.

.

martedì 11 settembre 2012

Per sempre lampre

La tifoseria tipo è quella che sta vicino alla squadra, sempre, la donna tipo è invece quella che sta vicino a un panino col lampredotto, un tipo, donna di carattere e personalità come lo sono solo le squadre tipo, una donna con una certa nonchalance di sottofondo, ma anche con una buona dose di salsa verde che le disegna meravigliosamente gli angoli della bocca, quel tipo di donna lì, insomma, che ti guarda rapita, e non certo per il tuo sguardo ebete, o d’abete dopo che sei appena uscito dall’Ikea, rapita invece dal sapore del lampredotto che le tocca il punto G, che è l’iniziale piacere della sua oasi del paradiso Gastrico, la prima fermata, come d’altra parte il punto P è l’iniziale idea fissa da Porco che ti viene quando le vedi affiorare la fiorentinità insieme alla salsa verde sul suo sorriso, una P che fai anche presto a riadattare a una per te più congeniale iniziale della casa del Prosciutto, insomma è una donna dalla nonchalance tipica del sovrappensiero svagato, che supera di gran lunga qualsiasi tuo pensiero nei suoi confronti, di quelli appunto che non si butta via niente, quelli da maiale, mentre il suo sguardo languido come immerso nel brodo di cottura la rende generosa come la sua scollatura, perché alla fine te la concede anche una qualche chance, con olio piccante qb. Stessa opportunità che oggi vogliamo concedere noi a chi in questi anni non è stato poi così vicino alla squadra, chi per intendersi è stata donna malvagia come da foto, capace di incazzarsi abbestia con i Della Valle fino a strappare il panino col lampredotto come se fosse la foto con il tuo profilo migliore, una donna dal punto G come Gobba, quella stessa donna che invece della salsa verde secerne Last al limone, e una donna che non ama il cibo di strada è semplicemente una donna di strada, una spazzina dell’amore, così come il tifoso che non ama la sua squadra è un tifoso uscito di testa dopo che neanche la donna di strada è voluta uscire con lui, uno spazzino della passione. Insomma la situazione è chiara, il lampredotto si ama come la Fiorentina, e meglio ancora è amare una fiorentina con il “semelle” dell’intelligenza gastronomica che la pervade tutta, con l’istinto sano e provocante di chi addenta quel sapore strano, d’altra parte anche Dante aveva amato Beatrice perché rapito dalla sua voracità sotto porta, sì, sotto Porta San Frediano in direzione del trippaio di Piazza del Tiratoio, e i versi parlano chiaro come i sensi, anche quando sono unici come per entrare nel Purgatorio Diladdarno, dove si accenna “ La via è stretta e molto erta” si fa riferimento ai primi vagiti dello street food tagliato molto erto, un po’ grossolanamente come si faceva a quei tempi, oggi invece movimento sincopato sublime che trova la sua perfezione in quel tagliuzzare in dolby surround. E le donne che non mangiano il lampredotto sono donne malvagie, di quelle che ti mettono le valigie dei sogni sul pianerettolo, come i tifosi gobbi che trovano pinzimonio per i loro denti solo quando la squadra perde, il pinzimonio del demonio, oggi però è tempo di allungargli una mano e dimenticare, una mano sul muso, e senza più alcun sussulto vogliamo proporre l’indulto, per cancellare gli anni di tifo contro e ripartire tutti dallo stesso brodo di trippa d’un tempo, il brodo primordiale, quello che primordiale o poi rivedrà il Viola trionfare, insomma, da via dell’Orto dove raccolgo idee a km zero, voglio offrire un pensiero gentile come un’insalatina, preparato però con le fave di cacao,  un modo, credo, per deliziare il palato anche di quelli che un po’ fave lo sono state, e i miei son cioccolatini di pace.

128 commenti:

  1. Ma AntoineRouge?

    RispondiElimina
  2. O piuttosto MouronRouge?

    RispondiElimina
  3. Io invece sono radicalmente bisessuale, nella convinzione di poter sottrarre la bellezza alla servitù biologica. D'altronde, si parla di corpi, come sa perfettamente il personaggio che porta il mio nome. Conclusa la mia dissertazione sulla carne, lascio ai necrofagi quella la restante su lampredotto e fiorentina (con l'iniziale minuscola), svicolo sulle ultime elucrubazioni di Traversi (che, più che agitare i pugnetti, mi pare si trastulli con reiterate pugnette eccitandosi con il proprio ego), vengo alla questione del terzo centrocampista per domenica, che ritengo debba essere Migliaccio, a meno che Romulo non stia mostrando in allenamento capacità superiori a quelle fatteci vedere durante le prime due partite di campionato, che già sono qualcosa (mi ricorda il primo Zanetti Javier; vai a capire se potrà avere una evoluzione simile o anche lontanamente paragonabile). Mati andrà bene per cambiare ritmo nel secondo tempo, se ce ne sarà bisogno. Mi auguro, infine, che il minutaggio di El Hamdaoui sia nettamente cresciuto rispetto alla partita di Napoli, altrimenti ci si salvi da Toni.

    RispondiElimina
  4. AntoineRouge, tirando fuori quella dei «pugnetti» ero stato tentato di giocarci sopra come hai fatto, poi mi sono detto: «Lasciamo qualcosa agli affamati!»... ahahahahahah! Esordio sontuoso, ex summo monte (di Venere), poi analisi tecnica che, nonostante la mia allergia per Migliaccio e una notte (di troppo, quella in cui trovò germe), conferma il tuo sapere prezioso: il paragone di Romulo col primo Zanetti è da occhio che uccide (a proposito: adoro Powell, gli ho rubato il nick, ma su quel film si sta davvero esagerando, ne converrai!), l'esorcismo di Toni mi vede dolentemente in assenso (punto ai settantacinque minuti per El Hamdaoui, stavolta, e a partita regolata entri poi chi vuole).

    RispondiElimina
  5. Pollock, il problema adesso è: quanto potrà reggere Jordan, tra cagate del Chiari, foto di mostri femminili di Deyna, miei attacchi a Malagodi e, adesso, bisessualità di AnoineRouge? Ahahahahahahahahah! Cosa possiamo offrirgli, in cambio? Una delle deliranti ricette di Giorgio da Siracusa a base di migliaccio? Ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  6. Colonnello, da affamato mi ci sono avventato; ma convengo che l'eccessiva visibilità della via suggerisse di non percorrerla. Anch'io trovo Powell grande per altro; ma quel film ha fatto oggettivamente scuola.

    RispondiElimina
  7. Ho scritto per errore Anoine per Antoine: l'inconscio mi punisce, ahahahahahahah!

    RispondiElimina
  8. Sì, AntoineRouge, conta più per il moto cui ha dato impulso che per sé.

    RispondiElimina
  9. Quella di Toni è storia fin troppo scontata, per non riservarci sorprese: 35 anni, calcisticamente finito da almeno tre, le movenze pesanti e goffe di uno che un Nureyev non è mai stato, nemmeno quando negli anni di grazia insaccava palloni come in catena di montaggio. Visto così, e pensando anche a quello degli ultimi anni, non ce la farebbe a stare in campo più di 20/25'.  Tutto troppo brutto e grottesco per non lasciare aperta la strada della sorpresa, ovvero un Toni che di riffa o di raffa, vagando in mezzo a un'area che la Gioiosa Macchina da Gioco provvederà a bombardare di palloni trancianti come una Baghdad ad inizio anni '90, con lo stinco o col capoccione riuscirà a buttare in rete una decina di palloni, svitandosi l'orecchio a sazietà. A quel punto, considerato anche lo spazio che aprirà a Jojo, potremmo considerarla un'idea geniale di ADV. Bene, il sogno è finito, ora parliamo pure del centravanti da acquistare a gennaio.

    RispondiElimina
  10. Deyna, ma tu perseveri, adesso al Jordan gli ammannisci pure Occhetto: quello sta già rantolando per terra e tu un calcio nei denti! Ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  11. Alle prime due ci ero già abituato, gli attacchi a Malagodi da parte degli etero-comunisti in fondo mi interessano il giusto, ora la bisessualità dichiarata in realtà un po' la sensibilità me la disturba. Cercherò di guardar da un'altra parte. Quello però che è più deludente è che si parla sempre più di cazzate e sempre meno di calcio. Colpa di Prandelli e della nazionale della quale ci interessa solo se è in finale.

    RispondiElimina
  12. Per fare dieci gol, impresa che al tuo idolo Pazzini non è riuscita in un campionato intero da titolare, bisognerebbe un certo minutaggio lasciarglielo, non vorrai che faccia dieci gol giocando un quarto d'ora una partite sì ed una no! Non credo che questo minutaggio minimo gli sarà concesso, penso che non giocherà più dell'equivalente di 5 o 6 partite e allora se di gol ne farà 3 o 4 sarà già quasi un miracolo, non pretendiamo la luna. Se fossero poi decisivi!

    RispondiElimina
  13. Jordan, si sta parlando di un semidefunto, che può dare qualcosa se centellinato. Occorre che Jojo e El Hamadaoui non abbiamo problemi seri e comunque non tutti e due insieme, ma se così fosse allora Mati per l'assente. Toni buono solo per gli assalti finali nelle partite non sbloccate o male inclinate (mettiamo, a Napoli gli ultimi venti minuti), a far baruffa in area.

    RispondiElimina
  14. Chi guarda Italia-Malta alzi il pene!

    RispondiElimina
  15. Comunque, grandissimo AntoineRouge, orientatore del dibattito da sùbito: gli astri di Pollock e del Sopra si abbassano sull'orizzonte... ahahahahahah!

    RispondiElimina
  16. Toni (che non sopportavo neppure quando segnava) spero di non vederlo mai in campo, altro che 5 o 6 partite. Piuttosto Seferovic.

    RispondiElimina
  17. Ho risposto a chi ha parlato di dieci gol. Da un semidefunto che non vuoi fare giocare quasi mai pretendi dieci gol?  Comunque io preferisco Toni semidefunto che Seferovic vivo e vegeto. Se avessimo il Toni vero, quello dei 31 gol del 2006, andremmo vicini a vincere lo scudetto davvero, dillo a chi non lo sopportava.

    RispondiElimina
  18. In terra tu rantolerai te, quanto a Occhetto, l'affossatore del PCI, io lo considero, per quello, grande benemerito.

    RispondiElimina
  19. L'affare Vieri (il miglior Toni era comunque nettamente inferiore al miglior Bobo in potenza, tiro, progressione, cattiveria) l'avevo compreso se non condiviso; l'acquisto di un palo della luce per stipendiarlo profumatamente, invece, mi pare abbastanza insensato. E' ovvio che spero di sbagliarmi, dato che il finalizzatore è quello che manca alla squadra per primeggiare in questo campionato.

    RispondiElimina
  20. Di fondo sono d'accordo, AntoineRouge, e ricordo che Seferovic ha vent'anni (twenty, vingt, zwanzig). E' vero che quello sull'Avon diceva che ripeness is all, ma co' morti e' ci facea e' fantasmi, gni facea parlare anche ma un gni mettea la spad'in mano. Toni serve come spauracchio: a gennaio arriva uno sodo e magari non ne avremo manco bisogno.

    RispondiElimina
  21. Ora, «nettamente» è forse troppo ma anche lì sono d'accordo. Diciamo comunque che il miglior Vieri si è visto più raramente del miglior Toni.

    RispondiElimina
  22. Antognoniforever11 settembre 2012 12:15

    Il sogno di un Toni che risorge dopo gli ultimi tre anni di calma piattta è quello che, consciamente o inconsciamente, stiamo coltivando un po' tutti.
    La realtà è che, messo negli ultimi 15-20 minuti, può contribuire a far alzare la squadra e ad aprire gli spazi per gli inserimenti di JoJo o dei centrocampisti. Qualche gol magari lo fa pure.
    Certo è che a gennaio un bel centravanti andrebbe acquistato. Se il Lione non sarà in lotta per il titolo, magari un Lisandro Lopez quasi trentenne ce lo vende.
    Poi c'è sempre il sognor Damiao...

    RispondiElimina
  23. Antognoniforever11 settembre 2012 12:17

    A proposito di Brasiliani, sembra che sia già fatta per Ralf a gennaio, dopo la Coppa Intercontinentale (è vero che dicevano la medesima cosa l'anno scorso per Arouca...).

    E poi pare che vogliamo comprare Douglas Baggio del Flamengo. Dicon che sia una specie di fenomeno... Jordan, ti risulta?

    RispondiElimina
  24. Blimpe Blimpe, sei peggio di Montolivo, mi alzi sempre l'asticella ingaggiando fior fior di giocator, per un progetto troppo ambizioso per quello che è il mio monte ingaggi in regime di autofinanziamento, oggi per riparare a una tale qualità, per attingere a metafore da top player non mi è rimasto che il Monte dei Pegni. Grazie Blimpe, c'è rimasto ancora qualche cioccolatino nella scatola, prendi pure.

    RispondiElimina
  25. I cioccolatini che restano sono Omino di Ferro, Drago, Franger e Eduardo da Conegliano. Una volta qui tu c'ha' la meglio gente che Dio stampi e radio, televisioni, blog e Bar Marisa ponno chiude e' battenti. Se poi viene Franger, coi suoi post pacati, pazienti, minuziosi, dalla sofisticata dialettica interna, ognun d'essi in tre tomi da settecento pagine, Jordan per discuterci fino all'alba butta via i biglietti per il Brasile e per gli Emirati.

    RispondiElimina
  26. In regime di autofinanziamento propongo anche Buster e Kurt, che ormai han presenze diradate quanto quelle di Aquilani, ma assicurano classe e garra argentina al Progetto.

    RispondiElimina
  27. Caro Deyna, Buster si rifiuta, è evidente, mentre Kurt è sparito per la vergogna, visto che con mia somma sorpresa per due anni ha sparato a palle incatenate, imperterrito e senza darsi al dialogo, contro i DV e contro tutto quel che avesse in casa la Viola, anche contro i ninnoli in corridoio sopra la consolle fine-ottocentesca. Franger, certo, costituirebbe un problema per Lud, che non potrebbe più dirsi l'unico filosofo prandellocentrico del sito e che potrebbe meditare perciò il riutilizzo, contro il rivale, della tazzina di Pisciotta-Sindona.

    RispondiElimina
  28. Mi risulta che ci stian facendo un gran can-can d'intorno. E' un '95 bravino che in categoria fa diversi gol e che, essendosi scelto un "nick" importante (Baggio non è il cognome che fa Costa Oliveira se non mi sbaglio) ed un procuratore bravo, per aver fatto tre gol nella Coppa Rio pare Pelè. Ci andrei cauto, magari è un nuovo Neymar, ma magari di Baggio somiglia più a Edy. Quanto a Ralf non mi sembra che aggiunga molto ad un Migliaccio, comunque se viene, bene.

    RispondiElimina
  29. l miglior Vieri 31 gol in campionato non li ha fatti mai. Anche lui quando venne era poco più di un palo della luce, ma bastava a far meglio del fenomeno Pazzini (anche perchè impiegato contro natura). Se il palo della luce serve a far luce, ben venga, se poi vien di meglio, meglio. Ma non mi si parli di Seferovic che avrà vent'anni, ma oggi, perchè di oggi si parla, non del 2017, è un boccia persa.

    RispondiElimina
  30. Comunque quella di Toni era una provocazione, lo dipingevo appunto come un sogno. Per me se non si rompe prima fa dai 4 ai 6 gol, speriamo anche pesanti. Tutto quel che vien di più, vicino ai 10, sarebbe da classificare  come miracolo sportivo o quasi. Vieri inizialmente a me non piaceva, ma devo ammettere che nei suoi anni ruggenti era diventato un bomber temibilissimo, del resto 9 gol in due Mondiali non si fanno per caso [sono mancati a dire il vero i gol pesanti contro grandi squadre come quelli di Pablito Rossi, ma insomma ci può stare]. Vieri e Toni i gol li sapevano fare, e tenevano a bada le difese, non sono stati dei grandi secondo me, ma buoni centravanti sì, chiudendo un occhio sull'estetica.

    RispondiElimina
  31. Deyna, coi centravanti, anche grandi, gli occhi li devi chiudere spesso e ascoltare solo lo schiocco dell'impatto col pallone.

    RispondiElimina
  32. Sul grande e sul piccolo si può discutere una vita, chi fa 31 gol in un campionato è un grande centravanti per me, magari esploso tardi e non durato moltissimo, ma in quei 5-6 anni che è durato è stato un grande centravanti. Lo stesso dicasi di Vieri, uno che segna 20 e passa gol a campionato in Spagna ed in Italia non è soltanto un buon centravanti. Il centravanti deve far gol, tutto il resto è un optional, compresa l'estetica, ma loro due facevano anche reparto, impegnavano mezza difesa, tenevano la squadra alta, proprio per questo. Non erano grandi? Nel loro genere per me sì.

    RispondiElimina
  33. Secondo voi era meglio tenere Amauri o lasciarlo andare via e prendere Toni? Questo dubbio mi assilla.  Vedrete che alla fine Toni farà minimo 8 reti, con un centrocampo come il nostro segnerebbe anche Kerrison.

    RispondiElimina
  34. Sui criteri si può discutere all'infinito, ognuno ha i suoi, faccio solo dei nomi: Gerd Muller [antiestetico quanto si vuole], Paolo Rossi, Sanchez, Van Basten, Romario, Ronaldo, Batistuta, Van Nistellroy...giusto i primi che mi vengono in mente. Toni a Mondiali ed Europei si è confuso tra i giocatori normali, Vieri ha fatto meglio, ma non nelle partite più impegnative con squadre forti, insomma, è mancato loro parecchio, per classificarli come grandi centravanti. Ce ne sono poi due che ho adorato, tecnicamente grandissimi, che per varie ragioni hanno raccolto molto meno di quanto fosse alla loro portata. Ebbene, proprio per questo non me la sento di definirli dei grandissimi, e parlo di Giordano e Montella.

    RispondiElimina
  35. Attila io Amauri non lo avrei lasciato partire ed un biennale alle cifre di Toni sarebbe forse bastato (non credo che a Parma prenda molto di più). Per me sano ed allenato dall'inizio può essere tuttora utile molto più di Toni con tutta la simpatia con la quale, a differenza di altri, tuttora lo seguo. Le prime 3-4 partite, tutte di nervi, Amauri non le giocò affatto male, poi venne fuori la carenza atletica e si fece anche male, come largamente prevedibile.

    RispondiElimina
  36. Se giocasse sempre titolare Attila, probabilmente sì, ma, lo ripeto, non credo proprio che succeda, e se gli fai giocare un quarto d'ora ogni tanto otto reti è ritmo da Toni giovane.

    RispondiElimina
  37. In linea teorica hai ragione Jordan ed anch'io penso che era meglio tenere Amauri, o magari averli ambedue se è vero che Toni sarebbe stato comunque ingaggiato. Io continuo ad aver fiducia in El Hamdaoui che pur non essendo una punta da area di rigore lo vedo adatto al gioco del nostro centrocampo, ed ha dei colpi da grande giocatore.  Se sfonda lui bene, altrimenti credo che Toni giocherà ben più di un quarto d'ora ogni tanto.  In fondo non deve far molto più che stare nei pressi dell'area di rigore ed attendere i cross dei nostri numerosi esterni.

    RispondiElimina
  38. Giocatori diversi, che han giocato in periodi diversi, con diverse strutture fisiche, diverse doti e diverso modo di fare il mestiere che, per un centravanti, lo  ripeto, è il goal. Paragonarli e die che uno è più grande dell'altro è esercizio teorico per lo più fine a se stesso. Per codesto anche Batistuta ai mondiali non è che abbia fatto sfracelli, ma è, di sicuro, un grande centravanti. E Messi? E Cristiano Ronaldo? sono mai stati pari alla loro fama ad un mondiale?

    RispondiElimina
  39. Antognoniforever11 settembre 2012 15:40

    Deyna, ai tuoi nomi aggiungo Pruzzo, Lineker, Careca, Vialli (quello della Samp, non quello gobbo), Voeller, Aguilera, Stoichkov, Shearer, Henry, Klose e (per il poco che è durato) Adriano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora che anche pruzzo sia syato molto meglio di toni mi e' arduo il pensarlo

      Elimina
  40. In attesa delle tormente invernali che magari freneranno la Juve in giro per l'Europa,siamo qui a disquisire di un paio di tormentoni:l'X che sta in porta,il tomo Toni,non Tomovic,che stani in attacco.Sicuramente chi ha già postato ne sa più di me,mero calimero al quale piace guardare il calcio da un'ottica diversa,come fosse un caleidoscopio di situazioni,azioni,gesta e gesti che riportano a quando eravamo bambini;il mio pensiero si scontra col calcio fuffa di oggi,così trovando asilo qui mi accorgo che non sono solo.Quest'anno non ci sono gatte morte,altrimenti avevamo invasione di vicentini,ai quali(magnagatti)avremmo contrapposto il famoso "Noi leccatope" ma ci consoliamo con un altro gat,modello Giani bifronte,che quando c'azzecca si costruisce un bell'altare,se sbaglia siamo noi che non capiamo,dimostrandosi seguace di Gigi Radice Che Beve E Non Lo Dice("ho vinto...abbiamo pareggiato....hanno perso" a seconda del risultato).COLONEL,niente verticalizzazione dell'asta reggibandiera,io non guarderò Italia-Malta,non guardo una nazionale senza smalto con Malta,io bevevo Ovomaltina,quindi capisci da che parte potrei essere;tranquilli Malta non asfalta.Oramai c'è un rating per tutto ed allora da nostalgico,ma non consolatorio,dico che aumentiamo di considerazione,essendo tornati dopo molto tempo ad avere una copertina sul glorioso Guerin Sportivo(vi sfido:tutti l'avere sfogliato ai tempi d'oro),buon segnale.Tolgono i lucchetti a Ponte Milvio e magari l'X metterà il suo alla nostra porta,è alla sua portata la cosa.Pazienza(17,quando era a Firenze,il calciatore)se i nostri 00-Tette cercano invano delle tracce di brasilianismo nelle giocate di Amauri,pazienza se neanche con Luminol troveremo tracce di Toni,vuol dire che sopperiremo in altro modo,salvo additare chi è contro a prescindere che userà la frase storica dell'italiano "Chi?Io?".POLLOCK,tre i grandi business senza fine:food,carta igienica,casse da morto....al primo ci siamo,il secondo possiamo mutuarlo dal sitone ma....il terzo?-(CHIARI,do per scontato che qualsiasi cosa io legga degli utenti di questo blog sia vero....senza pensare ad un eventuale bufala,mi riferisco al Montella-Spalletti gate....pax tibi,evangelista viola)

    RispondiElimina
  41.  Batistuta ai Mondiali segnava, non è arrivato alle battute finali perché non c'è arrivata L'Argentina, lui non credo proprio si sarebbe cagato [come dicono al nord] sul più bello. Toni è arrivato fino alla finale, nella squadra che dovrebbe essere campione del mondo, segnando una doppietta con l'Ucraina, stop. Peggio ancora ha fatto ai successivi Europei. I centravanti che ho citato li ho scelti apposta tutti diversi tra loro...Quelli che citi, Antognoni, non sono tutti veri e propri centravanti, va detto comunque che Careca è uno dei grandi sottovalutati del calcio, era incredibile, sarà pure stato un po' meno elegante di Van Basten, ma non gli era per nulla inferiore. Messi e C. Ronaldo infatti, Jordan, devono dimostrare ancora qualcosa per entrare del tutto nella Storia del calcio, e parlo soprattutto del secondo [che non considero un grandissimo, bene dirlo]. Hanno però già fatto vedere tanto in un torneo come la CL...

    RispondiElimina
  42. TOCCA L'ALBICOCCA11 settembre 2012 16:07

    Vu siete peggio della mi'socera,c'ha ancora da giocare poero Toni e vu siete belle a bubare..
    poi c'è quell'altro bisex...

    http://www.youtube.com/watch?v=rUMwbTw9Xeg

    RispondiElimina
  43. Deyna e discorsi pe' me un fanno farina, ma uno che in sei campionati di seguito tra Italia e Germania (2 Palermo, 2 Firenze, 2 Monaco) e ti fa 135 gol in 207 partite e ti vince tre volte la classifica cannonieri, per me l'è qualcosa di più d'un buon centravanti. Aenne! ridammi quello di' 2006 e si va vicino a vince' lo scudetto.

    RispondiElimina
  44. Ma un lo dihano! anzi e dihano che tu se' buho se tu dici che un tu sei, o va' a capilli! e son proprio arrovesciati.

    RispondiElimina
  45. Antognoniforever11 settembre 2012 16:37

    Bati ai Mondiali ha segnato 10 gol in tre edizioni; ha segnato poi 13 gol in tre edizioni della Coppa America (due Coppe vinte) e 4 gol in due edizioni della Confederation's Cup (una Coppa vinta).

    Non male, direi.

    RispondiElimina
  46. TOCCA L'ALBICOCCA11 settembre 2012 16:42

    Jordan,tu li devi capire..e sono in campagna elettorale e quindi l'è tutto un parlare di matrimoni gay,bisex di qui bisex di là..per l'amor diddio,tutto molto bello,l'è che dopo la partenza co'i botto del governo Monti e di Passera ci si aspettava,per l'appunto,un monte di passera,invece si riprincipia con Vendola..eh,eh,eh...

    RispondiElimina
  47. Pe' quarche voto 'n più...meglio, più che sono e più ne riman pe' noi!

    RispondiElimina
  48. Il punto è un'altro, SOPRA, è  che mi sembra che tu e LUD diate per scontato quello che avrebbe dovuto dire soprattutto l'interessato, cioè Montella, e che invece non ha detto...... pax tibi,angelo viola.

    RispondiElimina
  49. Caro Sopra, tu cerchi abilmente di riprendere il timone ma l'ingresso di AntoineRouge è stato fracassante. Lui dice "Toni? No!", lui dice "Ambidestro? Perché no?" e partono cinquanta commenti in giornata di sfatto languore azzurro-prandello. Qui c'è grandezza al calor bianco, altro che storie, e giustifica la posizione altissima che ho sempre riservato al monzese nella mia personale compilation, checché controdeduca la destra oscurantista mugellana! Chiari non essere ingenuo, se Montella negasse animosamente avrebbe lo stesso peso, che so?, di Moravia quando s'incazzò, con tanto di Verneinung, perché Sanguineti aveva stanato intertestualità, nella "Vita interiore", con la famosa scena auprès de Montjouvain in Marcellino del tiempo perdido: Wimsatt ha regolato la questione, di intentional fallacy, da settant'anni o quasi, l'autore non è padrone del testo (anche se attribuire deriva lacaniano-derridiana del significante a Prandelli è impresa di cui non vorrei sobbarcarmi proprio a gratisse).

    RispondiElimina
  50. Se esser illuminati e moderni vuol dire essere ambidestri, evviva chi ha un piede solo, ben definito e con quello fa i miracoli! Per Montella, Spalletti e tutto il resto non ho capito un cazzo, quindi mi astengo.

    RispondiElimina
  51. A me sembra che anche tu sia fuori strada, Colonnello. Montella non dovrebbe negare, dovrebbe confermare, cosa che non fa,  perchè non lo si può ridurre a quello. Il fatto è che il nostro tecnico e dell'ultima generazione e tutti gli abiti nei quali vorreste metterlo gli stanno stretti. Aggiornatevi, nel frattempo è esploso il calcio spagnolo, esplosione che tu hai registrato con un certo ritardo e con non poco rammarico. Eh eh eh. Pace e bene anche a te, diavolo viola.

    RispondiElimina
  52. "il nostro tecnico e dell'ultima generazione" sta per "il nostro tecnico è dell'ultima generazione".

    RispondiElimina
  53. Potevi astenerti anche sul punto 1, avresti evitato la perpetuazione della dottrina classica del liberalismo malagodiano (= siete liberi di fare quel che faccio io). Non "vuol dire", insomma, vuol accettare senza crocifiggere e trattando da eguali. Nihil humani, poi, con quel che segue dell'Africano (non Tocca, l'altro più vecchiotto).

    RispondiElimina
  54. Il calcio spagnolo, Chiari non è esploso da tre mesi, Spalletti non è coetaneo del Trap. Che poi nessun vivente sia riducibile ad un altro è proposizione che non mi sentirei di negare finché Von Al... (come si chiamava, Dio mio, come si chiamava?) non venga a far sua opera sui miei piani alti (nemmeno Sanguineti la negava per Moravia).

    RispondiElimina
  55. Azzurro-prandello-buttiglionesco. Ad ogni modo, grazie per i complimenti, davvero immeritati. Ho recuperato This Must Be the Place e me ne dispiaccio (oltretutto, fossi in Robert Smith, a cui Penn si è chiaramente ispirato, querelerei: in fondo ha avuto il solo torto di non morire a vent'anni come seppe invece fare Ian Curtis); mi induce a rivedere il giudizio, già in parte negativo, su Il divo. Probabilmente il film migliore di Sorrentino resta Le conseguenze dell'amore. Quanto a Toni, non ho detto che non fosse un buon centravanti, ma solo che non lo sopportavo, date le sue movenze pippesche (da Pippo, il fumetto): Vieri, per quanto antiestetico, non lo è mai stato quanto il nostro. Sono tuttavia convinto, al pari di quell'altro, che con il giocatore del 2006 saremmo da primato.

    RispondiElimina
  56. Ahahahahahahah...! Pippo! Ahahahahahahahah...!

    RispondiElimina
  57. Esatto "siete liberi di fare quel che faccio io" ed aggiungo "sempre che vi riesca".

    RispondiElimina
  58. Sei ancora una volta fuori punto, caro Colonnello. Il punto è che sia Prandelli che Spalletti vengono prima dell'esplosione del calcio spagnolo che rappresenta oggi, per gli allenatori dell'ultima generazione come Montella, il non ( o nec se preferisci) plus ultra.

    RispondiElimina
  59. Antognoniforever11 settembre 2012 18:56

    Se Toni è Pippo, Berbatov chi è? Macchia Nera?

    RispondiElimina
  60. JORDAN,se Messi avesse il mio destro sarebbe Dio.COLONEL,il non-monaco di Monza deve stare in alto,noblesse oblige,per me vale ciò che inchioda il viandante al di la di Lecco "Pieroso passegger potrei dir dinte cose meravigliose ma mentirei...infatti non conosco la tua stirpe,la tua storia,il tuo valore."

    RispondiElimina
  61. Antognoniforever11 settembre 2012 18:58

    Non c'era bisogno di un sondaggio, e si sapeva...

    http://www.violanews.com/news-viola/gli-juventini-sono-i-partner-piu-infedeli/

    RispondiElimina
  62. Vabbè,ho il gatto sulla tastiera,è "Pietoso passegger potrei dir tante cose meravigliose...."(più che il gatto ho il gat' che mi ha indirizzato emissari di Montezuma....)

    RispondiElimina
  63. TOCCA L'ALBICOCCA11 settembre 2012 19:06

    Antoine,d'accordo sulla querela da parte di Robert Smith,inoltre film che forse sarebbe stato decente se fosse durato una mezzora meno.
    Tra i due Sorrentino non c'è confronto,molto meglio quello del Chievo,almeno para i rigori...

    RispondiElimina
  64. Ma tra i due temi imposti da AntoineRouge a un'utenza in ciò davvero passiva (Jordan me lo concederà) vi è possibile criss-cross, se si considera che dai Sixties spesseggiano negli Stati Uniti le tesi di laurea sui rapporti molto particolari fra Pippo e Topolino, mentre un po' più recente (inizio degli Ottanta, se non erro, quando anche i nostri DAMS si buttarono su questa pietanza appetitosa) è l'indirizzo di pensiero che vuole il Commissario Basettoni partecipare di un torrido ménage à trois. Jordan ha deciso di togliere terra sotto i piedi al trio di testa (un tris come quello di prima? Ahahahahahah!) con un battuta niente male ma il Sopra, cui non bisogna cominciare a romper troppo le scatole con gli scatterelli in salita, ha piazzato un allungo della madonna e ora c'è da arrancargli dietro.

    RispondiElimina
  65. Noi, con la nomea di buchi che ci s'è fatto per i frequentatori di questo blog, e un ci hanno nemmen cagato.

    RispondiElimina
  66. Ottimo, Antognoniforever, perché il personaggio combinava, nell'immaginario disneyano, tratti latini e tratti slavi di perfido contraffattore, canaglia a tradimento e spia.

    RispondiElimina
  67. Jordan, la teoria del buchesimo fiorentino è senese e data ab antiquo (oh, con tutti e' nostri che Dante manda in inferno pe' quello lì, la un dovea esse così sballata). E' ovvio che i sondaggi d'impronta juventina ne tengano conto.

    RispondiElimina
  68. Ritengo gli americani capaci di tutto, siccome non hanno in genere da fare un cazzo, essendo popolo padrone, si scervellano e si massacrano quei pochi neuroni che hanno in giochini sempre più idioti per farseli poi risolvere dagli psichiatri. Quindi che facciano anche le tesi sui rapporti omo (o topo? ma allora perchè non topa?) tra Pippo e Topolino può non sorprendermi. Che gli si dia spago noi che invece dovremmo aver da pensare a ben altro invece mi lascia basito. Infatti nel mio mondo pratico malagodiano non l'avevo mai sentito dire, anzi non mi era mai passato nemmeno nell'anticamera del cervello.

    RispondiElimina
  69. Jordan, se tratti i merigani così, Malagodi si rivolta nella tomba du' volte e non una come il Brusca qualche giorno fa. Un'altra battuta (topo-topa) mica male, stasera sei in gran forma, l'allungo del Sopra (che con quel nick non teme i senesi) è rintuzzato (per il momento). Comunque di Paperino si è occupata la psicanalisi fin dagli anni Quaranta e si finisce sempre lì, in quel che aborri. Di Tex invece, sul piano bibliografico, non so nulla ma con Kit Carson si fanno troppi complimenti, pur conditi d'ironia, a mio modesto avviso.

    RispondiElimina
  70. Tu l'hai ritirata fuori anche te di recente con la storia che dietro ad ogni ragazza e si vedrebbe l'immagine d'un giovinetto....Vaia, vaia, io dietro una topa e ci ho sempre visto un'antra topa e son fiorentino DOC

    RispondiElimina
  71. Tex s'è trombato anche Lylith subito all'inizio e ci ha fatto anche un figliolo. Un grant trombatore un pare, però magari e lo fa di nascosto. E Pecos Bill e la piccola Sue? E Calamity Jane (lei sì che l'era, nella realtà, non ni' fumetto, un mezz'omo)? Insomma e buchi e vu ce li volete 'nfila' pe' forza perchè ora e va di moda, e son peggio di' giovedì, ma un c'eran proprio a mi' tempi, o, se c'erano, e li tenean nascosti bene (tutto merito di Malagodi?).

    RispondiElimina
  72. Un po' molle il Mala, però, con certi acutini in falsetto nei tornanti del discorso quando infervorato (sì, va be', a suo modo), e poi la sua anglomania, e gli Inglesi, si sa... Insomma, Jordan, non vorrei darti una cattiva nuova, non vorrei diroccare un mito, però...

    RispondiElimina
  73. No, quello lo diceva Landolfi, da Pico Farnese.

    RispondiElimina
  74. Jordan, attenzione a tornare indietro nel tempo, anche di poco, fino a ipotetiche età dell'oro in cui i culattoni erano solo una leggenda popolare...Cesare - Caio Giulio, dico, non Claudio Cesare, che pure scrive prefazioni ai libri di Checchi Pavone, e sdogana l'omosessualità nel calcio - ne è un ottimo esempio, e se lo dice Montanelli...

    http://archiviostorico.corriere.it/1998/giugno/09/Cesare_nascondeva_calvizie_non_omosessualita_co_0_9806099248.shtml

    RispondiElimina
  75. Ma Montanelli con chi scriveva la sua Storia d'Italia scopiazzata e di fantasia? Con Gervaso. E Gervaso... E se il Mala è..., allora per proprietà transitiva il Jordan...

    RispondiElimina
  76. Per me e gli po' veni' anche la voglia della trottola, e merigani e l'ho conosciuti bene, e ci ho lavorato pe' dieci anni! pe' carità di Dio che popolo strullo!

    RispondiElimina
  77. Sie, ora per voi e son tutti buchi! Malagodi l'era una persona seria e basta!

    RispondiElimina
  78. Che c'entra, Jordan, si pole esse seri come Berlinguer e buhi come il Mala!

    RispondiElimina
  79. Tornare indietro nel tempo non vuol dire far balzi di duemila anni. In Grecia i froci erano ancora più diffusi per codesto e allora? Poi l'umanità ha progredito (forse). Che Cesare poi fosse frocio lo può dire Montanelli che ci si diverte, ma c'era lui a sentire gli sfottò dei soldati? E poi se l'era, peggio per lui, e un dava mica i'mio!

    RispondiElimina
  80. Ora icche c'entra Gervaso con Malagodi? tanto un ci credo, e un n'era buco.

    RispondiElimina
  81. E se fosse buho anche Berlinguer? o perchè lui no? visto che pe' voi e son tutti! e compagnucci no? e vu n'avete una sfilza che se messi 'n fila e piglierebbero tutta la Salaria!

    RispondiElimina
  82. Guarda che Frattini ricompra tutti e' nostri e ci lascia anch'i' resto perché l'è signore.

    RispondiElimina
  83. Della Calamity Jane del fumetto Pecos Bill mi sono infatuato da bambino [avevo sottratto un'immensa collezione, tra Topolini, Albi della Rosa, Almanacchi, Pecos Bill ecc, a mio zio, con la complicità di mia madre]. Quanto alle manie psico anal-itiche amerigane, la più nota è quella che vuole Batman e Robin legati da un torbido intreccio. Effettivamente sorge il dubbio che non abbiano altro di meglio di cui occuparsi. Però, diciamocelo, anche persone che passano ore della loro vita a spaccare il capello in quattro sulla rabona d'i Mati o sulla vena realizzativa del Bati tanto normali un sono.

    RispondiElimina
  84. Onde, Deyna, si torna a quel che Jordan, dalla Sodoma malagodiana, vuol negare: scagli la prima pietra chi...

    RispondiElimina
  85. Pericolosa deriva verso Cesare buho: non vorrei che Lud accorresse col mitra e sparasse prima d'intender ragioni, equivocando. A proposito, ma il rapporto di Lud col bresciano...

    RispondiElimina
  86. Frattini, Malagodi, Berlinguer [no! Lui non è buho!  ci scommetterei il culo di Jordan, ahahaha]...attenti alla deriva del tema, perché se arriviamo anche solo a sfiorare la celeberrima telefonata dei buhi e buhini di Mencucci con la pistola di California puntata alla tempia, qui in due balletti fan chiudere il blog al nostro delizioso ospite. A proposito, ma questo sfondo rosato, il narcisismo poetico, la foto del David, quell'insistito depistaggio a botte di culi femminili...hai visto mai che...mica mica...

    RispondiElimina
  87. Beh, Deyna, io non volevo parlarne per riguardo verso il padrone di casa ma... A San Frediano sono tutti un po' così, del resto.

    RispondiElimina
  88. La Sodoma Malagodiana è un'invenzione etero-comunista tutta tua. Malagodi ha avuto un'esistenza tutt'altro che sodomitica, studioso d'economia, direttore di Banca, studente modello, sposato e con due figlie, e risposato un anno dopo esser rimasto vedovo già in tarda età, non mi sembra proprio che conceda il minimo appiglio alla tua fantasia mal diretta e malsana. Deyna tra fare una tesi sulla omotopasessualità di Topolino o inventare rapporti omosessuali tra cartoni animati più moderni, e discutere di Mati e Bati mi sembra ci sia una bella differenza. Il tentativo di far d'ogni erba un fascio che lanci come una ciambella di salvataggio al colonnello mi sembra non stia nè in cielo nè in terra.

    RispondiElimina
  89. E se lo perdi, Deyna, il culo di Jordan, poi chi se lo fa? Ahahahahahah!

    RispondiElimina
  90. io ci avevo tutta la collezione (per Calamity Jane ci avevo perso la testa anch'io, che delusione quando in America ho visto la foto!) e la mi'mamma la me l'ha buttata via nemmen tanto tempo fa a fa' le pulizie 'n garage facendomi incazzare non poco.

    RispondiElimina
  91. Eh, Jordan, coperture, coperture, era troppo avanti rispetto ai tempi e non poteva uscirsene alla luce del sole! Zitto poi, zitto sul matrimonio dopo un anno di vedovanza! Oppure salta fuori Yo el supremo e sigilla subito una scomunica papale con l'anello dell'Omo Mascherato (ahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  92. Antognoniforever11 settembre 2012 21:44

    Quella di Topolino e Pippo mi sembra una cazzata.
    Piuttosto, ho sempre considerato un menage a trois tipo Jules e Jim il rapporto fra Clarabella, Pippo e Orazio (Clarabella era la fidanzata di entrambi, a quanto sembra).


    Quanto a Caio Giulio Cesare, era notoriamente bisessuale (il marito di tutte le mogli e la moglie di tutti i mariti).

    RispondiElimina
  93. Antognoniforever11 settembre 2012 21:51

    Rimanendo in argomento, dato che sto guarducchiando la partita della Nazionale contro Malta sperando che Cassani faccia tripletta, mi sto convincendo che Nocerino sia omosessuale.

    RispondiElimina
  94. Fuor di scherzo, Antognoniforever, questo che è il grande classico della psicofumettologia mi è sempre sembrato convincente, invece. In soldoni, Topolino sarebbe un destro represso che si libera soltanto col bischerone psicologicamente dipendente.

    RispondiElimina
  95. Allora, Antognoniforever, c'è uno appena approdato fra i diavoli che sarà contento... ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  96. E quindi....Qui,Quo,Qua sono figli di......?A proposito di gay,visto Tiziano Ferro e l'incidente?S'è schiantato contro un camion di calamite.....Non Calamity Jane,DEYNA,altri gusti lui....

    RispondiElimina
  97. O Deyna scommettici i'tuo, nè per scherzo, nè per burla 'ntorno a i'culo e un ci vo'nulla! Figuratevi voi e l'ho portao sano 'nsin a quest'età e vi ci fo scherza' su a voi. Vaia Vaia buchi! Anche i'colonnello e ne parla troppo, e ci ha scassato le palle tutta l'estate con la cognata, con quelle sulla spiaggia...ma un sarà miha un depistaggio anche quello? e magari e gli era solo co' i' cognatino....

    RispondiElimina
  98. No, della cognata non ho detto e non posso dirne che male, è un mostro e mi avversa, quindi come depistaggio varrebbe una sega. Se vuoi ti mando una foto e vedrai che per la disperazione chiederai a gloria e a cambio quelle che ci offre provocatoriamente Deyna.

    RispondiElimina
  99. Che ti pare che un fosse un destro represso, e se 'nvece fosse un sinistro buho e basta. Ma poi che l'ha chiesto a Minni? magari e la tromba dalla mattina alla sera mentre Pippo e si fa le...ecco perchè si chiama Pippo

    RispondiElimina
  100. Qui, Quo e Qua sono nipotini e non s'è mai capito di chi figli. Hanno uno status incerto, ameboide, non crescono mai, dormono nello stesso letto insieme, insomma un casino di famiglia.

    RispondiElimina
  101. Della partita un me lo ricordavo nemmeno, ora vo a vede' la fine (se me la fanno vedere)

    RispondiElimina
  102. Minni è frigida e su questo non ci piove. Paperina sarebbe più vogliosa e si chiede che c'abbia quell'altro che non si fa mai avanti: è così che si è isterizzata; brigittizzata oserei dire.

    RispondiElimina
  103. Facundo Roncaglia è il papà di Qui,Quo,Qua.Troppo facile.(JORDAN,stiamo spezzando le reni a Malta....Ci sono in contemporanea 7/8 match in tv di qualificazione ai Mondiali,ed io mi guardo Novantesimo Minuto del 1980....)

    RispondiElimina
  104. Tieni conto, Antognoniforever (e con questo ti/vi saluto per un po'), che Clarabella è una vacca.

    RispondiElimina
  105. Giusto, Colonnello, chissà quali morbosi piaceri rincorre dietro il velo del burro e del lampredotto, il Poeta di San Freudiano. 

    RispondiElimina
  106. Guardate! 2.03! Dietro quell'atteggiamento serio e morigerato, si celava il perverso che sospettavamo! L'immagine subliminale che mette sul finale è rivelatrice, più destabilizzante delle foto oscene che Brad Pitt inseriva nelle pellicole dei film per famiglie, in Fight Club! [Un te la prende Jordan, eh, e si ruzza...]

     http://www.youtube.com/watch?v=i1kbJWM84N8&feature=fvsr

    RispondiElimina
  107. Alla fine c'è un volto di donna  che non so se ce lo mette il montatore o i'Colonnello ma 'ndo sia l'oscenità tu lo sai soltanto te. Invece grazie per avermi fatto risentire le parole d'una persona seria, me l'ero quasi scordate.

    RispondiElimina
  108. L'Italia di Brandelli la m'ha provocato gli stessi movimenti peritoneali dei vostri discorsi di questo topic. Che banda di brodi, o 'ndo si vo' andare?

    RispondiElimina
  109. Non l'ho vista, ma a giudicare dal risultato un grande calcio spettacolo non dev'essere uscito fuori dalla lavagnetta del Mago di Orz, considerando che c'era di fronte Malta...

    RispondiElimina
  110. Frugando nei ricordi: Qui Quo e Qua sono figli di Anitra, sorella di Paperino, la quale glieli spedi per un certo periodo poiche' il loro padre era in ospedale (causa, ovviamente, petardo messogli sotto la sedia dai tre angioletti), e poi mai piu' tornati a casa.

    RispondiElimina
  111. E un certo Paul alla fine scrive questo. Paul registrati.

    Frugando nei ricordi: Qui Quo e Qua sono figli di Anitra, sorella di
    Paperino, la quale glieli spedi per un certo periodo poiche' il loro
    padre era in ospedale (causa, ovviamente, petardo messogli sotto la
    sedia dai tre angioletti), e poi mai piu' tornati a casa.

    RispondiElimina
  112. E invece la Serbia di colui che non sa fare gioco ha rifilato appena 6 reti (a 1) al Galles!!!

    RispondiElimina
  113. Antognoniforever12 settembre 2012 07:22

    Devo capire come mai in un topic che ha una foto con una delle piu' belle ragazze postte da Pollock (forse seconda solo a quella col violoncello) si deve parlare di bulicci e topolino.

    Comunque, per finire:
    Diego Della Valle e' ovviamente Zio Paperone.
    Ne consegue che Andrea Agnelli e' Rockerduck e Marotta il maggiordomo di Rockerduck, mentre California Viola e' Filo Sganga.
    Borja Valero e' Eta Beta.
    Cerci e' Paperoga.

    RispondiElimina
  114. Antognoniforever12 settembre 2012 07:24

    Si', ho visto la partita dell'Italia, in questo modo buttando via un'ora e mezza della mia vita, che nessuno mai mi restituira'.

    RispondiElimina
  115. In  queste due partite di qualificazione l’Italia
    ha fatto letteralmente schifo, c’è solo da considerare il fatto che rispetto
    alle nostre avversarie, imbottite di calciatori che in queste circostanze
    danno  tutto  per mettersi in mostra e valorizzarsi contro
    una delle prime della classe, la nostra era imbottita di calciatori, in particolare
    i  titolari storici, con la testa
    altrove. Infine da considerare il fatto che pur facendo schifo siamo in cima
    alla classifica del girone.

    RispondiElimina
  116. Lenti, pallosi, monocordi, l'unico che tentava di velocizzare un po' era Insigne, nel secondo tempo. Il 2-0 è anche troppo generoso, il secondo goal al 92' è venuto su un cornere che non c'era, dato per una deviazione di gomito di Pazzini che nemmen con le mani gli riesce di metterla in porta. Il primo, di Destro al 5' (non possono dire nemmeno che sie ra messa male) era in più che sospetto fuorigioco.

    RispondiElimina
  117. perchè e sono una banda di buchi più o meno confessi. In realtà quella topona è significativa

    RispondiElimina
  118. Vorremo mica psicanalizzare anche la sorella di Paperino, presunta ragazza madre?

    Comunque ho visto la sintesi: due gol, uno irregolare, l'altro pure perché venuto in seguito a un angolo regalato.

    RispondiElimina
  119. Antognoniforever12 settembre 2012 11:03

    Ma Nonna Papera non era la sorella di Zio Paperone? In quest'albero genealogico è la suocera di una sorella di Paperone (quindi ancora più vecchia di lui, si presume).

    RispondiElimina
  120. Credo che una bella crisi conclamata nelle due partite di ottobre potrebbe liberare Prandelli (Brandelli lo chiamava Auxology, Jordan, cerchiamo di non regredire: l'uomo va avanti avanti avanti, non indietro indietro indietro, come da famosa battuta di Vittorio De Sica in ancora godibile film) verso la Juve: potrebbe dire furbescamente, alla Sacchi, «Non mi volete più? E allora vado via!». Ma i risultati in Gobbilandia, a turare la squalifica di Conte se confermata, potrebbero essere gli stessi, per le stesse ragioni e le stesse procedure, che quelli dell'Arrigo tornato da salvatore della patria al Milan e in breve spernacchiato.

    RispondiElimina
  121. O che voi i'copyright? facci vedere e documenti, allora. Perchè tu pensi che Conte lo condannino? poero illuso,e piglierà tre o quattro mesi belle scontati anzi e gni dovranno anche chiedere scusa perchè magari l'erano scaduti prima. No Brandelli e gli avrà da patire pe' guadagnassi le qualifcazioni perchè anche a i'culo c'è un liomite .

    RispondiElimina
  122. Ma un uccello e la l'ha preso, gli è anche nell'arbero ginecologico.

    RispondiElimina
  123. O un te l'aveo belle detto de' du' go'? ma allora un tu leggi! I'carcio d'angolo non solo un c'era ma l'era punizione contro perchè Pazzini ce l'ha buttata co' i' gomito ni' tentativo di fa' go' con le mani, che nemmen quello e gni riesce.

    RispondiElimina
  124. Jordan, tu poni problema pirandelliano, tanto per rifarsi all'opera da cui Pollock oggi prende il la: Adriano Meis non può esibire la carta d'identità di Mattia Pascal.

    RispondiElimina
  125. Menzione d'onore per "l'albero ginecologico". Sisi, Jordan, certo che avevo letto, rimarcavo!

    RispondiElimina
  126. e allora perchè si incazza se qualcuno tocca i'culo a Romilda?

    RispondiElimina
  127. Appunto, sono le contraddizioni tematicamente irrisolubili del personaggio.

    RispondiElimina