.

.

lunedì 16 luglio 2012

Lenti di gradimento

La Fiorentina parte per Moena, Moet & Chandon al seguito per stappare i colpi di mercato & forse Chevanton invece per la spending review del calcio, sarà sui Monti e con Montella che costruiremo la prossima stagione, crediamo effervescente come lo champagne. E intanto scaldano i motori anche i media fiorentini al seguito della squadra, la foto di copertina ci mostra la piccata risposta del Guetta alla Bice e alla riblogghita, costretto a far colorare gli inviati di Radio Blu per rispondere all’inviata più coerente dei blog, quella Bice però sempre più irraggiungibile, perché se la voce delle nostre radiocronache fa metallizzare i suoi inviati, l’inarrivabile Bice, oltre al cappello si è presentata a Moena con un tacco 30, diventando di fatto l’inviato più Alto Adige, ora il Guetta per far meglio, di inviati ne dovrebbe mandare un Trentino. C’è una frizzantissima aria di novità in casa Viola, le sacche di resistenza del vecchio ciclo sembrano essere finalmente debellate, con il solo Behrami a suscitare rimpianti, ma a Moena non c’è più spazio per il rammarico, già tutto esaurito come sempre per il concerto in memoria di Prandelli, c’è invece spazio per ricostruire, e bisogno di farlo bene, formando una squadra orgogliosa di rappresentare una città magnifica, e anche capace di riportare l’entusiasmo che l’aveva sempre caratterizzata fino alla crisi esistenziale da separazione non consensuale. Siamo elettrizzati in attesa di capire chi andrà a coprire i ruoli di centracampo e di prima punta, sguarniti come l’elettrificazione di chi invece manda i ricordi ancora a gasolio sulla littorina verso Orzinuovi, mentre ci sembra di aver capito che dopo l’arrivo di Montolivo a Milano, facciano tutti a gara per non giocarci insieme, c’è quindi chi come Riccardo è scappato da una società senza progetto e ambizioni, e chi invece scappa dalle ambizioni se queste hanno come pezzo pregiato il gozzo di quello che forse sarà invece il mozzo di una barca arenata sullo scoglio del fair play finanziario, e forse anche Montolivo è lì ad aspettare l’ennesima discesa in campo di Silvio Berlusconi a fare le diagonali difensive al posto di Nesta e Thiago Silva. Si sa che l’erba del vicino è sempre più verde, o meglio, qua a Moena lo era fino a quando il Guetta, ossessionato dal successo della Bice, l’erba l’ha fatta colorare di blu cercando di anticipare le mosse della nostra geniale inviata, e dal fronte  di questa guerra della notizia, mandiamo un grande in bocca al lupo ai Viola vecchi e nuovi, a Montella e al suo staff, con la speranza che finalmente si riesca a forgiare una squadra di qualità tecnica, ma anche di valori umani, capace cioè di rappresentare al meglio l’orgoglio e la passione della sua gente, e quando serve sia capace anche di gettare il cuore oltre l’ostacolo, come piace a noi, e a seguire tutto questo, come sempre, e in mezzo alle ripicche di una concorrenza sempre più nervosa, ci sarà la Bice insieme agli altri inviati, tutti con le lenti d’ingrandimento a spaccare il capello in quattro, ma nessuno come la Bice, e la seconda foto non mente, che alla lente ha voluto aggingerci anche le lentiggini.

15 commenti:

  1. Antognoniforever16 luglio 2012 09:36

    Leggo che Cuadrado, fortissimo sulla fascia, ha una certa propensione all'anarchia tattica. Considerando che abbiamo anche Vargas (se rimane), Ljajic (se rimane), Cerci e forse El Hamdaoiu con carattristiche simile, la grande scommessa di Montella mi sembra quella di disciplinare tatticamente (e, nel caso di alcuni di questi, anche disciplinarmente) questi giocatori, il cui potenziale è notevole.

    Al proposito, noto che i giocatori dati a maggio in cima alla lista di partenza (Vargas e Ljajic) sono ancora qui, nel caso del serbo per richiesta dell'allenatore che vuole valutarlo. Io penso che Nutellino, vista la giovane età, potrebbe ancora, nonostante tutto quello che è successo, essere recuperato alla causa viola, mentre su Vargas ho diversi dubbi.
    Certo è che non conviene farlo rimanere per poi farlo andare a scadenza: o si pensa di recuperarlo e lui si convince, per cui gli si rinnova il contratto, oppure tanto vale venderlo anche a una cifra non altissima.

    RispondiElimina
  2. Torno or ora dall'Andalusia e dall'aver dato un'occhiata al sitone dove continuano ad imperversare le solite menti malate. Un paio di mesi fa tutti gridavano all'epurzione totale e adesso che la stanno facendo, i soliti noti sono lì ad imprecare contro i DV che smantellano la squadra. Certo che di teste di cazzo ce ne sono un bel po' in quel di Firenze.
    La squadra che sta venendo fuori non mi sembra malaccio. Ci sono ancora da prendere due centrali di centrocampo, un cenravanti ed un difensore esperto, ma il tempo non manca. Ho le stesse perplessità di Jordan a proposito di Viviano, per cui occorre anche un secondo portiere valido che non può essere Lupatelli. Tra i nomi che vengono fatti per il centrocampo non mi convincono né Ralf né tantomeno Kucka, che, secondo me sono due mezzettoni. Da Pradé e Macià mi aspetto qualcosa di più e di meglio in quel settore, a parità di costi.
    Credo che al termine della rifondazione avremo una squadra da 6°-10° posto, che poi è quello che ci si può e ci si deve aspettare dopo un turn over del genere.

    RispondiElimina
  3. Antognoniforever16 luglio 2012 10:44

    Beh, McGuire, bentornato. Sul sitone tutti quelli che piangono per la cessione di Gamberini probabilmente sono gli stessi che lo hanno insultato per tutta l'anno. Io faccio diverso, io sostengo i giocatori viola finché sono viola, poi mi disinteresso di loro (fatto salvo il ringraziamento al Gambero che comunque è stato con noi per sette stagioni, di cui quattro o cinque ad alti livelli), ma forse sono strano io.

    Quanto a Behrami, semplicemente ha rifiutato il rinnovo del contratto alle cifre proposte dalla società, ha cambiato procuratore e ha cominciato a rilasciare dichiarazioi strane del tipo "posso rimanere anche senza rinnovo". Bene ha fatto la società allora a venderlo, per evitare un altro caso Montolivo. Dispiace, perché era un grande guerriero, ma non penso si potesse fare altro. Ora - mi ripeto - dopo l'Equiangolo occorrerà prendere due centrocampisti che siano forti, uno di rottura e uno di regia.

    RispondiElimina
  4. A questo punto sarebbe un peccato non metter su una coppia di esterni Cuadrado-Vargas, anarchici quanto si vuole, ma in grado di metter sotto chiunque sulle fasce. Tra l'altro Vargas me lo danno in grande spolvero, mi dicono che raramente si è presentato così in forma dopo le vacanze. Par di capire che i centrocampisti puri saranno due, dopo la dipartita di Behrami, e non tre. Uno sarà un regista, elemento imprescindibile nel gioco di Montella, l'altro più cursore e incontrista. Poi, più completi saranno, meglio.
                                                      

    RispondiElimina
  5. Deyna non puoi nemmeno immaginare quanto mi dispiaccia dire questo:
    BASTA CON VARGAS!!!
    Ero innamorato delle sue sgroopate sulla fascia, dei suoi cross potenti e precisi e dei suoi tiri al fulmicotone ma sono 2 anni che non si fa vivo e sinceramente ho perso la fiducia in lui.
    Ho letto anche io che quest'anno sembra essere in forma come ai vecchi tempi e alla lettura di quell'articolo devo ammettere di aver avuto un sussulto ma poi la ragione ha preso il sopravvento.
    Se rimarrà (x qualsiasi motivo): Forza Vargas ma io ormai cambierò idea solo dopo aver avuto la prova di un suo massimo impegno in una stagione intera!

    RispondiElimina
  6. speriamo che non sia tornato così tirato per mirato di quelle due o tre iper-passere che sembravano leticarselo, se no le sgroppate sulle fasce te le sogni. Tra l'esser tirato e l'esser rifinito ce ne corre!

    RispondiElimina
  7. Eh lo so, il rischio c'è...Dove hai letto l'articolo?

    Marina di Vecchiano, entroterra: Barry Bonds, reso poco lucido dal sole africano, porta il tanto atteso sceicco alla Fortezza da Basso, dove lo attende il fatidico incontro con Diego Della Valle per il rilevamento della Fiorentina. Non si rende conto però che si tratta di Capitan Vuturo©, in una delle sue più riuscite trasformazioni...

    http://www.youtube.com/watch?v=NhN865XUmyY

    RispondiElimina
  8. Oltre tutto Viviano viene da un brutto incidente e, col fisico che ha, garanzie di esserci sempre non ne dà davvero. Presentarsi con Lupatelli in porta è da Scary Movie.

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore16 luglio 2012 15:48

    A  me invece questa
    Fiorentina leggera arrivata a Moena, finalmente senza le zavorre, piace. Da ora
    in avanti tornerà a volare sul campo come da tradizione. C'è aria di progetto. Chi è rimasto, e
    rimarrà, è perchè è stato scelto, i nuovi arrivi sono stati, non trovati o imposti, ma concordati e voluti, così
    saranno quelli che arriveranno. Io mi aspetto centrocampisti veloci e dai piedi buoni,
    anche i cursori incontristi di buona caratura tecnica e propensi al fraseggio.

    RispondiElimina
  10. Chiari, così leggera, questa nuova Fiorentina, che manca di tutto il centrocampo, eheh. Io aspetterei a dare un giudizio, in un senso o nell'altro...Chi mi ispira fiducia è Montella, che da quel che leggo [ma anche e soprattutto per il gioco che ho visto praticare al suo Catania] mi sembra proprio un tecnico preparato, motivato e lavoratore. E anche Macia pare avere un'ottima conoscenza del mercato, ma lì il problema è il budget.

    RispondiElimina
  11. Antognoniforever16 luglio 2012 16:38

    Il centravanti può anche essere comprato più avanti (sempre se compriamo un titolare, prima penso che Montella voglia valutare com'è l'Olandese), mentre ritengo che i due centrocampisti titolari debbano arrivare il prima possibile, in modo che facciano il ritiro con i compagni e si integrino negli schemi di Montella.

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore16 luglio 2012 16:39

    Certo Deyna, il centrocampo a
    questo punto è tutto da inventare, ma è proprio la stessa fiducia nel tecnico
    che hai tu che mi rende ottimista . Quanto al budget le operazioni in uscita lo
    andranno ad incrementare e poi si tratterà soprattutto di  know how e lungimiranza su quelli sul mercato che
    stanno all’interno degli ingaggi previsti, ed anche in questo caso mi rende
    fiducioso l’incaricato che tu citi e che a detta di tutti è veramente molto
    bravo.

    RispondiElimina
  13. Sinceramente non ricordo se era un articolo di qualche sito oppure se l'ho sentito da qualche giornalista in TV.

    RispondiElimina
  14. Concordo con Antognoni circa la tempistica degli arrivi ma non vorrei che si pensasse di affrontare un campionato con El Hamdaoui come titolare. Non fraintendetemi, secondo me è un gran bell'attaccante ma un anno e mezzo senza campo lascia degli strascichi e nell'attesa che il maroccolandese ritrovi il ritmo gara abbiamo bisogno di uno che giochi e che "regga botta"!!!

    RispondiElimina
  15.  Fonti vicine a Capitan Vuturo© lasciano trapelare indiscrezioni, secondo cui Diego Della Valle in persona avrebbe trattato con Pozzo, fissando il pagamento di Cuadrado in base al peso che il giocatore avrà al primo giorno di ritiro. Dopo essere stato operato di appendicite, le radiografie di controllo hanno rivelato che il giocatore è stato alleggerito anche di un rene, probabilmente - insinuano giornalisti fiorentini - rivenduto dallo stesso Della Valle sul mercato clandestino.

    RispondiElimina