibili interlocutori è troppo alta. Modus vivendi significava ignorarsi, ma se devono essere due, tra l'altro logorroici abbastanza, rischio di non poter mai aprir bocca ed allora tanto vale star zitti a casa.

    RispondiElimina
  32. Jordan, o l afiducia in Neto è davvero illimitata e allora non c'è nulla oppure è ovvio che il piano B è già pronto. Ma costoso, a questo punto. Stiamo a vedere cosa ci combina Neto stasera e ne sapremo di più.

    RispondiElimina
  33. Di illimitato c'è solo la mia pazienza con i media fiorentini e non. Montella ha ribadito, nell'ultima riunione tecnica che del portiere non ne ha bisogno perchè lui e tutto il suo staff credono di poter tirar fuori da Neto un ottimo portiere. Pradè ed il capo erano anche pronti a ripensarci (ma a spendere poco) ma sono stati zittiti. Se avete soldi prendetemi un centrocampista, dei vari Sorrentini non so che farmene.
    A meno di vere e proprie tragedie che lo costringano a ripensarci non ci sarà piano B. In caso di tragedie (e mi tocco le palle con violenza) l'unico che vedo possibile è Diego Alves, che dal Valencia viene probabilmente via e che, all'ultimo tuffo, potrebbe abbassare di molto le pretese che fecero andare tutto a monte due mesi fa. Però è comunque un'operazione da 5 milioni di cartellino più 8-9 (di costo) per tre anni almeno di contratto. Bisogna che stasera succeda una tragedia. Di Julio Cesar ne può parlare solo il Calamai che non capisce un cazzo. Oltre tutto è extracomunitario e la Fiorentina dovrebbe anche vendere all'estero, in un giorno, un extracomunitario tesserato al 30 giugno, per poter avere il diritto di tesseramento.

    RispondiElimina
  34. Ecco: che modus vivendi significhi ignorarsi è un grave errore, Jordan. Come se non esistesse via di mezzo tra conflitto e condivisione di un punto di vista. Al contrario il blog si anima solo nel gioco delle opinioni diverse. Fra l'altro, se posso permettermi, tu capisci sempre molto bene quello che voglio dire io, anche se spesso ti piace soggiungere che si tratta di affermazioni assurde o irrazionali.

    RispondiElimina
  35. Ma se vogliono parlare, li lasci parlare e passi ad altro, di interlocutori ce ne sono tanti, qui sempre di più, nonostante la porta girevole di Grand Hotel sempre in movimento! Il piano B c'è, non lo metti insieme in una notte una mattina oppure sei un dilettante: tutto dipende dalla performance di stasera, ripeto, al di là delle posizioni personali su Neto.

    RispondiElimina
  36. In una notte e in una mattina, qua sotto.

    RispondiElimina
  37. beh, in mancanza di Domenico o quant'altri, allego il link che arricchirà le orecchie di chi vorrà ascoltare e gonfierà di feeling il petto in attesa della partita di stasera. Non c'é niente di efficace per alleviare la tensione, a parte trombare, ma forse anche di piu' perché non c'é bisogno di "aiutini" eheheh

    http://www.youtube.com/watch?v=GkElnIiE4U4

    RispondiElimina
  38. Neto è stato paragonato a Ljajic, intendo dire che è sull'orlo di una esplosione definitiva che può avvenire solo se trova una continuità almeno da qui a gennaio (quando si apre eventualmente un'altra finestra di mercato). A me non pare sia questo l'unico e più grave problema della Fiorentina attuale. E non vorrei che ci si facesse l'alibi di pensare che si vince o si perde per colpa solo del portiere.

    RispondiElimina
  39. Se ci sia o no non lo so. Io penso di no. Comunque se dipende da ciò che fa Neto stasera l'influenza è limitata alla tragedia, se no, che ci sia o no, il piano B resta nel cassetto.

    RispondiElimina
  40. Lo so che io capisco benissimo quello che dici, sei tu che non vuoi capire quello che dico io

    RispondiElimina
  41. Ma non è vero neanche questo, sono normali divergenze e ovviamente io mi confronto sempre con quello che scrivi e lo trovo utile per capire le partite, anche se poi mi riservo il diritto di avere una opinione mia.

    RispondiElimina
  42. E' certo, Lud, che la papera di Neto non copre i limiti attuali della squadra.

    RispondiElimina
  43. Per rispondere a Franco, Jorginho è effettivamente leggero, certo non è uno sradicapalloni, ma se il caso lo impone sa pressare adeguatamente mi pare, disturba e anticipa, insomma opposizione ne fa. Considerato che corre molto, non credo proprio che garantisca meno copertura di Pizarro, Borja o Aquilani. E' buono perché può sostituire indifferentemente il Pek e Valero, certo con un Ralf a completare il reparto mi sentirei più sicuro, ma è escluso che facciamo due acquisti. Per come siamo messi ora prenderei Ralf, ma Jorginho è un giovane già maturo, sarebbe un peccato farselo scappare. Prendere Ralf e opzionarlo per giugno potrebbe essere una soluzione, ma sembra che Montella voglia il vice-Pek qui e ora.

    RispondiElimina
  44. No ma come si diceva l'abbiamo persa anche per altre ragioni quella partita con il Grasshopper: errori marchiani di Cuadrado e Joaquin, poi nel secondo tempo calo atletico e poca incisività. Non possiamo però permetterci un portiere che sbaglia gratuitamente. Se Neto resta è perchè si ritengono episodici i suoi errori e destinati a scemare mentre prende sicurezza.

    RispondiElimina
  45. Sono d'accordo Vigile, ma pensa che finora quello che copre di più, nel nostro centrocampo, è Mati (non considero Ambro un giocatore di calcio). A me Jorginho sta benissimo. Attualmente però non possiamo permetterci né questo Borja né le intermittenze, non impreziosite finora da niente di memorabile, di Aquilani: fa molto per un centrocampo, se pensi che il Pek è in radioso tramonto (radioso, ma tramonto).

    RispondiElimina
  46. Ai microfoni di Radio Sportiva ha parlato l’ex portiere viola (Campione d’Italia ’68/’69) Franco Superchi. Inevitabile che si parli di Neto, che Superchi assolve da colpe sull’errore di giovedì. Queste le sue parole: “L’errore contro il Grasshoppers ci può stare, in fondo è stato solo un rinvio errato e non un errore di posizione. Deve stare tranquillo, è reattivo e giovane, gli va dato tempo di crescere ed è meglio di tutti i nomi che sono usciti questa estate. Viviano ha deluso l’anno scorso, la sua stagione migliore l’ha fatta a Bologna ma non si è ripetuto, sono stupito che sia finito all’Arsenal”.

    RispondiElimina
  47. In Inghilterra di portieri non ne capiscono: ne passano di buoni e di pessimi indifferentemente, nella stessa squadra, e spesso il buono è riserva del pessimo. Non ho mai capito in fondo il criterio britannico di scelta del portiere: credo che si tratti di un agitarsi più o meno in area, succeda quel che succeda.

    RispondiElimina
  48. Proprio per questa "casualità" è un mercato interessante, ve ne approdano di giovani con potenziale, spesso non compreso. Uno che mi piace moltissimo - ma ormai esploso anche in quotazione di mercato, credo - è Begovic, ottimo estremo baluardo della Bosnia. Tra i giovani, in altre mani sarebbe interessante vedere il polacco Szczesny, che proprio Viviano andrebbe a sostituire.

    RispondiElimina
  49. Certo, Deyna! E' un porto di mare e puoi pescare bene. Ed è l'abbondanza di denari, che li fa anche spendere male, che permette agli italiani di farci a volte affari grossi, sia in acquisto sia in cessione.

    RispondiElimina
  50. Dubito che una società come la Fiorentina aspetti 4 gare ufficiali di fine agosto come banco di prova per decidere se compare o meno un portiere: se è vero che a luglio hnno deciso di puntare su Neto andremo avanti con lui, se arriverà un portiere in extremis sarà stata solo la conclusione di una trattativa che non si era riusciti a chiudere prima. C'è poi una terza possibilità, ovvero che si sia cercato di prendere qualcuno senza riuscirci, e penso sarebbe la peggiore per Neto e quindi per tutti noi.

    RispondiElimina
  51. Riguardo all'errore di giovedì penso che la colpa sia solo di Neto, però se quei retropassaggi mentre sei schiacciato dal pressing negli ultimi tuoi 30 metri fanno rizzare i capelli a ogni tifoso, forse è perchè siamo consapevoli che hanno alte probabilità di degenerare in situazioni rischiose.

    RispondiElimina
  52. La tua logica a tagliola, Vita, sembra inoppugnabile.

    RispondiElimina
  53. Vitalogy è un mese e mezzo, da quando è stato deciso ed ufficializzato di andare avanti con Neto che non è stato cercato più nessuno (Sorrentino te lo danno quando vuoi, ora, se è davvero partito Viviano, meno). L'ultima riunione l'hanno fatta dopo la partita di Catania e Montella ha confermato la fiducia e che non aveva bisogno di un portiere. Per cambiar strada in tre giorni devono piovere i cassettoni e in parte qualcosa è purtroppo già caduto, ma spero che basti.

    RispondiElimina
  54. «Gomez non può non essere adatto al gioco di Montella. E senza Ljajic si è con le spalle al muro»:


    Con questa affermazione, durissima, Mondonico si pone all'estrema sinistra dello zallerismo e crea un gran bel caso di coscienza a Jordan, da sempre mondonicomane sfegatato.

    RispondiElimina
  55. Molto bello il pezzo di oggi Pollock. Mi trovi perfettamente d'accordo. L'anno scorso ci siamo esaltati per una vittoria sofferta abbestia con l'Udinese e perfino per la sconfitta onorevole di Napoli. Certo venendo da un anno della consistenza e dell'odore della merda di vacca, bastava poco per farci tornare il sorriso. Oggi invece, dopo che abbiamo assaggiato il kinder dello scorso campionato vorremmo subito una bella tavola di cioccolato belga, magari accompagnata da dell' ottimo Flor de Cana invecchiato dieci anni. Ci vuole equilibrio. Specialmente in una città come Firenze, bellissima come nessuna ma piccola che rimbomba ogni parola e dove, per questo, è difficile nascondere le orecchie alla squadra. Tanto che il povero Neto a forza di sentir dire che è scarso rischia di crederci anche lui.
    Più che la partita di stasera io aspetto quella dopo la sosta. Aspetto le gambe che cominciano a girare e le maglie meno sudate del primo quarto d'ora di partita. Perché gli spartiti sono ottimi, gli interpreti perfetti per il tipo di musica, ma se non hai ancora la forza di tenere gli strumenti allora è difficile ascoltare buoni pezzi.
    Quest'anno sarà una Viola molto rock, di quello inventato dagli Who però. Meno virtusismo e più volume, pause epiche che aspettano che la chitarra spezzi la calma e incendi l'aria. Come un fraseggio tra Borja e Pek che inevitabilmente sfocerà nello scatto di Rossi e nel destro di Gomez.


    www.youtube.com/watch?v=Rp6-wG5LLqE

    RispondiElimina
  56. C'è un non di troppo, se non ho capito male?

    RispondiElimina
  57. Mi sento onorato della opinione di Mondonico, che dimostra che anche un semplice appassionato possa dire la sua in modo sensato se ha un po' di passione e occhio. Mondo l'ho visto in azione come opinionista agli Europei. Surclassava tutti, era come un Fabien Cancellara in un gruppetto di dilettanti, che erano poi gli altri ottusi commentatori Rai. Io spero comunque che non sia vero e che alla fine la Fiorentina possa avere una sua fisionomia: squadra meno bella, ma cinica e capace di colpire chirurgicamente l'avversario. Se ciò è possibile lo vedremo quando Rossi e Gomez entreranno in forma. Se non fosse possibile sono fave amare.

    RispondiElimina
  58. E' così, Deyna. Articolo da Fiorentinanews.

    RispondiElimina
  59. Letto ora l'intervista, la versione allargata è un po' meno estrema...Il grosso problema per me è però la dipartita di Ljajic, non l'arrivo di Gomez. Ci sarebbero stati senz'altro centravanti più adatti alla Maquina, soprattutto nell'immediato, ma alcuni volevano la CL, ad altri era difficile arrivare, ecc ecc. Bisogna trovare il modo di servire Gomez il meglio possibile, il problema magari è che troveremo difese molto chiuse e affollate.

    RispondiElimina
  60. Il tuo inconscio l'ha decorato, è:
    "Gomez può non essere adatto al gioco di Montella"

    RispondiElimina
  61. In quel caso, Foco, l'avrei ridotto al mio convincimento, che Gomez è adatto al gioco di Montella.

    RispondiElimina
  62. Jordan ancora tace, evidentemente elabora una malinconia infinita. Se dopo l'asserzione mondonichiana sbarcasse pure il Chiari (ciò che bramo e ne bramisco quasi), credo che si getterebbe dal Ponte alle Grazie.

    RispondiElimina
  63. Appunto, il TUO inconscio, che è concorde col mio cosciente, ahah. Comunque ero Deyna...

    RispondiElimina
  64. Non può essere così definitivo. Rispecchia dubbi anche miei come sanno anche i sassi. Ma alla fine spero proprio che ne usciremo bene. Ma quello che ancora non riesco a mandar giù è la scelta di investire su di un giocatore non funzionale al modulo dello scorso anno e la contestuale decisione di non rinnovare con Adem (fermo restando che io credo che se gli si offriva una certa cifra Adem sarebbe rimasto).

    RispondiElimina
  65. Montella voleva un centravanti, e di un certo peso, anche. Che ve ne fossero di più adatti alla Maquina lo pensavo, ma preso lui si tratta di apportare degli accorgimenti per sfruttarlo al meglio, non c'è nessun rinnegare la filosofia di gioco. Non è che ci mettiamo a fare il calcio utilitaristico di Mourinho, per intenderci. La cessione di Ljajic invece secondo me è gravissima, e pregiudica molte delle possibilità, quindi anche la classifica, ma vedremo.

    RispondiElimina
  66. Foco, mi spiego. Un cambiamento tanto radicale non trova giustificazione visto che la squadra era arrivata terza, un risultato eccezionale (quarta solo per aiuti arbitrali al Milan). Si doveva cambiare non rivoluzionare. Ciò premesso, non è detto che alla fine non ne esca ugualmente una grande stagione, ma cosa sia scattato nella testa dei dirigenti non lo comprendo.

    RispondiElimina
  67. Lud, erano emerse difficoltà in determinati tipi di partita, in cui si sentiva la mancanza di un centravanti, quando Toni non ce la faceva [e già lui era ben lontano dall'essere la soluzione ottimale, visti i limiti dovuti all'età]. Contro la Roma al ritorno, ad esempio, non siamo nemmeno entrati in area di rigore, con un gioco completamente senza profondità. Si è cercato di dare a Montella quel che voleva, ma non si è fatta alcuna rivoluzione. Si è sostituito Viviano con Neto, che comunque aveva già giocato; la difesa è la stessa; le fasce sono le stesse; il centrocampo è lo stesso; abbiamo cambiato le punte, e lamentarsi di una coppia Gomez-Rossi lo trovo eccessivo francamente, se quest'ultimo recupera e torna ai suoi livelli. Quel che mi ha lasciato l'amaro in bocca è stata la cessione last minute di Ljajic, che ci indebolisce parecchio, ma di rivoluzioni non ne vedo, i moduli vanno e vengono come l'anno scorso, anche all'interno delle singole partite, l'Idea di calcio propositivo rimane. Non siamo passati da Guardiola a Mourinho, insomma...

    RispondiElimina
  68. Credo che in testa gli siano entrate solo le richieste di Montella e che abbiano capito che Nutellino voleva tenere la casa di Firenze solo come garconniere. I ghirigori dello scorso anno erano anche figli del fatto che non avevavmo uno che la sbattesse dentro per mandato. Uno che magari con un colpo di natica ti faceva passare dal barocco ad uno stile un po' più funzionale. E comunque quelli che facevano il gioco bello sono rimasti tutti.

    RispondiElimina
  69. Tutti tranne Ljajic, che oltre a farlo bello penetrava le difese e portava in dote i calci piazzati...

    RispondiElimina
  70. Se Gomez non si può discutere per nome e curriculum mi fermo subito. Sennò dico che si trattava di un giocatore molto costoso, desideroso di giocare sempre, con uno stipendio altissimo e poco adatto al nostro impianto di gioco. Per farlo rendere la squadra si deve adattare a lui. Ha assorbito molte risorse che potevano essere allocate in modo diverso. La necessità di un centravanti migliore di Toni poteva essere ugualmente soddisfatta da altri giocatori meno costosi più compatibili e senza pretese di essere titolari fissi. Si è aggiunta la perdita di Ljajic forse dovuta anche al fatto che Gomez ha un ingaggio altissimo, il doppio di quanto prende lo stesso Rossi.

    RispondiElimina
  71. Con i ghirigori hai centrato il 4/3 posto. Squadra che vince non si cambia.

    RispondiElimina
  72. Il nonno un si butta da' i' ponte, e dorme ii pomeriggio. Mondonico lo rispetto sempre e può avere anche ragione, anche se mi sembra un po' affrettato giudicare adesso. Si tende a confondere un'altra volta la causa con l'effetto. Il gioco della Fiorentina è balbettante perchè i tre tenori balbettano e son loro che fanno girar la macchina. Gomez può anche non essere adatto, ma di sicuro il centravantone lo ha voluto Montella quindi gli ci voleva, magari il tedesco non è quello giusto, ma prima di dirlo lo vorrei vedere al massimo ed anche lui, oggi, è al 50% se va bene. Col Grasshoppers il Gomez vero in un paio di contropiedi avrebbe fatto il vuoto, invece si è fermato, ha provato un'improbabile conclusione da lontano o si è fatto riprendere. Ljajic lo so anch'io che era meglio se restava, ma da qui a farne un caso decisivo ce ne corre. Non ho capito molto invece l'acquisto di Ilicic che lui, sì, mi fa pensare ad un tipo d'attacco diverso, più teso a sfruttare gli spazi, ad una squadra con baricentro più arretrato. Anche Gomez, ma, più che altro Ilicic, se lo tieni in un'area intasata portando palla fino alla trequarti lo uccidi.

    RispondiElimina
  73. Infatti non è cambiata, se intendi nel sistema di gioco. Tu fai un errore sostanziale nella ciclicità del tuo ragionamento, ti dimentichi il girone d'andata. Dove abbiamo fatto gli stessi punti di quello di ritorno e giocato altrettanto bene. Dove siamo andati a Milano a frantumargli il sederino giocando come nessuno. Dove Ljajic ha giocato ma senza incidere. Dove se avessimo avuto un centravanti avremmo vinto con la Juventus, mai perso col Pescara, vinto probabilmente anche a Parma. In quel girone abbiamo avuto davanti due non punte che hanno inciso poco rapportato alla mole di gioco. Da li si è ripartito e si sono fatti i miglioramenti, mettendo davanti due specialisti di caratura internazionale. Cosa è stato stravolto? Niente.

    RispondiElimina
  74. Spesso l'universo viola combatte battaglie, "inventa" nemici, si inerpica in discussioni arzigogolate o semplici, cercando il risolutore esterno; siamo un po' come i due pesci rossi nella boccia: "Tu credi in Dio?"...< E certo! Chi pensi che cambi l'acqua?...>.

    RispondiElimina
  75. Intanto non è vero che Ljajic non giocava e non incideva. Giocava parecchio e si faceva sentire in campo pur non segnando. D'altronde con il 3-5-2 abbiamo rimediato molte sconfitte tra la fine dell'andata e l'inizio del ritorno (non è esatto che i due moduli corrispondano ai due gironi). Fu quindi varato l'altro modulo che secondo me ha dato i risultati migliori sul piano del gioco e dei risultati. Ma quel che va sottolineato è che con la rosa attuale il 4-3-3 diventa molto difficile da attuare. Dunque tatticamente le nostre possibilità di cambiare modulo si sono ridotte.

    RispondiElimina
  76. Deyna, se il mio inconscio coincide col tuo cosciente abbiamo entrambi dei problemi... Ho conosciuto però una ragazza, Giuliana B., che sosteneva di non avere inconscio. Beatrice S. ne era estasiata: mi diceva «Ma che simpatica la Giuliana, ma che intelligente, ti rendi conto, una trovata del genere». Non mi sentii di dire a Beatrice che la mancanza d'inconscio, pur impossibile, avrebbe ben spiegato l'imbecillità di Giuliana. E non mi sentii di dirlo perché Beatrice era anche più imbecille di Giuliana e non avrebbe capito. Comunque, pronostico: 3 a 2 per noi, doppietta di Gila, noi sempre in rimonta, primo pareggio con Gomez, secondo con Rodri su angolo, chiude Marione con stangata al volo dal centro dell'area. E adesso voglio Chiari! Vieni, ti attendo a cosce aperte, già colo! Chiari Chiari Chiari! Apro lista dei sostenitori di un ritorno di Chiari sul sitollock: ho già la mia firma e quella di Chiari, poi una delega di Tocca e un ni di Jordan. Attendo adesioni.

    RispondiElimina
  77. Meglio 1-0, per ovvii motivi. Tu lo voi per mettiglielo? un l'ho capita la metafora (e metadentro). Io voto "no", altro che "ni"! e smettila di rompere i coglioni che tu se' stato te a fallo scappare, icche l'è un rimorso di coscienza?

    RispondiElimina
  78. Jordan, lui mi ama, lo so e anche tu lo ami e comunque, privatamente (è vero), mi ha sgravato di colpe: e come potrebbe altrimenti, se anch'io lo amo? A questo punto, perché il circolo di amasi si completi devi solo confessare il tuo amore per me e felicità si darà sul sitollock, costretto ormai a questi cambi carcerari di obiettivi erotici per cronica latitanza di utenza femminile.

    RispondiElimina
  79. O Colonnello e mi dispiace ma i' mio amiho Jordanne e gli ha detto che gni fa anche senso rispondere a una porcheria simile e m'ha affidao i' messaggio. Relata refero:
    e' maschi e un li ama proprio e gni fa anche schifo pensacci. Tu fa' quello che ti pare, ma l'utenza femminile se la un c'è qui e la cerca da un'artra parte ma sempre a quella e sortanto a quella e pensa, e punto.

    RispondiElimina
  80. I risultati sono gli stessi, altrimenti non si sarebbero fatti gli stessi punti nei due gironi. Le sconfitte sono state quattro nel girone d'andata e sei in quello di ritorno, tra le quali Bologna dopo il 4 - 0 all' Inter ,a Cagliari e a casa con la Roma,quindi in piena "era Ljajic". Il gran gioco lo abbiamo fatto anche nel girone di andata, a Milano col Milan, a casa con la Juve e con tante altre. Tu insisti a dire che Ljajic ha beneficiato di un eventuale cambio di modulo, io invece ti rispondo che è migliorato nei movimenti e nella comprensione del gioco di squadra. Molto più di Jovetic che è rimasto nell'estemporaneità del suo modo di muoversi in campo.

    RispondiElimina
  81. Ha segnato molti più goal e così Cuadrado. Dovrebbe essere una indicazione che il modulo lo favoriva, no?

    RispondiElimina
  82. Ho capito, Jordan, pensi che Chiari sia avaro anche di seni. Ma alle volte, svestiti, certi soggetti riservano sorprese.

    RispondiElimina
  83. E aveo mangiao anche bene oggi, e tu mi vo' fa' vomitare?

    RispondiElimina
  84. Scrivo questa parola per dire a mio amico Ludvigzaller una cosa solo: vita fatta cosi, fatti ragione di mia partenza. Amore è bello, ma como tute cose finiscere. Ho deciso io tutte cose, anche di andare via. Pure papa ha deciso se lo devo dire vero, che poi mi dà cazzotto su testa. Volevo andare in Milan, perche dicevano che Melissa Satta era in contratto, poi ho visto che squadra era piu di merda che pensavo. Allora vado a roma che dice che venerdì sera ci è più fregna che da ginecologo di asl. Io a Firenze volio bene a tutti e ci torno. Io ho casa a Firenze e se no torno poi chi innaffia gerani? Papa ha detto : " a me no guardà". Saluto tutti, especialmente Ludovico che ha sempre difeso, anche quando ero un po testa de cazzo.

    P.S.

    Io non fatto mai il 433, è numero a pagamento con zozze che me dicono che frustano. Poi papa se incazza e sdruma di coppini.

    RispondiElimina
  85. Questo parla come 'na mignotta, 'na strappona....ma.......

    RispondiElimina
  86. Rossi prende 2.5+0.5 di bonus, quindi 3. Gomez prende 3+0.5 di bonus [1.2 in più non li paga la Fiorentina], quindi 3.5. Considerato che Rossi è fermo da 2 anni e Gomez viene da un triplete, incide molto più Rossi, che era anche più sovrapponibile a Ljajic come ruolo. Dirai: ma Rossi è stato preso prima che Ljajic esplodesse come realizzatore. Vero, ma a gennaio scorso quel che Montella voleva era un centravanti, ché da seconda punta c'era già Jovetic, invece preferiron destinare risorse su Rossi, tra l'altro non immediatamente disponibile.

    RispondiElimina
  87. Pollock, censura! Se si comincia a far passare i post dei giocatori veniamo sommersi da quelli di Segnamai e del Cornuto Depinico e allora per me e Deyna spunta fuori lo Snappo con la recita dei commi che ci portano alla Cajenna con un doppio ergastolo. E alla Cajenna, volere o volare, anche i Nevrastenix lo prendono dove non vogliono, sigh.

    RispondiElimina
  88. Obbene, mi guardo un po' de Roma, via, e parto con le gufate, che a giugno Ademino deve tornare all'ovile!

    RispondiElimina
  89. Se esordisce con doppietta, però, c'è solo da mangiarsi i coglioni.

    RispondiElimina
  90. Vota Chiari Vota Chiari!

    RispondiElimina
  91. Io ripiego su un'insalata, devo state attento con le proteine.

    RispondiElimina
  92. Non gioca, per ora è in panchina, bene! Voto Chiari, ovviamente!

    RispondiElimina
  93. Adem qui è tuo amiko Mario. Karina vuole fare con me 4-3-3. Guardiola non voleva ma Montella ha dato permesso di comprare frusta. Domani si comincia. Ciao

    RispondiElimina
  94. La Roma lascia intravedere idee interessanti, tipo - a tratti - una manovra da vecchio Barcellona o da Maggica spallettiana, con ragnatela con improvvise verticalizzazioni, e passaggi arretrati degli attaccanti in stile rugby, a favorire gli inserimenti da dietro, con un movimento continuo. Garcia dev'essere un bel tipo, spero nel ritardo dei risultati, e nello spazientirsi di giocatori esclusi e soprattutto tifoseria.

    RispondiElimina
  95. Jorginho molto timido per ora, come col milan, sembra accusare un po' il salto dalla B alla A.

    RispondiElimina
  96. Nel primo tempo della Roma mi è sembrato di rivedere le stesse difficoltà di certe giornate della Fiorentina senza centravanti, quelle difficoltà ad incidere sotto porta che devono aver convinto Montella che in area sono preferibili i wurstel e i crauti. Sono d'accordo con l'analisi di Foco. C'è turn over sul blog, e così per riparare alle dure perdite di ieri ho investito su Adem, nostro nuovo opinionista, offrendo al padre l'usufrutto di un vecchio vespasiano in San Frediano.

    RispondiElimina
  97. Nevrastenix alla Cayenna e ci lascia anda' voi e un n'è miha bischero!

    RispondiElimina
  98. Entrato Ljajic, la Roma dilaga. A completamento, uno straordinario gol di Adem, che si porta al limite, e secca Rafael con una botta all'angolo. Mavaffanculo.

    RispondiElimina
  99. Calcio di inizio stagione è sempre un po' fasullo, ma il gran gol di Adem oggi è benzina sul fuoco di Lud....

    RispondiElimina
  100. .... e sale sulla "coda" di Deyna.....

    RispondiElimina
  101. Esce Leo. (la butto li: Halfredson iniziò come mezzala alla Reggina. Dopo 3 anni di esperienza non lo vedrei male.....)

    RispondiElimina
  102. Totti si ferma sulla fascia, e scambia la palla cinque volte di fila con Ljajic, in tre metri. Probabilmente lo prenderà sotto la sua ala. Non mi resta che sperare che Ljajic trombi la donna a De Rossi.

    RispondiElimina
  103. Ho paura che Ljajic non sia un giocatore fasullo, purtroppo. E che la topica presa dai nostri dirigenti non sia da poco. Per tecnica individuale, senso della posizione e tiro è uno dei migliori talenti europei. E come tale faceva parte con Goetze ed Aubameyang del top team under 21 messo on line da un sito specializzato. Undici reti alla sua età sono un bottino molto rilevante. Che dire? Siccome vedo che allenatori e ds si avvicendano ma certi sbagli di ripetono credo che la colpa vada attribuita alla dirigenza e alla proprietà.

    RispondiElimina
  104. Deyna, ormai è andato, una perdita grave. Pensiamo che il mondo è pieno di buoni giocatori e cerchiamo dei nuovi fenomeni, a partire da sto nuovo Rebic. In questa annata vedo molto bene la Roma, perché partire con la contestazione dei tifosi dall'inizio carica di molto i giocatori. Del resto anche noi lo scorso anno con Montella non siamo certo partiti con grande entusiasmo e poi abbiamo fatto una grande annata. Roma che mi sembra solo un po' permissiva dietro, benché composta da due centrali solidi. Vediamo come evolve, ma per Adem vedo un futuro radioso, ormai lontano da Firenze....

    RispondiElimina
  105. Lud, quando hanno venduto Baggio che hai fatto?

    RispondiElimina
  106. Le situazioni cambiano...Osvaldo non veniva valorizzato, non giocava o giocava completamente fuori ruolo, Corvino ci credeva, Prandelli evidentemente meno, o non ci capiva nulla del giocatore; Ljajic Montella l'ha valorizzato. Pazzini invece le occasioni per un anno le ha avute, ma qui non parlerei di errore comunque, la perdita è risibile.

    RispondiElimina
  107. Che dire? Proprio oggi ricordavo di aver visto Baggio al carnevale a Viareggio, quando giocava ancora a livello giovanile in maglia viola. Io non faccio le barricate per principio. Per un calciatore poi. Ma ripeto: ci siamo andati a complicare la vita, avevamo un ottimo attacco da completare non stravolgere. Intanto siccome su facebook ho qualche amico romano, mi sembra che sia già scoppiata la mania di Adem anche a Roma. Un bravo a Sabbatini per come ha condotto l'operazione di trasferimento.

    RispondiElimina
  108. Siccome sono un ragazzo di cuore, condivido la scommessina che ho giocato:

    Milan - Cagliari. X
    Bologna - Samp x
    Sassuolo - Livorno 1
    Catania - Inter X
    Atalanta - Torino 2
    Udinese - Parma 1

    Se ci buttate 5 euro si rischia di papparsene circa 3400. Se succede ci sentiamo dopo la seconda bottiglia di Rum.

    RispondiElimina
  109. Come volevasi dimostrare. Quanta responsabilità, stasera, sulle spalle dei Nostri! E che stizzoso orgoglio occorreva a Jordan per negare la grandezza del serbotto! Però non accetto accuse ai nostri dirigenti: hanno fatto quel che dovevano passo passo. Gli è fiorito tale un'orchidea un carciofo in mano a febbraio, dopo anni di delusioni, di ceffoni pubblici, di detestazioni della tifoseria. Chi l'aveva visto ragazzo sapeva chi era il Nutella, ma anche chi giudica col metodo del cucchiaino, che vale per la letteratura e per l'arte come per il calcio e che Jordan applica su un portiere che ci fa tremare ogni volta che la palla entra in area. Chi aspetta l'imprimatur della «Gazzetta dello Sport» i calciatori deve poi pagarseli 40 milioni. E per Auba è la stessa cosa: a gennaio si prendeva con un deca, ma ci fu un cinocefalo che disse: «Per prender lui, allora teniamo chi abbiamo» (ahahahahahahahahah!). E la sua compatibilità col barcellonismo era altissima. Ma noi abbiamo Marione e Pepito e con loro la spunteremo, cazzo! 3 a 2, ho detto, e riagguantiamo chi è schizzato come una lepre!

    RispondiElimina
  110. vedere Lijaic in giallorosso fa male, brucia, mi si chiude la bocca dello stomaco.
    Siamo gente strana, noi tifosi

    RispondiElimina
  111. Stesa situazione secondo me Deyna. I giovani non sono tutelati nella Fiorentina dei Della Valle e forse non è un caso che nessuno si sia affermato qui per poi inziare un ciclo in viola.

    RispondiElimina
  112. Compper per Savic (giusto) e Pasqual eternizzato; per il resto Maginot a centrocampo (con Ambronullo), rinunciando sia a Cuadrado sia a Joaquín; Borja confermato, nonostante la cachessia podistica dimostrata finora. La strizza fa novanta, la Fiorentina dell'anno scorso è un ricordo, che speriamo di non rimpiangere. Sono deluso da Vincè, ma lui ha saputo sputtanarmi più volte nel passato: che sia così anche stavolta.

    RispondiElimina
  113. Che fosse forte lo si sapeva, che avrebbe fatto bene anche. Quello che non si vuol metabolizzare è che aveva già la valigia in mano e che per levargliela si rischiava uno stravolgimento del clima dello spogliatoio che poteva essere molto più grave della perdita tecnica. Uno spogliatoio spaccato ha rischiato di farci sprofondare in B due anni fa, ve lo ricordate? A chi poi obietterà che Gomez prende molto più di tutti, rispondo in anticipo che se arriva uno che ha un palmares che per farlo bisogna mettere insieme tutti quelli degli altri più tre o quattro prestiti delle vecchie glorie del milan, chi può contestare i suoi guadagni? Dall'alto di cosa? Sarà una scelta che paga? Vedremo. Per adesso nessuno ha i dati per contestarla.

    RispondiElimina
  114. In entrambe le situazioni si è rinunciato al giovanotto per cercare di migliorare. Ieri si è preso per Pazzini e Osvaldo il centravanti della nazionale. Uno che a ventisei anni aveva fatto quasi cento gol. Oggi si è preso il centravanti della Germania, media di un gol ogni due partite. Sono scelte fatte sempre con l'intenzione di alzare il livello della squadra, di provare a fare quello scatto che ci innalzerebbe subito.

    RispondiElimina
  115. Velenoso Pradè, interrogato nel pre-partita su Ljajic: «Quest'anno abbiamo preso dei giocatori che sono prima di tutto degli uomini».

    RispondiElimina
  116. Speriamo che la Nostra Fiorentina riesca a risollevare una serata per me nata malissimo. Ci spero molto, ma non vi nascondo che ho sinistri presagi, speriamo sia il malumore che mi offusca. Comunque prometto che non inizio una saga di resoconti delle partite di Ljajic domenica per domenica.
    Alè Fiore!

    RispondiElimina
  117. Siamo tutti nervosi. Trasformiamo la rabbia in energia. Se stasera segna anche Seferovic all'Atletico, cippo funerario a Campi Bisenzio.

    RispondiElimina
  118. Grazie Pepito per aver reso giustizia contro lo scarso e fortunato Perin!

    RispondiElimina
  119. Sì, vaffanculo, ma a Ljajic, che comunque a Roma resterà poco (e mai più tornerà a Firenze). Hanno segnato il Gabbia, il Nutella e Pepito, ossia tutti gli attaccanti ludwigzalleriani. Grande Neto!

    RispondiElimina
  120. La continuità pasqualiana mi fa temere che Alonso non sia proprio il nuovo Roberto Carlos.

    RispondiElimina
  121. Gol di Gomez, ma gran cross di Manuel Pasqua!

    RispondiElimina
  122. Calcio di inizio stagione è sempre un po' fasullo, Genoa che fa pena, lento come il suo allenatore.... ma un primo tempo così mi ha fatto dimenticare tutte le altre cose di questo weekend. Con Ambrosini abbiamo più solidità, anche sui calci piazzati in area, ma davanti abbiamo fatto meraviglie!

    RispondiElimina
  123. Ahahahahahahahahahah! Beh, resta pure a Roma, Nutella, che qui c'è troppa grazia! E Vincè, hai avuto ragione ancora una volta, sei grandissimo! Mi vien già quasi fuori un commenton de' commentoni al ragù della nonna emiliana! Mmmmmmmmmm!

    RispondiElimina
  124. Ha doti molto interessanti, ma lo trovo acerbissimo difensivamente...Quando un giocatore lo fai capitano, poi, difficile metterlo fuori.

    RispondiElimina
  125. Comunque la difesa del Genoa era quale annunciavo, un colabrodo, e l'idea di dare una squadra di A a Liverani perché ti costa due soldi un suicidio. Perin incubo stavolta per i suoi e non per noi.

    RispondiElimina
  126. Un bellissimo primo tempo, il primo goal di Gomez e tante altre cose notevoli. Ne dico un'altra delle mie e forse non sarete d'accordo, ma per me stasera Montella ha un po' ripreso il modulo della nazionale: un 4-4-2 con Tomovic e Pasqual sulle corsie laterali e quattro centrocampisti che si scambiavano di ruolo: Ambro, Pizarro, Aquilani e Valero. Davanti a tutti Gomez un po' più indietro Rossi. Il centrocampo così rafforzato ha tenuto benissimo botta. Mentre in avanti il Genoa ha dimostrato di subire moltissimo i nostri attaccanti. Montella si dimostra ancora una volta un grande tattico in grado di sfruttare al meglio la rosa e proporre soluzioni che finiscono sempre per sorprendere. La continuità è data dalla qualità in mezzo al campo. Eccellenti Gomez e Rossi.

    RispondiElimina
  127. Ahahahahahahahahahahahah! Volevo fuori Borja e Vincè lo schiera mezza punta e lui incanta! Ahahahahahahahahahah! Non ci capisco un cazzo! Ahahahahahahahahahahah! Chiamatemi Lud, d'ora in poi! Ahahahahahahahahah! Gomez come Boninsegna maggiorato di Seeler, ahahahahahahahahahah! Segheeeeeeee... ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  128. Mario Gomeeez..... Mario Gomeeeeeeez....

    RispondiElimina
  129. E Rebic? Quando entra quello grandina. Basta, qui il godere mi spompa. Un po' di pontellizzazione o non ce la faccio più! Ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  130. Qualcuno ha un link?

    RispondiElimina
  131. Il Barca ne fa 3 a Valencia, noi tre a Genova. Differenze? Nulla. Ah si, il loro portiere prende un gol.

    RispondiElimina
  132. LUD, è un 3-5-2.

    RispondiElimina
  133. http://firstrownow.eu/watch/204942/1/watch-genoa-vs-ac-fiorentina.html

    RispondiElimina
  134. Rispetto all'anno scorso facciamo meno possesso palla (non so se per scelta o per condizione fisica) ma verticalizziamo molto di più e creiamo un mare di palle gol in più. Inoltre, rispetto all'anno scorso abbiamo un centravanti e un portiere.

    RispondiElimina
  135. Gomez e Rossi, come era da aspettarsi, sono una coppia di attacco fantastica, sono complementari e hanno già un'intesa molto buona.
    Oggi ho visto una condizione fisica migliore rispetto alle altre partite giocate, Valero è finalmente tornato lui (almeno fino al 75'-80', poi era spompato), Gomez è cresciuto, non solo per i gol, è stato anche più veloce, anche Aquilani.

    RispondiElimina
  136. Neto ottimo, gran parata su Gilardino, poi grande sicurezza in tutta la partita.

    RispondiElimina
  137. A mio parere la svolta tattica è la rinuncia alla idea dei tre tenori. Montella aveva detto che non avrebbe mai cambiato assetto tattico a centrocampo. Invece stasera c'erano quattro centrocampisti. E a quel che mi è parso, come nel classico rombo, non avevano posizioni fisse. Con le fasce presidiate da Tomovic e Pasqual, Compper e Valero erano i centrali, Pizarro, Aquilani, Ambrosini e Valero i quattro centrocampisti. Infine Rossi e Gomez in avanti. Questo centrocampo molto tecnico, e al tempo stesso concreto grazie all'inserimento di Ambrosini ha letteralmente surclassato quello del Genoa. Si è subito visto che gli inserimenti dei centrocampisti, stasera molto efficaci, e le discese degli esterni creavano problemi alla difesa genoana e mettevano Rossi e Gomez in grado di colpire. C'è stato dunque un notevole cambiamento nell'assetto tattico, vedremo se confermato con il ritorno di Cuadrado.

    RispondiElimina
  138. Beh, col ritorno di Cuadrado o giochiamo in 12 o un centrocampista lo toglie. Abbiamo giocato sulle fasce soprattutto a sinistra, mi pare.

    RispondiElimina
  139. Assodato: di testa non le prendiamo. Vittoria troppo facile contro una candidata alla B; per lunghi tratti si è vista la Maquina, in alcuni momenti la difesa era da brividi, colpa anche di un Glia (7) in gran spolvero. Tomovic sicuro ma i problemi arrivavano proprio dalla sua fascia di competenza, osso duro per Commper il Gila, mentre Gonzalo non ha avuto sbavature. Sino a quando il centrocampo della Maquina ha avuto benzina non c'è stata partita, i Genoa ha usato grandi mischie rugbistiche per portare più scompiglio che azioni da gol. Il nostro attacco, un po' più rodato, non avrà eguali. Questa sera Pek ha giocato con meno fronzoli ma più precisione, senza mai perdere palla. Capitolo a parte Neto, oggi in versione concept-album "The Wall".

    NETO 8 : quattro parate decisive su Gilardino, una su Konatè. Molto sicuro sulle uscite, mai in difficoltà. Se imporrà fisicità anche 5 metri più avanti saremo al sicuro. Per molto.

    TOMOVIC  6,5 : propositivo, occupa una bella fatta di campo per un tempo ma nella ripresa Antonelli lo mette alle corde.

    COMMPER 6 : soffre maledettamente contro Gila, non riesce a mettere la museruola al bomber di Biella.  La sufficienza è per la stima e per la prima partita negativa da quando e a Firenze.

    G.RODRIGUEZ 6,5 : padrone maestoso dell'area di rigore per un'ora, poi va in confusione sulle disorientanti avanzate genoane.

    PASQUAL 6 : non sfrutta abbastanza gli spazi, quando lo ha fatto ha creato due palle, una ben sfruttata.

    AQUILANI 7 : ruba l'occhio per la dinamicità, dimostra di essere il centrocampista piû prolifico tra i "prandellabili", contrasta, osa finezze. 100% english.

    B.VALERO 7 : ancora lontano dalla migliore forma ma pur sempre incisivo. Lottatore, pressa ovunque, finisce la benza.

    PIZARRO 7 : sembrava un altro. Zero veroniche zero, è questa è la notizia! Zero passaggi sbagliati.

    AMBROSINI 7 : gladiatore, fisico che serviva. Rattoppa molte situazioni, rende tranquilli i tre tenori con copertura continua.

    GOMEZ 7,5 : una presenza inquietante, per i genoani. Sponde, molti duelli vinti, trascinatore che nonostante la stazza regala un paio di finezze che ricordano le sue origini sudamericane. Voleva l'hat-trick, l'abbiamo notato!

    ROSSI 7,5 : trovata la pepita d'oro, anzi due oggi! E ancora non è al massimo!

    MATI 6,5 : incide, non perde palla, macina buone giocate, ricorda a tutti che era un gran bel salta-birilli.

    ILICIC 6 : sta ancora studiando il libretto d'istruzioni della Maquina.

    WOLSKI 6 : l'ingresso di stasera potrebbe essere un segnale di stima da parte di Montella (ne Joaquin ne Bakic o Cuadrado...è entrato il polacco!).

    MONTELLA 7,5 : tira fuori il coniglio dal cilindro, con Ambrosini nell'ingranaggio della Maquina. Dategli un saltatore di testa e vi solleverà....un trofeo! Se veramente ha perorato Neto, allora è una sua grande vittoria, per ora.

    RispondiElimina
  140. Potrebbe anche riproporre il rombo con Cuadrado in fascia, anche se Cuadrado ha caratteristiche di giocatore più offensivo.

    RispondiElimina
  141. 'N culo a i'Calamai! Ora ci ha l'urtime 24 ore pe' tira' lo sciacquone e andare ni' su' regno! Penso poi a chi voleva Perin, a quelli che "tutti meglio di Neto", a quelli che son lì a sperare che Julio Cesar e si degni d'accetta' 2,5 l'anno di pensione pe' du'anni, a quelli di' piano B. Da i' 3 settembre vita nova e sempre meglio. Grazie Vincenzo e ci volea le tu' palle pe' reggili e mandalli tutti 'n do si meritano. A Genoa e si conferma d'ave' 60 minuti nelle gambe, ma se 'n que' sessanta minuti e si fa quattro go', poi e ce lo puppano. Montella, assente Cuadrado che l'è mezza squadra, cambia (questa volta sì, LZ) lo schema e rassoda i'centrocampo con Ambro che se l'avesse quarche anno meno e ci avrebbe risorto i' problema, altro che seghe caro Deyna, e sguinzaglia più avanti e tre tenori. Gomez e Rossi prima sbagliano un go' da non credici (soprattutto Pepito) ma poi e si rifanno dimostrando che davanti un n'è che si dovrebbero ave' grossi problemi e s'ha una delle meglio coppie di' campionato, forse la meglio. Icche dire? avevo una gran paura, ma l'è andata più che bene, ora c'è quindici giorni pe' crescere atleticamente e di testa, ma siamo partiti!

    RispondiElimina
  142. Infatti: occorre un marpione in difesa. Se Rodriguez avesse i tempi e la bravura di Glenn Hysen, per il gioco areo, sarebbe un Dio.

    RispondiElimina
  143. Bellissimo Commentone, Colonnello, però lasciamo stare il Bati e Ronaldo, ovvia...
    Ottima comunque l'impostazione di Montella, col continuo passaggio dal rombo al 3-5-2 mascherato, sì...

    RispondiElimina
  144. oggi non era un 3-5-2 perchè l'esterno a destra non c'era, era più un 4-4-2 a rombo con poca voglia di andar sulle fasce nel mezzo e molti movimenti in avanti delle mezzali. Ma i numerini lasciano il tempo che trovano, l'importante è muoversi bene, e finchè si sono avute gambe si è fatto ottimo calcio. Resta il solito problema delle palle alte in area che Compper non ha risolto, anzi...

    RispondiElimina
  145. quasi d'accordo: Ambrosini grande protezione della difesa anche se non é un poeta, ma l'abbiamo preso proprio per questo. Ai ghirigori ci pensino gli altri

    RispondiElimina
  146. Miglior partenza dello scorso anno in peggiori condizioni fisiche dello scorso anno. Abbiamo affrontato e spazzato via due formazioni che valgono le due affrontate dal Napoli, per casualità le stesse due battute dall'Inter che, però, a Milano ha avuto vita più dura con questo Genoa, vero pretendente all'essere il nuovo Palermo. Visto il momento poco pimpante, Montella ha scelto di proteggere i tre tenori, lasciando Borja e Aquilani più liberi . Ambrosini ci mette fisicaccio ed intelligenza, quello per cui lo si è cercato. Dietro, nonostante l'amplificata cerniera protettiva, continuiamo a ballare sugli spioventi, anche se siamo ermetici ai fraseggi altrui. Gilardino è una vipera ma noi scegliamo di andar per boschi in shorts e infradito. Neto viene convinto nel pre-partita che sia ancora giovedì pomeriggio e lui fa quello che avrebbe fatto durante l'allenamento. E finalmente vediamo quello che tutti vedono durante gli allenamenti: un gran portiere. Davanti cominciamo a carburare. Se Gomez avesse la rabbia di un Bati adesso sarebbe già capocannoniere. Purtroppo è un ragazzo calmo, ma che conosce il suo mestiere come pochi in giro. Il gol è da fantasma che scompare per poi ricomparire dove mette più paura ai difensori. Pepito è ancora un po' pesantino e poco scattante, ma già così è al livello dei Tevez visti fino ad ora. Tre gol in due match e tanta altra roba. Che poi è la stessa roba che l'anno scorso ci mancava. Le prospettive sono infinite, tifo a parte questi due insieme danno l'impressione di poter scrivere qualche bella pagina di storia. Sono la pericolosità totale, sono tutto il repertorio, sono acido nitico e glicerina dentro uno shaker.

    RispondiElimina