.

.

domenica 29 settembre 2013

Sono troppo devoto al Sangiovese

Il bello del calcio è che da a tutti la possibilità di parlarne, si, anche a me o al Calamai, ognuno può dire le sue cazzate in libertà facendole passare per riflessioni intelligenti, come fa anche Baconi, un esempio di democrazia molto deleteria, perché c’è chi se ne approfitta e in un eccesso di autostima ingiustificato ci ha fatto pure un blog. In Cina non sarebbe mai successo. Certe volte sarebbe più utile un regime totanitario per quelli come me che gli dai un dito e si prendono un braccio di mare sul quale costruiranno abusivamente un ecomostro. Quelli come me che gli dai un calamaro e si prendono tutta la frittura, e leggete bene prima di sobbalzare sulla sedia, regime totanitario, cioè un regime di paranza. Il calcio in questo senso è peggio di un diploma raccattato alla Scuola Radio Elettra, c’è gente come me che vede del movimento in campo e si prende la briga di interpretarlo, ognuno vede una cosa diversa, nascono i forum, giornate di discussioni mentre le aziende che pagano gli stipendi a quelli impegnati nelle discussioni intanto chiudono perché nessuno produce più niente. Il calcio rovina l’Italia, i blog usurpano le forze lavoro di aziende su aziende, succhiamo le risorse del Paese, siamo buchi neri, e niente a che vedere con quelli della foto. Nel mio caso non c’è nessuna legittimità a scrivere di Fiorentina, un giorno mi alzo, giro per San Frediano ancora annebbiato della sera prima, inquinato dalle proteine animali della Chianina, ancora offuscato dall’eccesso di religione, da quella dedizione al Sangiovese che poi ti spinge a vedere un 4-3-3 quando non c’è, oppure peggio, a fare una denuncia per poi ritirarla. Come può uno così scrivere, perché poi trova pure qualcuno che ci crede e che lo segue. L’altro giorno con il santino del Sangiovese che mi cerchiava ancora la testa come una corona di spine, dopo che i cannellini con tanto pepe mi avevano messo un’arsura domata solo con tanta preghiera, raccomandandomi appunto al mio Santo preferito, sono entrato in macchina e ho scoperto che nella notte mi avevano rubato il cruscotto, il volante, la leva del cambio e tutti e tre i pedali. In San Frediano non si fa più vita, ho aggiunto sdegnato all’appuntato di piazza Cestello. Poi una volta diminuito l’afflato religioso e migliorato persino il fiato, ho dovuto telefonare al Commissariato d’Oltrarno per dire di lasciare stare perché  per sbaglio mi ero seduto sul sedile posteriore. Posso essere uno che ha un blog in mano e può dire e offendere tutti? Ma chi vigila? Chi vi protegge? Io che uso il corpo della donna, una bieca strategia che poi è la stessa utilizzata da Dior per vendere le sue fragranze utilizzando “Whole Lotta Love” dei Led Zeppelin. Sono immorale da non confondere con Immobile. Perché quello che semini raccogli, ieri mi sono incontrato con una che ci legge ma non scrive, una che mi ha voluto conoscere, ho sfruttato l’occasione, avevo bisogno di soldi per pagare il conto dal pizzicagnolo, mi sono detto gli piace quello che scrivo, mi ha voluto incontrare, ne approfitto. Non ho messo tempo in mezzo, e dopo avergli guardato nello scollo gli avrei voluto chiedere se le dispiaceva…? Non mi ha lasciato nemmeno finire: “A letto? Ma certo”. Mi ha risposto senza esitazione. “No, no, volevo solo chiederti 100 euro” O un s’è incazzata, mi ha risposto tutta risentita: “Ma sei matto? Ti conosco appena”. Ho un rigurgito di coscienza, so di fare dei danni se continuo a scrivere ancora, mi sento come Bersani, devo chiudere questo blog delle grandi intese, non ha più senso, un po’ come l’Ufficio di Collocamento che serve solo a dare lavoro agli impiegati dell’Ufficio di Collocamento. Mi sento di fare nuove esperienze, nella vita voglio provare di tutto. Anche a pensare.

39 commenti:

  1. Lud, baba è istigazione pura. La tua solita provocazione. Adesso Foco non se lo farà certo mancare per colazione. Tutto grondante di rum.

    RispondiElimina
  2. Basta con i blog. Basta con la Rete. Torniamo alla carta.

    https://www.facebook.com/photo.php?v=10200303125053480&set=vb.1614536487&type=2&theater

    RispondiElimina
  3. Vista la reazione alla foto della Cassini, penso che Foco potrebbe omaggiarci di una immagine delle celebri chiappe di miss Valentina Rosselli-Crepax.

    RispondiElimina
  4. Ieri, Pollock, ero in Piazza della Passera, a un tavolino all'aperto del tea room. Inutile dirlo o non dirlo: insieme a una passera. Non passavo di lì da una mezza vita, quella piazzetta deliziosa, parigina non è mai nelle mie rotte tra le tue lande, e l'ho ritrovata davvero ripulita, fin troppo rileccata. Dopo una cospicua attesa sono andato a sollecitare all'interno il servizio e ho ritrovato il mio Oltrarno di ragazzo: una buia grotta, dove sul banco e sulle sedie era scrostata la vernice banalmente metà Novecento e incrostata al suo posto la polvere e la loia degli antichi Egizi. Due avvinazzati mi guardano di traverso e il torreggiante proprietario, braccia conserte e trucemente sonnacchioso, tatuato a bestia su una pelle privata di clorofilla fin dall'infanzia, mi dice distratto ad arte «L'è co una bella figliola, la un gni basta? Quande posso vengo, lo vede so impegnao [= a non fare un cazzo]». Dopo un paio d'ore, tramonto meraviglioso sull'Alte Brücke e ritorno nella civiltà, sulla Rive Droite. Ma la vita è dall'altra parte, ne convengo.

    RispondiElimina
  5. Siamo anime slabbrate di qua. Bella la tua foto.

    RispondiElimina
  6. http://www.youtube.com/watch?v=Rv2oOFHwkb8

    RispondiElimina
  7. Sentitevi anche a' Mannarì, un vero poeta.

    http://www.youtube.com/watch?v=moLwYtu31ZQ

    RispondiElimina
  8. oh! dopo tanta passera un po' di buona mOsica, minchia!!

    RispondiElimina
  9. Ah, la dimensione internazionale, europea di Firenze...pero' la battuta, proprio perché in malafede totale, l'é bona. Mi ricorda una volta che stavo comprando un'ampollina d'olio, bellina ma cara, da un mesticatore vicino a S.Ambrogio e gli dissi:" Che mi leva qualcosa?" e mi rispose, a voce bella alta, in modo che tutte le donnette del pubblico astante lo sentissero :" E gli ho bell'e levao la porvere, o che un gli basta?" Epico

    RispondiElimina
  10. Mi occorreva il geniale Mannarino, dopo un'alba non molto aurea. Hanno arrestato quelli di Alba Dorata....l'alba che a me piace dopo una sera nella quale la viola è stata vittoriosa.....BLIMP, Parigi va bene una messa, mi raccomando! Vai a mettere un fiore per ma davanti a Notre Dame, dove il Samurai d'Occidente ha posto fine alla sua vita, prega di ideali troppo idealizzati. (le bordate di Travaglio agli Agnelli-ni?....eh eh eh)

    RispondiElimina
  11. Penultimo rigo è "...pregna di ideali...".

    RispondiElimina
  12. Tu vuoi provocare il GAT con queste chicche, Pollock.

    RispondiElimina
  13. Comunque, Colonnello, se ti riferisci alla Rive Droite parigina, credo che qui il tasso di malafede e di trasmissione di cattivo umore dei camerieri sia il piu' elevato d'Europa, con l'umorismo in meno, rispetto a Firenze. C'e un miglioramento con le nuove generazioni di "serveurs" ma qui l'accoglienza, scoglionata e musona é leggendaria

    RispondiElimina
  14. http://www.blablacar.it/



    Blablacar.

    RispondiElimina
  15. Intanto Julio Cesar sta in panchina nella B inglese e Redknapp l'ha praticamente messo all'uscio. Siccome hanno Green e non Schmeichel redivivo, ci saranno anche manovre per cercare di disfarsi di un ingaggio insostenibile, ma il tutto non depone molto a favore delle condizioni attuali del brasiliano.

    RispondiElimina
  16. Ho questo problema, da sempre, che mi manda a puttane i matrimoni e mi fa finire in Piazza della Passera:


    Estar siempre tan cerca,
    ! y sentir que se aleja!
    - y ser malo, a sabiendas -,
    y ser bueno.
    Y quererla.


    Basta, aspettiamo che riapra qualche milonga, con l'autunno, per annegare la condena. Vigile, che ci vuoi fare, i Francesi sdegnano servire anche quando sono pagati per questo, devono farti capire che ti fanno un piacere, un'eccezione e che devi essere bravo e riconoscente perciò. Da loro, solo le gestioni familiari hanno un servizio paragonabile al 50% a quello che trovi da Napoli in giù (da Napoli in su valiamo quel 50% e non di più).

    RispondiElimina
  17. La scelta di Julio Cesar è cervellotica, ma davvero altri due anni d'ingaggio faraonico valgono un mondiale con percentuali alte di vittoria ?! Non credo che gli mancheranno 5 o 6 milioni in più (si parla di cifre pazzesche ma un calciatore di quel livello ne ha già guadagnati a sufficienza) sull'iban per vivere serenamente la sua vecchiaia.

    RispondiElimina
  18. Senza la viola la mano nel vuoto vaga, e come disse il nero addetto a diserbare la campagna "Borca vaga, il doro ha berso!". Anche Birsa non ha berso, e allora verso parolacce contro Eupalla.....

    RispondiElimina
  19. Forza sardi allora!

    RispondiElimina
  20. Grande Radja!!!!!! Ovvero: anche il culo ha i suoi limiti.

    RispondiElimina
  21. verissimo Colonnello, é esattamente questo che li frega, infatti la prima parola che devi imparare in francese é "merci'" e non dimenticarla mai, mi raccomando (ma in effetti é anche giusto che sia cosi')

    RispondiElimina
  22. http://www.areatoro.it/notizie/art-6463/campionato-falsato-e-sporco-che-schifo.html

    RispondiElimina
  23. cazzo che emozione il mondiale di ciclismo sui luoghi stessi della mia infanzia!
    Campo di Marte,S.Domenico, Fiesole, le Caldine. Mi rivedo in bici giu' dalla Bolognese (in senso inverso di quello corso oggi eheheh) a capofitto nella discesa mozzafiato della Badia Fiesolana, comincio a frenare dopo il dosso a metà discesa, e quasi arrivato in fondo: " TAC !!" mi si rompe il freno davanti...meno male che a quei tempi c'era poco traffico e nessuno veniva da destra. Sono sfrecciato sul Ponte a Mensola col manubrio che sembrava briaco, in completa perdizione e ho finalmente rallentato a un terzo della salita di fronte che risale a S.Domenico. Pffff , che brividi ,ragazzi!
    Comunque era scritto che Rui Costa vincesse a Firenze, e chi senno', Antognoni?....

    RispondiElimina
  24. La mia disavventura, or ora citata, giustifica il detto: "giu' per la salita"

    RispondiElimina
  25. Blimp, la gelateria nella piazzetta ti farebbe fare un figurone con la passera di turno...

    RispondiElimina
  26. Caro Orcio, per un romagnolo hai buona consocenza di Firenze.

    RispondiElimina
  27. E la Roma sale...

    RispondiElimina
  28. Ancora decisivo Ljajic, i suoi incitamenti ai compagni (è maturato anche come leader) avvitato in panchina hanno permesso alla Roma di dilagare.

    RispondiElimina
  29. Il calo lo avranno anche loro, come tutte, bisogna vedere quando e di quanto, in ogni caso giocano bene, Garcia sta facendo un lavoro destinato a durare se lo lasciano in pace, quello a cui abbiamo assistito finora non è frutto di una condizione buona o di momento di grazia. E' una rivale e si sapeva dall'inizio, non credevo così già solido.

    RispondiElimina
  30. Bologna fratturato nelle ossa. In tutte!

    RispondiElimina
  31. Segnerà il quinto goal mettendo al sicuro il risultato.

    RispondiElimina
  32. Ah ah ah. La Fiorentina vincerà il campionato. Ne ho le prove.

    RispondiElimina
  33. Ininfluente gol alla Edmundo di Ljajic. Non farei tanto umorismo, quando sarà lanciato titolare - cosa che ovviamente spero non avvenga, ma quando ci sarà il calo degli altri e lui si sarà affiatato sarà inevitabile - la Roma metterà un'ulteriore marcia in più, e per noi questo positivo non è di certo.

    RispondiElimina
  34. In previsione delle zallerate di domani mi porto avanti già da qui, al lavoro...

    RispondiElimina
  35. Deyna non si discute il valore ma l'influenza avuta sinora sull'andamento della Roma. Non ti zallerare anche tu, non si è rinunciato a lui, se n'è voluto andare lui. Sui sacrifici economici si è già detto, idem sull'opportunità di rinnovare l'anno passato. E' a Roma, un in bocca al lupo e tante grazie, teniamoci i nostri e godiamoceli che ci daranno soddisfazioni anche maggiori.

    RispondiElimina
  36. Deyna, se la Roma metterà una marcia in più quando Ljajic sarà titolare quanti punti farà a partita? Quattro? Il gol è comunque di pregevole fattura, come avrebbe detto il frasefattista Ciotti. Fa pensare da un lato a quello di Antoniosuperstar l'anno del terzo scudetto, a Napoli, su lancio di Massaro (ma il Divo mise a sedere Castellini con sublime finta), e d'altra parte anche alla scazzata in fallo laterale contro la Juve all'inizio del campionato scorso, da parte del medesimo Nutella e dalla medesima posizione, sebbene dopo volata in contropiede.

    RispondiElimina