.

.

domenica 2 novembre 2014

L'Ulster, Polster e Philipp Lahm

Tre vittorie per 2 a 0 negli anticipi, ovvero, il Napoli rilancia le sue ambizioni, la Roma frena, l’Inter riesce nell’impresa di tamponare anche l’ultima in classifica. Peggio di Mazzarri ho fatto solo io a comprare il novello di Antinori. E poi l’Ulster da non confondere con Polster che non era neanche un falso nove, e nemmeno irlandese, wikipedia non c’indurre in tentazione ma liberaci dal male del 4 3 3. La Mano Rossa dell’Ulster è staccata dal corpo, ma non sarà calcio di rigore, no, nemmeno uno finora, questo è quello che ha detto la serata di ieri sera al Teatro di Cestello. La Mano Rossa dell’Ulster è il simbolo per denotare la provincia irlandese dell’Ulster. Risale al periodo pagano ed è più comunemente collegato alla storia di Labraid Làmh Dhearg (da non confondersi con Philipp Lahm) dal Ciclo Feniano della mitologia irlandese e non a quello vincente del Bayern Monaco. Secondo questo mito il regno dell’Ulster aveva bisogno di un erede legittimo al trono, allora mancante. Si stabilì quindi una competizione navale secondo la quale “La mano del primo uomo a toccare le coste dell’Irlanda sarebbe stata quella del nuovo Re”. Uno di questi pretendenti al trono desiderava a tal punto essere incoronato, che pur di vincere si tagliò di netto la mano e lanciò sulla costa. Questo lo rese di fatto il nuovo re. Ambientata oggi non sarebbe più cosi, specie se sulle coste di Genova sponda Sampdoria, oggi un tifoso Viola pretendente ai tre punti in palio, tanto desidera quella vittoria che non darebbe più via la mano ma il culo. Altri tempi. (O forse la Roma ieri giocava con la maglia dell’Ulster?)


205 commenti:

  1. Sara' stato un regno di breve durata. Se ha lanciato la mano sulla scogliera, non si è potuto in seguito parare l'altra parte del corpo

    RispondiElimina
  2. Ripensavo alle partite di ieri e di quanto il "culo" sia importante. La Fiorentina ha incontrato la Roma la prima giornata, fuori casa, i romani erano a mille. Il Napoli che - dopo l'eliminazione dai play off di CL - era in crisi probabilmente avrebbe perso anche lei. Invece hanno incontrato la Roma nel momento a lei più sfavorevole e hanno vinto. A calendario invertito, probabilmente sarebbero stati zero punti per i Partenopei e 1 per noi.

    RispondiElimina
  3. https://m.youtube.com/watch?v=TNCEIGgyIS4

    RispondiElimina
  4. Dall'Ulster a Ian Anderson, mo' son cazzi con Jordan!!

    RispondiElimina
  5. Anderson....Andow!!

    RispondiElimina
  6. Bella la foto di,oggi, POLLOCK, bella; poi cosa arriverà? Quelle della Polinesia e della Micronesia?
    Suggerisco la foto delle bandierine appese orizzontalmente all'interno dei camion, dei Tir, di 20 o 30 anni fa...
    Il giallorosso dei colori sarà un omaggio a Zemanviola, vabbe', oppure la mano del...saluto romano? Eh eh eh eh eh eh.....

    RispondiElimina
  7. Viste giocare le altre ieri, vale il motto di Wilde: se mi guardo mi critico, se mi confronto mi esalto

    RispondiElimina
  8. Bella questa ma noi siamo come Wilder (Gene)....a volte facciamo ridere, ridere ma seriamente.

    RispondiElimina
  9. Ah..ah..ah..e infatti..

    RispondiElimina
  10. Ma il Caso degli allievi è per caso figlio di Mimmo?

    RispondiElimina
  11. la mano rossa è anche uno dei pochi simboli che a Belfast potete vedere usati sia dalla parte cattolica/repubblicana sia da quella protestante/unionista, anche se più della seconda, perché la specificità dell'Ulster come qualcosa di separato dall'Irlanda è ovviamente più cara ai filo-britannici. Gli italiani, invece, sono più simpatici ai nazionalisti cattolici, a giudicare dell'accoglienza che ricevemmo alcuni amici ed io anni fa in un pub vicino a Falls Road, dove un gruppo di autoctoni ci invito calorosamente a entrare per ripararci dalla pioggia e ci intrattenne tutto il pomeriggio a Guinness, whisky, e spiegazioni delle astruse regole del calcio gaelico in un inglese incomprensibile...

    RispondiElimina
  12. Per invogliare Ljuka a scrivere, ricordo che La Mano Rossa è anche il numero uno della collezione di TEX.

    RispondiElimina
  13. stefano vienna2 novembre 2014 13:25

    Spero che non ci presenti a Marassi con i tre tenori, con l'Udinese ce n'erano solo due, a maggior ragione su quel campo di patate. Il recupero di Mati in quest'ottica mi preoccupa. Anche perchè pochi si sono accorti che mercoledì si è giocato con uno strano 3-4-1-2 con Kurtic e Pasqual esterni. Inserire i tre tenori, oltre a non essere giustificato da avversario e condizione del campo, vorrebbe dire tradire l'esperimento riuscito di mercoledì.

    RispondiElimina
  14. concordo sul fatto che chiamare 3-5-2 quello visto mercoledì non tiene conto della libertà di movimento data a Cuadrado, tutt'altro che bloccato sull'esterno. Credo però che nella scelta tra Aquilani e Kurtic conteranno considerazioni atletiche più che tecniche: lo sloveno sta giocando sempre.

    RispondiElimina
  15. stefano vienna2 novembre 2014 13:32

    Sì, ma qualcuno l'esterno destro lo deve fare. Insomma, la mia posizione poi è chiara: non possiamo più permetterci i tre tenori a prescindere dai moduli. Almeno questo mi sembra sia stato confermato (vedi partita con la Lazio).

    RispondiElimina
  16. Sul 3-4-1-2 di mercoledì sono d'accordo fino a un certo punto: abbiamo giocato così per circa mezz'ora nel primo tempo, con Cuadrado che svariava sulla trequarti a fare quello che voleva (e quindi non sapeva cosa fare), fino a che, evidentemente, ha avuto la consegna di stare a destra. A quel punto abbiamo giocato meglio.

    RispondiElimina
  17. Non solo Cuadrado che altera gli equilibri e che rendono di difficile lettura i nostri moduli, ma anche e direi soprattutto Borja, moto perpetuo e spessissimo in linea degli attaccanti. Per oggi speravo un centrocampo con Borja e Aquila/Pizarro ma non tutti insieme e Richards dietro, speranze vane. Per l'inglese mi chiedo: cosa deve fare per essere titolare?

    RispondiElimina
  18. stefano vienna2 novembre 2014 13:43

    Cuadrado una mano la dà sempre anche dietro, ma guarda il secondo gol di Babacar. Non mi puoi dire che Cuadrado parta da esterno del 3-5-2. Certo, quando vinci è fisiologico che il baricentro si arretri e allora Cuadrado parte dieci metri indietro. E comunque negli ultimi venti minuti Montella è passato alla difesa a 4, quindi, la consegna a Cuadrado di fare il Lichtsteiner non mi sembra sia stata molto duratura.


    Rimane il punto che non c'erano i tre tenori mercoledì, su questo sarei abbastanza irremovibile d'ora in poi.

    RispondiElimina
  19. NETO
    RICHARDS BASANTA SAVIC
    KURTIC PEK BORJA ALONSO
    CUADRADO VARGAS
    BABA

    P.S. Non la metterà mai, nemmeno fossero gli ultimi undici

    RispondiElimina
  20. stefano vienna2 novembre 2014 13:49

    Questa te la sottoscrivo, ma se gioca con SAVIC-GONZALO-BASANTA dietro non farei grandi drammi. Pure con Ilicic al posto di Vargas non starei a strapparmi i capelli. Ma la struttura che ho in mente io è questa -almeno con la difesa a tre.

    RispondiElimina
  21. Disegnata dal compianto maestro Aurelio Galeppini.

    RispondiElimina
  22. Savic a destra avendo questo Richards, significa cambiargli ruolo in stile pranda, solo per emarginare un acquisto che forse piccosamente rifiuta nonostante la sua bontà. Ilicic per Vargas non sarebbe un insulto ma lo preferirei in casa. Aggiungo che riproporre Gonzalo ora, vistosamente lontano parente del migliore, è un bel rischio, considerando che Basanta sembra molto affidabile.

    RispondiElimina
  23. La libertà di Cuadrado è stata data da fatto che l'Udinese attaccava, per lo più, a destra con Widmer e che, giostrando loro con un reale 4-3-1-2, cercavano più le vie centrali. Avessero giocato con un 3-5-2 con Gabriel Silva a sinistra, Cuadrado in mezzo l'avreste visto molto poco.

    RispondiElimina
  24. stefano vienna2 novembre 2014 14:01

    Savic finora è stato sacrificato a sinistra, ma a destra è la sua posizione naturale. Su Richards, purtroppo, non lo conosco bene, vorrei prima vederlo giocare un paio di partite. In generale, sarei per dargli comunque più fiducia di quella finora concessagli da Montella, quindi se giocasse oggi, approverei. Gonzalo in crisi? Non mi sembra, a me comunque la difesa mi sembra l'ultimo dei problemi per questo non ho adesso grosse preferenze. Mi sembra comunque molto più forte dell'anno scorso e molto meglio assortita. Montella ha veramente l'imbarazzo della scelta là dietro, tutti bravi secondo me.

    RispondiElimina
  25. stefano vienna2 novembre 2014 14:04

    Sì, ma se loro avessero giocato così, Montella avrebbe messo la difesa a quattro.

    RispondiElimina
  26. Savic a sinistra ha convinto pure me che non stravedevo per lui, riportarlo a destra sembra voler trovare stratagemmi per in qualche modo emarginare un potenziale enorme tale è Richards. Tuttavia non starei tranquillo dietro, Eder è bravo e veloce, Okaka a Milano ha mostrato grinta e fisico, Gabbiadini è il più prevedibile, ma ha un buon piede. Il loro attacco e il reparto che si eleva un poco dalla media, per il resto sono scarsi.

    RispondiElimina
  27. Comunque oggi vedrete Miha far giocare Okaka in pressione su Pizarro( o il suo sostituto).
    Oggi vedrei, caso strano, bene Savic a sinistra dei tre, per il semplice motivo che Gabbiadini parte da destra per accentrarsi e si troverebbe un marcatore col piede di contrasto, forte.
    Mismatch a destra, con Cuadrado dominante, in teoria.
    Spero che non giochi Kristisic, uno che non riusciamo a capire come fermarlo.

    RispondiElimina
  28. stefano vienna2 novembre 2014 14:19

    Forfait di Pizarro, Mati convalescente... Valero-Aquilani e Kurtic largo a destra?
    Sarebbe la soluzione ottimale, poi però bisogna che si entri in campo con la mentalità giusta.

    RispondiElimina
  29. L'occasione è ghiotta, di quelle da non lasciarsi scappare, prendiamo (anche arraffando) questi tre punti e andiamo a 16 points. 1.000 fratelli Viola al seguito, quanto mi garberebbe essere lassù, tutti uniti perchè oggi inizia il nostro campionato, sono positivo, sento che stiamo svoltando, non siamo fatti per il nulla, per l'insipido, NOI siamo la Fiorentina, avanti Viola!

    RispondiElimina
  30. stefano vienna2 novembre 2014 14:26

    Grande pretattica, nessuno vuole dare le formazioni, che c'è die große Überraschung?

    RispondiElimina
  31. Male. Sciopero ad oltranza da venti giorni, stipendio di ottobre in ostaggio da parte dell'AD che non firma finché siamo in sciopero. Centinaia di famiglie con problemi di mutui, bollette e prestiti in scadenza. Stampa ( di una certa parte) che riporta ricostruzioni degli scontri fantasiose, del tipo che sono stati operai travestiti da poliziotti a mandare i colleghi in ospedale.
    Domani in 150 andranno a Bruxelles. La città è tutta con noi, ci portano cibo ai presidi, vengono a farci compagnia. Per Halloween, un gruppo di bambini mascherati ci ha regalato un vassoio di dolcetti. Cominciamo ad essere stanchi e in difficoltà grosse, ma stamattina l'assemblea dei lavoratori ha deciso di non mollare.

    RispondiElimina
  32. stefano vienna2 novembre 2014 14:28

    C'è un limite ultimo in cui si deve annunciare la formazione?

    RispondiElimina
  33. http://www.violanews.com/news-viola/formazioni-ufficiali-dentro-richards-e-badelj-20141102/

    RispondiElimina
  34. Non avrei messo Gonzalo, per il resto giusto dare fiducia a Badelj e Ilicic. Se Borja conferma la sua crescita (con l'Udinese a tratti è stato il todocampista del primo anno) potremmo farcela

    RispondiElimina
  35. Foco, cerca di non pensarci almeno per le prossime due/tre ore ...

    RispondiElimina
  36. stefano vienna2 novembre 2014 14:32

    Niente, altro primo tempo regalato, ma loro giocano senza Gabbiadini ed Eder?

    RispondiElimina
  37. No, non ci penso, mi sono costruito un rifugio mentale.
    C'ho lo stomaco a pezzi, ma la capoccia regge.

    RispondiElimina
  38. Grande Montella! Lo dico prima. La ciliegina era Basanta, ma finalmente Richards! Poi stavo per scrivere, se non Pizarro, Badelj dentro, dannoso l'adattamento ruoli non naturali tipo Aquiliani. Forza ragazzi!

    RispondiElimina
  39. Bravo! Anche se le parole servono a poco, lo so.

    RispondiElimina
  40. stefano vienna2 novembre 2014 14:38

    Speriamo che abbia ragione Montella, ma Badelj al posto di Pizarro ci sta pure, ma poi per me bastava uno tra Aquilani e Valero. E magari Vargas. Per fortuna che Mati non è ancora fit, altrimenti li vedevamo tutti e tre un'altra volta. Non mi fido del serbo, che mette Eder e Gabbiadini in panca.

    RispondiElimina
  41. stefano vienna2 novembre 2014 14:40

    Ma c'era sempre Vargas... Staremo a vedere, finora la regola di un solo trequartista mancato ha funzionato sempre, speriamo smetta di funzionare.

    RispondiElimina
  42. Badelj in copertura vale molto più di Pizarro, e con meno attaccanti della Samp, l'impostazione per me è corretta.
    Poi è il campo che parla.

    RispondiElimina
  43. La Samp gioca con Regini e Cacciatore centrali ossia con Bibi' e Bibo': si puo' non vincere questa partita?

    RispondiElimina
  44. se le scelte di Miha le avesse fatte qualcun altro...

    RispondiElimina
  45. stefano vienna2 novembre 2014 14:42

    Guarda che si gioca a 4 dietro oggi. Centrocampo che non mi convince. Serbo furbo, ha letto la formazione di Montella e ha cambiato la sua.

    RispondiElimina
  46. io dubito che l'abbia cambiata in meglio, tra poco vedremo...

    RispondiElimina
  47. stefano vienna2 novembre 2014 14:43

    Troppo ottimismo, Belva, le partite durano 90 minuti, stiamo calmi dai.

    RispondiElimina
  48. Io ho visto le ultime due della Samp, con la Roma è stata una schifezza per tutte due, con l'Inter ha fatto bene, ma l'Inter è poco. Dobbiamo stirarli, senza se o ma.

    RispondiElimina
  49. stefano vienna2 novembre 2014 14:45

    I due davanti li mette nel secondo tempo, non mi fido del serbo, sul piano agonistico sa come caricare i suoi. Conta la tigna oggi e io da noi ne vedo poca.

    RispondiElimina
  50. Alonso sale. Almeno spero. Vediamo in campo, passare a tre dietro è un attimo.

    RispondiElimina
  51. aspettiamo Ste, aspettiamo...

    RispondiElimina
  52. Troppo teso ora per scrivere, questa la sento parecchio, Vi leggo all'intervallo...

    RispondiElimina
  53. stefano vienna2 novembre 2014 14:47

    Preghiamo pure, dai, il campo darà le risposte. Io però un pareggio non lo butterei via.

    RispondiElimina
  54. Dobbiamo entrare in campo per asfaltarli come da esagerata differenza tecnica, altro che pareggio!

    RispondiElimina
  55. La formazione mi piace. Avanti!

    RispondiElimina
  56. Mi sembra una formazione fatta per passare, nel corso della partita, dal 3-5-2 al 4-3-3 con lo spostamento di alcuni giocatori, come nel primo anno montelliano. Per questo mi piace.
    Mi piace anche il fatto che giochi Richards e che Pizarro sia stato sostituito da uno nel ruolo, cioè Badelj.

    RispondiElimina
  57. stefano vienna2 novembre 2014 14:54

    A me il nostro centrocampo non mi convince, mi spiace, quelli corrono il doppio e le differenze tecniche si assottigliano.

    RispondiElimina
  58. A me piace molto la divisa e il fatto che siamo molto offensivi (tenendo conto del materiale a disposizione).

    RispondiElimina
  59. http://atdhe.me/soccer/live-3bfi8-sampdoria-vs-fiorentina#

    RispondiElimina
  60. comunque siamo in campo con un 442, per la prima volta a mia memoria

    RispondiElimina
  61. che diventa spesso 352

    RispondiElimina
  62. stefano vienna2 novembre 2014 15:16

    Centrocampo nullo, come previsto. Oggi si soffre.

    RispondiElimina
  63. stefano vienna2 novembre 2014 15:21

    Sembra un 352 con Cuadrado terzino e tre tenori: il mio modulo preferito (ironico)...

    RispondiElimina
  64. stefano vienna2 novembre 2014 15:27

    Insomma un suicidio, l'ennesimo... Ma è il miglior allenatore del mondo, capita.

    RispondiElimina
  65. stefano vienna2 novembre 2014 15:29

    Il grande nulla...

    RispondiElimina
  66. stefano vienna2 novembre 2014 15:33

    Gonzalo rigorista... Ciliegina sulla torta.

    RispondiElimina
  67. Cuadrado ammonito.....ah ah ah ah ah.........

    RispondiElimina
  68. stefano vienna2 novembre 2014 15:45

    Il nulla, non c'è centrocampo, Cuadrado terzino... Continuiamo a farci del male e allo stesso tempo a mettere Montella tra i migliori 20 allenatori del mondo dopo che ha azzeccato una partita (subito stravolta la formazione)....


    2-1, dai almeno questo

    RispondiElimina
  69. è il primo che sbaglia in 3 anni, a memoria.

    RispondiElimina
  70. stefano vienna2 novembre 2014 15:49

    Ci sta pure, ma non c'è nessuno meglio? Forse no.

    RispondiElimina
  71. Gioco masturbatorio, zero profondità, non si tira in porta su azione. Gonzalo finora era stato ottimo dal dischetto, però. Il rigore per noi era comunque regalato, anche se dovrei rivedere la presunta trattenuta su Baba. Meno male Savic ha trovato il gol, la partita è aperta, ma giochiamo da schifo. Neto molto male [c'era il fallo di Okaka?].

    RispondiElimina
  72. Primo tempo che vede un Gonzalo che deve stare in panca e non solo per il rigore tirato come peggio non si può. Fuori tempo su tutti un peicolo devastante.
    Urge Basanta subito. Poi tra Borja, Aqulani e Cuadrado fanno a chi fa peggio, ma è difficile con un buco perenne in difesa.
    Comincerei con via Aquila dentro Mario oltre che Basanta, sperando che Cuadrado inizi a giocare a calcio.

    RispondiElimina
  73. Non è l'errore che da fastidio, sbaglia anche Higuain. Il problema è la gazzarra con Cuadrado, fossi Montella gli farei un mazzo tanto a entrambi

    RispondiElimina
  74. il problema di Cuad non è la posizione, ha licenza di fare quello che gli pare...

    il problema è la testa e la voglia, con me in panchina passerebbe un brutto quarto d'ora, adesso...

    cmq è ancora apertissima, la Samp ha corso a 3.000, vediamo quanto reggono ancora...

    RispondiElimina
  75. stefano vienna2 novembre 2014 15:53

    3-5-2, con Richards uno dei tre dietro, Cuadrado tristemente relegato a coprire, tre bei tenori di centrocampo: una pena indescrivibile, abbiamo rischiato l'imbarcata. Doveva essere la cura di tutti i mali a detta di molti. S'è visto.

    RispondiElimina
  76. concordo, Gonzalo è in uno stato pietoso, e non da oggi...

    RispondiElimina
  77. come previsto, l'avversario è forte e ci sarà da soffrire. Senza due errori di superficialità (il mezzo fallo di Aquilani, che a nessun altro avrebbero fischiato ma che comunque è da scemi, e il rigore sbagliato) il risultato sarebbe l'opposto. Cuadrado annullato dell'ormai sistematica licenza di uccidere assicurata a chiunque lo marci. Se non scappa dall'Italia presto è scemo. Comunque per ora la differenza è tutta di concentrazione. Montella dia loro una svegliata.

    RispondiElimina
  78. Immagino che qualcuno dirà "Eh, ma ha fatto una discesa il primo tempo..." Ma vi prego! Togliete Richards e piantate un alberello, almeno non farà danno.....

    RispondiElimina
  79. Lo svantaggio è assolutamente immeritato, il loro rigore non c'era. Possiamo ancora vincerla, mi preoccupa un certo nervosismo che noto fra i giocatori. Mi preoccupa anche il gol di Rizzo, c'è stata una dormita collettiva della difesa tutta, Neto compreso.

    RispondiElimina
  80. stefano vienna2 novembre 2014 15:55

    Colpa di Cuadrado, sì, certo... E poi tranquillo in panchina c'è un top-20, ci pensa lui.

    RispondiElimina
  81. stai tranquillo che se avesse dato il primo (che c'era) su Okaka quello di Aquila non lo fischiava mai...

    RispondiElimina
  82. Il rigorista è Gonzalo, Cuadrado è andato a disturbarlo e gli ha rotto la concentrazione, deve andare affanculo. Passano gli allenatori, ma il vizio dei litigi sul dischetto rimane.

    RispondiElimina
  83. stefano vienna2 novembre 2014 15:56

    Comunque avete proprio i paraocchi, tutti a culo all'aria davanti al napoletano, ma che fa vi paga?

    RispondiElimina
  84. La vinciamo, tranquilli.

    RispondiElimina
  85. c'erano sia il rigore, trattenuta netta, che dà dubbi solo perché Baba cerca di tenersi in piedi invece di crollare, sia il fallo di Okaka, che calcia la palla dalle mani di Neto.

    RispondiElimina
  86. Ma Neto ce l'aveva tra le mani? Dopo riguardo.

    RispondiElimina
  87. stefano vienna2 novembre 2014 15:57

    Ma vai a cagare!

    RispondiElimina
  88. tra mano e terra, come l'ho vista io, e da regolamento è uguale.

    RispondiElimina
  89. Penso anch'io che abbiamo buone chance, la Samp per forza di cose calerà il ritmo, e il gol prima dell'intervallo è buon prodromo. Certo bisogna cambiare gioco. Dentro Bernardeschi al 60' per Ilicic?

    RispondiElimina
  90. Stefano, io invece toglierei proprio Cuadrado; è nervosissimo, ha preso un'ammonizione per un fallo evitabilissimo e se continua così lo cacciano.

    RispondiElimina
  91. non si può dare la colpa a Montella anche di uno che se ne sbatte i coglioni dall'inizio dell'anno, escluse un paio di partite...

    RispondiElimina
  92. E' ancora tutta da giocare. Prima o poi loro caleranno i ritmi

    RispondiElimina
  93. concordo su Gonzalo, Bergessio l'ha bruciato in uno scatto in maniera umiliante.

    RispondiElimina
  94. Il rigore di Aquila non c'era, ma se fischia il primo, non scandaloso, Neto va fuori.

    RispondiElimina
  95. Stefano, fossi in te eviterei, già mi girano i coglioni di mio, vuoi scontarla te?

    RispondiElimina
  96. Dammi retta, datti una calmata

    RispondiElimina
  97. il problema è che non possiamo permetterci di togliere uno dei pochi in grado di essere decisivo

    RispondiElimina
  98. C'era??? Ma se Neto è rimasto fermo

    RispondiElimina
  99. stefano vienna2 novembre 2014 16:00

    Appunto, ci girano, evita di scrivere stronzate a partita in corso

    RispondiElimina
  100. stefano vienna2 novembre 2014 16:01

    Ma dattela te, scusa.

    RispondiElimina
  101. per me al massimo punizione per ostruzione

    RispondiElimina
  102. Anto hai ragione che Neto non può smaterializzarsi ma Okaka gli fa sparire il pallone con lo stop a seguire (quanto voluto non si sa, ma è un altro discorso) e lui di fatto lo ostacola... il rigore a mio avviso c'era ed anche piuttosto netto...

    RispondiElimina
  103. Di tutta la merda che ci propini te, che cazzo ci dobbiamo fare? Evita di cagarmi il cazzo, non è aria, fidati.

    RispondiElimina
  104. Voglio vedere se vinciamo e facciamo un gran secondo tempo cosa verrà scritto su Montella. Questa Fiorentina è camaleontica, ma non nel senso che speravo a settembre.

    RispondiElimina
  105. Ragazzi calmatevi, arrabbiarsi per una mezza partita non aiuta nessuno, dai...

    RispondiElimina
  106. Sì ma dai un segnale alla squadra che uno non può fare il cazzo che vuole e andare anche a rompere le palle al rigorista (che già di suo è in una forma scandalosa)

    RispondiElimina
  107. Io non ho mandato a cagare nessuno, io

    RispondiElimina
  108. Stefano ti chiedo di abbassare i toni

    RispondiElimina
  109. stefano vienna2 novembre 2014 16:28

    Ha rimesso la difesa a tre di mercoledì, che aveva funzionato perchè c'era appunto Kurtic. Esperimenti tanto per fare esperimenti.

    RispondiElimina
  110. stefano vienna2 novembre 2014 16:29

    Ma che è diventato un convento di suore?

    RispondiElimina
  111. stefano vienna2 novembre 2014 16:31

    E io non ho mandato a cagare te, quindi non vedo il problema.

    RispondiElimina
  112. In tre......nessuno che lo porti all'esterno.......mah....

    RispondiElimina
  113. Gonzalo davvero inguardabile oggi.

    RispondiElimina
  114. A me dà fastidio che, se uno dice "dai che la vinciamo", un altro lo manda a cagare.

    RispondiElimina
  115. stefano vienna2 novembre 2014 16:42

    Ho urtato la tua sensibilità, scusami tanto.

    RispondiElimina
  116. stefano vienna2 novembre 2014 16:55

    Si continuano a fare esperimenti, le scelte sono discutibili, si cambia modulo e atteggiamento tattico ogni partita senza motivi particolari, solo per il gusto di cambiare. Ogni tanto ne azzecca una, ma la volta dopo cambia nuovamente: sembra che non capisca nemmeno perchè ha funzionato. C'è solo una grande confusione alimentata anche da tifosi poco equilibrati che scambiano un allenatore inesperto e poco umile per il nuovo Sacchi o il nuovo Guardiola.
    Rileggetevi i post del pre-partita, io vi avevo avvisato, mentre tutti a fare i panegirici della vittoria, pure a fine primo tempo, quando era chiaro che un allenatore aveva completamente incartato l'altro -purtroppo la vittima era quello della Fiorentina.


    E adesso una settimana di editoriali del Pollock a prendere sottilmente per i fondelli chi osa criticare il miglior allenatore italiano e uno dei venti migliori europei.


    Ci stiamo facendo del male da soli.

    RispondiElimina
  117. stefano vienna2 novembre 2014 17:01

    Mi spiace per i Della Valle che si affidano sempre totalmente al solito ex-calciatore con tendenze alla megalomania di cui si innamorano senza avere le capacità di comprensione calcistica per rendersi conto di quali danni possono appunto provocare allenatori con tendenze alla megalomania. Se fosse rimasto Mondonico, cazzo.

    RispondiElimina
  118. stefano vienna2 novembre 2014 17:10

    Comunque pensavo che eri il Sopra così mi diceva dIsqus, scusami, altrimenti non ti avrei mandato a cagare.

    RispondiElimina
  119. stefano vienna2 novembre 2014 17:14

    E comunque ho chiarito sotto, non avevo visto che il messaggio -tranquilli vinciamo- l'avesse scritto Foco, quindi mi scuso intanto con lui, che mai avrei mandato a cagare, poi con l'oste Pollock che giustamente mi ha ripreso. Pensavo fosse il Sopra -Disqus dixit- e m'ero permesso una licenza poetica.

    RispondiElimina
  120. Boh, ne sono successe talmente tante di cose brutte, che per scrivere devo resettare. Comunque, a fronte di uno schieramento iniziale che ho condiviso, i successivi cambi non mi sono piaciuti. A dopo.

    RispondiElimina
  121. La formazione iniziale era di mio gusto, unica eccezione Gonzalo a cui avrei preferito Basanta e concludevo il post (ad usum stephani) "possiamo farcela"
    Il fatto è che oggi, rigore a parte sul quale ha ragione Deyna Cuadrado ha le sue colpe - Gonzalo è stato disastroso, Cuadrado peggio e Pizarro ha fatto una puttanate delle sue (lo sappiamo che fa così, l'alternativa è Badelj che ancora deve entrare a regime, almeno spero). La partita è stata strana, persa senza subire più di tanto, sono molto perplesso

    RispondiElimina
  122. stefano vienna2 novembre 2014 17:24

    Ma chiedetevi perchè la formazione iniziale che a voi piaceva non ha funzionato e rileggetevi i miei post pre-partita: i tre tenori, quello è l'errore iniziale e non solo, perchè i cambi appunto hanno avuto sempre una costante, preservare i tre tenori: ovvero la montellite acuta nella sua espressione emblematica. Succeda quello che succeda, devono essere sempre tre, caschi il mondo. Invece serve un centrocampista più dinamico, un Kurtic, un Vargas, un Lazzari. Per me era tutto chiaro prima che si scendesse in campo: partita segnata dalla montellite, ovvero sindrome acuta da tre tenori. In più, la difesa a tre senza Kurtic neutralizza Cuadrado. Cosa che ho fatto notare a metà primo tempo. Insomma oggi Montella ha schierato quella che vado ripetendo da mesi è la peggiore formazione possibile. Scontata, arriva la peggiore sconfitta.


    Se i fatti non si accordano alle teorie, si cambiano le teorie.

    RispondiElimina
  123. Davvero strana partita dove dovevamo cambiare marcia e dare un segnale per ripartire "seriamente" nella scalata.Dopo la partita con l'Udinese i segnali erano davvero confortanti anche nei valori dei singoli giocatori,non possono essere di natura tecnica i problemi,ma il nervosismo e la confusione,oltre che gli errori madornali espressi quest'oggi in campo,erano talmente palesi che andrebbero risolti con una bella lavata di capo da parte del patron che dovrebbe rimettere in riga tutti,tutti davvero!Si parla troppo di rinnovi,di procuratori,di offerte Inglesi o Milanesi,di scambi e mercato invernale,di moduli esasperati,insomma di tutto e di più,mentre poco di tutto il resto che riguarda una coesione d'intenti da parte della squadra e società,come veniva sbandierata tre anni fà post ricostruzione. Difficile scrivere altro di sensato a caldo dopo questa deludente prestazione,spero solo che Diego(casomai decidesse di sentirsi veramente patron di questa sua"azienda-calcio"),si faccia sentire e la smettesse di delegare,poichè non può essere esente di passione in una piazza come la nostra.Hasta luego e boccata d'aria fresca per smaltire la delusione sportiva.

    RispondiElimina
  124. Stefano, permettimi di intervenire senza presunzione, ma a parte il "va a cagare" che scritto non si sa mai se scherzoso o no, è dal contesto che si dovrebbe capirlo e questo ha espresso un tuo intervento offensivo.
    Il fatto che fosse Sopra il destinatario e non Foco, cambia nulla per me. Perché, Sopra se lo merita o lo può reggere perché attualmente è più tranquillo?
    Da tempo si rimarca tutti una certa aggressività da parte tua ad esprimere le tue legittime idee verso coloro che non sono d'accordo.
    Un comportamento recente, è vero, ma reale, come la stizzita replica ad Anto. Ed hai scazzato di brutto. Non so quali siano i motivi e sinceramente non li voglio nemmeno sapere, sempre ci siano, ma ti invito a correggerti, sempre che ti possa interessare il mio punto di vista, ovvio. Qui si parla di calcio e anche se non siamo d'accordo, sempre calcio rimane, cioè dialettica superficiale. Ci si può prendere per il culo, ma il rispetto va avanti tutto.

    RispondiElimina
  125. Comincio io...

    Neto 5 (perde il tempo su Okaka ma l'arbitro sorvola, mediando poi con Aquilani ed è complice sul raddoppio doriano)

    Richards 5 (oggi non mi ha dato sicurezza, si fa anche ammonire, risucchiato...)

    Rodriguez 3 (la miglior cosa oggi è stata il rigore sbagliato, ha bisogno di stare fuori almeno un mese...)

    Savic 6.5 (il migliore e riesce anche a segnare)

    Alonso 5 (prova insipida ma almeno un paio di cross come Dio comanda li ha messi...)

    Badelj 5.5 (il meno peggio dei centrocampisti)

    Aquilani 5 (si sbatte ma non compiccia nulla, mezzo punto in meno del croato perchè da lui mi aspetto sempre di più)

    Borja 4.5 (di nuovo penoso...)

    Pek 4.5 (più penoso dello spagnolo e perde il cinquecentesimo pallone dell'avventura Viola...)

    Pasqual 5 (giusto il tempo di sbagliare il 797°, 798° e 800° cross della luminosa carriera fiorentina...)

    Cuadrado 4 (svogliato, nervoso, inutile, da prendere a calci nel culo...)

    Ilicic 5 (niente di nuovo sotto il sole...)

    Babacar 6 (prende un rigore, ciabatta male di sinistro il possibile pari nella ripresa ma almeno la davanti è l'unico che tiene in apprensione la difesa doriana...)

    Gomez 5 (dove eravamo rimasti? Sì, purtroppo lì, più o meno...)

    Montella 5 (altra prova d'appello fallita, oggi la delusione è tanta, un peccato come stia andando a puttane una stagione che ci vedeva tra le "presunte" protagoniste, e adesso toccherà pure sorbirsi le vedove serbe, giornataccia...

    RispondiElimina
  126. Alonso sufficiente, per il resto ok.

    RispondiElimina
  127. stefano vienna2 novembre 2014 17:44

    Sopra se lo meritava pure un va a cagare, che non mi sembra comunque questa grande mancanza di rispetto. Visto che sono settimane che scrive messaggi d'amore a Montella, il miglior allenatore italiano (forse è ironico). Su Anto, non ho mai scazzato con Anto, ma forse è cambiato un pò lo stile del blog rispetto alle origini, sono cambiati anche i protagonisti per la verità. Per me, e posso permettermelo, c'è un pò troppo ipocrisia ultimamente. Bè ecco, di ipocrisia almeno non mi si può accusare (come insinui un pò abilmente tra le righe). Io comunque non vado mai sul personale, ricordatelo. Così magari impariamo in due qualcosa sul rispetto visto che un pò d'esperienza ce l'ho anche io.

    RispondiElimina
  128. Stefano la penso come Lele, oggi per me hai esagerato, come uno la possa pensare su un qualsiasi argomento non deve portare da parte di nessuno all'offesa, scusami però mi sento di dirtelo, amici come prima...

    RispondiElimina
  129. Oggi sei andato sul personale, Stefano, ma anche altre volte sei stato, per così dire, al limite. Ti ho scritto perché credo sinceramente tu sia persona intelligente, proprio per questo mi sorprende tu rileva ipocrisia qui dentro, aspetto che non vedo. Su una cosa, però, ti do' ragione, il rispetto non si finisce mai di imparare.

    RispondiElimina
  130. Neto 5; Richards 5.5, Gonzalo 4.5, Savic 6.5, Alonso 6.5; Aquilani 5+, Badelj 5, Borja Valero 5.5; Cuadrado 4, Ilicic 5+, Babacar 6 [Pasqual 5.5, Pizarro 5.5, Gomez 5.5]. Abbiamo sbagliato sport: avessimo iscritto la squadra al campionato di masturbazione sincronizzata, avremmo vinto a mani basse. Squadra di Montella di nuovo regredita, come di prassi dopo un'isolata buona prova. Il 4-3-3 non è certo la causa dell'involuzione, con questo spirito, questa "velocità" e questa mentalità non funziona nessun modulo, che sia il 3-3-3-1, il 3-5-2, o il WM di qualche decennio fa. Palleggio pseudotenorile, mancanza di movimenti senza palla, nessuno smarcamento davanti, tranne il povero Baba che cerca di piazzare qualche taglio imparato da Novellino, senza che i compagni, non avvezzi, manco se ne accorgano. Complimenti a Sinisa che vara un 3-5-2 che è sì pane e salame, ma esalta la grinta e la voglia di correre e lottare di una squadra che, come somma di individualità, è da zona retrocessione o poco più. Calcio tosto e verticale, che sopperisce alla palese inferiorità tecnica con la garra che evidentemente il tanto bistrattato tecnico serbo riesce a infondere. Noi quasi non riusciamo a tirare in porta su azione, invece, e subiamo le percussioni doriane come un vascello di cartapesta lasciato a galleggiare precario in un oceano in tempesta, senza nemmeno il necessario filtro in mezzo al campo. Se proprio dobbiamo parlare di singoli, Neto incappa nella prima brutta prova stagionale. Sempre incerto, scazza l'uscita su Okaka, e il rigore non sarebbe uno scandalo. Insicuro anche sul gol annullato allo stesso Okaka, il fallo di carica al portiere ci sta, ma ho avuto l'impressione che per un istante la palla non fosse in suo possesso. Male anche sul gol di Rizzo, non basta a riscattarlo una buona parata su diagonale di Okaka. Richards è una molla negli stacchi, ma ha problemi di posizionamento, lasciandosi infilare dalla sua parte, senza contare i piedi, che sono quel che sono. Gonzalo è in condizioni miserevoli, non è presentabile in campo così, come non lo era Borja tempo fa. Sbaglia appoggi facili, viene saltato con facilità irrisoria, sbaglia perfino un rigore, seppure innervosito da Cuadrado. Savic è invece il migliore dietro con Alonso, entrambi arginano come possono l'avversario, e il montenegrino trova anche il gol dell'illusione, con un bel colpo di testa [lo spagnolo ci va solo vicino, ma spinge bene]. Nel mezzo, Badelj mostra scarsa personalità, e svanisce poco a poco, come un'acqua gasata lasciata senza tappo. Aquilani compie una castroneria sul rigore, e non fa nulla che lo riscatti. Borja conferma la crescita, ma ha poche soluzioni d'appoggio. Cuadrado si crede ormai una star internazionale alla CR7, e si innervosisce ogniqualvolta un pezzente sampdoriano gli toglie la palla: miserabile, come ti permetti?! Il che avviene purtroppo quasi sempre. Non soddisfatto, fiuta l'opportunità di un gol che può rialzarne un po' le declinanti quotazioni, e pensa bene di voler strappare il pallone al rigorista designato Rodriguez, col bel risultato di deconcentrarlo e contribuire all'errore. Fuori squadra per un paio di turni a meditare, se siamo una società seria. Ilicic fa tenerezza, ma almeno in 90' un paio di cosette interessanti le fa. Babacar si produce in un buon tiro, conquista il rigore [generoso, come quello dato alla Samp], impegna la difesa della Samp fino a meritarsi la sufficienza. Buono l'impatto sulla partita dell'acciaccato Pek, pek...kato per la palla persa, forse anche per le condizioni disastrose del terreno. Ma ha alzato il baricentro della squadra. Rientra infine Gomez, che si produce in un buon tiro parato da Romero, ma poi si fa notare solo per un inciampo sulla palla, tra una buca e l'altra del Marassi. Da rivedere.

    RispondiElimina
  131. Sopra sul terzo gol Savic c'entra poco: arriva da dietro e se avesse avuto 5 mt in più avrebbe recuperato il fresco e velocissimo Eder. Sul groppone ce l'hanno il cileno, prima e Gonzalo, poi, che fa il paletto d'allenamento quando si fa zig zag...

    RispondiElimina
  132. Eder ha fatto un gol alla Mutu, noi Mutu lasciamolo pure dove sta, tanto davanti siamo fortissimi...

    RispondiElimina
  133. eccoci, per oggi facciamoci bastare l'oro, l'incenso e la Birra per Miha. Mutu serbiamolo a domani...

    RispondiElimina
  134. Valero, Aquilani, Badelj non credo siano i tre tenori che conosciamo (Pek per Badelj e sono "i tre tenori").
    STEFANO VIENNA, io non ironizzo su Montella, che oggi sicuramente é stato incartato, quindi stai certo che lo difendo se ci sono mezzi e modi per difenderlo, lo "attacco" come oggi se sbaglia partita, cambi e lettura in corso.
    Lo ritengo sempre tra i primi 20 d'Europa e uno dei migliori in Italia, però se uno o due mesi di valutazione fanno la stagione hai ragione tu, se due quarti posti e un campionato in corso meritano una riflessione, allora potremmo sospendere il giudizio, almeno.
    Sono fermamente convinto che il 4o posto (nella globalità della storia viola)della Fiorentina sia un ottimo risultato, viste disparità di risorse economiche. Non so se tu ritieni un allenatore un valore aggiunto, perché se é così i soldi per Allegri sono sprecati, andava bene un tifoso che allenava gratis, vista la bravura dei gobbi.
    Ricorda sempre dove ha preso la viola Montella, dove l'ha condotta (con la tara di Siena-Milan, ad esempio), ricorda che gioca senza attacco da un anno e mezzo e mai ha pianto.
    Una sola domanda: oggi, conoscendo potenzialità economiche della società e filosofia, vedendo chi c'é in giro...chi chiameresti domani sulla panchina. Sii direttore sportivo, chi chiameresti?
    Ti chiedo un nome e cognome, non un giro di parole.
    Dal nome che hai citato prima (Mondonico) non ti mando a cagare, no. Ti mando a cercare un nome, che desidero leggere, tra gli allenatori su piazza. Ora.
    Ti aiuto: Spalletti inarrivabile, quindi da depennare. Guidolin libero, Del neri libero....sorprendimi.
    Intanto vado a cagare, con un sospetto: da due mesi scrivi come Giannelli...Ma non sei Giannelli, lui suscitava ilarità.

    RispondiElimina
  135. Gonzalo aveva già mandato segnali negativi ma non mi sarei mai immaginato di vederlo artefice di una prestazione cosi' scadente. Cuadrado ora come ora è un problema, non una risorsa. Il secondo goal é stato il piu' emblematico, subito con Rizzo (chi?) marcato da quattro uomini piu' il portiere. Una sommatoria di errori individuali commessi dagli uomini piu' rappresentativi, che non potrà più ripetersi.
    A meno di strane convergenze astrali

    RispondiElimina
  136. DEYNA,"... gioco masturbatorio e sincronizzato...mani basse...", figo! Almeno un sorriso dopo il disastro di Montella&Co., oggi....

    RispondiElimina
  137. Rizzo, un altro plasmato da Novellino. Novellino!! Ecco chi può sostituire Montella!!

    RispondiElimina
  138. Amarcord: Matri cinque goal

    RispondiElimina
  139. Te lo ricordi quando giocava nel Perugia? Era forte

    RispondiElimina
  140. Premetto che ho visto solo i gol, quindi di altro non posso parlare. Però in quelli, tutti e tre che cazzo c'entri il portiere mi piacerebbe saperlo, C'entrano dei difensori, ridicoli, e un arbitro come al solito eccessivamente severo nel caso del rigore. Il sampdoriano inciampa incrociando Aquilani, non vedo nessuna volontarietà di sgambetto, Aquilani ritira anche il piede ed i due correvano ad uscire dall'area. Rigori che danno solo contro di noi. Sul secondo goal non sapevo che la Samp avesse comprato Messi e lo facesse giocare col nome di Rizzo. Da come si beve quei tre coglioni di difensori viola Rizzo è Messi. Il portiere se lo vede piombare addosso a palla dominata e cosa può fare se non cercare di stare in piedi e fare ingombro. A gambe chiuse? Non diciamo cazzate, se devi fare ingombro non puoi star in piedi a gambe chiuse. Lì è solo culo, se te la tirano addosso, nell'ingombro che hai fatto, hai salvato un goal, se ti scansano, dovunque ti passi, c'è poco da fare, non la vedi nemmeno ed il tempo d'interfìvento non esiste. Così il terzo. Gonzalo si fa scartare in velocità come un ghiozzo, altro che cappone e gli altri due gli fanno ala andando a chiudere in ritardo. Anche lì il portiere è vittima sacrificale, se l'attaccante non sbaglia è goal.

    RispondiElimina
  141. Per me sul gol di Rizzo non è impeccabile, non l'ho visto sicuro, e poteva andargli più incontro...Più che altro l'ho visto male due volte su Okaka, impaurito [sulla prima uscita il rigore ci stava tutto, sulla seconda non sono affatto sicuro avesse il pallone "in pugno", anzi...]. Quel suo istintivo voltare la testa dall'altra parte poi è cosa brutta, per un portiere. Ma è la prima brutta prestazione della stagione, fino a qui è stato ottimo, non è certo in discussione.

    RispondiElimina
  142. Sulle gambe che vanno chiuse tu scambi un portiere in uscita su un attaccante solo che gli tira da quattro metri con una verginella del Poggio Imperiale. Non c'entra un cazzo e te l'ho spiegato più su. Fare ingombro, che altro non puoi fare in quelle circostanze rende impossibile la tua verginale richiesta. Se passa tra le gambe è sculo, se le tieni chiuse è più facile che ti passi di lato perchè lasci più spazio.

    RispondiElimina
  143. c'avrei scommesso che lo sollevavi da colpe... per me sul secondo regala e sul NON rigore di Okaka, l'arbitro gli vuol bene...

    RispondiElimina
  144. Rizzo tira una preghiera nel mezzo e lui è messo male e si dispone peggio, purtroppo regala, eccome... Sta facendo benissimo, è un delitto non averlo ancora rinnovato, ma quando sbaglia lo si scrive, punto.

    RispondiElimina
  145. Gli episodi di Okaka non li ho visti, quando li vedo ve lo dico. Sul goal non c'entra un cazzo, Regala cosa? su un avversario che gli tira in corsa da quattro metri? Tra l'altro lo piglia nel sotto-coscia (quasi nelle palle), qualche centimetro più su e povera Maira, ma ora eravate a dire che aveva salvato un goal, ed aveva fatto esattamente la stessa cosa che ha fatto prendendolo. In quelle occasioni il portiere deve coprire più porta che può e sperare che gli tirino addosso, il tempo d'intervento non esiste. Se non gli tirano addosso, dovunque passi, ci può far poco.

    RispondiElimina
  146. Chissa' se Badelj nel privato è un estroverso: in campo è assai timido

    RispondiElimina
  147. JORDAN, mi convinci ma io non sono stato e non sono portiere. Sorriso Mario Colavolpe, naz.Juniores il secolo scorso...diceva sempre "Il portiere deve tene le cianghe chiuse....". Boh....

    RispondiElimina
  148. Jordan, Rizzo la rimette in mezzo, mezzo metro prima della riga di fondo, il tiro è piuttosto forte ma Neto poteva far tutto meno che buttarsela in porta, come purtroppo è avvenuto... te hai fatto il portiere, io il centrocampista... però stavolta non ti seguo, per me ha responsabilità, assieme alla catena di destra che fa fare a Rizzo il cazzo che gli pare...

    RispondiElimina
  149. stefano vienna2 novembre 2014 18:53

    Il problema per me è che Montella ha carta bianca ormai da due anni, nessuno in società che gli chieda conto di scelte tecniche discutibili. Così gli allenatori giovani si rovinano, devono imparare, non pontificare o elargire saggezza al mondo. Purtroppo si ripete cosa già vista con Prandelli.


    Scusa se non suscito ilarità, ma, a differenza de i'giannelli, non ci vedo niente da ridere nella situazione attuale, siamo in mano a un allenatore che ha perso lucidità e i danni potranno solo che aumentare. Sono in guerra.


    Scusa comunque per l'insulto a te diretto, ma arrivato ad un altro. Modererò il tono dei miei post, ma per l'ironia aspettiamo momenti più allegri.

    RispondiElimina
  150. Quando ho visto la pericolosa incursione di Regini nella nostra area di rigore, ho pensato che qualcosa non funzionava a dovere

    RispondiElimina
  151. Vecchie scuole, ma si riferiva essenzialmente, credo, alla postura sui tiri da lontano, centrali, le gambe in quel caso devono stare a copertura del pallone. Se ti scappa di mano e ti passa tra le gambe aperte è, allora.sì, cappella da foto. Qundo esci su uno che è solo c'è poco da pensare alle gambe, ma c'è o da cercare di anticiparlo sul pallone o, se ha palla dominata, presentargli più ingombro possibile sulla porta.

    RispondiElimina
  152. Mettiamola cosi': Romero è stato decisivo, Neto no

    RispondiElimina
  153. Penso tu lo debba rivedere meglio http://www.youtube.com/watch?v=wDHgqltskQU
    in questo filmato lo fanni rivedere quattro volte da varie angolazioni.

    RispondiElimina
  154. Non ho fatto né il portiere né il centrocampista, se non a livelli molto, molto amatoriali. Ma oggi ho visto Neto molto nervoso, forse consapevole di una difesa che proprio non girava, a parte il buon Savic (anche Richards, ha disputato la sua peggior partita). Sul gol di Rizzo, potrei dire che Neto non è stato all'altezza di altri suoi interventi analoghi. Può darsi che non abbia colpe, ma è pur vero che in passato ci aveva abituato bene e parato tiri anche più difficili. Comunque oggi il problema non è stato Neto.

    RispondiElimina
  155. "Se il risultato dei rinnovi di contratto e della riconoscenza deve
    essere questo, cambiamo registro,perché Gonzalo Rodriguez, Borja Valero e
    Cuadrado sono giocatori trasformati...e mi auguro non incosciamente
    seduti....fate gli uomini e i professionisti fino in fondo, perché a
    Firenze si fa presto bambini....avete una maglia addosso che pesa per
    quattro, avete una città addosso che pesa per otto...avete una
    responsabilità addosso che pesa per dieci....la Fiorentina che conta
    siete VOI.....RAPPRESENTATELA" BVB




    Effettivamente... non è che Neto ha rinnovato in Hotel a Genova, sabato notte?




    stemperiamo un pochino, vah...

    RispondiElimina
  156. A me sembra siano stati poco decisivi tutti e due. O cosa hanno parato? Han preso quattro gol sui quali ci potevano fare poco ed hanno parato quello che dovevano parare.

    RispondiElimina
  157. Poco a poco riprendo il filo. Non mi piace estrapolare la prestazione di un singolo per giustificare un evento collettivo, ma raramente si è visto un'incidenza così elevata sull'andamento del match, come quella di Gonzalo.Se dava il rigore sul Okaka, non scandaloso come il secondo, Neto finiva fuori, ma il lancione Doriano trova una voragine aperta da lui.
    Sbaglia il rigore in maniera orrenda, sempre saltato all'avversario di turno, appoggia sui piedi di un attaccante un rilancio semplice in posizione pericolosa, becca il giallo uccellato come un dopolavorista, accomoagna Eder, destro, aprendo facile corridoio a destra. In pratica una tragedia completa. I nostri timori erano fondati, si chiedeva Basanta a gran voce, ma che fossero così fondati non credevo. Un incubo.

    RispondiElimina
  158. rivisto ora... forse era meglio se rimanevo alla memoria di un paio d'ore fa... qui il regalo mi sembra ancor più grosso...





    p.s. di sky possiamo dir tutto ma non che si non veda bene...

    RispondiElimina
  159. certo, Neto NON è il problema, dire il contrario significherebbe andare a trovare beghe anche dove non ci sono...

    RispondiElimina
  160. non vedo perché prendersela con Neto, dopo che tutto il resto non ha funzionato. Sul secondo gol copre la luce della porta , ma non essendo ancora regolamentari i gambali che si usano nell'hockey su ghiaccio, gli passa sotto la coscia. Parliamo piuttosto della prestazione indifendibile di Gonzalo su tutto l'arco della partita o dell'impalpabilità di Illicic o della mancanza cronica di lucidità nell'ultimo gesto. Ah, già, ma qui c'é disquisisce degli allenatori, responsabili di tutto quando va male.

    RispondiElimina
  161. Volevo solo dire (in maniera involuta) che Neto ha parato tiri del genere decine di volte, oggi no. Il disastro è stato collettivo, pensa un o' che uno dei meglio mi è sembrato Badelj

    RispondiElimina
  162. Vigile, a Gonzalo ho dato 3 ... e ho scritto che deve stare fuori un mese...

    RispondiElimina
  163. Jordan, Neto avrebbe provocato il rigore su Okaka, finendo fuori, senza responsabilità, lui vedendo il buco lasciato dal difensore centrale, Gonzalo, giustamente sale al limite, e Okaka, dopo bel controllo, ci va a sbattere. Al basket sarebbe sfondamento, a calcio fischiano. Ma non vedo colpe specifiche, era lì per tamponare una gonzalata. Sul gol è vero quello che dici, tanti sono i portieri che pigliano gol in mezzo alle gambe su tiri ravvicinati, come è vero che poteva far meglio.

    RispondiElimina
  164. Poteva avere più culo, nell'occasione, come magari l'ha avuto in altre occasioni. Giocatore solo davanti al portiere a palla dominata se sbaglia è colpa sua, e basta. Il portiere può cercare di indurlo in errore riducendogli gli spazi utli alla conclusione, ma di più poco può fare. Come nei calci di rigore. Romero ha fatto una grande parata? No, Gonzalo ha tirato da ghiozzo come tutta la sua partita odierna.

    RispondiElimina
  165. Lo so , infatti non lo dicevo per te, parlo in generale. Ad alcuni sembra che quando le cose non vanno sia una questione di numerini o di formazione. Io trovo che siano gli uomini d'esperienza che hanno una flessione: se il nostro migliore é regolarmente un ragazzo di 21 anni, qualcosa non quadra. La butto li', ma non é che i rinnovi taglino le gambe ?

    RispondiElimina
  166. Io faccio i complimenti a Mihajlovic, per prima cosa, che ha saputo bloccare il nostro modo di fare gioco modificando il proprio. La Samp, fino ad ora si era sempre presentata con un 4-3-3 puro, stavolta ha cambiato pelle, utilizzando un 5-3-2 teso a sterilizzarci Cuadrado e a spezzarci in due chiudendosi, ma mantenendo due attaccanti veri su cui appoggiare tutte le ripartenze. Una mossa che ha permesso ai loro centrocampisti di aggredire, sempre guardando la nostra porta, e ai nostri dover andare a prendere palla, quindi, doversi sempre girare per attaccare. La partita di Okaka, dovrebbe essere trasmessa nelle scuole calcio, per far capire che è dal centravanti che comincia la fase difensiva.
    Miha ha saputo rischiare un cambiamento che spesso può comportare grosse imbarcate e gli è andato tutto bene. A cominciare dalle condizioni del campo.
    Montella è stato sorpreso, come sono stati sorpresi i nostri centrali e i nostri centrocampisti, e non è riuscito a far cambiare marcia alla squadra.
    Nonostante tutto, però, avevo la sensazione che avremmo potuto farcela. Perché i primi due gol ce li eravamo fatti da soli e perché loro dietro parevano andare in apnea, quando prendevamo un po' di velocità.
    Non è andata, applausi a loro.

    RispondiElimina
  167. Poteva fare meglio, ma il problema, anzi i problemi non derivano certo da Neto. Ho visto tanto casino, anche nella testa di Montella nel secondo tempo, ma bisogna partire da due aspetti fondamentali:
    -Gonzalo ha giocato per loro, 3 è un eufemismo, non andava nemmeno giudicato
    -Sinisa ha tratto lo stramassimo dalla sua squadra, Montella no.

    RispondiElimina
  168. A questo punto, sia pure con rammarico, lascerei perdere ogni velleità circa il terzo posto e cercherei di proseguire la stagione alla giornata, vendendo poi a gennaio tutto la zavorra, senza acquistare altro, ma cercando di valorizzare il restante. Purtroppo mi sembra che Montella non sia in grado di aggiungere più niente a quello che si è già visto. Anzi l'involuzione del gioco della squadra appare evidente, oltre a mancare chiaramente una positiva continuità di rendimento. È probabile che, come dice Sopra, Montella sia tra i 20 più forti allenatori d'Europa, anche se al riguardo ho più di un dubbio. Però temo che a Firenze abbia fatto il suo tempo e che a giugno sarà meglio cambiare manico.
    A prenderne il posto spero sia uno tra Bielsa e Spalletti (che a Firenze verrebbe a stpendio ribassato dopo un paio d'anni di stop). Poi se prendono un allenatore modesto tipo quello del Sassuolo, che manco mi ricordo come si chiama, allora aspettiamo una riedizione del periodo Sinisa-Delirio.

    RispondiElimina
  169. Da una parte sono contento, ero tra i pochissimi a difendere Sinisa sul sitone, contro la becera maggioranza che lo vedeva come Boniek a commentare in TV. Ma siccome è un avversario, ero più felice se lo avessimo asfaltato. Purtroppo oggi molti si svegliano irritati, dopo la lezione che ha impartito a Montella con elementi che da noi sarebbero in tribuna.

    RispondiElimina
  170. Oggi gli è andata bene, ma se non osi non meriti fortuna. I gol sono casuali e figli di nostri errori marchiani, però che ci ha studiati e disattivati è indubbio.

    RispondiElimina
  171. Lo aveva pure preannunciato.

    RispondiElimina
  172. c'è chi ipotizza anche questo... non è da escludere, in effetti...

    RispondiElimina
  173. E se cosi' fosse allora anche i tifosi dovrebbere smettere di stare in apprensione per i rinnovi in corso, visto che rinnovare fa imborghesire.

    RispondiElimina
  174. Dunque, decima giornata quasi conclusa e tempo di prime valutazioni.

    3 sconfitte, troppe.

    2 scialbi pareggi interni contro squadre alla portata (ma oggi il Genoa di Matri ha 5 punti in più), troppi.

    2 belle vittorie contro Inter e Udinese , troppo poche.


    Insomma, è chiaro che c'è delusione, amarezza, forse anche un po di rabbia ma il colpevole non può essere uno solo, questo ho sempre pensato e continuo a pensare.

    Montella è in fase calante, Gomez si avvicina sempre più alla tanto temuta etichetta di bidone (oggi poco più di una ventina di minuti, su un campo infame, ma sembrava lo stesso di Bergamo...), Gonzalo, Cuad e Borja irriconoscibili da settimane/mesi, Marin ancora mai visto e siamo a Novembre, Rossi che si è messo a fare il sefiemen in attesa del rientro (in che era?) e tanti altri piccoli/grandi problemi...

    Il clima non è dei migliori, le ricadute sono ormai una regola, il terzo posto probabilmente è definitivamente andato con i primi brigidini, Montella mangerà il panettone?

    RispondiElimina
  175. STEFANO VIENNA, per me finisce con quel post, nel senso che non lego nulla la dito.
    Oggi tutti un po' nervosetti, gli utenti. I viola in campo no.
    Potrebbe essere vero che nessuno, in società, chieda lumi sulla situazione e sulla brutta rotta presa dalla squadra ma potrebbe essere vero il contrario, cioè chiedono- hanno risposte- va bene cos.... magari consci di qualcosa che non conosciamo...boh...provo a supporre.
    La cosa che a me colpisce é proprio l'altalena, con corsa breve, della viola: splendida (o quasi) con l'Inter e poi flaccida (un po' si) con il Milan, bella con l'Udinese e poi oggi così. Montella non li carica e non li motiva o i calciatori, come indole, non vanno oltre quello che vediamo?


    Chiarisco altro punto: non ritengo Neto responsabile della dêbacle, per nulla.
    Ma...Marin?

    RispondiElimina
  176. E ora forza Dybala, tocca però perdermi il primo tempo...

    RispondiElimina
  177. Un pensiero che mi torna in mente sempre più spesso è: come mai Matri che l'anno scorso non metteva una palla dentro (a parte l'esordio con il Catania), quest'anno ha già segnato 5 gol?

    RispondiElimina
  178. Sopra, io invece ho visto molto nervosismo in campo, l'avevo già scritto nell'intervallo: Gonzalo e Cuadrado (che ha la faccia sempre incazzata) litigano per il rigore, rinverdendo in questo gli ultimi mesi prandelliani, Ilicic più volte l'ho visto incazzarsi con Baba che non gli ha passato il pallone (anche quando Palombo l'ha cinturato in occasione del rigore), Neto come dice Corto era nervosetto. È un clima che mi spaventa, sinceramente.

    RispondiElimina
  179. Non c'entra niente, ma chi ha avuto la brillante idea di giocare con maglia nera e particolari oro il giorno dei Morti?

    RispondiElimina
  180. Ci avevo pensato anch'io, un genio senz'altro.

    RispondiElimina
  181. Come diceva Heriberto Herrera :" Lo joco c'è, jocatori pure. Risultato manca"

    RispondiElimina
  182. Si ANTO, vero del nervosismo ma credevo che fosse misto alla vis agonistica o parte del "gioco" ma in realtà hai centrato; giocatori nervosi.
    E forse il problema é nelle pieghe della società, la quale attraverso Andrea aveva mandato "segnali" (rinnovi, beghe, etc.) che si stanno traducendo in atteggiamenti non proprio da "Fiorentina dei Della Valle".

    RispondiElimina
  183. Io insisto su Okaka, che ha fatto una partita fenomenale e per novanta minuti. La chiave della partita. Perché ha fatto pressing continuo, perché ha cercato sempre la verticalità, perché fisicamente ha sovrastato ogni centrale gli si sia parato contro. Perché ha permesso che la scelta tattica di Miha non si rivelasse uno sbaglio, tenendo sempre abbastanza alto il baricentro di una squadra che, con cinque difensori, rischiava di rimanere schiacciata all'indietro. Impermeabile ai contrasti, ha sempre permesso al centrocampo di distendersi in corsa e, quindi, aggredire i nostri dietro. Per far fare una mole di lavoro del genere ad un centravanti, serve una gran dose di carisma. Probabilmente, un Okaka meno convinto avrebbe contribuito ad uno scenario tattico diverso.

    RispondiElimina
  184. Anche il Palermo domina il Milan....8 azioni da gol dei rosanero.....

    RispondiElimina
  185. Lo scriveva qualcun, qui della crescita di Okaka...

    RispondiElimina
  186. Dopo Juve e Roma (ma non cosi tanto dopo) c'è la bagarre, 10 squadre (più o meno) in 6,7 punti. Tutto è ancora possibile da un punto di vista matematico, basterebbe una manita come quella del primo anno di Montella e gireremmo la boa in ottima posizione. Purtroppo non è detto che la manita la faccia qualcun'altro. Anzi..

    RispondiElimina
  187. Assolutamente sì. E 'uno a cui non levi la palla. Induce al fallo e è capace di accelerazioni improvvise. Ma il problema e' stato che loro si aspettavano il pressing alto. All'inizio ci siamo adattati ai loro ritmi e la squadra è stata a tratti lunga. Poi nel secondo tempo, sono mancati i cambi di marcia. Quando ha - giustamente - tolto Cuadrado e' finito tutto. Pasqual zero cross. Tutti bassi. Gomez zero tiri. Questa squadra ha un solo modo di giocare, che tutti conoscono ormai. L'unico che ha la falcata è il colombiano: se non crea superiorita' lui, è una messa cantata

    RispondiElimina
  188. Lo scrivevo giorni fa, non riusciamo più a fare un filotto di 5 o 6 partite con vittorie e un paio di pareggi in mezzo...La china, da Marzo 2014 in modo inquietante, é questa, sempre più inesorabilmente indietro...piano piano....
    Veramente é un marasma di squadre (che noi definiamo mediocri!) in 5 o 6 punti, ma noi non facciamo quelle tre vittorie consecutive che possano far alzare un po' il mento a noi tifosi (e alla squadra!)...

    RispondiElimina
  189. La classifica è come il sedere della Merkel: meglio non guardarlo

    RispondiElimina