.

.

sabato 15 dicembre 2012

Il piatto piange

I Greci del periodo arcaico ritenevano che la Terra fosse piatta, come del resto anche la passione Viola di certi tifosi in Borgo dei Greci prima dell’avvento di una concezione più sferica del calcio, piovuta sulla città grazie allo staff di Montella composto da Pitagora, Aristotele per quanto riguarda le prove osservative, oltre a Gianni Vio capace di dimostrare che i saltatori della difesa che staccano verso il cielo dell’area avversaria riescono a vedere un incremento della sfera che ruzzola dentro la rete in confronto a chi invece rimane piantato per terra. La credenza di una terra piatta si trova nei più antichi concetti di calcio dell’umanità, cito Mazzone oppure anche Ciro Ferrara fino ai mesopotamici del catenaccio come Nereo Rocco, un calcio pensato solo come agli antipodi della modernità. Ma grazie a Montella Firenze ha conosciuto finalmente il calcio sferico, quello scoperto dall’astronomo Guardiola che aveva disegnato il gioco del Barcellona mettendolo al centro dell’universo calcistico, una modernità che di fatto ha reso di dimensioni insignificanti le altre filosofie di gioco rispetto al cosmo blaugrana. E oggi che abbiamo finalmente conosciuto la verità della bellezza sferica di questo nuovo calcio, avanzano le teorie degli oppositori che prima alzano il pelo di fronte a tale e tanta modernità, e subito dopo innalzano il concetto della diga a centrocampo, del medianaccio, dell’incontrista randellatore senza il quale non riconoscono nessuna visione di calcio, non esiste partita insomma senza la figura rassicurante tipica del distruttore di gioco, perché viene considerata squilibrata e illusoria una visione che preveda invece un cerchio infernale di centrocampo con i vari Pizarro, Aquilani e Borja Valero, solo farneticazioni tattiche, non riconoscendo  ammissibili fasi di gioco come il pressing alto o la squadra troppo alta, ma solo quel tipo di calcio che era stato pensato nell’Alto Medioevo. Noi non ci stiamo a questo ritorno al gioco disadorno, non vogliamo sentire nessun spiffero di ripensamento, non si torna più indietro perché ormai sappiamo che possiamo girare intorno all’avversario con una manovra avvolgente e meravigliosamente rotonda, che possiamo circumnavigare la classifica attraverso questa filosofia di gioco ricurvo, infischiandosene di qualche smagliatura come quella di Roma, perché siamo convinti che il calcio non è piatto anche se ci sono gli oppositori dell’ultim’ora che dopo la sconfitta dell’Olimpico sostengono che non esiste nessuna curvatura terrestre, una visione miope che poggia le sue convinzioni su studi fatti dentro a stadi attraverso figure di maniscalchi che randellano calci come Donadel o simili. Noi domani contro il Siena vogliamo rivedere la Fiorentina barcellocentrica di Montella senza se e senza ma, senza nessun ripensamento tattico, anzi se possibile vorremmo addirittura rilanciare rendendo sempre più tecnica la nostra squadra aggiungendo allo staff di Montella anche un ufficio tecnico, lasciando ad altri la visione di un calcio tatticamente pensato su una tavola da stiro, e per sostenere questa nostra conquista estetica abbiamo preparato il manifesto del movimento che divulga questa nostra filosofia di gioco, con un semplice slogan “ Il mondo non è più piatto”.

125 commenti:

  1. Partita campagna di rafforzamento o campagna di marketing?Allora per sitollockiani potremmo preparare lo slogan "Tetto&Tette,tutto per la casa viola e gli abitanti della casa viola!",oppure "Sogno o son desto?No...sei morto!Se pensi alla dismissione".Molto chiaro che Gianni Vio apre nuove vie,meno piacevoli per i puristi della pelota,pronti ad annotare errori su un foglio,dimenticando Scoglio,precursore di un calcio che oggi usa il cursore del pc per programmare un futuro radioso,senza radio ma con più tv.Scoglio che "inventò" 16 gol su palle inattive,quelle che hanno i rabdomanti del Viagra,quelli che guardavano il calcio del padre di Sinagra,quelli che attendono la punta immaginando una Sindone che non comporti però crack alla Sindona,quelli passati da Galileo Galilei a Galileo Galli,prima a tratti caustico ora a tratti cauto,ora a tratti cauterizzatore di troppi entusiasmi nella nuova turris eburnea di Mediaset.Il giovin Vincenzo Montella emula a Firenze la Scuola di Richnau,come simil frate che tratteggia una nuova concezione del football,come profeta del Sidereus Nuncius che rivoluziona le stantie teorie del calcio,con le paratie messe da un santo,che si faceva vanto,pur dovendo dare tanto ad un signore che pubblicando un libro venderà più copie di alcuni altri della carta stampata,uno in particolare che infesta il sitone anche nel giorno di festa,che a tratti esce fuori di testa e che quando sconfitto ed indietreggiante vede i burroni,se ne esce con Gasbarroni.

    RispondiElimina
  2. Lasciando un momento il dialogo sui massimi sistemi  che avete introodotto e venendo più al dettaglio, Montella in conferenza (qui si va al filo diretto, non più ai "si dice") ha confermato i problemi fisici di Viviano e l'incertezza sullo schierarlo o meno, parlando anche di problemi psicologici. Mi è sembrato un po' incazzatino, anche se è sempre molto diplomatico. A questo problema all'anca credo ci creda quanto me e deve esser venuto fuori a seguito dei primi colloqui col portiere dopo Roma, quando Viviano ha capito che c'era il rischio, davvero, anche di un turno di riposo. Se il problema fisico ci fosse davvero o se fosse stata una via d'uscita concordata non c'era alcun bisogno di far riferimento a problemi psicologici. Insomma a me sembra chiaramente una strizzata di palle. "o la smetti con le seghe mentali o vai in panca".

    RispondiElimina
  3. Jordan, sembra molto chiaro anche a me. Colonnello, mi chiedesti di Carrizo, ti lascio un parere ben più autorevole, anche se datato: quello del leggendario "Pato" Ubaldo Matildo Fillol.

    http://sololalazio.blog.tiscali.it/2008/07/09/

    RispondiElimina
  4. Leggandario perchè ti ha parato un rigore? Carrizo in realtà è stato un po' sfortunato, prima fermato da problemi burocratici a lungo, poi a Catania, proprio con Montella, sembrava aver sfondato, ora è di nuovo nell'ombra. Magari se Neto verrà mandato a giocare, come mi sembra indispensabile a meno di improbabili stravolgimenti di gerarchie, potrebbe essere una soluzione. Andare avanti con Viviano-Lupatelli vorrebbe dire volersi male davvero.
     

    RispondiElimina
  5. I dubbi di questa settimana, la confessione in stile autodafé, l'ammissione non richiesta degli errori sembrano suggerire che Viviano viva una crisi psicologica. I grandi portieri del passato hanno detto la loro. Sarti lo ha incolpato dei goal incassati a Roma, altri come Zoff lo hanno assolto. Tutti i grandi portieri però sono stati d'accordo nel dire che Viviano doveva evitare le autocritiche. Ora vien fuori che vorrebbe prendersi un turno di riposo e non credo dipenda da Montella, immagino sia una decisione del giocatore e del clan. Siamo chiaramente in presenza di una crisi di identità che preoccupa forse di più di una crisi tecnica.

    RispondiElimina
  6. Non lo so di chi è la decisione, di sicuro Montella mi è sembrato un po' indispettito e, a parte le impressioni, il fatto che abbia fatto cenno a problemi psicofisici, un accenno non necessario se si fosse trattato solo di dubbi per la situazione fisica vera o presunta, mi sembra confermi che non è tutto liscio come l'olio. Non credo però sia come dici tu, perchè, in caso di presa di posizione decisa del giocatore o dello staff per saltare un turno, Montella ne avrebbe preso atto, credo. Penso invece che si titubi, che si tentenni, che si porti avanti la scusa del dolorino all'anca. Non è uscito il report ufficiale dello staff medico, ad esempio, che esce usualmente tutte le settimane. Perchè? perchè non ci sono stati ad inventarsi ufficialmente una bubbola? l'accenno al problema psicofisico mi sa proprio di voglia di mettere il giocatore con le spalle al muro. Se non giochi è perchè lo dico io.

    RispondiElimina
  7. Viviano non gioca per non esporlo al pubblico ludibrio,se commette errore.Normalmente un allenatore consiglia di piazzare la palla all'angolino,metterla all'incrocio...ora con Viviano odinano di tirare addosso al portiere....eh eh eh.

    RispondiElimina
  8. La storia del dolorino all'anca può anche essere un mettere le mani avanti nel caso giochi, ed incappi in una nuova papera, ha la scusa [poco credibile, ok] pronta. La mia paura è che, facendo giocare un Neto lontano dai campi da una vita e col fucile puntato addosso, si rischi di bruciare due portieri al posto di uno. Fillol non ti piaceva, Jordan? A me stilisticamente non faceva impazzire, ma va detto che era di un'efficacia tremenda. Carrizo l'ho seguito parecchio prima che venisse in italia, era formidabile, poi alla Lazio ha avuto qualche difficoltà. A Catania però mi dicono fosse risorto. Il suo problema è opposto a quello di Viviano, sfoggia troppa sicurezza, a volte oltre il limite della sbruffoneria, quindi periodicamente incappa in papere evitabili. Questo nei momenti neri, però, al River era una garanzia. Mandare Neto al Bologna a gennaio la vedo comunque la soluzione migliore, e Carrizo per sei mesi potrebbe essere una buona idea. Poi se fa bene potrebbe anche essere confermato, perché no, è nel pieno della carriera...

    RispondiElimina
  9. Sono d'accordo con Ludwigzaller, e mi piacerebbe che la stessa crisi di identità e quindi lo stesso dolorino all'anca lo accusasse Toni, eh eh eh.

    RispondiElimina
  10. ,,,certo che se si mette a fare la gambeta in area come faceva spesso in Argentina [e mi pare anche alla Lazio], avrà sulla coscienza 4-5 membri del Sitollock infartuati.

    RispondiElimina
  11. Domanda: secondo voi quanto possiamo contare su Aquilani per il girone di ritorno e per il futuro? Io penso che sarà meglio cercare un quarto centrocampista di qualità in grado di fare il titolare nel centrocampo della Maquina, e considerare il romano un bene prezioso da centellinare...

    RispondiElimina
  12. Per qualcuno Viviano ci è costato 3 -4 punti, per me Toni ci è costato il doppio. Se avesse sempre potuto giocare El Ham al suo posto secondo me avrebbe segnato il doppio dei suoi gol, avremmo giocato il doppio meglio, e avremmo fatto 6-8 punti in più.

    RispondiElimina
  13. Deyna, penso che l'acquisto di Vecino sia dovuto proprio al fatto che Aquilani non garntisce piu' di 25 partite l'anno. Ricordiamo comunque che abbiamo anche Mati.

    RispondiElimina
  14. Deyna, se non ho capito male questa che indichi tu è la priorità che si sta dando la società, a partire dal mercato di gennaio.

    RispondiElimina
  15. Chiari, a me Toni non è mai piaciuto, nemmeno al suo apice [però ovviamente era manna dal cielo, con i gol che segnava], figurati oggi...Però devo ammettere che sta facendo il suo, in alcune situazioni è ancora utile e sfruttabile, ha segnato 4 gol più uno regolare annullato, ha colto un palo, fatto sponde, e così via. In certe partite casalinghe è ancora la soluzione migliore [o la meno peggio, più propriamente], anche perché El Ham dall'inizio fino ad ora ha deluso. Non essendo nemmen lui al massimo della forma, il marocchino lo vedo meglio ad entrare nei secondi tempi, almeno per ora. Se Seferovic conferma i progressi, però, potrebbe essere provato dall'inizio. Però son tutte coperte corte, il centravanti ci vuole, e lo dico dall'estate...

    RispondiElimina
  16. Non lo so Chiari, però se davvero vogliono investire oltre 7 milioni per Granero, più Vecino come backup da far crescere con calma, evidentemente tante certezze su Aquilani non le hanno...

    RispondiElimina
  17. Hai ragione, Deyna,  Toni sta facendo il suo, cioè quello che può fare un giocatore ormai al tramonto-quasi notte, e che ci azzecca poco o niente col gioco barcellonesco, il punto è che, secondo me,  al suo posto El Ham avrebbe fatto il doppio, ed è tutto da dimostrare che El Ham finora abbia deluso.Quella dei secondi tempi più adatti ad El Ham me la devi spiegare meglio, i primi sarebbero più adatti a Toni? Ma per piacere! Io Toni lo vedo buono al massimo per gli ultimi 15-30  minuti, ma solo se la situazione è davvero disperata, e se vuoi ti spiego il perchè.

    RispondiElimina
  18. Sopra, le tette attualmente fanno pericolosa paronomasia con Totti, spero che da domani non ci penseremo più (a Totti, ça va sans dire). Viviano ci è finora costato meno del temibile, Chiari, perché il Wunderteam ha saputo spesso rimediare, mentre su El Ham sei un po' ottimista sul passato e sottovaluti un po' l'apporto fornito in una terna di partite almeno da Toni, ora di nuovo ingronchito. Domani, su campo inzuppato, per me Jojo+ Seferovic la coppia più complementare ed efficace. Jordan, Fillol è stato leggendario perché è stato un grande portiere, con Banks e Sarti il più grande per senso puro del piazzamento fra quelli che ho visto (in estensione non era certo formidabile e nemmeno saliva molto alto in uscita, sembrando talora più basso di quel che era, ma posizione, occhio e fulminea intelligenza delle dinamiche compensavano). Carrizo arriverebbe per un pugno di fave (= il Multinick, lo Pseudosenese, la Montolivetta, California, Paolone) e se Neto non dimostrasse nelle tre partite che restano fino a Natale (perché mi sembra che le parole di Montella, che Jordan correttamente interpreta, vadano nel senso di Neto titolare) è, da prendersi, il portiere direttamente sul mercato migliore e più a buon mercato, malgrado Fillol. Vecino e, ormai, Mijailovic dovrebbero contentare Lud, in cerca di soddisfazioni giovanili («Voglio un amore giovane!» sbottò la Milo su un «Oggi» da me letto dal barbiere al tempo delle sue cirate: non trovò masochisti all'altezza, devo credere): non penso che a centrocampo Pradè svuoti cassa per certi nomi imponenti che circolano e che magari, in funzione propizarrica, potrebbero diventare più che nomi a giugno.

    RispondiElimina
  19. Viviano è in ambasce, ma credo non sappia nemmeno lui cosa fare, e cosa sia meglio per lui fare, se ricaricarsi in panchina rischiando però di cedere il posto al numero due che potrebbe anche non cederlo più, oppure prendere il toro per le corna e giocare. È possibile che il piccolo infortunio pesi. Montella sta alla finestra e lo lascia libero, ma credo che se si palesassero ulteriori dubbi potrebbe anche decidere di farlo fuori per motivi psicologici, e non tecnici in senso stretto, un po' come sta facendo Strramaccioni con Sneijder.

    RispondiElimina
  20. Allora Chiari [ma guarda se proprio a me deve toccare di difender Toni!]: partite casalinghe con squadre inferiori, chiuse con undici uomini dietro la palla. El Hamdaoui per ora non ha gamba per lottare con giocatori freschi e per dare continuità all'azione, così quella che sulla carta è una migliore adattabilità al modulo di gioco barcellonesco non la può sfruttare. Rimangono i suoi colpi isolati, ma non è certo che li trovi, così praticamente giochiamo quasi in dieci. Toni almeno ha i movimenti e la stazza del centravanti vero, contro difese arroccate, e va sfruttato dall'inizio [o negli assalti finali in partite da recuperare, come mi stai per dire], anche per i colpi di testa. El Ham inoltre mi pare un corpo avulso alla manovra, deve imparare ad inserirsi nel meccanismo, ancora. Mi pare che la possibilità di giocare, segnare, ed acquisire fiducia e considerazione nei secondi tempi non sia una prospettiva malvagia. Claro che sulla carta preferirei anch'io lui a Toni, ma certe situazioni di campo per ora dicono altro...

    RispondiElimina
  21. Secondo me, Deyna,  un paio di riserve simil-titolari a centrocampo sono la cosa più necessaria subito, poi un'attaccante già buono per giocare titolare ,ma anche disposto a giocarsi il posto,  visto che El Ham ha la Coppa d'Africa, e poi un forte tornante a sinistra.

    RispondiElimina
  22. Su El Ham  non sono ottimista al buio, Colonnello,  vedo quel tantissimo che ha fatto nei pochi minuti in cui ha giocato. Per me, Deyna,  giochiamo in dieci quando scende in campo Toni, ultimi minuti a parte.

    RispondiElimina
  23. Gente, Vecino si è accomiatato dal suo pubblico (anche il commentatore televisivo sudamericano dà per scontato il suo approdo in Italia) con un gol, in pieno recupero, che non ha dell'umano (si veda Fiorentinanews, freschissimo video). Solo provare quel tiro, non dico azzeccarlo, denuncia il campione in erba: sono estasiato. Viviano è uscito anticipatamente dall'allenamento, ulteriore conferma che domani non dovrebbe affondare di nuovo la nostra corazzata. Credere che Montella potesse digerire le cappelle mostruose di Roma, come invece credevano le possenti teste di cazzo le quali su cloaca avevano l'impudenza di difendere lo spalancaporta insultando chi aveva semplicemente gli occhi per vedere, significava capir ancor meno degli uomini che di calcio. E ora che dicono, 'ste fave? Zitte, eh? A partire dal Multilocke di questo gran paio di coglioni. E vi raccomando «Il 70% dei tifosi vuol continuare con Viviano» e tutte le menate dei giornalisti falliti del cazzo che per un accesso riservato, che per un amicone sempre disponibile, che per una fonte in spogliatoio sarebbero capaci di mandare la sorella a battere alle Cascine! A cagher! Si torna ad avere un portiere, scemi!

    RispondiElimina
  24. Geniale la giravolta di Vecino, da vecchio centravanti anni '70, ma stavolta fiorentinanews arriva in colpevole ritardo...Mijailovic è tignosissimo in mezzo al campo, sempre duro e concentrato, ha un ottimo senso della posizione e dello sviluppo del gioco, ma leggo commenti forse un po' troppo ottimistici sulla sua fase propositiva...

    RispondiElimina
  25. Ma Ljajic è già in grado di giocare?

    RispondiElimina
  26. Ma Lampredotto, che aveva cominciato a scrivere qui con altro nick prima dell'estate, non si vede più? E i timidi ma bravi, come il Gonfia e gli ultimi arrivati, mi lasciano qua a discutere con uno spilorcio, un malagodiano, un apolide e un monaco dell'ordine dei prandelliani scalzi? Lele inghiottito dallo Zambesi, il sanfredianino a far compere nel traffico fiorentino impazzito, Anto stiticamente laconico, il Sopra oracolare d'introibo poi a lungo digerente, Vitalogy anemizzato... AntoineRouge, vieni almeno tu! Senti: ieri sera ho rivisto «The Dead Zone». Immane capolavoro, in fondo il top di Cronenberg. Certo quando hai fatto un'opera così a quarant'anni, dopo non puoi che declinare: per David avvenne solo a partire da «Crash», a metà dei Novanta, dopo di che ci ha regalato lacerti di grandezza ma non più un film intero di puro abbaglio (lo so che non sei d'accordo).

    RispondiElimina
  27. Dalle parole di Montella sembrerebbe anche a me che domani tocchi a Neto, e che non ci sia solo l'anca come motivo. E se da una parte i due anni in panchina avranno minato la sicurezza del brasiliano, dall'altra parte il pensiero dell'eredità raccolta (tutt'altro che pesante nell'ultimo periodo), potrebbe "egoisticamente" dargli la tranquillità di colui che in una certa situazione può solo guadagnarci.
    Colonnello, ho visto ora l'ultima prodezza di Vecino, meravigliosa. Però mi sto chiedendo: quella giravolta prima del tiro l'ha fatta per disorientare l'avversario, o per non calciare di sinistro? Comunque nulla da dire sulla spettacolarità e sull'efficacia.  

    RispondiElimina
  28. Meno male, Vita, che sei tornato! Ero rimasto preso fra que' quattro piri e un sapeo più ndove batte la testa!

    RispondiElimina
  29. Eh Colonnello sono reduce da una settimana in cui non ho avuto tempo nemmen di cahare...
    Riguardando il video di Vecino mi sembra sempre più che abbia volutamente evitato di usare il sinistro, spettacolarità della giocata a parte.
    L'ultimo film che ho visto di Cronenberg fu "La promessa dell'assassino" (al cinema, se non ricordo male proprio la sera di Natale del 2007) e mi garbò dimòrto!

    RispondiElimina
  30. Uno che aveva davvero capito tutto:





    «Chi crede (o spera) che Neto possa prendere il posto di Viviano sbaglia di grosso. Viviano è, resta e sarà il portiere della Fiorentina. Montella non ha mai pensato di dare qualche turno di riposo al suo giocatore e di mettere tra i pali il brasiliano Neto. E' una ipotesi che non esiste, non è mai stata presa in considerazione e non sarebbe logica. L'allenatore ha deciso saggiamente di dare fiducia al suo portiere anche dopo i due errori di Roma e i colloqui per tranquillizzare Viviano sono iniziati da subito nello spogliatoio dell'Olimpico. Ci saremmo meravigliati del contrario, Montella ha giocato troppi anni al calcio per non sapere di certi meccanismi anche psicologici che devono ispirare le scelte e i comportamenti all'interno di un gruppo».

    RispondiElimina
  31. Sull'ottimo Violanews una statistica interessante circa i giocatori col maggior minutaggio nelle prime sedici partite:




    «VIVIANO 1.512 BORJA VALERO 1.475 RODRIGUEZ 1.384 RONCAGLIA 1.295 PASQUAL 1.295 CUADRADO 1.280 PIZARRO 1.134 JOVETIC 1.005 TOMOVIC 949 LJAJIC 754 FERNANDEZ 653».



    Borja ha tirato troppo la carretta, Pasqual ha giocato troppo per quel che vale, Jojo più di quel che potesse sembrare con tutti i suoi stop fisici.

    RispondiElimina
  32. Questo, se non mi sbaglio, è l'intenditore Bucchioni, se non è lui ha scritto le stesse cose tre o quattro giorni fa. Gli devono aver chiuso i rubinetti informativi o ha recitato a soggetto e visto che non capisce nemmeno a chiamarlo....

    RispondiElimina
  33. Risposta esatta, Jordan! 

    RispondiElimina
  34. Sono d'accordo, Vecino ha inventato quella giravolta per evitare l'azzardo col sinistro...Ma finché gli riescono di questi colpi, per me può tirare anche di tacco da fuori area! Su La zona morta condivido solo in parte, gran film, ma in seguito ha fatto di meglio, con Inseparabili e Crash [Videodrome mi pare precedente o contemporaneo]. Magari Antoine mette ai vertici anche M. Butterfly, non so. Sugli ultimi, ti dò ragione...

    RispondiElimina
  35. Stramaccioni fa fuori Snejder per ordini superiori, non ci pigliamo per il culo. Lì è un problema di guaìni. Non molto corretto se non fosse il fatto che chi guadagna sei milioni netti non mi induce certo a compassione. Con Viviano il discorso è diverso, se lo mette in panca è perchè pensa che non sia in condizioni di giocare o, almeno, Neto gli dà più affidamento. I motivi psicologici sono anche tecnici, perchè se uno gioca male e ti fa perdere, che lo faccia perchè non sa o perchè ha la testa in ipoteca conta poco.

    RispondiElimina
  36. Non mi convincete, sul gol di Vecino: lui va per il sinistro ma non schiva l'onere (ho appena visto su youtube dei gol suoi con quel piede di assoluta qualità), semplicemente si ritrova (e capisce di ritrovarsi) troppo avanti dopo il rimbalzo e quindi costretto a un tiro mezzo girato col corpo all'indietro, se vuole colpirla col mancino, quindi finge uscita e gira sùbito fulmineamente con l'altro piede. M'intereserebbe sapere cosa ne pensa anche Jordan.

    RispondiElimina
  37. Devo dire però che non ho ancora visto Cosmopolis, anzi me lo scarico e poi ti so dire...

    RispondiElimina
  38. Allora vuol dire che Montella è un pirla. Penso che tu sia lontano mille miglia dalla realtà e che da entrambi sia stato preso quasi il massimo che potevano dare. 

    RispondiElimina
  39. Io spero tanto, perchè da quello dipenderà dove arriveremo. Con un Aquilani al massimo abbiamo paura di pochi, con un Aquilani titubante e fragile...diventiamo più terreni.

    RispondiElimina
  40. Riuscite a scaricare gratis film da internet? Beata gioventù! Trombaste anche, c'avreste tutto per voi!

    RispondiElimina
  41. Macchè gioventù, pensa che Chiari sono anni che non mette più piede in un cinema o in una videoteca! Ahahahah

    RispondiElimina
  42. No, no ho fatto solo una battuta. Aveva dei difetti, soprattutto nelle uscite alte, ma era un ottimo portiere. I portieri mi piacciono più sbruffoni che cagasotto, anche per questo mi piaceva Boruc che non aveva paura nemmeno del diavolo. Fece quella cazzata con la Roma e continuò come se l'avesse fatta un altro. Questo qui ha bisogno dell'aiuto psicologico, ma vaffanc....vai. Anch'io per Neto ho un po' paura, son due anni che non gioca e deve rischiare tutto in due-tre partite, però anche lui ha ventitre anni! Fuori le palle e pochi discorsi. Poi andrà probabilmente altrove perchè non credo che ViviUnodiloro verrà comunque messo in panchina fisso, bisognerebbe che piovessero i cassettoni, ed allora ben venga Carrizo.

    RispondiElimina
  43. Agli anglofoni consiglio Letmewatchthis libreria immensa e babelica di film in streaming. Non si scaricano ma si vedono come le partite schiacciando un pulsante e dribblando la pubblicità. Chissà perché ho anch'io l'impressione che internet e trombare siano in antitesi, nonostante o forse proprio a causa della quantità di sesso che si trova in rete.

    RispondiElimina
  44. Eh eh eh, caro Jordan , proprio lì ti aspettavo, e ci sei caduto come una pera matura. Montella lo chiami in causa quando fa comodo a te, salvo criticarlo a tutto spiano perchè ha continuato ad impiegare Viviano. Montella sarebbe il verbo che non si può discutere quando mette Toni e sarebbe un pirla,secondo il tuo metro, quando mette Viviano? Coerenza please.

    RispondiElimina
  45. Grazie Lud, è free? Quanto al resto, la rete, specie anni fa con le varie chat, era proprio quello che suggerisce il nome: stava al sordido ragno tessere la tela e avvolgere le prede nella sua "camicia di forza" dialettica, per poi consumare, una volta messe in lista d'attesa nel congelatore.

    RispondiElimina
  46. Non dico infatti che evita di usare il sinistro perché mero piede d'appoggio per lui, Colonnello, bensì che non azzarda un tiro più difficoltoso anche per i motivi da te espressi, per provare invece una più "agevole" girata col destro. Fermo restando che è una soluzione ad alta difficoltà balistica pure quella...

    RispondiElimina
  47. Ci hai quasi azzeccato, Deyna,ma tu sai che non sono quelli gli unici modi per vedere ottimi films, infatti mi sono appena visto Melancholia di Lars Von Trier con una stupenda, da tutti i punti di vista,Kirsten Dunst,in un plasma di 42 pollici, stereo ed HD, seduto in poltrona anatomica e con un perfetto silenzio attorno. Una figataaa!

    RispondiElimina
  48. Ahahahah, Chiari, manca giusto Adriana Lima inginocchiata davanti nel confessionale hi tech, e hai descritto il sabato del villaggio perfetto.

    RispondiElimina
  49. Dire poi come fai tu, Jordan,  che Montella avrebbe preso quasi il massimo da El Ham mi sembra veramente grossa. Penso che lontano mille miglia dalla realtà ci sia invece tu, caro mio.

    RispondiElimina
  50. a scaricare e ci riesce, gli è co' i' caricare che s'ha de' probremi

    RispondiElimina
  51. Chiari non posso essere in disaccordo con chi ha amato Melancholia. E' un film speciale, non adatto a tutti, e ritengo coloro i quali è piaciuto miei fratelli in spirito. Letmewatchthis serve a vedere non già un film che puoi trovare in qualsiasi noleggio o negozio di dvd, ma film particolari o perchè molto vecchi o perchè sono circolati poco o nulla in Italia, o anche film famosi se ti va. Insomma: c'è di tutto, credo 70 mila film. La maggioranza purtroppo (ma non tutti) in inglese talora con i sottotitoli talora senza. Ottima ad esempio la collezione di film giapponesi e coreani. 

    RispondiElimina
  52. Primo, vorrei che tu mi dicessi dove io avrei dato del pirla a Montella perchè schiera Viviano. Ho sempre incolpato, sin dall'inizio e sin da prima che si realizzasse, di questa situazione chi l'ha creata che non è stato certo Montella. Ho detto invece che creta l'icona, era ben difficile andargli contro e che anch'io avrei fatto come Montella, perchè non c'erano, almeno fino a poche domeniche orsono, i presupposti per andare contro il volgo col rischio di bruciare anche il portiere giovane. Non ho nemmeno detto che Montella è il verbo quando fa altre scelte che condivido, come nel caso di Toni, posso solo dire che mi sorprende un poco che chi giustamente lo esalta, lo critichi poi aspramente dicendo che schiera pervicacemente un pensionato che gli ha fatto perdere 6-8 punti invece di quel fenomeno di marocchino. Per me è come dargli del pirla, ma è, ovviamente, una mia deduzione. Da El Ham per me ha preso il massimo sì, di quel che può dare oggi. Appena gli ha chiesto di più ha fatto flop, infatti. Magari se riesce a capire meglio come giocare con gli altri e cresce la sua condizione  fisica potrà dare molto di più. I colpi da grande giocatore li ha, ma non basta.

    RispondiElimina
  53. Se il web sai usarlo bene, non c'è nessuna antitesi col chiavare, anzi, se anzichè una sostituzione alla realtà ne fai un'integrazione, è una miniera infinita di fiha che incrementa esponenzialmente le possibilità, perchè oltre a conoscere quelle che si incontrano nei luoghi reali frequentati nel quotidiano, puoi aggiungerne altre che altrimenti mai incroceresti sulla tua strada. Poi ti permette di imbroccare anche nelle serate in cui resti in casa in pantofole. E facebook è molto meglio delle prime rudimentali chat di 10-15 anni fa, perchè ti permette di vedere subito se hai davanti un tegame. A volte cogli l'occasione per unire l'utero al dilettevole, andando a vedere qualche località non troppo lontana, ma in cui fino a quel momento non ti eri mai deciso ad andarci.
    L'importante è fare anche altre cose: andare a lavorare (o a studiare, per chi è ancora più giovane di me), a far sport, uscire la sera, ecc.

    RispondiElimina
  54. "Unire l'utero al dilettevole" la riciclo da subito.

    RispondiElimina
  55. Jordan ,tu mi hai risposto ,qui sotto, che Montella sarebbe un pirla se avessi ragione io su Toni, allora con la stessa tua logica, che usi però solo quando ti fa comodo, Montella è un pirla se hai ragione tu su Viviano? Capito adesso o mi  devo spiegare meglio? 

    RispondiElimina
  56. Tu hai preso il vizio di LZ di non leggere quello che gli altri scrivono. Tu rimproveri Montella di non far giocare El Ham invece di Toni, anzi dici che così facendo si è perso 6-8 punti, o me lo son sognato? Io non ho mai fatto affermazioni simili su Viviano, cioè non ho mai rimproverato Montella di farlo giocare al posto di Neto, perchè, da come era stata impostata la questione non poteva fare altrimenti. Ti è chiaro, Chiari?

    RispondiElimina
  57. Con quel "di quel che può dare oggi", poi,   che hai messo solo ora, Jordan,  ad attenuare quanto, per me,  di lontanissimo dalla realtà avevi scritto prima, ottieni il solo risultato di rendere la tua constatazione ovvia. Resta il fatto che anche così com'è , cioè non ancora al massimo ( che si può raggiungere solo giocando), El Hamdaoui per me rende il doppio di Toni, da tutti i punti di vista.

    RispondiElimina
  58. Per te, per me e per Montella, visto che fa giocare Toni, no. Oggi, domani chissà, se giocherà El Ham perchè è molto migliorato, e farà tanti gol, bene, sarò solo contento. 
    Riferirsi all'oggi non è un'aggiunta, è un'ovvietà, mentre non così ovvia è la constatazione che si è ottenuto il massimo di quel che può dare, oggi. Siccome ti lamenti che non è stato impiegato di più non dovresti essere d'accordo, ad esempio. 

    RispondiElimina
  59. Eh eh eh, Jordan, ti aspettavo anche qui, ed anche qui ci sei cascato,  e mi sa che non fai che peggiorare la situazione: e perchè Montella non poteva fare altrimenti? Si fa allora condizionare da altri fattori, nel scegliere il portiere titolare, che non siano il fatto che meriti di esserlo? Allora non è solo, come dici tu qui sotto, "come dargli del pirla", ma molto peggio, è come dargli del pagliaccio, che non sa imporre le proprie scelte tecniche, ed accetta altri vincoli. Ahi ahi ahi ahi!

    RispondiElimina
  60. L'aggiunta che hai fatto DOPO non è assolutamente un ovvietà, Jordan,  cambia il significato e rende la tua costatazione la sagra dell'ovvio. 

    RispondiElimina
  61. Ti ripeto, Jordan, anche sull'impiego di Viviano ti si può rispondere nello stesso modo tuo, usando Montella come tu lo usi sull'impiego di Toni.  Di' la tua,  Jordan,  e contesta se vuoi con tue opinioni quelle degli altri. Siamo qui per quello no? Evita per cortesia di usare strumentalmente  Montella nelle nostre discussioni e solo quando fa comodo te.

    RispondiElimina
  62. Constatazione.

    RispondiElimina
  63. Comodo a te.

    RispondiElimina
  64. Sicuramente non è molto elegante chiamarmi in causa quando non c'entro. Quella che non leggo è una leggenda metropolitana, di solito rispondo a tono, anche se a modo mio. Il fatto è che molti non amano riconoscersi in ciò che scrivono come non hanno piacere di guardarsi allo specchio. In merito concordo con Jordan. El Ham mi fece sin dal principio una impressione poco entusiasmante che le altre prestazioni hanno confermato, anche se possiede una buona tecnica e segna bei goal. El Ham è un giovane-vecchio che dimostra più della sua età per lentezza e macchinosità. Toni al contrario un vecchio-giovane cui dobbiamo grande riconoscenza per come gioca quest'anno. Certo deve stare attento al lupo (Wolf) che gli toglierà sicuramente il posto. Ma a proposito di quest'ultimo temo i Danai e le telefonate di Marotta.

    RispondiElimina
  65. Che nel merito, su El Ham e su Toni,  la pensiamo diversamente, Ludwig, è più che legittimo e ce lo eravamo già detto, condivido il fatto che in questo caso sei stato chiamato in causa inelegantemente ed in modo  inappropriato.

    RispondiElimina
  66. Al momento ciò che mi preoccupa è che Wolf possa non arrivare a causa delle solite odiose interferenze. E' giovane, sembra molto valido e perfetto per noi, ma sicuramente se gli parleranno di Milan o Juve si farà attirare dalla piazza. Sbagliando come è accaduto a tanti, perchè a Firenze cresci, a Torino puoi tranquillamente sparire dopo tre partite. Si potrebbero citare decine di esempi. 

    RispondiElimina
  67. Va da sé che se domani, come sembra, giocherà Toni, vorrei che  segnasse almeno una doppietta, nel qual caso avrò poi un'unico rimpianto, che al suo posto El Hamdaoui  ne avrebbe sicuramente segnato almeno quattro, eh eh eh.

    RispondiElimina
  68. Inelegantemente? te l'ho detto più di una volta direttamente a te che hai o sembri avere questa abitudine, ora che un altro sembra far lo stesso ti ho ricordato, non vedo proprio l'ineleganza. Non c'è cosa che mi faccia più incattivire, quando l'altro non capisce o fa finta di non capire, o non legge. Tu credo lo faccia per fretta di rispondere, ma senza malanimo col Chiari invece non ne sono affatto sicuro ed è questa la base dei nostri scazzi. Siccome ne sta cominciando un altro, perchè continua a far finta di non capire e siccome mi sono impegnato ad evitarli, lascio perdere Toni, El Ham, Montella e Viviano tanto cercare di spiegare a chi non vuol capire è mission impossible.

    RispondiElimina
  69. Purtroppo si lasciano guidare da quegli avvoltoi dei procuratori guidati solo dalle percentuali. Fossi un centravanti giovane e bravo a Firenze ci verrei di corsa perchè è una società seria, solvibile, con ottimi programmi e con un gran bisogno nel ruolo. Last but not least è la più bella città del mondo.

    RispondiElimina
  70. Altra cosa: se Ljiajc e Seferovic dovessero andarsene a titolo definitivo non si dovrà dare la colpa a Vincenzo Montella, soprattutto se tra qualche anno si rivelassero, come probabile, due campioni. E' la società che deve rinunciare ai 10-12 milioni di euro che potrebbero derivare dalla cessione definitiva di questi due giocatori e scegliere la comproprietà o meglio ancora il prestito. Il problema è il bilancio come ai tempi di Pazzini e di Osvaldo. Montella può solo far presente ai due che in caso di acquisto di Wolf le loro possibilità di giocare evidentemente si riducono. 

    RispondiElimina
  71. Io non ricordo esempi di miei fraitendimenti Jordan, se me ne ricordi qualcuno te ne sarò grato. Ho invece l'impressione che chi mi critica non voglia ammettere, se glielo faccio notare, che il suo ragionamento ha dei punti deboli. Di qui la scappatoia consistente nell'aggiustare il tiro: non avevo mica detto che la Mazzamauro è brutta, no, io avevo detto che ha un brutto naso, brutti capelli, bocca repellente, ma nell'insieme non è mica brutta. Insomma ci si arrampica parecchio sugli specchi. Comunque attendo la citazione diretta. Con qualche ricerca su internet non dovresti aver problemi a trovare qualche mia affermazione poi rivelatasi non vera.

    RispondiElimina
  72. Sei stato tu a venirmi a cercare malamente, Jordan, dicendo che io, sostenendo la mia opinione su Toni e su El Ham (evidentemente diversa da quella di Montella per mia stessa ammissione! ),  era come se dicessi che Montella è un pirla, e che sono lontanissimo dalla realtà. Io ti ho semplicemente e correttamente rivoltato contro queste tue affermazioni alquanto discutibili, mettendoti in contraddizione con te stesso. E ora te ne vieni fuori con questa risposta, comoda, sfuggente e maldestra, questa volta anche nei miei confronti. Ti sei incartato usando Montella in malo modo e ad ogni replica non fai altro che peggiorare la situazione. Forse, come dici tu, fai bene a lasciar perdere. 

    RispondiElimina
  73. Non vedo la possibilità che Ljajic e Seferovic partano con cessione definitiva, Lud, perché Montella li apprezza. Il problema con Osvaldo e Pazzini (che non rimpiango) non fu il bilancio, fu lo sgradimento di qui' bischero del Santo, come con Balzaretti e con Kuz. Sarà fatta cassa, più normalmente, con Jojo, che tutti sappiamo che partirà a giugno, e ciò basterà e avanzerà. Circa i possibili cambiamenti di percorso di giocatori indirizzati alla Fiorentina: non deve mettere ansia, è nella logica delle cose, io se fossi un giocatore che ha la scelta e la sicurezza di non partire panchinaro andrei alle strisciate e non alla Fiorentina, guadagno di più e vinco di più e di Piazzale Michelangelo, del bell'ambiente e di Montella che fa un gran gioco m'importerebbe il giusto. Alla fine, però, le big non possono comprarli tutti e qualche fiha rimane anche per noi (anzi, fossero tutti come il Moratti pre-Mourinho, sarebbe come con Deyna, che le meglio fihe le lascia d'avanzo agli altri... ahahahahahahahaahahah). Certo, come per le case nei tempi di crisi, c'è chi preferisce tenerle sfitte e in sonno e attendere tempi migliori, e così i procuratori tengono ibernati certi giocatori (facendo così il loro danno), con la speranza di piazzarli meglio l'anno prossimo e intanto la merce si baha e gni sta pure bene a 'sti stronzi (Banega che c'aveva tanta puzza sotto il naso ora non lo vuole più nessuno, ai soffitti alti, parliamoci chiaro, e tanto per fare un esempio).

    RispondiElimina
  74. Il politically correct di Montella permette a lui di essere il magnete di ogni situazione tecnico-tattica,evitando,saggiamente da buon borbonico,impasse sgradevoli.Sulle cessioni dei potenziali crack(Liajic e Seferovic):non credo le avallerà mai,magari prestiti non onerosi si.Sarebbe sciocco ripetesse gli errori del santo,soprattutto qualcuno in società l'avrà avvisato,avrà fatto un ripasso di storia recente;per quel che ha fatto sinora,per quel che si prospetta sarebbe un peccato si ritrovasse in situazioni di mercato "obbligate"....farebbe riemergere il Pino Scotto che è in ognuno di noi.

    RispondiElimina
  75. Via, Lud, che spesso non leggi quel che gli altri scrivono e rispondi comunque, tirando avanti, non puoi negarlo e te lo diciamo in tanti: che sia per la fretta, come sostiene Jordan, lo penso anch'io, ma allora prenditi un po' più di tempo o astieniti, sennò diventa un'eristica sul nulla, su un equivoco di partenza.

    RispondiElimina
  76. Bisognerà vedere cosa vogliono fare i due. Pazzini e Osvaldo volevano giocare, forse erano anche un po' più grandi, non ricordo. Ci sono giocatori orgogliosi che non amano la panchina. Un altro è Neto. Ovviamente Montella, come già Prandelli con Pazzini e Osvaldo, non può garantire loro nulla, perchè se arriva Wolf gli spazi si riducono, si rischia la panchina o la tribuna e a vent'anni, quando sei bravo, è dura. La mia speranza è che questa volta Andrea della Valle ci vada cauto con le cessioni definitive perchè questi giocatori potrebbero tornare molto utili tra qualche anno. 

    RispondiElimina
  77. Cosa ne pensi, Ludwig, della cessione di Nastasic?

    RispondiElimina
  78. Sopra, pensiamo le stesse cose in simultanea, magari ci piacciono le stesse donne ma sono contrario al partouze e, confesso candidamente (quantunque sia diventato ontoso il dirlo), non lo ho mai praticato: magari ho praticato il partouze anticipato o ritardato, imburrando per altri o consumando un'imburrata, ma occhio non vede e cuore non duole.

    RispondiElimina
  79. Trovatemi una affermazione non rivelatasi vera e poi se ne riparla. Cercare su google è facilissimo! Che poi me lo diciate in tanti si spiega facilmente: è noto che su diversi argomenti io la penso in modo diverso rispetto alla maggioranza dei frequentatori di questo blog. 

    RispondiElimina
  80. Ljajic gioca con Montella molto più che Osvaldo con Prandelli, Balzaretti e Kuz non si capiva perché non giocassero, Seferovic non pretende nulla, è un ragazzo molto interessante in formazione, e soprattutto non c'è più il Santo a portar giudizi alla cazzo di cane su giocatori che poi chiama in Nazionale.

    RispondiElimina
  81. Lud, cosa significa «un'affermazione non rivelatasi vera»? Reclami infallibilità? No, non capisco il tuo ultimo post.

    RispondiElimina
  82. Ma sappiamo tutti, Blimp, che si tratta di una situazione temporanea: il mancato arrivo di Berbatov ha costretto Montella a praticare un grande turn-over degli attaccanti disponibili. Si è poi aggiunto l'infortunio di Jovetic. La squadra ha nell'attacco il suo reparto più debole, segna molto ma grazie all'apporto di difensori e centrocampisti, difensori soprattutto. Con l'arrivo di un grosso attaccante gli spazi si ridurranno ancora specialmente per Seferovic. Ljajc potrebbe trovare spazio anche a centrocampo tornando al suo ruolo naturale. Ai tempi di Prandelli la concorrenza era spietata perchè dovevi essere preferito a Gilardino, Mutu e Jovetic. Se i primi due stavano bene non c'era storia, se uno tra Gila e Mutu si faceva male, toccava a Jovetic.

    RispondiElimina
  83. Per niente, Lud: Ljajic con la partenza di Jojo a giugno troverà più spazi e forse la titolarità (e gli infortuni del montenegrino quest'anno gli lasceranno comunque diverse occasioni e avrà tanti subentri in partita in corso), mentre Seferovic farà esperienza utilissima in prestito a una squadra di A. Nessuna cessione definitiva, Prandelli non abita più qui.

    RispondiElimina
  84. Vorrei che mi si citasse un caso in cui ho riassunto male il pensiero altrui.

    RispondiElimina
  85. Ti avevo fatto una domandina su Nastasic, Ludwig, l'hai letta?

    RispondiElimina
  86. Prendi, Lud, tutti i casi in cui noi ti abbiamo detto che lo facevi e sono diversi: Vitalogy teorizzò la cosa con una memorabile scenetta-tipo.

    RispondiElimina
  87. Se me la ricordi forse è più facile, Chiari.

    RispondiElimina
  88. Ancora attendo un esempio concreto!

    RispondiElimina
  89. Semplicissima Ludwig: cosa ne pensi della cessione di Nastasic?

    RispondiElimina
  90. Colonnello, io invece ho visto ieri Domestic Violence di Wiseman. Il solito grande e problematico Wiseman (uno che, tra l'altro, ha dedicato diversi lavori al rapporto umani-non umani, tra cui Primate, Meat, Zoo), e oggi Doppio gioco di Siodmak, film che invecchia bene. Lo sai che non sono d'accordo su Cronenberg (neppure su Death Zone, il quale pur vanta una dolorosa interpretazione di Walken ed un ambiguo pre-finale). Cosmopolis è un gelido capolavoro, Deyna (ma andrebbe visto in sala), parificabile a Crash. Certamente grande è M. Butterfly, ma lo sono anche Spider e Naked Lunch, oltreché ovviamente Dead Ringers. Sopravvalutati A History of Violence (il quale vanta tuttavia un inizio abbagliante) e Eastern Promises (che orribile finale!). Notevoli pure eXistenZ, Brood e Scanners, capolavoro teorico Videodrome (ma in concreto ha troppi difetti), interessante il dittico apocalittico Shivers-Rabid, sottovalutato Crimes of the Future. Restano lo sperimentale Stereo, l'effettistico (troppo) The Fly, il verboso A Dangerou Method. Lo adoro da sempre.

    RispondiElimina
  91. Dimenticavo il cormaniano Fast Company, film leggerissimo se non fosse per qualche dialogo che sembra anticipare i temi di Crash.

    RispondiElimina
  92. AntoineRouge, ora non ricordo il finale di Eastern Promises, lo vidi solo quella volta al cinema 5 anni fa. In ogni caso, prima di sminuirlo, mettiti nei miei panni: mi trovo la sera di Natale del 2007 all'entrata di un multisala con un gruppo di amici e amiche, qualcuno vuole entrare nella sala dove passano il cinepanettone, qualcuno altro vuol vedere Pieraccioni, le ragazze sono quasi tutte per un cartone animato, altri sono disperati... io spingo fortemente per il film di Cronenberg, riesco ad averla vinta, a salvare la mia serata festiva, e ottengo da quasi tutti i ringraziamenti per non aver fatto buttar via loro 7 euro per un film del cazzo. Detto questo, è ovvio che di film che mi piacciono più di quello ne ho visti a centinaia.

    RispondiElimina
  93. Per quanto riguarda la squadra costruita quest'anno ho a lungo perorato la cessione di Berhami, Chiari, che pure era amatissimo dalla piazza. Ho subito espresso il mio entusiasmo per l'arrivo di Rodriguez e Valero. Pizarro mi pareva un po' vecchio, ma mi ha smentito. Di Roncaglia mi preoccupava che si fosse liberato a zero, ma è stato una sorpresa piacevole. Di Cuadrado si sapeva che era bravo ed è arrivato per una cifra di riscatto considerevole. Di Nastasic, che dire? E' stato considerato il miglior giocatore del campionato inglese per il mese di novembre, credo. Dunque la perdita è stata indubbia, ma non ho mai sostenuto che la Fiorentina deve investire e spendere come il Barcellona, ergo ritengo che si sia trattato di una operazione comprensibile se vista nel quadro di una buona campagna acquisti. Se al posto di Valero e Pizarro fossero stati acquistati giocatori come Cerci e Lazzari e poi si fosse ceduto Nastasic avrei considerato complessivamente in modo negativo il mercato. La tua domanda però è troppo criptica e allusiva per poter dare una risposta sensata.

    RispondiElimina
  94. Non è criptica, Ludwig. Anche io penso, come il Colonnello,  che né  Ljajic né Seferovic verranno ceduti definitivamente, e tanto meno  me lo auguro. Detto questo potrebbe capitare, che so per uno dei due,  un grande estimatore che fa un offerta molto alettante che induce la società a cederlo coprendosi poi adeguatamente in quel ruolo. Che differenza ci sarebbe, in questo caso, con quanto è successo con Nastasic?

    RispondiElimina
  95. Se per Seferovic e Ljajic arriva una offerta come quella per Nastasic vuol dire che i due giocatori hanno espresso un rendimento super, oggettivamente superiore a quello espresso fino ad adesso. A quel punto credo che valga la stessa regola che ho appena enunciato: va valutata la campagna nel suo insieme, le entrate e le uscite e la composizione finale della rosa. Facciamo un caso di scuola: Ljajic matura definitivamente e diventa un grande giocatore valutato 20 milioni di euro. La Fiorentina vende Jovetic e poi cede anche Ljajic: in questo caso pollice verso, perchè la squadra risulta depauperata. Se invece decide ad esempio di sacrificare Jovetic per tenere  Ljajic viceversa, allora l'operazione si può valutare. Ma si tratta di un caso di scuola perchè al momento sia Seferovic che Ljajic sono giovani ed hanno bisogno di maturare. Se messi sul mercato potrebbero fruttare come ho scritto circa da 9 a12 milioni di euro, di cui 6-8 potrebbero arrivare dalla cessione di Adem, 3-4 da quella di Seferovic (e forse sono valutazioni ottimistiche). 

    RispondiElimina
  96. Non per metterti in agitazione, Ludwig,  perchè so che lo stimi come lo stimo io, e come me lo vorresti vedere diventare un grande  a Firenze, ma secondo me Ljajic è molto vicino alla quotazione che fecero di Nastasic, tanto più se saprà mettersi ancora di più in luce nel campionato che resta da giocare. No ci resta che fidarci della società a partire dal trio Montella-Pradè-Macià  e del fatto che  che qualunque cosa faranno  sarà, con altissima probabilità,  a vantaggio della Fiorentina.

    RispondiElimina
  97. Forse andava meglio un pareggio, ma anche così il risultato dell'Olimpico è positivo, nel senso che tende ad aumentare il numero dei  posti contendibili per la Champions League. L'Inter non è tutta questa grande cosa.

    RispondiElimina
  98. Come sai stimo molto Ljajic, Chiari e credo anch'io che sia sul punto di esplodere. Speriamo gli siano concesse le giuste occasioni e che trovi la freddezza necessaria a metterla dentro quando gli capita la palla buona.  

    RispondiElimina
  99.  Le citazioni...non me lo ricordo, ma spesso nei nostri dialoghi mi son trovato a dirti: "ma leggi quello che scrivo?" perchè andavi per la tua strada senza considerare il contradditorio. Tutto qui. Magari cose di poca importanza, ma sembrava un modo di fare.

    RispondiElimina
  100.  Io non ho cercato malamente proprio nessuno, ma se uno dice che l'allenatore ha schierato per diverse partite un giocatore che gli ha fatto perdere 6-8 punti invece di schierarne un altro molto migliore, di certo non gli fa un complimento. Tu hai cercato di rivoltarmi contro queste tue affermazioni, ma hai tirato di fuori di un chilometro ed è il tuo far finta di non capirlo che mi fa incazzare. Io non sono in contraddizione proprio per niente, perchè non ho mai detto, per quanto riguarda Viviano e Neto, quello che hai detto tu per Toni ed El Ham, e te ne concedo la più ampia facoltà di prova. Non ho mai detto che se avesse giocato Neto avremmo 6-8 punti in più, anzi ho detto, almeno fino a due-tre partite fa, che avrei agito come Montella che non poteva fare altrimenti. Uno che si trova un portiere voluto dalla proprietà per rilanciare un'operazione di tifo marketing, pompato fino all'assurdo dai media, idolo della Curva, ed ancora nel giro della nazionale perchè in Italia c'è penuria d'anguria e chi li chiama è il santo, prima di metterlo in panca ci deve pensare bene e non male, ed aspettare che si siano convinti che ViviUnodinoi è ViviUnodiloro. Oltre tutto a precipitare le cose rischia di bruciare il giovane e di rimanere con niente in mano. Last but not least, fino a tre partite fa in porta non tiravano mai e ci potevo stare anch'io. Concludendo, la contraddizione esiste solo nella tua mente. Tu hai praticamente detto che non eri d'accordo con Montella, io no, e non mi sembra una differenza da poco

    RispondiElimina
  101. Premesso che non credo proprio che si possano prendere quelle cifre, quindi il discorso bilancio di ridimensiona da solo, se Montella dicesse che non gli servono e ne desse un giudizio negativo, se li vendono e domani si affermano certo che se ne potrebbe chiedere conto a Montella. Se invece dice che, arrivando uno più esperto i loro spazi si ridurrebbero ma facesse presente che, essendo giovani, non se ne priverebbe e la società, invece di mantenerne il controllo li svende, Montella c'entrerebbe poco.

    RispondiElimina
  102. Tu, Jordan,  mi hai cercato malamente,  perchè nessuna mia affermazione significa che Montella sarebbe un pirla,  ed io non sono assolutamente lontanissimo dalla realtà. Ho semplicemente un' opinione diversa, se vuoi contesta quella, come hanno fatto legittimamente ed in modo corretto,  tutti quelli nel blog che non la condividono.Non solo, hai aggiunto in modo alquanto offensivo nei miei confronti,  che non ti leggo, che non voglio capire e che non sei certo che io non abbia malanimo nei tuoi confronti. Hai scritto da inizio campionato cose letteralmente liquidatorie  su Viviano, sulla sua presunta mediocrità e sui suoi presunti gravi limiti,  e  contemporaneamente  hai affermato inequivocabilmente che secondo  te Neto sarebbe  molto più forte di Viviano,  allora io sono autorizzato a dire che per te Montella è un pirla perchè finora ha utilizzato Viviano e non Neto? Andiamo Jordan sei in grande contraddizione nell'uso strumentale, scorretto  e quando e come ti fa comodo di Montella, sei stato maldestro nei miei confronti e non solo  nei miei. Su questo abbiamo discusso, tutte le altre sono divagazioni.
    Qui sotto quanto mi ha scritto Jordan pochi minuti fa, sopra la mia risposta.

    Io non ho cercato malamente proprio nessuno, ma se uno dice che l'allenatore ha schierato per diverse partite un giocatore che gli ha fatto perdere 6-8 punti invece di schierarne un altro molto migliore, di certo non gli fa un complimento. Tu hai cercato di rivoltarmi contro queste tue affermazioni, ma hai tirato di fuori di un chilometro ed è il tuo far finta di non capirlo che mi fa incazzare. Io non sono in contraddizione proprio per niente, perchè non ho mai detto, per quanto riguarda Viviano e Neto, quello che hai detto tu per Toni ed El Ham, e te ne concedo la più ampia facoltà di prova. Non ho mai detto che se avesse giocato Neto avremmo 6-8 punti in più, anzi ho detto, almeno fino a due-tre partite fa, che avrei agito come Montella che non poteva fare altrimenti. Uno che si trova un portiere voluto dalla proprietà per rilanciare un'operazione di tifo marketing, pompato fino all'assurdo dai media, idolo della Curva, ed ancora nel giro della nazionale perchè in Italia c'è penuria d'anguria e chi li chiama è il santo, prima di metterlo in panca ci deve pensare bene e non male, ed aspettare che si siano convinti che ViviUnodinoi è ViviUnodiloro. Oltre tutto a precipitare le cose rischia di bruciare il giovane e di rimanere con niente in mano. Last but not least, fino a tre partite fa in porta non tiravano mai e ci potevo stare anch'io. Concludendo, la contraddizione esiste solo nella tua mente. Tu hai praticamente detto che non eri d'accordo con Montella, io no, e non mi sembra una differenza da poco

    RispondiElimina
  103. Trittico africanoColonnello,ero in riva al Tanganika a parlare con un certo Stanley...
    Tra
    quelli che hai citato,la piu'incline alle stronzate e'quella di Parma
    che si professa tifosa viola: per lei,che seguiva i sagaci teoremi del
    suo direttore,Viviano non e'un problema,quindi non essendolo,non serve
     trovare la soluzione.In effetti la legge Basaglia ne ha fatti
    di danni... 
    Comunque
    questa tiritera di uno che soffre psicologicamente l'essere tifoso,e
    l'ipotesi,che spero sia solo tale,che Neto si rischi di bruciarlo se
    gioca titolare,m'ha bell'e strucinato...O i che c'hanno al posto delle
    palle?Cazzo si va in porta e poche seghe,si para tutto.Io stimavo
    molto,nonostante le evidenti antipatie,Tacconi e Rossi,gente che in
    porta li sentivi eccome,che aveva coglioni da vendere e dove mancava lo
    stile e tecnica,arrivavano col carattere.Altro che questo cagasotto
    fighetta...
    LeleP.S.Ma Orcio,che sa di calcio ma scrive a dosi limitate,Deep pure lui,tantissimo che non si sente,e McGuire?
     
    LeleVecino,gli
    arriva la palla da lontano,un po'improvvisa,quindi gli va incontro non
    per colpire di sinistro,ma per arrivare prima del difensore,quindi la
    protegge e gira in  porta;improvvisazione ma lucidissima
    interpretazione,segno di mente sveglia,nessun timore di osare  e
    fondamentali di prim'ordine
     
    RiLele
     

    RispondiElimina
  104. Jordan, secondo me dovresti imparare a non dedurre arbitrariamente, a non trarre significati solo tuoi, a non arguire sulle opinioni altrui a tua discrezione,   per poi contestare tutte queste tue artificiali congetture che attribuisci scorrettamente ad altri. Se vuoi giudicare e nel caso contestare un'opinione di un altro, intanto rispettala per quello che esprime con correttezza e  non per quello che gli vuoi far dire tu per il comodo tuo. 

    RispondiElimina
  105. No, non sei autorizzato a farmi dire che Montella è un pirla perchè ha utilizzato Viviano invece di Neto ed il perchè te l'ho rispiegato proprio qui sopra, ma, evidentemente non leggi, o non vuoi capire o lo fai apposta. Che poi Neto sia, potenzialmente e come impostazioni tecniche nettamente superiore a Viviano l'ho detto e lo ridico, ma per lanciare un portiere giovane ci vogliono delle condizioni al contorno che a Firenze, dopo l'arrivo di Viviano, non esistevano nemmeno lontanamente..Quindi nessun appunto fatto a Montella. Ripeto, avrei fatto lo stesso, pur rimanendo nelle mie convinzioni circa il valore dei due portieri.  Non mi sembra un discorso così difficile da capire, ma ti rifiuti perchè se no casca il tuo teorema 

    RispondiElimina
  106. A proposito,  confermo che secondo me è più sbagliato  continuare con Toni titolare che con Viviano titolare, e nello stesso tempo confermo che secondo me Montella è un grande allenatore ed è molto vicino a diventare un grandissimo allenatore, tra i migliori al mondo. 

    RispondiElimina
  107. Lele hai ragione, ma non è certo Neto che si tira indietro, anzi, è incazzato perchè son due anni che lo pigliano per il culo. Il rischio che la curva idolante gli rimproveri anche come si mette le scarpe c'è, ma è il prezzo che si paga ad avergli dato e reclamizzato il balocco.

    RispondiElimina
  108. Quello che hai spiegato l'ho letto benissimo e l'ho capito benissimo, Jordan, e non spiega, per me,  la tua contraddizione sul tuo uso di Montella, strumentale, contraddittorio  e scorretto. Non permetterti mai più, per cortesia,  di interpretare a tuo piacimento i miei scritti deducendo cose che sono solo nella tua mente e non  nella mia. Io scrivo in modo comprensibile, giudica, se vuoi,  quello che scrivo e fermati lì, per favore.

    RispondiElimina
  109. Comunque non sarebbe male un po' di equilibrio anche nei giudizi su Seferovic. Personalmente, ai tempi dell'acquisto ero contento, perché da giovanissimo faceva intravedere delle doti non comuni, ed anche nella Primavera poi, dove era criticatissimo, lo vedevo il più "giocatore" tra le punte, per la fisicità, i movimenti e la maturità d'approccio. Anche se segnava poco, e sbagliava gol clamorosi. All'impatto col calcio professionistico ha rallentato la sua crescita e rivelato grossi limiti, ed anche questo ho sottolineato. Ora mostra miglioramenti, ma è ben lontano dall'essere una punta proponibile da titolare in questa Fiorentina, ed anche in qualsiasi squadra di serie A che richieda un centravanti da almeno 10/12 gol a stagione. Sono bastate un paio di giocate promettenti e un gol in coppa italia contro una squadra di B a farne un potenziale craque, come vedo scritto?

    RispondiElimina
  110. Neto è un portiere di 23 anni, fermo da due, che in condizioni normali avrebbe bisogno di un rodaggio di 6/7 partite, per ritrovare fiducia, convinzione e senso della porta e dell'area. Verrà probabilmente lanciato, invece, nell'arena che idolatra l'Icona della curva, imposta come dice Jordan da ADV in un'operazione al 20% tecnica, e all'80% di "geopolitica". Visti i precedenti dei fischi preventivi a Cerci [che pure aveva avuto un atteggiamento in campo assai indisponente] ed altre perle della tifoseria, non vorrei fosse affossato alla prima incertezza. Cosa che, a partita in corso, non va bene neanche con Viviano, intendiamoci, neppure quando fa due sbagli come quelli di Roma. 

    RispondiElimina
  111. Jordan, secondo te quanti gol parabili ha subito Viviano? Quanti di questi ne avrebbe parato, secondo te, Neto? Quanti  punti ci ha fatto perdere secondo te Viviano? A queste domande si può rispondere con dei numeri.

    RispondiElimina
  112. " Per qualcuno Viviano ci è costato 3 -4 punti, per me Toni ci è costato il doppio. Se avesse sempre potuto giocare El Ham al suo posto secondo me avrebbe segnato il doppio dei suoi gol, avremmo giocato il doppio meglio, e avremmo fatto 6-8 punti in più." dedurre da questo: "Allora Montella è un pirla" è una deduzione arbitraria, un attribuire artificiali congetture scorrettamente ad altri etc...Per me uno che dice che un allenatore ha schierato un giocatore che gli ha fatto perdere 6-8 punti invece di un altro non gli fa un complimento, magari mi sbaglio e chi decide chi va in campo è il famoso magazziniere. E' chiaro che è tutto una boutade, non penso davvero che tu creda quello che tu scrivi, Toni ha fatto 4 gol, il doppio sono otto che uniti ai tre che ha fatto farebbero 11, altro che Cavani, via non scherziamo per favore. Io penso invece che se avesse sempre giocato El Ham al posto di Toni di punti ne avremmo qualcuno di meno, guarda come siamo lontani.

    RispondiElimina
  113. Signori buonanotte, e forza Viola per il mezzogiorno di fuoco. Visto che rientra Ljajic, almeno tra i convocati, ripropongo il talismano portafortuna.

    RispondiElimina
  114. Non raccontiamoci palle per cortesia, l'ingaggio  di Viviano può aver obbedito ANCHE a criteri sentimentali, ma il suo continuativo utilizzo come titolare è totale ed esclusiva responsabilità di Montella. Se continua a metterlo, chiunque è autorizzato a pensare che Montella sbagli a danno della Fiorentina, senza però considerarlo, né esplicitamente né implicitamente, un pirla.Stesso discorso vale,per quanto mi riguarda, riferito a Toni, cambiano solo le motivazioni del suo ingaggio. E' così difficile da capire ? 

    RispondiElimina
  115. Su Seferovic sono d'accordo con Deyna.

    RispondiElimina
  116. Certo, Jordan,  che non faccio un complimento a Montella quando critico il suo insistito utilizzo di Toni come titolare dal primo minuto, che  considero un danno per la Fiorentina, ho detto addirittura che per me così si gioca in dieci, quindi l'ho detto a chiare lettere che non sono d'accordo con Montella su Toni.. Ciò detto può capitare che, a mio modesto parere,  anche il migliore degli allenatori, appunto Montella,  sbagli. Quindi quello che è certo, Jordan ,è che tu non ti devi mai più permettere di dire che con questa mia opinione è come se dicessi che Montella  è un pirla, perchè non è vero nella maniera più assoluta, perchè questa mia opinione non esclude che Montella sia uno splendido allenatore, per quanto non infallibile.E' tanto difficile da capire? Quindi  hai sbagliato di grosso e per favore in futuro nei miei confronti cerca di evitarlo, perchè non sopporto quando mi si fa  dire arbitrariamente quello che non ho detto, o mi si interpreta malamente. Scrivo abbastanza chiaro, giudica le mie parole ed i miei concetti.Mi sono spiegato o devo ripetertelo ancora una volta?

    RispondiElimina
  117. Non ho mai detto che tu hai detto. Lo vedi che non leggi? Ho sempre presentato il "pirla" come mia deduzione, magari esagerata, per vis oratoria, ma mia. Era un estremizzare il concetto dello sbaglio che tu stesso confermi attribuito all'allenatore in quella scelta. Quindi non ti ho fatto dire arbitrariamente proprio niente, caso mai ho ecceduto nell'interpretazione. Tu però, rispondendo, hai fatto di peggio cercando davvero di farmi dire quel che non ho mai detto e quel che non ho mai rimproverato a Montella circa l'affaire Viviano-Neto.

    RispondiElimina
  118. Alla prima domanda posso rispondere, per me eran parabili i due di Napoli, quello di Milano col Milan, il secondo di Torino, quello con l'Atalanta, ed almeno due con la Roma. Di questi han contato punti solo a Napoli, Torino e Roma, però qualcosa ha anche parato /vedi Parma e a Milano con l'Inter) e a dire "parabili" si va dalla parata non impossibile alla cappella clamorosa come le ultime due di Roma. Quindi si parla sempre di probabilità che un altro faccia meglio. Alla seconda domanda perciò non so rispondere, il Neto dell'Atletico Paranaense ne avrebbe parati parecchi, quello attuale non lo so perchè non so dopo due anni e passa di quasi totale inattività in che condizioni sia. I punti che fa perdere un portiere è un giochino che lascio a te che sei bravo e sai anche dire quanti punti ci ha fatto perdere un centravanti. Di sicuro ha avuto la sua influenza negativa nelle sconfitte di Roma e Napoli e nel pareggio di Torino, mentre l'unica influenza positiva la vedo nel pareggio di Parma. Se poi si sarebbe vinto o pareggiato lo stesso anche senza i molti errori e le poche prodezze lo sa Eupalla. A conclusione e lo ripeto, Montella, sino ad oggi (che sembra lo faccia) non poteva agire altrimenti da come ha agito.

    RispondiElimina
  119. Appunto le tue deduzioni su quello che dico tienile per te e se vuoi contesta quello che dico non quello che deduci tu, Jordan. Su Neto e Viviano ha detto semplicemente che tu non stimi Viviano e stimi Neto come buon portiere cosa legittima, e, a differenza tua,  non ho dedotto alcunché. 

    RispondiElimina
  120. Ancora , Jordan, ti sei permesso di dire, in modo assolutamente perentorio, che mi sta sulle palle Toni, ma chi ti ha dato l'autorizzazione di scrivere una bugia del genere su quello che penso io? Te lo chiedo ancora una volta, Jordan, smettila.

    RispondiElimina
  121. Ha detto sta per ho detto.

    RispondiElimina
  122. Senti Jordan è inutile che continuiamo, ci siamo detti quello che dovevamo dirci, io ti ho chiesto una cortesia, vedi tu. Buona domenica.

    RispondiElimina
  123. Evidentemente tu, oltre a non leggere non ti ricordi nemmeno di quello che scrivi: " Eh eh eh, caro Jordan , proprio lì ti aspettavo, e ci sei caduto come una pera matura. Montella lo chiami in causa quando fa comodo a te, salvo criticarlo a tutto spiano perchè ha continuato ad impiegare Viviano. Montella sarebbe il verbo che non si può discutere quando mette Toni e sarebbe un pirla,secondo il tuo metro, quando mette Viviano? Coerenza please: " solo 17 ore fa. E' da allora che ti dico di farmi leggere dove io avrei criticato Montella per la scelta del portiere, senza esito. Io può darsi che abbia esagerato una deduzione, mia, tu invece inventi i fatti.

    RispondiElimina
  124. Senti Jordan a me è parso che da inizio campionato non fossi d'accordo sul fatto che il portiere titolare della Fiorentina fosse Viviano, ti andava invece bene che Montella continuasse a mettere lui? A ma non sembrava,  ma evidentemente ho capito male. Ciò detto non mi sono certo inventato il tuo giudizio su Viviano e quello su Neto, giudizi, tra l'altro,  non solo legittimi ma che in buona misura condivido, come tu sai, anche se, secondo me, fino a qualche tempo fa sarebbe stato opportuno tenerli un po' più in sordina nell'ambiente cittadino e da parte di certa tifoseria, ma questo è un'altro discorso. 
    Rimane la cortesia (che poi è il motivo principale per il quale stiamo discutendo, perchè su Viviano e Neto e su come li ha gestiti Montella manco avremmo iniziato a discutere) che ti ho chiesto per quanto  riguarda il cercare da parte tua di evitare in futuro, non una tua "esagerazione" nel dedurre, ma  tuoi  gravi stravolgimenti e menzogne vere e proprie nelle tue deduzioni del mio pensiero, così come hai fatto  sia su Montella( è come se dicessi che è un pirla? ma per piacere!)che su Toni ( mi starebbe  sulle palle? ma per piacere!).
    Jordan io ce l'ho messa tutta per farmi capire da te in quello che ti chiedo, spero che sia stato  sufficiente.
    Ri-Buona domenica.

    RispondiElimina
  125. Speriamo che Montella continui a sbagliare. eh eh eh eh

    RispondiElimina