.

.

lunedì 25 febbraio 2013

Il teatro di una domenica di neve e quindi di scheda bianca

Avrei dovuto fermare il blog per neve. Rinviare il post per non sporcare il manto bianco del foglio con il commento di una giornata di campionato insulsa, conclusa con un derby dal sapore di centroclassifica. Una domenica di facce anonime quella senza la Fiorentina, se non fosse stata illuminata dal viso e dal talento di Gaia Nanni. E dal suo spettacolo. Mi sono rifatto ampiamente con la più bella e brava attrice fiorentina. Un emozione. Teatro e seggio elettorale in una domenica strana, stregata dal manto moro di una ragazza splendida alla quale ho dato il voto. La mia preferenza è andata a lei quindi in questa domenica flagellata dal maltempo elettorale, a lei alla quale darei persino l’Oscar se non ci fosse il rischio di far passare una candidatura a un premio per uno spot a un candidato come Giannino. Un laureato tale e quale a Vittorio Cecchi Gori. Uno che mi ha persino sputtanato il diminutivo. E’ per applaudire Gaia ancora una volta che non chiudo il blog per neve, “Camere con crimini” è un successo americano di Bobrick e Clarck, un successo come i tanti recenti di Montella anche se Bobrick e Clarck non sono i nuovi stranieri della Fiorentina ma gli autori. Un bell’adattamento per un bel pomeriggio lontano dall’Orco Rubio Guetta, dalle creste e dai tatuaggi di uno sport abitato sempre di più da tamarri, lontano dalla simulazione e dal solito coro razzista a Balotelli, un pomeriggio liberato dall’assedio d’interviste noiose come il sudoku, condito invece con l’interpretazione di una bella compagnia teatrale nostrana come il salame della macelleria Chini a Gaiole,  Kimera teatro in scena oltre che con Gaia Nanni anche con i bravissimi Marco Contè e Fabio Rubino che mi perdoneranno certi paragoni, loro che non sono una kimera come invece lo è ormai un salame “bono” se a uno gli viene voglia di mangiarlo lontano da Gaiole ed è costretto ad andare alla Coop. La Littizzetto infatti è brava a San Remo ma non è affidabile quando fa la pubblicità e poi non è bella come la Gaia, anzi, se fossi uno dei due fratelli Chini farei fare alla Nanni la testimonial per i loro salami, un po’ come la Ferilli per Poltrone & Sofà. Ah, un monito a tutti, alla Gaia ci tengo molto, io e solo io posso fare lo spiritoso, non accetterò nessuna battuta o volgare apprezzamento, non fatevi riconoscere, non fate i Montolivi della situazione. Brava Gaia, un abbraccio.

125 commenti:

  1. L' asservimento dell'informazione sportiva nei confronti del potente e della legge dell'audience, non conosce limiti.





    Nessuno che scriva che il derby di Milano ha fatto pena.




    Stramaccioni per aver strappato un pareggio ( in casa)  viene trattato da trionfatore.

    RispondiElimina
  2. Poeta, la Bice è gelosissima, fa attenzione.

    RispondiElimina
  3. Più che alla Bice penserei alla Rita. Meno male che non legge la riblogghita!

    RispondiElimina
  4. Il Milan in recupero dai beveroni del martedì, l'Inter che chissà se recupererà mai (spero ovviamente di no) che si voleva che facessero? Risultato buono per noi, anche se, viste le condizioni pessime stabili dell'Inter, era forse meglio se vincevano loro. Però ora bisogna vincere noi, gli altri sono andati anche troppo piano finora, non si può pretendere che seguitino all'infinito se no in Champions ci va il Catania! 3 punti a Bologna e pochi discorsi.

    RispondiElimina
  5. Gaia, Bice e Rita, tre nomi di donna che non fanno la ridondanza di un'Antonietta. Adesso mi aspetto  che qualche buontempone non adombri anche la gelosia di Ciro.

    RispondiElimina
  6. E Antonietta chi è? un'altra? o poeta te tu se' un'acqua cheta!

    RispondiElimina
  7. Non è nessuno Antonietta se non l'esempio di una che ha un nome troppo lungo anche per Twitter.

    RispondiElimina
  8. Macellerie africane


    Pollock, io conoscevo la macelleria in piazza di Greve, quella di Gaiole e'migliore?

    Jordan,
    credo sia inutile continuare a cercare un dialogo costruttivo con un
    integralista, che in quanto tale crede alla sua fede e non risonosce
    opinioni altrui.Farebbe meglio ad esser chiaro,(in pratica modo
    sconosciuto per mentore e adepti) e dire" anche se mi portaste prove,
    filmati e testimonianze, io ho fatto un voto all'ubbidienza e credo e
    tutto quello che potrebbe andare a scalfire l'immagine dell'Eletto,
    e'falso a prescindere" cosi'da evitare noiosissime parole che sono al
    vento.

    Pongo, pero', doverosa pietra tombale con due incisi per l'integralista Lud:

    1)nonostante
    tu continui a sguazzare nel torbido, Sinisa non e' il mio protetto come
    ripeto da mesi, solo un professionista e uomo correttissimo e per
    questo so che vi resta indigesto.

    2)non
    erano voci di corridoio ma voci di spogliatoio.Quando sono a Firenze
    sono spessissimo nell'ambiente squadra societa',(da sempre) e li',
    ricordo bene il periodo post Monaco, non si parlava altro che
    dell'accordo (non pour parler) tra i due gobbi.E'un fatto che molti dei
    suoi protetti, volesse seguirlo a Torino, compreso l'infame, l'aria di
    smobolitazione era tangibile e crollo' definivamente dopo aver messo
    Felipe su Robben.Io mi meravigliavo che tale scandalo non fosse
    riportato nei giornali nonostante fosse di domino quasi pubblico,(mica
    possedevo il segreto di Fatima) ma ragionandoci bene, il santino riusci'
    nello scisma, perche' solo cosi' avrebbe potuto liberarsi dal
    contratto: da una parte lui, l'imbonitore che nulla sbaglia e possiede
    il Verbo, con gli adoranti scribacchini fiorentini da una parte, assieme
    ai bercianti fedeli come te, Lud, dall'altra l'odiato analfabeta
    Corvino, e i cattivi e bugiardi DV che gli affidavano il timone.Ma DDV
    apprese, finalmente, il piano, convoco'Calamai ed e'storia.

    Non ho la pretesa di esser creduto, tantomeno dagli  integralisti,  ma cosi' ando'.

    Ora,
    caro Lud, vuoi ancora stare a parlare di non gioco di Sinisa in quelle
    condizioni talebane, con rosa tecnicamente scarsa e senza Jovetic, con
    scribacchini e "tifosi viola"come te a berciare su squadra, Corvino e
    societa' per immolarsi per sua santita'?Vaia vaia...

     

    Lele

     

    P.S. mi scuso con tutti,non rientrero'mai piu'nell'odioso argomento.
     

    RispondiElimina
  9. Il salame del Chini (opportunamente stagionato, purtroppo la richiesta però è superiore alla produzioe) è inarrivabile come la frizione per Brunetta.

    RispondiElimina
  10. Nell'argomento ti ci vai sempre a cacciare tu, Lele e finisci per chiamare in causa me e gli altri a seguire. All'origine della lunga discussione di questi giorni sta una mia osservazione sul dopo-Prandelli. Mi sono limitato a dire che dopo Prandelli avrei preferito che ad allenare la Fiorentina, anzichè Mihajlovic, fosse un allenatore italiano giovane uscito da Coverciano. Me lo concedi o debbo scrivere per forza quello che pensi tu per evitare le tue proteste? Per quanto riguarda la questione Prandelli-Juventus, mi è sorta la curiosità di rileggere le dichiarazioni di Della Valle. Ne emerge: a) che le voci giravano da tempo; b) che la conferma venne a Della Valle da un colloquio con il proprietario della Juventus quindi un Agnelli; c) che l'Agnelli in questione, Andrea o John Elkann, gli confermò che la Juve NON avrebbe ingaggiato Prandelli perchè era già stato individuato un altro allenatore. Tira un po' tu le conclusioni. Direi che si era ancora ad una fase embrionale della trattativa, ma ciò che va sottolineato è che la proprietà Juve non voleva Prandelli, mentre forse era di parere contrario Bettega. Un colloquio privato tra Della Valle e Prandelli avrebbe quindi probabilmente risolto la questione, ma l'occasione di mettere Prandelli contro la piazza fu colta abilmente da Della Valle. Credo che Prandelli fosse diventato figura troppo importante ed ingombrante. Della Valle doveva scegliere se mettergli in mano tutte le strategie della Fiorentina o rompere la collaborazione. Sullo sfondo c'erano diversità di visione sugli investimenti, sul futuro della squadra e contrasti palesi anche con Corvino. Insomma, si era arrivati alla conclusione di un ciclo. Capita, dopo cinque anni. 

    RispondiElimina
  11. Lo riscrivo anche qui, tante volte non si proseguisse sul topic antecedente:
    C'è voluta una giunta differente e 4 anni di distanza per vedere la luce di realizzare uno stadio nuovo e, forse, della cittadella, probabilmente se le cose fossero state fatte nei tempi del "non arriveremo sempre terzi" non ci sarebbe stato tutto il teatrino di entrambe le parti; MA ci sarebbe stato comunque, lui chiedeva un qualcosa che loro non gli mai avrebbero comprato e la decisione di silurarlo risale a ben prima dei famosi contatti jumerdini.....poi ognuno scrive le sue di verità

    RispondiElimina
  12. A proposito di brogli, ma qualche sospetto sul portiere del Siena? Il primo gol sembra che lo faccia apposta, il secondo si abbassa e devia la palla in rete. Non che a me interessi più di tanto. Che poi tra l'altro stavolta mi sono astenuto.

    RispondiElimina
  13. Ce una differenza, Leo, che "la decisione di siluralo risale a ben prima dei famosi contatti jumerdini...." è una tua supposizione priva di riscontri, anzi contraddetta dalle dichiarazioni ufficiali e pubbliche di DDV.
    Le nostre "verità", invece , non sono solo nostre, perché sono supportate da riscontri, fatti e dichiarazioni ufficiali. 

    RispondiElimina
  14. La mia osservazione a Leo vale anche per Ludwig  e le sue supposizioni, prive del minimo riscontro, relative ad una presunta volontà di DDV di disfarsi di Prandelli prima dei suoi contatti proibiti.

    RispondiElimina
  15. Quanto alla questione doping, sono convinto che nello sport professionistico tutti si droghino, chi più chi meno. Vengono beccati coloro che esagerano o che devono pagare qualche colpa, ma si tratta di una percentuale irrisoria. Quindi, dato che per come è concepito il controllo antidoping si rivela un'ingiustizia, sarei per eliminarlo completamente.

    RispondiElimina
  16. Sinceramente, Stefano, il portiere del Siena mi è sembrato semplicemente molto scarso...Al limite il primo gol può dare un po' da pensare, forse, ma non ci monterei un caso. Semmai ho dubbi che l'intero Siena giochi alla morte quando si tratta di juve....

    RispondiElimina
  17. Io invece concordo con Leo. Ma è bene tenere sempre distinte le certezze dalle supposizioni. Tutto ciò che ha detto Diego Della Valle sembra sufficientemente provato, anche se Prandelli ha spesso accennato ad una sua verità che conoscerebbe Andrea Della Valle. Mi pare comunque importante aver acquisito che i contatti con la Juve erano ancora embrionali e che il proprietario della società bianconera aveva bocciato in toto l'ipotesi Prandelli a Torino, probabilmente sponsorizzata da Bettega. Certo è chiaro che anch'io mi sarei sentito ferito soprattutto se Prandelli avesse traslato la Fiorentina a Torino come Mauro ha ventilato, calunniosamente come di suo solito, rivolgendosi a Montella, quando gli ha chiesto: quali giocatori porterai con te quando andrai in un top-club.

    RispondiElimina
  18. Ma nessuno vuole proprio parlare "del giallo dello sceicco" che si vuole comprare la roma ( il minuscolo non è un refuso) senza aver pagato i funerali del padre e con un mediatore condannato  in primo grado ad 8 anni e 8 mesi di reclusione per spaccio internazionale di stupefacenti?
    Non ho ancora capito se c'è da piangere o da ridere.

    RispondiElimina
  19. "Ce" più sotto, ad iniziare  un mio commento, sta per "c'è".

    RispondiElimina
  20. Guardavo un po di Spezia-Novara... Ottimo Seferovic, che potrebbe tornare utile come secondo violino nel parco attaccanti o come contropartita in eventuali movimenti nel prossimo mercato... Insiema  a lui Lepiller, prova maiuscola, per me mollarlo così è stata una cappella...

    RispondiElimina
  21. Il giallo dello sceicco ha tutta l'apparenza di un'operazione di aggiotaggio in borsa nella quale gli americani son maestri. Sembra che dopo la notizia il titolo sia salito del 18%. In America andrebbero tutti in galera qui finirà tutto in una bolla di sapone.

    RispondiElimina
  22. Louis, Lepiller è forte ed è stato parecchio sottovalutato dalla Fiorentina, credo, anche lui, per problemi contrattuali e bizze col procuratore. Non è un fuoriclasse ma un buon attaccante con fantasia ed una gran botta in porta.

    RispondiElimina
  23. Sì, anche lui Jordan poteva tornare utile, se non direttamente alla prima squadra, come contropartita per arrivare ad altri obiettivi. Molto spesso si pensa che il vivaio debba esclusivamente portare titolari alla propria prima squadra mentre invece molti top club lo sfruttano ANCHE per tirare fuori giocatori buoni da scambiare con i medi e piccoli club e per arrivare a talenti cresciuti in altri lidi... a noi fino ad oggi è mancato anche questo, spero che Macià e Pradè migliorino questo aspetto.

    RispondiElimina
  24. Seferovic invece è la conferma che i giovani devono esser mandati a giocare. Se stava a Firenze gli toccava una manciata di minuti qua e là con visibilità zero, ora invece gioca con continuità e, se c'è, può crescere, intanto ha fatto due gol in quattro partite.

    RispondiElimina
  25. Non posterò mai più finchè anche Gaia Nanni non si unirà al blog

    RispondiElimina
  26. Vita, poi magari gli viene chiesto di mettere in scena la vita di Prandelli.

    RispondiElimina
  27. ahahahahahahahahahah

    RispondiElimina
  28. Capisco che il calcio attragga di più i maschi delle femmine, ma tra gli iscritti al blog vedo diverse fanciulle che però non partecipano e mi spiace. La Nanni sarebbe un ottimo acquisto.

    RispondiElimina
  29. O icche c 'entra Prandelli, poeta? e si sono appena calmati o che li riattizzi? Come la fa' una fanciulla a partecipare se un vu fate che di' porcate e guarda' culi? Qui i' carcio gli è doventao un optional

    RispondiElimina
  30. Le posizioni sono ormai cristallizate da anni.Trovo inutile(non dannoso)continuare a disquisire su Prandelli.Da una parte probabilmente si tende a vedere tutto "rosa",dall'altra tutto "nero".Secondo me la verità sta nel mezzo;Prandelli è stato un grande allenatore per la Fiorentina nei primi due anni e mezzo.Discreto nel seguente anno e mezzo,mediocre nell'ultimo.Ma ritengo pure che i risultati quando sono buoni siano da ascrivere non soltanto ad una componente(allenatore,giocatori o dirigenza),ma all'insieme(magari in percentuali diverse).Stessa solfa quando le cose giran male;la colpa è di tutti.Sulle voci di un inciucio con i gobbi non mi esprimo.Perchè tendo a non dar peso ai venti di corridoio(credo ciecamente a Lele,ma bisogna vedere se chi gli ha riferito alcune cose gliele abbia riferite fedelmente alla realtà)e perchè TUTTI gli allenatori,quando fanno bene,sono oggetto di contatti prima delle naturali scadenze(non penserete mica che ad oggi Montella non abbia ricevuto dimostrazioni di interesse vero?).In definitiva ritengo che Prandelli non sia un "santo",ma nemmeno il diavolo.Penso che sia un buon uomo,che come tutti gli essere umani ha difetti e pregi.Non concordo con chi lo vuole santificare vedendo solo il buono e tantomeno con chi lo attacca vedendo solo il brutto.Nell'insieme,in considerazione del quinquennio di Prandelli,a mio parere personale sono maggiori le note positive di quelle negative,seppur l'ultimo anno ha notevolmente diminuito questa iniziale differenza.Su Sinisa è difficile esprimersi a causa delle tante situazioni "contro" che ha dovuto affrontare.Certo è che a livello di gioco è stato una delusione.C'è da capire se gli scarsi risultati siano da addurre in principal modo alle situazioni di cui sopra o alla sua incapacità di dare un gioco.Questo giudizio penso sia più giusto posticiparlo tra qualche anno,quando avrà dimostrato di che pasta è fatto.Limitarsi al giudizio considerando solo il periodo fiorentino non mi pare corretto(anche se veniva da un esonero a Bologna).

    RispondiElimina
  31. DKNE, la pensiamo allo stesso modo. Anche su Mihajlovic.

    RispondiElimina
  32. Ma alla fine le considerazioni di DKNE sono ampiamente condivisibili, sia su Prandelli che su Sinisa. Non concordo solo sui comportamenti del Santino, preteschi [nel senso peggiore] e abbastanza ipocriti, specie per uno che si pone come moralizzatore all'interno del sistema.

    RispondiElimina
  33. ...e intanto pare che Clasie sia sempre più vicino alla Fiorentina, sarebbe l'ennesimo colpo magistrale di Macìa&Pradè. Nel ruolo, al mondo, ci sono dei giovani interessantissimi [Verratti, Cirigliano, Quintero, Clasie...], ed uno sarebbe nostro. 

    RispondiElimina
  34. Per quanto riguarda Mihajlovic riferisco la mia esperienza di spettatore. Premetto che prima di Sky era impossibile seguire il calcio in modo sistematico senza abbonarsi e magari partecipare anche alle trasferte, rubando dunque tempo ad altre attività. Dunque prima partita di Prandelli con la Fiorentina: immediata impressione di vedere un gioco organizzato, manovra che mette alle corde gli avversari, facilità di andare in goal. Prima partita con Montella in panchina: stesse identiche impressioni. Ciò per dire che se una squadra è buona e l'allenatore sa il fatto suo si vede subito, non occorre attendere un anno per vedere una partita decentemente giocata. Con Sinisa ho atteso invano un anno e mezzo. Niente. I giocatori non sapevano cosa fare in campo, dopo qualche minuto di impegno la squadra si disuniva, nessuno sapeva a chi passare il pallone, subentrava il panico e gli avversari non stavano a guardare. Potrà diventare un grande tecnico Sinisa? A mio parere no, lo si è già abbondantemente capito.

    RispondiElimina
  35. Sugli ultimi due anni di Prandelli comincerei ad essere schifiltoso solo dopo aver ottenuto altrettanto con altri tecnici.

    RispondiElimina
  36. Il primo Prandelli ha avuto una squadra costruita secondo i suoi desiderata - il primo anno magari senza troppi grossi nomi ma con un Toni al massimo che era il centravanti che voleva a quel tempo - con i DV all'apice del loro entusiasmo e forza propulsiva, che trasmettevano a tutto l'ambiente; Montella è venuto in un clima di rifondazione, con i DV che iniziano il rilancio, e Macìa che gli prende giocatori cuciti addosso alla sua Idea di gioco; Sinisa eredita una squadra allo sfascio già con il Prandelli terminale, uno sfascio soprattutto morale, con giocatori che pensano ad altri lidi, e una proprietà ai minimi quanto a impegno e coinvogimento. Come dice Vita, c'è un continuum tra l'ultima Fiorentina di Prandelli, quella di Sinisa, e quella di Delio Rossi: praticamente gli stessi giocatori, stessa mancanza d'anima, stessi risultati, più o meno. Gioco non se ne vede con nessuno dei tre, risultati neanche, anche se il primo anno di Miha è il miglior periodo in questi due anni e mezzo. 

    RispondiElimina
  37. Allora Deyna facciamo questi prova: prendiamo la Fiorentina di Delio Rossi e mettiamola in campo contro il Bayern Monaco all'Arena Stadium (mi pare si chiami così). Secondo te  quante reti si incassano e quante se ne fanno? Io dico che un 5-0 per loro sarebbe un risultato su cui mettere la firma e ti ricordo Fiorentina-Juventus dello scorso anno.

    RispondiElimina
  38. Facciamone anche un altro, di esperimenti: rimettiamo in campo la Fiorentina di Prandelli all'Arena Stadium, dopo che il Santino ha sfasciato tutto con la sua sotterranea tresca con Bettega e con i giocatori, Infame in testa, che hanno iniziato quel "rompete le righe" lungo due anni e mezzo...facciamo ad aprile 2010. Secondo me sia la Fiorentina di Delio che quella di Prandelli vengon sotterrate di gol.

    RispondiElimina
  39. Chiari, per convenzione volta a non fare confusione tra i due, differenzierei un po' gli epiteti, che so, Giudelli & Infamolivo.

    RispondiElimina
  40. CHIARI,oramai la Roma è una barzelletta,con un'unica certezza,cioè una squadra forte,assemblata male ma che con un allenatore accorto sta diventando la mina vagante.Ci sono attacchi quotidiani a Trigoria alla presidenza,con tanto di fumogeni ed altri giochini pirici.La Roma calcio è un ramo delle attività americane,ma un ramo vero,non un ramo caro come la viola per i DV.Altro che agiotaggio!!Sicuramente non succederà nulla,qui a Banana-Republic,dove un tizio per 20 anni non può mettere piede(Maradona)per guai col fisco e poi si scopre che quei soldi non erano dovuti....uh uh uh ma un cavillo!Vent'anni,un errorino e il tizio che ha commesso l'errorino?La commissione che l'ha menata per 5 lustri?(non mi interessa chi ha ragione,per inciso).STEFANO VIENNA:il portiere del Siena?Hai visto Guarna dello Spezia?Qui continuano a prendere in giro il mondo del pallone!650.000 euro di giocate su un match come quello,sull'over e se non sbaglio con un boato su oltre 5 reti....il 2o e l'ultimo gol sono da Scapoli-Ammogliati di "Fantozzi"(regia Luciano Salce).Concordo sul derby di Milano,al di la dell'ennesima battuta(battutaccia?)di Stramaccioni "Un pareggio contro la squadra più in forma d'Europa,va bene".Quindi il Milan è la squadra più in forma d'Europa,dopo 70 minuti di schiacciamento e contropiede col Barca?Quindi noi contro l'Inter chi eravamo?Il Resto del Mondo Ragionato In Forma Smagliante?!?!?A Bologna non potrà esserci nessun rossoblù che arriverà per primo sulla palla,a Bologna non dovrà esserci nessuna paura,in 5 giorni possiamo collocarci al terzo posto,serenamente.

    RispondiElimina
  41. Mi spiace Deyna, ma la partita si è giocata, e quanto da te ipotizzato non è accaduto. Avevamo anzi portato a casa come sai un pareggio pulito e di ottimo auspicio per il ritorno, al netto dell'intervento di Ovrebo. Questa è la storia e non la puoi cambiare. Fiorentina-Juventus 0-4 con Rossi in panchina  e la squadra disegnata da Corvino e Sinisa sei mesi prima, quella che doveva spaccare il mondo e che "assomigliava al suo allenatore" come disse Mihajlovic. Bayern-Fiorentina 1-1 e Fiorentina-Bayern 3-2. Questi i risultati di quella stagione che ti ha fatto schifo e che hai il coraggio di paragonare a quella dell'anno scorso. Senza dimenticare un Fiorentina-Liverpool che ti è passata di mente. 

    RispondiElimina
  42. In realtà Delio, nella sua storia, di imprese in casa delle big ne ha fatte molte più di Prandelli (sia quando ha allenato Lazio, che il Palermo, che la Fiorentina nonostante il disatsro, che alla Samp di recente). Le rimballate soprendenti semmai le prende più spesso in casa propria

    RispondiElimina
  43. Sopra io invece mi preoccupo del Bologna. Voglio vedere la crescita psicologica della squadra. bene fa Montella (grande anche in questo) a dire le cose come stanno. A precisa domanda se l'euforia possa essere un problema non risponde come da convenzione: "no, nessun problem, massima stima del Bologna, il Bologna è la squadra più forte sel mondo, quella con l'Inter è stata un parentesi". Risponde che si, l'euforia per la grandissima vittoria, potrebbe essere un problema. Responsabilizza i suoi uomini e non giochicchia con le parole. Grande Vincenzo. Certo che portare a casa tre punti sarebbe da sturbo stanti i 3 che sicuramente porterà a casa la Lazie stasera.

    RispondiElimina
  44. Delio è ampiamente da assolvere perchè i centrocampisti scelti da Sinisa e Corvino erano, tranne Montolivo che però giocava in condizioni particolarissime, da fondo-classifica. In particolare mancava un giocatore in grado di impostare il gioco, un regista alla Pizarro come abbiamo quest'anno. Rossi ha provato a mostrare il suo gioco, ma quando la squadra si sbilanciava incassava caterve di reti. Qualche sporadico successo come quello di Milano è stato utile a smuovere la classifica, ma il gioco ha latitato per tutto l'anno, dalla prima all'ultima gara. Non ha poi aiutato Rossi il fatto che Gilardino sia andato via senza che arrivasse il sostituto.

    RispondiElimina
  45. p.s. condivido appieno il posto di DKNE che saluto.

    RispondiElimina
  46. Sopra, stavo per scrivere l'altro giorno di Guarna.......

    RispondiElimina
  47. Quello che ti sfugge, Lud, o su cui più probabilmente sorvoli, è che qui stiamo parlando dello sfascio finale della Fiorentina di Prandelli, avvenuto dopo che col suo comportamento ha minato l'intero ambiente. La Fiorentina che nel girone di ritorno ha tenuto una media punti da retrocessione, insomma. La sua Fiorentina terminale era della stessa pasta di quella sinisiana e deliana, creata da lui. Quella che perdeva col Lecce e simili, vuoi che non sarebbe stata travolta a Monaco? Ti appelli sempre a un'intervista francese di Sinisa per il suo secondo anno, ma è chiaro come il sole che stava cercando di caricare l'ambiente e le truppe, non sarà un grande allenatore, ma calcio e giocatori li conosce molto bene...vuoi che abbia richiesto lui e si senta simile a Lazzari, Kharja e Munari? Per correttezza, poi, eviterei di scrivere Bayern-Fiorentina 1-1, per quanto possiamo maledire Ovrebo. Un po' come un po' di tempo fa parlavi sempre di Fiorentina approdata quell'anno ai quarti di finale CL, quando non è stato così, e non c'è nessuna evidenza che sarebbe stato così nemmeno con un 1-1 a Monaco. Ma se n'è già discusso...Per chiudere, dai per scontato anche che una squadra senza una grandissima rosa debba per forza crollare in campionato se arriva fino agli ottavi di CL, ma il Napoli di Mazzarri ti ha dimostrato il contrario...

    RispondiElimina
  48. Una volta l'elaborazione dati elettorali di Botteghe Oscure era il riferimento d'eccellenza relativamente al dopo voto. Ora con queste dirette in rete vedo dati fluttuanti...

    RispondiElimina
  49. LUDWIGZALLER,eccetto Fiorentina-Juve io non ho mai visto la viola messa sotto,mai.Non era la viola di Prandelli,non era quella di Montella ma rimangono le imprese di Milano,Roma,la vittoria accartocciata e buttata al secchio con l'Inter(penalty sbagliato);se giudichiamo l'allenatore,Delio Rossi,lui ha sempre offerto buon calcio,zemaniano a tratti ma buon calcio;se vogliamo parlare dell'uomo,del personaggio tutto è discutibile.Lo scrissi sul sitone:Delio diede molta,molta fiducia a Liajic e lo rimise in campo anche dopo un rigore sbagliato e prove opache.Molti avrebbero voluto dare un calcio in culo ad alcuni giocatori viola,lo si scriveva come battuta,lo si mormorava allo stadio e Liajic è stato il calciatore sbagliato(?)al momento sbagliato,col mister sbagliato.L'avesse fatto,Delio,con Montolivo avrebbe avuto una statua.Ho scritto un'esagerazione?Può darsi,ma Delio stava a Mondonico come Sinisa stava a Cavasin:con Cavasin la palla bruciava e le idee non c'erano,appena presa la squadra(a Piacenza,ed ero li cazzo ad imprecare contro Fantini!)con Mondonico si vide il cambio e già li,nella citta della lupa,si vide una buona viola;con Delio il cambio,sia modulo sia atteggiamento si percepì e si iniziò ad avere meno paura.Questo è il mio parere.Basta vedere cosa sta facendo ora a Genova:benissimo.DEYNA:Maremma retrocedenda ma questi continuano imperterriti,parliamo di serie B,quasi A e 'sti portieri sembrano gente messa li per caso,senza contare lo Spazia immobile peggio dell'Inter contro noi...mah....VENETO,se è un problema il Bologna....oggi!Aprioristicamente si,è football ma dopo aver perso il tram di gennaio,che facciamo?Perdiamo anche quello di febbraio?

    RispondiElimina
  50. La stagione dura un anno, restringere il giudizio a cinque partite finali fornisce un alibi a chi si vuole interstardire a dare un giudizio negativo per forza. Significa dimenticare che hai vinto col Lione, col Liverpool e col Bayern, imprese che poi siamo stati ben lontani dal ripetere. Se questo è un anno negativo, come debbo giudicare gli altri anni? Anche quest'anno utilizzando lo stesso artificio potrei isolare il periodo di gennaio e concludere che la stagione è stata fallimentare. L'alibi trovato a Ovrebo la dice lunga d'altronde sulla oggettività dell'analisi. Credimi Deyna: questo è sado-masochismo allo stato puro. E Montella ne farà presto le spese, dai tempo al tempo: o vince tre Champions o il tifo BDSM di certa parte della piazza viola lo tritura, con te e Zemanviola in testa.

    RispondiElimina
  51. Sopra a bocce ferme ovvio che si vincerebbe....a bocce ferme però. Altrimenti per il gioco visto dovremmo essere primi o secondi a un punto massimo. Insomma la palla è rotonda e noi lo sappiamo bene ed il Bologna con la riuscita gabola del rinvio (prevista ampiamente onde permettere loro di recuperare gli influenzati) è squadra pericolosa in casa dove ha costruito, ad oggi, la sua salvezza. Detto questo volevo sottolineare la maturità di Vincenzino che non è mai banale e scontato.

    RispondiElimina
  52. Allora, visto che si parla di allenatori passati della Fiorentina, ecco la mia classifica degli allenatori migliori degli ultimi 30-35 anni, precisando che non considero l'attuale allenatore in quanto attuale e che giudico gli allenatori viola solo per quanto hanno fatto da noi:
    1) De Sisti
    2) Eriksson
    3) Malesani
    4) Trapattoni e Prandelli

    RispondiElimina
  53. Siamo un paese di merda, cioè di destra, di ladri e disonesti. Sinceramente della Fiorentina, al momento, non mi frega una sega.

    RispondiElimina
  54. Scusate, ma è tanta la tristezza in questo momento importante per il nostro Paese!

    RispondiElimina
  55. Gonfiantini purtroppo c'è del vero in quello che dici, ma devi aggiungere la stupidità della sinistra nell'aver tarpato le ali a Renzi, cosa di cui s'è avvantaggiato Grillo che sta prendendo voti tra ex elettori di sinistra delusi.

    RispondiElimina
  56. Chiari perfetto e non aggiungo altro su Renzi.

    RispondiElimina
  57. Ludwig, qui non si sta discutendo tanto dell'ultimo anno di Prandelli, dove ci sono state cose bellissime, ma del crollo degli ultimi mesi di quell'anno, crollo ancora meno giustificato proprio per le cose bellissime della prima parte, crollo che ha significato la rottura del giocattolo, e l'inizio di una crisi durata due anni. Il dettaglio di vedere cosa è venuto prima e cosa è venuto dopo è decisivo, perché se fosse successo l'opposto , cioè una crisi iniziale ed un finale in crescendo parleremmo di una splendida eredità lasciata dal santo, invece dobbiamo parlare di un'eredità allo sfascio. Questo è il punto.

    RispondiElimina
  58. Chiari, non si vota solo una persona, ma sopratutto un programma, e io quello di Renzi l'ho letto, pieno di novità certo, ma, dal mio punto di vista, non fonte di garanzie per i più deboli. Il fatto che Ichino, il più grande nemico dei Sindacati, sia passato con Monti la dice lunga. E se la destra vince, con l'unica promessa elettorale della restituzione del''IMU cosa devo pensare del popolo italiano? Una massa informe di egoisti e menefreghisti, non di un popolo. Me ne vergogno oramai da troppi anni, ma non smetterò di vergognarmene, pensando a chi ci ha liberato dal nazi-fascismo e dato la più bella e moderna Costituzione. Non si meritavano figli e nipoti così, ma tant'è!

    RispondiElimina
  59. Africa elettoraleCaro
    Gonfia, mi spiace leggere commenti come il tuo, e'l'esatta forma mentis
    che fa sempre perdere la sinistra anche quando aveva da tirare un
    rigore senza portiere.Era molto chiaro, fuorche' a voi vetero che avete
    votato Bersani, che se appoggiavate Renzi il PD avrebbe preso la
    maggioranza assoluta (ed anche il mio voto tra l'altro, come lungo
    dibattuto col Chiari)Avete voluto Bersani Vendola D'Alema Bindi per
    strizzare l'occhio a Monti?Bene invece di piangere ora, prendertela con
    noi italiani e darci di merdosi dall'alto della vostra presunta
    superiorita' intellettiva e culturale, guardatevi in casa, perche'questo
    risultato e'solo ed unicamente vostra responsabilita'.
     
    Lele
     

    RispondiElimina
  60. Lud, non ho mai criticato Montella per ora, mi pare...E mi piace molto la sua impostazione, e l'Idea di calcio che ha, quindi non vedo il pericolo. Poi ci sono anche i risultati a formare un giudizio, se dovesse far crollare la Fiorentina come fece il Prandelli terminale, certo che non lo appoggio più, mica è un atto di fede.

    RispondiElimina
  61. Non ho ancora capito cosa ci si aspettava da Prandelli in più rispetto a quello che ha fatto. Non vorrei che ci fosse un autolesionismo congenito alla base di certi giudizi unito ad aspettative eccessive rispetto alla realtà della piazza. Domanda: se Montella ripete i risultati di Cesare si sarà contenti o si darà il via alle critiche? Temo che la seconda possibilità sia concreta e il dopo Juventus secondo me lo dimostra. Caso limite Zemanviola: vuole una Fiorentina che domini e vinca ogni gara 5-0. Pensa che con Zeman in panchina si giocherebbe così, è cieco di fronte ai risultati reali di Zeman.

    RispondiElimina
  62. Caro Lele, io mi son guardato sempre in casa. Di superiorità intellettiva e culturale non ne ho mai vista né millantata, dato che sono stato un semplice impiegato e non molto acculturato. E non dico che sono "merdosi" coloro che avrebbero voluto Renzi, questo sia chiaro.

    RispondiElimina
  63. Non vedo cosa ci sia da disperarsi: è il risultato di cui parlavo giorni fa (anche in questo caso avevo letto nel Libro Eterno del Sapìo, come per il pari nel derbaccio osceno e per tante, troppe altre occasioni, aspettando quella del terzo posto), Monti s'inabissa, trionfo di Grillo che obbliga il PD a fare cose di sinistra. Se poi vogliono andare a nuove elezioni, cazzi loro, sarà la volta che Grillo prende la maggioranza assoluta e le cose di sinistra le fa da solo. Con Renzi è evidente che il risultato del PD sarebbe stato migliore, ma allora addio cose di sinistra. Invece, Bersani è stato l'ideale per la vittoria di Grillo, davvero l'Uomo della Provvidenza il piacentino... Lo dicevo mesi addietro: Bersani mi fa pensare a quel che diceva un tempo De Michelis di Boselli, che non venderebbe un fiammifero nemmeno a un piromane. Domani sarò in Bologna la grassa, sperando di non beccarmi polmonite: fossi Pioli, schema unico, lancio per Gila spalle alla porta al limite dell'area, movimento d'ingresso ai lati da parte di Kone e di Moscardelli ma smorzata all'indietro del malinconico per Diamanti che staffila dai venticinque metri e se tiene la palla nello specchio della porta ha 50% di probabilità di far gol, con Viviano in porta. Patetico Piccinini, in telecronaca: boati non appena il Milan passava la metà campo, Niang "fuoriclasse diciottenne" (della serie Messi miglior giocatore di tutti i tempi, Pazzini goleador, come Figueroa Ranocchia e non pannocchia che sgranocchia il Faraone) e fa flop, Montolivo "eccezionale, a livelli stratosferici" (semplicemente 7 fino ad allora, come in Champions) e sùbito segna Schelotto e il Gozzuto non tocca più boccino. Ragassssssi, non fate gli sciocchi, c'è da tifare Milan in Champions, col derby ne avete avuto ulteriore prova, fate che arrivino in semifinale e tornano addirittura ai livelli dei primi tre mesi del campionato. E attenti alla crisi del Napoli dietro l'angolo.

    RispondiElimina
  64. LELE ti appoggio al 100%;da uomo di destra non-nostalgico devo dire,GONFIANTINI,che la chance la sinistra l'ha avuta di nuovo,ma se prima devi sistemare la base,poi devi rintuzzare le alleanze,poi devi fortificare di qua,poi strizzi l'occhio a quell'altro...buonanotte.Vi confesso che non ho votato il centrodestra e la mia più grande soddisfazione sarà la cancellazione di quell'infingardo,trasformista,rinnegatore di Fini(e Casini,tiè,uomo inutile).Monti era il meno "declarante",era il più sobrio e moderato e l'avrebbe messo in quel posto dicendo "Ma non ho mai detto....".La sinistra poteva trionfare con l'arma nel fodero,ha scelto la roulette russa....Non mi ritengo informe,egoista e menefreghista ma credo che quel che sia mancato alla Sinistra sia stato un programma che non fosse solo "Legge sul conflitto d'interessi"(al popolo frega nulla,il popolo ha fame),"Come pensa di rendere l'Imu,quello"(la gente,quando parli della gente?Cacchio!),"Ammortizzatori sociali"(la gente vuole utopia,oppio,una storia....aggiornarsI!).Il rammarico?mio?Non aver potuto dare il voto a Renzi...

    RispondiElimina
  65. Lele, per me si dà troppa attenzione al personaggio carismatico, ed ha ragione Gonfiantini a spostare l'attenzione sui programmi. Letto quello di Renzi, e sentito parlare lui in tv, non vedo cosa avrebbe cambiato avere lui al governo con la maggioranza assoluta. Purtroppo non vedo idee nuove, moderne e positive per il mondo del lavoro e delle classi più deboli, da nessuna parte mi giri. 

    RispondiElimina
  66. La risposta a Lele è scomparsa, la riposto, in altre parole. Non ritengo "merdosi", se ho ben capito il tuo post, coloro che avrebbero preferito Renzi. La presunta superiorità culturale intellettuale non mi appartiene. Non ne ho né le capacità né la presunzione. Comunque mi sembra una sconfitta anche per te, o sbaglio?

    RispondiElimina
  67. GONFIANTINI,chi non vota sinistra sbaglia?Facciamo come da ragazzini:rimischiamo tutto perché non va come volevamo?Si rivota perché non ci sta bene?Bersani s'è sbiadito da solo nella corsa a premier....

    RispondiElimina
  68. "Con Renzi è evidente che il risultato del PD sarebbe stato migliore, ma allora addio cose di sinistra": sottoscrivo in pieno il Colonnello, ma non su Grillo.

    RispondiElimina
  69. Sopra, il PD è un partito "responsabile", per il quale vincere sarebbe irresponsabile e spingerebbe a fare cose irresponsabili. Nella sconfitta il PD affina l'anima, da sempre, e si fa sempre più inconsistente nelle cose concrete. Fini ("Quando i baci miei tu rimpiangerai, puoi tornar, chérie, a Montecarlo. Questo nostro amor puoi salvare ancor, oh, chérie, con me a Montecarlo"), caro Sopra, becca 900.000 l'anno per agitare il campanello con grazia tuttavia che solo necessiterebbe di uno sbuffo di Bruges settecentesco alla manica. Mozzarella Romano intasca 8 pensioni. Il Savoiardo si è aumentato le indennità del 3% (eccheccazzo, l'inflazione esiste o no?). Il pula che ha avuto un ictus e per il quale si invocano orazioni sotto il pennone guadagna 700.000 l'anno. E son cazzoni. In fondo Oscar Giannino si limitava a scoreggiarle forte, questi ce magnano ner piatto a doppia mascella: è un po' peggio, ne converrete. Ah ça ira ça ira ça ira, les parasites à la lanterne, ah ça ira ça ira ça ira!!!!!!

    RispondiElimina
  70. Sopra, non oso pensare a un Bersani che, come dici tu, si sia sbiadito... E' veramente la pubblicità del bianco che più bianco non si può, allora!

    RispondiElimina
  71. Sopra, ti ritengo un grande anche se sono al tuo opposto. Ma la prima promessa di Bersani è stata "lavoro", forse non lo hai ascoltato attentamente. Se avesse vinto Renzi, che non si è mai espresso chiaramente contro la straripante evasione fiscale, saremmo agli scenari immaginati dal Colonnello e, per me, sarebbe stato sì un passo avanti ma, forse,  non nella giusta direzione.

    RispondiElimina
  72. Evidentemente del programma di Renzi ne avete solo sentito parlare. Perché si tratta del programma più autenticamente e profondamente riformista sul tappeto. Renzi avrebbe conquistato al centrosinistra tanti grillini, che sono ottime persone né di sinistra né di centro né di destra,  ma riformatrici e riformiste, che  vogliono quindi semplicemente riformare e risanare moralmente il paese, così come avrebbe portato a sinistra tanti onesti liberal che votavano centro e persino centrodestra. Ora l'unica strada per salvare questa legislatura passa attraverso una collaborazione tra Bersani, Monti e Grillini, cioè la parte sana, onesta e riformatrice del paese. Non sarà facile ma io non lo escludo. Nel frattempo Renzi diventerà segretario nazionale del PD ed allora potremo tornare ad essere ottimisti.

    RispondiElimina
  73. Anzichè seguire l'andamento dello scrutinio direttamente dalle percentuali delle proiezioni, lo sto monitorando secondo l'andamento dei titoli in borsa: giornata di speculazioni a go go

    RispondiElimina
  74. Ludwig, per me Prandelli è stato un grandissimo allenatore a Firenze. Volevo solo che non rompesse il giocattolo andandosene, e non desse così avvio ad una crisi durata due anni. Ma forse per te è chiedergli troppo, eh eh eh.

    RispondiElimina
  75. Caro Gonfia, come ministro (e quelle non eran promesse) Bersani fece cose imperiture, inobliabili, per il "lavoro"... Via, Gonfia, finché il candidato del PD lo sceglierà un laureato fallito coi baffi, un venduto agli yankees, uno zero in programma e dieci in eristica da Santoro, i bravi e solo un po' ingenuoni (come il Chiari, autentico idealista del realismo, e come tu, della razza del "ma stavorta l'è la vorta bona", come se fosse una questione di ricorsi e non di decorsi) compagni che sbagliano del PD saranno sempre con l'acqua fino alle ginocchia, a cerca di pompar via la merda che entra dai tubi schiantati dai loro idraulici del cazzo.

    RispondiElimina
  76. A Bologna l'imperativo è uno solo, Vincere! Vinceremo!

    RispondiElimina
  77. Colonnello, accetto il rimprovero, anche se non penso di meritarmelo. Spero a questo punto che Renzi diventi il leader e saremo tutti felici e contenti, compreso il Sopra.

    RispondiElimina
  78. Interessante la trasformazione in blog politico. Gonfantini, a me piace che si ragioni in termini di verità: non puoi dire che Renzi abbia sottovalutato l'evasione fiscale, tutte le volte che l'ho ascoltato ne ha trattato ampiamente. Deyna coglie nel segno e implicitamente conferma che Renzi un programma ce l'ha ed è molto chiaro. Può piacere o meno ma è ben delineato ed in effetti mira a rendere la politica della sinistra più libera rispetto a certi tabù. Nella scelta di Bersani leggo anche una scarsa duttilità del Pd ed una atavica paura da parte della classe dirigente storica di essere "rottamata" come Renzi voleva. Dunque questa classe dirigente ha voluto concedersi un'ultima possibilità di restare in sella, pur sapendo che sul piano elettorale Renzi valeva dieci punti di più. Ora dovremo fare punto e a capo, ma mi auguro che la scelta di Renzi sia rimandata soltanto di pochi mesi.

    RispondiElimina
  79. Lud, tu riporto pari pari quel poco che c'è nel programma di Renzi sul problema evasione fiscale. " Da sempre la questione dell’evasione fiscale è tra le priorità dei programmi di Governo, ma ancora oggi spesso gli evasori continuano ad evadere. Noi non crediamo ci siano delle “tare genetiche” che fanno degli italiani un popolo di disonesti, crediamo si possa e si debba rifondare il rapporto tra gli italiani ed il fisco creando una grande alleanza tra Stato e ceti produttivi per avere: un fisco più facile e più umano, una maggiore fedeltà fiscale in cambio di aliquote più basse e, per chi non paga le tasse, la certezza di essere trovato." Se non sono parole al vento queste....

    RispondiElimina
  80. Risultati elettorali abbastanza prevedibili, dovuti alla vittoria di Bersani a scapito di Renzi alle primarie PD e alla mossa berlusconiana di fingere di farsi da parte un anno e mezzo fa per poi tornare facendo il verginello che restituisce una tassa voluta da un governo tecnico che lui stesso ha sostenuto.
    Il PD ha preferito perdere (o meglio, pareggiare e forse vincere ai rigori) con Bersani piuttosto che vincere con Renzi. Badate che non è solo una questione di Grillini, renzi avrebbe preso moltissimi voti tra gli astenuti anche tra chi ha votato PDL. Ma poi non è tanto una questione di vincere o perdere, è che adesso siamo in una situazione di probabile ingovernabilità, con gravi danni per il Paese.

    RispondiElimina
  81. "Renzi avrebbe preso moltissimi voti tra gli astenuti E anche tra chi ha votato PDL". Senza quella "e" che mi è rimata nella tastiera non si capiva il senso della frase.

    RispondiElimina
  82. Magistrali Lele e il Blimpe, magistrali...



    ... naturalmente auspico nuove elezioni nel giro di 6 mesi per far svoltare, definitivamente, questo paese...

    RispondiElimina
  83. Se si fanno nuove elezioni, ovviamente Bersani si deve dimettere.

    In attesa delle nuove elezioni, prevedo un Monti-bis sostenuto da PD e PDL

    RispondiElimina
  84. Sono pienamente d'accordo con l'ultimo commento  di Ludwig e con quello di Anto.

    RispondiElimina
  85. Gonfiantini, il passo che è paradigmatico dello stile di Renzi: certo, si parla di minore pressione fiscale, e mi pare sacrosanto, ma si aggiunge "certezza di essere beccato per chi non paga". 

    RispondiElimina
  86. Il passo che citi è paradigmatico...

    RispondiElimina
  87. Non sono parole al vento quelle di Renzi sul fisco,  Gonfiantini,sono le più giuste,non dimenticare che l'Italia è nello stesso tempo il paese europeo con la maggiore evasione fiscale e quello con la maggiore pressione fiscale.C'è un'evasione fiscale criminale ma ce n'è anche una di sopravvivenza. Quindi devi far pagare meno tasse a chi le paga e farle pagare a tutti.
    Quanto a Ichino, chiediti come mai un qualificatissimo esperto e vero riformatore del mercato del lavoro come lui, autentico "amendoliano" e filo Napolitano, si sia allontanato dal PD dopo la sconfitta, "guidata", alle primarie, di Renzi. Si cambiarono le regole per farlo perdere, si impedì a milioni di effettivi e potenziali simpatizzanti del centrosinistra di votare. Autolesionismo allo stato puro. Ed oggi si vedono i risultati.

    RispondiElimina
  88. Riferimenti africaniCaro
    Gonfia, il mio riferimento era in risposta al tuo giudicare paese di
    merda, se l'elezione non e' andata come si sperava, che e'un po'il
    vecchio refrain di sinistra che si crede superiore intellettuamente per
    vocazione, e crede che chi vota Berulsconi sia solo un evasore che va
    con le veline.Non e' cosi', almeno non solo cosi'.In fatto di cultura
    non preoccuparti, che parli con uno che ha, come metro di valutazione
    delle persone, ben altri valori rispetto l'esprimersi bene o quanti anni
    ha passato sui libri.Purtroppo ribadisco che, se Renzi passava le
    primarie, il primo oggettivo successo sarebbe stato non vedersi
    rimbalzare ancora Berlusconi, che scemo non e', contro il sindaco non si
    sarebbe presentato. Questo andava osservato anzitutto ed era
    elementare, non chi fosse migliore tra Renzi o Bersani, che e'invece
    soggettivo.Credo poi che, parere personale, se Bersani avesse preso
    nette distanze da Monti, che ha torturato il popolo, e come invocava
    Vendola, il PD ne avrebbe giovato.Comunque, aspettiamo che i dati
    possono ancora cambiare.
     
    Lele
     

    RispondiElimina
  89. Mi riferivo a quello precedente di Anto, che condivido in toto. Quello di Anto sotto il mio lo condivido solo in parte.
    Per me non esistono le condizioni per rifare un Governo Monti con l'appoggio del PD e del PDL, questa volta sarebbe dannoso al paese.Monti è servito per evitare lo sfascio, oggi ci vuole altro, dove lui potrebbe fare al massimo il ministro dell'Economia ma su un programma di centrosinistra.

    RispondiElimina
  90. A Lele, Chiari e a tutti, chiedo venia. Ho sbagliato a votare Bersani, ma mi ha sempre convinto al contrario di Renzi, anche se questo si è rivelato un boomerang contro la, cosiddetta, sinistra ed il Paese tutto. Al Chiari contesto che le regole erano stabilite sin dall'inizio e non potevano essere cambiate prima della tornata decisiva. Vi voglio bene, forza Viola!

    RispondiElimina
  91. Scusate, ma prima esaltate le primarie PD come "straordinario strumento di democrazia", poi non tenete conto dei risultati, dicendo che non candidare Renzi è un'occasione persa? Se Bersani è stato scelto dalle primarie come leader, non si può gridare allo sbaglio. A meno di non proclamare l'inutilità delle primarie, cosa che sottoscriverei in pieno, visto come si mettono su e come si possono svolgere. L'illusione di una scelta dal basso del candidato è, appunto, un'illusione. Molto vecchio i vecchi sistemi, in questo, invece che stare a scimmiottare gli americani...

    RispondiElimina
  92. Caro Gonfiantini, in queste ultime primarie le regole sono state cambiate, in senso più restrittivo rispetto alle primarie precedenti, proprio per paura di Renzi.
    Ti voglio bene anche io, e  lo scoraggiamento per queste elezioni rispetto alle tue aspettative ti fa onore.

    RispondiElimina
  93. Condivido in toto il post di DKNE di 6 ore fa e per umana pietà sarebbe meglio smettere di parlare del passato per affibbiare colpe che lasciano il tempo che trovano e penserei alla partita di domani, che è quello che conta veramente. Sulla Roma e lo sceicco mi vien da ridere, pare che un tramite sia Padovano, finito in manette per spaccio di droga, se il buondì si vede dal mattino..........

    RispondiElimina
  94. L'Italia voleva il nuovo che avanzasse,Renzi.Non possibile.Il pogrom ha deciso così.L'alternativa avanzante era Grillo,e vai con il convogliare e sparpagliare voti.L'assurdo per l'Italia è che uno di destra come me avrebbe votato Renzi(anche il babbi),uno che aveva fatto cambiare idee a tantissime persone;Bersani,cito Ingroia,consegna il paese al centrodestra o a Monti e,aggiungo,senza togliersi l'unico sfizio che poteva dare un senso a questi anni,cioè sistemare Berlusconi.Io ancora non credo ai miei occhi!E il mi' babbo che ha votato Storace,che andrà su col Berlusca?Neanche il grande vecio-viola-al-midollo ci credeva!Sembra una situazione surreale,tutti hanno perso,tutti hanno vinto ma nessuno alza la coppa...Segnalo la dichiarazione-non dichiarazione più bella della serata:il medico di Berlusconi "Non scende,non fa dichiarazioni,ora sta da Dio..."(eh eh eh eh,quello che la sponda opposta non riconosce....).Comunque:Vincere!(a Bologna).

    RispondiElimina
  95. La mia precisazione a Gonfiantini sulle primarie vale anche per te, caro  Deyna.
    Come mai sono state cambiate le regole, in senso restrittivo,  proprio quando s'è presentato Renzi? 

    RispondiElimina
  96. Chiari, al PD hanno però cambiato anche le regole dello statuto, per permettere a Renzi di candidarsi alle primarie, se non erro.

    RispondiElimina
  97. Africa rinquoranteCaro
    Gonfia, non crucciarti, non si sbaglia mai quando si segue il cuore e
    te hai seguito Bresani, votare Renzi per te era scelta di testa, e...al
    cuore non si comanda.Comunque, se ti puo' tirare su per modo di dire,
    chiunque sia il PM,so'cazzi...
    La
    ricetta e' solo una ma impossibile: stampare denaro come gli USA o,
    come ultima ratio, creare eurobond per convivere col debito.
    Il resto son discorsi. 
     
    Lele
     

    RispondiElimina
  98. Certo, Deyna, ed è stato un atto di necessità, di buon senso di Bersani, altrimenti le primarie manco si sarebbero fatte, con un danno ancora maggiore.

    RispondiElimina
  99. LELE,hai scritto due concetti che ti avvicinano ai pensieri di CasaPound...attenzione.(alla fine destra e sinistra vorremmo tutti la stasa cosa,ma non arriva...li mortè).

    RispondiElimina
  100. Condivido Sopravvissuto.

    RispondiElimina
  101. Si sono fatte però col freno a mano tirato  le primarie , Deyna,  ed ora il PD  ne paga le conseguenze.

    RispondiElimina
  102. Mi riferivo al Sopravvissuto precedente, ma anche l'ultimo in certa misura è condivisibile da sinistra.

    RispondiElimina
  103. Lo chiedo anche qui, sperando che qualcuno mi illumini, visto che ancora non l'ho capito...che significa essere di destra?

    RispondiElimina
  104. Estremizzando un po' i concetti: conservatori, moralisti, autoritari, statalisti, nazionalisti, dotati di grande senso dell'etica e dell'onestà, classisti. 

    RispondiElimina
  105. Vabbè, se famo du spaghi

    RispondiElimina
  106. Quanto alla penultima voce, c'è destra e destra, come ovviamente c'è individuo e individuo. Come anche a sinistra, anche se fino a 25/30 anni fa sempre riguardo a questa voce mi lasciavano molto tranquillo.

    RispondiElimina
  107. Quindi, Chiari, Berlusconi non e' di destra.

    Lele,ok, ma chi convince i crucchi?

    RispondiElimina
  108. Africa su WikiSOPRA,
    per sapere cosa e chi sia CasaPound son dovuto andare si Wiki e dal
    primo rigo m'e'garbato il giusto.Fa riferimento a neo fascisti etc...
    boh,approfondiro'.Mi
    son sempre garbate le teorie di Barnard, ma lui mette in primis
    l'uscita dall'EU e non so valutare quanti vantaggi puo'portare.Sono un
    acerrimo anti montiano e se per caso torna lui, prepariamoci una bella
    bara, magari il legno lo metto io da qui...eh eh.
    Io
    faccio un discorso economico che non ha etichette politiche.Nessun
    paese al mondo puo'ripianare il proprio debito, la soluzione e'gestirlo e
    conviverci.Guardiamo come fa il Giappone che non ha interessi ne'spread
    per lo yen e una stagflazione, solo continua a riportarlo e nel caso,
    fa uno swap gigantesco dato che puo' gestire la sua banca centrale.Idem
    gli USA che hanno stampato carta senza pudore.Noi in EU non si
    puo',quindi nessuno a parte la Germania che vuol fare pagare il suo agli
    altri stati membri, puo'pensare a crescita occupazione,stato sociale e
    pagare il debito pubblico.Impossibile.Resta il conviverci senza paura,
    accettare eventuale inflazione, ma di fatto irrealizzabile con questa
    forma di €.La salvezza per l'Italia(e per gli stati membri tutti) non
    e'chi sara'il PM, purtroppo anche se Renzi era il meglio fico del
    bigoncio, ma se vincera'ancora la Merkel in autunno.Se viene rieletta,
    addio Beppe...
     
    Lele
     

    RispondiElimina
  109. Essere di destra significa che siamo tutti uguali.Tutti.Ma chi vale di più,chi fa di più dev'essere pagato di più.Io mi ritengo un liberale di destra ma vengo tacciato di essere un fascista democratico...mah....Conservatori si ma non per tutto,moralisti forse,autorevoli lo preferisco all'autorità,nazionalista...be' qualcuno si è accorto tardi di cosa significhi,per l'economia,essere non-nazionalisti,onesti si ma qui han tutti mani sporche,classisti è un po' vecchiotto come concetto.Dai,CHIARI ma quello è un uomo di destra di 30/40 anni fa....la Destra moderna guarda a Renzi o Renzi si fa guardare dalla destra?(lui a Casa Berlusca è andato,una mezza ripetizione l'ha presa....eh eh eh eh eh ah ah ah ah ah ah ah ah ah).

    RispondiElimina
  110. Cerci è di sinistra però lo fanno giocare a destra così può fare la finta a rientrare e tirare in porta. Cuadrado invece è di sicuro destro.

    RispondiElimina
  111. Berlusconi non è di destra, è un grande venditore che è diventato, grazie a questo e grazie  alla corruttibilità della politica italiana, un imprenditore e poi un politico di successo, che fa politica solo per salvare i propri grandi interessi e la propria persona dalla giustizia, e per fare ciò è disposto a fare patti anche col diavolo.
    Ho estremizzato, e in modo un po' scolastico, i concetti per definire la destra, Sopra, e l'ho dichiarato prima.
    Renzi non è di destra, è un riformista moderno di sinistra che vuole rinnovare anche la sinistra facendole superare i suoi conservatorismi.

    RispondiElimina
  112. Toccandosi le palle, credo che intanto ci sia una piccola consolazione trasversale comune a tutti: se finisce così (e mancano ancora pochi seggi), Monti-Fini-Casini non hanno manco un seggio nè alla camera nè al senato

    RispondiElimina
  113. Capezzone è tornato: tremate!!!
    L'alleanza Monti-Bersani la vedo impraticabile. Con i grillini si può discutere, invece. Anzi, bisognerà farlo necessariamente.

    RispondiElimina
  114. Per quanto riguarda la volata al fotofinish PD-PDL, penso che per chiunque vinca, viste le percentuali, sarà una vittoria di Pirro, perchè alla prima cazzata che cercheranno di fare, ci metteranno poco a esser messi in minoranza dai grillini... a meno che entrambe non decidano di allearsi per far blocco contro il M5S, d'altronde io ai tempi della DC non c'ero, ma per quello che ho sempre letto sui libri mi pare che, seppur con altri nomi e altri simboli, le cose nella politica italiana siano sempre andate così

    RispondiElimina
  115. Io non ho votato perché le quattro opzioni (BERL, BERS, MONT; GR) erano tutte ugualmente improponibili. In compenso, come dice giustamente Pollock, voterò in autunno alle uniche elezioni che contano, rubando la scheda di mia moglie in arrivo per posta della Germania. E poi aspetto Renzi.

    RispondiElimina
  116. (ci riprovo)

    io non ho votato perché tutte e 4 le forze maggiori erano ugualmente improponibili. In compenso, come giustamente notava pollock, voterò alle elezioni più importanti, quelle tedesche, rubando la scheda di mia moglie che arriverà per posta. E poi aspetto finalmente Renzi.

    RispondiElimina
  117. Vitalogy questo non è vero, Monti ha 16-17 seggi in Senato e alla Camera, col 10% dei voti i suoi seggi li avrà anche lì, per Fini e Casini il discorso potrebbe essere diverso, non so come funziona con la coalizione ma come singoli partiti il quorum non lo raggiungerebbero davvero. Che politicamente anche Monti non conti un cazzo è vero però perchè non serve a far maggioranza al senato nè a Berlusconi nè a Bersani

    RispondiElimina
  118. Vince il PD ma il problema è il Senato, lì chi comanda è Beppe Grillo, se ha voglia e capacità di fare un'azione politica. O l'ha voluta la bicicletta, o pedala!

    RispondiElimina
  119. Sono così poco ingenuo, Colonnello, che l'errore del PD nel candidare Bersani e nel tarpare le ali a Renzi, l'ho denunciato da tempo, anche qui.
    Così come avevo previsto, giusto un paio di giorni fa, sempre  qui,che se il PD vincerà, non basterà la vittoria ma  dovrà  cercare di costruire un'alleanza con i grillini per risanare il paese e la politica. Speriamo che accada e che ci riesca.
    By the way scrissi anche che avrei visto bene proprio te, grillino ( eh eh eh), all'Istruzione con delega allo Sport e con il primo incarico di revocare alla Juventus tutti gli scudetti rubati per assegnarli ai legittimi vincitori, eh eh eh.
    Il tutto in attesa di Renzi, il Barack Obama italiano.

    RispondiElimina
  120. Concetti lampanti, Sopravvissuto,siamo tutti uguali e chi vale di piu' é pagato di piu'...e a quel punto diventa anche piu' potente e tanto peggio per gli altri rimasti indietro, che se la sbrighino da soli,gli incapaci, e non vengano poi a lamentarsi se sono nella merda. E chi se ne frega se gli insegnanti guadagnano meno degli informatici, e  se chi produce materie prime guadagna meno dell'intermediario che le gestisce, cosi' é , e che il piu' forte vinca. Come nello sport, in fondo. Pero' poi non mi venire a dire che non é giusto che le strisciate ci siano sempre davanti, secondo i tuoi ideali é sacrosanto e normale che sia cosi'. E se come dici tu essere di destra vuol dire essere tutti uguali, allora i dirigenti di Juve, Milan e Inter sono tutti di sinistra, perché sicuramente non la pensano cosi', nemmeno da lontano   

    RispondiElimina
  121. A proposito di calcio e politica, non ho mai capito come uno di sinistra possa tifare juventus.

    RispondiElimina
  122. penso, Anto, che si possa anche essere di sinistra e tifare Juve, semplicemente perché si puo' essere adulti e politicamente coscienti da una parte,e essere ancora un po' come quando eravamo bambini, innocenti e senza retro-pensieri dall'altra, senno' come si spiega che magari ci troviamo ad appassionarci, eventualmente, alla formula 1 o alla ferrari, dimenticando i milioni e milioni di benzina bruciati col solo scopo di arricchire nugoli di sponsor e televisioni o foraggiare tipi come Briatore?

    RispondiElimina
  123. volevo dire che comunque é bello conservare una parte d'infanzia in noi, ma non in dosi troppo grosse da farci dimenticare come funzionano veramente le cose 

    RispondiElimina
  124. Vigile scusami, ma per quanto ora la proprietà sia la stessa, nel mondo dello sport e non solo in Italia, la Juventus e la Ferrari rappresentano cose completamente diverse. Negative nel caso della Juventus, nobili nel caso della Ferrari. Infatti noi italiani della Juventus dovremmo solo vergognarci, ma abbiamo tutto il diritto per andar fieri della Ferrari. 

    RispondiElimina
  125. Chiari, non parlavo tanto della ferrari, quanto di tutto il circo F1 nel suo insieme

    RispondiElimina