.

.

giovedì 23 agosto 2012

La mecca del meccanismo

Una volta messo il puntero sull’albero di Natale di Montella rimarranno da oliare solo i meccanismi, e intanto aspettiamo sabato con trepidazione, sperando che Beatrice si ricordi di Dante e ci venga a rinfrescare l’esordio. Perché a braccetto con Lucifero ci viaggia l’ennesima decisione sciagurata della Figc che fa scopa con l’orario della partita di Tim Cup come se fosse stata una genialata da replicare invece della stronzata di un replicante, e dulcis in fundo va a braccetto anche con la decisione di allargare a 12 la lista dei giocatori da portare in panchina, un Giancarlo Abete che accogliendo la richiesta della Lega di serie A, di fatto contribuirà all’ulteriore svuotamento degli stadi, visto come si puntava almeno all’apparenza, con quel generoso colpo d’occhio regalato dalle rose lunghe che costringevano gli allenatori a mandare i giocatori in tribuna. Tornando a noi la rivoluzione è quasi completata con l’addio di Felipe e Cerci, quello probabile di Lazzari e quello augurabile di Vargas, tre dei quali forse neanche troppo casualmente invischiati nel giallo delle pernici. Dicevamo però che adesso l’obiettivo sarà quello di mettere a punto i meccanismi in modo da perdere meno terreno possibile nella fase di rodaggio, e sappiamo con certezza che Montella e il suo staff hanno già applicato i loro metodi innovativi anche alla velocizzazione di questa prima fase delicata della stagione. E lo sappiamo grazie al bel rapporto che si è venuto ad instaurare a Moena tra la nostra inviata e il gruppo di lavoro del tecnico, che si sono “riconosciuti” proprio per quel modo di guardare al lavoro con gli occhi del navigatore che cerca nuovi territori da scoprire, non a caso viene usato il GSM, ed è grazie a questa simpatia professionale che la Bice è riuscita ad avere in esclusiva proprio un’anticipazione sul tema delle innovazioni applicate alla registrazione dei meccanismi, un antipasto sui metodi scelti al quale anche il blog ha saputo rispondere con lo stesso linguaggio. Nella foto di copertina il mister ha mostrato alla nostra inviata uno dei tanti sistemi utilizzati per accorciare i tempi della messa a punto degli ingranaggi, in questo caso specifico ha voluto evidenziare come siano stati adottati solo meccanismi facilmente assimilabili, e nel caso svelato alla Bice ha precisato come non sia stato lasciato niente al caso, anzi, ha indicato il metodo sperimentale usato per far assimilare meglio al gruppo l’orario di rientro a casa la sera attraverso delle semplici e salutari spremute, confidenze poi raccolte dalla Bice smentiscono le voci sul fatto che Cerci fosse stato messo sul mercato dopo il fatto delle pernici, mentre la decisione è stata presa dopo che Montella al breefing tecnico aveva spiegato i vantaggi di questo metodo innovativo studiato per l’assimilazione degli orari di rientro, e il giocatore invece di spremere e bere si era invece intestardito a volerlo guardare pensando che fosse l’Arancia meccanica di Kubrick e non quella di Montella. Nella seconda foto, la Bice mostra orgogliosa come anche la Riblogghita si sia dimostrata avanti, al passo coi tempi utilizzando persino un contapassi, e facendo notare come gli stessi tacchi indossati dall’inviata fossero dotati di meccanismi ideali per ritirare su il morale quando questo ci fosse mai finito sotto magari dopo un risultato sfavorevole, ideali poi anche per fare il tacco e punta, una tecnica di guida che permette di frenare e accelerare contemporeanamente, indispensabile ad un inviata moderna per arrivare prima degli altri a svelare il vero nome della nuova punta, appunto, un tacco insomma che è innovativo ma allo stesso tempo anche un po’ vintage, e che la Bice indossa con riconoscenza per il lavoro svolto da un indimenticato DS come Corvino, insomma un riferimento chiaro al meccanismo contorto che ha portato all’acquisto di Di Tacchio.

12 commenti:

  1. Quest'anno non ci ferma nessuno!

    RispondiElimina
  2. Antognoniforever23 agosto 2012 15:28

    Devo dire che la partenza di Cerci mi dispiace. E’ un giocatore che mi ha fatto incazzare parecchio, soprattutto all’inizio, quando sembrava voler scartare tutti gli avversari, non passava la palla, non tornava, non  copriva e sembrava un corpo estraneo.  Poi ha avuto una certa evoluzione tattica, è molto migliorato soprattutto sul piano dell’impegno e della grinta, anche se è rimasto un tipo un po’ genio e sregolatezza (in campo). Ho cominciato ad apprezzare il suo essere anarchico in campo e un po’ naif fuori dal campo e adesso mi è decisamente simpatico. Pensavo e speravo che potesse dare ancora tanto alla Fiorentina (io mi sono fissato di farlo giocare di punta, anche centravanti), ma comunque almeno va al Toro, che è un po’ la mia seconda squadra: gli auguro, con il suo maestro Ventura, di poter esprimere al meglio il suo enorme potenziale, per lui e per i fratelli granata.

    RispondiElimina
  3. Daje Di Tacchio daje de punta,eccoci a poche ore dall'antivigilia del primo match di campionato,l'ex più bello del mondo;in un mese "Attenti a quei due" hanno operato sia epurazioni sia operazioni al grido di "Cambia o ti cambiamo" ed infatti coloro dotati di cabeza caliente stanno per essere esodati verso lidi di più basso cabotaggio,altri dotati di cabeza fria sono svernati a dar manforte alla città del panforte o a trovare lanterne nella città della Lanterna,dove sicuramente perdoneranno il suo prendere lucciole per lanterne.I rigattieri del calciomercato han trovato ferraglia per loro,e a noi Roncaglia;spariti i seguaci di small-crow(comunque da ringraziare poiché per 2/3 anni ha fatto cose buone)rimangono sparvieri ad aleggiare ma come disse il responsabile della mensa argentina a colui che andò a prendere un pasto per il portiere argentino loco "Non c'è trippa per Gatti".Ora che è difficile procedere a fari spenti,Chiari servirebbe per illuminare tragitti impervi,intanto io preparo il mio,con un Cagliari-Ciampino per sabato mattina,poi a Campo di Marte....gli dei ritornano in campo ed i loro cantori saran li presenti,in attesa del presente,sotto forma di bomber.(vedo che il tuo pensiero collima con il mio,riguardo Borriello,caro Lele ma...l'infortunio di Pato rende tutto un po' strano per il giro di punte-ma Berlusca non sgancia,quest'anno,dopo i due Stop-player Monto&Paz....)

    RispondiElimina
  4. Atalanta,Bari,Pisa,Fiorentina nel punto peggiore dell'ultimo decennio....Cerci ha militato in queste squadre,nulla di più può spiegare il suo livello,purtroppo.ANTOGNONIFOREVER,credevo anche io che il "cerchietto matto" sfruttasse meglio il vuoto di classe che c'è stato a Firenze ultimamente ma evidentemente la connessione cervello-gambe ha funzionato come quando ci troviamo tra valli e montagne,cioè mezza tacca ma pregando molto gli dei,o nulla se sono incazzati neri.L'episodio nel match con la Juve ha fatto mangiare l'ultima "vita",sanzionando il Game Over per il mezzo-genio-mezzo-calciatore di Valmontone.Io non rimpiangerò chi si è fatto beccare a non eseguire esercizi fisici,a non eseguire movimenti,a far casino in una baita...ad 1.000.000 di euro l'anno,tu Cerci(come altri)devi fare il "soldato" o essere d'esempio.O come Pasqual o Romulo non si deve notare la tua presenza.Spero solo che Alessio segni un gol al derby.

    RispondiElimina
  5. Pagato 4 milioni 2 anni fa,rivenduto eventualmente a 5,5 e senza grossi
    rimpianti.Direi un ottima plusvalenza da parte del duo Pradè Macia
    Il vostro amico Corvino lo avrebbe regalato e pagato anche metà stipendio....
     

    RispondiElimina
  6. Qualcuno di voi deve essere indovino perché, come un misirizzi, è spuntato Bentdner nel mazzo dei possibili futuri attaccanti viola. Cosa non si inventerebbero i giornalai per poter fare un titolo qualsiasi (vedi la novella dello stento di Jovetic alla Rube)!

    RispondiElimina
  7. Ne avessero azzeccato uno i giornali....chiaramente la tattica/tecnica di sparare un paio di nomi al giorno ha portato al "L'avevamo scritto già noi...".Bendtner è proprio quello che non occorre alla viola,come la falsa pista Gomez,la falsissima Gargano.Il carneade che serve non lo prenderemo dai gonfia-con-carnetina,più probabile un low-cost spalma-ingaggio da Roma o,come auspico,una sorpresa-sorpresa.Da notate che finalmente è terminato l'embargo contro la Fiorentina,oramai interlocutrice ambita nei tavoli delle trattative e questo sarà di ottimo auspicio,poiché l'uccellino(non Hamrin)canta che oltre la punta c'è di più.Prima attendevamo esodati dai rispettivi club,ora andrebbe bene anche un esubero di club,come appare la situazione.A margine:zero trattative con l'ex Jugoslavia,il flusso d'oltrecortina potrebbe essere Berbatov ma se ne parla troppo.

    RispondiElimina
  8. Antognoniforever23 agosto 2012 19:03

    Ehehehehe, sono stato io a dire che prima o poi i giornalai avrebbero tirato fuori il nome di Bendtner. Pensavo anche Olic, ma ho visto che ha appena firmato con il Wolfsburg.
    Forse il prossimo nome che tireranno fuori sarà Luis Fabiano.

    Cosa hanno in mente "Attenti a Quei Due" lo sanno solo loro, però pare che secondo i media inglesi Berbatov sia vicinissimo, E i media inglesi su Aquilani avevano ragione.

    RispondiElimina
  9. Antognoniforever23 agosto 2012 19:04

    E.... e Bruscolotti no?

    http://www.violanews.com/calciomercato/calciomercato-idea-ferrario-per-la-difesa/

    RispondiElimina
  10. Un paio d'anni fa devono aver fatto uno scherzo a un giornalista di fior entinanews, perché pubblicarono la "notizia" del trasferimento a Firenze del difensore del Vicenza...Giorgio Carrera [fantastico giocatore prima degli infortuni], ossia il libero del Lanerossi '78. 
    Comunque l'amico di Louis, Brovarone, dice che Passarella era a Firenze per parlare con Pradè dei fratelli Funes Mori e di Pezzella. Quest'ultimo è un difensore giovane davvero forte, anche se avendo già Nastasic, Camporese ed Hegazy non lo vedo certo una priorità. Va detto che Lamela, Cirigliano, Ocampos e Pezzella sono i migliori prodotti del vivaio del River negli ultimi anni...

    RispondiElimina
  11. Sto guardando ora Conte ed il suo monologo.Un uomo disperato.Un essere umano per la prima volta dall'altra parte della barricata.Auguro a lui e a quelli della combriccola juventina che qualcuno li aiuti a riflettere su come si siano sentiti impotenti,indifesi,inermi,sbeffeggiati tutte le squadre ed i loro tifosi quando nell'era della "Tv non presente come oggi sui campi" i gobbi rubavano,avevano favori,sviste sempre a loro favore,recuperi mostre quando perdevano e chi ne ne metta.Ancora 100 di questi giorni,Antonio Conte!Se veramente non ha fatto nulla o è innocente la gioia e doppia!(Scusatemi,e scusami Pollock per questo mio post antisportivo ma semel in anno licet insanire).

    RispondiElimina
  12. Antognoniforever24 agosto 2012 07:56

    Da quello che ho letto, Conte dovrebbe solo ringraziare Palazzi che ha chiesto l'incriminazione solo per omessa denuncia, visto che c'e' il forte sospetto che sia coinvolto nell'illecito sportivo.
    In sintesi: gli e' andata ancora bene, lo s a lui e lo s a la juve. Si mettono a sbraitare solo perche' non si parli del fatto che gli hanno dato una pena inferiore a quella che meritava.
    E Bonucci assolto.


    A proposito, e Criscito? E Mauri? E la Lazio? E il Napoli? E Genoa - Samp? A quando il processo sportivo per questi?

    RispondiElimina