.

.

venerdì 13 settembre 2013

Ceres c'è

Si parlava di Vargas e così Kozak ha aperto la fronte a Pasqual e la strada al peruviano, una scorciatoia che passa però da Alonso e che riporta d’attualità il tentativo disperato di recupero del giocatore da parte della Fiorentina. Si dice che la gomitata sia stata commissionata da un certo cugino a bordo di una Porsche ammaccata, uno strano intrigo internazionale che va ad accrescere la fama non certo limpida del giocatore. Da una parte provo anche simpatia per Vargas, lo sento vicino per quella sua irrequietezza di fondo, perché la mania di fare ragazzate è ereditaria. La puoi prendere dai tuoi figli. Tommaso infatti mi ha raccontato le ultime bravate che ha studiato in Boboli per non fare i compiti, Vargas è ancora più avanti perché non ha bisogno nemmeno delle scuse per dimostrare di non essere un professionista visto che per rimarcarlo si fa addirittura aiutare dal cugino. Comunque Tommaso mi ha chiesto 50 euro come tassa di successione per passarmi le sue ultime tre scuse: (1)  Prof, non ho potuto fare i compiti, perché sono morto. (2)  Prof, io i compiti li ho fatti, ma la mia è una famiglia molto povera: non abbiamo i soldi per comprare la carta igienica, e mio padre ha la diarrea. (3) Prof, ho studiato, ma mentre ero in viaggio il nostro aereo ha avuto un incidente, e si è schiantato sulle Ande, e per sopravvivere ho dovuto mangiare i compiti. Non raccomanderei certo sesso, droga o ragazzate a nessuno, ma con me e con Vargas hanno sempre funzionato. Che fermento intanto c’è per la prossima partita, neanche nelle cantine di Antinori, c’è una voglia matta di Fiorentina che porterà, si dice, 30.000 persone sugli spalti, un gol di Gomez e viene giù lo stadio, mentre il gol di Pepito Rossi troverà le difficoltà tipiche di chi dovrà farsi largo tra le macerie dello stadio venuto giù dopo il gol di Gomez, a quel puto un gol del Cagliari sarà tecnicamente impossibile visto il cantiere scudetto, anche se Sau è molto bravo e non rinnega le sue origini a partire dal cognome. Adrenalina, tanta, insieme agli acidi urici insiti in una popolazione che fa della bistecca un suo segno distintivo, anche se il terrore non è solo quello per le abitudini alimentari insane come vengono considerate da Antoine, no la bistecca è un incubo anche quando viene considerata un reiterato errore da parte di un soprano. A Firenze c’è anche chi preferisce la carne di cavallo, tra questi, i più esigenti cercano il cavallo da tiro sostenendo che ha una carne che ricorda molto quell’altra cosa il cui pelo tira più di un carro di buoi, i vegani, invece, considerano il cavallo da tiro semplicemente un equino di precisione. Sono un cane sciolto, tifo per la Fiorentina ma non riesco a fare gruppo, a suo tempo ho provato a diventare buddista per fare piacere a Baggio ma loro non avuto piacere che lo diventassi, vorrei beneficiare della filosofia alimentare di Antoine, ma non ho mai studiato filosofia, del resto ho provato anche con la nostra religione, ma anche lì sono stato di fatto impossibilitato da un’anomalia di fondo, perché non si capisce che vantaggio c'è ad avere qualcuno che può camminare sulle acque se tu non puoi seguirne le orme. Secondo il mio modesto parere, a Vargas sono mancati alcuni riferimenti precisi, forse i nonni, che sono solitamente la figura che più di tutte risulterà come la maggiore inibitrice della voglia di luppolo, coloro cioè che con l’affetto e soprattutto le filastrocche eviteranno quelle carenze che poi nell’adulto sfoceranno spesso nell’alcolismo. Mi viene in mente Gastone che mi diceva “Giro giro tondo”, una filastrocca probabilmente introdotta durante una delle due guerre mondiali, utile per insegnare ai bambini che, quando c’è un bombardamento (casca il mondo casca la terra), conviene ripararsi nel sottosuolo (tutti giù per terra). Insomma, a Vargas non è stato fatto leggere nemmeno il minimo indispensabile per la serenità di un bambino, ma soprattutto per l’equilibrio di un futuro uomo, nessuno che gli abbia mai fatto leggere scritte importanti come “Dio c’è”, ma inopinatamente altre tipo “Ceres c’è”. Oggi paghi le conseguenze, soprattutto Della Valle. Noi tifosi siamo pronti anche a passare sopra al modo poco professionale con il quale Vargas ha dimostrato di non rispettare gli impegni presi, lui sa però che non può più sbagliare, perché errare è umano, perseguire è magistrato.


45 commenti:

  1. Cresce giustamente la febbre di Vargas, con lui e Cuadrado a spingere, Rossi e Gomez in avanti e quel centrocampo a tre, lo scudetto potrebbe essere più vicino. Ma Montella deve decidere se e quando metterlo nella mischia. E forse è giusto aspettare perchè Juan Manuel può bruciarsi. Se giocasse male i dubbi che sia un ubriacone irrecuperabile aumenterebbero esponenzialmente. D'altronde la teoria del 3-5-2 vuole che gli esterni siano alternati perchè spendono molto. E dunque raramente vedremo forse Vargas fare novanta minuti. Potrà entrare all'inizio per contribuire a sbloccare la partita o a gara iniziata se si tratta malauguratamente di recuperare. Intatte dunque le possibilità di Pasqual e Alonso. Anche se penso che l'altro Manuel avrebbe pagato di tasca propria pur di non rivedere quel Pasqual che gli ha bloccato la carriera di nuovo in maglia viola.

    RispondiElimina
  2. Quel Vargas che gli ha bloccato la carriera.

    RispondiElimina
  3. La mia formazione titolare viola 2013-2014: (4-3-3) Neto, Roncaglia-Rodriguez-Savic-Alonso, Aquilani-Pizarro-Valero, Cuadrado-Gomez-Rossi. Fiorentina riserve: (4-3-3) Munua, Tomovic-Compper-Ambrosini-Pasqual( Vargas?), Vecino-Bakic-Wolskj, Joaquin-Rebic-Matos. Jolly: Ilicic, Mati, Jokovenko.

    RispondiElimina
  4. Voto la squadra del CHIARI. Intrigante, perfetta. POLLOCK-ONE: io i vegani l'ho combattuti con Goldrake e quando mia moglie ha affermato "Sto diventando vegana" io ho subito pensato ai suoi potenziali amici: Gandal, Silene e i mostri di Vega con nomi simil brevi codici fiscali. In onore dei vegani mercoledì sera, da Ciccio Pennello a Calenzano, abbiam fatto fuorinuna fiorentina da 1,7 kg. con cappelle di porcini da veri porci affamati. Mangiando così tanto torna alla mente lo stomaco, la dilatazione e allora penso "Ma l'astronauta avrà problemi di spazio?". Spazio che Vargas vorrebbe, anche se molti vorrebbero domandare a LUD "Dove hai notato che cresce la febbre per Vargas? In una corsia d'ospedale? Col termometro rettale o con una semplice mano poggiata sulla sua fronte?"; sai LUD, se c'è la febbre per Vargas bisognerà ricorrere di nuovo al maiale. No, non per la sua forma fisica ma semplicemente perché la Tachipirina contiene estratto di sangue di maiale, vasodilatatore ma credo che il peruviano preferirebbe, come vasodilatatore, del buon Sassicaia, senza rendersi conto che allora sarebbero veramente tanti i sassi gettati verso di lui. Vargas! Voleva seminare col Porsche le altre auto, senza sapere che se semini lana non nascono golf.....al limite ti danno un'infermiera e una colf.

    RispondiElimina
  5. Conosco un vecchio libraio che ha giocato in serie B. Aveva diploma di classico e, al suo tempo, gli stipendi nella serie cadetta erano operaistici, sicché dava ripetizioni di latino e greco nei pomeriggi in cui non aveva allenamento. E' così che incontrò la sua futura moglie, bisognosa di sostegno per l'esame di maturità: donna squisita che adesso tiene con lui il negozio e che mi ha raccontato l'aneddoto che segue e che mi ha fatto spanciare dalle risate (ma davvero si perde molto a non udirlo da lei, col suo tono insieme sornione e innocente, con la sua voce sottile e beffarda). Una delle prima lezioni, lei gli domanda: «Ma a parte le ripetizioni, lei cosa fa nella vita?». Lui: «Gioco, signorina». Lei: «Ma come, grande com'è?».

    RispondiElimina
  6. Alla squadra di Chiari fa opposizione la valutazione di Montella secondo il quale Rossi sulla fascia è sprecato (non dice inadatto, ma sprecato o sotto utilizzato). Per fare quel tipo di gioco bisognava mantenere Ljajic e provare, come avevo detto e ridetto, Rossi come falso centravanti affiancato in rosa da un centravanti vero utile alla bisogna, giovane o scafato, ma comunque meno costoso di Gomez. La squadra attuale è validissima ma è nata per il 3-5-2 o per il 4-4-2. E se Vargas ce la fa si tratta di un valore aggiunto molto importante ad una rosa che valuto già ottima.

    RispondiElimina
  7. Se si voleva fare un 4-3-3 come dici tu, l'ideale allora era tenere Ljajic e Cuadrado a partire larghi un po' da dietro [e così diceva la sua anche Joaquin], e Gomez centravanti.

    RispondiElimina
  8. C'era Rossi in rosa e non si poteva certo farlo fuori. A parte il fatto che è il nostro miglior attaccante al momento. Per cui io l'avrei provato falso centravanti. Ma la materia è stata ampiamente trattata. E non vale più la pena di tornarci su. Circostanze specifiche del campionato, o forse la stessa decisione di utilizzare Rossi come esterno sinistro, ci permetteranno di rivedere il 4-3-3. Ma come ho scritto non sarà il modulo dominante la stagione.

    RispondiElimina
  9. Giocare, giocare...la grande risorsa che perpetua il matrimonio é l'ipocrisia!!......COLONNELLO, allora dall'alto della tua esperienza, ti chiedo: perché le donne (generalmente) tengono la casa pulitissima, in ordine e invece hanno l'automobile che sembra il contenuto di uno sgombero-cantina? LUD, ma Vargas ora é un surrogato mentale di Liajic?

    RispondiElimina
  10. Montella non ha mai voluto, né vuole, giocare con il falso centravanti...

    RispondiElimina
  11. Non direi proprio.

    RispondiElimina
  12. Più che dirlo e mostrarlo coi fatti, che deve fare? Voleva Berbatov ed era incazzato [come tutti] come una biscia quando saltò; presero Toni last minute e alla sua età e nelle sue condizioni, giocò finché ce la fece; a gennaio fu acquistato persino Larrondo, per avere una parvenza di centravanti; per disperazione ci fu infine messo Jovetic, ma le intenzioni erano di farne una cosa simile a un centravanti, non a un falso nueve. Infatti Jojo era scontento e lo diceva, e ogni volta che si allontanava dall'area Montella lo riprendeva pesantemente. Finita la stagione Montella ha voluto fermamente Gomez. Se Montella non avesse voluto il centravantone, avrebbe varato un attacco con Ljajic, Rossi e Cuadrado, puntando tutto su questi, anche economicamente, dov'è il problema? La Fiorentina col falso nueve non si è mai vista né mai la vedremo, tranne qualche inauspicabile emergenza.

    RispondiElimina
  13. Per cambiare discorso, mi dicono che Matos si sta allenando benissimo, stupendo tutti.

    RispondiElimina
  14. Matos potrebbe essere la sorpresa dell'anno. Nelle amichevoli di Moena l'ho visto cresciuto molto rispetto a quando era nella primavera, ha un'ottima tecnica e mi è parso velocissimo, una scheggia.

    RispondiElimina
  15. Rossi non ha mai giocato e non giocherà mai sulla fascia, è una seconda punta che può fare anche la prima se c'è un manovra di molto movimento, ma non è un'ala e questo Montella lo sa benissimo e l'ha detto e ridetto. Men che meno lo è Gomez. Se vuoi fare il 4-3-3 ne gioca uno solo e sarebbe un bello spreco, a meno di motivi di forza maggiore. Comunque i numerini lasciano il tempo che trovano, la fascia di competenza di Gomez e Pepito non sarà mai, istituzionalmente, quella laterale, che poi ci possano correre a fare un cross è persino ovvio, non è mica proibito, ma mai vi saranno schierati in partenza.

    RispondiElimina
  16. e Rossi dove lo mettevi? Una volta acquisito il concetto, che condivido, che Montella voleva il centravantone, ed avendo scommesso su Rossi, per Ljajic le strade si restringevano a quella di alter ego di Pepito nel ruolo di seconda punta (anche Ljajic non è ala da 4-3-3). Questo il problema tecnico che credo avrebbe anche accettato, poi c'è stato quello economico.

    RispondiElimina
  17. Non è così, con Jovetic in quella posizione abbiamo fatto caterve di punti e Ljajic e Cuadrado hanno incominciato a segnare. Dunque si trattava di un modulo valido, ma una lunga programmazione, iniziata mesi e mesi prima, è sfociata prima nell'acquisto di Rossi poi in quella di Gomez e nel cambio di modulo che peraltro non è assolutamente condannabile, visto che, come ho avuto modo di scrivere tante volte, il nuovo modulo è molto valido.

    RispondiElimina
  18. Tra l'altro, visto che Rebic non è stato inserito nella lista per l'EL mentre Matos penso sia presente nella lista B, quella dei giocatori provenienti dalla Primavera, il nostro brasiliano ha la possibilità di giocare qualche partita europea, visto che come alternative di Rossi e Gomez altrimenti in EL c'è solo Iakovenko (adattato, per di più).

    RispondiElimina
  19. Oltretutto, Anto, se non sono informato male, nel nostro girone di EL ci sono anche squadre cuscinetto, quelle adatte per gettare nella mischia un giovane promettente come Matos.

    RispondiElimina
  20. Matos lo vedo volentieri, anche lui è esterno o prima punta, ma mi pare abbia chiarito che preferisce giocare da esterno. Mi auguro però che non sia l'ennesimo giovane che lascia Firenze prima dei 23 anni.

    RispondiElimina
  21. Intanto giunge notizia che il celebre convitto di Prato già frequentato da Gabriele D'annunzio non si chiamerà più Cicognini, ma C-Cognigni in omaggio allo stratega viola.

    RispondiElimina
  22. E venne il giorno del perfetto accordo tra me e Jordan. Vorrei aggiungere ancora che Rossi e Gomez anche senza bisogno del 4-3-3 sono una coppia super. E dunque non posso dirmi scontento di come è stata programmata la nuova Fiorentina, tutt'altro.

    RispondiElimina
  23. Nei primi tempi in cui lo si sentiva nominare scrivevo Cicognigni (per mera cazzoneria senza fini offensivi)

    RispondiElimina
  24. http://www.pasticceriacognigni.it/home.php

    RispondiElimina
  25. Quanto può valere a giugno un Rossi recuperato, che ha fatto 15/18 gol?

    RispondiElimina
  26. Ryder Matos è un attaccante esterno, seconda punta (non prima) che è cresciuto tantissimo nell'ultimo anno. Nel Bahia è stato uno dei migliori giovani del torneo di Natale che è la rassegna del calcio juniores brasiliano, cui partecipano tutti, tanto che è entrato in prima squadra, in serie A, giocando e segnando anche un paio di goal. Nella lista B può esser messo quando si vuole, la lista B, a differenza della A, non è chiusa, e deve solo essere presentata entro la mezzanotte del giorno precedente la partita in questione. Lui è un '93 ed ha giocato più di due anni ininterrottamente nelle leghe giovanili viola, quindi può esservi incluso in ogni momento.

    RispondiElimina
  27. La lista B è aperta, non ha limiti numerici, ed è riservata ai giocatori, di qualsiasi nazionalità, nati dopo il 1 gennaio 1992 e che abbiano giocato per almeno due anni ininterrottamente nelle giovanili della società. Matos ha tutti i requisiti per potervi essere incluso e basta farlo entro la mezzanotte del giorno precedente l'incontro.

    RispondiElimina
  28. Giusta la domanda di Deyna. Immagino che Rossi abbia un contratto lungo. Ma c'è clausola rescissoria?

    RispondiElimina
  29. c'è ed è 35 milioni

    RispondiElimina
  30. A meno di aste, ovviamente...Finiti i gioielli di Corvino, chissà se il prossimo mercato lo faremo con la sua cessione o con quella di Cuadrado.

    RispondiElimina
  31. Matos a me è piaciuto moltissimo fin da quando fece il salto dagli allievi alla primavera, ha una facilità nel saltare l'uomo mostruosa, bel piede, velocità al tiro e opportunismo. E' anche vero che da noi non ha mai avuto continuità, forse si sentiva anche poco motivato. Vidi la famosa partita brasiliana contro l'Internacional, oltre allo splendido gol sembrava già un giocatore fatto, si è anche molto irrobustito, baricentro basso e gambe forti, difficile da spostare. Sono curioso di vederlo all'opera...

    RispondiElimina
  32. Ok, grazie del chiarimento

    RispondiElimina
  33. mi sembri diventato un po' pontellizzatore anche te. Chi riceve da altri offerte che sono aldifuori delle nostre possibilità di spesa difficilmente può esser mantenuto a Firenze, perchè se incassi sessanta non puoi spender cento, nè in famiglia, nè in una qualsiasi società, incluso quelle calcistiche. L'unica via per poter spendere di più è incassare di più, il resto son discorsi e fanno poca farina. Ergo, se Cuadrado riceverà un'offerta dal Bayern che gli decuplica lo stipendio, sarà ceduto al Bayern, Udinese e Fiorentina si divideranno le entrate ed andranno alla ricerca di un Cuadrado di vent'anni che si contenti di 500000 l'anno. E' così e c'è poco da battere i piedi. Scappelliamoci se finora di con riusciti e speriamo che continuino a riuscirci

    RispondiElimina
  34. No, visto il modus operandi ormai assodato, mi chiedevo chi fossero i prossimi, tutto qui. Rossi condivido anche, avrà 27 anni a giugno e un ginocchio sempre ad alto rischio. Cuadrado nemmeno è più giovanissimo, ma se parte uno non credo parta anche l'altro, e magari ci riesce tenerlo un anno in più

    RispondiElimina
  35. A giugno avevo indicato tra le priorità della campagna acquisti i rinnovi di Montella, Cuadrado, Ljajic. Mi avete dato addosso, ma in un'ottica di risultati a lungo termine era chiaro che questi tre rinnovi erano molto importanti. Ne abbiamo ottenuto uno solo, quello pur decisivo di Montella. Non so se si sia almeno tentato di acquistare l'intero cartellino di Cuadrado mentre le notizie di fonte romana dicono che Ljajic per circa 1,8 sarebbe rimasto e avrebbe sottoscritto, come ha fatto con la Roma, una clausola rescissoria elevata.

    RispondiElimina
  36. Sono discorsi che potrebbero avere una loro valenza in caso si raggiungessero i risultati avuti negli ultimi due, tre anni. Con una qualificazione Champions e i conseguenti introiti , ad esempio, il fatturato aumenterebbe un bel po' e, di conseguenza, anche il budget a disposizione. Il nostro esempio non può essere un Bayern, ma un Borussia D. che vende e reinveste per dare continuità di risultati in primis e per mantenersi economicamente competitivi sul mercato poi. Il Borussia è partito con un carico ingente di debiti, noi partiamo da una società sana e già tecnicamente valida. Le parole di Pradè ( ma anche i fatti in verità) ci spiegano che già è stato programmato anche il prossimo mercato, cosa che le grandi squadre fanno in un'ottica di crescita.

    RispondiElimina
  37. Foco bisognava scegliere come spendere il budget derivante dalla cessione di Jovetic e da altre minori. Molto di quegli introiti sono stati investiti su Gomez, tra costo del cartellino e ingaggio. Una alternativa era appunto rinnovare con Ljajic e provare a prendere non la metà ma tutto Cuadrado. Per l'ennesima volta ripeto che è stata costruita una squadra rispettabilissima e molto forte, ma Ljajic non ne fa più parte e Cuadrado seguirà credo la stessa sorte. Tra i due credo che il più difficile da prendere era Cuadrado e non so se ci hanno provato.

    RispondiElimina
  38. Non capisco a che serve reiterare, abbiamo una gran squadra, il meglio tra i dirigenti, forse il più innovativo degli allenatori. Per adesso non ci sono riscontri che indicano qualche errore fatto, vogliamo continuare a cercarne qualcuno noi per forza?

    RispondiElimina
  39. Rispondo solo adesso a Sopra: perché l'automobile è un surrogato sessuale per l'uomo. Le donne quindi la sconciano.

    RispondiElimina
  40. Ci hai pensato a lungo Colonnello, ma t'è servito. Lapidario e perfetto.

    RispondiElimina
  41. L'esperienza conta, altro che. CHIARI, il COLONNELLO ha iniziato a riflettere molto........

    RispondiElimina
  42. Foco il Borussia ha venduto Goetze e probabilmente venderà Lewandowski, anche loro fanno il mercato con le supervalutazioni dei giovani che hanno preso al giusto. Io non parlo di risultati, se uno è molto bravo li ottiene anche così, e del resto, è l'unico modo per chi introita meno. Se entri in Champions ne hai di più da spendere, come il Borussia che, addirittura, quasi la vince, ma chi introita tre volte più di te senza colpo ferire qualche vantaggio ce l'ha e non gli puoi far la guerra sul suo campo, che è lo spendere. Perciò ti prenderanno chi vogliono, se lo vogliono, a te l'abilità di superfatturarlo e prendere uno uguale ai sottocosto. Così li puoi battere ed anche spernacchiare, ma non è mica facile.

    RispondiElimina
  43. Ammesso che Cuadrado ce lo avessero voluto dare, (forse sì se gli davi 15-20 milioni per la metà, per meno ne dubito,) avremmo speso gli stessi ed avremmo, oggi, una squadra meno forte. Perchè Cuadrado c'è lo stesso e tra avere Ljajic e Gomez, io preferisco avere Gomez, ed anche Montella, credo.

    RispondiElimina
  44. Rossi non lo vedo a rischio partenza, per quel che dici e per l'alto valore della clausola rescissoria, a meno che non si voglia vendere noi per meno, ma, se andrà bene, non lo credo. Cuadrado invece è per me a forte rischio se continua a giocare così, ma non ci vedo molto da fare.

    RispondiElimina