.

.

mercoledì 26 settembre 2012

Sotto porta

Perfetta fino alla trequarti e comunque superiore a una Juve che non costruisce una sola palla gol, traversa-sfortuna e ancora uso dell’acrilico per vestire la manovra d’incisività, con Jovetic che se non apre il magazzino della seta niente scivola oltre la linea del portiere. Una squadra bellissima da vedere, che gioca un calcio di qualità e che fino ad oggi l’ha vista sempre superiore al proprio avversario, raccattando molto meno di quello che avrebbe meritato, ma che lascia intravedere un campionato di altissima qualità. Impressionante la linea difensiva, precisa e potente, con la miracolosa registrazione dei movimenti e degli anticipi, sontuosa in Gonzalo, micidiale in Roncaglia che aggiunge incursioni da motoscafo in avanti con sempre più frequenza, Tomovic sorpresa. In mezzo al campo è scuola calcio, è gioco che in Italia non usa, un po’ come il bacon a colazione, e con Baconi che impazza a mostrare tutte le frecce all’arco di Borja Valero e Pizarro, milioni di milioni sono i palloni come le stelle di Negroni, “vuol dire qualità” come recitava il famoso spot del salamino, e che figura di salame fanno fare anche al vecchio Pirlo fatto a fette e poi sostituito. In pochi mesi Montella è riuscito a regalare al campionato la squadra che gioca meglio, lucida, attenta, che fa un delizioso possesso palla e che entusiasma per qualità della manovra, adesso la speranza è quella di trasformare il magnifico lavoro in gol e punti, che ad oggi siamo già a recriminare nell’ordine dei quattro sugli otto messi in classifica, oltre a JoJo la speranza passa obbligatoriamente da quelli di El Hamdaoui, per regalare all’architettura della manovra un uomo che ne sappia valorizzare le linee del progetto di gioco, con Ljajic che vede poco la porta e con i centrocampisti che non tirano mai. Se riusciamo a trasformare la superiorità in pericolosità là davanti allora la Fiorentina diventa una mina vagante in un campionato che sembra attendere proprio chi lo possa sorprendere sofferente com’è di una mediocrità generale con l’aggravante del crollo delle milanesi. Alla grande soddisfazione nel vedere la squadra superiore anche allo schiacciasassi Juve, si aggiunge quindi anche il rammarico per i punti lasciati per strada, se si pensa però che il gruppo è insieme da così poco tempo, al rammarico allora sostituisco volentieri la speranza che possa ancora crescere e attraverso il gioco produrre almeno gli inserimenti dei centrocampisti per arrivare fino a gennaio ancora nel gruppone, e poi inserire il bomber che farebbe lievitare le nostra azioni come gli utili del gruppo Tod’s. Ringraziamo quindi Delio Rossi e Montolivo per aver reso tutto questo possibile, il primo proclamandosi ideatore di rivoluzioni ma non di gioco, il secondo, rivelandosi rivoluzionario ideatore di un non gioco, e che grazie a lui vede oggi il centrocampo del Milan spumeggiante di Asticelle Cinzano che forse Nocerino vorrebbe mettergli al posto della passata. Bene Pasqual, mentre Romulo non riesco ancora a inquadrarlo, forse perché disturbato da un estetica della corsa che non riconosco familiare, ma adesso è tempo solo di El Hamdaoui, inserimento non più rimandabile, per mettere fine al Ramadan sotto porta, ci siamo innamorati di questa Fiorentina come del resto anche tutti gli osservatori che seguono il campionato italiano, adesso manca solo la concretezza sotto porta, quella che nel calcio è un magico equilibrio che poi porta attraverso la manovra un giocatore a tirare in porta, e che riassunta nel linguaggio popolare della città, porta nel nostro quotidiano vivere in piazza del Tiratoio attraverso la Porta San Frediano, da una parte il sapore è quello del gol, dall’altra è quello del lampredotto. E insieme fanno la felicità.

84 commenti:

  1. Africa tinta di ViolaBuongiorno a tutti
    credo
    debba essere un buongiorno per tutti.E' stata una partita in tinta
    viola di una qualita'attualmente introvabile in Italia.Ai molti che il
    risultato ancora non riescono a digerire,vorrei invitarli a fare una
    retromarcia di appena una sei/sette di mesi fa' e vedere come s'era
    messi.Ci dettero 5 pere senza nessuna possibilita'di esprimere
    gioco(Delio...ehmm...grazie Adem)ieri li abbiamo nettamente
    surclassati.Abbiamo mostrato che si puo'fare gran calcio anche a
    Firenze,con una squadra composta da ragazzi sempre propositivi,sempre
    disposti al pressing,con attributi,tecnica di primo livello,con il
    nostro portiere tifoso che in pratica la partita se l'e'vista dal campo
    ed e' tornato a Fiesole senza farsi la doccia.Se questo non fa notizia
    col Catania,lo deve con una squadra di fatto imbattibile,che,nonostante
    l'antipatia che sprigiona da ogni suo poro,non e' abituata a rinculare
    con affanno con tutti i suoi componenti abituati a far la voce
    grossa.Noi non solo siamo stati all'altezza,ma le siamo stati superiori
    per tutti i 90 minuti,cosa che non e'riuscita a nessuno finora.Ecco
    che,risultato a parte,possiamo essere entusiasti di aver colmato un
    gap,solo pochi mesi fa'enorme,tipo 4/5 categorie e,tornando indietro
    alla manita,suona come miracolo.Venendo al risultato,e'frutto di due
    elementi:1)il rigore non dato che per me c'era,2)l'assenza di una punta
    che da'profondita' e sostanza,ormai cronico handicap per il
    raggiungimento delle vette.In pratica il gioco e la conquista dei metri
    del campo e' sublime fino all'area,poi li'si devono inventare triangoli e
    sponde da bilardo,di difficilissima riuscita.Dico subito,segnatamente
    al Chiari,che il primo tempo di Pizarro,sarebbe da far mostrare alle
    Univesrita' di calcio del pianeta come esempio di perfezione.Nel secondo
    tempo e' ovviamante calato,ma non naufragato come a Parma,ed il
    testimone e' stato preso dall'altro,il Behrami che sa giocare un calcio
    di primo livello,detto fenomeno dell'ubiquita' Borja:era dappertutto,di
    conseguenza mostruoso.Come fantastico il Cuadrado del primo tempo,dove
    ostenta tecnica eccelsa,ed un inesauribile e concreto Pasqual:vederlo
    riproporsi ancora al 88°con slancio da quattrocentista sulla fascia,mi
    fa chiedere dove trova queste energie,che fare su e giu'sulla fascia e'
    massacrante.La difesa e' stata impeccabile,e mi veniva da ridere a veder
    rimbalzare Giovinco come un soldatino di gomma,tra il Fac e Gonzalo.Nel
    dopopartita gli hanno comprato un leccalecca ed un biglietto per il
    luna park per premiarlo dell'impegno...Onore a Montella che ha messo su
    un'armata,ma avrei sostituito Romulo e Ljiajc molto prima,e...anche se
    non ha influito in nulla e solo per curiosita',ma mettere Migliaccio nel
    recupero?Comunque continuiamo cosi'che andiamo superbene,aspettiamo El
    Ham come l'acqua nel deserto che senza i gol di Jovetic,davanti siamo
    pochino,che facciamo una mole di gioco enorme per raccattare poco.
    A gennaio,poi speriamo che arrivi il bomber e si cambiera'marcia.Bravi a tutti!
    Lele
     

    RispondiElimina
  2. Incursioni in motoscafo... Asticelle Cinzano... ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  3. Il risveglio è delizioso, riaffacciandosi il ricordo di ieri sera. Una grande squadra, un grande allenatore, una grande dirigenza, una grande proprietà, una grande Fiesole... e Montolivo prrrrrrrrrrrrrrr!!!! Vedo che sul sitone c'è moria di commenti sotto le pagelle, certo è stata una brutta botta. Stizzita, la Madre di Tutte le Cordelie ha consegnato mezzo rigo di commento degnandosi di un bel 7 a tutti e basta così che l'abbiamo fatta incazzare abbastanza (a proposito: Montolivo, prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!!!!!), quell'imbecille del Multinick in veste di sfiammatore ha scritto che è tutta colpa dei Della Valle, il telefono del baseballista encefalitico squilla, squilla, squilla, ma nessuno risponde (ahahahahahahahahah!), il Matto fa il disinvolto in versione mambesca dopo aver getttato merda fino all'altro ieri, riesce fuori una cordelica a nick nabokoviano (è lo zio della Morace, come palesò l'anno scorso memorabilmente) per stracciarsi le vesti (= siamo inani come il Portogallo). Insomma, l'immensa prestazione si corona del cordoglio di un pugno d'imbecilli che ancora impediscono che il luogo dove il viola si combatte chiuda del tutto i lerci battenti. Ah, ora che ci ripenso: Montolivo, prrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!!!!

    RispondiElimina
  4. Lele e Pollock, insisto,  Romulo è stata la vera e coraggiosa sorpresa di questa sfrontata e aggressiva Fiorentina anti-rubentus, con Migliaccio ( che sarà utile in altre circostanze) il centrocampo non sarebbe stato altrettanto vivace e brillante.Certo manca la prova del 9, cioè di cosa avrebbe fatto la viola una volta passata in vantaggio contro la Juventus ( contro il Catania s'è visto positivamente, contro il Parma negativamente), una volta superata quella prova  siamo nell'Olimpo del calcio. Lele, chiaramente ognuno vede con i suoi occhi, io, ad esempio ,ho visto in Pizarro, nettamente,  il migliore dei ventidue in campo, e costantemente nell'arco dei novanta minuti, persino in crescendo. Colonnello, osservazioni marginali e di merito a parte, che non ti ho risparmiato questa mattina sotto il topic di ieri, nel tuo Commentone a questa partita sei stato magistrale, ti sei superato. Complimenti! Parte il bonifico con incluso lo straordinario. Eh eh eh.

    RispondiElimina
  5. Una grande del campionato, se la gioca alla pari con la Juve e la mette sotto. Incredibile dictu. La più forte Fiorentina come valore medio dai tempi di Pecci e Antognoni, stante il fatto che le altre erano formate da un gruppo di gregari nobilitato da uno o più campioni. Inferiore la stessa Fiorentina di Prandelli. Trasecolo e mi chiedo quali siano i limiti e se durera'. Ma la ragione dice che è destinata a durare e con ogni probabilità a migliorare, a mano a mano che crescerà l'intesa. Alcuni dell'anno scorso, da Vargas a Gilardino, li avrei visti bene anche in questa squadra. Ma alla fine e' giusto che se ne siano andati.

    RispondiElimina
  6. Certo Lud, se Gilardino e Vargas fossero ancora loro anche io li vedrei inseriti alla perfezione in questa viola, ma non lo penso, nonostante il Gila stia dando segni di vita.Io sono invece ansioso di vedere giocare El Hamdaoui e persino Llama, in questa squadra, oltre ad Aquilani, ovviamente.

    RispondiElimina
  7. Questa squadra è come uno splendido cucciolo che, azzoppato da un criminale alla nascita, scopre dentro se stesso forze insondabili e che, anche per questo, commuove. Una gioia per gli occhi e per il cuore.

    RispondiElimina
  8. Il pensiero di Llama, Aquilani e El Hamdaoui, nonchè di Mati a mezzo servizio, fa impressione e lascia pensare che questo organico possa competere su più fronti senza problemi. Di conseguenza anche la Coppa Italia diventa un obiettivo. Direi anzi che proprio in questa competizione la Fiorentina è favorita. Ma naturalmente possiamo e dobbiamo in primo luogo aspirare ad un piazzamento Champion (che se non erro implica quest'anno l'arrivare tra le prime tre).

    RispondiElimina
  9. Per Montolivo era così insopportabile la vista di Nocerino al Camp Nou, che ha deciso di andare a giocare nel Milan, per non farcelo andare più.

    RispondiElimina
  10. Il nuovo modulo della Fiorentina è:  1 .  Facundo, basta lui.

    RispondiElimina
  11. Nescio quid maius nascitur Iliade. E l'aveva capito per tempo anche Marotta, che nonostante gli elogi imbarazzanti di Yo el supremo (dicci qualcosa su Roncaglia adesso, cretino, dicci, dicci, «inventa pure dicci dicci Pepè!»... ahahahahahah!) di calcio capisce parecchio, e in fine d'agosto ha compiuto operazione kissingeriana, dal suo punto di vista (che, come quello di Nixon e quindi di Pinochet, è ovviamente quello del demonio), logica, impeccabile, efficiente, perfetta.

    RispondiElimina
  12. Attila e Deyna... ahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  13. Ad un certo punto il "bordocampista" di Sky ha riferito che Montella, rivolgendosi alla panchina (o a se stesso?), ha chiesto "...si, ma dentro...chi ci va?".
    Siamo tutti giustamente contenti ed euforici: la squadra è bella da vedere, tutti giocano dando il massimo, con grande spirito di gruppo.
    Segnamo poco, però. E' opinione comune che la causa principale sia la mancanza di una prima punta prolifica, fisicamente in grado di reggere l'impatto coi difensori. Una punta capace di "andare dentro", insomma. E' anche la mia opinione, naturalmente.
    Però ho il dubbio che le attuali difficoltà realizzative dipendano anche dalla lentezza eccessiva con cui ci avviciniamo all'area avversaria: fraseggi insistiti, cambi di gioco, appoggi indietro ecc, per avanzare a volte 5 metri ...e così, quando arriviamo al limite dell'area avversaria, con la difesa schierata, le possibilità di finalizzare sono ridotte alle triangolazioni cui accenna Lele (al quale ricambio il saluto: è sempre un piacere leggerti), ai cross dalle fasce (per chi???), al tiro da fuori e...a qualche invenzione di Jojo. Anche ieri, l'occasione di Liajic è venuta da una verticalizzazione di Cuadrado, così come con l'Udinese il lancio di Aquilani ha portato Jovetic al gol.
    In conclusione: è proprio impossibile velocizzare la manovra?
    Perchè siamo contenti, meritavamo di vincere, abbiamo avute due occasioni da gol, Viviano è rimasto pressochè inoperoso.
    Ma Buffon ha fatto ancora meno.

    RispondiElimina
  14. Incredibili. Una squadra da stropicciarsi gli occhi perchè non sembra vera. Non son nemmeno d'accordo con chi dice che manca il finalizzatore (che al limite sarà Hamdaoui) perchè ieri li abbiamo presi a pallate nonostante lo scientifico boicottaggio di un arbitro vergognoso: Tanto più vergognoso perchè mascherato da imparziale ma pervicacemente a senso unico. Una Fiorentina straripante nel dominio territoriale che si ritrova con più falli e più ammoniti a referto. Incredibile solo per noi illusi che il calcio possa ancora essere pulito. Tre punizioni tre dal limite ai luridi gobbi che solo la Dea bendata travestita da Pirlo sottotono ha impedito si trasformassero in pericolose occasioni. Detto questo lo voglio gridare ai quattro venti. Io, prandelliano indefesso, dichiaro di essermi perdutamente innamorato (clcisticamente ovvio, son vecchio stile) del sig. Vincenzino MOntella, allenatore destinato a fulgidissima carriera (che spero possa proseguire almeno per i prossimo 3 o 4 anni nella nostra panchina).  Forza viola

    RispondiElimina
  15. Franco48, Buffon ha fatto meno di Viviano perché se Jojo, Ljajic, Cuadrado e Romulo centrano la porta lui può anche evitare il tuffo. Mentre condivido quel che dici sulla spuntatezza (ma manca El Hamdaoui, e la carta migliore, frattanto, che è Mati non è stata ancora provata davanti dal primo minuto), circa l'approccio no: sint ut sunt aut non sint, non si può chiedere a un calcio ispanico di arrivare all'area con altro che con ciò con cui arriva, che sottrae palla agli avversari per almeno 55/60 minuti in media, che esalta le caratteristiche dei giocatori tecnici (cioè tutti quelli che abbiamo meno Migliaccio) e che infonde sicurezza alle giocate. Non si può dire che siamo grandi e poi però che bisogna cambiar tutto, né si può chiedere a Coppi di vincere le volate o a Bahamontes di trionfare nelle crono. Né Pizarro né Borja penetrano in triangolo in velocità o fiondano d'acchito quaranta metri avanti il pallone (per quale punta che scavi gli spazi, poi? Nemmeno Jojo non va così in rete), Cuadrado ha approccio incantatorio col pallone e con l'avversario, l'azione parte manovriera dal sommo Rodriguez che per fortuna non scodella il lancione da rugby che in Facchetti aveva quel modello nobile che a Firenze smerdò per anni Daino dei Boschi. Insomma io prendo da Coppi e da Bahamontes quel che sanno fare e, ma foi, è parecchio, quel che sanno fare, sì che non desidero altro.

    RispondiElimina
  16. Antognoniforever26 settembre 2012 11:10

    Ieri sono stato a lungo indeciso se vedere o meno la partita, perché ero troppo agitato; alla fine ho deciso di vederla e devo dire che ho trovato un’ottimo streaming in italiano che mi ha fatto perdere solo il momento del fallo di Pasqual su Vidal che quindi non ho visto e sul quale mi fiderò pertanto del vostro giudizio. Mi sono ovviamente fatto il solito sangue marcio per le decisioni arbitrali (in particolare la punizione al limite dell’area non data a Ljajic con addirittura ammonizione al Serbo ha avuto conseguenze gravi sul mio fegato).
    Che dire? Vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?
    Bicchiere mezzo pieno: abbiamo fatto una grande partita contro una squadra molto forte, tosta, ben organizzata e grintosa, di fatto abbiamo letteralmente dominato contro la migliore squadra italiana.
    Bicchiere mezzo vuoto: non abbiamo segnato e non abbiamo vinto e sono anni (saranno almeno 15, dunque) che non battiamo le merde in casa. Speriamo che El Hamdaoui si riprenda, altrimenti la vedo dura, lì davanti.
     
    Pagelle:
    VIVIANO: sv. Sì, senza voto, il nostro portierone dà sensazione di sicurezza, ma non deve effettuare nemmeno una parata, il che la dice lunga sul nostro dominio contro i gobbi.
    RONCAGLIA: 7,5. Il migliore, tremendo in difesa, propositivo a centrocampo e tenta anche il tiro, fallendo di poco. Oltre che grinta ha anche buona tecnica, da Nazionale (vedremo quale). A un certo punto Giovinco gli ha fatto fallo e lui gli ha scoccato un’occhiata che era tutto un programma. Da quel momento la formica poco atomica ha bazzicato in altre zone del campo combinando poco o niente.
    RODRIGUEZ: 7. Ho notato che ha sbagliato due passaggi e mi sono stupito. Consueta calma, classe e determinazione, un vero regista difensivo.
    TOMOVIC: 7. Chi se l’aspettava, quando l’abbiamo comprato? Buona tecnica, ottimo anticipo, si è proposto anche a centrocampo.
    QUADRADO: 7. Non è solo un dribblatore di fascia, ha anche ottime capacità tattiche (che lo pongono al di sopra persino di Vargas, per esempio).
    ROMULO: 6,5. In miglioramento, mette il consueto dinamismo ed è meno confusionario del solito.
    PIZARRO: 7+. Padrone del centrocampo.
    VALERO: 7. Timido nel primo tempo, nel secondo tempo è stato il consueto uomo ovunque. Grandissimo.
    PASQUAL: 7. Grande partita sia in difesa, dove ha sbrogliato alcune situazioni difficili, sia in attacco dove si è proposto molto e ha fatto bei cross (rasoterra, Toni è in panchina…).
    JOVETIC: 6. Marcato molto bene, non combina molto, ma è pericoloso su due colpi di testa molto belli, con uno dei quali prende una traversa clamorosa.
    LJAJIC: 6-. Indeciso se dargli o meno la sufficienza, gliela concedo stiracchiata per l’impegno, ma quel gol mangiato urla vendetta. Dopo questa l’occasione da rete persa e dopo l’ingiusta ammonizione l’ho visto nervoso, io l’avrei tolto prima.
    I tre subentrati sono senza voto, ma Fernandez ha fatto un lancio per Pasqual che è stata una delle cose più belle della partita.

    RispondiElimina
  17. Editoriale, ottimo, che centra tutti i punti della stagione in un sol botto e che purtroppo ci aspettavamo da quel maledetto giorno del bulgaro day, o del guercio day, dipende dai punti di vista. Di certo due idioti! Possesso palla, sempre presenti sulla loro trequarti ed una juve che più provinciale non si potrebbe con ripartenze e contropiedi degni di una piccola che più piccola non si può in serie A. Di fatto, però, Buffon s.v., non ha fatto una parata che sia una. Battuto sulla traversa, graziato da Liajic, ma tiri nello specchio in cui abbia dovuto compiere un intervento non ci sono stati. Non si può aspettare Gennaio per risolvere il problema ma votarsi a qualche santo (notare il minuscolo) nella speranza che Hamdaoui sia la metà di quello che ci aspettiamo e che Toni, anche a spizzico e bocconi, ci garantisca quei 4-5 goal di qui alla sosta. Inutile recriminare su chi non è arrivato, si deve fare di necessità virtù, sono convinto che Montella saprà risolvere anche questa grana benché sia impossibile chiedergli di più di quanto, tanto, ci sta dando a livello di gioco, di fraseggio, di schemi, di singoli, sfruttati appieno nelle loro qualità. 
    P.S.: Ludwig la coppa Italia non diventa un obbiettivo, lo è. E' un altro pass per l'europa e non di secondo piano. Si può sperare anche in una CL ma persistendo questa scarsa prolificità è bene prendere in esame tutte le opzioni. Anche un europa league farebbe crescere tantissimo questo gruppo per preparlo all'europa maggiore. 

    RispondiElimina
  18. Antognoniforever26 settembre 2012 11:19

    Confesso di aver postato il mio commento prima di leggere il post odierno di Pollock.
    Ora l'ho letto e non posso che inchinarmi al maestro: un editoriale perfetto, bellissimo.

    RispondiElimina
  19. E' quello che stavo pensando anch'io: a rafforzare la mia fiducia in questa squadra è il pensiero che ancora non sia neanche tutto qui, avendo ancora 3-4 elementi di qualità da inserire, tra i quali purtroppo manca un centravanti, ma spero che almeno quelli di imminente lancio, unitamente ad una manovra che mi auguro non aver esaurito la sua perfettibilità (lo so, più di così pare impossibile, ma se giochiamo così dopo un solo mese...), e al grande Borja che so -avendolo visto tante volte in E.League- avere nelle sue corde anche un gran supporto alle punte, riescano a colmare la lacuna del mancato arrivo della prima punta.
    Vargas non lo posso rimpiangere essendo un ex giocatore, ma non posso non pensare a come ci sarebbe stato a meraviglia il miglior Vargas in questo modulo. Al Gila ci penso un po'meno, perchè il centravanti che piacerebbe inserire a Montella non è quello con le sue caratteristiche.
    Da quando la vedo io -un po' meno di 30 anni- non credo sia la Fiorentina più forte negli effettivi (oddio, però con un Bati davanti sarebbe più forte di quella del Bati, anche perchè i Roncaglia e i Rodriguez, francamente, non hanno nulla da invidiare ai Padalino e agli Amoruso), ma quella di ieri sera è stata sicuramente la più bella dell'arco temporale di riferimento, anche meglio di Terim, che se fossi spettatore neutrale troverei più spettacolare perchè concedeva tanto anche agli avversari, ma da viola mi tengo Montella che non ha concesso nulla.

    Riguardo ai gobbi, penso che dominino la serie A solo grazie alla mediocrità generale (e agli arbitragi vergognosi, non ultimo quello di ieri) nella quale includo anche i Barzagli e i Bonucci per esempio, solo che Conte è riuscito a a creare questo meccanismo compatto e aggressivo nel quale chiunque tu inserisca non sfigura, d'altronde i titolari sono per almeno 7/11 quelli dei settimi posti dei 2 anni precedenti, non è che abbiano fatto tabula rasa per passare da mediocri a imbattibili. Inoltre, passi l'anno scorso quando giocavano solo il campionato sulle ali dell'entusiasmo e non avevano la Champions, ma se anche quest'anno non dovessero accusare manco un calo atletico, allora pensaci tu Guariniello.

    RispondiElimina
  20. Veneto, posso finalmente trovare modo di smentire il fatto che io sia un maniaco di Prandelli, che lo aspetti sotto casa per chiedergli gli autografi o peggio. In realtà i prandelliani intelligenti hanno sempre chiesto a gran voce un allenatore che offrisse organizzazione di gioco e giusta mentalità. Di questo ci aveva privato Mihajlovic. Ma sicuramente Prandelli non è il solo allenatore a proporre una certa filosofia di gioco, che non necessariamente è legata ad uno schema specifico. Tant'è che le differenze tra Montella e Prandelli ci sono eccome: al gioco alla spagnola di Montella facevano riscontro, ai tempi di Prandelli, il furore agonistico degli esterni del 4-2-2 e i centravanti alla Gilardino, mentre adesso abbiamo possesso di palla, gioco per linee centrali e attaccanti di manovra. Ma non è questo il punto. Quanto a Delio Rossi, che dire? Speravamo tutti che fosse lui a riportare il bel gioco a Firenze, ma Delio si è rivelato una delle più grandi delusioni nella storia della Fiorentina già prima del cazzotto a Llajic.

    RispondiElimina
  21. L'esame di ieri era per la Fiorentina o la Juventus?Il dubbio rimane.Questa Fiorentina non tiquitaquante ma Luis Enriquante:molte analogie con la squadra giallorossa dell'anno scorso,molto possesso palla,molto fronte orizzontale,abnegazione nel voler a tutti costi entrare in porta con la palla.La differenza?Osvaldo?La punta?Sicuramente la nostra difesa è una spanna superiore a quella romana dell'anno scorso.Yo El Sup. indicava Kjaer come baluardo difensivo,ma era sotto morfina,credo.Al di la della provocazione,ieri sera si é di nuovo palesata la domanda "Chi c'è li in mezzo?" e non è dietrologia affermare che la cosa sta per diventare irritante;la soluzione tampone è osare il tiro da fuori,non c'è altro:Liajic non sarà mai uomo-gol e continua a bruciare le chances che vengono concesse,Seferovic l'ha avuta la chance ma sbatteva ovunque e memori della latitanza di punte ci siamo esaltati per un paio di varchi o scatti effettuati dal rossocrociato contro il Parma,resta la speranza El Ham,sperando che Maometto lo riabiliti.Le contropagelle:Buffon 6(lui spera tutte le squadre scendano in campo come la viola,senza punta)-Liechst. 4(mai arrivato sul fondo,stremato da Pasqual)-Asamoah 5(rintanato dietro,frastornato a tratti dallo svolazzamento della chioma di Cuadrado)-Vidal 5(randella impunito,borsa di ghiaccio in testa a fine match,causa giravolte spaziali di Pizarro)-Bonucci-Barzagli-Chiellini 6(troppo facile ieri sera)-Giaccherini 4(si parlerà di lui a "Chi l'ha visto";stupendo quando come un bimbo indispettito impreca battendo pugni terra)-Pirlo 5(il sinti gioca agli stessi ritmi dei suoi occhi:abbassati quasi socchiusi,con l'aria da "Dici a me?".L'ammoniaca del centrocampo viola lo cancella)-Quagliarella 4(pensava fosse morbido come Londra,il Franchi?)-Giovinco 4(Yo El Sup. avrebbe dato 7 anche se avesse orinato sul palo,commentando con "Legno clamoroso!";il rasoterra vince il poster di Roncaglia da appendere in cameretta).Perchè queste pagelle?Troppo facile parlare dei nostri,maestosi ad uno uno,epici ad uno ad uno.Azzardo il prossimo tormentone di calcio mercato:Facundo Roncaglia;e credo che qui dovrebbe intervenire lo specialista in football sudamericano e scagliare un grande anatema contro chi aveva messo in dubbio le capacità,i fondamentali dell'argentino.Quelli che guardano calcio solo in tv,spesso guardano quello sbagliato.(P.S.:domenica ho anello arancione a San Siro).

    RispondiElimina
  22. Sei giovane, Vitalogy. Io non sostengo che sia la più forte in assoluto, ma la più omogenea nei valori. Ognuna delle Fiorentine precedenti dipendeva infatti da uno o più campioni: Batistuta, Baggio, Mutu con Frey e Gilardino. Gli altri erano di livello medio basso, tant'è che se il campione assoluto mancava sostituirlo era difficile. Qui c'è un gruppo di giocatori di grandi livello, nonchè una panchina lunga in grado di sopportare facilmente più impegni. I limiti di questa squadra sono difficili da ipotizzare. Non mi stupirei se si affermasse stabilmente come una delle grandi del campionato. Il risultato finale non è prevedibile, ma la caratura della squadra si vede. Già domenica in trasferta a Milano con l'Inter avremo una controprova. Se neanche i neroazzurri dovessero toccare palla...boh, io direi che siamo da scudetto. Punto.

    RispondiElimina
  23. La pagella del Sopra su Giovinco ripropone la sfida, Pollock: ti ritrovi a inseguire dopo essere partito alla grande ai piedi del colle. Fughe e controfughe sull'Izoard. 

    RispondiElimina
  24. Controprova del fatto che questa squadra ha valori omogenei e non dipende da un campione. Immaginiamo di togliere Jovetic. Fino a due anni fa sarebbe stata sconfitta sicura. Questi secondo me giocano lo stesso, nel senso che ricamano ugualmente le loro trame e portano avanti il loro gioco organizzato. 

    RispondiElimina
  25. A me la Fiorentina la mi sembra i' bell'Antonio, pieno di fiche, ma un tromba! E sarà timido, e sarà romantiho o gni manca i'centrattacco, anche a lui!

    RispondiElimina
  26. Ludwig infatti nel confronto che ho fatto con le Fiorentine passate non mi stavo rifacendo a quello che avevi scritto, che comunque -a maggior ragione dopo la tua ultima precisazione- implicherebbe che anche per te sarebbe la miglior Viola del trentennio se avesse un Bati davanti.

    Mi rifaccio invece a te -tanto per cambiare, eheh- sulla questione degli allenatori, e ti chiedo come fai a non accorgerti che Mihajlovic si è trovato davanti ad uno spogliatoio di ammutinatori, che se invece che "save the children", avessero sfoggiato la scritta "we don't care about viola alla facciaccia tua che te la rifai col parafulmine", sarebbe stato più appropriato, a partire dal diversamente capitano.
    Pensi che quelle zavorre non avrebbero limitato anche questo pur immenso Montella?
    E il Delio che accoglieste come salvatore della patria (a me non mi includere però, al di là del fatto che l'ho sempre ritenuto sopravvalutato, per me la causa primaria del non-gioco stava nella premessa della non-corsa di chi doveva correre, poi viene il resto), secondo te perchè ha fatto anche lui la figura del non-allenatore?

    RispondiElimina
  27. Jordan io comincio a non essere mica tanto convinto di questa "cosa" del centravanti. Mi spiego. Ho come l'impressione che usare un "vero" centrattacco potrebbe snaturare il gioco della squadra. Fatte le dovute proporzioni se al Barcellona togli Messi per mettere, che so, un centravanti alla Toni si snaturerebbe tutto il gioco blau-grana e forse quel gioco così spumeggiante non si avrebbe. Nel nostro caso comincio a pensare che il problema non sia tanto di non arrivare al tiro (ieri li abbiamo presi a pallate) ma quello di "aggiustare" il tiro stesso. Se ieri due o tre tiri dei dieci fatti fossero stati conditi da maggior precisione forse si starebbe parlando di altro risultato. Quindi magari basta raddrizzarglielo al Bell'Antonio per farlo trombare (per venire alla tua metafora).

    RispondiElimina
  28. Sono d'accordo filosoficamente con te, Veneto, e ne abbiamo già parlato. Ma è la qualità dell'uomo da affiacare a Jojo che, in assenza del marocchino, finora non ha convinto. Io credo che l'inserimento di Mati completerebbe l'assetto barcellonico.

    RispondiElimina
  29. Vitalogy scusa se intervengo nel tuo disquisire con Lud ma nella tua analisi c'è una imprecisione importante. Sinisa ha avuto un anno e mezzo di tempo e TRE campagne acquisti per agire sui "we don't care" mentre Rossi se li è trovati. Le responsabilità mi sembrano parecchio diverse. Dopo un anno di scempio il sig. Sinisa doveva PRETENDERE la Tabula Rasa e su questo è responsabile lui in "compartecipazione" con Corvino.

    RispondiElimina
  30. Al di la' della rosa non credo di andare lontano dal vero o di essere disonesto nei confronti di Mihajlovic se dico che il suo modello di calcio è diverso da quello di Monty Pyton. D i gioco organizzato e moduli moderni Miha sembrava sapere molto poco. Insomma non andava oltre il "palla avanti e pedalare". Il problema è che se una squadra di Miha ne incontra una di quelle organizzate rischia di non vedere la palla. Ed infatti molto spesso al Franchi piccole squadre di provincia ben messe in campo venivano a dettare legge. Un po' meglio andava in trasferta perché la Fiorentina di Miha non doveva creare ma limitarsi a difendere. Gioco però se ne vedeva di rado. Qualche pareggio alla disperata ci scappava e si festeggiava come fosse Befana ma non era vita!

    RispondiElimina
  31. Si, Blimp anche a mio modo di vedere a fine campionato la vera sorpresa Viola potrebbe essere Mati. L'unico dubbio, però, è che se Montella (di cui mi fido ciecamente) ancora non lo ha provato seconda punta per tutta una partita forse è segno che proprio non ce lo vede. Ma magari è solo questione di preparazione...speriamo.

    RispondiElimina
  32. A conferma del gioco barcellonesco della Fiorentina il fatto che si son create più occasioni ieri, e s'è giocato più all'attacco ieri, contro la corazzata rubentus con Lijajc in campo, che contro il modesto Parma con in campo, al suo posto, il centravanti Seferovic. Ed alle occasioni già dette da tutti ne voglio aggiungere due, di cui nessuno parla, e che sono tutto merito di Lijajc: una sua fucilata , destinata ad andare in rete rete, incappata disgraziatamente sulla schiena di uno dei nostri, una punizione clamorosamente non data per evidente fallo su Lijajc, esattamente sulla sua mattonella , che sarebbe stata una chiara occasione da gol, o meglio, di un suo gol. Detto questo per mettere d'accordo tutti vi annuncio ufficialmente che la soluzione verrà con l'entrata in scena di El Hamdaoui, centravanti moderno di manovra, perfetto per gli schemi d'attacco di Montella.

    RispondiElimina
  33. O Chiari se a fare il centravanti e tu mi metti un ragazzotto scarso di suo e anche senza la minima malizia ed esperienza, lo credo che l'è meglio mette' Ljaic. Ma Ljaic una punta e un n'è, e un sarà mai. I'go' non lo cerca con l'ansia del puntero, gli piace di più lo sghiribizzo, l'assist, e quando gli capita la palla bona e ci caga sopra, perchè un ci ha l'ansia di' go', ma la paura di sbagliallo. Ora certo se tu mi metti ccasioni da go' anche le punizioni non date e siamo un po' alla partigianeria. Peccato Ljaic sarebbe un bel giocatorino ma in questa Fiorentina ci ha poco posto e quel poco che ci ha l'è perchè e s'ha un buco che pare una voragine. Speriamo lo riempia il marocchino ma sicuro, sicuro un son mica.

    RispondiElimina
  34. Ma questo tu lo dici te. E' vero Mihajlovic non è certo un epigono del possesso palla e del calcio spagnolo, ma dammi una bella squadra allenata bene e che sa gioha' di rimessa e tu vedi quanti spagnoli e ti mando alle nane!

    RispondiElimina
  35. Al Barcellona hanno rigettato anche Ibra, ma grazie al pippo, tu ci hai Messi, e Villa e Pedro, tutta gente che la porta la vede e i go' li fa. Da noi se si rassega un po' Jovetic, o chi l'è che fa go'? Ljaic che n'ha fatti un paio 'n tre anni? El Ham che l'è un anno che un gioca e che mi sembra un n'abbia mica cominciato bene, rotto subito? Lucone? magari se si reggesse ritto e sarebbe l'unico ma che si regge ritto? Prendi un centravantone o un centravantino, ma ci vole uno che va dentro, che vo' vede' gonfia' la rete. In area e si sembra una massa di cicisbei!

    RispondiElimina
  36. Nevra, quest'attacco non soddisfa anche me,  ho solo rilevato una "contraddizione" che sarà risolta con l'ingresso di El Hamdaoui. Anche io penso che Lijajc come punta sia male utilizzato. Quanto all'occasione che mi sarei inventato io in modo partigiano, sul campo è stata creata ( da Lijajc), solo un porco di arbitro non l'ha vista, questo volevo dire. In compenso il porco se n'è inventato a favore della rube,  che solo un annichilito Pirlo non  ha saputo sfruttare.

    RispondiElimina
  37. Il giallo a Liajic per simulazione è quanto di più intimidatorio un arbitro possa concedere a dimostrazione della sua totale incapacità. Non solo era fallo grosso come una casa, non solo poteva non fischiare niente, al limite, no, ha dato un cartellino ridicolo. E in effetti poteva essere il grimaldello con il quale aprire la partita. Di fatto Buffon non si è sporcato i guanti e non può essere solo il tiro da fuori la soluzione di tutta la mole di gioco prodotta. Quel cross di Pasqual (notevole in spinta come sempre, per niente deleterio quando non deve difendere) che ha attraversato l'intera area di rigore ha palesato in tutta la sua crudezza quanto manchi 'sta benedetta punta. Un Toni, in quell'episodio, batteva a rete. 

    RispondiElimina
  38. sì ma il Toni di 5 anni fa, non il paracarro di ora

    RispondiElimina
  39. Concordo con Lele, a parte il discorso sulle sostituzioni. L'unico che avrei messo prima era Toni, tanto per tastare il polso alla difesa juventina un po prima e dare respiro a Jojo che ha rinculato tutta la sera per pressare le ripartenze dell'azione bianconera ed impedire loro di fare gioco sin da dietro. Aspetto anche io El Ham, dico solo che sottovalutate un po troppo Romulo, un Migliaccio (oramai) ma con piedi brasiliani. Anche ieri sera uno dei migliori, a mio avviso. Adesso tutti a Milano, è l'ora di cominciare a vincere...

    RispondiElimina
  40. Tra i tanti episodi in cui è stato scandaloso Tagliavento, ce ne sono 2 che vedo poco ricordati:
    -verso la fine del primo tempo, Quagliarella a metà campo si trova davanti Roncaglia, gli si butta addosso travolgendolo e simulando di aver subito un fallo, dopo pochi secondi l'arbitro fischia più avanti una punizione in "zona Pirlo", ammonendo mi pare Rodriguez.
    -verso il 70°, un gobbo sul nostro limite sinistro dell'area fa una capriola per aria simulando una spallata quando invece non è mai stato toccato, l'arbitro concede la punizione al limite fermando la ripartenza sulla fascia di Borja, che era già arrivato a metà campo 

    RispondiElimina
  41. Ciao a tutti. Della partita di ieri mi tengo molto volentieri, e sono molto contento di questo, la solidità difensiva di queste ultime giornate. Questo è l'aspetto che mi esalta maggiormente, perchè è sì vero che senso del calcio è fare gol, ma è altrettanto provato che chi becca pochi gol occupa quasi sempre ottime posizioni di classifica. Avessimo poi subito poco e creato nulla sarei preoccupato. Ma abbiamo avuto alcune buone occasioni, altre di pochissimo non finalizzate (penso a scambi in area che di un nulla si sono concretizzati e il rigore-non-rigore su Pasqual. Possiamo quindi disquisire di ciò che manca (attaccante, inserimenti dei centrocampisti, gioco a volte un po' macchinoso) ma sappiamo di posare su solide basi! Difesa mostruosamente solida, centrocampo che raramente butta via palloi, esterni che salgono con facilità. Attacco che deve migliorare i meccanismi e qui c'è tempo. E poi ci saranno ancora sorprese, come la variante Roncaglia con la botta dal limite, gli schemi su calcio piazzato. Se posso fare un appunto al mister, ieri avrei fatto qualche cambio prima, dopo aver speso tanto, abbiamo cambiato il primo giocatoro alla mezzora, con i gobbi che giocavano con due giocatori freschi da dieci minuti, nel calcio attuale è troppo importante non concede gamba all'avversario.

    RispondiElimina
  42. Questione Miha: contro l'attuale Fiorentina la palla non la vede nessuno, quindi non la vedrebbe nemmeno la squadra allenata da Miha; è sicuro che il contropiede ha ancora i suoi successi, pur se minoritari, ma la squadra di Montella non avrebbe risorse per giocare il contropiede, le ha (supreme) per giocare iberico. Questione Ljajic: prova intelligente e di sacrificio e con pochissime scorie fino al 43° (ma una seconda punta è altra cosa), poi alla grande occasione fallisce, come ha fatto tante volte prima di ieri e ogni volta ottenendo le stesse giustificazioni (è giovane, non si giudica su un'occasione sbagliata in una partita, sta progredendo) che otterrà la prossima volta, e si smonta psicologicamente; se poi l'arbitro (che secondo qualcuno ha errato soltanto in un paio di rimesse laterali) oculatamente contribuisce a rammollirlo mostrandogli un giallo di fantasia abbiamo il coronamento del secondo tempo allo zucchero filato del serbo. Aggiungiamo uno Jojo decente ma non trascendentale e la forza roncagliesca del miglior difensore della Juve (Taglia-vento-contrario-ai-gobbi) e si capirà come, la più bella figliola al mondo non potendo dare che ciò che ha (antico proverbio piccardo), la meravigliosa Fiorentina di ieri non abbia matato un avversario dominato nel gioco.

    RispondiElimina
  43. Africa con le lance per PasqualChiari,la
    prestazione di Pizarro e' stata nel primo tempo immigliorabile(gli
    do'10 e lode)e nel secondo da 8 e ho detto che e' calato ma non
    naufragato,perche'ovviamente era calcisticamente e
    fisicamente impossibile fare i secondi 45° a quel livello.Ora vabbe'che
    stravedi per lui,(spero che tu mi legga sufficientemente obiettivo per
    ricredermi e non aver pregiudizi)ma una partita da 9 credo sia un
    giudizio non male,no?
    Vorrei spezzare una lancia,anzi,un MAS,per
    Pasqual,spessissimo,come ieri,sottovalutato.Chi ha provato una qualche
    volta a giocare sulla fascia,si e'reso conto di cosa vuol dire.Io l'ho
    fatto solo raramente,e in epoca in cui il 352 non esisteva nemmeno nelle
    idee piu'rivoluzionarie,quando si correva un quarto di oggi,e,cazzo di
    budda,si fa una fatica indescrivibile,col cervello che va in apnea
    e spessissimo le gambe non obbidiscono ai suoi comandi.Esempio,ad un
    primo tempo di altissimo livello di Cuadrado,dove ha espresso tocco e
    corsa,e'seguito un secondo ottimo,ma piu'normale.Lui,Pasqual,ha spinto
    dall'inizio(tra le numerose,incursione che ha causato un rigore netto
    non dato,progressione boltiana dove ha volato via Barzagli per mettere
    una grandiosa palla al centro,e un tiro al volo dal corner di poco
    alto)fino alla fine,sempre tra le numerose,una diagonale difensiva per
    fermare Giaccherini,magistrale,un colpo di testa di poco a lato,e uno
    scatto all 88° da far paura.Tutto questo sulla corsia dove non c'e'tempo
    di rifiatare mai,sempre a chiudere e riproporsi,(ho visto solo
    Torricelli nella finale rube Ajax fare tanti km,ma sappiamo perche' e
    come)con la gente pronta al fischio per un cross sbagliato.Lui
    niente,cade si rialza,e ricomincia a correre.Credo che Montella,che se
    lo vedeva scorrazzare a due metri,si sia stropicciato gli occhi,come ho
    fatto io,vedendo sittanta abnegazione,sportivita'e qualita'.Se il pur
    ottimo Llama,per giocare aspetta che  sia stanco,credo debba aspettare
    un bel po'.Attualmente tra i migliori del campionato,dove non vedo
    nessuno che possa far meglio di ieri.Partita da 9,contento sia lui il
    nostro,degnissimo,Capitano,non come quell'altro,da non nominare
    nemmeno,autore di una delle pagine viola,piu'volgari e vomitose.
    Lele
     

    RispondiElimina
  44. Concordo al 100% con Vitalogy sullo spogliatoio cui si è trovato a far fronte Mihajlovic e pure sugli episodi arbitrali passati in cavalleria aggiungendo che il primo è successo al 46° del 1° tempo (come a dire, "ovvia su, cercate di chiudere il 1° tempo in vantaggio") e che il secondo è stato fischiato un fallo a Valero su Vucinic.
    Io aspetto a gloria El Hamdaoui sul quale nutro immensa fiducia.

    RispondiElimina
  45. E chi ha detto che Montella dovrebbe giocare di rimessa? Dopo aver comprato dei centrocampisti come Valero, Pizarro e Aquilani dovrebbe giocare di rimessa? Ma pensi che sia scemo?  Il discorso era di filosofia generale perchè ora sembra che si possa giocare soltanto in un modo, ma non è così. La Fiorentina bella, con bel gioco, entisiasmante a
    tratti, in tre partite ha fatto due punti. Insomma si può giocar bene in tanti modi e la mia risposta era per LZ che condannava praticamente il suo diavolo Sinisa (il suo santo è un altro come noto) ad una carriera sciapa perchè non era un epigono del calcio "spagnolo". Si vince anche fuori dalla Spagna ed anche giocando in tutt'altro modo. Anzi io continuo a pensare che sia più facile far punti ed ottenere risultati giocando di rimessa che aggredendo di continuo.

    RispondiElimina
  46. Leggo i complimenti di Leo e Antogno che non merito ma in quanto grande meretrice prendo molto volentieri, fino in fondo, poi vedo, anche se c'è sempre chi me lo suggerisce nel caso fossi distratto, del solito tentativo del Sopra d'incularmi la poltrona, allora vorrei suggerire al suggeritore che sono nelle stesse condizioni dei DV, smobilito, e quindi se lui riesce a fare da intermediatore gli vendo ogni hosa a i' Sopra. Sono pontellizzato abbestia, intanto sto diabolicamente indirizzando il blogghe in una deriva buhesca, finocchiacci gratinati, gobbi e cardi cardi, in modo da svalutarlo per poi venderlo meglio a i' Sopra. I DV non solo non ce l'hanno fatta, hanno addirittura spagnolizzato invece che pontellizzato, io in quanto grossa meretrice ma "travestito" non sono in grado di fare le spagnole.

    RispondiElimina
  47. Nove per Pizzaro va bene, Lele. Eh eh eh.Quanto a Pasqual a me piange il cuore parlare dei suoi limiti tecnici, caro Lele, ed anche io giudico la sua prova di ieri,ed in generale il suo rendimento quest'anno,  sempre  sopra la sufficienza, ieri anche di molto. Dico  solo che gli manca la tecnica per partecipare con maestria al fraseggio o per puntare l'uomo e cercare superiorità numerica saltandolo, sia in direzione dell'area avversaria che della linea di fondo avversaria. Chi ha queste doti oltre a quella della semplice corsa, come le ha Cuadrado, tu  mi insegni che brucia e consuma molto di più, perchè sai quanto produce in termini di acido lattico, che si accumula, la scatto felino, bruciante di Cuadrado, sia in accelerazione che da fermo,  che supera l'avversario il quale pure se l'aspetta ma non ci può fare niente.

    RispondiElimina
  48. Lele ma infatti il cuore e l'impegno di Pasqual non li mette in dubbio nessuno. Sono altri i limiti, integro quello che detto il Chiari.
    In fase offensiva crossa bene quando ha tutto il tempo per guardare, pensare, prendere fiducia, coordinarsi, mirare, prendere la rincorsa, ecc., e purchè avvenga non più vicino di 30 metri dalla linea di fondo, perchè non riesce ad arrivare sul fondo e metterla in mezzo mentre è tallonato in corsa, a differenza per esempio del vecchio Vargas, che riusciva a trovare la testa del Gila anche dalla bandierina, pure da fermo, mentre due avversari cercavano di abbatterlo a spallate.  In alternativa a Vargas, a cui gli avversari rimbalzavano addosso, ci sono quelli tecnicamente più raffinati che l'avversario lo dribblano: è vero che si tratta quasi sempre di terzini che non sanno difendere, ma anche con Pasqual, finchè giocavamo con la difesa a 4, il suo lato era la base di lancio preferita per i cross in area degli avversari.
    Con i 3 centrali, i suoi compiti difensivi si semplificano più spesso al controllo del suo dirimpettaio sulla fascia, e oltre a ciò, quando è chiamato a fare la diagonale per chiudere avversari che non sono i suoi dirimpettai diretti, può trovare come punto di riferimento un compagno più vicino rispetto alla situzazione che si crea con la difesa a 4.
    Last but not least, c'è anche il fatto che quando una squadra gira -e ora sta girando- anche gli anelli più deboli della catena trovano vita più facile.
    A sua parziale discolpa, semmai, si può dire che dopo Maldini non se ne sono più visti tanti di terzini forti sia a difendere che ad attaccare, specie tra quelli mancini.  

    RispondiElimina
  49. Chiari io non sono d'accordo con quesot tuo giudizio tecnico su Pasqual e te ne spiego il motivo. Se ben avrai notato ieri il nostro ha fatto un tiro al volo su calcio d'angolo di Pizarro che se segna vien giù lo stadio. Il grado di difficoltà di tale schema, evidentemente studiato, denota che lo stesso nostro tecnico considera Pasqual giocatore di alto spessore tecnico e non quel semi-scarpone che spesso viene ritenuto da molti. La mia impressione è che sia stato, in passato, un giocatore molto sottovalutato sotto l'aspetto tecnico ma ricordo che per almeno un paio di stagione è stato il miglior assist-man della Fiorentina e se non erro anche del campionato.

    RispondiElimina
  50. Gianni se vai da un chirurgo di quelli bravi (chiedi indirizzo agli amici di Lapo) vedrai che in poco tempo le spagnole potrai farle anche tu ah ah ah

    RispondiElimina
  51. Caro Jordan, non penso che tu sia scemo tanto è vero che non ho scritto che tu pensi che si dovrebbe giocare di rimessa. E' più facile giocare di rimessa, per il resto, perché ci vuole meno talento, nella media delle risorse: d'altra parte se hai essenzialmente talento non te la giochi certo in contropiede, men che mai oggidì, perché è difficile convincere Einstein a pulire i cessi del suo Dipartimento di Fisica, oltre tutto perché non ha sviluppato quelle doti in favore di altre. Pollock, hai dimenticato la dismissione, che è quel che Tagliavento fa, direi, una volta finita la missione ricevuta. E poi dovevi far entrare Tutunci nel discorso! Ricòrdati che Tutunci entra sempre, davanti, di dietro e in bocca ed è sempre meglio dei DV visto che, a parità di non investimenti, almeno ci vende splendidi tappeti con lo sconto del 100%, perché "deve soldi alle banche!" e se li regala a noi non li pignorano più a lui. E poi l'Incisa, l'Incisa, Pollok! Non sai che si chiama così perché volevano incidere il braccino di DDV per cavargli fuori sangue e lui se la telò gridando "Sono mica spendaccione come il Chiari!"?

    RispondiElimina
  52. Nessun golpe qui,nessun gol al Franchi,nonostante COLONEL sobilli allo stesso modo che,immagino,titilli qualcos'altro...altro che buchi!Capitolo Pasqual:c'è voluto Montella dove ne Prandelli ne Miha han capito cosa fare,cioè lui e un ottimo fluidificante che però doveva coprire alcune incapacità tattiche(vedi l'ostinazione a fargli coprire Vargas,che non tornava mai!).Nello spazio rarefatto e anonimo dell'era Miha restano il capitano-bandiera,uno Jojo che sboccia sempre più ed un Nutellaijic che attendiamo sempre...I calciatori andati via si portano dietro anche quei(quelle)finti tifosi supporter solo di se stessi,delle loro idee e non disposti a cambiare neanche davanti all'oggettività degli eventi.La Generalessa svapora con il caravaggino,i multinick cuociono nuovi nomi e chi è sempre stato coerente sembra sia un "anti" al giorno d'oggi,'sta gentaglia che ha infangato(e ora infanga noi!)sembra trionfatrice.Il circuito viola ha avuto due tappe intermedie(anni di Miha),il Generale Massu non aveva stoffa ma ciarpame,quel che oggi ingoiano tutti.Oggi tutto converge:un unico pensiero che prolifera vari effetti;la Fiorentina(intesa come corpo unico tifosi-squadra-entourage-stampa-dirigenza)ora riflette su stessa con un unico cuore ed un'unica testa,si definisce contro i suoi avversari proprio grazie a una grande riflessione fatta su se stessa,termina così,ufficialmente ancor di più da ieri sera,l'oscurantismo che faceva apparire idioti i tifosi,inetti i Della Valle.Sul sitone alle 13:25 un multinick dell'ultima tornata si erge anche a nuovo vate,indicando cosa non fare ad un amico(!!!???!?)nostro.....Che gente,tipi che se vanno in Spagna neanche sanno che li la spagnola si chiama "la cubana",ma che te lo dico a fare,POLLOCKBLOG,quando ti dai un epiteto che contiene già in se il nome di Yo El Supremo?Trave-sta....Trav......Quando si dice l'inconscio.

    RispondiElimina
  53. Mourinho ha vinto il triplete non giocando certo alla spagnola con l'Inter ed eliminando dalla Champions il Barcellona, ed ha convinto Eto'o a pulire anche i cessi.
    Questa idea che si è più bravi per definizione a giocare all'attacco non la condivido. E' più difficile e per ottenere gli stessi risultati che giocando di rimessa bisogna quindi essere più bravi. Con questo è bello a vedersi (quando non si perde troppo), son contento che la Fiorentina giochi così, ma non ha preso certo la via più facile. 

    RispondiElimina
  54. Sopra, sono una pefetta catena alimentare, prima delfini e poi predatori che mangiano i delfini, prima infamano i DV tramanti pontellizzazioni foriere di distruzioni di massa, DV in malafede, e poi li esaltano per il rilancio, DV ai quali concedono la Sacra Rota della verginità per riportarli nella condizione di moralmente retti. Sono pefetta catena alimentare e autocompensanti, sono Simon & Gurfunkel, Stanlio e Ollio, il culo e le quarant'ore, anodo e catodo. Parecchia faccia ad anodo. Loro non sono retti come i DV, ma hanno le facce come i loro retti. Anche un po' rettili.

    RispondiElimina
  55. Bah, che importa, quella cagata di sito si sta spopolando, è tenuto in vita a multinickate. Il dibattito è qua, la festa è qua. Sopravvissuto, il Pollockone ti aveva riagguantato e tu piazzi lo scatto a dieci dalla vetta con "la Generalessa" (ahahahahahahahah! Dritta dritta fuori da un romanzo di Dostoevskij! Ahahahahahahahah! Ma l'idiota non era maschio, non era il Principe Myskin? Ahahahahaahhah!). Son tristi e soli, non hanno più nessuno che dia loro di fava laggiù e hanno paura a venire quaggiù (se non cambiando giacchetta). Di sicuro non ci lasciano in Dubbio... ahahahahahahahah! tutuncitutuncitutuncitutuncitutuncitutuncitutuncitutuncitutuncitutuncitutuncitutuncitutunci: in carrozza!!!!! Destinazione l'Incisa!!! Ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  56. Mi s'è cancellato il post. Riassumo in due righe: Jordan, del Bell'Antonio ha scritto ieri Nuvola, scorre più telepatia tra voi che tra Carrera e Conte; l'idea-Montella mi aveva subito stuzzicato proprio perché il suo Catania aveva un ottimo equilibrio tra gioco offensivo spettacolare e difesa ben protetta, cosa non comune.

    RispondiElimina
  57. E' vero, Veneto,  ha un buon tiro Pasqual,  ma raramente preciso, come ad esempio quello di Roncaglia, poi quando hai dovuto specificare le doti tecniche ti sei dovuto limitare a quelle di assist-man, che poi io limiterei al cross-man, suo vero, per non dire unico, pezzo forte, ma sempre dalla trequarti mai dal fondo, come ricorda Vitalogy. Per doti tecniche io intendo, come ho detto qua sotto, le capacità, dalla fascia, di partecipare con maestria alla costruzione del gioco a centrocampo e di dribblare l'uomo, doti indispensabili per creare superiorità numerica, puntare l'area, o crossare dal fondo, su queste doti mi pare carente.

    RispondiElimina
  58. Preoccupante, quel che riveli, Deyna... C'è dunque una doppia vita... uhm uhm... qui c'è ben peggio che il Mala... uhm uhm... da non osar frugare nell'armadio, c'è il rischio che saltino fuori tailleur e calze di seta... ahahahahahahahah! Bene, venendo alle cose serie: Jordan, tu citi il meglio del meglio nel genere, ma a pulire i cessi gente come quello che citi ci va solo perché lo chiede uno come Mou e poi comuqnue dice arrivederci e grazie. Se ricordi bene, già Rivera e Platini avevano ingaggiato polemiche infinite coi loro allenatori (catenacciari, in quel caso), per l'assenza di dialogo che trovavano in un modulo per manovalanze: Einstein non sta meglio se si trova solo al Dipartimentodi Fisica e attorno ci sono solo amministrativi nel migliore dei casi, pulicessi nel peggiore. Poi, giocare iberico non significa genericamente "giocare all'attacco": la Fiorentina ha una difesa impermeabile, e tanto meno becca quanto meno ha il boccino in mano. Ripeterò all'infinito che la concezione di gioco all'olandese, col sacchismo zonale che ne conseguì, fu, come da loro inventori, una filosofia prima di tutto difensiva. Ma c'è modo e modo di difendersi, come c'è modo e modo di attaccare.

    RispondiElimina
  59. "Quanto più ha il boccino in mano", ovviamente.

    RispondiElimina
  60. Si Chiari, probabilmente quella di non saper dribblare è la pecca principale del buon Manuel però io, anche ieri, lo vedo far tocchi di dai e vai mica male, triangolazioni spesso interessanti e, devo dire, anche una scelta di tempi di inserimento fin qui sconosciuta. Se mi vuoi far dire che ci sia di meglio in allora, ovviamente, sono pienamente concorde ma nel panorama italiano e ai prezzi che ci possiamo permettere per me Pasqual è un buonissimo elemento. Non vanno poi dimenticate, ma questo credo tutti glielo riconoscano, doti di leadership nello spogliatoio molto importanti e credo che un ragazzo sveglissimo come Mister MOntella lo abbia ben capito. Quel che è certo è che trovarsi a discutere di questi "sofismi" su Pasqual dopo due anni e mezzo di nulla devo dire che è bello, molto bello. Significa che ci s'ha lo squadrone.

    RispondiElimina
  61. Antognoniforever26 settembre 2012 16:32

    Pasqual non sarà Roberto Carlos, ma mi devono ancora dimostrare che gente tipo Balzaretti o Peluso o Mantovani o Marchese gli sia superiore.

    RispondiElimina
  62. Ahahahahahahahahah..., Pollock, il Matto ha appena scritto che lui, col bambolotto gonfiabile Tutunci in braccio, rappresentava e rappresenta il 98% del tifo fiorentino... ahahahahahahah! Dice che non frequenta il tuo sito ma poi ne elenca i temi di discussione... ahahahahahah! Non lo frequenta, ma sapeva qualche giorno fa che dove caca e piscia lui qui lo chiamano sitone... ahahahahahahahahah! Pollock, da quando te lo lasciasti tu rappresenti solo il 2% e non l'hai ancora capito, razza di favalessa... ahahahahahahah! Nemmeno l'acqua antisterica di Santa Maria Novella ha una percentuale così bassa in soluzione... ahahahahahahah! Tu se' messo male di nulla, coglione che dicevi che non c'era dismissione, che la pontellizzazione era un delirio di neuropatici, che DDV era leggermente (ma dipende dai giorni, dalla luna crescente e dalle maree) preferibile a Tutunci... ahahahahahah! Un sito di buhacci che favoleggiava che col cazzo che DDV vendeva e gli sceicchi ce li aveva nel cervello bacato solo lo psuedosenese... ahahahahahahah! Abbiamo avuto torto su tutta la linea e ora paghiamo le conseguenze... ahahahahahah! Ora prepàrati alla solita orda di "ultimi arrivati" (ahahahahahahahah!) che aspettavano solo il messaggio pubblicitario del deficiente di turno per sapere che esiste qualcosa d'altro, in blog viola, che la malafede, la mascalzoneria, l'imbecillità e il trasformismo: forza Franger, forza Drago, forza Omino di Ferro, forza Eduardo, un passo ancora... ecco, quello che vedete sulle tavole è il Pigato del Chiari, ancora un passo e potete consumare a volontà... ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  63. L'attacco finale al Blog Ossigenato, pronti a difendervi a borsettate!

    RispondiElimina
  64. Blimpe, avevano finito con quel terapeutico pezzo di merda indirizzato ad ADV, e avevano ricominciato con i nasi da pagliaccio. Sempre lucidi come il catrame. E noi giustamente in esilio in questa fogna nel quale il più pulito c'ha la rogna.

    RispondiElimina
  65. Colonnello, attirare gente col Pigato - per di più offerto dal Chiari, quindi di dubbissima riscuotibilità - è come attirare gatti da castrare in una gabbia della ASL piena di tentanti carote vegan, ahaha. Per cooptare gente del calibro di Drago temo occorrerà ricorrere alla prostituzione d'alto bordo, Pollock preparati al sacrificio della Bice.

    RispondiElimina
  66. Ben detto, Deyna.

    RispondiElimina
  67. Io credo che Chiari pagherà, oppure salterà fuori un marmocchio sudamericano, il piccolo Juanito, pronto a buttargli le braccia al collo e a chiamarlo papà. Dopo lunghe ricerche abbiamo infatti rintracciato la madre: nessun fallimento contingente come lo Spilorcio volle far credere, la povera giovine fu fatta bere e poi condotta al piano di sopra. Era illibata, si trattò di un trucido abuso. Il piccolo Juanito vorrebbe iscriversi a un college americano, gli piacciono tanto le moto di grossa cilindrata e i vestiti di lusso di moda nel paese del suo papà. Sì, credo che Chiari pagherà qualche cassa di Pigato.

    RispondiElimina
  68. Anni fa lessi da qualche parte un articolo che cercava di ricostruire come la folla radunata per le strade di Bologna, subito dopo l'omicidio di Francesco Lorusso, avrebbe fatto scoprire un po' a sorpresa che probabilmente le radio libere erano seguitissime, contrariamente a quanto si pensava fino ad allora. 
    Forse, se Pollock annncia che domani sera, in Santo Spirito, ci saranno un migliaio di fihe pronte a darla a chiunque si presenti dicendo "pigato", avremo una prova di quante migliaia di lettori segreti abbia il suo blog.

    RispondiElimina
  69. Ne hanno inventato anche di peggiori per spillarmi dei soldi, Colonnello, ma non c'è mai stato verso. Quanto all'idea di Vitalogy, niente male, e grazie a tutto ciò io passo all'incasso del premio, ovviamente pecuniario,al promotore dell'anno, dal Consorzio Ligure Produttori del Pigato.

    RispondiElimina
  70. DEYNA,non lo sanno ma eventualmente li prenderemo a pisellate!

    RispondiElimina
  71. Chiari, non vorrei rinfocolare su Freud, che hai visto quanto mandi in bestia lo Pseudosenese (che non frequenta questo sito ma lo legge e lo cita con cognizione di causa... ahahahahahahahah!), ma secondo Sigmund l'avarizia a uno stadio come il tuo è sintomo di uno stadio anale non superato. Insomma, un'intera, ridente regione italiana affacciata sul mare popolata di anali: non è bello, Chiari, non è bello.

    RispondiElimina
  72. Sul sitone oggi accesa discussione su Adem Ljaijc. Io sto con Terim e difendo i progressi del giovane serbo. Pazientiamo e aspettiamo che irrobustisca gambe e busto (già si vedono cambiamento dallo scorso anno) e poi questo diventa un secondo Jovetic.

    RispondiElimina
  73. Postata rispostina(al panforte contradaiolo) con riferimento al blog ossigenato,coglierà?Dubito.

    RispondiElimina
  74. Sai dove te la puoi mettere quella teoria, Colonnello?

    RispondiElimina
  75. anch'io Orcio la vedo così, abbiamo aspettato qualcuno fino chiamandolo "giovane" fino a 27 anni, non vedo perchè non si possa aspettare Ljajic

    RispondiElimina
  76. Nel frattempo, nel cortile di una Certosa, per l'esattezza quella del titolo di un romanzo di Stendhal, si sfogliano margherite (oggetto: la partita di Montolivo)... "la guardo - non la guardo - la guardo - non la guardo - la guardo - non la guardo - la guardo - non la guardo... uhm... ma io la guardo lo stesso sì sì sì... uhm... e se fa cahare anche oggi cosa dico a Deyna? Allora rifacciamo... la guardo - non la guardo - la guardo - non la guardo..."

    RispondiElimina
  77. "MarcoSiena,rischi che Palazzi chieda una pena anche per te,continui ad abusare della Sindrome di Asperger.Ossìgenati,ti farà bene.". Questo post è stato censurato...mah...c'è davvero il bug suo sitone,allora?O c'è un buc' ?

    RispondiElimina
  78. Orcio e Vitalogy, anche io la penso come voi su Ljajic, inoltre il buon Adem sta facendo progressi, al contrario di chi abbiamo aspettato a lungo che invece negli ultimi due anni e mezzo a Firenze ha fatto "regressi". Forse non il centravanti, come arriva a dire Terim, sempre comunque interessante anche nelle sue "provocazioni" , ma le doti tecniche per diventare un bel realizzatore, alla Baggio per intenderci,  Ljajic le ha. Anche fisicamente mi sembra già più robusto rispetto all'anno scorso.

    RispondiElimina
  79. Sopra, eppure il militare a Cuneo l'hai fatto anche tu... Il sitone è aiutato a vivere da un cretino che smitraglia nick come cazzate e da un quintetto di emiliani e para-emiliani che, ad esempio, sotto le pagelle si sono spartiti oggi in totale l'80% dei post (parlo sul serio, potrei citare i cloni uno a uno): vuoi che se li inimichino? Hanno fatto la guerra alla Fiorentina insieme per due anni, in più, quindi difendendo il culo del Matto e dei matti difendono adesso anche il loro: se ti metti a discutere lì come se ti credessi sul sitollock lo sai bene cosa ti succede, ti tengono in due, la bocca incerottata e le mani legate, e c'è un cretino qualunque dei cinque che ti cazzotta. Io ho goduto di una finestra informativa di poco più di sei mesi, tempo fa, grazie a un moralizzatore purtroppo fallito di quella cloaca, e so adesso cose bladerunneriane, cose-che-voi-umani. E' un panorama di squallore umano infinito, infinito...

    RispondiElimina
  80. E' tutto vero Colonnello, infatti io nego proprio che sia il modulo che ti dà, a prescindere, la formula giusta. Puoi fare ottimo e anche bellissimo calcio sia giocando di rimessa che giocando col baricentro alto, devi avere gli interpreti adatti con le caratteristiche giuste e, in ogni caso, concentrazione e voglia di correre. In ogni caso devi saperti adattare a fare anche quello per cui non sei  nato, perchè in ogni partita capita di dover spingere o di doversi ritirare a seconda di quel che fa l'altro. Dico, in genere, che giocar di rimessa ti apre gli spazi e quindi ti facilita le cose, mentre le complica a chi deve intasarsi nella metà campo avversaria, a meno che non abbia grandi tiratori da fuori o centravanti di stazza abili in acrobazia o tu sia molto veloce negli schemi degli ultimi quindici metri.

    RispondiElimina
  81. Guarda che non era idea nuova, l'avevo già scritto tempo fa. Anzi l'aveva già scritto il Nonno Pilade, e lei è tra le affezionate lettrici, nel caso son contento e ringrazio.

    RispondiElimina
  82. Orcio, Vitalogy e Chiari, io la penso QUASI come voi nel senso che i miglioramenti di Ljajic sono sotto gli occhi di tutti e che quindi gli dobbiamo mostrare fiducia perché può fare ancora meglio ma diventare un secondo Jovetic.....la vedo dura dura dura!!!

    RispondiElimina
  83. Su Pasqual, andatevi a rivedere gli ultimi tre minuti, Toni che bastava alzare la palla e l'avrebbe insaccata ad occhi chiusi. Pasqual si lascia prendere dall'ansia e sbaglia il cross in corsa. Eravamo due contro due. Secondo me è stata l'occasione più limpida che abbiamo avuto. Freddezza e lucidità sono i due limiti di Manuel, tecnicamente e fisicamente sarebbe tra i migliori fluidificanti in circolazione.

    RispondiElimina