.

.

domenica 14 ottobre 2012

Ma non vi porto rancore

Vi scrivo dalla mia cella umida. Cari pezzi di merda. Mi scuso per il linguaggio colorito già abbondantemente carcerario. Vi scrivo in risposta al comunicato del portavoce del governo provvisorio qui sotto riproposto:
“Sitollockiani, Sitollockiane, questo è un comunicato della giunta militare che ha preso, in piena emergenza, nelle sue mani i destini del sito. Chi scrive è un portavoce del governo provvisorio, presieduto dal Generalissimo Sopravvissuto. Tutte le cariche sono state azzerate, tutti i luoghi istituzionali sono presidiati dalla guardia civile, le funzioni della vita pubblica assicurate nella continuità: gli abitanti del sito non temano violenze, permangano nelle loro attività pacifiche e ordinarie. Cosa sia successo ben lo sapete: il sito si è ribellato spontaneamente a un regime, quello del Signor (o piuttosto Mr., come giustamente e sprezzantemente lo chiama Schreber, Presidente di uno stato limitrofo dove i terrazzani portano lunghi camici bianchi e vivono in case dalle pareti di gommapiuma) Pollock, che da giorni faceva ormai scarseggiare ciò di cui solo si pascono i sitollockiani, con effetti evidenti sull'ordine pubblico e sul sistema nervoso degli un tempo felici abitanti del sito. Sì, stiamo ovviamente parlando della fica, di questo bisogno primario dell'uomo, ma anche di certe donne. Come si è arrivati a tutto ciò? L'irruzione dei cittadini sdegnati e armati nel palazzo presidenziale ha svelato l'atroce verità: al popolo affamato è apparso, in un volgare pigiamino rosso a pallini verdi, un uomo e meglio direi una larva, con occhiaie scolpite negli abissi, ingobbito dalla deboscia, un sorriso inebetito sul fior delle labbra, un uomo circondato da un centinaio circa di tope mostruose, spaventatissime davanti alla massa inferocita coi forconi eppure in breve già disposte a cambiar manico, in breve fattesi più fiduciose, in breve convinte alla causa rivoluzionaria, in breve... sì, ci siamo capiti! Tope, sì, tope a sfare, tope negli armadi, tope nei bagni, tope negli sgabuzzini, tope sopra e sotto i letti, tope scendiletti... Un uomo senza scrupoli, un ambizioso, un avventuriero, che aveva plagiato e ingannato (ma, come diceva Lincoln, si può ingannare tutti una volta, uno tutte le volte, non tutti tutte le volte!) un popolo di gente onesta e laboriosa, credente solo nel premio peloso finale, un uomo siffatto aveva, per quasi un anno di suo efferato regime, accumulato i sudati risparmi topeschi dei suoi soggetti, sempre mostrando il volto affabile, sempre predicando pace e fica per tutti. A lui tutte le tope, nulla ai sitollockiani! Ecco cosa celavano gli imbonimenti mattutini, cui la Fiorentina (oppio dei sitollockiani, come già Marx denunciava) era solo pretesto per un facile, superficiale consenso! E gli accordi coi paesi stranieri, coi paesi contro i quali i sitollockiani sono da sempre in guerra dichiarata! Gli scambi di tope, di cui abbiamo trovato le prove forzando i cassetti della scrivania presidenziale! Transazioni private col senese, col baseballista, per partouze nelle ambasciate o dentro le Mercedes fumé d'ordinanza! Un mostro! Un affamatore! Che si lasciava andare, nelle conversazioni telefoniche intercettate col Multinick, a espressioni come «Quel cazzone di Vitalogy, se sapesse che gnocche mi sto sbattendo mentre lui sproloquia di 3-5-2», oppure «Parli, parli di Montolivo, che ha fatto ma bene ad andarsene [= capite, Montolivo ha fatto bene, e poi ci parla di asticelle, nei suoi topic!], parli pure Antognoniforever, che le tope che mi faccio io con gli introiti pubblicitari che mi procura con le sue analisi delle partite della Nazionale, lui le vede col binocolo!». Mio Dio, che orrore! L'orgia del potere! Con un popolo che andava avanti a seghe e che credeva che fossero sacrifici necessari, in un momento di crisi! Adesso, questo spregevole individuo, al quale abbiamo avuto il torto di affidare in le nostre emozioni, marcisce in una cella umida, in isolamento, in attesa di processo. Ha chiesto poco fa al suo carceriere, credendo di fare il simpatico, di ingraziarselo: «Com'è finita, poi, quella storia del Chiari? E Jordan, se fa sempre col Mala?». Troppo tardi, quando già soccombeva sotto le manganellate, si avvide che l'uomo in divisa, che era uscito dalla luce del corridoio nel buio interno, era Jordan, cupo come il cielo sopra il mare in tempesta.”

So già che il Chiarificatore farà di tutto per farmi avere almeno un permesso di un’ora, certo, non perché mi è rimasto fedele, unico in mezzo a questa manica di stronzi che m’hanno messo qua dentro ad ammuffire, ma lo farà solo per arrivare in Piazza del Tiratoio a farsi pagare quel cazzo di panino col lampredotto che gli avevo promesso. Mi avete tradito mentre io vi ho sempre governato come Diego fa con i suoi operai, ho sempre diviso gli utili con voi. Ma non vi porto rancore. Siete come Marchionne, mi avete relegato in questa piccola, povera cella per via della forza motrice di quel “pelo” volgare che vi hanno sventolato sotto il nasone, quella maitresse di un Generale Sopravvissuto vi ha promesso Legioni di ancelle vogliose e già divaricate come cosce di rane, e invece dei miei ricercati formaggi di pecora, stuoli di lenzuoli abitati da una popolazione a pecorina, siete stati presi per la gola dal miele del diavolo, mentre io ingenuo vi proponevo presidi di prodotti biologici. Erano confetti ai maiali i miei, mentre voi pensavate solo alle maiale, e non è vero, come scritto nel comunicato da quel gran falsone di un portavoce, che vi avrei affamato facendo scarseggiare i rifornimenti, ho dovuto difendere anche la vostra reputazione già abbondantemente di merda di suo, da un delfino che aveva messo il numerino come alla Coop per controllare la fila davanti alla porta di questo casino, vi ho difeso le spalle e anche le palle da un Marco Siena che si era accorto di questo bassofondo di un baccanale segnalandolo subito alla Buoncostume, come a suo tempo aveva fatto con la spiata sulla pontellizzazione, abbiamo l’uccello sotto controllo cari cazzoni, come a Palazzo Grazioli, e voi vi siete fatti inculare (escluso Jordan) dal quel gran paragnosta di un Generale affiancato da quell’altro paraculo di un portavoce. Ma non vi porto rancore. Anche se quei due stronzoni hanno montato intercettazioni farlocche, come aveva fatto Palazzi per Calciopoli, poveri gobbi di merda, e poi mi sono dovuto violentare pur di alimentare questo vostro schifoso mercato del corpo femminile, violentato sì, perché sono un omosensuale, ho sempre avuto un debole solo per Antoine Rouge e non l’ho mai potuto esprimere, adesso lo grido, anzi grido ad Antoine di tirarmi fuori da questa latrina, e ora che ho fatto outing potremo scappare via da questa manica di pervertiti. Ma non vi porto rancore. Ho sofferto tanto quando ironizzavate sui metrosexual, merdaioli che non siete altro. Ma non vi porto rancore.  Perché siete condannati a una vita nella quale il cervello sarà sempre e solo collegato a una logica idraulica destinata prima o poi a non funzionare più, e quel giorno non vi resterà che pigliarlo nelle mele da chi è ancora idraulico funzionante. Ma non vi porto rancore. Perché la mia anima da grande governatore, baciata da una visione illuminata va oltre a questo meritricio di popolo meschino, anzi, va oltre a  questa prigionia che non mi scalfisce, e prima ancora che Antoine Rouge venga a prendermi con il sidecar vi dimostro la mia infinita grandezza, generosità e mancanza assoluta di astio regalandovi la vostra droga preferita, l’ultima arrivata che vi mostro nella foto di copertina, un mio regalo d’addio per un popolo ingrato che proprio per quella fiha mi ha venduto. Mentre mesto e omosensuale immalinconito dalla solitudine, nella seconda foto vi mostro la triste realtà della parte più buia, umida e mal frequentata della mia cella, tra quei sorci dove mi rifnisco dalle seghe aspettando Antoine Rouge.

61 commenti:

  1. Chiari è un ottimo commentatore con cui mi trovo spesso d'accordo. Quando non andiamo d'accordo risolviamo facilmente il nostro "dissidio". Jordan è sicuramente più polemico e talvolta innamorato delle sue tesi. Che dire di Viviano e Neto? Il minimo che si possa dire è che alla luce di quanto avvenuto fin'ora la società non ha sbagliato a puntare su Viviano. Le critiche al nuovo portiere al primo piccolo errore mi erano sembrate molto pericolose. E l'ho scritto a suo tempo. Potevano alterare la concentrazione di un giocatore pagato caro e rompere il rapporto coi tifosi. Jordan però di calcio si intende. E non vedo il motivo di un conflitto così prolungato. Chi se ne intende e sa scrivere dovrebbe sempre andare d'accordo. Superfluo infine ricordare la comune fede viola. Il paradosso di siti come questo è che si discute aspramente a partire da una fortissima comunanza e condivisione di sentimenti e idee.

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore14 ottobre 2012 09:15

    Bellissima la sceneggiata che avete messo in piedi, Pollock,  tutto molto spassoso. L'unica cosa che non mi fa ridere è il fatto che ci metti dentro una cosa seria,  e mi riferisco al panino che mi devi, nell'evidente speranza, da parte tua,  che tutto finisca a tarallucci e vino, con una grassa risata.Non ci provare, non se ne parla nemmeno.
    Ludwig,  ti ringrazio per l'apprezzamento che è pienamente contraccambiato, sono d'accordo su tutto il resto. 

    RispondiElimina
  3. Chiarificatore14 ottobre 2012 09:26

    Bella vittoria della primavera viola in casa della forte Sampdoria. Qualcuno ha visto la partita? Per quanto ho visto finora quest'anno la squadra mi sta piacendo persino di più di quella dell'anno scorso.

    RispondiElimina
  4. LZ su Viviano e Neto non cambio idea, senza escludere che possa essere sbagliata, come tutte le idee. Però non mi pare sia successo niente, ad oggi, per farmela cambiare. Viviano non poteva essere quello delle prime partite, mai l'ho detto e lo dissi anche in occasione di quei suoi clamorosi errori. Viviano è un discreto portiere, non un fenomeno, ma un discreto portiere sì, ed anche questo l'ho sempre detto, con l'incognita del recupero, abbastanza lento, dall'infortunio al ginocchio. Discreto portiere al quale non avrei sacrificato un portiere giovane e, per me, potenzialmente più forte di lui. Tutto questo per me resta valido, anche se Viviano continuerà, come tutti speriamo, a fare un buon  campionato.

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore14 ottobre 2012 09:55

    Tornando al merito delle questioni calcistiche, ripropongo a tutti un quesito a proposito della fondamentale importanza, nei successi di una squadra , dell'allenatore: fermo restando l'organigramma dai DV fino a Macia, si trattasse di scegliere tra Montella e tutta la rosa attuale, a chi rinuncereste per ripartire da zero?  Io a tutta la  rosa,anche considerando che il nuovo ipotetico allenatore potrebbe ovviamente modificare la rosa a suo piacimento.Una domandina finale a chi sostiene che l'allenatore incide in minima parte, conferma questa sua opinione anche in relazione alla Fiorentina di Prandelli?

    RispondiElimina
  6. Sopravvissuto, mi spiace ma l'ex-Presidente ci ha fatto pervenire una sorprendente e dirimente documentazione fotografica che lo scagiona completamente: il comitato di salute pubblica, riunito in seduta straordinaria ne quid respublica detrimenti capiat, è pervenuto alla conclusione, con 10 voti su 9 (votava anche ZV, abbiamo fatto uno strappo alla costituzione di recente votata, del resto le costituzioni sono congegni formali, carta straccia quando non riempita dai contenuti) che il traditore sei tu, o non più caro Sopra! Pollock è scarcerato e riabilitato, riassume i pieni poteri e si rimette di buzzo buono (sotto il buzzo no, ci pensiamo noi: sarebbe del resto conflitto d'interessi, da parte sua, e ormai ha capito bene che il popolo veglia ai suoi) al lavoro per l'approvvigionamento alla plebe affamata. Il tutto, insomma, appare adesso una manipolazione di tua opera, eri dunque un mestatore, un masaniello, un sobillatore mosso da squallidi moventi personali: nella tua abitazione la Ceka (che è cieca quando vuole, sennò vede anche l'invisibile) ha trovato quattro amanti e mezzo, che già ti eri fatto in appena ventiquattr'ore di rivoluzione, mentre il materiale pornografico è allo studio degli inquirenti. Prendi posto nella cella 27, quella per poco tempo occupata da Pollock, cui rinnoviamo le scuse per il deplorevole errore giudiziario. Hai facoltà comunque di produrre un convincente dossier (meglio se fotograficamente corredato) di difesa in tempi brevi, il rumore che senti è infatti dovuto all'inchiodatura dell'asse di forca, nel cortile, per la tua esecuzione ad horas.

    RispondiElimina
  7. Spero si sia compreso il senso del mio intervento, Jordan, che voleva essere prima di tutto un invito al dialogo. Probabilmente se fossimo tutti quanti in curva Fiesole le nostre reazioni sarebbero molto più consustanziali e solidali di quanto appare dai blog. Esultanza ai goal, maledizioni agli arbitri e tutto quanto crea l'identità di un tifoso. Vedo sempre la partita con un amico che non è d'accordo con me in nulla. Al primo goal viola, e per fortuna quest'anno ogni uno arriva, ovviamente, il dissidio si ricompone. Viviano ha fatto un inizio di campionato che ha fugato ogni dubbio direi. Il punto centrale era: riusciremo a sentirci tranquilli con questo portiere in porta. E la risposta è sicuramente si, anche se va aggiunto che con questa difesa il portiere dorme sonni più che tranquilli. Ma siccome il portiere fa parte della difesa ed ha un compito di organizzatore dei compagni, se non altro per la visuale privilegiata di cui gode, se ne deve concludere che tutta la macchina difensiva viola funziona ed il merito di Viviano è indubbio. Tu e Deyna, Jordan, però, al di la' del valore siete partiti lancia in resta troppo presto. Viviano aveva diritto ad almeno un paio di mesi di luna di miele. Se si attacca il portiere al primo sbaglio, si rischia seriamente di innervosirlo. Se lo si fa su di un blog popolare ciò può contribure a creare del malanimo. E si sa che se un giocatore è preso di mira dai tifosi fiorentini, sono guai.

    RispondiElimina
  8. Su Viviano la mia posizione è chiara: lo stimavo non un cattivo acquisto ma una calamità naturale, le motivazioni «di tifo e d'ambiente» poco le curavo; invece ha dimostrato coi fatti, dopo esserci costato non più di un punto per qualche incertezza iniziale, che la scelta di Pradè era giusta anche nel suo caso e preziosa si è rivelata la funzione di collante assolta da lui con una curva che, grazie al provvidenziale effetto-Fiat e al ritorno al Grand Jeu da parte delle maglie in viola, è tornata ad essere la commovente Fiesole-dodicesimo-in-campo che conoscevamo. Viviano deve confermarsi, come tutti, ma quel che ha fatto finora ci smentisce e ci rassicura fino a prova contraria: continuando così Neto, che comunque è patrimonio della Fiorentina, dovrà essere mandato a giocare a gennaio e credo che dovremo giustamente scontare la gestione incerta che abbiamo di lui avuta con una formula di cessione in comproprietà, perché col prestito il giocatore (come successo a tante nostre speranze) resterà in panca dopo una prima cappella e noi e lui avremo perso un anno. Se si rivelasse bravo dovremo lasciare qualche soldo per riscattarlo oppure, fidando in un Viviano ormai impostosi, farci qualche quattrino, altrimenti nulla di grave che sia perso: bisogna accettare e assumere anche gli errori di transito, in affari, ed è ciò che Magic Raven, è da ammettersi, legato com'era a un'occhiuta ma circoscritta logica di maquignon da ululante fiera della Beauce, talora non capiva.

    RispondiElimina
  9. Segnalazioni africaneCaro Esautorato,
    passo
    attraverso te,come sempre,non riconoscendo il golpe e segnalando ai
    fedeli,se ce ne sono ancora,un mirabile post dell'ottimo Maurizio
    di Viareggio,sitone-topic di ieri h.17.44
     
    Lele
     

    RispondiElimina
  10. LZ io Viviano, o più che lui, la campagna mediatica che l'ha portato a Firenze, l'ho attaccato prima che arrivasse. Nei primi tempi si attaccava da solo con le cazzate che faceva e non mi sembra di avere infierito, anzi, ho detto che non poteva essere quello, nemmeno per me.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore14 ottobre 2012 12:04

    Ho appena letto il pezzo di Maurizio, Lele, splendido. Grazie per la segnalazione.
    Sono veramente contento che Pollock sia tornato a piede libero, così potrà pagare i debiti.

    RispondiElimina
  12. Se è quello che ho trovato io il post è delle 18,28, alle 17,44 non c'è nulla, dice cose condivisibili ma non ne apprezzo l'originalità.

    RispondiElimina
  13. Ludwig a prescindere da quello che possono pensare alcuni tifosi, o di quello che può venir scritto su un blog, Viviano è stato preso per l'ascendenza riconosciuta all'unanimità nel popolo viola, è l'anello di ricongiunzione fra proprietà e tifoseria. E' un buon portiere che gode di stima abbondante e che non sarebbe stato messo in disparte al primo errore, che pure c'è stato nel precampionato e in una partita. Sembra concluso il suo recupero e per adesso non ci sono molti appunti da muovergli. Che questa scelta abbia portato a gestire male un altro capitale in tuo possesso mi sembra altrettanto evidente. Che sia mandato a giocare Neto, perché fare ancora muffa in panca potrebbe farlo davvero marcire, e sarebbe un peccato. 

    RispondiElimina
  14. La differenza la fa il curriculum. Cento partite in serie A Viviano, nessuna Neto. Ora mettiamoci nei panni di Pradè, Macia e Montella: i tre costruiscono uno squadrone che tremare il mondo fa, e chi ci mettono in porta? Un portiere con zero presenze in A, con il rischio di mettere a repentaglio le giocate di Pizarro e Valero? Non avrebbe avuto alcun senso. E Jordan dovrebbe comprenderlo. In generale ho detto tante volte che la proprietà viola non è interessata ad una squadra di giovanissimi, pur geniali. Se si fosse voluto creare una squadra del genere, quest'anno la possibilità c'era. In realtà Della Valle ha preferito optare per una squadra formata, tutta, da elementi di provata esperienza, anche se giovani. La scelta del portiere non fa che confermare questo tipo di scelte. 

    RispondiElimina
  15. Te l'ho già scritto più di una volta, almeno questa leggilo. Giuliano Sarti venne in serie A dalla Bondenese, partì titolare (22 anni) e si vinse lo scudetto. Franco Superchi fu acquistato dalla Tevere Roma, serie C, partì titolare (24 anni) e si vinse lo scudetto. Francesco Toldo fu acquistato dal Ravenna, C1, titolare (21 anni) e si vinse il campionato di B. Giovanni Galli prese il posto di Carmignani nell'intervallo di uno Juventus-Fiorentina (perso poi 5-1) ma non uscì più di porta ed aveva 19 anni e contribuì alla salvezza. Albertosi debuttò in serie A che non aveva compiuto vent'anni a Livorno, campo neutro, con la Roma e si prese la porta della Fiorentina due anni dopo, mi pare. Neto ha 23 anni, non è un bambino, ha più o meno l'età di tutti i succitati e la stessa esperienza, anzi di più perchè un campionato di A in Brasile, intero e da titolare, lo ha fatto, di quando dettero loro le chiavi della porta viola. Quindi il problema non è l'età, nè l'esperienza, caso mai il problema è crederci. Però non credo sia stato nemmeno questo, Viviano è stato preso per altro motivo e quasi per decisione presidenziale ed è questo che mi ha fatto incazzare più di tutto.

    RispondiElimina
  16. Chiarificatore14 ottobre 2012 13:32

    La tua lettura, Ludwig,  mi sembra la più ragionevole, ed è quella che basa la scelta di Viviano soprattutto su valutazioni tecniche. Il fatto che fosse anche un calciatore che poteva riavvicinare i tifosi alla squadra è stato un fattore aggiuntivo, ma è da escludere nella maniera più assoluta , secondo me, anche nel rispetto della professionalità di chi ha deciso l'operazione, che fosse il movente principale di essa.Io ad inizio campagna acquisti avrei preferito Neto, pensando però ad una campagna acquisti diversa, orientata di più sui giovani, vedi ad esempio Camporese, Nastasic, Romizi. E' stato fatto di meglio ed ora mi tengo stretto questo Viviano, e , visto che Neto è giovane ed è una riserva anche in Brasile , persino nell'olimpica, lo terrei come riserva per farlo crescere giocando ogni tanto, a partire dalla  Coppa Italia ad esempio, tenendo conto, tra l'altro,  che Viviano viene da un grosso infortunio. Altrimenti la soluzione non può che essere quella indicata dal Colonnello, prestito ma con necessaria cessione della metà, ma così si creerebbe un problema che ora non abbiamo: chi al suo posto?

    RispondiElimina
  17. Bene,GUBERNATOR,come volevasi dimostrare hanno abboccato;COLONEL,io ero il macchinario che batteva tutti a scacchi,mentre Il Gubernator era il nano che si nascondeva all'interno del meccanismo.Volevate la prova che qui c'è spazio per tutti?Saltimbanchi(anzi saltasiti,un po' qui un po' li),giocolieri(delle parole),clown(le prendono e ridono),domatori(di toni),equilibristi(o cerchiobottisti),animali(27),mancherebbe la Orfei,ma è a Milano!BLIMP,ti sei prestato ma tutto era precostituito,sulle note di "Wrap around you finger"...." dei Police:"I will turn your face in alabaster,when you'll find your servant is your master.....".Neto:arjcominciamo....ingiudicabile per me:poche presenze,l'andamento e il gioco dell'anno scorso avrebbero stroncato anche Casillas,le sue topiche sono quelle che avrebbe preso un secondo portiere qualsiasi(ricordatevi Alessandrelli o Bodini,in squadre forti ma l'intorpidimento panchinaro li faceva apparire bradipi).Da rivedere ma non da gettare via,dico che con lui e Viviamo abbiamo due buoni portieri,buoni ma non l'optimum.LUD afferma più o meno questo pensiero,mentre CHIARI ti riscrivo:incide incide il Mister,in alcune squadre o cicli un allenatore è stato fondamentale e ti cito l'esempio meno lampante e noto:il Celta dei Mostovoj,Karpin&Co.,una macchina perfetta....grazie al mister.

    RispondiElimina
  18. Chiarificatore14 ottobre 2012 13:42

    Quando dico Viviano riserva in Brasile, mi riferisco ovviamente alle nazionali verdeoro, olimpica compresa. E' stato invece titolare nel campionato brasiliano,  ma ciò non dà sufficienti garanzie per considerarlo , senza un certo margine di rischio, un possibile titolare del campionato italiano. 

    RispondiElimina
  19. L'esempio di Sarti, Jordan, viene dalla preistoria. La trojka Macia-Pradè-Montella ha evidentemente deciso che per difendere la porta viola quest'anno ci voleva un portiere collaudato. La fiorentinità di Viviano ha avuto un peso: ma a parti invertite sono sicuro che sarebbe stato comunque scelto il più esperto. Se cioè Viviano fosse stato il giovane e Neto il "vecchio" avrebbero preso Neto in barba alla fiorentinità. Si tratta chiaramente di una scelta di programmazione sportiva molto comprensibile e ragionevole, che infatti ha pagato.

    RispondiElimina
  20. Debbo aver digitato male l'indirizzo mail. Mi scuso. LZ

    RispondiElimina
  21. I dubbi in questo inizio di campionato li avrà fugati a voi, Viviano, per me permangono. Partito malissimo, nelle amichevoli internazionali e a Napoli [non ricordo precisamente in coppa italia], si è poi riscattato, soprattutto con la svolta psicologica del rigore parato a Parma, con successive discrete parate [ma non i prodigi che dicono, i tiri gli eran tutti indirizzati addosso, lui è stato bravo nel farsi trovare reattivo, cosa non scontata tempo prima]. Ma che sia capace di sporadiche prodezze sono stato il primo a dirlo, compresi i rigori, il problema è che ha carenze tecniche, non ha presa, è discontinuo, e ha un ginocchio che non si sa quanto sia recuperato. Ai suoi massimi è un discreto portiere, come dice Jordan, quando non gira invece è la calamità cui accenna il Colonnello. Il suo arrivo è stato un'idea di ADV , chiaramente volta a riavvicinare il pubblico alla squadra e alla società. Nulla di male, se non avesse comportato una scelta tecnica discutibile, e l'accantonamento di un portiere .preso pel culo per due anni. Che in Brasile ha dimostrato qualità e continuità ben maggiori del Viviano coetaneo, ma direi anche di Viviano in assoluto. Ormai il danno è fatto, spero almeno che Neto lo mandino a giocare. Viviano, Lud, era tutt'altro che una sicurezza, per una squadra ambiziosa, alla luce soprattutto dell'ultimo, scadente mezzo campionato. Per finire, il portiere è un ruolo particolare, di solito matura più tardi e dura di più, ma se ha classe può benissimo essere lanciato con fiducia già sui 20 anni, come dimostrano Buffon, e i già citati Sarti, Albertosi, Toldo e Galli. Del quale ricordo benissimo il debutto in A e le partite di quel 77/78, a 19 anni, fu decisivo per la salvezza. Ogni domenica salvava il risultato, sfoderando uno stile unico, purtroppo a un certo punto penso abbia avuto qualche limite di personalità, in seguito [sconcertanti certi "blocchi" che aveva, soprattutto in occasione di colpi di testa e situazioni da calci piazzati], altrimenti penso oggi sarebbe ricordato come un grandissimo, perché tecnicamente era eccellente.

    RispondiElimina
  22. Lud, aspetterei a dire che la scelta ha pagato. Per ora, nel complesso, è stato estremamente discontinuo. La scelta che ha pagato è stata quella di prendere Roncaglia, Rodriguez e Tomovic che, tra tutti, avranno sbagliato mezza partita, e fanno arrivare pochissimi tiri in porta.

    RispondiElimina
  23. Ti sei fermato al primo rigo un'altra volta. Non ho parlato solo di Sarti, ma anche  di Superchi, di Galli, di Albertosi e di Toldo. L'obiezione poteva essere che Neto non è stato ritenuto all'altezza di questi, neppure quando erano esordienti, quindi come doti potenziali. Secondo me non è così e non è successo proprio niente per farmi cambiare idea. Che la scelta abbia pagato lo dici tu, le somme si fanno alla fine, quando si vedrà cosa ha fatto Viviano e cosa sarebbe stato capace di fare Neto. quindi ci vorrà del tempo per saperlo. 

    RispondiElimina
  24. Io questi titoli dei siti non li posso più leggere:
    PRIMO PIANO - inserita il 14.10 alle 14:20MONTOLIVO, Mai pentito di aver scelto il Milan ai viola

    RispondiElimina
  25. Se ti riferisci a chi li pubblica in un sito viola hai ragione. Servono solo a riattizzare polemiche assurde, mezzucci per fare audience e incamerare "posts".

    RispondiElimina
  26. Chiarificatore14 ottobre 2012 15:04

    Deyna,  anche secondo me Viviano non ha fugato tutti i dubbi, il punto è un'altro,mentre i dubbi su Neto, non per colpa sua, sono rimasti gli stessi, Viviano alcuni li ha fugati, per cui, io, che qualche mese fa avrei preferito Neto, oggi mi tengo Viviano pur senza buttare Neto . Perchè non riconoscerlo? 

    RispondiElimina
  27. Ho detto anche, Jordan, sempre che tu non ti fermi al primo rigo, che Andrea Della Valle ha scartato l'idea di rinnovare la squadra prendendo dei ventenni. Quest'estate la Juve gli ha offerto una squadra intera di giovani, da Poli a Marrone, ma Pradè e Macia sono andati diritti su altri obiettivi: di giovani senza esperienza nell'attuale Fiorentina non ce ne sono. Le 100 partite di Viviano sono state determinanti nella scelta. Sul fatto che il rendimento del portiere possa peggiorare non resta che fare scongiuri.

    RispondiElimina
  28. Chiarificatore14 ottobre 2012 15:19

    Deyna e Sopravvissuto, il sitone  ha fatto benissimo a evidenziare le dichiarazioni di Montolivo, perchè ha detto cose che riguardano la Fiorentina, ha detto, infatti, che andando al MIlan ha fatto "un salto professionale molto grande", con ciò dimostrando la sua irriconoscenza, la sua stupidità e la sua ignoranza persino della lingua italiana. Montolivo,ancora una volta, sta facendo pena sul piano umano, professionale e dell'intelligenza, sta dimostrando  tutta la sua ignoranza, e tutti i più autentici tifosi viola   lo stanno aspettando come merita, quando arriverà al Franchi.

    RispondiElimina
  29. Non sono male neanche le nuove dichiarazioni di quello con le cingomme, che continua a parlare come se vantasse dei crediti per la Fiorentina di quest'anno, e che continua a raccontare che dopo la rissa con Ljajic per 10 minuti era già tutto passato.

    RispondiElimina
  30. Quest è una tua idea o LZ, ho letto bene tutto quello che hai scritto, ma io credo che ADV non abbia affatto messo paletti sulle età (Neto di anni ne ha 23, come Cuadrado, ad esempio e solo un paio di più di Roncaglia), quindi nella scelta non abbia influito l'età e nemmeno le 100 partite di Viviano ma 1) il poter presentare Viviano come un'icona del tifo, 2) il fatto che Neto non era disponibile fino all'inizio del campionato praticamente e, quindi, Montella avrebbe dovuto prenderlo completamente a scatola chiusa. Non ho affatto detto che il rendimento di Viviano peggiorerà, ho solo detto che è presto giudicarlo dopo sette partite, come era presto dopo quattro, ed ho detto soprattutto che, anche se alla fine il rendimento fosse complessivamente buono come tutti si spera, per affermare, come dici, che la scelta ha pagato, bisognerebbe sapere quale sarebbe stato quello di Neto e quello sarà più difficile a dirsi. Bisognerà almeno vedere cosa farà quando e dove gli daranno l'opportunità per dimostrarlo. Per finire i giovani della Juve non son venuti per altri motivi, non perchè eran giovani. 

    RispondiElimina
  31. Sopravvissuto sul sitone chiedi a chi serva pubblicare queste notizie, ti ho già risposto sopra e lo sapevi benissimo anche da solo, per questo il mio post non l'avranno, nemmeno per criticarli e quel che ti volevo dire te lo dico qui.

    RispondiElimina
  32. Poveretto, Vitalogy, è un ometto, un quaquaraqua e a sentire le sue telefonate con Lotito dovevamo averlo capito da tempo. Peccato perchè come tecnico credo non sarebbe male, ma per farsi seguire dalla gente bisogna avere un comportamento ben più serio e deciso.

    RispondiElimina
  33. No, io mi riferivo al titolo in se', al solito scritto in un italiano da horror.

    RispondiElimina
  34. Chiarificatore14 ottobre 2012 16:07

    Allora ci siamo capiti Deyna, e non ho dubbi che sul resto siamo d'accordo, in particolare sul fatto che sia giusto evidenziare tutte le cadute di stile di quello spregevole  di Montolivo nei confronti della Fiorentina.

    RispondiElimina
  35. La sintassi mi sembra l'abbian corretta, non so se prima era diversa. Sul fatto poi che lui sia pentito o meno o che dica la verità o meno, saranno un po' cazzi suoi, a me personalmente non m'importa sega.

    RispondiElimina
  36. Viviano non è stato preso certo solo per la sua fiorentinità. Affermarlo significa far torto ad una dirigenza attentissima al fatto calcistico, non agli elementi accessori. Prendere dei grandi asini come giocatori solo perchè fiorentini significherebbe scavarsi la fossa. Ma Pradè e Macia mi sembrano tutt'altro che sprovveduti. 

    RispondiElimina
  37. Sì, ora han corretto...Sinceramente Chiari, a me infastidisce sempre meno, forse perché son più che contento di chi è venuto al suo posto, non so...Certo se qualcuno sul sitone fa commenti che lo scusano o lo difendono, allora mi salta ancora la mosca al naso. L'accoglienza a Firenze non dovrà uscire dall'indifferenza più totale [forse la scelta più giusta, e adeguata allo spessore del personaggio] o dai fischi più assordanti, se gli portano i fiori come a Pazzini allora non si va.

    RispondiElimina
  38. Jordan, ricordo che su Delio Rossi, appena arrivato, decidemmo di stendere un velo e dimenticare l'episodio della telefonata con Lotito, per valutare solo il lato tecnico. E invece forse abbiamo fatto male, era abbastanza indicativo...

    RispondiElimina
  39. Io credo, Lud, che Macìa e Pradè con l'acquisto di ViviUno di Noi© c'entrino ben poco...Fu ADV ad entusiasmarsi all'idea del portiere-tifoso in viola, a contattarlo dopo la partita col Palermo, e a dare incarico di mettere in atto il piano. 

    RispondiElimina
  40. Appunto, è quanto volevo dire

    RispondiElimina
  41. Ma se il padrone ti dice che sarebbe bene che tu lo prendessi, tu cerchi di prenderlo. Poi non si trattava di un asino, ora non esagerare, ma di un'asinata come operazione sì, per i motivi che ho già detto.

    RispondiElimina
  42. Chiarificatore14 ottobre 2012 16:50

    Giusto Deyna, non si tratta più di fastidio ormai, per fortuna, ed ora è troppo misero il tipo per dar fastidio a qualcuno, quindi, come dici tu, indifferenza più totale o fischi assordanti perchè continua a parlare a sproposito, vanno bene entrambe le cose, lasciamo libertà alla sana indole del tifoso viola, unanime nel disprezzo più profondo del personaggio.

    RispondiElimina
  43. Parlando d'altro, finalmente Messi sta giocando da Messi anche con l'Argentina: protagonista assoluto nello schiantare per 3-0 l'Uruguay [Messi, Aguero, Messi].

    RispondiElimina
  44. Quando Viviano regalò la maglia al bambino, al figlio di ADV.

    RispondiElimina
  45. Chiarificatore14 ottobre 2012 17:06

    Deyna, non dimenticare che in quella circostanza Viviano salvò il risultato  per il Palermo almeno un paio di volte,  su Berhami e su Amauri se non ricordo male,  alla fine del primo tempo,  inoltre,  con grande onestà, in una circostanza  riconobbe un corner a favore della Fiorentina facendo cambiare la decisione all'arbitro. Tutte cose, non sentimentali,ma tecniche e professionali , alle quali si sommarono le considerazioni sulla sua fede viola, che evidentemente  conquistarono ADV  e che lo portarono a suggerire   alla direzione tecnica il suo nome, al che, però,  non posso pensare che la direzione tecnica non abbia dato il suo avvallo su basi strettamente  tecniche. Così una società seria come la Fiorentina lavora, gli altri sono discorsi che lasciano il tempo che trovano.

    RispondiElimina
  46. Chiarificatore14 ottobre 2012 17:33

    Avvallo sta per avallo.

    RispondiElimina
  47. Va bene, Viviano ha regalato la maglia al bambino e sta simpatico al patron. Ma 'un pigliate per bischeri Prade' e Macia. Se 'un sapeva gioca' 'un lo pigliavano. 

    RispondiElimina
  48. DEYNA,a Mendoza è stata partita vera,con la solita fagiolata per un'entrataccia sul portiere dell'albiceleste.Un immenso Messi onnipresente e più catalizzante del solito,un Higuain meno "velenoso" del solito e poi i singoli a sciorinare ciò per cui son famosi.L'Uruguay non è male ma Forlan cos'ha fatto?Suarez si è battuto per 3,ma l'ex interista zero carbonella.Su Viviano ribadisco che può solo migliorare(uscite?Presidio della cuccia per i 4 metri antistanti?),per Neto vedo futuro lontano da Firenze,con i Mondiali a casa sua credo scalpiterà per giocare.

    RispondiElimina
  49. Viviano era pur sempre uno che era nel giro della nazionale prima di farsi male, quindi non si sta ovviamente parlando di una pippa impresentabile e nessuno l'ha mai affermato. Non è stato quindi preso solo per il suggerimento del padrone, ma dubito forte che sarebbe stato anche solo cercato senza quel "suggerimento".

    RispondiElimina
  50. COLONEL BLIMP......,se di sei batti un colpo!

    RispondiElimina
  51. Forlan mi pare in evidente fase di inizio declino. L'Uruguay se vuol far bene ai Mondiali deve svecchiare un po', magari continuando a convocare i mostri sacri Lugano e Forlan, ma cercando anche alternative [che comunque non mancano, dietro hanno Godin e Coates tra i centrali, per dire]. Grandissimo Messi nell'Argentina, forse alla sua miglior partita, assieme alla gara col Brasile in cui mise a segno una fantastica tripletta, ma era un'amichevole, seppur giocata seriamente. I problemi dell'Argentina sono il portiere, e convocare ed assemblare i difensori giusti, che non mancano. Sabella per certi versi sta facendo un buon lavoro, per altri mi lascia perplesso, soprattutto nelle convocazioni. Se non chiama al più presto Roncaglia vanificando il pressing della Federazione dei Corrotti, mi in...quieto.

    RispondiElimina
  52. Va bene, Jordan. Ognuno fa le sue scommesse, è anche un modo di vivacizzare il nostro tifo. E tu e Deyna avete puntato forte su Neto. Io che di calcio sono un dilettante quest'anno mi diverto a puntare su Liac. (Visto che non posso scrivere bene il suo nome lo scriverò assolutamente male!). Non sono assolutamente sicuro che sfonderà, mi baso piuttosto su certi indizi che sembrano probanti. Ma soprattutto mi diverto a prevedere e a sfoggiare una scienza calcistica per quanto, almeno nel mio caso, improvvisata e cialtronesca.

    RispondiElimina
  53. Lud, io su Neto non ho puntato proprio nulla, sapevo dall'inizio che con ViviUno di Noi© a Firenze, non avrebbe mai trovato posto in squadra, se non [forse] dopo una serie lunghissima di disastri epocali del rivale pupillo della piazza. Su Ljajic punterei anch'io, se giocasse da rifinitore, da punta spero possa fare bene e segnare qualche gol, ma non confido nella riuscita.

    RispondiElimina
  54. LUD&DEYNA:centrato il bersaglio!Inutile continuare a pensare al Liajic panacea dei problemi risolutivi della viola,lui non è una punta nel senso stretto del termine,e neanche nel senso largo del termine.È più da ultimo passaggio,è un calciatore che può giocare tra le linee ma avendo un fisico da scartatore di caramelle non può fronteggiare i difensori centrali nel body-check;chiaramente divorerebbe gli stessi centrali se potesse slalomeggiare da lontano(tipo a Roma l'anno scorso).Un anno a Siena,al Chievo o anche a Palermo o Cagliari gli gioverebbe.DEYNA,a me piacciono i calciatori "atipici",poco notati dagli scribacchini della carta stampata e quindi,godrei a vedere a Firenze un Rodallega....uno che sa fare reparto.

    RispondiElimina
  55. Su Ljajic, anch'io ho sempre sperato che rimanesse, come ho sempre scritto, anche dopo il fattaccio col Novara.

    RispondiElimina
  56. LZ io su Neto invece ci avrei puntato ma non a Firenze dopo l'arrivo di ViviUnodinoi perchè per quello son d'accordo con Deyna, non era più un "fair game". Neto era un giovane portiere di grandi doti e potenzialità, se Firenze col suo disinteresse e l'obbligatoria inattivtà non lo ha rincoglionito ne sentirai parlare altrove e allora, forse, ti morderai le mani. Ljaic a Firenze, oggi non serve, te l'ho già detto, nel suo ruolo c'è di meglio. E' un giocatore di ottime doti tecniche ma ancora mentalmente immaturo, può crescere parecchio, e può rimanere quello che è, ma, oggi, non ci serve.

    RispondiElimina
  57. Non so quanto sia adatto alla Fiorentina, ma Rodallega è senza dubbio interessante, tra l'altro con la sua velocità e senso della porta offre ottime soluzioni per eventuali contropiede...

    RispondiElimina
  58. Fondato il comitato di accoglienza fiorentino a Marchionne. Per ora consiste in un'unica persona, il Fac-totum© [o fac-totem? aiutatemi].

    RispondiElimina
  59. Marchionne?Io tengo l clava.

    RispondiElimina
  60. Mi piacciono i frequenti "te l'ho già detto di Jordan": da un lato presuppongono una mia ferrea memoria ed una assiduità ai siti calcistici che mi piacerebbe avere ma non sempre mi è permessa. Da un lato non tengono conto del fatto che spesso, qui ed altrove, gli argomenti sono ristretti e  si ripetono. Di Llajic ho parlato molte volte anche sul sito "maggiore". Segni intuiti in modo rabdomantico mi lasciano sospettare che sia sull'orlo di una esplosione o comunque di un salto di qualità. Ho già scritto che pur non essendo un attaccante di sfondamento, possiede un repertorio potenziale di goal: colpi da sotto, veroniche, pallonetti, tiri al termine di scambi nel breve, punizioni, calci d'angolo e rigori. Inoltre è un ottimo assist-man.

    RispondiElimina
  61. Quando parlando con un interlocutore mi tocca a ripetere le stesse cose, dire "te l'ho già detto" mi sembra il minimo. Non so davvero cosa tu faccia oltre che partecipare a questi dialoghi, nè mi interessa il saperlo, però non ci partecipi così raramente da scordarti quello di cui si parla. Di Ljaic si è già detto e ridetto, di fronte alle capacità divinatorie, alla lettura delle conchiglie o agli istinti rabdomantici, io ingegnere pratico e terragnolo mi cheto, non metto lingua. Per me, finora, con tutte quelle capacità di far goal che gli attribuisci (e che in parte avrebbe anche) di gol ne ha fatti 4 in tre anni, uno solo su azione. Non basta toccar bene la palla, per essere un attaccante bisogna sapersi muovere per andare a concludere e quando ci sei non devi perdonare perchè la vuoi buttare dentro. Ljaic per ora, e magari crescendo cambierà, me lo auguro per lui e per la viola, sembra più un cicisbeo innamorato del tocchettino e del virtuosismo tecnico che non del goal. Ma non si parla nemmeno di questo. La domanda era cosa farne. Tenerlo in panca per un altro anno o mandarlo a gennaio a giocare con continuità? perchè questo è il problema, qui finora ha giocato perchè mancavan tutti gli attaccanti, ma adesso che ci sono e che ne verrà forse anche un altro, Ljaic diventa l'ultimo della fila, per quell'unico posto che c'è e che non sarebbe nemmeno il suo.

    RispondiElimina