.

.

mercoledì 9 luglio 2014

Per fortuna che c'è il mare

La mareggiata che si è abbattuta sul Brasile ha ridisegnato le coste del calcio, il Mondiale del resto è una manifestazione esagerata, uno spreco di soldi e passioni, per un popolo come quello brasiliano da ieri anche l'equivalente di un matrimonio finito, o come se uno che ha fame comprasse un ristorante. Il mondiale davanti alla televisione ha ormai trasformato la cerchia familiare in un semicerchio. E allora non ce l'ho fatta e dopo 30 minuti ho staccato la spina al malato, il risultato finale lo leggo solo adesso e sono felice di non aver assistito all'agonia di un popolo, perché capisco che sarà un umiliazione indelebile. Non resta che il mare a liberarti di quella morte dentro, perché lui vive al di fuori della kermesse, lui è sempre all’aperto, è capace di tirare fuori non solo quello che ci butti dentro, ha tanto di suo da dare, a me tira fuori emozioni, mentre lascia sulla spiaggia la sua formazione che è molto più forte di quella di Scolari. Più variegata, meravigliosamente levigata, e mi piace trovarci il vetro nella formazione ideale del mare, mi ricorda tanto di quando ero giovane e se ne trovava molto di più, specie di quello verde e spesso, il migliore era quello delle bottiglie di gazzosa, forse la colpa è di quelle maledette campane di vetro, probabilmente tedesche, della coscienza ecologica e del riciclo, ma il vetro che non taglia è fascino allo stato puro e purtroppo in estinzione. Come il Brasile che insegnava calcio. Oggi che è tutto vuoto a perdere ci guadagnano solo le campane di vetro tedesche, anzi no, perché anche l'amore brasiliano per il calcio è un vuoto a perdere che però non va a finire nelle campane di vetro tedesche, in quel caso ci guadagnano i cantautori che ci fanno le canzoni. Poi c'è modo e modo di perdere, e quello di ieri il popolo brasiliano non se lo meritava. Rimane il mare anche se è troppo romantico per uccidersi, soprattutto farlo per amore, che non è semplicemente farci il bagno, intendo buttarcisi dentro per farla finita. Non è come buttarsi sotto un treno magari in ritardo, l'onda è sempre puntuale, un moto perpetuo però molto meno fastidioso di un Honda. Passa tutto davanti alla bellezza del mare, passano le barche, i gabbiani, la disfatta contro la Germania, le pene d'amore, basta solo aspettare, al limite è meglio uccidersi per l'impazienza. Guardi il mare e la sua grandezza e ti chiedi perché ci hanno insegnato ad amare una donna sola per volta, chi è stato? Forse lo stesso che ci ha fatto credere che è perder tempo anche fare la formazione della propria squadra.

101 commenti:

  1. Mi sembra chiaro che il successo della Germania abbia come protagonista principale un uomo solo: Pep Guardiola. È lui che ha insegnato ai tedeschi la formula del calcio del terzo millennio, lui che ha permesso ad una nazione notoriamente perdente di arrivare ad una finale che mancava da troppo tempo. La Germania ha mutuato il gioco del Bayern ed è diventata la nuova Spagna. Certo, ha stravinto la metà delle partite del girone di qualificazione che ancora Guardiola non c'era, però conta poco o niente. È sbagliato pensare che questa squadra sia arrivata a questo punto grazie ad un processo di crescita tecnico/tattico costante in questi otto anni, la verità è che Guardiola ha sistemato tutte le pecche, riuscendo perfino ad azzeccare un nero meno intenso per la tinta di Loew. La rinuncia a Gomez ha permesso la liberazione del 4-3-3, modulo in cui Klose si trova a meraviglia, non essendo un centravanti vecchio stampo, ma un attaccante rapido in grado di arretrare per dei veloci scambi con i centrocampisti o con gli attaccanti esterni. Insomma, Guardiola continua a fare la storia del calcio, dimostrando che il gioco è definitivamente cambiato, mentre la Fiorentina, purtroppo, ha sciaguratamente intrapreso la strada opposta, scegliendo di andare incontro ad idee tattiche da medioevo e a decisioni che hanno a che fare più col marketing che col calcio.

    RispondiElimina
  2. Macchè meriti di un uomo solo, Foco, tu dimentichi quanto abbia influito Prandelli su questa Germania, per una serie di motivi che ora non sto a spiegarti perchè sono troppi, ma fidati che ci sono, magari te li spiego quando torno dalla presentazione del mio libro a New York, ma forse non ce n'è bisogno, ti bastino e ti avanzino le eloquenti ed esaurienti parole di Luca Toni nel 2007: "Sono qui al Bayern grazie a quanto fatto con la Fiorentina".

    RispondiElimina
  3. Sopravvissuto9 luglio 2014 09:37

    É stato come giocare un tie-break, ieri sera.

    RispondiElimina
  4. L'errore di Scolari è stato che,mentre Loew ha importato il Bayern di Guardiola in nazionale ( ottimi gli esordienti Neuer, Schweinsteiger, Lahm, Müller,Gotze, Kroos,Boateng, prima colpevolmente ignorati dalla nazionale teutonica), lui ha importato nella selecao il modello tattico della Nazionale Cantanti, pur essendo privo di Barbarossa e Antonacci in attacco e, soprattutto, dell'indispensabile Morandi a centrocampo.

    RispondiElimina
  5. Però i Cugini di Campagna c'erano tutti!

    RispondiElimina
  6. Esattamente così. Chissà Marione come rosica. Però, a differenza di Rossi, sta zitto. Che dipenda anche dal comportamento dell'allenatore? Loew non è un fenomeno, ma un allenatore di calcio, sì. Orbo in una terra di ciechi. Stasera tocca all'altro che qualcosa ci capisce. Lo odio, l'altro, per storia vecchia (e grassa, aggiungerei), però il suo lavoro lo sa fare, eccome.

    RispondiElimina
  7. Ti rispondo per ieri, sopra. Il senso del mio discorso era esattamente quello che hai descritto, meglio, tu. Aggiungerei, però, che i tedeschi, per quanto loro possibile, hanno anche rallentato. Da tedeschi, ovviamente. Infatti il Brasile neanche se ne è accorto. Mi diceva un loro conterraneo, professionista (livello diverso, ovviamente): -Se, quando perdiamo largamente, ci accorgiamo che gli altri si fermano, cominciamo a menarli di brutto. Altra cultura, per noi incomprensibile. Noi li preghiamo, perché si fermino.

    RispondiElimina
  8. Sopravvissuto9 luglio 2014 10:16

    Anche i Camaleonti......hanno lasciato, sul campo.....le....Orme.

    RispondiElimina
  9. stefano vienna9 luglio 2014 10:17

    Klose trequartista, come Madzukic e Lewandoski.

    RispondiElimina
  10. Sopravvissuto9 luglio 2014 10:17

    La melanzana alla parmigiana ha ribadito che il falso nueve é un'aborto.

    RispondiElimina
  11. Sopravvissuto9 luglio 2014 10:17

    Claro que si.

    RispondiElimina
  12. Sopravvissuto9 luglio 2014 10:18

    La parmigiana ti ammazza....!

    RispondiElimina
  13. Il nuovo Pek:

    http://www.violanews.com/news-viola/arteta-ha-gia-detto-si-alla-fiorentina-20140709/

    RispondiElimina
  14. E il nuovo Migliaccio:

    http://www.violanews.com/news-viola/centrocampo-non-solo-arteta-spunta-lipotesi-mariga-20140709/

    RispondiElimina
  15. Sopravvissuto9 luglio 2014 11:05

    Cosi ho postato sul sitone :09/07 10.04
    Sopravvissuto
    Stadi 'avant' da anni, accesso agli stessi stadi molto facile, logistica delle strutture semplice, nessun torniello, tamburi e trombe ammessi un curva (curve belle come le tribune), visuale 'da mosca' sul campo-perfetta, indebitamenti contenuti o programmati- per i club- senza mai nessun fallimento, nessuna retrocessione o penalizzazione di club per ritardo di pagamento o guai con il fisco (neanche in 3a serie), poco spazio ai faccendieri del calcio, chi sbaglia paga con il carcere (vedi Hoenness), centri federali migliori delle università, trasferte con contenimento dei costi per le nazionali, assemblee dei club pubbliche, nessun club beccato mai ad intrallazzare, nessun conflitto di interessi a 'palazzo' e se c'é stato si é risolto con defenestrazione, capacità di integrare oriundi, apolidi e stranieri come nessuno, creazione di un vivaio per le varie nazionali sul modello francese (al quale si é uniformato anche il Belgio), capacità di apertura al 'nuovo' senza preclusioni per nessuno. Questo é il calcio tedesco. Per poter rivendere e creare qualcosa l'Italia dovrà pareggiare i concetti espressi sopra. Riusciremo?
    La Germania di ieri sera a tratti era Spallettiana, con sciami di calciatori ovunque, che hanno ubriacato i Verdehorror in modo tiquitaquesco. La serenità dei panzer, il fatto di giocare nello stesso modo dal 1' al 92' é una lezione all'italiota che afferma 'A cinque bisogna fermarsi....', 'Rispetto per gli avversari...', 'Perché continuano ad attaccare...?', tutte domande sciocche stupide, sia perché bisogna onorare il gioco per 90' minuti, sia per rispetto verso chi paga, sia perché...se avessero potuto i brasiliani avrebbero fatto lo stesso, come altre volte nella storia. Speriamo che alcune buone anime abbiamo registrato il match e l'abbiamo spedito a Instambul (sponda Prandelli El Salvador), a Roma (zona Parioli e zona Canottieri- Malagó) e anche a Coverciano....magari alcuni capiranno, difficile(!!), che il difficile ancora deve arrivare per la nazionale.
    Ohne worte, Deutchland.

    E Lei cosa ha risposto?? "Corsi&ricorsi....Scolari chiamato dallo Zenit?". Non ha capito nulla.

    RispondiElimina
  16. Non capisco la vostra ironia. Mi sembra lampante che Guardiola sia l'artefice dei successi della Spagna, prima, e della Germania, ora. Controllate: Pep a Barcellona e le furie rosse vincono mondiale ed europeo, poi il nostro si sposta in Baviera e la Germania conquista la finale in Brasile. Se ancora siete scettici posso aggiungere anche l'anno sabbatico: Pep a New York e sale il Nasdaq, Pep ad Abu Dabi e gli emiri scoprono il petrolio, Pep in vacanza a Roma e la signora Cesira Mozzicarelli ritrova Armando, il gatto che aveva perso due mesi prima. Per voi è coincidenza? Per Cesira è bucio de culo, ma l'anziana non s'intende di calcio. Continuate pure a negare e a fare ironia fuori posto, la verità e davanti agli occhi di tutti.

    RispondiElimina
  17. Deyna oscurantista e amante di Mazzarri e Nereo Rocco.

    RispondiElimina
  18. Ahahahahha, o questa?

    RispondiElimina
  19. Tu lo sai quello che hai fatto

    RispondiElimina
  20. C'è solo una soluzione per il Brasile, dopo la derrota, in vista dei prossimi Mondiali: fare di Guardiola il nuovo ct! Io ci scherzo, ma se ne era addirittura parlato, prima che andasse al Bayern...Seriamente, chiedo a Jordan se ci sono tecnici brasiliani validi, in grado di guidare un percorso di ricostruzione e rinascita del gioco in stile-Loew, e se ci sono giovani talenti a sufficienza per realizzare il progetto. Io sono rimasto a novembre 2013, che in termini calcistici vale a dire un'altra era...

    RispondiElimina
  21. Commento di un mio amico che vive a Berlino: "Atti di razzismo come se piovesse...sciovinismo nazista e vandalismo stile Secondigliano, non resta che sperare in Messi, che ci salvi dal ritorno delle SA!"

    RispondiElimina
  22. stefano vienna9 luglio 2014 12:00

    Chicca prandelliana che fa luce sull'uomo.

    Da Prandelli anche una precisazione alle parole di Andrea Agnelli, che aveva parlato di lui ed Abete defilati nel momento del bisogno: "Ho chiamato il presidente Agnelli e mi ha spiegato che la sua è stata solo una battuta mentre parlava della fiscalità del calcio in Europa".



    Debole coi forti, forti con i deboli.

    RispondiElimina
  23. Purtroppo vedrò finalmente la finale dei miei sogni, peccato che Brasile-Argentina sarà solo per il 3° posto...

    RispondiElimina
  24. stefano vienna9 luglio 2014 12:01

    Eh sì, mi spiace, però quella la vincete di sicuro.

    RispondiElimina
  25. stefano vienna9 luglio 2014 12:10

    Da salvare in questo Mondiale solo l'esperimento barriera, ma ho come il sospetto che in Italia questa soluzione non verrà adottata.

    RispondiElimina
  26. stefano vienna9 luglio 2014 12:11

    Anzi, non è nemmeno detto...

    RispondiElimina
  27. L'avvicinamento della barriera è stato, storicamente, uno dei punti di forza della juve. Ricordo un cupo Fiorentina-juventus dell'82/83, cielo plumbeo sopra lo stadio, gobbi che vincono con gol di Brio, Ferroni che annulla Pablito Rossi, Platini che si annulla da solo, Passarella che, segato da Tardelli, gli ricade sopra piazzandogli una terrificante gomitata. Ebbene, punizione per la Viola, Furino guida al solito la barriera, trascinando i compagni a braccetto con minuscoli passettini in avanti. L'arbitro va per ammonirlo [lo era già, sarebbe stata espulsione], e il gobbo malefico che fa? Se la prende col compagno accanto, lo strattona, tipo "così non si fa, torna indietro!", e l'ammonizione ricade su questi, salvandolo dal rosso. Chi era il compagno? Il Cottomano©.

    RispondiElimina
  28. stefano vienna9 luglio 2014 12:21

    Più recentemente, mi ricordo un Totti costantemente a due metri.

    RispondiElimina
  29. Anche, sì, Totti e De Rossi.

    RispondiElimina
  30. Ci andrei piano, è ancora lontana anni luce dalla migliore Spagna...Voglio comunque vederla contro una squadra che la aspetta chiusa e riparte a folate, già contro l'Algeria ha sofferto, le va di lusso quando incontra Brasile o Francia. Neuer: grande nel dominio dell'area piccola, dell'area in generale e nell'essere appunto un "libero", ma tra i pali a me non sembra il grandissimo che dicono...

    RispondiElimina
  31. Pep in visita a Firenze e Renzi capo del governo

    RispondiElimina
  32. Ho letto il blog dello svizzero(le mie voglie masochistiche a quanto pare sono molto sviluppate);sinceramente non pensavo si potesse arrivare a scrivere un concentrato di cazzate così abnorme;non pensavo si potesse stravolgere la realtà in modo tanto scientifico;comincio a credere che ci stia prendendo per il culo,perchè un essere umano pensante non può aver partorito quei pensieri.Alla fine si scoprirà che Guardiola è in realtà Colombo reincarnato,per cui dovremo ringraziarlo per la scoperta dell'America...

    RispondiElimina
  33. A me Neuer piace. Ha un modo di parare che fa sembrare normale ogni tiro, anche se non lo è. Grandissimo senso della posizione. Però anche lui ha un punto debole. Arriva relativamente piano a terra. Tirategli basso ed all'angolino: anche lui soffrirà. Come se fosse facile. Nonostante questo, per me, è il migliore (Cannelloni, pepperoni, pizzettoni. Neueroni sei per me: numero uno!).

    RispondiElimina
  34. Neuer è il migliore adesso, seguito a ruota da Courtois. A me ricorda Boruc, del quale, però, non ha i cali di concentrazione. Mi sembra anche abbastanza fumino e se veramente gli metteranno dietro Navas, sarà interessante osservarlo sotto pressione.

    RispondiElimina
  35. Dkne, verrà anche il tuo giorno. Anche tu ( insieme a Deyna) verrai giudicato per i tuoi peccati. Infedele! Dimentichi che l'11 luglio dell' ottantadue vincemmo il mondiale anche perché Guardiola, quel luglio, era in Spagna. E manco grazie gli abbiamo detto!

    RispondiElimina
  36. A me piace molto di più Adler, sensazionale, anche se Neuer è più "moderno" nel partecipare al gioco

    RispondiElimina
  37. Azz...gravissima colpa da espiare pesantemente;ed ora che mi fai riflettere su tali avvenimenti,come non ricordare che Guardiola durante i mondiali del 2006 era in vacanza in Italia?Ora mi spiego la vittoria altrimenti inspiegabile!Deyna,voci di corridoio danno Guardiola in Argentina,in vacanza alle terre del fuoco!Mondiale ormai in cassaforte per l'albiceleste

    RispondiElimina
  38. Tra l'altro,in uno scambio di battute tra il Magnifico e Deyna,ho appreso che Gomez non è stato convocato per scelta tecnica;come Montolivo,chiaramente snobbato per i medesimi motivi.Mica voi esseri umani(ma non troppo) vorrete insinuare che sia stato per infortunio vero!?

    RispondiElimina
  39. Sopravvissuto9 luglio 2014 16:21

    Notevole.....".lotta per la presidenza della Figc sta producendo un innalzamento dei toni senza precedenti. Il presidente della Lega di C, Mario Macalli, che sostiene la candidatura di Tavecchio, ha attaccato duramente il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, che vorrebbe uno svecchiamento dei vertici: “Quando io vado a lavorare la mattina – ha detto Macalli – produco e pago le tasse. Andrea e la sua famiglia hanno invece spolpato l’Italia. Hanno solo ill cognome e senza quello, forse forse, andrebbero a lavorare in un tornio ogni mattina. Io non sono mai andato a mangiare al ristorante coi soldi degli italiani”.

    RispondiElimina
  40. Inizia la preparazione spirituale alla partita, roba che al confronto Ignazio da Loyola era un frivolo viveur. Peccato che tutto questo pathos verrà frustrato, stasera :(

    https://www.youtube.com/watch?v=ktSO-wB0kkE

    RispondiElimina
  41. colonel.blimp9 luglio 2014 16:26

    Boh, la giornata di ieri è stata così storica, così stimolante nelle suggestioni che non andrei dietro alla Fava Atomica, oggi facilmente sotterrata anche dalla solista delle rintRonettes (ad ogni modo ha smesso di parlare di falso nueve per la Germania, et pour cause, come l'ha smessa per il Brasile con Neymar perché in quel caso c'era compresenza col vero nueve, Fred, seppur morto, insomma un hitchcockiano centravanti che visse due volte). La notazione del Sopra sullo spallettismo più che guardiolismo teutonico mi pare pertinentissima. Ieri vi ha contribuito molto la profondità, di ripartenza svellente palla, di suggerimento e di personale penetrazione, che vi dava Khedira, in stato di grazia assoluta (ogni volta che passava il centrocampo, Barbie Luiz, venti metri più indietro, sembrava marcato dall'ochio atrás, sbandando incerto e terrorizzato: se quel fighetto vale sessanta milioni quante migliaia di milioni varrebbe oggi COLUI, da Chacabuco, che solo contro due avversari o con un solo compagno contro tre avversari lanciati in contropiede sembrava Farinata degli Uberti, sembrava da difendente, a centrocampo amico scavalcato, fare lui la superiorità numerica, riuscendo prodigiosamente a coprire due avversari in forbice di trenta metri fra l'uno e l'altro e facendosi da loro consegnare docilmente il pallone?): concordo sul fatto che non si sia mai espresso a questi livelli non umani e forse abdotti, ma penso a tanti studenti liceali che «si scoprono» all'esame di maturità, tra lo stupore degli insegnanti che li avevano avuti a mano per anni e che ormai li pagellavano col sette fisso prima ancora di correggerne i compiti, penso alle partenze in sordina di certi studenti universitari che esplodono a quell'esame, magari di secondo anno, che rivela loro «il cammino». Khedira ieri sera era il centrocampista più completo al mondo: in finalissima è attesa conferma. Chi odia o sminuisce la Germania tifi stasera Olanda, che ha qualche probabilità in più dell'Argentina rinnegata di Sabella, contro i crucchi. Perché: 1) picchiano cinicamente e astutamente, senza personalizzare però e perciò sono tanto meno puniti dagli arbitri (lo faceva, in fondo, anche il mio dio del calcio, JJN); 2) Robben pone problemi, alla sinistra dello schieramento crucco, di soluzione a mio avviso più difficile di quelli che pone lo stesso Messi centralmente, perché non trova contromosse tattiche ma richiede puro oppositore all'altezza, per caratteristiche, ciò che i sigfridi a mio avviso non hanno; 3) il loro catenaccio sarebbe tanto più guardingo, dopo ieri sera, mentre i tedeschi saranno gasati dalla loro autopersuasione di superiorità innata, rischiando di passare dalla campagna di Francia a quella di Russia senza intervallo. Tuttavia credo che stasera vincerà l'Argentina, se il Kun è recuperato, perché questi e Messi sono l'ideale contro i centrali orange e perché, se è vero che entrambe le squadre presentano, come il Brasile, un osceno centrocampo di facchini, le capacità di offesa dei pigiamati sono superiori a quelle degli orange (in difesa, equipollente mediocrità complessiva dei singoli).

    RispondiElimina
  42. Fantastico El Caudillo in quelle situazioni, vero, e pensare che non era nemmeno molto veloce! David Luiz lo state massacrando troppo, comunque, ieri non avrebbe fatto bene nemmeno Beckenbauer, messo in quella situazione di psicodramma collettivo. Gli si danno anche colpe non sue, poi, tipo sul primo gol di Muller, in cui ha subìto fallo di trattenuta [cfr. commento di Tardelli] e poi ostacolo da un compagno. Khedira in effetti ieri sembrava Neeskens reincarnato, non per caratteristiche di gioco, ma per imponente onnipresenza in campo. Non credo proprio, però, sia un fuoriclasse di quella fatta, e nemmeno ci si avvicini. Aguero non giocherà dall'inizio, e se entrerà vorrà dire che si mette male...Come è già scritto che sarà.

    RispondiElimina
  43. Come abbia fatto sabatini a vendere dodò all'inter (giocatore che secondo me è pure bravo) a 9 milioni dopo che in 2 anni ha giocato 15 partite da titolare e l'anno prima era rotto, ancora non riesco a capirlo.

    RispondiElimina
  44. Sia Messi sia Robben tendono a tirare basso nell'angolino...

    RispondiElimina
  45. Sopravvissuto9 luglio 2014 17:09

    Ci sarebbe un contro- riscatto tra due anni, su Dodó.

    RispondiElimina
  46. Sopravvissuto9 luglio 2014 17:17

    Perché 7 gol presi dal Brasile? Perché dopo borseggi veniali dei Verdehorror, dopo lo juventino-way di far togliere squalifica a Thiago Non-Motta, dopo alcune situazioni (contro la Colombia) non sanzionate-punite...."la patria di colui che fu scarso pittore-monotesticolo-eletto dal contado-errante nel cercare fronte (in Russia)aperto invece di creare un cuneo (cfr. Zio Adolf in arte Hitler)" ha ricordato ai cristianissimi brasiliani che....7: Non rubare!

    RispondiElimina
  47. Ma Hitler non era austriaco?

    RispondiElimina
  48. colonel.blimp9 luglio 2014 17:26

    Lui non si riteneva tale (un'altra delle frustrazioni di quell'ometto).

    RispondiElimina
  49. Sopravvissuto9 luglio 2014 17:30

    Ora la Merkel guarda di nuovo all'Austria, sai...la Pangermania oramai ë cosa fatta...ah ah ah ah ah...l'UE é come un virus Troy, in realtà detro c'é sempre la Germania é il IIIo Reich......ah ah ah ah ah ah ah....

    RispondiElimina
  50. D'altronde gli austriaci sono il popolo che sono riusciti a convincere il mondo che Hitler fosse tedesco e Beethoven fosse austriaco...

    RispondiElimina
  51. colonel.blimp9 luglio 2014 18:34

    Cominciamo una nuova rubrica...




    GERMANIA IMMORTALE


    Kahn, Berti, Hummels, Franz, Volkswagen, Schuster, Lothar, Overath, Grabowski, Gerd, Kalle.


    Schema: 4-3-3.


    Allenatore: Ludwig Zaller.



    In panchina, con sincero rincrescimento e dopo perplessità plurime: Köhler, Breitner, Haller.

    RispondiElimina
  52. Pare che Guardiola, in vacanza, l'abbia fatta nella piscina dell'hotel. Hotel che adesso serve Krug scaraffato e sembra ne abbia una riserva di circa 120.000 litri.

    RispondiElimina
  53. colonel.blimp9 luglio 2014 18:57

    Specifico che sono inclusi, per queste rappresentative, soltanto calciatori che io abbia visto all'opera.


    ARGENTINA IMMORTALE

    Fillol, Zanetti, Perfumo, Passarella, Marzolini, Ardiles, Redondo, Di Stefano, Diego, Bati, Messi.

    Schema: 4-3-1-2.

    Allenatore: Deyna.

    In panchina, con sincero rincrescimento ma stavolta senza perplessità divoranti: Sivori, Samuel, Simeone, Redondo, Riquelme, Sensini, Aimar.

    RispondiElimina
  54. io avevo letto: prestito a 1,2, con obbligo di riscatto a 7,8 alla prima presenza, in due anni.
    se poi sabatini è riuscito anche a concedersi l'oppurtinità di controriscattarlo, qualora gli servisse, sarebbe un mago

    RispondiElimina
  55. Blimp, secondo te Kahn è meglio di Schumacher?

    RispondiElimina
  56. colonel.blimp9 luglio 2014 19:12

    Nettamente.

    RispondiElimina
  57. colonel.blimp9 luglio 2014 19:14

    ITALIA IMMORTALE


    Buffon, Maldini, Nesta, Baresi, Facchetti, Oriali, Bulgarelli, Rivera, Mazzola, Bonimba, Pablito.

    Schema: 4-3-3.

    Allenatore: Don Diego de la Vega.

    In panchina, con sommo rincrescimento, dopo distruttive perplessità, andando incontro a sicura impopolarità: Antoniosuperstar, Roby.

    RispondiElimina
  58. colonel.blimp9 luglio 2014 19:33

    BRASILE IMMORTALE


    Julio Cesar, Carlos Alberto, Aldair, Thiago Silva, Nilton Santos, Dunga, Didi, Zico, Garrincha, Pelè, Rivelino.

    Schema: 4-3-3.

    Allenatore: Jordao de Vicchiu.

    In panchina, con sincero rincrescimento ma con coscienza dell'inevitabile: Djalma Santos, Francisco Marinho, Cafù, Falcao, Gerson, Junior, Dirceu, Ronaldinho, Ronaldo, Edmundo.

    RispondiElimina
  59. colonel.blimp9 luglio 2014 19:35

    Errore nella panchina: Redondo è titolare, non c'entra nulla.

    RispondiElimina
  60. colonel.blimp9 luglio 2014 20:00

    Foco, sia Scirea sia Baresi erano dei liberi.

    RispondiElimina
  61. colonel.blimp9 luglio 2014 20:02

    Foco, aspettavo la fine del Mondiale per stendere la mia. Credo però che sui primi quattro della tua lista e su Jimmy e Messi posso già dare il mio assenso preventivo e prematuro ma definitivo. Vertonghen è l'unico che non metterei assolutamente.

    RispondiElimina
  62. La Rubrica del Colonnello non è nuova, ma ci rigioco volentieri, dopo aver cenato.

    RispondiElimina
  63. Achtung! Il Foco gioca con il falso nueve!

    RispondiElimina
  64. Lo so, ma la qualità e l'intelligenza sarebbero tali da farli alternare. Logicamente a zona ed in linea.

    RispondiElimina
  65. colonel.blimp9 luglio 2014 20:27

    Specifico che, potendo giocare Krol in qualsiasi ruolo difensivo (oggi anche mediano davanti alla difesa e esterno di centrocampo, sui due lati) e Neeskens in qualsiasi ruolo di qualsiasi sport collettivo, li ho collocati dove meglio conveniva per dar posto agli ottimi altri.

    OLANDA IMMORTALE

    Van der Sar, Krol, Hulshoff, Stam, F. De Boer, Rijkard, Davids, Neeskens, Robben, Van Basten, Crujiff.

    Schema: 4-3-3.

    Allenatore: le rintRonettes.

    In panchina, con sincero rincrescimento ma non più: Overmars, Van Haneghem, Gullit, Rep.

    RispondiElimina
  66. Certo, io ci tengo alla mia anima!

    RispondiElimina
  67. Antonio lo metti in panchina perché hai messo Rivera, non mi piace ma lo accetto. Ma Baggio?

    RispondiElimina
  68. colonel.blimp9 luglio 2014 20:33

    Se guardo alle mie formazioni, trovo che l'Italia ha la miglior difesa, l'Olanda il centrocampo più dinamico, l'Argentina quello più tecnico, la Germania quello più completo, in attacco ancora la Germania si fa preferire, alla pari con l'Olanda, per complementarità ma l'Argentina e il Brasile, in quel reparto, mettono giù i carichi più pesanti.

    RispondiElimina
  69. colonel.blimp9 luglio 2014 20:38

    Dovrei, caro Anto, rinunciare a Mazzola, ala offensiva fantastica da 4-3-3, come fu memorabilmente nelle prime due partite del disgraziatissimo Mondiale 1974 e in lacune altre bellissime del biennio precedente, e varare un 4-3-1-2. Dopo tutto no, perché il Mazzola con la freschezza da giovane mi dava più dinamismo e copertura e dialogo arretrato e se voglio tenere Rivera devo badare agli equilibri. Ma ci ho pensato, ci ho pensato tormentosamente... Come ho pensato all'alternativa fra il Golden Boy e Antoniosuperstar: ma, circa quest'ultima, non potevo rinunciare al più grande assist-man della storia del calcio e, d'altra parte, un centrocampo coi due insieme non va da nessuna parte.

    RispondiElimina
  70. colonel.blimp9 luglio 2014 20:40

    «e in alcune», non «e in lacune».

    RispondiElimina
  71. O Colonnello Khedira giocava contro nessuno, è facile così. Con dei compagni che fanno quello che vogliono e degli avversari in rotta continua giocherebbe bene anche Montolivo! Ora non faccio paragoni assurdi ma attenti ad enfatizzare corse in discesa. Tutti i tedeschi sembravan marziani e tutti i brasiliani pippe omeriche. Non è così, almeno non in queste proporzioni. Li farei rigiocare messi in campo da un allenatore meno cretino di Scolari e senza avere quel black-out psichico di un quarto d'ora, e non finirebbe certo così. Magari vincerebbe lo stesso la Germania, ma sudando come ha sudato in precedenza.

    RispondiElimina
  72. Purtroppo non li vedo e vedo di peggio, una Federazione che, se possibile, è peggiore della nostra. Il livello medio dei calciatori è ancora buono perchè i serbatoti di rifornimenti sono, a differenze che da noi, tuttora enormi, ma non ci sono grossi elementi di punta anche perchè c'è la fretta di farli esplodere, di gonfiarli e mandarli magari in Russia dove si perdono per strada. No, non la vedo facile, anche se il 7-1 è un'onta troppo grande e devono per forza cercar di ripartire.

    RispondiElimina
  73. Gamboa ha fatto un mondiale stratosferico, non fosse dovuto uscire con l'Olanda, forse, l'assedio finale non sarebbe stato così assedio. Non difende benissimo ma ha arato la fascia con velocità e buona tecnica.Herrera mi ha semplicemente impressionato per continuità e qualità d'azione. Mvp contro gli orange imho.

    RispondiElimina
  74. colonel.blimp9 luglio 2014 21:43

    Caro Pendelluft, le tre altre le farò ma non cambieranno in nulla la ALL STARS, che è di risulta dalle cinque più grandi del calcio moderno ed è esattamente:


    Buffon, Maldini, Daniel, Franz, Krol, Neeskens, Di Stefano, Diego, Garrincha, Pelè, Crujiff.


    Schema: 4-3-3.


    Allenatore: Gian Aldo Traversi.


    [Pelè falso nueve, Crujiff alla Ljajic secondo vangelo del Massachuccolets; due liberi alla Foco, tanto Daniel morde e copre a sessant'anni come Barbie Luiz non fa adesso a ventisette]

    RispondiElimina
  75. Fare allenare al GAT un feroce indio e un meticcio terzomondista incline all'alcoolismo è sadismo spietato, crudeltà mentale, che si sappia.

    RispondiElimina
  76. colonel.blimp9 luglio 2014 21:48

    Ahahahahahahahahahahahah! L'allenatore delle All Stars ha appena definito Rodri un «flaccido scroto»: a forza di guardarsi allo specchio gli vengono più metafore che a un poeta... ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  77. colonel.blimp9 luglio 2014 21:50

    Due italiani, tre olandesi, due brasiliani, un tedesco, tre argentini.

    RispondiElimina
  78. colonel.blimp9 luglio 2014 23:05

    Partita indegna fra squadre indegne, mai visto una semifinale di Mondiale fra simili scarafaggi. Peggio però l'Olanda, che tira ad arrivare ai rigori fin dal primo minuto e che sconcia l'immagine di una grande nazione calcistica col non-gioco più nichilistico. Che povera Argentina, comunque! Cosa vanta in più della squadra affondata dal Turco vile e stupido? Una sola cosa bella in tutto il primo tempo, una verticale di Higuain (peraltro confermante la sua limitatezza a grandissimi livelli) per Perez sulla destra. Lavezzi imitazione in plastica dell'argentinismo, pura caciara di sconclusionatezze in stile torneo UISP. Deve entrare Aguero, ma doveva esser convocato Tevez e siamo sempre lì. Van Gaal falsone come tutta la sua genìa che frega sugli spiccioli di resto nei negozi, stirpe di pirati: promette di disinteressarsi di Messi e poi lo fa marcare a uomo anche quando rientra ai limiti della sua area. Delle quattro semifinaliste, tre potevano anche arrestarsi agli ottavi, secondo giustizia, e ringraziare il cielo. Bleah!

    RispondiElimina
  79. perfetta, inevitabilmente

    RispondiElimina
  80. Aguero-Palacio entrano ora

    RispondiElimina
  81. delusione clasie, se deve farsela nelle mutande quando gioca contro giocatori veri può restarsene in olanda

    RispondiElimina
  82. Mascherano miracolo

    RispondiElimina
  83. Speriamo che nei supplementari succeda qualcosa. Gli ultimi minuti l'Olanda ha tentato di piazzare il colpaccio anche se con poca convinzione. Per il resto come ha scritto il colonnello partita invereconda. Io ho anche dormito una decina di mn. .nel primo tempo

    RispondiElimina
  84. colonel.blimp9 luglio 2014 23:59

    Un'occasione da gol in tutta la partita e giusto sul finire... Le condizioni climatiche rischiano di favorire la maggior fisicità degli olandesi, nei supplementari. Sabella trapattoniano: negli ultimi dieci minuti, dopo tanta speculazione cagasottara, si fa prendere dalla frenesia e butta in campo due punte ed è sacrosanto per ciò che concerne Aguero (Higuain, centravanti per un livello da De Laurentiis) ma incomprensibile per quel che riguarda Palacio, il quale sostituisce il migliore degli argentini e ancora tonico, Perez, e sbalestra il centrocampo provocando il finale pericoloso degli scarponi in arancione.

    RispondiElimina
  85. alla fine vince l'argentina: messi o aguero.

    RispondiElimina
  86. Olanda e Argentina mai così pietose, mai così melmose nella loro storia. Sarebbe più giusto decidere col lancio della monetina: continuare a giocare, pur coi calci di rigore, fra due nazionali che hanno disonorato l'arte del football a questo modo, è derisorio.

    RispondiElimina
  87. Questa volta Van Gaal non ha potuto cambiare il portiere. Qra si vede come va a finire. In ogni caso questi non avrebbero vinto neanche col Brasile di ieri.

    RispondiElimina
  88. non è stato un bel mondiale, no.
    forza argentina però!

    RispondiElimina
  89. Bella semifinale (4) quella tra Noia e Tedio; un primo tempo degno di "Memoria delle mie puttane tristi" di Marquez (9) attendi un gesto, un movimento o una situazione che si sviluppi e invece il vecchio sta sempre li, piantato. La bella (Messi?) non si mostra, Sabella (5) (mesto?) genera un mostro.
    Robben (6) assente, Kuyt (6) errante, Van Persie (5)svolazzante come un uccellino da gabbia in mezzo alla foresta piena di predatori. Nota bella: i difensori olandesi potranno raccontare che per un'ora e mezza hanno cancellato Messi (6-).
    Mascherano ovunque, finalmente; Snijders (6) carico ma mulinante a vuoto, dopo aver saputo il nome del suo prossimo allenatore...eh eh eheh eh eh eh eh eh eh...
    La partita di ieri ha irretito entrambi i team, paurosi di prenderle; Argentina (5,5) arroccata come non mai, Olanda (6)a fare gioco senza pungere...Sabella che si affida troppo, troppo a Messi, Sabella privo di idee da trasmette, privo di inventiva per mettere in campo qualcosa di alternativo a "Palla a Leo e vediamo cosa succede"...Van Gaal (6,5)che come sempre vuole il controllo della partita ma senza guizzi decenti dei suoi, suoi giocatori attaccati più del Ct al "Palla a Robben e vediamo cosa succede"....Clasie (5,5) fa pensare che probabilmente esistono molti Clasie tra serie A e B italiana (Baselli, Conti, Iori)
    Difesa olandese (7) mai veramente impegnata, centrocampo oranje padrone del gioco (6,5), attacco (5,5) asfittico.
    Argentina con attacco (5,5) con polveri bagnate, centrocampo passivo (6-) ma con Perez (7) rivelazione e Mascherano (7,5) reggitutto e tutti, difesa (6,5) su livelli buoni anche se mai sotto pressione.
    L'Olanda al 120' raggiunge il suo primo obiettivo non dichiarato: i calci di rigore, pur senza Krull, che poteva essere il troll del match!
    Ai rigori: Vlaar (3) pippesco (non ha mai guardato la porta o il portiere), Messi (7,5) che non fa notizia, Robben (8) euclideo, Garay (7,5) Hulkesco nel tiro, Snijder (6) un po' sfigato, Aguero (7,5) colpo da biliardo, Kuyt (7,5) professionale, Maxi Rodriguez (6 per il tiro, 9 per l'essere decisivo) alla Koeman. Romero? 8 e riabilitato.
    Giusto che vada l'Argentina? Non ne sono certo.

    RispondiElimina
  90. alla fine quel maiale di sabella e le sue scempiaggini sono arrivati in finale. la germania, obiettivamente, è un'altra cosa, ma una partita secca fa bomba libera tutti in quanto tale

    RispondiElimina
  91. VAMOS ARGENTINA, CARAJO! ARGENTINA! ARGENTINA! ARGENTINA!!!!

    RispondiElimina
  92. nell'argentina, difesa a parte, degno di nota solo perez, davvero sontuoso - sebbene i cronisti RAI l'abbiano definito "un giocatore di fatica, nulla più.." [niente di nuovo, comunque]

    RispondiElimina
  93. E ora in finale Sabella blindi bene l'Argentina, bisogna evitare a tutti i costi la goleada tedesca e il disonore. Con un po' di fortuna perdiamo di misura, e salviamo la faccia.

    RispondiElimina
  94. Mascherano grande. Uno dei pochissimi che ha giocato questa semifinale sul serio.

    RispondiElimina
  95. Comunque Colonnello, Higuain buono in manovra e poponesco in zona gol, ma un immenso Mascherano, a chiudere tutto, reggere difesa e centrocampo, aprire il gioco, avanzare...Il recupero su Robben poi è stato uno dei gesti più straordinari del Mondiale. Partita bloccata dalla paura, credo che la goleada di ieri abbia un po' influito, shockando un po' tutti. Su Messi aspetto la finale per parlare, non può, non deve essere quello di stasera.

    RispondiElimina
  96. Meglio così. Tanto alla SNAI di via Cairoli non chiederò nulla nemmeno domani mattina, averla azzeccata per l'ennesima volta dopo una tale ignominia non vuol dir nulla, non reca merito. Meglio però che abbia vinto l'Argentina e triste ghigno pensando che, per fatuo odio alla Spagna, fu salutato il fango olandese come nuovo verbo, come rivincita del calcio con la maiuscola... L'Argentina ha così modo di farsi dar lezioni di fantasia e di classe da coloro che da sempre sono disegnati e designati come gli sterminatori dei sogni (ma il Romanticismo, dov'è nato? Giorgio Federico Filippo di Hardenberg, come ti calunniano!). Le due grandi sudamericane mai così in basso. E' l'Argentina di Rojo e con ciò ho recitato il destino di una nazione che reinventò il calcio fuor d'Inghilterra e adesso cerca d'ucciderlo di buona lena, dopo che ha fallito di farlo il Brasile di Scolari: sarà un'altra sonata memorabile, ce la gusteremo. La faccia l'Argentina l'ha già persa, Deyna, non può dare bis più convincente. E cerchiamo di non scomodare più Diego, quando si parla di Messi: sono ragazzate buone per eterni portatori di pannolino alla Louison, le Journal des Femmes. E la finale non cambierà e non cambierebbe nulla, Deyna: Diego per due Mondiali si è portato due nazionali poco migliori della presente e ugualmente speculatrici sulle spalle. E al suo ultimo Mondiale stava facendo ancora cose e' pazzi, se non lo fregava la tossicodipendenza. Pendelluft, ho sùbito segnalato l'errore della sostituzione di Perez, errore che al fin della licenza stava per costar caro (Robben, come nel 2010, sfava il match-point allo scadere del tempo regolamentare). No, Higuain cessoso in tutto, Deyna, non parlarmi di una partita che non è mai esistita. Buono soltanto Perez. Mascherano supremo, in quanto boscaiolo: ma non è colpa sua se si è ritrovato fra colleghi e se, nella specialità, era indubbiamente il migliore.

    RispondiElimina
  97. mascherano è come se stasera fosse diventato enorme

    RispondiElimina
  98. L'Argentina del '90 non era per nulla migliore di questa, è la più brutta che io abbia mai visto ad un Mondiale. Peccato che El D10S arrivò in cattive condizioni all'evento, "limitandosi" a guidare il gioco e mandare in gol i compagni. Con lui in forma decente, non ci sarebbero stati fischi né arbitraggio a tenere, avrebbero fatto ugualmente il bis dell'86. Messi: parlavo del suo Mondiale, non ho mai detto che potesse superare o affiancare Maradona, Lui era di un altro pianeta.

    RispondiElimina
  99. nemmeno io, se la fa sempre sotto nei momenti che contano

    RispondiElimina
  100. Diego poteva postarlo qua il suo pensiero. Qua che sapevamo da tempo.

    RispondiElimina