.

.

mercoledì 11 dicembre 2013

A Firenze si fuma un fascio di tutta un'erba

La Fiorentina ha la possibilità di chiudere il girone di andata con 2 punti in più dello scorso anno, ma la crisi dei consumi diffonde una percezione distorta della realtà, e così il primo a farne le spese è Vincenzino Montella “contestato” durante la rivolta dei “forconi” nata anche per reagire a tema alle famose “puncicate” del post partita romano. E se il napoletano, pur senza Mario Gomez ed Ilicic, riuscisse davvero a chiudere il girone di andata a 37 punti, avrebbe compiuto la non facile impresa di abbassare addirittura lo spread. L’anomalia secondo me non è tanto la Fiorentina a 27 punti, l’anomalia sono la Juve e la Roma che marciano abbassando il record del primo intertempo. In un campionato non dopato dai record, la Fiorentina sarebbe quarta tendente al terzo posto, la crisi post sconfitta apre invece la stagione dei processi, con il rischio di rimettere in discussione tutto là dove se proprio c’è da mettere in discussione qualcosa a Firenze è la scelta di Max Pezzali per l’ultimo dell’anno. La Fiorentina ha intrapreso un percorso che sta proseguendo spedito, sta crescendo e lo farà ancora di più quando saranno finalmente iniettate nel corpo della squadra le flebo di mercato. E su questo telaio saranno saldati ancora pezzi importanti in futuro, proprio per arrivare a vincere, quello che oggi non siamo ancora in grado di fare, ma non possiamo mettere l’audio nel presepe con uno che bestemmia. La tanto bistrattata difesa è la stessa dello scorso anno, e se guardiamo bene i numeri ci accorgeremo che dei venti gol subiti solo 4 sono ad opera degli attaccanti (esclusi i 2 rigori), 4 da difensori e 10 da centrocampisti. Anche se di San Frediano penso che sia più appropriato parlare di fase difensiva che non può essere quindi circoscritta ai soli difensori. La crisi insomma non ci colpisce così virulenta, e se chiudessimo davvero a 37 punti probabilmente porterebbe tutte queste critiche verso Tavarnuzze facendole salire in piazza della Calza proprio sul 37. Se Neto poi passa dal bidone al potenziale campione con la stessa isterica fluttuazione dello spread, con Montella bisogna avere un po’ più di equilibrio visto che bisognerà riconoscergli tra l’altro anche qualche merito sul recupero di Vargas, il napoletano sbaglia come tutti gli allenatori del mondo, e lo ha fatto, ma non so chi più di lui oggi ci avrebbe potuto garantire lo stesso spessore europeo in così breve tempo, e con  gioco contemporaneo. Oltretutto Montella è un valore aggiunto anche fuori dal campo, il suo atteggiamento che include serenità, equilibrio ed ironia è impagabile, a meno che non si voglia, oltre al catenaccio di ultima generazione anche la capacità di recriminare ad oltranza del Mazzarri di turno. Altrimenti devo pensare che tra i 180 milioni di consumatori di marijuana nel mondo, cifra che dimostra come sia la droga più usata dopo il calcio, la cui percentuale di consumatori media è il 3,9 per cento, mentre in Italia, Francia, Spagna e Nordamerica la percentuale dei consumatori sul totale della popolazione supera l’8 per cento, dicevo che devo pensare che proprio a Firenze se ne fa un largo uso, anzi un uso in lungo e in largo. Capisco la crisi in generale e capisco ancora di più la crisi del post sconfitta, ma non si può fare di tutta un’erba un fascio specie dopo aver scoperto che a Firenze si fuma un fascio di tutta un’ erba. Contro la crisi del resto vanno adottate contromisure adeguate, per questo Natale volevo comprarmi un bell’orologio, ma siccome non ho il fatturato della Juve e nemmeno quello della Roma in grado di riconoscere a Ljajic uno stipendio superiore di tre volte a quello che percepiva a Firenze, solo per tenerlo in panchina, sono andato in un negozio di cinesi per comprarmene un’imitazione. Però costava troppo anche quella e allora mi hanno proposto un’imitazione dell’imitazione. Ieri sera grazie al mio nuovo orologio mi sono collegato perdendo 25 minuti buoni di Galatasaray-Juventus, ma ero ben disposto perché per la prima volta ho sentito il richiamo della patria, si, lo confesso ho sentito l’esigenza di fare il tifo per Mancini. E puntualmente ha nevicato.

90 commenti:

  1. Marijuana....Juve......neve.....Lapo!

    RispondiElimina
  2. Pollock, mi sintonizzo sulla frequenza del tuo ottimismo. La squadra monca ha la possibilità di fare meglio dello scorso anno e poi un girone di ritorno da spaccaculi. Se davanti reggeranno questo ritmo vorrà dire che siamo incappati in un anno eccezionale come una donna che non rompe il cazzo sotto periodo premestruale, e bisognerà levarsi il cappello.

    Io intanto soffro d'incontinenza
    bloggatoria:

    Ideliridelgiovanefoco.blogspot.it

    Diritti d'affissione non pagati.

    RispondiElimina
  3. Perfetto Poeta, hai scritto su Montella esattamente quello che andava scritto.
    Aggiungerei solo una considerazione: tra i suoi detrattori c'è anche chi, per attaccare la Società lo santifica, ma nello stesso tempo, nel colmo dell'ipocrisia, non esita a dargli del bugiardo quando difende l'acquisto di Gomez e quando afferma che è stato Ljajic a volersene andare.
    Si può essere più spregevoli e finti tifosi viola del buffone provocatore svizzero di Pietrasanta?

    RispondiElimina
  4. Messe in chiaro le cose su Montella, come ha fatto molto bene a fare il poeta, vorrei che si potesse discutere, laicamente, di suoi eventuali errori, visto che, pur essendo entusiasti di lui, non abbiamo alcuna intenzione di santificarlo.


    Ripropongo quindi gli errori che ha fatto a mio modesto avviso:


    1) A Roma, pur senza essere un cagasotto, due volte, contro la Lazio e contro la Roma, si è cagato sotto.


    2) Pasqual titolare e capitano è un non senso.


    3) In assenza di Gomez un po' più di coraggio con Rebic ci voleva da parte del pur coraggioso Montella.

    RispondiElimina
  5. Bene, prendiamo atto che avanzare critiche tattiche basate su dati di fatto oggettivi, gol presi come Chievo e Atalanta..., invece di essere analizzate con spirito obiettivo, sono rimandate ai mittenti con l'accusa di uso di cannabis, come dire che tale analisi é dovuta ad uno stato di confusione mentale.
    Facciamo finta di aver interpretato male torno sullo specifico mi chiedo, come fa giustamente il CHIARI perché non si possa parlarne( soprattutto se come detto i numeri ti danno ragione) senza passare per catenacciaro o filo mazzarriano. Ributto, anche a livelll di stomaco, ogni santificazione, quindi anche quella che si tenta di creare intorno a Montella. Ho detto in tempi non sospetti che Mazzarri certe partite le porta a casa, senza tanti fronzoli o estetisimi. Ho anche detto, sempre in tempi non sospetti, che se potessi scegliere tra i due mi terrei Montella, ma é sacrilegio dire che scazza anche lui e lo fa ancjhe ripetutamente? e' offesa chiedergli un progresso dopo lo scorso anno, ora che ha ( parole sue) rosa piu' ricca? E' offesa affermare " che cazzaccio c'entra l'assenza di Gomez con i 20 gol presi?" Chievo a Aralanta hanno Gomez? Conte che ha messo a posto la sua difesa, lo definite difensivista? Io credo, che il rientro del tedesco metta a posto l'impostazione tattica, ma che purtroppo, se Montella non troverà soluzioni di contenimento,(che ad oggi sembrano temi che non lo interessano, per nulla,) si continuerà a soffrire dietro.
    Tutte le squadre ma proprio tutte, in questa fase iniziano la difesa pressando con gli attaccanti, Tutte fuorché la nostra. Guardate cosa fanno nelle grandi Neymar, Tevez, Ronaldo, Rooney, Eto'o, Drogba etc. e dietro loro tutti gli altri: un pressing difensivo che aiuta i centrocampisti e difesa. Ditemi chi, all'infuori di Matos, si é mai preoccupato: Rossi? Cuadrado? Joaquin? Qiualcuno gli ha detto di farllo? Gomez, quando rientrerà, dovrà farlo gradatamente, quindi lo metto in stand by. Se non si comincia a difensere alti,, se oltre a questo, si continua testardamentre a insistere sui tre tenori, si continuerà a soffrire dietro, beccare gol, per poi dare tutte le colpe ai difensori. Beatificazione di Montella o meno, questo é.

    RispondiElimina
  6. Parallele per CHIARI......
    1. Bersani: "Il rinnovamento va bene, ma Renzi non usi la clava".

    2. Bersani: "PIETÀ, MATTEO, PIETÀ!"

    RispondiElimina
  7. Sopra, delle sette di segreteria mi farei, a cuor leggero e a cazzo pesante, soltanto la Debora: non che sia una bellezza, ma c'è un qualche lolitismo, in lei, che va l'oltre l'età anagrafica si accompagna a un'intelligenza provocante. Le altre sono militanti acqua e sapone, impalate come una candela di sego, presumibilmente con grossi problemi di lubrificazione, da farlo ammosciare anche a Trentalance.

    RispondiElimina
  8. LELE, ne santificazione ne beatificazione ma neanche crucifige! I santi sono la giustificazione alle malefatte terrene, la croce è aberrazione pura (è sia morte sia salvezza per cristiani). Montella non promette, manda avanti il suo lavoro e questo è giá da leader; se rimane sordo ai richiami per la difesa sicuramente commette errore marchiano. Io rimango dell'idea che una squadra per vincere non la tiri su in uno o due anni, a meno che uno sceicco voglia bruciare i suoi soldi. Lo stesso Napoli ha impiegato oltre due anni per un portaombrelli che è diventato un nostro obiettivo, la Roma spende spende -3 allenatori 3 - e ancora non stringe. Montella insegna pazienza e qualcuno ieri ha scritto : tra un anno alla pari con la Juve (troppo???), quindi un altro obiettivo c'è, entro un anno. I tasselli sono ancheni difensori (gennaio e luglio) che arriveranno. Certo che i tre tenori creano problemi alla retroguardia ma l'anno scorso? Non era uguale? I due ex slavi coprivano meglio? Pressavano di più?......Certo che puoi e possiamo (e dobbiamo) criticare ma che il timore non sia mai un dubbio. Il dubbio è letale.

    RispondiElimina
  9. Lele Lele, allora ti confesso che il pezzo di oggi l'ho scritto dopo aver fumato una canna d'erba, e ho dovuto ricominciare a fumare per seguire meglio il nuovo Blog di "Foco". Comunque Mazzarri con il Parma non l'ha portata a casa la partita.

    RispondiElimina
  10. Se cercate di farmi passare per tifoso dell'Inter, mi sa che un navete capito una sega nulla.

    RispondiElimina
  11. Contro il Dnipr dentro ancora Ambrogio che per fortuna non potrà giocare col Bologna perché squalificato, Ilicic che ha un'occasione e Giovacchin, che non ci sarà nemmeno lui domenica perché Vincenzino intende riproporre il tridente fasullo che ha giocato con la Roma. Fuori uno tra Rodri e Savic. Una partita di falso turn-over, che non ci dirà nulla. Vinceremo di misura. Intanto La Nazione rivela che nuovi investimenti a gennaio saranno fatti da DDV solo se «vedremo» la Champions al giro di boa: credo che, col calendario che ci attende, si possa essere ottimisti; solo il match col Toro dà qualche inquietudine, perché Cerci è il tipo di giocatore che incula Vincenzì al 76,6666% periodico, onde si tratterà di segnare un tris per vincerla (ricordo il mio analogo pronostico per la Roma: due gol per pareggiarla, tre per vincerla; ne segnammo uno solo).

    RispondiElimina
  12. E' un vuoto a perdere, Sopra.

    RispondiElimina
  13. Il falso tridente troverà campo fino a Gomez. Vinceremo malgrado Montella, perché la squadra è troppo forte anche per le sue recenti cazzate.

    RispondiElimina
  14. Lo svizzero è un vuoto a perdere, Sopra, altro che diritto di riscatto!
    Che se lo ciucci il sitone.
    Quanto a Bersani invece sono, da tempo, addirittura disposto a pagare perché qualcuno se lo prenda. Ah ah ah ah ah ah!!!

    RispondiElimina
  15. I dubbi si dissolvono davanti ai numeri.. Per vinvcere qualcosa si piglian troppi gol e per me molta reponsabilità ce l'ha l'allenaore che in dua anni non ha ancora ovviato.Non sono io che li aggiusto, i gol presi, sono li' che parlan da soli. Il concetto che non mi riesce far capire é che giocare d'attacco alla cazzo di cane ( scusate il francesismo) a me non garba a voi si, e fin qui nulla da dire che fortunatamente ognuno ha i suoi gusti. Il mio predilige un gioco piu' omogeneo e non integralista, purché sempre portato alla ricerca dei 3 punti, modello Conte. Solo con quell'atteggiamento puoi vincere qualcosa( non lo dico io ma la storia)
    La Fiorentina piu' vicina al terzo scudetto é stata quella pratica del; 81/82 quella piu' poetica ed esteticamente piu' bella 83/84 fece molti meno punti., il resto son bla bla bla. Per 20 anni son stato abbonato e ricordo bene.
    Non crucifiggo nessuno, solo dico la mia corroborata da fatti e mi difendo quando poco sommessamente mi si accusa di attacchi coach oppure mi si viene a rispondere che Mazzarri ha pareggiato col Parma...come se una due venti partite possano offuscare una carriera. e poi che cazzo mi frega a me di Mazzarri.
    Mah senti io abbandono il dibattito, non c'é peggior sordo di chi non vuol sentire, o di chi distorce, d'ora in avanti parlero' d'altro..

    RispondiElimina
  16. Mi sembra che vi sia sfuggito il pauroso infoltimento del dossier pietrasantino quale provocato dall'incomprensibile, se non sul piano psichiatrico, riproposta di un post viareggino alla vigilia di Fiorentina-Lione di quattro anni fa. Ormai usa cloaca, come doveroso, alla stregua dello scarico di casa. Eliogabalo conservava lo sperma delle sue seghe in flacone, siamo a quei livelli.

    RispondiElimina
  17. Il buffone finto svizzero di Pietrasanta è un nemico della Fiorentina, aveva ragione Stefano.


    Sul contenzioso Prandelli-Fiorentina si schierò con Prandelli e contro la Fiorentina.


    Sul contenzioso Montolivo-Fiorentina si schierò con Montolivo e contro la Fiorentina.


    Sul contenzioso Ljajic- Fiorentina si schierò con Ljajic e contro la Fiorentina.


    Ora sta provando miseramente a costruire, inventandoselo, un contenzioso Montella-Fiorentina, sul quale ovviamente già si è schierato contro la Fiorentina.


    Tre indizi fanno una prova, a carico del buffone ce ne sono almeno già quattro.

    Fate voi.

    RispondiElimina
  18. Lele, mi devi concedere la licenza poetica. Io scrivo tutti i giorni da quasi due anni. Consecutivamente. Capisci a me. Le canne aiutano ma non sono sufficienti.

    RispondiElimina
  19. LELE, in genere sono io che abbandono perché non voglio zallerizzarmi, non mi piace tikitakare per giorni e giorni.....Chioso: non hai tutti i torti, il mio timore (non dubbio) è che si mandi al massacro Montella, solo questo. BLIMP, basta con le lolite, ti arresteranno prima o poi!!

    RispondiElimina
  20. Colonnello, spero ti senta in colpa per avermi incuriosito sullo Zaller, dato che leggendo il suo penultimo post ho vomitato.

    RispondiElimina
  21. Lele, che Montella scazzi o possa scazzare mi pare evidente a meno che non si ritenga un'allenatore con 3 anni di serie A infallibile. Ci sono allenatori che anche dopo 20 anni non hanno compiuto un passo in avanti rimanendo chi a metà del guado chi ancora a bagnarsi i piedi. Che lo si possa sottolineare non ci piove. Che scazzi ripetutamente non sono d'accordo, non avremmo 27 punti (a voi continuano a sembrare pochi nonostante le defezioni....vabbé......) ed il capocannoniere della serie A con 12 goal all'attivo. Illusioni a parte abbiamo una rosa da quarto/quinto posto se tutto va bene senza inciampi, squalifiche, raffreddori e giochi regolari, aggiungiamo che quest'anno si fa pure una coppa ed il quadro dovrebbe essere già completo. Sul fatto delle scelte iniziali si può discorrere all'infinito, se Pizarro non è al top preferisco Ambrosini al posto di Mati, maggiore esperienza e contenimento anche perché il giovane cileno non ha mai avuto influenza preponderante in nessuna partita fino ad oggi, non ha mai spostato l'ago della bilancia e non ha mai inciso a livello di risultato, e non parlo di score, di goal, che pure qualcuno in più, visto quanto viene incensato qui, avrebbe dovuto segnarlo dato che è molto più offensivo che costruttore di manovra o interditore. I vari Roncaglia o Compper al posto di questo o quello in difesa lascia il tempo che trova, sempre nello schieramento iniziale, magari a partita in corso, se c'è sofferenza, un qualcosa va fatto ma tutto il pacchetto arretrato è di medio, a volte, buon livello, ma non abbiamo chissà cosa la dietro. Dopo un anno in più sul gobbo gli errori aumentano invece di diminuire segno che viene curata poco la fase difensiva (e qui Montella ha responsabilità) quindi deduco che li dipingiamo più forti di quanto in realtà non siano. L'unico vero appunto, a mio parere, che sento di dovergli muovere è l'utilizzo costante e reiterato di un giocatore che nulla sa fare dietro e poco davanti che diventa molto quando la squadra gira, tutta, a mille. Porta la fascia al braccio. Lo archivio fra i misteri del calcio.

    RispondiElimina
  22. Di tutti i giocatori avuti in rosa negli ultimi 8 anni c'hanno chiesto Kuzmanovic, Mazuch, Jefferson, Lepiller, Melo......la lista di campioni è indefinita, veri e proprio Campioni!!!! Pasqual non lo ha mai cercato, chiesto o voluto nessuno, ci sarà un motivo ?! Eppure quando sta bene da noi ha il posto fisso, e lui continua pure a sperare in una chiamata in nazionale.

    RispondiElimina
  23. Per gli anziani vale la legge di natura ma se fosse successo qualcosa a Deyna sarebbe atroce. Credo che solo per rassicurarci avrebbe dovuto farsi vivo, gliene voglio per questo e cioè voglio volergliene per questo, perché non voglio pensare ad altro più grave.

    RispondiElimina
  24. Lo penso anch'io. La sua assenza è drammatica. Mi chiedo cosa si possa fare per avere notizie.

    RispondiElimina
  25. ci dev'essere un motivo che noi non riusciamo a vedere, se questo
    giocatore ha il posto assicurato. Di certo montella è conscio della sua
    mediocrità, ma forse dà più importanza alla disciplina tattica, forse
    solo lui gli assicura una specie di raccordo a tutto campo, pur senza
    doti tecniche, come se fosse una specie di muro su cui tirare la palla
    per farsela ridare, tipo la gabbia di orrico.. boh.. O forse sembra
    brutto togliere un così bravo ragazzo solo perchè non sa giocare. No, davvero, voi che spiegazioni razionali date a questa cosa, dando per scontato che montella non sia cieco e veda anche lui come gioca il capitano, perchè insiste?

    RispondiElimina
  26. Su Deyna sottoscrivo in pieno le accorate parole del Colonnello.

    RispondiElimina
  27. ci dev'essere un motivo che noi non riusciamo a vedere, se questo
    giocatore ha il posto assicurato. Di certo montella è conscio della sua
    mediocrità, ma forse dà più importanza alla disciplina tattica, forse
    solo lui gli assicura una specie di raccordo a tutto campo, pur senza
    doti tecniche, come se fosse una specie di muro su cui tirare la palla
    per farsela ridare, tipo la gabbia di orrico.. boh.. O forse sembra
    brutto togliere un così bravo ragazzo solo perchè non sa giocare.No, davvero, dando per scontato che montella vede benissimo quali sono le qualità del capitano, secondo voi quali vantggi ci trova?

    RispondiElimina
  28. Carissimo Antoine, a dimostrazione del fatto che pur essendo io un sostenitore di Renzi non lo considero ( anche lui) un santo né uno infallibile, su amnistia ed insulto, e più in generale su un provvedimento di clemenza, sono pienamente d'accordo con te.
    Ciò detto la posizione della Morani è diametralmente opposta a quella di Salvini. Salvini dice che bisogna buttare la chiave o di mandarli a casa loro se sono stranieri, la Morani invece dice, giustamente, che il carcere deve rieducare.

    A più tardi.

    RispondiElimina
  29. Ovviamente volevo dire indulto, non insulto. Anche se qualche insulto chi delinque se lo meriterebbe.

    RispondiElimina
  30. Quindi se scrivo che la Roma finirà dietro di noi rischio linciaggio.....O significa che non capisco una emerita, bella, turgida, irrorata, splendente, piena, confacente, rossa mischia di calcio?

    RispondiElimina
  31. ......e favorire, così, il reinserimento.

    RispondiElimina
  32. Nessuno lo merita, caro Chiari. Che il carcere debba rieducare lo dice la Costituzione e questo Morani ripete da perfetta mediocre. Quindi, se il carcere non rieduca (ma quello italiano non solo non rieduca, ma tortura) è incostituzionale, quindi illecito. Incarcerare oggi in Italia è compiere un illecito.

    RispondiElimina
  33. C'è un "ma" di troppo.

    RispondiElimina
  34. Sarebbe "minchi@".

    RispondiElimina
  35. Per quest'anno, caro Sopra, si, sa tanto di minchiata.

    RispondiElimina
  36. E poi ci sarebbe da dire qualcosa sull'assenza dal sitollock del grande Ludwig Zaller...

    RispondiElimina
  37. Zazà, Multinick, Beberri, il Senese, Filippuccio, Giannelli, Californiaviola a titolo definitivo più cenone offerto dal solito Chiari per il prestito di Deyna con diritto di riscatto.

    RispondiElimina
  38. Mi unisco nuovamente all'augurio per Deyna, che mi preoccupa e non da oggi

    RispondiElimina
  39. Pietrasanta in festa per l'articolo odierno di Calabroleso, il quale giudica puro flop il mercato viola salvando solo Ambrogio, in effetti balogio che non merita elogio. Zazà fieramente afferma: ora vu' lo dihe tutti, in estate l'ero l'uniho a dillo! A voi il commento.

    RispondiElimina
  40. Devo ringraziare "Domenico Roma" e lo faccio qui perché mi scrive sul post
    dal titolo "Tutte le strade portano a un post di Domenico Roma" dell' 8
    ottobre. Può sembrare ironico quel rimando al Pulitzer, ma non è così,
    Domenico ha sempre creduto in me e quindi lo dice sul serio. Quello che
    posso fare è invitarlo a scrivere per il gusto di frequentare il blog e
    non solo per cercare di influenzare una giuria così prestigiosa.

    "Grazie, Pollok: avermi dedicato il titolo e il contenuto di uno dei tuoi
    meravigliosi articoli è un onore, per me. Continua così, non demordere.
    Il Pulitzer è vicino (oppure Vecino?)".

    RispondiElimina
  41. affanculo la Juve !!!! Merde!

    RispondiElimina
  42. Deyna, le merde sono a casa! A casa le merde!

    RispondiElimina
  43. Belle le dichiarazioni, a fine partita, di Drogba "This match, this Beautiful afternoon is dedicated to Deyna. Enjoy the show, old-flag!"

    RispondiElimina
  44. Che dire: Dio esiste! (non è vero, ma chi se ne frega).

    RispondiElimina
  45. Giancarlo Padovan dovrebbe tornare da Criscitiello e spiegare come poteva e quali meriti si potevano ascrivere alla Juve, una squadra che ha vinto una sola partita (contro la Cenerentola), nel passare il turno.....Lui lo ha gridato in tv, contro i gufi "La Juve ha la qualificazione in tasca, quasi scientifica". La scientifica occorrerà sui luoghi dei suicidi dei gobbi!
    Immagino Conte, con sua voce rotta, "C'è chi non vuole bene alla Juve"... Appena ci sarà tv interattiva (intervistato-spettatore) risponderò subito "Io!".

    RispondiElimina
  46. Si era già lamentato alla fine del primo tempo gridando "this is not football". Un cazzone totale, una merda sopra le merde.

    RispondiElimina
  47. Sì, la vita può essere bella... Se anche Napoli (molto probabile) e Milan (ci sta comodamente) uscissero, sarebbe il punto più basso, da sempre, del calcio italiano quale certificato dalla Champions. L'eliminazione, al primo turno dei Mondiali, da parte del Giubba Fetido confermerà il naufragio. In controtendenza, invece, la vittoria della Coppa Uefa da parte della Fiorentina, ma non so se basterà a garantirci ancora le tre squadre in Champions.

    RispondiElimina
  48. La rivincita di Melo: li ha affossati quand'era con loro, li ha affossati da avversario.

    RispondiElimina
  49. Anche Drogba doveva essere loro «al cento per cento» (Crisci) nel gennaio scorso. I fatti, stupidi e ostinati, contro l'Idea...

    RispondiElimina
  50. Gocce di felicità... Deyna, esci fuori1 Zampilla insieme a noi!

    RispondiElimina
  51. Tengo a sottolineare che "massacrare" é termine improprio per chi gode di tale consenso. Io critico perché son deluso, dopo un anno dove mi aveva stupito, Per me non ha aggiunto nulla, nessuna evoluzione, anzi ho notato una certa prandellizzazione. e integralismo zemaniano.
    Comunque, Franco, mica lo schifo , divessi dire chi preferirei ci dovrei pensare molto e chissà se troverei risposta, solo che siccome mi garba in moltissime aspetti, mi piacerebbe un processo tattico diverso.

    RispondiElimina
  52. Abbiamo capito perché SportItalia ha chiuso.

    RispondiElimina
  53. Alla fine del primo tempo Conte ha preso sottobraccio Drogba chiedendogli di convincere l'arbitro a sospenedere il match: «Questo non è calcio!». Non si vede perché lamentarsi, la Juve al calcio come le latre non h mai giocato. E vai adesso col nicchiampionato e col braschiampionato! Quelli, non deludono mai! Ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  54. Ahahahahahahahahahah! Tuttosport titola: «Juve beffata». Ma da chi? Ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  55. Se vi prendete la briga (e il tempo) potrete leggere il mio post, scritto dopo Juve-Real. Scrissi "Juve, Gelatasaray". Ahahaah.....ahahahah....Scontri tra manifestanti e tifosi Ajax a PIAZZALE LORETO....ahahahah ahahah ahahahah....Che presagi oggi per l'Italia.....

    RispondiElimina
  56. Sempre Tuttosport titola, circa le dichiarazioni di Mancini nel dopogara: «Poco galanti». E che volevate, pure il petting? Ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  57. E Juve merda e Juve merda, Juve merda Juve merda, Juve merda Juve merda Juve merda Juve merda... Ahahahahahahahahahahah! Cacca e piscio sulla parrucca: ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  58. «Dove abbiamo sbagliato però è stato ridurci all'ultima partita con la qualificazione in ballo. Può capitarti l'impossibile e allora ne paghi le conseguenze»: la sconfitta della Juve è «l'impossibile»... Aahahahahahahahahahahahah! O Parrucca, la Champions non è mica il campionato italiano, dove Nicchi e Braschi organizzano il possibile... ahahahahahahahahahah! Là nella valle, c'è un filo d'erba, Juve di merda Juve di merda! Ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  59. Freddo teso fiorentino di quando eravamo ragazzi, Fiesole cinta di pallido rosa dal sole prossimo a svanire, voci di donna dai canti delle strade, lento fumo di foglie bruciate che in prigra colonna al cielo sale... Non scorderemo quest'ora... L'ora del vero godere!!!!

    RispondiElimina
  60. Tutti i calciatori della Juve con le cuffie, ascoltando i Doors "This is the end". Melo sentivoooooo! Siamo tutti Drogbatiiii! Non c'ê più Sukur ma i gobbi sukanoooo! E vabbê, Ebouè!!! Snidati da Snijderrrrrr!! Questi tiri Manciniiiiii!! Ylmaz gli hanno apertoooo!!!

    RispondiElimina
  61. Beh, Antoine, delinquente è un insulto, un delinquente merita di essere chiamato delinquente, senza infingimenti. Nello stesso tempo, come dice la Costituzione e come tu giustamente ricordi, lo Stato mettendolo in carcere ha il dovere di rieducarlo e così di reinserirlo.

    RispondiElimina
  62. Antoine, delinquente è un insulto, un delinquente merita di essere chiamato delinquente, senza ipocrisie. Nello stesso tempo, come dice la Costituzione e come tu giustamente ricordi, lo Stato quando lo mette in carcere ha il dovere di rieducarlo per reinserirlo una volta scontata la pena.

    RispondiElimina
  63. Io godo come un riccio, Sneider tra i grandi, come Magath.

    RispondiElimina
  64. Volevo dire Sneijder.
    Chiedo scusa per l'errore al calciatore olandese che rimarrà impresso nella mia godereccia memoria per tutta la vita. Ah ah ah ah ah ah ah!!!!

    RispondiElimina
  65. Chiari, intendevo affermare che neppure un delinquente merita di essere insultato, non che chiamarlo delinquente sia un insulto.
    Ad ogni modo, è certo che l'attuale situazione delle carceri italiane comporti per i detenuti un inevitabile trattamento inumano e degradante e non rieduchi. Quindi le carceri italiane sono incostituzionali. Quindi incarcerare, oggi, in Italia, è compiere un atto che va contro la Costituzione. Quindi chi sostiene, come Morani, che amnistia e indulto sarebbero contro la rieducazione dei detenuti ha gravi problemi, temo irrisolvibili.

    RispondiElimina
  66. Ahahahahaha, la juve fuori ahahahahahaha e si sentivamo già qualificati ahahahahaha è colpa della neve, loro non ci sono abituati, eh già, a Torino ci sono i monsoni ahahahahahahahaha it's the same old story...in Italia avanti a ruberìe, in Europa figure di merda ahahahaha una sola vittoria in sei partite, contro una squadra materasso ahahahaha
    Il fatto che vengano a romperci le palle in Europa League in verità non è che mi piaccia molto, ma è troppo bello vederli eliminati ahahahahaha

    RispondiElimina
  67. Antoine io intendevo che un delinquente merita di essere insultato non genericamente ma proprio in quanto delinquente.
    Delinquente è un insulto. Un uomo quando delinque insulta se stesso oltre che offendere il prossimo e la società.

    RispondiElimina
  68. Poi occorrerà anche precisare che i detenuti, in Italia, oggi, sono in maggioranza individui sottoposti a carcerazione preventiva, quindi presuntivamente innocenti.

    RispondiElimina
  69. Giusto Antoine, infatti quelli in carcerazione preventiva non vanno considerati delinquenti.
    Invece, ad esempio, va considerato delinquente Berlusconi che pure non è in carcere.

    RispondiElimina
  70. Non credo, Chiari, che definire delinquente un delinquente (se lo è, ossia se una sentenza definitiva lo ha accertato) significhi insultarlo. Almeno non in senso giuridicamente rilevante.

    RispondiElimina
  71. In senso giuridico no, infatti non ti può fare causa. Ma lo è un insulto alla persona, sul piano etico.

    RispondiElimina
  72. Ovvio che stasera sto godendo quasi al livello del 4-2 d'un mese e mezzo fa. Sentire quello squallido gobbaccio di Mauro belare che non era giusto che la Juve venisse sbattuta fuori, era il massimo della libidine. E poi tutte le lamentele per il campo impraticabile, cmne se solo la Juve fosse una squadra di calcio e l'altra invece di postelegrafonici. I postini Drogba e Snejder gli hanno infilato una bella raccomadata su per il culo alla Testa Buona Solo per Portare Gatto!
    Il fatto è che sono riusciti a vincere solo una partita in casa coi danesi. Questa è la realtà, senza contare che il "campo impraticabile" di norma torna a vantaggio di chi ha a disposizione due risultati su tre. Facile rubare in Italia, ma in Europa non ci sono Nicchi e Braschi. Tiè!!!

    RispondiElimina
  73. A più tardi Antoine.

    RispondiElimina
  74. CHIARI, almeno champagne virtuale....su...festeggiamo 'st'uscita dei gobbi!

    RispondiElimina
  75. Bella soddisfazione stasera!
    Ma domani battiamo il Dnipro, magari senza soffrire.

    RispondiElimina
  76. E vada per lo champagne virtuale, virtualmente, e sottolineo virtualmente, offerto da me!!!

    RispondiElimina
  77. Questi vanno a vincersi l'EL in casa loro facendo il paio con lo scudetto e parleranno di stagione fantastica. Avrei festeggiato una loro dipartita agli ottavi, non adesso.

    RispondiElimina
  78. Rosso a Montolivo

    RispondiElimina
  79. Montolivo è veramente un Grande Idiota: nella partita decisiva per il passaggio del turno si fa espellere per un fallaccio scomposto e inutile. Peggio per chi lo ha voluto.

    RispondiElimina
  80. io dico che non vinceranno nè l'una nè l'altra, e che in el andremo più avanti di loro

    RispondiElimina
  81. Purtroppo l'Ajax è scarsissimo.

    RispondiElimina
  82. Peccato, anche se è certo che faranno la solita figura di merda agli ottavi.

    RispondiElimina
  83. Stai a vedere che si accorgono che senza Montolivo è meglio, anche giocando in dieci.

    RispondiElimina
  84. Due accoltellati gravi, figuratevi se fosse accaduto a noi...

    RispondiElimina
  85. Ammiro chi sa fotoscioppare cosi' bene!

    RispondiElimina
  86. Ma, mi chiedo : se il finto svizzero di ginevra si volesse desvizzallerizzare, vi desvizzallerizzereste voi?

    RispondiElimina
  87. Sulla filosofia di gioco e sull'attaccare spesso alla cazzo di cane non compensando i rischi che, per farlo, si corrono dietro, sono perfettamente in linea con te. Sul confronto Fiorentina 81-82 e 83-84 ci andrei invece più cauto, tutte e due penalizzate dai due gravi infortuni di Antognoni, ma la seconda molto di più. Quando Pellegrini ce lo stroncò avevvamo messo il turbo e credo che sarebbe, finalmente, finita bene.

    RispondiElimina