.

.

giovedì 27 novembre 2014

Disqus non può aiutarmi in San Frediano

E’ giornata di Europa League ed io sono a Tortona, che non è proprio la stessa cosa di una giornata di Champion vissuta nella provincia di Cuneo. Ma tant’è. In questa amara riflessione socio geografica c’è tutto lo smarrimento di un uomo di San Frediano che si fa chiamare pollock pur essendo un figurativo della sua pochezza. Un uomo che combatte il multinickismo da un avamposto infestato dallo movida, dove la gente già si vede doppia perché beve, e che non è propriamente la New York di Peggy Guggenheim. Un uomo che invece del dripping, stasera sogna una squadra alta e al massimo in pressing. Un uomo che cerca strumenti per filtrare indebite attività di lievitazione gemellare delle personalità, ma che non è mai stato in grado di riconoscere singolarmente neanche uno dei due gemelli Filippini. Un sognatore bislacco, e in quanto bis già contraddittorio nella volontà di fare una guerra persa come quella contro gli acari, a chi ama figliarsi. Un uomo che predica bene e razzola male, un cencio che parla male di uno straccio, uno che da una parte dota il suo blog di marmitta catalitica per rientrare nei parametri del buongusto, e dell’altra predica l’assunzione di fagioli con l’olio nuovo, e con tutto ciò che si nasconde dietro ad un’assunzione importante del legume, quando si sa che è proprio da dietro che arrivano rumorosi i pericoli maggiori. Poi ci sono poche persone che si bastano come individuo unico, che si sentono cioè sufficienti, e così morigerati non sentono il bisogno di duplicarsi. Sono molto poche lo so. E pochissimi sono quelli che pur volendo cercare di fregarmi con il multinickismo è il proprio il loro IO che si rifiuta di raddoppiarsi perché si basta e si avanza così com’è, è il caso del tifoso romanista che ha cercato di partecipare al blog non solo con quell’avatar. Comunque devo confessare anche un altro mio limite che contrasta con questa mia crociata contro l’uso indiscriminato del nick, il fatto che non sono nemmeno fisionomista. Ogni tanto qualcuno mi saluta in via Sant’Agostino o attacca discorso in via del Leone, facendomi capire che ci siamo già incontrati in via dell’Ardiglione. Ed io, per non fare figuracce, faccio sempre finta di riconoscere il mio interlocutore, anche se, in verità, quasi mai riesco a capire chi sia quel tizio che mi ha invitato a prendere un caffè in piazza Piattellina e a fare due chiacchiere in via Maffia. Mi è successo anche lunedì, quando solo dopo un’ora che stavamo parlando in via de’ Serragli e alla fine mi ha chiesto di dire alla Rita che sarebbe rientrato un po' più tardi del solito, ho capito che quel tipo era Tommaso.

89 commenti:

  1. Fumi dell'Happy Hour (che per me rimane quell'ora e mezza nella quale gioca la viola) per POLLOCK...
    Gaia martedì aveva segnato "3" con la mano e Aguero ne ha fatti 3 (per osmosi c'é la foto di Zemanviola, oggi), ieri ho pronosticato appena 2 golletti per l'Anderlecht contro il Prandelasaray e c'ho preso.....Non male lo score dl sitollock.

    RispondiElimina
  2. Alcuni calciatori della Roman"beccati" in un locale di Lap-strip dance......Totti non c'era. Nonostante le foto, De Rossi smentisce.....ah ah ah ah ah....l'omo xé omo solo quando lo vuole lui, al night-club si, nelle dichiarazioni no.
    (Ecco "gli" strappi" che inquinano-autolesionisticamente- l'ambiente romano....Se domenica la Roma non vincerà, il tamtam dei tifosi non ë pacifico.....)

    RispondiElimina
  3. Roma forte su Neto, Pato proposto ai Viola... Ho letto qua e là un po di post di tifosi viola che scrivono al Brova. Già c'è chi chiede la tribuna a oltranza per il brasiliano ... Mah, ce ne sarà di bischeri a giro...

    RispondiElimina
  4. Ah, che classe... un gruppo di coatti in libera uscita

    RispondiElimina
  5. mah LOUIS, sai che secondo me sull'affare Neto la colpa è al 100% della società. Però sarebbe vietato parlare con altre squadre fino a febbraio, se escono voci di accordi di questo tipo ci sta che la gente si incazzi...

    RispondiElimina
  6. Vero VALTO ma la società non fa un comunicato manco a pregarli!! Il Milan fa un comunicato per un flirt presunto, noi neanche per dire qualcosa....
    Ripeto di nuovo una domanda "Roigg, che fa?".

    RispondiElimina
  7. Se non rinnoviamo i contratti sarà normale avere rumors sui calciatori in scadenza.....Incontri per rinnovi? Non si sa...Comunicati che dicano qualcosa su questi incontri? Nulla...
    Prendere Tatarusanu e dargli il doppio (come é stato fatto!) di Neto? ha ah ah ah ah ah ah ah....dilettantismo. Puro.

    RispondiElimina
  8. Durante il primo anno di regno tecnico Prade' Montella, credevo che finalmente fosse stata affinata una gestione se non sempre infallibile, almeno sufficientemente organizzata. Invece dopo appena un anno e mezzo, siamo in pieno marasma. Il tecnico è da mesi dentro una tempesta tattica manifestamente troppo grande e complicata per le sue attuali capacità, perché delle sue presunte e future, deve importare zero. Gli esempi di tale casino cerebrale sono troppi per elencarli in un solo post, ma l'ultima ciliegina riferita a Marin, definito seconda punta in barba a chi lo conosce e ad uno score realizzato che dimostra che punta non è, fa cadere le braccia. Il DS sembra navigare a vista, il monte stipendi, i troppi tesserati inutili e costosi mai sfoltiti, i prestiti onerosi di giocatori presi mai in considerazione dal suo partner tecnico, l'affare Neto gestito come peggio non si poteva, peggio addirittura di quello Ljajic, hanno demolito la credibilità acquisita dopo il primo anno, da considerarsi adesso come irripetibile e fortunato. La responsabilità di questi equivoci e derivanti conflitti, senza menzionare esborsi allucinanti in relazione ai risultati sportivi, la infliggo chiaramente alla proprietà. Mi auguro che oltre all'assegno, prendano coraggio e riazzerino al più presto la suddetta gestione, questa volta affidandosi ad un tecnico concreto e non presuntuoso senza averne i titoli, e ad un direttore sportivo affidabile.

    RispondiElimina
  9. La storia della telefonata di ADV negli spogliatoi del Bentegodi per tranquillizzare sui rinnovi - se vera - lascia un po' perplessi su quello che, un tempo, si chiamava con una certa enfasi attaccamento alla maglia.
    Ma nel valutare la proporzione tra investimenti e risultati conseguiti, il punto di domanda è: aveva ragione Montella a dire che l'anno scorso la squadra ha fatto il massimo possibile e anche qualcosa in piu'?

    RispondiElimina
  10. prendo spunto dal post di BELVA per proporre un ragionamento semplice: noi l'anno scorso avevamo la settima rosa del campionato per monte ingaggi, eppure, nonostante le lunghe assenze dei due giocatori che da soli coprivano una parte importante di quel monte ingaggi, siamo arriva quarti. Questo significa che i giocatori hanno reso più di quanto siano stati pagati, se sia merito loro o di Montella poco importa.
    Se è così, e cioè se hanno reso più di quanto abbiano ricevuto, pare logico e normale che chiedano di prendere di più. I ds ne accontentano due ma poi la proprietà blocca tutto, rifiutando aumenti agli altri. Qualcuno crede veramente che sia sostenibile una situazione del genere? Qualcuno crede veramente che si possa chiedere ai giocatori il terzo posto pagandoli da sesto posto? Ma sono forse tutte sceme le altre società di vertice, che di ingaggi spendono ben più di noi? O non saremo forse noi a crederci troppo più furbi degli altri, pretendendo che i giocatori prendano 1, rendano 2 e non si guardino in giro verso chi offre loro 3?
    Se serve un capro espiatorio sacrifichiamo pure Pradé per quello che mi importa, ma vi ritengo troppo intelligenti per credere che davvero pensiate che tolto lui il problema non si riproporrà. Per una squadra vincente servono giocatori forti, e per i giocatori forti servono ingaggi da squadra vincente. Altrimenti sesto posto e accontentarsi.

    RispondiElimina
  11. ramadanismo puro

    RispondiElimina
  12. Più o meno siamo d'accordo, se vogliamo aggiungere che non hanno preso neanche uno di quelli indicati dal mister....
    Della diversità di vedute tra dirigenza e parte tecnica basta- di nuovo- guardare alla vicenda Neto! Il tecnico punta tutto sul brasiliano, lo difende a parole e con le prestazioni in crescendo, la società nel frattempo va a prendere un potenziale titolare!

    RispondiElimina
  13. ragazzi sono all'imbarco di un volo per Monaco, e quelli sono Mario e Carina. Non scherzo. Qualcosa da chiedergli?

    RispondiElimina
  14. Si. "...'ndo vanno??!"

    RispondiElimina
  15. Calvareseeeeeeee!!!

    RispondiElimina
  16. Belva, qui si è dibattuto molto lo scorso anno e non mi va di tornarci sopra, ti dico solo che per me l'anno passato, nel suo complesso, Montella ha fatto il minimo sindacale. Pensare una classifica in base al Monte ingaggi è fuorviante, bisogna vedere le gestioni degli altri e al proposito cito il Milan, che ha a libro paga, esempio, Mexes a otto milioni in bilancio. Basanta prende e incide il 10%, vale tecnicamente il 10%? A Pazzini quanto danno? E via di seguito. Per farla breve, per tantissimi motivi, a mio personale avviso, Montella è attualmente sopravvalutato in maniera esagerata e se verrà buono in futuro m'importa nulla, nel frattempo ci fa andare in finale di CI, dopo irripetibile percorso dove incontrammo squadre inferiori, con Borja centravanti e Matri in panca. Per dirne una.In pratica non dà un valore aggiunto
    È un tecnico mediocre, per me, o al massimo normale con l'aggravante che, a differenza do molti suoi colleghi, non presuntuosamente non impara dai suoi errori, che ovviamente capitano a tutti.

    RispondiElimina
  17. dagli un bacio a lei e una pacca a lui... grande Valto!

    RispondiElimina
  18. D'obbligo correggermi, c'è un non di troppo.

    RispondiElimina
  19. Ciao Valto, sai bene che la mia visione d'insieme è molto vicina alla tua e ritengo (ho sempre ritenuto, anche nei tempi bui della gestione CorvoMiha, che le beghe partano sempre dall'alto, venendo per questo accusato di essere un sostenitore della dismissione, quando in realtà mi sforzavo di far passare il concetto opposto...) che debba essere la Proprietà per prima ad imporre la strada da seguire. Ora, il caso Neto è solo la piramide di una serie di cazzate gestionali al limite della sopportazione per chi ha un minimo di raziocinio e sappia come funzionino certe cose. Per quanto mi riguarda il puzzo di bruciato l'ho annusato subito al momento dell'annuncio del Tata. Andare a prendere uno che ti fa ombra dopo tutto il casino successo con Viviano mi sembrò martellata sulle palle sin da subito. Lasciamo perdere poi la gestione del brasiliano da quando è arrivato a Firenze perchè è roba da dilettanti, anzi, il mio amico ds di seconda categoria non le fa certe cappelle... Dulcisinfundo lo stipendio al romeno che avrebbe fatto incazzarea anche me. Ora mi tocca leggere di gente che da di mercenario ad uno che, in fondo, chiede semplicemente uno stipendio rapportato al suo valore... bisognava magari pensarci prima... Poi ci sono le questioni Aquilani e Babacar, voglio sperare che almeno con il senegalese si aggiustino per tempo, sennò son da rincorrere per davvero...

    RispondiElimina
  20. Giusto, infatti io farei tabula rasa, nessuno è esente da errori. Ma nemmeno giusto credere che si possa vincere solo in base agli emolumenti, sennò l'Atletico come ha fatto?

    RispondiElimina
  21. Digli che non è colpa dei fiorentini se c'è Montella che lo allena...ahahah
    A lei un mezzo baciamano.

    RispondiElimina
  22. http://video.gazzetta.it/video-shock-spettro-campo-fantasma-perinetti/5e5560bc-760f-11e4-a35d-3c58255686ae

    RispondiElimina
  23. Fallo coprire... Se torna con il raffreddore e non gioca mi imbufalisco.

    RispondiElimina
  24. Già. Soprattutto dove va lui. Non si allena? Mi sa che hai fatto uno scoop Valtolin

    RispondiElimina
  25. Chiedigli se si sente più adatto a un 4-3-3 o a un 3-3-3-1, e che dieta segue un dinosauro nel 2014.

    RispondiElimina
  26. Alcune precisazioni:

    1) Il monte ingaggi questo è. Scordarsi che i DV investano (sperperino?) di più. Classifica rapportata a quanto speso? Mica sempre: anzi, spesso no. Che il posto della viola è dal quarto all'ottavo sono anni che ce lo ripetono, non è che siamo noi un po' sordi? Speriamo pure nel califfo pazzo, in alternativa.
    2) Montella: né sopravvalutato né sottostimato. Di allenatore giovane si tratta; errori tanti, genialate un po' meno. Consideratelo come Babacar: forse si farà (e vincerà) o forse no. Però non succederà, salvo casi fortuiti, in Fiorentina.
    3) Neto: bisognerebbe saperla tutta, la storia. Io non la so, però è evidente che non si è avuto fiducia in lui, in società. La querelle è stata mal gestita, chiaramente, perché non è stata presa una decisione. Si poteva rinnovare e cederlo al primo offerente, semmai. Non scordate comunque che giocatori (bravini) come lui sono appetibili solo a parametro zero. Nessuno (non con noi, almeno), si sarebbe svenato per un portiere come il Neto dello scorso anno. E forse neanche come quello di quest'anno. Il discorso andrebbe rovesciato, su Pradé, Macia, Cognigni e compagnia: chi diavolo è colui che ha buttato i soldi DellaValliani (Neto, ma anche altro) nel cesso? Per come la vedo io, i fratellini a qualcuno la faranno pagare, anche se fosse solo colpa loro.
    4) Si viene al punto: se le "cazzate gestionali al limite della sopportazione" di Louis sono fatte dai dipendenti è un conto, se invece sono responsabilità dei padroni il conto è tutto diverso. Soldi loro, li sputtanano come meglio credono. E non venitemi a raccontare che la Fiorentina è di tutti... Di chi è si sa, anche se non sono sicuro se la meritino. Sono invece sicuro che i nostri "grandi" tifosi (mi ci metto anch'io, nel mazzo) fiorentini non meritano più di quel che hanno. Le spernacchiate al brasiliano, storia poco meno che recente, non sono certo partite dai Della Valle.

    RispondiElimina
  27. Prandelli nella storia turca: é il peggior allenatore nella storia degli ultimi 25 anni del Galatasaray.
    Il suo non-gioco lo porterà alle h.16 all'esonero?

    RispondiElimina
  28. Il monte ingaggi non lo citavo come misura assoluta della qualità della squadra, ma in relazione ai rinnovi. Nel senso che se il monte ingaggi è il settimo e la squadra arriva quarta, vuol dire che chi ha costruito la squadra è stato bravo a pagare poco ciò che rende tanto, ed è così che possono sperare di crescere squadre come la nostra. E però questo può capitare un anno, perché all'anno dopo quel giocatore che è pagato come uno da settimo posto ma che ti ha reso come uno da quarto posto, com'è naturale, ti viene a chiedere l'aumento.
    E possiamo metterci anche il papa, al posto di Pradé, ma se tui hai una rosa in cui almeno 7-8 giocatori hanno ingaggi inferiori a ciò che il loro rendimento suggerirebbe (e questo è ovviamente il caso di una squadra col settimo monte ingaggi che finisce quarta in classifica), o tu sei in grado di far salire il monte ingaggi, oppure almeno metà di quei 7-8 li dovrai dare via, se non vuoi perderli a zero.
    E il caso dell'Atletico Madrid non fa che rafforzare è il mio ragionamento: al di là di tutte le loro magagne finanziarie (sono da anni sull'orlo del fallimento e se sono sopravvissuti è grazie a un apposito spalmadebiti in stile Lotito nonché a collaborazioni tutt'altro che trasparenti con i famosi fondi d'investimento, ad esempio quello che portò loto Falcao), è vero che l'anno scorso loro hanno fatto una stagione splendida con un monte ingaggi bassino, ma infatti quest'anno hanno dovuto 1) cedere giocatori a cui avrebbero dovuto aumentare troppo l'ingaggio; 2) alzare comunque nettamente il monte ingaggi per accontentare gli altri.

    RispondiElimina
  29. LJUKA, ma infatti io non pretendo il terzo posto: so quali sono gli investimenti, faccio i conti, vedo che stiamo già facendo meglio, stabilmente, da due anni, e sono contento, poi è ovvio che da tifoso vorrei vincere sempre, ma non era quello il mio ragionamento. Il mio ragionamento era legato ai rinnovi, per spiegare che non è questione di calciatori cattivoni o di ds incompetenti, ma di un processo a mio parere naturale quando costruisci saggiamente una rosa trovando giocatori che ti costano meno di quanto ti rendano: prima o poi ti chiederanno l'aumento, è normale. O si è disposti a darlo, o si danno via e si cerca di scoprirne altri, senza fare patemi tutte le volte.

    RispondiElimina
  30. sì ma non ho nessuna intenzione di passare la foto al sitone o a gruppi facebook, ecc., di tutto abbiamo bisogno tranne che di polemiche "dove va Mario?"

    RispondiElimina
  31. Il Fondo che di fatto gestisce (e quindi distorce numeri e gestione degli stessi!) l'Atletico Madrid non rende appieno l'idea; i Colchoneros hanno entrate (che incidono!), da tre/quattro anni, grazie a frequentazioni e vittorie delle coppe europee. Solo l'anno scorso hanno percepito quasi 30 milioni, se non sbaglio!
    Io credo che il monte-ingaggi della viola abbia un problema di natura più complessa (nella semplicità di ciò che enuncerò!): è distribuito male, é "usato" male.
    So che intendete benissimo quel'"usato male".

    RispondiElimina
  32. comunque volevo rassicurare tutti sul fatto che Mario all'atterraggio si era infilato felpa e berrettino d'ordinanza, la sua salute sembra al sicuro. Non ho avuto occasione di parlarci perché io ero in testa e loro in coda e perché sinceramente credo che abbiano anche il diritto di non essere disturbati da ogni tifoso. Arrivati a Monaco poi loro sono usciti e io mi sono sistemato qui in aeroporto in attesa del mio prossimo volo. In ogni caso devo dire che mi ha molto stupito l'atteggiamento fra lui e Carina: sono davvero teneri, si prendono le mano, si scambiano bacetti, sembrano davvero una bella coppia e non semplicemente la classica società glamour calciatore+modella costruita a uso business. Non che ce ne debba fregare qualcosa, ma devo dire che mi fa piacere per loro. Ora però iniziasse a segnare, porco Dino.

    RispondiElimina
  33. è vero che una rosa da 33 giocatori limita quanto puoi pagare i migliori rispetto alla classica rosa di 25. E però la rosa di 33 giocatori non è un caso: se tu, dati i limiti di spesa, devi puntare su "scommesse", e cioè su giocatori che in termini di cartellino e di ingaggio non costano tanto ma potrebbero rendere, e se, come sappiamo, la scommessa è tale perché ha una possibilità di successo non sopra al 50%, ecco che dovrai comprare più giocatori del normale per avere probabilità di successo ragionevoli. Quando sei bravo riesci a anche a venderne tanti, ma non sempre funziona.

    RispondiElimina
  34. Vediamo se la rubano direttamente.

    RispondiElimina
  35. http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/11/27/cesare-prandelli-esonero-ore-dopo-litalia-via-dalla-panchina-galatasaray/1236765/

    RispondiElimina
  36. Per "facile eloquio" forse intendono che non comporta difficoltà scegliere da un vaccabolario di una quarantina di parole, come ebbe a notare il Coronel...

    RispondiElimina
  37. Sì, sì. Ad entrambi. Siamo d'accordo.

    RispondiElimina
  38. Siamo condannati a vendere, bene, i migliori (due-tre all'anno, oppure uno, bene bene), per andare avanti. Si abbassa il tetto salari e si riducono le pretese. I materassai insegnano (e non solo loro). Il problema è che in zona non tutti vogliono sentirlo. I tifosi no di sicuro, e questo passi, ma quando in società si fanno prendere da deliri da grande squadra, mi preoccupo. La non cessione di JGC11, per esempio. Non vorrei dovessimo pentircene. Non solo Cuadrado, ovviamente: Borja? Gonzalo? Neto? Per i tre ormai è tardi, in un modo o nell'altro. Per Savic ancora no, ma manca poco...

    RispondiElimina
  39. Bene. Niente raffreddore, quindi. E niente scuse, per Cagliari.

    RispondiElimina
  40. Stranezze e misteri su sitone: per un attimo ho visto la notizia dell'imminente esonero di Prandelli, ma è durata quanto un gatto sull'Aurelia, venendo immediatamente cancellata. Telefonate dalla Mata Hari turca?

    RispondiElimina
  41. A parte l'eloquio, pensavo che l'esonero ci fosse già stato stamani. Non ufficiale, quindi. In ogni caso lo vorrei io un anno terribile come quello del Pranda. Un fracco di soldi, per tre quattro mesi di lavoro con risultati pessimi, record negativi e via dicendo. Se succedesse a me, non vedrei il becco di un quattrino. E non sarebbe neanche la cosa peggiore.

    RispondiElimina
  42. Mi pare che si sia un po' bruciato in termini di immagine. O avvia una abile campagna di comunicazione sperando nell'oblio, oppure sarà difficile vederlo allenare in Italia. Forse una panchina di una nazionale minore

    RispondiElimina
  43. Prandelli farà così...?

    RispondiElimina
  44. ....! Già l'espressione rende l'idea...

    RispondiElimina
  45. Esonero strameritato, dà sempre la colpa a chi gli paga lo stipendio

    RispondiElimina
  46. Fiorentina: Tătăruşanu(GK), Richards, Basanta, Tomović, Badelj, Vargas (C), Aquilani, Kurtič, Lazzari, Marin, Babacar.

    RispondiElimina
  47. Ottimo report dell'inviato segugio Valtolin!
    stasera osservati speciali Richards Badelj Marin
    Gioca Kurtic, spero non significhi niente Cagliari.

    RispondiElimina
  48. stasera solo su Roja?

    RispondiElimina
  49. Centrocampo tosto e difesa, mix di idee sitollockiane

    RispondiElimina
  50. difesa a tre con Vargas esterno basso...

    RispondiElimina
  51. Badelj-Aquilani-Lazzari è il miglior centrocampo possibile. Mati e Valero sono due palle al piede.

    RispondiElimina
  52. Marin-Babacar già due gol!!!!

    RispondiElimina
  53. cioè non faccio a tempo ad arrivare in albergo e cercare uno streaming che vi trovo già sul 2-0?!?!?!
    Qualcuno ha voglia di raccontarmi i gol?

    RispondiElimina
  54. Marin è partito col botto. Goal su passaggio di Aquilani, l'altro bel lancio di Badelj a vargas e cross per Babacar, 16' 2-0. La prima mezzora sembra di giocare con la Rondinella!

    RispondiElimina
  55. Difesa secondo me abbastanza imbarazzante, si occupa male lo spazio, ma sarà una mia fissazione

    RispondiElimina
  56. In serie A ce ne avrebbero già fatti un paio.

    RispondiElimina
  57. Mi sono addormentato e ho visto solo la porcata dell'arbitro.

    RispondiElimina
  58. grazie, ora ho visto i replay. Davvero splendida l'apertura di Badelj.

    RispondiElimina
  59. Primo tempo dominato, rovinato da un idiota d'arbitro! Basanta non ha toccato l'attaccante, purtroppo lasciato solo al centro da un Tomovic non all'altezza, come spesso. Peccato che ora sia complicata, perché non si era concesso nulla, con un ottimo Marin che seguo bene per la prima volta, ed è mezza punta rifinitore, un Badelj molto buono insieme a Baba, uno scarso, e non mi sorprende, Aquilani che trotterella e mena fallacci e il solito fuori ruolo che non poteva mancare, Kurtic tornante.

    RispondiElimina
  60. Visti gli ultimi dieci minuti,rigore inventato dinanzi al gobbo platini in tribuna,segnalato l'ultima volta contro il Bayern nell'ovrebo-affair...cattivi presagi,evidentemente gli arbitri si esaltano al cospetto dell'uefa.Contento per il gol di Marin,che spero torni quel folletto imprendibile di un tempo.Proviamo a vedere il secondo tempo in streaming.

    RispondiElimina
  61. sì è visto Montella indicare ad Aquilani, alle sostituzioni, che dobbiamo giocare col 4-4-1.

    RispondiElimina
  62. Ma si fa la collezione degli arbitri venduti e teste di cazzo anche in Europa! Accidenti a Platini e a tutta la Francia!

    RispondiElimina
  63. Più che la porcata dell'arbitro -che arbitra comunque a senso unico- ho visto un buco in mezzo grande come una casa, buco non casuale, ma sistemico, se fossi prevenuto direi tipico di un certo modulo.

    RispondiElimina
  64. L'avesse fatto a partita iniziata, indicare la difesa a 4, adesso si passeggiava. Adesso è dura a prescindere.

    RispondiElimina
  65. Il problema maggiore adesso è Vargas terzino sinistro, speriamo si ricordi come si intepreta il ruolo che comunque non è mai stato nelle sue corde. Serve molta esperienza, un pò di fortuna e un arbitro meno ossequioso alla cupola francese.

    RispondiElimina
  66. Bravo Montella che l'ha capito mettendo Alonso e avanzando Vargas a centrocampo.

    RispondiElimina
  67. sì, Alonso ci ha messo i polmoni che ci mancavano, decisamente.

    RispondiElimina
  68. L'arbitro più che venduto era scarso forte... Fosse stato pro bretoni, ne avrebbe dato almeno un altro, di rigori.

    RispondiElimina
  69. a casa. E chissà che ci restino, loro e Platini. A quanto ho capito perdendomi i primi 25 minuti mi sono perso la parte in cui abbiamo fatto gioco noi. In ogni caso c'è poco di cui lamentarsi: in 10, contro una squadra modesta ma motivatissima, ci siamo portati a casa una vittoria di cui non avevamo bisogno (bastava un punto) ma che abbiamo difeso con le unghie e con i denti fino alla fine. Bene così, nonostante tutti i limiti.
    Menzione speciale a Babacar, che ha corso come un matto e fatto a sportellate fino al 94°. Buono Badelj in costruzione, peccato non si sia visto in copertura. Richards ha il difetto di giocare a 3 anche quando giochiamo a 4, nel senso che si mette sempre ad aspettare il difensore in area, non c'è una volta che provi a portarselo fuori. Cuadrado inizia a innervosirmi con la sua ossessione di cadere di continuo invece di provare a inventarsi qualcosa. Ottimo Tata fra i pali, nonostante un paio di incertezze in uscita.
    Arbitro ridicolo non tanto per il rigore, quanto per la quantità di inesistenti falli in attacco fischiati a Baba e per l'imbarazzante gestione dei cartellini.
    Portiamo a casa, siamo primi, bene così.

    RispondiElimina
  70. Ora l'han buttato fuori ufficialmente, smette di dondolare.

    RispondiElimina
  71. Primo tempo non visto e secondo a bocconi, non posso giudicare niente. A parte un arbitro imbarazzante e l'impressione che in undici contro undici, sarebbe stata una serata senza patemi.

    RispondiElimina
  72. A Baba non ha fischiato una punizione a favore, anzi, gli ha dato un giallo.
    Dietro conferma del modesto Tomovic, Basanta, a parte l'espulsione ingiusta, a sinistra soffre, molto meglio centrale, mentre Richards è andato bene.
    Inspiegabile l'esclusione di Badelj, nettamente tra i migliori, in grado di due lanci risolutori e di usare pure i muscoli. Mi sa che gli sta sul culo.
    Ora spero che col Cagliari la faccia finita coi tre tenori, o del rombo che confina Kurtic a destra, azzerando le sue caratteristiche. Vista la risorsa Marin, non come seconda punta, vediamo se si incarta ancora con falsi ruoli. Per finire, Gomez e Baba devono giocare insieme, se no, è castrarsi.

    RispondiElimina
  73. Ah, dimenticavo, visto il Tata odierno, a maggior ragione far firmare Neto.

    RispondiElimina
  74. I primi 25 minuti s'è giocato bene, ma in un modo che magari ai più farà storcere il naso: poco possesso palla e qualche errore di troppo in fase di costruzione, ma in compenso ripartenze veloci con inserimenti costanti dei centrocampisti. Richards non convince nemmeno me, un po' spaesato, ma le doti tecniche e fisiche ci sono, deve forse adattarsi a un calcio più tattico come quello italiano.

    RispondiElimina
  75. Spero che Montella faccia un bel discorsetto a Cuadrado, già domenica avevo commentato con un "Che palle Cuadrado, appena lo toccano cade". Perde troppi palloni, io in estate - dopo l'arrivo di Marin - ero in un punto di indifferenza tra tenere JC o venderlo e comprare un centrocampista (speravo in Khedira lo ammetto, sono un sognatore) o un difensore di qualità. Ora incomincio a avere i miei dubbi: il ragazzo deve ancora crescere di testa: buttarsi meno e leggere meglio alcune situazioni di gioco, altrimenti rimarra' solo un buon giocatore

    RispondiElimina
  76. Nonostante che abbia scritto pesta e corna di Montella, non lo considero un allenatore scarso in assoluto, deve essere un pò più umile e conscio dei suoi limiti dovuti per lo più all'inesperienza. Forse la crisi e le prime critiche gli hanno fatto bene. Ma una cosa ormai mi sembra evidente: sono le gerarchie su cui si è fissato che lo stanno portando a compiere errori . Più che il suo esonero io mi auguro che a gennaio la società ceda sia Valero sia Mati Fernandez, così giocoforza Montella è costretto a ripensare seriamente chi è titolare e chi è riserva.

    RispondiElimina
  77. Insomma, a parte l'avversario, non è possibile che con un centrocampo di riserve che giocano poco singolarmente e quasi mai insieme si siano create in quindici minuti tre palle gol con ripartenze veloci a due/tre tocchi che, con il centrocampo titolare, non si riescono a creare nemmeno nell'arco di una ventina di partite.

    RispondiElimina
  78. Sto vedendo spezzoni di Inter Dnipro, l'Inter sta vincendo due a uno immeritatamente, con un po' più di precisione gli ucraini erano 3-0 (tra l'altro anche un rigore sbagliato). Netta la superiorità del Dnipro.

    RispondiElimina
  79. L'infelice decisione arbitrale sommata a dubbie valutazioni nel secondo tempo poteva complicare le cose.Francesi avversari modesti,avanti con folate di entusiasmo ma poco altro,a parte gli ultimi dieci minuti non abbiamo rischiato nulla.Azzeccati i cambi,Savic al momento dietro è uno dei pochi indice di sicurezza,Alonso ha portato ossigeno e corsa,Cuadrado così così,doveva correr via meglio e spesso,rimanendo in piedi.Non male Badelj stasera,bravo Baba ma dovrà farsi più scaltro nel farsi fare fallo di mestiere,Kurtic sacrificato ma utile,come Vargas stasera capitano.Meno bravi stasera il Tata,che non ho visto ostentare sicurezza come in altre partite di coppa,Tomovic,Richards,diciamo senza infamia e senza lode.Vittoria importante che consolida il primato e neanche tanto dispendiosa in virtù del campionato.

    RispondiElimina
  80. Sarà, ma io vedo in questa squadra un potenziale inespresso enorme. Senza fare polemiche verso qualcuno, è un ragionamento generale. Certo, l'Europa League, come ripete spesso Mondonico, è un altro palcoscenico e tatticamente il calcio italiano è molto più difficile. Però, mentre le altre squadre italiane vanno avanti a fatica, noi in pratica siamo a punteggio pieno giocando sempre con le riserve -quando ci ha provato Benitez l'hanno preso a pallonate.


    Poi, magari mi sbaglio, e abbiamo una squadra da quinto-sesto posto. Ma veramente ci si trova di fronte a qualcosa che rasenta l'inspiegabile.

    RispondiElimina
  81. Anche secondo me, arrivare oltre il quarto posto sarebbe un risultato deludente. Domenica ho visto un pezzo di derby milanese di una mediocrità sconvolgente. Anche il Napoli in realtà non mi sembra così evidentemente superiore sulla carta, nonostante Higuain e qualche altro.

    RispondiElimina
  82. Tatarusanu 5.5; Richards 6-, Basanta 6, Tomovic 5.5; Kurtic 6, Lazzari 5.5, Badelj 7, Aquilani 6--, Vargas 6.5; Marin 7, Babacar 7 [Alonso 6.5, Cuadrado 5.5, Savic 5.5].

    RispondiElimina
  83. Vero.
    Montella ha in testa "Squadra A" e "Squadra B", dovrebbe avere un po' più di coraggio nelle scelte.
    Sicuramente uno che non convince ne me(e alcuni di noi) ne Montella é Richards, che ricorda la scarsa attitudine degli inglesi al nostro football.

    RispondiElimina
  84. Posto una cosa che non c'entra nulla, ma anche io infondo ho un'anima (e così Pollock capisce finalmente l'origine della mia mail). Diciamo un pensiero dedicato a chi lavora e soprattutto a chi ha lavorato tutta la vita facendo sacrifici per tirare su la propria famiglia o magari solo per tirare avanti senza smarrirsi. E poi qualche giorno c'era pure il compleanno di un trecinqueduista incallito e, nonostante le mie fisse contro le crepe difensive, mi associo agli auguri.

    http://www.youtube.com/watch?v=FKhqdmBC1kA

    RispondiElimina
  85. a me Richards piace molto per la sicurezza di sé e l'irruenza, però mostra grossi limiti tattici. Di fatto ho l'impressione che ci siamo presi un altro Facundo, solo più fisico.

    RispondiElimina
  86. Babacar coi crampi, Marin sostituto, mentre Gomez neanche convocato e Ilicic alla seconda assenza consecutiva: domenica attacco Ilicic - Gomez garantito.

    RispondiElimina
  87. Il rigore pro- Guincamp vincerà il premio Invenzione del Secolo.

    RispondiElimina
  88. Ah ah ah ah eh....è una battuta l'ultima frase.....????????????!!!!!?????

    RispondiElimina
  89. Grande STEFANO, Springsteen è uno dei miei preferiti.

    RispondiElimina