.

.

lunedì 2 settembre 2013

L'unica cosa che so fare bene è la cacca

Ci è sembrata una grande Fiorentina quella di Marassi, e ci perdonerà Mondonico se a noi Gomez non è parso un grande problema, forse lo è stato più per Liverani, il quale a sua volta è un grande problema per il Genoa. Come più di qualche problema lo dovrebbero avere tutti coloro che preferivano Preziosi ai Della Valle. Perché io ho visto una squadra da stropicciarsi gli occhi, considerato oltretutto che è la quarta gara in dieci giorni, e alla fine spero proprio che possa risultare utile anche per i nostalgici di Ljajic, che possano digerire senza ruttare il suo gol all’esordio con la maglia giallorosa, insomma, a tutti coloro che sono così aggrappati ai ricordi vorrei chiedere dove lo avrebbero posizionato ieri sera nella formazione titolare. Dove, in una fiorentina così diversa ma addirittura più bella, in grado di verticalizzare eliminando gli scarti di lavorazione della parte di possesso palla più sterile, mantenendone solo la ventresca. La coppia di bomber è una delle più forti d’ Europa senza ombra di dubbi, Montella ci ha visto giusto e ha dato indicazioni illuminanti per mettere su una delle più forti squadre che si siano viste sotto Fiesole negli ultimi 30 anni, e per questo alla fine si è incazzato anche l’arbitro che è stato costretto ad espellerlo per variare sul tema dei soliti rigori al Milan, mentre per i cartellini gialli quest'anno si è scelto Neto al posto di Pizarro, Pepito Rossi invece è stato lì a zompettare in terra di parsimoniosi proprio per ricordare che averlo comprato a 10 milioni risulterà l’acquisto del secolo. Mentre si sentono la sostanza di Ambrosini, gli inserimenti sordi di Aquilani, il ritorno all’eccellenza di un Pizarro in versione meno arzigogolata, e considerati marziani quelli là davanti c’è da storcere la bocca solo per la prestazione di Compper, mentre Neto dimostra in maniera tombale di valere la maglia della Fiorentina, e anche qua ci aveva visto giusto Montella oltre naturalmente a Jordan. Non so se influenzato dalla grande vittoria, ma non ho mangiato il lampredotto e neppure trombato, magari sarà stato solo l'entusiasmo farlocco uscito fuori da una buona bottiglia di bianco, ma a me è sembrato che il livello del campionato sia cresciuto, non solo e non tanto per i 43 gol segnati ieri, ho l’impressione che per la prima volta dopo molti anni abbiamo cominciato a risalire la china, e questo grazie anche alla qualità della Fiorentina. Tre vittorie e una sconfitta dovuta a un infortunio sono lì a dimostrare che possiamo giocare con profitto anche ogni tre giorni grazie ad una rosa di prim’ordine. Aver rivoluzionato così l’attacco ha portato scompensi nelle difese avversarie ma anche in parte della nostra tifoseria, quella che considera Ljajic imprescindibile e la figura del centravanti roba da modernariato, aver regalato a Firenze un nuovo bomber così ha messo in evidenza un limite evidente, lo stesso che ho potuto riscontrare quando per voler scuotere il Bambi nella fase più critica di uno dei suoi tanti tentativi di disintossicazione, il giorno del suo compleanno gli dissi che mi sarebbe piaciuto regalargli un libro e lui mi rispose, ringraziandomi, che ce ne aveva già uno. Ho trovato molto divertenti anche le critiche avanzate dopo la sconfitta col Grasshopper, perplessità anche ben esposte, così bene da fare invidia al banco del Perini dentro al Mercato Centrale, mi è sembrata roba da chiodi in un momento di rodaggio della stagione, e soprattutto in mezzo a così tanti impegni, andare a mettere in discussione l’operato della società, poi invece ho pensato che avevano ragione loro, perché da piccolo ho avuto problemi coll’Ego, io ci giocavo tutto il giorno col Lego, ma non sono mai riuscito a incastrare quei maledetti mattoncini, come invece Montella ha saputo fare benissimo con Ambrosini in questo centrocampo, o come coloro che sono riusciti a incastrare così bene la teoria della pontellizzazione tra la fine di un ciclo e una delle più belle squadre che ricordi. Del resto l’unica cosa che so fare bene è la cacca. Faccio enormi quantità di cacca, in ogni momento della giornata, anche cinque-sei volte minimo, insomma, mi ritrovo sempre con me stesso in bagno. E’ una bella soddisfazione, ti metti lì e ti lasci andare, è vero, faccio molte cagate, è un dono di natura, ma contrariamente a molta gente ho il buon gusto di non pubblicarle sui giornali. E se qualcuno pensa a Calamai o all’ipotesi Tutunci commette un plagio dei miei pensieri, e non importa se io sono Al Bano e loro Michael Jackson. E’ vero che oggi è pur sempre lunedì, ma andiamo comunque a lavorare contenti, come se avessimo sfruttato il difetto di pronuncia tipico delle bionde, quel non saper dire no che ci piace così tanto, ma siamo anche consci che non siamo perfetti, come invece lo potrebbero essere certe altre donne non del tutto bionde, e che per una volta, incontrandomi, si comportassero male.

175 commenti:

  1. Giornata particolare Pollock, in cui contemporaneamente si è vista una bella partita di Gomez e Ljajic ha segnato un goal favoloso giocando accanto a Totti e Pjanjic. Persino il vituperato Gabbiadini segna e va in nazionale. Ma l'uomo del giorno e del match è Montella, che risponde alle difficoltà tattiche del momento e all'assenza di Cuadrado cambiando modulo e rinunciando al suo marchio di fabbrica: il centrocampo a tre. La mossa è vincente perchè azzera di colpo i problemi di raccordo tra centrocampo e attacco, si rivedono fluidità di manovra e inserimenti, le punte sono meglio servite per linee centrali e con i cross. Si è parlato anche in tv di modulo prandelliano. in effetti i quattro tenori non hanno ruoli così fissi e tendono a ruotare. E poi c'è un Rossi stellare, che per fortuna ha mantenuto le sue doti essenziali di accelerazione, scatto, tecnica individuale. Il Genoa risulta frantumato, ma ricordo che l'anno scorso altre squadre subirono con noi la stessa sorte, salvo poi fare campionati più che dignitosi, penso al Bologna. Temo invece per Liverani, il cui sguardo è troppo buono per il mestiere che si è scelto. Infine è giusto ricordare il bellissimo secondo goal al volo di Gilardino, venuto nel contesto di una prova eccellente.

    RispondiElimina
  2. In che senso secondo gol di Gila? Ne ha fatto uno e quello a cui tu alLudI è il primo. Ma spiega meglio a scanso di equivoci la fiorentina di ieri con modulo "prandelliano" che mi sa di provocazione... :) (me lo immagino ieri Montella durante la partita urlare: "posizione, ordine, lancione su Mario, Mario ricorda i movimenti alla Lucatoni")

    RispondiElimina
  3. È stato chiesto a Montella alla Domenica sportiva se per caso quel modulo non ricorda quello della nazionale, il che mi pare evidente. Nominare Prandelli non mi sembra provocazione. Gilardino: ricordavo male, certo, ma ha avuto oltre il goal altre grandi occasioni.

    RispondiElimina
  4. Per fortuna Prandelli non ha convocato Rossi per le due partite della Nazionale, così potrà allenarsi con calma per due settimane e migliorare ulteriormente la sua condizione.

    RispondiElimina
  5. Di un modulo che ricordava quello di Prandelli ne ha parlato Antinelli proprio intervistando Montella nel dopo partita.

    RispondiElimina
  6. Stavolta ammetto di aver avuto anch'io in mente Brandelli tutto il tempo: vedendo le facce di Santana, Gamberini, Liverani, Gilardino... e pensavo che manca loro solo Donadel.
    Il chitarrista l'altro ieri: "La mia Fiorentina era più forte"... ahahahah e certo, tu eri l'elemento "importante"!

    RispondiElimina
  7. Vitalogy ha asperso la tomba mentr'essa calava nella fossa (ahahahahahahah!). Sosta utile per farci riempire i polpacci anche nei secondi tempi. Al rientro, il Cagliari, una scorpacciata per i Terribili Due. Frattanto la stampa parla delle strisciate e basta e Collovati di vittoria a sorpresa della fForentina a Genova: continuino così. Navarro dice che la Roma ha più fantasia, però è un giornalista competente e un tifoso viola, esattamente come Bruto, per Shakespeare, era un uomo d'onore. Un non vedente le partite per principio sostiene su cloaca che ieri sera eravamo in 4-4-2. Calamai rilancia l'ipotesi Julio Cesar pur oggi. Insomma, segnare cinque gol al Presidente dei Sogni (cfr. reparto incurabili) scatena il fronte degli irriducibili. Ma provate a fermare Gomez, schiumosi! Ieri sera, nella ripresa, un tacco di volo a centrocampo che il Bati, che era il Bati, riuscirà alla enne reincarnazione: il fantasma che mi salva, di tutta la partita, vivessi mill'anni.

    RispondiElimina
  8. Vitalogy come diceva Montale, questo mi pare "facile gioco". E poco onesto. Con quei giocatori abbiamo fatto molto bene. Tralasciando Santana, di cui conosciamo i limiti e lo stesso Gamberini, Gilardino e Liverani a Firenze hanno lasciato un segno preciso.

    RispondiElimina
  9. Interessante capire lo schieramento tattico di ieri, che dimostra come ormai cercare di imbrigliare gli schemi in numerini apppartiene al (recente) passato. Mi è sembrato che nella fase difensiva ci schierassimo con i tre centrali (Tomovic, Gonzalo e Compper) e che in fase di possesso palla Tomovic si allargasse sulla destra, anche se il serbo spingeva molto di meno di quanto facesse Pasqual sulla sinistra. E proprio dalla sinistra abbiamo creato i pericoli maggiori, sull'asse Pasqual - Valero, che svaria su tutto il campo ma tende sempre ad attaccare da quella parte; a destra, invece, assente Cuadrado, Tomovic ha fatto poche sortite e Aquilani tendeva ad accentrarsi.
    Interessanti le parole di Montella, il quale ha rivelato che senza Cuadrado non poteva schierare il 3-5-2 perché Joaquin è più offensivo del colombiano (leggi: non difende) e la squadra non è ancora in una forma tale da sopportare un giocatore così offensivo da quella parte, d'altronde non voleva schierare un 4-3-3 per non schierare Rossi troppo esterno. Alla fine ha avuto ragione lui.

    RispondiElimina
  10. A me Santana è sempre piaciuto molto come giocatore: gran tecnica, dribbling, controllo di palla, buon tiro ma anche capacità di sacrifico e ottima predisposizione tattica. ieri ha combinato poco ma non penso fosse colpa sua, lui dà (dava?, l'età passa per tutti) il meglio sulla fascia.
    Gilardino è ancora un campione, c'è poco da dire.
    Gamberini non ha giocato, ieri, se non sbaglio.

    RispondiElimina
  11. Limiti importanti, Lud (ahahahahahah!). Sei entrato in clima Nazionale, ti risenti per un nulla a toccare il Gubba.

    RispondiElimina
  12. Vota Chiari vota Chiari vota Chiari!

    RispondiElimina
  13. Quasi gol, come diceva Carosio.

    RispondiElimina
  14. A Santana mancava poco per essere un grande giocatore perchè come tecnica e sacrificio non era secondo a nessuno. Ad esempio non ha mai posseduto freddezza in zona goal.

    RispondiElimina
  15. Montella ha ribadito che Gomez era nei suoi sogni assieme a Rossi e chiarito che Rossi può fare l'esterno nel 4-3-3, ma che a suo parere non è il modo migliore di impiegarlo. A parte l'alternativa Cuadrado/Joaquin a me pare che il 4-4-2 sia un modulo che ci consente, anche, di sviluppare meglio il gioco in attacco e favorisce gli inserimenti. Anto, sugli schemi io credo che si faccia confusione: è chiaro che c'è una posizione scettica secondo la quale gli schemi non contato nulla. Ma come ogni scetticismo anche questo presta fianco a critiche in quanto la conoscenza si annida appunto negli intersizi dell'inconoscibile e possedere degli schemi euristici che ingabbino la realtà è indispensabile. Anche se poi sappiamo che tali schemi euristici sono meramente strumentali. Lo so anch'io ad esempio che qualsiasi classificazione medica o botanica non rende la complessità e che la realt potrebbe non esistere come sostenevano certi filosofi. Ma insomma, alla fine, siamo obbligati a riconoscere l'esistenza del reale e a leggere attraverso le nostri pulsioni tassonomiche. Spero di essere stato chiaro.

    RispondiElimina
  16. Gomez è uno dei più forti centravanti in circolazione oggi, ma lasciamo stare il Bati.

    RispondiElimina
  17. Tutti i vostri commenti da ieri sera a stamane sono godibili, belli, pregni di sapienza calcistica. POLLOCK, anche Liajic legge, e molto. L'ultimo libro è stato il manuale d'istruzione del suo cellulare, mentre ieri sera, in bagno, ha sfogliato il suo libretto degli assegni. Stamane bloccate tutte le strade d'accesso al nord-est, c'era un tir, un trasporto eccezionale di fondotinta per la Ferrari (si vocifera che con quel che consuma "la donna che riflette piu dei riflettori che la riflettono" l'Italia colmerebbe l'8% del Pil). COLONNELLO, un po' duro con Gonzalo, che comunque di piede non ha sfigurato ma il Commentone rimane un must. FOCO, m'hai fatto ridere anche il somalo, che ieri sera era contento perché vedeva un quasi conterraneo (cfr.Liverani e le origini della madre, credo Eritrea). Neto rida fiato, ragione e voce a JORDANONE e DEYNONE, mentre ANTO spicca per il suo scritto di "pancia" notevole. LUD acchetato dopo le magie di Montella, ORCIO come un bimbo davanti alla Nutella. Quella vera! VITA? Ineludibile, essenziale. Passiamo alle brutte notizie: riprendo a lavorare.

    RispondiElimina
  18. Quanto al modulo - volevo lanciare lo scherzo, ieri, accennando al 3-5-2, ma sono stato smascherato nel giro di pochi secondi dal sempre vigile Patriarca, uff - è giusta la notazione secondo cui in fase difensiva stavamo a tre dietro, prevalentemente, e quando salivamo a quattro. Ora non invochiamo il 4-4-2 come panacea di tutti i mali dopo una vittoria col Genoa, squadra di scalzacani, probabilmente. Un 4-4-2 che non è prandelliano, essendo stato per una trentina d'anni almeno il modulo più comune in circolazione, nelle sue varie declinazioni, dal Trap a Sacchi in italia. Diversissimo, nello stesso Giubba, il 4-4-2 con due centrocampisti e due esterni come Vargas e Marchionni, dal 4-4-2 con quattro centrocampisti, le poche volte che l'ha messo in campo. Eh già, perché il Giaccherini della Confederations, essenzialmente un esterno, non gioca certo nella maniera e nella posizione tenuta da Aquilani...Poi per favore Lud, non parliamo di Quattro Tenori, è come mettere insieme a Domingo, Carreras e Pavarotti un Ninetto Davoli canterino sulla sua bici con rimorchio, mentre porta il latte sobbalzando sulle buche di vivoli accidentati.

    RispondiElimina
  19. Lud, il mio "facile gioco", che poi tanto facile non era poichè esercitato in postura non propriamente convenzionale (leggasi: coglioni a terra) alla scrittura, rispondeva alla scontata marchetta (vigilia della decade dedicata alla nazionale, se ne occupa la Rai...) della fu Eiar, affidata guarda caso all'inviato al seguito dell'ex squadra di Prandelli.
    Possesso palla che parte dalle retrovie, fase offensiva con cinque uomini che si inseriscono nell'area avversaria, occasioni da gol sui calci piazzati, 5 pere rifilate in una gara esterna, che c'incastra tutto ciò col maniaco dell'ordine?

    RispondiElimina
  20. Messaggio di servizio

    C'è un utente che sta cercando di inviare un post, mi scrive in privato che il sistema gli chiede se ha già un account ma non vede dove deve rispondere.


    Potete aiutarlo, tanto vi legge, non sono in grado adesso di andare a verificare.


    Grazie

    RispondiElimina
  21. Digli che nei due campi richiesti provi a mettere mail e password

    RispondiElimina
  22. Debbo dare ragione a Deyna sul fatto che l'unico motivo che ha allontanato Ljajic è stato economico. Credo che se accontentato economicamente sarebbe rimasto anche se con questi Gomez e Rossi non avrebbe avuto oggettivamente molto spazio. D'altronde anche Deyna deve darci ragione sul fatto che Rossi è un campione assoluto. Per carità non bisogna dire vale Ibra, vale Tevez perchè fra l'altro porta male, ma godiamocelo perchè è un bel vedere. Di Gomez mi piace il modo di muoversi ed il senso della posizione. Bati era altra cosa. Il 4-4-2 Deyna è modulo universale, ma forse il rombo è una variante che accomuna Prandelli e il Montella di ieri sera. Quattro tenori hai ragione è eccessivo perchè Ambrosini è un gradino sotto, ma ieri mi è sembrato molto bene inserito negli schemi del nostro centrocampo.

    RispondiElimina
  23. Per inciso mi ero dimenticato anch'io come si fa e commentavo da esterno, dovendo riempire sempre le due caselle, grazie a questa domanda mi è tornato alla mente come si fa. Certo che è palloso sto disqus, ogni tot cambia...

    RispondiElimina
  24. PUò riempire i campi nomi, email, e barrare la casella "preferisco postare come ospite". Proprio come faccio io. Ed evita l'account, almeno temporaneamente.

    RispondiElimina
  25. Rossi è molto forte, sul campione assoluto ci andrei molto, molto piano, dopo due gol in due partite con Catania e Genoa...Aspettiamo intanto di tornare a rivederlo saltare l'uomo.

    RispondiElimina
  26. Di spazio Ljajic ne avrebbe avuto a sazietà, se pensi che Rossi possa giocare 50 e più partite sei fuori strada. E non lo avrebbe avuto da riserva, ma da co-titolare, Montella è così intelligente da proporre altri moduli quando la situazione lo richiede, come hai visto ieri. Ci saranno anche partite - molte - in cui sarà difficile penetrare difese chiuse che non siano quella genoana, e Ljajic era l'uomo adatto.

    RispondiElimina
  27. Tre gol col cazzo, qui vi volevo. L'anno scorso ho condotto una battaglia di mesi per assegnare il gol di Udine a Rodriguez, ma nessuno mi è venuto dietro, nemmeno i giornalisti del sitone. Il tiro di Rossi non sarebbe entrato in porta, ce l'ha buttato Perin, quindi due gol. E' una questione di parità di trattamento, non ci sono viola meno viola di altri.

    RispondiElimina
  28. Attenzione, Lud, non ho detto che gli schemi non contano nulla, ho detto che è ormai anacronistico imbrigliarli in numeretti ( e comunque a me non è mai piaciuto).

    RispondiElimina
  29. Per me invece è gol proprio perché sarebbe entrato comunque.

    RispondiElimina
  30. Il tiro di Rossi invece a me sembra che sarebbe entrato in porta, che poi il portiere abbia deviato all'indentro invece che di fuori con intervento alquanto goffo è altro discorso.

    RispondiElimina
  31. Guarda dove sono le mani di Perin al momento dell'impatto con la palla...Il pallone non è nello specchio della porta.

    RispondiElimina
  32. Una precisazione per Lud, la metto anche qui:

    "Attenzione, Lud, non ho detto che gli schemi non contano nulla, ho detto che è ormai anacronistico imbrigliarli in numeretti ( e comunque a me non è mai piaciuto)."

    RispondiElimina
  33. Non direi: ci arrivava di rado, in zona gol: comprensibile se ti mettono a pulire le scale e i cessi quando sei un giocatore di fantasia.

    RispondiElimina
  34. La partita di ieri aiuta a considerare Jovetic e Ljajic definitivamente parte del passato viola ed a vivere serenamente e con ottimismo questo fatto. Erano forse i migliori due che avevamo eppure quest’anno la Fiorentina, senza di
    loro, sembra, nel suo complesso, ancora più forte. Sono storia ormai, Jovetic e Ljajic, e questa Fiorentina ci sta aiutando a farcene una ragione persino con entusiasmo. Una Fiorentina più essenziale e concreta in attacco. La rosa viola nel suo complesso è nettamente più forte dell’anno scorso, avendo, rispetto all’anno scorso, un’attacco più incisivo e che promette, come reparto, un notevole numero di gol in più, e ottime riserve a centrocampo che l’anno scorso mancavano e che promettono, al contrario dell’anno scorso, di non farci soffrire e di non snaturare il gioco della viola quando uno dei tre tenori ( Pizarro, Valero, Aquilani) non c’è. Geniale poi, ieri sera, l’idea di Montella di infoltire un centrocampo che, in un momento della stagione come questo ed in una partita come quella di ieri, con una attacco che, essendo meno portato rispetto a quello dell’anno scorso al possesso palla, rispetto all’anno scorso ha più lavoro da fare a supporto dell’attacco stesso. Una rosa quindi più ricca e completa che offre al tecnico la possibilità di ricorrere a più moduli mantenendo la stessa filosofia di gioco. Ciliegina sul dolce, rispetto all’anno scorso, sembra che anche il problema portiere sia avviato a soluzione.
    Insomma si sta prefigurando una Fiorentina fortissima che mantiene tutta la sua maestria, la sua attitudine a fare gioco, a manovrare, ed aumenta la sua concreta capacità realizzativa in attacco. Si è messa, la Fiorentina, in condizioni di raccogliere sempre il frutto del suo gran lavoro.

    RispondiElimina
  35. A me sembra che il pallone sarebbe entrato a fil di palo (dopo un tiro al volo stupendo), poi Perin (che comunque è forte, a prescindere dalla papera) ci ha messo del suo.

    RispondiElimina
  36. L'Eiar... ahahahahahahahahahah! O Pollock, Vitalogy riparte in campagna per spodestarti... ahahahahahahah!

    RispondiElimina
  37. A proposito di turnover, bentornato Chiari.

    RispondiElimina
  38. E' dura per lui, praticamente ne sostituisce due: Leo e Stefano Vienna. Snappo invece è insostituibile

    RispondiElimina
  39. Visto che c'è turnover, farebbe bene anche a me un po' di riposo.

    RispondiElimina
  40. Grandissimo Chairi, grandissimo rientro! E adesso parliamo di quel debituccio di 12.345 € che mi hai lasciato in sospeso e sul quale non intendo, da galantuomo, chiederti interesse alcuno.

    RispondiElimina
  41. Tira fuori acciughe e Pigato per festeggiare.

    RispondiElimina
  42. Sempre a proposito di schemi e numerini, io devo confessarvi una mia fissazione: io sono convinto (e nessuno me lo toglierà mai dalla testa) che tutte le squadre, qualunque sia il modulo di gioco e lo schema, entrino in campo con quattro difensori, quattro centrocampisti e due attaccanti.

    RispondiElimina
  43. Sul post del doppiamente giulivo (immagino, anche per il tonfo del Genoa), devo dire che è una sintesi da alto giornalismo. Circa quello cui accennavo nel post precedente puoi pagare anche con bonifico, Chiari, ti passo il mio IBAN.

    RispondiElimina
  44. E' vero. Snappo poi ultimamente girava come se fosse Denzel Washington, una sorta di profeta Elia che però girava con il Codice Penale sotto braccio.

    RispondiElimina
  45. Deyna, i tuoi remoti intenti limitativi della stellarità di Pepito giungono fino alla negazione di un'evidenza geometrica.

    RispondiElimina
  46. La maggior parte delle volte è vero, con alcuni elementi al limite...

    RispondiElimina
  47. In effetti Deyna su Pepito si Gattizza (cioè sembra il Gat su Ujfalusi, Vargas o Gonzalo).

    RispondiElimina
  48. Ne' cambi tu ci hai perso e parecchio è inutile che tu faccia lo spiritoso, e parecchio per colpa tua.

    RispondiElimina
  49. Interessante e non spregevole teoria: dipende da come li schieri in campo e lì i numerini fanno dialettica, in qualche modo.

    RispondiElimina
  50. Arpagone, non c'è paragone! Bentornato al Chiari, propongo un turn over per fascia oraria col Patriarca, che il primo pomeriggio ci ha detto fa il riposino, ahah.

    RispondiElimina
  51. I' vo gridando: pace pace pace! Goditi, Jordan, lo splendido post del Chiari e dimmi se hai qualcosa da eccepire. Grandissimo riacquisto, quindi: mi spiace per Stefano, che su Lud ha perso il capo in qualche giorno e non capisco ancora perché. Comunque Pollock non riesce a farlo bene lo spiritoso, quelli d'Oltrarno si credono ganzini ma ne buscano sempre, checché ne dica Pratolini. E vediamo se questa me la censura!

    RispondiElimina
  52. Si può anche assegnare a Maicon il gol di ieri - come quelli a Sneijder al Mondiale 2010 - nondimeno trattasi di autorete.

    RispondiElimina
  53. Chiari, i miei soldi: scusa se te lo ricordo di nuovo.

    RispondiElimina
  54. Ahahahahahahahahahah, Anto! Gattesco come non è stato Perin, allora! Ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  55. Buon rientro grande Chiari o Gianbattista che dir si voglia..... :)

    RispondiElimina
  56. Dos Santos. E Vargas al Livorno. Queste le ultime. Dicci ancora qualcosa, Chairi, taci da così tanto che abbiamo bisogno di udire la tua favella (che non è l'appendice lillipuziana di Monto, scanso agli equivoci).

    RispondiElimina
  57. Porta male? Ma se non sei superstizioso!

    RispondiElimina
  58. Per udirla allora dovrebbe far rumore, meglio non chiederci come.

    RispondiElimina
  59. http://www.youtube.com/watch?v=CWe01ylNmVs



    Guardatevi l'inquadratura da dietro sul tiro di Rossi, col fermo immagine se volete, senza Perin non sarebbe mai entrato in porta.

    RispondiElimina
  60. Jordan che vuoi che faccia, mi devo ammazzare? Ho anch'io una famiglia, e qua faccio quello che posso, con tutti i limiti che mi contraddistinguono.

    RispondiElimina
  61. Cuadrado, con risentimento muscolare al polpaccio, lasciato partire tranquillamente per la nazionale colombiana. Speriamo bene. Mi sembra che non facciamo sentire molto le nostre ragioni con le varie nazionali...Non dico di fare come le strisciate che si fanno rimandare i giocatori a casa con infortuni fittizi, ma almeno tutelare i nostri acciaccati sì, eh...

    RispondiElimina
  62. Confermo gol a fil di palo oppure palo-gol. Chiari buho, tu che ne pensi?

    RispondiElimina
  63. Sei tu che neghi un'evidenza geometrica...

    RispondiElimina
  64. Io aspetto ancora le due acciughe di benvenuto...

    RispondiElimina
  65. Deyna non cercare di abbassare la media gol di Pepito, lascialo fare a Zazzeroni o a Collovati.

    RispondiElimina
  66. La disintossicazione di Vargas? Dalla padella alla brace col passaggio a Livorno, il rum nel caffè è l'unico espediente che ancora gli era ignoto

    RispondiElimina
  67. Ahahahahahahahahah! Smagliante forma di Vita!

    RispondiElimina
  68. Ringrazio tutti, ma in qualche modo non me ne ero mai andato, vi ho sempre letto. Quindi non devo niente a nessuno, tanto meno all'avido Colonnello.

    RispondiElimina
  69. Quando l'abbassano a Rodriguez si fa finta di nulla, non mi piacciono i due pesi e le due misure perché c'è da pompare il prodotto semi-nazionale.

    RispondiElimina
  70. I giocatori sono viola, ma alcuni più viola di altri.

    RispondiElimina
  71. Non è vero, già si faceva il cosiddetto poncho peruviano al mandarino, allungando il rum con qualche goccia di caffè.

    RispondiElimina
  72. Guarda, Chiari, che per la lettura da esterni del sitollock si paga abbonamento. A te è possibile fare uno sconto, come socio fondatore: vediamo vediamo... mancavi da maggio, sono quattro mesi, si può fare un forfait di quattrocento euro, ma trattato bene bene eh?

    RispondiElimina
  73. La palla non arriva diritta, ma in diagonale ed è diretta verso il centro della porta, quindi per me entrava comunque, magari "baciando" il palo

    RispondiElimina
  74. Deyna, ma lo sai che è straaaaaaaano che il Dubbio non ti risponda su Vidal?

    RispondiElimina
  75. Diretta verso il centro della porta? Ma basta guardare le mani di Perin e il pallone al momento dell'impatto, e dov'è il palo, non ci sono illusioni ottiche a Marassi eh...

    RispondiElimina
  76. Diamoli anche a Dertycia a posteriori. Ma diamoli, non togliamoli

    RispondiElimina
  77. Molto strano, quasi inspiegabile!

    RispondiElimina
  78. Confermo a fil di palo

    RispondiElimina
  79. Deyna ridacci il gol di Pepito e falla finita, neanche tu fossi il Chiari.

    RispondiElimina
  80. Bene, viva il Chiari, l'avevo invocato e puntualmente ritorna al culmine di un momento di ritrovata serenità.

    RispondiElimina
  81. Vargas al Livorno? Mi puzza di mezzo stipendio pagato da noi (meglio che intero, per carità...).

    RispondiElimina
  82. Mi rispiego: diretta verso il centro della porta vuol dire che la palla arriva in diagonale direzione (dalla visuale di Perin) da sinistra verso destra. Il punto dove c'è l'impatto è questo che allego. Quindi senza Perin la palla sarebbe entrata.

    RispondiElimina
  83. Ma se il pallone va oltre il palo! Io confermo il fenomeno di allucinazione collettiva, al primo gol veramente bello che fa Rossi, lo vedrete piangere sangue come la Madonna di Civitavecchia.

    RispondiElimina
  84. Grandissimo il commento di questo utente del sitone:

    02/09/2013 10:10:26
    Bigica,
    Il lunghissimo digiuno di mario gomez si è interrotto alla seconda giornata

    RispondiElimina
  85. Sul tiro di Rossi Perin si fa trovare impreparato ma Rossi lo sorprende con uno dei suoi cambi di passo, accelerazioni e tiri che mettono costantemente in crisi le difese e che ne fanno automobilisticamente un Kers. Gomez invece ha movimenti da pivot. Non so se da giovane abbia fatto basket, ma fa un movimento continuo quasi cestistico per smarcarsi che è una delle sue qualità migliori.

    RispondiElimina
  86. Mi avete boicottato Gonzalo, ormai non ve lo ridò, ve lo dovrete venire a prendere, l'autogol di Perin! Las Malvinas son Argentinas!

    RispondiElimina
  87. E' un commento che condivido e che credo condivida anche il Pantocrator del sitollock.

    RispondiElimina
  88. Deyna, io ti stimo e poi mi hai reclutato te ( a proposito mi avevi promesso una puttana a settimana e quando mi ha suonato alla porta una giovane testimone di Geova c'è stato un increscioso malinteso. Aspetto ancora fiducioso ma stranito), però su Rossi rimani parsimonioso di entusiasmi mi sembra. Io credo che in queste partite abbia fatto quello che ha fatto il tanto esaltato Tevez e che in assoluto come valore non gli sia affatto lontano. A parte che, come Gomez, riesce a trovarsi sempre dove serve, la cosa più importante è che in ogni sua scelta c'è una potenziale letalità che ci sognavamo. La tecnica non ha niente da invidiare a quella di Ljajic e l movimenti sono da attaccante perfetto. Se acquisisce la brillantezza fisica che ora un po' gli manca, Pepito non vedo chi abbia davanti tra i migliori di questo campionato.
    Lud, il cambiamento di modulo è momentaneo, in attesa di trovare brillantezza, soprattutto a centrocampo. Poi tutto tornerà alla normalità tattica. Questo "stravolgimento" lo permette la grande qualità della rosa e un po' il fatto che si sapeva che il Genoa non gioca sulle fasce.
    Do il mio bentornato a Chiari e mi auguro che si riapra la stagione dei grandi ritorni.

    RispondiElimina
  89. Lo condivido anch'io, bentornato Chiari!

    RispondiElimina
  90. Non solo, Lud, la qualità delle sue sponde, le sue intuizioni di smarcamento dei compagni anche a distanza di doppia triangolazione sono merce rara per un centravanti di quella stazza. Ieri, per me, dopo Neto il migliore: poi Pepito e Borja, poi Mati e Aquilani.

    RispondiElimina
  91. Cosa ne pensate di questo Jonathan dos Santos (fratello di Giovani)? Ha già (si fa per dire) 23 anni ma ha sempre giocato nel Barcellona B, con pochissime apparizioni in prima squadra.

    RispondiElimina
  92. check check http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=CWe01ylNmVs#t=44

    RispondiElimina
  93. Uff, non mi è riuscito l'esperimento del fermo immagine, comunque mi pare abbia pienamente ragione Deyna, si vede bene mettendo "pausa" al minuto 00.43, poi doppio clic (riavvia/pausa) più volte tra 00.43 e 00.44: le mani di Perin al momento dell'impatto col pallone (che andava a uscire, non a rientrare) sono una 20-30 centimentri fuori dal palo

    RispondiElimina
  94. Errata coccige, dopo una visione migliore rettifico il mio errore, tolgo la ragione a Deyna e la do a Orcio: traiettoria del tiro convergente verso il centro della porta e impatto con le mani entro lo specchio.

    RispondiElimina
  95. Orcio, la ripresa da dietro inganna nel senso della direzione del pallone, a causa del movimento della videocamera, che fa sembrare il tiro da sinistra a destra [verso il centro dei pali, come dici], perché segue il portiere e fa il movimento opposto. Riguardo alla direzione del tiro, guarda le riprese precedenti, si vede benissimo che è leggermente ad uscire, non il contrario.

    RispondiElimina
  96. Sotto ho risposto a Deyna, ti ripropongo il fermo immagine che catturo io, utilizzando le stesse immagini che proponi tu. Per me entrava tutta la vita, caro Vita...

    RispondiElimina
  97. Ho fatto anch'io il fermo immagine, a me sembra che il pallone stesse per insaccarsi a circa 5-10 centimetri all'interno del palo; Perin lo respinge con l'avambraccio o con i gomiti, non con le mani, se guardi bene: è per questo che la palla fa quello strano rimbalzo all'interno, se l'avesse toccato con le mani l'avrebbe respinto verso l'estreno della porta.

    RispondiElimina
  98. Considera bruciata la tua collezione di vinili.

    RispondiElimina
  99. Mi ero già corretto da solo Orcio, è come dici te

    RispondiElimina
  100. Altro fermo immagine di lato dove si evidenzia l'impatto di Perin e Pallone: la posizione del portiere e delle braccia non mi sembrano così oltre il palo. Il tiro ha in effetti una traiettoria strana, ma parte esternamente alla porta, anche se si fatica a vedere il "giro della palla"

    RispondiElimina
  101. ahahah ma ne ho pochi, semmai se prendevi di mira i CD eran cazzi!

    RispondiElimina
  102. Foco, la Testimone era un mio omaggio, ti pensavo amante del fetish e dei giochi di ruolo ma hai mandato a monte tutto! Rossi: non mi pare di sottovalutarlo, lo ritengo la migliore seconda punta del campionato italiano dopo Tevez [se questi si mantiene sugli attuali livelli di motivazione] e Di Natale [ma potrebbe esserci il declino improvviso]. Considero Totti e Ljajic trequartisti che si adatteranno a giocare a turno più di punta, quindi non li metto nel gioco. Palacio è sicuramente inferiore a Rossi, ma a livello di rendimento potrebbe risultare più o meno alla pari.

    RispondiElimina
  103. Non faccio distinzioni, rimarranno solo della plastica e del metallo fusi in un'irriconoscibile agglomerato nerastro, ahahah

    RispondiElimina
  104. A quel che ricordo è molto bravo tecnicamente e sveglio di mente nel vedere il gioco, ma mi sembrava completamente nullo in fase di recupero. Potrei sbagliare, però, l'ho visto solo in due o tre partite col Barça e col Messico, mi pare...

    RispondiElimina
  105. Ma autogoal del portiere no, via! La palla rimbalza fra l'altro e anche questo crea problemi a Perin.

    RispondiElimina
  106. Deyna, dovrei davvero cominciare a censurare, la storia del gol da non assegnare a Pepito mi fa capire che sono stato troppo accondiscendente. Anche fosse solo per evitare il proliferare di post che non fanno bene soprattutto al Delfino. In epoca di turnover mi farebbe piacere anche un suo ritorno.

    RispondiElimina
  107. Ma se era la ripresa da dietro che dicevi di dover prender in considerazione?

    RispondiElimina
  108. Per me non devi aspettare troppo, Pollock, lui entra ed esce, da qui a là.

    RispondiElimina
  109. Gol di Rossi o autogol a parte, con la limitatezza di due gg di calcio d'agosto, fasullo e pieno di limiti (condizioni ambientali, condizioni atletiche diverse, preliminari e numero davvero esiguo di squadre incontrate) delle squadre a punteggio pieno vorrei fare una mini classifica parziale: Juve, Napoli e Fiorentina, Roma e Inter. Napoli gran potenziale offensivo ma un po' incerto dietro, Roma che ha incontrato due squadre piuttosto scarse, ma ha vinto bene e senza subire gol. Squadra che comunque fa giocare l'avversario. Inter che ha giocato contro le stesse nostre e mette già in mostra il credo mazzarriano: solidità difensiva, esterni alti e propositivi (Jonathan sembra un altro, slegato da compiti difensivi assillanti di una difesa a 4), in ottica, senza coppe e se si esalta per i primi buoni risultati, direi che sarà un osso duro. Noi invece che ancora non troviamo cattiveria difensiva nel gestire il risultato: ieri nel secondo tempo dopo il quasi 4-3 con intervento decisivo di Neto, un po' mi sono preoccupato, come del resto ha fatto Montella... Dei gobbi, posso solo dire che al momento finchè metteranno la cattiveria mostrata contro la Lazio rimangono i favoriti. Chiusura finale sul Milan: con Kakà, se non è del tutto bollito ovviamente si rafforzano e a questo punto non li coprirei di pernacchie....

    RispondiElimina
  110. Ma non è cattiveria difensiva che manca, Orcio, è un fondamentale, il colpo di testa. Ho scritto nel commentone che dovremmo, per ovviare, passare alla difesa a 4 rigida con Hegazy a contraffortare Rodri. Ma con quel dispositivo abbiamo già visto che la manovra ci rimette.

    RispondiElimina
  111. Per la posizione della palla, ma sulla direzione inganna

    RispondiElimina
  112. Non c'entra nulla ai fini della valutazione, è Perin che l'ha tirata in porta, senza di lui sarebbe uscita, a dire tanto avrebbe incocciato il palo col favore di un'improvvisa ventata.

    RispondiElimina
  113. Deyna, il Dubbio faceva meglio a non risponderti, l'hai calato nel bottino.

    RispondiElimina
  114. No per carità, ammazzarsi! ed il povero Tommaso, poi? Però tu potresti stare almeno zitto, quando uno ha fatto una cagata almeno non ci si diverta a camminarci sopra!

    RispondiElimina
  115. Cazzo tituba, questo?

    http://www.violanews.com/calciomercato/sky-vargas-titubante-ad-accettare-il-livorno-20130902/

    RispondiElimina
  116. Anto, è veramente cotto, non capisce che il Livorno è già molto, per come si è ridotto.

    RispondiElimina
  117. Ma infatti, dovrebbe ringraziare, è la sua ultima occasione di rilanciarsi in Europa, dovrebbe coglierla al volo.

    RispondiElimina
  118. Mi avete fatto riaprire il sifone dopo quasi quattro mesi, mannaggia a voi. A parte i sitollockiani, rileggo volentieri il solito Zemanviola e il provocatore Terim; stendo un velo pietoso sui dubbi e le nuvole.
    Per le 4 a.m. è atteso il bolognese che tornerà da Montecarlo apposta per sbobinare argomenti nuovi di zecca: Corvino, Vargas, Gonzalo, Roncaglia, Pupil ti tiro le orecchie, io ho una cultura che manco Mandrake.
    Per gli amanti della pennica pomeridiana si consiglia la lettura di Marco Siena, l'ipnoinduttore senza effetti collaterali.

    RispondiElimina
  119. Verratti: "Sono un giocatore del Paris Saint Germain,ringrazio la Fiorentina che mi ha cercato, i viola sono una grande squadra e spero che faccia un grandissimo campionato". Anvedi sto grandissimo paraculo, già cambia tono...

    RispondiElimina
  120. Ahahahahahahahahahah! Ma guarda che è già partita l'ultima imbeccata per «Cigaro»: parole al vento, come quelle di Einaudi, non si vuole ascoltare la saggezza di chi sa. Ma se gli prendono Maresca (ultimo delirio dei media fiorentini) si sfinisce a seghe e le vedrai le ruote del pavone, caro Vita, uh se le vedrai!

    RispondiElimina
  121. Nell'ndecoroso Genoa di ieri figurava un altro dei suoi nomi più caldeggiati dell'ultimo decennio: Biondini, uno tra i più scarsi di tutti i tempi.

    RispondiElimina
  122. Confesso che per la Fiorentina di Prandelli e Sinisa l'avrei visto bene per la panca...

    RispondiElimina
  123. Se aveva tirato Ljajic contava per due gol.

    RispondiElimina
  124. Se aveva tirato Ljajic si vedeva benissimo da dietro che la palla si stava infilando all'incrocio dei pali.

    RispondiElimina
  125. Comunque se la Juve prende Nainggolan, sarà dura tenerle testa...

    RispondiElimina
  126. marò, se Lud si accorge che hai accoppiato quei due nomi con solo una congiunzione in mezzo...

    RispondiElimina
  127. Se aveva tirato Ljajic Perin non aveva nemmeno il tempo di muoversi.

    RispondiElimina
  128. Ah, lo prende? Beh, alla juve non si teneva testa comunque...Qualche speranziella ce la avevo immediatamente dopo l'acquisto di Gomez, pensando alla conferma di Ljajic e Pizarro, e all'arrivo di un difensorone e di un simil-Ralf. Come siamo messi oggi direi che è escluso, vedo un quarto posto, se tutto gira un terzo.

    RispondiElimina
  129. Gli aruspici raramente sbagliavano, secondo le interpretazioni ad personam di illo tempore, di conseguenza i primi gol di Gomez sono stati il segnale atteso per il ritorno del CHIARI, da me vanamente cercato in Costa Smeralda (eh eh eh eh...così ti conobbi, diversamente spendaccione). Le pressioni psicologiche di BLIMP permetteranno al Chiari distinguersi rispetto ad un fabbro senza esperienza? Cioè che non riesce a saldare il conto...!? Probabile che tutto il vino che lo xeneize doveva in questi anni siano stati dirottati a casa di Vargas, l'uomo che ha un piede sul campo di calcio e uno su una saponetta, e che deve sperare che non piova. Il ritorno della Maquina ridà spirito ai Sitollockiani senza guida, in preda a visioni e senza più vision; addirittura qualcuno aveva visto Giulio Cesare in porta, altri hanno invocato in alto "Cristo salvaci", qualcuno chiedeva un (do)Santos e altri hanno avuto visite non gradite da cacciatori di anime. Il net impazzava contro Neto, che ieri con interventi netti ci ha fatto passare una notte serena. Il Milan stringe per Kakà, la viola molla per un portiere, dov'è l'errore? Per Kakà han sudato, per Neto abbiam gioito. Mai visto un cavallo di ritorno (in brasiliano) fare fuochi d'artificio tornando alla base. Meglio rimorsi o rimpianti? Chiari chiarisce bene il concetto su Liajic e Seferovic: proseguano la loro carriera, la viola continuerà la sua storia. I calciatori sono tutti uguali, hanno facce diverse per distinguerli. A Ljajic un "in bocca alla lupa" e che sia affamata, a Seferovic, laggiù a San Sebastiano, diciamo "auguri e figli baschi!"

    RispondiElimina
  130. http://www.calciomercato.com/mercato/mercato-fiorentina-il-tesoretto-trattenuto-per-gennaio-916874

    RispondiElimina
  131. Quanto ci metterà Calamai a scoprirlo?

    http://sport.repubblica.it/news/sport/calcio-real-madrid-portiere-adan-rescinde-contratto/4392143

    RispondiElimina
  132. http://www.divisionecalcioa5.it/Notizia/News-dalle-sedi/2013-2014/511/22815/0



    Non ditelo a Calamai.

    RispondiElimina
  133. Calamai morde la mano di chi gli sta curando i denti, normalmente.

    RispondiElimina
  134. Vi vedo, siete tutti in giro per siti a cercare notizie di mercato della viola.......................!

    RispondiElimina
  135. Taibi continua a picchiar duro su Neto: non regge la pressione, con Julio sono tanti punti in più.

    RispondiElimina
  136. Zemanviola: «il Muccioli da Orzinuovi»... ahahahahahahahahahahah! No, che grande! Sta casa aspetta a te!

    RispondiElimina
  137. Invece io penso che sarebbe tempo di rinnovare il contratto a Neto, con un ritocchino dell'ingaggio, per non commettere lo stesso errore commesso con Ljajic. Errare humanum est,.....

    RispondiElimina
  138. infatti, è due mesi che lo ripeto...

    RispondiElimina
  139. A me pareva che ADV avesse detto che ci sarebbero stati altri colpi, e che in una conferenza stampa di mezza estate Pradè avesse parlato tra le altre cose di un difensore...E invece è stato dato via Ljajic. Braccini, proprietà di taccagni, pontellizzazione!

    RispondiElimina
  140. Giustissimo Chiari, confermarlo come primo portiere senza farlo rinnovare è una contraddizione palese che potrebbe costarci cara se il giocatore fa una buona stagione.

    RispondiElimina
  141. Non fatelo vedere a Calamai

    RispondiElimina
  142. Macia appena arrivato all'Ataquark...

    RispondiElimina
  143. La campagna acquisti è finita. Nonostante le perplessità tante volte avanzate, sono soddisfatto. La grande incognita resta quella legata alla vendita di Ljajic, se quello diventa un grande campione piangeremo amare lacrime. Ma glielo auguro, naturalmente. Le premesse ci sono, anche perchè è arrivato in una squadra dove ci sono parecchi giocatori che danno del tuo al pallone come lui ed un allenatore che lo stima. Ma noi non ci possiamo lamentare, tutt'altro. Le eventuali pecche non mi sembrano così gravi. Il portiere non è una schiappa, Ambrosini per il momento fa bene il suo lavoro di centrocampista di supporto. E davanti l'intesa tra Mario e Giuseppe migliora di giorno in giorno. Al rilievo di Mondonico: Gomez non si adatta al modulo viola, Montella ha risposto in modo geniale: cambiando modulo. Vedremo ora se si tratta di una soluzione temporanea o se non valga la pena di arretrare Cuadrado per riproporre il 4-4-2 anche in altre occasioni. Montella d'altronde ha dimostrato anche ieri quanta duttilità tattica abbia la sua Fiorentina. Ci potrebbe dunque sorprendere e divertire con altre varianti tattiche inaspettate. Un rombo a centrocampo non se l'aspettava nessuno, invece ha fruttato un 2-5 in trasferta, che è quasi il massimo o quasi, inclusi i due goal concessi all'avversario, così tanto per movimentare la gara e non farla precipitare nella noia.

    RispondiElimina
  144. Chi è? Julio Cesar dopo un mese che non si allena?

    RispondiElimina
  145. Assomiglia a Peruzzi dopo che ha mangiato un cinghiale

    RispondiElimina
  146. "...Montella d'altronde ha dimostrato anche ieri quanta duttilità tattica abbia la sua Fiorentina. Ci potrebbe dunque sorprendere e divertire con altre varianti tattiche inaspettate. Un rombo a centrocampo non se l'aspettava nessuno, invece ha fruttato un 2-5 in trasferta..."



    Ah ora lo dici tu, Lud? Ma quante volte te l'avrò ripetuto questo discorso durante l'estate, quando tu ponevi dubbi su come avrebbe schierato Tizio e Caio nel 4-3-3?

    RispondiElimina
  147. Se non ricordo male è un portiere della 3' divisione rumena

    RispondiElimina
  148. Per me la rinuncia al 4-3-3 con Ljajic e Cuadrado resta dolorosa. E per il 4-3-3 vorrei ancora capire se abbiamo gli uomini giusti. Ieri abbiamo vinto proprio perchè Montella ha rinunciato al 4-3-3.

    RispondiElimina
  149. Ah, quello. Io parlavo del cavallo in fondo.

    RispondiElimina
  150. Ti trovo un po'... come dire... in contraddizione con te stesso?

    RispondiElimina
  151. Direi il contrario, Vita. Abbiamo infatti giocatori nuovi ed un modulo nuovo che finora si è rivelato il migliore, e che non è il 4-3-3. Montella d'altronde l'ha detto chiaramente: Rossi come esterno alto nel 4-3-3 è sprecato, Ljajic non c'è più. Dunque sussiste un primo problema: l'esterno alto sinistro, ruolo che Adem svolgeva benissimo. Gomez, poi, ottimo giocatore, che ci darà tante soddisfazioni sta bene in area a fare i suoi movimenti da pivot, e non so fino a che punto possa rendere in un 4-3-3. Quantomeno è da rivedere in questo ruolo, dopo alcune amichevoli non proprio entusiasmanti. Con il 3-5-2 va già meglio ma si notano dei problemi. Finora il modulo migliore è apparso il 4-4-2.

    RispondiElimina
  152. Con Gomez e Rossi è un must che si debba giocare con due punte terminali, diverse, che giocano diverso, ma che sono due punte, non esterni, non ali. Che sia 4-4-2 o 3-5-2 dipende dal tipo di giocatori che si hanno per giocare sulle fasce e dalle condizioni dei tre tenori. A Genoa non c'era Cuadrado, che è gocatore di fascia per antonomasia, ed i tre sono in ritardo, soprattutto di fondo atletico, per cui si è ricorsi al 4-4-2 con l'inserimento del ricostituente Ambrosini. Mossa azzeccatissima che ha permesso soprattutto ad Aquilani e Borja, di appoggiare molto di più l'attacco, di inserirsi e di contribuire al massacro della difesa genovese. Ringraziamo anche Eupalla e gli errori di Perin, ma dopo 13 minuti potevamo essere 3-0 e meglio di così era difficile fare. Quando rientrerà Cuadrado, che, ovviamente, rientrerà perchè è altro fondamentale, vedremo cosa succederà e chi uscirà, almeno all'inizio, perchè alla fine giocheranno tutti, compreso Mati che è partito molto meglio dell'anno scorso.

    RispondiElimina
  153. Ciao a tutti i amici di blog, especiale a amici Ludovico e quello che sembra papa se lo vedo su la sua di foto. Sono molto contento che papa voleva che io pagare di più da Fiorentina. È uno grosso onore anche se io faccio lo tifo per concorrenzia ( spero lo si dice così). Sono molto felice per mio gol contra Verona di mio amico Luca Toni, ce lo speravo a un esordio così. Anche se per verità come dice mio capitano Francesco , me sò scartavetrato li cojoni a forza de grattamme dopo letto tutti complimenti de amici di blog . A Roma sto bene, anche se per adesso dormo in casa di Balzaretti e lui sembra che guarda strano alle mie spalle. Dice che no è buho, dice che è cosa normale per esterno basso. Adesso mangio supplì, spero di leggere sembre belle parole su di me e che mi voliate sembre bene, perché io sono amico di tutti. Pure di Gomez, possa fulmine atterrare tra sopracciglia.

    RispondiElimina
  154. Sono perfettamente d'accordo e a vedere l'ultima partita direi che Montella ha trovato il modulo migliore. Resta da collocare Cuadrado che come difensore non da' il meglio.

    RispondiElimina
  155. Lud penso che dài troppo peso ai numeri dei moduli, prima vengono le caratteristiche dei singoli. Ieri era 4-4-2 per il semplice fatto che c'erano 4 difensori, 2 punte e 4 centrocampisti (tutti e quattro centrali e nessuno di fascia, a conferma del fatto che i numerini contano poco, dato che con 2 mediani e 2 tornanti sarebbe una cosa diversa pur chiamandosi sempre 4-4-2), è una disposizione che mai si ripeterà ogniqualvolta Cuadrado sarà in campo, come dice anche Jordan di cui sottoscrivo tutto il post. Dire che ieri abbiamo vinto grazie alla rinuncia al 4-3-3 è molto più che riduttivo: i motivi di tale risultato sono molteplici, a partire da quello più elementare, cioè la netta superiorità del nostro tasso tecnico sui genoani, poi volta volta possono certamente incidere fattori passeggeri come quello detto da te (anche perchè non sempre vince il più forte). Come vado ripetendoti dall'inizio del ritiro, questa rosa può permettersi di alternare modulo di partita in partita, ma anche di cambiarlo in corsa nell'arco di una sola gara; non mi interessa vedermi riconosciuta la paternità di tale intuzione, tanto 'un c'è nulla in palio, ma almeno vedi di non farla tua.

    RispondiElimina
  156. Ahahahahaha, Blimpe, geniale

    RispondiElimina
  157. Temo invece sia la conferma di ciò che si diceva in prima estate: Montella se ne frega bellamente dei numerini, guarda ai giocatori e alla loro condizione, e in base a quello mette in campo la squadra, cambiando la disposizione spesso e volentieri. Non credo sia un concetto che lui approvi, quello di "modulo migliore", lo lascia ad altri...

    RispondiElimina
  158. Posso capire che la differenza tra 4-3-3 e 3-5-2 sia sottile (eppure esiste). Ma aumentare a 4 i centrocampisti con 4 difensori e 2 punte configura un modulo nuovo rispetto al passato. È tutto un altro modo di giocare. E francamente il gioco di Montella è talmente limpido che il modulo si legge bene. Non mi dite che aver escluso Joaquin, per dirne una, non è stata una mossa meditata. E lo stesso vale per Giuseppe Rossi che in un eventuale 4-3-3 si sarebbe decentrato di più a sinistra, mentre ora gioca al centro alle spalle di Gomez.

    RispondiElimina
  159. Adem sono tuo amiko Mario che ti scrive tramite Ludovico. Tu non conosci ancora fidanzata di Balzaretti. È grande fika, con corpo allenato in stile germaniko, anke grande ballerina insaziabile. Puoi stare tranquillo. Ma attento a Herr Totti, lui forse bisex.

    RispondiElimina
  160. L'anno scorso ha proposto due soli moduli non mille.

    RispondiElimina
  161. La difesa l'abbiamo vista a 3 [maggioritaria], a 4, e in molte fasi anche a 5, per dire...Claro che più la squadra si evolve e amalgama, più lo schieramento può variare, all'occorrenza, come è chiaro che non cambierà tutte le domeniche. Ma sono dinamiche in evoluzione, non tirerei conclusioni alla seconda di campionato.

    RispondiElimina
  162. A 4 mai prima di ieri sera. Montella prova ma quanndo trova un modulo convincente si ferma.

    RispondiElimina
  163. La differenza c'è, claro, anche se alla fine Pasqual fa il solito, si mette Ambrosini a dare densità al centrocampo, con Tomovic a salire quando avanziamo, a fare il Cuadrado [ovviamente con molta minor qualità, e limitatamente a cose elementari come spingere sulla fascia e crossare], con un occhio molto maggiore alla copertura. La difesa passava da 4 a 3 spesso. Quel che si dice - o almeno lo dico io - è che una partita vinta sul campo di una delle peggiori squadre del campionato non può farci gridare al modulo definitivo, è una soluzione provvisoria, che rivedremo, ma non acquista nessuna priorità sulle altre. Anche perché le differenze, col gioco di Montella, non sono così enormi da far porre out out. Certo il 4-3-3 classico difficilmente lo vedremo, ma non si vedeva neanche l'anno scorso, perché si intende quello alla Zeman. Quello di Montella, nelle fasi di gara in cui era 4-3-3, non era né quello di Zeman, né quello di Montella...Cuadrado non le giocherà tutte, probabile che quando non c'è si riveda la squadra di ieri sera, ma a quel punto l'acquisto di Joaquin diventa un po' superfluo.

    RispondiElimina
  164. Parlavo dell'anno scorso. Comunque l'errore per me sta proprio lì, in quel fermarsi, Montella vuole una squadra capace di passare da un modulo all'altro camaleontica, non si ferma mai!

    RispondiElimina
  165. L'anno scorso il 4-3-3 di Montella si basava sugli affondi di Ljajic e Cuadrado, sicuramente non era zemaniano, ma molto ben individuato. Si dice la Roma di Garcia giochi così e Ljajic è stato preso per quello.

    RispondiElimina
  166. Vargas sarà l'arma in più...

    RispondiElimina
  167. sto vedendo ora che Mencucci l'ha detto davvero, all'inizio ho pensato fosse una battuta tua!

    RispondiElimina
  168. Le 23,01, s'è tirato lo sciacquone e i Calamai, i Riccardo Galli, lo Sborgi, i'Guetta, i' Pestuggia e tutta quella banda di netofobi che ci hanno gonfiato le palle pe' du' mesi e sono spariti tra gorghi!

    RispondiElimina