.

.

giovedì 25 ottobre 2012

Malizia

Ha ragione Lotito a temere un condizionamento arbitrale dopo le rimostranze di Pradè, e ha ragione perché conosce molto bene la politica del calcio, lui che a Roma è presidente di una della “società dei magnaccioni”, infatti è sempre lui che di fronte ai debiti cantava “c’hai messo l’acqua e nun te pagamo “, annacquando l’Irpef in 21 anni. E poi mal si sposa il fair play con le proteste così terra terra, la Fornero direbbe che siamo troppo “choosy” perché non si può fare così tanto gli schizzinosi per du’ cartellini gialli e allo stesso tempo mettere sulla maglia “Save the Children”. Ora se si vuole spaccare il capello e la faccia in quattro a Guida per una trattenuta di maglia, quando Lotito ha invece 21 anni di trattenute Irpef arretrate, si capirà bene perché il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali si rivolge ai tanti giovani come Ljajic, poveri viziati che spalmano la Nutella sul pane invece di fare appunto come Lotito che si adatta ad ogni tipo di rateizazzione, e mentre gli interessi dei comuni mortali volano con Equitalia lievito madre, Lotito si limita a far volare sull’Olimpico l’aquila biancoceleste. La foto di copertina mostra la malizia con la quale il tifoso Viola interpreta le decisioni arbitrali che viste con gli occhi di chi guarda dentro a quello scollo risulteranno sempre delle decisioni a pera, sviste e riviste, torti arbitrali ma anche occhi storti a forza di guardarle, tanto e comunque prima o poi gli errori si compensano, e se a quei seni manca solo la parola ai tifosi Viola manca un cazzone come Rosetti a proprio favore che non si è mai paventato, altro che compensazione, mentre il Presidente della Lazio si ricorderà bene la mano di Zauri, che alla fine è la spiegazione più semplice di come mai la Fiorentina negli ultimi cinquantanni abbia messo in bacheca Zauri tituli. Riconosciamo alla Fornero il nostro essere troppo choosy, e le chiediamo però se è possibile allungarci quella delega alle Pari Opportunità, in modo che tutti abbiano le stesse per avere un calcio di rigore a progetto, oppure un call center come Conte con il quale poter svolgere la propria professione anche durante una squalifica, tutti a suo servizio e rigorosamente a settecento euro il mese tanto per non passare troppo da choosy.. E’ anche vero che la squadra va tenuta lontano dagli alibi, e Montella questo lo sa bene e non parla di episodi a sfavore, ma si concentra sulle primarie per capire chi tra Toni e El Hamdoui scenderanno in camper domenica, e chi di aquila ferisce di Aquilani perisce ci viene da augurare a Lotito, mentre a chi ci fa le paternali suggerendoci che gli arbitri vanno aiutati, che vanno messi in condizione di sbagliare il meno possibile, rispondiamo che sono anni che lo prendiamo nel culo senza mai protestare, e l’ultima volta che l’abbiamo fatto ci siamo ritrovati nelle aule improvvisate della giustizia sportiva, e giudicati mentre c’era chi inzuppava la brioche nel cappuccino prima di sottrarci una caterva di punti tutti insieme, senza neanche spalmarceli in una quarantina d’anni. Ma il fair play è il fair play e non si può rinnegarlo solo perché ci è capitato qualche episodio sfavorevole, gli arbitri vanno aiutati e noi lo faremo come sempre, anzi visto come il blog è prodigo di iniziative, la seconda foto mostra proprio lo strumento principe, a dimostrazione di come a Firenze siano tutti ben disposti ad aiutare chi svolge una professione difficile come quella dell’arbitro, squadra e tifosi accettano di buon grado gli errori perché coscienti che vengono commessi in buona fede, anzi la foto mostra proprio come i tifosi siano addirittura disposti a dare una mano all’arbitro. Con tutta la forza.

54 commenti:

  1. Si va di bene in meglio, con le foto: di quella di oggi posso solo dire che, come l'asino (con relativa voglia) di Buridano, nell'incertezza di come iniziare potrei paradossalmente andare in bianco (ho detto paradossalmente, veh!). Da non mostrare al Decano oppure ricomincia con le sue invasioni. Da non mostrare al  Chiari sennò legge il giornale. Da non mostrare a Deyna altrimenti dice che è brutta. Da non mostrare a mia moglie o disdice l'ADSL.

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore25 ottobre 2012 08:16

    Solo per precisare che per la bionda esplosiva qua sopra rinuncio ben volentieri alla mia predilezione per le more, ed alla lettura del giornale di oggi, nonostante la notizia principale che contiene, e che sta entusiasmando tutta Italia. A più tardi.

    RispondiElimina
  3. Touring Florence by night....stanotte non ho resistito e a mezzanotte sono andato in piazza Santo Spirito,stanotte sono andato a cercarmi Stendhal e la sua sindrome.Trovandola.E trovando anche la risposta ai quesiti sugli arbitri.La categoria vilipendiata a Firenze non ha quella sensibilità che si riconosce a chi apprezza la bellezza,l'arte,la costruzione architettonica;le giacchette nere non conoscono la sublimazione di una sensazione che la squadra viola di quest'anno sta sviluppando:bellezza architettonica,armonia,passione(sempre più!),attesa.Si l'attesa che è migliore dell'evento,l'acme,che non è la scritta sugli aggeggi di Will Coyote che insegue BipBip(quella è A Company Making Entertainment),il nostro acme è A Company Making Entusiasmo).Quella bionda della foto evoca una pelle da guardare controluce,come un voyeur che cerca quella peluria(cfr.CHIARI and hairy-quest)che sobilla la corsa del sangue verso ciò che genera l'invidia delle donne(l'ellitticità del complemento oggetto lascia ogni immaginazione rintanata,troppo facile....),quel prepuzio che annebbia l'uomo;per gli arbitri invece esiste un gene mai oggetto di ricerche scientifiche che annebbia la loro vista,che fa scorrere il sangue alla testa,verso il precipizio delle loro decisioni e quindi assolvono al "Comandamento 0"(era un promo)che fu consegnato a Mosè "Uomo,hai due cose straordinarie,che contemplano una cosa bella e una brutta:quella bella e che possiedi pene e testa,la cosa brutta è che il sangue o ossigena una o l'altro",da qui il detto "Arbitro testa di cazzo"(vi ho rivelato la genesi del detto....).Come si direbbe al Quarticciolo(quartiere di Paolo Di Canio):O Bone o brutte,s'e le 'ngroppamo tutte,ma solo alle più belle je damo le cappell.....ooooops.(evitiamo censura).Grazie per lo scoop GUBERNATOR:ora sappiamo,dalla foto della moglie bionda che hai pubblicato,perché l'arbitro Guida è cornuto.(Mugolii in cuffia,risatine alla Can,mentre BLIMP esclama "Se piovessero Tarallucci pugliesi,si fermerebbero tutti infilzati sull'impalcature cornea di Guida").(Finale dal campo principale: Gubernator-Disquis 1:1,con gol al 90',contestato con disquis...izioni infinite).

    RispondiElimina
  4. Devo dire che pereferisco la biondina di ieri, anche se poi magari si scopre che il perfido Pollock ce l'ha propinata anche oggi a capello sciolto, trucco diverso, e dopo la famosa dieta francese Mexes-Frey.

    RispondiElimina
  5. Si è presto degradata, Decano, purtroppo perdendosi nei meandri della malattia psichica e degli abusi tossici.

    RispondiElimina
  6. Questa bionda mi distrugge, fra lei e la Guida non so chi mi porterebbe più in là. in più provoca, signor maestro! Provoca!

    RispondiElimina
  7. Lo so Colonnello mio Colonnello, ma ciò che resta è sempre l'immagine degli antichi splendori, quindi non è vero che il mito resta cristallizzato solo nella morte.

    RispondiElimina
  8. Facciamo così, io prendo questo insieme di morbidezza e cedo volantieri la Guida a chiunque dell'Armata si faccia avanti.

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore25 ottobre 2012 13:33

    Constatazione contingente: il Milan è senza personalità, senza mordente, è lento, prevedibile, moscio,  e ,cosa rarissima nella sua illustre storia, non riesce a far gioco, e tanto meno ad imporlo, nonostante imporre il proprio gioco sia nel dna del Milan da sempre, e sia richiesto tassativamente dalla proprietà e dai tifosi. Soprattutto il Milan è una squadra perdente.Che in tutto ciò c'entri Montolivo che ha preso il Milan nelle sue mani? 
    Constatazione storica: il Milan in campo internazionale per le sue vittorie e per il gioco che ha sempre espresso, che ne fanno forse il più grande club in campo mondiale della storia del calcio, è un patrimonio del calcio italiano.Chi sta ridimensionando drammaticamente tutto cio? A voi l'ardua risposta.
    A più tardi. Se ne riparla in serata con chi vuole.

    RispondiElimina
  10. E mentre noi, Decano, sbaviamo per nulla, poiché Pollock non ha ancora messo a disposizione la funzione tattile per il suo sito, sulla cloaca c'è il grande ritorno di Marco da Pistoia in versione Nick-Bestemmia. Ha taciuto per due anni e ora posta da 48 ore di séguito, senza intermissione. Entusiasta del nuovo corso montelliano, penserete: no, si tratta di Prandelli, di non altro che di Prandelli. Il tempo si è fermato per lui, come per quella che adesso è fiera di annunciare, dopo qualche ora dalla fine di ogni match: io non l'ho visto, ero di qua ero di là, comunque speriamo di non afflosciarci mi dispiacerebbe tanto Deyna perché non mi rispondi Deyna non rispondermi subito la caponata di Giorgio bacioni ecc. Poi c'è quello che saluta il nuovo corso rivendicando la superiorità di Dainelli su Rodri e di Abate su Roncaglia (di straforo ci riparla di Comotto meglio di Ufo e di Maresca col quale avremmo vinto scudetto, considerati i quarti posti senza Maresca), ciò su cui qualsiasi persona priva di zenzero sarà felicemente d'accordo, spero. Il baseballista parla solo in caso di sconfitta e dunque ormai è uccel di bosco, il matto ha abbandonato due nick da simpaticone una volta sgamato e si accontenta di far tatticismi senesi senza costrutto per lasciarsi aperta la porta a nuove pontellizzazioni e dismissioni. Poi c'è California, ma primavera per lui pur non è mai. In quanto al Multinick, adesso s'inventa anche l'autocontraddittorio per legittimare i nick fasulli oltre i tre canonici loconterburiani. E la Fiorentina, in tutto questo?

    RispondiElimina
  11. Preferisco anch'io quella di oggi, però mi sa di una che se perde 2-3kg perde pure una taglia abbondante del suo seno appuntito, di cui peraltro in questa foto ritengo un po' accentuata la dimensione dalla posa dalle braccia leggermente convergenti. Du'holpi comunque li meriterebbe senza se e senza ma.
    La Antonelli da bambino la trovavo molto arrapante sebbene lei avesse già superato i 40, poi iniziò la rovina cui allude il Colonnello. Però in cima ai miei pensieri c'era la Serenona. 

    Sopra, spero che tu abbia almeno emesso qualche schiamazzo, perchè rompere i coglioni a Pollock che cerca di dormire è un must delle passeggiate notturne in S.Spirito!

    Informazione di servizio che non so se può essere utile a qualcuno (non sono un espertissimo di PC): da qualche giorno, se uso Internet Explorer il sitollock fatica ad aprirsi e i miei post non passano; usando Google Chrome invece non ho problemi.

    RispondiElimina
  12. Pensa tu, Vitaogy, che a me il browser fallace è invece Mozilla! Chi ci capisce più niente... Piove Pollock ladro, dice l'adagio.

    RispondiElimina
  13. Caro Chiari il Milan segue i corsi e ricorsi, i flussi e riflussi dell'Italia di oggi.  Stiamo facendo passi indietro i tanti settori ed il calcio segue questo andazzo.  Così come il paese si sta ridimensionando dopo aver vissuto per molto tempo oltre le proprie possibilità anche le società di calcio sono in evidente decadenza.  In questo nuovo ordine planetario la Fiorentina che ha una proprietà in  controtendenza  potrebbe trovare spazi vacanti in cui infilarsi per ambire a traguardi di prim'ordine.  Il rinnovamento della squadra ha già prodotto risultati sorprendenti al primo anno e chiunque li può apprezzare, tranne i piagnoni che preferiscono seguire il loro vate sul rogo piuttosto che riconoscere i loro distruttivi vagheggiamenti.  Il problema è che non possiamo liberarci dai loro lamenti che echeggiano fin dall'oltretomba.  Ci vorrebbero gli 'otto' per far capire loro che non è più il caso di tediare i vincitori.  Ma siamo in democrazia e dobbiamo sopportarli, tant'è. Ritornando alla viola questa volta Sparta può ridere anche se Atene piange. Saluto per ora perché devo preparare il pranzo, bon appetit.

    RispondiElimina
  14. Colonnello sul sifone ci sono un centinaio di utenti che potrebbero risolvere i problemi tecnici del sitollock: Locke, Canterbury, Piero Isolotto, Filippo Fi ahahah

    RispondiElimina
  15. Così, il miglior giornalista fiorentino (Luca Calamai, of course): «JoJo con Toni accanto non ha brillato perché ha bisogno di un attaccante che giochi per lui al suo fianco (basta vedere la partita al Franchi contro il Liverpool, quando giovò della presenza di Mutu). Toni poi non può funzionare con questo tipo di gioco, come Ibrahimovic al Barcellona. Toni-Jovetic non sono giocatori affini, non possono giocare insieme: Stevan ha bisogno di un giocatore diverso che si muova per lui, come Ljajic o Fernandez. Luca resta un calciatore da mezz'ora finale, niente di più».

    RispondiElimina
  16. Ahahahahahahahah... Vitalogy! Non trovi che, nell'acuta disamina di Calamai che ho citato, il paragone con Ibra nel Barça sia particolarmente euristico?

    RispondiElimina
  17. Lei continua a distruggermi... E vorreste farmela dimagrire, bastardi! E' tutta polpa, tutta! E' nata per i polpastrelli, appunto, questa qui!

    RispondiElimina
  18. Il parere di Calamai lo inserisco nella mia antologia di analisi e previsioni azzeccate. Non mi intendo di calcio e non pretendo di saperne più di altri. Ieri sera però ho scritto appunto, prima di Calamai, che per me il vecchio da ripescare tra gli svincolati non era Toni ma Mutu, lasciato colpevolmente a svernare all'Ajaccio. Inoltre ho sempre detto che per me Llajic era in ascesa e rappresentava un buon partner per Jovetic. Dunque concordo con Luca Calamai. Certo che questo Jo-Jo è un fuoriclasse sui generis, difficile da collocare sul campo, va a fasi alterne e non si adatta ad ogni partner. La Fornero lo defilnirebbe choosy.

    RispondiElimina
  19. La Fornero si situa agli esatti antipodi di questa qua sopra, Lud, e ti pregherei di non turbare il mio raccoglimento, pertanto.

    RispondiElimina
  20. Sitone?Atti osceni in luogo pubblico.Ascoltato anche io Calamai,sottoscrivo.BLIMP,posso desinare un tozzo di pane al Giubbe Rosse?

    RispondiElimina
  21. sto lavorando per voi

    RispondiElimina
  22. Come direbbe Dante "E mi parea che lo piccion sfavillante nell'aere un post avea da consegnar a codesto Gubernator.E colsi siffatta disfatta vessazione de Disquis imbizzarrito come destriero furente".BLIMP,avevo chiesto tua intercessione per desinare al Giubbe Rosse,alla fine stremato e col gozzo arso,come quando gridavo dietro Montolivo,mi son fermato incazzto in piazza del Mercato Vecchio,dove le mura parlano di te e raccontano delle bischerate....a proposito,leggi qua quel marmocchio(ammirevole per come si carica la squadra sulle spalle-dato oggettivo)di Totti cosa ha risposto alla domanda "Ma domenica?Cos'è successo in quel quarto d'ora iniziale?" e lui "Gniente,noi avevamo prenotato er campo da 'e 9 alle 10...".Splendida questa.

    RispondiElimina
  23. Dovrei aver risolto il corpo a corpo con Disqus. Un aggiornamento di Blogspot (Google) ha reso necessario anche un aggiornamento di Disqus. Cazzi vostri. Comunicato di servizio per Lele, l'Africa è più vicina.

    RispondiElimina
  24. Antognoniforever25 ottobre 2012 18:12

    Non voglio fare quello che si lamenta, pollock, ma oggi mi sembra che i messaggi non mi compaiano in ordine cronologico, per cui non ci capisco un belino. Inoltre mi vengono fuori 5 messaggi per volta, come qualche tempo fa, e non più 20.

    Per fortuna la bionda del tuo articolo si vede bene.

    RispondiElimina
  25. Confermo, io i messaggi più recenti li vedo nelle paginate precedenti, e di 5, non di 20. Vabè, poco male, tanto sono le solite stronzate del Chiari, ahahahahah. Seriamente, io tornerei alla partita di iersera del Milan. Alcuni hanno addirittura definito Montolivo il migliore dei suoi. Ma come fa un centrocampista ad essere giudicato positivamente, quando sparisce completamente dalla partita per intere decine di minuti, senza peraltro inventare niente di significativo quando riemerge? Ma avete visto i due assist inversi per Saviola [la mia più grande delusione argentina: credevo diventasse un fuoriclasse a livello mondiale, invece dopo qualche sprazzo sfavillante a Barcellona si è adeguato a livelli ben più normali...]? Non so che telecronaca italiana fosse [sky?], il co-commentatore mi pareva Aldo Serena, esilarante nei secondi finali quando invocavano la "sciabolata disperata": "Ecco, ecco finalmente la sciabolata disperata di Montolivo [un lancio a palombella tanto lento da far sospettare un improvviso vuoto di gravità]...nulla, partita finita". Ahahahha.

    RispondiElimina
  26. Pollockaccio, come ti permetti, hai fatto perdere per sempre post che sarebbero stati memorabili! Davvero, come vuole l'adagio: piove, Pollock ladro! Tra l'altro m'indignavo contro chi chiedeva dimagrimento a quella bona strepitosa qua sopra, a quella polpa da polpastrello che continua a succhiarmi energie. E si plaudiva a Calamai, per queste sue parole: «JoJo con Toni accanto non ha brillato perché
    ha bisogno di un attaccante che giochi per lui al suo fianco (basta
    vedere la partita al Franchi contro il Liverpool, quando giovò della
    presenza di Mutu). Toni poi non può funzionare con questo tipo di gioco, come Ibrahimovic al Barcellona. Toni-Jovetic non sono giocatori affini, non possono giocare insieme: Stevan ha bisogno di un giocatore diverso che si muova per lui, come Ljajic o Fernandez. Luca resta un calciatore da mezz'ora finale, niente di più». E poi ridacci i venti post visibili a pagina, che adesso si sono ridotti addirittura a cinque! Solo mi consola che, se capisco bene, Lele sta per fare ingresso nel sito con cappa e spada suoi, senza passare più attraverso le forche caudine del pollockismo mediatore.

    RispondiElimina
  27. Ah, è vero Deyna e Antognoniforever, tutto è stato invertito (ma non usate l'espressione col Patriarca o quello pianta una nuova grana sui buhi... ahahahahahahahah!), boia d'un mond leder! Sopra, ecco le chiavi della cella, marcia di nuovo sul palazzo presidenziale dove il Pollockaccio medita e sforna questi attentati all'integrità postale! Alla ficona immane, questo scellerato criminale, ha tra l'altro portato in bianco e nero le carni divine lasciando il colore solo all'inessenziale e anzi odiosa maglietta! Fare a pezzi Pollock! Fica libera! Post liberati!

    RispondiElimina
  28. Alimento la vostra passione per le biondacce, condendola però con abbondante gusto del declino: ecco a voi l'ex giovinetta Britney Spears, su quel culo - e ciò che lo ricopre - il Colonnello potrebbe scrivere romanzi...

    RispondiElimina
  29. Ho dovuto disinstallare Disqus e installare quello nuovo. Nel fare questo c'è stato un periodo di tempo nel quale i commenti erano spariti tutti. Poi il sistema li rimporta,  avvertendo che potrebbe volerci fino a 24 ore. Penso quindi che la cronologia si sistemi. Spero. Ricordate di impostare sulla tendina "Ordina per più recenti". Adesso non ho tempo poi guarderò le impostazioni per riportare a 20 i commenti per pagina. E comunque andate affanculo.

    RispondiElimina
  30. Eppure,BLIMP,se osservi bene,senza fermarti alle apparenze della lussuria mista al brama,la bionda ha delle braccia e dei sovracoscia che fanno pensare a problemi di ritenzione idrica;diciamo che non sembra scolpita dal vento come la Gloria nazionalpopolare di ieri,nulla toglie alla Raffaellesca creatura,in grado di suscitare morbosità,tanto che i compagni di cella han proferito un paio di progettualità lacoontiche degne delle migliori tapas.Aggiornamento dai campi: Realtà-Montoliviane 3-0,marcatori: 24' LancyoSbagliato,al 34' e al 62' doppietta di AppoggjoBradipesko.- Vate-Coerenza 0-1,marcatore: al 2' autorete di Comotto.)

    RispondiElimina
  31. Sopra, se ha ritenzione idrica vuol dire che che trattiene tutto il liquido che fa versare a me, perbaccolina! Più in generale dell'estetica me ne sbatto, e se proprio vogliamo buttarla lì (anch'io lo butterei lì) allora viva il Prassitele della Menade di Dresda, che solo un custode della sala ignaro degli imperativi che la passera pone m'impedì di avvinghiare furiosamente. Lei non può gettare quello sguardo così! Lei non può sfidare un uomo giunto a ordinata composizione coi propri appetiti! Lei non può farmi deviare dal cammino tracciato dall'Etica Nicomachea! Non può! Eppure lo fa! Maledetta!

    RispondiElimina
  32. Io son rimasto invece rapito, tuttora, dalla biondina della lavanderia. Chiedo anzi a Pollock di chi sia la foto. Lancio un sondaggio tra i commensali in corpore sano: secondo voi Capitan Passata© ci sarà in Fiorentina-Milan, o opterà per una squalifica/infortunio? Io propendo per l'ipotesi due.

    RispondiElimina
  33. Pollock i post non m'appaiono in ordine cronologico, se non mi mai trovare un blog ordinato mi sposto sul blog del primo massi74 che capita!

    RispondiElimina
  34. Chiarificatore25 ottobre 2012 19:26

    Quella che ho tentato di fare,Deyna, nella mia stronzata dell'ora di pranzo, è una considerazione di carattere generale sul Milan di Montolivo, per quello che s'è visto finora, e, se vuoi, su Montolivo, che va oltre la sua prestazione di ieri, che Attila in qualche modo ha colto.Siamo di fronte ad un Milan in netto riflusso, ed è vero che queste cose capitano di quando in quando persino al Milan. Ma questa volta gli sta capitando, in questo avvio di stagione e, guarda caso,  con Montolivo leader, con una intensità inedita. Siamo di fronte ad una sequela di sconfitte del Milan che ha del clamoroso. Questo svuotamento psicologico e tecnico della squadra rossonera , mi ricorda molto da vicino quello della Fiorentina degli ultimi due anni, guarda caso anch'essa con Montolivo leader. Una coincidenza? Non sarà il caso di chiedersi, senza far battute e senza acredine, quanto  c'entrino in tutto ciò la scarsa personalità, la scarsa grinta, la mancanza di  anima, l'incapacità di essere un vero leader nello spogliatoio, ,in campo e fuori, di Montolivo? E quanto c'entrino in tutto ciò la tendenza e la possibilità, per il ruolo che copre,  di forgiare le sue squadre con questi suoi gravissimi limiti?Gravissimi limiti che stanno nettamente prevalendo sulle indiscutibili doti tecniche di cui è provvisto, vanificandole, così come i risultati delle squadre che lui prende in mano dimostrano. 

    RispondiElimina
  35. Ahahahahahahahahahahah... Vitalogy! Me l'immagino, il sito dell'elbano meno avente: Corvoalrogock... Ahahahahahahah! Ma chi la butta via, la biondina della lavanderia, Deyna! Quella è viziosa, quella come s'alza da sedere ancheggia da farsi inondare di sprizzi e spruzzi (non mai spizzi pazziniani... ahahahahahahah!), quella va di corpo come poche, quella è strabona e mi fa la rabona!

    RispondiElimina
  36. Hai ragione, Chiari, ed è spaventoso. Il tonto ha una capacità disfattistica del morale delle truppe che non ha rapporto con limiti tecnici. Lui fa giocare peggio la squadra che se fosse una schiappa (e non lo è). Càpitano, in ogni intrapresa collettiva umana, degli sfiganti (più che sfigati) così: non pessimi in sé, in équipe hanno un potere dissolutore insospettabile, irriducibile alla loro personalità presa a parte. Che bello, che faccia danno altrove! E a loro, poi!

    RispondiElimina
  37. Chiarificatore25 ottobre 2012 19:40

    Quella della lavanderia è notevole, ma un po' studiata quindi poco spontanea nell'atteggiamento, questa qui sopra è una bomba sessuale allo stato puro.

    RispondiElimina
  38. Chiari, qualche giretto lo puoi anche fare DOPO, ma è da stamattina presto che sono sul pezzo per la prenotazione, che nemmeno per un concerto dei Rolling Stones, quindi le prime due orette me le faccio io, se permetti.

    RispondiElimina
  39. "Ordinato, Pollock, ordinato!", grida e sputacchia Vitalogy, còlto da sindrome di Prandelli. Chiari, la tua stronzata quotidiana è interessante, e riconduce al già sviscerato - ahinoi - tema della montolivizzazione, una sorta di retrovirus che quel dracula della motivazione inocula nei suoi compagni di squadra, quando qualche sconsiderato lo investe di una leadership immeritata. Fossi un artista di photoshop, aprirei una galleria virtuale di quadri raffiguranti Demotivolivo inserito in diversi, catastrofici contesti storici, da Waterloo a italia-Corea '66, da Caporetto a italia-Slovacchia 2010 [ah già, ma lì c'era davvero, ahahaha].

    RispondiElimina
  40. 'Under my thumb' Colonnello! Pezzo d'apertura del concerto a Torino, sotto un sole cocente, nel pomeriggio della vittoria mondiale del 1982, presente! Sempre ai suoi ordini. 

    RispondiElimina
  41. Per me questa biondina non dovrebbe dimagrire, anzi, da buon fan delle forme abbondanti (con un debole per le more mediterranee), ho detto che secondo me se dimagrisse un po' perderebbe anche un bel po' di seno, perciò la preferisco così com'è!Attualmente il mio pallino per la quale non c'è star o starlette che tenga è la nuova bancaria, alta quasi quanto me, capelli lunghi neri, età immagino poco più di me, vitina fine, fianco sinuoso, mani affusolate, a occhio e croce quarta di tette, italiano forbito con cadenza marcatamente sici (così a orecchio lo associo alla fascia costiera tra Messina e Catania), per lei sto vado in banca a fingere interesse per tutto, persino alle cagate sesquipedali tipo le index... la sogno a 90°mentre mi dice "eddài, perchè non mi fai un'obbligazzzzziOOOOnE", con la z dolce e la O larghissima...   

    RispondiElimina
  42. Africa, tutto il Mondo è paesela lotta col Disquis pare abbia avuto un vincitore...
    un
    grazie sentito al Pollockone che mi ha informato e continua la sua
    paziente opera pia...Comunque apro il sitone e mi balza agli occhi il
    pensiero di Mondo e mi chiedo: un'navra'miha letto il mio post di ieri
    ni'Sitollock...ah ah 
    A
    parte gli scherzi,ma seriamante pensate che Calamai sia il
    migliore,solo perche'fa carriera alla rosea?Boh,io l'ho sempre
    considerato uno scarsino e molto borioso: tecnicamente non lega le
    scarpe al Picchi,e ovvio che gioca un ruolo di rilievo,ma perche'c'e' l'impoverimento
    globale della categoria.Deyna,credevo che almeno tu facessi accenno
    alla mina che il monto da due metri e senza motivo tecnico,ha scagliato
    in faccia ad El Sharawy.Gesto esilarante che ai tempi della
    Gialappa,sarebbe passato per ore e commentato come si deve.
     
    Lele
     

    RispondiElimina
  43. Chiarificatore25 ottobre 2012 20:32

    A me capitò in terza media una professoressa di latino che richiamava, nelle forme, la bionda qua sopra. E pensare che si trattava di un Istituto di Suore. Con lei c'era sempre la fila alla cattedra per chiedere chiarimenti ( per questo mi piacciono, ahahahahahahah! ) e sbirciare nella scollatura della sua camicia. Quando finì l'anno mi misi a piangere, sul serio.

    RispondiElimina
  44. Lele, c'è ipertrofia dell'io, ma a mio avviso è competente e, nel suo caso, esser figlio d'arte lo ha aiutato anche in questo e non solo, come a tutti i figli di giornalisti, a spianargli l'entrata. E' freddo nel giudizio, non si attacca a un'idea e a un giocatore, tiene conto di tutte le variabili. Di tattica non capisce direttamente ma ci arriva col buon senso, di risulta. Ha un occhio linceo per le debolezze umane e questo gli consente di valutare con ottima approssimazione di verità gli ambienti. Dopo tutto lo considero il più completo e affidabile (anche psicologicamente), qua a Firenze, dopo il gran botto fatto da Sconcerti una dozzina d'anni fa. C'è uno, Lele, che potrebbe esser migliore (lo sappiamo entrambi) ma non vuole.

    RispondiElimina
  45. Deyna, che mi dici di Bueno, giovane uruguagio per il quale si sarebbe aperta asta europea cui la stessa Fiorentina parteciperebbe?

    RispondiElimina
  46. Gonzalo Bueno è molto...buono, una punta esterna dalla struttura piuttosto compatta, molto rapido e furbo, con un sinistro raffinato e velenoso. Sa creare superiorità numerica e mi pare anche abbastanza opportunista in zona gol. Nel modulo di Montella dovrebbe però fare la seconda punta, a meno di non passare a un 4-3-3. Comunque per quel che ho visto potrebbe addirittura esser quasi pronto a partire da titolare anche da noi, per avere la sicurezza però dovrei vedere tante partite quante ne vede Macìa...
    Lele non ero sicuro fosse stato il Monto ad  attentare ai connotati di El S., non si è proprio capito cosa volesse fare, ahahah: "Dove vai giovanotto, sbam! così ti impari a voler cambiare ritmo, qui si balla tutti il mio valzer viennese!"

    RispondiElimina
  47. L'Africa e i figli d'arte



    In
    effetti,Colonnello,hai molte ragioni,solo che io,colpevomente lo
    so,sono un po'prevenuto verso i figli d'arte e preferisco sfacciatamente
    il self made.E pensando a questi,mi viene in mente un qualcosa che
    credo vi sia passato inosservato,ma per caso,non a me: il commento di
    pochi giorni fa dello Sconcerti sul Corriere,a proposito di Conte.E'
    difficile giudicarlo...e'tra un insulto,e un rutto...il peggior
    bastiancontrarismo che si possa trovare.Non e' che sia mai stato un
    patito dello Sconcerti,ma senz'altro il Calamai non si sarebbe mai
    addentrato in luoghi cosi'aridi,maligni e puzzolenti.Se non lo hai letto
    e vuoi farlo,prepara la carta igienica.

    Dimenticavo,quello cui hai accennato,gia' da noi discusso,e'un caso irrecuperabile,ormai e purtroppo.

     

    Lele
     

    RispondiElimina
  48. lo Sconcerti su Conte è sfuggito anche a me, temo, ora unisco i due cognomi su google, e vedo cosa esce fuori. Ho già pronto l'antiemetico, per ogni evenienza. Avete criptato la discussione, ma interesserebbe anche a me sapere chi è il fenomeno del giornalismo sportivo fiorentino che sperpera il proprio talento. Ammetto però di non leggere più i quotidiani locali, quindi magari neanche lo conosco...

    RispondiElimina
  49. Letto: ovviamente la prima voce sotto cui appare è tuttojuve. Che dire? Parte quasi bene, poi deraglia totalmente, fino a definire addirittura Conte un eroe [doppio]: ributtante. Applicasse la stessa logica ad altri campi della vita italiana, potrebbe benissimo fare il portavoce di [* aggiungi nome di politico discusso, a caso].

    RispondiElimina
  50. Mm, ho riletto, e sono incerto: quella di Sconcerti potrebbe essere una provocazione, sarcasmo verso un mondo che è pronto a fare di Conte non solo un innocente, ma addirittura un eroe. Non sono un lettore abituale di Sconcerti, bisognerebbe vedere cosa ha scritto in precedenza su questi temi...

    RispondiElimina
  51. Il primo «eroismo», Deyna, è sicuramente di marca ironica, il secondo è di quell'anticonformismo conformista, di quel polveronismo che si vuole disincantato e lungimirante e che è solo italianamente meschino (per quante paillettes possa addobbarlo) e di cui Indro fu Maestro Qualunque per cinquant'anni. Lele, i figli d'arte indispettiscono ma: quando, come sovente, non sono dei fessi portati a braccia (del tipo dello pseudopreparatore atletico solo nepotistico, che Deyna nei giorni scorsi ha giustamente perculeggiato) e dunque dei poveri assistiti che fanno vergogna al genitore, ne demolliscono l'immagine e si demoliscono con lui, allora godono dell'indubbio vantaggio di avere il mestiere in casa, di averlo appreso come una seconda lingua dalla balia. E' ingiusto per gli altri ma è sempre esistito e non ci si può nulla.

    RispondiElimina
  52. Temo che ci porteranno altre ritorsioni da parte dei palazzi del calcio, ma le nuove dichiarazioni di DDV sugli Agnellini sono altre bordate mirate e centrate. L'unico appunto che gli muovo è il non aver specificato che per trovare Agnelli "lavoratori" bisogna risalire probabilmente ai loro trisavoli, perchè i nonni non è che fossero di pasta molto diversa dagli attuali rampolli, ma forse non ha voluto infierire su persone che non ci sono più.
    Ora sul sifone mi aspetto, proveniente da Bologna, apologia anche degli Agnellini.

    RispondiElimina
  53. Chiarificatore26 ottobre 2012 07:29

    Questi di Agnelli, Vita,  hanno la specificità di essere forse la generazione di più basso livello intellettivo ed intellettuale. Ce n'è uno, con un sorriso rivelatore da ebete  perennemente stampato in faccia, persino ai funerali,  che Marchionne si porta in giro in quanto orpello obbligato, l'altro con l'espressione costante del tossicodipendente. Infatti questa volta DDV non ha neppure ripetuto la battuta dell'andare in barca per fare quella più adatta delle discoteche. Quanto poi al super manager, definito dal Diegone nostro, con una battuta centratissima e tra la giusta ilarità generale, il mago Otelma delle quattroruote, dà il segno del livello rasotera, come dicono a Roma, raggiunto dal gruppo industriale più importante del paese. Il punto è Vita, che ieri DDV non s'è limitato a confermare l'attacco, ha alzato la posta, coinvolgendo questa volta il governo, anzi indicando in esso,, a questo punto, il maggior responsabile se le cose, come purtroppo è prevedibile, dal punto di vista della presenza Fiat in Italia, continueranno a peggiorare. E mo so' cazzi amari, sempre come si dice a Roma, si tratta solo di vedere per chi, eh eh eh.Grande Diego, tanto alle ritorsioni siamo ben  abituati e non dimenticare che questa volta c'è un contesto che rende la battaglia di DDV meno donchisciottesca. Non sembri scontato da parte mia, ma a me è piaciuto anche Renzi, bello tonico, tosto, chiaro, un gigante rispetto a Fini e assolutamente non intimorito ,anzi capace di vincere il confronto con i tre conduttori che in contemporanea hanno provato a metterlo in difficoltà.  

    RispondiElimina