.

.

sabato 21 luglio 2012

Mouna, nessuna e centomoena

Dopo l’inchiesta shock sulla solitudine degli inviati, grazie alla quale è stato scoperto cosa si nasconde dietro l’uso d’intelligenze animali spacciate per giornalismo, Moena è diventata per la Bice pericolosa quanto Damasco, o almeno come un congiuntivo d’emblèe di D’Amico, una tensione in quota che si potrebbe allentare solo con l’arrivo di Della Valle. Ho fatto una lunga chiacchierata con lei nella mattinata di ieri, perché ero preoccupato per i rischi di ritorsione di una certa frangia di quella categoria che si ritiene di un altro pianeta, e che proprio la Bice ha scoperto essere il pianeta delle scimmie. Però mi ha subito rassicurato, come del resto ha fatto Pradè con Montella, e mentre a Vincenzo è stato confermato l’arrivo dei giocatori promessi, la promessa della Bice è stata quella di tenere gli occhi ben aperti, un eccessiva tranquillità la sua, una sorta d’imprudenza della superiorità che mi ha fatto temere per la sua incolumità. Ma è talmente sveglia da non temere agguati neanche quando invece sveglia non è, sostiene infatti di essere come un cowboy, capace di dormire con gli occhi aperti, anzi, una volta compresa la mia preoccupazione relativa alla gestione della fase REM, ha voluto rasserenarmi inviandomi la foto di copertina che ne evidenzia proprio la particolarità del sonno leggero, che è poi quella che le permette di mantenere alte le difese da eventuali agguati, e non solo dal letto. E se non arriva ADV a Moena, intanto arriva la pioggia insieme alla richiesta di 900.00 euro di Moratti, un’evoluzione cabarettistica della vicenda Viviano che rischia di oscurare anche la verve creativa di Benedetto Ferrara. Intanto continua ancora la convalescenza di Cuadrado, e menomale che era stato operato con tecniche innovative, meno invasive proprio per accorciare i tempi di recupero, una tecnica che ha dato comunque modo allo spiritaccio becero fiorentino di sottolinearla quella caratteristica del nuovo acquisto, capace di accusare patologie adolescenziali proprio durante le visite mediche, tanto che in Santo Spirito già lo chiamano Buadrado. Che la Bice sia stata ormai isolata in quella polveriera che è lo spogliatoio degli inviati, è un dato di fatto, la guerra è in atto e le gelosie offuscano la ragione, al punto che nessuno gli passa più neanche la penna, poi c’è chi fa il finto amico, ma solo per fregarla, l’ultimo episodio increscioso, al limite del wudù, è stato quello di ieri quando a Moena si è presentato il Guetta, motivando la sua inaspettata presenza col desiderio professionale di venire a conoscere di persona quel fenomeno mediatico, e David, una volta conosciuta ha cercato di rigirarla con una serie di complimenti accompagnati da smancerie inenarrabili, e poi ha voluto esagerare offrendole un caffè per conto di Radio Blu, specificando con fare insidioso, che non era un semplice caffè servito al banco, ma una confezione speciale, un’edizione limitata che le veniva consegnata con stima e soprattutto con spirito benaugurante per la sua carriera.

91 commenti:

  1. Chiarificatore21 luglio 2012 08:27

    Qualcuno vuole spiegarmi che aria tira davvero a Firenze attorno alla Fiorentina? Non ci sto capendo un cazzo. Ma almeno io ho l’attenuante di vivere lontano da Firenze, perché a quanto pare ancora meno di me ci stanno capendo i giornalisti fiorentini. Oltre alla campagna stampa locale tesa a gettare fango, incertezze, sospetti, calunnie sulla Fiorentina, c'è un sondaggio del sitone formulato e lanciato, furbescamente per aumentare i contatti ,ma disonestamente perché  offre  l’opportunità  ai rosiconi sabotatori di mentire e  di per fare un po’ più di danni alla Fiorentina. Si chiede infatti, nel sondaggio, se  rinnoverà  o farà l’abbonamento anche a chi abbonato non è e non può esserlo, ma può invece dichiarare di esserlo stato o di volerlo diventare, ed anche moltiplicarsi artificiosamente tramite le opportunità che offre la rete. Risultato quindi scontato, conoscendo l’aria artificiale e distruttiva che tira nel sitone, i 2/3 dichiarano che non rinnoveranno o non faranno l’abbonamento. Naturale allora aspettarsi una campagna abbonamenti disastrosa. Ma chi se ne frega, penseranno in redazione, quello che conta sono i contatti. Non solo chi se ne frega, penseranno le varie redazioni, proprio questo vogliono, il caos, le incazzature, uno cento mille striscioni e cori offensivi già a Moena, così magari i permalosi DV se ne vanno e lasciano campo libero  ai veri imprenditori fiorentini, inetti o meno che siano. Succede invece un cosa strana, che questa campagna orchestrata  sembra non sortire l’effetto negativo sperato, perché la campagna abbonamenti sembra che sia partita  bene, meglio dell’anno scorso, nonostante il  momento più difficile delle famiglie italiane, nonostante la Fiorentina sia ancora incompleta, nonostante la cattiva informazione. Sembra che stia andando meglio dell’anno scorso, sia perchè la campagna abbonamenti è stata impostata bene, sia perchè a Firenze ci sono tanti tifosi viola di buon senso, non solo perché sono come deve essere un vero tifoso, ma anche perchè sono più ottimisti e non si lasciano travolgere dal pessimismo programmato, sono più fiduciosi, più convinti di quanto sta succedendo in casa viola, delle prime scelte, dell’aria nuova che finalmente nello spogliatoio si respira quest’anno. Al punto tale che il Cecca, con in tasca il suo bel sondaggio falso e distorcente,  non ci capisce più niente, e, tutto stizzito, spiazzato e smentito dai fatti, chiede che qualcuno gli spieghi cosa significano tutti questi rinnovi “improvvisi” ed inaspettati rinnovi. Che siano falsi? Che ci sia dietro un diabolico artifizio dei DV?

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore21 luglio 2012 08:43

    Alla fine della sesta riga c'è un "e di" di troppo ed a metà della penultima riga c'è un "rinnovi" ripetuto.

    RispondiElimina
  3. E' vero quello che scrivi, Chiari, però bisogna anche tenere in considerazione il fatto che il sitone non rappresenta che una minima parte dei tifosi viola. Bisogna tener presente che la maggior parte di coloro che seguono il sitone sono tempestati 24 ore su 24 da notizie pessimistiche ancorché non verificate, se ci aggiungi che il 90% dei suddetti non è che siano delle cime in grado di valutare...il gioco è fatto, secondo il sondaggio del sitone i 2/3 non rinnoveranno/faranno l'abbonamento mentre secondo i dati reali a 3 giorni dalla fine della prima fase (che non dovrebbe essere la fine della prelazione, qualche abbonato tipo Tocca potrebbe illuminarci in proposito) già sono state staccate più tessere rispetto alla fine della prelazione dell'anno scorso. Alla facciaccia loro!

    RispondiElimina
  4. Chiari, anch'io non posso seguire tutte le partite a Firenze. Ma capisco lo stato d'animo di chi è incerto se sottoscrivere o no un abbonamento. Lo scorso anno guardare le partite si trasformò spesso in una vera e propria sofferenza. E pagare in anticipo per uno spettacolo tanto brutto può suscitare una certa inquietudine, oltre alla sensazione di aver fatto davvero un cattivo affare. La società dichiara di volersi prendere tutto il tempo a disposizione per perfezionare gli acquisti. Ma pretende che ci si abboni prima di averli perfezionati. E dunque allo stato attuale ancora non si sa se nello spettacolo ci saranno Gassman e Pavarotti, e non piuttosto Nino d'Angelo e Lino Banfi. 

    RispondiElimina
  5. Antognoniforever21 luglio 2012 10:39

    Anche se io non sono Fiorentino (nel senso di abitante di Firenze), penso di aver capito che i Fiorentini siano dei bastian contrari, siano sempre a bubare (dalle nostre parti si dice mugugnare, Chiari), pero' se vedono che qualcuno li incita a bubare allora, come per dispetto, non lo fanno piu', o lo fanno meno. Forse la campagna stampa anti-Fiorentina (nel senso della societa' viola) sta ottenendo risultati opposti.

    RispondiElimina
  6. Lz bisogna fare un distinguo: il tifoso è uno spettatore? va a vedere la Fiorentina come va a vedere un concerto o un film o uno spettacolo teatrale? Se si ritiene solo questo, un fruitore passivo di un evento, il tuo discorso è giusto. Fatemi sapere quello che mi darete ed io deciderò se pagare o meno. Però il tifoso era altro, era uno che voleva partecipare insieme alla sua squadra, che rappresentava la sua città, voleva essere il dodicesimo uomo e voleva esserlo che ci fossero in campo Bruzzone e Ricciarelli o che ci fossero Rui Costa a Batistutta. Il tifoso ci va lo stesso, ci va in C2 con Maspero, ed ora fa le boccucce per Roncaglia? Il dodicesimo è quello che si è estinto ed è rimasto solo lo spettatore e darne la colpa solo alla proprietà lo trovo molto semplicistico.

    RispondiElimina
  7. Figurati se non sono d'accordo, Jordan, con quello che scrivi. La psicologia di chi sceglie la Fiorentina come propria squadra è particolare. Si tratta infatti di una squadra che non vince certo un trofeo ogni anno. Eppure viene ugualmente amata e sostenuta. E' come se ogni anno nascessero nuove speranze. A me pare però che proprio sul piano della speranza queste ultime Fiorentine si connotino negativamente. Non lasciano spazio all'immaginazione. E dopo averle viste giocare due o tre volte suscitano la depressione. Tanto che diversi amici miei pur molto appassionati hanno smesso di seguire le partite anche dopo aver sottoscritto abbonamenti o contratti tv. Perchè c'era da soffrire e basta. Ora si è a un bivio: sia con Jovetic che senza bisognerà pure cercare di proporre una squadra intorno alla quale si possa concepire una minima aspettativa. 

    RispondiElimina
  8. Chiarificatore21 luglio 2012 11:15

    Ludwig, la tua è  una considerazione  di carattere general-generico buona per tutte le stagioni e persino un po' fredda e impropria , se riferita  alla passione per la maglia che dovrebbe scuotere, sempre ed in ogni circostanza, l'animo di un tifoso. Infatti è  assurdo il paragone che fai col cinema e col teatro, dove  il tifo non c'entra un piffero, c'entra solo ed esclusivamente il valore della rappresentazione e degli interpreti. Infine hai completamente frainteso il significato di quanto ho scritto qui sotto. Se leggi bene , non mi lamento per ipotetici pochi abbonamenti, al contrario ho sottolineato quanto sia partita bene la campagna abbonamenti a dispetto dei sabotatori, presunti tifosi viola.

    RispondiElimina
  9. Non è il mio caso, ma ci sono persone che si stanno distaccando. Forse paradossalmente si tratta dei più appassionati, di quelli che alla domenica stanno male se la Fiorentina perde. Per queste persone una stagione come quella appena passata è stata un calvario. E cominciano a chiedersi se valga la pena di ricominciare a soffrire. Di qui la legittima richiesta di conoscere gli attori della rappresentazione. Non perchè il calcio sia teatro, per carità. Ma perchè la presenza di attori dignitosi costituisce una garanzia contro la sofferenza.

    RispondiElimina
  10. E concludo: da quando tempo non vedevate una Fiorentina tanto brutta quanto quella dello scorso anno? 

    RispondiElimina
  11. Ludwig di sicuro quella del 2001-2002 dall'inizio alla fine del campionato, poi quella del girone di ritorno del '92-93, e quella del girone di ritorno del 2009-2010.

    RispondiElimina
  12. Il calo di spettatori c'è in tutta Italia, non solo a Firenze, e lo devi a tante cause:
    -prima la tua potevi vederla solo allo stadio, poi è arrivata c'è sky, poi il digitale e ora pure lo streaming gratis. Il tutto al riparo da grandinate e venti gelidi;
    -la TV, permettendo di vedere quanto siano moderni oggi non solo gli stadi inglesi, ma quelli di quasi tutta Europa, ha portato tanta gente a declassare gli stadi di casa nostra e far considerazioni del tipo "ma chi me lo fa fare?";
    -c'è tanta gente che non gradisce biglietti e abbonamenti nominali, per il cui acquisto tra l'altro si fa molta più coda;
    -allo stadio si sono aggiunte altre seccature, ad esempio se entri con un bottiglietta d'acqua ti sequestrano il tappo, se hai le sigarette ti requisiscono l'accendino, ecc.;
    -decidere la domenica stessa di andare allo stadio con la famiglia e andare a fare il biglietto non è più semplice come una volta;
    -tanta gente, avendo visto grazie alla TV la composizione del pubblico in altri paesi, è stufa di alcuni gruppi di persone che tendono a voler dettar legge nelle curve;
    -benchè ci siano Primi Ministri che ti dicono "Crisi? No, i ristoranti sono pieni", anno dopo anno aumenta esponenzialmente il numero di cassintegrati e disoccupati.

    RispondiElimina
  13. Ah, dato che avete fatto il parallelismo col cinema: ma se i cinema sono sempre più vuoti (specie quelli dei centri cittadini, che stanno chiudendo tutti), è perchè i Della Valle hanno fatto disinnamorare i cinefili?

    RispondiElimina
  14. Non sono d'accordo Ludwig, non puoi paragonare il calcio con il cinema o il teatro. I tifosi, secondo me, se fossero tali non dovrebbero nemmeno avere dubbi se rinnovare o meno. Se fossi di Firenze sarei sempre tra i primi a rinnovare l'abbonamento, a prescindere dal mercato, dalla categoria, dalla proprietà, ecc..
    Chi accusa i DV di essere la causa maggiore dello svuotamento del Franchi mi fa sorridere, ci sarebbe da chiedergli come mai il Franchi a Fiorentina Steaua Bucarest, nel giorno che sanciva il nostro ritorno in Champions dopo 10 anni, e nel massimo splendore dell'era DV, non c'era il tutto esaurito? Il tifo a Firenze (e forse non solo) sta cambiando in peggio da ben prima del "cambiamento" dei DV perché i tifosi di una volta non avrebbero mai lasciato tutti quegli spazi vuoti in un'occasione così importante.

    RispondiElimina
  15. Agroppi come commentatore è molto severo. La sua Fiorentina, è vero, fu una delle peggiori di sempre. Ma va dato atto a VCG di aver preso molto seriamente la cosa. In B si presentò con uno squadrone e stravinse il campionato. La seconda retrocessione avvenne mentre si susseguivano le voci del fallimento. Ora di fallimento non si parla ma i giocatori forse hanno colto il clima di smobilitazione e non si sentono motivati. Per quanto riguarda la crisi economica, non nego certo che ci sia. Ma l'aspetto finanziario non è al primo posto tra i motivi che spingono certi tifosi a non seguire la squadra. Prevale lo scetticismo e il timore di soffrire ancora pene indicibili come quelle dello scorso anno, Delio Rossi incluso.

    RispondiElimina
  16. E' perchè l'odio, per gran parte immotivato, per i padroni è più forte in tanti dell'amore per la Fiorentina. Il gioco bello e brutto son balle, si è visto e si vedrà giocar molto di meglio (anche con questi odiati padroni) e molto di peggio, la classifica idem, ma è la speranza che è stata uccisa, scientemente, ma non dai DV che non ne hanno nessun interesse, ma da questa pletora di idioti che col calcio ci campano, come parassiti e che, invece che mirare a sostenerlo, lo minano alla base. C'erano più speranze con Melloni e Longinotti? no c'erano meno orde di ragazzini travestiti da giornalisti!

    RispondiElimina
  17. Condivido il post di Jordan parola per parola. Troppa gentaglia semianalfabeta si spaccia per giornalista  e fa più danni della grandine. E la colpa è soprattutto dei siti internet dove si raccolgono pletore di questi scemi che, oltre a non conoscere la sintassi italiana, hanno pure gravi problemi con l'ortografia. A loro quotidiano tam tam contro la società è dovuta questa scarsa affezione che pare si stia impadronendo dei tifosi. L'unica cura valida sarebbe un buon campionato condito da un gioco divertente ed in questo senso credo di essere abbastanza ottimista. Intanto stanno facendo piazza pulita di coloro che hanno segnato gli ultimi deludenti due anni e mezzo e questo è già un buonissimo passo avanti.

    RispondiElimina
  18. Non è l'odio per il padrone, è il giramento di coglioni nel vedere ridotta così una passione, perchè quello che manca, da due anni sempre più, è la scintilla che ti spinge a rinnovare il tuo abbonamento, che ti fa vivere on frenesia i mesi estivi, nell'attesa della nuova stagione, è l'annuncio di qualche campione, magari strappato a club più blasonati, che venga a Firenze non solo per i maledetti quattrini...  Ma perchè (anche se non si scrive, ma è un rafforzativo per rendere l'idea...) Jovetic non vuol rimanere, perché i buoni giocatori non rinnovano, perché le promesse ci scansano come la peste, perché i parametri zero ci sfuggono, perchè, perchè, perchè e ancora perchè, Jordan? Per i tifosi che ce l'hanno col padrone? Finchè non ti leverai questa fandonia dalla testa non si troverà un punto d'incontro...

    RispondiElimina
  19. Chiarificatore21 luglio 2012 14:07

    Giustissimo quello che dici  McGuire,  il primo passo avanti importante è stato il repulisti,
     e se c’è nell’ambiente  dei tifosi qualche accenno di speranza e di
    ottimismo, così come l’apertura della campagna abbonamenti lascia intendere, è
    proprio dovuto a quello. L’anno
    scorso a questo punto avevamo un organico, sulla carta, più completo e qualificato
    di oggi ma paradossalmente c’era più pessimismo di oggi , così come la campagna
    abbonamenti dimostrò. 

    RispondiElimina
  20. Allora il calo di spettatori in tutti gli altri stadi d'Italia a chi è dovuto? I DV hanno ucciso la passione anche ai tifosi delle altre squadre italiane?

    RispondiElimina
  21. Si tratta di due fenomeni diversi e non confrontabili. Una parte del pubblico non rinnova perchè ha seri problemi economici e considera l'abbonamento un lusso. Altri, che pure hanno i soldi, nutrono dubbi sul valore della squadra. Sarebbe errato sottovalutare e l'uno e l'altro aspetto.

    RispondiElimina
  22.  Fiorentina-Steaua Bucarest è stato uno dei punti più bassi del [non] tifo a Firenze negli ultimi 40 anni. Il rientro in grande stile dei viola nel calcio internazionale avrebbe meritato non dico lo stadio pieno, ma un quadro meno desolante del mezzo vuoto che ci fu, sì. E invece si aspettavano le partite di cartello, come, appunto, si fosse a teatro. Di più, a teatro non si va più nemmen solo per assistere allo spettacolo, si vuole anche montare sul palco: da qui il vuturismo, e gli svantaggiati che si sobbarcano il viaggio fino a Moena, per andare a contestare con le loro magliette ad uso stampa locale [fiorentina]. Poi per carità, se a mercato chiuso la squadra sarà ancora incompleta o/e non competitiva, la contestazione è anche giusta, ma farla ORA, e soprattutto durante il ritiro, andando ad avvelenare il clima e disturbando il lavoro di chi la stagione la dovrà giocare, è inqualificabile.

    RispondiElimina
  23. Non può esistere una rinuncia all'abbonamento legata alla campagna acquisti, o alla proprietà, chi diserta giustificandolo con simili motivazioni, è allo stesso livello di quei quattro buontemponi che vanno a Moena con la maglietta dell'imbecillità. La passione è un'altra cosa per favore, è roba seria e non da circo come il naso da pagliaccio che viene messo giustappunto alla propria passione.

    RispondiElimina
  24. Concordo con Jordan, Vitalogy e Deyna.

    RispondiElimina
  25. E la scintilla ce l'avevi con Melloni e Longinotti, con le campagna acquisti che si limitavano a Zagano o a Ricciarelli e Bruzzone o quando si riusciva a strappare all'Ascoli Bertarelli e Steno Gola? Eppure dementi con la maglietta non si facevano centinaia di chilometri, allora, per andare a rompere le palle in ritiro. Magari si protestava anche, ma dopo, non a prescindere. Ora è l'odio per il padrone ricco e, secondo voi, non abbastanza idiota da buttar via i suoi soldi per la Fiorentina, alimentato da una classe di "media" che è a livelli vomitevoli, che sta creando, da due anni a questa parte, un clima dove non può nascere che gramigna. Per lottare contro questo clima fanno errori anche clamorosi come il voler portare a tutti i costi Viviano a Firenze, errori cui non avrebbero nemmeno pensato in un clima normale.

    RispondiElimina
  26. Io è dal 2009 che non vado allo stadio, per grossi problemi familiari che mi impediscono di spostarmi. Ma già allora l'aria era cambiata, rispetto al tifo che conoscevo, che per me rimane quello degli anni '80 [ma c'è da rimpiangere anche gli anni '90...]. Soldi alle pay tv e a Sky non ne dò per principio, e mi guardo la mia Fiorentina in streaming, esercizio che è diventato quasi piacevole e divertente, con le immagini che a volte si bloccano sul più bello, per riprendere dopo 10 secondi, quando ti accorgi che Montolivo è sempre lì che cincischia palla al piede. Irrinunciabile ormai il commentatore argentino, che con la sua verve riesce a farti ridestare nel bel mezzo di soporifere partite. Il sondaggio del sitone sul leniniano "che fare?" riguardo all'abbonamento è il culmine della campagna destabilizzante preventiva. "A
    tre giorni di distanza da quel dato in sterzata ne è uscito uno nuovo,
    con una differenza di circa 4mila tessere rinnovate in più. Nessuno
    mette in discussione il dato ma è curioso capire (e studiare) come mai
    c'è stata questa impennata in un momento dove non è arrivato nessun
    giocatore, la squadra è incompleta e le voci su una partenza su Jovetic
    si rincorrono giorno dopo giorno....", scrive il Cecca: quasi quasi gli rispondo.

    RispondiElimina
  27. Ludwig c'è anche il fenomeno del cambiamento del mondo, con nuovi media che, oltre a far concorrenza allo stadio (come ai cinema, come ai dischi, come ai libri, come ai giornali, ecc.), ti mostrano quanto siano vetusti gli stadi italiani, sempre meno adeguati a reggere la concorrenza dell'offerta televisiva e del web.

    Non potete raccontarmi che in Italia gli stadi si svuotano per la crisi, con l'eccezione di Firenze in cui la colpa è dei Della Valle.

    Quando ero bambino, nel giro di pochissimi anni ho visto vendere Bertoni, Passarella, Berti, Massaro, Galli, Antognoni, Battistini, Diaz, Baggio (forse ne dimentico qualcuno): i Pontello avevano forse ucciso la passione per la Fiorentina?

    RispondiElimina
  28. Chiarificatore21 luglio 2012 14:49

    Io  francamente non riesco  a capire come si possa dare ai DV la
    responsabilità del calo spettatori. Per arrivare ad una farneticazione del genere
    bisogna essere totalmente frastornati dalle storture del WEB e dall’odio verso
    l’imprenditore che rappresenta  l’inettitudine
    degli imprenditori fiorentini . Il calo spettatori è dovuto ai motivi che ha
    lucidamente elencato Vitalogy ai quali va aggiunto, a Firenze,  il disastroso rendimento di una rosa che sulla
    carta era di assoluto valore, e di chi l’ha allenata in questi due anni e
    mezzo. Tutto lì.

    RispondiElimina
  29. Chiarificatore21 luglio 2012 14:53

    Sono esattamente  quelle allucinanti parole del Cecca che tu hai riportato, Deyna, che mi hanno spinto a scrivere il mio primo commento o, per meglio dire, sgomento stamattina sotto questo topic. 

    RispondiElimina
  30. Chiarificatore21 luglio 2012 15:06

    Sensazionale lezione di guida al
    mondo e conseguente Pole Position di Alonso. Stracciati tutti sotto la pioggia,
    la Ferrari  ha dominato le prove  grazie a lui, il Messi dell’automobilismo.

    RispondiElimina
  31. Bisogna tenere distinti i fenomeni. Una persona che sta perdendo il lavoro non rinnova l'abbonamento. Ci sono poi persone senza problemi economici che sono indotti a seguire meno la squadra perchè sono stanchi di soffrire. Non parlo solo di quelli che non si abbonano ma anche di chi la domenica non segue sky. E a quel che sento ce ne sono. Per aver vissuto i tempi di Zagano d'altronde si deve avere una certa età. I più giovani hanno vissuto più annate buone che cattive. E nelle serie inferiori la motivazione dei tifosi era altissima. Ma in quel caso l'obiettivo c'era. Questa società attuale pare morta. Capisco l'esigenza di combattere il Vuturismo o il Cuadrado club dell'anno scorso, ma non sottovaluterei certi sintomi. La tifoseria e' stanca, depressa, esaurita. E le montagne russe cui abbiamo assistito in termini di investimenti da parte dei Della Valle hanno contribuito a confondere le idee. Sicché l'identità della Fiorentina è in dubbio: squadra da Uefa come i primi anni? Squadra da Champion? Squadra da retrocessione? Non si sa più!

    RispondiElimina
  32. Si riparla di Cirigliano, speriamo...Che Passarella ce la mandi buona. Credo che ai Mondiali 2014 in Brasile vedremo nell'Argentina una coppia di centrocampo Mascherano-Cirigliano. E' un piccolotto, ma molto compatto e reattivo, ha gran senso della posizione, geometrie,  lancio, aperture, visione di gioco, "garra", personalità e intelligenza tattica. Veramente un volante di gran livello, considerati anche i margini di miglioramento [classe '92].

    RispondiElimina
  33. Perché questa società pare morta, Lud? Con lo stesso metro dovresti giudicare tutte le altre. Io credo che stiamo tutti quanti a farci un bel po' di seghe mentali. Il calo degli spettatori è generalizzato. Non è solo un fenomeno fiorentino. Ci sono la crisi economica. gli stadi vecchi e scomodi, la concorrenza delle tv a pagamento. Tutti fattori che inevitabilmente portano ad un calo di spettatori. A Firenze si deve aggiungere una stampa locale demente che sfrutta ogni sospiro per criticare la società, che non è né peggiore né migliore di molte altre, per creare artificialmente un clima di disfattismo-
    Io ho vissuto molto fa vicino il periodo della presidenza Melloni, con i vari Zuccheri, Gola e Bertarelli o quando le campagne acquisti portavano a Firenze solo gente come Bruzzone, Ricciarelli e Zagano. Allora eri veramente una squadra da retrocessione, ma la passione non mancava, anche perché la stampa lavorava in sintonia con la società ed i tifosi ed anche uno come Ezio Sella poteva venir celebrato come un grande bomber.
    Oggi invece si storce il naso per partito preso e sela stessa situazione si fosse replicata allora, col cazzo che un Antognoni sarebbe rimasto alla Fiorentina a vita. Uno come Ceccarelli, tanto per fare un esempio, non l'avrei assunto al giornale neanche per pulire i cessi e me ne sono passati davanti molti di aspiranti giornalisti in trent'anni e più di professione. Oggi, con l'esplosione dei siti web, molti filtri sono caduti e il primo ragazzetto, incolto come una capra e incapace di infilare due frasi corrette una dietro l'altra, può fregiarsi del titolo di giornalista. E poi ci domandiamo perché l'informazione in Italia è in crisi...

    RispondiElimina
  34. In quegli anni "ruggenti", Mc Guire, ero un bambino, ma già malato di Viola, e seguivo le partite [anche della Primavera, mi ero "innamorato" di Masala] con un giornalista de L'Unità, Loris Ciullini, amico di mio padre. Aspettavo in gloria il lunedì, per leggermi le pagine de La Nazione dedicate alla Fiorentina, con gli scritti di Sandro Picchi, Giampiero Masieri ed anche il Paloscia. Son tanti anni che non li leggo, ma rispetto a questi cronisti d'assalto da web fast food me li ricordo come giganti del pensiero e dello stile. Ricordo ancora un torneo estivo post-Argentina '78, con Fiorentina, Vicenza e Hertha Berlino: battemmo 2-0 i vicentini, doppietta di Sella, e sulla Nazione titolarono qualcosa come "Eziogol meglio di Pablito". No, il disfattismo non esisteva, né poteva attecchire.

    RispondiElimina
  35. PS: comunque alla fine Sella non era poi così malaccio, era partito bene, segnava, era mobile, sgusciante, e si inventava dei bei numeri in dribbling e palleggio, oltre ad essere un buon opportunista. Non ho idea del perché crollò verticalmente senza mai più riprendersi, in carriera, non ricordo nemmeno di infortuni...

    RispondiElimina
  36.  
    Ludwig, in questo blog credo di essere io il più giovane (il primo campionato che ricordo con un minimo di lucidità credo sia l'83-'84: maglia OPEL, Passarella e Bertoni i due stranieri, Antognoni che si rompe la gamba contro la Samp), ma francamente non penso di aver visto più annate buone che cattive rispetto a chi ha più anni di me.
    Ho visto più o meno, in estrema sintesi, lustri in cui si lottava per piazzamenti europei, alternati a lustri passati tra bassa classifica e categorie inferiori.
    Di piazzamenti europei non so quanti avrò visti centrarne, di sicuro più di 5 ma credo che non si arrivi a 10.
    Ho visto una finale europea nel '90. Più una semifinale nel '97 e una nel 2008.
    Ho visto 2 retrocessioni, un fallimento e la C2.
    Ho visto vincere la miseria di 2 Coppe Italia e una Supercoppa Italiana, nient'altro.
     
      

    RispondiElimina
  37. Non ho abbastanza anni, fortunatamente, per ricordarmi di Melloni e compagnia, ma posso garantirti che la scintilla ce l'avevo, eccome, ai tempi di BaggioBorgonovo, tanto per citarne una, o ai tempi di Eriksson per dirne un'altra, e non mi pare si lottasse per il campionato, ma non volete capire ciò che io e pochi altri, qua sopra, sosteniamo. Per voi son buontemponi o idioti quelli che vanno in ritiro a contestare, PACIFICAMENTE e CIVILMENTE, tra l'altro. Per me son dei grandi perchè, in maniera più che tranquilla, ci mettono la faccia. Non mi pare che a Napoli, Roma e anche Genova, ci sia stata la desertificazione in atto a Firenze da due anni a questa parte. Quindi, crisi a parte, c'è dell'altro, e sostenere che il danno lo fa chi si è rotto le palle di una certa situazione, è roba da chiodi, e non mi stancherò di ripeterlo. Per buona pace di tutti.

    RispondiElimina
  38. Jordan, a [s]proposito di Internacional, ma Oscar non se lo fila nessuno?  A me sembra più forte di tanti pseudocraque sopravvalutati...

    RispondiElimina
  39. La coppia Baggio-Borgonovo c'è stata un anno solo e coincide con "i tempi di Eriksson", che c'è stato due anni se non ricordo male.

    RispondiElimina
  40.  potrei proseguire, con la batistutabaiano, lo sciagurato anno di laudrupbatistutaradice, ma non è quello il punto, come mi sforzo di ripetere da molto, troppo tempo...

    RispondiElimina
  41. io gli ho già risposto, ma perchè sono scemo e non so nemmeno se l'hanno pubblicato, perchè se li attacchi censurano

    RispondiElimina
  42. No, sono delle emerite fave, perchè vanno a rompere i coglioni ad un bambino che sta nascendo, il clima si crea adesso soprattutto in un gruppo nuovo come quello che si sta creando. I nuovi arrivi si chiederanno: "ma dove siamo capitati se protestano prima ancora di cominciare?" e l'entusiasmo salirà alle stelle. La desertificazione la vedete voi che ci avete la fissazione e che avete fatto di tutto per provocarla, sotto le spinta di una stampa locale che dire idiota è offendere quelli che davvero hanno problemi di comprensione. A Genova han rischiato la B più di noi, gli han venduto tutti i migliori, Milito, Thiago Motta, Ranocchia, eppure son corsi a fare gli abbonamenti, perchè son tifosi e non quaquaraqua fissati e monomaniaci come voi.

    RispondiElimina
  43. Ciao a tutti, sono in quel di Soraga di Fassa ( vicino a Moena ) per le vacanze estive con la famiglia. Per caso qualcuno di voi cari tifosi viola amici de buon gusto e ospiti del poeta e mestro culianario Pollock si trova nei paraggi, così magari ci beviamo un birrozzo e mangiamo una Luganichina in compagnia?
    Ovviamente, senza ripercorrere i fasti della Bice, nè avere l'intenzione di eubarle il lavoro, sarò ben felice di inviarvi qualche impressione dal vivo.
    Ciao!!!!

    RispondiElimina
  44. Deyna, che non se lo fila nessuno lo dici tu, l'ha quasi preso il Chelsea a cifre da capogiro, rubandolo al Tottenham. La cantera dell'internacional, insieme a quella del Santos ne sforna a getto continuo.

    RispondiElimina
  45. Ciao Orcio, se vieni al ritiro mi riconosci dal naso rosso da pagliaccio. No scherzo, ahimè non ci sono...Jordan ero rimasto indietro allora, questa del Chelsea mi era sfuggita. Comunque di questo giocatore se ne è sempre parlato troppo poco, almeno in italia. Invece lo vedo un trequartista molto moderno e che punta al sodo, per qualche verso assimilabile a Giuliano. Comunque la scuola dell'Internacional mi è sempre piaciuta, un tempo sfornava grandi centrocampisti, come Falcao, Dunga e Paulo Cesar Carpegiani, che a me piaceva tantissimo.

    RispondiElimina
  46.  Questa risposta faziosa che pretende di interpretare i pensieri altrui, attribuendone colpe assurde e che da una descrizione della realtà che definirei come minimo fuorviante è il sigillo finale su quanto ti dico da mesi, per quanto mi riguarda la chiudo qua, discuteremo, semmai, solo di giocatori e tecnica, sul resto è impossibile, ne prendo atto.

    RispondiElimina
  47. Louis sul fatto che contestino CIVILMENTE ci sarebbe da discutere visto che gli striscioni sui Della Valle fuori dalle palle si sprecano così come i cori da stadio che insultano proprietà e dirigenza. Come dice Jordan il ritiro non è importante solo per far assimilare gli schemi ma anche per far preparare mentalmente oltre che fisicamente i nostri atleti. Come si fa a non capire che queste contestazioni portano solo danni alla Fiorentina io proprio non lo so, questi hanno bisogno di tranquillità per far gruppo e per prepararsi mentalmente alla nuova stagione che li attende e invece di incitamenti trovano questi dementi che insultano i loro datori di lavoro. Proprio l'ambiente giusto per iniziare una nuova avventura. Ci mettono la faccia, dici? Nemmeno troppo visto che si mascherano!!!

    RispondiElimina
  48. Non giustifico chi, adesso, va al ritiro della Fiorentina per protestare e non gli darei troppo peso visto che sono 4 gatti. Che 4 gatti rovinino un parto la vedo dura. Se più avanti se ne sommeranno altri vedremo, al momento non ingigantirei un problema rappresentato da un drappello di tifosi facendolo passare per un esercito. Da tifoso ottenebrato dalle sorti della "mia" squadra vedere andarsene il portiere, il centrocampista e, forse, la punta di diamante che hanno contribuito, molto più di altri, alla salvezza della Fiorentina non mi mette di buon umore quanto a prospettive. Boruc se n'è voluto andare, Behrami pure, e pare che Jovetic li voglia seguire, la domanda che mi farei è un'altra, perché questi giocatori, fra i più rappresentativi e fautori della salvezza non stanno bene a Firenze ?! Per i soldi!!! Ma dai, i soldi li prendono da tutte le parti, anche quelli che arriveranno non vengono per beneficenza e comunque il nostro tetto ingaggi non è fra i più bassi della serie A. Jovetic, torno a ripeterlo, sarebbe un danno relativo perderlo, con quei soldi (se glieli danno) si rifà mezza squadra ma il non riuscire a convincere un Boruc o un Behrami, non Buffon o Xabi Alonso, a rimanere in questa squadra da da pensare. Si parla di epurazione dei lavativi, di sfoltire quelli che hanno contribuito a fare queste due annate pietose, giusto, il polacco e lo svizzero non erano facenti parte della truppa, il contrario semmai e quando hai, più o meno, tre pezzi boni in tutta la rosa e due li cedi o li perdi in questa maniera capisco anche la delusione e l'amarezza del tifoso che vede andarsene i meglio fichi del paniere senza adeguati, al momento, rimpiazzi che facciano pensare che ci sia un seguito ai proclami già fatti, intempestivamente, tre settimane orsono. Quello di veramente contestabile di questa dirigenza è il riempirsi la bocca di parole e obbiettivi al limite della sbruffoneria dopo due annate di questo livello. Sanno bene cosa li aspetta, un mercato lungo e difficile, fatto di prestiti, compartecipazioni, parametri 0 e tanti artifici per far quadrare i conti, sanno che c'è da togliere tante rape ancora dall'orto, e che dovranno essere rimpiazzate con altre migliori. Per ora non si ha neanche quel portiere (meglio o peggio di Boruc o Neto lo vedremo) che pareva essere già preso. C'è tempo, inutile parlare di arrivi o partenze adesso, ci hanno detto, e lo sapevamo, che bisogna aspettare metà Agosto, facciamolo. Certo che le premesse non sono esaltanti al momento, si parla di bimbo in crescita ma qui mancano ancora 5 o 6 undicesimi nei titolari della prima squadra, non gettiamo la croce addosso ad uno sparuto gruppo di tifosi che manifestano insoddisfazione, a qualcuno può venir meno la pazienza e l'ottimismo e non mi sento di fargliene una colpa. Vediamo se i soldi presi dalle cessioni saranno sufficienti ad allestire una rosa per tornare in europa "subito". Se serve cedere il montenegrino ben venga ma reinvestiamoli 'sti soldi, che si abbia le idee chiare, Quadrado e Viviano (se viene) son solo due tasselli di un mosaico al quale mancano ancora tante tessere. 

    RispondiElimina
  49.  Leo, per la partenza di Boruc il tifoso medio è tutt'altro che deluso o amareggiato...L'hanno sempre sminuito, opponendogli il fantasma ingombrante [in tutti i sensi] di Frey, fino ad arrivare a fischiarlo quando in una difficile e decisiva partita casalinga teneva palla per difendere la vittoria, anziché lanciare Vargas. Non l'han mai fatto sentire a casa e apprezzato e lui, giustamente, se ne è andato. I vuturisti, ammesso che sia giusto contestare ora, non dovevano andare a rompere i coglioni alla squadra al ritiro, ma incatenarsi davanti alla sede della Fiorentina.

    RispondiElimina
  50. Boruc non credo proprio sia stato mandato via dalla proprietà, nè che abbia ceduto ad altre lusinghe visto che è tuttora a spasso, Se ne è andato perchè non sopportava i tifosi fiorentini e l'ha anche detto. Behrami se ne è andato soprattutto sotto la regia di Ramadani, tra il fatto che restasse o se ne andasse gli ballavano, all'iraniano 200000 euro l'anno, in tasca. Jovetic è sempre qui e tutte le voci ufficiali (Pradè e ADV) han sempre detto che resta. Ora se si deve capire perchè è andato via prima che sia andato mi sembra fatica inutile. L'impazienza della condanna proprio non la capisco. "Al rogo, al rogo" senza capire che ci si va anche noi insieme, comunque.

    RispondiElimina
  51. Deyna il fatto che abbia compiuto questa scelta mi lascia perplesso, come scrive giustamente anche il Vicchione, è tutt'ora a spasso. Possibile che alcuni giocatori preferiscano questa soluzione senza neanche avere una valida alternativa ?! Qualunque perdita: colpa della tifoseria, dei procuratori, per soldi....Pare siamo l'unica in Italia a dover fronteggiare certe problematiche. Non credo proprio. Manca qualcosa, da qualunque parte la si rigiri, allo stato attuale, non siamo appetibili, interessanti. Sicuro, un Viviano o un Quadrado non ce li faremo mancare anche in queste dimensioni ma bisognerà vedere se dopo un'annata esaltante (se e quando ne ricapiterà una) non si ascolti la stessa musica ad ogni sessione. Ritorno alle dichiarazioni fatte dalla dirigenza, si parla di europa "subito", di posizioni che ci competono, come pensiamo di raggiungerle, e soprattutto, di mantenerle ?! Usare chiarezza, quella si da subito, eviterebbe mugugni e malcontenti. Parlare, a sproposito, di europa quando una squadra è ben lungi dall'essere fatta non è un deterrente contro proteste e manifestazioni di dissenso, questo lo sanno anche i bambini, non questi dirigenti. 

    RispondiElimina
  52. Ora è venuto fuori che il prestito di Della Rocca è oneroso per un milione di euro!!! Mi volete spiegare perchè Viviano si avrebbe gratis e per quel fenomeno di Della Rocca si pagherebbe un milione? Non sarà come diceva quello scemo di Jordan, per fregare l'Inter che, magari, sul prestito di Viviano aveva concordato una compartecipazione col Palermo? e se ci s'incazzano hanno tutti i torti? Ora sembra che ADV stesso abbia telefonato a Zamparini e che all'improvvisio lo Zampa riscatti l'inter cartellino di Viviano! a me sembran novelle. Se è vero ci si è impegnati di sicuro a spendere e non poco (già 1,7 lordi di stipendio + quello di Della Rocca+1 milione di prestito oneroso, fanno più di 3 milioni spesi a cazzo che per noi non eran pochi). O la metà dell'Inter Zamparini la compre per interposta persona fcendoci pagare gli interessi, o il nostro diritto di riscatto diventa un obbligo come voleva lo Zampa. In ogni caso ci ballano altri 4 o 5 milioni!. Autofinanziamento vuol dire non fare cazzate e qui si continua, e questo è il problema. ADV poco presente? direi che lo è anche troppo, che pensi alle scarpe e lasci fare a Pradè e Macìa!

    RispondiElimina
  53. Deep, spero tu stia scherzando, perchè ci sono un mucchio di fandonie in quel che scrivi. A parte il fatto che "Della Valle fuori dalle palle" io non l'ho letto in nessuno degli striscioni apparsi a Moena, poi, se mettersi un nasino finto sopra a quello vero vuol dire mascherarsi allora quelli che entrano nelle banche per svaligiarle con le maschere dei presidenti che fanno, scherzano? Infine non mi risulta esserci stato nessun coro contro allenatore e giocatori, i bersagli sono altri e lo hanno capito anche i muri, figuriamoci se non se ne rendono conto i giocatori. Che poi, gente che prende miliardi, debba essere preventivamente giustificata o compatita perchè un gruppo di tifosi "contesta" chi li paga, neanche loro, semmai, è roba da cabaret, ma comprendo che rientri nella saga che prevede di dar la colpa ai tifosi di certi risultati, quindi tutto torna... 

    RispondiElimina
  54. Leo caro, fattene una ragione, la colpa è sempre e soltato dei tifosi...

    RispondiElimina
  55. Lontanissimi i tempi di Bruzzone. Si era a metà degli anni settanta. Da allora in poi a Firenze si sono susseguite tre presidenze ambiziose: Pontello, Cecchi Gori e Della Valle. Per alcuni aspetti l'andamento è stato analogo e ha disegnato una curva: prudenza iniziale, poi grandi investimenti seguiti da una progressiva stanchezza e riduzione del budget. Così i Pontello passano dall'acquisto di Pecci e Graziani ad un primo dignitoso ridimensionamento e chiudono il ciclo vendendo Baggio. Il pur generoso Vittorio è travolto dai suoi problemi personali. Ora la storia pare ripetersi. Singolare il destino parallelo del Napoli. Copiando Pontello Ferlaino acquista Maradona e arriva allo scudetto. Mettendosi sulle orme dei Della Valle De Laurentis arriva in Champion. Ciò premesso una squadra brutta come quella vista a Firenze l'anno scorso faccio fatica a ricordarla.

    RispondiElimina
  56. Louis, il fatto che tu non l'abbia letto non significa che non ci fosse, non sono solito scrivere fandonie, sarebbe molto più semplice e corretto da parte tua dire "io non l'ho visto" invece che dire "racconti fandonie" non ti sembra? Quella dell'essere mascherati era più una nota di colore, una battuta che, evidentemente non ti è piaciuta (o non l'hai capita). Sui cori io non ho mai scritto che fossero contro allenatore o giocatori ma solo verso proprietà e dirigenza ma di certo a un nuovo arrivato non fa piacere vedere che la società che l'ha appena comprato è in lotta coi tifosi (anzi, viceversa, sono i tifosi che sono in lotta con la società)....a me non lo farebbe. I miliardi poi, caro Louis, non c'entrano proprio un bel niente perché in ogni ambito lavorativo, a prescindere dallo stipendio, si lavora meglio se c'è tranquillità, non se c'è isterismo collettivo o contestazioni. Per me la cosa più intelligente (ma nemmeno, più normale, diciamo) sarebbe quella di evitare le contestazioni e lasciarli lavorare in santa pace per preparare la stagione e siccome questi non capiscono una cosa così semplice x me sono degli emeriti idioti. Il tempo per le contestazioni non mancherà di certo durante il campionato ma ora, porca paletta, lasciamoli lavorare in pace. Io resto dell'opinione che queste cose influiscono nell'andamento di una stagione (non saranno la componente principale ma una delle componenti sicuramente si) e mi rompe i coglioni che si permetta a questi idioti di mettere a repentaglio la stagione della mia squadra del cuore.Tu potrai anche non essere d'accordo con me ma ti prego di rispettare la mia opinione!

    RispondiElimina
  57. Leo, Boruc l'ha detto a chiare lettere: "me ne sono andato per via dei tifosi". Cosa c'è in questo passaggio che non hai capito?

    RispondiElimina
  58. Deep ma a me, più ancora di quattro imbecilli che si fanno quattrocento chilometri per andare a far vedere le magliette, il che potrebbe essere anche inquadrato in episodio di bassa goliardia, mi fanno incazzare quelli che gli danno spazio, che li celebrano come eroi sui siti e sui giornali, moltiplicando per mille un gesto infantile come se fosse davvero contestazione. Tutto quello che dici sull'influenza sul clima della squadra è vero e l'ho detto anch'io, ma erano in fondo sette-otto bischeri, però queste simpatie che suscitano nei media sono sospette e da esecrare, più ancora di loro che sono dei poveri "minus habens". 

    RispondiElimina
  59. Sono stato educato sin da bambino a rispettare l'opinione altrui, caro Deep, e se rileggi il mio post non troverai una parola che leda la tua posizione. Ho visto però il reportage con tanto di foto di quello che hanno appeso quei ragazzi e non c'era offesa nei confronti di nessuno, per questo ho scritto, e ribadisco, che hai scritto cose non vere. Che in qualsiasi ambiente si lavori meglio in santa pace siamo anche d'accordo, peccato che non avvenga dove si guadagna 1000 euro al mese, magari spaccandosi la schiena, figuriamoci se mi devo preoccupare o compatire per chi, 1000 euro, li prende in un giorno per tirare due calci al pallone. E non posso, al contrario di quanto fai tu, e non solo tu, dare dell'idiota a chi, CIVILMENTE, lo ribadisco, espone il proprio dissenso verso l'operato di una società. Questa è la mia opinione, opposta alla tua, che continuo ad esporre. Buona domenica.

    RispondiElimina
  60. Louis allora un ci si capisce. Io non mi preoccupo per il disturbo che sette o otto bischeri (per me questo è il giudizio, inappellabile) possono creare alle persone di Roncaglia o di Pasqual o di chi ti pare, quindi quanto prendano di stipendio c'entra come il culo con le quarant'ore. Mi preoccupa perchè disturbano la mia squadra, per la quale faccio il tifo, io, e che vorrei veder crescere al riparo da disturbi e negatività in questa fase delicata di preparazione. Ci vorrebbe entusiasmo, per loro, incondizionato, e se non vi riesce più di dimostrarlo ma sapete solo ammirare chi va a far casino, non pretendete poi di essere chiamati fuori quando si farà l'appello di cosa è mancato.

    RispondiElimina
  61. Giusto, Jordan, quello che dici è corretto ma se non ci fossero quei bischeri non ci sarebbe neppure lo spazio mediatico che gli offrono!!!
    Louis, magari lo striscione cui faccio riferimento io è stato appeso al Franchi e non a Moena ma non cambia niente, c'era ed era offensivo.
    Dici che in tutti gli ambienti lavorativi si lavora senza tranquillita? Può essere ma in questo caso siamo noi tifosi a subirne le conseguenze. Vogliamo per una volta partire senza darci martellate sulle palle da soli?

    RispondiElimina
  62. Jordan, la tua risposta a Louis è da manuale!!!

    RispondiElimina
  63.  Non è che un ci si capisce, è che si vede in maniera opposta. Intanto per te sono imbecilli e idioti, quindi arrechi offese gratuiti, non so quanto bonarie, e rimane una tua opinione, diversa dalla mia. E questo è il punto primo. Punto secondo: secondo te, questi disturbi arrecano danno ad una preparazione e ad una stagione: non sono d'accordo, neanche qui, ti suggerisco di vedere quel che sta succedendo a Milano (sponda rossonera), aggiungendolo a quando, mi pare un paio di anni fa (non son sicuro della data) si presentaro in due o tremila (non in 7 o 8, e di questo son sicuro) a Milanello per il ritiro invitando esplicitamente il presidente a spendere. E, te lo dico io, ne avevano molta meno ragione dei Nostri, di tifosi. Tanto per farvi vedere che non siamo noi la pecora nera, anzi... Infine mi dici che saremo chiamati all'appello se qualcosa mancherà... Boh, vedremo. Intanto manca il portiere, almeno un centrale d'esperienza, il meglio centrocampista te lo hanno venduto, e lascio perdere Montolivo, che mi pare ti garbasse assai, e sul quale non dai più di tante colpe al giocatore... per non parlare di Jojo che, guarda caso, vuol levar le tende, ma è certo colpa di quei 4 bischeri a Moena...

    RispondiElimina
  64. p.s. sarebbe questo il quadro che demoralizza e mina il morale/lavoro dello staff tecnico/giocatori? Boh...

    http://www.fiorentina.it/notizia.asp?IDNotizia=114575

    RispondiElimina
  65. Questi no, infatti, se Dio vuole, mica son tutti uguali. Ma non ciurlar nel manico, si stava parlando degli otto bischeri con le magliette.

    RispondiElimina
  66. Se io dico "per me giudizio inappellabile" è ovvio che è una mia opinione. No le offese non sono affatto bonarie, a me stanno proprio sulle palle, per i motivi già detti. A Milano gli hanno venduto non Behrami, ma Thiago Silva ed Ibrahimovic e loro voglion vincere lo scudetto e magari sognano la Champions, il Milan ha più di 200 milioni di entrate, insomma la situazione è difficilmente paragonabile. Poi a me quello che fanno gli altri interessa relativamente, se fanno peggio di noi, l'oscar della peggior tifoseria non mi interessa. Il portiere ce l'abbiamo, caso mai si sta buttando via i soldi per peggiorare, per il resto quello che manca si sa tutti e bisognerebbe dedicare le risorse, non infinite, dove serve e no dove non serve (come vedi critico anch'io). Che Jo-Jo voglia levare le tende lo dicono i brillanti media di cui ci circondiamo. La società lo nega e lui sta zitto. Vediamo cosa succede e poi se ne parla.

    RispondiElimina
  67. Deep se i post li guardi senza leggerli è difficile replicarti. 

    RispondiElimina
  68. Jordan sul fatto che gli otto bischeri vengono ingigantiti dalla stampa locale posso darti ragione, una parte avversa non c'è solo nella tifoseria ma penso sia male diffuso, a Milano vogliono far partire una class action contro la società per la cessione dei due gioielli e Galliani è ricorso al rimborso degli abbonamenti per scongiurarla, roba da maiali! Noi, nel nostro piccolo scongiuriamo sul nascere queste patetiche manfrine, ci s'intristisce se perdiamo Behrami, non quei due, e si parla di preparazione minata nella sua serenità se 4-6-8-20 bischeri vanno i ritiro a manifestare. Dargli degli untori come se vanificassero il proseguo della stagione lo trovo pretestuoso e mettere le mani avanti se faremo schifo come le ultime due stagioni, fatte di proclami pure quelle. Mancano così tanti giocatori ancora in rosa che pensare che due striscioni e due "mascherati" turbino la preparazione di tutti quelli che devono ancora arrivare è persino ridicolo pensarlo e non me l'aspetto da gente preparata come te e Deyna. Non scrivetele queste cose perché non ci credete nemmeno voi. Su chi manca e su come stanno spendendo Jordan sfondi una porta aperta, sulle questioni tecniche la vedo sempre, o quasi, come te.

    RispondiElimina
  69. Louis e Leo, qui nessuno dice che le cose andranno male SOLO ED ESCLUSIVAMENTE per colpa dei tifosi (anzi, Louis, sarebbe carino tu la piantassi di sostenere questa cosa perché non risponde al vero) ma solo che tra tutte le difficoltà che oggettivamente già abbiamo sommarne un 'altra di certo non può portare a buoni frutti e quindi evitiamo l'evitabile.
    Louis, una cosa è avere un'opinione, un'altra è volerla difendere oltre l'indifendibile; rispondimi x cortesia a questa domanda: una squadra lavora meglio e con più concentrazione se tutto fila liscio o se c'è una contestazione in atto?

    RispondiElimina
  70. Non mi sembra di aver mai detto che se andremo male sarà per colpa degli 8 bischeri. Ora non mi far dire corbellerie. Ho anche detto che, al limite, se non enfatizzata dai media, poteva essere considerata una goliardata. Quindi l'importanza del fatto è ovviamente relativa. E' meno trascurabile la reazione di tanti come Louis che plaudono e che quindi dimostrano un  certo stato d'animo, ed è meno trascurabile perchè non sono otto, ma purtroppo non pochi. Ed è ancora meno trascurabile l'ennesima dimostrazione del malanimo dei media verso questa proprietà. Tutto questo è un segnaccio, come quando tuona. Insomma chi contesta in questa fase, con tutta la squadra che è un cantiere in opera, per me è un coglione, ed è preoccupante che tanti invece lo sostengano e gli dicano bravo. Questo, per ora, avrà pochi effetti, ma è promessa che probabilmente continuerà a mancare quel che è sempre mancato in questi due anni, il dodicesimo uomo.

    RispondiElimina
  71. Chiarificatore22 luglio 2012 15:16

    E no Ludwig, sulla carta non era tra le più brutte  la squadra dell’anno scorso,  sono state tra le più brutte le sue
    prestazioni,  è stato tra i più brutti  il suo gioco,  è stato tra i più inadeguati chi l’ha allenata,
     e tutto ciò, convengo, ha contribuito oltremodo
    ad allontanarne i tifosi. 

    RispondiElimina
  72. Il bello e il brutto è molto relativo, sui giudizi ci influiscono ricordi, simpatie, preconcetti. Diciamo che si è giocato mediamente male come è successo spesso anche altre volte, anche con i santi, magari con minor frequenza, ma quello che allontana sono i risultati, quando si vince siam sempre contenti e sembra anche che si giochi bene.

    RispondiElimina
  73. Gli umori della gente, dei tifosi, si possono anche indirizzare, per un verso o per un altro. Al momento non è che non ci riescono o non vogliono, semplicemente non possono. Vuoi perché siamo agli inizi della preparazione, vuoi che per allestire la rosa serve ancora parecchio tempo, fisiologico, non solo a noi. Bisogna anche comprendere chi, dopo due anni così, si è rotto di vivere in questa sorta di limbo e che vede approssimazione e indecisione nelle operazioni fatte: un'ala finita sotto appendicectomia, presi per il collo per un portiere, cessioni di buoni giocatori indipendemente dalla volontà o meno della proprietà ma per assecondare desideri dei giocatori o dei suoi procuratori (siamo debolucci in questo campo, più di altre squadre visto le cifre in ballo) e chissà quali altre grane troveremo per completarla 'sta rosa. Se alla fine riusciranno a completare il quadro dovremo solo applaudirli ma non condanno qualche umorale che ha terminato la pazienza. Non sto dando torto a nessuno in particolare ma mi sembra eccessivo dipingere la contestazione, sempre che si possa chiamarla così, di uno sparuto drappello di tifosi come un problema che infici la preparazione appena agli inizi. Ben più grave, e qui concordo con tutti, che una parte della stampa la cavalchi come l'inizio di un segnale inequivocabile, ma segnale di che ?! Penso che Pradè e Montella siano vaccinati a "problematiche" di questo tipo all'acqua di rose, non siamo ancora alle centinaia o migliaia di tifosi scontenti, non scherziamo. Penso però che molti siano sfiduciati e altri alla finestra in attesa di segnali che possono venire solo dal proseguo della campagna di rafforzamento e dai primi positivi risultati in campionato. Come si capisce, c'è da aspettare parecchio ancora.

    RispondiElimina
  74. La Fiorentina non ha bisogno di migliaia di tifosi scontenti, ha bisogno di migliaia di tifosi entusiasti che, almeno all'inizio, abbiano fiducia e speranza. Invece si ha da ridire come fosse una colpa, se un acquisto, per noi importante, ha un attacco di appendicite! Tutto è preso dal lato negativo, ogni pretesto per brontolare è buono. E' un'abitudine vecchia, che continua e che ci porterà poco lontano.

    RispondiElimina
  75. Hanno appena aggiunto un'altra perla alcuni tifosi viola a Moena, alla prima amichevole contro il Vigonovo, se la son presa con Ljaic fin dall'inizio perchè indossava la maglia numero 10, e l'hanno bersagliato di cori e di offese alla genitrice. Applaudi anche loro Louis? Magari si erano appena levati le maglietta ma il cervello è quello.

    RispondiElimina
  76. Nella mia cerchia di amici l'ultima Fiorentina è passata alla storia come una delle peggiori. E francamente lo si poteva intuire già ai tempi della passata campagna acquisti. Bastava analizzare il curriculum dei nuovi arrivati. A gennaio si ebbe un ulteriore indebolimento della rosa, fino al caso limite di una squadra senza attaccanti, eventualità non verificatasi neppure quando allenavano Carosi o Mazzone, che se non altro potevano attingere a delle straordinarie formazioni giovanili per il ricambio dei titolari. Giusto l'invito di Jordan a pazientare in perfetto stile francescano. Ma a tutto c'è un limite. Si prenda Della Rocca. E' stato ingaggiato nell'ambito dell'affare Viviano. Ma se Viviano non fosse arrivato, lo avrebbero rimandato indietro. E dunque la domanda è: quanto si crede in questo giocatore? A quanto pare, poco, pochissimo. Sennò lo si sarebbe comunque tenuto, sia che Viviano arrivasse sia che l'Inter avesse bloccato il trasferimento. E dunque non ci resta che, rievocando i Fioretti, dire con il fraticello di Assisi: "se venderanno tutta la rosa, sostituendola con giocatori di serie C, e magari con giocatori vecchi, acciaccati e con problemi psichici: questa, Frate Leone, sarà la perfetta letizia!".

    RispondiElimina
  77. Chiarificatore22 luglio 2012 20:11

    Che dalla passata  campagna acquisti estiva  e dalla rosa che ne uscì si potesse intuire che quella era una delle peggiori Fiorentine della storia non sta nè in cielo nè in terra, caro Ludwig, anzi  io tendo a definire  la tua tesi una fandonia di proporzioni gigantesche. Forse ti conviene ripassarle, sia la rosa di cui disponevamo ad inizio campionato scorso, sia  la storia viola. 

    RispondiElimina
  78. Allora quella di Della Rocca non l'hai capita. E' stato preso per far correre l'affare Viviano per due motivi: 1) alleggerire Zamaprini di un ingaggio che non gli inetressava pagare, ma è il meno, 2) ripassare su questo prestito tutto l'onere stabilito per Viviano che così Zampa si illudeva di nascondere all'Inter che avrebbe voluto la sua parte (ma se ne sono accorti perchè così scemi non sono, di lì il casino). Per questo i due affari sono legati, non vorrai mica che la Fiorentina paghi un milione di euro di prestito oneroso per Della Rocca senza che arrivi Viviano?

    RispondiElimina
  79. Chiarificatore22 luglio 2012 20:27

    Per essere più preciso e per rinfrescarti la memoria, Ludwig, hai scritto che fai fatica a ricordare nella storia una squadra viola più brutta della seguente:

    Boruc



    Cassani-Gamberini-Nastasic-Pasqual



    Berhami-Montolivo-Vargas



    Cerci-Gilardino-Jovetic



    Ti rendi conto della castroneria che hai detto?

    RispondiElimina
  80. Jordan come si può chiedere migliaia (?) di tifosi entusiasti, fiduciosi e speranzosi per l'anno che ci attende dopo gli ultimi due passati ?! Cerchiamo di ragionare su basi obbiettive, quello che auspichi può accadere se l'anno passato hai mancato un piazzamento per un europa minore non se ti salvi alla penultima di campionato. L'anno prima sei arrivato 11°! Se da queste basi deve partire dai tifosi l'entusiasmo andiamo bene, allora diamogli sempre la colpa, a prescindere, anche quando bubano per timore ed insoddisfazione ed il gioco è fatto. Non do colpe per un attacco d'appendicite a nessuno, mi stupisce che tu abbia letto questo, ma a parte il suo arrivo siamo fermi al palo, slittano di settimane anche gli annunci di acquisti che sembravano fatti. Colpa della contingenza, anche le altre squadre non fanno sfracelli al momento, va bene, ma da qui a professare fiducia ed entusiasmo siamo ben distanti. L'unico lato negativo, e lo sai bene visto che lo affermi anche tu, sono i risultati degli ultimi due anni, e quello fatto finora non sembra invertire il trend intrapreso. Magari fra due settimane la penseremo diversamente, arriveranno buoni giocatori, ci sorprenderanno ogni più rosea aspettativa, e chi lo sa ?! Al momento, se non c'è da bubare non c'è neanche da essere speranzosi o elargire fiducia a piene mani come se venissimo da annate memorabili o come se questa proprietà avesse crediti, ancora, da vantare. Non c'è riconoscenza nel calcio, giusto o sbagliato che sia, e quanto di buono fatto in quattro anni se lo sono giocato con le ultime due annate fallimentari sotto tutti i punti di vista, sportive ed economiche. 

    RispondiElimina
  81. E' successo nel 2005, ed eravamo andati più vicini alla B che quest'anno. Il sabato ci si crede sempre, è la domenica che si vede se piove. I pessimi giocatori posson diventare passabili, e i buoni ottimi in un clima di entusiasmo (fu quello che successe, appunto nel 2005), ma c'è anche il caso opposto dove i buoni diventan pessimi in un  clima di scollamento e sfiducia. Ed i nostri tifosi lavorano da tempo a questa seconda opzione.

    RispondiElimina
  82. "Un gruppetto di tifosi ha preso di mira il giocatore viola Adem Ljajic arrivando a offendere pesantemente la madre del giocatore. Forse ancora strascichi della vicenda Delio Rossi-Ljajic, oppure c'è dell'altro...sicuramente una situazione anomala e molto preoccupante."

    In queste parole, Louis, c'è tutto quello che tu credevi non esserci e cioè contestazione INCIVILE e IVOLTA AI GIOCATORI. Ma tu, mi raccomando, continua a difendere questi cialtroni!!!

    RispondiElimina
  83. Contestare i giocatori in ritiro la considero una sciocchezza bella e buona, vorrei sgombrare il campo da equivoci. Che questi fischi, indirizzati verso i meno colpevoli, finora, possano mandare a puttane lo spirito di coesione e il gruppo che si va formando la ritengo un'eventualità altamente improbabile; chi è qui da almeno un anno sa cosa ha dato in campo e quali sono stati i risultati quindi deve anche accettare uno scoramento fisiologico della tifoseria. Non dev'essere un pretesto per qualche lavativo che l'anno passato se l'è buttata dietro le spalle e che ancora è qui in rosa. Mi sembra che date troppo risalto solo agli aspetti negativi che toccano le vostre corde senza tenere in considerazione che ce ne sono altri, a partire da questa dirigenza incapace e arruffona, e che dovrebbe tutelare, lei per prima, l'investimento dei DV nella sua interezza. Cosa che non gli sta minimamente riuscendo da due anni a questa parte. In quel caso, una contestazione, non sarebbe così campata in aria. 

    RispondiElimina
  84. Io l'ho scritto ieri, Leo, non è che il problema sia SOLO quello legato alla contestazione dei tifosi ma che detta contestazione ne sia una delle componenti si. E siccome le contestazioni le fanno i tifosi (ingigantite dalla stampa ma l'idea di partenza è sempre e solo dei tifosi) e i tifosi subiscono le conseguenze di un'eventuale brutta stagione della Fiorentina io credo che questi signori siano dei cretini che fanno come quel marito che si tagliò le palle per far dispetto alla moglie!

    RispondiElimina
  85. Chiari, hai creato una formazione ideale, che non tiene conto degli acquisti dell'anno passato,  a parte Cassani. Io ricordo che a centrocampo ci erano stati presentati come nuovi acquisti Munari, uno che dava tutto in campo, destinato a diventare un idolo dei tifosi, e il promettentissimo Lazzari, cui si aggiungeva in attacco un formidabile attaccante argentino, tal Santiago Silva. Tutti giocatori senza curriculum, ne' giovani promettenti ne' tantomeno atleti al vertice della carriera. Il vero punto in comune era il prezzo di saldo. Erano intanto saltati gli acquisti auspicati come Aquilani o Witsel. I problemi di Montolivo si conoscevano. Più tardi ci si è liberati di Gilardino e del Tanke per prendere Amauri. La pazienza è stata molta e almeno da parte mia non mancherà neanche quest'anno. Ma certo il mercato sembra ispirarsi agli stessi criteri: la ricerca si orienta su giocatori che non costano niente, vere e proprie scommesse già perse. E su moltissime vendite o perchè i contratti non vengono rinnovati. A me pare singolare ad esempio che Roncaglia abbia ricevuto dalla squadra di origine una proposta di contratto al ribasso e sia stato lasciato partire tanto facilmente. Gli argentini di giocatori se ne intendono e quelli buoni se li fanno pagare cari. E' sempre possibile riuscire a comprare una mercedes coupè a mille euro, se si ha un culo della Madonna, ma probabilmente come minimo è ultra-incidentata e priva del motore. Per quanto riguarda Della Rocca, Jordan, credo di aver capito i contorni dell'affare. Ma sinceramente sono rimasto di sasso quando Della Rocca ha dichiarato: "mi alleno ancora a casa mia a Bologna. Se Viviano non arriva a Firenze, tornerò a Palermo". Voglio capire: la dirigenza viola crede o non crede in questo giocatore? Perchè, se  ci crede, avrebbe dovuto dire a Della Rocca: tu parti tranquillamente per Moena, perchè sei dei nostri. La questione Viviano la sistemeremo a parte. Così si da' la sensazione al giocatore di essere uno di quegli omaggi che ti fanno se ti abboni ad una rivista. E di non contare niente. Mi pare anche umiliante per Della Rocca questa prospettiva di essere rimandato indietro, senza neanche aver conosciuto i compagni e l'allenatore.

    RispondiElimina
  86. Chiarificatore23 luglio 2012 09:25

    Ludwig qui di ideale ci sono solo i discorsi divagatori che fai tu, e le tue arrampicate sugli specchi. 
    La formazione che ti ho dato non l'ho creata io, ERA QUELLA CONCRETAMENTE A DISPOSIZIONE.Tutto il resto sono tue seghe mentali per attenuare le gravissime responsabilità di questi fior di calciatori, e di chi li ha allenati, che si sono vergognosamente salvati all'ultima giornata. Non c'è Munari, non c'è Lazzari, non c'è Silva, non ci sono mancati acquisti di contorno che tengano, quella rosa  anche se l'avesse allenata mia zia Caterina doveva garantirmi almeno la parte sinistra della classifica. 
    Ti rifaccio il quadro completo e REALE della Fiorentina ( titolari e riserve) 2011-2012 messa a disposizione dei tecnici da parte della proprietà:TITOLARIBorucCassani-Gamberini-Nastasic-PasqualBerhami-Montolivo-VargasCerci-Gilardino(poi Amauri)-JoveticRISERVENetoDe Silvestri-Natali-Camporese-RomuloKarjia-Olivera-LazzariMarchionni-Silva-LijajcRipeto, hai detto che fai fatica a ricordare nella storia viola una squadra più brutta di questa.Ma ti rendi conto della cazzata che stai sostenendo?

    RispondiElimina
  87. La squadra si è rivelata orrenda alla prova dei fatti, Chiari, cioè quando scendeva in campo. Sicuramente non era stata ne' rafforzata ne' rinnovata durante la campagna estiva. E fu ulteriormente indebolita durante quella invernale. La media punti realizzata fu drammaticamente bassa. Il gioco inesistente. Tant'è che si sono avvicendati tre allenatori. E fino a due giornate dalla fine non si sapeva se saremmo rimasti in serie A. Tutti dati di fatto, credo impossibili da contestare. 

    RispondiElimina
  88. Antognoniforever23 luglio 2012 09:50

    La squadra che ha cominciato il campionato l'anno scorso (sulla carta quella scritta dal Chiari, con la precisazione che Nastasic era un'incognita, all'inizio, e si pensava che la coppia difensiva titolare fosse Gamberini - Natali o Kroldup) era - sempre sulla carta - una squadra più che buona, decisamente in grado di lottare sull'Europa, in teoria.
    Il fatto è che l'anno scorso il mercato si era basato sul tenere i giocatori (sempre in teoria) migliori  - in alcuni casi perché Corvino non era riuscito a venderli,nel caso di Gilardino perché ADV si era impuntato nel tenerlo, temendo la contestazione - fidando che facessero una stagione ai loro livelli. Purtroppo però accadde che Montolivo, Gilardino e soprattutto Vargas fecero un'annata nettamente al di sotto delle loro possibilità, Gilardino ebbe pure un infortunio, Gamberini rese anche lui meno di quanto ci si aspettasse, Kroldrup non è pervenuto, lo spogliatoio era spaccato e la stagione diventò pessima.

    Per questo, ritengo fuorviante fare paragoni con la squadra dell'anno scorso: se si esamina la squadra sulla carta (quella del Chiari) era forte, se invece si va a esaminare quello che ha reso, è un mezzo disastro. Certo poi non ci si può lamentare dicendo, ad esempio , "si è venduto un campione come Vargas e lo si è sostituito con lo sconosciuto Tizio", perché se si valuta Vargas in assoluto è un campione, ma se si valuta Vargas per come ha reso nell'ultimo anno, allora è meglio chiunque.

    RispondiElimina
  89. Chiarificatore23 luglio 2012 10:07

    Ludwig, i dati di fatto sono il suo rendimento penoso e vergognoso, gli allenatori altrettanto penosi, cioè quello che sto cercando di spiegarti  da ieri, e che adesso stai ammettendo confusamente anche tu per salvarti in corner. Altro dato di fatto è che questo è successo nonostante  l'alto valore indiscusso, sulla carta, di una squadra con campioni del calibro di Boruc, Berhami, Montolivo, Gilardino, Amauri, Vargas e Jovetic ed altri del calibro di Cassani, Gamberini, Nastasic, Cerci, Pasqual. Andiamo Ludwig, recupera un po' di oggettività e di senso della realtà, come puoi definire una squadra del genere brutta? Ed arrivare a sostenere che fai fatica a ricordarne una più brutta? Ripeto brutto è stato il suo rendimento e di chi l'ha allenata. A fronte di questo pazzesco divario tra valore intrinseco e rendimento sul campo non ci sono attenuanti, per i calciatori e per gli allenatori, che tengano. 

    RispondiElimina
  90. Mi sembra di averlo scritto ieri, ma il clima, l'entusiasmo, l'ambiente, possono trasformare un elenco tencicamente scarso in uno buono ed uno buono in uno ottimo, ma possono anche fare il contrario quando mancano che è quello che è successo alla Fiorentina in questi due anni. Organici tecnicamente buoni che hanno avuto un rendimento scarso nettamente aldisotto dei valori tecnici. Di chi la colpa di queste carenze ambientali? e qui si potrebbe cominciare a dissertare.

    RispondiElimina
  91.  Infatti io non difendevo questi personaggi, ma quelli che, te lo ridico, CIVILMENTE, hanno esposto striscioni polemici verso la dirigenza e si son messi nasi finti... se ti sembra la stessa cosa, vuol dire che hai problemi di comprendonio e posso farci ben poco... Tra l'altro, ma deve esserti sfuggito, lo stesso Liajic è stato applaudito dai tifosi nelle ultime sedute... strano tu non l'abbia evidenziato...

    RispondiElimina