.

.

martedì 23 ottobre 2012

Tecnologia in campo sentimentale

Hai voglia a dire “arbitro cornuto”, frase inefficace come l’apporto alla manovra di Montolivo che per ora ha fruttato un ritiro punitivo, e diventata ormai puro folclore, come la Taranta nel Salento, un modo di apostrofare che ha perso tutto il suo potere offensivo, al quale rimane attaccato solo un po’ di quel “colore” che guardandolo oggi ritroviamo ancora nelle corna di Gassman durante il “Sorpasso”, oppure come la “sgozzata” o la “spunzonata” che i nostri figli non tirano più. Bisogna evolvere anche le proteste, lottare in maniera più efficace contro chi dopo aver costituito una cupola ha pensato di prendere di mira il Cupolone, e non è sufficiente ingaggiare un criminologo declinato proprio dal Brunelleschi come potrebbe essere Francesco Bruno, perché uno è chiaro autore dell’opera architettonica e l’altro è invece più Bruno appunto. La categoria arbitrale si è fatta furba e se ne frega degli epiteti sfocati, di offese alle mamme che si riconoscono orgogliose della loro professione, che viene urlata dietro ai figli come fosse un’offesa invece del mestiere più antico del mondo, e per combatterla bisogna fare come hanno fatto i reparti d’investigazione scentifica tipo i Ris di Parma, che oggi adottano strumenti che permettono l’acquisizione di prove della presenza dell’indagato sulla scena del crimine, quello che un tempo non era possibile ricavare se non con la flagranza di reato o attraverso testimonianze oculari. Questo la categoria arbitrale lo sa bene, e infatti non vuole la tecnologia in campo, perché sarebbe come concedere al sistema calcio la prova del DNA di un rigore o di un fuorigioco, togliendo la mitica discrezionalità che fa tanto carriera. Il loro grande merito poi non è stato quello di lasciare la tecnologia fuori dalle loro decisioni concordate a tavolino, ma sono stati così bravi da innescare addirittura un circolo vizioso che invece di ridurne i poteri ne aumenta proporzionalmente proprio la percentuale di discrezionalità, che è un autentico obrobrio dei nostri tempi, perché da tre sono passati a quattro e poi a sei, aumentando così solo la percentuale dei cornuti in campo invece di diminuire gli errori, fino a quello che sarà il grande disegno finale intercettato attraverso una di quelle famose tessere telefoniche svizzere, dove si è svelato il perché gli stadi oggi si svuotano, lo ha spiegato molto bene Moggi a Bergamo, gli stadi vengono svuotati a lotti di decisioni appaltate proprio dalla categoria per impossessarsi del calcio, e attraverso l’uso di strumenti come tornelli, tessere del tifoso, zone di prefiltraggio e televisioni, tutto alla fine per riempirli di arbitri, passando così dagli attuali sei fino a una media di trentamila a partita, e con gli stadi nuovi si consentirà alle famiglie degli arbitri di trascorrere le domeniche in ambienti più confortevoli, fino a quando l’evoluzione della specie porterà l’uomo a perdere la lingua come le foglie d’autunno, e non ci saranno più proteste per gli episodi dubbi, e in ultimo l’uomo potrà esprimersi usando solo il fischietto. Ma il blog lancia oggi la sua grande iniziativa per bloccare i furbini della discrezionalità assistita, per colpirli là dove oggi invece si sentono più forti, perché attaccati con armi spuntate o avvelenate solo da folclore o da azioni tragicomiche come il Fantozzi di Luciano Salce, che non fanno male neanche a una mosca, che tra l’altro è animale connivente con la categoria di merde sulla quale come sappiamo ci si posa molto volentieri, ma chi di mancata tecnologia ferisce, di applicata tecnologia perisce, perché il blog ha chiuso un importante partnership con Google Maps, in modo che nessuno si possa più sentire protetto da frasi da avanspettacolo come appunto l’ormai patetico “arbitro cornuto” diverso invece se all’arbitro viene mostrato alla Domenica Sportiva la prova dell’attività ludica della moglie mentre lui è ad arbitrare Chievo-Fiorentina, con Baconi che illustra attraverso le frecce come il piacere della consorte sia frutto di una manovra curva con marcatura a uomo che non sia il suo. La foto di copertina è il primo esempio della collaborazione satellitare che ci permette di applicare oggi per la prima volta quella tecnologia che gli arbitri non vogliono in campo, almeno nel loro campo sentimentale.

67 commenti:

  1. Chiarificatore23 ottobre 2012 07:59

    Battute a parte, la mia proposta è l'unica in grado di cambiare le cose, ma farà poca strada sulle gambe della gente, perchè è più facile lamentarsi che darsi da fare. D'altra parte c'è di molto peggio,  tutti parlano di quello che s'è comprato 4000 voti a 50 euro l'uno, ma nessuno parla dei 4000 idioti che per 50 euro hanno venduto il loro voto, tutti parlano delle malefatte di Berlusconi ma nessuno parla della maggioranza degli italiani che ha creduto per venti lunghi anni, visto che lui è ricco, di arricchirsi votandolo. Renzi ha le carte in regola per diventare il prossimo Capo del Governo, e se succederà io non mi aspetto che lui faccia pesare di più la Fiorentina, ma , visto che è intelligente e diverso da chi è venuto prima di lui, mi aspetto che imponga una proposta simile alla mia.

    RispondiElimina
  2. Infatti è inutile stare a comprare giocatori e ingaggiare allenatori o ds. La soluzione migliore è che Renzi arrivi a Palazzo Chigi e Della Valle al Corriere in posizione maggioritaria. Una volta volevo scrivere un saggio e se Blimp è interessato potremmo anche farlo insieme: il saggio dovrebbe intitolarsi: presidenti del consiglio e scudetti. Prego anche gli altri di verificare quante volte ad un certo presidente del consiglio ha corrisposto la vittoria di un club in campionato. Si pensa subito a Berlusconi, ma anche l'accoppiata Roma-Andreotti è di una evidenza palmare. Seguiamo quindi la via maestra.

    RispondiElimina
  3. Chiarificatore23 ottobre 2012 09:38

    Sì anche io la penso così, Ludwig, ma vorrei che con l'auspicato arrivo di Renzi a Palazzo Chigi tutto fosse fatto in modo meno rozzo e assolutamente corretto. Che sarebbe poi l'imporre una situazione di partenza e di percorso perfettamente paritaria. Tanto a noi basterebbe. Mica vogliamo vincere 30 scudetti, ci basta vincerne uno ogni tanto quando lo meritiamo, così come disputare la Champions League.

    RispondiElimina
  4. Il mio era un paradosso. Credo che tutti si voglia un calcio pulito e non un calcio sporco in cui la Fiorentina diventa la nuova Juventus. Anche perchè in breve tempo una Fiorentina super-raccomandata e sempre vincente finirebbe per starmi sulle scatole. L'Italia senza intrighi non la vedremo certo noi e neppure figli e nipoti. Purtroppo. 

    RispondiElimina
  5. Antognoniforever23 ottobre 2012 10:49

    L'unico è stato Craxi che non ha fatto vincere lo scudetto al Toro, o meglio... ci ha messo Borsano ma poi è scoppiata Tangentopoli ed è crollato pure Borsano.
     
    Piuttosto, vorrei farVi partecipe del fatto che a me, personalmente, mancano molto i contributi di JORDAN a questo blog e che vorrei che lui tornasse a scrivere anche qua.
     
    Dobbiamo stanarlo, quindi, forza, tutti insieme:
     
    VIVIANO E' IL PIU' GRANDE PORTIERE DEL MONDO!
    VIVIANO E' IL PIU' GRANDE PORTIERE DEL MONDO!
    VIVIANO E' IL PIU' GRANDE PORTIERE DEL MONDO!
    VIVIANO E' IL PIU' GRANDE PORTIERE DEL MONDO!
    VIVIANO E' IL PIU' GRANDE PORTIERE DEL MONDO!
    VIVIANO E' IL PIU' GRANDE PORTIERE DEL MONDO!
    VIVIANO E' IL PIU' GRANDE PORTIERE DEL MONDO!
     

    RispondiElimina
  6. D'accordissimo su Jordan. Mi mancano i suoi "te l'avevo scritto mille volte, non capisci nulla!". No scherzo: mi unisco all'appello perchè è competente e scrive bene ed è anche simpatico con la sua fiorentinità e i suoi viaggi per il mondo che lo spingono ogni tanto a scrivere: com'è andata, non l'ho vista perchè ero in volo per Rio de Janeiro!

    RispondiElimina
  7. Gianni, terribile questa foto. Mi preoccupa il fatto che mia moglie abbia la stessa macchina e dello stesso colore. Mi confortano due cose. Non vedere le botte laterale che ha amorevolmente creato e poi non mi risulta avere una maglia di quel blu elettrico...a scanso di equivoci stasera controllo nel su armadio. :-).....e comunque non faccio l'arbitro!

    RispondiElimina
  8. L'addetto stampa del Patriarca23 ottobre 2012 11:34

    Ho già emesso nell'altro topic comunicato stampa del Patriarca che nessuno ha commentato, mi dice di dire che con LZ ci sta già "dibattendo" nella cloaca maxima, e che non è facendolo incazzare gridando puttanate sul portierello che abbiamo che gli fate venire la voglia di rientrare in pista. Comunque ringrazia. Tornerà, tornerà, come la minestra di pane.

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore23 ottobre 2012 12:12

    Io sono andato a scovarlo nel sitone Il Patriarca, così tanto per non fargli sentire la mia mancanza, eh eh eh. Tornerà, è uno di noi, come può non tornare?

    RispondiElimina
  10. Addetto, puoi riferire al Patriarca che ha rotto il cazzo e che il suo posto è qui, solo secondariamente in cloaca, dove si va a fare i bisogni. Qui lui è appunto onorato da sempre come Patriarca, che deve reverenza solo al Decano, il quale siede a pelo a cavallo e viene dalle steppe non facendo ricrescere erba dove passa. Il patriarca deve accettare periodiche messe in dubbio del genio politico del Mala nonché apologie della libertà sessuale, tutto qui, nonché cazzeggi su argomenti che non domina come noi non dominiamo parte dei suoi. Il Patriarca è prototifoso viola (vai a sapere se ancora scrototifoso) e massimo competente in materia quando non si parli del Tonto, quindi se non torna a breve sarà prelevato da due armadi nervosetti che bevono vodka e scrivono in cirillico.

    RispondiElimina
  11. L'addetto stampa del Patriarca23 ottobre 2012 12:52

    Il Patriarca mi detta questo comunicato: 1) deve rispetto a tutti, (e da tutti e per tutti lo pretende), reverenza a nessuno, 2) il genio politico del Mala è fuori discussione, ma è anche fuori tema in un blog dove si parla di mangiate, di calcio, e, en passant, di passera, 3) la libertà sessuale mai è stata negata, ma non può essere oggetto di apologia, ed è, anche quella, fuori tema, 4) la sapienza è limitata, l'ignoranza infinita, per tutti, cazzeggiare può essere simpatico o antipatico, dipende dall'occasione, dal tono, dalla frequenza. 5) il Patriarca è prototifoso (lo scroto è altro) e basta e cerca di dire quel che pensa seguendo il filo della sua logica, è bizzoso come tutti i patriarchi quando lo contrastano, quindi non lo fate incazzare, il che non vuol dire dargli sempre ragione come si fa con gli scemi se no se ne accorge e s'incazza anche di più. 6) Non c'è bisogno della forza, anche perchè il Patriarca ha le sue falangi (falangine e falangette). Tornerà, anche se, avendo resistito a Gloria Guida, vuol dire che era incazzato forte.

    RispondiElimina
  12. Addetto, quel che mi preoccupa sono le falangette, che è bene che rimangano di là
    a tifare Milan. La reverenza al Decano, che da più di milleseicento anni porta
    elmo con le corna come Guida e Orsato, Giannoccaro e Tagliavento, e che ha visto
    giocare Eliani, è inderogabile. Non è il Patriarca a decidere cos'è fuori tema
    in blog non suo e ormai nemmeno più del creatore irresponsabile (in quanto
    sanfredianino, irresponsabile per definizione e per perfido calcolo) di una
    creatura che gli è sfuggita di mano e va felicemente alla deriva. Apologia,
    apologia, apologia! E nel caso dei Quattro Arbitri, pure apologia di strage. La
    protratta resistenza alla Guida mostra che il Patriarca comincia a comprendere
    le ragioni di AntoineRouge e forse a condividerle.

    RispondiElimina
  13. L'addetto stampa del Patriarca23 ottobre 2012 13:32

    Il Patriarca mi dice che la di Lei replica ha costituito ulteriore motivo di frenata al suo ritorno, soprattutto per quanto riguarda la considerazione finale, argomento al quale lei sa esser egli molto sensibile, nel senso che non ne vuol proprio sentir parlare. Riporto testualmente: "se seguitano a parla' di buchi e seguitan da sè". Insomma, se proprio l'argomento vi sta così a cuore, evitate almeno riferimenti e cazzeggi personali in materia, se no come torna, riparte.

    RispondiElimina
  14. Ho capito Colonnello, preciso solo che io non sono sposato e mi accoppio con chi capita dopo banchetti orgiastici.  Quindi le corna sull'elmo hanno solo significato di terrore bellico.  In più gli ometti che citi hanno si le corna ma non l'elmo.  La precisazione è dovuta.

    RispondiElimina
  15. Visto il possibile rientro in sede del soggetto, preferisco farmi da parte senza polemica. Contrariamente che per altri, la decisione è irrevocabile (oltreché palesemente irrilevante), perché si è dimostrata impresa vana far capire al predetto che è inaccettabile offendere l'altrui dignità sessuale con termini come "finocchio", indipendentemente dalle pretese provocazioni, ed è altrettanto inqualificabile affermare pubblicamente "considero l'omosessualità un grave difetto", frase parificabile a "considero l'essere ebrei-neri-donne-uomini-qualsiasi altra specie non umana un grave difetto". Essendo già spiacevole ritrovarsi a difendere nelle aule giudiziarie chi, per il motivo di cui trattasi. non dovrebbe essere attaccato, non mi aggrada l'idea di dover fare altrettanto in questo blog. Chiudo chiarendo che per me la Guida è attizzante almeno quanto un River Phoenix.

    RispondiElimina
  16. Il Patriarca ha davvero limitato il senso dell'humour su certi argomenti ma siccome noi comprendiamo come decenni e decenni di malagodismo possano ridurre uno spirito pur superiore eviteremo (giurin giurella) ulteriori scherzi in materia: cionondimeno non possiamo renderci responsabili per il Pupil, che è mattacchione e trasgressivo e di fatto inarginabile (in fondo anche la brigata decameroniana concedeva eccezione a Dioneo). Se il Decano rinuncia alla reverenza o la considera assolta una volta per tutte, se po fà, dunque. Si prega il Patriarca di riprendere posto sullo scranno d'onore.

    RispondiElimina
  17. Scusatemi ma l'unico Patriarca che conosco è un ristorante dove andavo a mangiare il pesce a Viareggio durante i miei soggiorni estivi in quella ridente località. Era di proprietà di un sagace ristoratore tal Brocchini e ammanniva gamberoni ed orate. 

    RispondiElimina
  18. O Cristo, AntoineRouge, ti prego di no, non so più a che santo votarmi! Credo che Jordan  possa anche lui promettere astinenza di commento: quel che pensa nel foro interiore, AntoineRouge, glielo puoi lasciare a quel punto, come a tutti. Vi prego, non sciupiamo tutto! 

    RispondiElimina
  19. Egoisticamente, io non posso smettere di leggervi e di dialogare con voi, di questo si tratta. E' ormai uno dei piaceri della vita per me come per gli altri utenti del sitollock, avete il diritto di fregarvene ma io quello di mandarvi affanculo se seguitate ancora dimolto.

    RispondiElimina
  20. L'Italia dall'epoca del Grande Impero Romano è clientelare,lo è stata,lo é e lo sarà.Al primo mattino l'imperatore(o comunque il potente)trovava i "clientes" con le loro ceste di uva,primizie dell'orto ed altre cose per far stare bene il loro reggente,perché la sua giornata fosse perfetta;non era l'arruffianamento di oggi,non era una tangente ma occorreva poiché l'imperatore era un semidio e avendo poteri supremi doveva avere la grazia plena.Da li è iniziata la distorsione che da sempre si ripercuote anche sulla classe arbitrale.L'Italia è clientelare e lo sarebbe secondo un'etica che permette allo svedese o al tedesco di essere sempre gentile,cortese e non comprabile,nella realtà quell'etica in Italia non esiste,sin dalla culla non esiste e lo abbiam visto con gli occhi di bambino quando la mamma sulla porta delle vecchie bottega diceva al pizzicarolo "Buongiono Nestore,che me tieni da parte du' filoncini che passo più tardi?Mettemeli via....".Cos'era questa semplice frase se non una "raccomandazione"?E inermi e sottacendo siam rimasti così.Gli arbitri applicano uno dei primi postulati delle carriere d alto livello "Comandare e meglio che fottere" ma io risponderei "Ma anche il fottere non scherza!" ma cosa ne sanno loro?Frustrati,sfogano li il loro potere di vita o di morte,frustati dalle grandi sfogano sulle piccole i loro tic.Quando il capo della CAN(che doveva essere cancellata anche come sigla dopo Calciopoli)dice che gli arbitri stanno andando bene,che è tutto ok non sbaglia!No,infatti lui parla al consesso delle grandi,lui comunica,nenche subliminale la cosa,con le strisciate o le romane.Una governance dall'esterno è possibile,molte volte le aziende(esempio banale)di computer hanno preso manager del settore calzaturiero,oppure un'azienda di automobili ha messo al board un manager dal settore abbigliamento,basta leggere le pagine economiche dei giornali.Alcune competenze se le hai,alcune capacità,unite al talento possono permettere che un vero controcoglioni-man prenda in mano la situazione e cambi l'andazzo.La questione è che in Italia la maggior parte delle volte tutto rimane all'intenzione,si ferma li.Non si spiegherebbe perché siamo ultimi per merchandising,perché andiamo male con i diritti televisivi,perché il rankig UEFA ci irride,perché gli stadi sono mussoliniani(come epoca),perché siamo-cazzo-l'unico paese commissariato d'Europa.Quindi,l'immobilismo che ha fatto fuggire le aziende sta facendo fuggire i tifosi,il potere esercitato "a guisa di membro di gentil segugio" ha allontanato la gente dalla Res Publica,dai seggi;CHIARI,odio chi si lamenta prono però a volontà altrui,la regola dice,per le poltrone occupate "Cambia o ti cambiamo" ma in Italia non
    vale.(P.S.:Austria pressione fiscale 25%,ci sto facendo un pensierino a prendere un monolocale e la residenza,sono stanco di dare allo stato il mio 60%;quindi non sono prono,mi muovo).Renzi lo voterei.....pensate come sono ridotto,io figlio del moschetto,che ripudio il fischietto,usato soggettivamente dalla giacchetta che indirizza dove vuole i punti in palio ogni domenica.la vergogna non sanno neanche dove alberga,e gli Stadio(Gaetano Curreri è della viola-lui bulugnes')canterebbero "Ma dimmi,tu un cuore ce l'hai?...arbitro".

    RispondiElimina
  21. L'addetto stampa del Patriarca23 ottobre 2012 14:57

    Il Patriarca ha chiesto appunto astinenza di commento sull'argomento, se possibile in generale, ma almeno senza riferimenti e cazzeggi personali, quindi l'uscita del signore in rosso gli è abbastanza incomprensibile. Come il Patriarca  la pensa sull'argomento è noto ma non ha nessuna voglia, nè interesse, a riparlarne, essendo peraltro apertissimo al colloquio su calcio, mangiate e, per chi vuole, su quell'altra cosa, con chiunque, anche con chi preferisce Seferovic a Toni. 

    RispondiElimina
  22. Caro Colonnello, gli lascio ovviamente quel che indecentemente pensa nel
    foro interiore, ma avendolo esternato, preferisco girargli alla larga,
    perché ne va della mia salute mentale. Ti risparmio le difficoltà (per
    usare un eufemismo) che, come tutti nel mondo GLBT, ho dovuto affrontare
    per imparare a divulgare senza tema il mio orientamento sessuale e a
    capire che quando mi trovo di fronte chi la pensa come il soggetto in
    questione è bene cambiare strada per evitare lo scontro crudo.
    Continuerò ovviamente a leggerti, perché è un piacere.

    RispondiElimina
  23. Africa e buongovernoCiao
    Pollock,il tuo editoriale riporta alla mia attenzione che ci stanno
    pian pianino spingendo verso una china che un mi garba punto.Il Google
    Map puo'individuare chiunque,piu' o meno amatorialmente,ma tecnologie
    professionali possono scovarci a far pipi'dietro un cespuglio(ma non
    hanno scovato Bin Laden per un decennio).Questo andazzo teso verso una
    limitazione progressiva di liberta' o privacy,e'quanto di piu'aberrante
    si possa auspicare.Uno stato padrone che ci monitorizza,segue,filma,controlla
    i nostri conti correnti,spese,incline a togliere definitivamente quello
    che e' il bene supremo: la liberta'.Non ho visto ne' letto nessuna
    presa di posizione contro la legge montiana che obbliga le banche a
    comunicare al Ministero le somme in giacenza e movimenti,nemmeno di
    Renzi,che ha il mio favore,e qui lo trovo in
    fallo.Tuttavia colpevolmente il popolo sta accettando supino la
    manona che li schiaccia.Questa legge tumorale,che ha come falso scopo la
    lotta all'evasione(succedera'il contrario,annientera' i consumi,quindi
    ridurra'il gettito,e favorisce l'esportazione di capitali)ha in
    realta'quello di renderci degli schiavetti sotto il peso del giogo,sotto
    una guida suprema invisibile.A me non va un mondo simile a quello cui
    Jim Carrey cerca la fuga,ma quello stesso scenario,che in epoca del film
    sembrava troppo fantascienza,sembra a portata di mano ora.
    Si Chiari ti avevo letto,mi sembra che la pensavi piu'o meno come me,anzi eri piu'pessimista.
    Tornando
    alla rottamazione,mi spiace,Gonfia,Bersani sembra anche esser in buona
    fede,ma durante lo sfascio era la',quindi e'reinutilizzabile e non vedo
    proprio che novita'possa apportare,come un Vendola che proprio lindo non
    e'.Un po'come lo spogliatio viola,se si deve voltar pagina,bisogna
    eliminare chi ha creato danni.Se arriva Renzi,spero proprio che Diego
    NON usufruisca di favori e influenze di giornali vari.Questa,e'la logica
    che si deve combattere,quella che ci farebbe esultare solo
    perche'abbiamo uno dei nostri al potere,che e'la stessa identica che non
    ci garba ora e che ha deturpato i valori.Deve vincere il
    buongoverno,non la lobby.
     
    Lele
     

    RispondiElimina
  24. Il soggetto in questione non pensa col "foro interiore" ma con la testa. Precisato questo se lei mi "gira alla larga" non mi fa certo piangere come, peraltro, non avrei nessuna remora a dialogare con lei di calcio che è l'argomento di questo blog e garantisco che lo farei col massimo rispetto, come con chiunque altro. Per il resto ognuno resta delle sue idee, non vedo grosse probabilità di cambiarle, però non mi faccia insalatoni infilandoci razzismi e altre discriminazioni che non mi appartengono.

    RispondiElimina
  25. LELE...Ti dovevo una risposta,l'ho digitata 2 volte ieri ma non parte:mio padre aveva una ventina di cavalli,buoni trottatori per gare clandestine(in palio prosciutti e vino,non denaro-regno degli zingari quello dei cavalli),poi sabato e domenica ring per turisti al Circeo,dove abita.Un anno,1976,Pescocupo,trottatore comprato a Lorenzana straziato dalla malnutrizione,rinvigorito inizia a vincere quelle corse,non riusciva nessuno a stargli dietro.Convinsero il mi' babbo a portarlo a corerre e tra Cirigliano e Agnano,scelse quet'ultimo ippodromo;10 batterie,i primi 3/4 vanno avanti.Il nostro destriero straccia tutti ma un mezzo scugnizzo disse "E dove va questo cavallo senza scuderi,corre tropp'...stat' accuort' che s'azzoppa!L'errore che(ingenuamente)commettemmo fu quello di avere un driver nostro,di arrivare li pensando vincesse il migliore.Li scommettono anche sulle "batterie" e Pescocupo stava rompendo le uova nel paniere.....Semifinale vinta per distacco clamoroso,il sulky volava....Domenica della Corsa,quella vera.Non seguimmo il cavallo che andava dai maniscalchi,gente di mestiere che ha una percentuale di errore dello 000000,0001% ma....venne fuori lo scugnizzo,con svena teatrale degna di Salemme "Ue',Maronna d'o Carmin'....e chill' o cavallo spaventatt' l'om' che doveva mettere o ferr',e quello ha sbagliato,rui(due)chiod' hanno rotto e' zoccol'...Ve l'avevo detto che s'azzoppava,e così....".2 chiodi,caso unico che raro.Pescocupo fu abbattuto li,come da legge naturale(ma non troppo) e mio papà giurò mai più cose così brutte.Nell'85 ha venduto una trentina di cavalli,e oggi ci consoliamo con una fattrice e altri 2 cavalli bai.L'ippica?Mai più,non c'è nulla di più corrotto,forse solo il football italiano.Tutto qui.

    RispondiElimina
  26. L'addetto Stampa l'avevo licenziato, l'ultimo post qui sopra è mio

    RispondiElimina
  27. Jordan, nessuno ha detto "col", sibbene "nel". Sono molto amareggiato, anche dal fatto che non hai teso una mano in ultimo e questa non è questione di "idee", perché non c'è idea che precluda o debba precludere l'altro, che parli o no di calcio. Quel che lui ha detto nell'ultimo post avrebbe dovuto far capire la sua sensibilità, come maturata in una vita attraverso assurde umiliazioni, e dunque come rapportarsi a essa.

    RispondiElimina
  28. Chiarificatore23 ottobre 2012 15:39

    AntoineRouge non fare la cazzata sesquipedale di lasciarci! A nessun costo! Sulla questione della sessualità, io, da eterosessuale praticante e privo di latenze,  sono completamente d'accordo con te ed in totale disaccordo con l'eterosessuale praticante e convinto Jordan. Ciò detto non devi passare alla larga da chicchessia, ma affrontarlo, culturalmente, eticamente, umanamente a viso aperto,non devi arrenderti, in qualsiasi ambiente, in qualsiasi situazione e tantomeno qui, non solo perchè qui ci sono molti che la pensano come te, ma perchè non è da quelli come te arrendersi. Sei, sul piano della tua sessualità, per questo Blog, quello che per il colore della sua pelle è  Balotelli per l'Italia migliore, e non solo quella del calcio: un motivo di orgoglio, una preziosa, grandissima e splendida risorsa non solo e non tanto calcistica ( e tu intellettuale) ma per la ricchezza degli animi e delle menti. Pensa a quello che Balotelli deve subire quotidianamente in termini di pregiudizi, di sguardi storti, di apprezzamenti grevi,  in campo e fuori dal campo, solo per il colore della sua pelle, per molti ancor più  insopportabile perchè unita ad un carattere indisciplinato,forte e fiero. Reagisci come lui, AntoineRouge.

    RispondiElimina
  29. Non temere Chiari, lo faccio giornalmente e cazzutamente anche in veste professionale (professione che trovo gratificande proprio in questi casi, oltreché per la difesa di animali non umani). Ad ogni modo non vi lascio, perché continuerò a leggervi.

    RispondiElimina
  30. ANTOINEROUGE,il più grande e grave difetto che ha l'uomo è il pregiudizio.Chiunque ne ha,per varie cose e vari argomenti,ma chi molla va in difetto,chi molla va di sottomissione,chi molla è il più debole.E sei hai dato tutto alla dialettica,allo scontro e alla tenzone verbale,allora non hai perso.Se molli hai perso.

    RispondiElimina
  31. Chiarificatore23 ottobre 2012 15:55

    Devi continuare a scriverci, AntoineRouge, non ci basta nella maniera più assoluta  che tu continui a leggerci.

    RispondiElimina
  32. Facendo una eccezione rinunciamo alla riverenza da parte di Jordan.  Lo nominiamo anzi Primo Cavaliere delle orde Unne che conquistano, distruggono, stuprano, cazzeggiano e che mai offrono il posteriore al nemico ne tantomeno all'amico.  L'Ordine Cavalleresco di appartenenza è quello di SbranaPulzelle, con la missione di combattere tutto ciò che non è di colore viola fino al supremo sacrificio di concedersi ad una Gloria Guida ormai quasi babbiona ma ancora di esente dal far parte della collezione Deynesca.  Questo abbiamo deciso in questo giorno di sole sotto la magnificenza del Cupolone quello vero.

    RispondiElimina
  33. Lo scenario che dipinge Lele è realissimo, purtroppo, e spaventa e fa orrore anche a me. Si unisce ad altre limitazioni della libertà e controlli vari, imposti con la scusa del terrorismo globale. Il bello è che, ovviamente, tutte queste misure non serviranno a limitare chi evade sul serio, o chi vuole sovvertire. Ma il lavaggio del cervello di massa è tale, che gli armenti si dichiarano pure felici del serraglio in cui li hanno reclusi, sorvegliati a vista a produrre senza sosta. Conosco tante persone che dicono: "Beh sì, sarà, ma io sono contento/a di queste misure, mi sento più sicuro/a". Contenti loro...Una misura del tutto inutile, correggetemi se ricordo male o se l'han tolta, è quella che vuole in certi aereoporti un controllo ai raggi per ogni passeggero in entrata. Saranno pure deboli, ma uno che prende spesso l'aereo per lavoro, deve rovinarsi la salute con le radiazioni per queste ridicolaggini?

    RispondiElimina
  34. Lele, tu dici che il meglio c'ha la rogna, escluso Renzi. A questo punto, voglio continuare a illudermi che non sia così, perché in realtà un illuso lo sono sempre stato e io non posso cambiare. Come già detto, in alternativa  alla destra, mi starebbe bene anche Renzi. 

    RispondiElimina
  35. Se sapevo che il decano eri tu, Compagno Cheyenne, la riverenza te la facevo anche. Comunque Eliani l'ho visto anch'io, prima volta allo stadio Fiorentina-Sampdoria 0-0. 1949.

    RispondiElimina
  36. Pippobaccello, ma cosa provi, il baccello? Cinque punti sono tanti, non ce li ridarà nessuno, adesso possono anche fare i signori, i sogni sono stati strozzati in fasce. Si è molto parlato del disturbo, in puro stile bonipertiano, per Berbatov, ma si è trascurato di dire che Bendtner è stato comprato per ghiacciarlo, solo per toglierci anche l'alternativa dell'ultimo momento. Sono investimenti anche quelli. Llama tornato disponibile: in casa, da provarsi. Cuadrado ancora e sempre, ovviamente, il resto del centrocampo con Borja, Olivera e Mati (propongo). Davanti si riparla di Toni e contro la Lazio ha già un po' più di senso, anche per gli spazi che gli scaverebbe Mati e per la minor propensione al palleggio puro di una squadra che non abbia Pizarro al suo centro ma Olivera melico (alla Melo, voglio dire, non che canta). Ma da lavorare e parecchio c'è sulla testa di Jojo, che non vorrei che fosse el supremo (come parafrasa Deyna) anche per affinità con lo Schreber.

    RispondiElimina
  37. Eliani, quindi, mitico anello di congiunzione fra una società ancora barbarica e una patriarcale. Ma la civiltà era là da venire: bastava attendere ancora qualche annetto (ahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  38. Chiarificatore23 ottobre 2012 18:21

    E' giunta l'ora del filotto. Nove punti nelle prossime tre partite.

    RispondiElimina
  39. Chiarificatore23 ottobre 2012 18:27

    Sono in ansia per l'esito della prova di Pippo.

    RispondiElimina
  40. Antognoniforever23 ottobre 2012 18:29

    Antoine Rouge, non limitarti a leggere, per favore, continua anche a scrivere. Questo blog si nutre dei contrìbuti di tutti gli utenti e, se qualcuno se ne va, mi dispiace molto.
    Anzi,oltre al ritorno di Jordan e alla permanenza di Antoine Rouge, anelo all'ingresso di Zeman e Terim.

    RispondiElimina
  41. Gli si è ammosciato subito, Chiari: deve aver visto una montolivetta.

    RispondiElimina
  42. Antognoniforever23 ottobre 2012 18:31

    Parlando seriamente, se tornasse Jordan, gli chiederei un parere - da ex portiere - sul gol preso da Viviano domenica, perché a me non è parso molto reattivo.
    Molti però hanno scritto che era imparabile, a me non è sembrato.

    RispondiElimina
  43. Zeman sa dove siamo ma vuole più libertà di uscir di capa, Terim multinickeggia e dunque non può venir qua (peccato). AntoineRouge, se non vuoi partecipare con costanza (fai male, non vi è problema), lasciaci di tanto in tanto dei punti di vista fugaci e incisivi alla te. Un po' ce l'ho coi giornalisti locali che è vero che adesso si fanno in quattro per denunciare i misfatti arbitrali, ma si sentono anche obbligati, perché tengono famiglia, a negare trame. Non c'è complotto, sono scarsi, vociferano. Quattro scarsi di séguito? Con metro costantemente doppiopesistico? Con gialli mirati? Scarso era quello di Parma, che ci ha fatto ben meno male di loro, loro hanno fatto un poker che, per coerenza bombardiera, forse nemmeno nel 2004-2005 abbiamo buscato.

    RispondiElimina
  44. Chiarificatore23 ottobre 2012 18:42

    Anche a me piacerebbe che venissero Zeman e Terim, ma io ho capito perchè non lo fanno. Prima di tutto sono pigri e poi sono delle primedonne. Amano "provocare" nel senso migliore del termine, diciamo pedagogico, e lo fanno dove qualcuno si incazza, o perchè non è d'accordo o perchè non coglie le provocazioni, e così loro si divertono di più. Qui invece tutti parliamo la loro lingua e loro si annoierebbero, eh eh eh.O sbaglio?

    RispondiElimina
  45. Jordan ha assolto Viviano sulla cloaca, Antognoniforever. Io no, la ripresa da dietro la porta è eloquente, ha un tempo di ritardo e si abbatte come un sacco.
    Ma è un gol che non ci è costato nulla, fino ad adesso Vivino ci ha
    fatto perdere un solo punto, a Napoli: c'è chi ha da anni Abbiati e
    ancora non ha capito che gli ha fatto perdere scudetti e coppe.

    RispondiElimina
  46. Chiarificatore23 ottobre 2012 18:51

    Sono d'accordo con te, Colonnello,  sugli arbitri,  non scarsi, ma inviati ad hoc ed efficaci attuatori di una linea ben precisa. Neppure mi convince il rivendicare  da parte nostra un trattamento "da grande" come ho letto da qualche parte.

    RispondiElimina
  47. Ma certo, Chiari, il trattamento dev'essere equo, la vittima è sempre una Grande, per la vera giustizia. Questa battaglia DDV l'ha già fatta ma ci fu chi, cellinescamente o preziosamente o zamparinianamente, preferì i pacchi di pasta alla Lauro.

    RispondiElimina
  48. Chiarificatore23 ottobre 2012 19:02

    Quanti indizi ci vogliono perchè sia giusto parlare di complotto? Qualcuno vuole dirmelo per cortesia? Perchè se di complotto si tratta è quello di non volerci tra le grandi, a tutti i costi! Chiedere un trattamento "da grande" quindi,  fa solo scompisciare il palazzo.

    RispondiElimina
  49. Chiarificatore23 ottobre 2012 19:10

    Noi dobbiamo ricominciare a parlar chiaro, come fece DDV , subito neutralizzato per questo. C'è una Cupola formata dalle strisciate e dalla Roma, non si tratta di chiedere spazio in questa Cupola, ma di neutralizzarla con strumenti nuovi che impediscano l'impunità arbitrale ufficiale e la punibilità arbitrale da parte della Cupola. Secondo me molti che si tirarono indietro oggi non lo farebbero più, le situazioni cambiano da molti punti di vista.

    RispondiElimina
  50. Ho detto che per me non son palle facili da prendersi perchè l'attaccante è praticamente solo, in corsa e ti prende in controtempo, che però lui si è buttato come Frey pre-dieta è innegabile. Il goal ci è costato un punto visto che si è fatto 1-1, ma non mi sentirei di darne colpa al portiere anche se è stato tutt'altro che impeccabili. Più piccioni quelli che si son fatti prendere d'infilzata in verticale.

    RispondiElimina
  51. Ludwig, però bisogna ammettere che il post che ti ha dedicato oggi Zemanviola ("...Lud, sappi che per me tu NON TI RIPETI MAI, anche il nome Prandelli ha, scritto
    da te, ogni momento un "suono" diverso...") è uno dei più esilaranti che abbia mai letto.

    AntoineRouge, sei un interlocutore preziosissimo, non fare cazzate!

    RispondiElimina
  52. Jordan, non è costato perché eravamo sullo 0 a 0 e abbiamo pareggiato sùbito, con molto tempo per vincerla. Diciamo che come a Napoli ha avuto correi e questo un po' lo sgrava.

    RispondiElimina
  53. Mi sembra invece di avergliela ben data la mano a uno che dice che se torno io va via lui. Io non l'ho mai detto, a nessuno, e parlo con tutti coloro che mi rispettano, anche con lui e senza la minima voglia di toccare nè sul serio nè per burla, l'argomento che ci divide. Di più non posso e se non basta non so che farci.

    RispondiElimina
  54. te l'ho detto sopra e l'avevo detto anche nelle pagelle sul sitone. Non son palle facili da prendersi, ma è vero, come dice il Colonnello, che Viviano non ha fatto certo il meglio per provarci. 

    RispondiElimina
  55. Scusami Lele, non hai detto quello che ho scritto, è stata una mia estremizzazione e me ne scuso. Volevo aggiornarti su Renzi. A Carbonia è stato contestato dai lavoratori del Sulcis che, per inciso avrebbero contestato qualsiasi politico di destra o di sinistra. Renzi ha così risposto "i fischi me li prendo anche quando sono rivolti a me, figuriamoci quando sono ricolti a una classe politica alla quale non appartengo e che vorrei rottamare". Dichiarazione impegnativa da uno che è nato politicamente democristiano e poi della Margherita. Vorrei credergli, se fosse vero non sarebbe necessaria la Rivoluzione auspicata dal Colonnello. Saluti.

    RispondiElimina
  56. CHIARI,parlare chiaro come Della Valle?Il Diego nazionale ha detto "Basta parlare di arbitri,bisogna vincere sul campo...",come vedi non si sgancia dalle sue posizioni moderate sul calcio.Per ora.Sono a Firenze questa settimana e devo dire che le varie radio sono pacate nei toni,eccetto Vuturo che ieri sera era su di giri...

    RispondiElimina
  57. Chiarificatore23 ottobre 2012 20:10

    Caro Sopra, parlare chiaro oggi non significa che DDV debba ripetere le stesse cose che disse allora, un po' da parvenu e che gli costarono molto. Non ha intenzione di farlo più, in quel modo, e forse giustamente. Si possono però fare proposte forti che cambino la situazione consentendo una più severa e puntuale  valutazione delle performances arbitrali ed inibendo  la possibilità di condizionarle a vantaggio proprio. Il tutto senza far la figura del Don Chisciotte che evidentemente DDV non vuole fare.  

    RispondiElimina
  58. Il 04/07/2012 alle 08:42:17 Zemanviola scriveva:
    ZEMANVIOLA, Campione di Russia con parenti al seguito
    Barry, ha totalmente ragione Jordan, per definire qualcuno vincente lascia che vinca almeno na Coppuccia Italia, tipo che so....ah si i DV che ne han vinte 2 + una Supercoppa Italiana.Dunque vincente è chi vince almeno  la Coppa Italia. E i Della Valle e Prandelli non ne hanno mai vinta una.
    Ma l'allenatore Zeman ne ha mai vinta una? Risposta: no. Ha vinto altro Zeman? Ancora una volta la risposta è no.
    Ergo Zemanviola deve a mio parere o cambiare la sua tesi o cambiare nick. Questo è quello che gli ho fatto notare e che ancora gli brucia. 

    RispondiElimina
  59. Se è così hai ragione, LZ. Però se non vuol cambiare nick che fai? Gli mandi a casa le forze dell'ordine?

    RispondiElimina
  60. LUDWIGZALLER,sei euclideo nei tuoi post.Sei un bisturi nelle mani di una mente concettualmente periferica,nella realtà vero hard-disk dei tuoi scritti,che trasudano di una porpora che ammanta il tutto,lasciando una patina come quella delle falene notturne prese nella mano,polvere magica che sa di volo,per chi non può volare(fisicamente)ma libra lo stesso strali da quella medesima mano che prima era bisturi.

    RispondiElimina
  61. Figurati Blimp a me Zeman sta simpaticissimo e può farsi chiamare come vuole. Ho molto apprezzato alcuni post in cui sostiene che ho una aura diabolica o che possiedo una casa infestata dagli spettri. A dire la verità avevo già individuato da tanto tempo questo suo post, e non volevo metterlo fuori, ma poi Zeman ha insistito e l'ho messo. Ma spero che non se la prenda. In alternativa gli consiglio come nick Mazzoneviola in quanto Carletto Mazzone rispecchia perfettamente la sua idea che un allenatore vincente debba aver vinto almeno una coppa Italia. E fra l'altro Mazzone l'ha vinta proprio a Firenze.

    RispondiElimina
  62. Antognoniforever24 ottobre 2012 07:26

    Ma nel 75 non c'era Nereo Rocco in panchina?

    RispondiElimina
  63. Puo' scegliere tra Roccoviola, Ranieriviola o Manciniviola. In effetti nel 1975 c'era Rocco in panchina, ricordavo male.

    RispondiElimina
  64. Sulla dibattito sulla Coppa Italia la vedo di più come Ludwig, per me al giorno d'oggi ha molta più importanza una qualificazione alla Champions, che non ti porta nulla in bacheca ma ti dà una fama internazionale che la vittoria in Coppa Italia non ti dà: tutto il mondo sa chi partecipa alla Champions, chi ha vinto la Coppa Italia invece credo non lo sappia nessuno. Il fatto che molte squadre giochino la Coppa Italia con le riserve dovrebbe dira lunga.
    E aggiungo che tra vincere un pacchetto "2 Coppe Italia + 1 Supercoppa Italiana + 2 retrocessioni + fallimento" e un pacchetto "niente coppette ma mai retrocessioni" mi piace molto di più il secondo.

    RispondiElimina
  65. L'uomo che ci ha già fregato almeno sei punti.

    RispondiElimina
  66. Chi ci ha fregato sei punti, Rocco?

    RispondiElimina