.

.

martedì 11 dicembre 2012

Via Viviano non è una nuova via

Mettere pressione a Viviano è produttivo quanto lo stabilimento della Lucchini a Piombino, anche se abbiamo potuto verificare bene quanto sia lui quello più piombato di tutti, ma il problema oggi dopo le dimissioni di Monti passa di competenza al governo Montella, visto che sarà lui a decidere se introdurre o meno gli ammortizzatori sociali chiamati Neto, per fare di Viviano eventualmente un pensioNeto come lo si può trovare nell’area barese invece che nell’area di rigore. Un complesso di misure che consenta ad un’azienda in crisi come quella fiesolana che ha appaltato i servizi di portierato da Boruc, di poter riorganizzare non tanto la linea produttiva quanto almeno la linea di porta. Ammortizzatori come quelli di una vecchia Saltafoss che servirebbero a Viviano per tornare ad essere più reattivo, o quantomeno rimbalzante su stesso invece che impantanato nelle pastoie burrocratiche come è diventata ormai la sua presa. Strumenti che potrebbero essere la mobilità per esempio, che di fatto compenserebbero la sua proverbiale immobilità, poi dovranno essere bravi in famiglia a fargli cambiare uno dei suoi idoli più deleteri che è Ciro Immobile, sapendo oltretutto che Nuciari ha già provato e riprovato a spolverarlo tutto prima della partita con il panno antistatico che usava per i trentatre giri. Quindi se Montella decide che si va avanti con lui va sostenuto e basta, sostenuto nel senso metaforico perché già si muove poco di suo, non vorrei che qualcuno dall’indole della crocerossina pensasse di doverlo sorreggere fisicamente andando di fatto a limitarlo ulteriormente. Quindi cerchiamo di sdrammatizzare e di vivere questa insostenibile pesantezza dell’essere portiere con l’ironia tipica del pezzo di merda sanfredianino, e in questa direzione vorrei consigliare ai tifosi di pensare positivo quando per esempio il fiesolano allarga le gambe e la palla gli passa di sotto, perché come da foto di copertina il divaricamento non sempre viene colto in maniera così negativa come succede quando a farlo è lui, è quindi solo questione d’interpretare in maniera meno schematica certe situazioni evitando di essere prevenuti e pervertiti nell’atteggiamento che rasenta il masochismo di pensiero. Anche Sarti ci si è messo, prima dichiarandosi vicino al giocatore quando invece il giocatore più vicino è Vecino, poi giudicando Viviano scarso anche nelle uscite in sala stampa ritenendo inopportuna qualsiasi assunzione di colpa da parte di un portiere, di fatto Sarti rilancia il tema un po’ bigotto e poco godereccio che i panni sporchi si lavano in famiglia, mentre come provo a dimostrare nella seconda foto così come ho già fatto nella prima, non è sempre vero quello che si è abituati a ritenere giusto perché diventato ormai consuetudine, e come si può ben vedere, e che bel vedere, è bene che i panni sporchi si lavino invece nelle lavanderie a gettone, magari proprio in quelle con ampie vetrate che danno sulla strada, perché sono in grado di dimostrare che il momento più bello è addirittura quando si rimane in mutande, cosa alla quale si è invece sempre voluto dare solo un significato negativo.

59 commenti:

  1. Il sito-madre (nel senso di astronave-madre di Visitors) pubblica statistiche che non lasciano dubbi. La Fiorentina a Roma ha subito brutalmente ed è stata sempre costretta ad inseguire. Dovendo inseguire attaccava, ma si esponeva a ripartenze micidiali. Una partita da dimenticare. Con Viviano si andrà avanti ancora perché così vuole la logica credo almeno fino a gennaio quando l'usque tandem potrebbe portare alla destituzione. Credo che un paio di errori siano sufficienti a questo punto.

    RispondiElimina
  2. Rileggilo meglio quel pezzo che citi, Ludwigzaller, scrive l'esatto opposto di quello che dici: "novanta minuti dell'Olimpico hanno regalato una partita intensa e spettacolare, ricca di gol ed occasioni" (esattamente le parole che ho usato prima io, che sia un plagio? eh eh eh), poi di attacchi della Roma più efficaci e di attacchi della Fiorentina meno efficaci: "Tutto sommato il reparto offensivo viola i suoi due gol li ha fatti e, se Viviano e la difesa avessero retto meglio, sarebbero anche potuti bastare: 10 tiri totali, 8 in porta (precisione dunque superiore per i viola che però non hanno trasformato in rete le occasioni avute). Pericolosità che si ferma al 58%, appena 5 corner ed una percentuale di sfondamento in area di rigore che si attesta al 40,3%, un dato assai basso per gli standard viola."(Anche questo l'ho scritto prima io, che si tratti di un altro plagio? eh eh eh) ed addirittura, di "maggior possesso palla della Fiorentina" ( questo non l'avrei detto neppure io, si veda che non sono abbastanza aziendalista come quelli di fiorentina.it, ahahahahah!) che però non ha prodotto "supremazia" a causa del calo dei "passaggi riusciti", il che li porta a confermare che, con l'eccezione di Valero ,sono stati gli interpreti viola messi in campo non all'altezza dei soliti standard, esattamente quello che ho sostenuto per tutta la giornata di ieri, che mi abbiano copiato anche qui gli statistici di fiorentina.it ?Eh eh eh.

    RispondiElimina
  3. Parlando dell'oggi e del domani invece, vorrei che qualcuno mi spigasse il permanente ostracismo nei confronti di El Hamdaoui, una punta coi fiocchi e controfiocchi, che ha dimostrato nei pochi minuti in cui è stato impiegato di essere un fuoriclasse ed esattamente quello di cui abbiamo bisogno in attacco, e non mi venite fuori con la storia che Montella non lo vedrebbe come prima punta,  perchè Montella al fianco  di Jovetic quest'anno ha schierato più volte Ljajic, cos'è Adem una prima punta? Ma per piacere!  Non si parlava in casa viola di attacco manovrato stile Barcellona?  In questo caso El Ham è fatto apposta. Se contro il Siena Montella mi presenta di nuovo Toni da primo minuto, mi incazzo.

    RispondiElimina
  4. Intanto sabato sera Viviano è rimasto con la foglia di fico a coprire le vergogne di un portiere di Serie A,e meno male non giocava neanche Figo.Alla fine della giostra la signorina della lavanderia la fiha mi sa che non la mostra,mentre Viviano ci mostra le sue vergogne.Possiamo anche preparare uno striscione incitando alla "Sostieni Pereira,magari non prende pere" ma il bonus rischia di andare in scadenza,il bond del riscatto rischia di avere uno spread altissimo,per la gioia di BarryBonds e consociati.Umanamente tutto l'affetto ma un silente Neto,un professionale Neto ora meriterebbe di mostrare i progressi che ha compiuto,oppure l'impunita della casta lirica la estendiamo anche ai calciatori e magari Viviano va in prescrizione per i reati di Roma?Eh eh eh eh....a Boruc a volte han fatto il culo come una formaggiera per delle cappellate(tipo uscite alla Uomo Ragno,mezzo contratto e con movimenti da portiere da pallamano)ma almeno tentava di superare la legge di Newton,Viviano sembra abbia i piombi da sub.Il novello paraclito,assuntore di pena pubblica davanti ai microfoni ha più che sostegno,ha più che credito ma ora vorremmo lui lo riscuotesse,ricordando ai tennici(uh uh uh)che le parate,anche difficili,sono la routine per un portiere,le papere no;le parate che "valgono come un gol" sono pochissime,accentuate solo da speaker sudamericanizzati che per un volo plastico all'incrocio parlano di miracolo,mentre per un portiere è la quasi-normalità.A me il turo alpiccione con nostri calciatori non piace ma quando ce vò...ce vò!Contro la Juve Stabia Neto è stato perfetto,impercettibilmente in ritardo su una uscita ma mobile,ecco:mobile.Napoli,Atalanta,Roma(anche il primo del Toro):Viviano è piantato sui gol,e i suoi 4 mq sono incustoditi.Oggi,oggi sono improponibili 7,5 milioni di euro per il riscatto,a quel punto se devi operare in simpatia richiami Iemmello(4a punta)o Piccinni(3o terzino di destra).Magari,mi auguro Viviano mi smentisca ma oggi è l'anello debole,più di alcuni atleti in mezzo al campo...un portiere così obbliga all'apprensione tutta la squadra e sulla traversa e gol annullato alla Roma era un'altra mezza papera,con lui a fare il pastorello immobile nel presepe viola dell'area piccola.Non va giubilato,ma va ragionato,molto sul suo impiego poiché se becca gol "strano"(non papera)domenica,la situazione diventa ancor più ingestibile,anche perché il N.1 avrà l'occhio di bue su di lui....

    RispondiElimina
  5. Non avendo strali da gettare su Interlocutori di peso,il GAT mi dardeggia stamane.....uh uh uh uh uh

    RispondiElimina
  6. Chiari, quando c'era Jojo non c'era El Ham, o almeno non in condizioni da fare 90 minuti. Viviano confermato per Siena, come danno tutte le fonti giornalistiche. Nella seconda foto, Pollock, io sono all'interno della lavatrice, come dovresti sapere.

    RispondiElimina
  7. Fuoriclasse El Ham non direi, Chiari. Ha colpi (estemporanei) da grande giocatore ed è pure un ottimo finalizzatore. Montella ha sino ad ora dimostrato di preferirgli il palo non solo per una questione legata alla condizione fisica di quest'ultimo (evidentemente migliore di quella del marocchino, anche se sembra incredibile), ma anche per il tipo di lavoro che evidentemente pretende da un attaccante. Il fatto che io trovi la scelta insensata sarà probabilmente dovuto alla mia assurda prevenzione nei confronti del palo.

    RispondiElimina
  8. Certo Colonnello, ma io sto dicendo un'altra cosa: ora sono entrambi disponibili ( Jo Jo -El Ham),  Montella ha utilizzato più volte Adem (non certo una prima punta) al fianco di Jovetic, perchè no El Ham? Non ha ancora i 90 minuti? Anche in questo caso, perchè non metterlo subito fino a che ne ha, e poi, semmai, l'armadio? 

    RispondiElimina
  9. Caro Sopra, l'ora mattutina dello Schreber mi sorprende, di solito sta smaltendo le pozioni notturne. Comunque è una comica: il massimo ingiuriatore del sito insieme al Multinick che ti accusa di aver poco riguardo, l'annunciatore di rivelazioni sconquassanti (da due anni a questa parte) che annuncia che non le avrà oppure non le potrà rivelare... Questo ha merda sfusa sotto volta cranica. Intanto scoppia la grana Pizarro: per ragioni private deve tornare in Cile a giugno e così lasciarci per sempre. Centrocampo da reinventare, ruolo scoperto, Vecino è un interno, Aquilani non è vero play, come pur vorrebbero adattarlo per la bisogna.

    RispondiElimina
  10. Oggettivamente, Chiari, se torna Jojo preferirei accoppiarlo a Seferovic che è vero centrale, ma presto ne sapremo di più delle intenzioni di Montella. Ad ogni modo le dichiarazioni di ieri di Mencucci fanno capire che Jojo rientrerà dal primo minuto solo in Coppa Italia. Lo stesso Mencucci, in quell'intervista, chiude la porta a un mercato di gennaio di movimento.

    RispondiElimina
  11. Eppure non cessano le voci, Van Wolfswinkel per l'attacco, grazie alle difficoltà finanziarie dello Sporting, e tre sostituti possibili per Pizarro: Cigarini (per la gioia di Yo el supremo), che sarebbe come rimpiazzare Chaplin o Keaton con Alvaro Vitali, Banega o Zuculini che non c'entrano un cazzo poiché sono due ralfiani e occorrerebbe reimpostare il Wunderteam per le loro caratteristiche.

    RispondiElimina
  12.  Africa chiama Tocca passo e chiudo



    Chari,io
    da lontano mi sono fatto l'idea che quando Ljajic era disponibile,El
    Ham era molto lontano da una condizione fisica accettabile.Potendolo
    vedere solo dalla TV,le inquadrature dopo uno scatto,mostravano che
    respirava a bocca aperta,nonostante magari fosse subentrato da poco.

    Non
    mi chiedere a cosa e'dovuto questo ritardo,che lo trovo
    incomprensibile.Ora invece lo vedo molto meglio e una sua presenza dal
    primo minuto mi sembrerebbe azzeccata,ma con Jove formerebbero due
    seconde punte,quindi e'molto piu'probabile che dal primo minuti metta
    Toni.Va anche detto che Ljajic assicura molta piu'corsa e pressing del
    marocchino,e Montella giustamente chiede questo ai suoi attaccanti.Il
    quale Toni,pur pessimo sabato,e'molto piu'logico contro il Siena,che a
    Roma.La'tatticamente non era possibile potesse far qualcosa di buono
    perche'la manovra era troppo veloce e tecnica per lui,in piu'da solo con
    accanto,per modo di dire,Cuadrado che tendeva naturalmente a
    arretrare.Per quanto pessimo,come rilevato,non lo vedo cosi'male
    domenica,considerando che il Siena si arrocchera' dietro e vedremo molti
    cross.Solo se non sfondiamo nel primo tempo credo che Montella
    mettera'il marocchino,che,bada bene,a me piace e credo che si sia visto
    ancora ben poco di quello che e'capace,ma questa e'anche una grave
    responsabilita',siamo a fine anno!Viviano:pochi fronzoli,se Montella non
    lo mette in panca ora dopo l'apice delle cappelle romane,quando mai lo
    mettera?Mica sara' pure lui discepolo di quel professore illuminato che
    risolve un problema,(tale Viviano e',purtroppo)negando l'esistenza dello
    stesso?Certo che da Parma arrivano dritte geniali,peccato solo che
    abbia sorvolato nel merito dopo che gli abbiamo,Deyna ed io,rammentato
    le bestialita'delle giustificazioni date alla Shoah...

    Lele

    P.S.
    Tocca se mi leggi,sai che ero come te fautore di secchi,cisterne
    d'acqua sul focolaio Viviano,ma Roma ha dimostrato senza ombra di dubbio
    carenze tecniche che nulla hanno a che vedere con la condizione,e con
    l'impatto psicologico.Vorrei conoscere la tua posizione attuale in
    proposito.

    RispondiElimina
  13. Ottimismo della Volontà di Chiari: per dimostrare che la Fiorentina a Roma non ha subito dimentica di citare i dati relativi a tiri, goal ed angoli della Roma, che sono da incubo. Per fortuna la partita l'hanno vista tutti. El Ham poi è un fuoriclasse. Notevole ottimismo si ravvisa anche nella convinzione che l'espressione "partita ricca di goal ed occasione" gli sia stata copiata, quasi si trattasse di un hapax. 

    RispondiElimina
  14. E Viviano, ripensandoci, è meglio rischiarlo col Siena: se smerda di nuovo abbiamo più margini per compensare in partita che con la Roma. Poi, forti della nuova e definitiva smerdata, via con Neto in Coppa Italia e se fa buona partita non si toglie più la maglia di titolare.

    RispondiElimina
  15. Lele, ma la Thea von Harbou delle monnezze aveva scritto «direttore», mi sembra, non «professore»... Dico così, per il dettaglio (macabro: ormai, i suoi parchi interventi sembrano mirare, per tono, contenuti e aura, alla jettatura più smobilitante).

    RispondiElimina
  16. Sono si un merdaiolo che si diverte a fare il bischero, ma vorrei anche precisare che per me il portiere titolare è Viviano, e non lo è più solo se lo dice Montella.

    RispondiElimina
  17. Per me almeno due dei tre gol che El Ham ha fatto , nei pochi minuti in cui ha giocato, sono da autentico fuoriclasse, Antoine. Poi, certo,  si tratta del grado di selettività che adotti per definire la categoria. Quanto a Seferovic, Colonnello, visto come sta crescendo di partita in partita, mi andrebbe benissimo anche lui dal primo minuto piuttosto che il palo, e tanto  mi basterebbe, anche se El Ham ad oggi, mi entusiasma di più e lo ritengo in grad, in una Fiorentina, anche in attacco, stile Barcelllona,  di completarsi alla meraviglia con Jo Jo . 

    RispondiElimina
  18. Infatti il sottoscritto avrebbe utilizzato, come come scrissi qui prima della partita,  Aquilani esattamente al posto di Pizarro già sabato scorso a Roma.

    RispondiElimina
  19. Direzione AfricaEra
    direttore(di che???)vero,Colonnello,ma sono io che ho spostato a
    Professore,visto che il teorema era  una sorta di infusione di
    insegnamento didattico,involontariamente ilare.Lasciando da parte pur
    malvolentieri l'odiosa tesi sulla Shoah,la tizia la ricordo per
    riferimenti  tendenziosi e razzisti contro i neri,(figlio del Negus a
    Salifu)e non perde occasione di sbeffeggiare il presidente ADV.In
    pratica non ha nulla che la rende simpatica.
    Lele
     
     

    RispondiElimina
  20. Ludwig, la Roma ha fatto il doppio dei tiri verso la porta ma gli stessi della Fiorentina nello specchio della porta, calci d'angolo 9 a 5 per la Roma,  dati che non determinano, tanto più con un maggior possesso palla della Fiorentina,  quel dominio schiacciante da incubo che vuoi far credere. Quanto al fatto che la Roma abbia giocato meglio, abbia non solo segnato più gol ma avuto anche più occasioni e quindi meritato di vincere esattamente così come alla fine ha vinto,  l'ho scritto più volte, quindi non c'è da parte mia alcun ottimismo della volontà, anzi c'è molto pessimismo della ragione se Montella presenterà ancora la sciagurata formazione del primo tempo.

    RispondiElimina
  21. Il Marocco è in AfricaChari,solitamente
    sei molto attento a come si muove la squadra.Montella ha sempre
    preferito Ljiajc a El Ham,perche'in pratica fa 2 km in
    piu'dell'altro,pressa e si propone,e con lui si gioca in 11.Non
    e'questione di prima o seconda punta.Se e quando il maroc fara'anche il
    lavoro sporco,allora lo mettera'spesso,perche'nessuno gli nega le
    capacita'tecniche e le migliori doti realizzative,per primo
    l'allenatore,ma per giocare si deve fare il culo a pressare i
    difensori,come fa pure Toni.
    Lele
     

    RispondiElimina
  22. Quanto  al plagio, ipotizzato con tanto di ironica risata di accompagnamento scritta da parte mia, credo che tutti abbiano capito che si trattava di una battuta. Tutti meno Ludwigzaller, eh eh eh.

    RispondiElimina
  23. Lele, non trascurerei le ripetute apostrofi di «zingaro» a Mutu. Salifu, peraltro, si sta facendo onore, a Catania, come scrivevo ieri: non ne azzecca una nemmen per sbaglio.

    RispondiElimina
  24. Lele, io posso capire i motivi tecnici, e legati alla condizione fisica, che portarono ad inizio campionato Montella a preferire Ljajic a El Ham. Non mi spiego perchè ora  gli preferisca, DAL PRIMO MINUTO, Toni, perchè secondo me El Ham sa fare tutto quello che fa il Toni di oggi, ed anche molto di più. Questo Toni secondo me, Lele, messo dal primo minuto, è un giocatore regalato,significa, per noi, giocare il 10, contro chiunque.

    RispondiElimina
  25. Sbaglierò Colonnello, ma la notizia su Pizarro che per la morte della sorella deve andar via a fine campionato, mi sembra una bufala, si spiega semmai la titubanza che il Pek ebbe, l'estate scorsa, a rimanere in Italia con la giovane sorella molto malata in patria. 

    RispondiElimina
  26. TOCCA L'ALBICOCCA11 dicembre 2012 11:37

    Lele,il problema è capire se questa scarsa mancanza di reattività palesata a Roma,ma anche di posizionamento specie sui traversoni bassi nell'area piccola,sia frutto di un problema di testa piuttosto che fisico.
    Nel primo caso deve giocare,altrimenti si perde ancora di più.
    Ci fosse invece anche una componente fisica allora la "medicina" di Jordan,ovvero
    "l'infortunio diplomatico",sarebbe più utile per recuperare.
    Le bischerate Viviano le avrebbe commesse comunque,certo che quando partimmo a fare i pompieri io,Lele,il Chiari ecc. ancora non le aveva fatte.
    L'ambiente influisce,influiva in positivo su Prandelli,in negativo su Mihajlovic,Delio Rossi o
    Montolivo.In quale percentuale abbia influito il bubare classico fiorentino su Viviano non sono in grado di quantificarlo,ma credo di non sbagliare dicendo che se non ce lo fossimo evitato sarebbe stato meglio...

    RispondiElimina
  27. L'olandese sarebbe una bella boccia: 23 anni, alto ma con piedi gentili e inzaghesco nell'andar via sul centimetro dell'off-side, media di quasi il 50% di realizzazioni per partite giocate, già in orbita di Nazionale. Costa un deca, a gennaio ti chiedono sempre di più ma se è vero che lo Sporting se la passa male può succedere anche l'inverso. Che però vogliano meno di quanto hanno speso (credo 7,5) mi parrebbe difficile. Chiudiamo a 8 e battiamo cinque con la controparte, via!

    RispondiElimina
  28. Quattro giornate a Olivera: non che non le meriti, per quel che ha fatto, ma formalmente c'era un referto arbitrale e una sanzione (il giallo) era stata comminata. Se c'è stato errore tecnico riconosciuto la partita va ripetuta. Insomma, il solito doppiopesismo: ricordo il nulla di fatto, da prova televisiva, per Chiellini per un fallo sicuramente non visto dall'arbitro, quello. Cesari, il geniale e non prezzolato negatore in campo del gol di Bierhoff dentro di un metro e mezzo, si era sgolato in tivù per la sedia elettrica più la camera a gas per Olivera, in compenso aveva lodato l'arbitraggio di Fiorentina-Samp (forse il più scandaloso di quelli che ci hanno afflitti in questa stagione). Ah, dimenticavo, un mio pensierino per i mandanti: Juve merda, Juve merda!!!!! 

    RispondiElimina
  29. Che dire di un punto di penalizzazione al Napoli? A me pare troppo, forse sarebbe stato congruo mezzo punto.

    RispondiElimina
  30. Vero Colonnello, se il regolamento è rimasto quello che ricordo io la squalifica di Olivera è insensata, poichè infrange il regolamento stesso. Benchè moralmente sia meritata (ma per nulla equa, perchè quando la prova TV pizzica gli strisciati o i Totti a dare pugni o sputi in faccia, comminano al massimo 3 giornate, quando le comminano), la società deve assolutamente fare ricorso e denunciare pubblicamente questo uso arbitrario e discrezionale della prova TV, perchè oggi la disciplinare approfitta di un giocatore di cui ce ne frega il giusto per crearsi un precedente, da riapplicare in futuro ad altri giocatori di cui invece ce ne frega (e a punire Olivera ci pensi la società).

    RispondiElimina
  31. Spero proprio non sia vera la notizia dell'addio del Pek a fine campionato, o perlomeno che abbia modo di ripensarci. Nel caso, Canteros. Cigarini come titolare e sostituto di Pizarro è totalmente inadeguato, ma Banega non è un Ralfiano [Zuculini sì]: sa entrare duro e recuperare palloni, seppure ancora con non troppa continuità, ma è più un piccolotto molto tecnico, che sa far girare la squadra, e all'occorrenza giocare anche un po' più avanzato. Prima dell'infortunio [stupidissimo] stava giocando molto bene nel Valencia, è da vedere come ha ripreso...

    RispondiElimina
  32. Mah, insomma, per me Banega così tanto tecnico non è, rispetto a Pizarro si perde il 30% di fraseggio, con lui, anche se è vero che Zuculini è più arf-arf.

    RispondiElimina
  33. Sostegno africano


    Chari,Toni
    a Roma ha resentato il minimo possibile,ma in quasi tutte le trasferte
    ha fatto poco,per ovvie ragioni.Pur non stravedendo per lui,va detto che
    il suo lo ha gia'ampiamente fatto,e'andato oltre a quello che quasi
    tutti si pensava.Personalmente lo vedo in campo solo un tempo,in casa ed
    in particolari situazioni,quale esempio puo'essere affronatare un Siena
    molto chiuso fin da subito,ma in trasferta mai se non se c'e'da
    recuperare.

    Pero'non
    va dimenticato che gli allenatori guardano alle scelte con parametri
    ovviamente diversi,tipo il pressing che lui garantisce,i rinvii di testa
    sui corner avversari che sono elementi poco spettacolari,ma utili alla
    causa e molto apprezzati  da chi allena.Queste cose il maroc non le ha
    mai fatte.

    Comunque
    lo vedo in alternativa Seferovic.Tocca,ciao,volevo la tua analisi che
    mi da'spunto di riflessione:solo Montella a dialogo con lo stesso
    Viviano avra'il termometro della situazione,anche se scinderei senza
    dubbi le ipotesi di insicurezza psicologica nel posizionamento o,esempio
    per un rinvio sbagliato quando il cervello ha il tempo di
    riflessione,ma quando si deve alzare le braccia d'istinto o non farsi
    piegare la mano da un tiro parabile credo sia fatto tecnico.In pratica
    e'un bel casino,ora,(io,es non so valutare quale sia la scelta
    migliore,magari un poco piu'spostato per metterlo in panca)ogni scelta
    puo'risultare fatale se non va nella giusta direzione e l'unica cosa che
    un tifoso puo'fare e'dare sostegno a chiunque (qualsiasi,come diceva un
    mio compagno di Prato...)vada in porta,come suggerisce il padrone di
    casa.Meno male che abbiamo il Siena,che non credo fara'tiro a
    bersaglio,eh eh.

    Lele
     

    RispondiElimina
  34. Aggiungerei, Lele, che il sostegno a un giocatore viola in campo va dato anche se era tifoso della Juve, se è bravo professionista e fa quanto deve per la Viola. L'area protetta per Viviano non fu valida per Boruc, grande portiere fischiato perché successore di quel popone di Frey, che da quattro anni imbarca gol a cazzo a tutta randa e che non ha mai imparato a uscire, l'area protetta non valeva per Cerci, su cui si inventavano fole e di cui si insultava la fidanzata per strada e si teorizzava (come fece, memorabilmente, montolivetta troiazza virtuale su cloaca) il bueggiamento allo stadio, l'area protetta non era valida per Salifu offeso, come anche Lele ricorda qua sotto, da dei deficienti con motivazioni razziste, dall'area protetta era escluso Casarsa perché aveva i capelli lunghi, all'ultimo anno in viola Picchio perché era romanista, e vai col liscio. Viviano ha saputo gestire la sua carriera con grande abilità, in rapporto ai suoi scarsi mezzi: mollato da tutte le società che lo hanno avuto, che se lo sono rimpallato come una patata bollente, ha innalzato il vessillo viola come se, criticando lui, si criticasse la sacralità della Fiorentina. Se Montella gli darà fiducia massimo sostegno allo stadio, ma se pensate che se io veda indegnità come quelle di Roma poi non fiati state lustri: l'assistenza psicologica fatta venir meno a Casarsa o a Boruc, e anzi convertita in persecuzione, col cazzo che la assumo per lui ammonticchiando scusanti di pastafrolla (a uno, figurarsi, cui si è perdonato tutto e il suo contrario, perché c'ha la tessera, come il procuratore-tifoso, sai, quello che convocava i capitifosi coglioni, gli stessi che si mobilitano adesso per il Tifoso in Campo, per indottrinarli contro la Società!) per evidenti poponate tecniche.

    RispondiElimina
  35. Mencucci ha dichiarato che la zona Mercafir sarebbe ok. Sbaglio o è la prima volta che un'uomo dei DV fa una dichiarazione così impegnativa sull'ubicazione del progetto?

    RispondiElimina
  36. Vai Chiari festeggiamo!! Apri una bottiglia di colatura di alici e mentre ne butti giù una bicchierata per valutane la qualità io chiamo Krug.

    RispondiElimina
  37. Te la do io la colatura di alici, poeta, poi ti spiego anche dove (te)la devi mettere.Eh eh eh. 

    RispondiElimina
  38. Tocca, ma quale bubare? se tutte le volte che entra in campo si rivolge alla curva per ricevere l'applauso ed il coro e non gli manca mai? ma a chi succede degli altri? Se uno che fa il portierte non regge le critiche da web è bene che vada a fare il portiere al Baglioni! Quando partiste a fare i pompieri non aveva ancora fatto bischerate? ma se cominciò facendo due cappelle ridicole nell'amichevole con in greci per raggiungere il comico col Galatasaray! Non era cominciato il campionato ed aveva già sciorinato il repertorio! E poi se fosse andato bene perché avreste fatto i pompieri? Non raccontiamoci bubbole. Se para male è perché ha grossi limiti tecnici (e si sapeva), fisici (e si sospettava), ma se fosse vero ciò che dici, cioè che risente delle critiche di una parte (e non certo quella più rumorosa) i limiti sarebbero anche psicologici. Un portiere cagasotto è l’ultima cosa si cui abbiamo bisogno. Quanto rimpiango Boruc!

    RispondiElimina
  39. Il fallo di Glick su Giaccherini,allora?Li c'è tentativo di gambizzare il gobbo.....Olivera parte con dinamiche diverse,da causa ed effetto diverse e non c'è neanche un impatto da spezza-gambe.4 giornate non le davano a Montero che dava pugni in corsa....Il nostro peso specifico a Palazzo è sempre Zero.Se sono coerenti sospendono 6(sei!) arbitri che hanno visto il nulla.Con quei falli Behrami,Ambrosini,Mexes hanno costruito "carriere parallele".Il paradosso è che sul sitone gongolano di questa squalifica.Che gente....

    RispondiElimina
  40. Quanto a Krug, ottima idea. Si stappa?

    RispondiElimina
  41. No caro Chiari, El Ham non sa fare quasi niente di quello che fa Toni, nemmeno quello di oggi, ed è vero anche il contrario. Son due giocatori completamente diversi ed in certe occasioni serve l'uno, in altre l'altro.

    RispondiElimina
  42. Hanno anche fatto un topic gli agit-prop di Viviano con tanto di filmato di Roma-Fiorentina di Coppa Italia per dimostrare che anche Neto fa le cappelle e con un testo denigratorio del giovane portiere brasiliano. Sono da rinchiudere alla neuro-deliri. Ma Neto è della Fiorentina o ancora dell'Atletico Paranaense? Quanto a Olivera avete sentito radioblu? il cronista che non mi ricordo chi fosse, ma era uno dei ragazzini del Guetta, pretendeva che Olivera fosse venduto stasera, punito, frustato sulla pubblica piazza. Ora, bischero è stato, ma più bischero che cattivo. Ha un po' indugiato nel pestone che però a mio parere, è successo per caso, non è stato cercato. Cretino, ripeto, ma non delinquente, 

    RispondiElimina
  43. Vedi, Jordan, per me Olivera sarebbe da curare con metodi pre-basagliani, ma la squalifica è, con tutta evidenza, un monstrum formale e quel che mi sbalordisce è che la prima reazione di tanti tifosi (sì, va be'...) su cloaca, Multinick/Multilocke in testa, il quale si è moltiplicato per l'occasione come ai bei tempi, è stata: "Bene, così ce lo togliamo dalle palle!", mentre occorreva appuntarsi soltanto sull'iniquità formale della sentenza e sulla sua juventinità vistosa, perché il valore del calciaore non c'entra un cazzo nel frangente, anche se non tifa viola e non va in pizzeria con gli ultras, lui... In quanto a Viviano: bada che sono stato insofferente quando qualcuno, dopo Torino, lo processava per una prestazione complessivamente sufficiente e per un gol, il secondo, dove la sua responsabilità era assolutamente minoritaria. Però non mi raccontino per favore che ha cominciato solo ieri le cappelle! E non poi che le ha commesse perché sotto influenza, quella che fuori dal Franchi (dove è sempre osannato dalla Fiesole) gli fa abbassare le braccia per far passare il pallone a gambe impiombate o che gli fa passare un tiro da venticinque metri al centro della porta e nemmeno sotto la traversa! A Napoli se c'è un portiere normale noi iniziamo la stagione in tromba e in grandissima autostima, senza dover recuperare poi affannosamente nei due mesi che seguono, e il Napoli abbassa subito la cresta, invece di ingranare un ciclo che lo ha portato a ridosso della Juve a un certo punto. Da dettagli come questi un campionato prende una piega, come da certi torti arbitrali nei momenti topici. Questo, per una squadra che fa del gioco-gioco la sua forza, è tanto importante quanto una punta da venti gol, che comunque i nostri avanti si distribuiranno fra loro fino a maggio.

    RispondiElimina
  44. Oro sudafricanoParole
    come  oro colato,Colonnello.Conosco benissimo il carattere dei
    ghanesi,sta'certo che Salifu esprimera'il 100% delle sue
    possibilita',loro sono ossacci.
    Pollock,gia'scambiasti il Re dei Vini Petrùs con l'amaro,se ti vedo bere Krug con le alici chiamo ma polizia.
     
    LeleRisposta:Quando si dice oro colato si intende il Chiari che centillina la colatura di alici come fosse oro di colatura.
     

    RispondiElimina
  45. La colatura la producono in Campania, Lele, io adoro direttamente le acciughe, in qualsiasi modo e soprattutto sotto sale. Noi liguri siamo più semplici e "materiali".La colatura la trovo  frustrante, un po' come la crema di tartufo bianco.

    RispondiElimina
  46. L'alleanza col Catania (ci penso per via di Salifu) deve continuare, nel reciproco tornaconto: una realtà provinciale vivace, dove si lavora bene, un ambiente sano e di buon calcio, valorizzante, degli interlocutori affidabili. Udine da noi ha solo puppato ed è sponda esosa e infida: fu errore di Corvino mantenere un partenariato in perdita come quello. E poi ci sarebbe da riconquistare Empoli, da tanto tempo perduta alla causa, e da lavorare anche su altre toscane un tempo amiche (Livorno su tutte). Tutto quel che lasci, nel mondo del calcio, va ai gobbi: riparta dunque l'antica diplomazia fiorentina, sia pure con guida adesso romana e denaro marchigiano.

    RispondiElimina
  47. Jordan, senti questa, dice (testualmente) che «non è né la prima né l’ultima volta che faccio una figuraccia». A parte la veridicità assoluta e incontestabile di tale affermazione, tu te ne senti rassicurato? Cazzo, Giulianissimo gliel'ha detto ieri che un vero portiere non conosce mea culpa, e lui persevera e ci promette roba simile per il futuro e magari nuova cenere sul capo in quel caso... Te l'ho detto, questo viene da Sirio oppure da Orione, terrestre non è.

    RispondiElimina
  48. GAT è fuggito di nuovo,spara a salve fortunatamente.Non lo fila più nessuno.Solo io?

    RispondiElimina
  49. Sopra, a me personalmente, dopo un'assenza di parecchi mesi interrottasi la scorsa primavera, è tornato il senso nausea nel postare sul sito monossidato, le fave che ci scrivono insensatezze anti-viola sono veramente troppe.
    Prendo in esempio il fatto all'ordine del giorno oggi, la squalifica di Olivera: gran parte di quelle fave, pur di dar contro a lui, appoggiano un provvedimento disciplinare che, valore del giocatore a parte, è una discriminazione talebana prima di tutto nei confronti della società, e crea un precedente che oggi è toccato al mediocre uruguagio, ma domani potrebbe replicarsi su qualcuno di più fondamentale, che so, un Pizarro ad esempio.
    Troppo complicato per le loro facoltà mentali. E per me troppo faticoso e deprimente star dietro a tutte quelle fave.

    RispondiElimina
  50. E' quanto avevo sotto scritto, Vita.

    RispondiElimina
  51. Sopra, fammi il piacere di non rispondere, è un pazzo e una testa di in rima con. Tra te e lui ci sono cento verste da attraversare in slitta sotto una tempesta di neve. Le sue repliche sono peraltro sempre e solo insulti, in fondo lo Schreber il meglio lo dà sempre nel primo post, e questo è tragico a dirsi se consideri la miseria intellettuale e morale che ne traspira. Dice di essersi cambiato soltanto i polsini: e allora che bisogno c'era di far tanto melodramma? Signori prendo congedo, signori me ne vado, signori mi avete disgustato, signori sono troppo superiore.... Ed è sempre lì, sfigato come non mai, sgamato a pernacchie al primo tentativo di riapparire in disguise.

    RispondiElimina
  52. L'ho già detto ma un portiere, il ruolo più delicato della squadra, l'utlimo baluardo, che ritiene normale lo sbagliare è l'antitesi di quello che dovrebbe essere. Un portiere deve, e ripeto deve, essere sbruffone, se non verso l'esterno che quello è questione di carattere, verso se stesso. Non deve avere dubbi, lui è il più forte del mondo e nessuno gli fa goal. Un trullallà che chiede scusa, che dice che ho sbagliato  e risbaglierò deve andare a fare il portiere al Baglioni se vuol farlo a Firenze.

    RispondiElimina
  53. Colonnello sì ti avevo letto, era solo un'integrazione al tuo concetto.
    Leggo ora il commento dove il GAT dice del cambio di polsini... e che avrà mai cambiato? Si sarà tolto i gemelli... anzi, le gemelle montolivette

    RispondiElimina
  54. 11/12/2012 18:13:26 
    "Lorenzo, Fi
    Ringrazia i boccaloni (e disfattisti) come Deyna78, e i suoi 2-3 compari della RibogghitaBlog, che ti stanno facendo le pulci fin da Luglio, già prima di cominciare."
    Riguardo Viviano. Capito? I disfattisti siamo noi, mo!

    RispondiElimina
  55. E' il Multinick, il tutunciomane, caro Deyna, aveva appena letto la sua chiamata in causa qui da parte mia e, per una volta, non è riuscito a contenersi: è infatti la sua prima allusione al sitollock, ciò di cui lo ringraziamo, perché di solito ogni cenno a questo luogo web straganzo viene censurata. Altra pubblicità gratuita, altri Krug in arrivo, come ogni volta che dorfini e pseudosenesi (ci leggono ma non ci frequentano... ahahahahahahahahahah!) schiattano e non riescono a esimersi dal citarci.

    RispondiElimina
  56. Ah. Comunque mi sono nuovamente imbattuto nell'articolo che dà Pizarro di ritorno in Cile a giugno, ed ho potuto tirare un gran sospiro di sollievo: mi sono accorto che la fonte è Tuttosport.

    RispondiElimina
  57. Ti avevo suggerito di non postillare lo Schreber, o Sopra, ma è vero che se tu non l'avessi fatto sarebbe andata perduta per sempre quella battuta sullo Speakers' Corner, che è una lapide tombale per Yo el supremo: peccato che non sia venuta in mente a me, come mi dico spesso quando leggo i post del sitollock, a partire dal pezzo pollockiano albotino. Jojo fin dal primo minuto contro il Siena, Ljajic già pronto per la Coppa Italia, si riparla con insistenza di Bergessio, che però in vita sua ha segnato come deve un attaccante solo nel San Lorenzo, onde se devo spendere come per l'olandese (= 8 sacchi) non avrei dubbi, idea rombo (e conseguente 4-4-2) per il Siena al fine di evitare l'abbinata mediocrità Cassani+Pasqual che concentrerebbe il pressing avversario sui Magici Tre, ancora mistero sulle decisioni di Montella intorno a chi poponerà fra i legni. Buona notte a modo mio.

    RispondiElimina