.

.

mercoledì 19 novembre 2014

Dante e la seconda domanda

A me era sembrato strano fin da subito, mi sembrava tutta un gran buffonata, una messa in scena senza il prete, però sono stato zitto per non passare da quello invidioso, insomma, per il solito rosicone che dubita, acrimonioso, astioso, bilioso, malevolo e stizzoso, in due parole Massimo Mauro. E che per questa sua indole si lacera dentro (ho sempre sostenuto che dai fontanelli pubblici dovrebbe scorrere Maalox). Soggetto afflitto da ulcere non solo quattro quattro duodenali. Avevo avuto ragione perché alla fine Buffon ha fatto outing su Twitter, ha confessato di essere un’animalista convinto, a prescindere dall’amore per le mandrie di tifosi juventini allo stato brado, e così la bella giornalista di Sky gli serviva solo da copertura. La foto che ha pubblicato mostra quanto sia più animalista di lei, a tal punto che dopo l’ultima uscita a vuoto è finalmente uscito anche allo scoperto, e a Milano in occasione della partita contro la Croazia non ha esitato a lasciarla per una papera. Che come si sa galleggia ed è anche una scelta intelligente in questo periodo dove sono più frequenti le alluvioni che le vittorie della Fiorentina, bombe d’acqua più efficaci e distruttive delle autobombe, che mettono a nudo non solo le squadre di Mazzarri come contro il Verona, ma anche le carenze sulla gestione della manutenzione degli argini, della pulizia dei tombini e di quella dei menischi di Giuseppe Rossi, oltre che a evidenziare una politica miope che ha permesso una cementificazione ossea più o meno selvaggia. E girando per le strade di Firenze si capisce bene come mai Benigni venga tutti gli anni in Santa Croce a leggere Dante. Perché tutti i lavori fatti dal Comune fanno parte di “Capitoli” anche se non si riesce a sapere di quale libro si tratta. Dovrebbero chiamarli “Gironi” come nella Divina Commedia riveduta e scorretta. “Paradiso”: ne fanno parte pochissime strade, forse solo il viale del tramonto di Pizarro. “Purgatorio”: ne fanno parte alcune strade con manutenzione annuale, quelle che portano al rendimento alterno di Valero e Gonzalo, quest’anno privi di fondi e di fondo. “Inferno”: ne fanno parte le numerose strade abbandonate al loro destino. Le strade di certi tentativi tattici senza via d’uscita. Nei vari “gironi” specie in questo di andata ci sono buche, dossi pericolosi, smottamenti, crepe, segnaletica orizzontale assente, lavori da fare e pochi fatti come i punti fino ad oggi. Anche il “Patto di Stabilità” all’interno dello spogliatoio, fa parte dell’ Inferno. Prima domanda: sarà sempre Montella l’allenatore del futuro, oppure c’è bisogno di un traghettatore? Un Caronte che ci porti dall’altra parte del progetto. o che ci faccia attraversare strade diventate fiumi? Per finire, invece del dolce, la seconda domanda di carattere più generale, l’”Associazione Amici del Somaro” ha preso le distanze da chi accosta l’animale a persone poco intelligenti, sostenendo che è un uso un po’ vecchio del fare comparazione, e chiede se invece di dare del ciuco si possa ovviare dando del Tavecchio.

83 commenti:

  1. POLLOCK, pittore astratto- critico concreto.

    RispondiElimina
  2. Parallele italiote:
    1. Nunzia de Girolamo (NCD): "Ero della Juventus ora tifo Napoli. Per amore".
    2. Nunzia de Girolamo (NCD): "Saró candidata alla presidenza della Regione Campania nel 2015".

    RispondiElimina
  3. Un talento sul quale si sente di scommettere?

    Kurt Hamrin: «Dybala del Palermo. Mi fa impazzire».

    RispondiElimina
  4. Mancava la tua citazione settimanale dell'argentino....eh eh eh eh...

    RispondiElimina
  5. In questi giorni ho assistito alla lunga e dettagliata disquisizione sui moduli.Tralasciando i modi e la perentorietà di taluni,personalmente la ritengo una discussione abbastanza astratta.Oggi,a differenza di anni fa,le squadre si muovono sincronizzate,con la partecipazione di tutti.Movimenti con e senza palla,sia in fase di non possesso che di possesso.Tattica portata agli estremi.Ed i moduli sono solo un modo per "sintetizzare" il numero di centrocampisti,attaccanti e difensori.Non certo per definire il modo di giocare.Perchèa vedere una partita nel complesso dei 90 minuti raramente accade che la squadra sia schierata col modulo definito,qualunque esso sia.Esempi:3-5-2.In fase di non possesso,con la squadra che difende,molto spesso(se non sempre) accade che uno dei due laterali (anche tutti e due contemporaneamente ) si spostino sulla linea dei difensori.Ed ecco che,volendo fare il giochino dei moduli,automaticamente

    RispondiElimina
  6. Oggi esce la biografia di Gianni Lechner, alias Bombolo. Un must.

    RispondiElimina
  7. Entro il 2020 finirà il cioccolato. La Svizzera fallirà.....ah ah ah ah..

    RispondiElimina
  8. Sono passato dalla Maiella....o dalla maiala? Boh.....

    RispondiElimina
  9. Oh pollock, che ti lasci andare così? Guarda che la gaia ti legge eh! Ricomponiti per dio!
    Ps: vi continuo a leggere, come sempre

    RispondiElimina
  10. Ciao PENDELLUFT....fatto voto, eh?!?!!! Furbo....finché la viola non vince....non scrivo! Sarai un ex voto, un giorno.

    RispondiElimina
  11. Ha abbandonato la cicala.

    RispondiElimina
  12. Perfetto. Anche perché se guardi tipo un Guardiola al Bayern, c'è da impazzire altrimenti.

    RispondiElimina
  13. Per me il modulo è uno schieramento sul campo che serve per avere dei punti fissi dai quali muoversi, possibilmente in maniera armonica e concatenata. Il gioco ti porta a disegnare movimenti diversi, in cui le disposizioni variano ,certo, però si parte e si torna sempre da e verso una linea guida. È un riferimento necessario che serve per non creare anarchia.
    Poi, sicuramente, incidono molte variabili, tra le quali le caratteristiche degli interpreti. Il 4-4-2 di Sacchi, preso come simbolo dell'ortodossia tattica, aveva spesso Donadoni in posizione di trequartista, aveva, all'inizio, Colombo che era tutto tranne un esterno destro, ecc.

    RispondiElimina
  14. mi fa sempre bene rivederlo, non abbia ad offuscarsi il ricordo del più grande di tutti...

    https://www.youtube.com/watch?v=8bKmUAUFiq8#t=31

    RispondiElimina
  15. Ieri sera ho finalmente capito perchè qua dentro sono tutti appassionati di rock music, eheheheh L'ho sempre pensato che avevo sbagliato genere, mannaggia...

    RispondiElimina
  16. L'unica certezza é che i giocatori debbano essere messi in condizione di sfruttare le loro peculiarità.In questo sono sulla linea di Jordan e Lele.Se hai solo difensori centrali devi creare un tipo di gioco che li porti il meno possibile sulle fasce;se hai giocatori che si esprimono bene sulle fasce,soprattutto in fase propositiva( Cuadrado,Vargas,Joaquin,Cerci etc etc) probabilmente un modulo simile al 3-5-2,per semplificare,é quello più adatto.Mazzarri conosce il modulo con i 3 davanti,due giocatori sulle fasce e due mediani.A Napoli aveva giocatori perfetti ed ha fatto rendere la squadra al top(lasciando stare il fatto che quel gioco può piacere o meno).Venuti meno quei giocatori non ha cambiato modo di giocare,forzando i giocatori in compiti non consoni alle loro caratteris ed alla fine i risultati sono stati assai scadenti.Mancini,con quegli stessi giocatori,cambierà modulo.Se intelligente adotterà strategie mirate ad esaltarne le caratteristiche.

    RispondiElimina
  17. Mai visto un giocatore capace di costruirsi un bagaglio tecnico enorme come lui. Il paragone che mi viene in mente è quello con la fabbricazione di una Katana, tantissimo lavoro e tantissima applicazione, una determinzione mista a concentrazione talmente forti da diventare quasi magiche. Alla fine, da un blocco d'acciaio grezzo, esce fuori un'arma perfetta, mutata anche nelle caratteristiche intrinseche del materiale da cui è nata. Talento purissimo forgiato a colpi di rabbia e volontà, quello di Bati.

    RispondiElimina
  18. Ilicic, campione in astratto-stravagante in concreto

    RispondiElimina
  19. ... davvero.... che poi se guardi queste immagini vedi, nelle esultanze dopo i gol, alcuni compagni con cui "ha dovuto" giocare e ti rendi conto ancor più della sua grandezza... una marea di gol in squadre quasi mai competitive per i massimi livelli, escluse rarissime eccezioni... Peccato, per lui e per noi....

    RispondiElimina
  20. Ma Gaia lo sa che POLLOCK a una sua eventuale donne direbbe "Regina della casa, appendi la corona al chiodo e fammi un brodo"?

    RispondiElimina
  21. Diciamo che non si amano...





    http://images2.gazzettaobjects.it/methode_image/2014/11/18/Calcio/Foto%20Gallery%20-%20Trattate/DV1911314-U901074432199i7F--688x458@Gazzetta-Web_mediagallery-page.jpg

    RispondiElimina
  22. Non sono un animalista fanatico pur volendo bene agli animali e reputandoli a volte più sensibili della razza umana per alcuni aspetti e di uguale ferocia in altri frangenti.I miei poveri nonni in campagna avevano di tutto,persino un "ciuchino",testardo e lavoratore,con bastone e carota sempre pronti a seconda della circostanza,intelligente non sò,ma furbo di sicuro.Non ho idea di come abbia fatto un Tavecchio ad occupare nel calcio un ruolo di potere e delicato allo stesso tempo e che ci dovrebbe rappresentare nel mondo,ma in qualche affermazione lascia davvero a desiderare(non solo noi).Se vogliamo restare in tema,credo sia in buona compagnia:leggere oggi di un Conte che alza i toni rimarcando cose banali,quanto giuste aggiungo(ma uguali per tutti) e che avrebbe dovuto sapere(sapeva senz'altro) prima di firmare un contratto,non accennando minimamente al senso dell'amichevole di ieri sera,dell'alluvione che ha colpito Genova,della beneficienza,di un collega italiano in panchina che si sta comportando degnamente,dell'esordio di un calciatore che ha combattuto e sconfitto una terribile malattia,lasciandosi andare a suoi non nuovi sfoghi,mi lascia molto perplesso,perlomeno dopo una partita amichevole organizzata per un preciso scopo e giocata con le riserve o presunte.Magari anche a lui è parso che si giocasse a Tirana,non a Zena.La cosa positiva è aver visto un puledro Okaka,al posto dell'asino Balotelli.

    RispondiElimina
  23. Cristiano guarda avanti,la colpa è del piccino che non è alto come il bel CR7...

    RispondiElimina
  24. Mai visti calciatori di Sassuolo, Parma, Genoa in nazionale...che livello!!
    Giocare con un terzino davanti a un terzino....che turpe!!
    Conte sapeva la situazione. Cosa blatera?

    RispondiElimina
  25. Sono Messi male...

    RispondiElimina
  26. http://www.fiorentina.it/it/news/articolo.54.20626/mundo-deportivo-eduardo-macia-al-barcellona-a-gennaio.html

    El crack del scouting, da noi tenuto a far la muffa per star dietro alle geniali intuizioni di Pradè, se non di Conhinhi.

    RispondiElimina
  27. Se va via lui, rarissimo uomo di calcio in società, chi rimane? L'ologramma Guerini?

    RispondiElimina
  28. Non credo che Mancini sia un grande stratega tattico, ma sa gestire grandi società, il che non passa assolutamente in secondo ordine a certi livelli, anzi a volte è l'aspetto primario. Poi certo che intelligente lo è, i cretini hanno fatto carriera diversa.

    RispondiElimina
  29. Stampa spazzatura. Io voglio credere a quello che ha detto Prade'

    RispondiElimina
  30. Che ha detto Pradè, oltre che il 20 agosto non poteva sapere che Rossi si sarebbe infortunato?

    RispondiElimina
  31. Ma di che parliamo? Qui c'e' chi vede giocare il Bayern e vede una difesa schierata a tre. Solo i perdenti di lusso giocano a 3 dietro.

    RispondiElimina
  32. Il bayern gioca con un 4231.

    RispondiElimina
  33. Per me è stato un mezzo lapsus all'interno di una conferenza stampa dignitosa, con riferimenti alla possibile continuita' dello staff tecnico anche nelle stagioni a seguire, valutati i risultati. Le facce annoiate di tecnico e giocatori il giorno della gita a Ascona erano più esplicative. Nessuno ignora la dicotomia interna: si tratta di capire se è quella che incide sui risultati in campo o viceversa

    RispondiElimina
  34. Bertotto-Calori-Pierini erano perfetti nella prima vera difesa a tre mostrata in Italia. No?
    In avanti Amoroso-Bierhoff-Poggi. E arrivarono terzi!

    RispondiElimina
  35. STEFANO, che saluto con piacere, nota bene che qui nessuno sta facendo il telebano con i moduli, anzi oggi proprio nulla al riguardo.
    I pareri sono diversi e nessuno dogmaticamente afferma che uno prevale sull'altro (di moduli, intendo). Abbiamo tutti notato che Montella parte con un modulo (sbagliato? Giusto?) e poi cambia, spesso scontentando più per gli interpreti che per il modulo stesso. Chiaramente io non l'assolvo, peccatori di gioventù che...paghiamo noi!!

    RispondiElimina
  36. Uno che si pone con queste affermazoni è uno che vuol discutere? O è un fissato come lo svizzero che vuol imporre le sue teorie al mondo? A tre giocava la Juventus di Conte in Italia e non mi sembrava proprio una perdente. A tre giocava la miglior Fiorentina degli ultimi trent'anni, quella di De Sisti nell' 83-84 a tre ha giocato Montella spesso e volentieri per tutto il primo anno, quello nel quale ha fatto più punti. A tre in difesa giocano in diversi, come dversi giocano a quattro, ma questo non vuol dire una sega. Il calcio non è la tombola e non sono i numerini che dicono chi vince, ma come si gioca, come ci si muove e come si sa far muovere il pallone.

    RispondiElimina
  37. Chi Guidolin? Il perdente di lusso par excellence?


    Di moduli e numeretti si possono riempire pagine, ma in sintesi nel gioco del calcio esistono due basi con la difesa a quattro, il 4-3-3 e il 4-4-2, con variazioni di poco o tanto conto a seconda dei punti di vista. La difesa a quattro è preferita da tutti gli allenatori moderni e offensivi -da Sacchi a Zeman a Guardiola- perchè oltre a dare ordine permette di occupare al meglio tutte le zone del campo.


    Si può ben dire che la difesa a 3 è la variante povera. Povera in tutti i sensi. Si è imposta brevemente a metà degli anni Novanta perché ha permesso ad allenatori di media caratura -di solito con squadre tecnicamente di livello medio-basso- di sopravvivere ottenendo qualche risultato decente. Essendo poi in realtà un 5-3-2 è certo prediletto dai difensivisti cronici che in questo modo hanno creato una variante 'più vendibile' del catenaccio classico.


    Qui siamo oggi, e non mi sorprende che Montella si orienti per questa soluzione. Vista la sua impreparazione è normale che si orienti verso allenatori del suo livello, appunto, i Guidolin o i Mazzarri. Questo probabilmente sarà il suo livello per gli anni futuri.

    RispondiElimina
  38. Ho trovato un Indiano che spiega le cose meglio di me. Certo, è Indiano, e io sono stato dalle sue parti...probabilmente siamo stati intossicati dallo stesso batterio nell'acqua e c'è andato in pappa il cervello. Comunque mi sembra interessante a prescindere.

    http://www.sportskeeda.com/football/barcelona-to-bayern-munich-evolution-of-pep-guardiola-intriguing-formations

    RispondiElimina
  39. Ma chi gioca a tre scusa? Allora per te dialogare vorrebbe dire che uno, cioè io, deve accettare a prescindere un'opinione che ritiene non solo discutibile, ma difficilmente dimostrabile.


    Il calcio evolve, ad oggi nessuno degli allenatori più moderni e vincenti gioca con una difesa schierata a tre. Poi se Montella vuole giocare a tre che ci giochi pure.


    A differenza dello svizzero, io cerco il dialogo, ma se io dico 'rosso' e voi dite 'blu', una delle due deve essere vera, l'altra falsa. Non è il mio atteggiamento ad irritarti, è che di fronte ad una dicotomia radicale, chi esprime la propria opinione -tra l'altro in minoranza quasi totale- deve essere rispettato. Poi certo a pelle non ti farà piacere che ci sia qualcuno che difende una tesi diametralmente opposta alla tua.

    RispondiElimina
  40. Citi Zeman, che non é vincente....
    Citi Guidolin che in CL é andato, Coppa Italia l'ha vinta....
    Non so se un modulo é più orrendo di un altro, ognuno ha pro e contro.
    Guidolin non piace ai fiorentini (ai tifosi) ma la sua Udinese ha messo sotto tutte le grandi, o sbaglio?
    STEFANO, io personalmente non credo sia questione di moduli ma di uomini e motivazioni. Il Milan di Capello raschiava una marea di 1-0 e che modulo aveva?

    RispondiElimina
  41. Veramente sarebbero stati prima Zaccheroni e poi Spalletti.

    RispondiElimina
  42. Spalletti appena è passato ad allenare una squadra di livello è passato alla difesa a quattro e con questa ha raggiunto risultati apprezzabili.


    Zaccheroni è finito ad allenare il Giappone.

    RispondiElimina
  43. Lungi da me difendere Prade' che abbia una parte di responsabilita' , ma in conferenza stampa avrebbe detto: chi poteva immaginare il 20 agosto che rossi, gomez e berna si sarebbero infortunati?" (fonte miei ricordi). Credo intendesse:"il 20 agosto non pensavo di trovarmi senza gran parte dell'attacco"

    RispondiElimina
  44. Mi sento meno solo

    http://earlyshower.wordpress.com/tag/pep-guardiola/

    RispondiElimina
  45. sto disegnando l'organigramma nel caso mi chiamassero a dirigere l'area tecnica di un club professionistico: ho già in mente dove sarai impiegato... eheheheheheh

    RispondiElimina
  46. Ecc.
    http://thematch365.com/2014/10/05/linea-de-3-en-aleman/

    RispondiElimina
  47. Al computer? Trovo certi siti porno che manco te l'immagini...ahahahahah

    RispondiElimina
  48. Comunque, il messaggio sbagliato che, forse, passa, è che la difesa a tre sia sintomo di bel calcio e di modulo vincente. Nessuno lo sta dicendo! In assoluto non esiste un modulo che possa prescindere dalle caratteristiche dei calciatori a disposizione, mi sembra che siamo tutti d'accordo in questo blog. Io dico che con quello che abbiamo nello spogliatoio, il modulo più facilmente rappresentabile è il 3-5-2, ma se, per esempio, mancasse Cuadrado, non sarebbe più attuabile, perché manca un giocatore con certe caratteristiche che possa sostituirlo. Ma è quello che penso io e che non voglio imporre a nessuno, perché non mi interessa assolutamente. Se domenica la Fiorentina vince con sei attaccanti e mezzo raccattapalle, io sono contento lo stesso.
    È un mio parere che se non trovo argomentazioni che possano cambiarlo, rimane. Con l'inutilità che ne consegue.

    RispondiElimina
  49. Pronto per il linciaggio, voglio dire anche la mia, vah... (anche se mi pare di averne già parlato).

    Io penso che per la rosa a disposizione lo schieramento tattico naturale dietro sia quello a 3 per il discorso fatto miliardi di volte ormai da tutti e sul quale mi pare si sia di vedute molto simili (a parte uno). Tomovic non è un terzino, Roncaglia non era un terzino, Richards non è un terzino, Rodri non sa giocare mezzo destro o sinistro in una difesa a 4, Savic sì ma non sui bordi, Alonso non è un terzino e di Pasqual, ormai, dovremmo conoscere a memoria anche il numero di scarpino. Forse Basanta potrebbe fare il quarto basso a sinistra ma sarebbe comunque una forzatura. A non pensarla così, molto spesso, è lo stesso Montella che si incaponisce a forzare la difesa a 4 con i risultati che tutti vediamo. Il discorso difesa si ripercuote ovviamente sul centrocampo anche perchè la benedetta posizione degli esterni ti fa cambiare modulo (numerini di Jordan) a seconda di come questi si piazzano. Io tutto questo problema non ce lo vedo, Badelj è già in partenza, Calamai vox, conferma l'arrivo di un forte centrocampista (non Fernando che è rimandato a giugno), al ritorno verrà valutato Rossi che se ne avrà per più del previsto sarà sostituito da un nuovo attaccante. Neto via a gennaio. Ambasciator non porta penE.

    RispondiElimina
  50. esatto, le caratteristiche dei giocatori fanno (dovrebbero fare...) lo schieramento tattico... in sostanza ciò che scrivo appena sopra...

    RispondiElimina
  51. Mah, mi son voluto leggere la storiella del 442 433 - moduli di lusso e 352 modulo dei poveri... Nel mio piccolissimo da giocatore e sottolineo PICCOLISSIMO (bada caso da quinto di centrocampo a destra) col 352 ho vinto e visto vincere dei campionati... Ribadisco, perchè penso che sia la vera regola del gioco del calcio, anzi, di tutti gli sport, che la differenza la fanno i valori tecnici e le caratteristiche dei giocatori. Un allenatore intelligente e capace plasma la squadra e la sua disposizione in base alle caratteristiche/qualità dei giocatori che si trova a disposizione. Nel tempo può, lavorandoci sopra, abituare i giocatori a saper stare anche in altre zone del campo ma un terzino non lo trasformi centravanti e viceversa. Se hai quelli bravi vinci e sei forte, se hai una manica di raccattati hai voglia a fare la difesa a 4...

    RispondiElimina
  52. GONFIANTINI....come giocava l'Audax Rufina?

    RispondiElimina
  53. Io ho visto almeno una decina di partite del Bayern in BL e le ha giocate TUTTE con la difesa tre, caro il mio arrogante saputello. Questo non vuol dire che in caso di pressing avversario uno non scenda a fare il quarto, ma l'impostazione di base è quella. E ne consegue, secondo la tua teoria, che Guardiola sia un perdente.
    Detto questo, è evidente a tutti, credo, il tuo modo da saloon per argomentare e non noto alcun tentativo di abbassare il livello. Se vuoi credere ad una coalizione contro di te, sei messo proprio male.

    RispondiElimina
  54. Concordo, dal basso della mia incompetenza, con Andrea da Terni (AKA Foco), la bellezza di un modulo la fanno i giocatori e l'allenatore e sinceramente non trovo un modulo che sia pareto-superiore agli altri. Un po' come i sistemi elettorali che non possono prescindere dal retroterra culturale e istituzionale: il sistema uninominale ha funzionato benissimo in Inghilterra, ha fatto schifo in Italia. Quello che non capisco e che mi fa venire il dubbio di essere stupido è che mi sembra che in questo campionato sia Montella il primo che vuole giocare con una difesa a quattro, arrivando con il Napoli a mettere tomovic a sx e ad arretrare Cuadrado (e poi mettendo Gonzalo invece di Basanta, ma questa una digressione). Quindi non capisco molto a questo punto la crociata di STEFANO contro Montella.
    Un appunto STEFANO non credo che qui ti si rimproveri tanto essere per una difesa a quattro invece che a tre. Credo che quello che ha lasciato perplessi è il dire: io sono per la difesa a quattro e voi, che siete a un livello basso, per la difesa a tre. Sinceramente non mi sembra un bel modo di discutere. Infine volevo dirti che spesso hai punzecchiato i nuovi dicendo cose come "noto un conformismo dei nuovi", "un tempo non era così", sicuramente hai ragione nei miei confronti (non certo verso altri, LJUKA; VALTO, EFFE etc etc) ma per questo prenditela con il DS DEYNA che mi ha ingaggiato) ma io credevo che questo fosse un blog per parlare di Fiorentina e non la scuola di Coverciano.
    A me l'ultima cosa che mi va, dopo una giornata di lavoro (beato io che ne ho uno), di gestione della famiglia, mentre magari sto tentando di calibrare un modello, è mettermi a litigare sui moduli.

    RispondiElimina
  55. litigare non si dovrebbe mai, non solo sui moduli, che si parli di calcio o di qualsiasi altra cosa...

    RispondiElimina
  56. Lo seguo per capire cosa gli è successo ah ah ah

    RispondiElimina
  57. Poi, voglio ribadire una volta per tutte, che qui la maggioranza crede che solo ed unicamente per gli uomini a disposizione, la Fiorentina abbia maggiori probabilità di sfruttare al meglio i suoi, con il 352 esattamente come il primo anno montelliano, cioè variabile grazie alla grande mobilità negli spazi di Cuadrado e Borja. Ciò non vale per tutte le squadre, come non esiste nessun modulo migliore di un altro a prescindere.
    Il gioco del calcio è molto più semplice di quello che tecnici vogliono far credere attuando tattiche strampalate cercando di passare per guru del futuro o di giornalisti che lo commentano credendolo fisica nucleare.

    RispondiElimina
  58. Esatto. Ma qui stavo contestualizzando.

    RispondiElimina
  59. Vedo che il pensiero unico fa proseliti. A me sembra solo molto strano che, su un argomento del genere dove, come sempre nel calcio, ci si divide, s'è stranamente formata una maggioranza bulgara a sostegno, per altro, di un modulo storicamente largamente minoritario nel panorama calcistico mondiale. A me puzza, e non perchè sia anti-conformista o perchè sia un sapientone arrogante.


    Comunque Montella con timing anche qui sospetto ci propinerà il 3-5-2 e la mia previsione -perchè io la faccia ce la metto- è che col 3-5-2 s'arriverà a fine girone di ritorno con 24-25 punti. Naturalmente sarei poi felicissimo d'essere smentito.


    P.S:: i tentativi di zittirmi invocando una mia presunta arroganza o fissazione sono la modalità retorica tipica di quando una maggioranza tende a svilire chi la pensa diversamente. Continuate pure, ma guardatevi anche allo specchio ogni tanto.

    RispondiElimina
  60. A parte uno che ha le palle di pensarla diversamente dagli altri, mentre mi sembra che invece il gregge si stia rivelando molto meno democratico di quello che si racconta.


    Alonso, Richards, Tomovic e Pasqual hanno fatto i terzini. Secondo me, ve la state raccontando da soli. I luoghi comuni purtroppo più passa il tempo più s'incancreniscono.

    RispondiElimina
  61. Le caratteristiche dei giocatori voi le piegate al vostro pregiudizio.


    Così, di colpo, Cuadrado è un sosia di Lichtsteiner, Vargas non ha cambiato ruolo con l'avanzare dell'età (siete gli unici che non ve ne siete accorti), Aquilani deve giocare dove e come dite voi (solo in un centrocampo a tre!!!!), Richards e Alonso non sono terzini (peccato che Richards con Mancini e Alonso al Sunderland hanno atto i loro unici campionati da titolari giocando terzini nella difesa a quattro).


    Insomma, ve la cantate e ve la suonate da soli. Bisogna dire che però riuscite a creare una bella sinfonia, siete bene accordati.

    RispondiElimina
  62. Il caso sta cominciando ad affascinarmi, ahahah. Ad esempio vedi quel tre indicato dalla mano della persona accanto a lui? Potrebbe essere un emissario di qualche profeta del 4-3-3 che tenta di convincere il Male...

    RispondiElimina
  63. se leggi bene è proprio quello che ho scritto...

    RispondiElimina
  64. Siamo contro il detto di Renzi "C'é chi vuole spaccare l'Italia"...ah ah ah ah ah ah...STEFANO, neanche ti accorgi che alcuni approvano alcuni tuoi concetti.
    Stai propinando, giustamente, le tue tesi contro Montella ma arrivi secondo o terzo, poiché a partire da LELE e poi da BLIMP (R.i.p.), già altri avevano "attaccato" i moduli Montellani.
    Se arrivi alle 18 (massimo rispetto) scrivendo "Ma di che parliamo? Qui c'e' chi vede giocare il Bayern e vede una difesa schierata a tre. Solo i perdenti di lusso giocano a 3 dietro.", se permetti qualcuno si altera per un semplice motivo: dalle h.8 nessuno o quasi ha parlato di moduli, di Bayern.
    FOCO ti ha presentato degli articoli e tu neanche li hai confutati. Cosa significa?

    RispondiElimina
  65. Da quando è arrivato Montella col suo 352, qui dentro ci siamo tutti innamorati, salvo poi, chi più chi meno, prendere le distanze quando attua il deleterio 433 rivogato troppe volte lo scorso anno, col Napoli questo, esempio, o come tantissime fallimentari partite lo scorso con Cuadrado e Joaquin assieme o ancora per quelle giocate senza punte. Questo non vuol dire che la pensiamo in maniera omogenea, ognuno dice la sua senza l'arroganza di zittire gli altri in nome di una presunta sapienza calcistica superiore e per questo non mancano certo i contraddittori, ma sempre rispettando le tesi altrui senza etichettarle stronzate come tua abitudine. La tua è una crociata che ti vede isolato e non perché dissenti, ma perché vedi nemici che non ci sono. A beautiful mind...Non so davvero dove tu voglia andare a parare, credendoti più intelligente perché non sei del gregge...puoi certo ignorare quello che tutti ti dicono, fai pure. Con questo metto uno stop, per me da ora puoi scrivere cazzate o genialità, poco importa, i vittimismi mi sono sempre stati sulle palle.

    RispondiElimina
  66. Stefano, voglio provare a dirtelo un'ultima volta, pacatamente. Mi dispiace che tu abbia preso questa piega e me ne rammarico, sinceramente. Guarda che qui nessuno ce l'ha con te, però con questo atteggiamento pseudovittimista (concordo con Lele) che insceni dopo aver sparato a zero su tutti noi non ci fai una bella figura, non capisco questo tuo cambiamento, davvero.

    RispondiElimina
  67. Cambio argomento, ieri su Firenzeviola c'era un intervista (letta oggi) al DS dello Spezia che reputa Bakic un futuro campione, sarebbe sbcciato nelle ultime 3 4 partite. Sinceramente non so che dire, l'anno scorso Bakic nelle poche apparizioni è stato mediocre, anche se forse non giocava nel ruolo (che non ho capito quale è). Qualcuno ha visto le partita dello Spezia ultimamente?

    RispondiElimina
  68. Mi sembra che a non rispondere ai post te la cavi bene anche tu, caro Sopra. Sopra appunto dicevo che passano per verità assolute tesi molto opinabili sulle caratteristiche dei giocatori.


    Certo se uno parte dal presupposto che il 3-5-2 è modulo migliore per le caratteristiche dei giocatori, poi uno è anche costretto ad inventarsi di sana pianta le caratteristiche dei giocatori.


    Va bè, guardiamo il bicchiere mezzo pieno, dopo mesi che scrivevo che non ci si poteva presentare con il centrocampo fantasma -quello che gli inguaribili ottimisti chiamano 'tenorile'-, l'ex-calciatore della Roma pare che l'abbia capito e presenterà un centrocampo un pò meno ectoplasmatico d'ora in avanti. Speriamo e speriamo di limitare i danni da qui alla fine.

    RispondiElimina
  69. Giocatori viola/ ruolo ideale:


    Cuadrado/esterno in un centrocampo a 4, può dare una mano a centrocampo e, partendo da dietro, può essere più decisivo


    Vargas/esterno in un centrocampo a 4, con licenza di attaccare alla Vargas oppure di accentrarsi per dare una mano ai due interni


    Badelj/una vita giocata da interno in un centrocampo a 4


    Alonso/campionato di Premier giocato da terzino in difesa a 4


    Aquilani/messo da Montella anche davanti alla difesa, può benissimo giocare in un centrocampo a 4


    Richards/terzino tutta la vita, provato a 3 con la Samp, prestazione disastrosa


    Pasqual/rimane scarso sia se lo metti terzino, sia se lo metti più avanzato
    Marin/ fondamentale che non giochi insieme a Valero


    Aggiungo poi che con Cuadrado e Vargas esterni di centrocampo il centrocampo stesso potebbe anche permettersi Pizarro-Aquilani.


    Quello scritto qua sopra è sì opinabile, ma considerazioni opposte sono opinabili tambien (se non di più).

    RispondiElimina
  70. Ma quale vittima? Faccio solo notare che sono in minoranza (sospetta secondo me visto il tema e le tesi che si scontrano), non posso neanche dirlo, mi devo disintegrare per farti un piacere. L'altro giorno mi hai pure intimato di non parlare di temi trattati da te in precedenza. Lasciamo perdere, Lele.


    Montella il primo anno ha fatto quasi sempre il 4-4-2, almeno per tutto il girone di ritorno (quello con le prestazioni migliori). Il deleterio 4-3-3 l'ho stigmatizzato anche io, ma non era un vero 4-3-3, era una sorta di 4-5-1, ovvero una punta e due finti attaccanti (spesso Joaquin e Cuadrado).


    Per me, nel 4-3-3, gli attaccanti devono essere attaccanti di ruolo, altrimenti non si può parlare di attacco a tre.

    RispondiElimina
  71. E non mi sento assolutamente vittima, in minoranza quello sì. Se poi a qualcuno danno fastidio le minoranza, la vittima è lui, non certo io.

    RispondiElimina
  72. Si, Corto, viste un paio. È andato discretamente, anche se più in interdizione che in costruzione. È diventato titolare da poco, però non sta facendo male, se acquista sicurezze può imporsi in serie B.

    RispondiElimina
  73. Spezzoni lunghi dello Spezia, Bakic gioca bene.

    RispondiElimina
  74. Anche sul tenorile molti concordano con te, compreso io.

    RispondiElimina
  75. Grazie FOCO L'anno scorso se non sbaglio veniva indicato come un vice Pizarro, ma non mi aveva convinto in quel ruolo. Magari sabato sera se ho tempo, mi guardo le partite dello Spezia e dl Varese, per vedere Capezzi.

    RispondiElimina
  76. E grazie anche a te SOPRA. Magari non diventerà un campione e Angelozzi esagera, ma forse riusciremo a rientrarci dell'investimento.

    RispondiElimina
  77. Se si parla di tenori in generale direi che non sono molto d'accordo (il centrocampo tenorile di tre anni fa giocava bene), ora sottoscrivo (Borja, Pizzarro e Aquilani quest'anno insieme non vanno proprio).

    RispondiElimina
  78. Vedi, Stefano, per me puoi anche scrivere che Neto e Tata devono giocare
    davanti, non mi passerebbe mai per la testa di scrivere che dici stupidaggini o che il livello si è abbassato. O che cadiamo nell'ignoranza più totale. Scrivi la tua e quella per me rimane. Ti rispondo se chiedi un confronto e ti spiego la mia visione, punto. Sei libero di accettarla o respingerla, l'importante è che nel farlo, tu non perda di vista il rispetto per le mie posizioni. Questa è l'unica regola che vale per me, qui e in ogni luogo. Bada bene, non sto cercando di insegnarti a campare, ti spiego solo quali sono i limiti da non oltrepassare quando parli con me e di me, se si vuole discutere pacificamente. A prescindere se sei in minoranza o in maggioranza. Poi stai tranquillo, che se i fatti dimostreranno quello che dici, io sarò il primo a farti i complimenti.
    Per adesso ,se mi chiedi un confronto, ti devi tenere i miei dubbi.
    Poi esci da quella trincea che ti sei scavato, che , per quello che mi riguarda, ho pensieri più pressanti ( tipo come poter passare i prossimi due mesi di rate e scadenze con milleduecento euro misere sul conto) che fare la guerra del 3-5-2.

    RispondiElimina
  79. Opinabile è dire che questo o quello può giocar meglio qui o là, (quel " se non di più" è già antipatico e inutilmente aggressivo) non opinabili sono i fatti. "Richards terzino tutta la vita" se si riferisce alla sua precedente esperienza è una balla colossale e questo non è opinabile. Ha sempre giocato centrale esterno di destra in difesa a tre e ci ha vinto anche un campionato di Premier in quel ruolo nel City. Poi è stato spostato terzino in difesa a 4 e ci ha perso il posto, anche per gli infortuni che ha subito sino a diventare un surplus per il City. Il resto è molto opinabile ma non ho voglia di ripetere sempre le stesse cose.

    RispondiElimina
  80. Puoi difendere quello che ti pare ma non puoi raccontar balle e dire che la difesa a tre è da sfigati che non vincono nulla quando l'ha praticata, ad esempio, la squadra che ha vinto gli ultimi due campionati in Italia. Non puoi metterti a paladino di un tipo di gioco contro chi non si mette a paladino di nulla ma ti dice solo che nel calcio non contano un cazzo i numeretti ma come ci si muove in campo e come si sa far muovere il pallone, Dire il 3-5-2 è il miglior modulo che c'è è una cazzata uguale a quella che lo sarebbe il 4-3-3, perchè non è quello che conta. Poi se ti piace fare le tue crociate contro il vento, falle cosa vuoi che ti dica?

    RispondiElimina