.

.

lunedì 7 luglio 2014

Verzalling

In attesa di conoscere la prima finalista del Mondiale, ma soprattutto in attesa del dolce far glamping quotidiano, ho smosso i pensieri come le punte dei lecci al vento, tra profumi di lentisco e mirto, mangiando insalata mista di macchia mediterranea. E così ho avuto modo di fare considerazioni incontaminate, quando la giornata per i più non è ancora cominciata, prima di far due chiacchiere con le esche dei pescatori, mi sono ricordato dell'87, quando a seguito di un referendum fu deciso di chiudere tutte le centrali elettronucleari italiane, se non sbaglio siamo nei dintorni dei governi Goria, De Mita e Andreotti. Dico questo perché oggi si usa fondere concetti per definire nuove filosofie, parlavo di glamping prima, che non è altro che un nuovo modo di fare camping glamour. Purtroppo e come sempre c'è anche chi se ne approfitta, chi sfrutta momenti di trasformazione degli usi e costumi per trovare nuove formule dentro alle quali aggirare le regole, inventando nuove figure pericolose per l'ambiente, calpestando persino referendum epocali grazie ai quali si convertirono centrali ancora in costruzione come quella per esempio di Montalto di Castro. In poche parole, oggi c'è chi esercita senza le dovute autorizzazioni sfruttando vuoti legislativi, gettando la propria anima nera dentro a questi nuovi linguaggi che uniscono concezioni diverse del vivere, c'è insomma chi in barba alle regole riesce a professare la propria natura pericolosa altrimenti proibita dalla legge. Sto parlando di chi fa verzalling, un modo subdolo come certe nuove droghe, di nascondere il proprio lato più deleterio mimetizzando ben altro con la falsa passione per l'orto, il simbolo è giustappunto la verza a chilometri zero, per aggirare però quello che fu proprio l'esito di quel famoso referendum dell'87. Oggi chi si nasconde dietro alla leguminosa moda del verzalling è solo una persona spregiudicata che in pratica vuole fare la fava atomica a dispetto della legge.

73 commenti:

  1. si parla di un colpo a sorpresa colossale.. ci credete? messa così fa tanta gola, ma il "lo sappiamo ma non lo diciamo" [che per il bene della fiorentina sarebbe giusto, ma non per vendere i giornali] mi puzza un po'.
    ad ogni modo, volendo crederci, chi è?
    spero non Lampard..

    RispondiElimina
  2. stefano vienna7 luglio 2014 09:28

    Sarà Jamie? Ronaldo è un pò in calo ultimamente.

    RispondiElimina
  3. difatti, facciamo gli scongiuri, che non venga a godersi le vacanze da noi!

    RispondiElimina
  4. stefano vienna7 luglio 2014 10:05

    Meglio un Ficini motivato.

    RispondiElimina
  5. Sopravvissuto7 luglio 2014 10:42

    L'Olanda opta per cambiamenti (e cambio strategico) e passa da Krol e Krul....Noi? Da Gonzalo Rodriguez a James Rodriguez? Ah ah ah ah ah aha ah ah...iniziano le paranoie di mercato. E se il colpo colossale fosse tenere Cuadrado? Se é colossale in uscita, é colossale in (ri) entrata.,ah ah ah ah ah...

    (P.S.: POLLOCK, questo "Da Krol a Krul" ti era sfuggito, sei proprio in ferie).

    RispondiElimina
  6. colonel.blimp7 luglio 2014 10:42

    Concordo con Ludde quando parla, con efficace sintesi, di identità calcistica misteriosa di Lamela, ma il medesimo Ludde si ritrasforma nella Fava Atomica quando afferma l'incompatibilità di Marcelo e di Cuadrado: uno sta a destra, l'altro a sinistra, o icche vole Pietrasanta? Anzi, loro esterni di centrocampo di 3-5-2 sarebbero il massimo per una squadra che volesse vincere la Champions. Vedo poi che su cloaca è riapparso Lampredotto, che nel primo anno di vita scriveva anche su Sitollock: che fine aveva fatto, il manfanico ciccione romano sfondamache e prandellomane, con quali nick si era vestito in questi due anni?

    RispondiElimina
  7. Pastore? ma allora parte cuadrado

    RispondiElimina
  8. colonel.blimp7 luglio 2014 11:25

    Pastore è impossibile e non serve se non per uno schema bucoclico.

    RispondiElimina
  9. Pastore? Chi parla di Pastore?

    RispondiElimina
  10. Cuadrado col Brasile non mi è piaciuto, mi dava l'impressione (come tutti i colombiani, eccetto un J.Rodriguez che predicava nel deserto) di farsela addosso ogni volta che poteva cercare una conclusione delle sue, non so se sia da ridimensionare definitivamente (almeno per quanto riguarda sfide internaziaonali così pesanti, poi è ovvio che un questa mediocre Serie A resti di un altro pianeta) o da rimandare a settembre, fatto sta che l'altra sera mi ha deluso.
    Prendo ad esempio Hulk, che al di là della sua potenza fisica ho sempre ritenuto sopravvalutato: notevoli le sue fucilate ai fagiani anche contro Cile e Colombia, però ci crede sempre, ha quella determinazione che renderebbe Top assoluto uno qualsiasi dei tanti grandi talenti in circolazione però non diventano Top in quanto inibiti da limiti mentali.

    RispondiElimina
  11. Ah ho letto ora lo scoop/non scoop del Sitone...Se si tratta di un nome entusiasmante, in grado di farci vincere lo scudetto, non può essere un difensore. Un attaccante nemmeno, avendo Gomez e Rossi, quindi un trequartista o un centrocampista di qualità. Fatemi pensare...

    RispondiElimina
  12. ...berlusconiano, sintesi perfetta.

    RispondiElimina
  13. Sopravvissuto7 luglio 2014 12:08

    Surrettizio.

    RispondiElimina
  14. colonel.blimp7 luglio 2014 12:45

    Rinnoveremo contratto a Juan per tre milioni, poi se ne andrà al Barça, così ricattato, per quaranta, laddove attualmente esso è fermo su trentacinque.

    RispondiElimina
  15. Argentina: Di Maria non ci sarà con l'Olanda, ma potrebbe farcela per la finale. Invece El Kun Aguero ha miracolosamente recuperato in tempi brevissimi, ed è già disponibile per la semifinale, in cui potrebbe entrare a partita in corso. Naturalmente sono abbastanza inutili i riferimenti alla finalissima, da cui l'Argentina purtroppo rimarrà esclusa.

    RispondiElimina
  16. colonel.blimp7 luglio 2014 13:08

    Il recupero di Aguero è inaspettato e importantissimo e sposta il fifty-fifty in favore dell'Argentina (60%).

    RispondiElimina
  17. colonel.blimp7 luglio 2014 13:09

    Indubbiamente, una finale Germania-Argentina è però meno problematica, per i crucchi, che una contro l'Olanda.

    RispondiElimina
  18. Pare che Neymar, illuso da alcuni medici esterni allo staff della Selecao, voglia tentare un incredibile recupero per la finale, con infiltrazioni locali per non sentire dolore. La lesione sarebbe meno grave del previsto, ma lo staff del Brasile esclude categoricamente la possibilità di fargli giocare un'eventuale finale, anche perché rischierebbe, con un'altra botta sulla vertebra non guarita, di smettere col calcio, o peggio.

    RispondiElimina
  19. colonel.blimp7 luglio 2014 13:30

    Ho rivisto il fallo, non ha nulla di trascendentale, l'entrata similare di Balo contro l'Uruguay fu moooooolto peggiore. Ribadisco che per fratturarsi una vertebra in quello scontro Neymar dev'essere di cartavelina.

    RispondiElimina
  20. Sopravvissuto7 luglio 2014 13:50

    Ciao DEYNA.....

    RispondiElimina
  21. colonel.blimp7 luglio 2014 13:53

    Sopra, la formula corretta è: saluto affettuosamente l'egregio dottor Deyna. Oppure: il buon Deyna. Oppure: il carissimo Deyna.

    RispondiElimina
  22. Sopravvissuto7 luglio 2014 14:07

    Saluto luddesco....mica l'avran capito, alcuni.

    RispondiElimina
  23. colonel.blimp7 luglio 2014 14:11

    Solo in parte luddesco! Provolesco per la prima formula (con la variante «esimio») e, per la seconda, anche pseudosenese. Insomma, creature favoidali. Che quando così si rivolgono allo Schreber arrivano alla catastrofe del comico.

    RispondiElimina
  24. Il fallo di Balotelli per me era da rosso in quanto volontario (come quello di Marchisio adeguatamente sanzionato).
    La ginocchiata di Zuniga su Neymar è stata molto forte, non riesco a decretare se ci sia stata volontarietà o meno, ma l'intervento è un po'scomposto e l'impatto sicuramente violento, un giallo sarebbe stato il provvedimento minimo da prendere, ma l'arbitro aveva perso quasi da subito il controllo sull'agonismo (misto a mera foga fine a se stessa, in numerose circostanze); perció dopo 30 minuti belli (cioè con un buon Brasile che imponeva ritmo altissimo) la partita è scaduta e secondo me si è fatta brutta, con numerosi falli e interruzioni di gioco tanto continue quanto sanzionate spesso erroneamente (controVit una parte e contro l'altra). Neymar comunque è uno dei peggiori simulatiri in circolazione, è per questo che l'abitro ce ne ha messo di tempo per convincersi a farlo soccorrere.

    RispondiElimina
  25. Sopravvissuto7 luglio 2014 14:33

    Parallele Criscitiellane, morbide e cedevoli come crescenza fresca...:

    - Criscitiello: "Finalmente quello che serviva al Milan, un asso, un goleador, uno da prendere a tutti i costi, come auspichiamo da tempo, uno che ha retto pressioni in Italia e in Inghilterra......Mario Balotelli!" (Sportitalia, gennaio 2012).

    Criscitiello : "Una stella offuscata è al Milan. Mario Balotelli, dopo le polemiche mondiali, farà fatica a sopportare le pressioni di casa nostra. È consigliata una gita all'Estero. Inzaghi farebbe fatica e lo spogliatoio rischierebbe di diventare una polveriera. Dove non ci sono i Nesta e i Gattuso nella gestione di teste calde la squadra ne risentirebbe. Berlusconi ha detto la verità. Balotelli doveva sfruttare il Mondiale per partire e Galliani era pronto ad aprire la cassa, di questo passo rischia di restare sul groppone un calciatore che, diciamocela tutta, non andava proprio preso."

    RispondiElimina
  26. Sopravvissuto7 luglio 2014 14:34

    Da Tuttomercatoweb.

    RispondiElimina
  27. Criscitiello non capisce una minchia di calcio, quando hai un capitano non giocatore [anche da sano, ahahaha] del carisma e dell'autorevolezza di un Montolivo, puoi tenere in spogliatoio pure Asprilla, Edmundo, Cassano, senza problema alcuno.

    RispondiElimina
  28. Sono d'accordo. Quanto a Fred, c'è da dire che Jô pare peggio.

    RispondiElimina
  29. Commento stratosferico

    RispondiElimina
  30. Jo è inguardabile, un pippone irredimibile, il nipote scarso di Serginho! se stava in piedi era meglio anche Leandro Damiao al 10%, o Luis Fabiano con sifilide in fase avanzata.

    RispondiElimina
  31. Ho da sempre un'inguaribile forma di nostalgia verso ciò che non è stato: questo Mondiale per me è già irrimediabilmente rovinato, senza Di Maria, Aguero, Neymar, Falcao, Suarez...Come ancora mi piange il cuore a pensare al 1986, quando il nostro gran Caudillo Passarella non potè scendere in campo nemmeno per 1' nel trionfo mondiale dell'Argentina, e Zico disputò soltanto spezzoni di partita, da seminfortunato. O all'82, quando l'Unico Capitano dovette saltare la finale mondiale [mi dispiacque esclusivamente per lui, ovviamente], e Telè Santana si pregiudicò la possibilità di vincere il Mondiale in carrozza puntellando il suo centrocampo-spettacolo con Leao, Francisco Marinho, Edinho, Reinaldo, Roberto Dinamite, Careca...infortunati [solo quest'ultimo], o lasciati a casa o in panca. O al '78, quando Menotti impedì di mostrarsi al mondo - forse giustamente, ma come alternativa ci poteva già stare - a un 18enne e già fortissimo Maradona, quando Zico e Rivelino scesero in campo mezzi rotti, e Marinho fu fatto fuori...O al '74, quando l'Olanda fece a meno - per scelta o per fatalità, del grande portiere Van Beveren, di Hulshoff e di G. Muhren. La storia non si fa con i "se", ma la nostalgia sì.

    RispondiElimina
  32. Sopravvissuto7 luglio 2014 15:25

    Bella DEYNA!! Alejandro Fantino (Radio Red) griderebbe "Non andare Cesare, rimani, ti prego! Resta qui a farti umiliare!" (Cfr. Alejandro Fantino che urla "Ti prego Germania, ti prego, non vincere....voglio il Brasile in finale....ti prego Germania, fa' che arrivino in finale i brasiliani!! Vieni...vieni Brasile!...ti prego Grrmania...lascia a noi il Brasile...". Un grande, Alejandro !)

    RispondiElimina
  33. Beh comunque la penso come il mitico Fantino [ti piace per il cognome, ammettilo!], solo che non ho l'odio atavico verso il Brasile, anzi. Purtroppo non vedremo mai quella finale, maledetta Olanda.

    RispondiElimina
  34. Come hai fatto a dimenticarti di citare l'assenza di Montolivo nel 2014?

    RispondiElimina
  35. Beh lui lo devo solo ringraziare, con Montolivo in campo le partite dell'italia sarebbero state solo una noiosa formalità, da sbrigare in attesa del trionfo finale.

    RispondiElimina
  36. Presentazione delle maglie: la Joma mi sembra abbia dato il peggio, quegli sfregi dorati non si posson vedere. Il colore almeno sembra viola...

    RispondiElimina
  37. colonel.blimp7 luglio 2014 16:33

    Deyna ha scritto senz'altro il più gran post di tutti i tempi sul Giubba Iscariota e uno dei più grandi post su sito calcistico che uomo ricordi. Sicuramente nella top five del Sitollock, che è il maggior sito viola e cioè di calcio. Per tagliare questo solenne capolavoro bisogna avere tanta ciccia da chiudere le palpebre sugli occhi come con porte d'acciaio e tante feci a giro per il capo da concimare la Padana.

    RispondiElimina
  38. Deyna, il tuo post-One lo imparerò a memoria e lo reciterò in qualsiasi occasione e location si ritenesse necessario, ahahah! Non ho la voce di Gasman, ma ci metterò tutta l'enfasi che merita! Grandeeeee!
    P.s.: ne ho stampate numerose copie e le imbucherò a chi so io!

    RispondiElimina
  39. Le nuove maglie:
    1) la prima maglia con gli inserti in oro non mi piace, già non mi piaceva quella con l'oro dei tempi di Gilardino; per me i nomi e i numeri devono essere bianchi, non dorati;
    2) anche la seconda maglia ha quegli sbaffi sulle spalle, ma almeno sono viola, potrebbe essere meglio ma può andare;
    3) la terza maglia nera mi fa schifo (e vedendo la faccia di Octavio, penso che condivida pure lui);
    4) la maglia grigia del portiere mi piace;
    5) la maglia della Barbie, sempre del portiere, è orrenda, anche peggio di quella nera.

    RispondiElimina
  40. Sopravvissuto7 luglio 2014 17:32

    Il post di DEYNA é da cólchoz della scrittura, materiale da condividere! Anzi, direi di stampare 50.000 copie e fare come D'Annunzio su Vienna...sorvolare Firenze e altre città e informare la gente!
    (N.B.: il buon retiro per il Galatasaray, per preparare match, si chiamerà "La turca".).

    RispondiElimina
  41. Sopravvissuto7 luglio 2014 17:40

    Maglie: non male, per me; opterei per calzoncini neri- per la prima divisa.

    RispondiElimina
  42. Ahah grazie a tutti, ma mi sa che presto dovrò vivere sotto protezione.
    Complimenti al piccolo balilla, Sopra!
    Sulle maglie la penso come Anto, e anch'io vorrei il pantaloncino nero.

    RispondiElimina
  43. Un commento sul web mette in evidenza la mancata presentazione di Gentile di nella sede del Sion il 10 giugno, mi pare, con il quale aveva stipulato un contatto. Non sarà, ma se diventasse il prossimo CT della Nazionale: apriti cielo, spalancati terra .... ma per alcuni, pochi in realtà, sarebbe solo la riprova del falso nueve!

    RispondiElimina
  44. Sopravvissuto7 luglio 2014 18:33

    Gentile, il libico della Juventus? Fece un bel lavoro con l'Under 21, che poi gli scipparono.

    RispondiElimina
  45. E' morto Di Stefano...

    RispondiElimina
  46. Meglio Gentile di Allegri

    RispondiElimina
  47. Bruttissima notizia, anche se era nell'aria.
    Immenso [per quel che ho potuto vedere].

    RispondiElimina
  48. Sopravvissuto7 luglio 2014 19:09

    Il papà (defunto da poco) del mio migliore amico, di Valencia e con 60 anni di abbonamento al Mestalla, mi disse "Li ho visti tutti giocare gli assi, tanti- tutti...anche Pelé...Nessuno come Di Stefano".

    RispondiElimina
  49. Mi sveglio e trovo le maglie più brutte che si potevano fare. Quest'anno mi tengo stretti i 70 e rotti euro. L'unica spiegazione che mi do è che la Joma, alla scadenza de contratto, subodorando il mancato rinnovo, abbia lavorato a cazzo.
    Deyna, sono in buona parte d'accordo con te su Prandelli. La storia del maestro, dell'educatore, che gli era stata appiccicata addosso da Sacchi e altri soloni, deve averlo convinto. Poi il personaggio francescano che ha finito, alla fine,col credere di essere, è entrato in conflitto con l'ambizione che il mestiere ti porta ad avere ed il cortocircuito ha fatto danni, sia sul mestiere stesso, sia sulla credibilità dell'uomo. Aldilà delle qualità tecniche, io ho notato una persona divisa nelle sue convinzioni e non in grado di elevare nessuna delle sue metà. Quello che mi ha definitivamente fatto cambiare idea su di lui, sono state le dichiarazioni di quelli che credevo fossero i suoi uomini , che hanno dipinto un ritratto poco edificante del suo modo di rapportarsi. Detto questo, di Prandelli non mi interessa più niente, tanto che tempo fa, quando lo incontrai per la seconda volta a venti metri da casa mia, gli sono sfilato vicino senza neanche cacarmelo.

    RispondiElimina
  50. Sopravvissuto7 luglio 2014 19:12

    Ashley Cole, 34 anni (!!!!!!) é da considerarsi un colpo di mercato???? Eto'o in giro per Roma.....Questi sono colpi di mercato??.

    RispondiElimina
  51. Sopravvissuto7 luglio 2014 19:17

    Io 3 anni fa scattai foto a mio figlio con Prandelli vicino Santo Spirito (ebbene si!) e poi gli dissi "Caro amore, focalizza l'immagine...Bene, da domani evita questa persona, evitalo come se fosse un cardinale che accarezza i bimbi...". Ah ah ah ah ah ah ah....

    RispondiElimina
  52. colonel.blimp7 luglio 2014 19:20

    Però Ludde è grande! Unico! Cominciare un post, rivolto a Ljuka (dico Ljuka, essendo lui Ludde!) con «Argomenti poco convincenti» è come dire a Siffredi «Scusa se questa qui te la scippo, ma ce l'hai corto».

    RispondiElimina
  53. E bastaa vu mi telefonassi, o che vi ci volea dimorto! Mah!

    RispondiElimina
  54. E' opinione di tanti...

    RispondiElimina
  55. Di Stefano giocava 40 anni avanti agli altri. È stato l'archetipo prototipo del moderno fuoriclasse. Bravissimo in attacco, sensazionale a centrocampo e, all'occorrenza anche pronto a difendere. Lo vidi giocare dal vivo contro la Fiorentina di Carniglia in un'amichevole precampionato al Franchi (allora semplicemente Comunale). L'impressione che ne ebbi fu enorme. Per averne una simile dovetti aspettare più di vent'anni con Maradona. Pensai , e ne sono tuttora convinto, di aver incontrato il calcio in persona e da lì in poi è stato il mio idolo assoluto. E lo è tuttora.

    RispondiElimina
  56. Beh, in fondo non ha torto, evidentemente gli argomenti di Ljuka non lo hanno convinto, posto che per essere convinto, Lud avrebbe dovuto a) leggerli b) capirli.

    RispondiElimina
  57. Ancora a scrivere di Prandelli ?! ah ah ah ah ah ah questo va a prendersi 15 milioni in tre anni in Turchia (ometto il guadagnato fino ad oggi) e qualcuno continua a cantarsele e a suonarsele ah ah ah ah ah ah ah Qualunque film uno si costruisca nella testolina è un film già visto, differente solo nel finale che uno si può scegliere. Sai cosa cambia........

    RispondiElimina
  58. Da ragazzino avevo "Il grande calcio", l'enciclopedia del calcio mondiale. Ricordo che in un articolo sui più grandi di tutti i tempi, Bortolotti intervistava Bearzot, il quale giurava che Di Stefano era inarrivabile anche per Pelè e Maradona. Quell'articolo mi mise una curiosità tremenda, ma, allora, era impossibile reperire informazioni o immagini. Bearzot raccontava di un calciatore straordinario, capace, nonostante un'età già avanzata, di grandi prestazioni fisiche, tecniche e tattiche. Uno che si spostava in campo a seconda dell'andamento della partita, riuscendo ad essere il migliore in ogni reparto.
    Per me è un giocatore che esiste solo nella leggenda, insieme ai Meazza, ai Puskas, ai Leonidas, ai Matthews.

    RispondiElimina
  59. Da quel che si capisce dai filmati d'epoca era già un giocatore "totale", in anticipo su Cruijff. Io vidi Maradona per la prima volta nell'estate '81, in Fiorentina-Argentina [le mie due squadre del cuore! che serata!], con Julinho premiato a centrocampo prima del fischio d'inizio, sommerso dagli applausi. Ebbene, in campo c'erano fior di campioni: Passarella, Antognoni, Bertoni, Kempes, Ardiles, Pecci...Ebbene, mi sembrarono quasi giocatori normali, al cospetto del D10S, allora solo 21enne. Un marziano.

    https://www.youtube.com/watch?v=NkGEmEH9TcE

    RispondiElimina
  60. Sopravvissuto7 luglio 2014 21:26

    Atatürk si sta rivoltando nella tomba....Schliemann si percuote il petto chiedendosi "Perché infangare così il mio mito riscoperto con sacrifici? Perché?".... Leonardo Da Vinci pentito dall'aldilá per aver partecipato, all'epoca, alla gara per il ponte sul Bosforo...Cervantes mugugna (scomodo nella sua fossa, il lungagnone) sull'esito di Lepanto (combatté e perse un braccio, anche per Prandelli!).....Dopo il record di sigarette pro-capite, i turchi rischieranno di avere anche il record di coglioni fumanti....ah ah ah aha h aha ah ...

    RispondiElimina
  61. Non sono d'accordo sull'"ometto", direi "omuncolo", più appropriato ahahahahahah! Ecchissenefrega quanto guadagnerà. E' da questo che si giudica una persona? Perché sì, si giudica!

    RispondiElimina
  62. Ma io infatti direi di andare avanti all'infinito senza tacciare lud di ossessività dato che può succedere che qualcuno lo prenda di tacco su certi argomenti che per un qualsiasi motivo si possono ancora definire freschi, attuali, interessanti. Magari invece di incasellare altri nella parola fede sarebbe bene chiedersi il significato di persecuzione. Ancora oggi ci sono macerie fumanti del suo passaggio, in effetti vedo motivo probante per continuare, magari disponendo di tubetto fissan alta protezione, sia mai che il rossore si tramuti in sfogo e diventi poco anche il gentalin.

    RispondiElimina
  63. Domani mi aspetto pessime nuove dalla Turchia, non ditemi che l'argomento vi ha stancato, magari lo arrotano sulle strisce o vien violentato da una manica di turchi arrapati, basta che siano pessime notizie, dal campo sappiamo benissimo il verdetto che arriverà, un simile brodo non mangerà il panettone ed io me lo auguro di cuore, sperando che non venga seccata questa vena creativa letteraria e corrente di pensiero che lo riguarda, Prandelli, Prandelli e ancora Prandelli. Tenetemi aggiornato, c'è chi sa tutto di lui, tutto ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
  64. colonel.blimp7 luglio 2014 22:30

    Mi era sfuggita: Silviona in Anatolia! La spia del Bosforo, Mrs. Arkadin (ahahahahahahahahah!), la maschera di Dimitrios senza bisogno di Peter Lorre (c'è già lei nel cast... ahahahahahahahahahahahah!). Diegone, ancora una volta avesti ragione! I nodi, al pettine. Ormai, solo ludibrio di tutta una nazione. Troppo, troppo facile adesso sparare sul fesso in fuga ma accetto volentieri il cortese tributo di DKNE, in compartecipazione col mio storico compagno di merende (sicut dixit il Cretino dei Neretti), il GENIO DI VICCHIO, come l'appellava il Demente dei Fatturati: nel partito, Gonfia rappresentava con Terim l'estrema movimentista, Deyna l'ala sinuosamente migliorista, Re Nudo era il Grande Vecchio, Lele lo zoccolo duro stalinista. Ma se non c'eravamo io e l'ingegnere, finanziatore occulto del Gay Pride, a parà le zagaglie degli zulù e' voleo vedere, o convertiti sulla via di Damasco!

    RispondiElimina
  65. " l'ingegnere, finanziatore occulto del Gay Pride", "Mrs. Arkadin", ahahahahahha

    RispondiElimina
  66. Parlando di cose serie, mercoledì la mia scommessa prende corpo, m'importa una mazza del pranda. La Snai continua nell'ostracismo nel non volerle pagare in anticipo, presenterò formale reclamo, assurdo offrire simili quote e rifiutarsi si pagarle prima. I giochi sono fatti, l'asado su tutto, argentina campéon!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  67. Eppure ti ho messo in guardia, va bene la perdita, ma non illuderti anche, la caduta dal letto dopo il sogno sarà dura!

    RispondiElimina
  68. Leo non so perchè tu ti stupisca nel vedere Prandelli all'ordine del giorno. Guidava la tua nazionale, ha fatto la figura di merda col Costarica neanche tre settimane fa, ne ha fatta un'altra con l'Uruguay due settimane fa, era già in Turchia una settimana fa, ha allenato la Fiorentina 5 anni e c'è ancora chi si strappa i capelli per lui, la serie A è ferma, il mercato quasi, il mondiale è ancora in corso: se sotto i iflettori non c'è lui (e mica solo sul sitollock, dove comunque si parla più delle superstiti ai mondiali che di lui), chi ci deve essere? Bersellini?
    Guadagnerà anche 15 milioni alla faccia nostra, potevano pure essere 30 se andava in Cina o negli Emirati, e pure 40 se arrotondava facendo il gigolo per suore e preti, embè?

    RispondiElimina
  69. Rimanendo in tema Gay Pride, l'accoppiamento con Terim, vero o virtuale che sia, mi onora assai. Grazie, Colonnello!

    RispondiElimina
  70. Maglie deludenti. Maglia viola con quei cosi dorati sulle spalle fatti in quel modo sembra da calcio in costume più che da calcio normale, da accoppiarsi con i brachettoni a sbuffo. Manca l'elmo e l'archibugio poi possono fare anche i figuranti. Maglia bianca senza infamia né lode. Orrida magliaccia nera da gobbacci (alla fine lo sapevo che ce l'avrebbero rivogata) da buttare nella nettezza o da regalare a Chiellini e soci.

    RispondiElimina
  71. In assenza del boss (e di chi ne fa le veci), chiudo io, stavolta. Finito di lavorare tardino, vi leggo solo ora. Qualche cosiderazione sparsa:
    1) vi ho letto, come dicevo, ma devo essere "belle" che andato, a quest'ora. Non ho capito più del 30% di quello che avete scritto. Del post di Deyna, però, qualcosa ho orecchiato. Che si riferisse a Prandelli? Per il resto, Blimp criptico, Sopra figurativo, Leo sarcastico, Vita e Gonfia spassosi, Anto puntualizzante. Signori, è sempre un piacere.
    2) Di Stefano. Mio padre diceva di lui: - Pele' è il numero dieci più forte al mondo, per tutti gli altri ruoli, portiere escluso, c'è Di Stefano. Un grandissimo eclettico, almeno credo.
    3) Maglie: sono un po' controtendenza, a me non dispiacciono. Penso che "gli sbaffi" da voi citati siano volontari, nel richiamare le divise del calcio storico. Non la trovo una brutta idea. E poi permettono un'operazione nostalgia, con il classico retro' viola e nero.
    4) Mondiali quasi finiti, statistiche a buon punto, così come la classifica dei sitollocckiani. Qualche anticipazione? C'è un uomo solo al comando, per distacco, ma in maniera molto "gobbeggiante". Tutti gli altri in gruppo. Se qualche buonanima avesse ancora voglia di pagellare (o di correggere i propri voti), ovviamente può, fino a poco dopo la finale. Altrimenti faccio con quel che c'è.
    Buonanotte, fiorellini. O, per scriverla come blimp, un affettuoso saluto a tutti.

    RispondiElimina