.

.

martedì 3 settembre 2013

Gomez non è buono per abbattere le difese immunitarie

A questo punto si affaccia minaccioso il pericolo più serio per una parte della tifoseria, e non è più neanche la pontellizzazione, superata brillantemente una volta assorbita da un’ altra azienda dello stesso gruppo Della Valle, la Schweppes, ciabattini che creano dismissioni e assunzioni per non pagare le tasse, un gioco di scatole cinesi, una corsa ai paradisi fiscali, tanto che alla fine i tifosi più fiscali rimangono con lo scontrino in mano, sempre meglio comunque del cerino, altrimenti a quest’ora si erano bruciati fino ai gomiti. Il problema poi non è neanche il prossimo mondiale di ciclismo che era nato proprio sull’onda della dismissione, c’è da ricordare infatti lo spot che ne tradisce la matrice “L’hai voluta la pontellizzazione? O pedala”. No, oggi il vero pericolo è di natura esistenziale, perché se la squadra come sembra non darà adito a sospetti, truffe ai danni dei propri tifosi, quando neanche l’Associazione dei Consumatori potrà fare più niente, allora vedremo gente girare per lo stadio invece che con la sciarpa Viola al collo, con la mappa esistenziale, una di quelle che ha “Voi siete qui” scritto dappertutto. Dopo aver spaccato capelli in quattro, gridato della pontellizzazione ai quattro venti, cavalcato il malumore con una quattro ruote motrici, scelto Tutunci in quattro e quattr’otto, fatto quattro passi insieme a Bettega e Prandelli, per ritrovarsi alla fine in quattro gatti e peggio ancora a quattro zampe con il rischio reale di essere montati da dietro, oggi rimasti con un pugno di mosche, una volta aperta la mano e volate via anche quelle, della pontellizzazione è rimasta solo la polvere dalla quale è stata ricavata dell’acqua in polvere, ma il problema adesso è che non sanno più cosa aggiungere. Ci fanno sapere quelli che difesero Montolivo credendo alle parole di Pallavicino, che rimangono comunque molto vigili perché la pontellizzazione è come l’Imu, esce dalla porta e rientra dalla finestra. Imu, una ragazza sarda che mi schiaccia i rampicanti tutte le volte che rientra dalla finestra per pontellizzarmi l'organo sessuale, insomma prima me lo fa rizzare e poi me lo ridimensiona. Oggi sono andato a pranzo con un amico che mi parlava spesso di dismissione, io ho mangiato dentro al piatto mentre lui ha preferito mettere tutto dentro la scarpa comprata da Bata solo per far rabbia a Diego, ci sono voluto uscire per capire certi modi di vedere la vita e devo dire per onestà che sono rimasto sorpreso, grande intelligenza e capacità di dare sempre una risposta al problema del momento, una lucidità invidiabile come quando la risposta ai problemi dell’addio di Prandelli fu Tutunci. Riccardo mi ha spiegato con generosità e gentilezza che aveva un problema di ricircolo dell’aria nella cuccia del proprio cane, e così ha partorito l’ennesima trovata. Mi ha spegato di aver  messo le lenti a contatto al cane, lenti speciali che hanno delle piccole immagini di gatti, poi ne ha tolta una, e il cane si e' messo a correre in ricircolo. E’ stato molto importante incontrarlo perché così mi ha potuto dare tutta una serie di consigli utili come furono quelli di andare a contestare a Moena con le parrucche e i nasi finti, gli avevo raccontato di essere preoccupato per mia madre che sta invecchiando e non si muove più bene come un tempo, allora mi ha detto di dipingere sul soffitto delle immagini delle stanze di sopra in modo da evitare di fargli fare le scale. Abbiamo parlato di Gomez, di Pepito, di questo ritrovato entusiasmo, ma i suoi occhi erano spenti, lui dice sempre per via del ridimensionamento energetico, una sorta di coprifuoco interno, un rifugio antiatomico contro le tanto temute olive ascolane a grappolo, mi ha addirittura detto che usa il ghiaccio secco per farsi il bagno in modo da non bagnarsi, o meglio ammettere per una volta di aver sbagliato la teoria della cessione della società al trippaio del Porcellino, ma di non riuscire ancora a fare un bagno d’umiltà. Mi ha detto che per risparmiare e così comprare un portiere “bono” a gennaio, ha smesso di pagare anche la bolletta della luce e alla fine gliel’hanno staccata, situazioni queste che però lo esaltano, come quando si accorse che Firenze non era Lecce solo guardando fuori dalla finestra del suo seminterrato di via dei Ginori e riconoscendo talloni e tacchi che non erano la Puglia, insomma, anche in questa circostanza di emergenza ha aguzzato il suo ingegno sconfinato e ha cominciato ad usare il flash della macchina fotografica fino a quando non sono intervenuti i vigili del fuoco pensando che cadessero i fulmini sopra casa sua. Una cosa mi ha un po’ preoccupato quando siamo arrivati al caffè, tra l’altro lui ha voluto solo i fondi, quando a un certo punto mi ha detto “Gianni beato te che non capisci una sega, l’altro giorno io..., ah no, non ero io”. Ho cercato di scuoterlo, ma visto il ridimensionamento non è uscito niente dalle sue tasche, l’ho salutato ricordandogli i 5 gol di Genova, i 6 punti in classifica, per dare un senso alla sua giornata, mi ha risposto guardando neanche più nel vuoto ma nel sottovuoto per conservare ancora quella sua convinzione, che a proposito di numeri, 50 anni non vuol dire vecchio, ma solo se sei un albero, e di aver provato anche a vestirsi di cortecce per sentirsi più giovane, un fallimento, peché molti cani gli hanno pisciato sulle scarpe, scarpari di merda. Mi ha abbracciato perché gli ho pagato il pranzo, “sei troppo buono con loro” mi ha dato un buffetto, un modo amichevole di darmi del bischero, e prima di andarsene ha voluto dirmi che lui è la dimostrazione che non è necessario avere i parenti nelle Marche per essere infelice.

128 commenti:

  1. Gomez è dell'85. Juan Manuel Vargas del 1983, di ottobre. Compie quindi trent'anni tra un mese. Non penso lo si possa dare per finito. Pare si sia allenato molto bene. Negli schemi che stanno prendendo corpo si inserisce bene. È adatto ad un 4-4-2 come credo ad un 4-3-3 dove copre la casella vuota dell'esterno alto sinistro. Crossa in modo divino e può mettere palloni in area per Gomez. Ha una notevole castagna da fuori e tira bene le punizioni. Spalletti lo considerava ideale per il suo gioco e l'ha cercato a più riprese. È un grande acquisto che non si può liquidare solo con la motivazione che beve. Certo è una motivazione non da poco. Ma intanto vediamo se per caso non gli è entrato in testa che deve smettere. Pare si sia allenato molto bene. Lo vedrò molto volentieri all'opera e credo che Montella ci speri come ha lasciato capire Pradè.

    RispondiElimina
  2. Vargas han cercato fino all'ultimo minuto di sbolognarlo al Livorno, altro che sperarci...Resta per disperazione [nostra], e a questo punto tanto vale sfruttarlo ogni tanto per metterlo in mostra quando sta bene e quando siamo a corto di uomini, per trovare poi da venderlo a gennaio. La strategia [obbligata] non può essere che questa, anche perché su quella fascia è stato comprato Alonso, di sette anni più giovane, e in rampa di lancio. La favola del Loco prodigo che vince l'alcool e torna a furoreggiare sulla fascia piacerebbe a tutti, ma temo sia utopia. Gomez è un serio atleta che ha sempre fatto vita da atleta, Vargas sono anni che beve e si allena poco e male, con continui infortuni come conseguenza. L'età in se' non sarebbe troppa, anche se già quella per un giocatore di fascia conta, è l'usura fisica e mentale che preoccupa. Vedremo...

    RispondiElimina
  3. Addio, sta per partire il nuovo tormentone di Lud: 4-4-2 prandelliano d'antan, con due centrocampisti centrali e due uomini di fascia, Cuadrado e Vargas; Rossi a fare il Mutu, e Gomez il Gilardino anabolizzato.

    RispondiElimina
  4. Su Vargas mi sembra che Deyna sia, purtroppo, nel giusto, detto ciò finalmente è finita questa interminabile campagna acquisti,
    che si protrae inopinatamente fino a campionato iniziato, disturbandolo, così la smetteremo di giocare alle figurine e ci concentreremo
    su quanto di bellissimo la
    Fiorentina ha realizzato, tempestivamente, anche quest’anno e
    su quanto di strepitoso sta già facendo in campo chi c’era e chi è arrivato. Raramente
    abbiamo avuto nella nostra storia una rosa così bella tutta, nei titolari e
    nelle riserve, e così completa, sterile quindi
    ed anche infantile mi sembra il gioco, che si può sempre fare per qualsiasi
    rosa anche quella della società più forte al mondo, di suggerirne o lamentarne acquisti
    non realizzati che andrebbero a colmare presunte lacune. Abbiamo di tutto e di
    più, e per qualsiasi modulo, come non mai, godiamocelo.

    RispondiElimina
  5. Alonso in rampa di lancio non mi pare. La squadra è palesemente incompleta ed occorrerà sperare nella tenuta fisica di Rossi, Pizarro e Gonzalo per ripetere la stagione dello scorso anno.

    RispondiElimina
  6. Io non sono così entusiasta, le parole di ADV e Pradè, a inizio estate, sembravano preludere a un rafforzamento più deciso [parlavano di ulteriori colpi e di un forte difensore, rispettivamrente]. Speriamo non sia un'altra occasione buttata, visto che dicono che si vuol fare il salto di qualità. In porta partiamo con una scommessa, che condivido anche a questo punto, ma è pur sempre una scommessa; la difesa è carente nel gioco aereo, e manca un vice-Gonzalo; a centrocampo manca il vice-Pek che Montella aveva esplicitamente chiesto, e l'incontrista è il 36enne Ambrosini; davanti manca il vice-Gomez, e dietro Rossi c'è il 20enne Rebic, fortissimo, ma appena arrivato in italia. Ilicic col nostro gioco non si adatta a fare la seconda punta [per me], potrebbe però imparare a fare bene la mezzala offensiva. Insomma, c'è da sperare che nei ruoli chiave non si faccia male nessuno, o son dolori [e Pizarro, Aquilani e Rossi, già si sa, non potranno giocare moltissimo]. Della partenza di Ljajic nemmeno dico.

    RispondiElimina
  7. Francamente Deyna io al 4-4-2 non pensavo proprio più. Ma Montella, invece, lo aveva in mente. C'è poi anche la questione di un eventuale 4-3-3 con Vargas a sinistra e Cuadrado a destra che si può immaginare in certe circostanze, quando Rossi o Gomez non giocheranno (e insisto, non accadrà tanto spesso). Sulla campagna acquisti sono d'accordo con Chiari: giudizio positivo con l'unica macchia di Ljajic alla Roma. Io avevo altre idee ma ho sempre precisato che Gomez non era Rebonato e neanche Munari e che dunque andava accolto con entusiasmo e sostenuto in una eventuale fase di ambientamento che credo sia finita. Ci attende una stagione ricca di soddisfazione, con un'unica spada di Damocle: l'incubo della esplosione di Ljajic che peraltro mi auguro.

    RispondiElimina
  8. Su Alonso sono d'accordo con te, Antoine, anzi aggiungo che da questo punto di vista la permanenza di Vargas e la conseguente possibile necessità di metterlo in vetrina, potrebbe essere un danno per Alonso, già danneggiato dalla fascia di capitano del discutibile Pasqual. Non sono d'accordo invece sul resto, Pizarro, Gonzalo e Rossi, hanno riserve alle loro spalle che l'anno scorso mancavano. In particolare a centrocampo ( cioè il punto nevralgico del gioco) c'è da essere meno ansiosi se uno dei tre tenori si fa male.

    RispondiElimina
  9. Ti ripeto, Deyna, il giochino che fai, va bene come passatempo e si potrebbe fare nei confronti anche della rosa esistente più competitiva e completa al mondo, a me basta il fatto che questa rosa viola sia più forte e completa di quella, già molto competitiva, dell'anno scorso. Non a caso, quest'anno e non l'anno scorso, i più accreditati osservatori ci danno tra i candidati al titolo, e tra i favoriti in EL.

    RispondiElimina
  10. Alonso era stato subito alternato a Pasqual, ma non ha dato risposte troppo positive, almeno per me. Però ci puntavano, credo...

    RispondiElimina
  11. Non vedo chi sia la riserva alle spalle di Gonzalo che l'anno scorso mancava, però, e nemmeno quella alle spalle di Pizarro...

    RispondiElimina
  12. Per lo scudetto non credo ci siano possibilità, come invece pensavo a giugno, in caso di permanenza di Ljajic e Pizarro [almeno lui è rimasto!], e acquisto di un forte centrale e un vice-Pek. Penso che se tutto va bene faremo il campionato dell'anno scorso, con le altre che però mi mettono più paura.

    RispondiElimina
  13. Esiste infatti sempre una rosa ideale contrapposta ad una rosa reale. E quella reale è sempre meno completa. L'allenatore prova a chiedere, la società può accontentare, ma muovendosi nei limiti del bilancio e del monte ingaggi. Dunque per le nostre ambizioni direi che si tratta di rosa competitiva che ci deve accompagnare attraverso i passaggi di questa prima parte di stagione, almeno fino a gennaio. Poi si riaprono finestre di mercato. Un giocatore su cui vorrei attirare l'attenzione è Mati: l'anno scorso sembrava piuttosto indeciso e non sempre in sintonia con gli altri. Dopo un lungo apprendistato entra con sicurezza a partita iniziata ed offre un buon contributo. Ilicic è tutto da scoprire.

    RispondiElimina
  14. Vargas quando era Vargas era ideale come esterno di sinistra in un 3-5-2. Cuadrado a destra e Vargas a sinistra sarebbero stati cazzi per tanti. Oggi ho paura che Deyna abbia ragione, che serva a poco e che poco ci credano lo dimostra il fatto che han cercato fino all'ultimo di appiccicarlo al Livorno pagando metà stipendio. Il fatto di non esser riusciti a disfarsi degli stipendi di Vargas e Olivera credo abbia fermato anche la trattativa Jorginho pronta allo sblocco.

    RispondiElimina
  15. Hegazy, l'anno scorso indisponibile, Compper venuto a metà campionato, Bakic, lo stesso Ambrosini che con tutti i difetti è di un'altro pianeta, come ha già dimostrato, rispetto a Migliaccio. Questo tanto per dirti i primi che mi vengono in mente, ma ce ne sono altri.

    RispondiElimina
  16. Tutto sta nelle aspettative che crei. Intelligente è tenere un profilo basso, invece dopo l'acquisto di Gomez ADV parla di ambizioni maggiori, di mercato che riserverà altri grossi colpi che ci sorprenderanno ["vedrete, i colpi non sono finiti!"], Pradè che parla dell'acquisto di un forte difensore in conferenza stampa, ecc. Poi il mercato finisce, e ci si accorge che i colpi non sono arrivati, ed anzi è stato ceduto uno dei maggiori talenti europei. Se crei un'aspettativa e non la soddisfi, generi delusione in chi ti ha ascoltato e creduto, è normale. Ora comunque il tesoretto di Corvino è finito, vediamo con che fan mercato in futuro...E quanto riusciremo a tenere Rossi [se continua così] e Cuadrado. La cessione di tre talenti giovani come Jovetic [che avrei ceduto anch'io], Ljajic e Nastasic in un anno [non aggiungerei Seferovic, che per me non è di quel livello], per l'arrivo di due giocatori maturi come Gomez e Rossi, è giustificata solo nel caso che vinciamo qualcosa o ci qualifichiamo per la CL, altrimenti è operazione fallimentare.

    RispondiElimina
  17. Se le altre mettono più paura, non ne mettiamo ancora di più alle altre, Deyna, chiediti come mai.

    RispondiElimina
  18. Numericamente sì, ma Gonzalo è il regista della nostra difesa, fa il Krol dei tempi napoletani. Né Hegazy né Compper sono in grado di fare quello che fa lui. Bakic è acerbissimo e impostato da poco a regista, Ambrosini è quello che è, impensabile pensarli come vice-Pek, e infatti Montella ha chiesto a gran voce un rinforzo in quel ruolo...

    RispondiElimina
  19. Manca quello che voleva Montella e che non gli hanno preso e cioè un'alternativa per i due punti nevralgici, Gonzalo e Pizarro, io direi più il primo che il secondo, manca un'organizzazione difensiva sul gioco aereo, probabilmente anche per carenze di base degli interpreti alle quali non si è posto rimedio magari sostituendo qualcuno con qualcun'altro. Abbiamo in più parecchi giovani ancora probabilmente non pronti e che faranno tanta panca senza possibilità di crescere, abbiamo in più due stipendi alti e inutili ed abbiamo il mistero Ilicic da svelare. Però davanti facciamo paura, molto più dell'anno scorso, nonostante le vedove di Nutellic che, se si è messo o se viene messo in alternativa a Gomez-Rossi è bene che sia andato via. Per me era un optional, molto bellino, anche molto utile se confermava gli ultimi quattro mesi, ma sempre un optional da mettere a partita in corso o quando Pepito aveva il mestruo. Se mi sbugiarda e diventa uno da 40 milioni, avrò sbagliato, ma, prima di me, l'avrà fatto gente con ben altra esperienza ed informazioni.

    RispondiElimina
  20. Deyna, io sto solo dicendo che siamo più forti e completi dell'anno scorso, e mi dici poco, poi la perfezione non è di questa terra.

    RispondiElimina
  21. Cuadrado più il Vargas dei tempi ruggenti sarebbe stata una coppia di esterni di valore mondiale assoluto, altroché. Jorginho, entusiasmante in B, francamente mi ha deluso al suo esordio in A, ho visto entrambe le partite del Verona, e mi è sembrato timido e "leggero", pur lasciando intravedere le qualità ben note.

    RispondiElimina
  22. Non sempre ci si trova davanti il Genoa...Ljajic era uno che spaccava le partite, penetrava le difese in dribbling, sfornava assist e tirava da fuori e sui calci piazzati. Oggi un giocatore così ci manca come il pane, e c'è da sperare a questo punto che Gomez e Rossi giochino 50 partite a testa, perché dietro non hanno alternative. A meno di lanciare subito Rebic a dare il cambio a Rossi, ma mi sorprenderebbe fosse già così pronto. Il centravanti di riserva poi proprio non c'è. Per come la vedo io, e considerate le mosse degli altri, se tutto va bene arriviamo 4°, se tutto va male dal 5° posto in giù. Questo con la squadra attuale, poi se a gennaio la rinforzano e siamo sempre in corsa, è altro discorso.

    RispondiElimina
  23. Come vice-Pek ci sarebbe anche Olivera...


    Parlando seriamente, c'è stato sicuramente un salto di qualità rispetto all'anno scorso, se stiamo qui a discutere del fatto che mancano alcune riserve. Ricordo che abbiamo fatto una stagione eccellente pur avendo due pecche rilevantissime riguardanti due ruoli fondamentali, forse i più importanti: il portiere e il centravanti. Adesso che sono state colmate queste lacune, una con una soluzione interna che fa ben sperare e l'altra con l'acquisto di uno dei più forti centravanti del mondo, io penso che siamo più forti. E' vero che mancano un vice-Gonzalo e un vice-Pek, ma nel complesso la rosa e ampia e offre diverse possibilità di varianti tattiche con cui Montella si può sbizzarrire.

    RispondiElimina
  24. : LA SCUOLA DI MANUEL VARGAS.... Quando avevo appena compiuto il sesto anno di età, il padre mi chiese : - Vuoi andare a scuola, Manuel? - Elementare papà, slegami(già era incontenibile) e accompagnami -. Il dramma del periodo scolastico era la sveglia al mattino presto. Svegliarsi era ogni volta un conflitto tra mente e materasso. Era talmente pigro che di notte in stato di sonnambulismo non camminava ma facevo l'autostop. Il padre da parte sua, cercava di invogliarlo ad apprezzare lo studio. Tentò anche di iniziare la carriera di scrittore, ma rinunciò quando scoprì che non usavano ne modelle ne wiskhy. Ottimista per natura, era col capello lungo ma comprava, solo confezioni di lozioni per i capelli, che regalassero come gadget un pettine, allenarsi a parcheggiare storto. La mamma di Manuel era molto più pessimista, infatti al mattino, quando lo salutava sulla porta, gli diceva: - Buongiorno, probabilmente -. Era in una famiglia povera, riciclava tutto, anche le malattie. Tornando alla scuola, all'inizio i genitori, date le ristrettezze economiche hanno comprato i libri usati, poi i diari usati, doveva cominciare l'anno ed era già pieno di compiti. Un giorno chiese al padre di comprare un dizionario, lui lo guardò e poi disse: - Manuel, te lo comprerò quando ne avranno ricavato un film -. La cultura più raffinata non albergava nella famiglia Vargas. Per imparare le poesie a memoria, il fratello gli insegnò una tecnica favolosa, lo iscrisse ad una scuola di ipnosi. Lo cacciarono perché si addormentavo durante le lezioni. Tutte le mattine, mentre andava scuola, faceva un pezzo di strada con un bambino che abitava vicino a casa sua. Era molto malato, infatti Manuel andava a scuola con la cartella di cuoio, lui con la cartella clinica. Era talmente magro, da giovinetto,che se si girava di lato, scompariva. Nel suo piccolo acquario, che teneva nella cameretta, i pesci avevano i reumatismi. Ma la cosa più divertente della scuola erano le gite, fatte con un pullman speciale, più largo che lungo, perché tutti i bambini volevano sedersi vicino al conducente. A tutti gli altri bambini, i genitori preparavano amorevolmente il cestino della merenda, riempiendolo di leccornie ed ogni ben di Dio; a Manuel mettevano invece dentro al cestino sempre lo stesso biglietto con su scritto: "Se non ritorni mai più, ti perdoniamo tutto", come succederà a Firenze. Come ogni classe che si rispetti, anche la sua aveva un capoclasse: era Manuel, un bambino talmente tremendo che i suoi genitori scapparono di casa. La mia prima maestra era pazza: lo rimandava in tutto, anche in intervallo. Seppe, Manuel,che da giovane insegnava in un nido, poi smise perche' soffriva di vertigini. All'asilo faceva fare le aste ai bambini e, fino a quando non riuscivano a vendere qualcosa, continuava a fargliele fare. La maestra interrogava sempre in peruviano, anche perche' non conosceva né il tedesco, né altre lingue. Dopo pranzo, la famiglia Vargas correggeva i compiti, quelli con la grappa erano i migliori. Finita la scuola dell'obbligo, nel senso che la polizia obbligava il padre ad accompagnarlo tutte le mattine, arrivò il liceo, ma lui odiava i classici. Allora il nonno, per aiutarlo, gli disse: -Manuel, se non ti piacciono i classici, studia bene i contemporanei, che quando arriverai alla mia età saranno classici. Però ricordati che la maturità classica è importante, pensa poter un giorno scrivere in latino, nella lingua dei padri e dei colti, "disoccupato, senza squadra".

    RispondiElimina
  25. "Non", qui sopra, sta per "noi".

    RispondiElimina
  26. Le alternative ci sono (non in attacco però, dove siamo contati), ma in alcuni casi non sono valide mentre in altri sono tutte da verificare. L'arrivo (quantomeno) di un vice-Pek sembrava scontato, invece rischiamo di pupparci nuovamente Olivera, a meno che Mati (in cui spero) non decida di diventare grande in quel ruolo.

    RispondiElimina
  27. Un Clasie nella rosa sarebbe piaciuto anche a me, Antoine, ma, ripeto, io sto solo dicendo che in ogni reparto siamo più forti e completi dell'anno scorso, e mi dici poco, non a caso siamo più temuti dell'anno scorso, poi la perfezione non è di questa terra.

    RispondiElimina
  28. Torno a ripetere allora quanto in passato già sostenuto molte volte: la campagna doveva incentrarsi sulla conferma di Ljajic, l'acquisto di un centravanti giovane e l'investimento di quanto ricavato da Jovetic nell'acquisto degli uomini necessari negli altri reparti. Tra i centravanti avevo indicato Gabbiadini e Guidetti perchè il primo poteva entrare nella trattativa per Jovetic, così come il secondo. Nel primo caso si sarebbe avuto un esborso di 5 milioni di euro per la metà ed un ingaggio credo intorno al milione. Nel secondo stesso ingaggio e forse prestito gratuito. Restavano 20 milioni con cui realizzare una squadra completa in ogni reparto. Questa era la linea maestra nell'opinione del sottoscritto. Ma ripeto la squadra attuale non mi dispiace.

    RispondiElimina
  29. Più che a centrocampo o in difesa, anch'io come AntoineRouge trovo che la coperta sia cortissima in attacco; le alternative negli altri ruoli saranno pure da verificare, ma dopo Rossi e Gomez non vedo altre punte a parte Rebic. Perciò fatico a capire come mai negli ultimi tempi Montella vedesse nel vice-Pek la priorità.
    La fiducia della società in Vargas penso sia una conclusione di circostanza, un po'come Fantozzi quando dice che tanto la sua Pina è bellissima, poi si gira a guardarla davvero e ci resta perplesso.

    RispondiElimina
  30. Beh, Vita, tutto sommato io invece direi che soprattutto in attacco siamo messi molto meglio dell'anno scorso, e non solo nei titolari. E te lo dice una vedova di Ljajic.

    RispondiElimina
  31. Deyna Gattizzato...tornato nei panni del pupil?Come già detto più volte NON è stata la società a vendere nutella(che era in scadenza contattuale!),ma il serbetto a volersene andare.Oltretutto nei cambi(nutella - jo ;Gomez-Rossi) ci abbiamo guadagnato uno sproposito in termini di personalità,capacità realizzative,professionalità.A genova abbiamo visto come oltre ad aver mantenuto intatto il nostro marchio di fabbrica(gioco veloce,tecnico e bello;basta guardare il gol di Rossi del 4 a 1 e l'azione che ha portato al palo di Gomez ed all'errore incredibile di Rossi stesso) abbiamo ottenuto la possibilità di far male in altri modi.Il gol di Rossi(ed è suo per la miseria!)nasce da un lancio lungo su cui Gomez fa una cosa bellissima,in torsione anticipando il difensore e mettendola dove vuole lui,sui piedi di Rossi.Cosa che l'anno scorso era impensabile.Ci lamentiamo delle riserve,ma una squadra così quanti di noi l'avremmo anche solo sognata?tanto per dire,visto che siamo incontentabili,la PRIMA riserva della Juve a centrocampo adesso è Padoin!Sulla sinistra hanno DESCEGLIE come prima alternativa!Nell'Inter il centrocampista centrale è nonno Cambiasso!.Insomma,ovvio che ogni rosa è migliorabile,ma essere delusi(termine che ha usato Deyna) mi pare francamente eccessivo.P.S:se Rossi invece che italo-americano fosse stato italo-argentino probabilmente nutella l'avresti già dimenticato eheheh

    RispondiElimina
  32. Illusorio mi pare è stato parlare di scudetto, se dovessimo restare in corsa, bene ma non bisogna assolutamente parlarne. Ma si tratta comunque di una squadra molto forte. E concordo con Dkne sulla validità della coppia Rossi-Gomez. Un discorso a se' riguarda il livello tecnico complessivo, che si è abbassato perchè i problemi di bilancio che abbiamo noi li hanno un po' tutti.

    RispondiElimina
  33. Bentornato, CHIARI. Se il centrocampo tiene palla (al solito 60% minimo) la difesa non correrà rischi. Col pallino a noi meno opportunità avversarie, meno rischi per i tre dietro. Già col Pek meno veronicizzante abbassiamo rischi; se notiamo bene domenica scorsa i rischi erano derivanti da ammucchiate, palla a terra non andava da nessuna parte il Genoa. La questione é, affermazione stra-giusta di Vincenzino Maravilha, che tutti (tifosi in primis) attendiamo tantissimo da questa squadra. Siamo come quelli che guardano i fuochi d'artificio e che attendono "quello" più grande, più esplosivo, più colorato, enorme, duraturo.

    RispondiElimina
  34. Chiari, anzitutto ciao: felice ritorno il tuo. Siamo più forti dell'anno scorso, certo, ma abbiamo l'EL da onorare.

    RispondiElimina
  35. Con Gomez al posto di Jovetic siamo migliorati. Invece, che Rossi sia meglio di Ljajic è per me dubitabile (penso sia vero il contrario, anche se Rossi è certamente un grande giocatore).

    RispondiElimina
  36. Ecco quanto ho appena detto al Marco Siena che dà sempre la colpa di tutto ai DV. "Marco a te i DV ti rimangono nel gargarozzo comunque e sempre e ti piacerebbe farli sempre colpevoli. Nell'affaire Ljajic credo invece che c'entrino molto di più i tecnici perchè son loro che danno, che devono dare, le direttive di base entro gli schemi economici che, quelli sì, sono della società. Lasciando perdere la vexata quaestio del mancato rinnovo un anno fa, che io non mi sento di imputare a nessuno e qualcun'altro sì, è evidente che al Ljajic del 2012 ci si credeva poco, tanto che è stato quasi dato al Torino, e tanto che sono stati investiti 10 milioni ed un ingaggio pesante per prendere Pepito Rossi. Nel 2013 Ljajic è sbocciato a nuova vita, ma non tanto, evidentemente, da convincere la società, ed io dico Montella-Pradè-Macìa, a puntare tutto su di lui ed a rinunciare alla richiesta di Montella di avere, finalmente, un grande centravanti. Nel frattempo si fa avanti la banda Galliani che promette mari e monti in maniera banditesca rendendo in salita tutti i tentativi di rinnovo contrattuale. Credo molto presto, di fronte a richieste di 2 milioni o quasi, ci si convince di lasciar perdere e si vira infatti su Ilicic. I padroni potevano coprire l'offerta di Galliani? Potere si può tutto, ma hai già un monte salari abbondantemente sfiorato e rischi di scatenare una bagarre di gente che chiede, a buon diritto, revisioni di stipendio. Se non gliele dai l'armonia di gruppo va a donne di facili costumi. Una società che ha un fatturato di 60 milioni non ne può spendere più di 40 in stipendi e non se ne può permettere più di un paio, quindi, soprai 4-5 milioni di costo. Insomma se volevi puntare tutto su Ljajic e gli volevi dare tutto quel che voleva lo dovevi fare punto focale dei tuoi programmi cosa che, con soli tre mesi di ottime prove dopo tre anni di delusioni, non han creduto di fare cercando strade più sicure. Per me ha fatto bene."
    Il che è ciò che avrebbe fatto LZ, e che io non avrei fatto mai.

    RispondiElimina
  37. che nutella sia meglio di Rossi è da dimostare,ma te lo concedo;io facevo un discorso complessivo:alla luce dei movimenti di mercato ritengo nel suo insieme la coppia Rossi-Gomez migliore e non di poco di quella JoJo Nutella.Migliore come capacità realizzativa,migliore come esperienza,migliore come professionalità,migliore come "spogliatoio".Forse(e ripeto forse) la coppia slava era migliore come capacità di scambio negli spazi stretti.Ma nell'insieme rimango assoluatmente convinto(ma ovviamente sarà il campo a darmi ragione od a smentirmi clamorosamente)che oggi ci abbiamo straguadagnato nel cambio

    RispondiElimina
  38. La delusione di Deyna mi mette di buonumore perché mi sembra un fattore ciclico il suo, la sua delusione è stagionale come puòesserlo chi vende il cocomero, lo scorso anno era stata scaturita dalla cessione di Nastasic, quest'anno è stato Ljajic a procurargli un calo del desiderio, quindi dovremmo sostanzialmente vincere lo scudetto, se tanto mi da tanto, e soprattutto se la coppia là davanti segnerà tanto. Più in generale, come dice il Chiari a proposito della possibilità di fare sempre meglio, forse la perdita di Salvatore si fa sentire proprio in questi momenti nei quali ci avrebbe potuto ricordare che il Real Madrid fattura oltre 500 milioni, la Juve per tornare in Italia ne fattura meno della metà, provate a chiederglielo privatamente quanto fattura la Fiorentina e poi guardate con più calma la nostra rosa, quella del Milan, dell'Inter, della Roma. C'è solo da sorridere.

    RispondiElimina
  39. Più che sorridere c'è proprio da godere dopo abbondante masturbazione!

    RispondiElimina
  40. Grazie. Sono d'accordo.

    RispondiElimina
  41. In prospettiva penso che Jovetic e Ljajic abbiano potenziale per valere più di Rossi e Gomez (confronto che però lascia il tempo che trova, in quanto gli attuali sono due punte pure, Jovetic non proprio e Ljajic ancora meno), dei quali comunque sottolineo a scanso di equivoci che sono entusiasta, perchè sono due campioni che per il presente ci danno le garanzie che cercavamo; il punto su cui ribatto ora però non è la qualità di chi c'è e di chi se n'è andato, è un altro che esemplifico nella pratica dato che sono stato compreso poco (oppure non ho compreso io): se un giorno abbiamo Giomez squalificato e Rossi col raffreddore, chi gioca di punta?

    RispondiElimina
  42. Grazie. Sono d'accordo anche con te.

    RispondiElimina
  43. Ti sei firmato Jordan su cloaca?Questo intervento è a nome Jordan....

    RispondiElimina
  44. Sì, ma se i calcoli di Snappo sono giusti, perché abbiamo tenuto 15 milioni in ghiacciaia? C'è forse un affare Pepito per gennaio in serbo? Altrimenti quei soldi erano da spendere adesso per necessità che Deyna ha, certo enfatizzando, prospettato. Insomma, si può far trentuno quando si è fatto trenta e c'è quell'uno per arrivarci.

    RispondiElimina
  45. Abbiam perso di fantasia, di " giocate" ma abbiam guadagnato di risolutezza. L'unico problema che non ha la Maquina é la creazione di palle gol o il giocare senza punte-punte; la stagione scorsa abbiamo creato 9878 (numero inventato) palle gol con medie realizzative relativamente basse, quest'anno forse si abbassa il numero "inventato" ma si alzerà quello della media realizzativa. Io noto rose "incomplete" ovunque (Napoli in difesa, Inter in difesa, Milan in difesa, Roma in difesa e attacco, Lazio ovunque, Juve....boh....).

    RispondiElimina
  46. Colonnello, a me non risulta quella cifra considerato che il bilancio va calcolato nell'anno solare e l'aumento del monte ingaggi, certo si può fare 31, sempre,si può battere qualsiasi record del mondo, ci vogliono le condizioni però, se c'è vento contrario in pista sarà dura, per esempio tra voler comprare e comprare c'è di mezzo la volontà o meno di chi ti deve vendere quello che vuoi comprare. Il gioco dell'alzare sempre l'asticella mi ricorda troppo Montolivo per volerla praticare, a me rimane addosso una grande soddisfazione per quanto è stato fatto, per l'entusiasmo e la voglia di giocarsela con tutti che la squadra sta dimostrando. Insomma, io me la godo.

    RispondiElimina
  47. Sicuramente sbaglio io perchè siete in diversi a lamentarvi del mercato..però un paio di considerazioni:dite che le pecche sono la cessione di nutella,la mancanza di un vice pek,una punta ed un difensore( e per molti pure un portiere).La domanda che pongo è quanto avrebbe dovuto spendere la Fiorentina in totale per accontentarvi?Perchè oltre al costo degli acquisti bisogna considerare anche il monte ingaggi.E le riserve sarebbero dovute cmq essere "quasi" all'altezza dei titolari(altrimenti di cosa vi lamentate?).Lasciando stare l'effetto catena in considerazione dell'aumento di ingaggio a nutella.Perchè prendere ad esempio un Calaiò,pagando pure un discreto ingaggio,per farlo giocare 6/7 partite avrebbe avuto senso?E se prendi uno più forte(che so un Matri ad esempio),oltre a doverlo pagare,oltre a pagare un signor ingaggio,magari storce pure il naso perchè non sarebbe titolare.Allora potresti prendere un giovane,ma un giovane che gioca poche partite poi non sei in grado di valutarlo e la fai ammuffire in panchina,ripetendo lo stesso errore fatto con Neto(secondo me l'unico vero aspetto che in questi due anni è stato gestito male dalla società).Insomma,mi pare che stioa cercando il pelo nell'uovo...

    RispondiElimina
  48. Pollock, il tutto sta nella fondatezza delle cifre. Perché se siamo in pari la campagna è stata grandiosa, se ci restano 3 o 4 milioni è normale gruzzoletto per le spese straordinarie di manutenzione, se restano quindici milioni (ciò che a te non risulta e che sorprese anche me, quando lo Snappo lo annunciò qui sul sitollock) allora viene qualche pensiero, perché se vuoi acquistare non trovi mai tutte le porte chiuse. Insomma, torni lo Snappo a far chiarezza o qualcuno lo corregga con miglior cognizione.

    RispondiElimina
  49. ops...disqus mi faceva apparire sopra...

    RispondiElimina
  50. 15 milioni a me sembrano un po' troppi. Veramente troppi. Il rooster: se non ci saranno infortuni gravi a me soddisfa.

    RispondiElimina
  51. DKNE qui ci vieni di rado ma questo scherzi di Diskus sono abituali, c'è sempre da aspettare due o tre aperture di pagina prima di sapere chi scrive.

    RispondiElimina
  52. Chiarisco che non sono mai stato un tifoso criticone e non lo divento certo adesso che abbiamo una Fiorentina tra le più belle e forti di sempre, ho solo posto un dubbio di natura tecnica e penso che se ne possa parlare tranquillamente; ho avuto qualche risposta condivisibile ma nessuna risponde alla mia domanda secca.

    RispondiElimina
  53. Vita, gioca Rebic, con Joaquín e Cuadrado a fargli corona

    RispondiElimina
  54. Quella di SNap era una previsione di bilancio al 31 dicembre non un conto della serva su quel che avanza ora da un bilancio acquisti-vendite, che mi sembra più o meno in pareggio, forse con un leggero bilancio positivo. Poi se consideri la buona campagna abbonamenti, incassi al botteghino buoni o ottimi SE andiamo bene e continuiamo bene il cammino europeo e qualche altra cosa che non mi ricordo, nella migliore delle ipotesi si può pensare di arrivare a fine anno con un attivo di bilancio di 10-15 milioni, questo almeno mi ricordo.

    RispondiElimina
  55. Vitalogy giocherà Rebic, giocheremo il 4-3-3 che tanto piace a LZ, perchè di esterni ne abbiamo invece a iosa. Non puoi pretendere di aver sostituti di quel livello. A me mette molto più in pensiero pensare a chi gioca se manca Gonzalo (Hegazi non mi ha mai convinto), o,anche se non manca nessuno, chi la piglia di testa tutte le volte che vola un pallone in area.

    RispondiElimina
  56. Jordan, io chiesi quanto potevamo spendere e lui dette quella risposta. A me interessava e interessa quel che chiami il conto della serva, che la mi sembrerebbe di morto ricca con quindici milioni ni' borsello.

    RispondiElimina
  57. Vita, come centravanti giocherebbe Rebic, come seconda punta uno degli attaccanti esterni o dei giocatori che possono adattarsi ad attaccante esterno: Iakovenko, Ilicic, Joaquin, Matos.

    RispondiElimina
  58. Ljajic era chiuso in buona parte da Gomez e Rossi sicchè la società non ha ritenuto di investire su di lui cifre importanti. È stata una bocciatura tecnica, su questo concordo con Jordan. Il giocatore sarebbe rimasto comunque, la Fiorentina non voleva spendere 2 milioni di euro per uno destinato a subentrare a partita in corso. Il paragone con Rossi è molto difficile perchè non ricoprono lo stesso ruolo e secondo me non erano neppure incompatibili. Se Ljajic dovesse esplodere si tratterà di uno dei più gravi errori compiuti a Firenze. Forse persino peggiore della cessione di Baggio perchè quello non fu un abbaglio dei tecnici ma soltanto un andar dietro da parte dei Pontello a dei loro interessi economici.

    RispondiElimina
  59. Lud, non direi proprio che la bocciatura di Ljajic sia stata di natura tecnica, la società infatti ha provato fino alla fine a rinovargli il contratto, non ha ritenuto invece congrua la richiesta economica del giocatore in riferimento alla sua storia calcistica. A me dispiace che se ne sia andato, ma sono d'accordo con questa valutazione della società.

    RispondiElimina
  60. Ma non ce li hai quindici milioni nel borsello, e quello che conta è il bilancio finale, quello che hai speso e quello che hai incassato nell'anno, perchè, se non torna, ce li devi rimettere. Il bilancio finale lo fai a dicembre, non a agosto, ora puoi solo fare previsioni. Comunque in soldoni per il conto della serva, hai speso per Gomez (15,5), Rebic (4,5), Ilicic (9), Joaquim (2), Tomovic (1.6), Cuadrado (5), si è incassato per Jovetic (26), Ljajic (11), Seferovic (3), Cerci (4,5). In soldoni (ma poi ci sono acquisti e cessioni minori) sarebbero 6-7 milioni di attivo, ma ci sono i 10 di Rossi spesi a gennaio. Insomma non credo che avanzasse poi gran che, ma magari ho saltato qualcuno.

    RispondiElimina
  61. In generale, la rosa messa in piedi è molto buona, poi dipende dalle aspettative che si hanno, io penso che si potrà lottare per arrivare un posto in CL e per vincere Coppa Italia e/o Europa League.

    Il mercato è stato molto buono, c'è stata però un'oggettiva difficoltà a vendere, per cui alcuni giocatori sono stati dati solo in prestito (Mounir, Romulo, Cassani) e altri ci sono rimasti sul groppone (Olivera, Vargas), mentre Felipe è stato ceduto a titolo definitivo ma a zero euro. Il guaio è che in Italia tanti soldi in giro non ci sono (in Italia, poi in Inghilterra vedi cifre incredibili, tipo 50 milioni per Oezil, 35 milioni per Lamela o 33 milioni per Fellaini) per cui c'è stato poco da fare. Se fossimo riusciti nell'intento di cedere tutti gli esuberi, recuperando un po' di soldi e soprattutto facendo calare il monte ingaggi (3 milioni lordi all'anno a Vargas, ricordo), magari avremmo preso un altro giocatore.

    RispondiElimina
  62. LZ non è stata una bocciatura, è stata una scelta, quella che tu hai rimproverato mille volte e che io invece approvo. O facevano come dicevi tu puntandoci tutto e facendolo punto focale, rinunciando quindi a chi gli avrebbe chiuso la strada ed impedito di soddisfare le richieste economiche, o lo lasciavano andar via cercando di monetizzare il più possibile e combattendo lo scorrettissimo Galliani. La via dei tutti contenti, cioè rinnovare qui a due milioni con Gomez e Rossi è impossibile per esigenze di equilibri salariali, si fosse accontentato di quel che gli offrivano, capendo che forse anche lui voleva correre troppo, sarebbe stata la soluzione ottimale, ma dopo le offerte del bandito la testa del giocatore e dei familiari volava su altre aspirazioni.. Io, per uno che ha giocato tre mesi, avrei seguito la strada della società. Facendo come dicevi tu il monte salari alla fine era quasi lo stesso (se dai tre milioni a Gomez stanno zitti, ma se ne dai due a uno che ha giocato tre mesi li vogliono anche gli altri), gli abbonamenti restavano i soliti 12000 annuali, l'entusiasmo dei tifosi era molto inferiore ed io credo che anche le potenzialità della squadra lo sarebbero state. Ergo per me han fatto bene.

    RispondiElimina
  63. Quelli che dice il Colonnello più Jakovenko, caro Vita. Certo si può sempre dire che se si fa male uno dei due titolari le riserve non sono alla stessa altezza, ma non è questo il punto, il punto per me è di valutare se siamo messi meglio o peggio dell'anno scorso, anche in attacco, quando già si fece molto bene, sia come titolari che come riserve. Per me siamo messi meglio.

    RispondiElimina
  64. E Jakovenko.

    RispondiElimina
  65. Siamo tutti d'accordo su come è andata. Se la Fiorentina l'avesse ritenuto tanto importante l'avrebbe trattenuto. Sulla bontà di questa valutazione solo il tempo potrà dare indicazioni. Al momento da appassionato io ho notato che Ljajic è un ottimo giocatore. La richiesta della Roma e il modo in cui si è inserito segnando alla prima uscita sembrano confermare la valutazione di grande "prospetto" come si dice. Ma la valutazione dello staff viola sarà stata approfondita e avrà tenuto conto di tanti aspetti, anche caratteriali.

    RispondiElimina
  66. Prima di postare sono andato a riguardarmi tutte le rose delle squadre maggiori, tanto per vedere quanto questo mercato ha spostato in termini di differenza tecnica. Da una mia personale analisi trovo che:

    La Juventus ha acquistato maggior peso in attacco ed un ricambio in difesa. Punto debole il fatto che tre uomini cardine come Buffon, Pirlo e Barzagli hanno un'età che può pesare e non hanno sostituti.

    Il Milan esce dal mercato senza aver migliorato i reparti dove era più deficitario, cioè difesa e centrocampo. Reparti dove quest'anno hanno anche meno ricambi. Migliorato l'attacco che però non era il punto debole.

    L'Inter è quella dello scorso anno, forse con una panchina più lunga, ma con uomini chiave logori e un tasso tecnico nel complesso mediocre.

    La Roma rinforza un centrocampo già buono. Acquista un centrale difensivo buono, ma perde un potenziale fuoriclasse del ruolo. Perde un centravanti importante non rimpiazzandolo e con il cambio Lamela - Ljajic non ci perde e non ci guadagna.

    Il Napoli vende Cavani e nel cambio con Iguain un po' ci perde. Il cambio della difesa, che passa a quattro, lo indebolisce perché Maggio passa da ottimo incursore a terzino mediocre e i centrali non sono campioni del ruolo. Gli esterni d'attacco presi sono una riserva di una riserva nel Madrid ed un discreto specialista.

    Noi abbiamo colmato quelle che erano sembrate le piccole imperfezioni dello scorso anno. La rosa nel complesso è bilanciata e rispetto alle concorrenti non così carente. In generale mercati faraonici non sono stati fatti e ognuno presenta difetti strutturali. A mio parere come undici titolare siamo forti come la Juventus, come rosa nel complesso siamo a livello delle prime tre.

    RispondiElimina
  67. Ottimo FOCO, il tuo discorso é come una semplice shampista: non fa una piega.

    RispondiElimina
  68. Bravo compagni Cheyenne, bella disamina. Unico punto ancora da chiarire è quello riguardo a Ljajic che non sappiamo dove può arrivare. Per me può diventare più decisivo di Lamela.

    RispondiElimina
  69. Secondo Violanews il saldo attivo del mercato è di circa 5 milioni di euro.

    RispondiElimina
  70. Vorrei un attimo focalizzare il discorso su Vecino, che si allena con noi sin da gennaio, anche se il suo tesseramento è stato depositato solo a fine agosto: sono mesi che si dice che in allenamento fa faville e che è un ottimo centrocampista. Resta il fatto che, nonostante sia il meno giovane dei tre giovani di centrocampo (è del '91, mentre Wolski è di fine '92 e Bakic di fine '93) e quindi in teoria il più esperto e il più pronto, sembra sia stato scavalcato dalle gerarchie da Bakic, inserito nella lista EL e già entrato in campo contro il Grasshopper, e forse pure da Wolski, che non è nella lista europea ma ha giocato alcuni minuti contro il Genoa.

    RispondiElimina
  71. Bene, ora avete risposto: Rebic con Ilicic alle spalle, oppure Rebic con sulle fasce Cuadrado e uno tra Joaquin e Iakovenko. Sono per forza di cose le due soluzioni che immaginavo anch'io, però presuppone che Rebic sia già pronto (non pretendo a valere Rossi o Gomez come giustamente sottolineate, ma almeno per compicciare qualcosa), lo è? Le descrizioni che ho letto dicono non ancora, a questo punto spero che si sbaglino.

    RispondiElimina
  72. A fare il centravantone ed a prendersi sulle spalle le responsabilità dell'attacco forse non è pronto (anche se mi dicono che ha carattere e magari fa presto), ma tecnicamente è molto forte, sarebbe meglio cominciare a farlo giocare insieme a Gomez o a Rossi e magari succederà, o che li vuoi far rompere tutti e due insieme? Se gioca e fa minuti credo che non gli ci voglia molto per essere utile. Più centravanti di lui, come interpretazione del ruolo, anche se verdissimo perchè è del '97, è Marko Dabro che spero non si perda nelle delusioni del Poggioloni. Bisognerebbe che anche a lui, per tenerlo su di spirito, l'aria della prima squadra gliela facessero respirare, allenarsi e stare anche solo in panca è già qualcosa per uno di sedici anni.

    RispondiElimina
  73. Tutti e tre nascono con ruoli simili, cioè quello della mezzala offensiva o trequartista, anche se Vecino è più abituato a giocare anche esterno, ma dei tre l'unico che ha qualche affinità o potenzialità per il suolo di play è Bakic che, per questo, credo, è stato quello un po' più utilizzato. Per me almeno un paio dovevano essere mandati a giocare perchè rischiano anche loro di perdere un anno, ma questa mania di tenere i giovani in panca non l'ho mai capita.

    RispondiElimina
  74. Speriamo che a Dabro una veduta panoramica delle Caldine gliel'abbian fatta vedere prima della firma!

    RispondiElimina
  75. Ohohohohohohoh, una risposta! Bene, allora lo Snappo era andaho di fori, come sembrava a parecchi e cinque milioni di rab, per le riparazioni del tetto o per la tinteggiatura della facciata, sono comprensibili e ti rimangono eventualmente per gennaio.

    RispondiElimina
  76. Foschi parla di un attivo di 4 milioni

    http://www.firenzeviola.it/news/foschi-viola-gomez-affare-dell-estate-141463

    RispondiElimina
  77. Se alla fine dell'anno esiste pure un attivo la già fantastica squadra allestita diventa quasi epica....

    RispondiElimina
  78. Infatti, Jordan, io mi aspettavo che uno o due, su tre, fosse mandato in prestito, visto che a centrocampo c'è un certo affollamento: davanti a loro, per tre posti (o quattro, quando manca Cuadrado?), ci sono Pizarro, Valero, Aquilani, Ambrosini e Mati.

    RispondiElimina
  79. Violanews parla di attivo di mercato estivo, Snappo parlava di bilancio in generale, considerando dati più tecnicamente contabili, come plusvalenze, minusvalenze, ammortamenti e probabili incassi dall'EL.

    RispondiElimina
  80. E intanto una moltitudine di espertoni si affretta a relegarci in seconde file, posti dietro e candidature a niente. Ecco, queste sono le opinioni che mi piacciono. Quelle dettate da servilismo e preoccupazione, perché sono quelle che ci svelano veramente la nostra forza. Tutti a reiterare che non abbiamo un portiere, come se in porta la domenica presentassimo una sedia. Tutti a ribadire che manca il vice-Pizarro, perché il cileno da quello che sottintendono c'avrà si e no un mese di vita. Io li adoro gli esperti. Soprattutto quelli che quando li leggi poi ti domandi chi cazzo siano. Prepariamoci, quindi, ad un campionato senza troppe illusioni e cerchiamo di stare al nostro posto, che gli oracoli hanno parlato. Ma se poi invece si continua a spaccar culi?

    RispondiElimina
  81. Vita, è pronto in una situazione di emergenza quale tu hai disegnato. Ecco, ora Pollock parla di 4 milioni: insomma, nulla a che fare coi quindici di Snappo e quindi nessun rimpianto.

    RispondiElimina
  82. ADV dette per certo l'acquisto di un centrocampista, probabilmente ritenendo scontata la defecazione di Vargas e Olivera, che invece ci sono rimasti nel retto. Rispetto all'ottima disamina di Foco aggiungerei che Inter e Napoli sono migliorate se non altro nella guida tecnica, essendo Stramaccioni nettamente inferiore a Mazzarri e quest'ultimo meno bravo di Benitez.

    RispondiElimina
  83. Che è ciclico è vero, ma l'anno scorso fu dovuto alla botta mancato Berbatov + cessione di Nastasic, al pacchetto completo. Perché vedevo quella formazione, con i due dentro, competitiva a livelli da sfiorare la lotta per lo scudetto. Cosa che in molti non condividevano qui, quindi non ero pessimista per principio, ma per dei motivi, condivisibili o meno. Quest'anno è successa la stessa cosa, e lo dicevo all'inizio dell'estate: se confermiamo Ljajic e il Pek, con un forte difensore e un vice-Pizarro siamo da scudetto. Ljajic è stato dato via e non è arrivato nessuno degli acquisti sperati, ergo ottimista non sono. Anche perché è più difficile confermarsi ai livelli dell'anno scorso che arrivarci...

    RispondiElimina
  84. L'errore secondo me è porre Ljajic in competizione con Rossi: sono due bestie diverse, uno è un trequartista che sa finalizzare come una seconda punta, l'altro un superspecialista del ruolo di punta, una seconda che tende alla prima [ehi, non parlo di tette]. La sfida per Montella per me era - oltre che alternarli per non usurare e rischiare Rossi - quella di trovare il modo di farli giocare assieme, con Ljajic a partire da più lontano e fare il vuoto nelle difese. Avremmo avuto un attacco con pochi uguali in Europa, senz'altro il più forte in italia.

    RispondiElimina
  85. Ripeto, Violanews e Firenzeviola parlano di attivo di mercato estivo, Snappo parlava di bilancio in generale, considerando dati più tecnicamente contabili, come plusvalenze, minusvalenze ed ammortamenti, nonché i probabili incassi dall'EL.

    RispondiElimina
  86. Promesse di ADV sul centrocampista non le ricordo, comunque, possibile che l'abbia detto prima dell'acquisto di Ambrosini o di Ilicic?

    RispondiElimina
  87. Presto verranno interpellati tuttologhi quali gli ex concorrenti del Grande Fratello

    RispondiElimina
  88. http://www.tuttomercatoweb.com/serie-a/fiorentina-della-valle-preso-ilicic-ma-non-ci-fermiamo-ci-saranno-sorprese-468500
    Parlò di cessioni inevitabili "di alcuni ragazzi che non rientrano nei piani di Montella" e di successivi rinforzi a centrocampo.
    Anche Montella si era espresso chiaramente per avere un centrocampista, magari già individuato ma che non è stato poi possibile acquistare.

    RispondiElimina
  89. Non che abbia grande importanza, ma ho letto l'articolo e non parla di nuovi acquisti a centrocampo, boh, forse non l'ho visto io.

    Trascrivo l'articolo, per completezza:

    Il presidente della Fiorentina Andrea Della Valle ha incontrato la stampa presso la sala stampa del campo sportivo "Cesare Benatti", parlando anche del mercato viola: "Qui è tutto bellissimo. Sembra di essere a scuola quando ti bocciano e poi provi a fare due anni in uno. Abbiamo recuperato anche di più di un anno di bocciatura. Siamo andati più in fretta di quanto aspettavamo. Abbiamo alzato l'asticella, non possiamo nasconderci, lo dobbiamo ai tifosi. Loro mi hanno sempre dato una grande carica, ma l'affetto della settimana scorsa è stato stupendo. Quel giorno al Franchi mi ha dato la certezza del grande affetto che la città prova per la squadra. Neanche Gomez se lo aspettava. Faremo ancora molto. L'accoppiata mitica mi ha avvertito che è arrivato anche Ilicic, un grande giocatore. I dettagli li saprete presto. Un altro tassello importante. E' il primo anno che facciamo la preparazione con l'organigramma praticamente al completo. - si legge su FirenzeViola.it - Insieme ad altre 5-6 squadre possiamo sognare la Champions League. Qualcuno vorrebbe che dicessi anche un'altra parola, ma per adesso può arrivare solo dopo qualche mese. Le premesse sono buone ed è inutile nascondersi. Come dice il mister è lecito sognare, e qualche volta i sogni si realizzano. Qui si sta bene e vorrei restare ancora a lungo. Si respira grande professionalità. C'è un mix tra giovani, fuoriclasse e uomini di esperienza che sarà la miscela giusta per puntare in alto. L'anno scorso pensare di avere Rossi-Gomez era un sogno, potevano prendermi per matto. Firenze è tornata ad essere un punto di riferimento per grandi campioni. Riportare giocatori come Gomez e Rossi, anche se dopo un lungo infortunio, vuole dire che la Firoentina è tornata attraente. Ci sono alcuni ragazzi che dovranno lasciare Firenze perchè non rientrano nei piani di Montella, mi dispiace ma non potremo fare altrimenti. I sacrifici mi stanno ripagando. L'altro giorno mi sono sentito veramente orgoglioso di quello che abbiamo fatto. Questo percorso ha portato ad avere un grande gruppo che ora dovrà dimostrare di poter stare al vertice".

    Su Jovetic e Ljajic: "Voglio ringraziare Jovetic per quello che ha dato a Firenze. Le promesse si mantengono, è andato al Manchester quindi all'estero. Ci sono stati momenti delicati della trattativa e devo ringraziare Cognigni perchè è riuscito a sbloccare la trattativa. Anche Ramadani si è comportato in modo molto serio. Gli facciamo tutto l'in bocca al lup. Ljajic? Ci ho parlato. I dirigenti ci parleranno e sono ottimista per la trattativa. Non era la priorità per questi giorni, nei prossimi giorni potrebbe essere lui. Con il rispetto reciproco e con il buon senso possiamo trovare una buona soluzione. Posso confermare che non ci sarà un altro caso Montolivo".

    Sullo stadio: "A settembre ci ritroveremo per parlare di tutta la situazione, c'è da lavorare tanto, la situazione è complicata ma non impossibile. Sono ottimista. A settembre cercheremo di essere più chiari possibili".

    Sulla Lega: "C'è qualcosa da fare a breve. Non si può pensare di avere fuori dal consiglio di Lega squadre come Juve, Inter e Fiorentina. Nei prossimi mesi dovremmo sederci tutti insieme e trovare una soluzione tutti insieme. Dovremo incontrare anche la Juve per sbrogliare questa situazione irrazionale. Il problema è che gran parte dei tifosi italiani non sono rappresentati nel consiglio di Lega".

    Su Ilicic: "Sì, è arrivato lui ma non ci fermiamo, arriveranno altre sorprese. Vogliamo rinforzare soprattutto il centrocampo. Lotteremo per la Champions League, era da tanto che non lo dicevo. C'è un entusiasmo straordinario, lunedì si è visto e devo dire che non mi emozionavo così forse dalla nascita dei miei figli".

    RispondiElimina
  90. Montella l'ha chiesto più di una volta un vice-Pizarro, una volta mi sembra abbia accennato anche a un vice-Gonzalo. Può essere che abbiamo individuato un giocatore ma non siano riusciti a prenderlo.

    RispondiElimina
  91. Boni che la stagione è lunga e siamo solo ad inizio settembre. Abbiamo una competizione in più dello scorso anno. Capisco la necessità di far fare esperienza ad un giovane, ma ricordate che c'è anche il mercato di gennaio e in quella sessione, se avremo ancora problemi di abbondanza, allora potremo sfoltire un po'.

    RispondiElimina
  92. Alla fin fine, abbiamo una rosa di 30 giocatori (compresi 3° e 4° portiere, nonché gli ex esuberi Olivera e Vargas):

    http://it.violachannel.tv/giocatori.html

    RispondiElimina
  93. Questa è la Lista A (non i giovani, quindi) depositata oggi dalla Fiorentina alla UEFA per l' Europa League:
    Alonso, Ambrosini, Aquilani, Bakic, Borja Valero, Compper, Cuadrado, Fernandez, Gomez, Iakovenko, Ilicic, Joaquin, Munua, Neto, Pasqual, Pizarro, Rodriguez, Roncaglia, Rossi, Savic e Tomovic.


    Mancano Olivera e Vargas, naturalmente, continuano a mancare Vecino e Wolski (ma Bakic c'è), non c'è Lupatelli, non c'è Hegazy infortunato, soprattutto non c'è Rebic, per cui Vitalogy dovrebbe rifare la sua domanda riiferita all'EL.

    RispondiElimina
  94. "vogliamo rinforzare soprattutto il centrocampo".

    RispondiElimina
  95. Ok, ho letto, scusa, prima non l'avevo visto per incipiente demenza (non ancora senile).

    RispondiElimina
  96. Anto, la lista può essere via via aggiornata fino a gennaio. Certo che il mistero Vecino non fa che addensarsi.

    RispondiElimina
  97. Al nostro mercato è mancato l'arrivo di un paio di buoni difensori e quello di un centrocampista. La squadra è comunque molto buona e, già da ora, può dire autorevolente la sua per un posto in CL. Sinceamente vedo ancora la Juve un passo avanti a tutte, per qualità di organico e per la sua garra in campo, che ne moltiplica il semplice valore tecnico. Per lo scudetto, dunque, la vedo nettamente favorita. A seguire ci sono il Napoli e noi, con valori tecnici pressoché identici. A fare la differenza saranno gli allenatori e gli impegni nelle coppe, oltre, inevitabilmente, alla fortuna. Quindi, a breve distanza, vedo la Roma, che però ha perso qualche giocatore importante e ne ha sostituito in pratica solo uno con un pari valore. Però Totti, che è l'anima del negozio, avrà un anno di più (andrà per i 37, che non son pochi per un attaccante). Un gradino decisamente sotto le due milanesi e la Lazio, con l'Inter (liberatasi finalmente dello sprovveduto Stramazzato) già ben strutturata da un allenatore tanto antipatico quanto intelligente, un passo avanti alle altre due. Nel Milan credo poco (aiuti arbitrali a parte). Matri e lo stracotto Kaka non possono mutare più di tanto la fisionomia di una squadra, valida in attacco, ma deficitaria dietro e nel mezzo al campo. La Lazio continua ad avere un ottimo 11 titolare, ma riserve non all'altezza e Klose ormai avviato all'età della pensione.

    RispondiElimina
  98. Se la Fiorentina partisse favorita per lo scudetto rischierebbe moltissimo in tema di ingiusti arbitraggi fin dalle prime giornate. Meglio restare nascosti il più a lungo possibile. La parola è tabù. Siamo quinti nella classifica degli allibratori? Bene, fossimo decimi sarebbe anche meglio.

    RispondiElimina
  99. Sono perfettamente d'accordo con te, Colonnello.

    RispondiElimina
  100. Può essere aggiornata? Pensavo fosse fissa fino a gennaio, quindi per tutta la fase a gironi, e poi si potesse aggiornare a fine gennaio o inizio febbraio per la fase ad eliminazione diretta.

    RispondiElimina
  101. Voglio aggiungere che la stessa Fiorentina di Sinisa il primo anno alle prime giornate non è stata trattata bene. Spesso una Fiorentina forte viene ricollocata al posto che le spetta con due o tre arbitraggi chirurgici a inizio stagione. E' una eventualita' sempre possibile.

    RispondiElimina
  102. Nel 2010 alla prima giornata il pallone dell'1-0 di Cavani non aveva passato la linea. Nella partita successiva a Lecce fu annullato un goal regolare a Koldrup. Dopo due giornate Sinisa aveva un punto in classifica ma non per sua colpa.

    RispondiElimina
  103. McGuire, sei d'accordo con Lud, non con me.

    RispondiElimina
  104. Così avevo letto, Anto: «può essere aggiornata fino a», nell'entità di tre effettivi, se non erro. Ma forse va verificato.

    RispondiElimina
  105. Discus continua ad attribuire questo post a Lud...

    RispondiElimina
  106. Ciao a li amici di blog. Cè tra li amici uno amico di Roma? Mi sono perso in Ikea di Bufalotta, zona di soggiorni smürd, mi può venire a prendere?

    P.S.
    Amico Ludovico vedo sempre la tua di foto con mano su testa, hai cefalea? Io per male di testa uso Zigulì forte, con me fa bene, conzilio.

    RispondiElimina
  107. Ahahahaha mi sono scoperto! Abitudine al Foco maledetta!

    RispondiElimina
  108. Calamai (su Radio Blu) per Jordan:


    «Sono convinto che senza gli stipendi di Vargas ed Olivera a carico, la
    Fiorentina avrebbe preso Julio Cesar. Dunque pensate voi che rammarico»

    RispondiElimina
  109. ahahah lo immaginavo, sulla paternità del post in italo-slavo di ieri ero indeciso tra te e il Sopra!

    RispondiElimina
  110. Foco è il primo multinick del blog

    RispondiElimina
  111. Sono infatti io Vita. Come vedi so trovare attenuanti anche a Sinisa. Partire tanto male non lo avvantaggiò certo.

    RispondiElimina
  112. Sono sempre tuo amiko Mario tramite Lud. Io mai messo piede Ikea, in kasa ho solo pezzi di jean prouve che piacere molto Karina. Anke Castiglioni. Konsiglio!

    RispondiElimina
  113. anch'io son convinto che lui non capisce un cazzo e gliel'ho anche detto. Poi ho iniziato un lungo duello col Simone Bargellini sul posto dell'extracomunitario che lui assicura noi si sarebbe avuto, però ancora non mi ha detto chi si sarebbe venduto all'estero per avere questo diritto. ha cominciato con Everton che è tornato in Brasile, ma è giovane di serie ed ha passaporto italiano, quindi è una balla, ha continuato con El Hamdaoui ma ha passaporto olandese ed è un'altra balla, ha finito (per ora) con jackson Beckam Da Silva che è come Everton, giovane di serie e con passaporto italiano. Insomma brancolano come ciechi nel buio, sanno solo inventar cazzate. Pensare che risparmiare mezzo stipendio scarso di Vargas ci avrebbe consentito di spendere sei volte almeno di più per prendere Julio Cesar, senza avere, fino a prova contraria, nemmeno il diritto al tesseramento, è roba da Calamai!

    RispondiElimina
  114. L'italo-slavo-rumeno l'ho imparato in modi creativi...comunque era un modo per stemperare l'aria. Bravo Lud per l'ironia.

    RispondiElimina
  115. Io ricordo che quando Cinguetta&friends avevano preso di mira Corvino dopo l'addio di Brandelli, hanno passato 2 anni a rinfacciargli 1000 volte al giorno che gli acquisti di Avramov e Gulan avevano bruciato 2 posti da extracomunitario, quando invece non era così in quanto erano provenienti da società italiane.

    RispondiElimina
  116. Uno almeno ce ne vuole, di più fa cloaca.

    RispondiElimina
  117. Anto, me l'hai ripetuto, ma io ripeto che lamia domanda allo Snappo era quanto potevamo spendere ancora in questa sessione di mercato, qual era la bilancia. Dell'utile al 31 dicembre me ne frego e me ne fregavo, fascistasopramente. Dunque, dove vai le son cipolle.

    RispondiElimina
  118. Vita a me mi fanno incazzare non poco e mi dicono che sono arrogante, ma porca miseria, un tifoso può al limite anche parlare un po' a braccio o a vanvera, di giorno e si guadagna i' pane a fare altro. Ma loro, porco mondo un'altra volta e li pagano. Andare a leggisi i regolamenti e cerca' di capicci quarcosa e dovrebbe essere un dovere primario. Invece no, parlano pe' sentito dire come quelli di' Bar Marisa. Su Fiorentina.it ancora un n'hanno mica smentito la cazzata che chi gioca i play-off di Champions o di EL un po' più giocare per un'altra squadra in Europa. Gli ho mandato anche copia del regolamento UEFA, ma loro, duri, l'hanno detto e anche se l'è una cazzata un si po' correggere.

    RispondiElimina
  119. un multinick co' i' solito nick gli è un po' strano. Di là e ci è e professionisti artro che smanie!

    RispondiElimina
  120. Tanto per non fare come i giornalisti;

    "18.18 For all matches from the start of the round of 16, a club may register a

    maximum of three new eligible players for the remaining matches in the

    current competition. Such registration must be completed by 3 February 2014

    (24.00 CET) at the latest. This deadline cannot be extended."



    Quindi per questa fase a gironi non puoi fare modifiche, puoi aggiungerne o cambiarne fino a 3 a partire dai sedicesimi finale.

    RispondiElimina
  121. Colonnello te tu te ne poi anche fregare, un tu paghi mica te, ma chi paga e un se ne frega, e gli interessa quello che vien fori dai bilanci finali non quello che ci ha più o meno occasionalmente in tasca a metà anno. Quanto pole spendere lo decide in base ai bilanci previsionali cioè a quanto e ci guadagna o ci rimette alla fine, e di rimettici e cerca d'evitallo.

    RispondiElimina
  122. Ripeto, state parlando di cose diverse.

    RispondiElimina
  123. Può darsi, non lo escludo, ma per tenerlo si dovevano fare scelte precise e, secondo me, molto rischiose, ed è lui che è voluto andar via non bastandogli quello che gli offrivamo che era pur sempre la considerazione dell'allenatore che l'aveva fatto rinascere ed il raddoppio dello stipendio.

    RispondiElimina
  124. Almeno un giornalista amico ce l'ha: http://www.brividosportivo.it/it/archivio-notizie-flash/22451-finalmente-neto.html

    RispondiElimina
  125. Io invece pensavo che fosse Deyna

    RispondiElimina
  126. Ma se ora sono cinque e a dicembre sono quindici dove sta il problema. Ho detto già due volte che se rimaniamo con cinque adesso non si poteva far meglio di così!

    RispondiElimina
  127. Se son cinque oggi e quindici a dicembre, possiamo spenderne magari 10-12 a gennaio.

    RispondiElimina
  128. BLIMP, ho letto il tuo richiamo al 4o rigo. Da stamane du' cojoni con la questura per una firma in un banchetto, uffà....Io avevo letto di Andrea Della Valle che affermò "Rafforzeremo con forze fresche, forze nuove...", e io ho firmato per Forza Nuova. Disorientato...ah ah ah ah ah ah ah......Ma insomma 'sto gruzzolo c'è o no? A me del tesoretto per gennaio frega nulla, ora! Come quando il padre dice "Non spendere soldi, tienili da parte per quando serviranno....", poi succede che arriva 'na strappona e succhia via tutto. I soldi. Quindi? Ci sono o no? Il Padoa SNAPPO della situazione s'è dato profugo, BLIMP è in balia delle figurine da scambiare per Savic (andata male l'asta, banditore? Eh eh eh eh), ANTO moltiplica pani, pesci, denari.....mah....LUD, ottima l'anacronistica istantanea sulla falsa partenza di Mihjlovic. Brevettala così la potremo usare anche per la Fiorentina '82, la viola 2013 (anche se in coda e non all'inizio del campionato). A parte gli scherzi, é una piccola ma amara e veritiera disamina, la tua. Scusate, siamo slow tifood, quindi ora me faccio 'na panzanella, cor basilico e li pomodori freschi, risparmaindone solo uno per Liajic a Firenze...eh eh eh eh.....

    RispondiElimina