.

.

mercoledì 4 luglio 2012

Rubriche derubricate


Prendo spunto dalla nuova rubrica del sitone “Articolo del tifoso”, che è una bella balera dove far ballare i claudicanti ricordi di una terza età della passione, un’ iniziativa sicuramente lodevole perché sensibile alle problematiche di una popolazione Viola vecchia dentro, e con l’esigenza primaria di far fronte quindi all’allungamento della vita di certi bei ricordi, davanti a una realtà marchigiana che invece ha esodato la passione, ben venga quindi l’accoglienza di questi ricordi in una rubrica che altro non è che una casa di cura per disorientati affetti dal morbo dell’incazzheimer, e che oggi potranno essere monitorati più facilmente nel recinto del sitone. A questa iniziativa il blog vuole rispondere con la sua rubrica volta a rompere questo muro del mugugno,  “Bevo solo quando guido…trombo solo quando pago” la nuova rubrica che ha la presunzione di accogliere anche i pentiti del vuturismo, che in questo caso saranno inseriti nel programma di protezione che il blog vuole concedere a tutti coloro che vorranno guardare solo avanti, mettendogli a disposizione i terreni confiscati a Ligresti, per coltivare in santa pace la propria passione, lontano da polemiche strumentali, terreni  sui quali quei furboni dei marchigiani avrebbero voluto costruire la loro Las Vegas, negata, invece che in Nevada. Una rubrica la nostra che concentra l’attenzione del tifoso al presente e al futuro, dove sono banditi i pensieri ingiubbottati, dove per noi i ricordi dell’Allianz Arena tradiscono un modo troppo allianziano di vivere la passione, e dove l’Arena simboleggia solo la carena con la quale ci si vorrebbe proteggere dal presente. La movida del blog non concede spazi al rammarico ma guarda avanti, e usa  il rap come linguaggio per evocare l’unico ricordo concesso, un romantico riferimento a Johnny Rep, un passaggio ideale dal calcio totale olandese alla passione totale Viola. Mandate pure i vostri articoli carichi di ottimismo, scrivete senza paura di essere smentiti, che i Della Valle non hanno nessun accento che tradisce le loro origini, nessuno qua dirà mai che loro sono marchigiani, e intanto arriva El Hamadaoui sul quale ho buone sensazioni anche se basate solo sulla sua ultima apparizione risalente al tardo pomeriggio del giorno della sua prima Comunione, e poi Roncaglia che fa ben sperare visto il cognome che evoca grande muraglia difensiva, e il tanto agognato riscatto di Cassani che mi da lo spunto per presentare l’altra rubrica che vuole rispondere anche questa a quella del sitone “vuoi vedere i tuoi scatti delle vacanze e non sul Fotoalbum?”, rubrica che il blog crea per dare sfogo al nervosismo dovuto ad eventuali operazioni di mercato non gradite “ Vuoi vedere i tuoi scatti di nervi, mandaci la foto di un bel culo, perché non c’è scatto senza baratto”. Per la terapia del dolore Prandilineo, oggi pubblichiamo la seconda foto, dopo che i “doloranti” hanno subissato la redazione di richieste di chiarimento delle fasi della terapia, chiarimento che altro non è che lo schiarimento dell’immagine.

90 commenti:

  1. TOCCA L'ALBICOCCA4 luglio 2012 11:14

    Ironia sprecata la tua Pollock,o meglio di nicchia perchè riservata a pochi,pochissimi
    praticamente una decina.Certo,in questo momento,qualcuno,anche a ragion veduta potrebbe domandarci "ma che cazzo ci sarà da ridere?" e non sarebbe facile da spiegare.
    Perchè in questa città,coadiuvati da veri e propri maestri della malinconia un po' pelosa
    ( mentre a noi di peloso ci piace una cosa sola) la nostalgia "chinaglia" ha definitivamente
    scacciato quell'umorismo che ci caratterizzava ,quella irriverenza di cui il calcio storico
    fiorentino è la certificazione che una volta,pur con il dramma alle porte,il Fiorentino se ne fregava di tutto e di tutti.
    Adesso invece la nostalgia,il lamento del tempo che fu,ci viene propinato in tutte le salse
    una volta al dì e in maniera bipartisan,un giorno sì e uno anche su Repubblica o sul Giornale e adesso anche come rubrica giornaliera di là.
    Al grido di "deprimetevi gente" è un continuo amarcord,una squadra così non la vederemo più,un giocatore così nemmeno,meglio un Melloni oggi che un DV domani,anzi meglio
    in B ma senza soldi che così e senza sogni.
    Insomma roba che Marzullo pare quasi un animatore dell'Alpitour se paragonato alla
    tristezza che c'è qui.
    Eppure,per restare in tema amarcord,mi vengono in mente tante volte nelle quali non c'era nulla da ridere eppure si rideva lo stesso.Quando la prof minacciava di segarci tutti e la
    risata soffocata nell'astuccio certificava che l'unica segata era quella che aveva appena detto lei oppure quando compravi Aguirre,e pur sapendo che era un bidone colossale già erano pronti i cori per lui e ci precipitavamo a Pistoia per vederlo giocare,consci che non ci sarebbe stata una seconda occasione per farlo.
    Adesso non ride più nessuno ma sarebbe proprio ora il momento per farlo.
    Probabilmente metteremo su l'ennesima squadraccia,abbiamo due dirigenti da operetta
    e giocheremo in eterno al Franchi,già Comunale,già F.lli Berta.
    Eppure son convinto che se invece di continuare a sognare Prandelli e a dilaniarci su
    quello che avrebbe potuto essere e non è stato,tornassimo quelli che,benchè accerchiati
    e col nemico sia in casa che alle porte,piuttosto che farci prendere per il culo
    da chicchesia ci prendiamo per il culo da soli buttandola a ridere anche se non ci sarebbe
    nulla per cui farlo.
    Tanto frignare un serve a nulla,visto che dobbiamo ingannare il tempo in attesa che qualcosa cambi,almeno facciamoci due risate invece che questo lamento da libro cuore,
    a Trespiano in confronto si respira ottimismo...

    RispondiElimina
  2. Ah ah Tocca non sminuire il grande lavoro che ha fatto il Delfino, siamo qualcuno di più anche se non partecipano, ma quello che conta è comunque lo spirito, e per uno che viene da Santo Spirito, quello è fondamentale, poi per Trespiano c'è tempo. A proposito care merdacce nessuno che abbia detto una parola sulla vittoria dei Bianchi, e comunque Tocca tu parli parli, ma intanto hai spedito il tuo scatto senza mandarmi in cambio il bel culo. Parole al vento le tue almeno quanto quelle dei Della Valle.

    RispondiElimina
  3. TOCCA L'ALBICOCCA4 luglio 2012 12:01

    Non ho detto una parola perchè sono "azzurro",dopo trentanni c'ho avuto anche piacere,
    poho ma mi inchino al verdetto del campo...

    http://t0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRdUd6LxMQqRu77fTuiO9YxN4iQ_ghZrYRZYVh1Rn7-fosAv1vl
     

    RispondiElimina
  4. Tocca, a parte che a me piace anche rasata, la pelosa, per il resto "se todos forem iguais a vocè" penso che gran parte dei nostri problemi sarebbero già risolti, anzi non sarebbero venuti mai.Purtroppo le legioni dei vuturiani e dei loro intellettuali-guida che hanno ormai preso possesso dei media, stan dilagando. Così non si seppelliscono di risate i tentativi (invero sinora un po' goffi) del duo Lescano, ma si mugugna, si frigna, si inveisce, minando alla base qualunque possibilità di rialzare la testa. Immagina un nuovo che arriva e capisce la ragia come verrà spinto a dare il massimo? 

    RispondiElimina
  5. Credo di aver scritto una bischerata in portoghese: "se todos fossem iguais a vocè" la consecutio è uguale all'italiano e ci vuole ovviamente il congiuntivo dopo il "se" e non il condizionale. Dire "se tutti sarebbero uguali" a te è da Corvino, se me lo vedesse la Del Valle...(niente a che vedere con Diego, era una vecchia professoressa di lettere del Dante)

    RispondiElimina
  6. TOCCA L'ALBICOCCA4 luglio 2012 12:55

    Il problema,Jordan,è che ormai s'è perso la strada per tornare a casa,ed è anche un esercizio inutile cercare di capire e distribuire colpe perchè in questo guazzabuglio la colpà morì fanciulla e comunque non ci sono più le basi per ricostruire.
    Detto questo e dato atto che si è riusciti nell'obbiettivo di distruggere mi piacerebbe ci fosse un salto di qualità nella "battaglia",ovvero vorrei vedere profondere le stesse energie usate per spezzare il capello in quattro su tutto e su tutti fino ad arrivare a oggi,per trovare una nuova proprietà che oltre a metterci quattrini redistribuisca anche la passione,le bandiere e tutto quello che sembra ci sia stato rubato.
    Io sarei il primo ad essere contento se esistesse questa possibilità,se ci fosse molto più viola in società e tutto il resto,però non basta sognare perchè i sogni si avverino,bisogna
    che chi di dovere si rimbocchi le maniche e li vada a cercare.
    Quindi,in primis la stampa altolocata,quelli che sanno tutto e tutto conoscono deve passare dall'opposizione alla proposta,cosa più facili a dirsi che a farsi...

    RispondiElimina
  7. Pollock io la finale bianchi-azzurri l'ho vista in TV ma da neutrale... per chi dovrebbe tifare uno di Sesto?

    RispondiElimina
  8.  04/07/2012 12:23:15

    Deyna78, Olè! Olè! Olè! Ollllllllllllllllllè!!!
    L'operazione
    di Pradè non ha senso in ogni caso. Tecnicamente, perché Svedkauskas è
    una delle maggiori promesse europee nel ruolo di portiere, e, come dice
    CAVATORTI, raramente si è visto un portiere 18enne con questi mezzi. Ne
    parlavo tempo fa sul sito, ero rimasto strabilitato da questo ragazzo,
    che mi era parso un mix riuscitissimo tra Peruzzi e Akinfeev.
    Economicamente pure è un assurdo, perché, anziché riscattarlo a prezzo
    prefissato e basso, per poi magari mandarlo a giocare e decidere con
    calma se lanciarlo tra un paio d'anni [la cosa migliore] o rivenderlo
    facendoci un bel guadagno...lo si lascia perdere, regalando alla Roma
    una grande promessa. Per poi magari vederci rivogato qualche vecchio
    arnese in disarmo, stile Taddei. Per chi dice "tanto abbiamo Seculin e
    Lezzerini, non si poteva tenere": Seculin a Svedkauskas non lega nemmeno
    gli scarpini, stiamo parlando di portieri di categorie diversissime;
    Lezzerini è molto bravo, ma Sved è ancora migliore, l'unica cosa in cui
    l'italiano ha un vantaggio è l'altezza. E il ragionamento comunque non
    torna: che fai, siccome hai due giovani forti, uno lo regali? Grossa,
    grossa delusione.

    E quindi Deynone, questo Pradè, che ci combina? Non mi farà mica rimangiare le parole (buone), spese per lui, neanche a metà luglio? Questa è una cazzata grossa come una casa, e me la devono spiegare...

    RispondiElimina
  9. Caro Luis anche io pretendo una spiegazione, Svedkauskas è un gran bel prospetto e mi girano a mille x averlo mollato così!

    RispondiElimina
  10. Louis, io per giudicare Pradè aspetto i fatti, certo se l'inizio è questo, parte con l'handicap. Mi rasserena un minimo solo il pensiero di Jordan che, mi par di capire, considera Svedkauskas bravo ma non un fenomeno...Essendo qui lui l'esperto di portieri spero abbia ragione [ma è in ogni caso un cattivo affare regalarlo]. Per come l'ho visto io, invece, mi è parso proprio un predestinato, ovviamente a 18 anni un portiere è ancora acerbo, ma l'impressione mia è che abbiam dato alla Roma l'equivalente in altro ruolo di uno Jovetic o di un Nastasic agli inizi di carriera. PS: il cognome del buon Facundo non finirà mai di esaltarmi: dove lo trovate, nel globo intiero, un difensore che si appella con un mix di roncola e muraglia?

    RispondiElimina
  11. Lele, io eviterò di dare giudizi su Pradè per questa singola operazione (non faccio come quelli che di Corvino citavano solo i bidoni per sentenziare che era scarso), perciò un giudizio sull'operato lo darò solo dopo aver valutato il totale nel lungo periodo. E come non ho mai voluto esser una vedova di Prandelli, eviterò anche di far la vedova di Corvino.

    Su Svedkauskas non saprei che dire, dato che quest'anno la Primavera l'ho vista solo una volta (a differenza degli anni precedenti, in cui l'avevo seguita moltissimo), un Fiorentina-Vicenza al Viareggio: noi in vantaggio 1-0 e raggiunti da un rigore procato da una doppia paperona di questo portiere, che si fece prima sfuggire di mano un pallone semplice, per poi franare inutilmente sull'attaccante avversario che era spalle alla porta. 

    Per ora posso dire solo che, al momento dell'annuncio di Pradè, su questo blog ho manifestato molto scetticismo circa la bravura nel mercato dell'ex DS della Roma, che mi auguro faccia più un manager a 360°, lasciando ad altri (Macia?) la responsabilità di scoprire/valutare i talenti, dato che lui a Roma non ne ha portato neanche uno (ciò che ha fatto di buono è stato portare gli Juan, i Riise e i Pizarro, potendo pagare ingaggi dai 3 milioni in su).

    Ovviamente mi terrò pronto ad ammettere di essermi sbagliato nel caso in cui Pradè facesse bene, anzi non vedo l'ora di ammetterlo, dato che il mio interesse non è voler avere ragione, ma veder costruita una bella Fiorentina.

    RispondiElimina
  12. Ops, avevo letto male, il post a cui rispondevo era di Louis e non di Lele

    RispondiElimina
  13.  L’ex portiere ed ex dirigente della Fiorentina Giovanni Galli a Lady Radio commenta il mercato della Fiorentina
    fino a questo momento: “Ancora non ho capito chi fa le trattative in
    casa viola, credo che ci sia una continuità tra Corvino, Macia e Pradé:
    l’affare El Hamdaoui ne è l’esempio ed anche Hegazy è un colpo fatto a
    suo tempo dall’ex direttore sportivo viola. Credo che l’olandese sia un
    ottimo giocatore di seconda fascia se trova il gradimento di loro tre”.
    In merito a Svedkausas non riscattato dalla Fiorentina e messo sotto contratto dalla Roma: “E’ stato fatto un errore clamoroso: la Fiorentina
    lo ha valorizzato in questa stagione, è stato il migliore portiere al
    Viareggio e ha fatto bene nel campionato Primavera: perderlo a zero è
    stato un errore”.

    RispondiElimina
  14. Scenario da incubo per Gian Aldo, con Rasputin Corvino che continua a comandare il gioco nell'ombra, muovendo i suoi pupazzi Pradè e Macia...

    RispondiElimina
  15. beh a chi l'ha premiato come miglior portiere del Viareggio deve esser sfuggita quella doppia papera di Viareggio che ho appena raccontato qua sotto

    RispondiElimina
  16. Zeman a Roma, Sabatini che mantiene il contatto con Pradè, Roma alla ricerca di un terzino destro adatto al gioco di Zeman...Mica mica gli regaliamo anche Piccini, mo?

    RispondiElimina
  17. Ecco se vendessero Piccini mi incazzerei davvero, era (Camporese e Babacar a parte) il Primavera che mi piacque di più nel 2010/2011, molto più di Carraro e Iemmello

    RispondiElimina
  18. Ho letto che ha firmato un quinquennale a 300000 euro netti a stagione, più il costo del cartellino che non conosco. Se è vero qualche perplessità l'avrei avuta anch'io. Regalare? non era nostro, non si è regalato proprio niente. Si era pagato 50000 euro il prestito per un anno con diritto di riscatto che non
    abbiamo esercitato. 300000 euro netti li prende Neto dopo aver fatto un campionato in serie A ed essere nel giro della seleçao, li prende un portiere di livello A cosa che Svedkauskas non solo ancora non è, ma che deve dimostrare di saper diventare. Ha doti e potenzialità, anche se è un po' basso, ma deve ancora dimostrare tutto a certi livelli. Un conto è giocare in primavera, un conto tra i prof e lui non ci ha giocato mai.

    RispondiElimina
  19. Chiarificatore4 luglio 2012 14:53

    Vitalogy, io metto anche in conto, ed  a questo punto spero, che Svedkauskas non sia,
    come dici tu,  tutto quel fenomeno . Resta
    il fatto che la Roma di Zeman lo ha immediatamente ingaggiato con un contratto
    quinquennale a 300 milioni annui. Questa così differente valutazione suona  incomprensibile, non credi?

    RispondiElimina
  20. Tocca è scoppiata l'epidemia del grillismo. Criticare è molto più semplice che proporre o, peggio ancora, fare. Ma sei matto? se uno fa qualcosa c'èpoi subito la schiera dei grillini che critica!

    RispondiElimina
  21. Tecnicamente non si è regalato, ma di fatto sì, perché avevamo il diritto di riscatto e non l'abbiamo esercitato. Non ricordo la cifra esatta fissata con Corvino, ma era bassa. Quanto allo stipendio, 300.000 non è poco, ma non è affatto detto che la Fiorentina l'avrebbe pagato tanto...anzi, conoscendoli, lo escluderei, ehehe. Per l'aver giocato solo in Primavera, vale più per i giocatori di movimento, credo, un portiere ha modo di far vedere quel che vale in qualunque categoria...Semmai è tutto da dimostrare come regga la pressione, che tra i professionisti è cosa del tutto diversa, ma è ovvio che certezze assolute su un 18enne non ne puoi mai avere. Ne parlavamo tempo fa, lo ritenevo il miglior giovane in assoluto, tra quelli che avevamo da lanciare, che sia partito non lo vedo un buon segnale...

    RispondiElimina
  22. Breaking News: stamattina sul treno rapido Firenze -Milano un amico viola era seduto vicino al duo Pradé-Cognini diretti a Milano per la riunione di Lega. I due erano sfavati per come i giornali riportavano la situazione Berhami. Poi ad un certo punto Pradé al telefono (evidentemente con un giornalista) intimava di scrivere che il centrocampista sarà convocato per il ritiro/raduno. A quelo punto, Gnigni interviene e dice di non essere d'accordo e di non far scrivere nulla. Vediamo se il mio amico mi ha preso per il sellino o se siamo già di fronte ad un Pradé in amministrazione controllata da Gnigni. Se fosse così, farei davvero fatica a continuare a credere nella attuale proprietà... A dopo per gli aggioranmenti. 

    RispondiElimina
  23. Chiari la valutazione che gli ha dato la Roma è sicuramente di stima infinita, considerando che è un 18enne che ha fatto solo la Primavera.
    Comunque con l'episodio che ho raccontato non volevo sminuirlo, su di lui ho letto tanti elogi e può darsi che nell'unica volta in cui l'ho visto io abbia commesso l'unica papera, che comunque dimostra almeno che il premio di migliore del Viareggio gli è stato dato con giudizio sommario.

    RispondiElimina
  24. Io continuo a vedere molto più grave e delittuoso quanto stanno facendo con Neto, con questa fissazione di Viviano. Perdere un buon prospetto per non volerlo pagare come un giocatore fatto può essere discutibile e il futuro dirà chi ha avuto ragione tra  Pradè e Sabatini, ma perdere un portiere fatto e bravo per andare a buttar via i soldi dietro ad un altro che è peggio lo ritengo molto più grave.

    RispondiElimina
  25. Il diritto di riscatto era probabilmente basso, ma poi ti dovevi metter d'accordo anche col giocatore e procuratore e, se gli avevan fatto sventolare quei compensi, non sarebbe stato facile. Magari c'erano già stati degli scazzi, tutte cose che è difficile sapere. Senza contare che anche la società lituana dalla Roma avrà beccato molto di più del diritto di riscatto viola, e tu credi che abbia facilitato le cose alla Fiorentina?

    RispondiElimina
  26. Orcio ma che Gnigni, presidente e longa manus di Diego comandi il dipendente Pradè è quasi ovvio, o di cosa ti meravigli? Basta che non voglia dirgli compra questo e non comprare quell'altro, cioè basta che non entri nelle competenze specifiche, ma sui comportamenti con la stampa, come mi sembra fosse il caso, di sicuro ci mette il becco.

    RispondiElimina
  27. Chiarificatore4 luglio 2012 16:28

    La versione di Jordan sull’affaire  Svedkauskas mi sembra la più verosimile,
    incluse le considerazioni  su dettagli
    che ci possono sfuggire. Non rimane che sperare, faziosamente ,che i dubbi di
    Vitalogy ,relativi al suo valore, siano fondati. 

    RispondiElimina
  28.  "Senza contare che anche la società lituana dalla Roma avrà beccato molto
    di più del diritto di riscatto viola, e tu credi che abbia facilitato
    le cose alla Fiorentina?"...Il problema, se si riscattava noi, non si poneva. Diverso il discorso sullo stipendio, ma il giocatore fino a pochissimo tempo fa dichiarava che sperava di essere riscattato, poi vai a sapere...Forse semplicemente s'è spaventato per la vicenda Cassani, e ha temuto di finire anche lui tra le capre nella profonda Saregna, all'Hotel Supramonte, ahahah. Comunque a questo punto spero proprio non si riveli un campione, ché vederlo tra tre anni a difendere la porta della Roma al posto di Stekelenburg mi prenderebbe male.

    RispondiElimina
  29. TOCCA L'ALBICOCCA4 luglio 2012 16:58

    A me però qualcuno mi deve spiegare come si può andare avanti con questo tipo d'informazione sportiva.I siti viola scrivevano fino a pochi minuti fa(salvo poi correggersi in corsa facendo finta di niente) che Piccini passa allo Spezia con diritto di riscatto,frase che ha un suo preciso significato.
    Poi va sul sito della Fiorentina e si parla solo di cessione a titolo temporaneo che è già diverso.Sul sito dello Spezia si parla di diritto di riscatto della metà,che è un'altra cosa ancora ma con la Fiorentina in grado di riportarlo a casa se lo riterrà opportuno.
    Che c'abbia ragione De Laurentiis?

    RispondiElimina
  30. Deyna, non lo so perchè non l'hanno riscattato, ma, ripeto, a me fa molto più incazzare che perdano Neto che non che non abbian riscattato il lituano. Tra i due, oggi, non esiste paragone, domani chissà?

    RispondiElimina
  31. De Laurentiis ha di sicuro ragione, in quel che ha detto, non in generale, ovvio. Se ne cazzotta dieci, su nove almeno aveva ragione.

    RispondiElimina
  32. Non vorrei che Montella sia caduto in trappola come i suoi predecessori. E mi spiego: se alleni il Catania hai un budget limitato, aspirazioni limitate. Ma i tifosi lo sanno, non si aspettano molto e sono indulgenti. A Firenze, a fronte di un budget basso, le aspirazioni sono grandi e i tifosi pretendono. Siamo un Chievo con una tifoseria da Inter e una dirigenza schizofrenica, che prima taglia il budget poi fissa obiettivi impossibili da raggiungere con quel budget. Tuttavia mi pare giusto attendere. Lo si e' fatto tante volte e le cose non sono mai andate bene. Ma la pazienza e' tanta e arriveremo a fine Agosto. A quel punto pero' se la squadra e' debolissima voglio essere libero di dirlo senza essere definito traditore della causa. E' un problema di onesta' intellettuale.

    RispondiElimina
  33. No LZ la tifoseria non è da Inter, è proprio da Chievo e forse neanche lì, perchè è deleteria. Il monte salari è da prima metà della classifica perciò lì dovresti situarti, più o  meno su o giù dipendendo da quanto sono stati bravi gli attori. Ma attori son tutti, anche i tifosi, che qui invece vorrebbero mettersi a tavola apparecchiata, mangiar bene e criticare se questo è poco cotto,. lì c'è poco sale, il bicchiere da vino non c'è, etc...Movi il culo, applaudi,e incita, portale anche tu le posate, troppo facile mover solo le mascelle!

    RispondiElimina
  34. Facundo Roncaglia e' il protagonista della famosa poesia di Borges "El lateral" apparsa in Fervor de Buenos Aires,

    RispondiElimina
  35. Vitalogy, la partita col Vicenza al Viareggio l'ho vista anche io e sull'azione del rigore possiamo dir tutto tranne che fosse rigore, x me l'arbitro ha invertito il fallo.
    Svedkauskas è un gran portiere e ne riparleremo tra un paio d'anni se non prima.
    La ricostruzione ipotetica di Jordan su come si potrebbe esser svolta la faccenda non mi trova d'accordo, il diritto di riscatto ce l'avevamo noi e la Roma avrebbe potuto fare ben poco, la trattativa x l'ingaggio era una cosa successiva. Sved è un classe 94 e per 5 anni prenderà 300mila € netti a stagione, questo la dice lunga sul valore del giocatore.

    RispondiElimina
  36. TOCCA L'ALBICOCCA4 luglio 2012 18:16

    Per quello che so io,Ludwig,la rottura è insanabile anche a fronte di una buona campagna
    acquisti,del resto ho già scritto più volte che siamo ai titoli di coda e poco importa stilare
    classifiche su chi ha più colpe o meno.
    Sarebbe più importante che chi può si cominci a preoccupare di trovare una nuova proprietà,la stampa invece potrebbe cercare intanto di limitare i danni ed evitare di continuare a soffiare sul fuoco perchè si può dire che la squadra è debolissima ma sarebbe un suicidio,se così debole sarà,abbandonarla a se stessa ed è quello che invece sta accadendo e questo non ci fa molto onore come tifoseria oltre a fare il gioco dei nostri avversari.
    Molti dei quali non stanno meglio di noi ma hanno capito prima che qui di quattrini ne girano pochi e fanno buon viso a cattivo gioco in attesa di tempi migliori.
    Uno stadio intero voltò fisicamente le spalle ai Pontello ma per ripeterlo oggi e perchè abbia l'effetto di ieri manca l'ingrediente principale,il pubblico.
    O Firenze torna a riempire lo stadio oppure si autocondanna alla mediocrità,perchè una
    Fiorentina senza tifosi non vale nulla non solo per i DV ma anche e soprattutto per chi
    dovesse cercare un motivo per il quale investire nel calcio.
    Dando per scontato che chi e se arriverà,non sarà mai un presidente tifoso,di quelli non ce n'è più e lo si è visto nel 2002.
    Chi si illude del contrario rimarrà molto deluso.
    Quindi la Fiorentina e Firenze possono sì divorziare dai DV,ma occorrerà subito dopo che questa città si dia un rimbellocita ed offra qualcosa in dote altrimenti il rischo di rimanere zitella è alto,è dura trovare marito con questi chiari di luna...

    RispondiElimina
  37. Deep, ri-premettendo (come ho già provato a fare prima) che:
    - non conosco Svedkauskas perchè l'ho visto solo quella volta,
    - mi rifiuto di giudicarlo per questa cappella che magari è stata l'unica della sua vita,

    se non è rigore questo bisogna abolire i rigori dal calcio
    (minuto 13.59 2°t. della partita, nonchè minuto 01: 06: 03 del video)

    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-043c6194-e6e3-4113-817a-c39af77d4405.html

    RispondiElimina
  38. Provo a dare un altro spunto di discussione. E' in atto un riposizionamento per cui societa' come Milan e Inter non potendo permettersi giocatori di prima fascia si orientano su giovani italiani, promesse internazionali e parametri zero. Chi come la Fiorentina puntava su questi giocatori subisce la concorrenza dei club piu' grandi. Le piccole societa' sono favorite perche' i loro giocatori sono contesi. Fiorisce inoltre il mercato dei parametri zero tanto amato dai procuratori.

    RispondiElimina
  39. Ludwig la "catena" è quella che hai descritto te, d'altronde lo sai che da anni i club italiani in Europa sono sempre meno competitivi. Aggiungici poi il fatto che tanti club esteri sono sempre più appetiti dagli sceicchi (sono loro quelli che tirano fuori i soldi... trovatemi un club inglese con un patron inglese che regala soldi suoi), mentre quelli italiani, un po' perchè faticano a tenerne il passo, un po' per la recessione economica che coinvolge o rischia di coinvolgere in primis le controllanti delle squadre di calcio, si stanno rassegnando (oppure chissà, si stanno riorganizzando e sarebbe anche meglio) alla situazione e stanno andando verso l'autofinanziamento, che impone la riduzione dei costi, a partire dal monte-ingaggi.

    RispondiElimina
  40. Ripeto, io se fossi te mi indignerei molto di più per come stanno trattando Neto. Vedremo tra due anni chi è Neto e chi è Svedkauskas. Il valore del giocatore lo si vedrà quando avrà cominciato ad inanellare campionati professionistici,ancora non ha nemmeno cominciato. Quanto alla trattativa, se riscatti un giocatore che non ci vuole stare cominci a letigarci dai 18 anni? e poi sei proprio sicuro che si trattasse di un diritoto di riscatto a cifra prefissata?

    RispondiElimina
  41. Però quello della foto è un bel culo, non ci distraiamo troppo col pallone|

    RispondiElimina
  42. però Ludwig ho dei dubbi sul finale del tuo post: le 3 squadre a strisce (e un po'anche Roma e Napoli) per via dei diritti-TV avranno sempre a disposizione budget spropositati rispetto alle altre, a meno che prima o poi non arrivi il giorno in cui Sky e le altre TV non stabiliscano che non vale più la pena pagare 1 miliardo di euro l'anno (che ora se lo piglian quasi tutto Juve-Milan-Inter) e magari pagheranno ad esempio 200 milioni, danneggiando in primis le 2 strisciate che vedrebbero ridotto il gap di fatturato tra le 3 strisciate e le altre.

    RispondiElimina
  43. ovviamente intendevo dire le 3 strisciate, non 2

    RispondiElimina
  44. ehm... mi sono impappinato perchè nella fretta non ho riletto, comunque penso che il concetto sia chiaro

    RispondiElimina
  45. Se quello che dice Tocca è vero, e non ho motivo di dubitarne, in pratica si sta gettando via il bambino con l'acqua sporca.  Non vedo cosa possa offrire in più Firenze oltre quello che ha e cioè il nome ed il prestigio.  Lo Stadio?  Forse ma non credo ci sia in giro tanta gente che possa finanziare il progetto. Anzi, non vedo in giro nessuno pronto a rilevare la società, se è per quello.  Quindi prevedo che il bambino finirà male e saremo punto e daccapo con molte meno chance di trovare un altro bischero disposto a confrontarsi con questa pazza piazza. Mi devo preparare per le bocce?

    RispondiElimina
  46. Jordan, ammetto di non conoscere bene Neto come probabilmente lo conosci te. Però, sinceramente, per quel poco che l'ho visto, a me tutto è sembrato fuorchè uno da convocare nel Brasile o comunque uno da considerare un possibilie craque. Su Viviano, non so perchè, mi sembri aver preso un'altra cantonata stile Prandelli. Non sarà Toldo, non sarà Buffon o chissà chi, ma io lo ricordo, e non solo io, ottimo a Bologna e nel giro della Nazionale. Sinceramente, dovessi scegliere io, anche domattina, tra il brasiliano e il fiorentino non avrei dubbi a favore del secondo. Poi vedremo, ma continuo a dire che spero arrivi Viviano. Sul giovane della Primavera, cifre sugli ingaggi a parte, mi pare evidente la cazzata, aldilà dell'aspetto tecnico, perchè perdere un prospetto da tutti ritenuto notevole, per non voler esecitare un diritto di riscatto che non ci avrebbe certo dissanguati, non si spiega un granchè bene. Non voglio pensar male, ma se faccio uno più uno e partendo dal fatto che ritengo Pradè un professionista non proprio bischero trovo difficile spiegarmi questa decisione di lasciare il giovane, bada caso, proprio alla roma...

    RispondiElimina
  47. Louis ti vorrei chiedere quante volte hai visto Neto per essere così categorico. Se l'hai visto quelle quattro volte che gli han concesso a Firenze a distanza di sei mesi una dall'altra, a parte le ultima due dove non è andato affatto male, direi che è un po' poco per giudicare un giovane portiere di ventidue anni. Io l'ho visto, in Brasile, almeno una ventina di volte ed era da tutti ritenuto una grande promessa del calcio brasiliano nel ruolo, tanto è che Mano Menezes lo convoca tuttora per la selezione olimpica ed ha grosse probabilità di entrare nei 18. E' una selezione olimpica, praticamente una Under 23 com tre fuori quota, non è la seleçao, però se leggi la formazione vedrai che siamo a livelli alti. Il Brasile non ha mai vinto un Olimpiade e ci tiene da matti. Viviano non mi è mai piaciuto, non è un problema di adesso. Un portiere brindellone che esce male e non ha presa. Nell'Under 21 gliene ho viste combinare di brutte. L'Inter non lo vuole, il Palermo gli preferisce Ujkani, il Genoa non lo ha voluto. E' andato benino solo a Bologna, in serie A. Ma più ancora mi fanno incazzare i motivi della scelta, non perchè è bravo, ma perchè è tifoso ed i vuturiani sarebbero contenti. Finchè si deciderà per far piacere ai vuturiani se ne imbroccheranno poche.

    RispondiElimina
  48. Sì però non scherziamo. Non capisco perchè tu debba pensare che il fattore esterno (tfosi) sia così importante, lo stesso motivo che ti ha fatto sostenere che i risultati degli ultimi due anni siano stati colpa (anche, o soprattutto) del fattore ambientale (sempre i tifosi). Ora allo stesso modo non si pùò pensare che se prendono Viviano lo fanno per contentare Vuturo e company. Per me rimane un buon portiere, l'Inter non lo prende perchè andrà su uno migliore, il Palermo, se gli preferisce Uikani, fa una gran cazzata, non è che se decidono di mollarlo vuol dire chissà cosa. Ci han venduto Toni per due spicci e sembrava avessero fatto l'affare del secolo, se è per questo.  E comunque a Bologna ha fatto benone, non benino, arrivando in nazionale. Neto, come già ti avevo ampiamente predetto, l'ho visto poco, ma gli ho visto fare un paio di cappelle che Buffon al debutto non ha commesso. Non vorrà dir nulla, ma, ripeto, per quel pochissimo che ho visto, ci andrei cauto ad affidargli la maglia da titolare, mi fido più di un Viviano motivatissimo, Neto, come già ho scritto, andrebbe mandato a giocare, possibilmente in Europa e non in Brasile.

    RispondiElimina
  49. Intanto vorrei riportare un fatto curioso.Il presidente del Palermo Zamparini è intervenuto,stamani, a RadioBlu per parlare di Emiliano Viviano: ''ll portiere andrà via da Palermo al 90%, ma è molto difficile che approdi alla Fiorentina. I viola non mi sembrano abbastanza interessati, ormai a mio avviso è una pista morta''. Nessun sito viola ha riportato la notizia, pur avendo parlato sull'argomento, come da prassi quotidiana, ma riportando notizie  molto più edulcorate (parole di Miccichè e Perinetti). Delle parole del capo, nulla. Solo alle 20 Firenzeviola si decide e riporta la notizia dicendo che Zamparini alza il prezzo. Insomma quando ci son cose contrarie alla religione dominante, non si dicono. Non è che mi illuda, Zamparini e i suoi fanno il gioco dei carabinieri, quello buono, quello serio e quello cattivo, però perchè nascondere quello che non piace?

    RispondiElimina
  50. Su Viviano la penso più o meno come Jordan, anche se devo ammettere che quando lo vidi giocare da giovanissimo col Cesena mi rammaricai che la Fiorentina l'avesse perso, perché pensavo potesse crescere e migliorare tantissimo. Penso sia diventato un discreto portiere, tra l'altro ottimo pararigori, ma con limiti ben precisi. Peraltro non so come abbia recuperato dal grosso infortunio, a giudicare dalle partite giocate col Palermo non bene...Mi dan da pensare però i giudizi di Sarti e Galli, che ne parlano benissimo. Neto l'ho seguito parecchio ai tempi dell'Atletico Paranaense: volevo veder giocare più spesso Chico, che mi aveva impressionato, e finii per rimanere "catturato" anche da altri due giocatori, Rhodolfo, e appunto Neto. In Brasile parava molto bene, magari concedendo il giusto alla platea, ma era impressionante per agilità, senso della posizione e freddezza. Andava molto bene anche in uscita. Non credo diventerà un fuoriclasse del ruolo, ma una grossa sicurezza sì. Di Svedkauskas ho detto, ha mezzi incredibili e molta, molta personalità, un vero peccato averlo perso. Anche Lezzerini mi ha impressionato, ha il vantaggio dell'altezza, ma anche difetti in più da limare.

    RispondiElimina
  51. I portieri non si giudicano dalla cappelle, a meno che non ne facciano parecchie, ma da come parano, da come sanno stare in porta e fuori, da come dirigono la difesa, dall'agilità, dalla presa, dalla reattività. In tutto questo Neto è superiore a Viviano che, quanto a cappelle, ne ha fatte più di Neto, anche perchè ha giocato


     di più, ovviamente. Le cappelle le fa anche Buffon, vedi quella col Lecce, e gravi, ma ciò non toglie che sia un grande portiere. Poi queste gran  cappelle di Neto io non le ho viste, gli ho visto sbagliare un rinvio con la Roma che causò il terzo gol di una partita già persa. Ma se a uno di ventidue anni cui fai giocare una partita ogni quattro mesi, vai a misurare gli errori di rinvio, è meglio tu pensi ad altro.

    RispondiElimina
  52. Deyna, Sarti, Galli, Mareggini e Albertosi parlano male di Boruc che per me vale tre Viviano. O parlano per antipatia personale ho abbiamo criteri diversi di giudizio.

    RispondiElimina
  53. Mareggini e Albertosi non so, ma Sarti e Galli mi par di ricordare che hanno speso belle parole per Boruc, se vuoi le ricerco. Unica cosa, mi sembra, Galli criticava la sua mancanza di comunicazione con la difesa, ma per il resto lo definiva un ottimo portiere.

    RispondiElimina
  54.  http://www.calcionews24.com/esclusiva-sarti-la-fiorentina-non-e-ancora-guarita-boruc-portiere-di-livello.html

    http://www.fiorentina.it/notizia.asp?IDNotizia=107599

    RispondiElimina
  55. Secondo il mio modestissimo parere con Viviano al posto di Boruc (era lui il titolare fino all'ultima stagione) peggioriamo la situazione ma Boruc se n'è voluto andare e non ci si può far niente. Io però prima di affidare la porta della Fiorentina a Neto che non gioca da 2 anni lo manderei in prestito e chiamerei Viviano che è vero che non lo vogliono ne all'Inter ne al Palermo e ne al Genoa ma all'Inter ne hanno oggettivamente meglio, al Palermo hanno Ujkani di proprietà e la metà di Viviano che è l'unico dei 2 che ha mercato e il Genoa........ma x favore, il Genoa quest'anno aveva Destro e Immobile e li ha dati via x far giocare prima Pratto e poi Gilardino, non sono attendibili! Intanto Viviano è nel giro della Nazionale Maggiore dopo un infortunio gravissimo.

    RispondiElimina
  56. Chiarificatore5 luglio 2012 08:51

    Nelle, troppo poche , volte in cui ci è stato dato di vederlo,
    a me Neto, tutto sommato, è piaciuto, mi ricorda moltissimo Toldo, nello stile
    e  nel modo di stare tra i pali. Nel suo
    caso le Olimpiadi, dove spero abbia  la
    possibilità di mettersi in mostra e di arricchire la propria esperienza,  vengono al momento giusto per la Fiorentina. Mi
    piace più di Viviano che ,nonostante la maggiore esperienza , mi sembra a
    rendimento meno costante e quindi meno affidabile. Il fatto poi che Viviano sia
    un tifosissimo viola lo può rendere simpatico ma non può essere l’aspetto che
    lo rende preferibile a Neto tra i pali. Pesa  invece
    a sfavore di Viviano, anche a parità di valore , che lui costa, Neto no perché è
    già nostro,  e considerando il budget
    limitato quei soldi li impiegherei in altri ruoli dove siamo più scoperti. Io punterei
    coraggiosamente su Neto, mettendogli dietro uno di esperienza a fine carriera. Ovviamente
    si tratta di  un’opinione personale e
    discutibilissima,  tanto più che nello
    stesso modo io avrei tenuto Romizi, Piccini e Svedkauskas ,ma prendo atto che
    in società chi ne sa più di me e decide la pensa diversamente.A proposito,  per  i
    fedeli alla linea: da oggi Lezzerini è molto più forte di Svedkauskas.Eh eh eh.

    RispondiElimina
  57. Incomincia una fase di attesa, che tanto varrebbe trascorrere in silenzio, meditando nell'eremo di Camaldoli. Ogni giorno avremo nuove voci e nuove smentite. Va almeno aggiunto che: a) il budget a disposizione di Pradè è modesto; b) il tetto ingaggi basso; c) la campagna acquisti sembra per adesso ricalcare l'ultima di Corvino, tanto che c'è chi si chiede se il Corvo sia stato davvero licenziato o non continui ad operare dietro le quinte. Negli ultimi anni corviniani abbiamo già sperimentato simili attese. Incoraggiato dall'incrollabile ottimismo di Jordan, mi sono più volte rassegnato ad attendere l'ultimo giorno per poter fare il punto serenamente. Purtroppo arrivati a quell'ultimo giorno si constatava che non era cambiato granchè. Talvolta, come a febbraio dello scorso anno, siamo stati obbligati a constatare che c'era stato un ulteriore ed evidente peggioramento. Oltre che i titolari preoccupano le riserve e le seconde linee. Ogni anni il parco delle seconde linee viene depauperato. I contratti scaduti non vengono rinnovati e giocatori utili alla causa lasciano Firenze senza essere sostituiti. L'altr'anno toccò a Santana e Donadel. Per carità, probabilmente il loro ciclo fiorentino era finito, ma se fossero arrivati dei giovani e ambiziosi al loro posto nessuno avrebbe avuto niente da ridire. Nell'insieme ed in attesa di maggiori chiarimenti, mi sento obbligato a ribadire che la Fiorentina attuale è un Chievo Verona destinato a lottare per la salvezza, con una proprietà che sogna l'Uefa e una tifoseria che sogna la Champion. Mi auguro che Montella sia consapevole delle insidie del suo ruolo. Se a Catania la squadra fa male, nessuno ha niente da ridire. Se succede a Firenze, scatta la sindrome della nobile decaduta che non accetta di dover andare a mangiare alla mensa della Charitas. 

    RispondiElimina
  58. Concordo al 100% con Ludwig ! E intanto Gillet va al Toro per quattro lenticchie...

    RispondiElimina
  59. Credo che a Firenze, se occorre, debbano abituarsi a mangiare alla mensa della Caritas, anche perché ci hanno messo molto del loro per arrivare a tanto. Per un paio d'anni almeno sarà vietato sognare l'Europa in qualsiasi forma, ma il monte ingaggi, seppur ridotto, è pur sempre da metà classifica, non da lotta per la salvezza.
    La campagna acquisti sarà lunga e difficile, ma l'inizio non mi è dispiaciuto. E' evidente che non possiamo permetterci di comprare i top players (ma almeno uno l'abbiamo in squadra), però buoni giocatori sì e soprattutto funzionali al gioco che intende sviluppare l'allenatore.
    Io sono moderatamente ottimista, anche perché è difficile fare peggio degli ultimi due anni. Ho fiducia soprattutto in Montella che mi sembra un tecnico giovane e preparato. L'importante è che gli diano i giocatori adatti e non comprino a casaccio.

    RispondiElimina
  60. Io non sono ottimista sono realista e siccome non mi aspetto la luna, non rimango deluso. Credo però che operando bene, si possa fare bene anche con i mezzi a disposizione, che è del resto quello che succede con chi ha i mezzi nostri ed opera bene.

    RispondiElimina
  61. Io faccio una semplice considerazione: quest'anno, con Viviano al posto di Boruc, saremmo quasi certamente retrocessi.

    RispondiElimina
  62. McGuire quindi si parte subito con ambizioni di centro classifica ?! Dopo solo due anni fa, non una vita, che vincevamo un girone champions!!! Penso che qualche critica (eufemismo) si possa muovere alla società o no ?! Qui ci si nasconde dietro un dito, si parla di bilanci virtuosi, che non ci sono stati negli ultimi due anni, a seguito di un depauperamento della rosa e dei risultati e di un abbassamento del monte ingaggi per rientrare in certi parametri. Giusto. Andiamo a scuola dell'Udinese allora. Riguardo il portiere seguo, come al solito, Jordan. Viviano nulla toglie e nulla aggiunge a quello che avevamo. Non mi preoccupa perdere Svedauskas ma non dare una chanches a Neto. In Brasile non sono più cretini di noi, se lo considerano buono (e non hanno una gran tradizione salvo Taffarel e Julio Cesar) un motivo ci sarà. 

    RispondiElimina
  63. Leo, per me Viviano certamente non aggiunge nulla, ma toglie tanto a quello che avevamo, ossia Boruc. Solo il lancio di Neto potrebbe "consolarmi" della partenza dell'Holy Goalie - perché penso che in un paio d'anni possa arrivare vicino a quei livelli - e di Svedkauskas, che vedevo davvero come una grande promessa per il futuro, nemmeno troppo lontano, perché mi sembra già molto forte mentalmente. Ho anche fiducia in Lezzerini, ma di lui riparleremo tra qualche stagione, è bravo ma molto acerbo. Seculin invece non mi sembra essere migliorato molto in questi anni, è folle chi lo propone per la porta viola.

    RispondiElimina
  64. Lezzerini ha grossi mezzi fisici, (a Svedkauskas gli dà dieci centimetri che, nel calcio del 2000, non sono pochi) ma è un '95 che, proprio per la sua complessione fisica, deve lavorare tanto sull'agilità, oltre che, ovvio su tutto il resto che, a diciassette anni non può aver affinato. Stiamo paragonando frutti acerbi, anche se molto promettenti, con frutti già buoni da mangiare. Di Seculin e di Viviano si sa tutto ormai, perchè Seculin, a differenza di Neto è stato mandato a giocare e, prima, almeno in primavera giocava. Seculin è oggi un portiere da serie B, Viviano uno che può giocare anche in A, ma non a livelli eccelsi. Con Boruc non c'è gara, troppo meglio il polacco. Per me non c'è nemmeno con Neto quando gli avranno fatto riprendere il tempo perso.

    RispondiElimina
  65. Sì Jordan, ovvio che quando si parla di Svedkauskas ['94] e Lezzerini ['95] si parla di frutti acerbi, proponibili come titolari in A solo tra quattro anni, ad essere ottimisti. Anche se Sved secondo me potrebbe sorprendere tutti anche in questo senso, e bruciare le tappe. Non so, io in questo portiere ci vedo qualcosa di speciale, e a questo punto spero tanto di sbagliarmi!

    RispondiElimina
  66. ahahah ci tocca anche augurare carriere mediocri a ragazzini lituani per non doversi mangiar le mani...

    RispondiElimina
  67. Questa è una delle partite che Neto ha salvato all'AP, col Cruzeiro http://www.youtube.com/watch?v=yulmrajgGlo&feature=player_detailpage

    RispondiElimina
  68. Svedkauskas l'ho visto giocare poco, solo alcune volte in primavera, e non mi ha fatto tutta questa impressione che ha fatto a voi, però posso essere stato sfortunato negli incontri. Se la Roma gli ha offerto quel po' po' di contratto magari avete ragione.

    RispondiElimina
  69. Ma certo Leo che la società è criticabile. Ci mancherebbe. Se la squadra si è indebolita notevolmente da allora e che diverse colpe la società per questo le abbia. E la cosa più tragica è che si è indebolita la squadra, senza al contempo salvare il bilancio.
    Certo, l'Udinese è un esempio virtuoso di come si dovrebbe condurre una società di medio calibro qual'è la Fiorentina. Ma loro possono farlo prima di tutto perché hanno un'organizzazione societaria molto evoluta nello scoprire nuovi talenti e, seconda cosa, non hanno una tifoseria di rompicoglioni che ti mette sotto accusa anche se vendi un giocatore buono, ma assolutamente rimpiazzabile come Behrrami.
    Credo che se quest'anno disputassimo un onorevole torneo di centroclassifica, giocando un buon calcio e facendo crescere i giovani buoni che abbiamo, avremmo fatto abbondantemente il nostro. Ma vallo a speigare a Vomituro, al Berciador e a tutta quella manica di pseudo giornalisti extra grammaticali, che impestano giornali e siti fiorentini, divertendosi a gettare benzina sul fuoco un giorno sì e l'altro pure.

    RispondiElimina
  70. Conoscevo il video e vidi anche la partita, Jordan, ma a dire il vero queste non mi sembrano parate sensazionali, tranne forse l'ultima...Vero anche che Neto ha la dote di far apparire più semplici le cose difficili, grazie al senso della posizione. Non è insomma un saltimbanco alla Frey. Vitalogy, da ieri sono uno dei più feroci gufi del povero Svedkauskas,  vederlo sfondare a Roma mi costerebbe il fegato, ahaha

    RispondiElimina
  71. E' li' che è il bello, far apparire facile il difficile che è la dote dei grandi portieri, incluso Boruc e, di sicuro, non incluso Viviano. Quella è una partita, non è un collage di belle parate raccolte in un campionato, guarda però che l'ultima è notevole, le altre facili, perchè era lì, ed hai visto che tende a tenere la palla in mano appena possibile, anche lui.

    RispondiElimina
  72. e allora pigliatevi tutte queste:http://www.youtube.com/watch?v=7toskrxMN5A&feature=player_detailpage

    RispondiElimina
  73. Chiarificatore5 luglio 2012 17:02

    Mi sembra che anche i video di Neto confermino la sua
    somiglianza a Toldo, con una spruzzata di  Sarti, ma non Bianco Sarti, intendo Giuliano Sarti, eh,eh,eh.
    Quanto a  Svedkauskas,  ferma i buoi, io per lui le mani sul fuoco, come ad
    esempio per Romizi, non le metto, e neppure 
    lo considero al livello di un Piccini, tanto per fare un esempio, nel
    lituano vedo più o meno quello che vedo in Lezzerini, pur nella loro differenza
    strutturale e stilistica ( differenza che gioca a mio parere a favore di
    Lezzerini), e cioè due portieri già  molto
    promettenti per quanto  giovanissimi, che
    avrei tenuto entrambi. Non so però quali erano i termini del riscatto che aveva
    in mano la Fiorentina , credo che l’offerta fatta dalla  Roma sfondi di non poco i limiti contrattuali
    previsti dalla viola per i giocatori della Primavera, per cui non so  se c’era la possibilità di trattenerlo alle
    condizioni nostre e neppure se valeva la pena fare per lui un’eccezione così grande
    sui limiti contrattuali , avendo in casa 
    un Lezzerini  che è , grosso modo,
    dello stesso livello.

    RispondiElimina
  74. Mc accetto il centro classifica solo se vedremo fiorire qualche giovane sconosciuto altrimenti che si usi quella parola che fa venir l'orticaria a tutti. 

    RispondiElimina
  75. Leo, non è questione di accettare o non accettare. La nostra dimensione attuale questa è. Ripeto che sono fiducioso nella qualità di Montella e spero solo che sappiano comprargli i giocatori adatti. Non sono buono a fare voli pindarici né amo indulgere al pessimismo più nero. Solo il campo ci potrà dire la verità

    RispondiElimina
  76. Ma infatti non criticavo il portiere, Jordan, ma la tua scelta del video, eheh. In quest'ultimo invece si evidenziano tutte le qualità di Neto, per chi non l'avesse mai visto giocare. Ti ricorderai che ero anch'io entusiasta quando Corvino lo prese, anche perché lo pensavo portiere destinato a una grande squadra...Ora gran parte dei tifosi l'han già bocciato per le sue presunte papere [che io ricordi, l'unico errore fu un rinvio maldestro contro la Roma, quindi nemmeno un errore tecnico in senso stretto], quando ha giocato pochissime partite ufficiali, a distanza di mesi una dall'altra...e invocano a gran voce Viviano. Che altro dire. Per me Neto è potenzialmente un grande portiere, e dico potenzialmente solo perché è fermo da una vita. E' vero Chiari, un po' lo ricorda, il nostro Toldone, pur con una struttura più leggera, con tutto quel che comporta. Però in certe parate lo stile è simile.

    RispondiElimina
  77. Deyna, io a Neto gli ho visto sbagliare più di un rinvio di piede, quest'anno ha giocato contro Cittadella, Empoli e Roma in coppa Italia e Atalanta in campionato e in ogni partita ha toppato minimo 2 o 3 rinvii coi piedi, chiaro segno di difficoltà nel fondamentale specifico.

    RispondiElimina
  78. Io penso tu ti sbagli col rumore del tram, caro Deep. Neto ha sbagliato due rinvii di piede quest'anno, col Gavorrano (grande match di cartello) per faciloneria e con la Roma, piuttosto ha avuto lo sculo che in entrambe le occasioni ha preso goal. Boruc, che ritengo grande portiere, ne sbarella, lui sì, due o tre a partita, ma non cessa per questo di essere grande portiere. In campionato ha giocato anche col Cagliarie  ti ha salvato la partita (per quello che contava) all'ultimo minuto. Che un portiere brasiliano abbia difficoltà nel fondamentale specifico del calcio alla palla è roba da regno della fantasia. Trovane un'altra se ti sta sulle palle.

    RispondiElimina
  79. L'agente di Sved (si fa prima) ha parlato oggi a Radio Blu e ha detto che intanto la data di scadenza per esercitare il diritto di riscatto era il 31 maggio (quando per esempio Pradè ancora non c'era) e non il 30 giugno, scadenza invece del contratto di prestazioni. La Fiorentina non l'ha esercitato ed ha cominciato una trattativa a scendere cercando di includere bonus a rendimento. Dopo venti giorni di tricche e tracche è intervenuta la Roma che in un giorno ha definito tutto. Cosa vuol dire potere e volere spendere.

    RispondiElimina
  80. Mc la nostra dimensione questa è non per destino avverso, non voglio ritornare su discorsi triti e ritriti ma siamo a questo punto non perché ci siamo sempre stati e non perché si è deciso di diventare virtuosi dato che non ci è riuscito nemmeno quello. Fatta questa premessa, da tifoso, un campionato da centro classifica lo accetterò solo se si verificheranno certe condizioni, quelle da te espresse, altrimenti avrò tutto il diritto di esprimere quello che penso conscio del fatto che non toglierà il sonno a nessuno e che non avrà, neanche fossimo in molti, il potere di invertire la deriva intrapresa. O si deve continuare vita natural durante a sostenere ambiente avverso, campagne fallite o eupalla contraria ?! No che non si continua così.

    RispondiElimina
  81. Chiarificatore5 luglio 2012 20:25

    Nella sostanza il discorso cambia poco, ma, giusto per la
    precisione, stavo cercando informazioni sull’altezza di Svedkauskas e mi sono
    imbattuto in un paio di siti giallozozzi dove si dice che i contatti della
    Roma con l’entourage di Svedkauskas,  e
    la relativa proposta di ingaggio, risalgono al Torneo di Viareggio. Se fosse
    vero si sarebbe trattato di una situazione compromessa da tempo e di dover, da
    parte nostra, dar vita ad un'asta.

    RispondiElimina
  82. oh ragazzi, via, l'è da ieri che si parla di Svenkansas... 

    RispondiElimina
  83. L'asta si è resa possibile noi quando non si è riscattato al valore a contratto entro il 31 maggio. Di lì poi tutto era lecito. L'agente dice che ha trattato con la Fiorentina, che voleva risparmiare sul lesso, per venti giorni, prima di rivogersi alla Roma. Se è vero o no non lo so, ma se, senza far tante trattative si dava quanto previsto entro i termini scritti non ci poteva essere asta. C'è da dire che il 31 maggio non c'era più Corvino e non c'era ancora Pradè.

    RispondiElimina
  84. Vitalogy, pezzo notevole, una sventolauskas altro che storie!

    RispondiElimina
  85. Spero l'apprezzi anche Deyna, sebbene la fanciulla in questione abbia già compiuto ADDIRITTURA VENTISETTE ANNI....

    RispondiElimina
  86. Chiarificatore5 luglio 2012 23:03

    Corvino o non Corvino preferisco pensare che non fosse così  semplice , ad esempio che il diritto di riscatto
    prevedesse comunque una trattativa sull’ingaggio e sulla durata del rinnovo, sul
    quale i procuratori possono aver  giocato, visto che a quanto pare stavano
    giocando da tempo su un altro tavolo, altrimenti anche in una fase di vuoto di
    potere saremmo di fronte ad un vuoto organizzativo da mettersi le mani ai
    capelli.

    RispondiElimina
  87. Vitalogy, per non farci mancare nulla, una tantum ci concediamo anche il brivido della gerontofilia, ahahaha

    RispondiElimina
  88. Chiarificatore6 luglio 2012 00:01

    "Sul quale i procuratori possono aver giocato" sta per "sulla quale i procuratori possono aver giocato".

    RispondiElimina