.

.

mercoledì 24 ottobre 2012

Ho solo la Fiorentina in testa

Ho solo la Fiorentina in testa, e soffro, dopo l’arbitraggio di Verona sono pervaso da cattivi pensieri, mi alzo nel cuore della notte, vado in bagno e piscio fuori dal vaso, poi mi rigiro dentro al letto come a voler rosolare quelle ingiustizie per farle diventare spiedini da offrire a Lotito, un vero maestro della spennellata finale, anche se la sua scuola di pensiero non prevede l’olio d’oliva ma lo spalmadebiti su tutta la superfice, per anni. Ho solo la Fiorentina in testa, mi sveglio con gli occhi sbarrati pensando alle squalifiche di Roncaglia e Pizarro, e allora scatarro, mentre mi tremano le mani al bollettino medico sulle condizioni di Aquilani, l’unico pensiero leggero oltre il Viola, è quando in compagnia del budino di riso rifletto sull’asticella di Montolivo abbassata sull’ingresso del ritiro punitivo, Faac come la marcatura di Faacundo che chiude tutti gli spazi. Ma è solo un attimo, perché poi il mio pensiero torna subito alla Fiorentina, a quando potremo finalmente vedere la terza maglia oppure il terzo scudetto, e penso al CCVC che vive il disagio della coppia di fatto, schiacciato sotto il peso del sospetto che quella Della Valle-Renzi possa alla fine risultare fatale, teme e allora scrive lettere augurandosene una molto meno ingombrante e già si fa il nome di quella Della Rocca-Te-Renzi. Perché ho solo la Fiorentina in testa anche se la Rita ha qualche sospetto che non sia così, ma non è vero, anche ieri la rassicuravo che il mio unico pensiero in questo momento è quello di capire come mai quella manovra bella dal sapore di paella si è andata via via mutando, desertificando il giropalla a favore di un lancione dal retrogusto un po’ rancido. Ho solo la Fiorentina in testa anche quando vado alla lavenderia a gettone sotto casa per lavare il piumone, penso sempre e solo a quella passione che ho in seno, ed è soprattutto mentre aspetto che asciughi, che m’incanto su quel seno, quando cioè ci sono i tempi morti, è in quel momento che mi vengono i cattivi pensieri, alcune volte anche biondi, ma essendo cattivi si mescolano per non darmi punti di riferimento e a volte sono mori, poi mi scuoto e ripenso alle difficoltà della partita contro la Lazio, dove però potremo vincere e farli sparire quei brutti pensieri, si insomma, diciamo più nudi che brutti. E non sono fessa lo dice anche la Rita quando mi giro a guardare le ancheggianti presenze che animano la lavanderia sotto casa, quindi non solo Pradé sospetta ed esige rispetto, perché come la Fiorentina si è fatta sentire rivendicando lo stesso trattamento nella gestione dei cartellini, alla Rita non è piaciuto il trattamento che ho fatto al piumone, secondo lei sono troppo distratto quando vado in quella lavanderia sotto casa e sbaglio il programma, perché lei dice che è frequentata da persone che non la convincono. A lei però, a me convincono molto le persone di quella lavanderia sotto casa, perché sono pulite dentro, persone che oltretutto hanno la sana abitudine di lavare i vestiti che indossano senza portarsi dietro il ricambio, ed è mentre aspettano di rimettersi i vestiti lavati che mi vengono i cattivi pensieri sugli arbitraggi. Devo confessare che molto spesso mi apposto fuori dalla lavanderia, e quando invece le incontro al bar lì accanto alla lavanderia sotto casa faccio finta di inciampare e gli verso il caffè addosso, riempendole poi di gettoni. Ho solo la Fiorentina in testa, l’ho detto alla Rita con forza dopo aver preferito mangiare un panino in lavanderia invece di salire su a cena, l’ho supplicata strappandole tutta la biancheria sporca di mano, cercando di farla crescere, per renderla meno provinciale e abbandonare usi e costumi popolari che vogliono che i panni sporchi si lavino in famiglia. Mi ha visto turbato ultimamente, gli ho detto che la colpa è della classe arbitrale, non ci crede, gli ho detto che il comportamento di Montolivo mi ha ferito, cazzate, che El Hamdaoui non sembra uscito da un digiuno ma dal dietista di Vargas, sei un buffone mi risponde, dura, non credendo affatto che ho solo la Fiorentina in testa, sei troppo svagato oltre che a essere la solita fava. Mi è toccato rassicurarla promettendole di andare a fare una visita specialistica dal marito di una sua amica che è bravo a curare gli esaurimenti nervosi. Tutto bene fino a quando non sono tornato a casa carico di gettoni e l’ho trovata alla finestra a guardare la tac del mio cervello, come se la volesse vedere meglio con la luce diretta, tutto bene prima di avermi posto la domanda che aveva tutto il tono perentorio dell’ultimatum, alla quale ho risposto senza nessuna incertezza “ho solo la Fiorentina in testa”. Poi non ricordo più niente.

80 commenti:

  1. Antognoniforever24 ottobre 2012 07:31

    Pollock, domenica preferirei l' 1

    RispondiElimina
  2. Ho qualche porblema su Disqus, quella X non è un pronostico ma una prova come quella di ieri di Pippo Baccello. Mi dispiace per Antoine dal quale mi farei difendere anche il culo.

    RispondiElimina
  3. Chiarificatore24 ottobre 2012 08:37

    Pensierini belli freschi come l'uovo sbattuto al caffè che mi faccio ogni mattina.
    Dati di fatto non opinioni: 
    1) L'Italia, tra i paesi industrializzati, è quello più corrotto;
    2) Tutti sono al corrente del punto uno, nessuno osa negarlo; 
    3) I punti uno e due sono talmente veri che il governo Monti è stato costretto a mettere all'ordine del giorno una legge anti-corruzione, pur tra contrasti tra le forze politiche che lo sostengono; 
    4) Come si è manifestato ufficialmente in questi anni,e come tutto il mondo sa, il mondo del calcio italiano, a partire dalla classe arbitrale, non solo non è esente dal fenomeno della  corruzione diffusa e diventata sistema, ma è degna parte di questa anomalia italiana, di questo sistema.
    Domandine finali : 
    1) Come mai nel mondo del calcio, così come sta avvenendo in politica, le parti sane, non chiedono provvedimenti e relativi strumenti, atti a debellare permanentemente la corruzione nel calcio?; 
    2) Non sarà mica che nel mondo del calcio il potere dei corrotti non solo è dominante ma  è un vero e proprio strapotere inattaccabile, talmente potente e pauroso che nessuno osa contrastarlo  così come andrebbe contrastato, ed al massimo si limita a lamentarsene timidamente o ancor peggio a chiedere o tentare furbescamente di farne parte?

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore24 ottobre 2012 08:42

    Qui sotto, nella seconda domandina finale, alla fine della prima riga, la parola corrotti va sostituita con la parola corruttori.

    RispondiElimina
  5. AntoineRouge ritorna, l'atto di fiducia di Pollock, da parte di un sanfredianino, vale quello di un conterraneo di Chiari che ti affidi la cassetta degli ori! Senti un po', Pollock, ma è il budino di riso che ti ha fatto venire in mente, per associazione di idee, Montolivo? Quella lì in lavanderia, peraltro, si farebbe divaricar le gambe dall'orda del Decano prima ancora di sedersi a leggere, quindi la foto è una polaroid dei tuoi sogni, frutto di tecnologia americana ancora non commercializzata in Europa. Comunque mi piacerebbe entrare nel vascone della lavatrice insieme a lei (tu premi pure il pulsante della centrifuga, a quel punto).

    RispondiElimina
  6. O Chiari ma tu pensi ancora che nel mondo del calcio esistano delle parti o una parte sana? 

    RispondiElimina
  7. Chiarificatore24 ottobre 2012 09:05

    Amara, molto amara, considerazione aggiuntiva a quanto scritto qui sotto.
    Anche la parte sana di questo modo politico,che pure si batte contro la corruzione in politica, non muoverà mai un dito contro la corruzione e lo strapotere delle grandi nel calcio, semplicemente perchè anche la parte sana della politica è fatta di tifosi, e prevalentemente tifosi delle grandi potenti, quindi pensa che nel calcio sia giusta la legge della giungla, non la correttezza come in politica. Faccio un esempio, io conosco personalmente due dirigenti politici nazionali, oneste persone, uno di Torino tifoso gobbo sino al midollo, e l'altro di Roma tifoso giallozozzo fino al midollo. Il primo integerrimo in politica non muoverà mai un dito contro la strafottenza e lo strapotere della Juventus, il secondo,incontrando, anni fa, Murdoch (Sky) e parlando, a nome del governo italiano,  con lui dei suoi progetti di investimento in l'Italia, tra il serio ed il faceto, trovò il modo di chiedergli  di trattare bene la sua Roma quanto a diritti televisivi.E queste cose, sempre tra il serio ed il faceto, te le dicono in faccia pur battendosi per una politica più sana. E poi mi dite di  non rottamare!

    RispondiElimina
  8. CHIARI,la seconda che hai detto/scritto....e torni al mio punto di ieri sul clientelismo.Affinché l'adattamento al sistema-calcio non venga avvertito come coercizione,è necessario che il mondo-calcio che frequentiamo(inteso come:tifoso-vacca da mungere,squadre di calcio grandi mangiano piccole)non venga avvertito come uno deimpossibili sistemi-calcio,ma come l'unico sistema,anzi Il Sistema,al di fuori del quale non c'è altro,non c'è......vita.Quindi la lobotomizzazione in atto da anni sta funzionando per loro,addirittura li assorbe(vedi sentenza scandalo di Livorno-Verona:appena 50.000 euro di multa,tutto qua.Non sono riusciti ad andare oltre,omuncoli senza morale).Il sistema-calcio Italia è uno dei rarissimi sistemi dove non c'è mai stata un'alternativa,dov'e non c'è mai stato un Masaniello vincente;guarda Cagliari-Roma:domenica stadio non agibile e 0:3 per una delle squadre del Palazzo,il mercoledì(quindi già da martedì in giornata-48 ore dopo la non-partita)stadio agibile e tutti i pecoroni contro Cellino.Invece di spiegare come hanno fatto a cambiare idea in 48 ore gli organi di controllo federali,i potenti sanzionano il Cagliari.Lo insegna la dialettica Hegeliana come tra il mondo del servo e quello del padrone la soluzione è "nell'unico mondo" che la tecnica concede,sia ai servi sia ai padroni-vincolati entrambi pur nelle differenti mansioni-cioè "collaborare" al mondo-sistema creato perché altri non sono possibili!Italiani passivi per la Res Publica,passivi per lo sport;hai mai saputo del mega scandalo degli arbitri di basket corrotti e l'inchiesta dei giudici,in Italia?Solo per appassionati di baloncesto ma anche li sembra giustizia ad orologeria,sanzioni ad minchiam ma nel frattempo 2/3 squadre ne han tratto vantaggio.Uno schifo e guarda caso io tifo(e seguo) la Fiorentina del basket:Fortitudo Bologna.W le Governance esterne.L'esempio di altro Sistema possibile?Guarda la göeba bianconera fuori dall'Italia;esistono-come a Firenze-zone franche dove quel "Sistema", rodato in Italia,non funziona,non vale ed infatti per gli zozzoni torinesi sono schiaffoni e delusioni da sempre.Sic et simpliciter.

    RispondiElimina
  9. Leggo che Zeman evoca (in un un post-capolavoro a LZ e poco prima della sua capitolazione che non riesce a mascherare non che di vittoria nemmeno di pareggio) lo Chapuisat senior (il figlio valeva il giusto), il miglior giocatore svizzero che io abbia visto in azione, il Fritzenbauer dei poverelli. Testa alta, anticipo autoritario, uscite palla al piede dall'area non policletee ma efficacissime (si allungava leggermente la palla con la sinistrai irrigidita, ma era felino nel recuperarla con la destra e saltare il centrocampista che credeva ormai di soffiargliela). Da rivalutare.

    RispondiElimina
  10. Chiarificatore24 ottobre 2012 09:19

    Certo che lo penso, ed è una delle ragioni che mi porta ad essere orgoglioso nel tifare Fiorentina.

    RispondiElimina
  11. O Chiari e tu pensi che nella politica ci sia una parte sana?

    RispondiElimina
  12. Chiari, ho già scritto che la legge, per gli italiani, deve sempre imbrigliare gli altri. Per questa stessa ragione rimango male quando leggo che la lotta dovrebbe essere per entrare nella corte delle grandi e godere dello stesso trattamento privilegiato. Io non sono un aspirante gobbo: giustizia per tutti. 

    RispondiElimina
  13. Chiarificatore24 ottobre 2012 09:28

    A proposito della rubentus fuori d'Italia, Sopra, pensa che figura ci fa fare all'estero!  Tutti sanno che in Italia ha stravinto e continua a stravincere titoli da strafogarsi, molto più di ogni altra, molto più delle prestigiose milanesi,  e nello stesso tempo  vedono che a livello internazionale vince poco o niente. Devono dedurne, e con tutte le ragioni,  che quanto a correttezza e affidabilità il Calcio in Italia è al livello di una Repubblica delle Banane.

    RispondiElimina
  14. ZV non ha capitolato perchè ha ragione, e credo di averlo chiarito anche se questo gli costerà, come ha promesso, il tatuaggio di Neto sul petto.

    RispondiElimina
  15. Chiarificatore24 ottobre 2012 09:31

    Non solo lo penso, ne sono assolutamente certo.

    RispondiElimina
  16. Chiarificatore24 ottobre 2012 09:32

    Sottoscrivo al 1000%.

    RispondiElimina
  17. Fossi nella Cupola, contro la Lazio farei fischiare un rigore superiperarcifasullo (che magari Jojo butta alle ortiche), ottenendo così: 1) incazzatura di Lotito con cassa di risonanza da concerto di primo dell'anno a Vienna; 2) reazioni del tipo «avete visto che si sbaglia anche a vostro favore?»; 3) reazioni del tipo «vi lamenterete anche adesso degli errori arbitrali?»; 4) reazioni del tipo «d'ora in poi starete zitti, si spera»; 5) reazioni del tipo «è la prova che gli errori arbitrali si compensano». Dopo di che, dalla partita seguente potranno ricominciare le vaccate contro di noi, a man salva, e se fiatiamo ci rinfacciano il rigore contro la Lazio con tante risatine di contorno. Insomma, se uno rompe i coglioni gli si fa trovare la coca nella tasca dei pantaloni appesi alla gruccia, durante la perquisizione.

    RispondiElimina
  18. Domenica la villa,Caro BLIMP,deve vincere per evitare "Scene da un matrimonio" di Bergmaniana memoria,tanto sappiamo chie per noi è sempre una partita a scacchi con la morte....ma che importa.(Provo a stanare ANTOINEROUGE con pellicole Super8 in bianco e nero,qui in carcere ci sono solo pizze vecchie,non vecchie pizze come sul siton de' sitoni!Qualcuno soffia il naso per ANTOINEROUGE,si sente dalle cuffie Matsushita,asciugando lacrime coccodrillesche).

    RispondiElimina
  19. Era "Domenica la Viola...." ad inizio post.

    RispondiElimina
  20. Chiarificatore24 ottobre 2012 10:02

    Porta sta per portano, ma s'è capito lo stesso.

    RispondiElimina
  21. Caro Sopra, io aggiungo, a esca per l'Antonio Rosso, che la mia recente revisione di «Sorrisi di una notte d'estate» mi conferma pienamente il suo inserimento fra i 100 di sempre: fra le commedie in costume solo Clair ha fatto cose di quel livello («Le silence est d'or» e «Les grande manoeuvres»), ma nel francese il pensiero era tutto nelle geometrie, in Ingmar il pensiero è nel pensiero e la luce e l'ombra ne sono emissione.

    RispondiElimina
  22. Chiarificatore24 ottobre 2012 10:16

    Ne aggiungo una mia di "provocazione" per AntoineRouge: un legale  che ama mettere la sua professionalità e la sua professione al servizio di chi subisce soprusi, come difenderebbe la Fiorentina dai soprusi?

    RispondiElimina
  23. Allora AntoineRouge può anche rimaner fuori, perché nessuno può difendere la Viola dai soprusi. Mi convinco sempre più che la via toccalbicocchesca all'autorisarcimento almeno morale sia non incongrua. Uno zio di mia madre (crucco come la sorella mia nonna), imputato in tribunale in Doiccilandia (si parla di Repubblica di Weimar) per uno schiaffo mai assestato a testa di cazzo protonazi tuttavia di esso meritevole, alla lettura di sentenza di condanna si avvicinò alla presunta vittima e gli sferrò un cazzotto in aula, esclamando tranquillo che, così almeno, avrebbe pagato il fio alla giustizia per qualcosa di realmente commesso.

    RispondiElimina
  24. Mi capita di ragionare di arbitri con un mio amico e compagno nella visione delle partite viola. La tesi che abbiamo elaborato e che vi sottopongo è la seguente. Nella visione dei vertici del calcio nonchè dei vertici di Sky, che alimentano la macchina calcistica versando molti soldi, la posizione di una squadra nella classifica deve rispondere ad una sorta di norma ideale ed essere fissa. La Fiorentina per bacino ed utenza non sta ne' nelle prime posizioni ne' nelle ultime, ma più o meno a metà. Di conseguenza il lavoro arbitrale nei nostri confronti è finalizzato ad abbassarci quando le nostre quotazioni si alzano, e ad aiutarci, anche in modo palese, quando navighiamo nella bassa classifica. Ne deriva il mantenimento di una sorta di status quo che è l'ideale in termini di bacini di utenza e tradizione delle squadre. In altre parole siamo destinati a non vincere e a non retrocedere. Solo in casi estremi questa rete di salvataggio non funziona ed allora a malincuore la squadra viola è ammessa ai piani alti o fatta precipitare nei bassi.

    RispondiElimina
  25. Chiarificatore24 ottobre 2012 12:39

    Colonnello, i tuoi amici francesi si stanno facendo del male, da veri masochisti, hanno piazzato una statua raffigurante la testata di Zidane  a Materazzi davanti al Beaubourg. Quella è una vergogna nazionale per loro, che fa vomitare,  come i pugni di Rossi a Ljajic, infatti sia Zidane che Rossi non sanno come giustificarsi, ora calunniando, ora pateticamente rifiutandosi di parlarne, ora arrampicandosi sugli specchi. Ad ogni francese che vuol fare il figo, gli va ricordata, sempre, ricordandogli  che, oltretutto, ci abbiamo vinto, a spese loro, nientepopodimeno che un mondiale di calcio, eh eh eh.

    RispondiElimina
  26. Chiarificatore24 ottobre 2012 12:42

    Malagaaa! Il mio amore è nato a Malagaaaa! Non mi tradire Malagaaaa! Fammi godere Malagaaa!

    RispondiElimina
  27. Chiarificatore24 ottobre 2012 12:56

    Hai centrato un punto cruciale, Ludwig, che si aggiunge ai miei ragionamenti e che dimostra quanto la logica dell'audience abbia ormai ucciso l'informazione sportiva, e non solo quella, ma quella in particolare. Questo per quanto riguarda i mass media , la giustizia sportiva, però, dovrebbe avvalersi di ben altri strumenti per imporre giustizia nello sport.

    RispondiElimina
  28. Quest'estate, in uno dei rari post che ho potuto/voluto/saputo inviare, ho esaurito la questione sulla testata zidaniana: il calcio, e non solo, per quel fatto ha ricevuto grave danno in Francia, l'esempio è stato pessimo, fin dai livelli amatoriali, e adesso se lo ciucciano e se lo ciuccino amabilmente. Lud, non farti udire dai Paloscia... "Non ci voglio credere, se fosse così potremmo cambiar tutti mestiere!". Ottima idea, replico io!

    RispondiElimina
  29. Sottoscrivo in toto

    RispondiElimina
  30. La logica dell'audience è una scusa farlocca che vogliono darci a bere. Non c'è nessun dubbio che i gobbi siano molti ma molti più di noi viola, ma i sondaggini che ci propinano sono fatti alla cazzo: alla telefonata che chiede "per quale squadra tifi?", risponde tanta gente che il calcio non lo segue, e tra questi ci sono milioni di persone che rispondono "Juventus" perchè tradizionalmente va per la maggiore (o magari perchè i familiari che seguono il calcio sono gobbi), ma spesso si tratta di ragazzine che incollano la foto di Del Siero sul diario e non sanno nemmeno che ora è in Austrialia, o mogli di gobbi di mezz'età che non sanno neanche che Platini ha smesso di giocare.

    Cito un dato Auditel: il nostro preliminare di Champions contro lo Slavia Praga del 2008 fu seguito da 3.5 milioni di spettatori in RAI, il giorno successivo il preliminare di Champions dei gobbi contro (mi pare) il Bate Borisov fu seguito da 4 milioni di spettatori in RAI. Poichè noi viola non siamo neanche lontanamente 3.5 milioni, e piochè i gobbi pare che siano una decina di milioni, questo dato Auditel ci direbbe che: 1)meno della metà di quelli che rispondono "Juventus" guardano le partite; 2)una partita di calcio è guardata in generale dagli appassionati di questo sport, non solo dai tifosi delle squadre in campo.
    "Inconveniente" non da poco, ma che viene aggirato facilmente dai potenti, poichè l'anticipo del sabato delle 20.45 e il posticipo della domenica alle 20.45 sono quasi sempre partite delle strisciate, che così vengono guardate anche dai tifosi di squadre che hanno giocato la domenica pomeriggio insieme a tutte le altre (e in questa fascia oraria è ovvio che una singola partita sia vista solo dai tifosi delle due squadre in campo).

    La ripartizione dei dirittiTV, più che dalle televisioni stesse, è decisa dalla Lega Calcio, secondo vari criteri, a ciascuno dei quali viene attribuita una percentuale di budget da dividere. E il criterio dell'audience non è l'unico farlocco, ce sono altri ancora più ridicoli, come quello che tiene conto dei residenti del COMUNE in cui gioca ogni squadra: secondo tale criterio del cazzo, un cittadino di Roma è tifoso sia della Roma che della Lazio, mentre in questo blog gli unici tifosi viola sarebbero Pollock e il Colonello che vivono a Firenze, non facciamo testo io, Jordan e Leo che viviamo in comuni limitrofi, non fa testo Deyna che vive in un'altra provincia toscana, non fanno testo i vari Chiari, Sopra, Antognoniforever, Orcio, ecc. che vivono in altre regioni italiane.
    La realtà è che la Lega Calcio è espressione di rappresentanza delle 3 strisciate (e un po' della Roma e della Lazio, supportate da Montecitorio, e un po' del Napoli, pompato dalle TV a causa della miriade di napoletani sparsi per l'Italia e per il mondo), che fanno "sistema" con le TV oltre che con tutti i palazzi del calcio, con la finalità pedagogica di crescere generazioni di strisciati e annientare i tifosi delle altre squadre (è per questo che cercano di svuotare sempre di più gli stadi), è un MinCulGob.  

    RispondiElimina
  31. Nella mia vita,professionale,gestisco e se volessi attuerei quello che ha scritto l'Euclideo-mai-Pindarico LUDWIGZALLER;potrei tenere alcune cose in alto,altre in basso,creare livelli.Ma non lo faccio:deontologia,regole ed etica.Tre concetti sconosciuti ai gestori del sistema-calcio.COLONEL,con ANTOINEROUGE proverei con ciò che nel Mediterroneo ha sempre funzionato:una testa di cavallo virtuale inviata dal GUBERNATOR via mail.Kennedycy?

    RispondiElimina
  32. Ma guarda un po', mi è toccato scrivere un trattato sostituendomi a giornalisti tifosi viola non fiorentini, che però si preoccupano di più di raccontarci che Roncaglia ha i piedi a banana perchè non ha origine etrusche, ma solo un poveretto che ha il complesso della faccia da indio e cerca di spacciarsi per italiano, al fine di vantare l'onore di condividere l'etnia del Gat. Roba da buttarsi dalla finestra, se non fossi al pian terreno.

    RispondiElimina
  33. Ahahahahahahahah... Sopra, vedi che il Pollockone è per ora alle prese con problemi di Disqus e ben gli sta perché, una volta che scrivevo da una biblioteca e avevo problemi analoghi, prese per il culo. Però cerchi di tornare presto operativo, il deus ex machina non Fiat spero, non foss'altro perché così sta bloccando i messaggi di Lele il quale, se sta seguendo sulla cloaca una diatriba da clinica binswangeriana (confessatamente) tra LZ, ZV, il Patriarca e Nick-Bestemmia, scalpita sicuramente per lanciare classico, lelesco anatema sul ginevrino.

    RispondiElimina
  34. Beh, Vitalogy, almeno il Fac ha avuto il merito di far riproporre al Presidente Schreber le sue farneticazioni su Comotto, che tutti voi ricorderete meglio di Ufo e meritevole di Nazionale e anzi sicuramente destinato ad essa, non fosse che il Sangiovese, al terzo litro all'osteria, fa svanire le realtà che sembrava materializzare al secondo.

    RispondiElimina
  35. O' BLIMP,il buon Lele magari starà girando del Lampredotto da trasferta e starà pensando "L'è brodaglia o Roncaglia?....nel dubbio mando Facundo a cas di LUD così lo faccio guarire".Si COLONEL,porche ,LUD sta poco bene:oggi non ha mai scritto la parola Prandelli.Avrà fatto come Leonardo da Vinci e la sua piccola trombosi,si sarà legato il braccio e la mano al tronco toracico.Come qualcuno si è legato alla sedia,alla Alfieri,per affermare "Volli volli volli fortissimamente volli....(...)quella poltrona"(erano Petrucci e Abete che disputavano la poltrona migliore)mentre fuori,noi,alfieranamente gridavamo "Ipoctriti fantocci".(Aggiornamento risultato:Lele-Disquis 0:1,vani gli sforzi di forare la difesa ospite....).

    RispondiElimina
  36. aaaah Comotto meglio di Ufo, come dimenticarla quella... Comunque non sapevo che i corrieri di Tijuana esportassero Sangiovese!

    RispondiElimina
  37. Chiarificatore24 ottobre 2012 14:56

    A triste suggello di quanto dici sull'audience farlocca, Vitalogy, il patetico asservimento ad essa dei commentatori  nel valutare gli episodi di una partita, le prestazioni dei singoli, le azioni, l'enfasi calibrata con la quale annunciano un gol,un' occasione mancata, un risultato finale. Sono insopportabili a tal punto che spesso preferisco togliere l'audio, tanto con il megaschermo e l'HD i calciatori sono riconoscibili più che allo stadio, salvo quando c'è il commentatore di parte bravo ( sky offre questa possibilità, guarda caso solo per le big),che mi diverto a mettere perchè almeno è dichiarato e divertente.  

    RispondiElimina
  38. Vedi Vita, io lascio ancora aperta la possibilità che il Farting faccia apposta, perché una congerie di cazzate e di controsensi come lui ne ha lanciati in qualche anno che lo leggo sulla cloaca io non li ho mai letti o uditi da vivente alcuno, e prima di vantarci di avere sotto mano il caso teratologico assente nella letteratura medica bisogna sempre andarci coi piedi di piombo, magari si riunisce una commissione scientifica ad hoc e si scopre che era un millantatore, con relativa figuraccia per noi.

    RispondiElimina
  39. Ringrazio Sopra che è gentile, ma sicuramente nei miei confronti si sbaglia. Non sono infatti euclideo:  sono galileiano. No scherzo, naturalmente: ne' l'uno ne' l'altro: ma grazie di cuore, Sopra.  Voglio però attirare la vostra attenzione su di una notizia che per me rappresenta un vero e proprio scoop anche nessuno se la fila. Dunque Delio Rossi rilascia una intervista nella quale dichiara che la Fiorentina l'anno scorso aveva quasi preso: Pizarro, Borja Valero e El Ham. Dell'ultimo già si sapeva, dei primi due no. Tutti invece ricordano che Corvino due estati fa aveva quasi preso Aquilani che poi scelse il Milan. Insomma: dietro la Fiorentina attuale ci sarebbe la mano di Corvino. In coppia con Macia, certo. Ma il vecchio Corvo ci avrebbe lasciato in eredità molti degli attuali giocatori. Forse anche Roncaglia che a me pare molto corviniano proprio come si direbbe "caravaggesco". Pradè, che è stato esaltato, avrebbe seguito la via tracciata dal Corvo! Insomma i seguaci del Corvo Magno potrebbero gioire, ma mi chiedo: è proprio vero o si tratta dell'ennesima bufala di un Delio Rossi in cerca di riscatto dopo lo schiaffo di Anagni?

    RispondiElimina
  40. Ludwig Zaller coopta un padre nobile dello sport per ridefinire il significato di vincente riguardo a Prandelli.

    RispondiElimina
  41. Caro Lud, di un Pradè che rilevava mosse corviniane si sapeva già: per El Ham troppo consta, ahimè, Pizarro era notoriamente trattato da due anni, di Borja si parlò a gennaio (Deyna faceva i fichi al riguardo, io ero entusiasta) ma era voce tra le tante, non so quanto fondata. Comunque ogni dichiarazione di Delio (che tu, Lud, hai a lungo difendesti per mera antitesi a Sinisa, nonostante l'ampiezza del  suo disastro), ormai, va presa con gran beneficio d'inventario, il pugile annaspa cercando di riguadagnare la ribalta almeno mediaticamente, ma nessuno ne vuole più.

    RispondiElimina
  42. Ludwig, è sicuramente conclamato che Delio Norris millanti crediti per la Fiorentina di quest'anno. Ma è anche vero che le Fiorentine dei quarti posti non fossero state costruite da un solo Dio, bensì anche da un signor DS che negli ultimi tempi aveva perso qualche colpo, e non solo per colpa propria. E che la coppia Pradè-Macia sul mercato abbia in parte ricalcato delle piste non concluse da Corvino mi pare che lo avessi sottolineato un paio di mesi fa. I colpi sfumati all'ultimo, d'altronde, fanno parte della storia di tanti DS, non è una tradizione che nasce con Pradè e Berbatov.  

    RispondiElimina
  43. Delio Norris... ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  44. Delio Rossi l'ho difeso in prima battuta, perchè sul piano del curriculum e per quello che si diceva lui sembrava l'uomo giusto. Ha molte attenuanti ma alla fine è risultato una delusione. Vedo che cerca di ricostruirsi una verginità e non so come valutare queste sue dichiarazioni. Una cosa è certa: Macia è un genio. Lui c'era l'anno scorso e c'è stato quest'anno al momento di chiudere gli affari già abbozzati in precedenza. Ed è il nostro futuro. 

    RispondiElimina
  45. Macia entrò in Fiorentina nell'autunno 2011 e le fonti dicevano che fosse entrato per volontà di cui colui che nel 2005 scelse anche il Mahatma de Noattri, facendo rimangiare ai DV la parola che avevano dato a Guidolin. Se tutto ciò è vero, tanto di cappello al "panzone analfabeta" di Vernole che si dimostrerebbe gran signore nel non aver a posteriori chiesto riconoscimento di alcun credito per la Fiorentina di quest'anno, a partire dal "suo" Jovetic, passando per Macia e per gli arrivi di quest'anno. Poi dipende sempre dal fatto che uno voglia avere pregiudizi o meno. Sul sifone scrive uno che sostiene che Macia sia stato imposto a Corvino dai DV (e dove l'avevano conosciuto? Mentre era comprarsi le scarpe al The Mall di Firenze Sud?), o che anzichè sostenere che Toni nel 2005 sia stato un grandissimo colpo di mercato, sostiene che sia stato un disastro da parte del DS perchè la trattativa rischiò ad un certo punto di arenarsi, pensa te.

    RispondiElimina
  46. Non so come sia arrivato, comunque sembra davvero bravo questo Macia. E' lui il vero elemento di continuità tra i due ds. Probabilmente sa individuare i giocatori, ma ha bisogno di un uomo che porti avanti la trattativa commerciale vera e propria. Di qui la sua abitudine a lavorare in coppia. Adesso mi aspetto che tiri fuori dal cilindro il nome di un bravo centravanti che costi poco e renda molto.

    RispondiElimina
  47. Deyna mi chiede di rispondere alla sua boutade su De Coubertin. Rispondo così: la frase di De Coubertin mi veniva sempre alla mente alla fine delle partite della Fiorentina di Sinisa. Dopo un'ora e mezzo trascorsa a vedere i giocatori a vagare per il campo senza una idea in testa, quella poteva essere l'unica consolazione.

    RispondiElimina
  48. Faccio il Salomone di turno,con figura di salame potenziale:quando Pradè avrà portato la viola per 4 volte in Europa,avrà eguagliato Corvino.Piuttosto,oggi Manola Conte a Lady Radio ha proposto all'attenzione una bella questione:la cultura del sospetto;lei afferma "Era sparita da 4/5 anni ed è riapparsa,si sente.A cosa imputarla?".Troppo facile la risposta,troppo figo l'assist alla Rui Costa:la Lurida signora era in B e poi in A con poco appeal,ora è riemersa e con lei la cultura del sospetto.Bingo.

    RispondiElimina
  49. Una frase interessante, Sopra. La trascrivo e chiedo agli altri utenti se sono d'accordo: "quando Pradè avrà portato la viola per 4 volte in Europa,avrà eguagliato Corvino".

    RispondiElimina
  50. Ludwig ma infatti mi pare che sia tu colui che già oggi chiede un prolungamento pluriennale a Montella, nonostante tante volte tu sia stato invitato a riflettere sulla tesi secondo cui i cicli belli si costruiscano col lavoro di più persone che facciano bene il loro dovere.

    RispondiElimina
  51. Non era ironica: deduco che tu concordi con Sopra Vialogy...

    RispondiElimina
  52. Certo che concordo Ludwig, ci trovi qualcosa di strano?

    RispondiElimina
  53. Chiarificatore24 ottobre 2012 17:29

    Macia persino più di Pradè, pur distinguendo i compiti, sta garantendo un apporto di competenza formidabile che va persino oltre l'ottica di un ciclo tecnico, che con Montella mi auguro almeno quinquennale, anche se con gli allenatori non si può mai sapere, sia perchè se va troppo bene potrebbe diventare anche troppo ambizioso sia perchè, toccando ferro, per vari motivi le cose ad un certo punto possono sempre diventare inopinatamente complicate come capitò con tecnici del calibro di Radice, Eriksson e Liedholm.

    RispondiElimina
  54. Volevo aspettare un po' a svelare il mio intento, ma lo faccio subito visto che ho ottenuto  già un certo consenso attorno alla frase del Sopravvissuto: "quando Pradè avrà portato la viola per 4 volte in Europa,avrà eguagliato Corvino". Adesso provate a sostituire al nome di Pradè quello di Montella  e a quello di Corvino quello di Prandelli e ditemi che effetto vi fa!

    RispondiElimina
  55. ... per vedere di nascosto l'effetto che fa. Vengo anch'io! No tu no!

    RispondiElimina
  56. Deyna, ti aveva dato due anni e mezzo per rispondere: che fretta avevi di farle fare la sua solita figura di cacca? Ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  57. L'accorgimento Blimp serviva ad evitare che i detrattori di Prandelli negassero valore alla affermazione generale per poi poterne criticare l'uso specifico e prandelliano.

    RispondiElimina
  58. Venendo a cose serie, scartabellando nel mio archivio fotografico, ho trovato queste due foto di Jan Saudek. La prima si intitola "The reader of Dostoevskij", e mi è venuto in mente il Chiari. La seconda "The last tango in..." ma l'ultima parola è semicancellata dalla muffa dello scalcinato muro della cantina in cui il mostro fa posare le sue modelle. Puo' essere fosse "Bordighera"?

    RispondiElimina
  59.  Africa
    Chiari
    e Sopra,in relazione ai vostri illuminati post,e'lampante che in Italia
    non esiste il giudizio contro il potere,tantomeno quando fuoriesce la
    m...a,
    non
    esiste la certezza della pena.E di esempi ce ne sono a bizzeffe.Ne dico
    solo uno,magari sono io in assenza di notizie,ma l'affare Sculli,
    clamoroso,che
    fine ha fatto?Chiari,non ci puo'essere speranza quando chi dovrebbe far
    pulizia e' colui che sporca.Che differenza c'e'tra l'inciucio
    Casini/Monti/Bersani/Alfano,minestra pronta per sodomizzare il popolo,e la cricca malavitosa Lega/Figc/Galliani/Agnelli/Moratti?Appena
    dopo il match,Galliani e Lotito parlucchiano tra loro,normale scambio
    tra due presidenti di A,ma alzi la mano chi non ha pensato
    male.No,Chiari,la rottamazione per cui facciamo il tifo,e'opera talmente
    gravosa e immane,perche'il tumore e'entrato nel tessuto sociale,come
    modus vivendi,nel corpo come metastasi,e purtroppo anche
    mentalmente.Quindi,la dovuta risposta ai tuoi due quesiti e':Renzi(che
    ovviamente e'speranza ma non certezza)
    o
    Rivoluzione!!!Intanto siamo in due,Sopra ed io...poi vediamo.Parlando
    di cose serie...la contemporanea assenza di Pizarro e Aquilani,mi spinge
    a pensare ad un modulo diverso,un 442 in fase possesso,che si trasforma
    in 451 in non possesso.Le migliori coperture sulle fascie,possono
    consentire a Cuadrado di avere piu'sostegno e concentrarsi soprattutto
    all'affondo,mentre a sinistra un Jovetic largo,favorisce le soluzioni
    inesistenti a Verona e penetrazioni centrali di Mati,sostenibile da un
    centrocampo forzatamente piu'operaio.Con Hegazy al posto del Faac,e
    Cassani esterno sinistro basso.Non bisogna dimenticare che abbiamo di
    fronte una squadra che gioca un calcio semplicissimo,ma letale.Non
    sottovalutiamola.
    Pensierino finale sui gobbi: sono solo io che li vedo,in Europa,correre meno o sono dannatamente prevenuto?
     
    Lele

    RispondiElimina
  60. Forse ho risolto i problemi. Antoine dove sei?

    RispondiElimina
  61. Chiarificatore24 ottobre 2012 18:52

    L'importante, Deyna, è che ti ricordi che la preferisco pelosa, la gnocca.

    RispondiElimina
  62. Chiarificatore24 ottobre 2012 19:30

    Caro Lele, io non arrivo a dire o Renzi o morte, anzi mi rendo conto che  per certi aspetti lui è una scommessa per l'Italia, ma almeno incoraggiante, non c'è dubbio, infatti,  che in questo panorama così sconcertante sia l'unica novità positiva, e mi pare che se ne stiano rendendo conto sempre più italiani, e non solo di centro-sinistra.
    Capitolo Fiorentina-Lazio, è certo che Aquilani non giocherà? In ogni caso anche io vorrei vedere Mati in campo subito, nelle poche apparizioni tutto sommato ha bene impressionato e può dare, dal centrocampo in su, qualcosa che ultimamente è mancato in termini di fantasia e di pericolosità.
    Ieri i gobbi non li ho visti, ho solo gioito per il loro ennesimo passo falso all'estero, ho visto uno spento Chelsea perdere contro un  vivace Shakhtar.
    Intanto lo Zenit ha appena segnato su rigore, e forza Malaga!

    RispondiElimina
  63. L'ipotesi di una disdetta collettiva degli abbonamenti a Sky è mai stata presa in considerazione? Mi pare l'unica arma sensata.

    RispondiElimina
  64. Dài Ludwig, l'intento della tua domanda (cioè cambiare i nomi e arrivare a Prandelli) era chiarissimo, e sinceramente credevo di avertelo fatto capire con la mia primissima risposta.

    RispondiElimina
  65. CHIARI,sono con te anche per il pelo.LUDWIGZALLER: oggi ho fatto Rui Costa,tu Batistura...con 2/3 assist che attendevano solo "El paso de la muerte"(cfr.Julio Salinas detto El Torpe-specialista del Paso....toc e palla in rete a porta vuota.DEYNA gongolerà con questa citazione).

    RispondiElimina
  66. Sì però senza esagerare, col pilu, anche la foresta nun istà beni.

    RispondiElimina
  67. -Biondina adesca il Chiari, che accortosi che lei di natura ha pochissimi peli si immerge nella lettura di Freud-

    RispondiElimina
  68. Ahahahahahahah... Vitalogy! E in effetti l'esperienza delle tipologia ficali mi dice che costei è piuttosto rasa né ci sputerò sopra per questo come fa il Chiari lì accanto.

    RispondiElimina
  69. Chiarificatore24 ottobre 2012 22:45

    In effetti mi arrapano di più le more, ciò detto sopra a questa  bionda ci farei ben altro che sputarci,eh,eh, eh, e  la tattica del giovane intellettuale che non si lascia distrarre funziona sempre.
    Interessante e divertente lezione di calcio del Malaga al Milan di Montolivo,eh eh eh.

    RispondiElimina
  70. In effetti gongolo, Sopra, ed ancor di più gongolo dopo aver assistito all'ennesima disfatta del Milan contro il Malaga. Stupendo poi confrontare i commenti: il primo tempo l'ho seguito con streaming argentino, e le critiche più pesanti erano a Montolivo, del tipo "...e pensare che solo poco tempo fa nel suo ruolo giocava un campione come Pirlo". Salta lo streaming, ne trovo uno con telecronaca italiana, e i due mentecatti mi informano che il Torpido [©Antoine Rouge, torna a Surrient'!] è stato il migliore in campo nel primo tempo! Sempre più in alto l'asticella! Sempre più a fondo! Ahhahaahahahah!

    RispondiElimina
  71. Per inciso, gran fica la biondina, molto anni '70, green o non green.

    RispondiElimina
  72. Ma mi dite le colpe di Allegri, col mercato che gli ha fatto Galliani? Gli affossa il centrocampo con un cesso che ci stava portando in B, davanti gli toglie Cassano e gli porta Segnamai e gli disfa la difesa davanti a quel portiere di serie B anni '60 che è Abbiati. E Ibra non c'è più. Meno male che c'è Abate che vale due Roncaglia e tiene insieme la squadra... ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  73. E se per giunta Pazzini è il nuovo Van Basten e Montolivo ha fondamentali migliori di quelli di Rivera e di Antognoni, ma dov'è mai il problema, urca!, dov'è mai il problema?

    RispondiElimina
  74. Mi sfugge qualcosa Colonnello, se son passati da Pirlo e Ibra a Montolivo e Pazzini - il futuro del calcio italiano! tra i migliori talenti d'Europa! - come mai queste debacle? C'è qualcosa che non afferro, dannazione...Ora poi9 che Forrest Giamp© s'è messo pure a tirare punizioni alla Zico!

    RispondiElimina
  75. Ma per augurarvi la buonanotte, un tocco di carne argentina per voi!

    RispondiElimina
  76. Deyna, l'argentina è roba da sfiancare una truppa di gauchos, l'altra mi sembra invece da video amatoriale, sgraffignato all'insoddisfatta dirimpettaia di pianerottolo, che va avanti a toys e lexotan. Ma cosa non ti fa Pazzolivo a una squadra, cosa non ti fa...
    Datelo al Barça o al Manchester e in capo a una decina di partite ve li
    fa rotolare alle piazze da retrocessione. Suave mari magno... 

    RispondiElimina
  77. Antognoniforever25 ottobre 2012 07:32

    Ieri ho visto la fine del primo tempo e tutto il secondo tempo del Milan; dei nostri ex, Pazzinii ha giocato veramente male, mentre Montolivo ha giocato bene, anche se ha confermato, pur in una buona prestazione, la sua inquietante caratteristica di essere discontinuo all'interno della stessa partita e di sparire dal campo, tamquam non esset, per 5-10 minuti consecutivi.

    Piuttosto, rimango sconvolto a vedere la difesa milanista: il migliore e' Bonera, ed e' tutto dire, Mexes rispetto a quello di Roma sembra un altro, con dieci chili di piu', mentre gli altri sono onesti pedatori. Non vedevo una difesa cosi' scarsa nel Milan dai tempi di Icardi, Carotti e Canuti (ma almeno a quei tempi, se non ricordo male, c'erano i giovani Franco Baresi e Tassotti).

    RispondiElimina
  78. Antognoniforever, al livello di Icardi non vedo nessuno, nel Milan attuale, ed è tutto dire.

    RispondiElimina
  79. Antognoniforever25 ottobre 2012 07:34

    Ho poi visto con un brivido il ritorno del sex toy di Barbara Berlusconi: questo e' uno che si prepara ad essere in forma contro di noi, a farci il solito gol, per poi infortunarsi di nuovo per mesi.

    RispondiElimina